The viaLibri website requires cookies to work properly. You can find more information in our Terms of Service and Privacy Policy.

Displayed below are some selected recent viaLibri matches for books published in 1756
2018-01-23 12:09:46
DEUTSCHLAND:
- mit altem Grenzkolorit, dat. 1756, 47,5 x 55 Unten links die Titelkartusche, unten rechts ein Meilenanzeiger. Zeigt Deutschland eingeteilt in seine Reichskreise.
Bookseller: Antiquariat Clemens Paulusch GmbH
2018-01-22 17:14:58
OFFICE OF THE VIRGIN, Latin and Italian.
Rome: Gioacchino & Giovanni Giuseppe Salvioni, 1756. 8vo (208 x 133 mm). [24], 407, [1] pp. 2 parts, the Office of the Dead separately titled. Printed in red and black. Engraved frontispiece and 12 full-page engravings by Arnold Van Weserhout and Jacob Frey after Joseph Passarus (Giuseppe Passaro), two engraved title vignettes, 12 engraved tailpiece vignettes, most unsigned, a few signed by M. Schedi (engraver), 3 engraved capital initials, numerous red-printed woodcut initials. Foxing, occasionally severe, short marginal tear to fol. Z7. Later 18th-century Roman gold-tooled red goatskin, covers with large dentelle border composed of a triple neo-classical roll-tooled outer frame enclosing six large ornaments each with a web-like field of diagonally crossing gilt fillets framed in volutes and leafy sprigs, a few tiny petal or star tools, board edges protected with a narrow frame of silver or silver-plated metal discreetly nailed to the binding, two elaborately chased silver fore-edge clasps and catches, spine in six uniformly gold-tooled compartments, gilt edges with gauffred border design, pair of green ribbon page markers, marbled endpapers; 20th-century black morocco felt-lined case. Provenance: Maurice Burrus, bookplate, purchased from Gumuchian in 1934, as noted on his purchase notes at end.*** An unusual and striking rococo binding, in fine condition, on a luxuriously printed and illustrated Office of the Virgin, from the official Vatican press. From the mid- to late eighteemth century, the Salvioni press used a bookbinding workshop, or several workshops, that produce … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Musinsky Rare Books [USA]
2018-01-21 21:29:58
Johnson, Samuel
London: J. Knapton; C. Hitch and L. Hawkes; A. Millar; R. and J. Dodsley; and M. and T. Longman, 1756. Full-Leather. Good. Not paginated. 21 cm. Full brown leather with double gilt borders on cover and double gilt lines on spine. Top half of front cover a bit discoloured. Spine rubbed, small call number label at bottom. Initials 'L-Z' and '2' marking volume on spine. Minor foxing. All pages present. There's no one like Johnson for those who enjoy reading dictionaries: "Ninnyhammer: A Simpleton;" "Rollypooly: A sort of game in which when a ball rolls into a certain place, it wins;" "Splanchnology: A treatise or description of the bowels;" "Oakenpin: An apple;" etc.
Bookseller: Attic Books [Canada]
2018-01-21 19:01:12
M. DE LA GUERINIERE
A PARIS PAR LA COMPAGNIE. 1756. In-8 Carré. Relié plein cuir. Etat passable. Plats abîmés. Dos abîmé. Intérieur frais. 319 pages + 300 pages - 4 planches dépliantes en noir et blanc (collationnées) + 28 planches (non dépliantes) en noir et blanc (collationnées) - tranches rosées - coiffes abîmées - dos abîmé - pièce de titre absente - dorures partiellement absente sur le dos - coins, tranches très frottés - manque de cuir sur le 1er plat + petite annotation - 10 photos disponibles. SOMMAIRE : Du nom & de la situation des parties extérieures du Cheval - de la beauté et des défauts des parties éxtérieures du cheval - de l'age du chevak - de la différence des poils - remarques sur les chevaux de différens pays - de la bride - de la selle - de la maniere de nourrir les chevaux de les panser & de les gouverner en voyage - de la maniere de dresser les chevaux suivant les différens usages auxquels ont les destine - des allures naturelles - des allures défectueuses - de la croupe au mur - du galope - des courbettes - du mézair - des tournois - hippostéologie ou traité des os du cheval - des maladies du cheval - des opérations de chirurgie qui se pratiquent sur les chevaux ETC ETC .
Bookseller: Le-Livre.Com [FR]
2018-01-20 07:25:24
[Coyer, Gabriel François, abbé].
Londres et se trouve à Paris, Duchesne, 1756. Small octavo. Pp. 151, (1) publisher's ad. Plus engraved frontispiece. handsome device to title, decorative head-pieces. Includes the "Explication du frontispice". Hardcover, bound in contemporary marbled boards, spine with crimson morocco label lettered in gilt, date gilt stamped on foot. Fine, handsome copy. ~ First edition. Later editions followed, among them those printed in Amsterdam. Gabriel François, abbé Coyer, was a French man of letters and worldly cleric born in 1707. He entered the Society of Jesus, studying humanities and philosophy until he left the order in 1736. In 1741 he became private tutor to the young Duke of Bouillon (Prince of Turenne at the time). There followed public functions that saw him in attendance at some battles of the War of the Austrian Succession (1740-48). His many works include a history of the Polish king Jan Sobieski, travel accounts of Holland and Italy, a study of ancient religions, belles-lettres, and a popular attack on the guild system, Chinki. He became a member of the Royal Academy of England and the Academy of Nancy. It is said that when he visited Voltaire at Ferney and announced his desire to return each year for three months, Voltaire replied that whereas Don Quixote had mistaken inns for castles, Coyer was mistaking castles for inns. He died in 1782. (See Henry C. Clarke: "Commerce, Culture, and Liberty: Readings on Capitalism before Adam Smith", Indianapolis, 2003.)
Bookseller: Librarium [NL]
2018-01-19 14:10:23
Charlotte Hardouin;Jacques Sauloy;Michael F. Singer
Used [Publisher: Amer Mathematical Society] 1756
Bookseller: amazon.ca
2018-01-19 14:10:20
France. Parlement (Toulouse); et al.
Toulouse: France. Parlement, 1756. First Editions. Full Leather. Very Good. 12mo - over 6¾" - 7¾" tall. 45 rare 18th century pamphlets bound in one volume (see list as follows). Bound in full period French brown speckleed calf, spine with raised bands, red morocco label, and gilt acorn and leaf tooling, edges red, marbled endpapers (some rubbing to corners; several title pages have period holograph additions like dates). Includes a 2-page holograph summary of contents at front contemporaneous to binding. The 45 works include: Remontrances du parlement de Toulouse au roi, concernant les declarations du nouveau vingtieme, & celle des deux sols pour livre du dixieme, du 27 Septembre 1756. Tres-humbles et tres-respectueuses remontrances que presentent au roi notre tres-honore & sourverain seigneur les Genstenant sa cour de Parlement a Toulouse. Remontrances du parlement de provence au roi, sur l'Edit du mois de mai 1749, portant imposition du Vingtieme. Remontrances du parlement de provence au roi, sur les declarations des 8 septembre 1755 & 7 juillet 1756, portant imposition d'un second Vingtieme & autres droits. Remontrances du parlement de Bretagne, du 13 Decembre 1756. Remontrances du parlement de Bretagne, au roi. Remontrances du parlement de Bretagne, au roi. Objets des remontrances du parlement, au sujet des sept Edits qui lui ont ete envoyes pour etrs enregistres. Reponse du roi aux remontrances du 4 Septembre 1759. Objets de remontrances arretes par le Parlement, toutes les Chambres assemblees, le 15 Septembre 1759, au sujet de differens Edits. Presentez … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Arundel Books of Seattle [U.S.A.]
