The viaLibri website requires cookies to work properly. You can find more information in our Terms of Service and Privacy Policy.

Displayed below are some selected recent viaLibri matches for books published in 1567
2016-10-08 18:27:07
Sallustius, Crispus Caius
Aldus Manutius Paulli. f A. n, 1567. In 8° (15,5x11 cm), rilegatura coeva in piena pergamena; cc. (8), 189, (20). Ancora aldina e delfino al frontespizio e al verso del colophon con la scritta "Aldus", qualche antico segno d'inchiostro
Bookseller: Studio Bibliografico Orfeo
2016-10-07 22:29:24
CORT Cornelis (1533?-1578)
Eau-forte sur papier (42 x 53 cm hors marges). Menues déchirures sur les bords. Bord inférieur restauré. Sans les marges. Tirage de l'époque. Signé Cort f. en bas à gauche dans la gravure. Légende gravée en bas de l'estampe : "Ex archetypo Raphaelis Urbinatis quod est apud Thomam Cavalerium Patricium Romanum excudebat Romae Antonius Lafrerius Sequani" : "D'après l'original de Raphaël d'Urbino qui se trouve chez le noble chevalier romain Tommaso dei Cavalieri ; gravé par Antoine Lafréry Franc-Comtois". Gravure représentant la bataille de Zama (202 av. J.-C.), où les troupes romaines commandées par Scipion affrontèrent les troupes carthaginoises d'Hannibal et leurs éléphants. Cornelis Cort (ou Kort), né à Hoorn (Pays-Bas), se rendit à Venise où il fut l'élève du Titien. Il fonda ensuite un atelier de gravure à Rome. Son oeuvre gravé est important et emprunté aux maîtres italiens, flamands et allemands. La présente scène de bataille a été dessinée par Cort en 1567 d'après un tableau du célèbre peintre Raphaël ou Raffaello Sanzio (1483-1520), né à Urbino. D'après la légende de l'estampe, ce tableau se trouvait, à la date du dessin, chez Tommaso dei Cavalieri (1509-1587), gentilhomme qui fut aimé de Michel Ange. L'estampe de Cort fut publiée par le graveur Antoine (ou Antonio) Lafréry (1512-1577), né à Salins (Franche-Comté), établi à Rome vers 1540. Bénézit, I, 1016.
Bookseller: Librairie Ancienne Denis
2016-10-01 16:56:32
Ferrando BERTELLI (attivo a Venezia seconda metà del XVI secolo)
1567. Veduta della città tratta dal rarissimo "Civitatum Aliquot insigniorum et locorum... "del Bertelli, libro sulle principali città del mondo che segue di un solo anno l'analoga opera del Forlani (1567) e precede di uno la più comune raccolta del Ballino (1569). L'opera fu ristampata ed ampliata da Donato Bertelli nel 1574, da cui è tratto questo esemplare, firmato in basso DB. Difficile riconoscere a prima vista una tavola proveniente da una delle tre opere, che sono circa dello stesso formato. Addirittura il Ballino pubblica delle lastre del Bertelli e dello Zenoi; tuttavia la mancanza del testo al verso distingue questa veduta da quella presente nel Ballino. Incisione in rame, priva dei margini, piccoli restauri, tracce di colla al verso, nel compesso in buono stato di conservazione. Molta rara. Venezia Venice Tooley 443; Castellani p. 246, 81a; F. Borroni Salvadori, 1980, 195; Meurer, The Strabo Illustrated Atlas, p. 153, 168; Nordenskiold Collection 12 (53). 260 185
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-29 20:15:02
Apollonius.
apud Ioannem Bellerum, sub Aquila aurea, 1567. Apollonius. Lavini Apollonii Gandobrugani, mittelburgensis, de Peruviae, Regionis, inter Novi Orbis provincias celeberrimae, inventione et rebus in aedem gestis, libri V... Brevis, exactaque Novi Orbis, et Peruviae regionis chorographia. Antverpiae, apud Ioannem Bellerum, sub Aquila aurea, 1567. In - 8°, m. pergamena antica. 236, (8) ff. con una carta geografica del Perù incisa in legno ripiegata f.t. Insegna tipografica nel frontespizio. Testo in carattere italico. Bell' esemplare di quest' opera rara. Sabin, 1761. Leclerc, 1689: >. E' possibile effettuare un piccolo sconto. Negg. Mob. 7
Bookseller: Brighenti libri esauriti e rari
2016-09-27 01:43:39
GREMOND (Jacques).
Paris De l'imprimerie de Thomas Richard, à la Bible d'or, devant le College de Reims 1567 1Sans lieu [Paris], De l'imprimerie de Thomas Richard, à la Bible d'or, devant le College de Reims, 1567. Petit in-8 de (4) ff., cartonnage à la Bradel, pièce de titre en maroquin rouge (Lemardeley). Édition originale rare ornée d'un fleuron au verso du dernier feuillet. « Et tout ce que prophétise un huguenot ravisseur, n'est que le jargon de Gog et Magog antechrists lesquels depuis cinq cents ans ne cessent remettre le peuple en erreur, et oppression de toute la Chrétienté, et provoque le faux prophète la fin de ce monde (plongé en abus pis que la cité de Ninive) et prochain de subversion & ruyne, si par le baptesme de penitence ne sont les pécheurs amendés. »
Bookseller: Bonnefoi Livres Anciens [France, Paris]
2016-09-25 16:23:35
Magnus Olaus
Bookseller: Pazzo Books [U.S.A.]
Check availability:
2016-09-25 16:23:35
Magnus Olaus
Petri: Heinrich, 1567. Early Edition. Hardcover (Half Leather). Very Good Condition. Modern half leather over marbled boards, author penned to page edge, lacking any blanks and lacking the full page map of Northern Europe (with a facsimile tipped in). Collijn in his Swedish Bibliography suggested that the map was printed and inserted separately and only in some copies of the Basel edition. First Basel and Second Latin edition, a reprint of the Rome edition of 1555. Illustrated with small woodcuts throughout. Dampstain to upper right from around page 500 on, a few scattered dampstains, modest foxing - generally a clean copy. (96), 854, (2) pp. Brunet III 1302. Magnus's history of Sweden and the North was enormously successful and popular and was translated early on into Italian, German, English and Dutch. It describes much folklore and customs not recorded elsewhere - including the first description of making the questionable Northern delicacy lutefisk. Size: Folio. Quantity Available: 1. Shipped Weight: 2-3 kilos. Category: Travel & Places; History. Inventory No: 046211.
Bookseller: Pazzo Books (ABAA-ILAB) [Boston, MA, U.S.A.]
2016-09-24 21:42:52
Paolo FORLANI (Attivo a Venezia seconda metà del XVI secolo)
1567. Rarissima veduta prospettica tratta dal celebre Il primo libro delle citta, et fortezze principali del mondo di Paolo Forlani, pubblicato nel 1567. Con la pubblicazione dell'opera del Forlani si entra in uno dei più interessanti filoni editoriali del '500 italiano: la raccolta di piante e vedute urbane. Il lavoro del cartografo veronese rappresenta la prima raccolta di cartografia urbana stampata in Italia, della quale è conservato un solo esemplare contenente 32 vedute, alla Osterreichische Nationalbibliothek. Forlani non pubblicò mai una seconda parte, cedendo i diritti dei rami a Domenico Zenoi, che le utilizzò nello stesso anno per una raccolta priva di titolo, e successivamente a Bolognino Zaltieri, che se ne servì (insieme a rami del Bertelli e dello Zenoi) per illustrare l'opera curata da Giulio Ballino De' disegni delle più illustri città, et fortezze del mondo, 1569. La raccolta del Forlani precede pertanto di un anno l'analoga opera di Donato e Ferrando Bertelli (1568) e di due quella di Giulio Ballino (1569). Paolo Forlani, veronese come risulta dalle firme apposte ai suoi rami, è attivo a Venezia tra il 1560 ed il 1574. Mercante di stampe, calcografo ed incisore, aveva una bottega "alla Colonna in Merzari". Le sue incisioni, in gran parte di soggetto geografico, risultano pubblicata dai principali editori e stampatori veneziani del periodo quali Bertelli e Camocio. Gran parte delle sue opere risultano copia di originali eseguiti da altri cartografi; di una certa importanza per la sua vita professionale è l'amicizia con Giacomo Gastaldi, del quale incise 13 … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-23 12:06:30
[CEREDI, Giuseppe].
