The viaLibri website requires cookies to work properly. You can find more information in our Terms of Service and Privacy Policy.

Displayed below are some selected recent viaLibri matches for books published in 1568
2019-01-15 07:14:07
1568. Template | Trixum Beschreibung Agrippa von Nettesheim, H. C. De incertitudine et vanitate scientiarum declamatio invectiva, ex postrema auctoris recognitione. Köln, Theodor Baum, 1568. Circa 13,8 x 9 cm. 384 (1 weisses) Bll., Titel mit ovalem Holzschnitt-Portrait des Verfassers Geglättes Kalbsleder d. Zt mit ornamentaler Prägung auf dem Rücken und den Deckeln. - VD 16, A 1164; Index Aurel. 101.894; vgl. Caillet 87; Rosenthal 12 ff. Hübsche kleinformatige Ausgabe des erstmals 1530 erschienenen, sehr erfolgreichen und häufig nachgedruckten Hauptwerkes von Agrippa (1486-1535), das grosses Aufsehen erregte, zu einem Ketzerprozess führte und schliesslich auch auf den Index kam. Agrippa verzeichnet in seiner Schmährede (der Untertitel lautet: "declamatio invectiva") systematisch Fehler und Irrtümer der verschiedensten Berufsgruppen und Institutionen, auch der Kirche. Das Werk gibt Kataloge bedeutender Erfindungen, die jedoch keinen wirklichen Fortschritt, sondern ein immer neues Irren dokumentieren. Durch diese Darstellung wird alles fragwürdig und nichtig, eitel, wie der Titel bereits ankündigt. Die Zusammenstellung ist jedoch zugleich mehr als eine Satire. Das Repertorium menschlicher Erfindungen und Entdeckungen wurde lange wie ein Nachschlagewerk genutzt. - Innendeckel mit Notizen und kleinem Sammlerstempel, fliegender Vorsatz mit längerer Eintragung von alter Hand über Wiers De praestigiis, vereinzelt alte Marginalien, letzte Blätter mit kleinem leichtem Wasserrand unten. Einband berieben, oberes Kapital und Ecken etwas bestossen, eine Ecke mit kleinem Bezugsverlust, s … [Click Below for Full Description]
Bookseller: embasi [München, DE]
2019-01-08 07:51:32
MARCOS SALON DE PAZ
Francisco Fernandez de Córdoba, Valladolid. Materia: Libro del siglo XVI. Derecho. Leyes de Toro. Publicación: Pinciae (Valladolid), Apud Franciscum Ferdinan á Corduba Regal Typogra, 1568. Descripción física: Folio menor (29,5 cm.) Portada, 3 hojas, 440 fólios. Encuadernación plena piel (S. XVIII), con dorados y tejuelo rojo en el lomo. Conservación: Buen estado, desgastes en la encuadernación. Revisado completo. Notas: Esta obra impresa en Valladolid en 1568, y publicada por el hijo del autor se dedica a Diego de Espinosa, presidente del Consejo de Castilla e inquisidor general, habla en torno a las Leyes de Toro, aunque su comentario se limitó al proemio y las tres primeras leyes, que no obstante glosó por extenso, siendo de referencia inexcusable para el estudio de las fuentes normativas y jurisprudenciales de Castilla, o para cuestiones de testamento, mayorazgo y sucesión del Reino. Esta obra incompleta está precedida de un prefacio al lector del propio autor, fechado en Valladolid en 1556, donde justifica su obra y hace mención de los juristas castellanos que le precedieron en los comentarios a las leyes taurinas: Juan López de Palacios Rubios, el licenciado Calatayud, Diego del Castillo, Miguel de Cifuentes, Fernando Gómez de Talavera y Antonio Gómez. Otras datos: En hoja de respeto nota manuscrita que dice " El Doctor Marco Salon Burgos de Paz, Catedrático de la Universidad de Valladolid, fue natural del mismo pueblo, hijo del licenciado Gonzalo García de Burgos y de Dª Isabel de Torquemada, hija esta de Juan de Torquemada y ya difunta en 16 de agosto de 1542, en que … [Click Below for Full Description]
Bookseller: LIBRERIA MARGARITA DE DIOS [MADRID, Spain]
2019-01-07 03:36:29
A NOBLE HERITAGE: TWO CONJUGATE LEAVES OF THE BISHOP'S BIBLE, 1568 This handsome keepsake presents two conjugate (joined) leaves from the first edition of The Bishop's Bible, printed by Richard Jugge, in London, 1568. Quite large: the leaves are 15.25 inches by 10.5 inches. The slipcase is 17 inches tall. Contains two conjugate leaves containing parts of "The Song of the Children which were put in the Hot Burning Oven" and "The Story of Susanna." The leaves are very impressive. There is some loss of paper to the leaves at the bottom center fold, which does not affect the text. One marginal note on the last page is partially missing due to that loss of paper. (Please look at photos to get a sense of this.) The outer corner of the leaves has a fairly faint damp stain, affecting about 1/6 of the page. The leaves can be removed for study, as they are stored in a folder sewn into the book. Limited to 220 copies. Presented in a slipcase (marbled paper covers by Horace Teddlie). Three essays include information on the Bible, Matthew Parker (the Archbishop of Canterbury), and the Bridwell Library. Also includes the printed program of the library dedication ceremony, loosely inserted. "Presented as a keepsake in honor of Mrs. Margaret Bridwell Bowdle and the directors of the Bridwell Foundation, Mr. Ralph Bridwell, ..... on the occasion of the dedication of the Bridwell Library Annex, Perkins School of Theology, Southern Methodist University, September 27, 1973." ----------------------------------------------------------------- CONDITION: Very, very good. For the book, there are no … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Arrow Books [Branford, Connecticut, US]
2019-01-03 11:47:51
Herrera, G. A. de
Venedig, F. Sansovino, 1568. Mit Holzschnitt-Druckermarke und zahlr. Textholzschnitten. 8 unnum., 288 num., 4 unnum. Bl. (letztes weiß). Prgt. d. Zt. 21,5 x 16 cm. EDIT 16 CNCE 22801; STC 326. - Nicht bei Adams. - Zuerst 1513 auf Spanisch erschienen. - Die Textholzschnitte zeigen Pflanzen und Werkzeuge. - Kapital und Ecken des Einbandes etw. lädiert. Titel (mit Randabschnitt ohne Textverlust) aufgezogen und mit Besitzvermerk, die letzte Lage lose, wasserrandig, etw. fleckig, leicht gebräunt. [4 Warenabbildungen bei antiquariat.de]
Bookseller: Antiquariat Turszynski [Germany]
2018-12-25 11:57:23
GIUSTINIANO, Lorenzo. ( Saint Lawrence Justinian )
Lugduni apud heredes Jacobi Junctae. quos suo loco singulos in in margine, ut maiori usui Christiano Lectori essent, notando curavimus. Early edition, second Giunta edition 1568, printed by Pierre Rufin, Latin text. Folio approximately 340 x 220 mm, 13¼ x 8¾ inches, printer's device on title page, small decorated initials, some pictorial, printed in 2 columns, pages: (28), 809, (60) - indexes, bound in contemporary vellum, raised bands and old hand lettering to spine, small old browned paper library label at tail of spine. Vellum soiled and slightly worn, spine darkened, 1 small diagonal crack across it, hinges starting to crack at head and tail, corners worn, a brief early note on front pastedown and endpaper, lower corner of endpaper slightly chipped, 3 early ink names on title page, 2 crossed out, and 3 library stamps, tiny chip to lower corner, pale damp stain to lower margin from title page to page 311, gradually diminishing, some pages lightly age-browned, pale foxing to a few margins, small hole in top corner of page 1, small piece missing from 2 top corners, not affecting text, very few tiny ink marks in the margins, smallish worm track in lower margin from page 93-133, not near text, 2 further stamps on final page. A very good copy. An early edition of the writings of St. Laurence Justinian (1381-1456), a very pious Venetian religious who at the age of 19 entered the Augustinian Order of the Canons of St. George on Alga Island, one mile from Venice. He became Bishop of Venice in 1433 and was elected the first Patriarch of Venice in 1450. Our book is prefaced by the … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Roger Middleton P.B.F.A. [Oxford, United Kingdom]
2018-12-23 01:18:42
Brian Walton
THERE IS A STORY BEHIND EVERY BLEMISH! Bible leaf collectors know that some leaves are hard to look at and others look as new as the day they left the printing press. The condition of a particular leaf reflects its history and is not an indication of its actual value. Perfect leaves are ones that have seen little or no use over the centuries in contrast to those that are scarred by the ravages of time. Unblemished leaves are unloved leaves because they have had little contact with sinners. Imperfect leaves tell a story. Some are torn and ripped and worn away by excessive use while others have burns or worm holes and still others are water stained by flood and sometimes even tears. Each ugly mark or stain is in fact a beautiful witness to the Word of God, which, "liveth and abideth forever." We offer Bible leaves as we acquire them letting their condition speak for themselves. All our leaves are sold as seen on eBay. You may request additional images and information for any leaf. Choice Leaves, Finer than Gold, from the Word of God Taste and see! It's sweeter than honey!! Psalm 19:10 The Biblical Archives Presents The 1568-72 Antwerp Polyglot The Four Great Polyglot Bibles 1. The Complutensian Polyglot - 1514-17 See our eBay Store 2. The Antwerp Polyglot - 1568-1572 3. The Paris Polyglot - 1645 4. The London Polyglot - 1655-57 See our eBay Store This BIBLICAL ARCHIVES offer is YOUR CHOICE of ONE SET OF TWO LEAVES from the PREMIUM LEAF LIST below of leaves extracted from the 1568-73 Antwerp Polyglot, DM1422. Each original set of two leaves comes with a Certificate of Historic … [Click Below for Full Description]
Bookseller: biblicalarchives1611 [Orlando, Florida, US]
2018-12-21 17:21:12
Bologna
Bologna, Giovanni Rossi. In 4to (mm. 212x147). Cc. [16]. Segnatura: A-D4. Carte D3v e D4 bianche. Marche tipografiche sul titolo e al recto di carta D3. Pergamena floscia coeva (piatto anteriore staccato dal volume). Sul frontespizio timbro della biblioteca dei principi Albani. Qualche lieve alone e macchia marginale, per il resto ottima copia marginosa. RARA EDIZIONE ORIGINALE (variante B) di questo commento anonimo (forse attribuibile al cardinal Alfonso Paleotti) sulle leggi sontuarie promulgate dal comune di Bologna. L'autore sostiene di aver voluto scrivere il presente opuscolo al fine di illustrare la legislazione in materia di lusso, in quanto le norme, a suo avviso per scarsa conoscenza, erano state completamente disattese. Le leggi suntuarie erano disposizioni che miravano a disciplinare i costumi morali e la vita quotidiana. In modo analogo alle norme di polizia, erano anche volte a regolare i comportamenti sessuali e sociali. Fino circa al 1530 i testi vennero compilati a mano e conservati in appositi registri. In seguito vennero stampati, prima su singoli fogli e poi in forma di opuscolo, anche di numerose pagine. In particolare a partire dal 1568 le leggi che regolavano abiti, doti e feste furono riviste su iniziativa del cardinale Gabriele Paleotti (cfr. R. Campioni, Libri di merlette e disposizioni suntuarie nel secolo XVI: alcune indicazioni per l'Emilia Romagna, in: "Le trame della moda", a cura di A.G. Cavagna e G. Butazzi, Roma, 1995, pp. 125-149). Spesso le disposizioni erano determinate da un preciso avvenimento: dopo eventi sismici o in seguito a propo … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Alberto Govi di F. Govi Sas [Modena, Italy]
2018-12-20 22:10:56
GUICCIARDINI, Francesco
Vinegia [Venice]: Appresso Gabriel Giolito, 1568. 4to, (lxxviii), 819, (1, xxiv), 173, (3) pp. Woodcut portrait frontispiece. Worming and some loss to the lower corner of the fly leaf and first 16 leaves, the final two leaves of the Life of Guicciardini misbound in the middle of the previous gathering, bookplate of Thomas de Grey, Baron Grantham, with a small associated manuscript library label to the foot of the paste down. Late 18th century speckled calf, blind rules to covers, "Newby Hall" in gilt to the upper cover, red morocco spine label, rebacked retaining the original backstrip. An early edition of Guicciardini's account of Italian history in the late 15th and early 16th centuries. De Grey inherited Newby Hall, near Ripon in North Yorkshire, from his cousin in 1792, adapting the dining room designed by Robert Adam to be his library. Later Earl de Grey, he was Lord Lieutenant of Ireland from 1841-44.