Check availability:
2018-01-19 05:02:31
Gilbert, Sir Geoffrey
1756. Gilbert on Wills (and Related Topics) Gilbert, Sir Geoffrey [1674-1726]. The Law of Devises, Revocations, and Last Wills To Which is Added, Choice Precedents of Wills. [London]: Printed by Henry Lintot, 1756. viii, [12], 254, [38] pp. Octavo (8" x 5"). Contemporary calf, rebacked in period style, blind rules to boards, blind fillets along joints, raised bands and lettering piece to spine, endpapers renewed, hinges reinforced with cloth tape. Light rubbing, a few minor scuffs and inkspots to boards, moderate rubbing to extremities, tiny chip to head of spine, corners bumped and somewhat worn. Moderate toning to text, light foxing in a few places, early owner inscription and signature to head of title page. Ex-library. Location label and gilt-stamped library name to foot of spine. $300. * First edition. Gilbert was a prolific author, but this is his only work on wills. A well-written work, its scope includes equity rules. The final edition of this work, the fourth, was published in 1792. English Short-Title Catalogue T95576.
Bookseller: The Lawbook Exchange, Ltd. [USA]
2018-01-18 20:22:28
Grabador: Piranesi, Francesco, Dibujante:Piranesi, Francesco
Italia. FRANCESCO PIRANESI (1756/58 - 1810) Edición de época. Roma, hacia 1800. Buen estado de conservación. Cortado dentro de la huella. Restaurado. Buena estampación. Siglo: XVIII.Aguafuerte y buril. Papel verjurado. Grabador: Piranesi, Francesco. Dibujante: Piranesi, Francesco. Circa 1800. Altura papelt: 468. Anchura papel: 678. Altura plancha:. Anchura plancha:
Bookseller: Palau Antiguitats [Barcelona, Spain]
2018-01-18 19:17:59
Hierocles of Alexandria,
300 pages sider, printed and sold by Rob. & And. Foulis, Glasgow, 1756, Bound in a fine contemporary full calf with raised bands , golddecorations and titellabel with goldprint on spine, only small wear and some bumping of corners With owners bookplate on inside frontboard
Bookseller: Andersens Antikvariat [DK]
2018-01-17 15:56:42
af Friderich Wilhelm Wivet Advocat i Høyeste Ret
Kjøbenhavn, 1756. Første bind. Alt som udkom. Første hefte Janusrius Aar 1752 -December 1755, Indbundet i et samtidig halvlæder med originalt mønstrede permer,
Bookseller: Andersens Antikvariat [Glostrup, Denmark]
2018-01-17 03:24:21
(MIRABEAU, V. RIQUETTI DE & F. QUESNAY.)
Avignon, Hambourg, 1756-1761. 10 volumes. 12mo. Contemporary marbled calf, spines gilt with raised bands, red edges. The L'Ami des Hommes is known for its great number or editions published in the years after 1756. Numerous editions in 4, 7 or 8 volumes can be found in both Kress and Goldsmiths. I-III: L'Ami des Hommes, ou Traité de la Population. A Avignon, 1756. With engraved frontispiece. 431, (1) pp.; 578, (2) pp.; 577, (1) pp.IV: L'Ami des Hommes. Quatrieme Partie. Précis de l'Organisation, ou Mémoire sur les États Provinciaux. No place, 1758. (8), 285, (1) pp.V: L'Ami des Hommes. Suite de la Quatrieme Partie. No place, 1758. Réponse aux Objections contre le Mémoire sur les États Provinciaux. (2), 313, (1) pp. Questions intéressantes sur la Population, l'agriculture et le commerce ..... 150, (2) pp.VI: L'Ami des Hommes. Cinqieme Partie. Mémoire sur l'Agriculture Envoyé à la très-louable Société d'Agriculture de Berne, Avec l'Extrait des six premiers Livres du Corps complet d'Oeconomie Rustique de feu M. Thomas Hale. No place, 1760. 300 (misnumbered 298), (6) pp.VII: L'Ami des Hommes. Sixieme Partie. Réponse à l'Essai sur les Ponts et Chaussées, la Voierie et les Corvées. No place, 1760. (4), 228, (2) pp.VIII: L'Ami des Hommes. Suite de la VI. Partie. Tableau Oeconomique avec ses Explications. No place, 1760. With 6 folding engraved tables. (4), 228, (4) pp.IX: Théorie de l'Impôt. No place, 1761. viii, 422 pp.X: L'Ami des Hommes. Nouvelle édition, augmentée des Lettres sur les Corvées et les Milices. Huitième Partie. Lettres pour servir de suite à l'Ami des Hommes. Hui … [Click Below for Full Description]
Bookseller: A. Gerits & Son b.v. - Antiquarian booksellers [Netherlands, La Diemen]
2018-01-16 17:57:49
PREVOST ABBÉ.
Pierre de Hondt, 1756. HISTOIRE GÉNÉRALE DES VOYAGES, TOME 14 (INDES ORIENTALES). PREVOST ABBÉ. HISTOIRE GÉNÉRALE DES VOYAGES, OU NOUVELLE COLLECTION DE TOUTES LES RELATIONS DE VOYAGES PAR MER ET PAR TERRE, QUI ONT ÉTÉ PUBLIÉES JUSQU'À PRÉSENT DANS LES DIFFÉRENTES LANGUES DE TOUTES LES NATIONS CONNUES [.]. TOME 14 ( ). La Haye, Pierre de Hondt, 1756. In-4° (265x205mm), relié plein veau, pièce de titre, dos richement orné, page de titre imprimée en rouge et noir, tranches marbrées. Plats frottés, intérieur en très bon état. 4 ff. (page de titre – Avertissements – catalogue), 500pp., 2ff. (table). Cet ouvrage est illustré de 18 planches hors-texte. Le tome 14 contient : - Suite du livre troisième, Voyages dans la presqu’isle en deça du Gange. - Livre quatrième, Voyages aux Indes orientales par le Sud-ouest. Bon exemplaire. [Attributes: Hard Cover]
Bookseller: Librairie PERRAUD [Antibes, France]
2018-01-16 16:35:52
Gellert, Christian Fürchtegott.
XII, 316 S. (durchgehend paginiert). Mit zahlr. Holzschnittvignetten. Leder d. Zt. m. Rückenvergoldung. Sehr seltene erste Ausgabe. - WG. 20. - Die Herausgabe der Schriften, zu der Gellert sich nur sehr widerwillig bereit erklärte (vgl. die Vorrede), war seine Reaktion auf eine gegen seinen Willen in Frankfurt veranlaßte Veröffentlichung einer Auswahl seiner Beiträge in den "Belustigungen des Verstandes und des Witzes". Diese Beiträge liegen hier in von Gellert überarbeiteter Form vor, einige neue sind dazugekommen. - Unter Gellerts Beteiligung wurde ein Neudruck mit Textkorrekturen und abweichender Paginierung angefertigt, datiert ebenfalls 1756. - Angebunden: Ders. Geistliche Oden und Lieder. Leipzig Weidmann 1757. XXIV, 160 S., 2 Bll. Mit zahlreichen Holzschnittvignetten. - Erste Ausgabe. - WG. 21. - Einband gering bestoßen u. etwas beschabt, unteres Kapital abgestoßen, leicht, vereinzelt stärker gebräunt, gering, stellenweise stärker fleckig, ein Blatt mit Randausriß, Rückentitel: Gellerts Schriften 3. Band.
