The viaLibri website requires cookies to work properly. You can find more information in our Terms of Service and Privacy Policy.

Displayed below are some selected recent viaLibri matches for books published in 1756
2019-08-15 15:55:47
Gentleman of the Middle Temple
1756. Attributed to Matthew Bacon, Robert Foley, Sir Geoffrey Gilbert and Henry Pooley Gentleman of the Middle Temple. A General Abridgment of Cases in Equity, Argued and Adjudged in the High Court of Chancery, &c. With Several Cases Never Before Published, Alphabetically Digested Under Proper Titles; With Notes and References to the Whole. And Three Tables, The First of the Names of the Cases, The Second of the Several Titles, With Their Divisions, And Subdivisions; And the Third, Of the Matter Under General Heads. [London]: Printed by and For Henry Lintot, 1756. [xxviii], 417, [27]; [xxiii], 780 pp. Folio (13-3/4" x 8-3/4"). Recent period-style quarter calf over marbled boards, raised bands and lettering pieces to spines, endpapers renewed. Moderate toning to text, somewhat heavier in places, occasional light foxing, light soiling to margins in a few places, tiny library stamps to title pages and a few other leaves. * Fourth edition, "Corrected." First published in 1732, this set of reports has been attributed to Matthew Bacon, Robert Foley, Sir Geoffrey Gilbert, Henry Pooley or a combination of these authors. Marvin, believes about half of the reports were by Pooley, "a lawyer of great eminence in his time." Viner says Pooley was the sole reporter. Marvin, Legal Bibliography 48. Viner, A General Abridgment of Law and Equity XXI:489. English Short-Title Catalogue T97047.
Bookseller: lawbook exchange (intrepidbooks) [Clark, New Jersey, US]
2019-08-10 07:26:42
HOMANN, Johann Baptiste:
altkolorierte Kupferstichkarte bei Homann, Nürnberg 1756. - im oberen Bereich größerer Braunfleck, unten rechts Quetschfalte Sprache: Deutsch Gewicht in Gramm: 550 42,3 x 51 cm Blattgröße 52 x 60,5 cm
Bookseller: Antiquariat Werner Steinbeiß [München, Germany]
2019-08-08 10:11:26
Ca. [17]56, 1756. Document signed by Swedish taxonomist Carl Linnaeus (1707-1778).
Bookseller: University Archives [US]
Check availability:
2019-08-08 06:47:01
Burn, Richard
London: Printed by Henry Lintot, Law-Printer to the King's Most Excellent Majesty, for A. Millar, in the Strand, 1756. Third Edition. Folio-over 12"-15". 794p. Richard Burn (1709-1785) was the vicar of Orton and later the justice of the peace for the counties of Westmoreland and Cumberland, he received his LLD at Oxford University. This work is considered to be the most useful book ever published on the law relating to justices of the peace. Laws relating to evidence, books, ships, marriage, arrests and corn are among the many referenced in this work (DNB pg.377). ***DESCRIPTION: Contemporary dark leather binding, spine has been professionally rebacked with a new red label with title in gilt; folio size (approximately 14 3/8" tall), pagination (i)-xviii, 1-775, errata (776). ***CONDITION: Very good overall; prior owner had the volume rebacked, in addition both front and rear hinges have been reinforced, it appears that original endpapers were maintained. Corners of both boards worn through, heavy scuffing to both front and rear boards. Moderate foxing to the front endpapers, light foxing to the first five leaves, not affecting the text. Light foxing to last ten leaves, slight offsetting from rear turndown affecting only the fore-edge margin of the last 26 leaves, text not affected. The textblock is sound and square. A few words in a vintage prior owner's hand and bookseller notes to front free endpaper. ***CITATION: DNB pg. 377, ESTC T68667. ***POSTAGE: Please note that this is a large and heavy volume, additional postage will apply. We are happy to ship at cost, please con … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Swan's Fine Books, ABAA, ILAB, IOBA [US]
2019-08-06 19:56:56
Eliza Haywood
(London): Gedruckt für T. Gardner, 1756. Erstausgabe. Halbtitel, Holzschnitt-Titelgerät, Initialen sowie Kopf- und Saitenhalter. [iv], v, [i], 282 p. Zeitgenössisches Kalb, besprenkelt, mit doppelt vergoldeten Rahmen. Rücken mit 6 erhabenen Bändern. 12 Mo ( 16.7 cm × 10 cm). Sehr guter Zustand. Insgesamt ein attraktives Beispiel für eine gute zeitgenössische Bindung. Kurzer Riss am Kopf jedes Gelenks, Oberflächenabrieb an der hinteren Abdeckung. Vordere und hintere Scharniere leicht gespannt, aber immer noch solide. Die letzten Blätter sind etwas zerknittert, mit einer versetzten Markierung von Klebestellen, die zu einer blassen Verfärbung der oberen Kante von 4 oder 5 Seiten führt. Bitte fragen Sie, ob Sie einen detaillierteren Zustandsbericht benötigen oder Galeriebilder ansehen möchten. Seltenes Verhaltensbuch für verheiratete Frauen mit den Kapiteln 'Die Leidenschaft und die kleinen Unbilden eines Ehemanns ertragen', 'Koketterie' oder Verhaltensweisen, die Adressen der Galanterie anregen und 'In verschiedenen Betten schlafen'. "Enthält Ratschläge für verheiratete Frauen, wie sie sich in jeder erdenklichen Situation gegenüber ihrem Ehemann verhalten sollen, beginnend mit den ersten Wochen nach der Heirat, die gemein als" Honigmond "bezeichnet werden, und endend mit der Frage, wie sich eine Frau verhalten soll, wenn sie sich in einem Zustand von ... befindet Trennung von ihrem Ehemann "- ein Thema, über das Frau Haywood aus erster Hand sprechen konnte." (Whicher). Frau Haywood bespricht jeden Aspekt der ehelichen Infelicity und schlägt eine bestimmte Befolgung in allen Di … [Click Below for Full Description]
Bookseller: kernoozers [Ascot, GB]
2019-08-02 13:56:52
Gaspard de Saunier
amsterdan & Berlin: jean neaulme, 1756. some stains and natural tears. L ART DE CAVALERIE ou la maniere de devenir bon ecuyer par des regles aifees & propres a deffer les chevaux a tous les ufages que lutilite & le plaifir de lhomme exigent 216 pages 10 1/2 by 16 inches format original from 1756 complete some stains or tears with original plates is a excellent book about the art to the cavalier shows many way to manage a horse.
