The viaLibri website requires cookies to work properly. You can find more information in our Terms of Service and Privacy Policy.

Displayed below are some selected recent viaLibri matches for books published in 1540

        Recueil d'aucuns notables arrests donnez en la cour du Parlement de Paris, pris des mémoires de feu Monsieur Georges Louetconseiller du roy en icelle

      Imprimé à Paris à la boutique de L'Angelier, chez Claude Cramoisy au premier pillier de la grand' salle du palais.In folio 34,5 x 24 cm . 1 feuillet blanc, 10 feuillets , 919 pages, 23 feuillets , 1 feuillet blanc. Reliure plein veau brun de l'époque, dos à nerfs orné d'un fleuron central au caisson, plats encadrés d'un double filet.Tranches mouchetées. Belle marque d'imprimeur en titre , nombreux bandeaux et lettrine historiées, aux dos du titre en regard de la dédicace a Séguier, ont été imprimées les armes de Seguier "D'azur au chevron d'or, accompagné en chef de deux étoiles du même et en pointe d'un mouton d'argent" Etat d'usage, reliure solide mais avec amorces de fissures au mors et dos, manques aux coiffes, dorures passées, petites auréoles claires en divers endroits sans atteinte au papier qui reste sain, une petite gallerie de vers en marge basse sans gravité (sur une trentaine de feuillets)Georges Louet vers 1540 1608 jurisconsulte. Henri IV l'employa aux négociations avec le Vatican pour l'annulation de son mariage avec Margueritte de Valois, pour le remercier des services rendus il le nomma président des enquetes en 1600. Cet ouvrage fût publié pour la première fois en 1602. Ouvrage en français, pour apprendre l'histoire du droit dans un livre de l'époque...

      [Bookseller: Librairie Daniel Bayard livre luxe book]
 1.   Check availability:     Livre-rare-book     Link/Print  


        Ad Nicomachum filium De Moribus, quae Ethica nominantur, Libri decem, Ioachino Perionio Cormoeriaceno interprete. Eorundem Aristotelis Librorum Compendium per Hermolaum Barbarum

      Per Ioan Oporinum, (1540). In 8°, c.nn. 8, p. 319,b, c.nn. 24 (ultime due bianche). Eccellente edizione, apparsa nello stesso anno a Parigi. Ottimo esemplare. Legatura settecentesca in pergamena con tassello manoscritto al dorso. (Adams, A 1828 cita la ristampa del 1552.

      [Bookseller: Studio Bibliografico Marisa Meroni]
 2.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        L'allegoria di invidia e discordia si risolve come distruzione dell'umanità

      1540. "Bulino, circa 1540, privo di dati editoriali. Da un soggetto di Michael Coxie. Bellissima prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana ""aquila con stemma araldico"", rifilata al rame, tracce di piega centrale verticale, per il resto in ottimo stato di conservazione. Opera rara, priva del testo in basso." "Engraving, circa 1540, without printing details. Aftre Michel Coxie. A very good impression, printed on contemporary laid paper with ""eagle with shield"" watermark, trimmed to the platemark, showing trace of central fold, otherwiese perfect conditions. Envy. Landscape with Cupid, Jupiter, Neptune and Mercury at centre, Janus beyond, Envy with donkey's ears and other figures (e.g. Abundantia) standing around a table with die at left, two snakes in lower left corner, a bow and a trident in the foreground, Charity suckling a child in lower right corner. A rare work, without the printed text at the bottom." Schéle 58; Hollstein 67. 390 242

      [Bookseller: Libreria Antiquarius]
 3.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        La Madonna di Santa Margherita

      1540. Acquaforte e bulino, circa 1540/45. Da un soggetto del Parmigianino. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva priva di filigrana, irregolarmente rifilata all'interno della linea del rame, tracce di piega di carta centrale, leggere abrasioni, nel complesso in buono stato di conservazione. L'opera, sconosciuta a tutti i repertori consultati, è in relazione con il dipinto del Parmigianino ora nella Pinacoteca di Bologna, eseguito dall'artista nel 1529 per la chiesa e monastero di Santa Margherita. La composizione raffigura la Vergine con il Bambino, Santa Margherita, San Benedetto, San Girolamo e un angelo. Il Copertini descrive una sola opera a stampa coeva derivante dall'olio su tavola del Parmigianino, un bulino di Giulio Bonasone, databile circa al 1543. Rispetto al dipinto la stampa del Bonasone presenta delle lievi differenze che lasciano supporre che si sia ispirato al disegno preparatorio, ora perduto. L'opera qui descritta, si differenzia dal dipinto essenzialmente per la mancanza del paesaggio sullo sfondo, sostituito da un letto con baldacchino; è altresì probabile che l'artista si sia ispirato al disegno preparatorio. Importante documento della grafica manierista. Etching and engraving, 1540/45. After a subject by Parmigianino. Magnificent work, printed on contemporary laid paper without watermark, irregularly trimmed inside the platemark, signs of central fold, light abrasions, otherwise in good condition. This work, unknown to the main catalogues, derives from the painting, nowadays in the Pinacoteca of Bologna, realized by Parmigianino in 1529 for the church and monastery of St. Margareth. The composition depicts the Holy Virgin with the Child, St. Margareth, St. Benedict, St. Jerome and an Angel. Copertini reports only one engraving of the period deriving from Parmigianino's work: an engraving by Giulio Bonasone, 1543 circa. Unlike the painting, the print shows different details: there is no landscape in the backgound, but a baldachin. This makes us presume that the print derives directly from the lost preparatory drawing Copertini, Il Parmigianino, pp. 107/111; Parmigianino e il manierismo europeo pp. 218/219, 2.2.21; Massari, Iulio Bonasone pp.38/39, 10. Dimensioni 240x335. 240 335

      [Bookseller: Libreria Antiquarius]
 4.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        M. Verrii Flacci quae extant Sex. Pompei Festi De Verborum Significatione libri XX.

      M. Verrii Flacci quae extant Sex. Pompei Festi De Verborum Significatione libri XX. Et in Eos Josephi Scaligeri Iul. Caesaris Filii Castigationes nunc primum publicatae. Marcus Verrius Flaccus (né vers 55 avant J.-C., mort en 20 après J.-C.), est un savant érudit, historien, philologue, poète, grammairien et maître d'école (grammaticus) romain, exerçant sous les règnes d'Auguste et de Tibère. Festus Grammaticus, Sextus Pompeius Festus est un grammairien latin de la fin du IIe siècle ap. J.-C, ayant peut-être vécu à Narbo (Narbonne). Il avait composé, sous le titre de Significatione Verborum, une sorte de dictionnaire précieux pour la connaissance des antiquités romaines, de la langue latine et de la mythologie. Joseph Juste Scaliger, fils de Jules César Scaliger, né en 1540 à Agen et mort en 1609 à Leyde est l'un des plus grands érudits français du XVIe siècle. Il surpassa de loin son père comme philologue, et se fit en outre un nom comme chronologiste et historien. Sans lieu (Genève), Apud Petrum Santandreanum 1574-1575. Préface, 200 pages, index, et Annotationes (1574), 76 pages. Reliure plein vélin de l'époque. Dos à nerfs avec titre manuscrit (restauré). Quelques mouillures. 2 coins frottés. Pas de rousseur. Bon état. Format in-12°(17x12).

      [Bookseller: Livres et Collections P. Commerot]
 5.   Check availability:     Livre-rare-book     Link/Print  


        Il Banchetto di Alessandro Magno

      1540. Bulino, 1540 - 50 circa, firmato in lastra, a sinistra sulla tavoletta, Domenico Fiorentino. Su un gradino, sulla destra "A Fontana Belo Bol". Da un affresco di Primaticcio. Bellissima prova, impressa su carta vergata coeva, rifilata al rame, in ottimo stato di conservazione. L'incisione riproduce un affresco di Primaticcio per la Camera della duchessa d'Etampes. a Fontainbleau, realizzato tra il 1541 - 1544, come pendant ad un altro affresco legato ad Alessandro Magno, l'Incendio di Persepoli - ordinato dal macedone - poi perduti. Marianne Grivel sottolinea che questo è uno dei soli tre casi in cui Domenico del Barbiere interpreta il lavoro di un altro artista. Il disegno preparatorio di Primaticcio, che risulta in controparte, è conservato al Louvre, inv. 8569. Non sono noti esemplari di un primo stato privo di iscrizioni. Davis osserva che lo stile dell'opera riflette il viaggio in Italia del Primaticcio, avvenuto tra 1539 - 40, e mostra l'influenza dello stile di Raffaello e del Primaticcio. Al verso, timbro di collezione D'Arenberg (Lugt, 567) Engraving, 1540 - 50 ca, signed on the plate, on the tablet in the image "Domenico Fiorentino"; inscribed lower right on the step: A Fontana Belo Bol'. After Primaticcio. A good impression, printed on contemporary laid paper, trimmed to the platemark, very good condition. A banquet in a classical room decorated with sculptures in architectural niches, known as the Banquet of Alexander the Great; people are sitting around tables while in the foreground, servants are bringing the dishes. The engraving reproduces Francesco Primaticcio's fresco in the Chambre de la Duchesse d'Étampes, Fontainebleau, painted in 1541 - 44 as a companion to the Burning of Persepolis, lost during the transformations of the 18 - 19th centuries. Primaticcio's preparatory drawing in reverse is preserved in the Louvre, inv. no. 8569, Henri Zerner did not find any example of the first state without inscription that Herbet recorded. Bruce Davis noted that the print is a reflection of Primaticcio's absorption, during his Italian journey of 1539 - 40, of the Roman styles of Raphael and Parmigianino. Marianne Grivel claimed this is one of the three cases when Domenico del Barbiere interpreted a work by another artist. Ex colletione d'Arenberg (Lugt, 567). Zerner 1969 DB.7; Bartsch XVI.359.6; 'École de Fontainebleau',1972, Cat. No.336; B. Davis, Mannerist Prints, 1988, n. 63 360 250

      [Bookseller: Libreria Antiquarius]
 6.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Dialogo de la seraphica vergine santa Catharina da Sienca ; el qual profondissimamente tratta de la divina providentia ; de quasi tutti li peccati mortali et de molte altre stupende ; et maravigliose cose, como in el fuo repertorio lucidamente appar. Insiene con la sua vita et canonizatione et alcuni notabili capitoli con posti in sua gloria ; et laude. Novamenterevisto : et con summa diligentia castigato.

      Venetia (Venezia), Marchia Sessa, 1540 ; in-8 ; plein vélin vieil ivoire (reliure de l'époque) ; (32) ff., 224 ff., le dernier verso blanc ; grand bois gravé (88 x 78 mm) en page de titre représentant Sainte Catherine recevant les stigmates et marque d'imprimeur à la suite du collophon, achevé d'imprimer du 29 avril 1540, date anniversaire de la mort de la Sainte (29 avril 1380). Ex-libris manuscrits Francesco Secchi et Bartolomeo Baroni. L'oeuvre de Catherine de Sienne est précédée de sa Vie et de l'acte de canonisation par Pie II du 3 juillet 1461.Très bonne édition ancienne de ce texte mystique célèbre, dans lequel le phénomène de l'extase tient une place tout à fait particulière.Quelques petits défauts au vélin de la reliure (petits trous, coiffes usées et absence des lacets), tous petits travaux de vers aux quatre premiers feuillets, avec légère atteinte au bois gravé et petite galerie au coin supérieur de la marge intérieure des feuillets CII à 12 avec une minuscule atteinte au texte, vraiment sans gravité, sinon bon exemplaire ; les éditions anciennes de Sainte Catherine de Sienne sont relativement rares.