Bookseller: Antiquariat Dieter Eckert
2018-01-16 12:31:27
d'Anville
Germany 1756 - Size : 210x295 (mm), 8.25x11.625 (Inches), Hand Colored Very Good, upper and lower margin shaved closely.
Bookseller: Alexandre Antique Prints, Maps & Books
2018-01-15 19:24:59
VELLY, PAUL FRANÇOIS - VILLARET, CLAUDE, GARNIER, JEAN-J.,
Desaint & Saillant 1756-1771, Vol. 1-8: nouvelle édition, contemporary Cambridge bindings, full calf with 5 raised bands and richly gilt spine, with ornamental gilt border on boards and on edges of boards, with inlaid leather decoration and blind tooling
Bookseller: Andersens Antikvariat [DK]
2018-01-15 13:06:02
Ginanni Marc' Antonio
Venezia, presso Guglielmo Zerletti, 1756. In 4°, cart. rustico posteriore, pp. 392. Front. in rosso e nero con testatina in rame raffigurante puttini, antip. inciso su rame e 35 tavv. f.t. (che contengono 881 blasoni di famiglie nobili italiane). Bell'es. a larghi margini e in barbe, normali fiorit. sparse di lieve entità. Edizione originale. (Cfr Spreti n. 1774 "Opera rara e utilissima"; Graesse III, p.85; Brunet II, 1602)
Bookseller: TABERNA LIBRARIA - ALAI - ILAB [Pistoia, Italy]
2018-01-15 07:42:40
(COYER GABRIEL-FRANCOIS)
chez Duchesne. Pp. 215 (1). Con bell'antiporta allegorica incisa in rame. Unito a: SAINTE FOY (DE) PHILIPPE AUGUSTE. La noblesse militaire ou le patriote francois. S.l.n., 1756. Pp. v (1), 210. Due parti in un volume di cm. 16. Legatura del tempo in piena pelle con titoli su tass. e fregi floreali al dorso; tagli rossi. Antiche firme di possesso al frontespizio, trascurabili mende alle cuffie, sporadiche fioriture, peraltro esemplare ben conservato. Prima opera: Gabriel Francois Coyer (1707-1782), gesuita francese, fu letterato e pensatore economico forse più apprezzato fuori dai confini nazionali; fu infatti membro della Società Reale di Londra. La Noblesse commercante fu la sua principale opera. Pubblicata nel 1756 scatenò numerose reazioni dottrinali, sfociate in altrettante edizioni a stampa. Le tesi contenute nella Noblesse, rivolte al progresso dell'economia, ruotavano intorno all'affermazione di limiti da imporre agli aristocratici nell'esercizio delle attività commerciali. Nello stesso anno (nel giro di pochi mesi) uscirono diverse edizioni. Cfr. Barbier III, 417; Kress 5504; Einaudi 1388. Seconda opera: Philippe Auguste de Sainte Foy (1721-1785), conte e cavaliere d'Arcq, scrisse questo saggio in risposta alla Noblesse commercante di Coyer, affermando principi tradizionali basati sulla stretta relazione tra nobiltà e dignità militare. Anche in questo caso uscirono diverse edizioni nel medesimo anno, distinguibili dal numero delle pagine. La nostra edizione al frontespizio riporta "troisieme edition", ma appare assolutamente conforme all'edizione originale descritta … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Studio Bibliografico Apuleio
2018-01-14 14:25:20
Bonifazi, Arcangelo
presso gli eredi Caprari, 1756. In 4°, 22 cm, rilegatura coeva in pergamena, p. XVI, 399, (1), Grande vignetta allegorica incisa in rame al frontespizio (la giustizia appoggiata allo stemma di Jesi), incipit finalini e iniziali decorate, testo su due colonne. Strappo ad una carta ricomposto, errore di impaginazione di 2 carte. Complessivamente bell'esemplare
Bookseller: Studio bibliografico Orfeo (ALAI-ILAB) [IT]
2018-01-11 15:17:39
Giuseppe VASI (Corleone, 27 Agosto 1710 - Roma, 16 Aprile 1782)
1756. "Veduta tratta dalla monumentale opera "" Delle magnificenze di Roma antica e moderna "". Pubblicata in 10 volumi dal 1747 al 1761, l'opera presenta 238 incisioni in rame, ciascuna incisione con testo narrativo che fornisce informazioni storiche e documentarie. Esemplare tratto dall'edizione del 1786. A partire dall'edizione del 1786, l'opera del Vasi, fu aggiornata dal figlio Mariano, che la pubblicò col titolo ""Raccolta delle più belle vedute antiche, e moderne di Roma"", mostrando solo il nome del padre come autore. Questa nuova edizione presentava molte tavole della I edizione, ed alcune nuove. Anche questa di Vasi figlio fu pubblicata più volte, sempre con l'aggiunta di nuove tavole. Acquaforte, completa dei margini, in ottimo stato di conservazione." "View taken from 1786 edition of the Vasi's Delle Magnificenze di Roma Antica e Moderna (first edition, in X books, published between 1747-61). The work was enlarged and reissued under the title ""Raccolta delle più belle vedute antiche, e moderne di Roma"" by Mariano Vasi after his father's death. This edition contains most of the plates from the original work, supplemented by a small number of new engravings. Vasi fils appears to have kept this edition in print for a number of years (a further edition appeared in 1803), and, as RIBA notes, the 'total [number of plates] appears to have been made up with whatever prints were to hand, in addition to a the numbered core of the work (which was itself somewhat fluid)'. Etching, in very good condition." Scalabroni, 248
Bookseller: Libreria Antiquarius
2018-01-10 20:54:22
Trombelli Giovanni Crisostomo
In Bologna, Per Girolamo, Corciolani ed Eredi Colli a S. Tommaso, 1756. . In 4°, 24 cm, rilegatura coeva in pergamena con antico restauro, titolo manoscritto al dorso, p. xii, 116, 2 tavole più volte ripiegate fuori testo, alcuni esempi grafici nel testo, bella incisione al frontespizio che è stampato in rosso e nero, iniziali, incipit e finalini animati, stemma calcografico di Vittorio Amedeo duca di Savoia all'inizio del testo. Qualche brunitura marginale. Molto buono.