Bookseller: Bow Windows Bookshop (ABA, ILAB) [Lewes, United Kingdom]
2018-12-15 22:09:53
1568. ERSTE AUSGABE Historia Herrn Georgen und Herrn Casparn von Frundsberg, Vatters und Sons. Gedruckt in Frankfurt am Main im Verlag von G. Rab, S. Feyerabend u. W. Hans Erben im Jahre 1568. Buchformat: 32,5cm x 21cm. Mit 1 Textholzschnitt und 1 Druckermarken von J. Amman. Kollationierung: 2 (v.3) Blatt, 180 num. Blatt, 7 Blatt (Register). Gebunden in einen blindgeprägten Schweinsledereinband der Zeit über Holzdeckel gezogen, ohne Buchschliessen. Erste Ausgabe, sehr selten. - Wichtige Quelle zu Georg von Frundsberg (1473-1528) und grundlegende zeitgenöss. Darstellung des Landsknechtswesens unter Maximilian I. und Karl V. aus erster Hand.- Reißner (1496-1582), Schüler Reuchlins in Ingolstadt u. späterer Stadtschreiber seiner Geburtsstadt Mindelheim, erlebte 1526-28 als Schreiber Frundsbergs den Italienfeldzug u. den Sacco di Roma. ZUSTAND: Sehr schönes Exemplar, ohne den Haupttitel und die 24 Blatt lat. Anhang "Absolutae historiae". Stellenweise leicht fleckig, ein Blatt mit Randunterlegung. Überweisung auf DEUTSCHES ODER SCHWEIZER KONTO. Der versicherte Versand innerhalb Deutschlands kostet 6,00 Euro. Für den Versand innerhalb der Schweiz, Portokosten bitte gesondert erfragen. Für den Versand in das europäische Ausland und nach Übersee bitte ebenfalls Portokosten erfragen. Viel Spass beim Bieten und beim Einkauf. [Attributes: Hard Cover]
Bookseller: antiquarischekostbarkeit (welsprofi) [Balmberg, CH]
2018-12-15 20:42:47
Francesco Petrarca
APPRESSO NICOLO BEVILACQUA, VENETIA. In 24. Dim. 14x8 cm. Pp. 490+(2)+251+(13). Bella edizione del 1568 di questa raccolta di opere di Francesco Petrarca con note di Pietro Bembo (1470-1547). All'interno le Rime e i Trionfi. All'interno sono presenti sette incisioni nel testo, una che mostra Petrarca e Donna Laura in una cornice a forma di cuore e sei incisioni nel testo ad illustrare i Trionfi (amori, castita, morte, fama, tempo, divinità). Belle lettere iniziali decorate. La seconda opera la tavola delle rime e i sonetti. Note manoscritte. In buone condizioni e completo. Copertina in piena pergamena coeva con titolo manoscritto al dorso in buone condizioni generali con lievi usure ai margini e dorso. Legatura in buone condizioni. All'interno le pagine si presentano in buone condizioni con rare fioriture. Pagina 15, 104 eccessivamente rifilata con perdita di qualche porzione di lettera. Segno di restauro all'angolo inferiore destro di pag. 157 e 4 righe di testo in parte manoscritte. Parte mancante all'angolo superiore destro da pag. 229 alla fine della seconda opera con alcune lettere mancanti all'indice. Alcune gore d'umidità nella seconda opera. Beautiful edition of 1568 of this collection of works by Francesco Petrarca with notes by Pietro Bembo (1470-1547). Inside rhymes and Triumphs. inside there are seven prints in the text, one showing Petrarca and Donna Laura in a heart shape frame and six engravings in the text illustrating Triumphs (love, chastity, death, fame, time, Gods). Beautiful decorated initial letters. The second work the index of rhymes and sonnets. In … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Sephora di Elena Serru [Foligno, Italy]
2018-12-15 16:17:23
Template | Trixum Beschreibung Agrippa von Nettesheim, H. C. De incertitudine et vanitate scientiarum declamatio invectiva, ex postrema auctoris recognitione. Köln, Theodor Baum, 1568. Circa 13,8 x 9 cm. 384 (1 weisses) Bll., Titel mit ovalem Holzschnitt-Portrait des Verfassers Geglättes Kalbsleder d. Zt mit ornamentaler Prägung auf dem Rücken und den Deckeln. - VD 16, A 1164; Index Aurel. 101.894; vgl. Caillet 87; Rosenthal 12 ff. Hübsche kleinformatige Ausgabe des erstmals 1530 erschienenen, sehr erfolgreichen und häufig nachgedruckten Hauptwerkes von Agrippa (1486-1535), das grosses Aufsehen erregte, zu einem Ketzerprozess führte und schliesslich auch auf den Index kam. Agrippa verzeichnet in seiner Schmährede (der Untertitel lautet: "declamatio invectiva") systematisch Fehler und Irrtümer der verschiedensten Berufsgruppen und Institutionen, auch der Kirche. Das Werk gibt Kataloge bedeutender Erfindungen, die jedoch keinen wirklichen Fortschritt, sondern ein immer neues Irren dokumentieren. Durch diese Darstellung wird alles fragwürdig und nichtig, eitel, wie der Titel bereits ankündigt. Die Zusammenstellung ist jedoch zugleich mehr als eine Satire. Das Repertorium menschlicher Erfindungen und Entdeckungen wurde lange wie ein Nachschlagewerk genutzt. - Innendeckel mit Notizen und kleinem Sammlerstempel, fliegender Vorsatz mit längerer Eintragung von alter Hand über Wiers De praestigiis, vereinzelt alte Marginalien, letzte Blätter mit kleinem leichtem Wasserrand unten. Einband berieben, oberes Kapital und Ecken etwas bestossen, eine Ecke mit kleinem Bezugsverlust, sonst g … [Click Below for Full Description]
Bookseller: embasi [München, DE]
2018-12-15 01:40:21
FAUCONNERIE] CARCANO (Francesco).
Vinegia (Venise), Gabriel Giolito de’ Ferrari, 1568. In-8, titre, (7)ff., 249 pp., (2)ff., orné d'une figure d'instruments vétérinaires gravée sur bois, ex-libris armorié et ex-libris moderne à la devise "Je ne change qu'en mourant", texte imprimé en italique, vignette de titre et marque de l'éditeur au dernier feuillet (Phénix renaissant de ses cendres et la devise « Semper eadem »), nombreuses lettrines, annotations anciennes en italien au verso du dernier feuillet. Petite mouillure angulaire sup. s'atténuant au fur et à mesure, manque les feuillets blancs en début et fin d'ouvrage, quelques rousseurs. Demi-basane fauve, dos lisse orné de filets dorés. Trous de ver sur le dos (Reliure italienne de la fin du XVIIIe siècle). Rare édition originale de ce traité de fauconnerie italien, suivi d'un bref traité du même auteur sur les chiens. Carcano déclare dans sa préface que ce traité est le résultat de quarante années d’expérience en tant que fauconnier et de la lecture de tous les livres italiens et français qu’il a pu trouver concernant la fauconnerie. Dans ce précieux traité, Sforzino cite les espèces les plus utilisées d'oiseaux de proie pour la fauconnerie et les outils à utiliser pour le soin des faucons, assistance aux oiseaux malades et aux systèmes utilisés pour entraîner ces animaux. Le traité, devenu populaire, est utilisé comme point de référence pour l'activité des fauconniers et il entre dans les dix traités considérés comme des classiques de la fauconnerie. Souhart, 86. [Attributes: First Edition]
Bookseller: Librairie BERTRAN [ROUEN, France]
2018-12-15 01:39:42
CARCANO FRANCESCO DETTO SFORZINO.
