The viaLibri website requires cookies to work properly. You can find more information in our Terms of Service and Privacy Policy.

Displayed below are some selected recent viaLibri matches for books published in 1756
2018-01-04 17:01:57
Complete set of 2 matching Satire print about an Innocent landing in England: The Invasion. The invasion army of Louis XV during embarkation against England in 1756, reinforced by water soup (ranks) and frogs (officer), all enthused for the standard, however, by the promise "VENGENCE et le BON BIER et BON BEUF de ANGLETERRE" and by which the English soldiers and fresh recruits on the other side of the channel just support their defense powers. The second plate: "See John the Soldier, Jack the Tar . Should Mounsir dare come here! / The Hungry Slaves have smelt our Food / They long to taste our Flesh and Blood / Old England's Beef and Beer !". Copperplate engraving and etching on a thick vellin type paper. Description: Unknown collection of engravings after Hogarth. We estimate this to be an earlier edition print by Riepenhausen, c. 1820.Artists and Engravers: The engraver is Ernst Ludwig Riepenhausen (1765-1840) after William Hogarth (1697-1764). The German engraver Riepenhausen was well respected for his engravings after Hogarth, often preferred to those by Hogarth himself. Condition: Fine. General age related toning and occasional light staining and folding. The France plate has a backed tear at left bottom. Carefully study our detailed scan. Storage location: A42-26 The overall size is ca. 12 x 9.1 inch. The image size is ca. 8.7 x 7.3 inch. The overall size is ca. 30.5 x 23 cm. The image size is ca. 22 x 18.5 cm.
Bookseller: ThePrintsCollector [Zeeland, Netherlands]
Check availability:
2018-01-03 19:33:33
Modern Grace or the Operatical Finale to the Ballet of Alonzo e Caro
Hand-colored etching by famous British caricaturist and printmaker James Gillray (1756-1815), published by H. H. Humphrey, London, 1796. French dancer Charles Didelot (1767-1837) performs on the stage between two women (his wife Rose on the left, and Mme. Parisot (c.1775-1837) on the right).   Size is 17.4 x 12.5 inches (or 44 x 31.75 cm), some spots with rust, overall age toning, tape marks over the top margin, no cracks or major problems, in very good condition.
Bookseller: Tamino Autographs
2018-01-03 18:45:46
Hale, Thomas
T Osborne & J Shipton, London - This is the first edition, copyright 1756. No further editions listed. Books I through IV are missing. Pages start at #361-719. Included are Book IV-Book XV. As the Preface and Table of Contents are included in this volume, (starting with pp iIi) It is possible that this has been rebound, with the loss of the first four books. Boards are age-browned leather, upper spine shows 2" separation Eight raised spine bands. . Bottom spine shows 1/16" leather missing from spine. Binding is substantially intact, signs of starting at mid-gutter. Front free-endpaper is torn away; remaining 8"X10" portion contains previous owner signature and date of 1857. Sporadic foxing throughout. Copper plate illustrations throughout. These include various farm implements, farmhouse architectural plans, plants. Hand-made laid paper still bright and readable. Advertisment to last page. Rear endpapers appear to be missing. Numerous b/w illustrations. The text itself is one of the foremost works detailing the process of agriculture in the 18th century. (source: Wikipedia) "Author Thomas Hale was a respected agriculturist of his time and "the 3rd edition of the "The Complete Farmer" (1777) listed Hale in its subtitle among other notable authorities." ; Folio 13" - 23" tall; 720 pages [Attributes: First Edition; Hard Cover]
Bookseller: Books on the Boulevard
Check availability:
2018-01-03 06:09:23
[Maryland Laws]: [French and Indian War]
Annapolis: Jonas Green, 1756. 12; 33,[1]pp. Modern cloth, gilt leather label. Old ink library stamp on both titlepages, minor foxing. Good plus. A pair of Annapolis imprints comprising the session laws for Maryland in 1755 and 1756. In the midst of the French and Indian War, the Maryland assembly passes, in the first work, "An Act to prevent the Exportation or carrying out of this Province, Ammunition, Warlike Stores, or Provisions of any Kind, towards Supplying the French or their Allies" and the second work contains a continuing act extending this law for another year. Another French and Indian War-related act appears in the second work entitled, "An Act for preventing Indians disaffected to the British Interest in America from coming into this Province as Spies, or on any other evil Design." These sessions also include acts relating to preventing slaves from being set free due to injury or by last will and testament, an "Act for quieting the Differences that have arisen, and may hereafter arise, between the Inhabitants of this Province and the several Indian Nations, and for punishing Trespasses committed on their Lands," and many others. A one-page manuscript note, signed bound between the two works appears to be a transmittal notice for the second work. It is signed by Thomas Sharpe, who also signs his name to the titlepage of the second work. Both are rare, with ESTC recording only two copies (both at AAS) and three copies, respectively. BRISTOL B1728, B1807. SHIPTON & MOONEY 40762, 40832. WROTH 181, 190. ESTC W7079, W14069.
Bookseller: William Reese Company - Americana [US]
Check availability:
2018-01-02 18:08:17
[Agnelli Antonio].
nella Stamperia di Antonio Agnelli. 2 volumi in-4° (cm. 22,6), legature in cartonato d'attesa con titolo ms. su etichette al dorso; carte in ottimo stato. Tutto il pubblicato di un'interessante idea editoriale che precedeva di dieci anni il Caffè dei Verri. L'Agnelli si cimentava in una battaglia culturale insieme ai Trasformati, illuministi a metà che aprivano con moderazione ai temi della vita contemporanea. La Raccolta «si distribuiva un foglio per settimana, e vari opuscoli di viventi, e di morti autori contiene» [Annali letterarj d'Italia, Modena 1762, p. 185]. Pur tuttavia i Trasformati si offesero delle critiche de recensori [Memorie per servire alla storia letteraria, Venezia 1756, VIII, 29] e mollarono l'Agnelli, che per l'anno successivo fece da sé: «Sono venuto in determinazione di non defraudare il pubblico di alcune opericciuole» [p.(3)]. Cfr. R. Martinoni, Un foglio erudito lombardo del Settecento. La Raccolta milanese (1756-1757), in Archivio Storico Lombardo CXVII (1991) pp. 203-257. Ottimo esemplare.