Bookseller: lacarreta [VALENCIA, VE]
2019-08-02 07:44:29
Eliza Haywood
London: (Londres): imprimé pour T. Gardner, 1756. Première édition. Demi-titre, titre de gravure sur bois, initiales, têtes et bouts. [iv], v, [i], 282 p. Mollet contemporain saupoudré, à double armature dorée aux couvertures. Colonne avec 6 bandes en relief. 12mo ( 16.7 cm x 10 cm). Très bonne condition. Globalement, un exemple attrayant dans une bonne reliure contemporaine. Fissure courte à la tête de chaque joint, abrasion de la surface à la couverture arrière. Charnières avant et arrière légèrement tendues mais contraignantes encore solides. Les dernières feuilles sont plutôt froissées, avec un marquage décalé à partir de la pâte entraînant une décoloration pâle jusqu'au bord supérieur de 4 ou 5 pages. S'il vous plaît demander si vous avez besoin d'un rapport de condition plus détaillé, ou voir les images de la galerie. Livre de conduite rare pour les femmes mariées, avec des chapitres sur «Bien porter la passion et les petites pétulances d'un mari», «La coquetterie, ou se comporter de manière à encourager les adresses de bravoure» et «Dormir dans des lits différents». "Contient des conseils pour les femmes mariées sur la façon de se comporter envers leur mari dans toutes les situations imaginables, en commençant par les premières semaines après le mariage," appelant vulgairement la lune de miel ", et en terminant avec" comment une femme devrait se comporter en état de crise. séparation de son mari "- un sujet que Mme Haywood pourrait parler de première main." (Whicher). Mme Haywood discute de tous les aspects de l'infélicité conjugale et suggère une certaine conformité … [Click Below for Full Description]
Bookseller: kernoozers [Ascot, GB]
2019-08-02 06:53:03
Eliza Haywood
Condition: Very good. (London): printed for T. Gardner, 1756. First edition. Half-title, woodcut title-device, initials and head- and tailpieces. [iv], v, [i], 282 p. Contemporary sprinkled calf, with double frames gilt to covers. Spine with 6 raised bands. 12mo (16.7cm x 10cm). Very Good condition. Overall an attractive example in a good contemporary binding. Short crack to head of each joint, surface-abrasion to rear cover. Front and rear hinges slightly strained but binding still solid. Last few leaves rather creased, with offset marking from paste downs causing pale discolouration to top edge of 4 or 5 pages. Please ask if you require a more detailed condition report, or view gallery images. Rare conduct book for married women, with chapters on 'Well bearing the passion and little petulancies of a Husband', 'Coquetry, or behaving in such a manner as may encourage addresses of gallantry', and 'Sleeping in different Beds'. "Contains advice to married women on how to behave towards their husbands in every conceivable situation, beginning with the first few weeks after marriage 'vulgarly called the honey-moon', and ending with 'how a woman ought to behave when in a state of separation from her husband' - a subject Mrs. Haywood could speak from first-hand knowledge." (Whicher). Mrs. Haywood discusses every aspect of marital infelicity, and suggests a certain compliance in all things. At all costs, the wife is warned against wasting time over books of a speculative nature; "a married woman, above all others, should avoid this error - it best becomes her to centre her whole st … [Click Below for Full Description]
Bookseller: kernoozers [Ascot, GB]
2019-08-02 02:00:13
James Agas
N/A, N/A, 1756. This is a fantastic, very early math ledger, journal, notebook, most likely from a well-to-do family as education in the 1750s and 60s needed to be paid for, so was only utilized by the upper classes. The name James Agas is noted and halfway through the book he sign and dates a math problem- July 16, 1756. The beginning of the book shows a date of July 15, 1759 with a poem that reads: John Agas his book. God give him grace therein to look, but not to look but understand for learning is better than house or land, when house or land are gone and money spent, than learning is most excellent. July 15,1759- John Agas, do you as well in this book as I have done. This poem is repeated halfway through the book when it was given to Ephraim Leaper dated November 15, 1840. The math problems are from 1759/1760: Addition, Integers, Money, Pence Tables, Avoirdupois Weights, Cloth Measure, Dry Measure, Wine Measure, Beer Measure, Long Measure, Time, Substraction, Balancing Accounts, Emoluments, Substraction of Troy weights, Bar Measure, Questions and word problems, Multiplication, Magical Cards, Compendiums, Questions, Word Problems, Division, more Avoirdupois weights, more word problems and cloth measures, there are original doodles and art work throughout. The songs, hymns, and poems are written in between math problems and appear to be later dates than the math problems. Come Thou Long Expected Jesus - is an early hymn by Isaac Watts and written out on page four. An Avoirdupois Weight Poem - is on the next page. Research shows a book appearance of this poem in a text on … [Click Below for Full Description]
Bookseller: BiblioEmporium [Green Cove Springs, FL, U.S.A.]
2019-07-31 21:34:51
Georg Louis LE ROUGE (Attivo 1740 - 1780)
1756. "Mappamondo decorativo che include tutte le migliori informazioni cartografiche della metà del XVIII secolo. Nella parte nordoccidentale dell'America sono rappresentati il mitico Mare dell'Occidente e la meravigliosa proiezione della costa è ancora in evidenza, basandosi in parte sui viaggi russi degli anni '40. La Nouvelle Holland (Australia) è ancora rappresentata come collegata alla Nuova Guinea e alla terra di Van Diemen. È nota solo una parte della costa della Nuova Zelanda. Nessun segno dell'Antartide, ma gli Antipodi sono ancora menzionati, così come il mitico approdo di Drake South della Terra del Fuoco. La mappa è decorata con le rappresentazioni femminili dei 4 continenti poste negli angoli dell'immagine all'interno di scene decorative e con due cartigli centrali, uno in alto e uno in basso. Carta geografica tratta dal raro ""Introduction a la Geographie"" di G. Louis Le Rouge, pubblicato a Parigi tra il 1747 ed il 1756, a ""Paris, chez l'Auteur, Prault le fils, la Veuve Robinot, 1756"". L'opera, che l'autore definisce come ""Atlas Nouveau Portatif à l'Uage des Militaires et du Voyageur', contiene 86 carte geografiche. Incisione in rame, coloritura coeva dei contorni, in ottimo stato di conservazione." Decorative map of the world, illustrating all of the best mythical cartographic information of the mid 18th Century. In the Northwest part of America, the Sea of the West and wonderful misprojection of the Northwest Coast of America are still shown, relying in part on the pre-Cook Russian Voyages of the 1740s. Nouvelle Holland (Australia) is still shown as att … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-31 11:50:25
HILL, John.
London: Printed for T. Osborne and J. Shipton in Gray's Inn...&c, 1756. First edition. Allegorical engraving as frontispiece by H. Roberts after S. Wale, engraved title page vignette, dedication page with arms of Earl of Northumberland and 75 plates of about 1500 botanical and herbal specimens. Pp. iv, 536. Large folio, original marbled boards (rather rubbed and worn but not unattractive, rebacked some time ago in quarter calf with red and gilt spine label seemingly from the original binding, spine with some stains Occasional browning and offset from plates, small closed tear to Y2, tear across final leaf repaired with tape without loss of text and chips and tiny tears at very edges of Rrr2, 4C, 5Q2,6C, & 6Q and plate 71 not affecting text or image. In general a good copy with good margins. Sir John Hill (1714-1775) was apparently from Peterborough. He was trained as an apothecary and set up a small shop in St. Martin's Lane. He travelled all over the country in search of rare herbs in order to write a herbal but this took longer than he thought. He was a prolific writer, his first publication being a translation of Theophrastuss History of Stones (1746). He edited the British Magazine (1746-1750), and for two years (1751-1753) he wrote a daily letter, The Inspector, for the London Advertiser and Literary Gazette. He also produced novels, plays and scientific works, and was a large contributor to the supplement of Ephraim Chambers's Cyciopaedia. His personal and scurrilous writings made him many enemies, including Henry Fielding, Christopher Smart and David Garrick all of … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Sophie Schneideman Rare Books [GB]
2019-07-30 21:49:07
Haller
Italy: Typographia Benedicti Gessari, 1756. Very good. DISPUTATIONES PHYSICO-MEDICO ANATOMICO - CHIRURGICAE edited by Albertus (Albert) Haller. Published in 1756 by Typographia Benedicti Gessari, Neapoli, IN LATIN. Set of 4, incomplete set - Vols 4, 5, 8 and 10 of a 10-volume set. Large number of articles by different authors on anatomy, surgery (chirurgicae is surgery in Latin), medicine, etc. Haller (1708-1777) made important contributions to the science of medicine. Bound in original paper with ties and very firm. All very good condition and very firmly bound, some foxing. Full of fascinating engravings, 22 in all most are fold-outs, by Fran. Sesone, many showing tumors of various parts of the body. Engravings are in very good condition. Elaborately decorated portrait of Haller on each volume's title page. Volume size is 8x10 inches. I believe this is the first (and only) edition of this work, and it is very uncommon.