Venezia, appresso Gabriel Giolito de' Ferrari, 1568. In-8°; 10 cc., 249 pp., 1 p. nn. (registro), 1 c. (marca tipografica); una illustrazione incisa in legno a piena pagina nel testo raffigurante "Instrumenti appropriati a dar il foco a gli uccelli da rapina" (p. 238). Legatura coeva in tutta pergamena morbida. Ex libris a stampa al contropiatto anteriore, firma di possesso manoscritta al verso dell'ultima carta (datata 1677, Giuseppe Bargellini?) e, di mano diversa, alla seconda carta. Bell'esemplare genuino. Prima edizione rara (cfr. Parenti). L'edizione veneziana del 1547, registrata dalle bibliografie come la prima, è con tutta probabilità un'invenzione inesistente, di cui non si conoscono esemplari: "edizione non veduta da noi e ritenuta da alcuni bibliografi (Souhart, Harting) la prima. Dato che esista, è stata seguita, presso le stesso stampatore, da quella del 1568, ritenuta dai più l'originale" (Ceresoli). "L'opera del Carcano si può considerare come il più bello tra i libri classici della falconeria italiana, d'indole pratica, e, se si vuole, in rapporto all'epoca della pubblicazione, anche tecnica. F. Carcano o Carcani, nobile vicentino, esercitò per oltre quarant'anni la falconeria... Il soprannome di Sforzino venne alla sua casata per essere un Carcano, nonno dell'autore, emigrato a Vicenza dal Castello di Carcano sul lago di Como, a causa delle lotte tra Guelfi e Ghibellini e di essere stato favoritissimo familiare di Francesco Sforza" (Ceresoli). Ceresoli, pp. 131-132. Souhart 86. Schwerdt I, 94. Bongi II, 271. Parenti 467.
Bookseller: Mediolanum [IT]
2018-12-11 16:03:21
ARIOSTO Lodovico
Venetia,: appresso Domenico & Gio. Battista Guerra, 1568. Venetia, appresso Domenico & Gio. Battista Guerra, 1568. In-24 p. (mm.132x70), 2 volumi, p. pergamena coeva, cornici e decoraz. a secco ai piatti, pp. 431; 1027 (numeraz. continua), 13 cc.nn., frontespizio inquadrato in cornice figurata con al centro l'impresa dello stampatore (ripetuta al recto dell'ultima c. con il motto: “Ivventus (sic) renovata”); testo in carattere romano (eccettuati gli "Argomenti" e la "Vita" che sono in corsivo); ognuno dei 46 canti di cui è composto il poema è introdotto dall'Argomento (in cornice ornata) ed è ben illustrato da una vignetta inc. su legno. In fine: le “stanze del S. Luigi Gonzaga, detto Rodomonte”, la “Vita dell'Ariosto descritta da Simon Fornari”; e con la tavola di tutti i nomi proprii e di tutte le materie principali contenute nel Furioso. Cfr. Agnelli / Ravegnani “Annali edizioni ariostee”,I, p. 133: “Ediz. in-12, assai rara. Per la prima volta compaiono gli argomenti in ottava rima del Dolce. Il Guidi cita 4 ediz. del Guerra, impresse tutte nel 1568 (in-4, in-8, 2 in-12. Di queste ultime, l'una conterrebbe il solo testo del poema; l'altra anche le stanze del Gonzaga e la vita dell'Ariosto) - Brunet,I,436 - Graesse,I,199. Leggerm. corto del margine super., prime 3 carte restaur. per piccola manc., con uniformi ingialliture e lievi aloni interc. nel t. ma certamente un buon esemplare.
Bookseller: Libreria Malavasi sas [Italy]
2018-12-06 08:11:54
London: The first issue of the version known as the Bishops Bible. This is a revision of the Great Bible version, undertaken by Matthew Parker (1504 - 1575), Archbishop of Canterbury with the assistance of many bishops and well-known Biblical scholars. In typography and illustration this is considered the most sumptuous in the long series of folio English bibles.Folio 356 x 238 Black Letter Remains in its original reverse calf binding with blind tooling with the initials THS embossed on the cover. The spine has 2 red labels reading The Bible and First Edition Bishops Bible 1568 respectively. Custom Box providedGeneral title, last three leaves of Revelation and colophon all found in fine facsimile. It is also lacking three leaves of Geneaology. Bound in order that differs from Herbert but complete other than as mentioned. This copy maintains excellent margins and only a few minor repairs. Bookplate pasted down on front cover reads "Taxis kai kosmos" by Schmidten. A extremely rare copy. The first issue of the version known as the Bishops Bible. This is a revision of the Great Bible version, undertaken by Matthew Parker (1504 - 1575), Archbishop of Canterbury with the assistance of many bishops and well-known Biblical scholars. In typography and illustration this is considered the most sumptuous in the long series of folio English bibles. The work seems to have been carried out in separate sections, which vary considerably in value. In correcting the Great Bible, both the Hebrew and Greek originals were consulted. The influence of the Geneva version appears, especially in the … [Click Below for Full Description]
Bookseller: mr_anesthesia [Cumming, Georgia, US]
2018-11-30 19:27:18
Corrozet, Gilles (1510-1568) ; [Ausonius (310-395)]
A Paris: par Jehan Ruelle, 1568. Unicum?.- // [For orders to be delivered outside Spain, please, let you see our sale and shipping terms, type B].- // 16º, (leaves 105x68mm.); 112 leaves.; sign.: A-O8; priner device in title-page, motto 'In pace ubertas'; 83 woodcut vignettes, several of them signed I.R. -Jean Ruelle?, and others D.H.; 7 woodcuts, one for each of the seven sages of antiquity, and other woodcuts as ornament.- // Lovely bound in orange leather, executed by Manuel Bueno, with back boards decorated in a Renaissance style, embossed using several types of leather. Complete copy but very trimmed, without margins, with slight loss of text on some pages, especially on the fore margin; barely perceptible worm trace on a few pages.- // Prov.: Exlibris engraved on binding, 'A[ndrés] Roure'.- // Refs.: Graesse, II, 252.- // Brunet already pointed out that the author of this collection of maxims, basically extracted from the adaptations of the Latin author Ausonius (310-395), which had already been discussed by Beroaldo and Erasmus, was the printer and bookseller Gilles Corrozet, who also printed it in his own workshop as 'Le Conseil des sept sages de la Grèce; ensemble le Miroer de prudence, tout mis en francoys, avec une briesue et familière exposition sur chascune autorité et sentence '(Paris: Gilles Corrozet, 1544). Corrozet died 22 years after this first edition, in 1568, the exact year that this volume on offer was printed, which doesn't correspond to his workshop.As Corrozet had obtained the privilege for its version for only three years, in 1548 Jean Ruelle - pri … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Biblio Andarto B. S.L. [Spain]
Check availability:
2018-11-27 08:50:26
Erizzo, Sebastiano
Venice: Giovanni Varisco, 1568. Greatly revised second edition. Full calf. very good +. 4to. (16),780,(4)pp. Title within a fine woodcut border. Large printer's device on final leaf. Text well illustrated with woodcuts on ancient medals. A beautiful copy in full 17th century calf, ornately gilt spine with red morocco label. A greatly revised text after the first edition of 1559.
Bookseller: Kenneth Karmiole, Bookseller, Inc. ABAA [Santa Monica, CA, U.S.A.]
