The viaLibri website requires cookies to work properly. You can find more information in our Terms of Service and Privacy Policy.

Displayed below are some selected recent viaLibri matches for books published in 1565
2016-10-19 09:41:12
Rabenhaupt (Rabenhapp), Johann.
1565. Folio (235:314 mm). German ms. on paper with calligraphic captions and several half-titles. 453 ff. Contemp. blindstamped pigskin on wooden boards. Wants ties. Exceptionally attractive and important manuscript from the Bohemian Royal offices; the principal document of the Bohemian national finances in the second year of the rule of Emperor Maximilian II. A beautiful and hitherto unknown document of Renaissance bookkeeping in its well-preserved original binding. - In the present manuscript, Johann Rabenhaupt, head of the Royal bursary and responsible for the accounting year 1565, has testified the correct statement of revenues and expenditures by his signature on every page. The volume begins with an alphabetical index, arranged in double pages and listing revenues (on left) and payments (on right) by name. Among the payers and recipients are several important names, most of them members of German-Bohemian, Czech and Polish noble families, the Tyrolean glass manufacturer Sebastian Hochstetter von Scheibenegg (d. 1573), but also the great physician Pietro Andrea Mattioli (1500-77): "Petter Andreas Mathiolo [...] Ertzherzog Ferdinanden zu Osterreich LeipPhisicus, hatt zu farlicher Provision Ainhundert gulden Reinisch, die khun zwayundvierzig schockh Ainundfunffzig groschen drey pfennig behamisch; dieselb hab ich Ime für dreyzehen Monat Anzuraitten [...]" (Bl. 263 v.). Mattioli, known especially for his Dioscorides commentary, moved to Prague in 1552 as personal physician to Archduke Ferdinand, where he was later to be made head medical advisor to Emperor Maximilian II. ( … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Antiquariat Inlibris
2016-10-17 08:40:50
SACCO Bernardo.
1565. Papiae [Pavia], apud Hieronymum Bartholum, 1565, in-4, leg. del primo Ottocento in mezza pergamena (scurita) con punte, titolo e filetti in oro al dorso, piatti in carta "radicata", cc. [4], 114, [6]. Con marca editoriale in xilografia sul front. Prima edizione.
Bookseller: Libreria Antiquaria Gozzini
2016-10-07 15:58:05
MENOCHIO Iacopo (Giacomo)
Torrentinus, 1565. 2 voll. in 4 rilegati in un tomo, pp. 323; 6 + (2b) + 107 + 12 + (1b). Galleria di tarlo al margine interno bianco delle prime 7 cc. Leggermente rifilato il margine superiore. Restauro all'angolo superiore dell'ultima carta di indice del II volume. Legatura in piena pg. coeva con gora al p. ant. e fori di tarlo ai piatti. Rarissima edizione orig. stampata a Mondovi', dal Torrentino, di ques'opera giuridica sul possesso che conobbe numerose edizioni, trentasette, fra il 1577 e il 1687 e fu un testo di riferimento fondamentale. Menochio, giurista tra i piu' reputati del suo tempo, nacque a Pavia nel 1532, qui consegui' il dottorato nel 1556, poi insegno' a Pavia, quindi a Mondovi' dove venne stampata l'opera, poi a Padova e di nuovo a Pavia. LAT
Bookseller: Libreria Antiquaria Coenobium
2016-10-01 23:28:03
ELIEN CLAUDE, DIT LE SOPHISTE. (AELIANUS CLAUDIUS. VERS 170-230).
15651565IN-8 (11,5 X 17,5 CENTIMETRES ENVIRON) DE (16) + 668 ET (37) PAGES, RELIURE D'EPOQUE PLEIN VELIN IVOIRE A RECOUVREMENT, COUTURES APPARENTES. TITRE ILLUSTRE DE LA VIGNETTE DE L'IMPRIMEUR LYONNAIS GUILLAUME ROUILLE. OUVRAGE TRADUIT DU GREC PAR PIERRE GILLES (ALBI. 1490 - ROME. 1555). TRACE D'HUMIDITE ANCIENNE SANS AUCUNE GRAVITE A MI-PAGE SUR QUELQUES FEUILLETS, QUELQUES TACHES ANCIENNES EPARSES SUR LES PLATS, SINON BEL EXEMPLAIRE.
Bookseller: Librairie du Château de Capens
2016-09-29 20:29:02
CARDANO, Girolamo
Parisiis, 1565. CARDANO, Girolamo. De methodo medendi sectiones quator... Parisiis, in Aedibus Rouillij, (Rovilli), 1565. In - 8° antico, pergamena coeva (stanca). (16), 393, (15) pp., insegna tipografica in tre frontespizi (prima, seconda e quarta sezione), fregio centrale in fine. Lievissime ombreggiature di umidità all' angolo inferiore, ma esemplare abbastanza ben conservato. Contenuto: Sectione prima, recentorarum medicorum errores centum refelluntur. - Sectione secunda, de simplicium madicamentorum nocumentis agitur, et eorum usus ad annussim enucleatur. - Sectione tertia, admirandes curationes, et praedictones morborum continet. - Sectione quarta, Consilia in diversis morborum generibus complectitur. Rara edizione parigina. Hirsh, I, p. 829. Durling, 843. Wellcome, I, 1279.
Bookseller: Brighenti libri esauriti e rari
2016-09-29 12:02:32
Bartolomeo da Brescia
1565. Bulino, 1565, datato e firmato in alto a destra 'BAR.BRIX.F / ..65'. Bellissima prova, impressa su carta vergata coeva, con margini, in perfetto sttao di conservazione. L'opera raffigura l'episodio finale della Passione di Cristo, ovvero la deposizione dalla Croce, secondo il Vangelo di Giovanni, in cui il corpo di Gesù, ormai esanime, viene deposto dalla croce. Il suo corpo è sorretto dalla Vergine, seduta. Alla sua destra è la Maddalena. A sinistra, S. Giovanni Evangelista, Giuseppe di Arimatea e Nicodemo. Splendida impressione di questo stampa estremamente rara. Ex collezione A. C. de Poggi (Lugt 617). Engraving, 1565, Lettered in upper right 'BAR.BRIX.F / 1565'. A fine impression, printed on laid paper, with margiins, perfect condition. The lamentation beneath the Cross, Christ is held by the Virgin, to the left is the Magdalene and at the right, St John the Evangelist, St Joseph of Arimathaea and Nicodemus A very good impression of this extremely scarce print. Ex collection A. C. de Poggi (Lugt 617). Bartsch XV.535.2; Nagler, I, 1684. 177 254
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-24 22:01:48
GELENIUS
1565 Parisiis, Apud Guilielmum IULLIANUM.. Petit in-huit plein vélin à lacets, dos lisse avec le titre à la plume, très jolie couture de réparation sur l'un des plats du vélin. 1 f. avec ex-libris de René Rabier, p. de titre avec vignette de typographe, ex-libris d'époque illisible et de Pouchin Prêtre 1763. 7 ff. n.c., 214 pages et 1 f. avec très jolie vignette fleuronnée gravée. Seconde édition de GELENIUS, et première édition in-8. LA MEILLEURE. La première édition est in-folio de 1555. cf. Bibliographie Historique de Saint Justin par André WARTELLE p. 24 & 31 Ed. Lanoré 2001.Voir également Sigismond Gelenius p. 119 t.16 de la Biblographie Univ. De Michaud. La traduction de Gelenius est considérée comme la meilleure et bien supérieure à celle de J. Periou.
Bookseller: Librairie Ancienne Bernard Marie Rolin [France, Blet]
2016-09-23 22:57:35
Giacomo Valegio (Verona circa 1548 - 1587)
1565. Bulino, 1565 circa, firmato in lastra in basso a destra. Da un soggetto di Marco del Moro. Bellissima prova, impressa su carta vergata coeva, con sottili margini, una piega di stampa nella parte sinistra centrale, per il resto in perfetto stato di conservazione. Sconosciuta al Bartsch ed al Passavant questa opera viene citata dal Nagler, che la descrive con cura. Il soggetto deriva dall'ambito veronese, precisamente da Marco del Moro ed è incisa nella maniera di Giacomo Caraglio. Madeline Archer la elenca tra le opere ingiustamente attribuite a Caraglio. Molto rara. Bibliografia: Nagler, Die Monogrammisten , 1837: TIB 075. Dimensioni 280x415. Engraving, 1565 circa, signed at lower right. After Marco del Moro. A fine impression, printed on contemporary paper, with thin margins, showing a little paper fold at upper left edge, generally in good conditions. Unknown by Bartsch and Passavant, this rare work is carefully described by Nagler. Madeline Archer lput this work in the doubtful prints by Caraglio. Very rare. Nagler, Die Monogrammisten , 1837: TIB 075. Dimensioni 280x415.