Bookseller: timbuktubooks [Seattle, Washington, US]
2019-07-27 13:44:56
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva, con pieni margini, in perfetto stato di conservazione. Opera tratta dalla prima edizione delle ' Antichità Romane', pubblicata a Roma nel 1756 nella stamperia di Angelo Rotili a Palazzo Massimo alle Colonne, dai signori Bouchard e Gravier, librai e mercanti in Roma con sede presso San Marcello al Corso. La raccolta conteneva un ritratto del Piranesi, inciso da Felice Polanzani, e recava una dedica a James Caulfield conte di Charlemont, dedica poi eliminata in seguito ad un litigio. Di questa edizione originale, che venne alla luce nel maggio del 1756, sono note tre diverse tirature, connesse con le vicende del litigio con lord Charlemont, vicende documentate dal Piranesi stesso nelle sue Lettere di Giustificazione del 1757. Le diverse tirature sono riconoscibili tra loro proprio nel frontespizio del primo tomo, quello originariamente dedicato al nobile inglese, che successivamente si presenta con dedica e stemma araldico abraso, quindi con l'aggiunta di una dedica dell'autore "Aevo Suo Posteri set Utilitari Publicae". "Etching with engraving, 1756, signed on plate. From the first edition of 'Antichità Romane'. A magnific impression, printend on contemporary laid paper, with full margins, very good condition. The first edition was published in Rome in 1756 at the printing-works of Angelo Rotili at the Massimo alle Colonne Palace, by Bouchard and Gravier, book-dealers and tradesmen located in Rome near the church of St. Marcel at the Via del Corso. This collection included a portrait of Piranesi, eng … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-27 13:44:56
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva, con pieni margini, in perfetto stato di conservazione. Opera tratta dalla prima edizione delle ' Antichità Romane', pubblicata a Roma nel 1756 nella stamperia di Angelo Rotili a Palazzo Massimo alle Colonne, dai signori Bouchard e Gravier, librai e mercanti in Roma con sede presso San Marcello al Corso. La raccolta conteneva un ritratto del Piranesi, inciso da Felice Polanzani, e recava una dedica a James Caulfield conte di Charlemont, dedica poi eliminata in seguito ad un litigio. Di questa edizione originale, che venne alla luce nel maggio del 1756, sono note tre diverse tirature, connesse con le vicende del litigio con lord Charlemont, vicende documentate dal Piranesi stesso nelle sue Lettere di Giustificazione del 1757. Le diverse tirature sono riconoscibili tra loro proprio nel frontespizio del primo tomo, quello originariamente dedicato al nobile inglese, che successivamente si presenta con dedica e stemma araldico abraso, quindi con l'aggiunta di una dedica dell'autore "Aevo Suo Posteri set Utilitari Publicae". "Etching with engraving, 1756, signed on plate. From the first edition of 'Antichità Romane'. A magnific impression, printend on contemporary laid paper, with full margins, very good condition. The first edition was published in Rome in 1756 at the printing-works of Angelo Rotili at the Massimo alle Colonne Palace, by Bouchard and Gravier, book-dealers and tradesmen located in Rome near the church of St. Marcel at the Via del Corso. This collection included a portrait of Piranesi, eng … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-27 13:44:56
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva, con pieni margini, in perfetto stato di conservazione. Opera tratta dalla prima edizione delle ' Antichità Romane', pubblicata a Roma nel 1756 nella stamperia di Angelo Rotili a Palazzo Massimo alle Colonne, dai signori Bouchard e Gravier, librai e mercanti in Roma con sede presso San Marcello al Corso. La raccolta conteneva un ritratto del Piranesi, inciso da Felice Polanzani, e recava una dedica a James Caulfield conte di Charlemont, dedica poi eliminata in seguito ad un litigio. Di questa edizione originale, che venne alla luce nel maggio del 1756, sono note tre diverse tirature, connesse con le vicende del litigio con lord Charlemont, vicende documentate dal Piranesi stesso nelle sue Lettere di Giustificazione del 1757. Le diverse tirature sono riconoscibili tra loro proprio nel frontespizio del primo tomo, quello originariamente dedicato al nobile inglese, che successivamente si presenta con dedica e stemma araldico abraso, quindi con l'aggiunta di una dedica dell'autore "Aevo Suo Posteri set Utilitari Publicae". "Etching with engraving, 1756, signed on plate. From the first edition of 'Antichità Romane'. A magnific impression, printend on contemporary laid paper, with full margins, very good condition. The first edition was published in Rome in 1756 at the printing-works of Angelo Rotili at the Massimo alle Colonne Palace, by Bouchard and Gravier, book-dealers and tradesmen located in Rome near the church of St. Marcel at the Via del Corso. This collection included a portrait of Piranesi, eng … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-27 13:44:56
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva, con pieni margini, in perfetto stato di conservazione. Opera tratta dalla prima edizione delle ' Antichità Romane', pubblicata a Roma nel 1756 nella stamperia di Angelo Rotili a Palazzo Massimo alle Colonne, dai signori Bouchard e Gravier, librai e mercanti in Roma con sede presso San Marcello al Corso. La raccolta conteneva un ritratto del Piranesi, inciso da Felice Polanzani, e recava una dedica a James Caulfield conte di Charlemont, dedica poi eliminata in seguito ad un litigio. Di questa edizione originale, che venne alla luce nel maggio del 1756, sono note tre diverse tirature, connesse con le vicende del litigio con lord Charlemont, vicende documentate dal Piranesi stesso nelle sue Lettere di Giustificazione del 1757. Le diverse tirature sono riconoscibili tra loro proprio nel frontespizio del primo tomo, quello originariamente dedicato al nobile inglese, che successivamente si presenta con dedica e stemma araldico abraso, quindi con l'aggiunta di una dedica dell'autore "Aevo Suo Posteri set Utilitari Publicae". "Etching with engraving, 1756, signed on plate. From the first edition of 'Antichità Romane'. A magnific impression, printend on contemporary laid paper, with full margins, very good condition. The first edition was published in Rome in 1756 at the printing-works of Angelo Rotili at the Massimo alle Colonne Palace, by Bouchard and Gravier, book-dealers and tradesmen located in Rome near the church of St. Marcel at the Via del Corso. This collection included a portrait of Piranesi, eng … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-27 13:44:56
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva, con pieni margini, in perfetto stato di conservazione. Opera tratta dalla prima edizione delle ' Antichità Romane', pubblicata a Roma nel 1756 nella stamperia di Angelo Rotili a Palazzo Massimo alle Colonne, dai signori Bouchard e Gravier, librai e mercanti in Roma con sede presso San Marcello al Corso. La raccolta conteneva un ritratto del Piranesi, inciso da Felice Polanzani, e recava una dedica a James Caulfield conte di Charlemont, dedica poi eliminata in seguito ad un litigio. Di questa edizione originale, che venne alla luce nel maggio del 1756, sono note tre diverse tirature, connesse con le vicende del litigio con lord Charlemont, vicende documentate dal Piranesi stesso nelle sue Lettere di Giustificazione del 1757. Le diverse tirature sono riconoscibili tra loro proprio nel frontespizio del primo tomo, quello originariamente dedicato al nobile inglese, che successivamente si presenta con dedica e stemma araldico abraso, quindi con l'aggiunta di una dedica dell'autore "Aevo Suo Posteri set Utilitari Publicae". "Etching with engraving, 1756, signed on plate. From the first edition of 'Antichità Romane'. A magnific impression, printend on contemporary laid paper, with full margins, very good condition. The first edition was published in Rome in 1756 at the printing-works of Angelo Rotili at the Massimo alle Colonne Palace, by Bouchard and Gravier, book-dealers and tradesmen located in Rome near the church of St. Marcel at the Via del Corso. This collection included a portrait of Piranesi, eng … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-27 13:44:55
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
1756. Pianta della città tratta dalle celebri Antichità Romane, monumentale lavoro in quattro volumi dell'artista veneziano, considerato come il suo capolavoro in fatto di archeologia. Opera tratta dalla prima edizione del 1756, stampata su contemporanea carta vergata con filigrana "doppio cerchio e giglio con lettere CB" (Robison 33), tipica di questa tiratura. Incisione in rame, in perfetto stato di conservazione. City plan taken from "Antichità Romane", a monumental work in four volumes realized by the Venetian artist and considered as his archelogical masterpiece. From the first 1756 edition, printed on contemporary laid paper with "double circle with lily and letters CB" watermark (Robison 33), a characteristic of this edition. Copper engraving, in excellent condition. Focillon 153, Wilton Ely 288; A. P. Frutaz, "Le piante di Roma", XXXV, tav. 69