      [Bookseller: Librairie Ancienne Clagahé]
 7.   Check availability:     Livre-rare-book     Link/Print  


        Ecce Homo

      1540. Bulino, siglato e datato in basso a sinistra con il monogramma di Luca e la data 1510. Buona impressione, impressa su un foglio di carta vergata coeva, rifilato al rame, applicato su un supporto di carta antica. Lieve e uniforme brunitura, per il resto, in ottimo stato di conservazione. La stampa è una copia, in controparte, del celebre 'Ecce Homo' inciso da Luca van Leyden nel 1510. La scena raffigura in primo piano una folla riunita in una grande piazza di un centro abitato; al centro, su un piano rialzato, Pilato si appoggia a una balaustra e presenta Cristo alla folla. Un paesaggio montuoso fa da sfondo. "Engraving lettered with the letter ""L"" and the date 1510 on a rock in lower left. Good impression, printed on sheet of laid paper, applied on a thick laid paper, trimmed to the platemark, some soiling, generally in good condition. The print in a copy, in reverse, of the homonymous and famous subject engraved by Luca van Leyden in 1510. The scene depicts a crowd gathers in a large square in foreground; in centre on a raised platform, Pilate leans on balustrade and presents Christ, to the left, to the people below; an extensive townscape and at back left a mountainous landscape." New Hollstein (Dutch & Flemish) 71.I (Lucas van Leyden); Bartsch VII.378.71 444 283

      [Bookseller: Libreria Antiquarius]
 8.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Mosè trova l'acqua nella roccia

      1540. Acquaforte e bulino, circa 1540, monogrammato in lastra in basso a sinistra. Esemplare nel secondo stato di due, con l'indirizzo di Giacomo Franco. Bellissima prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana "stella", con margini, in ottimo stato di conservazione. La figura del Franco è assai singolare nell'ambito della grafica italiana del Rinascimento e rappresenta una risorsa fondamentale per lo studio delle antichità classiche, dei temi e dello stile michelangiolesco. Nativo di Venezia, si trasferisce a Roma intorno al 1530, e qui apprende e si dedica all'arte dell'incisione, sotto la guida di esperti editori quali Antonio Salamanca e Antonio Lafrery. A Roma sviluppa il suo interesse per le antichità classiche, che lo porterà a creare una linea di continuità tra l'editoria romana e veneziana e a sviluppare e perpetuare l'interesse per lo stile classico dell'Alto Rinascimento. Etching and engraving, 1540 circa, signed at lower left. Example of the second state of two, with Giacomo Franco address added at lower right. A very good work, rich in shades, printed on contemporary laid paper with "star" watermark, with small margins, in excellent condition. Giovan Battista Franco was quite a peculiar character in the Italian Renaissance graphic production and represented an interesting resource for the study of classic antiquities. He was born in Venice and then moved to Rome around 1530, where he learnt how to engrave from Antonio Salamanca and Antonio Lafrery. In this period he developed his interest for classic antiquities which made of him the joining point of the Roman and the Venetian book trade.

      [Bookseller: Libreria Antiquarius]
 9.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Apollo e Marsia

      1540. Bulino, 1540 - 1545 circa, in basso a sinistra l'excudit di Antonio Salamanca. Da un soggetto di Francesco Salviati. Nel margine inferiore, sei versi in latino distribuiti su tre colonne: 'Ausus cum Phaebo Satyrus contendere' cantu Pro stolida paenas credulitate luit ..'. Esemplare nel probabile primo stato di tre, o secondo di quattro, avanti gli indirizzi di De Rossi e Pacifici. Bella prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana "santo inginocchiato", simile a Briquet 7628, due tracce di piega di carta orizzontali, per il resto in ottimo stato di conservazione. Si tratta di una copia in controparte di una stampa, sconosciuta al Bartsch, il cui soggetto viene attribuito a Francesco Salviati, come già sostenuto da Nagler, Voss e dalla Borea. L'incisore della stampa originaria è stato individuato in Girolamo Fagiuoli o Faccioli che, in effetti, aveva incisi già diversi disegni del Salviati. Resta, invece, anonimo l'incisore di questa copia. Marsia è legato, in piedi, ad un albero mentre Apollo, armato di coltello, si appresta a scuoiarlo. Contrariamentre all'iconografia tradizionale del tema, Marsia non è posizionato a testa in giù. Tale era infatti la punizione per la superbia di Marsia che osò sfidare Apollo, dio della musica e delle arti, in una gara musicale. Nello sfondo è visibile il tempietto del Bramante con S. Pietro in Montorio, mentre in basso è la personificazione di un fiume che sgorga dalla caverna di Celene. Secondo quanto tramandato da Diodoro Siculo, per la sfida furono scelti come giudici i Nisei i quali, ascoltate attentamente le esibizioni di Marsia con il flauto e di Apollo con la cetra, propendettero per attribuire la vittoria al primo; ma il dio - sentendosi sconfitto - suonò una seconda armonia accompagnata da un canto melodioso, convincendo i giudici ad invertire il loro responso. Marsia protestò per l'irregolarità della gara, ma Apollo rispose che cantando non faceva nulla di diverso di quanto facesse lui soffiando nel flauto, quindi bisognava che nessuno dei due utilizzasse la bocca per suonare, ma soltanto le dita. Grazie a questo imbroglio Marsia fu sconfitto. In altre versioni del mito, come nel testo di Apollodoro, Apollo vince capovolgendo la cetra e invitando Marsia ad imitarlo: ma mentre il dio, con lo strumento capovolto, può continuare a suonare, il flauto rovesciato non produce alcun suono, causando la sconfitta del satiro. Timbro della collezione Plinio Nardecchia, in basso a destra. Nova 'Francesco Salviati e gli editori 1. Le incisioni', in Francesco Salviati (1510 - 1563) o la Bella Maniera, 1998, p.67; S. Boorsch, 'Salviati and Prints: the Question of Fagiuoli', in Francesco Salviati et la bella maniera, 2001; Luisa Mortari, Francesco Salviati, 1992, n.26, p. 300. Engraving, 1530 - 1560 circa, inscribed on the bottom left "An t. Sal. exc". After Francesco Salviati. Lettered along bottom with three columns of description in Latin. Exanple of the first state of three (or the second of four), before the address of Pacifici and De Rossi. A very good impression, printed on contemporary laid paper, with watermark "prayng saint", trimmed to the paltemark, two light paper folds, otherwise in very good condition. The satyr Marsyas was a flute player who challenged Apollo to a music contest. He was defeated and was consequently at the mercy of the god, who decided to flay Marsyas alive as a punishment for losing. Ex collection Plinio Nardecchia, print dealer in Rome (not in Lugt). A. Nova 'Francesco Salviati e gli editori 1. Le incisioni', in Francesco Salviati (1510 - 1563) o la Bella Maniera, 1998, p.67; S. Boorsch, 'Salviati and Prints: the Question of Fagiuoli', in Francesco Salviati et la bella maniera, 2001; Luisa Mortari, Francesco Salviati, 1992, n.26, p. 300. Massari, Tra mito e allegoria, p. 317; Borea, Stampe da modelli fiorentini nel Cinquecento, p. 271 252 355

      [Bookseller: Libreria Antiquarius]
 10.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        TITRES DE NOBLESSE EN ESPAGNOL DE GONZALO de TOZO (1540).

      1540Portefeuille grand in-quarto (230 X 337) vélin ivoire recouvert de satin bleu (en partie décousu avec petits manques en marge) et bordé d'un fin galon doré, cordons de fermeture brodés de fils couleurs et or (en partie manquants) ; 28 feuillets (dont deux réglés sans inscription et deux autres vierges) sur peau de vélin reliés au portefeuille par un cordon de soie à brins jaune, vert et rouge (reliure de l'époque). SUPERBE DOCUMENT MANUSCRIT ESPAGNOL SUR PEAU DE VELIN, entièrement réglé, orné de figures et décoré d'enluminures et d'initiales peintes à la gouache avec rehauts d'or et d'argent. Ce cahier témoigne de la reconnaissance par le conseil du Roi réuni à Grenade le 18 novembre 1540 des titres de noblesse de Gonzalo de TOZO, habitant la ville de Zafra, dans la province de Badajoz, en Extrémadure. DESCRIPTION DU MANUSCRIT : 28 feuillets contenant 48 pages de texte. La première page comporte quelques mots manuscrits et signatures, la dernière six lignes et signatures. L'écriture de deux pages du manuscrit diffère de celle de l'ensemble du document. In fine quatre pages réglées sans inscriptions et quatre pages vierges. Les pages 2 et 3 sont réglées dans un encadrement à trois côtés de bandeaux entièrement ornés d'enluminures à décor de rinceaux de feuillages, trophées d'armes, masques et chimères. La deuxième page : à l'angle gauche du bandeau supérieur, vignette carrée représentant la Reine Jeanne dite « la Folle ». A l'angle droit, vignette carrée contenant le portrait d'un homme jeune portant la toison d'or, certainement Philippe d'Autriche dit « le Beau », époux de la reine Jeanne et père de Charles Quint. Au centre vignette ronde représentant Charles Quint en monarque guerrier (couronne impériale et glaive). Dans les bandeaux latéraux deux autres vignettes carrées avec des personnages masculins. En haut à gauche grande initiale « D » historiée composant une mandorle qui contient une vierge à l'enfant. Marie, debout sur un croissant de lune bleu, porte Jésus dans ses bras, ce dernier tenant une pomme dans la main gauche. Le texte qui suit l'initiale commence ainsi : « Don Carlos por la divina Clemencia emperador semper Augusto Rey de Alemania, dona Juana su madre y el mismo don Carlos [etc.] ». Suit toute la titulature du Roi Charles Quint. En bas et au centre important blason, sans doute les armes de la famille de TOZO. La troisième page : à l'angle gauche du bandeau supérieur, vignette carrée représentant un saint tenant dans ses mains un glaive et un livre. Il est coiffé d'un bonnet surmonté d'une coquille Saint-Jacques. Il s'agit probablement de Saint Jacques le Majeur. A l'angle droit, vignette carrée représentant une sainte, probablement Sainte Catherine d'Alexandrie. Elle tient un glaive dans une main et une roue dentée dans l'autre. A la place des vignettes carrées latérales on trouve simplement deux cercles ferronnés. Dans la partie inférieure de la page, grande vignette représentant Saint Jérôme se mortifiant dans le désert. Il tient dans son bras gauche l'agneau et, de la main droite, soulève une pierre dont il se frappe la poitrine. Son chapeau cardinalice et sa cape sont posés sur une branche d'arbre, en arrière-plan. A ses pieds se trouve un lion, l'un de ses emblèmes. A sa droite, le Christ en croix au sommet d'un mont rocheux. La scène se déroule dans un paysage de rocs et de montagnes lointaines, suggérant le désert. Cette vignette est bordée d'un grand cercle bleu serti de filets dorés et inscrite dans un grand rectangle à fond rouge orné de chimères et de végétaux. A la suite, réparties de manière aléatoire au gré des feuillets on trouve neuf initiales peintes dont une initiale « D » dans laquelle est représenté un beau portrait de CHARLES QUINT, le chef couronné et tenant le sceptre dans sa main droite. Ce document est en bel état de conservation : seules quelques pertes de couleurs en marge de la deuxième page sont à déplorer. EXCEPTIONNEL MANUSCRIT contenant une spectaculaire double page entièrement ornée de figures et scènes peintes, et deux portraits de Charles Quint. Les couleurs vives, variées, chatoyantes, assemblées avec raffinement, le goût sûr de la composition désignent un artiste de tout premier ordre. NICE COPY. PICTURES AND MORE DETAILS ON REQUEST.

      [Bookseller: Librairie ancienne & Moderne Eric Castér]
 11.   Check availability:     Livre-rare-book     Link/Print  


        Della perfettione della vita politica libri tre.