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-19 19:05:47
SANSOVINO, Francesco (1521-86). Orsini. -
Venezia, Domenico Niccolini per i fratelli Stagnini, 1565. 2 opere in 1 vol. In - folio piccolo. Legatura coeva in pergamena molle; titolo calligrafato sul dorso; piccola mancanza al capitello. Ad I: stemma degli Orsini entro figure allegoriche inc. in rame sul frontespizio (ripetuto sul frontespizio della seconda opera), e 4 genealogie a piena pagina e una a doppia pagina. (13), 135, (1) ff. Ad II: 11 bei ritratti a piena pagina inc. in rame entro cornici allegoriche, ed altre 6 cornici allegoriche con impresso il nome del personaggio al centro ma senza il ritratto; marca tipografica in fine. 92 ff.; buon esemplare; antichi nomi cancellati sul primo ed ultimo foglio, qualche lieve macchiolina e ingiallitura.Dettagliata storia di una delle più illustri famiglie romane sin dal Medioevo, qui nella seconda edizione, corretta, notevolmente ampliata ed in un formato più grande rispetto all'edizione originale in - 4 stampata da Bevilacqua l'anno precedente. Segue la prima edizione De gli huomini illustri della casa Orsina, ossia quelli distintisi come cardinali o nell'esercizio delle armi (11 sono raffigurati nelle belle incisioni), esercizio a cui gli Orsini ricorsero spesso nella loro lunga rivalità con le altre famiglie romane, in particolare i Colonna. Per scrivere l'opera, gli Orsini permisero all'autore, figlio dello scultore e architetto Jacopo, di consultare il loro l'archivio privato. Spreti 3642. Adams S - 347. Rossetti, Roma, III, 9154. Mortimer, Italian, 460: «Second edition, greatly augmented... Book 3 of part 2 contains letters to the Orsini by Petrarca, Ficino, Bem … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquaria Rappaport
2016-09-19 18:06:08
DENIS
Parisiis, apud Michaëlem Iulianù, 1565. In-16, (40) ff., 289 pp., (4) ff., basane époque, dos à nerfs orné de fleurons dorés, filets à froid sur les plats avec fleuron central et fleurons dangle dorés."Saint Denys lAéropagite, martyr illustre, évêque dAthènes et apôtre des Gaules", cette personnalité mystérieuse, traversée daffabulations, de confusions et réfutations, est formée de trois personnages : lauteur est un grec néoplatonicien de la fin du Vème siècle ; on lui appropria lautorité et le pseudonyme de lévêque Denis auquel Saint Paul avait donné la révélation à Athènes et il fut pour tout le Moyen-Age, et bien au-delà, le même que Denis de Montmartre, le martyr décapité, fondateur de lEglise parisienne et protecteur particulier du royaume de France.Deux ensembles parmi ses oeuvres : 1) La "Théologie mystique" et "Des noms divins", où Dieu est cause de tout mais sans être rien de ce dont il est cause. Doù une dénomination impossible de Dieu et la théologie négative, fort courant de mystique chrétienne, contre laquelle Saint Thomas bâtit toute la Somme Théologique. 2) La "Hiérarchie céleste" et la "Hiérarchie ecclésiastique", où sordonne la série des créatures capables de recevoir la révélation. Cet ouvrage eut une influence énorme sur tout le Moyen-Age pour la représentation de la Jérusalem céleste comme vision de paix, modèle de lordonnance que les rois ont à maintenir sur la terre. De là découle toute lorganisation des triades hiérarchiques sociales et loriginalité française du concept daction politique. Une place centrale est accordé dans ce schéma au mode analogiqu … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Jacques Chaminade
2016-09-18 16:27:14
RUSCELLI GIROLAMO.
per Francesco Rocca, à S. Polo all'insegna del Castello, 1565. Cm. 14,5, pp. (48) 388; 159 (37). Grande incisione al centro del frontespizio, testate, fregi e moltissimi, grandi ed eleganti capolettera istoriati. Solida legatura in piena pergamena settecentesca. Esemplare pulito ed in ottimo stato di conservazione, senza difetti. Ampia raccolta di sonetti e poesie dedicate alla figura dell'affascinante Giovanna d'Aragona, pelopiù in italiano, ma anche in latino ed altri svariati idiomi. Fra gli autori figurano i più celebri poeti italiani del tempo (Piccolomini, Annibal Caro, Benedetto Varchi, Bernardo Tasso, Gaspara Stampa, ecc.). Libretto assai ben impresso e piuttosto raro.
Bookseller: Studio Bibliografico Benacense
2016-09-17 20:11:14
VALERIUS FLACCUS
Antverpiae ex officina Christophori Plantini 1565 In-8 de 303-(1) pp., veau granité, dos lisse orné, filet et frise dorés d'encadrement sur les plats, tranches rouges (relié vers 1800). Première édition établie par le philologue flamand Louis Carrion (1547-1595) sur un manuscrit du Xe siècle aujourd'hui perdu, le Codex Carrionis. Précédée d'un extrait de Pietro Riccio Crinito et d'un poème dédicatoire de Franciscus Martinius. Titre à encadrement gravé avec marque typographique au compas. Des bibliothèques du Plessis et P. de La Morandière avec leur ex-libris respectif ; ex-libris manuscrit XIXe Henry de Cefloly. Rousseurs ; sur les trois derniers feuillets, galerie de vers en marge avec manque de papier sans perte de texte. Brunet, V, 1046 ; Ruelens et de Backer, Annales plantiniennes, 17 p. 49.
Bookseller: Libraire Bonnefoi Livres Anciens [FR]
2016-09-17 20:11:14
ALTOMARE DONATO ANTONIO.
apud Rovillium, sub Scuto Veneto, 1565. Cm. 33,5, pp. (32) 1027 (1) (ma in realtà 1035 in quanto il quaderno m* non porta numerazione). Grande impresa tipografica al frontespizio, bei capolettera istoriati e testate figurate. Solida ed elegante legatura ottocentesca in piena pergamena rigida con unghie. Dorso e piatti decoratri in oro con cornici e fregi. Sguardie marmorizzate e tagli dorati. Leg. firmata Vermorel. Ex libris. Solo una macchietta all'angolo bianco delle ultime carte, peraltro esemplare fresco ed in eccellente stato di conservazione. Edizione originale dell'opera completa del celebre medico e farmacologista napoletano Donato Antonio Altomare (1506 - 1566). Si segnalano, fra i vari trattati, due testi di interesse gastronomico: "De Mannae..." e "De Vinaceorum facultate...".
Bookseller: Studio Bibliografico Benacense
2016-09-17 20:11:14
PLUTARQUE, AMYOT
Michel de Vascosan, 1565. Fort in-folio, (7)-734-(26) ff., rel. ép. plein vélin, dos à nerfs, tranches dorées finement ciselées (page de titre manquante, déchirures aux premiers feuillets). Deuxième édition, corrigée, de la célèbre traduction d'Amyot, le précepteur des fils d'Henri II. Ce volume monumental (qui se rencontre habituellement relié en deux tomes) fut le livre d'école d'un adolescent de la haute société. Luxueux exemplaire de ce « livre magnifique » (Brunet), à grandes marges, réglé, aux tranches dorées et ciselées. Le jeune noble devait parfois s'ennuyer devant son Plutarque : les marges de plusieurs pages sont agrémentées de gribouillis et petits dessins à la sanguine, la plupart représentant une tête d'homme typiquement Louis XIII, et des chiffres et monogrammes, dont le double A d'Anne d'Autriche, et la fermesse (S barré). On peut donc penser qu'ils datent des années 1610/1640. Emouvant témoignage d'un art sans prétention, voué à l'éphémère : les dessins d'enfants aussi anciens sont évidemment rarissimes. * Voir photographie(s) / See picture(s). *** Membre du SLAM et de la LILA / ILAB Member. La librairie est ouverte du mardi au samedi de 14h à 19h. Si vous souhaitez passer à la librairie pour un livre, merci de nous prévenir au préalable, l'ensemble du stock visible en ligne n'étant pas immédiatement consultable.