Woodcut printer's device on title, four folding woodcut plates within pagination (numbered 69, 70, 75, & 78), & 8 woodcuts in the text. 10 p.l., 100 pp. (i.e. 99). Small 4to, cont. limp vellum (faint dampstaining in upper & lower margins). Parma: S. Viotti, 1567. First edition of an uncommon and important illustrated work on the Archimedean screw and improvements made to it. Following the publication of Ceredi's book describing the screw and the granting of a patent by the Venetian Republic, these pumps became more widely used in southern Europe for drainage and irrigation. Galileo later made improvements to it. "The engineer Giuseppe Ceredi of Piacenza...published at Parma in 1567 a book called Tre Discorsi sopra il Modo d'Alzar Acque da' Luoghi Bassi (Three Discourses on Means of Raising Water from Low Places). Ceredi was interested in the construction and use of the Archimedean screw for the irrigation of fields and the draining of swamps. He had found that the devices in use were inefficient, and sought to discover the rules of design by which they might be improved. The results led him to specify a maximum length and optimum dimension for the water-channel, to suggest batteries of screws for lifts higher than the efficient maximum length, and to examine the design of cranks and other devices for turning the screws. Though not written in deductive form, Ceredi's investigations belong to theoretical mechanics; they are reminiscent of the experiential rules given by Philo of Byzantium for the construction of ballistae... "Also worthy of note, though unrelated to our subje … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Jonathan A. Hill, Bookseller, Inc.
Check availability:
2016-09-22 17:19:35
DAMHOUDERE (Josse de)
En Anvers Chez Iean Bellere, a l'Aigle dor 1567 In-4 de (14)-133 ff. (19) ff. (index, privilège, armes), vélin dur, pièce de titre manuscrite du XIXe siècle au dos (reliure ddu XVIIe siècle). Première édition en français de cet ouvrage, le plus rare de Josse De Damhoudere. Jurisprudence relative à « l'oeuvre de la tutelle des pupilles » en Flandres au XVIe siècle, établie par le jurisconsulte Josse de Dahmouder (1507-1581), conseiller des finances de Charles Quint et de Philippe II pendant plus de trente ans, par ailleurs auteur de la Practique et enchiridion des causes criminelles et la Practique judiciaire des causes civiles. Le Refuge et garand des pupilles, « plus rare » selon Brunet, connut une première édition latine en 1544. De l'office des tuteurs et curateurs ; De l'estat & office des Tuteurs et Curateurs du temps diceluy, du moyen & de la forme ; De la justification du compte des Tuteurs & Curateurs ; Du salaire des Tuteurs & Curateurs ; De l'interest des pupilles, mineurs & prodigues ; De la decharge des Tuteurs & Curateurs ; Des perils esquels encourent les Tuteurs & Curateurs qui mal-versent en leur administration ; Des graces qui doivent estre rendues par les Pupilles mineurs & rodigues à leurs tuteurs & curateurs pour avoir eux & leurs biens esté par iceux bien gouvernez & administrez. 13 figures pleine-page dont 1 portrait de l'auteur et 1 planche de ses armes en fin d'ouvrage. Bon exemplaire, gardes renouvelées. Brunet, II, 479.
Bookseller: Libraire Bonnefoi Livres Anciens [FR]
2016-09-18 14:30:48
VITRUVIUS POLLIO, Marcus. -
Venezia, Francesco de' Franceschi Senese & J. Criegher, 1567. Folio. 17th century vellum, leather label on spine. Printer' device (twice), a full - page illustration on verso of title, and 135 woodcuts by Johann Chrieger, including machines, hydraulic devices, clocks, musical instruments and a full - page bird's eye view of Venice not found in earlier issues. (20), 375, (1) pp.; a good copy; a few leaves misbound in quire H and some occasional mild damp staining.First edition with Barbaro's commentary in Latin. In 1556 Barbaro (1513 - 70) published an Italian translation of Vitruvius with a commentary «which follows closely the Latin Philander edition of 1552» (Fowler). That very successful Italian edition was followed by this new Latin version, probably intended for a larger scholarly audience throughout Europe. «In his address to the reader, Franceschi states that when he asked Barbaro for permission to reprint his Italian Vitruvius he received from him the Latin version as well, with added text and illustrations for both versions» (Mortimer). The woodcuts by Johann Chrieger, a German artist active in Venice, are reduced copies of those in the 1556 edition which had been drawn by Palladio. An edition in Italian was also published in 1567. Cicognara 716. Fowler 409. Mortimer, Harvard, 550.Prima edizione latina con l'importante commento del Barbaro, apprezzata anche per le numerose interessanti illustrazioni inc. in legno, tra cui una bella veduta di Venezia a p. pagina che compare qui per la prima volta. Pochi fogli posposti nel quaderno H, e qualche lieve traccia d'umidit … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquaria Rappaport
2016-09-17 15:35:27
FABER VON HEILBRONN (Johannes);
Parisiis Apud Gulielmum Guillard 1567 In-16 de (64)-473-(2) pp., vélin à petits rabats, fer doré frappé sur les plats (reliure de l'époque). Edition originale. Livre de liturgie catholique par le docteur en théologie Johannes Faber von Heilbronn (1504-1558). De la bibliothèque du Couvent des Minimes de la place Royale à Paris avec sur les plats les fers frappés à l'or au soleil surmonté de la couronne de France portant au centre le mot "charitas", et sur le titre l'inscription manuscrit à l'encre du temps Ex conventu Minimorum Parisiensis : commencée bien avant l'installation des minimes au couvent de la place royale au XVIIe sècle, cette bibliothèque comptait 8000 volumes dès 1644 pour atteindre le chiffre de 20000 au moment de sa confiscation révolutionnaire. Enrichie par de nombreux dons dont celui de Marin Mersenne, elle était logée dans plusieurs salles du couvent et fit l'objet de catalogues successifs conservés aujourd'hui à la bibliothèque Mazarine et à la bibliothèque de l'Arsenal. [Sources : A. Franklin : les anciennes bibliothèques de Paris. - Paris : Imprimerie nationale, 1870. - T. II] Ex-libris manuscrit Chaillou 1592 sur le titre suivi de la même main d'une note latine en fin d'exemplaire. Brunet, V, 1078
Bookseller: Bonnefoi Livres Anciens
2016-09-15 13:03:48
Etienne DUPERAC (1525 - 1604)
1567. Acquaforte, 1567, datata in lastra in basso a destra. In alto, al centro, il cartiglio con il titolo "CONSECRATIONES AGNORUM CAEREORUM A PIO V PONT MAX ANNO SALUTIS MDLXVI...". In basso a destra il nome dell'editore Bartolomeo Faleti. Bellissima prova, stampata su carta vergata coeva con filigrana "aquila su castello a due torri, rifilata al rame, lievi abrasioni in alto a destra, verso il margine, per il resto in ottimo stato di conservazione. L'incisione, sconosciuta a tutti i repertori, viene da noi attribuita ad Etienne Duperac non solo per ragioni stilistiche ma anche perché è noto che l'artista nel 1567 lavorò con l'editore Faleti, incidendo, tra l'altro, la celebre veduta di piazza del Campidoglio. La scena raffigura la cerimonia di benedizione degli agnelli di cera presieduta dal pontefice Pio V, nel 1566. L'origine del rito è molto antica e risalirebbe al IV o al V secolo. Si tratta di medaglie ovali di cera mista con crisma, recante sulla faccia l'impronta dell'agnello, simbolo di Cristo, e sul rovescio l'effigie di uno o più santi, con l'indicazione del loro nome e lo stemma del pontefice regnante. Gli agnus Dei vengono benedetti e distribuiti dal pontefice nel primo anno del suo pontificato e a ogni settennio successivo, come anche indicato dall'iscrizione a sinistra. Il 1566 era il primo anno di pontificato di Pio V, santificato da Clemente XI il 22 maggio del 1712. L'incisione raffigura i diversi atti e momenti della cerimonia che, contraddistinti dalle lettere dell'alfabeto, sono spiegati in latino nella legenda didascalica del margine inferiore. Rariss … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-14 21:45:32