      1540. In - folio; 12 cc., 316 pp.; legatura coeva in tutta pergamena, titolo manoscritto al dorso e al taglio inferiore (piccole mancanze alle cuffie). Sporadiche sottolineature di antica mano. Piccolo alone al margine bianco interno di poche carte centrali, occasionali non gravi punti di fioritura, perlopiù marginali. Bell'esemplare assolutamente genuino. Prima edizione, assai rara, dell'opera principale di Paolo Paruta (Venezia, 1540 - 1598), storiografo ufficiale della Repubblica di Venezia dal 1579. Il Della perfettione ebbe vasta risonanza, fu tradotto in inglese nel 1657 e costituì un'importante fonte di ispirazione per le "Considerations sur les causes de la grandeur des Romains et de leur décadence" (1734) di Montesquieu. Nell'opera troviamo una difesa della "Repubblica" come forma di governo e in particolare di quella Veneta, considerata la perfetta incarnazione storica del'ordinamento ideale. "Della perfettione [è] un'opera che assume le sembianze di un articolatissimo dialogo a più voci ambientato all'inizio dell'estate del 1563 a Trento... I principali obiettivi di questo scritto parutiano, che offre un suggestivo quadro dell'ambiente culturale veneziano del tempo, consistono nella giustificazione morale dell'impegno civile, così da restituirgli quella dignità e quel valore che sembra avere in parte smarrito nel corso dei decenni precedenti, e nella raffigurazione di un modello ideale di uomo politico. In Della perfettione, la vita attiva e l'impegno civico paiono a tratti occupare un ruolo d'importanza pari - o, talvolta, anche superiore - a quello della religione, nonostante le ripetute dichiarazioni di fedeltà alla Chiesa..." (Venturelli). Gamba 1561: "Originale e bella edizione". Bozza, Scrittori Politici, p. 54. Ferrari, Corso sugli scrittori politici, lez. XIX. Adams P - 360. P. Venturelli, "Mito di Venezia e governo misto in Della perfettione della vita politica di Paolo Paruta", 1961, Società Italiana di filosofia politica.

      [Bookseller: Libreria Antiquaria Mediolanum]
 12.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Noua Graecia secundum omnes eius regiones & prouincias & ultra Hellespontum.

      1540. Per la prima volta pubblicata nel 1544 nella "Geographia" di Sebastian Munster, questo esemplare deriva dall'edizione latina della "Cosmographiae Universalis" del 1550. Secondo Zacharakis tra il 1544 ed il 1572 Henricus Petri pubblicò ben otto edizioni della Geographia con il testo latino. Ottimo esemplare di questa affascinante ed arcaica mappa della Grecia. Nice example of Munster's map of Greece, Turkey and adjoining regions, from one of the eight latin editions of Munster's Cosmographia. Extends to Just north of the Donau River, showing Wallachia, Romania, etc. Nice depiction of Mount Olympus, Constantinopel and other cities in Natolia. Interesting early regional map, from a German edition of Munster's Cosmography one of the most influential georgaphical works of the 16th Century. A fine dark impresion. Basilea Basle Zacharakis C. G. "A Catalogue of Printed Maps of Greece 1477 - 1800 (2009), n. 2438 350 260

      [Bookseller: Libreria Antiquarius]
 13.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        MANOSCRITTO recante il titolo "Tutte l'Opere del Bernia in terza Rima nuovamente poste con somma diligenza stampate Parte prima 1540" (e seconda).

      prima metà XVIII sec.. manoscritto cartaceo composto da 2 gr. voll. in - 4 (mm. 220x168), pp. (10), 1 cb, 462, 1 cb; (6), 3 cb, 444, bella leg. settecentesca p. perg. con tass. e tit. oro ai d. Manoscritto in chiara grafia del primo Settecento che riproduce l'opera del Berni pubblicata senza indicazione del luogo di stampa a Venezia nel 1540. Tutte le poesie di Francesco Berni, per il loro carattere licenzioso, si trovavano nella lista di libri proibiti già con Papa Paolo IV, promulgata nel 1559, che elencava ogni opera, argomento, ed autore che i Cattolici non dovevano leggere. Il primo volume è dedicato esclusivamente alle opere del Berni. Il secondo, con titolo al frontespizio "Le terze Rime di M. Giovanni della Casa e di M. Bino e d'altri", contiene lavori del Bino, G. Della Casa, Molza, Varchi e Dolce. [MM22 - 410]

      [Bookseller: Studio Bibliografico Scriptorium]
 14.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Aristotelis stagiritae Politicorum ad Nicomachum lib. Primus Raphaelis Volaterrani argumenta in eosdem. Leonardo Aretino interprete. Venezia, Geronimo Scoto, 1542. Unito con: Aristotelis stagiritae Oeconomicorum, seu de Re Familiari Libri duo. Bernardino Donato Veronensi interprete

      Geronimo Scoto, 1540. Due opere in un volume in 8° (cm. 16 x 11), cc. 195, (1); (2), 41, 26, (2). Marca tipografica incisa sui due frontespizi e sul verso dell'ultima carta. Monogramma dello stampatore inciso al recto della c. bb4, ultima della prima opera. Pergamena floscia dell'epoca. Tracce di legacci. Titoli calligrafati sul dorso. Tagli rossi. Leggero alone al margine esterno di gran parte del volume, ma copia in stato più che buono.

      [Bookseller: Libreria antiquaria Atlantis]
 15.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        La morte di Aiace

      1540. Chiaroscuro a tre legni, 1540 - 50 circa, in basso a destra iscrizione 'POLIDORO DA CARAVAGIO/INVENT AA in mantoua [160]8'. Da un soggetto di Polidoro da Caravaggio. Esemplare nel secondo stato di due, con l'indirizzo di Andreani e la data aggiunti sulla firma già obliterata "IO·NIC·VICEN". Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva, irregolarmente rifilata alla linea marginale, in ottimo stato di conservazione. La composizione riproduce una delle scene dipinte à grisaille da Polidoro di Caravaggio sulle facciate di diversi palazzi romani, oggi scomparse. La scena raffigurata è stata interpretata come La morte di Aiace, il più valoroso degli eroi greci. Quando, dopo la morte di Achille, non lui ma Ulisse viene giudicato il più degno di ricevere in consegna le armi dell'eroe, Aiace non sopporta l'affronto e medita di vendicarsi; ma la dea Atena gli toglie il senno. Aiace, impazzito, fa strage del bestiame dei Greci, credendo di uccidere Agamennone e Menelao responsabili dell'ingiusto verdetto. Tornato in sé, vergognandosi delle azioni commesse, decide di suicidarsi trafiggendosi con la propria spada. Nella composizione, Aiace è sulla sinistra , a terra appoggiato ad un albero, mentre con la mano sinistra leva in alto lo scudo. Dietro di lui, un gruppo di soldati greci; a destra si distingue la figura del re Menelao seduto e, all'estrema destra, una figura in piedi, con lo sguardo basso e le braccia conserte, da alcuni identificato con Agamennone. Secondo Barryte, forse il momento rappresentato è quello immediatamente successivo alla decisione del consiglio e la figura in piedi a destra, le braccia incrociate e lo sguardo verso il basso è Ulisse - non Agamennone - che non vuole vantarsi del suo successo, proprio per la reazione di Aiace che cade a terra, contorcendosi in amara delusione e si volta dall'altra parte rispetto al gruppo di soldati, come a non voler guardare coloro dai cui ha appena ricevuto l'offesa. È probabile che il chiaroscuro venne eseguito non direttamente dalla scena della facciata, bensì a partire da un disegno preparatorio o addirittura da una copia. La disposizione serrata delle figure e la fedele riproduzione delle armature documentano lo stile antiquario a rilievo sviluppato da Polidoro negli anni venti del secolo. Chiaroscuro woodcut from three blocks in grey, , Inscribed with inventor's name, publisher's address and date lower left: 'POLIDORO DA CARAVAGIO/INVENT AA in mantoua [160]8'. After Polidoro da Caravaggio. Example of the second state of two, with Andreani's address added at lower right. Presumably, the composition is based on one of the numerous "all'antica" composiitions with which Polidoro da Caravaggio ornated the facades of Roman palaces, the majority of which have vanished. The scene depicted was interpreted as The death of Ajax. When Achilles was killed, his armor was to be awarded to the next greatest Greek hero. The armor led to a dispute between Ajax and Odysseus. Both heroes felt entitled to it. To settle the matter, the Greeks decided to take a vote, and they awarded the armor to Odysseus. Enraged by this decision, Ajax planned an assault on the Greek troops that night. However, Athena, the goddess of wisdom, drove Ajax temporarily insane, and he attacked a flock of sheep instead. After recovering his senses, he was so ashamed that he killed himself with the sword Hector had given him Vicentino's print illustrates dying hero to left leaning against tree, with the left raised with shield; right leg bent beneath him; behind to right group of Greek warriors; King Menelaus seated and Agamemnon in foreground. According Barryte, perhaps this is the moment after the fate of the armor is decided and the figure standing to the right, arms crossed and head down is Odysseus - not Agamemnon - , unwilling to boast of his success as Ajax falls the ground, writhing in bitter disappointment and unwilling to face those by whom he felt wronged. Bartsch XII.99.9; Le Blanc IV.116.7; Oberhuber, K., Gnann, A., 'Roma e lo stile classico di Raffaello (1515 - 1527)', cat. no. 220; B. Barryte, Myth, Allegory and Faith, n. 104. 411 315

      [Bookseller: Libreria Antiquarius]
 16.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Giove allattato dalla Capra Amaltea

      1540 ca.. Bulino, circa 1540, privo della firma. 423 x 274 mm. Da un soggetto di Giulio Romano. Esemplare nel primo stato di due. Bella prova, impressa su carta vergata coeva priva di filigrana, rifilata al rame, in perfetto stato di conservazione. In passato l'opera era erroneamente assegnata a Giovanni Battista Scultori; tuttavia non ci sono dubbi sull'attribuzione del foglio al Bonasone, che sulla base di elementi stilistici risulta prodotta verso la fine del quarto decennio del'500. L'episodio è tratto dal testo di Esiodo; Giove viene nutrito dalla capra Amaltea con l'aiuto di Melissa e di un pastore, mentre una ninfa raccoglie il latte in una scodella.Bibliografia: Bartsch 107; Massari 115 I/II.Giulio Bonasone nato a Bologna nel 1510 ca., è incisore a bulino e all'acquaforte oltre che pittore come ricorda il Malaspina includendolo tra gli allievi di Lorenzo Sabbatici. Sono quattrocentodieci le stampe - quasi tutte conservate all'Istituto per la Grafica di Roma - che la critica recente assegna al Bonasone ampliando il numero indicato dal Bartsch di trecento cinquantaquattro fogli. Incisore di riproduzione oltre che di invenzione, Giulio inizia la sua attività calcografica intorno al 1531 come risulta dalla data che si legge nella raffaellesca S. Cecilia. Ritenuto un seguace tardivo di Marcantonio, il bolognese rivela presto una sostanziale autonomia di visione che lo rende uno degli interpreti più interessanti dell'epoca, tanto che lo stesso Parmigianino gli consegna i disegni per la trasposizione su rame. A Roma dal 1544 ca.fino al 1547 ca., il Bonasone lavora per i più importanti editori - calcografi dell'epoca (Salamanca,Barlacchi,Lafrery)interpretando i soggetti di Michelangelo o di Raffaello e dei suoi principali allievi Giulio Romano,Perin del Vaga e Polidoro da Caravaggio. In uno stile estremamente personale che si avvale di tratti a bulino spesso combinati all'acquaforte.

      [Bookseller: Libreria Antiquaria Perini s.a.s.]
 17.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Notizia de' libri rari nella lingua Italiana. Divisa in quattro parti principali; cioe, istoria, poesia, prose, arti e scienze.

      M. Isengrin . -, Basel 1540 - Spät. Pp. unter Verwendung eines alten Druckes. 8vo. 19 Bll., 302 S., 24 Bll. - Erste Ausgabe, noch anonym erschienen, "ein schätzbares und nützliches Werk" (Petzholdt). - "Abgedruckt war darin Giusto Fontanini's Ragionamento della eloquenza italiana aus dessen Biblioteca dell' eloquenza (Rom 1706), auf die sich Haym's Verz. gründete" (Domay). - Außengelenke leicht eingerissen. - Gest. Wappen-Exlibris.Petzholdt S. 354. - Domay S. 90. 500 g. [Attributes: First Edition]

      [Bookseller: Ketterer Kunst Hamburg GmbH]
 18.   Check availability:     ZVAB     Link/Print  


        Historia di tutte le cose degne di memoria quai del anno MDXXIIII sino a’ questo presente sono occorse nella Italia, nella Provenza, nella Franza... Opera nova & novamente con la sua Tavola stampata

      Nicolo d’Aristotele detto il Zoppino, 1540. 8vo (cm. 23), (14)-215(1) cc. Xilografia al frontis. e alcune iniziali figurate. Assente la carta finale (bianca?). Cartonato coevo con ds. rivestito in carta e titolo manoscritto. Segni di usura alla legatura e alle carte di guardia, ottimi e freschi interni. Prima edizione. Adams, G, 1452.