2018-11-22 17:03:41
ANONYME
s.l. [Grenade]: S.n. Regla y constitutiones de la cofradia del Sanctissimo sacramento de la yglesia de San Christoval de Granada - Autograph manuscript with three miniatures. Manuscript on vellum, comprising 31 leaves: 50 leaves of text, ruled and lined and 3 full-page miniatures in colors, heightened in gold. The four final leaves were numbered and partly ruled but left empty. Contemporary manuscript ex-libris on front endpaper. In Spanish throughout, written in Caroline miniscule on 24 lines, the text is very readable and very regular. The manuscript begins with a three-page summary covering the 24 chapters that comprise the Regla y constitutiones de la cofradia del Sanctissimo sacramento de la yglesia de San Christoval de Granada. One decorated initial in red and blue, indents and pagination in red, small sketch in black ink to inner margin. The verso of the final page of the summary has been ruled and lined in red but left blank. There follow the three full-page miniatures. The first shows a Communion scene (on the recto of one leaf), the second the Tree of Jesse (verso of the same leaf), and the third Saint Christopher bearing the baby Jesus (recto of the following leaf). The verso of the miniature bears a short manuscript text explaining that these rules are those of the confraternity and brotherhood of the Holy Sacrament, established in the Church of Saint Christopher of Granada on the 1st May 1568. This is followed by the "prohemio", a prologue of two and a half pages in which the confraternity takes an oath; this starts with an imposing decorated initial in red and … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Paris Rare Books and Manuscripts [France, FR]
2018-11-19 21:17:07
Greek printing - Theophylactus de Achrida, Theophylaktos von Ohrid:
Köln, Cervicornus für Birckmann, 1568. Folio, circa 30,8 x 21 cm., 4 Bll., 212 SS., 2 w. Bll.; 2 Bll., SS. 213-272 (recte 274), 1 w. Bl., mit 2 Druckermarken auf den Titeln. Pergament d. Zt. VD16 B 4946; Adams 598 u. 599; Hoffmann III, 541. Seltene erste Ausgabe des Kommentares zur Apostelgeschichte von dem byzantinischen Theologen und Erzbischof von Ohrid Theophylakt (2. Hälfte 11. Jh.). Griechischer Text nach einem Codex, den der ungarische Humanist Johannes Sambucus entdeckte. Die parallele lateinische Übersetzung stammt von dem Juristen und Philologen Laurentius Sifanus (1510-1579). - Es gibt von dieser Ausgabe offenbar mindestens drei verschiedene Varianten, Adams datiert eine bereits 1567, die jedoch den zweiten Teil nicht enthält (und auch dem VD 16 unbekannt ist). Nach Seite 212 beginnt mit eigenem Titel eine ebenfalls zweisprachige Sammlung von Reden "De occursu Domini nostri Iesu Christi..." Dabei Texte von Gregor von Nyssa, Amphilochius Cappadox, Johannes Chrysostomus, Cyrillus Hierosolymitanus und Timotheus Antiochenus. - Erster Titel mit kleiner Spur von entferntem altem Stempel und unten im Innenbug hinterlegt. Etwas gebräunt oder stockig, wenig Lagen stark, meist jedoch recht ordentlich. Einband etwas aufgebogen. [9 Warenabbildungen bei antiquariat.de]
Bookseller: Antiquariat Thomas Rezek [München, Germany]
2018-11-17 07:51:18
ARIOSTO, LUDOVICO
per Gio. Varisco e compagni, Vinegia, 1568. In-4° (mm 238 x 170), cc. (4), 256, (4), 28, doppio frontespizio xilografico, 51 tavole incise in legno a piena pagina nel testo contenenti gli Argomenti e le illustrazioni di ciascun canto entro bella bordura architettonica. Legatura posteriore del XIX secolo in piena pelle, titolo su tassello a dorso, cornice e decori a secco ai piatti. Frontespizio controfondato, con perdita di qualche centimetro al margine inferiore, margine superiore un po corto ma senza mancanze,una macchia di inchiostro a pagina 26, numerazione coeva manoscritta dei versi, la carta *4 è stata erroneamente rilegata prima della carta *2. Esemplare completo e ancora piacevole, in condizioni più che accettabili. Edizione poco comune e diversa da quella del 1566, con l'aggiunta del discorso del Dolce e i legni a piena pagina. Cfr. Agnelli-Ravegnani I, 135-136; Graesse I, 199; Guidi, Orlando Furioso 76; manca ad Adams e Brunet. [Attributes: Hard Cover]
Bookseller: LIBRERIA XODO [Torino, Italy]
2018-11-13 06:06:26
Fioravanti, Leonardo
Venice: Lodovico Avanzo, 1568. First edition, pp.[xlvi, 566, 1]. Added frontis portrait from later edition. Wood engravings in text. A handsome copy bound in eighteenth-century calf, rubbed, one corner worn. Title page and some others lightly tainted with red, probably while staining edges. Page 135 showing burn marks to margin with minimal loss of text. Edge of spine just starting to split. An interesting work of popular medicine, written by Leonardo Fioravanti (1517-1588), Bolognese surgeon, doctor, and alchemist. With a section devoted to alchemy, and catchy names given to the prescriptions he suggests, this was a work for the general reader, rather than a professional medical audience.
Bookseller: John Randall (Books of Asia) [United Kingdom]
2018-11-13 01:06:28
Pamuk, Orhan
Condition: Good. Certified second hand articles More than 3.000.000 articles in shop Easy and safe purchase The Red-Haired Woman by Pamuk, Orhan | Book | condition good Condition second hand - good Publisher Orhan Pamuk Medium Taschenbuch EAN 9780571330324 Delivery address: Change after payment is not possible. Shipping: To United Kingdom Books Fiction Books for children & teenagers Detective novels & thrillers ... and much more Music Pop Rock Children's music & audio stories ... and much more Movies Drama Action & Adventure Comedy & Entertainment ... and much more Games PlayStation 3 Nintendo DS PC ... and much more Software Children & Family Operating System School & Studies ... and much more Condition Description We try to assess the exact condition of the goods as objectively as possible. Prior to sale, each article is examined manually by us and its condition assessed according to the following criteria. Should there be deviations in any case from the condition stated, we would very much appreciate it if you would contact us before giving a review. Books & Media: new: Unused article in top condition The article is shrink-wrapped where it is delivered in this condition by the manufacturer very good: Second-hand article is in a very good condition Article hardly shows any traces of usage Pages are undamaged and contain no markings or notes Jacket or accessories are intact if included in the scope of delivery Jacket and accessories are intact where included in the scope of delivery. Jacket, cover and booklet may have just slight signs of usage but are not marked or annota … [Click Below for Full Description]
Bookseller: momox-shop1 [Berlin, DE]
2018-11-07 00:50:27
Serdonati Francesco, Ruscelli Girolamo, Frontinus Sextus Iulius.
1568. (Codice AN/0982) Volume in 8° (20x15 cm) bella legatura in mezza pelle (primo '900) con titoli oro, piatti in pergamena, tagli rossi. Contiene i testi originali di tre prime edizioni veneziane: Francesco Serdonati, DE' FATTI D'ARME DE' ROMANI LIBRI TRE NE' QUALI SI TRATTA DI TUTTE LE BATTAGLIE & IMPRESE, FATTE DA ROMANI... Venetia, Christoforo Zanetti, 1572, (16)170(6) pagine. Segue: Girolamo Ruscelli, PRECETTI DELLA MILITIA MODERNA, TANTO PER MARE, QUANTO PER TERRA... Venetia, Sessa, 1568, (4)59 carte, illustrato con 28 xilografie: razzi, bombe, botti esplosivi, frecce incendiarie ecc. Manca la carta 57. Segue: Frontinus Sextus Iulius STRATAGEMI MILITARI DI SESTO GIULIO FRONTINO, TRADOTTI IN LINGUA ITALIANA, ET NUOVAMENTE MANDATI IN LUCE DA MARC' ANTONIO GANDINO... Venetia, appresso Bolognino Zaltiero, 1574, (4)125(5) carte. Tutte le opere sono complete di frontespizi (con grandi marche tigrafiche) e colophon, e ornate con vari capilettera e testatine. Tracce d'uso sparse: antichi aloni, fioriture, mende, vecchi restauri, mancanze con piccola perdita di testo ad alcune pagine, ecc. Per queste edizioni: cfr. Gamba 1405 e 1642, STC 662, Riccardi, II/403, D'Ayala 29 e 56-7, Cockle, 663. Rara, unica e preziosa collezione. Euro 1970.00 ~~~ SPEDIZIONE IN ITALIA SEMPRE TRACCIATA
Bookseller: Bergoglio Libri d'Epoca [IT]
2018-11-06 16:45:06
ARIOSTO LUDOVICO
In Venetia, appresso Vincenzo Valgrisi, 1568. Cm. 25,5, pp. (16) 654 (34) [a p. 533 con frontespizio autonomo: Cinque canti di m. Lodovico Ariosto. I quali seguono la materia del Furioso]. Con 51 splendide xilografie a piena pagina di Dosso Dossi. Bella legatura sei-settecentesca in piena pergamena rigida con titoli in oro su tass. in marocchino rosso al dorso. Trascurabile fenditura alla cerniera del piatto anteriore. Antica firma di possesso al frontespizio. Fioriture/macchiette sparse, più evidenti nelle carte centrali che presentano arrossature più marcate. Esemplare nel complesso ben conservato. Così Gamba (56) a proposito di questa prestigiosa edizione veneziana: "L'Autore erasi servito dell'opera di Dosso Dossi, celebre pittore ferrarese, per far disegnare i principali soggetti contenuti in ciascun Canto del suo Furioso, e che le Tavole furono terminate soltanto alcuni anni dopo la morte di lui, e pubblicate per la prima volta nell'edizione del 1556. Edizione dedicata al duca Alfonso d'Este, fu editore Girolamo Ruscelli, il quale introdusse tali cangiamenti di vocaboli, d'inflessione de' medesimi, di modi di sintassi, che mostrarono la sua insensata pedanteria". Completo dell'ultima carta con il marchio tipografico, spesso mancante. Cfr. anche Graesse, I, 199; Brunet, I, 434; Adams, I, 1676. [Attributes: Hard Cover]
Bookseller: Studio Bibliografico Apuleio [Trento, Italy]
2018-11-06 13:33:08
Hortulus Animae. Der Seelen Garten mit sonderlichem fleiß zugericht und ernewert, zu Geistlichem lust und trost allen Liebhabern Christlicher Andacht. Published: Dillingen, Mayer, 1568 Size: 16 x 11 cm Condition: please see photos - 19th. century half leather binding, 16, 324, 7 leaves. Illustrated with 68 large engravings and many smaller. All leaves with woodcut border. With slight soiling and staining in places. Leaf 113 missing. Shipping-costs: see description Payment: Paypal or Banktransfer.