Paolo FORLANI (Attivo a Venezia seconda metà del XVI secolo)
1567. "Per la prima volta pubblicata nella rarissima raccolta di Paolo Forlani ""Il primo libro delle citta, et fortezze principali del mondo"" edito nel 1567 a Venezia, questa lastra proviene dalla successiva (di 2 anni) raccolta del Ballino, denominata ""De' disegni delle più illustri città e fortezze del mondo"". Giulio Ballino era un avvocato veneziano che frequentava la casa dei Manunzio già verso il 1530, dedicandosi in gioventù allo studio dei classici. Il libro De' disegni delle più illustri città, et fortezze del mondo.. stampato a Venezia da Bolognino Zaltieri nel 1569 è costituito da cinquanta vedute ed una carta geografica. L'opera rappresenta il primo tentativo, nell'ambito dell'editoria italiana, della realizzazione di un testo/atlante delle principali fortezze e città del mondo. A differenza dei suoi predecessori, dei quali utilizza spesso i rami e le iconografie, egli concepisce un'opera unitaria corredata di testi e di indice, della quale, per la prima volta, si è ha conoscenza dell'esatto numero di tavole che la compongono. Sicuramente ispirata all'opera del Du Pinet Plantz, Pourtraitz et descriptions de plusieurs ville set forteresses.., la raccolta del Ballino è molto probabilmente solo una parte del progetto iniziale, molto più ampio. Egli probabilmente intendeva pubblicare un'edizione in latino, sperando di lanciare la sua opera a livello europeo, ma si arrese davanti alla pubblicazione del primo libro del Civitates Orbis Terrarum di Georg Braun & Fransz Hogenberg, che in qualche modo bruciò parecchie delle iniziative editoriali sull'iconografia urbana … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-14 21:13:06
Paolo FORLANI (Attivo a Venezia seconda metà del XVI secolo)
1567. "Carta geografica delle Fiandre di Poalo Forlani, incisore ed editore di questa mappa. La carta rappresenta un ottimo esempio della diffusione di materiale cartografico nell'Europa del XVI secolo. Infatti deriva ed è basata in tutto e per tutto sulla mappa della zona contenuta nella ""Descrizione de tutti i Paesi Bassi"" di Lodovico Guicciardini edita ad Anversa sempre nello stesso anno, 1567. Magnifico esemplare, con apmi margini, in ottimo stato di conservazione. Rara." This rather strongly generalized 1567 Venice engraving by Paolo Forlani is an illustrative example for the swiftness in the transfer of information in contemporary mammaking. It is copied after a woodcut map of Flanders, published in the first edition of the Descrittione de tutti i Paesi Bassi (Antwerp 1567) by Lodovico Guicciardini. A fine example, with full margins, perfect conditions. Rare. Venezia Venice Meurer, The Strabo Illustratus Atlas, 15; Karrow 56, 6.7; Woodward, 67; Tooley, 203; Novacco, 4F 151 355 265
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-14 15:48:33
Bolognino ZALTIERI (Attivo a Venezia nel 1566)
1567. Bella carta della Brabantia, modellata sul prototipo prodotto ad Anversa da Jacob van Deventer nel 1536. Il Deventer può essere considerato come il padre della cartografia Olandese, e le sue mappe, realizzate tra il 1536 ed il 1545, furono stampate in patria solo tra il 1558 ed il 1560. Le sue mappe furono invece stampate a Roma nel 1556 (quindi 2 anni prima di Anversa) da Michele Tramezzino, e incise dall'olandese Jacob Bos. A Venezia le carte del Deventer furono per la prima volta incise da Paolo Forlani, per l'editore Camocio (1563 - 66). Il presente esemplare, inciso da Girolamo Olgiato per l'editore Bolognino Zaltieri nel 1567, è una fedele copia della mappa di Forlani/Camocio del 1566 (Tooley 144). Magnifico esemplare, con margini, in ottimo stato di conservazione. Rara. Beautiful map of Brabanti, modeled on the prototype made in Antwerp by Jacob van Deventer,1536. The Deventer can be considered as the father of Dutch cartography, and its maps, made between 1536 and 1545, were printed at home only between 1558 and 1560. His maps were instead printed in Rome in 1556 (then 2 years before Antwerp) by Michele Tramezzino, and engraved by the Dutchman Jacob Bos. In Venice the maps of Deventer were first engraved by Paolo Forlani, for the publisher Camocio (1563 - 66). This map, engraved by Girolamo Olgiato for the publisher Bolognino Zaltieri in 1567, is a faithful copy of the map by Forlani / Camocio of 1566 (Tooley 144). Magnificent example, with margins, in excellent condition. Rare. Venezia Venice Karrow 25, 1.5; Novacco 4F 152; Tooley, 145 400 520
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-13 23:46:35
TAGAULT (Jean)
Lyon, Guillaume Rouille, 1567. [16]-487-[48] pages (signatures : aa8, a8-z8, A8-G8, H4, AA8-CC8) veau havane de l'époque, dos à nerfs et à petits fleurons, encadrement de triple filet et fleurs de lys angulaires, fer doré oval au centre des plats 1567, 1567, in-8, [16]-487-[48] pages (signatures : aa8, a8-z8, A8-G8, H4, AA8-CC8), veau havane de l'époque, dos à nerfs et à petits fleurons, encadrement de triple filet et fleurs de lys angulaires, fer doré oval au centre des plats, Bois dans le texte, représentant notamment des instruments et 3 squelettes à pleine page, dans des postures inspirées des figures de Vésale. Ce manuel de chirurgie populaire, publié pour la première fois en 1543, fut augmenté d'un sixième livre en 1544 ; notre édition comporte ce sixième livre, intitulé De materia chirurgica, rédigé par Jacques Houllier, élève de Tagault. Médecin français célèbre du XVIe siècle, Jean Tagault fut l'un des premiers professeurs de chirurgie ; il enseigna à la faculté de Paris, particulièrement ce qui concerne le traitement des fractions et des luxations. Rares surcharges anciennes à l'encre dans le texte. Baudrier IX-314; Durling p. 554
Bookseller: Librairie Alain Brieux
2016-09-09 13:35:27
Ceredi, Giuseppe
appresso Seth Viotti, 1567. CEREDI GIUSEPPE - Parma, appresso Seth Viotti, 1567. In 4°, pergamena molle coeva con titolo calligrafico al dorso; (20), 100, pp. Marca tipografica al frontespizio, con 13 illustrazioni xilografiche nel testo e 4 tavole in xilografia ripiegate f. t. Unica edizione. Tratta con molta erudizione delle macchine idrovore, dei loro inventori, e della vite d'Archimede che egli preferisce alle altre; e si estende in materie idrauliche che meriterebbero essere studiate per la storia di questa scienza. Brunitura nel piano anteriore e nel front. peraltro esemplare ben conservato. Riccardi, 339 - 40.