      [Bookseller: Libreria Antiquaria Ex Libris s.r.l.]
 19.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Camilla. Opera nova d'Amore. Composta per Balthassare Olympo da Sassoferrato. Novamente corretta. Nella quale vi sono Mattinate, Stramboti, Capitoli, Madrigali, Canzoni, Epistole, Sonetti, Barcelette. Agiontovi di novo un Capitolo de Patiencia. (In fine:) In Venetia, per Alessandro de Viano, s.d. (1540 - 50 circa)

      Viano, 1540. in - 8 piccolo, ff. (60), caratt. tondo, pagina di titolo in rosso e nero, grande scena mitologica con Piramo e Pisbe in silografia sullo stesso foglio. Artistica legatura ottocentesca in piena pelle marrone scuro, decorata a secco da filetti e bordure floreali sui piatti, dorso a nervi con fregi a secco e titolo oro, tagli dor. Rara edizione della prima metà XVI secolo, arricchita della bella incisione in legno, di queste rime amorose e versi occasionali assai eleganti, che risentono dell'ispirazione petrarchesca. Alcune edizioni videro la luce a Milano e Venezia a partire dal 1525, tutte assai rare. La lingua italiana dei versi di Camilla appare in questa edizione influenzata dal dialetto veneziano. L'autore nacque a Sassoferrato nel 1486 (m. 1539), appartenne all'Ordine dei minori conventuali, e scrisse versi d'amore per "ricreare la mente offuscata dagli studi filosofici". Risulta dai suoi scritti che da più parti gli fosse rimproverata la sconvenienza delle sue poesie e della sua condotta. La sua figura, che per un lato rappresenta un caso limite nella crisi attraversata dagli Ordini religiosi nella prima metà del Cinquecento, occupa un posto di primo piano nella storia della poesia popolare; fu pure un madrigalista assai noto. (Esemplare con strappo restaurato nel margine esterno del foglio di titolo).

      [Bookseller: Libreria Antiquaria Pregliasco]
 20.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Danza delle Muse

      1540. Bulino, circa 1540/5, firmato in lastra in basso a destra. Da un soggetto di Rosso Fiorentino. Esemplare di terzo stato, con l'indirizzo di Hendrick Hondius aggiunto in basso. Bellissima prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana "scudo con corno postale", rifilata alla linea marginale, restauri perfettamente eseguiti ai quattro angoli, per il resto in ottimo stato di conservazione. Molto rara. Bibliografia: Zerner 1; Robert Dumesnil VIII, 74 (Boyvin); Le beau style, p. 158, 66. Dimensioni 390x270. Engraving, circa 1540/45, signed at lower right. After Rosso Fiorentino. Third state of three with the address of Hondius. A fine impression, printed on contemporary paper with "shied with posta hornet" watermark, trimmed to the borderline, perfect restored areas at the four corners, generally in ggod conditions. Rare. Bibliografia: Zerner 1; Robert Dumesnil VIII, 74 (Boyvin); Le beau style, p. 158, 66. Dimensioni 390x270.

      [Bookseller: Libreria Antiquarius]
 21.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Seminarivm et plantarivm fructiferarvm proesertim arborum que post hortos conferi solent

      Paris. Robert Estienne, 1540. 193 pp, 11 ff reliure à la Bradel en papier grainé vert, dos lisse, pièce de titre de cuir rouge, anciennes tranches rouges 1540, 1540, in-8, 193 pp, 11 ff, reliure à la Bradel en papier grainé vert, dos lisse, pièce de titre de cuir rouge, anciennes tranches rouges, Édition augmentée et accompagnée d'une table en français de tout les mots latins de ce traité donnant les indications les plus complètes sur les méthodes de jardinage et de la sylviculture au seizième siècle. Ce quatrième ouvrage, écrit par Charles Estienne à l'intention des enfants, avait paru pour la première fois en 1536. L'auteur y a ajouté un long passage sur la manière de planter les arbres en serre et a dédié le livre au grand magistrat J.J de Mesmes

      [Bookseller: Librairie Alain Brieux]
 22.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Commentaire des Evangiles, 1540

      Jehan Petit, 1540. Titre complet : Divi Thomae Aquinatis Enarrationes, quas Cathenam vere auream dicunt, in quatuor Evangelia ex vetustissimorum codicum collatione, quantum licuit emendatiores quam hactenus in lucem editae. Additus est index rerum scitu dignarum Appelé "Chaîne d'or" ("Cathenam auream"), ce florilège de citations patristiques, accompagné de la vulgate, a été composé par Thomas d'Aquin de façon à fournir un commentaire continu, verset par verset, des Evangiles. Cet ouvrage fondamental a été rédigé de 1263 à 1264 à la demande du Pape Urbain . Edition rare à l'adresse Jehan Petit, imprimé par Petri Regnault. Très belle Page de Titre gravé sur bois avec un titre en noir et rouge au sein d' un bel encadrement orné de rinceaux, d' angelots, d' animaux , de colonnades et de la grande marque de Jehan Petit. Publié à Paris par Jehan Petit en 1540. Reliure plein cuir en bon état avec un dos à 6 nerfs, intérieur en bon état avec des caractères gothiques ornés de lettrines imprimés sur 2 colonnes, format in folio, 340 pages.

      [Bookseller: Librairie Librairie Champollion]
 23.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Cristo guarisce i Lebbrosi

      1540. Chiaroscuro a tre legni, impressa con inchiostro bruno chiaro, 1540 - 50 circa. Da un soggetto di Parmigianino. Esemplare nel secondo stato finale, con il monogramma dell'editore Andrea Andreani e la data 1608, in basso a destra, sopra la firma già obliterata 'Ioseph Nicolaus Vicentini'. Magnifica prova, ricca di toni, impressa su carta vergata coeva, rifilata oltre la linea marginale, in ottimo stato di conservazione. La xilografia traduce un disegno del Parmigianino del 1526, conservato a Devonshire Collection, inv. no. 335 (Popham 1971, no. 690), realizzato a penna, inchiostro e acquerello, con biacca. Il disegno è tipico di un modo di Parmigianino di rispondere alla sfida di rappresentare delle narrazioni. Quasi tutto il campo visivo è dominato da monumentali ed eroiche figure. Anche i lebbrosi, che molti altri artisti avrebbe sfruttato per gli effetti che sfiorano il grottesco, sono idealizzati e semi - ignudi, mentre il Cristo e i suoi apostoli sono, in maniera più prevedibile, imponenti. Popham e Landau, seguendo Vasari, sostengono che il Vicentino intagliò l'opera dopo la morte del Parmigianino, escludendo comunque che i due artisti collaborarono nella realizzazione dei chiaroscuri. Oberhuber, seguito da Gnann, sottolineano che lo stile del Vicentino richiama quello di Ugo da Carpi e che probabilmente il Rossigliani incontrò l'artista e il Parmigianino a Roma ben prima del Sacco del 1527. La composizione è anche nota attraverso una stampa di traduzione di Schiavone e una, in controparte, di Leonard Thiry. Chiaroscuro woodcut with three blocks in green and black, 1540 - 50 circa. The second state of two, inscribed with publisher's address and date lower right: 'AA in mantoua 1608' over the almost obliterated 'Ioseph Nicolaus Vicentini'. After a subject by Parmigianino. A very good impression, printed with tone on contemporary laid paper, trimmed just on the borderline, in very good condition. After Parmigianino's drawing, pen and brown wash, heightened with white, in the same direction, preserved at Chatsworth, Devonshire Collection, inv. no. 335 (see Popham 1971, no. 690). The drawing is typical of one side of Parmigianino's response to the challenge of producing narratives. It shows almost the whole visual field dominated by monumental, heroic figures. Even the lepers, whom many another artist might have exploited for effects bordering on the grotesque, are idealised semi - ignudi, while Christ and his bodyguard of apostles are more predictably commanding. Popham and Landau, following Vasari, argued that the Vicentino carved this work after the Parmigianin's death, excluding, however, that their collaboration in the chiaroscuro's creation. Oberhuber, followed by Gnann, point out that the Vicentino's style recalls Ugo da Carpi and probably Rossigliani met both, the artist and Parmigianino, in Rome before the Sack of 1527. The composition is also known through a print by Schiavone and another one, in reverse, by Leonard Thiry. Bartsch XII.39.15.II; B. Davis, Mannerist Prints, n. 51; D. Ekserdijian, Parmigianino 417 302

      [Bookseller: Libreria Antiquarius]
 24.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        La nascita della Vergine

      1540. Bulino, 1540, datato in lastra. Esemplare nel secondo stato di quattro, con l'indirizzo di Antonio Salamanca e la data 1540. Bellissima prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana non leggibile, irregolarmente rifilata al rame, restauri perfettamente eseguiti alla piega centrale, per il resto in ottimo stato di conservazione. L'incisione risulta essere una copia in controparte dell'opera di Beatricetto che "restituiva" un disegno di Baccio Bandinelli, come si legge nell'iscrizione che l'accompagna: Bacius Floreninus Inventor.Nicolaus Beatricius Ltharingus restituit. Il disegno di Bandinelli, oggi conservato agli Uffizi di Firenze, con ogni probabilità doveva costituire uno schizzo preliminare per il bassorilievo nella Basilica di Loreto. Questo primo progetto fu poi modificato. Sempre agli Uffizi, si conserva un secondo disegno preparatorio molto più vicino al bassorilievo realizzato. Il primo progetto fu, però, mantenuto per essere rielaborato - con diversi ampliamenti - in incisione. La composizione è su due livelli, secondo uno stile che Bandinelli mostra di prediligere nei suoi disegni per le incisioni, basti pensare al Martirio di S. Lorenzo inciso da Marcantonio Raimondi. La scena è affollata: in una grande stanza, intorno a S. Anna, madre della Vergine, diverse donne sono affaccendate in mansioni e compiti diversi, altre accorrono dal piano inferiore, attraverso le scale in primo piano, mentre, sullo sfondo a destra, una donna osserva dalla porta. La tecnica utilizzata da questo incisore anonimo è ricca di linee marcate che servono a enfatizzare i profili e i contorni. Agli inizi del secolo, una tecnica simile era stata utilizzata da Giovanni Jacopo Caraglio, da cui probabilmente l'incisore fu influenzato. Da alcuni studiosi viene avanzato il nome di Agostino Veneziano che sappiamo aver inciso anche da invenzioni di Baccio Bandinelli. Engraving, circa 1530, dated on plate. Example of the second state of four with the date 1540 and the address of Salamanca. A good impression, printed on contemporary laid paper, irregularly trimmed at the platemark, perfect repaired areas in the central part, otherwise in very good conditions. The engraving appears to be a copy of the work of Beatricetto, after a drawing of Baccio Bandinelli, as stated in the inscription that accompanies it : Bacius Floreninus Inventor.Nicolaus Beatricius Ltharingus restituit. The work of Bandinelli, now in the Uffizi in Florence, in all probability was to be a preliminary sketch for the bas - relief at the Basilica of Loreto. This first project was later modified. Always in the Uffizi, it keeps a second preparatory drawing much closer to the bas - relief. The first project was, however, remained to be reworked - with several expansions - in engraving. The composition is on two levels, in a style that shows a preference Bandinelli in his designs for engravings, just think of the Martyrdom of Saint Lawrence engraved by Marcantonio Raimondi. The scene is crowded: in a big room, around St. Anne, mother of the Virgin, several women are bustling in different duties and responsibilities, others rush from the lower floor, via the stairs in the foreground, while the background to the right, a woman looks out of the door. The technique used by this anonymous engraver is full of sharp lines which serve to emphasize the profiles and contours. At the beginning of the century, a similar technique was used by Giovanni Jacopo Caraglio, from which the engraver was probably affected. Is advanced by some scholars the name of Agostino Veneziano that we have also impacted by the inventions of Baccio Bandinelli. Bartsch XV.13.1; TIB 28.010 S2; C. Witcombe, Print Publishing in Sixteenth - Century Rome, p. 249. 435 382

      [Bookseller: Libreria Antiquarius]
 25.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        [CENSURATO]. Opera D. BASILII MAGNI Magni Caesariae Cappadociae Episcopi omnia, sive recens versa, sive ad Graecos archetypos ita collata per WOLFGANGUM MUSCULUM Dusanum ut aliam omnino faciem sumpsisse uideantur.Quorum Catalogus insequitur praefationem [marca tipograf.], Basileae, ex Officina Hervagiana, anno M.D.XL. Cum gratia et privilegio Caesareo. // Secundus tomus Operum D. BASILII MAGNI Caesariae Cappadociae Episcopi WOLFGANGO MUSCULO interprete. Quorum catalogus versa pagina continetur [marca tipograf.]