Bookseller: print-forum [Berlin, DE]
2018-11-05 23:23:18
Vasari Giorgio
Florence, Heirs of Bernardo I Giunta, 1568. In 4to (mm. 211x140); legatura di fine Seicento in piena pergamena rigida con titolo manoscritto al dorso; pp. [4], 717 [recte 715]-796. Segnatura: [π]2, Ssss-Zzzz4 AAaaa-DDddd4 EEeee2. Manca l'ultima carta (EEeee2) contenente il registro, il colophon e la marca tipografica. Frontespizio entro la medesima bordura in legno dell'edizione giuntina delle Vite, grande capolettera alla c. [π]2r, ritratto di Michelangelo alla carta Ssss1r. Al contropiatto anteriore nota di acquisto: "Comprato da me G. Francesconi a Roma il Dicembre del 1865". Sul titolo nota di possesso "Exbibli.ca Altemps.na". Fioriture, aloni sul margine inferiore lungo tutto il volume, aloni anche al margine superiore verso la fine, margine inferiore corto. RARISSIMA EDIZIONE SEPARATA della biografia di Michelangelo estratta dalla seconda edizione giuntina del 1568 delle Vite del Vasari. Nella dedica ad Alessandro de' Medici l'autore spiega di aver voluto così accontentare i compratori della prima edizione della sua opera del 1550, che volevano possedere la vita del grande artista fiorentino (morto nel 1564) aggiornata agli ultimi avvenimenti, senza essere obbligati a comprare per intero la nuova edizione per cui la biografia era stata riscritta. Si tratta con ogni probabilità del primo esempio di un estratto da un opera. L'impaginazione è la stessa dell'originale, salvo che per l'ultimo fascicolo Eeeee2, in cui il testo delle due ultime pagine venne rifuso ed abbellitto con un piccolo fregio tipografico. L'ultima carta, qui mancante, contiene il registro dell'e … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Alberto Govi di F. Govi Sas [Modena, Italy]
2018-10-31 16:05:14
D'HERRERA Gabriello Alfonso
Per ordine F. Sansovino, 1568. In 8, cm 15 x 20, cc. (8) + 288 + (3) con molte illustrazioni xilografiche nel testo raffiguranti erbe e attrezzi agricoli. l'ottava carta n.n. della prefazione si trova legata in fondo al volume. Strappo anticamente riparato al frontespizio ma nel comlasso fresco esemplare. Gora ad alcune pagine interne. Piena pelle coeva con fregio in oro al centro dei piatti e doppio filetto. Decorazione ai piccoli ferri al dorso. Mancanze e segni d'uso ai piatti. Edizione considerata la migliore traduzione italiana di quest'opera spagnola che tratta di agricoltura, viticoltura, allevamento. Il secondo libro e' interamente dedicata alla coltivazione delle viti e ai vini (vengono descritti il moscatello, il verdicchio, il cesenese, il ceresolo, il castigliano, la malvasia). La parte finale di questo libro descrive  il modo di realizzare le cantine, gli accorgimenti da adottare al fine che il vino non si guasti, i rimedi per correggere i difetti, il modo per fare l'aceto ecc. Nel quinto libro si tratta delle api e del modo di fare il miele, l'allevamento delle pecore, delle galline, dei maiali, delle vacche ecc. mentre nelle ultime tre carte n.n. vengono illustrati e descritti gli attrezzi agricoli. Paleari, 787 ITA
Bookseller: Libreria Antiquaria Coenobium [IT]
2018-10-31 06:07:59
Parthenius Nicaenus, Carmina novem illustrium feminarum
Antwerp, Christophe Plantin, 1568. Three works in one volume, 8° (161x106 mm). I. Collation: *6, A-Y8, Z2, a-b8. [12], 367 of 387 (lacking quires Z and a), [1] pages. Greek, roman, and italic type. Text in Greek and Latin. Woodcut printer's device on the title-page. Two circular woodcuts on fol. A1v by Antoon van Leest, showing the two sides of a coin, the obverse bearing the portrait of Sappho, and on the reverse a squid with the Greek inscription 'MYTIA' (Mytilene). II. Collation: aa-gg8, hh4. 76, [44] pages. Text in Greek and Latin. Woodcut printer's device on the title-page and verso of the last leaf. Large woodcut decorated initials. III. Collation: a-k8. 159, [1] pages. Greek, roman, and italic type. Text in Greek and Latin. Woodcut printer's device on the verso of the last leaf. Woodcut decorated initials. Contemporary limp vellum, with yapp edges, traces of ties. Spine detached from text block. A fine copy. Light foxing and waterstaining in places.Provenance: the Genevian printer Henri Estienne (ca. 1528-1598; ownership inscription on the first title-page 'Ex libris Henricj Stephanj', his marginalia throughout); Caspar Laurens (ownership inscription on the first title-page 'Gaspar Laurentius emit 1598.', and "Nunc Gaspari Laurenti'); J. B. Trembley (ownership inscription on the first title-page, dated '1753'). Extraordinary volume owned and assiduously annotated by the well-known philologian and printer Henri Estienne, which gives unique insight into his philological methods and significant autographic evidence of his typographical practice. In fact, Estienne used t … [Click Below for Full Description]
Bookseller: PrPh Books [New York, NY, U.S.A.]
2018-10-30 08:09:34
Mario Telluccini
Parma Seth Viotti 1568. 4° (200x150 mm). Collation: A-N8, O6. 218, [2] pages. Roman and italic type. Large woodcut printer's device on the title-page; a different device at the end. Woodcut animated initials. The Argomenti, at the beginning of every Canto, within a rich woodcut frame. Eigheenth-century vellum, over pasteboards. Spine with gilt title on red morocco lettering-piece. Marbled flyleaves, blue edges. A very good copy, title-page slightly waterstained.The rare first and unique edition, dedicated to Alessandro Farnese, duke of Parma and Piacenza, of this twenty-cantos poem expressing the love of Rodomonte di Sarza for the beautiful Lucefiamma, daughter of Meandro, wealthy lord of a castle on the Genoese Riviera. It was written by Mario Telluccini, who was born in Popiglio (Pistoia) and called Il Bernia, and was active as a bookseller in Rome and as a courtier-poet in several cities. He was the companion of Torquato Tasso at the Ferrarese court of Alfonso II d'Este around 1543. The Le pazzie amorose di Rodomonte secondo belongs to a group of poems inspired by Orlando Furioso, which feature not the characters in Ariosto's poem, but rather their descendants. In the Pazzie amorose, the protagonist, a grandson of Ariosto's Rodomonte, is a wicked character; he is contrasted by Fidelcaro, a positive hero, by whose hand he ends up dying. Telluccini's other chivalric epics include Paride e Vienna (Genoa 1571), Artemidoro (Venice 1566), and Erasto (Pesaro 1566).STC Italian 663; Ascarelli-Menato, p. 79; Melzi-Tosi, p. 283; A. Cutolo, I romanzi cavallereschi in prosa e in rima … [Click Below for Full Description]
Bookseller: PrPh Books [New York, NY, U.S.A.]
2018-10-29 11:28:29
Ariosto Lodovico
Venice Vincenzo Valgrisi 1568. Two parts in one volume, 4° (259 x 182 mm). Collation: *8, A-Z8, a-u8 (fol. X2 signed Y2). [16], 654, [34] pages. Italic and Roman type, the cantos printed in two columns. On fols. n3v-n4r the running title of Canto iii is erroneously printed as 'CANTO QVARTO'. Title-page within an elaborate architectural border containing Valgrisi's serpent device and medallion portrait of Ariosto (a reverse copy of the one by Giolito; see no. 106); imprint set in type within a cartouche placed in the lower part of the border. Other Valgrisi devices on the separate title-page of the second part, which contains the Annotationi by Ruscelli, and on the verso of the last leaf. Forty-six full-page woodcuts, one at the beginning of each canto (ca. 164x105 mm, one repeat; the woodcut for Canto II is the same used for Canto I), set within two different borders with figures and grotesques. Five woodcuts illustrating the added Cinque Canti. Two smaller cherub borders for the argumento to each canto. Woodcut historiated initials. A superb contemporary Venetian honey-brown morocco over thin pasteboards. Covers framed within a gilt Mamluk interlaced roll; small floral tool at the inner corners, at the centre a large medallion in Islamic style. Extended yapp edges on three sides, traces of four pairs of green silk ties. Smooth spine, divided into compartments by gilt fillets and narrow interlaced rolls, compartments decorated with semé of trefoil tools. Edges gilt and gauffered in a geometrical pattern (for a similar binding see T. De Marinis, Legatura artistica in Italia, … [Click Below for Full Description]
Bookseller: PrPh Books [New York, NY, U.S.A.]
2018-10-24 22:21:25
Nostradamus, Michel de
1568. In-8º. 63 + (1) + 56pp + (8)ff (Complete). Woodcut vignette on title page, headpieces and woodcut initials. Some foxing, browning; a little bit water-stained on a few lower margins; and title page repaired on fore-margin. Early marginalia trhoughout. It starts with the first 7 centuries, then with centuries VIII- XII, followed by the presages and finishes with the Predictions admirables pour les ans courans en cesiecle. Presentées au tres-grand Invincible et tres-clement Prince Henry IV. Par Vincent Seue de Beaucaire en Languedoc, dés le 19. Mars 1605. au Chasteau de Chantilly. Bound in full XVIIIth vellum with inked title on spine. Chomarat-Laroche n°105 "Cette édition est antidatée car les prédictions de Vinvcent de Sève n'apparaissent qu'au XVIIe siècle" - Dorbon n°6360 "Bien que portant la mention (Lyon 1568) cette édition, d'ailleurs très rare. est une contrefaçon exécutée à Paris en 1649 pour le compte d'ennemis du Cardinal Mazarin" - Cat. B.N. "imprimé à Troyes par Pierre Du Ruau vers 1630" - Benazra n°38 "sans doute imprimée à Troyes" - Caillet n°8070 "ces deux éditions de 1568 sont les meilleures”. [Attributes: Hard Cover]
Bookseller: Chaco 4ever Books [CABA, BS AS, Argentina]
2018-10-10 20:54:39
Cuchalon, D. Hieronymi
ITALY, 1568 Published by ANTONIUM VINCETIUM Binding: HARD BACK TAN Size: 4X6 375 Pages Overall Condition is: GOOD Tan Vellum Bound Hard Back Cover. Has Red Spotted Edges. A Latin Book written in 1568. Written Completely in Latin. Pages have tanning and markings. Text is clear. Overall in good condition.