Bookseller: Brighenti libri esauriti e rari
2016-09-08 02:24:52
Acidalius, Valens/Gediccus, Simon
Hoorn, Aegidius van Ophem 17XX - 2 werken in 1 band, (8) 50, 93 p. Origineel Perkament, goudbestempeld, 8° (Opnieuw in de band gezet, plaatselijk wat gebruind, ex-libris D.F. Scheurleer, met het wapen van Schiedam op het voor- en achterplat gestempeld. Zeer zeldzame bundel van 2 werken, het eerste vermoedelijk van Valens Acidalius, 1567-1595 en het tweede van Simon Geddicus, 1551-1631. Het eerste werk bevat een satire waarbij de auteur de manier van redeneren van de wederdopers imiteerd. Een groepering van de wederdopers betwistte de godheid van Christus met bijbelse argumenten. Acidalius 'bewijst' door gebruik van dezelfde redenatie en het gebruik van bijbelteksten dat vrouwen geen mensen zijn. In het tweede werk worden zijn argumenten weerlegt door de lutherse Geddicus. Een zeer interessant en inderdaad 'vermakelyk' werk zoals de titel aangeeft.) Fleischer, M.P. (1981). Are Woman Human? The debate of 1595 between Valens Acidalius and Simon Geddicus. In: The Sixteenth Century Journal Vol. 12, No. 2 [Attributes: Soft Cover]
Bookseller: Antiquariaat de Roo
Check availability:
2016-09-03 15:59:01
VITRUVIUS MARCUS POLLIO
Francesco de' Franceschi, & Giovanni Chrieger, 1567. In 4° (235x175), pagg. (8), 506 (con errori di numerazione). Testo in carattere tondo e corsivo. Dedica al Card. di Ferrara Ippolito d'Este. Frontespizio con bella cornice architettonica e figure allegoriche, lo stesso fregio della prima edizione del Marcolini del 1556; capolettera istoriati entro grandi vignette silografiche, moltissime (oltre cento) eleganti incisioni di architetture, macchine, orologi e altro nel testo in silografia, attribuite da Cicognara e Poleni all'intagliatore tedesco Giovanni Chrieger, illustrazioni che furono usate per la già citata prima edizione latina in folio del 1556, per la quale il Barbaro si era avvalso della collaborazione del Palladio. Solida legatura in piena pergamena rigida del XVIII sec., titolo su tassello in marocchino rosso al dorso, tagli marmorizzati policromi. Seconda edizione dell'Architettura vitruviana nella accurata traduzione e con il commento di Daniele Barbaro (1513 - 1570), che sostituì quella di Cesariano; in questa nuova edizione integrata e reincisa in formato ridotto dal Chrieger. Ottimo esemplare che presenta lievi arrossamenti ed un piccolo alone all'angolo del marg. inf. solo a poche pagg. Nota di possesso al frontespizio di Alessandro Raffaelli e Giuseppe Bandinucci. Adams, V 917; Fowler 413; Cicognara 717; Poleni 95; Riccardi II, 615.
Bookseller: Libreria Antiquaria Perini s.a.s.
2016-08-26 12:41:20
Paolo FORLANI (Attivo a Venezia seconda metà del XVI secolo)
1567. - PRIMA EDIZIONE - Rarissima veduta prospettica tratta dal celebre 'Il primo libro delle citta, et fortezze principali del mondo' di Paolo Forlani, pubblicato nel 1567. Con la pubblicazione dell'opera del Forlani si entra in uno dei più interessanti filoni editoriali del '500 italiano: la raccolta di piante e vedute urbane. Il lavoro del cartografo veronese rappresenta la prima raccolta di cartografia urbana stampata in Italia, della quale è conservato un solo esemplare contenente 32 vedute, alla Osterreichische Nationalbibliothek. Forlani non pubblicò mai una seconda parte, cedendo i diritti dei rami a Domenico Zenoi, che le utilizzò nello stesso anno per una raccolta priva di titolo, e successivamente a Bolognino Zaltieri, che se ne servì (insieme a rami del Bertelli e dello Zenoi) per illustrare l'opera curata da Giulio Ballino De' disegni delle più illustri città, et fortezze del mondo, 1569. La raccolta del Forlani precede pertanto di un anno l'analoga opera di Donato e Ferrando Bertelli (1568) e di due quella di Giulio Ballino (1569). Magnifica prova di questa rarissima veduta. Incisione in rame, in ottimo stato di conservazione. - FIRST EDITION WITHOUT TEXT - A very rare birds eye view from the famous 'Il primo libro delle citta, et fortezze principlai del mondo' by Paolo Forlani, published in 1567. After this collection was made available, it gave start to a new tendency in XVI century Italy: the collection of city plans and urban views. This particular collection, put together by the Veronese cartographer, represents the first urban cartographic collection pr … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-26 12:41:20
Domenico ZENOI (Attivo tra il 1559 e il 1574)
1567. De' disegni delle più illustri città e fortezze del mondo.. Giulio Ballino era un avvocato veneziano che frequentava la casa dei Manunzio già verso il 1530, dedicandosi in gioventù allo studio dei classici. Il libro De' disegni delle più illustri città, et fortezze del mondo.. stampato a Venezia da Bolognino Zaltieri nel 1569 è costituito da cinquanta vedute ed una carta geografica. L'opera rappresenta il primo tentativo, nell'ambito dell'editoria italiana, della realizzazione di un testo/atlante delle principali fortezze e città del mondo. A differenza dei suoi predecessori, dei quali utilizza spesso i rami e le iconografie, egli concepisce un'opera unitaria corredata di testi e di indice, della quale, per la prima volta, si è ha conoscenza dell'esatto numero di tavole che la compongono. Sicuramente ispirata all'opera del Du Pinet Plantz, Pourtraitz et descriptions de plusieurs ville set forteresses.., la raccolta del Ballino è molto probabilmente solo una parte del progetto iniziale, molto più ampio. Egli probabilmente intendeva pubblicare un'edizione in latino, sperando di lanciare la sua opera a livello europeo, ma si arrese davanti alla pubblicazione del primo libro del Civitates Orbis Terrarum di Georg Braun & Fransz Hogenberg, che in qualche modo bruciò parecchie delle iniziative editoriali sull'iconografia urbana. Le carte della raccolta sono datate tra il 1566 ed il 1568; secondo un recente studio di Albert Ganado (1993), trentadue di queste risultano essere ristampe dei rami di Paolo Forlani e di Domenico Zenoi, per la prima volta apparsi ne Il primo libro d … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-26 12:41:20
Paolo FORLANI (Attivo a Venezia seconda metà del XVI secolo)
1567. "Per la prima volta pubblicata nella rarissima raccolta di Paolo Forlani ""Il primo libro delle citta, et fortezze principali del mondo"" edito nel 1567 a Venezia, questa lastra proviene dalla successiva (di 2 anni) raccolta del Ballino, denominata ""De' disegni delle più illustri città e fortezze del mondo"". Giulio Ballino era un avvocato veneziano che frequentava la casa dei Manunzio già verso il 1530, dedicandosi in gioventù allo studio dei classici. Il libro De' disegni delle più illustri città, et fortezze del mondo.. stampato a Venezia da Bolognino Zaltieri nel 1569 è costituito da cinquanta vedute ed una carta geografica. L'opera rappresenta il primo tentativo, nell'ambito dell'editoria italiana, della realizzazione di un testo/atlante delle principali fortezze e città del mondo. A differenza dei suoi predecessori, dei quali utilizza spesso i rami e le iconografie, egli concepisce un'opera unitaria corredata di testi e di indice, della quale, per la prima volta, si è ha conoscenza dell'esatto numero di tavole che la compongono. Sicuramente ispirata all'opera del Du Pinet Plantz, Pourtraitz et descriptions de plusieurs ville set forteresses.., la raccolta del Ballino è molto probabilmente solo una parte del progetto iniziale, molto più ampio. Egli probabilmente intendeva pubblicare un'edizione in latino, sperando di lanciare la sua opera a livello europeo, ma si arrese davanti alla pubblicazione del primo libro del Civitates Orbis Terrarum di Georg Braun & Fransz Hogenberg, che in qualche modo bruciò parecchie delle iniziative editoriali sull'iconografia urbana … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-26 12:41:20
Paolo FORLANI (Attivo a Venezia seconda metà del XVI secolo)