Bookseller: Studio Bibliografico Orfeo (ALAI - ILAB) [Bologna, BO, Italy]
2018-01-10 14:51:13
Heister, Dr., Lorenz:
Nürnberg, In der Raspischen Buchhandlung, 1756. Andere viel verbesserte Ausgabe. Mit allergnädigsten Freyheiten. 1 Frotispizkupfer, 8 Faltkupfertafeln am Ende des Buches, 461 Textseiten, danach Auslegung der Kupfer Tafeln mit Erklärung, danach Register. 20,4 x 13 cm., Ganzpergamenteinband der Zeit. Versicherter Versand. Dieses sehr selten im Handel auftretende Werk ist in einem Ganzpergamenteinabnd, vernutlich aus der Zeit, gebunden. Die Schnittkanten sind rot gefaerbt, die Bindung ist fest und stabil. Die Seiten des Buches sind altersfleckig und etwas fingerspurig, die Falttafeln, in Kupfer gestochen, sind etwas angeschmutzt aber völlig komplett und fuer sich schon sehenswert! Insgesamt eine aeusserst erfreulich und seltene Ausgabe! FRAKTURSCHRIFT.Anmerkung: da es sich hier um Kommissionsware handelt ist ein Preisnachlass NICHT moeglich! 17KRB09/01 Versand D: 4,00 EUR
Bookseller: Berliner Büchertisch eG
2018-01-10 12:25:13
Bologna
per Clemente Maria Sassi successore del Benacci: per la Stamperia Camerale, In Bologna, 1756. in folio, 31 cm, rilegatura coeva in mezza pelle, titolo e fregi in oro al dorso, piatti marmorizzati; p. viii, 141, (1); Stemma silografico del cardinale Serbelloni, del vicelegato e della città di Bologna al frontespizio, alcune iniziali decorate, qualche brunitura, ex libris privato al risguardo. Esemplare molto buono dai larghi margini [Attributes: Hard Cover]
Bookseller: Studio Bibliografico Orfeo (ALAI - ILAB) [Bologna, BO, Italy]
2018-01-10 08:56:06
BORNHOLM - THURAH, LAURIDS DE:
1756 1756 - Og Den ei langt derfra anlagde fortreffelige Fæstning Christiansøe, Hvorudi forklares, alt hvad merkværdigt om disse tvende Lande, i deres nu værende Tilstand, er at agte; Hvortil endvidere føies, hvad Historierne saa vel gamle som nyere derom meddele. Kbhvn.: Glasing 1756. Med 30 smukke kobbertavler, hvoraf 13 er dobbelt-sidet, samt talrige kobberstukne vignetter i teksten. 4to. [8] + 288 + [24] s. Rent og velholdt eksemplar med rødt snit og bred margin indbundet i samtidigt helskind med farvet titelfelt og rigt forgyldt ryg, bind med lette brugsspor. Eksemplaret har tilhørt Einar Christiansen. * Dette prægtige kobberstikværk fra rokokotiden, visende kort over Bornholm og Christiansø, prospekter af alle de bornholmske købstæder, kirker, mindetavler, runestene, etc., er den ældste beskrivelse af Bornholm og Christiansø og et hovedværk i dansk provinstopografi. The earliest description of the islands in the Baltic Sea 'Bornholm' and 'Christiansø' fully illustrated with 30 engraved maps and views, several folding. Bibl. Danica II,693.
Bookseller: Peter Grosell, Antiquarian Bookseller
Check availability:
2018-01-08 17:06:13
ohne Autorenangabe [Leon]);
Frankfurt und Leipzig Verlag der Gebrüder Düren, 1756. EA; ca 26x20 cm; (6) 32, 599 (1) Seiten mit gest. Frontispiz, gest. Titelvignette, 11 Kupfertafeln und 3 gest. Karten; Ledereinband d. Zt. mit farbigem Rückenschild (Einband leicht bestoßen, Vorsätze etwas leimschattig, die Blätter [durch mindere Papierqualität] teils gebräunt bzw. braunfleckig [nicht stockfleckig!]; sonst guter Zustand) 0,000 gr. [Attributes: First Edition]
Bookseller: Antiquariat Hilbert Kadgien [Marktredwitz, Germany]
2018-01-08 14:32:49
Gori, Antonio Francesco
Ex typographio Palladis, ad Theatrum PompeI; Prostant Londini; Apud Joannem Nourse Bibliopolam Rome, Italy 1756 Second edition. Book Octavo (8vo) Hardcover Very good- condition Vol. I: [iv], xviii, 139 pages of text, [i] blank. Contains one folding plate which is torn without loss. Vol. II: xxiv, 204 pages of text. Contains two folding plates following text. Illustrated by numerous woodcuts, including initials, title ornaments, and head- and tail-pieces. Hardcover: vellum spine and corners and moderately rubbed and soiled, with chipping to top edge of spine. Marbled paper-covered boards with moderate shelfwear and soiling, and minor loss to fore-edge of front board. Most of the text is affected by two stains at the top edge and corner, and a stain at the bottom corner, entering the text area in most cases. No odor. Text is in Italian. Herculaneum (extinct city); Antiquities; Capri Island; Italy. Previous owner's name neatly on rear endpaper. Names of persons associated with the publication of this book: Palladis (Book producer); John Nourse d. 1780 (Book producer); Niccolo Pagliarini (Book producer); Marco Pagliarini (Book producer); Norman Neuerburg (Associated name); Johann Ernst Immanuel Walch (1725-1778) Antiquitates Herculanenses litterariae oratione auspicali; Giuseppe Maria Secondo (1715-1798); Antonio Francesco Gori (1691-1757).
Bookseller: Kurt Gippert Bookseller ABAA [US]
2018-01-08 12:59:01
William Maitland
Used [Publisher: London : Printed for T. Osborne and J. Shipton] 1756
Bookseller: amazon.com
2018-01-07 23:39:12
Theodore de Hansy
Paris: Theodore de Hansy, 1756. xxiv, 307, 4 p. Charming frontispiece engraving. Full leather with gold floral embellishments on spine. Marbled endpapers. Leather on spine lightly cracked, top of spine chipped, corners lightly bumped. Bottom corner of first front free endpaper chipped (attached to front endpaper). Otherwise a good, clean, tight volume. Alphabetical dictionary of allegorical subjects such as the Virtues, the Vices and the Passions. Very Good. [Attributes: Hard Cover]
Bookseller: Attic Books (ABAC, ILAB) [London, ON, Canada]
2018-01-07 19:15:59
Deslandes, Andr_ Francois Boureau
Francois Changuion, 1756. 4 voll. in 12_, leg. in pelle, nervi, titolo ed eleganti fregi in oro al dorso, tagli rossi, pp. 372, 447, 344, 337. Etichetta di antica biblioteca alla sguardia e relativo timbro al frontespizio dei quattro voll., evidente gora in prima bianca del I vol., fori di tarlo ai piatti di tutti i voll. e al dorso del vol. I, capitello esposto al vol. I, abrasioni alla pelle._Interno fresco e nell'insieme buone condizioni.