Bookseller: Gabriele Maspero Libri Antichi
2018-01-01 17:20:35
BIBLE/HAMELSVELD, YSBRAND VAN
Dordrecht, Jacob and Hendrik Keur/Amsterdam, Hendrik Brandt, Dirk onder de Linden, Petrus Schouten, 1756/1772. Dordrecht, Jacob and Hendrik Keur/Amsterdam, Hendrik Brandt, Dirk onder de Linden, Petrus Schouten,, 1756/1772. (engraved titlepage, 19) 302, (2) 134, (12) 164, (2) 66 folia., Prints: (8) 76, 50 folia. Contemporary blind-stamped Leather with 6 raised bands and 2 massive silver clasps, Folio H. 44,5 x L. 29,5 x W. 15 cm. (The spine is skillfully restored with preservation of the contemporary spine. Bound with a handwritten family index of the Rose family dating from the year 1718 until 1841 in the front. Keurbible, containing the Old and New Testament and the Apocrypha. With the 6 folding maps by Nicolaes Visscher. Interleaved with the printbible by Ysbrand van Hamelsveld which contains a titlepage, index and 126 folio sized leaves with 2 engravings on each. The prints are engraved by Jacob Folkema, Pieter Tanje and Simon Fokke. In the year 1791 the printbible was published with accompanying descriptions by Van Hamelsveld. The printbible is often called after him, although Van Hamelsveld did not contribute to this first edition. The work is bound in an attractive blind-stamped binding with 2 massive silver clasps, the design of the clasps is straight and the catches are marked with the corresponding year letter and the quality mark of Amsterdam.) (gegraveerde titelpagina, 19) 302, (2) 134, (12) 164, (2) 66 folia., Prenten: (8) 76, 50 folia. Origineel Leer met ribben, stempels en 2 sloten van massief zilver, Folio H. 44,5 x L. 29,5 x D. 15 cm. (De rug is vakkundig g … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Antiquariaat de Roo [Zwijndrecht, Netherlands]
2018-01-01 11:23:38
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
"Acquaforte e bulino, 1756, firmata in lastra . Esemplare della contemporanea tiratura romana, terzo stato di sei, con indirizzo e prezzo, stampata dall'autore nella propria tipografia di Strada Felice. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana ""doppio cerchio e giglio"", con pieni margini, in perfetto stato di conservazione. Nel margine inferiore si trovano delle contemporanee scritte ad inchiostro bruno, traduzioni in lingua francese delle iscrizioni incise. Della serie Vedute di Roma. L'opera consiste in 135 lastre prodotte individualmente dal Piranesi per almeno 30 anni, da circa il 1745, fino alla data della sua morte. All'opera sono aggiunte poi 2 vedute realizzate dal figlio Francesco. Per la prima volta furono edite dall'editore Giovanni Bouchard nel 1751 (34 lastre), successivamente dallo stesso Piranesi editore a Palazzo Tomati in Roma (scritta che appare su molte tavole), fino alla stesura definitiva composta da 137 lastre. Successivamente alla morte dell'autore le lastre furono ereditate dal figlio Francesco, che ne curò la pubblicazione prima nella capitale, e successivamente a Parigi. Le lastre furono poi acquisite dalla Calcografia Camerale, oggi Calcografia Nazionale, dove sono tuttora conservate. Le opere che proponiamo fanno parte di un album nella stesura definitiva, stampato a Roma tra il 1770 ed il 1780. Una vista dell'interno della chiesa di Santa Constanza, tratta da ""Vedute di Roma"". Molto evocativo l'inconsueta forma circolare della chiesa del IV secolo. In primo piano un gruppo di uomini e donne in abito aristocratico. La ch … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2017-12-30 15:58:35
Dietrich, Christian Wilhelm Ernst (1712-1774)
1756. On laid paper with small margins. 93 x 148mm. Matted. Hinged to a old french-line mat with annotations on the verso of the mat, with 2 verical folds visible verso. On laid paper with small margins. 93 x 148mm. Christian Wilhelm Ernst Dietrich, called Dietricy. He imitated many earlier artists like Rembrandt. Linck 77, III/III, with the line between the bow and violin (second state) and with the number "50" in the upper left corner effaced (thiurd state)
Bookseller: James Cummins Bookseller [U.S.A.]
Check availability:
2017-12-29 22:43:08
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756 circa, firmata in lastra in basso a destra. Dalla serie Le Antichità Romane, prima edizione del 1756 edita da Bouchard e Gravier. Meravigliosa prova, ricca di toni, impressa a inchiostro bruno su carta vergata coeva, con pieni margini ed in perfetto stato di conservazione. Henry Focillon, nel suo saggio del 1918, suppone che il Piranesi prepari ed incida le tavole per l'opera tra il 1750 ed il 1756, tuttavia, elementi architettonici fanno risalire alcune al 1746. In realtà le tavole più antiche utilizzate nella raccolta risalgono probabilmente ad anni ancora precedenti, come sembra suggerire sia l'estrema complessità dell'opera, legata ad un lunghissimo lavoro di preparazione e ricerca, sia l'oscillazione stilistica riscontrabile comparando le varie tavole. Ad ogni modo, la grandiosità delle Antichità Romane del Piranesi non sta solamente nel grande lavoro grafico prodotto dall'artista: l'opera risulta infatti fondamentale come innovazione metodologica nel settore dell'archeologia a lei contemporanea, con l'utilizzo di scritti che sono essenziali per comprendere il pensiero dell'autore e l'innovazione del metodo piranesiano. Si può quindi sostenere, come giustamente fa notare il Focillon, che l'artista veneziano fondi l'archeologia moderna. Questa innovazione comporta, però, un enorme stacco e una grande divergenza con il pensiero e la cultura ufficiale ed accademica del periodo - di derivazione anglosassone - causando enormi polemiche di cui Piranesi fu bersaglio, e il fiorire di una negativa aneddotica intorno alla sua persona, il cui scopo era q … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-12-29 22:43:08
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756 circa, firmata in lastra in basso a destra. Dalla serie Le Antichità Romane, prima edizione del 1756 edita da Bouchard e Gravier. Meravigliosa prova, ricca di toni, impressa a inchiostro bruno su carta vergata coeva con la tipica filigrana del "doppio cerchio e giglio con lettere CB" (Robison 33), con pieni margini, esemplare in barbe ed in perfetto stato di conservazione. Henry Focillon, nel suo saggio del 1918, suppone che il Piranesi prepari ed incida le tavole per l'opera tra il 1750 ed il 1756, tuttavia, elementi architettonici fanno risalire alcune al 1746. In realtà le tavole più antiche utilizzate nella raccolta risalgono probabilmente ad anni ancora precedenti, come sembra suggerire sia l'estrema complessità dell'opera, legata ad un lunghissimo lavoro di preparazione e ricerca, sia l'oscillazione stilistica riscontrabile comparando le varie tavole. Ad ogni modo, la grandiosità delle Antichità Romane del Piranesi non sta solamente nel grande lavoro grafico prodotto dall'artista: l'opera risulta infatti fondamentale come innovazione metodologica nel settore dell'archeologia a lei contemporanea, con l'utilizzo di scritti che sono essenziali per comprendere il pensiero dell'autore e l'innovazione del metodo piranesiano. Si può quindi sostenere, come giustamente fa notare il Focillon, che l'artista veneziano fondi l'archeologia moderna. Questa innovazione comporta, però, un enorme stacco e una grande divergenza con il pensiero e la cultura ufficiale ed accademica del periodo - di derivazione anglosassone - causando enormi polemiche di cui Piran … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-12-29 22:43:08