1567. "Veduta a volo d'uccello da nord con sullo sfondo le case di Borgo. E' una derivazione dell'incisione di Giulio De Musi, la prima incisione a mostrare dall'alto la nuova cinta esterna pentagonale di fortificazione voluta da Pio IV, munita di fossato e di baluardi ad "asso di picche". Per questo progetto Pio IV, nel 1561, si affidò all'architetto militare Francesco Laparelli (1521 - 1570), la cui fama è legata soprattutto al progetto di fondazione e fortificazione della città La Valletta, a Malta. Oltre alla costruzione di nuove mura di fortificazione della Mole Adriana, il progetto di Laparelli prevedeva anche la pianificazione di un nuovo borgo, che dal pontefice prenderà il nome di Borgo Pio, e l'apertura di Porta Angelica. Questa lastra è per la prima volta pubblicata nella rarissima raccolta di Paolo Forlani ""Il primo libro delle citta, et fortezze principali del mondo"" edito nel 1567 a Venezia. Il presente esemplare proviene dalla successiva (di 2 anni) raccolta del Ballino, denominata ""De' disegni delle più illustri città e fortezze del mondo"". Giulio Ballino era un avvocato veneziano che frequentava la casa dei Manunzio già verso il 1530, dedicandosi in gioventù allo studio dei classici. Il libro De' disegni delle più illustri città, et fortezze del mondo.. stampato a Venezia da Bolognino Zaltieri nel 1569 è costituito da cinquanta vedute ed una carta geografica. L'opera rappresenta il primo tentativo, nell'ambito dell'editoria italiana, della realizzazione di un testo/atlante delle principali fortezze e città del mondo. A differenza dei suoi predecessori, … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-26 12:41:20
Paolo FORLANI (Attivo a Venezia seconda metà del XVI secolo)
1567. "Per la prima volta pubblicata nella rarissima raccolta di Paolo Forlani ""Il primo libro delle citta, et fortezze principali del mondo"" edito nel 1567 a Venezia, questa lastra proviene dalla successiva (di 2 anni) raccolta del Ballino, denominata ""De' disegni delle più illustri città e fortezze del mondo"". Giulio Ballino era un avvocato veneziano che frequentava la casa dei Manunzio già verso il 1530, dedicandosi in gioventù allo studio dei classici. Il libro De' disegni delle più illustri città, et fortezze del mondo.. stampato a Venezia da Bolognino Zaltieri nel 1569 è costituito da cinquanta vedute ed una carta geografica. L'opera rappresenta il primo tentativo, nell'ambito dell'editoria italiana, della realizzazione di un testo/atlante delle principali fortezze e città del mondo. A differenza dei suoi predecessori, dei quali utilizza spesso i rami e le iconografie, egli concepisce un'opera unitaria corredata di testi e di indice, della quale, per la prima volta, si è ha conoscenza dell'esatto numero di tavole che la compongono. Sicuramente ispirata all'opera del Du Pinet Plantz, Pourtraitz et descriptions de plusieurs ville set forteresses.., la raccolta del Ballino è molto probabilmente solo una parte del progetto iniziale, molto più ampio. Egli probabilmente intendeva pubblicare un'edizione in latino, sperando di lanciare la sua opera a livello europeo, ma si arrese davanti alla pubblicazione del primo libro del Civitates Orbis Terrarum di Georg Braun & Fransz Hogenberg, che in qualche modo bruciò parecchie delle iniziative editoriali sull'iconografia urbana … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-25 18:48:49
n.d.
Francesco De Franceschi Gaspare Bindoni Niccolò Bevilacqua e Damiano Zenaro, 1567. 241x185 mm 3 opere in 1 tomo Fori di tarlo al dorso con insignificanti perdite di pergamena difetto alle cerniere varie piccole infinestrature naturali fioriture e bruniture sparse Frontespizi a caratteri neri e rossi belle marche tipografiche architettoniche capilettera xilografici ornati e figurati. Testo a caratteri neri e rossi impaginato su due colonne incorniciate da glossa. Impreziosiscono inoltre l'edizione una vignetta xilografica in principio al Liber sextus rappresentante la consegna delle Liber Sextus a Bonifacio VIII e tre arbores sempre xilografici (due dei quali pregevolmente figurati) un Arbor consanguinitatis e un Arbor affinitatis nel Liber sextus e un Arbor de iure patronato nelle Constitutiones Clementine.
Bookseller: Libreria Antiquaria Giulio Cesare
2016-08-23 21:08:33
VITRUVIUS Marco Pollione
de Franceschi Fr, 1567. in - 4, pp. (8), 506 (ma i.e. 512, per le tav. su doppio f. num. solo 249 e 258). Leg. 700sca p. perg., tit. ms. al dorso. Dedica del traduttore al Card. di Ferrara Ippolito d'Este, gran numero di belle iniziali silogr., testo in car. corsivo e tondo. Illustrato da elegante frontesp. silogr. a motivo architettonico con fig. allegoriche, 2 tavole su doppio f. ed un gran numero di diagrammi e figure silogr., anche a piena pag., attribuite a Giov. Chriegher. Seconda edizione (dopo la prima del 1556) della stimatissima traduzione e del commento del Barbaro, che presto soppiantò quella del Cesariano (Como 1521). Bell'esempl. (sul titolo antica firma e porzione del margine inf.restaurata).
Bookseller: Libreria Antiquaria Pregliasco
2016-08-23 13:54:19
ERIZZO Sebastiano
Varisco Giovanni, 1567. in - 4, ff. (16), 93, (1 di errata), legatura coeva in pergamena floscia, titolo ms. al dorso. Impresa tipografica al titolo, belle iniziali silogr. figurate, testo impresso in bel carattere corsivo. Dedica del Dolce a Federico Gonzaga. Edizione originale ed unica del XVI secolo. Il veneziano Sebastiano Erizzo (1525 - 1585) studiò a Padova e fu membro del Consiglio dei Dieci, fu buon letterato, scrisse di vari argomenti e compose «Le sei giornate», raccolta di 36 novelle ricavate da varie fonti erudite nelle quali egli immagina che nel 1542 a Padova sei giovani studenti forestieri si riuniscano per sei Mercoledì nella casa di un loro compagno a banchettare e raccontar novelle. Bell'esemplare (accurato restauro nel margine bianco inferiore del titolo).
Bookseller: Libreria Antiquaria Pregliasco
2016-08-22 19:34:22
Domenico ZENOI (Attivo tra il 1559 e il 1574)
1567. ESEMPLARE DEL RARISSIMO QUARTO STATO. La carta di Domenico Zenoi e Ferrando Bertelli del 1567 è una delle prime tra le numerose derivazioni dell'Italia gastaldina del 1561 (richiamata anche nella dedicatoria di questa carta), che appaiono a Venezia dopo la morte del cartografo piemontese Giacomo Gastaldi, avvenuta in data incerta tra il 1565 e il 1566, in linea con l'opera di questi autori, specializzati in incisioni di carattere geografico copiate da originali di altri, sia italiani sia stranieri; essa, infatti, si basa sulla citata mappa di Gastaldi del 1561 e sulla successiva versione di Paolo Forlani del 1563, alla quale aggiunge numerosi elementi decorativi nel mare. Il grande cartiglio centrale, rettangolare, sormontato da un'elaborata decorazione con due figure allegoriche che reggono lo stemma dei patrizi veneziani Lippomano, reca una lunga dedica all'Abate Andrea Lippomani, Priore del Convento dei Cavalieri Teutonici presso la SS. Trinità (la cui chiesa fu demolita nel 1681 per ampliare il Collegio dei Padri Somaschi, poi Seminario Patriarcale di Santa Maria della Salute): qui, oltre ai dati tipografico - editoriali e alla firma dell'opera, viene specificato il titolo dell'opera stessa e delimitata l'area geografica che si era voluta rappresentare. Sebbene questa carta raffiguri tutta la penisola italiana, dal citato cartiglio si riconosce come titolo dato al documento "IL GOLFO DI VENETIA", quasi a ribadire l'egemonia, il ruolo e il potere della Serenissima in queste acque. Non è chiaro se in questo caso lo Zenoi sia solo incisore della lastra e Bertelli l'e … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-22 19:34:22
FORLANI PAOLO
1567. Incisione in rame ad acquaforte e bulino, mm 247x482. Carta con margini graduati, priva di scala grafica orientata con indicazione dei venti "Tramontana - Levante - Ponente - Ostro" ai lati della carta con il nord a sinistra. Si tratta di una ripresa di modelli precedenti fino a risalire alla prima carta in rame, "El Piamonte" di Salamanca del 1553. Stato unico. Paolo Forlani veronese fu attivo a Venezia tra il 1560 e il 1574 come incisore e mercante. Le sue incisioni, in gran parte di soggetto geografico, furono pubblicate dai principali editori e stampatori veneziani. Egli collaborò spesso con Gastaldi del quale incise ben 13 carte. La sua opera più importante è la raccolta "Il primo delle città, et fortezze principali del mondo", prima organica collezione di cartografia urbana stampata in Italia, con incisioni datate 1566 e 1567. Tra il 1566 ed il 1568 risulta attivo a "Merzaria al segno della colonna", mentre dal 1569 "in Merzaria alla libreria della nave". Forlani non pubblicò mai la seconda parte e consegnò i rami a Zenoi che nello stesso anno li riutilizzò in una sua raccolta senza titolo. Dopo il 1574 si perdono sue notizie. Molto probabilmente morì durante la grande peste che colpì Venezia tra il 1575 ed il 1576 Almagià, Monumenta Italiae Cartographica, pag. 16 - 17; Meurer, Strabo illustratus, 71; Perini, L'Italia e le sue regioni nelle antiche carte geografiche, pag. 42; Bifolco - Ronca, Cartografia rara italiana, XVI secolo, L'italia e i suoi territori, 41; Valerio, L'Italia e le sue regioni nella bottega dell'incisore, 11.