Bookseller: Invito alla Lettura
2018-01-07 15:00:51
Dietrich, Christian Wilhelm Ernst (1712-1774)
1756 - On laid paper with small margins. 93 x 148mm. Christian Wilhelm Ernst Dietrich, called Dietricy. He imitated many earlier artists like Rembrandt. Linck 77, III/III, with the line between the bow and violin (second state) and with the number "50" in the upper left corner effaced (thiurd state) Matted. Hinged to a old french-line mat with annotations on the verso of the mat, with 2 verical folds visible verso On laid paper with small margins. 93 x 148mm
Bookseller: James Cummins Bookseller, ABAA
2018-01-07 13:28:20
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756 circa, firmata in lastra in basso a destra. Dalla serie Le Antichità Romane, prima edizione del 1756 edita da Bouchard e Gravier. Meravigliosa prova, ricca di toni, impressa a inchiostro bruno su carta vergata coeva, con pieni margini ed in perfetto stato di conservazione. Henry Focillon, nel suo saggio del 1918, suppone che il Piranesi prepari ed incida le tavole per l'opera tra il 1750 ed il 1756, tuttavia, elementi architettonici fanno risalire alcune al 1746. In realtà le tavole più antiche utilizzate nella raccolta risalgono probabilmente ad anni ancora precedenti, come sembra suggerire sia l'estrema complessità dell'opera, legata ad un lunghissimo lavoro di preparazione e ricerca, sia l'oscillazione stilistica riscontrabile comparando le varie tavole. Ad ogni modo, la grandiosità delle Antichità Romane del Piranesi non sta solamente nel grande lavoro grafico prodotto dall'artista: l'opera risulta infatti fondamentale come innovazione metodologica nel settore dell'archeologia a lei contemporanea, con l'utilizzo di scritti che sono essenziali per comprendere il pensiero dell'autore e l'innovazione del metodo piranesiano. Si può quindi sostenere, come giustamente fa notare il Focillon, che l'artista veneziano fondi l'archeologia moderna. Questa innovazione comporta, però, un enorme stacco e una grande divergenza con il pensiero e la cultura ufficiale ed accademica del periodo - di derivazione anglosassone - causando enormi polemiche di cui Piranesi fu bersaglio, e il fiorire di una negativa aneddotica intorno alla sua persona, il cui scopo era q … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2018-01-07 13:28:20
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756 circa, firmata in lastra in basso a destra. Dalla serie Le Antichità Romane, prima edizione del 1756 edita da Bouchard e Gravier. Meravigliosa prova, ricca di toni, impressa a inchiostro bruno su carta vergata coeva, con pieni margini ed in perfetto stato di conservazione. Henry Focillon, nel suo saggio del 1918, suppone che il Piranesi prepari ed incida le tavole per l'opera tra il 1750 ed il 1756, tuttavia, elementi architettonici fanno risalire alcune al 1746. In realtà le tavole più antiche utilizzate nella raccolta risalgono probabilmente ad anni ancora precedenti, come sembra suggerire sia l'estrema complessità dell'opera, legata ad un lunghissimo lavoro di preparazione e ricerca, sia l'oscillazione stilistica riscontrabile comparando le varie tavole. Ad ogni modo, la grandiosità delle Antichità Romane del Piranesi non sta solamente nel grande lavoro grafico prodotto dall'artista: l'opera risulta infatti fondamentale come innovazione metodologica nel settore dell'archeologia a lei contemporanea, con l'utilizzo di scritti che sono essenziali per comprendere il pensiero dell'autore e l'innovazione del metodo piranesiano. Si può quindi sostenere, come giustamente fa notare il Focillon, che l'artista veneziano fondi l'archeologia moderna. Questa innovazione comporta, però, un enorme stacco e una grande divergenza con il pensiero e la cultura ufficiale ed accademica del periodo - di derivazione anglosassone - causando enormi polemiche di cui Piranesi fu bersaglio, e il fiorire di una negativa aneddotica intorno alla sua persona, il cui scopo era q … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2018-01-07 13:28:20
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756 circa, firmata in lastra in basso a destra. Dalla serie Le Antichità Romane, prima edizione del 1756 edita da Bouchard e Gravier. Meravigliosa prova, ricca di toni, impressa a inchiostro bruno su carta vergata coeva, con pieni margini ed in perfetto stato di conservazione. Henry Focillon, nel suo saggio del 1918, suppone che il Piranesi prepari ed incida le tavole per l'opera tra il 1750 ed il 1756, tuttavia, elementi architettonici fanno risalire alcune al 1746. In realtà le tavole più antiche utilizzate nella raccolta risalgono probabilmente ad anni ancora precedenti, come sembra suggerire sia l'estrema complessità dell'opera, legata ad un lunghissimo lavoro di preparazione e ricerca, sia l'oscillazione stilistica riscontrabile comparando le varie tavole. Ad ogni modo, la grandiosità delle Antichità Romane del Piranesi non sta solamente nel grande lavoro grafico prodotto dall'artista: l'opera risulta infatti fondamentale come innovazione metodologica nel settore dell'archeologia a lei contemporanea, con l'utilizzo di scritti che sono essenziali per comprendere il pensiero dell'autore e l'innovazione del metodo piranesiano. Si può quindi sostenere, come giustamente fa notare il Focillon, che l'artista veneziano fondi l'archeologia moderna. Questa innovazione comporta, però, un enorme stacco e una grande divergenza con il pensiero e la cultura ufficiale ed accademica del periodo - di derivazione anglosassone - causando enormi polemiche di cui Piranesi fu bersaglio, e il fiorire di una negativa aneddotica intorno alla sua persona, il cui scopo era q … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2018-01-07 13:28:20
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756 circa, firmata in lastra in basso a destra. Dalla serie Le Antichità Romane, prima edizione del 1756 edita da Bouchard e Gravier. Meravigliosa prova, ricca di toni, impressa a inchiostro bruno su carta vergata coeva, con pieni margini ed in perfetto stato di conservazione. Henry Focillon, nel suo saggio del 1918, suppone che il Piranesi prepari ed incida le tavole per l'opera tra il 1750 ed il 1756, tuttavia, elementi architettonici fanno risalire alcune al 1746. In realtà le tavole più antiche utilizzate nella raccolta risalgono probabilmente ad anni ancora precedenti, come sembra suggerire sia l'estrema complessità dell'opera, legata ad un lunghissimo lavoro di preparazione e ricerca, sia l'oscillazione stilistica riscontrabile comparando le varie tavole. Ad ogni modo, la grandiosità delle Antichità Romane del Piranesi non sta solamente nel grande lavoro grafico prodotto dall'artista: l'opera risulta infatti fondamentale come innovazione metodologica nel settore dell'archeologia a lei contemporanea, con l'utilizzo di scritti che sono essenziali per comprendere il pensiero dell'autore e l'innovazione del metodo piranesiano. Si può quindi sostenere, come giustamente fa notare il Focillon, che l'artista veneziano fondi l'archeologia moderna. Questa innovazione comporta, però, un enorme stacco e una grande divergenza con il pensiero e la cultura ufficiale ed accademica del periodo - di derivazione anglosassone - causando enormi polemiche di cui Piranesi fu bersaglio, e il fiorire di una negativa aneddotica intorno alla sua persona, il cui scopo era q … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2018-01-07 13:28:20