Bookseller: Chez les Libraires Associés [France, Paris]
2016-09-17 17:46:12
Estienne, Charles :
Paris, Jaques du Puis, 1565 ; in-4 ; plein veau havane marbré, dos à nerfs décoré, pièce de titre, tranches rouges (reliure du XVIIIe) ; 10 ff. (titre, Épître de l'auteur à Thomas de Bragelongne, Table), 155 ff., 11 ff. de table alphabétique. Deuxième édition (la première en 1564), tout aussi rare que la première, dont nous n'avons réussi à localiser aucun exemplaire (absente des catalogues collectifs de Grande-Bretagne, Italie, Canada, de la Bibliothèque du Congrès, des Universités Françaises, de la Bibliothèque Nationale de France et du Catalogue Collectif de France). (Thiébaud, 339 ; Gaidy : Bibliothèque d'un pêcheur, p.214 ; Brunet, II-1074. Édition absente de Cioranescu qui cite la première et celle de 1583). Ce livre célèbre eut plus de 80 éditions en français (sans compter les traductions) et son titre "Maison Rustique" s'est perpétué jusqu'à nous. La première édition de 1564 fut publiée par Jean Liébault, gendre de Charles Estienne, l'année de sa mort au Châtelet où il était emprisonné pour dettes. Le nom de Liébault sera associé à celui de Charles Estienne à partir de l'édition de 1567. Notre exemplaire est incomplet, il y manque les feuillets 1 à 5 (construction de la maison), 7-8 (l'office des fermiers), 29-38 (le chartier, l'asne, le muletier, le jardin potager), 113-120 (vendanges, vin, vinaigre et verjus), 2 ff. de table. Toutes les parties concernant les volailles, les légumes et aromates, les fleurs, les arbres, les abeilles et le miel, le verger, la prairie, les étangs et la pêche, la culture, la vigne, la garenne, les bois et la chasse sont bien complètes … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Librairie Ancienne Clagahé [France, Lyon]
2016-09-16 17:15:56
MACROBIUS (Ambrosius Aurelius Theodosius).
Venetiis, apud Ioan. Gryphium, [1565], MDLVVX. 1565 1 vol. in-8° (148 x 114 mm.) de : 567 pp., [32] ff., 8 gravures in-texte. Vélin dépoque à rabats, dos lisse titré à l'encre brune, "Macrobius". (Défauts d'usage à la reliure, rousseurs éparses, rares mouillures, infimes trous de vers dans le coin supérieur des pp. 115-310). Edition vénitienne illustrée de 8 figures et gravures in-texte dont la célèbre mappemonde (p. 144). MACROBE (de son nom de naissance : Flavius Macrobius Ambroisus, également appelé Théodosius) vécut au IVème siècle (ca. 370, Numidie ca. 430) est un écrivain, philosophe et philologue latin, dont les uvres principales sont les Saturnales et Le Songe de Scipion. Si ses uvres sont connues, et lues pendant tout le Moyen-âge, sa vie lest moins. On peut déduire daprès des indices laissés dans ses livres quil occupa une charge importante dans la justice de Rome. Les Saturnales, dialogues de type socratique, tiennent leur nom des fêtes religieuses romaines pendant lesquels ils ont lieu. Il y est question de sujets religieux, dhistoire de philologie et de philosophie, avec notamment une explication de luvre de Virgile. On y trouve également des renseignements sur des aliments et des traits desprit de personnages illustres, comme Auguste et Cicéron. Dans le Commentaire du Songe de Scipion (Commentarium in Ciceronis Somnium Scipionis), MACROBE sintéresse à cet extrait de la De Re Publica, de Cicéron, qui évoque par une fable mettant en scène Scipion, le principe de limmortalité de lâme et de la béatitude éternelle dont jouissent les grands hommes. MACROBE se place … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Les Trois Islets
2016-09-08 09:27:21
[BALDINI B.].
1565. In Firenze, appresso i Giunti, 1565 (in fine: In Firenze, appresso i Giunti, 1566), in-4, leg. in piena pergamena sei-settecentesca (rimontata, sguardie rifatte), pp. 130 [ma in realtà: 124], [4]. Con stemma Medici sul front., marca edit. al verso dell'ultima carta e iniziali xilografiche. Questo testo contiene la descrizione e la spiegazione delle allegorie alla base dei carri e dei costumi della "Genealogia degli Dei", mascherata che chiuse un anno di festeggiamenti per le nozze di Francesco de' Medici e Giovanna d'Austria; festeggiamenti organizzati da Vincenzo Borghini e concretamente realizzati - carri e costumi - da Giorgio Vasari. Melzi "Opere anonime e pseudonime" vol. 1 p. 311. Cicognara 1375: "spettacoli ricchi e grandiosi: libro raro e prezioso". Buon esemplare.
Bookseller: Libreria Antiquaria Gozzini
2016-09-08 02:24:52
Cornelis CORT (Hoorn, nr Alkmaar, 1533 - Roma, prima del 22 Aprile 1578)
1565. Bulino, 1565, monogrammato in lastra in basso al centro. Da un soggetto di Frans Floris. Esemplare nel raro primo stato di tre con l'indirizzo dell'editore Hieronimus Cock. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva recante filigrana "corona con doppia C" (Briquet 9223, Strauss 156), con inusuali ampi margini, in eccellente stato di conservazione. Frans Floris, conosciuto anche con il nome di "Raffaello fiammingo", viene molto influenzato in realtà da Michelangelo, che conosce durante il suo lungo soggiorno italiano. Pittore e incisore, coniuga l'arte del Rinascimento italiano con l'estro della scuola fiamminga, creando una scuola che verrà seguita sino all'avvento di Rubens. L'incisione fa parte di una serie di sei Divinità rurali, realizzate da Cornelis Cort. Molto rara. "Engraving, 1565, monogrammed in the plate in the bottom center. After Frans Floris. Example in the rare first state of three with the address of the publisher Hieronymus Cock. Magnificent proof, printyed on contemporary laid paper with watermarked ""crown with double C"" (Briquet 9223, Strauss 156), with unusual wide margins, in excellent condition. Frans Floris, also known by the name ""The Flemish Raphael"", is in reality very much influenced by Michelangelo, who knows during his long stay Italian. Painter and engraver, combines the art of the Italian Renaissance with the inspiration of the Flemish school, creating a school that will be followed until the advent of Rubens. The work is part of a series of six rural deity, made by Cornelis Cort. Very rare." Hollstein 169 I/III; TIB 52, 169. 2 … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-31 17:35:33
Cornelis CORT (Hoorn, nr Alkmaar, 1533 - Roma, prima del 22 Aprile 1578)
1565. Bulino, 1565, privo di data, firmato in lastra in basso a destra. Da un dipinto di Frans Floris. Della serie "Le dodici fatiche di Ercole". Esemplare nel IV stato di IV, descritto da Sellink - Leeflang Eccellente prova, impressa su carta vergata coeva, rifilata al margine, in ottimo stato di conservazione. Questa stampa costituisce la tavola n. 1 di una serie di 10 fogli raffiguranti le fatiche di Ercole, incisa da Cornelis Cort nel 1563 e riproducente altrettanti dipinti di Frans Floris realizzati fra il 1554 ed il 1555 per Nicolaas Jongelinck, mercante e collezionista d'arte di Anversa. Uno solo di questi 10 dipinti è tuttora esistente e si trova in collezione privata; i disegni preparatori per l'esecuzione delle incisioni furono probabilmente eseguiti da Simon Jansz. Kies, allievo di Franz Floris. La serie di incisioni conobbe 4 edizioni, tutte pubblicate ad Anversa: la prima nel 1565, opera di Hieronymus Cock, che pubblica anche la seconda e la terza; mentre la quarta edizine è opera di Justus Goltzius, che corregge l'indirizzo del Cock con il suo. Il soggetto è piuttosto singolare poichè secondo Ovidio non è Ercole bensì Teseo a cacciare i centauri che, invitati al banchetto di nozze di Piritto e Ippodamia, iniziano a comportarsi selvaggiamente finchè uno di essi, Eurito, assale la sposa scatenando una lotta furibonda. Tale episodio non è neppure citato fra quelli leggendari delle fatiche di Ercole. Al verso, timbro di collezione Leroy Kirwin 'Roy' Burket (Lugt 3389) ed un secondo non identificabile. Engraving, 1565, signed on plate with the names of the engraver … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-29 21:14:16
Adamo SCULTORI (Mantova 1530 circa - Roma 1587)
1565. Bulino, 1565 circa, monogrammato in lastra in basso a sinistra. Bellissima prova, impressa su carta vergata coeva, rifilata al rame, in ottimo stato di conservazione. È opinione diffusa che il soggetto di questa incisione derivi da un disegno di Giulio Romano. Come sottolinea Ferrara, la composizione crea l'effetto di un antico bassorilievo; le figure risultano rigide e statuarie. La realizzazione dell'opera è da collocarsi nel periodo antecedente la partenza dell'artista per Roma, come lascerebbe supporre la lettera A del monogramma, con le aste convergenti. Massari ritiene che esistano due stati della lastra, di cui il secondo mostrerebbe alcune linee di contorno ripassate che, secondo Bellini sarebbero, invece, presenti in tutti gli esemplari da lui esaminati, propendendo per uno stato unico. Engraving, about 1565, monogrammed in the plate in the bottom left corner. Excellent work, printed on contemporary laid paper, trimmed to copperplate, in excellent condition. It is widely believed that the subject of this work comes from a drawing by Giulio Romano. As emphasized by Ferrara, the composition creates the effect of an ancient bas - relief; the figures are stiff and statuesque. The construction work is to be placed in the period before the artist's departure for Rome, as would suggest the letter A monogram, with the auction convergent. Massari considers that there are two states of the plate, the second of which would show some contour lines rehearse that, according to Bellini would, however, present in all the examples examined by him, leaning toward a single stat … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-28 18:38:50
Vigelio Nicola
per Ioanne A. Oporinum et haeredes Ioan. Heruagij, 1565 nel colophon. 330x210 mm Il frontespizio presenta uno strappo lungo la piegatura di circa 10 cm. e un antico timbro e firma di appartenenza il nome dell \ 'editore risulta inoltre cassato con foratura del foglio per l \ 'azione chimica dell \ 'inchiostro. Diffusi percorsi e fori di tarlo. Bella marca tipografica capilettera ornati.