Bookseller: Princeton Antiques Bookshop [Atlantic City, New Jersey, US]
2018-10-06 07:01:53
Natale BONIFACIO (Sebenico 1537- ? 1592)
In basso a sinistra in una targa ZANTE insula posta nel mare Mediteraneo longi dalla Morea mil. 25. locho delli Ill.mi Venetiani abondante di bonissimi vini, pece, vene di metalli ma sottoposta a teremotti, et tiene di circuito da mill. 60 con bonissimo aere. In alto rosa dei venti con il nord in alto. Nell'angolo in basso a destra il numero 42. Carta priva di scala grafica e graduazione ai margini. Acquaforte e bulino, mm 172x206. Notizie storico critiche: Carta anonima, priva di data ed indicazioni editoriali, edita da Camocio. La mappa circolava come carta sciolta prima di essere inserita nella raccolta Isole famose, porti, fortezze e terre marittime sottoposte alla Serenissima Signoria di Venetia, ed altri Principi Christiani, et al Signor Turco, nouamente poste in luce. In Venetia alla libreria del segno di San Marco. Esistono pertanto delle prove prive di numerazione, che si trovano in alcune raccolte cinquecentesche; esistono altresì delle prove avanti il numero che si trovano negli isolari camociani. Alla morte dell'editore (1575) le lastre furono acquisite da Donato Bertelli, che le ristampò aggiungendo una numerazione sequenziale. The probably best known cartographic works of the engraver Natale Bonifacio is a serie of maps showing Greek Islands in the Ionian en Aegean Seas. They are all undated and their chronological sequence is difficult to ascertain. Like the larger maps of The IATO these smaller ones were first issued for a loose sheet circulation, and then assembled in booklet form for interested customer. Some of the maps, separately issued, appear in copie … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2018-10-06 07:01:53
Natale BONIFACIO (Sebenico 1537- ? 1592)
La mappa di Citéra, in greco Kythera, è abbastanza fedele alla realtà; deriva da un modello a noi sconosciuto. La carta appartiene ad un corpus di mappe raffiguranti le isole dell'arcipelago greco, sia del Mar Jonio che dell'Egeo. Meurer afferma che le mappe costituiscano il lavoro cartografico più noto del Bonifacio; non datate, è quindi difficile assegnare una sequenza cronologica alla serie, vengono fatte risalire al periodo 1567-70. Le carte si trovano occasionalmente nelle raccolte cinquecentesche, spesso in gruppo numeroso. Alcune Vengono incluse anche nella raccolta di carte di piccolo formato della famiglia Bertelli, il Civitatum aliquot insignorum et locorum magis monitorum exacta delineation cum additione aliquot Insularum principalium. Disegni di alcune più illustri città et fortezze del mondo con aggionta di alcune Isole principali edito da Ferrando Bertelli nel 1568. Altre compaiono solo nella successiva ristampa curata da Donato Bertelli nel 1574, quindi si presume siano state realizzate dopo la prima edizione del Civitatum. Le carte vengono spesso erroneamente attribuite dalla letteratura proprio a Donato Bertelli, che ne curò solamente la stampa. La lastra conosce una successiva ristampa nel 1713; è infatti inserita nell'opera Universus terrarum orbis scriptorum calamo delineatus di Alphonsus Lasor a Varea (prseudonimo di Raffaello Savonarola), edita a Padova. Sulla mappa viene inciso un numero relativo alla pagina di citazione nel libro. The probably best known cartographic works of the engraver Natale Bonifacio is a serie of maps showing Greek Islands in t … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2018-10-06 07:01:53
Natale BONIFACIO (Sebenico 1537- ? 1592)
La carta di Cefalonia, in greco ?efa?????? o Kefallonia, del Bonifacio è basata su fonti primarie a noi sconosciute. La carta appartiene ad un corpus di mappe raffiguranti le isole dell'arcipelago greco, sia del Mar Jonio che dell'Egeo. Meurer afferma che le mappe costituiscano il lavoro cartografico più noto del Bonifacio; non datate, è quindi difficile assegnare una sequenza cronologica alla serie, vengono fatte risalire al periodo 1567-70. Le carte si trovano occasionalmente nelle raccolte cinquecentesche, spesso in gruppo numeroso. Alcune vengono incluse anche nella raccolta di carte di piccolo formato della famiglia Bertelli, il Civitatum aliquot insignorum et locorum magis monitorum exacta delineation cum additione aliquot Insularum principalium. Disegni di alcune più illustri città et fortezze del mondo con aggionta di alcune Isole principali edito da Ferrando Bertelli nel 1568. Altre compaiono solo nella successiva ristampa curata da Donato Bertelli nel 1574, quindi si presume siano state realizzate dopo la prima edizione del Civitatum. Le carte vengono spesso erroneamente attribuite dalla letteratura proprio a Donato Bertelli, che ne curò solamente la stampa. La lastra conosce una successiva ristampa nel 1713; è infatti inserita nell'opera Universus terrarum orbis scriptorum calamo delineatus di Alphonsus Lasor a Varea (prseudonimo di Raffaello Savonarola), edita a Padova. Sulla mappa viene inciso un numero relativo alla pagina di citazione nel libro. The probably best known cartographic works of the engraver Natale Bonifacio is a serie of maps showing Greek Island … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2018-10-06 07:01:53
Natale BONIFACIO (Sebenico 1537- ? 1592)
La carta di Patmos di Natale Bonifacio, sembra basata su fonti primarie, non note. La carta appartiene ad un corpus di mappe raffiguranti le isole dell'arcipelago greco, sia del Mar Jonio che dell'Egeo. Meurer afferma che le mappe costituiscano il lavoro cartografico più noto del Bonifacio; non datate, è quindi difficile assegnare una sequenza cronologica alla serie, vengono fatte risalire al periodo 1567-70. Le carte si trovano occasionalmente nelle raccolte cinquecentesche, spesso in gruppo numeroso. Alcune Vengono incluse anche nella raccolta di carte di piccolo formato della famiglia Bertelli, il Civitatum aliquot insignorum et locorum magis monitorum exacta delineation cum additione aliquot Insularum principalium. Disegni di alcune più illustri città et fortezze del mondo con aggionta di alcune Isole principali edito da Ferrando Bertelli nel 1568. Altre compaiono solo nella successiva ristampa curata da Donato Bertelli nel 1574, quindi si presume siano state realizzate dopo la prima edizione del Civitatum. Le carte vengono spesso erroneamente attribuite dalla letteratura proprio a Donato Bertelli, che ne curò solamente la stampa. La lastra conosce una successiva ristampa nel 1713; è infatti inserita nell'opera Universus terrarum orbis scriptorum calamo delineatus di Alphonsus Lasor a Varea (prseudonimo di Raffaello Savonarola), edita a Padova. Sulla mappa viene inciso un numero relativo alla pagina di citazione nel libro. The probably best known cartographic works of the engraver Natale Bonifacio is a serie of maps showing Greek Islands in the Ionian en Aegean Seas. Th … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2018-10-06 07:01:53
Natale BONIFACIO (Sebenico 1537- ? 1592)
Carta dell'isola di Lesbo o Lesbos, nota in passato con il nome di Mitilene, dal nome della sua capitale. La mappa del Bonifacio deriva da fonti cartografiche non note. Appartiene ad un corpus di mappe raffiguranti le isole dell'arcipelago greco, sia del Mar Jonio che dell'Egeo. Meurer afferma che le mappe costituiscano il lavoro cartografico più noto del Bonifacio; non datate, è quindi difficile assegnare una sequenza cronologica alla serie, vengono fatte risalire al periodo 1567-70. Le carte si trovano occasionalmente nelle raccolte cinquecentesche, spesso in gruppo numeroso. Alcune Vengono incluse anche nella raccolta di carte di piccolo formato della famiglia Bertelli, il Civitatum aliquot insignorum et locorum magis monitorum exacta delineation cum additione aliquot Insularum principalium. Disegni di alcune più illustri città et fortezze del mondo con aggionta di alcune Isole principali edito da Ferrando Bertelli nel 1568. Altre compaiono solo nella successiva ristampa curata da Donato Bertelli nel 1574, quindi si presume siano state realizzate dopo la prima edizione del Civitatum. Le carte vengono spesso erroneamente attribuite dalla letteratura proprio a Donato Bertelli, che ne curò solamente la stampa. La lastra conosce una successiva ristampa nel 1713; è infatti inserita nell'opera Universus terrarum orbis scriptorum calamo delineatus di Alphonsus Lasor a Varea (prseudonimo di Raffaello Savonarola), edita a Padova. Sulla mappa viene inciso un numero relativo alla pagina di citazione nel libro. The probably best known cartographic works of the engraver Natale Bonifa … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2018-10-06 07:01:53
Natale BONIFACIO (Sebenico 1537- ? 1592)
In alto a destra in un cartiglio ISOLA DE PALMOSA. In basso a destra nell'angolo, la sigla NBF. Orientazione con rosa dei venti, il nord a destra. Carta priva scala grafica e graduazione ai margini. Acquaforte e bulino, mm 207x160. La carta di Patmos di Natale Bonifacio, sembra basata su fonti primarie, non note. La carta appartiene ad un corpus di mappe raffiguranti le isole dell'arcipelago greco, sia del Mar Jonio che dell'Egeo. Meurer afferma che le mappe costituiscano il lavoro cartografico più noto del Bonifacio; non datate, è quindi difficile assegnare una sequenza cronologica alla serie, vengono fatte risalire al periodo 1567-70. Le carte si trovano occasionalmente nelle raccolte cinquecentesche, spesso in gruppo numeroso. Alcune Vengono incluse anche nella raccolta di carte di piccolo formato della famiglia Bertelli, il Civitatum aliquot insignorum et locorum magis monitorum exacta delineation cum additione aliquot Insularum principalium. Disegni di alcune più illustri città et fortezze del mondo con aggionta di alcune Isole principali edito da Ferrando Bertelli nel 1568. Altre compaiono solo nella successiva ristampa curata da Donato Bertelli nel 1574, quindi si presume siano state realizzate dopo la prima edizione del Civitatum. Le carte vengono spesso erroneamente attribuite dalla letteratura proprio a Donato Bertelli, che ne curò solamente la stampa. La lastra conosce una successiva ristampa nel 1713; è infatti inserita nell'opera Universus terrarum orbis scriptorum calamo delineatus di Alphonsus Lasor a Varea (prseudonimo di Raffaello Savonarola), edita a Padov … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2018-10-06 07:01:53