      Officina Hervagiana; Herwagen Johann, 1540. 2 voll. Si tratta dell'edizione delle opere di San Basilio uscita a Basilea dai torchi di Herwagen, col commento di Wolfgang Musculus, o Müslin; sia il nome del commentatore, che fu un riformatore attivo soprattutto fra Augusta e Berna, sia quello dello stampatore compaiono nell'Indice dei libri proibiti del 1559, e di entrambi viene condannata l'intera produzione. Graesse, I 306. Complete works of Basilius Magnus printed by Herwagen with the commentary of Wolfgang Müslin; the whole production of both was damned in the Index of the forbidden books. Two volumes bound in vellum; full description on request. Qualche leggera brunitura, e lievi aloni d'umido. Piccolo ex libris sui due frontespizi abbelliti da marca tipograf. raffigurante una colonna con un busto di Mercurio a tre teste che tiene un caduceo; volumi solidi e puliti, con numerosi capilettera xilograf., carattere latino e greco. Numerose ed evidenti tracce di censura, a partire dai frontespizi, per cancellare i nomi di editore e commentatore, e i passi più eterodossi. A pp. 196-197 sono state incollate due incisioni a nascondere parte del testo. Errore di numeraz. alle pp. 201-204, contate come 191-194

      [Bookseller: Studio Bibliografico Antenore Srl]
 26.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Sacra Famiglia

      1540. Acquaforte su ferro, monogrammata in lastra in basso a sinistra. Derivazione, in controparte, dell'opera di Jacopo de' Barbari. Esemplare nel secondo stato di due, con il numero aggiunto. Magnifica prova, ricca di toni, impressa su sottile carta coeva, con margini, in perfetto stato di conservazione. Contrariamente agli altri maestri del bulino attivi a Norimberga, Hieronimus Hopfer era solito realizzare le proprie incisioni all'acquaforte e su lastra di ferro anziché di rame. Bellissimo esemplare. Tre timbri di collezione al verso non identificati. Ex collezione Federico Augusto di Sassonia (Lugt 971). Etching of iron, monogrammed on plate at the bottom left. Derivation, in reverse, the work of Jacopo de 'Barbari. Specimen in the second state of two, with the added number. Magnificent proof, rich tones, contemporary printed on thin paper, with margins, in good condition. Unlike other masters of the burin active in Nuremberg, Hieronymus Hopfer was usually realize their etchings and sheet iron instead of copper. Beautiful specimen. Three stamps collection unidentified. Ex - collection Frederick Augustus of Saxony (Lugt 971). Bartsch 4, Hollstein 6 II/II; Hind V, 154, 17. Dimensioni 84x135.

      [Bookseller: Libreria Antiquarius]
 27.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Syria / Cypern / Palestina / Mesopotamia / Babylonia / zwey Arabia mit Bergen / Wassern und Stetten

      1540. Esemplare pubblicato nella "'Cosmographia oder beschreibung Aller Lander..", edita a Basilea nel 1588. Questa affascinate mappa xilografica copre l'area dal Mediterraneo (con Cipro mostrata in evidenza) al Golfo Persino, e dalla Turchia meridionale fino al Mar Rosso. La mappa è disegnata secondo lo stile delle tolemaiche, con catene montuose e fiumi in rilievo. Sono registrati gli antichi toponimi e i siti biblici. Un accampamento nomade è raffigurato nel deserto arabo. Testo Tedesco, in carattere gotico, al verso. Xilografia, finemente colorata a mano, in ottimo stato di conservazione. Published in 'Cosmographia oder beschreibung Aller Lander..', Basle 1588. This attractive woodblock map covers the region from the Mediterranean (with Cyprus prominently shown) to the Persian Gulf, and from southern Turkey to the Red Sea. The map is presented in the Ptolemaic style with rope - like mountain ranges and prominent rivers. Details include ancient place names and biblical sites. A nomadic encampment is shown in the Arabian desert. German text and gothic design on verso. Woodcut, with fine colour, very good condition. Basilea Basle Laor 525, Zacharakis/Scutari 2452/1590 355 310

      [Bookseller: Libreria Antiquarius]
 28.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Enchiridion ad verborum copiam haud infrugiferum: multò quàm antea auctius, emaculatiusque. Indicem formularum loquendi ad calcem libri reiecimus.

      apud Seb. Griphium, 1540. In-16° (cm. 17,2 x 11,4), pp. 267 (18). Segnatura: a-s10. Leg. coeva p. pergamena con doppia filettatura e comparti impressi a secco ai piatti, marca tip. xil. al frontespizio, capilettera abitati. Ds. quasi completamente mancante, numero di collocazione bibliotecaria in inchiostro nero al piatto ant., macchie ai piatti, gora di umidità e ex-libris Zamboni alla 1^ c.b., firme di possesso in inchiostro bruno al frontespizio, gora di umidità alla gola delle pp. 99-111, pp. 160-181 e pp. 203 a fine opera, macchie ad alcuni margini esterni, manca la marca tip. in fine. Esemplare da rilegare. In fine l'elenco degli autori citati: Marco Tullio, Fabio Quintiliano, Caio Plinio, Tito Livio, Sallustio, Giustiniano, Valerio Massimo, Aulo Gellio, Plauto, Terenzio, Virgilio, Orazio, Lucano, Persio, Giovanale, Angelo Poliziano, Pico della Mirandola, Ermolao Barbaro, Erasmo da Rotterdam. La 1^ edizione di quest'opera viene pubblicata nel 1527 a Lione presso Laurentium Hilaire, alla quale seguono tre ristampe nel 1534, nel 1536 e 1538. Il nostro esemplare quindi dovrebbe essere la 4^ edizione. Lo stampatore Sebastian Gryphius diede alla luce più di 300 opere in lingua latina, greca ed ebraica a partire dal 1528, anno in cui si stabilisce a Lione. «Comune a tutti i Gryphi fu la marca tipografica piuttosto complessa impiegata abbondantemente in tutte le loro numerose edizioni: essa rappresenta infatti un grifone alato, posato su un parallelepipedo. Con un gancio, una sfera alata è appesa ad esso. Un motto ciceroniano sovrasta tutto l'insieme: Virtute duce, comite fortuna» in G. Zigaina, Manuale di bibliofilia, Milano : Mursia, 1988, pp. 76-77. ICCU segnala la presenza di tale edizione in 5 biblioteche italiane: Biblioteca civica Romolo Spezioli di Fermo, Biblioteca comunale Labronica Francesco Domenico Guerrazzi di Livorno, Biblioteca comunale Fabrizio Trisi di Lugo, Biblioteca universitaria Alessandrina in Roma e Biblioteca civica Bertoliana di Vicenza. Available on request description in English / La description des livres en français est à disposition sur demande / Se envían descripciones de libros a pedida.

      [Bookseller: Libreria La Fenice]
 29.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Donna nuda con la Morte

      1540. Bulino, 1540 circa, monogrammato in lastra. Copia in controparte dell'incisione di Beham. Poco prima del 1520, alcuni giovani artisti della cerchia di Albercht Dürer presero a realizzare incisioni molto piccole che hanno sfidato lo spettatore con un mondo in miniatura, un mondo di nuovo soggetto laico e di interpretazioni non convenzionali di temi tradizionali. A causa delle ridotte dimensioni delle loro incisioni, questi artisti sono stati appellati a lungo, con il nome collettivo, e poco lusinghiero, di Piccoli Maestri di Norimberga. Il nucleo del gruppo consiste in tre artisti di Norimberga, Hans Sebald & Bartel Beham e Georg Pencz, e inoltre Jacob Bink da Colonia e Heinrich Aldegrever da Soest. La presente incisione proviene da una vecchia collezione in cui le opere erano conservate, come spesso accadeva, applicate in un album databile al XVIII secolo. Buona prova, impressa su carta vergata coeva, rifilate al rame, in buono stato di conservazione. Engraving, 1540 circa, signed on plate. Anon copy after Beham. A good impression, printed on contemporary paper, trimmed to the platemar, in good conditions. Shortly before 1520, several young artists in the immediate circle of Albercht Dürer began making remarkably small engravings that challenged the viewer with a world in miniature; a world of new secular subject and of unconventional interpretations of traditional themes. Because of the scale of their engravings these artists have long been saddled with the unflattering collective name the Little Masters. The core of the group consist in three Nuremberg artists, Hans Sebald & Bartel Beham and Georg Pencz, Jacob Bink form Cologne and Heinrich Aldegrever from Soest. This engraving comes from an old collection and were pasted in XVIII century portofolio. Pauli 151d (copia in controparte). Dim. 48x76.

      [Bookseller: Libreria Antiquarius]
 30.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        L'amor costante. Comedia del S. Stordito Intronato, composta per la venuta dell'Imperatore in Siena l'anno del XXXVI. Nella qual comedia intervengono varij abbattimenti di diverse sorte d'armi et intrcciati, ogni cosa in tempi e misure di Morescha, cosa non manco nuova che bella. S.l. né d. (Venezia, Andrea Arrivabene, 1540 ca.)

      Arrivabene Andrea, 1540. in - 8, ff. 78, (1 bianco presente, manca altro f. bianco), leg. p. perg. antica flessibile, in astuccio m. pelle e ang. con tit. e filetti oro al dorso. Dedica dello stampatore A. Arrivabene a Giovanni Soranzo datata 15 novembre 1540. Il nome dell'autore viene citato nella dedica ed in fine al volumetto. Prima edizione, estremamente rara, di questa commedia in cinque atti in prosa, con prologo, ambientata nella città di Pisa. Rappresentata per la prima volta a Siena nel 1536, alla presenza dell'imperatore Carlo V, la commedia mette sul palcoscenico ben ventisette personaggi che parlano italiano, spagnolo, dialetto napoletano e ''uno scolare tedesco esprimentesi in un italiano barbaro con qualche mistura della sua lingua nativa'' (Sanesi pp. 334 - 6); la trama, assai complessa, prevede il lieto fine per i due protagonisti, Ferrante e Ginevra: la pozione che erano stati costretti a bere non era veleno, bensì bevanda innocua, così i due ''potranno godere del loro costante amore'' (Sanesi). La commedia, al pari delle altre due del Piccolomini (L'Alessandro e L'Hortensio), ebbe grande successo ed un numero straordinario di edizioni. L'autore (Siena 1508 - 1579) fu intellettuale di cultura vastissima: letterato, filosofo, astronomo; tra i fondatori della celebre Accademia senese degli Intronati, col nome di Stordito, insegnò filosofia morale a Padova e poi a Roma; nel 1574 ottenne il titolo di Arcivescovo di Patrasso. Ottimo esempl., puro e genuino.

      [Bookseller: Libreria Antiquaria Pregliasco]
 31.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        In quatuor Evangelia ad Graecorum codicum veritatem castigata, ad sensum quem vocant literalem commentarii cum indicibus amplissimis. Accuratius quam antehac excusi.

      In Aedibus Carolae Guillard, 1540. Cm. 17, cc. (24) 503 (1). Con molti capolettera decorati. Legatura strettamente coeva in piena pergamena semirigida con titoli manoscritti al dorso. Esemplare genuino ed in ottimo stato di conservazione. Non comune edizione di Tommaso de Vio (1468 - 1533), detto il cardinale Gaetano (da Gaeta), teologo domenicano di grande reputazione che, dopo la nomina cardinalizia del 1517, fu legato di Leone X in Germania per ricondurre Lutero alla conciliazione con la chiesa cattolica.