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756 circa, firmata in lastra in basso a destra. Dalla serie Le Antichità Romane, prima edizione del 1756 edita da Bouchard e Gravier. Meravigliosa prova, ricca di toni, impressa a inchiostro bruno su carta vergata coeva, con pieni margini ed in perfetto stato di conservazione. Henry Focillon, nel suo saggio del 1918, suppone che il Piranesi prepari ed incida le tavole per l'opera tra il 1750 ed il 1756, tuttavia, elementi architettonici fanno risalire alcune al 1746. In realtà le tavole più antiche utilizzate nella raccolta risalgono probabilmente ad anni ancora precedenti, come sembra suggerire sia l'estrema complessità dell'opera, legata ad un lunghissimo lavoro di preparazione e ricerca, sia l'oscillazione stilistica riscontrabile comparando le varie tavole. Ad ogni modo, la grandiosità delle Antichità Romane del Piranesi non sta solamente nel grande lavoro grafico prodotto dall'artista: l'opera risulta infatti fondamentale come innovazione metodologica nel settore dell'archeologia a lei contemporanea, con l'utilizzo di scritti che sono essenziali per comprendere il pensiero dell'autore e l'innovazione del metodo piranesiano. Si può quindi sostenere, come giustamente fa notare il Focillon, che l'artista veneziano fondi l'archeologia moderna. Questa innovazione comporta, però, un enorme stacco e una grande divergenza con il pensiero e la cultura ufficiale ed accademica del periodo - di derivazione anglosassone - causando enormi polemiche di cui Piranesi fu bersaglio, e il fiorire di una negativa aneddotica intorno alla sua persona, il cui scopo era q … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-12-29 22:43:08
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756 circa, firmata in lastra in basso a destra. Dalla serie Le Antichità Romane, prima edizione del 1756 edita da Bouchard e Gravier. Meravigliosa prova, ricca di toni, impressa a inchiostro bruno su carta vergata coeva, con pieni margini ed in perfetto stato di conservazione. Henry Focillon, nel suo saggio del 1918, suppone che il Piranesi prepari ed incida le tavole per l'opera tra il 1750 ed il 1756, tuttavia, elementi architettonici fanno risalire alcune al 1746. In realtà le tavole più antiche utilizzate nella raccolta risalgono probabilmente ad anni ancora precedenti, come sembra suggerire sia l'estrema complessità dell'opera, legata ad un lunghissimo lavoro di preparazione e ricerca, sia l'oscillazione stilistica riscontrabile comparando le varie tavole. Ad ogni modo, la grandiosità delle Antichità Romane del Piranesi non sta solamente nel grande lavoro grafico prodotto dall'artista: l'opera risulta infatti fondamentale come innovazione metodologica nel settore dell'archeologia a lei contemporanea, con l'utilizzo di scritti che sono essenziali per comprendere il pensiero dell'autore e l'innovazione del metodo piranesiano. Si può quindi sostenere, come giustamente fa notare il Focillon, che l'artista veneziano fondi l'archeologia moderna. Questa innovazione comporta, però, un enorme stacco e una grande divergenza con il pensiero e la cultura ufficiale ed accademica del periodo - di derivazione anglosassone - causando enormi polemiche di cui Piranesi fu bersaglio, e il fiorire di una negativa aneddotica intorno alla sua persona, il cui scopo era q … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-12-29 22:43:08
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756 circa, firmata in lastra in basso a destra. Dalla serie Le Antichità Romane, prima edizione del 1756 edita da Bouchard e Gravier. Meravigliosa prova, ricca di toni, impressa a inchiostro bruno su carta vergata coeva, con pieni margini ed in perfetto stato di conservazione. Henry Focillon, nel suo saggio del 1918, suppone che il Piranesi prepari ed incida le tavole per l'opera tra il 1750 ed il 1756, tuttavia, elementi architettonici fanno risalire alcune al 1746. In realtà le tavole più antiche utilizzate nella raccolta risalgono probabilmente ad anni ancora precedenti, come sembra suggerire sia l'estrema complessità dell'opera, legata ad un lunghissimo lavoro di preparazione e ricerca, sia l'oscillazione stilistica riscontrabile comparando le varie tavole. Ad ogni modo, la grandiosità delle Antichità Romane del Piranesi non sta solamente nel grande lavoro grafico prodotto dall'artista: l'opera risulta infatti fondamentale come innovazione metodologica nel settore dell'archeologia a lei contemporanea, con l'utilizzo di scritti che sono essenziali per comprendere il pensiero dell'autore e l'innovazione del metodo piranesiano. Si può quindi sostenere, come giustamente fa notare il Focillon, che l'artista veneziano fondi l'archeologia moderna. Questa innovazione comporta, però, un enorme stacco e una grande divergenza con il pensiero e la cultura ufficiale ed accademica del periodo - di derivazione anglosassone - causando enormi polemiche di cui Piranesi fu bersaglio, e il fiorire di una negativa aneddotica intorno alla sua persona, il cui scopo era q … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-12-29 18:29:21
M. Clarke
Edition Angloife, 1756. UsatoAccettabile Copertina: logorati da fattore tempo Pagine: Tracce di umidita'Note: Pagine ingiallite francese
Bookseller: Libro di Faccia
2017-12-27 22:00:11
MIRABEAU Victor RIQUETTI Marquis de
Avignon, 1756. 3 volumes in-12 relié plein veau marbré de l'époque, dos lisses ornés, pièces de titres rouges. 431 pages-1ff. - 578 pages-1f. - 577pages-2 ff. Frontispice au tome I gravé par Fessard d'après Meltay. Quelques défauts aux reliures (épiermures et petit manque en coiffe du tome 1). Texte complet pour la parite éditée en 1756. Livres [Attributes: Hard Cover]
Bookseller: LIBRAIRIE GIL-ARTGIL SARL [RODEZ, France]
2017-12-27 17:19:29
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756 circa, firmata in lastra in basso a destra. Dalla serie Le Antichità Romane, prima edizione del 1756 edita da Bouchard e Gravier. Meravigliosa prova, ricca di toni, impressa a inchiostro bruno su carta vergata coeva, con pieni margini ed in perfetto stato di conservazione. Henry Focillon, nel suo saggio del 1918, suppone che il Piranesi prepari ed incida le tavole per l'opera tra il 1750 ed il 1756, tuttavia, elementi architettonici fanno risalire alcune al 1746. In realtà le tavole più antiche utilizzate nella raccolta risalgono probabilmente ad anni ancora precedenti, come sembra suggerire sia l'estrema complessità dell'opera, legata ad un lunghissimo lavoro di preparazione e ricerca, sia l'oscillazione stilistica riscontrabile comparando le varie tavole. Ad ogni modo, la grandiosità delle Antichità Romane del Piranesi non sta solamente nel grande lavoro grafico prodotto dall'artista: l'opera risulta infatti fondamentale come innovazione metodologica nel settore dell'archeologia a lei contemporanea, con l'utilizzo di scritti che sono essenziali per comprendere il pensiero dell'autore e l'innovazione del metodo piranesiano. Si può quindi sostenere, come giustamente fa notare il Focillon, che l'artista veneziano fondi l'archeologia moderna. Questa innovazione comporta, però, un enorme stacco e una grande divergenza con il pensiero e la cultura ufficiale ed accademica del periodo - di derivazione anglosassone - causando enormi polemiche di cui Piranesi fu bersaglio, e il fiorire di una negativa aneddotica intorno alla sua persona, il cui scopo era q … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-12-27 17:19:29