Natale BONIFACIO (Sebenico 1537- ? 1592)
L'immagine topografica dell'isola di Kefallina appare gravemente distorta. Basandosi sulla posizione dell'attuale capitale, oggi Argostolion, la mappa è orientata con il nord in alto. Probabilmente è basta su delle informazioni cartografiche primarie, sconosciute. Esemplare nel primo stato di tre, prima dell'aggiunta della parola "Cephalenia" nel titolo. Bibliografia: Meurer, The Strabo Illustratus Atlas, p. 96, 82; Zacharakis, A catalogue of printed maps of Greece, 204. L'eclettico incisore, acquafortista, progettista, stampatore, editore e cosmografo originario di Sebenico fu attivo a Venezia tra il 1565 e il 1574 e successivamente a Roma tra il 1575 e il 1591. A Venezia le sue opere vennero pubblicate da Camocio, Ferrando Bertelli, Luca e Donato Bertelli, Borgaruccio Borgarucci e Nelli. I suoi editori romani furono invece Lafrery, Claudio Duchetti, Lorenzo Vaccari e Nicolas van Aelst. Tra i suoi intagli in rame ricordiamo la celebre carta dell'Abruzzo e le due tavole dell'innalzamento dell'obelisco Vaticano realizzate per Domenico Fontana. Come giustamente fa notare il Meurer però il lavoro cartografico più noto del Bonifacio fu la serie delle mappe raffiguranti le isole dell'arcipelago greco, sia del Mar Jonio che dell'Egeo. Esse non sono datate e quindi è difficile assegnare una sequenza cronologica alla serie, databile al periodo 1567/68. Come tutte le carte della cosiddetta scuola lafreriana venivano stampate a se e quindi assemblate in atlanti compositi. Alcune di queste carte furono però incluse, con l'assegnazione di un numero ordinale, in alcune copie della prima … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2018-10-06 07:01:53
Natale BONIFACIO (Sebenico 1537- ? 1592)
In alto a destra in un cartiglio ISOLA DI SAMO. In basso a destra nell'angolo la sigla NBF. Orientazione con rosa dei venti, il nord in alto spostato leggermente a destra. Carta priva scala grafica e graduazione ai margini. La carta di Samos di Natale Bonifacio è basata su fonti sconosciute fonti primarie. La carta appartiene ad un corpus di mappe raffiguranti le isole dell'arcipelago greco, sia del Mar Jonio che dell'Egeo. Meurer afferma che le mappe costituiscano il lavoro cartografico più noto del Bonifacio; non datate, è quindi difficile assegnare una sequenza cronologica alla serie, vengono fatte risalire al periodo 1567-70. Le carte si trovano occasionalmente nelle raccolte cinquecentesche, spesso in gruppo numeroso. Alcune vengono incluse anche nella raccolta di carte di piccolo formato della famiglia Bertelli, il Civitatum aliquot insignorum et locorum magis monitorum exacta delineation cum additione aliquot Insularum principalium. Disegni di alcune più illustri città et fortezze del mondo con aggionta di alcune Isole principali edito da Ferrando Bertelli nel 1568. Altre compaiono solo nella successiva ristampa curata da Donato Bertelli nel 1574, quindi si presume siano state realizzate dopo la prima edizione del Civitatum. Le carte vengono spesso erroneamente attribuite dalla letteratura proprio a Donato Bertelli, che ne curò solamente la stampa. La lastra conosce una successiva ristampa nel 1713; è infatti inserita nell'opera Universus terrarum orbis scriptorum calamo delineatus di Alphonsus Lasor a Varea (prseudonimo di Raffaello Savonarola), edita a Padova. The … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2018-10-06 07:01:53
Natale BONIFACIO (Sebenico 1537- ? 1592)
La carta di Rodi sembra una riduzione dell'opera a lui stesso attribuita, datata al 1570, ma forse anteriore. La carta appartiene ad un corpus di mappe raffiguranti le isole dell'arcipelago greco, sia del Mar Jonio che dell'Egeo. Meurer afferma che le mappe costituiscano il lavoro cartografico più noto del Bonifacio; non datate, è quindi difficile assegnare una sequenza cronologica alla serie, vengono fatte risalire al periodo 1567-70. Le carte si trovano occasionalmente nelle raccolte cinquecentesche, spesso in gruppo numeroso. Alcune Vengono incluse anche nella raccolta di carte di piccolo formato della famiglia Bertelli, il Civitatum aliquot insignorum et locorum magis monitorum exacta delineation cum additione aliquot Insularum principalium. Disegni di alcune più illustri città et fortezze del mondo con aggionta di alcune Isole principali edito da Ferrando Bertelli nel 1568. Altre compaiono solo nella successiva ristampa curata da Donato Bertelli nel 1574, quindi si presume siano state realizzate dopo la prima edizione del Civitatum. Le carte vengono spesso erroneamente attribuite dalla letteratura proprio a Donato Bertelli, che ne curò solamente la stampa. La lastra conosce una successiva ristampa nel 1713; è infatti inserita nell'opera Universus terrarum orbis scriptorum calamo delineatus di Alphonsus Lasor a Varea (prseudonimo di Raffaello Savonarola), edito a Padova. The probably best known cartographic works of the engraver Natale Bonifacio is a serie of maps showing Greek Islands in the Ionian en Aegean Seas. They are all undated and their chronological sequence i … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2018-10-06 07:01:53
Natale BONIFACIO (Sebenico 1537- ? 1592)
Deriva dalla carta di Matteo Pagano del 1538. Secondo stato di quattro con la firma del Bonifacio in basso a destra. A destra in alto, in un cartiglio, ISSOIA D' CANDIA. Orientazione con rosa dei venti, il nord a sinistra. Carta priva di scala grafica e graduazione ai margini. Acquaforte e bulino, mm 210x155. La mappa è basata sul modello introdotto a Venezia dalla mappa di Zorzi/Pagano (1538); differisce l'orientazione, con l'est posto in alto. La carta appartiene ad un corpus di mappe raffiguranti le isole dell'arcipelago greco, sia del Mar Jonio che dell'Egeo. Meurer afferma che le mappe costituiscano il lavoro cartografico più noto del Bonifacio; non datate, è quindi difficile assegnare una sequenza cronologica alla serie, vengono fatte risalire al periodo 1567-70. Le carte si trovano occasionalmente nelle raccolte cinquecentesche, spesso in gruppo numeroso. Alcune Vengono incluse anche nella raccolta di carte di piccolo formato della famiglia Bertelli, il Civitatum aliquot insignorum et locorum magis monitorum exacta delineation cum additione aliquot Insularum principalium. Disegni di alcune più illustri città et fortezze del mondo con aggionta di alcune Isole principali edito da Ferrando Bertelli nel 1568. Altre compaiono solo nella successiva ristampa curata da Donato Bertelli nel 1574, quindi si presume siano state realizzate dopo la prima edizione del Civitatum. Le carte vengono spesso erroneamente attribuite dalla letteratura proprio a Donato Bertelli, che ne curò solamente la stampa. La lastra conosce una successiva ristampa nel 1713; è infatti inserita nell'oper … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2018-10-06 07:01:53
Natale BONIFACIO (Sebenico 1537- ? 1592)
In basso a destra in un cartiglio ISOLA DEL NEGROPONTE più in basso nell'angolo la sigla NBF. Orientazione con rosa dei venti, il nord a sinistra. Carta priva di scala grafica e graduazione ai margini. Acquaforte e bulino, perfette condizioni. La mappa di Eubea, nota in passato col nome di Negroponte, è una rappresentazione originale basata su fonti primarie, ed è orientata con il nord in basso. L'immagine topografica è accurata e molto simile alla realtà; lo conferma la posizione della capitale Chalkis (qui denominata Negroponte) situata esattamente nello stretto vicino la terra ferma. La carta appartiene ad un corpus di mappe raffiguranti le isole dell'arcipelago greco, sia del Mar Jonio che dell'Egeo. Meurer afferma che le mappe costituiscano il lavoro cartografico più noto del Bonifacio; non datate, è quindi difficile assegnare una sequenza cronologica alla serie, vengono fatte risalire al periodo 1567-70. Le carte si trovano occasionalmente nelle raccolte cinquecentesche, spesso in gruppo numeroso. Alcune Vengono incluse anche nella raccolta di carte di piccolo formato della famiglia Bertelli, il Civitatum aliquot insignorum et locorum magis monitorum exacta delineation cum additione aliquot Insularum principalium. Disegni di alcune più illustri città et fortezze del mondo con aggionta di alcune Isole principali edito da Ferrando Bertelli nel 1568. Altre compaiono solo nella successiva ristampa curata da Donato Bertelli nel 1574, quindi si presume siano state realizzate dopo la prima edizione del Civitatum. Le carte vengono spesso erroneamente attribuite dalla letterat … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2018-10-06 07:01:53
Natale BONIFACIO (Sebenico 1537- ? 1592)