Bookseller: Libreria Antiquaria Giulio Cesare
2016-08-25 15:15:46
GRISONE Federico.
Perchacino, 1565. in - 8 antico, cc 108, ccnn 9, leg. p. perg. molle coeva con tit. mss al d. Con tracce di legacci. Con 50 tavv. xilogr. al fine raff. morsi per i cavalli. Celebre manuale sull'addestramento dei cavalli scritto dal nobiluomo napoletano per istruzione degli allievi della sua scuola di cavalleria. La prima edizione dell'opera del 1550 fu tradotta e diffusa in tutta Europa. Bell'esempl. [118]
Bookseller: Studio Bibliografico Scriptorium
2016-08-25 15:15:46
MUSSI PIETRO DOMENICO.
apud Hieronimum Cavalcalupum Venetum, 1565. Cm. 20, cc. (6) 304. Bel marchio tipografico al frontespizio e molti capolettera istoriati. Leg. coeva in pergamena rigida con titoli ms. al dorso. Esemplare genuino e ben conservato. Testo su due colonne, elegantemente impresso. Non comune e ricercata edizione.
Bookseller: Studio Bibliografico Benacense
2016-08-24 19:49:45
Ferrando BERTELLI (attivo a Venezia seconda metà del XVI secolo)
1565. Carta geografica della principale isola dell'arcipelago delle Baleari, edita come separata pubblicazione dalla tipografia Bertelli e databile circa al 1565. La mappa appartiene ad un ampio progetto editoriale della tipografia che realizza una seria cartografica dedicata alle isole del Mediterraneo, a partire da 1560 circa; le carte sono successivamente inserite, numerandole, nella pubblicazione Civitatum aliquot insignorum del 1568. Dal punto di vista cartografico le mappe non hanno nulla di attinente alla realtà delle isole; la carta di Maiorca è completamente rovesciata, probabilmente poiché incisa nello stesso verso del disegno dal quale è stata ripresa. L'immagine di Minorca è invece gravemente distorta, sebbene la non nominata Mahon e Ciutadela sono giustamente collocate ai lati opposti dell'isola. L'autore dei rilievi cartografici rimane sconosciuto. Delle carte delle isole Baleari del Bertelli esistono delle copie molto simili, e spesso si trovano negli atlanti lafreriani stampate sullo stesso foglio. Una copia è stampata a Roma e reca l'indirizzo di Claude Duchet, mentre un'altra è anonima e molto approssimativa. Incisioni in rame, rifilate all'impronta della lastra ed applicate su supporto cartaceo (come solito negli atlanti lafreriani), in buono stato di conservazione. Rarissime. Bibliografia: Tooley, Maps in Italian Atlases, 355 e 391; Meurer 80 e 81. Dimensioni 255x190. Geographic map of Maiorca, printed as separate works by the typography of Bertelli, 1565 circa. The map is part of a typographic project concerning the Mediterranean Islands, started around … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-24 11:52:02
Trento Concilio di
1565. 8vo. (8), 152 leaves (leaf *8 is a blank). On the title - page a woodcut device attributed to Bolognino Zaltieri. 17th - century vellum over boards, manuscript title on the spine, light blue tinted edges, blind - stamped inscription erased from the title - page, slightly browned, tiny wormholes on the lower margin of a few gatherings, only on four pages slightly touching the text, but all in all a very good copy.FIRST EDITION of this work concerning the Council of Trent's discussion on nuns, their orders, their work, the abbesses, their habits, punishments for those who do not follow the rules, the vow of chastity, cloisters, etc. The decrees (Decretum de regularibus et monialibus) concerning the reform of the nunneries were issued during the council's last session, on December 3 - 4, 1563. In it was renewed the decree, Periculoso, of Boniface VIII, 250 years after its promulgation, adding sanctions in form of excommunication for violators and extending enclosure to all female religious, what dramatically altered the position of women within the Church. The practical consequence of the rulings of the Council of Trent and Pius V was a restriction of the vocational choices available to religious women. After Trent, women interested in spiritual pursuits had only two avenues permitted to them: life within marriage or a religious life in a convent (cf. R. Creytens, La riforma dei monasteri femminili dopo i Decreti Tridentini, in: &ldquo,Il Concilio di Trento e la riforma tridentina. Atti del convegno storico internazionale, Trento, 2 - 6 settembre, 1963&rdquo,, Rome, 1965 … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Govi Alberto
2016-08-23 13:53:14
Dolce Ludovico
appresso Gabriel Giolito de' Ferrari, 1565. In - 8° antico (148x100mm), pp. 157, (3), legatura coeva p. pergamena flessibile con titolo manoscritto in antico al dorso. Imprese giolitine xilografiche al frontespizio e al colophon. Capilettera xilografici istoriati, fregi tipografici incisi in xilografia. Registro in fine. Annotazione antica all'ultima carta. Qualche alone e macchiolina alla pergamena, sparse bruniture e aloni interni di lieve entità. Buon esemplare. Prima edizione, molto rara. Scrive il Bongi: "..Recitata a modo di prova in casa di Sebastiano Erizzo, benchè senza musica, scene e nemmeno vestiario apposito, fu lodata da' trecento gentiluomini che ci furono presenti, e che questo giudizio fu confermato nella replica che ne fu fatta nel palazzo del Duca di Ferrara in Venezia stessa.. è di soggetto ebraico; quindi non imitata o tradotta da tragici greci o romani, ha il merito della invenzione, e si disse per conseguenza la migliore delle tragedie del Dolce". "Più della Didone, che propone la vicenda virgiliana con variazioni da Sofocle e Euripide, la Marianna, basata sulle Antichità giudaiche di Giuseppe Flavio, permette al Dolce un'espressione più originale, probabilmente occasionata da una trama inedita per il genere tragico rinascimentale (la folle gelosia di Erode per la moglie)" (Giovanna Romei in D.B.I., XL, 1991). Il Dolce (Venezia, 1508 - ivi, 1568), poligrafo dall'ingente produzione, amico di Tiziano e dell'Aretino, compose drammi, poemi, liriche di stampo bembiano, satire, capitoli, trattati sulla pittura, la lingua e le belle arti, e fu autore di nume … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquaria Galleria Gilibert
2016-08-23 11:12:34
Magno Olao (Olaus Magnus)
Giunti (nella stamperia di Domenico Nicolini), 1565. In - folio antico (310x205mm), ff. (26), 286, raffinata legatura datata 1946 e firmata Brugalla in pieno marocchino verde con filettatura polilobata a secco al centro dei piatti entro altre filettature in oro con fregi floreali accantonati. Titolo, filetti e motivi floreali in oro su dorso a nervi. Tagli dorati, dentelle interne in oro. 467 xilografie n.t. (gli stessi legni dell'edizione latina), molte delle quali colorate anticamente a mano, raffiguranti paesaggi, usi, costumi e scene quotidiane delle genti scandinave. Le suggestive xilografie raffigurano fra l'altro le attività commerciali, gli svaghi e gli sport (soprattutto lo sci, il nuoto, la scherma ed il tiro con l'arco), gli animali, i mostri (segnatamente quelli che si credeva popolassero gli abissi marini), la caccia, la pesca, ecc. Una carta geografica della Scandinavia incisa su rame a p. pag. a fronte della p. 1 (tale carta era incisa su legno nelle edizioni latine dell'opera e fu reincisa su rame appositamente per questa edizione). Sparsi aloni, peraltro di lieve entità. Antica firma al titolo. Ex - libris del noto bibliofilo spagnolo Dámaso Gutiérrez Arrese (1895 - 1976). Custodia in cartone marmorizzato con altro ex - libris dello stesso Arrese. Ottimo esemplare. Seconda edizione in lingua italiana (ma prima edizione italiana illustrata, nonché la prima nel formato dell'originale latina) della fondamentale opera di Olao Magno sulla geografia ed i costumi della Scandinavia, di quattro anni posteriore alla prima, impressa dal Bindoni di Venezia nel 1561 (la … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquaria Galleria Gilibert