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-27 13:44:55
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva, con pieni margini, in perfetto stato di conservazione. Opera tratta dalla prima edizione delle ' Antichità Romane', pubblicata a Roma nel 1756 nella stamperia di Angelo Rotili a Palazzo Massimo alle Colonne, dai signori Bouchard e Gravier, librai e mercanti in Roma con sede presso San Marcello al Corso. La raccolta conteneva un ritratto del Piranesi, inciso da Felice Polanzani, e recava una dedica a James Caulfield conte di Charlemont, dedica poi eliminata in seguito ad un litigio. Di questa edizione originale, che venne alla luce nel maggio del 1756, sono note tre diverse tirature, connesse con le vicende del litigio con lord Charlemont, vicende documentate dal Piranesi stesso nelle sue Lettere di Giustificazione del 1757. Le diverse tirature sono riconoscibili tra loro proprio nel frontespizio del primo tomo, quello originariamente dedicato al nobile inglese, che successivamente si presenta con dedica e stemma araldico abraso, quindi con l'aggiunta di una dedica dell'autore "Aevo Suo Posteri set Utilitari Publicae". "Etching with engraving, 1756, signed on plate. From the first edition of 'Antichità Romane'. A magnific impression, printend on contemporary laid paper, with full margins, very good condition. The first edition was published in Rome in 1756 at the printing-works of Angelo Rotili at the Massimo alle Colonne Palace, by Bouchard and Gravier, book-dealers and tradesmen located in Rome near the church of St. Marcel at the Via del Corso. This collection included a portrait of Piranesi, eng … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-27 13:44:55
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva, con pieni margini, in perfetto stato di conservazione. Opera tratta dalla prima edizione delle ' Antichità Romane', pubblicata a Roma nel 1756 nella stamperia di Angelo Rotili a Palazzo Massimo alle Colonne, dai signori Bouchard e Gravier, librai e mercanti in Roma con sede presso San Marcello al Corso. La raccolta conteneva un ritratto del Piranesi, inciso da Felice Polanzani, e recava una dedica a James Caulfield conte di Charlemont, dedica poi eliminata in seguito ad un litigio. Di questa edizione originale, che venne alla luce nel maggio del 1756, sono note tre diverse tirature, connesse con le vicende del litigio con lord Charlemont, vicende documentate dal Piranesi stesso nelle sue Lettere di Giustificazione del 1757. Le diverse tirature sono riconoscibili tra loro proprio nel frontespizio del primo tomo, quello originariamente dedicato al nobile inglese, che successivamente si presenta con dedica e stemma araldico abraso, quindi con l'aggiunta di una dedica dell'autore "Aevo Suo Posteri set Utilitari Publicae". "Etching with engraving, 1756, signed on plate. From the first edition of 'Antichità Romane'. A magnific impression, printend on contemporary laid paper, with full margins, very good condition. The first edition was published in Rome in 1756 at the printing-works of Angelo Rotili at the Massimo alle Colonne Palace, by Bouchard and Gravier, book-dealers and tradesmen located in Rome near the church of St. Marcel at the Via del Corso. This collection included a portrait of Piranesi, eng … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-27 13:44:55
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva, con pieni margini, in perfetto stato di conservazione. Opera tratta dalla prima edizione delle ' Antichità Romane', pubblicata a Roma nel 1756 nella stamperia di Angelo Rotili a Palazzo Massimo alle Colonne, dai signori Bouchard e Gravier, librai e mercanti in Roma con sede presso San Marcello al Corso. La raccolta conteneva un ritratto del Piranesi, inciso da Felice Polanzani, e recava una dedica a James Caulfield conte di Charlemont, dedica poi eliminata in seguito ad un litigio. Di questa edizione originale, che venne alla luce nel maggio del 1756, sono note tre diverse tirature, connesse con le vicende del litigio con lord Charlemont, vicende documentate dal Piranesi stesso nelle sue Lettere di Giustificazione del 1757. Le diverse tirature sono riconoscibili tra loro proprio nel frontespizio del primo tomo, quello originariamente dedicato al nobile inglese, che successivamente si presenta con dedica e stemma araldico abraso, quindi con l'aggiunta di una dedica dell'autore "Aevo Suo Posteri set Utilitari Publicae". "Etching with engraving, 1756, signed on plate. From the first edition of 'Antichità Romane'. A magnific impression, printend on contemporary laid paper, with full margins, very good condition. The first edition was published in Rome in 1756 at the printing-works of Angelo Rotili at the Massimo alle Colonne Palace, by Bouchard and Gravier, book-dealers and tradesmen located in Rome near the church of St. Marcel at the Via del Corso. This collection included a portrait of Piranesi, eng … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-27 13:44:55
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva, con pieni margini, in perfetto stato di conservazione. Opera tratta dalla prima edizione delle ' Antichità Romane', pubblicata a Roma nel 1756 nella stamperia di Angelo Rotili a Palazzo Massimo alle Colonne, dai signori Bouchard e Gravier, librai e mercanti in Roma con sede presso San Marcello al Corso. La raccolta conteneva un ritratto del Piranesi, inciso da Felice Polanzani, e recava una dedica a James Caulfield conte di Charlemont, dedica poi eliminata in seguito ad un litigio. Di questa edizione originale, che venne alla luce nel maggio del 1756, sono note tre diverse tirature, connesse con le vicende del litigio con lord Charlemont, vicende documentate dal Piranesi stesso nelle sue Lettere di Giustificazione del 1757. Le diverse tirature sono riconoscibili tra loro proprio nel frontespizio del primo tomo, quello originariamente dedicato al nobile inglese, che successivamente si presenta con dedica e stemma araldico abraso, quindi con l'aggiunta di una dedica dell'autore "Aevo Suo Posteri set Utilitari Publicae". "Etching with engraving, 1756, signed on plate. From the first edition of 'Antichità Romane'. A magnific impression, printend on contemporary laid paper, with full margins, very good condition. The first edition was published in Rome in 1756 at the printing-works of Angelo Rotili at the Massimo alle Colonne Palace, by Bouchard and Gravier, book-dealers and tradesmen located in Rome near the church of St. Marcel at the Via del Corso. This collection included a portrait of Piranesi, eng … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-27 13:44:55
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva, con pieni margini, in perfetto stato di conservazione. Opera tratta dalla prima edizione delle ' Antichità Romane', pubblicata a Roma nel 1756 nella stamperia di Angelo Rotili a Palazzo Massimo alle Colonne, dai signori Bouchard e Gravier, librai e mercanti in Roma con sede presso San Marcello al Corso. La raccolta conteneva un ritratto del Piranesi, inciso da Felice Polanzani, e recava una dedica a James Caulfield conte di Charlemont, dedica poi eliminata in seguito ad un litigio. Di questa edizione originale, che venne alla luce nel maggio del 1756, sono note tre diverse tirature, connesse con le vicende del litigio con lord Charlemont, vicende documentate dal Piranesi stesso nelle sue Lettere di Giustificazione del 1757. Le diverse tirature sono riconoscibili tra loro proprio nel frontespizio del primo tomo, quello originariamente dedicato al nobile inglese, che successivamente si presenta con dedica e stemma araldico abraso, quindi con l'aggiunta di una dedica dell'autore "Aevo Suo Posteri set Utilitari Publicae". "Etching with engraving, 1756, signed on plate. From the first edition of 'Antichità Romane'. A magnific impression, printend on contemporary laid paper, with full margins, very good condition. The first edition was published in Rome in 1756 at the printing-works of Angelo Rotili at the Massimo alle Colonne Palace, by Bouchard and Gravier, book-dealers and tradesmen located in Rome near the church of St. Marcel at the Via del Corso. This collection included a portrait of Piranesi, eng … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-27 13:44:54
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, circa 1756, firmata in lastra in basso a destra. Esemplare nel terzo stato di quattro (o sette) con la dedica utilitati publicae. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana "doppio cerchio e giglio con lettere CB" (Robison 33), tipica dell'edizione delle Antichità Romane del 1756. Consueta piega centrale verticale, pieni margini, in eccellete stato di conservazione. Bibliografia: Focillon 144, Wilton Ely 279. Dimensioni 680x460. Etching and engraving, 1756 circa, signed on lower right plate. Example in the third state of four (or seven), with the dedication utilitati publicae. Magnificent work printed on contemporary laid paper with "double circle and lily with letters CB" watermark (Robison 33), typical of the 1756 edition of the Antichità Romane. Common central paper fold, wide margins, in excellent condition. Focillon 144, Wilton Ely 279. Dimensioni 680x460.