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756 circa, firmata in lastra in basso a destra. Dalla serie Le Antichità Romane, prima edizione del 1756 edita da Bouchard e Gravier. Meravigliosa prova, ricca di toni, impressa a inchiostro bruno su carta vergata coeva con la tipica filigrana del "doppio cerchio e giglio con lettere CB" (Robison 33), con pieni margini ed in perfetto stato di conservazione. Henry Focillon, nel suo saggio del 1918, suppone che il Piranesi prepari ed incida le tavole per l'opera tra il 1750 ed il 1756, tuttavia, elementi architettonici fanno risalire alcune al 1746. In realtà le tavole più antiche utilizzate nella raccolta risalgono probabilmente ad anni ancora precedenti, come sembra suggerire sia l'estrema complessità dell'opera, legata ad un lunghissimo lavoro di preparazione e ricerca, sia l'oscillazione stilistica riscontrabile comparando le varie tavole. Ad ogni modo, la grandiosità delle Antichità Romane del Piranesi non sta solamente nel grande lavoro grafico prodotto dall'artista: l'opera risulta infatti fondamentale come innovazione metodologica nel settore dell'archeologia a lei contemporanea, con l'utilizzo di scritti che sono essenziali per comprendere il pensiero dell'autore e l'innovazione del metodo piranesiano. Si può quindi sostenere, come giustamente fa notare il Focillon, che l'artista veneziano fondi l'archeologia moderna. Questa innovazione comporta, però, un enorme stacco e una grande divergenza con il pensiero e la cultura ufficiale ed accademica del periodo - di derivazione anglosassone - causando enormi polemiche di cui Piranesi fu bersaglio, e … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-12-27 16:07:20
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756 circa, firmata in lastra in basso a destra. Dalla serie Le Antichità Romane, prima edizione del 1756 edita da Bouchard e Gravier. Meravigliosa prova, ricca di toni, impressa a inchiostro bruno su carta vergata coeva, con pieni margini ed in perfetto stato di conservazione. Henry Focillon, nel suo saggio del 1918, suppone che il Piranesi prepari ed incida le tavole per l'opera tra il 1750 ed il 1756, tuttavia, elementi architettonici fanno risalire alcune al 1746. In realtà le tavole più antiche utilizzate nella raccolta risalgono probabilmente ad anni ancora precedenti, come sembra suggerire sia l'estrema complessità dell'opera, legata ad un lunghissimo lavoro di preparazione e ricerca, sia l'oscillazione stilistica riscontrabile comparando le varie tavole. Ad ogni modo, la grandiosità delle Antichità Romane del Piranesi non sta solamente nel grande lavoro grafico prodotto dall'artista: l'opera risulta infatti fondamentale come innovazione metodologica nel settore dell'archeologia a lei contemporanea, con l'utilizzo di scritti che sono essenziali per comprendere il pensiero dell'autore e l'innovazione del metodo piranesiano. Si può quindi sostenere, come giustamente fa notare il Focillon, che l'artista veneziano fondi l'archeologia moderna. Questa innovazione comporta, però, un enorme stacco e una grande divergenza con il pensiero e la cultura ufficiale ed accademica del periodo - di derivazione anglosassone - causando enormi polemiche di cui Piranesi fu bersaglio, e il fiorire di una negativa aneddotica intorno alla sua persona, il cui scopo era q … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-12-27 13:25:49
Betti Zaccaria (1732-1788)
per Antonio Andreoni, in Verona, 1756. Esemplare in ottimo stato, carte fresche, ampi margini. Vecchia dedica alla prima bianca, ex libris al contropiatto Il nome dell'Autore figura nella dedica. Vignetta calcografica sul frontespizio, iniziali, testatine e finalini incisi da Domenico Cunego su disegno di Francesco Lorenzi. Ampie annotazioni a stampa da pag. 147 a 214. Poema didascalico diviso in quattro canti in versi sciolti avente come oggetto l'allevamento dei bachi da seta (8) + 213 p. 260x190 mm p.perg. coeva con titolo manoscritto sul dorso
Bookseller: Libreria Antiquaria Giulio Cesare [roma, ROMA, Italy]
2017-12-26 09:59:30
Domina:
Frankfurt und Leipzig, 1756. 1 Titelkupfer. 160 Seiten. 8° Goldgeprägter HalbPergament der Zeit. Einband mit geringen Gebrauchsspuren. Auf Titelblatt Feuchtigkeitsfleck, nur erste und letzte Seiten etwas betroffen, sonst aber in gutem Zustand.Sehr selten. Siehe Photo. Versand D: 5,90 EUR
Bookseller: BerlinAntiquariat
2017-12-26 09:53:01
Armstrong, John
Davis and Reymers 1756 Second Edition, Davis and Reymers, London, 1756. XXIV, 262 (von 264) Seiten mit 3 (von 4) gefalteten Kupfertafeln und einer mehrfach gefalteten Kupferkarte, Leder der Zeit, (etwas fleckig/ Name auf Titel/ bestoßen/ Rücken mit Fehlstellen/ Block lose/ ohne die Tafel der Zitadelle auf Menorca) - Palau 17045/ Die Tafeln zeigen Fossilien und Altertümer sowie Ansichten von Mahon und Philipp\'s Castle - Versand D: 5,90 EUR Europa,Spanien/Portugal
Bookseller: Celler Versandantiquariat
2017-12-25 17:29:03
Real Compañia de Comercio de Barcelona] [Printing on vellum] Tramullas I Roig, Manuel.
1756 - Rare share of the Real Compañia de Comercio de Barcelona printed on vellum, incorporating a fascinating view of the city. 1756. Barcelona. 16 x 12 inches. Printed on Vellum, with manuscript additions, and company seal; the additions are signatures of the various directors and details concerning the sale of the share certificate. Minor soiling, but quite nice for a view printed on vellum. 2,000 $ A magnificent view of Barcelona, engraved on vellum, by the prominent Catalan artist Manuel Tramullas, illustrating a share certificate for the Royal Trading Company of Barcelona, issued in 1756. This beautiful work features a panorama of Barcelona, framed in a fine architectural border, surmounted by a picture of the Virgin Mary and the Christ Child, who symbolically protect the city. In the view, one can see the spires of the Barcelona’s Gothic cathedral, the city’s elaborate defenses, including the fortress atop Montjuïc. Below is a fine register of text surrounded by rococo border, with the terms of the issue of the stock certificate. The piece was engraved on vellum in order to confer its durability and lend its added gravitas. This share certificate was especially engraved for holders of the inaugural shares of the Real Compañía de Comercio Establecido de Barcelona (The Royal Trading Company of Barcelona). The Company was charted in 1755 on the orders of Ferdinand VI, and was given a monopoly on trade between Catalonia and Spanish Caribbean colonies of Santa Domingo, Puerto Rico and the Isla de Margarita (Venezuela). At the beginning of the 18th Century the Sp … [Click Below for Full Description]
Bookseller: HS Rare Books
2017-12-25 17:16:14
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756 circa, firmata in lastra in basso a destra. Dalla serie Le Antichità Romane, prima edizione del 1756 edita da Bouchard e Gravier. Meravigliosa prova, ricca di toni, impressa a inchiostro bruno su carta vergata coeva, con pieni margini ed in perfetto stato di conservazione. Henry Focillon, nel suo saggio del 1918, suppone che il Piranesi prepari ed incida le tavole per l'opera tra il 1750 ed il 1756, tuttavia, elementi architettonici fanno risalire alcune al 1746. In realtà le tavole più antiche utilizzate nella raccolta risalgono probabilmente ad anni ancora precedenti, come sembra suggerire sia l'estrema complessità dell'opera, legata ad un lunghissimo lavoro di preparazione e ricerca, sia l'oscillazione stilistica riscontrabile comparando le varie tavole. Ad ogni modo, la grandiosità delle Antichità Romane del Piranesi non sta solamente nel grande lavoro grafico prodotto dall'artista: l'opera risulta infatti fondamentale come innovazione metodologica nel settore dell'archeologia a lei contemporanea, con l'utilizzo di scritti che sono essenziali per comprendere il pensiero dell'autore e l'innovazione del metodo piranesiano. Si può quindi sostenere, come giustamente fa notare il Focillon, che l'artista veneziano fondi l'archeologia moderna. Questa innovazione comporta, però, un enorme stacco e una grande divergenza con il pensiero e la cultura ufficiale ed accademica del periodo - di derivazione anglosassone - causando enormi polemiche di cui Piranesi fu bersaglio, e il fiorire di una negativa aneddotica intorno alla sua persona, il cui scopo era q … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-12-24 10:48:41