2016-08-22 13:11:49
Domenico ZENOI (Attivo tra il 1559 e il 1574)
1565. Veduta di Tokaj, città storica ungherese, assediata dall'armata turca. Situata sulla confluenza dei fiumi Tibisco e Bodgrod, è stata una delle prime fortezze ungheresi caduta nelle mani de Turchi, capitanati da da Zapolya, nel 1564. Ma fu riconquistata dalle truppe imperiali sotto il comando di Lazzaro von Schwendi nel 1565. Il primo spettacolare successo del partito cristiano nella guerra contro l'Impero Ottomano è il tema della presente incisione, opera di Domenico Zenoi, edita da Camocio e poi anche da Donato Bertelli. E 'l'archetipo di un tipologia di veduta che sarà poi ridotta e stampata nelle raccolte di città edite a Venezia a partire dal 1568. Un magnifico esmeplare del primo stato di tre, avanti l'indirizzo del Camocio, con pieni margini, condizioni perfette. Molto rara. Bird's eye view of Tokay. On the confluence of the Tisza and Bodgrod rivers was one of the first Hungarian fortress captured by Zapolya in 1564. But it was recoverd by imperial troops under the command of Lazarus von Schwendi in 1565. The first spectacular success of the Christian party in tha war is the subject of th epresent engraving by Domenico Zenoi, published by Gamocio and Donato Bertelli as a separate. It is the archetype for a number of followers. A magnific example of the first state, before the Camocio address, with full margins, perfect conditions. Very rare. Venezia Venice Tooley, Italian Atlases, 550; Meurer, The Strabo Illustratus Atlas, 179; Szalay, Magyar vàrak, 1565/1. 300 410
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-21 13:36:06
Erodoto (Herodotus), Boiardo Matteo Maria
Bariletto, 1565. 8° [[[]][[[]][[[]][]][]]cm. 15,5 × 10,5[[[]][]][]]; f. 2 di guardia, ff. 8 (tavola del contenuto) + 336, ff. 2 di guardia. Legatura settecentesca rigida in mezza pelle con impressioni in oro sul dorso e piatti ricoperti di carta marmorizzata un po'''' logora. Capilettera figurati ai singoli libri e alla tavola. Foro di tarlo da f. 11 a f. 66. Alcune leggere gore d''''acqua; sporadiche sottolineature a matita rossa. Timbro sul verso del frontespizio con l''''ex libris di Oreste Antognoni.
Bookseller: Studio Bibliografico Antenore Srl
2016-08-20 13:37:19
Jost AMMAN (Zurigo 1539 - Norimberga, 17 Marzo 1591)
1565. Xilografia, 1565, datata e monogrammata in tavola in alto a destra. Bellissima prova, omogenea, impressa su carta vergata coeva con filigrana "scudo con croce di Basilea", con sottili margini, in ottimo stato di conservazione. Scena raffigurante un torneo di cavalieri con lancia e spada in una piazza di Vienna. Jost Amman può essere considerato come uno dei maestri dell'incisione silografica, ed è celebrato per le sue opere, principalmente realizzate per illustrazioni di libri. Nativo di Zurigo, si trasferisce nel 1560 a Norimberga dove apprende l'arte incisoria alla bottega di Virgil Solis, e dove risiede per il resto della vita. La sua opera grafica a stampa è assolutamente impressionante e consiste in circa 1.500 lavori. Le sue silografie sono accurate e dettagliate, e forniscono uno specchio della vita sociale del tempo. Bellissima prova. "Woodcut, 1565, dated and signed at the top right. Very nice impression, uniform, printed on contemporary laid paper with watermark ""shield with cross of Basel"", with thin margins, in excellent condition. Scene depicting a tournament of knights with spear and sword in a public square in Vienna. Jost Amman can be considered as one of the masters of woodcut, and is celebrated for his works, mainly manufactured for book illustrations. A native of Zurich, in 1560 he moved to Nuremberg, where he learned the art of engraving to the workshop of Virgil Solis, and where he lived for the rest of his life. His graphic work in print is absolutely awesome and consists of approximately 1,500 jobs. His woodcuts are accurate and detailed, and … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-19 01:56:16
Giovanni Battista PITTONI detto "Battista Vicentino" (Vicenza 1520 - 1583)
1565. Acquaforte e bulino, 1565, firmata e datata in lastra in basso a destra. Esemplare nel secondo stato di due, con il ritratto di Giovanni da Valletta aggiunto in basso a destra; tuttavia il primo stato della lastra può essere considerato come una prova di stampa. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana non leggibile, con margini, in ottimo stato di conservazione. Nicolò Nelli è autore di diverse mappe e piante di Malta e la Valletta. Secondo Albert Ganado, il maggiore studioso della cartografia di Malta, questa mappa non è originale di Nelli ma realizzata usando e alterando la lastra dell'opera di Giovanni Battista Pittoni del luglio del 1565. Sempre secondo Ganado questa mappa sarebbe stata realizzata nell'ottobre dello stesso anno. Nelli modifica la lastra incisa dal Pittoni per raffigurare la battaglia del 11 settembre 1565 dove le truppe cristiane guidate da Ascanio della Corgna e Don Alvaro de Sande sconfissero i Turchi che fuggirono dall'isola. Il ritratto raffigura padre Jean de La Vallette - Parisot , il quarantanovesimo Gran Maestro del Sovrano Ordine di San Giovanni di Gerusalemme, da cui il nome della capitale di Malta, nominato nel 1557 per difendere l'isola dagli ottomani. Questa è l'unica mappa degli assedi che include il ritratto di Giovanni da Valletta, ed è assolutamente rarissima. Le vicende dell'isola di Malta, della costruzione della città fortificata, la guerra contro i Turchi e il celebre assedio dell'isola costituiscono motivo di grande interesse nella civiltà rinascimentale europea, tanto da produrre una relativa cospicua … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-19 01:56:16
Antonio LAFRERI (Salins, Giura 1512 - Roma 1577)
1565. Acquaforte e bulino, 1565, firmata e datata in lastra nel cartiglio. Esemplare nel rarissimo secondo stato di tre. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana "aquila nel cerchio con corona" (Woodward 55), rifilata al rame e con margini coevi aggiunti, in perfetto stato di conservazione. Magnifica mappa dell'isola di Malta, raffigurata durante l'assedio dell'armata Turca del giugno 1565. L'isola è interamente circondata da una flotta navale, e nel porto di Valletta sono disegnate le scene di guerra. La mappa è un secondo stato della lastra anonima, ma attribuita alla bottega di Lafrery, sempre edito nel giugno del 1565. La differenza è nel titolo e nel nome dell'editore aggiunto, e soprattutto nell'aggiunta del campo d'assedio delle truppe turche, posto nella parte meridionale di Valletta. L'opera ebbe una terza stesura, postuma, a cura di Pietro De' Nobili, probabilmente per motivi commerciali data la bellezza della carta. Ganado suggerisce quale incisore della lastra Nicola Beatrizet, francese attivo a Roma. Magnifico esemplare. Le vicende dell'isola di Malta, della costruzione della città fortificata, la guerra contro i Turchi e il celebre assedio dell'isola costituiscono motivo di grande interesse nella civiltà rinascimentale europea, tanto da produrre una relativa cospicua letteratura e soprattutto una notevole produzione iconografica del susseguirsi degli eventi. Il Grande Assedio di Malta del 1565 rappresenta una pietra miliare nella storia delle isole maltesi, e anche un punto di svolta nella guerra tra i cristiani contro le forze dell'Imper … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-19 01:56:16
Antonio LAFRERI (Salins, Giura 1512 - Roma 1577)