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-27 13:44:54
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
"- SECONDO STATO DI SEI - Acquaforte e bulino, 1756, firmata in lastra . Esemplare della contemporanea tiratura romana. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana ""doppio cerchio e giglio"", con pieni margini, in perfetto stato di conservazione. Della serie Vedute di Roma. L'opera consiste in 135 lastre prodotte individualmente dal Piranesi per almeno 30 anni, da circa il 1745, fino alla data della sua morte. All'opera sono aggiunte poi 2 vedute realizzate dal figlio Francesco. Per la prima volta furono edite dall'editore Giovanni Bouchard nel 1751 (34 lastre), successivamente dallo stesso Piranesi editore a Palazzo Tomati in Roma (scritta che appare su molte tavole), fino alla stesura definitiva composta da 137 lastre. Successivamente alla morte dell'autore le lastre furono ereditate dal figlio Francesco, che ne curò la pubblicazione prima nella capitale, e successivamente a Parigi. Le lastre furono poi acquisite dalla Calcografia Camerale, oggi Calcografia Nazionale, dove sono tuttora conservate. Le opere che proponiamo fanno parte di un album nella stesura definitiva, stampato a Roma tra il 1770 ed il 1780." "- SECOND STATE OF SIX - Etching and engraving, 1756, signed on plate. Example from the contemporary Roman Edition. A very good impression, printed on contemporary laid paper with watermark ""double encircled fleur de lys with letters CB"", with margins, very good condition. Taken from Vedute di Roma; the whole work consists of 135 plates which have been individually produced by Piranesi along 30 years, from 1745 circa until his death. Two more w … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-27 12:11:53
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva, con pieni margini, in perfetto stato di conservazione. Opera tratta dalla prima edizione delle ' Antichità Romane', pubblicata a Roma nel 1756 nella stamperia di Angelo Rotili a Palazzo Massimo alle Colonne, dai signori Bouchard e Gravier, librai e mercanti in Roma con sede presso San Marcello al Corso. La raccolta conteneva un ritratto del Piranesi, inciso da Felice Polanzani, e recava una dedica a James Caulfield conte di Charlemont, dedica poi eliminata in seguito ad un litigio. Di questa edizione originale, che venne alla luce nel maggio del 1756, sono note tre diverse tirature, connesse con le vicende del litigio con lord Charlemont, vicende documentate dal Piranesi stesso nelle sue Lettere di Giustificazione del 1757. Le diverse tirature sono riconoscibili tra loro proprio nel frontespizio del primo tomo, quello originariamente dedicato al nobile inglese, che successivamente si presenta con dedica e stemma araldico abraso, quindi con l'aggiunta di una dedica dell'autore "Aevo Suo Posteri set Utilitari Publicae". "Etching with engraving, 1756, signed on plate. From the first edition of 'Antichità Romane'. A magnific impression, printend on contemporary laid paper, with full margins, very good condition. The first edition was published in Rome in 1756 at the printing-works of Angelo Rotili at the Massimo alle Colonne Palace, by Bouchard and Gravier, book-dealers and tradesmen located in Rome near the church of St. Marcel at the Via del Corso. This collection included a portrait of Piranesi, eng … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-26 08:31:25
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756 circa, firmata in lastra in basso a destra. Dalla serie Le Antichità Romane, prima edizione del 1756 edita da Bouchard e Gravier. Meravigliosa prova, ricca di toni, impressa a inchiostro bruno su carta vergata coeva con la tipica filigrana del "doppio cerchio e giglio con lettere CB" (Robison 33), con pieni margini ed in perfetto stato di conservazione. Henry Focillon, nel suo saggio del 1918, suppone che il Piranesi prepari ed incida le tavole per l'opera tra il 1750 ed il 1756, tuttavia, elementi architettonici fanno risalire alcune al 1746. In realtà le tavole più antiche utilizzate nella raccolta risalgono probabilmente ad anni ancora precedenti, come sembra suggerire sia l'estrema complessità dell'opera, legata ad un lunghissimo lavoro di preparazione e ricerca, sia l'oscillazione stilistica riscontrabile comparando le varie tavole. Ad ogni modo, la grandiosità delle Antichità Romane del Piranesi non sta solamente nel grande lavoro grafico prodotto dall'artista: l'opera risulta infatti fondamentale come innovazione metodologica nel settore dell'archeologia a lei contemporanea, con l'utilizzo di scritti che sono essenziali per comprendere il pensiero dell'autore e l'innovazione del metodo piranesiano. Si può quindi sostenere, come giustamente fa notare il Focillon, che l'artista veneziano fondi l'archeologia moderna. Questa innovazione comporta, però, un enorme stacco e una grande divergenza con il pensiero e la cultura ufficiale ed accademica del periodo - di derivazione anglosassone - causando enormi polemiche di cui Piranesi fu bersaglio, e … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-26 08:31:24
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756 circa, firmata in lastra in basso a destra. Dalla serie Le Antichità Romane, prima edizione del 1756 edita da Bouchard e Gravier. Meravigliosa prova, ricca di toni, impressa a inchiostro bruno su carta vergata coeva, con pieni margini ed in perfetto stato di conservazione. Henry Focillon, nel suo saggio del 1918, suppone che il Piranesi prepari ed incida le tavole per l'opera tra il 1750 ed il 1756, tuttavia, elementi architettonici fanno risalire alcune al 1746. In realtà le tavole più antiche utilizzate nella raccolta risalgono probabilmente ad anni ancora precedenti, come sembra suggerire sia l'estrema complessità dell'opera, legata ad un lunghissimo lavoro di preparazione e ricerca, sia l'oscillazione stilistica riscontrabile comparando le varie tavole. Ad ogni modo, la grandiosità delle Antichità Romane del Piranesi non sta solamente nel grande lavoro grafico prodotto dall'artista: l'opera risulta infatti fondamentale come innovazione metodologica nel settore dell'archeologia a lei contemporanea, con l'utilizzo di scritti che sono essenziali per comprendere il pensiero dell'autore e l'innovazione del metodo piranesiano. Si può quindi sostenere, come giustamente fa notare il Focillon, che l'artista veneziano fondi l'archeologia moderna. Questa innovazione comporta, però, un enorme stacco e una grande divergenza con il pensiero e la cultura ufficiale ed accademica del periodo - di derivazione anglosassone - causando enormi polemiche di cui Piranesi fu bersaglio, e il fiorire di una negativa aneddotica intorno alla sua persona, il cui scopo era q … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-26 08:31:24
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756 circa, firmata in lastra in basso a destra. Dalla serie Le Antichità Romane, prima edizione del 1756 edita da Bouchard e Gravier. Meravigliosa prova, ricca di toni, impressa a inchiostro bruno su carta vergata coeva, con pieni margini ed in perfetto stato di conservazione. Henry Focillon, nel suo saggio del 1918, suppone che il Piranesi prepari ed incida le tavole per l'opera tra il 1750 ed il 1756, tuttavia, elementi architettonici fanno risalire alcune al 1746. In realtà le tavole più antiche utilizzate nella raccolta risalgono probabilmente ad anni ancora precedenti, come sembra suggerire sia l'estrema complessità dell'opera, legata ad un lunghissimo lavoro di preparazione e ricerca, sia l'oscillazione stilistica riscontrabile comparando le varie tavole. Ad ogni modo, la grandiosità delle Antichità Romane del Piranesi non sta solamente nel grande lavoro grafico prodotto dall'artista: l'opera risulta infatti fondamentale come innovazione metodologica nel settore dell'archeologia a lei contemporanea, con l'utilizzo di scritti che sono essenziali per comprendere il pensiero dell'autore e l'innovazione del metodo piranesiano. Si può quindi sostenere, come giustamente fa notare il Focillon, che l'artista veneziano fondi l'archeologia moderna. Questa innovazione comporta, però, un enorme stacco e una grande divergenza con il pensiero e la cultura ufficiale ed accademica del periodo - di derivazione anglosassone - causando enormi polemiche di cui Piranesi fu bersaglio, e il fiorire di una negativa aneddotica intorno alla sua persona, il cui scopo era q … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-26 08:31:23