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756 circa, firmata in lastra in basso a destra. Dalla serie Le Antichità Romane, prima edizione del 1756 edita da Bouchard e Gravier. Meravigliosa prova, ricca di toni, impressa a inchiostro bruno su carta vergata coeva, con pieni margini ed in perfetto stato di conservazione. Henry Focillon, nel suo saggio del 1918, suppone che il Piranesi prepari ed incida le tavole per l'opera tra il 1750 ed il 1756, tuttavia, elementi architettonici fanno risalire alcune al 1746. In realtà le tavole più antiche utilizzate nella raccolta risalgono probabilmente ad anni ancora precedenti, come sembra suggerire sia l'estrema complessità dell'opera, legata ad un lunghissimo lavoro di preparazione e ricerca, sia l'oscillazione stilistica riscontrabile comparando le varie tavole. Ad ogni modo, la grandiosità delle Antichità Romane del Piranesi non sta solamente nel grande lavoro grafico prodotto dall'artista: l'opera risulta infatti fondamentale come innovazione metodologica nel settore dell'archeologia a lei contemporanea, con l'utilizzo di scritti che sono essenziali per comprendere il pensiero dell'autore e l'innovazione del metodo piranesiano. Si può quindi sostenere, come giustamente fa notare il Focillon, che l'artista veneziano fondi l'archeologia moderna. Questa innovazione comporta, però, un enorme stacco e una grande divergenza con il pensiero e la cultura ufficiale ed accademica del periodo - di derivazione anglosassone - causando enormi polemiche di cui Piranesi fu bersaglio, e il fiorire di una negativa aneddotica intorno alla sua persona, il cui scopo era q … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2018-01-07 13:28:20
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756 circa, firmata in lastra in basso a destra. Dalla serie Le Antichità Romane, prima edizione del 1756 edita da Bouchard e Gravier. Meravigliosa prova, ricca di toni, impressa a inchiostro bruno su carta vergata coeva, con pieni margini ed in perfetto stato di conservazione. Henry Focillon, nel suo saggio del 1918, suppone che il Piranesi prepari ed incida le tavole per l'opera tra il 1750 ed il 1756, tuttavia, elementi architettonici fanno risalire alcune al 1746. In realtà le tavole più antiche utilizzate nella raccolta risalgono probabilmente ad anni ancora precedenti, come sembra suggerire sia l'estrema complessità dell'opera, legata ad un lunghissimo lavoro di preparazione e ricerca, sia l'oscillazione stilistica riscontrabile comparando le varie tavole. Ad ogni modo, la grandiosità delle Antichità Romane del Piranesi non sta solamente nel grande lavoro grafico prodotto dall'artista: l'opera risulta infatti fondamentale come innovazione metodologica nel settore dell'archeologia a lei contemporanea, con l'utilizzo di scritti che sono essenziali per comprendere il pensiero dell'autore e l'innovazione del metodo piranesiano. Si può quindi sostenere, come giustamente fa notare il Focillon, che l'artista veneziano fondi l'archeologia moderna. Questa innovazione comporta, però, un enorme stacco e una grande divergenza con il pensiero e la cultura ufficiale ed accademica del periodo - di derivazione anglosassone - causando enormi polemiche di cui Piranesi fu bersaglio, e il fiorire di una negativa aneddotica intorno alla sua persona, il cui scopo era q … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2018-01-07 13:28:20
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756 circa, firmata in lastra in basso a destra. Dalla serie Le Antichità Romane, prima edizione del 1756 edita da Bouchard e Gravier. Meravigliosa prova, ricca di toni, impressa a inchiostro bruno su carta vergata coeva, con pieni margini ed in perfetto stato di conservazione. Henry Focillon, nel suo saggio del 1918, suppone che il Piranesi prepari ed incida le tavole per l'opera tra il 1750 ed il 1756, tuttavia, elementi architettonici fanno risalire alcune al 1746. In realtà le tavole più antiche utilizzate nella raccolta risalgono probabilmente ad anni ancora precedenti, come sembra suggerire sia l'estrema complessità dell'opera, legata ad un lunghissimo lavoro di preparazione e ricerca, sia l'oscillazione stilistica riscontrabile comparando le varie tavole. Ad ogni modo, la grandiosità delle Antichità Romane del Piranesi non sta solamente nel grande lavoro grafico prodotto dall'artista: l'opera risulta infatti fondamentale come innovazione metodologica nel settore dell'archeologia a lei contemporanea, con l'utilizzo di scritti che sono essenziali per comprendere il pensiero dell'autore e l'innovazione del metodo piranesiano. Si può quindi sostenere, come giustamente fa notare il Focillon, che l'artista veneziano fondi l'archeologia moderna. Questa innovazione comporta, però, un enorme stacco e una grande divergenza con il pensiero e la cultura ufficiale ed accademica del periodo - di derivazione anglosassone - causando enormi polemiche di cui Piranesi fu bersaglio, e il fiorire di una negativa aneddotica intorno alla sua persona, il cui scopo era q … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2018-01-07 13:28:20
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756 circa, firmata in lastra in basso a destra. Dalla serie Le Antichità Romane, prima edizione del 1756 edita da Bouchard e Gravier. Meravigliosa prova, ricca di toni, impressa a inchiostro bruno su carta vergata coeva, con pieni margini ed in perfetto stato di conservazione. Henry Focillon, nel suo saggio del 1918, suppone che il Piranesi prepari ed incida le tavole per l'opera tra il 1750 ed il 1756, tuttavia, elementi architettonici fanno risalire alcune al 1746. In realtà le tavole più antiche utilizzate nella raccolta risalgono probabilmente ad anni ancora precedenti, come sembra suggerire sia l'estrema complessità dell'opera, legata ad un lunghissimo lavoro di preparazione e ricerca, sia l'oscillazione stilistica riscontrabile comparando le varie tavole. Ad ogni modo, la grandiosità delle Antichità Romane del Piranesi non sta solamente nel grande lavoro grafico prodotto dall'artista: l'opera risulta infatti fondamentale come innovazione metodologica nel settore dell'archeologia a lei contemporanea, con l'utilizzo di scritti che sono essenziali per comprendere il pensiero dell'autore e l'innovazione del metodo piranesiano. Si può quindi sostenere, come giustamente fa notare il Focillon, che l'artista veneziano fondi l'archeologia moderna. Questa innovazione comporta, però, un enorme stacco e una grande divergenza con il pensiero e la cultura ufficiale ed accademica del periodo - di derivazione anglosassone - causando enormi polemiche di cui Piranesi fu bersaglio, e il fiorire di una negativa aneddotica intorno alla sua persona, il cui scopo era q … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2018-01-07 13:28:20
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756 circa, firmata in lastra in basso a destra. Dalla serie Le Antichità Romane, prima edizione del 1756 edita da Bouchard e Gravier. Meravigliosa prova, ricca di toni, impressa a inchiostro bruno su carta vergata coeva, con pieni margini ed in perfetto stato di conservazione. Henry Focillon, nel suo saggio del 1918, suppone che il Piranesi prepari ed incida le tavole per l'opera tra il 1750 ed il 1756, tuttavia, elementi architettonici fanno risalire alcune al 1746. In realtà le tavole più antiche utilizzate nella raccolta risalgono probabilmente ad anni ancora precedenti, come sembra suggerire sia l'estrema complessità dell'opera, legata ad un lunghissimo lavoro di preparazione e ricerca, sia l'oscillazione stilistica riscontrabile comparando le varie tavole. Ad ogni modo, la grandiosità delle Antichità Romane del Piranesi non sta solamente nel grande lavoro grafico prodotto dall'artista: l'opera risulta infatti fondamentale come innovazione metodologica nel settore dell'archeologia a lei contemporanea, con l'utilizzo di scritti che sono essenziali per comprendere il pensiero dell'autore e l'innovazione del metodo piranesiano. Si può quindi sostenere, come giustamente fa notare il Focillon, che l'artista veneziano fondi l'archeologia moderna. Questa innovazione comporta, però, un enorme stacco e una grande divergenza con il pensiero e la cultura ufficiale ed accademica del periodo - di derivazione anglosassone - causando enormi polemiche di cui Piranesi fu bersaglio, e il fiorire di una negativa aneddotica intorno alla sua persona, il cui scopo era q … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2018-01-07 13:28:20