Bookseller: Libreria Antiquaria Perini s.a.s.
2016-08-22 05:09:48
(Io. Bap. PIGNA)
Ferrariae, Excudebat Franciscus Rubeus de Valentia, 1567. rara e preziosissima prima edizione degli statuti ferraresi curati dal Pigna, uomo politico e letterato (Ferrara 1530 - ivi 1575), detto Pigna dall'insegna della spezieria paterna. A venti anni professore nello Studio di Ferrara; familiare di Alfonso II, ne divenne poi segretario, cancelliere fidatissimo e temuto, storico ufficiale degli Estensi. testo in latino su una e due colonne; frontespizio, vignette, capilettere e finali incisi; due errori di numerazione: c. 20 riportata come 21 e c. 302 riportata come 320; registro datato 1566; glosse e sottolineature manoscritte coeve; ultime 13 carte bianche non numerate con appunti manoscritti
Bookseller: Libreria Editrice Belriguardo
2016-08-20 11:07:33
Giacomo GASTALDI (1500 circa - 1565 circa)
1567. - la prima carta a stampa della puglia - Carta geografica della regione, opera di Jacopo Gastaldo, pubblicata postuma alla morte dell'autore (1566) da Fernando Bertelli. Secondo il Tooley, si tratta della prima carta a stampa della sola regione, per questo di notevole importanza, fatta incidere dal Bertelli su progetto del Gastaldi. La mappa presenta una notevole analogia con la parte raffigurante la regione nell'Italia del Gastaldi del 1561. Tuttavia la presenza in questa carta di un maggior numero di centri abitati, autorizza l'Almagià ad ipotizzare che l'autore tra il 1561 ed il 1566 abbia raccolto altro materiale, sul quale il Bertelli si è basato. Essa costituisce la base per le successive mappe, da quella del 1573 di Ortelius in avanti. Giacomo Gastaldi (attivo tra il 1542 ed il 1565), un piemontese che lavorò a Venezia divenendo il cosmografo della Repubblica Veneziana. Robert Karrow nel suo testo sui cartografi lo definisce come una delle figure principali di tutto il sedicesimo secolo, sicuramente il più importante cartografo italiano del '500. Sebbene un grandissimo numero di mappe furono realizzate sotto la sua direzione, e quindi a lui assegnate come autore, risulta spesso difficile stabile quale ruolo ebbe il Gastaldi in queste creazioni. Praticamente egli non firmò quasi nessuno dei suoi lavori, nemmeno come editore; tuttavia frequentemente troviamo il suo nome nel cartiglio del titolo o della dedicatoria, a dimostrazione dell'importanza del ruolo svolto. Il principale incisore delle carte del Gastaldi fu Fabio Licinio. Incisione in rame, rifilata al ram … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-20 07:14:08
Paolo FORLANI (Attivo a Venezia seconda metà del XVI secolo)
1567. "Per la prima volta pubblicata nella rarissima raccolta di Paolo Forlani ""Il primo libro delle citta, et fortezze principali del mondo"" edito nel 1567 a Venezia, questa lastra proviene dalla successiva (di 2 anni) raccolta del Ballino, denominata ""De' disegni delle più illustri città e fortezze del mondo"". Giulio Ballino era un avvocato veneziano che frequentava la casa dei Manunzio già verso il 1530, dedicandosi in gioventù allo studio dei classici. Il libro De' disegni delle più illustri città, et fortezze del mondo.. stampato a Venezia da Bolognino Zaltieri nel 1569 è costituito da cinquanta vedute ed una carta geografica. L'opera rappresenta il primo tentativo, nell'ambito dell'editoria italiana, della realizzazione di un testo/atlante delle principali fortezze e città del mondo. A differenza dei suoi predecessori, dei quali utilizza spesso i rami e le iconografie, egli concepisce un'opera unitaria corredata di testi e di indice, della quale, per la prima volta, si è ha conoscenza dell'esatto numero di tavole che la compongono. Sicuramente ispirata all'opera del Du Pinet Plantz, Pourtraitz et descriptions de plusieurs ville set forteresses.., la raccolta del Ballino è molto probabilmente solo una parte del progetto iniziale, molto più ampio. Egli probabilmente intendeva pubblicare un'edizione in latino, sperando di lanciare la sua opera a livello europeo, ma si arrese davanti alla pubblicazione del primo libro del Civitates Orbis Terrarum di Georg Braun & Fransz Hogenberg, che in qualche modo bruciò parecchie delle iniziative editoriali sull'iconografia urbana … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-20 07:14:08
Paolo FORLANI (Attivo a Venezia seconda metà del XVI secolo)
1567. "Per la prima volta pubblicata nella rarissima raccolta di Paolo Forlani ""Il primo libro delle citta, et fortezze principali del mondo"" edito nel 1567 a Venezia, questa lastra proviene dalla successiva (di 2 anni) raccolta del Ballino, denominata ""De' disegni delle più illustri città e fortezze del mondo"". Giulio Ballino era un avvocato veneziano che frequentava la casa dei Manunzio già verso il 1530, dedicandosi in gioventù allo studio dei classici. Il libro De' disegni delle più illustri città, et fortezze del mondo.. stampato a Venezia da Bolognino Zaltieri nel 1569 è costituito da cinquanta vedute ed una carta geografica. L'opera rappresenta il primo tentativo, nell'ambito dell'editoria italiana, della realizzazione di un testo/atlante delle principali fortezze e città del mondo. A differenza dei suoi predecessori, dei quali utilizza spesso i rami e le iconografie, egli concepisce un'opera unitaria corredata di testi e di indice, della quale, per la prima volta, si è ha conoscenza dell'esatto numero di tavole che la compongono. Sicuramente ispirata all'opera del Du Pinet Plantz, Pourtraitz et descriptions de plusieurs ville set forteresses.., la raccolta del Ballino è molto probabilmente solo una parte del progetto iniziale, molto più ampio. Egli probabilmente intendeva pubblicare un'edizione in latino, sperando di lanciare la sua opera a livello europeo, ma si arrese davanti alla pubblicazione del primo libro del Civitates Orbis Terrarum di Georg Braun & Fransz Hogenberg, che in qualche modo bruciò parecchie delle iniziative editoriali sull'iconografia urbana … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-20 07:14:08
Paolo FORLANI (Attivo a Venezia seconda metà del XVI secolo)