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756 circa, firmata in lastra in basso a destra. Dalla serie Le Antichità Romane, prima edizione del 1756 edita da Bouchard e Gravier. Meravigliosa prova, ricca di toni, impressa a inchiostro bruno su carta vergata coeva con la tipica filigrana del "doppio cerchio e giglio con lettere CB" (Robison 33), con pieni margini, esemplare in barbe ed in perfetto stato di conservazione. Henry Focillon, nel suo saggio del 1918, suppone che il Piranesi prepari ed incida le tavole per l'opera tra il 1750 ed il 1756, tuttavia, elementi architettonici fanno risalire alcune al 1746. In realtà le tavole più antiche utilizzate nella raccolta risalgono probabilmente ad anni ancora precedenti, come sembra suggerire sia l'estrema complessità dell'opera, legata ad un lunghissimo lavoro di preparazione e ricerca, sia l'oscillazione stilistica riscontrabile comparando le varie tavole. Ad ogni modo, la grandiosità delle Antichità Romane del Piranesi non sta solamente nel grande lavoro grafico prodotto dall'artista: l'opera risulta infatti fondamentale come innovazione metodologica nel settore dell'archeologia a lei contemporanea, con l'utilizzo di scritti che sono essenziali per comprendere il pensiero dell'autore e l'innovazione del metodo piranesiano. Si può quindi sostenere, come giustamente fa notare il Focillon, che l'artista veneziano fondi l'archeologia moderna. Questa innovazione comporta, però, un enorme stacco e una grande divergenza con il pensiero e la cultura ufficiale ed accademica del periodo - di derivazione anglosassone - causando enormi polemiche di cui Piran … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-26 08:31:23
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756 circa, firmata in lastra in basso a destra. Dalla serie Le Antichità Romane, prima edizione del 1756 edita da Bouchard e Gravier. Meravigliosa prova, ricca di toni, impressa a inchiostro bruno su carta vergata coeva, con pieni margini ed in perfetto stato di conservazione. Henry Focillon, nel suo saggio del 1918, suppone che il Piranesi prepari ed incida le tavole per l'opera tra il 1750 ed il 1756, tuttavia, elementi architettonici fanno risalire alcune al 1746. In realtà le tavole più antiche utilizzate nella raccolta risalgono probabilmente ad anni ancora precedenti, come sembra suggerire sia l'estrema complessità dell'opera, legata ad un lunghissimo lavoro di preparazione e ricerca, sia l'oscillazione stilistica riscontrabile comparando le varie tavole. Ad ogni modo, la grandiosità delle Antichità Romane del Piranesi non sta solamente nel grande lavoro grafico prodotto dall'artista: l'opera risulta infatti fondamentale come innovazione metodologica nel settore dell'archeologia a lei contemporanea, con l'utilizzo di scritti che sono essenziali per comprendere il pensiero dell'autore e l'innovazione del metodo piranesiano. Si può quindi sostenere, come giustamente fa notare il Focillon, che l'artista veneziano fondi l'archeologia moderna. Questa innovazione comporta, però, un enorme stacco e una grande divergenza con il pensiero e la cultura ufficiale ed accademica del periodo - di derivazione anglosassone - causando enormi polemiche di cui Piranesi fu bersaglio, e il fiorire di una negativa aneddotica intorno alla sua persona, il cui scopo era q … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-26 08:31:23
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756 circa, firmata in lastra in basso a destra. Dalla serie Le Antichità Romane, prima edizione del 1756 edita da Bouchard e Gravier. Meravigliosa prova, ricca di toni, impressa a inchiostro bruno su carta vergata coeva, con pieni margini ed in perfetto stato di conservazione. Henry Focillon, nel suo saggio del 1918, suppone che il Piranesi prepari ed incida le tavole per l'opera tra il 1750 ed il 1756, tuttavia, elementi architettonici fanno risalire alcune al 1746. In realtà le tavole più antiche utilizzate nella raccolta risalgono probabilmente ad anni ancora precedenti, come sembra suggerire sia l'estrema complessità dell'opera, legata ad un lunghissimo lavoro di preparazione e ricerca, sia l'oscillazione stilistica riscontrabile comparando le varie tavole. Ad ogni modo, la grandiosità delle Antichità Romane del Piranesi non sta solamente nel grande lavoro grafico prodotto dall'artista: l'opera risulta infatti fondamentale come innovazione metodologica nel settore dell'archeologia a lei contemporanea, con l'utilizzo di scritti che sono essenziali per comprendere il pensiero dell'autore e l'innovazione del metodo piranesiano. Si può quindi sostenere, come giustamente fa notare il Focillon, che l'artista veneziano fondi l'archeologia moderna. Questa innovazione comporta, però, un enorme stacco e una grande divergenza con il pensiero e la cultura ufficiale ed accademica del periodo - di derivazione anglosassone - causando enormi polemiche di cui Piranesi fu bersaglio, e il fiorire di una negativa aneddotica intorno alla sua persona, il cui scopo era q … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-26 08:31:22
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte, 1756, firmata in lastra, in basso a destra. Dal tomo terzo de Le Antichità Romane, prima edizione edita da Bouchard e Gravier. Bellissima prova, impressa su carta vergata coeva, con margini, in ottimo stato di conservazione. La prima edizione dell'opera, in quattro tomi, fu pubblicata a Roma nel 1756 nella stamperia di Angelo Rotili a Palazzo Massimo alle Colonne, dai signori Bouchard e Gravier, librai e mercanti in Roma con sede presso San Marcello al Corso. La raccolta conteneva un ritratto del Piranesi, inciso da Felice Polanzani, e recava una dedica a James Caulfield conte di Charlemont, dedica poi eliminata in seguito ad un litigio. Di questa edizione originale, che venne alla luce nel maggio del 1756, sono note tre diverse tirature, connesse con le vicende del litigio con lord Charlemont, vicende documentate dal Piranesi stesso nelle sue "Lettere di Giustificazione" del 1757. Le diverse tirature sono riconoscibili tra loro proprio nel frontespizio del primo tomo, quello originariamente dedicato al nobile inglese, che successivamente si presenta con dedica e stemma araldico abraso, quindi con l'aggiunta di una dedica dell'autore "Aevo Suo Posteri set Utilitari Publicae". Henry Focillon , nel suo saggio del 1918, suppone che il Piranesi prepari ed incida le tavole per l'opera tra il 1750 ed il 1756, tuttavia elementi architettonici fanno risalire talune al 1746. In realtà le tavole più antiche utilizzate nella raccolta risalgono probabilmente ad anni ancora precedenti, come sembra suggerire sia l'estrema complessità dell'opera, legata ad un lunghissimo lavor … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-26 08:31:22
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756 circa, firmata in lastra in basso a destra. Dalla serie Le Antichità Romane, prima edizione del 1756 edita da Bouchard e Gravier. Meravigliosa prova, ricca di toni, impressa a inchiostro bruno su carta vergata coeva, con pieni margini, in perfetto stato di conservazione. Henry Focillon, nel suo saggio del 1918, suppone che il Piranesi prepari ed incida le tavole per l'opera tra il 1750 ed il 1756, tuttavia, elementi architettonici fanno risalire alcune al 1746. In realtà le tavole più antiche utilizzate nella raccolta risalgono probabilmente ad anni ancora precedenti, come sembra suggerire sia l'estrema complessità dell'opera, legata ad un lunghissimo lavoro di preparazione e ricerca, sia l'oscillazione stilistica riscontrabile comparando le varie tavole. Ad ogni modo, la grandiosità delle Antichità Romane del Piranesi non sta solamente nel grande lavoro grafico prodotto dall'artista: l'opera risulta infatti fondamentale come innovazione metodologica nel settore dell'archeologia a lei contemporanea, con l'utilizzo di scritti che sono essenziali per comprendere il pensiero dell'autore e l'innovazione del metodo piranesiano. Si può quindi sostenere, come giustamente fa notare il Focillon, che l'artista veneziano fondi l'archeologia moderna. Questa innovazione comporta, però, un enorme stacco e una grande divergenza con il pensiero e la cultura ufficiale ed accademica del periodo - di derivazione anglosassone - causando enormi polemiche di cui Piranesi fu bersaglio, e il fiorire di una negativa aneddotica intorno alla sua persona, il cui scopo era que … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-26 08:31:22