Rapin, Paul von
Christoph Peter Franckens Halle 1756 (...von D. Siegmund Jacob Baumgarten. Dritter Band apart ( von insgesamt 11 erschienenen Bänden ) ) Das Titelblatt in rot und schwarz gedruckt mit schöner gestochener Vignette ( Schiff in schwerer See ), 2 n.n. Blätter Vorrede mit gestochener Vignette, 744 Seiten, 8 n.n. Blätter ( Register der merkwürdigsten Sachen ). Mit 1 gestochenen, ausfaltbaren Tabelle ( 1stes Genealogisches Verzeichnis von dem Königlichen Geschlechte in Schottland vor Macolm II. An bis auf Robert II. * ) sowie einigen gestochenen Vignetten im Text. Oldr mit goldgeprägtem schmalen Einbandrücken und marmoriertem Buchschnitt. Inhalt:: Von dem salischen Gesetz - Von der Regierung Richards II. - Die Regierungen Eduards I. bis Richard II. - Von den Regierungen Heinrich IV. und Heinrich V.- Von der Regierung Heinrich VI. - Von der Regierung Eduard IV. - Von der Regierung Eduard V. - Von der Regierung Richard III. - Von der Regierung Heinrich VII,. Der Einband berieben, fleckig, Ecken und Kanten bestoßen, der schmale Einbandrücken zum oberen Kapital hin angeplatzt und beschädigt sowie mit alter Klebemarke, Bindung leicht gelockert, Der vordere Buchdeckel innen mit gestochenem Exlibris *Königlich Preußische Ober-Landes-Gerichts-Bibliothek zu Paderborn *. Innen das Titelblatt etwas fleckig und leicht angeknickt sowie mit alten Bibliotheksstempeln *Juristisches Seminar Universität Breslau * und wenigen Randnotizen. Der Stempel wiederholt auch im Text. Innen Seiten teils etwas fleckig oder stockfleckig, teils gering braunfleckig. ( Gewicht 1300 Gramm ) ( Lagerort Richey - DG … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Antiquariat Friederichsen [Germany]
2017-12-23 10:37:52
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
"Acquaforte e bulino, 1756, firmata in lastra . Esemplare della contemporanea tiratura romana, terzo stato di sei, con indirizzo e prezzo, stampata dall'autore nella propria tipografia di Strada Felice. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana ""doppio cerchio e giglio"", con pieni margini, in perfetto stato di conservazione. Nel margine inferiore si trovano delle contemporanee scritte ad inchiostro bruno, traduzioni in lingua francese delle iscrizioni incise. Della serie Vedute di Roma. L'opera consiste in 135 lastre prodotte individualmente dal Piranesi per almeno 30 anni, da circa il 1745, fino alla data della sua morte. All'opera sono aggiunte poi 2 vedute realizzate dal figlio Francesco. Per la prima volta furono edite dall'editore Giovanni Bouchard nel 1751 (34 lastre), successivamente dallo stesso Piranesi editore a Palazzo Tomati in Roma (scritta che appare su molte tavole), fino alla stesura definitiva composta da 137 lastre. Successivamente alla morte dell'autore le lastre furono ereditate dal figlio Francesco, che ne curò la pubblicazione prima nella capitale, e successivamente a Parigi. Le lastre furono poi acquisite dalla Calcografia Camerale, oggi Calcografia Nazionale, dove sono tuttora conservate. Le opere che proponiamo fanno parte di un album nella stesura definitiva, stampato a Roma tra il 1770 ed il 1780. Una vista dell'interno della chiesa di Santa Constanza, tratta da ""Vedute di Roma"". Molto evocativo l'inconsueta forma circolare della chiesa del IV secolo. In primo piano un gruppo di uomini e donne in abito aristocratico. La ch … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-12-23 08:39:00
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756 circa, firmata in lastra in basso a destra. Dalla serie Le Antichità Romane, prima edizione del 1756 edita da Bouchard e Gravier. Meravigliosa prova, ricca di toni, impressa a inchiostro bruno su carta vergata coeva, con pieni margini ed in perfetto stato di conservazione. Henry Focillon, nel suo saggio del 1918, suppone che il Piranesi prepari ed incida le tavole per l'opera tra il 1750 ed il 1756, tuttavia, elementi architettonici fanno risalire alcune al 1746. In realtà le tavole più antiche utilizzate nella raccolta risalgono probabilmente ad anni ancora precedenti, come sembra suggerire sia l'estrema complessità dell'opera, legata ad un lunghissimo lavoro di preparazione e ricerca, sia l'oscillazione stilistica riscontrabile comparando le varie tavole. Ad ogni modo, la grandiosità delle Antichità Romane del Piranesi non sta solamente nel grande lavoro grafico prodotto dall'artista: l'opera risulta infatti fondamentale come innovazione metodologica nel settore dell'archeologia a lei contemporanea, con l'utilizzo di scritti che sono essenziali per comprendere il pensiero dell'autore e l'innovazione del metodo piranesiano. Si può quindi sostenere, come giustamente fa notare il Focillon, che l'artista veneziano fondi l'archeologia moderna. Questa innovazione comporta, però, un enorme stacco e una grande divergenza con il pensiero e la cultura ufficiale ed accademica del periodo - di derivazione anglosassone - causando enormi polemiche di cui Piranesi fu bersaglio, e il fiorire di una negativa aneddotica intorno alla sua persona, il cui scopo era q … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2017-12-23 08:39:00
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756 circa, firmata in lastra in basso a destra. Dalla serie Le Antichità Romane, prima edizione del 1756 edita da Bouchard e Gravier. Meravigliosa prova, ricca di toni, impressa a inchiostro bruno su carta vergata coeva, con pieni margini ed in perfetto stato di conservazione. Henry Focillon, nel suo saggio del 1918, suppone che il Piranesi prepari ed incida le tavole per l'opera tra il 1750 ed il 1756, tuttavia, elementi architettonici fanno risalire alcune al 1746. In realtà le tavole più antiche utilizzate nella raccolta risalgono probabilmente ad anni ancora precedenti, come sembra suggerire sia l'estrema complessità dell'opera, legata ad un lunghissimo lavoro di preparazione e ricerca, sia l'oscillazione stilistica riscontrabile comparando le varie tavole. Ad ogni modo, la grandiosità delle Antichità Romane del Piranesi non sta solamente nel grande lavoro grafico prodotto dall'artista: l'opera risulta infatti fondamentale come innovazione metodologica nel settore dell'archeologia a lei contemporanea, con l'utilizzo di scritti che sono essenziali per comprendere il pensiero dell'autore e l'innovazione del metodo piranesiano. Si può quindi sostenere, come giustamente fa notare il Focillon, che l'artista veneziano fondi l'archeologia moderna. Questa innovazione comporta, però, un enorme stacco e una grande divergenza con il pensiero e la cultura ufficiale ed accademica del periodo - di derivazione anglosassone - causando enormi polemiche di cui Piranesi fu bersaglio, e il fiorire di una negativa aneddotica intorno alla sua persona, il cui scopo era q … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2017-12-23 08:39:00