      [Bookseller: Studio Bibliografico Benacense]
 32.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Alessandro Magno e il sacerdote di Ammon

      1540. "Bulino, 1540 circa, da un soggetto di Francesco Salviati. Esemplare nel II stato finale, con l'indirizzo di Antonio Salamanca in basso a sinistra. Bellissima prova, ricca di toni, impressa su carta vergata coeva, con filigrana della ""mano"", con inusuali ampi margini, in perfetto sttao di conservazione. La scena raffigura un imperatore inginocchiato davanti a unsacerdote; sullo sfondo, è ben riconoscibile il Tempietto del Bramante in S. Pietro in Montorio. La conferma che l'inventore del soggetto sia Salviati si è avuto quando il suo disegno preparatorio per il sacerdote è apparso in un'asta nel 1991. Bartsch ritiene che il tema della stampa sia l'imperatore Teodosio inginocchiato davanti a Sant'Ambrogio: ma il cappello del sacerdote dimostra che egli non è appartiene alla Chiesa cristiana. John Gere pensa che possa trattarsi di Alessandro Magno davanti al sacerdote di Ammon, piuttosto che al sommo sacerdote di Gerusalemme, e ha ipotizzato che l'incisione possa essere basato su un disegno preparatorio per un affresco di Taddeo Zuccari. Questa ipotesi, però, risulta poco convincente. L'incisione è molto più vicina al rovescio di una medaglia scolpita da Alessandro Cesati per Papa Paolo III (1534 - 1539). Secondo Edgar Wind, la medaglia e una rappresentazione simile in un medaglione della Cappella Sistina di Michelangelo, rappresentano una scena che Niccolò Malermi ha inserito nella sua famosa Bibbia illustrata, pubblicata per la prima volta a Venezia nel 1490. Il passaggio, aggiunto al primo libro dei Maccabei, racconta che quando Alessandro si avvicinò a Gerusalemme, fu così impressionato dalla vista del Sommo Sacerdote, che indossava l'abito pontificale e la mitra, che scese da cavallo e si inginocchiò. Il cavallo e gli astanti, che sono ancora rappresentati nell'affresco di Michelangelo, per ragioni di spazio non sono raffigurati nella medaglia, e mancano anche in questa incisione. Il Tempietto del Bramante è stato utilizzato da artisti, da Raffaello a Barocci, come immagine di un tempio antico, in particolare per rappresentare il tempio di Salomone a Gerusalemme. Bibliografia: Hind 1938 - 48 27.I (as Anonymous early Italian); TIB 2801.023; Bartsch XV.22.1 (as School of Marcantonio); Catherine Goguel in 'Francesco Salviati o la Bella Maniera', Rome 1998, cat.111; A. Levinson, Konrad Oberhuber, and Jacquelyn Sheehan, Early Italian Engravings from the National Gallery of Art, Washington, D.C., 1973, no. 186; E. Wind, "Maccabean histories in the Sistine ceiling", Italian Renaissance Studies, 1960, pp. 312 - 314." Engraving, 1540 circa. After Francesco Salviati. Example of the second state, with Antonio Salamanca's address at lower left. A good example, printed on contemporary laid paper, with watermark of the "hand", with large margins, perfect condition. The scene depict an Emperor kneeling before a priest; in the backgroud Bramante's Tempietto in S. Pietro in Montorio. Both Bartsch and Hind thought the engraving earlier than it actually is. The confirmation that the designer was Salviati came when his preparatory drawing for the priest appeared at auction in 1991. Bartsch thought that the subject of the print was the Emperor Theodosius kneeling before St Ambrose: but the priest's hat shows that he is not of the Christian church. John Gere thought it might be Alexander before the priest of Ammon rather than the high priest in Jerusalem, and thought that the print could be based on a preparatory drawing by Taddeo Zuccaro for the fresco. The engraving is much closer to the reverse of a medal struck by Alessandro Cesati for Pope Paul III (1534 - 1539). According to Edgar Wind, the medal and a similar representation in a medallion of Michelangelo's Sistine ceiling, represent a scene which Niccolò Malermi has inserted into his famous illustrated Bible which was first published in Venice in 1490. The passage, added to the first book of Maccabees, tells that when approaching Jerusalem, Alexander was so awed by the appearance of the High Priest, dressed in his pontifical garments and mitre, that he descended from his horse and approached him on his knees. The horse and the bystanders, which are still represented in Michelangelo's fresco, are left out in the medal for reason of space and are also missing here. The Bramante's tempietto was used by artists from Raphael to Barocci as an image of an antique temple, specifically to represent the Temple of Solomon in Jerusalem. Literature: Hind 1938 - 48 27.I (as Anonymous early Italian); TIB 2801.023; Bartsch XV.22.1 (as School of Marcantonio); Catherine Goguel in 'Francesco Salviati o la Bella Maniera', Rome 1998, cat.111; A. Levinson, Konrad Oberhuber, and Jacquelyn Sheehan, Early Italian Engravings from the National Gallery of Art, Washington, D.C., 1973, no. 186; E. Wind, "Maccabean histories in the Sistine ceiling", Italian Renaissance Studies, 1960, pp. 312 - 314. 197 252

      [Bookseller: Libreria Antiquarius]
 33.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Sinone e i Troiani

      1540. Bulino, 1540 circa, firmato in basso a sinistra 'J.B.Mantuanus inv' e nel margine bianco inferiore 'Georgius Mant f'. Da un soggetto di Giovani Battista Scultori. Secondo stato di cinque, con l'indirizzo di Antonio Lafrery aggiunto in basso a destra. Splendido esemplare, ricco di toni e ben contrastato, impresso su carta vergata coeva, rifilato alla linea marginale, in ottimo stato di conservazione. Come afferma Bellini (1998, pp. 52 - 54 n. 8) questa stampa è stata a lungo creduta opera di G.B. Scultori, forse perchè la firma del Ghisi, nascosta nell'ombra, risulta poco visibile, ma anche per la vicinanza allo stile proprio di quell'artista. Invece lo Scultori è solo l'inventore della composizione, che presenta anche soluzioni tratte da G. Romano. Vari elementi quali la complessità della composizione, le dimensioni notevoli della lastra, lo stile più maturo ed attento al disegno e alla costruzione prospettica inducono a datare quest'opera agli ultimi anni del periodo mantovano o al periodo romano. Ghisi ha realizzato due incisioni che derivano da due disegni sulla guerra di Troia di Giovan Battista Scultori: quella qui presentata e La caduta di Troia e la fuga di Enea (V, 8.94). Questa stampa mostra il greco Sinone in ginocchio mentre i Troiani spingono all'interno della città il cavallo di legno, nel cui ventre cavo erano nascosti i più forti dei guerrieri greci. Il personaggio di Sinone non è menzionato da Omero, ma appare nei poemi epici più tardi, in particolare nell'Eneide. I fatti, raccontati all'inizio del secondo libro dell'«Eneide», vv. 57 - 198, sono noti: I Troiani scoprono sulla spiaggia un greco, Sinone. Egli dice di essere fuggito dai compagni, che volevano sacrificarlo agli dei per garantirsi un ritorno sicuro. Racconta poi che i Greci sono salpati e che il cavallo è stato costruito per placare la collera di Minerva, scatenata dal furto del Palladio che Ulisse e Diomede avevano sottratto dalla rocca di Troia: se sarà portato dentro le mura di Troia, renderà grande e potente la città. Accompagnato dai funesti vaticini di Cassandra, e nonostante gli ammonimenti di Laooconte, il cavallo viene introdotto nella città. A notte fonda, Sinone libera i compagni rinchiusi all'interno e aprirono le porte della città al resto dei soldati Greci che avevano atteso a largo dell'isola di Tenedo. La città di Troia venne così distrutta. Ex collezione Städel Museum, Städelsches Kunstinstitut und Städtische Galerie, legs J. K. Brönner (Lugt 306). Engraving, circa 1540, signed at lower left 'J.B.Mantuanus inv' and at bottom white margin 'Georgius Mant f'. After Giovanni Battista Scultori. Second state of five, added at image bottom the publisher's address "Romae Antonij Lafreri formis" A very good example, printed on contemporary laid paper, trimmed at margins, in very good condition. Ghisi made two engravings reproducing a composition of the Trojan War by Giovanni Battista Scultori , this one and The Fall of Troy and the Escape of Aeneas (V,8.94). This print shows the Greek Sinon standing knee deep in a marsh, center left, as the Trojans pull the wooden horse, in whose hollow belly were hidden the strongest of the Greek warriors, into their city. Sinon is not mentioned by Homer but does appear in later epics, notably in Aeneid, which would have been especially well known in Mantua, Virgil's birthplace. As Virgil relates the episode, in Aeneid II 57 ff., Sinon told the Trojans that the Greek had decided to leave and had chosen him to be sacrificed in order to gain a safe return, but that he had escaped and had hidden at night among reeds in a marsh. He told the Trojans the horse was made as an offering to Athena, whose temple some of the Greek has defiled. The horse was purposely made too large to fit throught the gates of Troy, Sinon ontinued, because the Greeks believed that if Trojans did bring it in, they would then be victorious over the Greeks. Despite the warnings of Laocoön and Cassandra, the horse was taken inside the city gates. Once inside the walls and under the cover of darkness, the Greek warriors emerged from hiding inside the horse. They opened the gates for the rest of the Greek armies to swarm into the city. The city was destroyed. Ex collection Städel Museum, Städelsches Kunstinstitut und Städtische Galerie, legs J. K. Brönner (Lugt 306). Lewis & Lewis 7 II/V; Bartsch 28; Massari 180. 474 360

      [Bookseller: Libreria Antiquarius]
 34.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Clelia che attraversa il Tevere

      1540. Bulino, 1540 - 46 circa, firmato in lastra in basso a destra. Da un soggetto di Polidoro da Caravaggio. Esemplare nel secondo stato di due, con l'indirizzo dell'editore Antonio Lafrery. Magnifica prova, ricca di toni, impressa su carta vergata coeva, rifilata alla linea marginale, minima traccia di piega centrale verticale al verso, per il resto in perfetto stato di conservazione. La scena rappresenta la fuga leggendaria di Clelia, eroina romana d'età repubblicana, dal campo del re etrusco Porsenna, che la teneva prigioniera insieme alle sue compagne. Dopo la cacciata da Roma, Tarquinio il Superbo aveva chiesto aiuto alla vicina Etruria, ma solo la città di Chiusi, governata da Porsenna, accettò la richiesta. Dopo due anni d'assedio, dal 509 al 507 a.C, i due popoli stipularono la pace, e nel contesto delle trattative, i Romani consegnarono a Porsenna 9 ragazze, tra le quali Clelia. L'eroina però, riuscì a fuggire attraversando il Tevere - da sola, o con le compagne, a seconda delle fonti - e quando i Romani la riconsegnarono agli Etruschi, Porsenna colpito da tanto coraggio, decretò di liberarla. I Romani riconoscenti l'onorarono d'una statua equestre lungo la Via Sacra. La leggenda è un tentativo di spiegare un'antica statua equestre, della quale non si sapeva più il significato, e che raffigurava, secondo l'interpretazione più comune, Venus Equestris, identificata da molti con la Venus Cluilia o Cloacina (di qui il nome Cloelia), dea della cloaca massima. L'incisione è tratta dall'affresco di Polidoro, eseguito tra il 1525 - '26 - un tempo sulla facciata di Santa Lucia della Chiavica (oggi detta del Gonfalone), a Roma, come ricorda Vasari; fu probabilmente realizzata intorno al 1540 - 46 circa. Sullo stesso tema, Polidoro realizzò un altro affresco, per la volta del Salone di Villa Lante, oggi a Palazzo Zuccari sede della Bibliotheca Hertziana, in Roma. Da quest'affresco derivò un'altra incisione che erroneamente De Wit attribuì a Bonasone, su invenzione del Rosso Fiorentino, mentre invece è opera di Pierre Milan e René Boyvin. Bellissimo esemplare di questa rara incisione del Bonasone. "Engraving, about 1540 - 46, signed in the plate at lower right. After a subject by Polidoro da Caravaggio. Example in the second state of two, with the address of Antonio Lafrery. Magnificent example, rich in shades, printed on contemporary laid paper, trimmed to marginal line, light vertical central fold, otherwise in perfect condition. This engraving records a fresco on a house at the Chiavica di Santa Lucia which Vasari mentions in his life of Polidoro, 'sul canto alla chiavica per andare a Corte Savella'. He lists a facciata with Cloelia crossing the Tiber, and a scene of sacrifice. Cloelia was one of the ten daughters, who, with ten sons, of patrician Roman families, were given as hostages to Lars Porsena, the Etruscan king of Clusium, as a token of good faith following the conclusion of a treaty between Rome and the Etruscans. Cloelia escaped to Rome by re - crossing the Tiber on horseback, persuading her female companions to swim after her. The girls were sent back by the Romans but Porsena, in admiration of Cloelia's courage, presented her with a horse and restored her freedom together with that of her companions. Her escape across the Tiber was remembered in Republican and Imperial times as an example of female virtue, and there was a statue to her memory in the Via Sacra mentioned by Pliny and Dionysos of Halicarnassos. Bonasone's inscription, with the word ""imitando"" may imply that the image was created in the spirit of Polidoro's original rather than strictly copying it. Perhaps the original was already lost when he engraved it. According to Vasari, the original composition appeared on the frieze of a building as a relief sculpture by Polidoro da Caravaggio, made around 1525 - 1526. The engraving was realized possibly around 1540 - 1546. On the same subject, Polidoro realized another fresco, for the vault of the Salon in Villa Lante, today at Palazzo Zuccari, in Rome. After this fresco was derived another engraving. De Wit mistakenly attributed to Giulio Bonasone, after Rosso Fiorentino, while it is recognized as work of Pierre Milan and René Boyvin." Bartsch, XV.134.83; Le Blanc, I.447.343; Massari, Iulio Bonasone, p. 67 n. 73; Witcombe, p. 112. Dimensioni 432x300. 432 300