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756 circa, firmata in lastra in basso a destra. Dalla serie Le Antichità Romane, prima edizione del 1756 edita da Bouchard e Gravier. Meravigliosa prova, ricca di toni, impressa a inchiostro bruno su carta vergata coeva, con pieni margini ed in perfetto stato di conservazione. Henry Focillon, nel suo saggio del 1918, suppone che il Piranesi prepari ed incida le tavole per l'opera tra il 1750 ed il 1756, tuttavia, elementi architettonici fanno risalire alcune al 1746. In realtà le tavole più antiche utilizzate nella raccolta risalgono probabilmente ad anni ancora precedenti, come sembra suggerire sia l'estrema complessità dell'opera, legata ad un lunghissimo lavoro di preparazione e ricerca, sia l'oscillazione stilistica riscontrabile comparando le varie tavole. Ad ogni modo, la grandiosità delle Antichità Romane del Piranesi non sta solamente nel grande lavoro grafico prodotto dall'artista: l'opera risulta infatti fondamentale come innovazione metodologica nel settore dell'archeologia a lei contemporanea, con l'utilizzo di scritti che sono essenziali per comprendere il pensiero dell'autore e l'innovazione del metodo piranesiano. Si può quindi sostenere, come giustamente fa notare il Focillon, che l'artista veneziano fondi l'archeologia moderna. Questa innovazione comporta, però, un enorme stacco e una grande divergenza con il pensiero e la cultura ufficiale ed accademica del periodo - di derivazione anglosassone - causando enormi polemiche di cui Piranesi fu bersaglio, e il fiorire di una negativa aneddotica intorno alla sua persona, il cui scopo era q … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-26 08:31:21
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
"La tavola è la numero X del tomo III delle Antichità Romane, prima edizione del 1756 edita da Bouchard e Gravier. Meravigliosa prova, ricca di toni, impressa a inchiostro bruno su carta vergata coeva con la tipica filigrana del "doppio cerchio e giglio con lettere CB" (Robison 33), con pieni margini, in ottimo stato di conservazione. Nell'iscrizione in basso si legge : ""Esso è erroneamente così detto, mentre abbiamo dagli antichii Scrittori essere stato presso la Fossa Clelia cinque miglia lonan da Roma, ove i Curiazi furono uccisi dagli Orazi"". Il monumento raffigurato è infatti una tomba romana di tarda età repubblicana. La prima edizione dell'opera, in quattro tomi, fu pubblicata a Roma nel 1756 nella stamperia di Angelo Rotili a Palazzo Massimo alle Colonne, dai signori Bouchard e Gravier, librai e mercanti in Roma con sede presso San Marcello al Corso. La raccolta conteneva un ritratto del Piranesi, inciso da Felice Polanzani, e recava una dedica a James Caulfield conte di Charlemont, dedica poi eliminata in seguito ad un litigio. Di questa edizione originale, che venne alla luce nel maggio del 1756, sono note tre diverse tirature, connesse con le vicende del litigio con lord Charlemont, vicende documentate dal Piranesi stesso nelle sue Lettere di Giustificazione del 1757. Le diverse tirature sono riconoscibili tra loro proprio nel frontespizio del primo tomo, quello originariamente dedicato al nobile inglese, che successivamente si presenta con dedica e stemma araldico abraso, quindi con l'aggiunta di una dedica dell'autore "Aevo Suo Posteri set Utilitari Publicae" … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-26 08:31:20
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
1756. "Bella tavola topografica di Roma che riporta il tracciato degli antichi acquedotti romani. Il contenuto della tavola è dichiarato in alto a sinitra: ""Dichiarazione delle note della Tavola: A. Mura odierne di Roma B. Mura di Roma anteriori all'Imperatore Aureliano Aquedotto arcuato della Marcia, Tepula, e Giulia Aquedotto arcuato della Claudia e Anione Nuovo Archi Neroniani Archi Antoniniani Aquedotto sostruito Aquedotto sotterraneo Rivo sotterraneo, porzionario delle acque Circonferenza delle Regioni antiche di Roma Nota delle Vie antiche Le rimanenti note son dichiarate o nella Tavola, o nella Spiegazione consecutiva della medesima Piedi Antichi Romani"" Le tre ""figure"" sono disegni tecnici che rappresentano le sezioni e il funzionamento degli antichi acquedotti. La tavola è la n. XXXVIII del tomo I delle Antichità Romane, prima edizione del 1756 edita da Bouchard e Gravier. Meravigliosa prova, ricca di toni, impressa a inchiostro bruno su carta vergata coeva con la tipica filigrana del "doppio cerchio e giglio con lettere CB" (Robison 33), con pieni margini, in ottimo stato di conservazione. La prima edizione dell'opera, in quattro tomi, fu pubblicata a Roma nel 1756 nella stamperia di Angelo Rotili a Palazzo Massimo alle Colonne, dai signori Bouchard e Gravier, librai e mercanti in Roma con sede presso San Marcello al Corso. La raccolta conteneva un ritratto del Piranesi, inciso da Felice Polanzani, e recava una dedica a James Caulfield conte di Charlemont, dedica poi eliminata in seguito ad un litigio. Di questa edizione originale, che venne alla luce nel magg … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-26 07:56:43
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756 circa, firmata in lastra in basso a destra. Dalla serie Le Antichità Romane, prima edizione del 1756 edita da Bouchard e Gravier. Meravigliosa prova, ricca di toni, impressa a inchiostro bruno su carta vergata coeva, con pieni margini ed in perfetto stato di conservazione. Henry Focillon, nel suo saggio del 1918, suppone che il Piranesi prepari ed incida le tavole per l'opera tra il 1750 ed il 1756, tuttavia, elementi architettonici fanno risalire alcune al 1746. In realtà le tavole più antiche utilizzate nella raccolta risalgono probabilmente ad anni ancora precedenti, come sembra suggerire sia l'estrema complessità dell'opera, legata ad un lunghissimo lavoro di preparazione e ricerca, sia l'oscillazione stilistica riscontrabile comparando le varie tavole. Ad ogni modo, la grandiosità delle Antichità Romane del Piranesi non sta solamente nel grande lavoro grafico prodotto dall'artista: l'opera risulta infatti fondamentale come innovazione metodologica nel settore dell'archeologia a lei contemporanea, con l'utilizzo di scritti che sono essenziali per comprendere il pensiero dell'autore e l'innovazione del metodo piranesiano. Si può quindi sostenere, come giustamente fa notare il Focillon, che l'artista veneziano fondi l'archeologia moderna. Questa innovazione comporta, però, un enorme stacco e una grande divergenza con il pensiero e la cultura ufficiale ed accademica del periodo - di derivazione anglosassone - causando enormi polemiche di cui Piranesi fu bersaglio, e il fiorire di una negativa aneddotica intorno alla sua persona, il cui scopo era q … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-26 07:56:43
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756 circa, firmata in lastra in basso a destra. Dalla serie Le Antichità Romane, prima edizione del 1756 edita da Bouchard e Gravier. Meravigliosa prova, ricca di toni, impressa a inchiostro bruno su carta vergata coeva, con pieni margini ed in perfetto stato di conservazione. Henry Focillon, nel suo saggio del 1918, suppone che il Piranesi prepari ed incida le tavole per l'opera tra il 1750 ed il 1756, tuttavia, elementi architettonici fanno risalire alcune al 1746. In realtà le tavole più antiche utilizzate nella raccolta risalgono probabilmente ad anni ancora precedenti, come sembra suggerire sia l'estrema complessità dell'opera, legata ad un lunghissimo lavoro di preparazione e ricerca, sia l'oscillazione stilistica riscontrabile comparando le varie tavole. Ad ogni modo, la grandiosità delle Antichità Romane del Piranesi non sta solamente nel grande lavoro grafico prodotto dall'artista: l'opera risulta infatti fondamentale come innovazione metodologica nel settore dell'archeologia a lei contemporanea, con l'utilizzo di scritti che sono essenziali per comprendere il pensiero dell'autore e l'innovazione del metodo piranesiano. Si può quindi sostenere, come giustamente fa notare il Focillon, che l'artista veneziano fondi l'archeologia moderna. Questa innovazione comporta, però, un enorme stacco e una grande divergenza con il pensiero e la cultura ufficiale ed accademica del periodo - di derivazione anglosassone - causando enormi polemiche di cui Piranesi fu bersaglio, e il fiorire di una negativa aneddotica intorno alla sua persona, il cui scopo era q … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-26 07:56:42
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