La mappa di Citéra, in greco Kythera, è abbastanza fedele alla realtà; deriva da un modello a noi sconosciuto. La carta appartiene ad un corpus di mappe raffiguranti le isole dell'arcipelago greco, sia del Mar Jonio che dell'Egeo. Meurer afferma che le mappe costituiscano il lavoro cartografico più noto del Bonifacio; non datate, è quindi difficile assegnare una sequenza cronologica alla serie, vengono fatte risalire al periodo 1567-70. Le carte si trovano occasionalmente nelle raccolte cinquecentesche, spesso in gruppo numeroso. Alcune Vengono incluse anche nella raccolta di carte di piccolo formato della famiglia Bertelli, il Civitatum aliquot insignorum et locorum magis monitorum exacta delineation cum additione aliquot Insularum principalium. Disegni di alcune più illustri città et fortezze del mondo con aggionta di alcune Isole principali edito da Ferrando Bertelli nel 1568. Altre compaiono solo nella successiva ristampa curata da Donato Bertelli nel 1574, quindi si presume siano state realizzate dopo la prima edizione del Civitatum. Le carte vengono spesso erroneamente attribuite dalla letteratura proprio a Donato Bertelli, che ne curò solamente la stampa. La lastra conosce una successiva ristampa nel 1713; è infatti inserita nell'opera Universus terrarum orbis scriptorum calamo delineatus di Alphonsus Lasor a Varea (prseudonimo di Raffaello Savonarola), edita a Padova. Sulla mappa viene inciso un numero relativo alla pagina di citazione nel libro. The probably best known cartographic works of the engraver Natale Bonifacio is a serie of maps showing Greek Islands in t … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2018-10-06 07:01:52
Natale BONIFACIO (Sebenico 1537- ? 1592)
La carta di Naxos del Bonifacio è un prodotto originale, non basato su nessun modello conosciuto. Orientata con il sud in alto. La carta appartiene ad un corpus di mappe raffiguranti le isole dell'arcipelago greco, sia del Mar Jonio che dell'Egeo. Meurer afferma che le mappe costituiscano il lavoro cartografico più noto del Bonifacio; non datate, è quindi difficile assegnare una sequenza cronologica alla serie, vengono fatte risalire al periodo 1567-70. Le carte si trovano occasionalmente nelle raccolte cinquecentesche, spesso in gruppo numeroso. Alcune Vengono incluse anche nella raccolta di carte di piccolo formato della famiglia Bertelli, il Civitatum aliquot insignorum et locorum magis monitorum exacta delineation cum additione aliquot Insularum principalium. Disegni di alcune più illustri città et fortezze del mondo con aggionta di alcune Isole principali edito da Ferrando Bertelli nel 1568. Altre compaiono solo nella successiva ristampa curata da Donato Bertelli nel 1574, quindi si presume siano state realizzate dopo la prima edizione del Civitatum. Le carte vengono spesso erroneamente attribuite dalla letteratura proprio a Donato Bertelli, che ne curò solamente la stampa. The probably best known cartographic works of the engraver Natale Bonifacio is a serie of maps showing Greek Islands in the Ionian en Aegean Seas. They are all undated and their chronological sequence is difficult to ascertain. Like the larger maps of The IATO these smaller ones were first issued for a loose sheet circulation, and then assembled in booklet form for interested customer. Some of the m … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2018-10-06 07:01:52
Natale BONIFACIO (Sebenico 1537- ? 1592)
La carta di Milo o Milos del Bonifacio appare come prodotto originale, del quale non si conosce il modello. L'opera delinea l'isola, come pure la vicina Antimilos, in maniera corretta ed esatta. La carta appartiene ad un corpus di mappe raffiguranti le isole dell'arcipelago greco, sia del Mar Jonio che dell'Egeo. Meurer afferma che le mappe costituiscano il lavoro cartografico più noto del Bonifacio; non datate, è quindi difficile assegnare una sequenza cronologica alla serie, vengono fatte risalire al periodo 1567-70. Le carte si trovano occasionalmente nelle raccolte cinquecentesche, spesso in gruppo numeroso. Alcune Vengono incluse anche nella raccolta di carte di piccolo formato della famiglia Bertelli, il Civitatum aliquot insignorum et locorum magis monitorum exacta delineation cum additione aliquot Insularum principalium. Disegni di alcune più illustri città et fortezze del mondo con aggionta di alcune Isole principali edito da Ferrando Bertelli nel 1568. Altre compaiono solo nella successiva ristampa curata da Donato Bertelli nel 1574, quindi si presume siano state realizzate dopo la prima edizione del Civitatum. Le carte vengono spesso erroneamente attribuite dalla letteratura proprio a Donato Bertelli, che ne curò solamente la stampa. The probably best known cartographic works of the engraver Natale Bonifacio is a serie of maps showing Greek Islands in the Ionian en Aegean Seas. They are all undated and their chronological sequence is difficult to ascertain. Like the larger maps of The IATO these smaller ones were first issued for a loose sheet circulation, and th … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2018-10-06 07:01:39
Domenico ZENOI (Attivo tra il 1559 e il 1574)
Realizzata come separata pubblicazione dalla Zenoi alle volte è inclusa in alcune copie del Civitatum aliquot insignorum et locorum magis monitorum exacta delineation cum additione aliquot Insularum principalium. Disegni di alcune più illustri città et fortezze del mondo con aggionta di alcune Isole principali di Ferrando Bertelli (1568) ed anche nella seconda edizione dell'opera curata da Donato Bertelli (1574). Domenico Zenoi fu attivo incisore e stampatore di mappe, come anche di scabrose tavole erotiche che più volte gli causarono problemi con le autorità veneziane. E' possibile che lo Zenoi, in origine alle dipendenze dello stesso Forlani, acquistò il materiale cartografico del veronese per integrarlo in qualità di editore. Tra le poche notizie certe sull'attività dello Zenoi, vi è quella della richiesta inoltrata al Senato Veneto, poi accordato nel 1566, di un privilegio per l'incisione delle stampe. The plan may have been separately published by Zenoi and it is also found in some copies of Ferrando Bertelli's "Civitatum aliquot insignorum et locorum magis monitorum exacta delineation cum additione aliquot Insularum principalium. Disegni di alcune più illustri città et fortezze del mondo con aggionta di alcune Isole principali", of 1568 as well as in the second edition of 1574 by Donato Bertelli.
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2018-10-06 07:01:39
Domenico ZENOI (Attivo tra il 1559 e il 1574)
Realizzata come separata pubblicazione della Zenoi, alle volte è inclusa in alcune copie del Civitatum aliquot insignorum et locorum magis monitorum exacta delineation cum additione aliquot Insularum principalium. Disegni di alcune più illustri città et fortezze del mondo con aggionta di alcune Isole principali di Ferrando Bertelli (1568) ed anche nella seconda edizione dell'opera curata da Donato Bertelli (1574). Domenico Zenoi fu attivo incisore e stampatore di mappe, come anche di scabrose tavole erotiche che più volte gli causarono problemi con le autorità veneziane. E' possibile che lo Zenoi, in origine alle dipendenze dello stesso Forlani, acquistò il materiale cartografico del veronese per integrarlo in qualità di editore. Tra le poche notizie certe sull'attività dello Zenoi, vi è quella della richiesta inoltrata al Senato Veneto, poi accordato nel 1566, di un privilegio per l'incisione delle stampe. The plan may have been separately published by Zenoi and it is also found in some copies of Ferrando Bertelli's "Civitatum aliquot insignorum et locorum magis monitorum exacta delineation cum additione aliquot Insularum principalium. Disegni di alcune più illustri città et fortezze del mondo con aggionta di alcune Isole principali", of 1568 as well as in the second edition of 1574 by Donato Bertelli.
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2018-10-06 07:01:39
Domenico ZENOI (Attivo tra il 1559 e il 1574)
Realizzata come separata pubblicazione dalla Zenoi alle volte è inclusa in alcune copie del Civitatum aliquot insignorum et locorum magis monitorum exacta delineation cum additione aliquot Insularum principalium. Disegni di alcune più illustri città et fortezze del mondo con aggionta di alcune Isole principali di Ferrando Bertelli (1568) ed anche nella seconda edizione dell'opera curata da Donato Bertelli (1574). Domenico Zenoi fu attivo incisore e stampatore di mappe, come anche di scabrose tavole erotiche che più volte gli causarono problemi con le autorità veneziane. E' possibile che lo Zenoi, in origine alle dipendenze dello stesso Forlani, acquistò il materiale cartografico del veronese per integrarlo in qualità di editore. Tra le poche notizie certe sull'attività dello Zenoi, vi è quella della richiesta inoltrata al Senato Veneto, poi accordato nel 1566, di un privilegio per l'incisione delle stampe. The plan may have been separately published by Zenoi and it is also found in some copies of Ferrando Bertelli's "Civitatum aliquot insignorum et locorum magis monitorum exacta delineation cum additione aliquot Insularum principalium. Disegni di alcune più illustri città et fortezze del mondo con aggionta di alcune Isole principali", of 1568 as well as in the second edition of 1574 by Donato Bertelli.
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2018-10-05 18:31:23
Ruscelli Girolamo
appresso gli heredi di Marchiò Sessa, in Venetia, 1568. in 4°, (21x15 cm), rilegatura ottocentesca in cartone ricoperto da carta uso pergamena, titolo ben manoscritto a china al dorso; carte (4), 59, (1); al frontespizio, in cornice figurata marca tipografica silografata: (Pegaso in volo, sullo sfondo una città e montagna); iniziali animate e fregi silografici; numerose e belle illustrazioni silografate, alcune delle quali a piena pagina Ultima carta bianca restaurata. Esemplare molto buono. Rara prima edizione di questo importante trattato militare del Rinascimento. Riccardi, II, 402 [Attributes: First Edition; Hard Cover]
Bookseller: Studio Bibliografico Orfeo (ALAI - ILAB) [Bologna, BO, Italy]
______________________________________________________________________________


      Home     Wants Manager     Library Search     563 Years   Links     Contact      Search Help      Terms of Service      Privacy     


Copyright © 2019 viaLibri™ Limited. All rights reserved.