1565. Acquaforte e bulino, 1565, firmata e datata in lastra nel cartiglio. Esemplare nel rarissimo primo stato di quattro. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana "aquila nel cerchio con corona" (Woodward 55), rifilata al rame e con margini coevi aggiunti, in perfetto stato di conservazione. Pianta dell'assedio del 1565 a La Valletta, realizzata nell'agosto del 1565, come dichiarato nel cartiglio Ant. Lafrej Romae formis 1565 de mese Augusti. Della lastra esiste un secondo stato sempre edito nell'agosto del 1565, un aggiornamento costituito da nuove informazioni giunte al Lafrery che parlava della costruzione di un ponte di barche all'interno di Dockyard Creek. Il primo stato della lastra quindi ebbe una bassissima tiratura ed è pertanto rarissimo, ne sono conosciuti solo 10 esemplari nelle raccolte lafreriane. La mappa, forse per la sua incredibile bellezza, ebbe due tirature successive curate a Giovanni Orlandi diversi decenni dopo. Meraviglioso esemplare di questo importante documento. Le vicende dell'isola di Malta, della costruzione della città fortificata, la guerra contro i Turchi e il celebre assedio dell'isola costituiscono motivo di grande interesse nella civiltà rinascimentale europea, tanto da produrre una relativa cospicua letteratura e soprattutto una notevole produzione iconografica del susseguirsi degli eventi. Il Grande Assedio di Malta del 1565 rappresenta una pietra miliare nella storia delle isole maltesi, e anche un punto di svolta nella guerra tra i cristiani contro le forze dell'Impero Ottomano, conclusa con la celebre battaglia … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-19 01:56:16
Antonio LAFRERI (Salins, Giura 1512 - Roma 1577)
1565. Acquaforte e bulino, 1565, firmata e datata in lastra nel cartiglio. Esemplare nel rarissimo primo stato di quattro. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva con "giglio nel cerchio" (Woodward 97), rifilata al rame e con margini coevi aggiunti, in perfetto stato di conservazione. Mappa dell'arcipelago maltese con le coste settentrionali dell'Africa, parte della Sicilia e della Sardegna. L'isola di Malta è rappresentata fuori scala, molto più grande del resto delle altre zone incluse, probabilmente rappresentate solo per inquadrare la posizione geografica dell'isola. L'opera è datata da Ganado tra la fine di settembre ed ottobre del 1565; l'isola è presidiata da numerose barche, tutte con il simbolo della croce cristiana, a dimostrazione della fine dell'assedio turco. La forma geografica dell'isola segue un modello del settembre 1565, un'anonima mappa edita a Roma dalla tipografia Palombi, a S. Agostino a linsegna della Palomba (Ganado 23). Le vicende dell'isola di Malta, della costruzione della città fortificata, la guerra contro i Turchi e il celebre assedio dell'isola costituiscono motivo di grande interesse nella civiltà rinascimentale europea, tanto da produrre una relativa cospicua letteratura e soprattutto una notevole produzione iconografica del susseguirsi degli eventi. Il Grande Assedio di Malta del 1565 rappresenta una pietra miliare nella storia delle isole maltesi, e anche un punto di svolta nella guerra tra i cristiani contro le forze dell'Impero Ottomano, conclusa con la celebre battaglia di Lepanto nel 1571. Nonostante queste due sconfitte catas … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-18 03:44:40
CALVIN Jean & BEZE Théodore de
Ex officina Francisci Perrini, 1565. - Ex officina Francisci Perrini , Genevae 1565, in - 8 (12x19,5cm), (10f.) 412ff. (20f.) Sig : *10 a - z8 A - Z8 Aa - Hh8, relié. - Seconda edizione postuma, di cui solo trenta esemplari noti della rara prima edizione, che contiene una prefazione di Theodore Beza, successore di Calvino in forma di esortazione a capo dei protestanti di Francia, l'ammiraglio Gaspard de Coligny. Questa edizione è stata pubblicata pochi mesi dopo in una traduzione francese dallo stesso editore. Trentaquattro voci per le iniziali incise pagina vignetta del redattore e qualche scritta sul frontespizio. Mezza vincolante in blu notte cuneo metà del XIX Marocco, firmato Galette, torna con cinque nervi decorati con scatole ornate, guardie e contreplats di carta fatta a mano firma coda di legatoria, tutti i bordi rossi. Alcuni graffi e angoli leggermente strofinato. Waterstains più angolari e tre restauri marginali di carta e una piccola galleria di riempire abilmente la pagina del titolo. Bella copia con ampi margini. Le lezioni di venti primi capitoli delle rivelazioni del profeta Ezechiele, sono l'ultima Calvino ha dato prima della sua morte nel 1564. Sono stati raccolti in latino da Jean Bude e Segretario di Calvino, Charles Jonviller, responsabile per la registrazione molti dei commenti del parroco. Come il Libro dell'Apocalisse, la Ezechiele può essere chiamato libro mistero in quanto contiene immagini di difficile interpretazione, Ezechiele è probabilmente il più mistico di tutti i profeti. In queste lezioni, si distinguono come il predicatore che era soprat … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Librairie Le Feu Follet
2016-08-17 22:22:40
MELANCHTHON, Philipp.
- Leipzig, E. Vögelin, 1565. 4to. 11 Bl., 865 S. Mit Holzschnitt-Druckermarke auf dem Titel. Schweinsleder d. Zeit über Holzdeckeln mit Blindprägung u. 2 intakten Messingschließen (berieben, Innendeckel mit kl. Wurmspuren, Vorderdeckel mit alter Ausbesserung). Sechste lateinische Ausgabe, zuerst 1560 in Melanchthons Todesjahr erschienen. Das sog. Corpus Doctrinae Misnicum od. Philippicum ist die Summe seines theologischen Lebenswerkes. Es vereinigt die Confessio Augustana, die Apologie, die sog. Repetitio oder Confessio Saxonica von 1551, die Loci theologici in der letzten Fassung, die Wittenberger Ordinanden-Ordnung von 1552 und zuletzt die von Melanchthon selbst als "seine Konfession" bezeichnete Antwort auf die bairischen Inquisitionsartikel von 1559 (RE XII, 525). - Der Einband dürfte nach Haebler II, 94 württembergisch sein. Das Mittelfeld des Vorderdeckels unter den Initialen des Erstbesitzers I.D.C. mit einer Darstellung Davids, auf dem hinteren Deckel Simson mit dem Löwen. - Neuser, Bibl. d. Conf. Augustana 78; VD 16 M 2888; Adams M 1105. - Leicht gebräunt. Zahlr. saubere Unterstreichungen u. Marginalien von alter Hand, vorderer Vorsatz mit Notizen aus verschiedenen Kirchenvätern.
Bookseller: Buch & Consult Ulrich Keip
Check availability:
2016-07-27 05:49:33
Fitzherbert, Anthony; London, 1565. 3 books in two parts [Illustrator]
In aedibus Richardi Tottell, vicesimo quinto Ianuarij (Richard Tottell), London, 1565. Hardcover. Good. First Tottell edition. Thick folio. 3 parts bound as one. Collated: 379; [1], 128; [1], 207 leaves. Volume 2 has separate title page. Volume one lacks the title page. Rebound in 20th century cloth with leather spine labels. Strong binding. Wood cut initials, title. Pages generally clean. One page has old marginalia (Fol. 339), faint toning. There is a small cut through the first 8 leaves. Black letter, Law French. Generally clean and crisp internally. Refs: STC 10956; Beale R464 & R465; Cowley 55; ESTC S122166. <br> Anthony Fitzherbert was an early English jurist (1470-1538) during the reign of Henry VIII. First published between 1514-1517, Fitzherbert's Graunde abridgement was an attempt to systematically arrange centuries of medieval English common law. Fitzherbert abridged 13485 of the most significant case-notes taken from Year Books (Liber Assisarum) and from other sources into 263 titles. (DNB, p. 169) Coke describes it as 'painfully and elaborately collected.' Fitzherbert's work served as a foundational work for subsequent efforts of Sir Robert Brooke and others. By helping to codify common law, Fitzherbert's work helped establish limitations to the royal prerogative and the roots of commonly held rights. <br> Thomas Jefferson owned a 1577 copy. (Sowerby, Catalogue of the Library of Thomas Jefferson 1776) This is an oversized or heavy book, that requires additional postage for international delivery outside the US.