      [Bookseller: Libreria Antiquarius]
 35.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Le tre parche

      1540. "Bulino, circa 1540 - 45, privo di dati editoriali. Da un soggetto di Rosso Fiorentino. Bellissima prova, impressa su carta vergata coeva, rifilata al rame, in perfetto stato di conservazione. La scena raffigura le tre Parche: a destra, Lachesi, tiene in mano la conocchia e fila il destino della vita umana;a sinistra, Cloto presa di schiena ne misura la lunghezza; nel mezzo, Atropo strappa il vilo, determinando il momento irrevocabile della morte. Anche se questa incisione non reca il nome di Rosso Fiorentino, la sua paternità della composizione non è mai stata messa in discussione. Dumesnil, ascrive l'incisione a Renè Boyvin, perché la figura di Cloto visto di schiena, trova precise corrispondenze con la figura femminile della ""Caritas Romana"", a lui attribuita. Secondo documenti pubblicati da Metman, le Tre Parche sarebbero state incise da Pierre Milan, intorno al 1545. Milan potrebbe aver lavorato direttamente da un disegno di Rosso, o su una copia del disegno di Rosso realizzata ad hoc, come modello per l'incisore, come nel caso della "Danza delle Driadi". Van Mander sembra aver identificato le tre figure femminili come le Tre Grazie, poiché, contrariamente all'iconografia tradizionale, le Parche appaiono giovani e nude, esili ed aggraziate. Anche altri dettagli ed attributi possono riferirsi ad un ambito diverso da quello consueto delle Parche. Il turbante di Atropo le conferisce un aspetto sibillino; Cloto siede precariamente su un cesto di fiori, suggerendo Flora o la primavera o semplicemente l'abbondanza e la freschezza, Lachesi indossa una corona, e il suo sedile assomiglia ad un carro trainato da leoni. Questi attributi sono forse un riferimento a Cibele. Il cielo appare in tutta l'arte di Rosso, in particolare nelle opere da lui prodotte in Francia, e non sembra inadeguato qui, come sfondo, ad allargare il significato delle tre Parche. L'opera, infatti, offre diversi livelli di lettura e di significato: se la sessualità delle figure è esplicita e manifesta, anche la loro postura e i gesti sono assolutamente eloquenti. Quest' eloquenza s'insinua nella loro sessualità nel momento in cui viene riconosciuta la loro identità che ci porta a riflettere sulle conseguenze indicate dal gesto di Atropo. Bellissimo esempalre di questa rara incisione." Engraving, 1540 - 45 circa, not signed. After Rosso Fiorentino. A very good impression, printed on contemporary laid paper, trimmed close to the platemark, some paper folds at bottom left, generally very good condition. The scene depicts the three Fates: on the right, Lachesis spinning the thread of life from her distaff, on the left Clotho, seen from behind, measuring the thread with a rod, and in the middle, Atropos ripping it apart. Although this engraving is not inscribed to Rosso, his authorship of its composition has never been questioned. Dusmenil ascribed the engraving to Renè Boyvin, because the Fate seen from the back is used for the female figure of "Caritas Romana", attributed to him. According to the documents published by Metman, the Three Fates would have been engraved by Milan by 1545. Milan could have worked directly from a drawing by Rosso, or he could have worked from a copy of Rosso's drawing made especially as a model for the engraver, as in the case of Milan's Dance of the Dryads. Being young and nude as well as slender and graceful, these three figures have something of the aspect of the Three Graces, as Van Mander seems to have identified them. Other details in the picture may also be references to subjects beyond the usual realm of the Fates themselves. Atropos'turban gives her a sibylic aspect. Clotho sits precariously upon a basket of flowers, suggesting Flora or Spring or simply abindance and freshness. Lachesis wears a crown, and her seat resembles a chariot pulled by lions. These attributes are possibly a reference to Cybele. The sky appears throughout Rosso's art, especially in the works he produced in France, and they not seem inappropriate here in enlarging upon the meaning of the three Fates. The Three Fates offer a different level and a different range of significance. Its sexuality is frank but also compelling, because the figures are so grand and so eloquent in their posture and gestures. This eloquence insinuates their sexuality into their identify as the Fates and leads us to experience the tragic consequences indicates by Atropo's gesture. Zerner 1969 PM.2; Robert - Dumesnil 1835 - 71 VIII.33.31; Carroll, Rosso Fiorentino, n.105. 167 243

      [Bookseller: Libreria Antiquarius]
 36.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        La Pazienza

      1540. Bulino, 1540, monogrammato in lastra. Esemplare nel secondo stato di cinque descritto da Pauli. Bellissima prova, impressa su carta vergata coeva, rifilate al rame, in buono stato di conservazione. Poco prima del 1520, alcuni giovani artisti della cerchia di Albercht Dürer presero a realizzare incisioni molto piccole che hanno sfidato lo spettatore con un mondo in miniatura, un mondo di nuovo soggetto laico e di interpretazioni non convenzionali di temi tradizionali. A causa delle ridotte dimensioni delle loro incisioni, questi artisti sono stati appellati a lungo, con il nome collettivo, e poco lusinghiero, di Piccoli Maestri di Norimberga. Il nucleo del gruppo consiste in tre artisti di Norimberga, Hans Sebald & Bartel Beham e Georg Pencz, e inoltre Jacob Bink da Colonia e Heinrich Aldegrever da Soest. La presente incisione proviene da una vecchia collezione in cui le opere erano conservate, come spesso accadeva, applicate in un album databile al XVIII secolo. Bell'esemplare di questa significativa opera di Beham. Engraving, 1540, signed on plate. Example of the second state of five. A very good impression, printed on contemporary paper, trimmed to the platemar, in good conditions. Shortly before 1520, several young artists in the immediate circle of Albercht Dürer began making remarkably small engravings that challenged the viewer with a world in miniature; a world of new secular subject and of unconventional interpretations of traditional themes. Because of the scale of their engravings these artists have long been saddled with the unflattering collective name the Little Masters. The core of the group consist in three Nuremberg artists, Hans Sebald & Bartel Beham and Georg Pencz, Jacob Bink form Cologne and Heinrich Aldegrever from Soest. This engraving comes from an old collection and were pasted in XVIII century portofolio. Bartsch 138, Pauli 141 II/V. 70 106

      [Bookseller: Libreria Antiquarius]
 37.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Prose di monsignore Bembo.

      1540. [Venezia, Comin da Trino], 1540, in - 8 piccolo, leg. settecentesca in mezza perg., titolo in oro al dorso, tagli spruzzati, cc. 112. Al verso del frontespizio: "Delle prose di M. Pietro Bembo nelle quali si ragiona della volgar lingua scritte al Cardinale de Medici che poi è stato creato a sommo Pontefice et detto papa Clemente settimo divise in tre libri. Edition seconda". Il nome del tipografo, Comin da Trino è desunto da elementi tipografici, cfr. anche Adams B572. Margine bianco superiore del front. restaurato con reintegro di carta. Per il resto in ottime condizioni.

      [Bookseller: Libreria Antiquaria Gozzini]
 38.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        CONSTITUTIONES MARCHIAE ANCONITANAE noviter ab omnibus erroribus atque mendis expurgatae, cum additionibus antiqui, novissime autem quaedam novae additiones adiectae fuerit, usque in...

      N. de Aristotele civis Ferrariensis], 1540. in folio, ccnn 6, cn 78, leg. ottocentesca m. pelle con carta dec. ai piatti e tit. oro mss al d. Bel front. a due colori entro elaborata e ricca cornice xilogr. Lozzi 311: "Questa edizione rara secondo il Manzoni è da considerarsi come princeps per le importanti 'Additionibus' e trovasi esattamente descritta dal Raffaelli...". Restauro parziale perfettamente eseguito al verso del front. Belliss. esempl. marginoso e ottimamente conservato. [222]

      [Bookseller: Studio Bibliografico Scriptorium]
 39.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        DOMINICAE PRECATIONIS EXPLANATIO CUM QUIBUSTAM ALIIS QUAE SEQUENS INDICABIT TABELLA

      Sebastiano Grifio, 1540. Volume in 16° legato in pelle, piatti inquadrati da cornice in oro (piccole mende e mancanze), titolo al tassello al dorso decorato in oro (legatura settecentesca), sguardie marezzate, bianca, frontespizio con vignetta dello stampatore (scritte a pennino, alcune cassate), 198 carte, sull'ultima colophon. Sono compresi: Meditatio in Psalmum Miserere mei Deus; in te Domine speravi; Qui regis Israel intende; Decalogi interpretatio perbrevis; Symboli Apostolici exesegisparaphrastica; Paraphrasis orationis Dominicae; Alia Dominicae orationis expositio. L'elenco è al verso del frontespizio. Una delle mitiche edizioni cinquecentesche degli scritti del grande Predicatore, senza dubbio d'estrema rarità. La figura del Frate si erge gigantesca dal rogo che lo consumò ed il suo fascino arriva fino al XXI secolo senza trascolorare. In più che bello stato, il volume ha qualche rara glossa a pennino in alcune pagine ed una chiarissima traccia di gora all'angolo esterno delle ultime carte, insignificante. È lecito per tale opera esser "alba signanda lapillo"

      [Bookseller: Libreria Accademia degli Erranti]
 40.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Totius Africae Tabula & descriptio Universalis etiam ultra Ptolemaei..