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756 circa, firmata in lastra in basso a destra. Dalla serie Le Antichità Romane, prima edizione del 1756 edita da Bouchard e Gravier. Meravigliosa prova, ricca di toni, impressa a inchiostro bruno su carta vergata coeva, con pieni margini ed in perfetto stato di conservazione. Henry Focillon, nel suo saggio del 1918, suppone che il Piranesi prepari ed incida le tavole per l'opera tra il 1750 ed il 1756, tuttavia, elementi architettonici fanno risalire alcune al 1746. In realtà le tavole più antiche utilizzate nella raccolta risalgono probabilmente ad anni ancora precedenti, come sembra suggerire sia l'estrema complessità dell'opera, legata ad un lunghissimo lavoro di preparazione e ricerca, sia l'oscillazione stilistica riscontrabile comparando le varie tavole. Ad ogni modo, la grandiosità delle Antichità Romane del Piranesi non sta solamente nel grande lavoro grafico prodotto dall'artista: l'opera risulta infatti fondamentale come innovazione metodologica nel settore dell'archeologia a lei contemporanea, con l'utilizzo di scritti che sono essenziali per comprendere il pensiero dell'autore e l'innovazione del metodo piranesiano. Si può quindi sostenere, come giustamente fa notare il Focillon, che l'artista veneziano fondi l'archeologia moderna. Questa innovazione comporta, però, un enorme stacco e una grande divergenza con il pensiero e la cultura ufficiale ed accademica del periodo - di derivazione anglosassone - causando enormi polemiche di cui Piranesi fu bersaglio, e il fiorire di una negativa aneddotica intorno alla sua persona, il cui scopo era q … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2018-01-07 13:28:20
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756 circa, firmata in lastra in basso a destra. Dalla serie Le Antichità Romane, prima edizione del 1756 edita da Bouchard e Gravier. Meravigliosa prova, ricca di toni, impressa a inchiostro bruno su carta vergata coeva, con pieni margini ed in perfetto stato di conservazione. Henry Focillon, nel suo saggio del 1918, suppone che il Piranesi prepari ed incida le tavole per l'opera tra il 1750 ed il 1756, tuttavia, elementi architettonici fanno risalire alcune al 1746. In realtà le tavole più antiche utilizzate nella raccolta risalgono probabilmente ad anni ancora precedenti, come sembra suggerire sia l'estrema complessità dell'opera, legata ad un lunghissimo lavoro di preparazione e ricerca, sia l'oscillazione stilistica riscontrabile comparando le varie tavole. Ad ogni modo, la grandiosità delle Antichità Romane del Piranesi non sta solamente nel grande lavoro grafico prodotto dall'artista: l'opera risulta infatti fondamentale come innovazione metodologica nel settore dell'archeologia a lei contemporanea, con l'utilizzo di scritti che sono essenziali per comprendere il pensiero dell'autore e l'innovazione del metodo piranesiano. Si può quindi sostenere, come giustamente fa notare il Focillon, che l'artista veneziano fondi l'archeologia moderna. Questa innovazione comporta, però, un enorme stacco e una grande divergenza con il pensiero e la cultura ufficiale ed accademica del periodo - di derivazione anglosassone - causando enormi polemiche di cui Piranesi fu bersaglio, e il fiorire di una negativa aneddotica intorno alla sua persona, il cui scopo era q … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2018-01-07 13:28:20
Grabador: Piranesi, Giovanni Battista, Dibujante:Piranesi, Giovanni Battista
Italia. GIOVANNI BATTISTA PIRANESI (1756/58 -1810) (dibujo y grabado) Roma, 1778. Primera edición. Filigrana flordelisada dentro de círculo. Estampa de la serie: Vasi, candelabri, cippi. Muy buen estado de conservación. Plenos márgenes. Ref.: Focillon 642; Wilton-Ely 929; Taschen 774. Siglo: XVIII.Buril. Papel verjurado. Grabador: Piranesi, Giovanni Battista. Dibujante: Piranesi, Giovanni Battista. 1778. Altura papelt: 733. Anchura papel: 532. Altura plancha:530. Anchura plancha: 385 [Attributes: First Edition]
Bookseller: Palau Antiguitats [Barcelona, Spain]
2018-01-06 22:03:18
Ellis John
Chez Pierre de Hondt, 1756. In-4° (267x208mm), pp. XVI, 125, (3), legatura del tempo in mezza pelle rossa e angoli con titolo in oro su tassello verde al dorso. Frontespizio in rosso e in nero. Antiporta incisa su rame e finemente acquerellata, 39 tavv. incise su rame f.t. in fine coloritura acquerellata, alcune delle quali ripiegate. Dedicatoria alla Regina di Svezia. Qualche arrossatura. Timbro di privata biblioteca. Buon esemplare. Prima edizione francese di An Essay towards a Natural History of the Corallines and other Marine Productions found on the coasts of Great Britain and Ireland, trattato naturalistico sui coralli ("un système d'une nouvelle classe d'êtres jusqu'à présent inconnus") della Gran Bretagna e dell'Irlanda, autentico classico nella storia della biologia marina e una delle principali opere del grande naturalista britannico (in Irlanda, 1710-Londra, 1776). La monografia, pubblicata in Inghilterra nel 1755, discorre anche delle spugne (identificate per primo dall'Ellis come animali) e di altri animali marini affini ai coralli e fornisce un curioso resoconto su un grosso polpo pescato nei mari artici da dei balenieri nel 1753. L'ultimo capitolo contiene la descrizione di un microscopio acquatico inventato dal Cuff, poi denominato "microscopio acqua Ellisches". "Ellis's zoophyte descriptions and professionally drawn engravings, and his scientific approach, were outstanding. His two longest books, Natural History of the Corallines…and the posthumous Natural History of Zoophytes (1786, partly written by Solander), were seminal. In the 1750s he was one … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquaria Galleria Gilibert [IT]
2018-01-05 11:21:21
KERLEREC Louis Billouart
1756. Ms in ink. Single page. Folio. Folded twice, repairs to old folds. New Orleans, December, A very rare encrypted despatch sent from French New Orleans by Louis Billouart de Kerlerec, Governor of Louisiana, to the Secretaire d'Etat a la Marine et aux Colonies.CHAR(13) + CHAR(10) CHAR(13) + CHAR(10) Kerlerec became governor of Louisiana in 1753, replacing Vaudril. ?Despite total French neglect of the colony during the Seven Years' War, Kerlerec manages to maintain aggressive defence of the Mississippi Valley, by funnelling Louisiana's meagre military resources into the Fort Duquesne area and by first luring the Cherokee out of the English camp and then mobilizing them against their former allies? (Louisiana Personalities ).CHAR(13) + CHAR(10) CHAR(13) + CHAR(10) ?This message appears to be encrypted in the nomenclator, the standard cryptosystem of the time. The nomenclator had developed by the 1700s into a list of about 1000 names and common words with their equivalents, usually three or four digits, and was chiefly used by governments. If a cryptoanalyst had enough long messages to provide statistics and other clues, such as partial encipherments, he could solve them. When ambassadors or high ranking military officers were given nomenclators to use on assignment, copies often survive in archives. When individuals make them up for personal use, they are rarely found and consequently anyone seeking to read the messages encrypted using them has to reconstruct them. Since this usually requires a fair volume of ciphertext, individual cryptograms are rarely solved? (Kahn).
Bookseller: Maggs Bros. Ltd ABA, ILAB, PBFA, BA [London, United Kingdom]
2018-01-05 10:35:17
Quintilian (edited by William Guthrie)
T. Waller, London 1756 - 2 vols. 8vo. Pp xxxiv, 396. xiv. 2 page publisher's list; 568. Full calf, raised bands, contrasting title label. A tight, sound copy once in the library of the Golspie Literary and Social Institute with its paper stickers to tops of spines and with 2 oval ink stamps to the title page of Vol.1 and the front free endpaper of Vol.2. Small strip torn from the top of title page Vol.1 (not affecting text) [Attributes: First Edition; Hard Cover]
Bookseller: Leakey's Bookshop Ltd.