Bookseller: Sequitur Books [Boonsboro, MD, U.S.A.]
2016-07-05 21:49:09
ARCHIMEDES. - [THE FOUNDING WORK ON HYDROSTATICS]
Bologna, Alessandreo Benacci, 1565. 4to. In contemporary blank cardboards with marbled paper back-strip. Ff 8-12 with small brown dot to lower outer margin, not affecting text. A fine copy. [4], 43 ff. + 1 blank. (Erroneously paginated f. 33 as 25 and f. 44 as 43). ¶ First edition of Commandino's translation, and accompanying mathematical additions, of Archimedes' work on floating bodies, being the foundational work of hydrostatics. Commandino's own mathematical additions include the very first attempt to fill the gap in the incomplete proof of propositions 2 in book II of the Latin translation made by the Flemish Willem Moerbeke in 1269. "This edition of Commandino remained the reference until the early twentieth century and the work of Heiberg after the discovery of the Archimedes palimpsest". (D.B.I)."In hydrostatics [Archimedes] described the equilibrium of floating bodies and stated the famous proposition - known by his name - that, if a solid floats in a fluid, the weight of the solid is equal to that of the fluid displaced and, if a solid heavier than a fluid is weighed in it, it will be lighter than its true weight by the weight of the fluid displaced. We owe to Archimedes the full exposition of the doctrine of levers and pulleys." (PMM, p. 44)The work consists of two parts: The first is to the effect that the pressure excerted by any part of a fluid on the fluid is downward. The second postulate states that the pressure of the fluid on a body placed in it is exerted upward along the perpendicular through the center of the body.However, Book II contained many sophis … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Herman H J Lynge & Søn A/S [DK]
2016-07-02 09:52:58
Magnus, Olaus
Venezia 1565. Folio. (320 x 210 mm). (25) + 286 bl. 467 tresnitt. Helsides kobberstukket kart. Fint nyere priv. håndb. helpergamentbd. i gammel stil. Ryggdekor i gull. Bordyre i gull på for- og bakdekkel. Ex libris på forsats. Tittelbl. og siste bl. svakt brunplettet og med noen små bretter langs ytre marg, ellers et stort og fint eks
Bookseller: Ruuds Antikvariat
2016-06-29 09:57:56
Vredeman de Vries, Hans
Ph. Galle . -, [Antwerpen] 1565 - Ldr. d. 20. Jhs. mit goldgepr. RTitel, goldgepr. Deckelfilete und GGoldschnitt. Quer-Kl.-4to. - Nachdruck der Erstausgabe bei Hieronymus Cock (1563), selten. - Hans Vredeman de Vries (1527-1609) war Maler, Graphiker und Architekt. Er "entwarf eine lange Reihe von selbständigen architektonischen Compositionen, die von Gerard de Jode, Hieronymus Kock, Philipp Galle u. A. in Kupfer gestochen und verbreitet wurden" (ADB XL, 408). "Als Architekturmaler und Lehrer der Perspektive nahm er Einfluß auf die niederl. Kirchen- und Vedutenmalerei des 17. Jh. Die weite Verbreitung seiner zahlr. Vorlage- und Musterbücher machten ihn zu einem der einflussreichsten Künstler der frühen Neuzeit nördl. der Alpen" (Rump S. 489). - Sein vorlieg. Werk zeigt aufwendige Grabmäler und Wandgräber. - Tafelgröße 19,5 : 26,5 cm, Plattengröße 16,5 : 21 cm. - Im Rand tls. stärker gebräunt. Ob. Kap. mit Fehlstelle.BM STC, Dutch Books S. 209. - Vgl. Nagler XXIII, 377 und Ornamentstich-Slg. Bln. 3641. - Nicht bei Fowler und Adams. 500 g. [Attributes: Hard Cover]
Bookseller: Ketterer Kunst Hamburg GmbH
Check availability:
2016-06-28 14:16:08
STAPHYLUS, Friedrich.
Ingolstatt, Sam. Weissenhorn 1565. kl.-4°. 8 nn. Bll., num. 175 Bll. Flex. Pgmt. d. Zt. Grün u. schwarz gefärbt. Randrisse auf Tit., erstem u. 2 Schlußbll. hinterl. Innen stellenw. wasserrandig.VD16 S 8604 - Erste Ausgabe. Staphylus (1512-1564), lutherischer Theologe, der zum Katholizismus konvertierte, wurde vor allem durch seine zahlreichen Streitschriften gegen den Protestantismus bekannt. Beitragsautoren waren Daniel Prockelius u. Veit Jacobaeus. Versand D: 4,00 EUR Alte Drucke, Theologie, Religionsgeschichte
Bookseller: Antiquariat Burgverlag
2016-06-28 14:16:08
STAPHYLUS, Friedrich.
Ingolstatt, Sam. Weissenhorn 1565. - kl.-4°. 8 nn. Bll., num. 175 Bll. Flex. Pgmt. d. Zt. Grün u. schwarz gefärbt. Randrisse auf Tit., erstem u. 2 Schlußbll. hinterl. Innen stellenw. wasserrandig. VD16 S 8604 - Erste Ausgabe. Staphylus (1512-1564), lutherischer Theologe, der zum Katholizismus konvertierte, wurde vor allem durch seine zahlreichen Streitschriften gegen den Protestantismus bekannt. Beitragsautoren waren Daniel Prockelius u. Veit Jacobaeus. Gewicht in Gramm: 1000 [Attributes: First Edition]
Bookseller: Antiquariat Burgverlag
Check availability:
2016-06-06 16:22:08
GESNER, Conrad.
Woodcut illus. on title, two ports. of J. Kentmann, many woodcuts of fossils & stones in the text, & several printer's devices. 8 parts in one vol. 8vo, late 18th-cent. speckled half-calf & speckled boards, red leather lettering piece on spine. Zurich: J. Gesner, 1565. First edition of this famous collection of texts which forms one of the most important contributions to 16th-century geology and mineralogy. It consists of eight separate treatises by seven authors on the subjects of fossils, gems, and metals, all edited by Gesner and with his general introduction and extensive commentaries. The treatises are: I. Kentmann, Johann. Nomenclaturae Rerum fossilium. 8 p.l., 95 leaves (lacking the final blank). This contains an illustration of Kentmann's cabinet, and catalogues over 1600 specimens, with localities where known, and German equivalents of the Latin names. It is the first published catalogue of a geological collection. II. Kentmann. Calculorum qui in Corpore ac membris hominum innascuntur. 2 p.l., 22 leaves. An illustrated account of stones formed in the human body. III. Fabricius, Georg. De Metallicis rebus. 3 p.l., 31 leaves. A treatise on noble and base metals. IV. Goebel, Severin. De Succino libri duo. 2 p.l., 30 (i.e. 31), [4] leaves (lacking the final blank). A discussion of amber and other gems and minerals, with a separate treatise by Gesner on bitumen, amber, naphtha, etc. V. Cordus, Valerius. De Halosantho seu Spermate Ceti liber. 3 p.l., 37 leaves. A commentary on the "efflorescence of salt" sometimes found floating on water, which Dioscorides and Galen had … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Jonathan A. Hill, Bookseller, Inc.