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756 circa, firmata in lastra in basso a destra. Dalla serie Le Antichità Romane, prima edizione del 1756 edita da Bouchard e Gravier. Meravigliosa prova, ricca di toni, impressa a inchiostro bruno su carta vergata coeva, con pieni margini ed in perfetto stato di conservazione. Henry Focillon, nel suo saggio del 1918, suppone che il Piranesi prepari ed incida le tavole per l'opera tra il 1750 ed il 1756, tuttavia, elementi architettonici fanno risalire alcune al 1746. In realtà le tavole più antiche utilizzate nella raccolta risalgono probabilmente ad anni ancora precedenti, come sembra suggerire sia l'estrema complessità dell'opera, legata ad un lunghissimo lavoro di preparazione e ricerca, sia l'oscillazione stilistica riscontrabile comparando le varie tavole. Ad ogni modo, la grandiosità delle Antichità Romane del Piranesi non sta solamente nel grande lavoro grafico prodotto dall'artista: l'opera risulta infatti fondamentale come innovazione metodologica nel settore dell'archeologia a lei contemporanea, con l'utilizzo di scritti che sono essenziali per comprendere il pensiero dell'autore e l'innovazione del metodo piranesiano. Si può quindi sostenere, come giustamente fa notare il Focillon, che l'artista veneziano fondi l'archeologia moderna. Questa innovazione comporta, però, un enorme stacco e una grande divergenza con il pensiero e la cultura ufficiale ed accademica del periodo - di derivazione anglosassone - causando enormi polemiche di cui Piranesi fu bersaglio, e il fiorire di una negativa aneddotica intorno alla sua persona, il cui scopo era q … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2017-12-23 08:39:00
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756 circa, firmata in lastra in basso a destra. Dalla serie Le Antichità Romane, prima edizione del 1756 edita da Bouchard e Gravier. Meravigliosa prova, ricca di toni, impressa a inchiostro bruno su carta vergata coeva con la tipica filigrana del "doppio cerchio e giglio con lettere CB" (Robison 33), con pieni margini, esemplare in barbe ed in perfetto stato di conservazione. Henry Focillon, nel suo saggio del 1918, suppone che il Piranesi prepari ed incida le tavole per l'opera tra il 1750 ed il 1756, tuttavia, elementi architettonici fanno risalire alcune al 1746. In realtà le tavole più antiche utilizzate nella raccolta risalgono probabilmente ad anni ancora precedenti, come sembra suggerire sia l'estrema complessità dell'opera, legata ad un lunghissimo lavoro di preparazione e ricerca, sia l'oscillazione stilistica riscontrabile comparando le varie tavole. Ad ogni modo, la grandiosità delle Antichità Romane del Piranesi non sta solamente nel grande lavoro grafico prodotto dall'artista: l'opera risulta infatti fondamentale come innovazione metodologica nel settore dell'archeologia a lei contemporanea, con l'utilizzo di scritti che sono essenziali per comprendere il pensiero dell'autore e l'innovazione del metodo piranesiano. Si può quindi sostenere, come giustamente fa notare il Focillon, che l'artista veneziano fondi l'archeologia moderna. Questa innovazione comporta, però, un enorme stacco e una grande divergenza con il pensiero e la cultura ufficiale ed accademica del periodo - di derivazione anglosassone - causando enormi polemiche di cui Piran … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2017-12-23 08:39:00
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756 circa, firmata in lastra in basso a destra. Dalla serie Le Antichità Romane, prima edizione del 1756 edita da Bouchard e Gravier. Meravigliosa prova, ricca di toni, impressa a inchiostro bruno su carta vergata coeva, con pieni margini ed in perfetto stato di conservazione. Henry Focillon, nel suo saggio del 1918, suppone che il Piranesi prepari ed incida le tavole per l'opera tra il 1750 ed il 1756, tuttavia, elementi architettonici fanno risalire alcune al 1746. In realtà le tavole più antiche utilizzate nella raccolta risalgono probabilmente ad anni ancora precedenti, come sembra suggerire sia l'estrema complessità dell'opera, legata ad un lunghissimo lavoro di preparazione e ricerca, sia l'oscillazione stilistica riscontrabile comparando le varie tavole. Ad ogni modo, la grandiosità delle Antichità Romane del Piranesi non sta solamente nel grande lavoro grafico prodotto dall'artista: l'opera risulta infatti fondamentale come innovazione metodologica nel settore dell'archeologia a lei contemporanea, con l'utilizzo di scritti che sono essenziali per comprendere il pensiero dell'autore e l'innovazione del metodo piranesiano. Si può quindi sostenere, come giustamente fa notare il Focillon, che l'artista veneziano fondi l'archeologia moderna. Questa innovazione comporta, però, un enorme stacco e una grande divergenza con il pensiero e la cultura ufficiale ed accademica del periodo - di derivazione anglosassone - causando enormi polemiche di cui Piranesi fu bersaglio, e il fiorire di una negativa aneddotica intorno alla sua persona, il cui scopo era q … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2017-12-23 08:39:00
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756 circa, firmata in lastra in basso a destra. Dalla serie Le Antichità Romane, prima edizione del 1756 edita da Bouchard e Gravier. Meravigliosa prova, ricca di toni, impressa a inchiostro bruno su carta vergata coeva, con pieni margini ed in perfetto stato di conservazione. Henry Focillon, nel suo saggio del 1918, suppone che il Piranesi prepari ed incida le tavole per l'opera tra il 1750 ed il 1756, tuttavia, elementi architettonici fanno risalire alcune al 1746. In realtà le tavole più antiche utilizzate nella raccolta risalgono probabilmente ad anni ancora precedenti, come sembra suggerire sia l'estrema complessità dell'opera, legata ad un lunghissimo lavoro di preparazione e ricerca, sia l'oscillazione stilistica riscontrabile comparando le varie tavole. Ad ogni modo, la grandiosità delle Antichità Romane del Piranesi non sta solamente nel grande lavoro grafico prodotto dall'artista: l'opera risulta infatti fondamentale come innovazione metodologica nel settore dell'archeologia a lei contemporanea, con l'utilizzo di scritti che sono essenziali per comprendere il pensiero dell'autore e l'innovazione del metodo piranesiano. Si può quindi sostenere, come giustamente fa notare il Focillon, che l'artista veneziano fondi l'archeologia moderna. Questa innovazione comporta, però, un enorme stacco e una grande divergenza con il pensiero e la cultura ufficiale ed accademica del periodo - di derivazione anglosassone - causando enormi polemiche di cui Piranesi fu bersaglio, e il fiorire di una negativa aneddotica intorno alla sua persona, il cui scopo era q … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2017-12-23 04:22:30
HERICOURT Nicolas d'
1756Paris, Gissey, David, 1756, 5 volumes in-12 reliés plein veau marbré de l'époque, dos à 5 nerfs orné de caissons dorés à motifs floraux, très bon état
Bookseller: Librairie Ancienne Jean Faye [France, Vichy]
2017-12-21 20:53:44
(CAMBRIDGE, Richard Owen)
Printed for R. & J. Dodsley, in Pall-Mall. 1756 11, [1]pp. 4to. Titlepage dusted, top inner corner expertly repaired, corners a little creased, evidence of old central fold marks. Very nicely bound in recent quarter mottled calf, marbled boards, vellum cornerpieces, gilt banded spine, red morocco label.ESTC T32583, not in the Bodleian. 'This Poem being a parody on the most remarkable passages in the well-known Epistle of Eloisa to Abelard, it was thought unnecessary to transcribe any lines from that poem, which is in the hands of all, and in the memory of most readers.' (Advertisement leaf.) The first of three editions in 1756.
Bookseller: Jarndyce Rare Books
2017-12-21 17:27:33
ANONYMOUS.
Mary Cooper. 1756 8pp. Disbound.ESTC T48576. 22 stanzas of ribald verse, providing satirical pen portraits of politicians.