2018-01-05 09:09:38
Giuseppe VASI (Corleone, 27 Agosto 1710 - Roma, 16 Aprile 1782)
1756. "Veduta tratta dalla monumentale opera "" Delle magnificenze di Roma antica e moderna "". Pubblicata in 10 volumi dal 1747 al 1761, l'opera presenta 238 incisioni in rame, ciascuna incisione con testo narrativo che fornisce informazioni storiche e documentarie. Esemplare tratto dall'edizione del 1786. A partire dall'edizione del 1786, l'opera del Vasi, fu aggiornata dal figlio Mariano, che la pubblicò col titolo ""Raccolta delle più belle vedute antiche, e moderne di Roma"", mostrando solo il nome del padre come autore. Questa nuova edizione presentava molte tavole della I edizione, ed alcune nuove. Anche questa di Vasi figlio fu pubblicata più volte, sempre con l'aggiunta di nuove tavole. Acquaforte, completa dei margini, in ottimo stato di conservazione." "View taken from 1786 edition of the Vasi's Delle Magnificenze di Roma Antica e Moderna (first edition, in X books, published between 1747-61). The work was enlarged and reissued under the title ""Raccolta delle più belle vedute antiche, e moderne di Roma"" by Mariano Vasi after his father's death. This edition contains most of the plates from the original work, supplemented by a small number of new engravings. Vasi fils appears to have kept this edition in print for a number of years (a further edition appeared in 1803), and, as RIBA notes, the 'total [number of plates] appears to have been made up with whatever prints were to hand, in addition to a the numbered core of the work (which was itself somewhat fluid)'. Etching, in very good condition." Scalabroni, 239
Bookseller: Libreria Antiquarius
2018-01-05 03:58:54
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756 circa, firmata in lastra in basso a destra. Dalla serie Le Antichità Romane, prima edizione del 1756 edita da Bouchard e Gravier. Meravigliosa prova, ricca di toni, impressa a inchiostro bruno su carta vergata coeva con la tipica filigrana del "doppio cerchio e giglio con lettere CB" (Robison 33), con pieni margini ed in perfetto stato di conservazione. Henry Focillon, nel suo saggio del 1918, suppone che il Piranesi prepari ed incida le tavole per l'opera tra il 1750 ed il 1756, tuttavia, elementi architettonici fanno risalire alcune al 1746. In realtà le tavole più antiche utilizzate nella raccolta risalgono probabilmente ad anni ancora precedenti, come sembra suggerire sia l'estrema complessità dell'opera, legata ad un lunghissimo lavoro di preparazione e ricerca, sia l'oscillazione stilistica riscontrabile comparando le varie tavole. Ad ogni modo, la grandiosità delle Antichità Romane del Piranesi non sta solamente nel grande lavoro grafico prodotto dall'artista: l'opera risulta infatti fondamentale come innovazione metodologica nel settore dell'archeologia a lei contemporanea, con l'utilizzo di scritti che sono essenziali per comprendere il pensiero dell'autore e l'innovazione del metodo piranesiano. Si può quindi sostenere, come giustamente fa notare il Focillon, che l'artista veneziano fondi l'archeologia moderna. Questa innovazione comporta, però, un enorme stacco e una grande divergenza con il pensiero e la cultura ufficiale ed accademica del periodo - di derivazione anglosassone - causando enormi polemiche di cui Piranesi fu bersaglio, e … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2018-01-05 03:58:54
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756 circa, firmata in lastra in basso a destra. Dalla serie Le Antichità Romane, prima edizione del 1756 edita da Bouchard e Gravier. Meravigliosa prova, ricca di toni, impressa a inchiostro bruno su carta vergata coeva con la tipica filigrana del "doppio cerchio e giglio con lettere CB" (Robison 33), con pieni margini ed in perfetto stato di conservazione. Henry Focillon, nel suo saggio del 1918, suppone che il Piranesi prepari ed incida le tavole per l'opera tra il 1750 ed il 1756, tuttavia, elementi architettonici fanno risalire alcune al 1746. In realtà le tavole più antiche utilizzate nella raccolta risalgono probabilmente ad anni ancora precedenti, come sembra suggerire sia l'estrema complessità dell'opera, legata ad un lunghissimo lavoro di preparazione e ricerca, sia l'oscillazione stilistica riscontrabile comparando le varie tavole. Ad ogni modo, la grandiosità delle Antichità Romane del Piranesi non sta solamente nel grande lavoro grafico prodotto dall'artista: l'opera risulta infatti fondamentale come innovazione metodologica nel settore dell'archeologia a lei contemporanea, con l'utilizzo di scritti che sono essenziali per comprendere il pensiero dell'autore e l'innovazione del metodo piranesiano. Si può quindi sostenere, come giustamente fa notare il Focillon, che l'artista veneziano fondi l'archeologia moderna. Questa innovazione comporta, però, un enorme stacco e una grande divergenza con il pensiero e la cultura ufficiale ed accademica del periodo - di derivazione anglosassone - causando enormi polemiche di cui Piranesi fu bersaglio, e … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2018-01-05 03:58:54
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756 circa, firmata in lastra in basso a destra. Dalla serie Le Antichità Romane, prima edizione del 1756 edita da Bouchard e Gravier. Meravigliosa prova, ricca di toni, impressa a inchiostro bruno su carta vergata coeva con la tipica filigrana del "doppio cerchio e giglio con lettere CB" (Robison 33), con pieni margini ed in perfetto stato di conservazione. Henry Focillon, nel suo saggio del 1918, suppone che il Piranesi prepari ed incida le tavole per l'opera tra il 1750 ed il 1756, tuttavia, elementi architettonici fanno risalire alcune al 1746. In realtà le tavole più antiche utilizzate nella raccolta risalgono probabilmente ad anni ancora precedenti, come sembra suggerire sia l'estrema complessità dell'opera, legata ad un lunghissimo lavoro di preparazione e ricerca, sia l'oscillazione stilistica riscontrabile comparando le varie tavole. Ad ogni modo, la grandiosità delle Antichità Romane del Piranesi non sta solamente nel grande lavoro grafico prodotto dall'artista: l'opera risulta infatti fondamentale come innovazione metodologica nel settore dell'archeologia a lei contemporanea, con l'utilizzo di scritti che sono essenziali per comprendere il pensiero dell'autore e l'innovazione del metodo piranesiano. Si può quindi sostenere, come giustamente fa notare il Focillon, che l'artista veneziano fondi l'archeologia moderna. Questa innovazione comporta, però, un enorme stacco e una grande divergenza con il pensiero e la cultura ufficiale ed accademica del periodo - di derivazione anglosassone - causando enormi polemiche di cui Piranesi fu bersaglio, e … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2018-01-04 17:01:57
Complete set of 2 matching Satire print about an Innocent landing in England: The Invasion. The invasion army of Louis XV during embarkation against England in 1756, reinforced by water soup (ranks) and frogs (officer), all enthused for the standard, however, by the promise "VENGENCE et le BON BIER et BON BEUF de ANGLETERRE" and by which the English soldiers and fresh recruits on the other side of the channel just support their defense powers. The second plate: "See John the Soldier, Jack the Tar . Should Mounsir dare come here! / The Hungry Slaves have smelt our Food / They long to taste our Flesh and Blood / Old England's Beef and Beer !". Copperplate engraving and etching on a thick vellin type paper. Description: Unknown collection of engravings after Hogarth. We estimate this to be an earlier edition print by Riepenhausen, c. 1820.Artists and Engravers: The engraver is Ernst Ludwig Riepenhausen (1765-1840) after William Hogarth (1697-1764). The German engraver Riepenhausen was well respected for his engravings after Hogarth, often preferred to those by Hogarth himself. Condition: Fine. General age related toning and occasional light staining and folding. The France plate has a backed tear at left bottom. Carefully study our detailed scan. Storage location: A42-26 The overall size is ca. 12 x 9.1 inch. The image size is ca. 8.7 x 7.3 inch. The overall size is ca. 30.5 x 23 cm. The image size is ca. 22 x 18.5 cm.
Bookseller: ThePrintsCollector [Zeeland, Netherlands]
Check availability:
______________________________________________________________________________


      Home     Wants Manager     Library Search     563 Years   Links     Contact      Search Help      Terms of Service      Privacy     


Copyright © 2019 viaLibri™ Limited. All rights reserved.