1567. "Per la prima volta pubblicata nella rarissima raccolta di Paolo Forlani ""Il primo libro delle citta, et fortezze principali del mondo"" edito nel 1567 a Venezia, questa lastra proviene dalla successiva (di 2 anni) raccolta del Ballino, denominata ""De' disegni delle più illustri città e fortezze del mondo"". Giulio Ballino era un avvocato veneziano che frequentava la casa dei Manunzio già verso il 1530, dedicandosi in gioventù allo studio dei classici. Il libro De' disegni delle più illustri città, et fortezze del mondo.. stampato a Venezia da Bolognino Zaltieri nel 1569 è costituito da cinquanta vedute ed una carta geografica. L'opera rappresenta il primo tentativo, nell'ambito dell'editoria italiana, della realizzazione di un testo/atlante delle principali fortezze e città del mondo. A differenza dei suoi predecessori, dei quali utilizza spesso i rami e le iconografie, egli concepisce un'opera unitaria corredata di testi e di indice, della quale, per la prima volta, si è ha conoscenza dell'esatto numero di tavole che la compongono. Sicuramente ispirata all'opera del Du Pinet Plantz, Pourtraitz et descriptions de plusieurs ville set forteresses.., la raccolta del Ballino è molto probabilmente solo una parte del progetto iniziale, molto più ampio. Egli probabilmente intendeva pubblicare un'edizione in latino, sperando di lanciare la sua opera a livello europeo, ma si arrese davanti alla pubblicazione del primo libro del Civitates Orbis Terrarum di Georg Braun & Fransz Hogenberg, che in qualche modo bruciò parecchie delle iniziative editoriali sull'iconografia urbana … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-20 07:14:08
Paolo FORLANI (Attivo a Venezia seconda metà del XVI secolo)
1567. "Per la prima volta pubblicata nella rarissima raccolta di Paolo Forlani ""Il primo libro delle citta, et fortezze principali del mondo"" edito nel 1567 a Venezia, questa lastra proviene dalla successiva (di 2 anni) raccolta del Ballino, denominata ""De' disegni delle più illustri città e fortezze del mondo"". Giulio Ballino era un avvocato veneziano che frequentava la casa dei Manunzio già verso il 1530, dedicandosi in gioventù allo studio dei classici. Il libro De' disegni delle più illustri città, et fortezze del mondo.. stampato a Venezia da Bolognino Zaltieri nel 1569 è costituito da cinquanta vedute ed una carta geografica. L'opera rappresenta il primo tentativo, nell'ambito dell'editoria italiana, della realizzazione di un testo/atlante delle principali fortezze e città del mondo. A differenza dei suoi predecessori, dei quali utilizza spesso i rami e le iconografie, egli concepisce un'opera unitaria corredata di testi e di indice, della quale, per la prima volta, si è ha conoscenza dell'esatto numero di tavole che la compongono. Sicuramente ispirata all'opera del Du Pinet Plantz, Pourtraitz et descriptions de plusieurs ville set forteresses.., la raccolta del Ballino è molto probabilmente solo una parte del progetto iniziale, molto più ampio. Egli probabilmente intendeva pubblicare un'edizione in latino, sperando di lanciare la sua opera a livello europeo, ma si arrese davanti alla pubblicazione del primo libro del Civitates Orbis Terrarum di Georg Braun & Fransz Hogenberg, che in qualche modo bruciò parecchie delle iniziative editoriali sull'iconografia urbana … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-07-11 19:32:05
Otto, Truchseß von Waldburg).
Dillingen, Sebald Mayer, 1567. 4°. Mit einem Wappenholzschnitt am Titel, einem ganzs. Holzschnitt am Titel verso u. 5 Holzschn.-Initialen. 8 nn. Bll., 112 num. Bll., Flex. Pgmt. d. Zt. m. durchzogenen Bünden u. handschriftl. Rückentitel. Otto, Truchseß von Waldburg, war Bischof in Augsburg. - Der schöne Holzschnitt auf der Titelrückseite zeigt den sich opfernden Pelikan (vgl. hierzu Grimm, Buchdruckersignete 182ff.). - Einband etw. bestoßen u. fleckig. Tlw. stockfleckig u. etw. gebräunt. - VD16, A 4088; Bucher, Dillingen 238; Schottenloher, Glaubensspaltung III, 29233; Veith IV, 132; nicht bei Adams u. im BM STC, German Books. Versand D: 9,80 EUR Otto, Truchseß von Waldburg, Bischof in Augsburg, Decreta synodalia Dioecesis Augustanae
Bookseller: Antiquariat Wolfgang Friebes [Graz, Austria]
2016-07-05 08:39:31
(Otto, Truchseß von Waldburg).
Dillingen, Sebald Mayer, 1567. 4°. Mit einem Wappenholzschnitt am Titel, einem ganzs. Holzschnitt am Titel verso u. 5 Holzschn.-Initialen. 8 nn. Bll., 112 num. Bll., Flex. Pgmt. d. Zt. m. durchzogenen Bünden u. handschriftl. Rückentitel. Otto, Truchseß von Waldburg, war Bischof in Augsburg. - Der schöne Holzschnitt auf der Titelrückseite zeigt den sich opfernden Pelikan (vgl. hierzu Grimm, Buchdruckersignete 182ff.). - Einband etw. bestoßen u. fleckig. Tlw. stockfleckig u. etw. gebräunt. - VD16, A 4088; Bucher, Dillingen 238; Schottenloher, Glaubensspaltung III, 29233; Veith IV, 132; nicht bei Adams u. im BM STC, German Books. Versand D: 12,00 EUR Otto, Truchseß von Waldburg, Bischof in Augsburg, Decreta synodalia Dioecesis Augustanae
Bookseller: Antiquariat Wolfgang Friebes
2016-06-10 20:03:41
Magnus, Olaus
Basel 1567. Folio. Fint 1700-talls helskinnbd. med 6 opphøyde bind. Rik ryggdekor i gull. Treskåret tittelbl. 485 tresnitt i teksten. Stort foldet kart. (48) bl. + 854 s. + (1) bl. Ryggen fagmessig rebacked med bevaring av gammel rygg. Rent og fint eks. med kartet i god stand. . . 18th century full calf with 6 raised bands. Spine richly gilt. Woodcut title. 485 woodcuts in text. Large folding map. Spine skilfully rebacked preserving old spine. Clean and nice copy. Map in good condition.
Bookseller: Ruuds Antikvariat [Norway]
2016-05-30 20:21:15
Surius, Laurentius,
Coloniae [Köln], Apud Geruinum Calenium, & haeredes Iohannis Quentel. 16 x 11 cm. [8] Bl., 936 S., [32] Bl. Index [d. l. weiß]. Mit Holzschnitt-Druckermarke auf dem Titel und einigen Holzschnitt-Initialen. Modernes Halbpergament unter Verwendung einer Musikhandschrift. VD16 S 10242. BM German Books, 844 (Ausgabe von 1568). Adams S 2097. Eine der besten Zeitgeschichten des 16. Jahrhunderts, erweitert bis zum Jahr 1567. "Contains references to Columbus and Vespuccius" (Sabin) und größere Abschnitte über Mexiko und Florida. Laurentius Surius, O. Carth. (1522-1578) war ein namhafter Kölner Hagiograph und Kirchengeschichtsschreiber. Sein Commentarius brevis rerum war "entgegengesetzt dem Geschichtswerk des Sleidan (.) und daher protestantischer Seits sehr geschmäht". (WetzerWelte X, 1853, S. 531).
Bookseller: Antiquariat Peter Fritzen [Trier, Germany]
2016-05-30 19:27:51
COUNTER-REFORMATION). RUPERT OF DEUTZ
Bookseller: Phillip J. Pirages Rare Books (ABAA) [McMinnville, OR, U.S.A.]