Bookseller: Jarndyce Rare Books [UK]
2017-12-20 22:22:00
ellis, jean
alahare: chez pierre de hondt. 1756 1756 französischsprachige ausgabe gross oktav. orig. halbpergament gutes exemplar. fortsetzung des titels: pris auprès du pole arctique, par des pêcheurs de baleine, pendant l` eté de 1753. par jean ellis, membre de la societé royale. traduit de l` anglois; 125 seiten, gebundene ausgabe mit orig. leder - rückenschild (goldverziert), pergamentecken und buntpapier - bezogenen einbanddeckeln; enthält zierinitialien, kopfvignetten und zahlreiche tafeln mit stichen, einige davon ausklappbar; einband stellenweise mit kleinen abriebstellen, hintere seiten wasserfleckig. Versand D: 5,00 EUR
Bookseller: Alt-Saarbrücker-Antiquariat [Germany]
2017-12-20 14:25:25
Calmet Augustin
1756. In-4 (24,5 cm) XII 250 (2). Cartoncino rustico. Agostino Calmet, in lingua francese Augustin Calmet, noto anche come Dom Calmet (Ménil-la-Horgne, 26 febbraio 1672 - Abbazia di Saint-Pierre de Senones, 25 ottobre 1757), fu un religioso benedettino appartenente alla Congregazione dei Santi Vitone e Idulfo; esegeta famoso, divenne abate dell'Abbazia di Saint-Pierre de Senones. Egli consultò tutte le biblioteche del suo Ordine, compilando numerosi saggi storici. Nel 1728 venne nominato abate dell'Abbazia di Saint-Pierre a Senones, capitale del Principato di Salm. Fu proprio in quest'abbazia che egli lavorò negli ultimi anni della propria vita, intrattenendo una fitta corrispondenza con numerosi eruditi del suo tempo. Efu sempre qui che scrisse il suo Traité sur les apparitions des esprits et sur les vampires che fece scrivere a Voltaire nel suo Dictionnaire philosophique.
Bookseller: Libreria Emiliana
2017-12-20 09:54:14
REAL ACADEMIA DE BUENAS LETRAS DE LA CIUDAD DE BARCELONA
- 1756-1868---1901 Francisco Suriá, BCA. Relación de los componentes e história de la Real Academia. (observaciones sobre los principios elementales de la historia. Autores impressos. de los Manuscritos. Apendice al lenguage Romano vulgar. Apendice de la Orthographia. Ilustrado.(TRAMULLASS-IGNATIUS VALLS.) lámina tipografica. 24 (h) 667 pg. TOMO 2º. Ilustr. Mapas. 404 pg. TOMO 3º, 644 pg. TOMO 4º, 647 pg. TOMO 5º, láminas. 478 pg. TOMO 6º, láminas, Judios, 578 pg. TOMO 7º, Mapas, Ilustr. 556 pg. TOMO 8º, 582 pg. 27x19 cm. Enc. en en tela posterior sin las cubiertas. Manchas de óxido. Para ver o recibir fotografías de los libros puede ir a nuestra web. (agustin de montiano, conde de perelada, ignatius valls, marqués de llió, tramullas)
Bookseller: Costa LLibreter
2017-12-20 09:54:14
REAL ACADEMIA DE BUENAS LETRAS DE LA CIUDAD DE BARCELONA
- 1756 Francisco Suriá, BCA. Relación de los componentes e história de la Real Academia. (observaciones sobre los principios elementales de la historia. Autores impressos. de los Manuscritos. Apendice al lenguage Romano vulgar. Apendice de la Orthographia. Ilustrado.(TRAMULLASS-IGNATIUS VALLS.) lámina tipografica. 24 (h) 667 pg. 27x19 cm. Enc. en rústica edit. FATIGADO. Per enqudernar. Para ver o recibir fotografías de los libros puede ir a nuestra web. (tramullas, agustin de montiano, conde de perelada, ignatius valls, marqués de llió) [Attributes: Soft Cover]
Bookseller: Costa LLibreter
2017-12-19 17:47:53
STANYAN, Abraham)
Edinburgh: Printed by Hamilton, Balfour, and Neill, M,DCC,LVI. 1756. in-8vo, VIII + 232 p., original leatherbound. Spine renewed to style, a very good copy. First edition. One of the earliest books on Switzerland written by an Englishman. Seltene erste Ausgabe.Please notify before visiting to see a book. Prices are excl. VAT/TVA (only Switzerland) & postage. Barth I, 2412; Haller: Bibliothek der Schweizer-Geschichte, 1717 [Attributes: First Edition]
Bookseller: Harteveld Rare Books Ltd. [Fribourg, Switzerland]
2017-12-19 15:23:19
Maitland, William.
By the King’s Authority London: Printed for T Osborne and J. Shipton, 1756. 2 vols. Folio. T.p. + viii + [vi] Subscribers + 712pp. + [iv] + pp.(713-1410). 120 plates and plans including 10 folding, folding birds eye view, folding map. Some light browning, ex-libris William Wylde, period style rebind in modern half calf with marbled boards, gilt rule edged raised bands with gilt lettered labels to spines. ESTC N7571 ‘Originally published in 1739 as ’The history of London, from its foundation by the Romans’. Also issued in the same year as ’The history of London .’.’William Maitland (c.1693–1757), historian and topographer. ODNB ‘. In April 1737 he appears to have started publishing his history of London in shilling numbers, but only one was announced. About 1738 he contributed to the Philosophical Transactions a response to an essay by W. Kersseboom about the population of London. In 1739 he published by subscription his History of London, from its Foundation by the Romans to the Present Time, in a folio edition printed by Samuel Richardson. A strongly whiggish history, it was dedicated to the king; the prince of Wales's copy is in the British Library. The work, which owed much to predecessors such as John Stow and John Strype, was not universally well received. In a letter to Joseph Ames dated 1 July 1740 Maitland responds cantankerously to the suggestion that the work was ‘not worth keeping’, and abuses Ames for his failure to win subscribers. He goes on to declare that since the work has ‘met with the approbation of the most judicious and best judges, I despise what other … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Francis Edwards ABA ILAB [Hay on Wye, United Kingdom]
2017-12-19 12:47:00
Lisbon, Na Officina de Domingos Rodrigues, 1756.. FIRST and ONLY EDITION. 4°, disbound. Large woodcut on top half of title page depicting the Madonna and Child in a mandorla, above three saints. Light browning. In good to very good condition. 8 pp. *** FIRST and ONLY EDITION of this heavily footnoted poem to Our Lady of Mt. Carmel, with particular attention to the scapular that forms part of the habit of the Carmelites, and in smaller version is widely used as a sacramental among the laity. *** Porbase locates a single copy, at the Biblioteca Nacional de Portugal. Not located in Copac. KVK (44 databases searched) locates only the copy cited by Porbase.
Bookseller: Richard C. Ramer Old and Rare Books [New York, NY, U.S.A.]
2017-12-17 15:31:14
Jacob Wilhelm Blaufus (1723-1758)
Johann Adam Melchior, Jena 1756 - Zweyter Band. Ans Licht gestellt von Jakob Wilhelm Blaufus. Orig.Ldr. mit blindgepr.Rückenverz., marmorierter Schnitt., Alter handschr. Eigentumsvermerk auf Titel. Graesse, I, S.439. Sehr selten. [Attributes: First Edition; Hard Cover]
Bookseller: Antiquariat Mahrenholz
Check availability:
2017-12-17 03:46:33
[SMITH, William].