Check availability:
2016-03-30 19:19:13
CONTILE, Luca
In Milano Appresso Gio. Ant. degli Antonii, 1565. (Prima edizione, Pavia, 1564). In 8vo (cm. 15,3); bella legatura in piena pelle maculata del Settecento con grande stemma nobiliare ai due piatti (cimiero, grifoni e croci); dorso a 4 nervi con titolo, 2 croci in oro e 2 grifoni; pp. (8), 247, (1). Leggere mancanze alle cuffie e piccole mancanze di pelle alla legatura, leggero alone al margine bianco delle ultime carte, ma buona copia. Ex libris al frontespizio di Ettienne della Valle (Stefano). Axs
Bookseller: Libreria Bongiorno Paolo
2016-03-30 19:19:13
CONTILE, Luca
- In Milano Appresso Gio. Ant. degli Antonii, 1565. (Prima edizione, Pavia, 1564). In 8vo (cm. 15,3); bella legatura in piena pelle maculata del Settecento con grande stemma nobiliare ai due piatti (cimiero, grifoni e croci); dorso a 4 nervi con titolo, 2 croci in oro e 2 grifoni; pp. (8), 247, (1). Leggere mancanze alle cuffie e piccole mancanze di pelle alla legatura, leggero alone al margine bianco delle ultime carte, ma buona copia. Ex libris al frontespizio di Ettienne della Valle (Stefano). Axs
Bookseller: LIBRERIA PAOLO BONGIORNO [Italy]
2016-03-29 16:14:02
FIORAVANTI (Leonardo).
In Venetia, appresso Andrea Revenoldo, 1565. - in-12. 62ff. chiffrés. 2ff. Plein vélin souple du temps. Edition Originale de l'un des premiers ouvrages du médecin, chirurgien et alchimiste bolognais Leonardo Fioravanti (1517-1588). Ayant quitté sa ville natale en 1548, il avait parcouru l'Italie comme médecin ambulant, puis séjourné plusieurs années en Afrique du nord où il accompagnait, en tant que chirurgien militaire, la flotte espagnole partie de Naples. Ce n'est qu'à son retour à Bologne en 1568 qu'il fut reçu docteur en médecine à l'université de cette ville. Grâce à ses ouvrages, à son expérience pratique acquise sur le terrain et aux guérisons obtenues grâce aux remèdes de sa composition (en particulier un baume fameux qui porte son nom), sa célébrité comme praticien et "professeur de secrets" s'étendit rapidement à travers l'Europe. Mais cette renommée sentait le soufre, et suscita bien des oppositions dans les rangs de la médecine officielle. En 1576, le roi d'Espagne Philippe II convoquait Fioravanti à la cour de Madrid pour enseigner le secret de ses préparations, quand un procès pour charlatanisme lui fut intenté par les médecins royaux. En 1580, son nom apparaît également en termes peu flatteurs dans les Essais de Montaigne, et plus tard les historiens de la médecine se firent souvent l'écho de cette réputation douteuse. On doit pourtant à Fioravanti des apports significatifs dans plusieurs disciplines médicales et il fallut attendre les travaux modernes pour que son œuvre médicale et chirurgicale soit enfin reconnue. Fioravanti est aujourd'hui considéré … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Librería Comellas
2016-03-15 18:47:57
Dolce Ludovico
appresso Gabriel Giolito de' Ferrari, in Vinegia, 1565. In-8° antico (148x100mm), pp. 157, (3), legatura coeva p. pergamena flessibile con titolo manoscritto in antico al dorso. Imprese giolitine xilografiche al frontespizio e al colophon. Capilettera xilografici istoriati, fregi tipografici incisi in xilografia. Registro in fine. Annotazione antica all'ultima carta. Qualche alone e macchiolina alla pergamena, sparse bruniture e aloni interni di lieve entità. Buon esemplare. Prima edizione, molto rara. Scrive il Bongi: .Recitata a modo di prova in casa di Sebastiano Erizzo, benchè senza musica, scene e nemmeno vestiario apposito, fu lodata da' trecento gentiluomini che ci furono presenti, e che questo giudizio fu confermato nella replica che ne fu fatta nel palazzo del Duca di Ferrara in Venezia stessa. è di soggetto ebraico; quindi non imitata o tradotta da tragici greci o romani, ha il merito della invenzione, e si disse per conseguenza la migliore delle tragedie del Dolce. Più della Didone, che propone la vicenda virgiliana con variazioni da Sofocle e Euripide, la Marianna, basata sulle Antichità giudaiche di Giuseppe Flavio, permette al Dolce un'espressione più originale, probabilmente occasionata da una trama inedita per il genere tragico rinascimentale (la folle gelosia di Erode per la moglie) (Giovanna Romei in D.B.I., XL, 1991). Il Dolce (Venezia, 1508-ivi, 1568), poligrafo dall'ingente produzione, amico di Tiziano e dell'Aretino, compose drammi, poemi, liriche di stampo bembiano, satire, capitoli, trattati sulla pittura, la lingua e le belle arti, e fu autore di nu … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Gilibert Libreria Antiquaria (ILAB-LILA) [Torino, ><, Italy]
2016-03-15 18:47:57
Dolce Ludovico
appresso Gabriel Giolito de' Ferrari, in Vinegia, 1565. In-8° antico (148x100mm), pp. 157, (3), legatura coeva p. pergamena flessibile con titolo manoscritto in antico al dorso. Imprese giolitine xilografiche al frontespizio e al colophon. Capilettera xilografici istoriati, fregi tipografici incisi in xilografia. Registro in fine. Annotazione antica all'ultima carta. Qualche alone e macchiolina alla pergamena, sparse bruniture e aloni interni di lieve entità. Buon esemplare. Prima edizione, molto rara. Scrive il Bongi: .Recitata a modo di prova in casa di Sebastiano Erizzo, benchè senza musica, scene e nemmeno vestiario apposito, fu lodata da' trecento gentiluomini che ci furono presenti, e che questo giudizio fu confermato nella replica che ne fu fatta nel palazzo del Duca di Ferrara in Venezia stessa. è di soggetto ebraico; quindi non imitata o tradotta da tragici greci o romani, ha il merito della invenzione, e si disse per conseguenza la migliore delle tragedie del Dolce. Più della Didone, che propone la vicenda virgiliana con variazioni da Sofocle e Euripide, la Marianna, basata sulle Antichità giudaiche di Giuseppe Flavio, permette al Dolce un'espressione più originale, probabilmente occasionata da una trama inedita per il genere tragico rinascimentale (la folle gelosia di Erode per la moglie) (Giovanna Romei in D.B.I., XL, 1991). Il Dolce (Venezia, 1508-ivi, 1568), poligrafo dall'ingente produzione, amico di Tiziano e dell'Aretino, compose drammi, poemi, liriche di stampo bembiano, satire, capitoli, trattati sulla pittura, la lingua e le belle arti, e fu autore di nu … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Gilibert Libreria Antiquaria (ILAB-LILA) [Torino, ><, Italy]
2016-03-15 18:47:57
Dolce Ludovico
appresso Gabriel Giolito de' Ferrari, in Vinegia, 1565. In-8° antico (148x100mm), pp. 157, (3), legatura coeva p. pergamena flessibile con titolo manoscritto in antico al dorso. Imprese giolitine xilografiche al frontespizio e al colophon. Capilettera xilografici istoriati, fregi tipografici incisi in xilografia. Registro in fine. Annotazione antica all'ultima carta. Qualche alone e macchiolina alla pergamena, sparse bruniture e aloni interni di lieve entità. Buon esemplare. Prima edizione, molto rara. Scrive il Bongi: .Recitata a modo di prova in casa di Sebastiano Erizzo, benchè senza musica, scene e nemmeno vestiario apposito, fu lodata da' trecento gentiluomini che ci furono presenti, e che questo giudizio fu confermato nella replica che ne fu fatta nel palazzo del Duca di Ferrara in Venezia stessa. è di soggetto ebraico; quindi non imitata o tradotta da tragici greci o romani, ha il merito della invenzione, e si disse per conseguenza la migliore delle tragedie del Dolce. Più della Didone, che propone la vicenda virgiliana con variazioni da Sofocle e Euripide, la Marianna, basata sulle Antichità giudaiche di Giuseppe Flavio, permette al Dolce un'espressione più originale, probabilmente occasionata da una trama inedita per il genere tragico rinascimentale (la folle gelosia di Erode per la moglie) (Giovanna Romei in D.B.I., XL, 1991). Il Dolce (Venezia, 1508-ivi, 1568), poligrafo dall'ingente produzione, amico di Tiziano e dell'Aretino, compose drammi, poemi, liriche di stampo bembiano, satire, capitoli, trattati sulla pittura, la lingua e le belle arti, e fu autore di nu … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Gilibert Libreria Antiquaria (ILAB-LILA) [Torino, ><, Italy]
______________________________________________________________________________


      Home     Wants Manager     Library Search     563 Years   Links     Contact      Search Help      Terms of Service      Privacy     


Copyright © 2019 viaLibri™ Limited. All rights reserved.