2016-05-30 19:27:51
COUNTER-REFORMATION). RUPERT OF DEUTZ
Bookseller: Phillip J. Pirages Rare Books (ABAA) [McMinnville, OR, U.S.A.]
2016-05-30 19:27:51
COUNTER-REFORMATION). RUPERT OF DEUTZ
Bookseller: Phillip J. Pirages Rare Books (ABAA) [McMinnville, OR, U.S.A.]
2016-05-30 13:05:16
ARISTOTELES
1567. Eiusdem Gruchij in singulos libros argumenta et notae, cum eiusdem disputatione de nomine Dialectices et Logices, et quň singuli libri Organi Aristotelis perteninant. Parisiis 1567. Ex Officina Iacobi du Puys. (16,5 x 11 cm), s. 704, opr. sk. z epoki. Brakująca karta tyt. zastąpiona kserokopią, ślady zawilg., oprawa z otarciami, dorabiany grzbiet, na karcie przedtyt. zapiska, w tekście liczne marginalia i zapiski z epoki. Pierwsza zachowana karta kolorowana. Arystoteles, m. in. twórca logiki formalnej, systemu, który w prawie niezmienionej formie przetrwał do dzisiejszych czasów. Dzieło zawiera pisma Arystotelesa w interpretacji Nicolasa de Grouchy (1510-1572), uczonego francuskiego, dodatkowo polemizującego z innym francuskim uczonym Joachimem Perionem (1498 - 1559). No original title leaf - instead of that there is a reproduction. [Attributes: Hard Cover]
Bookseller: Antykwariat Wójtowicz [Kraków, Poland]
2016-05-08 12:47:20
ERIZZO, Sebastiano.
Mandate in luce da M. Lodovico Dolce, all'illustriss. S. Federico Gonzaga Marchese di Garzuolo. Venetia, Giouan Varisco e compagni, 1567. in-4, ff. (16), 93, (1 di errata), legatura coeva in pergamena floscia, titolo ms. al dorso. Impresa tipografica al titolo, belle iniziali silogr. figurate, testo impresso in bel carattere corsivo. Dedica del Dolce a Federico Gonzaga. Edizione originale ed unica del XVI secolo. Il veneziano Sebastiano Erizzo (1525-1585) studiò a Padova e fu membro del Consiglio dei Dieci, fu buon letterato, scrisse di vari argomenti e compose «Le sei giornate», raccolta di 36 novelle ricavate da varie fonti erudite nelle quali egli immagina che nel 1542 a Padova sei giovani studenti forestieri si riuniscano per sei Mercoledì nella casa di un loro compagno a banchettare e raccontar novelle. Bell'esemplare (accurato restauro nel margine bianco inferiore del titolo). Gamba 1381. Fontanini p. 93/3. BMC 237. Adams E-923. Passano I, 291:«Rara ed unica edizione del sec. XVI. Novelle scritte in buona lingua, sebbene vi si avvisi qualche stento per la voglia d'imitare il Boccaccio». [Attributes: Hard Cover]
Bookseller: Libreria Antiquaria Pregliasco [Torino, Italy]
2016-05-08 12:47:20
ERIZZO Sebastiano
Bookseller: Libreria Antiquaria Pregliasco [Torino, Italy]
2016-05-07 19:19:18
Heyden, Johan :
Frankfurt, Rab, Feyerabend & Han, 1567. - Darjnn die Hebreische, Caldeische, Syrische, Griechische, un Lateinische, Namen, Gottes, un deß Herrn Christi, Jtem, der Menschen Völcker, Abgötter, Götzen . : Sampt einer kurtzen notwendigen Chronica . ; Mit angehengtem Zeyt und Tagkalender. 6 Blatt, CCCXCIIII, 35 Blatt, geprägter Schweinledereinband der Zeit ohne die Schließen, 33 x 21 cm, Einband berieben, bestossen und fleckig, der vordere Holzdeckel angebrochen (repariert), Rücken mit kleinem Loch, ohne die Vorsatzblätter, innen unterschiedlich gebräunt, teils etwas stockfleckig, Buchblock vorgewölbt.
Bookseller: Antiquariat H. Carlsen
Check availability:
2016-04-26 16:10:34
Christofe de CATTAN (Christophe de CATTAN - Cristoforo CATTANEO)
A Paris, Jean Corrozet, 1567. Pour Gilles Gilles, Libraire demeurant devant le Collège de Cambray, aux trois Corones. Petit in - 4, reliure postérieure demi - basane chocolat, dos lisse orné de filets et fleurons dorés. 3 feuillets blancs, 145 feuillets (titre gravé compris) et 2 feuillets pour la table. Très beau titre dans un encadrement gravé par Jean Cousin "aux deux faunes" et signé C en bas dans le motif. Lettrines, nombreuses figures dans le texte attribuées à Oronce Finé, dont la célèbre Roue Pythagorique, ou de fortune, au verso du feuillet 143. Tableaux et diagrammes. Manque sur le haut de la page de titre (découpe en long de 1/2 cm), ex - libris manuscrit "Joannis Jacobi, second Doctoris medici université Montpellier". Mouillure pâle en marge haute des 14 premiers feuillets. Seconde édition. Un des traités les plus complets de géomancie. L'auteur s'intéresse autant à l'astrologie qu'à la divination, examinant une à une les figures composées par les planètes, les étoiles et les constellations. Il comprend des données du plus haut intérêt sur l'astrologie et les autres branches de la divination (Caillet). Ecrit en français et publié par Gabriel Dupréau qui en avait obtenu le manuscrit, il s'agit de l'unique ouvrage du Gênois Christofe de Cattan qui ait connu les honneurs de l'impression. L'ouvrage divisé en trois livres, débute avec l'explication des signes du zodiaque et l'influence des quatre éléments pour ensuite continuer avec l'explication du système numérologique de Girard de Crémone qui occupe un long chapitre. Les informations sur La roue de fortune "approu … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Librairie Artgil
2016-04-26 16:10:34
Christofe de CATTAN (Christophe de CATTAN - Cristoforo CATTANEO)
A Paris, Jean Corrozet, 1567. Pour Gilles Gilles, Libraire demeurant devant le Collège de Cambray, aux trois Corones. Livre non moins plaisant et récréatif, que d'ingenieuse invention, pour scavoir toutes choses presentes, passes, & à advenir. Avec la Roüe de Pythagoras. Le tout mis en lumiere par Gabriel du Preau: & par luy dedié à monsieur Nicot, Conseiller du Roy, & maistre des Requestes de l'hostel. Petit in-4, reliure postérieure demi-basane chocolat, dos lisse orné de filets et fleurons dorés. 3 feuillets blancs, 145 feuillets (titre gravé compris) et 2 feuillets pour la table. Très beau titre dans un encadrement gravé par Jean Cousin "aux deux faunes" et signé C en bas dans le motif. Lettrines, nombreuses figures dans le texte attribuées à Oronce Finé, dont la célèbre Roue Pythagorique, ou de fortune, au verso du feuillet 143. Tableaux et diagrammes. Manque sur le haut de la page de titre (découpe en long de 1/2 cm), ex-libris manuscrit "Joannis Jacobi, second Doctoris medici université Montpellier". Mouillure pâle en marge haute des 14 premiers feuillets. Seconde édition. Un des traités les plus complets de géomancie. L'auteur s'intéresse autant à l'astrologie qu'à la divination, examinant une à une les figures composées par les planètes, les étoiles et les constellations. Il comprend des données du plus haut intérêt sur l'astrologie et les autres branches de la divination (Caillet). Ecrit en français et publié par Gabriel Dupréau qui en avait obtenu le manuscrit, il s'agit de l'unique ouvrage du Gênois Christofe de Cattan qui ait connu les honneurs de l'impression. … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Artgil [FR]
______________________________________________________________________________


      Home     Wants Manager     Library Search     564 Years   Links     Contact      Search Help      Terms of Service      Privacy     


Copyright © 2020 viaLibri™ Limited. All rights reserved.