(1756). [SMITH, William]. Etat Present De La Pensilvanie, Ou L'on Trouve Le Detail De Ce Qui S'Y Est Passe Depuis La Defaite Du General Braddock Jusqu'a La Prise D'Oswego, Avec Une Carte Particuliere De Cette Colonie. [Paris]. 1756. 128pp. plus folding map. Half antique calf and marbled boards, leather label. Tear to final leaf of text expertly repaired, with no loss. Else about fine. SABIN 19370. STREETER SALE 960. HOWES P216. VAIL 516 (note). Sabin and Howes attribute this translation to Abbe Jean Ignace de la Ville, the first commissioner to the Minister of Foreign Affairs. Contained in the work is an abridgement of William Smith's A BRIEF VIEW OF THE CONDUCT OF PENNSYLVANIA, FOR THE YEAR 1755..., in French, published the same year as the first separate edition. One of the most important works relating to the state of affairs between the Popular Party and the Proprietary Party at the time, Smith attacks the Quakers and the Popular Party. "This book...was evidently designed to make the French people happy over the course of the struggle with the English in North America. It abridges Smith's BRIEF VIEW with its portrayal of the helplessness of Pennsylvania in repulsing Indian atrocities. It must have made good reading in France, especially because of the abbreviated and pungent way it was rewritten" - Streeter. De La Ville has added to this edition some further remarks entitled "Relation contenant la suite de ce qui s'est passe en Pensilvanie," as well as a translation of an act establishing a Pennsylvania militia and a brief description of Pennsylvania, illustrated w … [Click Below for Full Description]
Bookseller: George S MacManus Company [Bryn Mawr, PA, UNITED STATES]
2017-12-15 15:44:02
1756. Plate 268, titled: Calandra / Spotted Mole (Alauda calandra). Original handcoloured etching/engraving on a verge type handlaid paper Description: This original engraving originates from 'A Natural History of Uncommon Birds', the later volumes of which were published under the title 'Gleanings of Natural History',Artists and Engravers: Engraved in 1756 by George Edwards. George Edwards (1694-1773) was a British naturalist and ornithologist. He travelled extensively through Europe, studyiong natural history and birds in particular. He gained some recognition for his coloured drawings, and published his first work in 1743 - the first volume of A Natural History of Uncommon Birds. The complete work spanned seven volumes, the final of which was published in 1764. Condition: Very good, given age. Some general age-related toning and mild foxing and/or staining from handling. Please study scan carefully. Storage location: DP-A-104-13 The overall size is ca. 9 x 11.1 inch. The image size is ca. 7.3 x 9.1 inch. The overall size is ca. 22.9 x 28.3 cm. The image size is ca. 18.5 x 23 cm.
Bookseller: ThePrintsCollector [Zeeland, Netherlands]
2017-12-14 20:10:24
LE LARGE DE LIGNAC (Abbé Joseph-Adrien)].
Hambourg [Paris, Philippe-Denis Pierres?], 1751-1756, pleine basane de l'époque, dos à nerfs ornés, coiffes et coins habilement restaurés. -Petite restauration avec du papier de l'époque dans la marge inf. d'un f. du 1er vol. (p. 17 de la 9e lettre), sans atteinte du texte ; lég. mouillures marginales sur une quinzaine de ff. du 1er vol. et la moitié des ff. du 3e vol. ; cachets d'une bibliothèque religieuse sur les ff. de titre. -Malgré les défauts secondaires signalés, très bon exemplaire. 9 parties en 3 volumes in-12 de (2)-127-(1)-50-(2)-57-(1)-66-(2)-66-(4)-31-(1)-96-69-(1) pp. (parties 1 à 3 : lettres 1 à 9); (2)-78-(2)-92-(2)-185-(1)-16-238 pp. + 2 ff. d’errata (dont 1 dépl.) (parties 4 à 6: lettres 10 à 17) et (2)-238-(2)-258-(2)-276 pp. + 3 ff. d’errata (parties 7 à 9: lettres 18 à 36) ; Les pp. 41 à 50 de la 3e lettre sont reliées au début du 1er volume, à la suite du feuillet de titre.A partir de la 6e partie, le titre porte: Suite des lettres à un Amériquain, sur les IVe et Ve volumes de l’Histoire naturelle de M. de Buffon; et sur le Traité des animaux de M. l’Abbé de Condillac.Edition originale. Très rare complète.Jacques Roger, Les sciences de la vie p. 799: 484 et 485; Jacques Roger, Buffon p. 624.Ces Lettres, inspirées sinon écrites par Réaumur, "forment la plus violente attaque dirigée contre Buffon." (Roger, Sciences de la vie p. 691). Le Père de Lignac, oratorien, était un ami intime et le collaborateur de Réaumur. L’académicien Bouguer participa également à cet ouvrage."L’objet essentiel [des premières lettres] est de montrer que Buffon "contredit la gé … [Click Below for Full Description]
Bookseller: LIBRAIRIE PHILIPPE SERIGNAN [AVIGNON, France]
2017-12-14 03:58:20
RODRIGUEZ CAMPOMANES, Pedro.
- Madrid: Imprenta de Antonio Pérez de Soto, 1756. 4to menor. 21 cms. [32] p. inc portada, 136 p., [2] p., 132 p., [2] p., [2] h. de mapas plegados. Sign.: a-y4, A-R4, S2. Textos a dos columnas. Portada con grabado calcográfico "Gz. sculpt", y 2 grabados plegados de los cuales uno es una vista a vuelo de pájaro de la ciudad de Cartago y el otro es un mapa del itinerario de Hannon por las costas del mediterráneo bordeando la costa africana, islas canarias, islas de cabo verde hasta el Golfo de Guinea. Enc. en pergamino de época con leve manchita y restauración en una esquinita de unas 50 hojas . Buen ejemplar. Pedro Rodríguez Campomanes, (1723-1803). Incluye "El Periplo de Hannon" con port. y paginación propias y el texto en español y griego. CCPB: 000057690-5, Palau: 273665.
Bookseller: Libreria Boulandier
2017-12-13 02:05:10
CAMBRIDGE, Richard Owen)
Printed for R. & J. Dodsley, in Pall-Mall. 1756. 11, [1]pp. 4to. Titlepage dusted, top inner corner expertly repaired, corners a little creased, evidence of old central fold marks. Very nicely bound in recent quarter mottled calf, marbled boards, vellum cornerpieces, gilt banded spine, red morocco label. ESTC T32583, not in the Bodleian. 'This Poem being a parody on the most remarkable passages in the well-known Epistle of Eloisa to Abelard, it was thought unnecessary to transcribe any lines from that poem, which is in the hands of all, and in the memory of most readers.' (Advertisement leaf.) The first of three editions in 1756. [Attributes: Hard Cover]
Bookseller: Jarndyce, The 19th Century Booksellers [London, United Kingdom]
2017-12-12 19:43:58
L’E cluse des Loges, Pierre Mathurin de (1716-c1783), tranlated by Charlotte Lennox
A Millar: R and J Dodsley: and W Shropshire, London 1756 - EXTRA ILLUSTRATED with a 193 fine portraits and views (16 handcoloured including the frontispieces, all guarded), 3 volumes, (viii) xxxii 540: (iv) viii 555 [1]: viii 407 [1] [124]pp, half titles to volumes 1 and 2 (as called for), lavish red crushed morocco heavily gilt (joints and edges lightly rubbed), marbled endpapers, all edges gilt, two red silk bookmarks in each volume (ends frayed), paper flaw in 3M3 in volume 1 (no loss), a very few isolated faint spots, from the library of the late Maurice M Moore with label on front pastedowns, it would be difficult to find a finer copy, 4to (263x207mm), ESTC T143289, a heavy set that may require extra postage [Attributes: First Edition; Hard Cover]
Bookseller: Flora Books [United Kingdom]
2017-12-12 13:33:54
Henckel, J.F.
1756 Hirsch III, 147; Blake 207; Lesky 297; Waller 4325.- Erste Ausgabe dieser \'erste(n) vollständige(n) Schrift über diesen Gegenstand\' (Hirsch).- Mit Exlibris und handschriftlichem Besitzvermerk von Ludwig Graf zur Lippe auf Spiegel und Vorsatz. Versand D: 5,00 EUR
Bookseller: Antiquariat Schramm
______________________________________________________________________________


      Home     Wants Manager     Library Search     563 Years   Links     Contact      Search Help      Terms of Service      Privacy     


Copyright © 2019 viaLibri™ Limited. All rights reserved.