      1540. Per la prima volta pubblicata nel 1540 nella "Geographia" di Sebastian Muenster, questo esemplare deriva dall'edizione latina della "Cosmographiae Universalis" del 1550. Su questa mappa, l'Africa occidentale ha un orientamento verticale e la costa Sud - Est degrada uniformemente a Nord - Est. Come i suoi predecessori, Muenster pone la punta meridionale dell'Africa ad est di più di 10 gradi, creando così una costa sud - occidentale inclinata. Questo aspetto fu corretto da Gastaldi nella sua carta murale del 1564. Xilografia, tracce di piega centrale, per il resto in ottimo stato di conservazione. First published in Ptlolemy's "Geographia" by Muenster, this example comes from the latin edition of 1550 of Muenster's "Cosmographiae Universalis". On this map, West Africa has a vertical orientation and the southeast coast of africa slopes uniformely to the northeast. Like his predecessors, he places the southern tip of Africa more than 10 degrees too far to the east, thus creating a long, sloping southwestern coast of Africa. This was not to be corrected until Gastaldi's wall map of 1564. Basilea Basle R. L. Betz "The Mapping of Africa..." (2007), map 3; O. I. Norwich, "Norwich's Maps of Africa", map 3 345 255

      [Bookseller: Libreria Antiquarius]
 41.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        La musa Erato

      1540. "Acquaforte, 1540 - 45 circa, firmato in lastra in basso a sinistra con il monogramma LD. Da un affresco di Primaticcio. Bellissima prova, impressa su carta vergata coeva, rifilata all'interno della linea del rame, oiccolo restauro perfettamente eseguito nella parte superiore, per il resto in ottimo stato di conservazione. La scena raffigura la musa Erato, appoggiato su un arco, che ha in mano un triangolo. Erato era la musa della danza prima, poi della mimica e della geometria La stampa appartiene alla serie di dodici acqueforti intitolata "Tre dee e le Muse". Tale serie, incisa da Davent, riproduce invenzioni di Primaticcio destinate alla decorazione della Galleria Bassa del palazzo. Non si conosce molto su Leon Davent, oltre al fatto che ha realizzato 200 stampe. Come incisore, ha iniziato ad utilizzare prima la tecnica a bulino, per passare poi all'acquaforte, che permetteva una maggiore libertà di linee e di toni. Davent svolse la maggior parte della sua attività al palazzo di Fontainebleau, traducendo a stampa gli affreschi realizzati da artisti come Francesco Primaticcio, Rosso Fiorentino. Primaticcio, pittore manierista, architetto, scultore, dai primi del 1540 fu il soprintendente dei lavori a Fontainebleau. Il palazzo era la residenza reale primaria del re di Francia di Francesco I che, nei primi anni del 1530, la riempì di artisti, architetti, e artigiani italiani per decorarlo. È qui che nasce il movimento artistico conosciuta la Scuola di Fontainebleau, destinata ad orientare l'arte francese verso il naturalismo classico. Sotto la direzione di Primaticcio, ""si sviluppò uno stile caratterizzata da linee esagerate, colori brillanti e figure allungate con pose a volte imbarazzanti, spesso in paesaggi classici e mitologici. Inoltre, una sensualità che si rivela nella figura nuda, in gran parte assente nell'arte francese prima di questo tempo ...""(Heilbrunn Timeline di Storia dell'Arte,"" Fontainebleau) Incisori come Davent sono stati chiamati Fontainebleau per riportare a stampa e in qualche modo conservare le opere lì prodotte. ""Come risultato, un numero significativo di disegni e modelli sono conservati attraverso acqueforti e incisioni che attestano progetti abbandonati o decorazioni distrutte."" (Ibidem) L'iscrizione sono l'immagine, 'A.fontennbleau', suggerisce che il disegno originale era parte delle decorazione del palazzo di Fontainebleau. Potrebbe appartenere alla serie di dodici acqueforti intitolata "Tre dee e le Muse". Tale serie, incisa da Davent, riproduce invenzioni di Primaticcio destinate alla decorazione della Galleria Bassa del palazzo." Etching, 1540 - 45 circa, signed on plate at bottom left with monogram LD; lettered with name of designer. After Francesco Primaticcio. A very good impression, printed on contemporary laid paper, trimmed inside the paltemark, a small repaired area at the upper top, otherwise in very good condition. The muse Erato, draped, leaning on an arch, turned to the left, and holding a triangle. From a set of twelve, representing the Muses and three goddesses, probably etched after the frescoes executed by Primaticcio in the lower gallery at Fontainebleau. The preparatory drawings for those paintings are all kept in the Louvre (Paris), except the one representing Euterpe (Musée Bonnet, Bayonne) and the one representing Erato (current location unknown). Not much is known about Davent other than his name and the more than 200 prints he made. He started out as an engraver but moved on to etching, a medium that allowed for more freedom of line and tone. Davent did most of his work at the palace of Fontainebleau, making prints of the paintings being produced there by artists like Francesco Primaticcio. Primaticcio was an Italian mannerist painter, architect, and sculptor who was the chief artist and designer at Fontainebleau. The palace was the French king Francis I's primary royal residence, and, in the 1540s, he filled it with Italian artists, architects, and craftsmen to decorate it. They brought with them the Mannerist style and adapted it into what is known as the School of Fontainbleau. Under the direction of Primaticcio, "a style developed that is characterized by exaggerated lines, brilliant colors, and elongated figures with sometimes awkward poses, often set in classical and mythological landscapes. In addition, a revealing sensuousness in the nude figure, largely absent in French art before this time..." (Heilbrunn Timeline of Art History, "Fontainebleau) Engravers and etchers--like Davent--were brought to Fontainebleau to record and (and probably market) the are being produced there. "As a result, a significant number of designs are preserved through etchings and engravings which record abandoned plans or destroyed decorations." (ibidem) Zerner 1969 LD.30; Bartsch XVI.316.21; Hollstein Dutch 89; Schéle 243 170 225

      [Bookseller: Libreria Antiquarius]
 42.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Le Sorti. Intitolate Giardino dei pensieri. Venezia, Marcolini, 1540

      Marcolini Francesco, 1540. in - folio (305x205 mm), ff. 104 (A - Z4, AA - CC4), bella legatura del XVII secolo in marocchino granata, triplice filettatura in oro ai piatti con terminazioni angolari vegetali, dorso a sei nervi con titolo in lungo nei compartimenti riquadrati da filetti in oro. Precede l'opera dedica a Ercole d'Este, duca di Ferrara (p. III) e proemio esplicativo ai lettori (pp. IV - V). Titolo, ad opera di Francesco Salviati, inciso da Marco Dente, raffigurante un gruppo di uomini e donne intenti a discorrere e a consultare il libro del Marcolini nel "Giardino di pensieri"; Cervolini (Marcolini, p. 20) e Mauroner (Incisione di Tiziano, 42) attribuiscono però l'ideazione del disegno del frontespizio a Tiziano. Al verso del titolo ritratto dell'autore a piena pagina racchiuso entro cornice architettonica sorretta da due cariatidi (la stessa usata dal Marcolini nei volumi del Serlio e dell'Aretino, impressi qualche anno prima). Alle pp. VI - VII elenco dei 50 quesiti che si possono rivolgere al libro (suddivisi tra uomini, donne e per uomini e donne) e rimando alle 50 tavole relative. La prima sezione del libro contiene 50 silografie poste nella parte superiore del recto di ogni foglio raffiguranti immagini simboliche, vizi e virtù, accompagnate da 90 carte da gioco che circondano l'incisione e da altre 45 carte disposte nel verso della carta a fronte disposte a forma di croce. In base al responso delle carte il giocatore deve andare a consultare una delle cinquanta sezioni dei filosofi: nel margine superiore sinistro di ogni doppia pagina compere una silografia con un filosofo dell'antichità accompagnato da 31 risposte collocate sulla sinistra e da altre 24 sulla destra. Le risposte ai quesiti sono poste in forma di terzine scritte da Ludovico Dolce. Ogni terzina ha al fianco una coppia di carte da gioco; al verso dell'ultima carta impresa tipografica del Marcolini inserita in un elaborato cartiglio con volute, intorno al quale si intrecciano un ramo d'ulivo ed uno di quercia. Prima edizione in perfetto esemplare di uno dei più famosi giochi di fortuna del Cinquecento, realizzato su imitazione dei giochi di Lorenzo Spirito e Sigismondo Fanti. Rispetto alla precedente tradizione di genere il Marcolini imposta la doppia pagina di stampa su un registro parallelo, iconografico e verbale; la struttura tradizionale del libro è inoltre ripensata, sovvertendo la tradizionale recto verso di ogni carta e immaginando per la prima volta un intero volume da leggere a doppia pagina, tenuto insieme da un complicato sistema di rimandi interni che il giocatore apprende alle pagine iniziali. Gli strumenti del gioco diventano il libro stesso e un mazzo di carte, che dovrà gestire il giocatore a cui capita la carta più alta del mazzo. L'opera si configura come un inesauribile repertorio di modelli e situazioni figurative; è ipotizzabile che la l'impressione avvenisse in stadi diversi: stampando prima la cornice esterna quindi le immagini interne e per ultimo il testo, seguendo il modello consueto per la stampa di edizioni musicali (il Marcolini d'altronde si era formato presso il Petrucci, come incisore di testi musicali). Magnifico esempio di libro che diventa oggetto, da leggere, da vedere e da maneggiare.

      [Bookseller: Libreria Antiquaria Pregliasco]
 43.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        CORONICA del Santo Rey don Fernando tercero deste nombre que ganó a Sevilla y a Córdova y a Jaén y a toda el Andaluzía. Cuyo cuerpo estña en la santa uglesia de Sevilla, Nuevamente sacada en molde. 1540.

      - (Al fin:) Salamanca, Pedro de Castro, 1540, 29,5 x 21 cm., plena piel moderna con adornos y grecas gofradas en las tapas, estuche, XLIII folios en caracteres góticos, incluso portada con grabado xilográfico y a dos tintas y un total de 60 grabados intercalados en el texto + 1 h. (Ejemplar falto de la portada y de los folios 2 y 33 que se encuentran reproducidos en facsímil. Es obra muy rara de la que sólo hemos localizado 3 ejemplares completos en el Catálogo Colectivo).

      [Bookseller: Librería Anticuaria Antonio Mateos]
 44.   Check availability:     IberLibro     Link/Print  


        Commentaire des Evangiles, 1540

      Jehan Petit 1540 - Titre complet : Divi Thomae Aquinatis Enarrationes, quas Cathenam vere auream dicunt, in quatuor Evangelia ex vetustissimorum codicum collatione, quantum licuit emendatiores quam hactenus in lucem editae. Additus est index rerum scitu dignarum Appelé "Chaîne d'or" ("Cathenam auream"), ce florilège de citations patristiques, accompagné de la vulgate, a été composé par Thomas d'Aquin de façon à fournir un commentaire continu, verset par verset, des Evangiles. Cet ouvrage fondamental a été rédigé de 1263 à 1264 à la demande du Pape Urbain . Edition rare à l'adresse Jehan Petit, imprimé par Petri Regnault. Très belle Page de Titre gravé sur bois avec un titre en noir et rouge au sein d’ un bel encadrement orné de rinceaux, d’ angelots, d’ animaux , de colonnades et de la grande marque de Jehan Petit. Publié à Paris par Jehan Petit en 1540. Reliure plein cuir en bon état avec un dos à 6 nerfs, intérieur en bon état avec des caractères gothiques ornés de lettrines imprimés sur 2 colonnes, format in folio, 340 pages. [Attributes: Hard Cover]

      [Bookseller: CHAMPOLLION]
 45.   Check availability:     IberLibro     Link/Print  


        Duello. Libro de Re, Imperatori, Prencipi, Signori, Gentilâ??huomini, & de tutti Armigeri...

      per Comin de Tridino de Monferrato 1540 8vo (cm. 14,8), 176 cc. Graziosa xilografia al frontis. Carattere corsivo. Legatura settecentesca in piena pelle con nervi, ricchi fregi e titolo oro su tassello al ds. Alcuni lievi aloni, altrimenti eccellente esemplare. Ex libris nobiliare. Graesse V, 513.

      [Bookseller: Libreria Antiquaria Ex Libris s.r.l.]
 46.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Botanicon, Continens Herbarum, Aliorumque Simplicum, quorum usus in Medicinis est, descriptiones, & Iconas ad vivum effigiatas : ex praecipuis tam Grecis quàm Latinis Authoribus iam recens concinnatum. Additis etiam quæ Neotericorum observationes & experientiæ uel comprobarunt denuo, uel nuper inuenerunt. Aut. Theoderico Dor. stenio Medico. Francoforti, Christianus Egenolphus excudebat.

      Frankfurt, Christian Egenolff, (1540). Folio. (22 blank) + (10) + 305 (of 306) + (16 blank) Leaves. Lacking one leaf (283). 320 woodcuts in contemporary hand-colouring. Contemporary blindtooled full calf over wooden boards with 5 rased bands. With 2 clasps. Rebacked preserving old spine. Name on front endpaper. Old inscription on first blank-leaf. Occasional brownspotting. Some dampstaing in upper margins. A few old handwritten notes. A few tears (one affecting text (no loss).. First and only edition. A latin translation of the Herbal part of Rösslin`s Kreutterbuch

      [Bookseller: Ruuds Antikvariat]
 47.   Check availability:     Antikvariat     Link/Print  

______________________________________________________________________________


      Home     Wants Manager     Library Search     562 Years   Links     Contact      Search Help      Terms of Service      Privacy     


Copyright © 2018 viaLibri™ Limited. All rights reserved.