- PRIMO STATO, con la dedica a LORD CHARLEMONT - Acquaforte e bulino, 1756 circa, firmata in lastra in basso a destra. Primo stato id tre. Dalla serie Le Antichità Romane, prima edizione del 1756 edita da Bouchard e Gravier. Si tratta del RARISSIMO primo stato della lastra, con la dedica aJames Caulfield, Visconte di Charlemont. La deidca fu subito rimossa dal Piranesi che ebbe un'accesa disputa con il nobile irlandese, che non concesse il promesso patrocinio all'opera del Piranesi. Le edizioni dellle Antichità Romane con questa dedica sono di incredibile rarità. Meravigliosa prova, ricca di toni, impressa a inchiostro bruno su carta vergata coeva con la tipica filigrana del "doppio cerchio e giglio con lettere CB" (Robison 33), con pieni margini, lievissime bruniture nel margine bianco, per il resto in perfetto stato di conservazione. Henry Focillon, nel suo saggio del 1918, suppone che il Piranesi prepari ed incida le tavole per l'opera tra il 1750 ed il 1756, tuttavia, elementi architettonici fanno risalire alcune al 1746. In realtà le tavole più antiche utilizzate nella raccolta risalgono probabilmente ad anni ancora precedenti, come sembra suggerire sia l'estrema complessità dell'opera, legata ad un lunghissimo lavoro di preparazione e ricerca, sia l'oscillazione stilistica riscontrabile comparando le varie tavole. Ad ogni modo, la grandiosità delle Antichità Romane del Piranesi non sta solamente nel grande lavoro grafico prodotto dall'artista: l'opera risulta infatti fondamentale come innovazione metodologica nel settore dell'archeologia a lei contemporanea, con l'uti … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-26 07:56:42
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva, con pieni margini, in perfetto stato di conservazione. Opera tratta dalla prima edizione delle ' Antichità Romane', pubblicata a Roma nel 1756 nella stamperia di Angelo Rotili a Palazzo Massimo alle Colonne, dai signori Bouchard e Gravier, librai e mercanti in Roma con sede presso San Marcello al Corso. La raccolta conteneva un ritratto del Piranesi, inciso da Felice Polanzani, e recava una dedica a James Caulfield conte di Charlemont, dedica poi eliminata in seguito ad un litigio. Di questa edizione originale, che venne alla luce nel maggio del 1756, sono note tre diverse tirature, connesse con le vicende del litigio con lord Charlemont, vicende documentate dal Piranesi stesso nelle sue Lettere di Giustificazione del 1757. Le diverse tirature sono riconoscibili tra loro proprio nel frontespizio del primo tomo, quello originariamente dedicato al nobile inglese, che successivamente si presenta con dedica e stemma araldico abraso, quindi con l'aggiunta di una dedica dell'autore "Aevo Suo Posteri set Utilitari Publicae". "Etching with engraving, 1756, signed on plate. From the first edition of 'Antichità Romane'. A magnific impression, printend on contemporary laid paper, with full margins, very good condition. The first edition was published in Rome in 1756 at the printing-works of Angelo Rotili at the Massimo alle Colonne Palace, by Bouchard and Gravier, book-dealers and tradesmen located in Rome near the church of St. Marcel at the Via del Corso. This collection included a portrait of Piranesi, eng … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-26 07:56:42
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte e bulino, 1756 circa, firmata in lastra in basso a destra. Dalla serie Le Antichità Romane, prima edizione del 1756 edita da Bouchard e Gravier. Meravigliosa prova, ricca di toni, impressa a inchiostro bruno su carta vergata coeva con la tipica filigrana del "doppio cerchio e giglio con lettere CB" (Robison 33), con pieni margini, esemplare in barbe ed in perfetto stato di conservazione. Henry Focillon, nel suo saggio del 1918, suppone che il Piranesi prepari ed incida le tavole per l'opera tra il 1750 ed il 1756, tuttavia, elementi architettonici fanno risalire alcune al 1746. In realtà le tavole più antiche utilizzate nella raccolta risalgono probabilmente ad anni ancora precedenti, come sembra suggerire sia l'estrema complessità dell'opera, legata ad un lunghissimo lavoro di preparazione e ricerca, sia l'oscillazione stilistica riscontrabile comparando le varie tavole. Ad ogni modo, la grandiosità delle Antichità Romane del Piranesi non sta solamente nel grande lavoro grafico prodotto dall'artista: l'opera risulta infatti fondamentale come innovazione metodologica nel settore dell'archeologia a lei contemporanea, con l'utilizzo di scritti che sono essenziali per comprendere il pensiero dell'autore e l'innovazione del metodo piranesiano. Si può quindi sostenere, come giustamente fa notare il Focillon, che l'artista veneziano fondi l'archeologia moderna. Questa innovazione comporta, però, un enorme stacco e una grande divergenza con il pensiero e la cultura ufficiale ed accademica del periodo - di derivazione anglosassone - causando enormi polemiche di cui Piran … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-25 13:57:41
Gilbert, Sir Geoffrey
1756. The First English Book on Evidence [Gilbert, Sir Geoffrey (1674-1726)]. The Law of Evidence. By a Late Learned Judge. In this Edition, The Errors in the Irish Edition have been Corrected, The Original References Carefully Compared, And Many New References Added, Particularly to the Late Sir John Strange's Reports. With a Complete Table to the Whole. London: Printed by Henry Lintot, 1756. [iv], 289, [75] pp. Title page preceded by one-page publisher advertisement. Octavo (7-3/4" x 4-3/4"). Later library cloth, red and black calf lettering pieces to spine. Light soiling, some chipping to edges of lettering pieces. Light browning and occasional light foxing to text, tiny inkspots to a few leaves, later library stamp and two owner signatures ("Robert Hunter Morris/ A.D. 1820" and "R.I. Morris") to head of title page, a few brief library annotations to verso. ,000. * First London edition, a revised reissue of the first edition, Dublin, 1754. "In this edition, the errors in the Irish edition have been corrected, the original references carefully compared, and many new references added, particularly to the late Sir John Strange's Reports. With a complete table to the whole." Derived from a manuscript and originally published anonymously, this was the first treatise devoted exclusively to evidence. "[I]t long held its place as the chief book on this topic; and Blackstone is loud in its praises": Holdsworth, Sources and Literature of English Law 120. English Short-Title Catalogue N10430. [Attributes: First Edition]
Bookseller: lawbook exchange (intrepidbooks) [Clark, New Jersey, US]
2019-07-23 21:23:26
Giuseppe POZZI
Acquaforte e bulino, 1756. Da un soggetto di Paolo Posi. Bella prova, impressa su carta vergata coeva, con margini irregolari, per il resto in buone condizioni. Le macchine del fuoco per la festa della Chinea Chinea in senso letterale, era la mula bianca (o il cavallo ambiatore delle Asturie) che i Re di Spagna presentavano annualmente al papa in forma solenne per il pagamento del censo per il Regno di Napoli. Il cavallo, convenientemente ammaestrato, s'inginocchiava davanti al pontefice e gli offriva la somma di danaro contenuta in un vaso d'argento fissato alla sella. L'offerta era preceduta da una solenne cavalcata della durata di due ore e mezza, lungo un itinerario preciso. Per rendere più solenne la cerimonia, con decreto del 12 maggio 1691 di Carlo II, si obbligavano i "grandi" di Spagna a partecipare al solenne corteo, al quale seguivano per due sere spari di macchine pirotecniche accompagnati da esecuzioni musicali, balli e rinfreschi. La chinea, per la sua regolarità, non era soltanto la festa estiva per eccellenza, ma il migliore biglietto da visita della monarchia spagnola (poi di quella napoletana) nella città eterna, l'arma propagandistica più convincente per guadagnare un consenso universale e l'appoggio politico delle altre potenze. Le celebrazioni erano fastosissime, malgrado i problemi politici della nazione, ed il consueto ritardo nell'invio del danaro per il loro svolgimento. In occasione della festa, palazzo di Spagna e, successivamente, palazzo Colonna e palazzo Farnese, diventavano per due mesi all'anno l'atelier di inventori, pittori, disegnatori e a … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-23 21:23:25
Giuseppe POZZI
Acquaforte e bulino, 1756. Da un soggetto di Paolo Posi. Bella prova, impressa su carta vergata coeva, con margini irregolari, per il resto in buone condizioni. Le macchine del fuoco per la festa della Chinea Chinea in senso letterale, era la mula bianca (o il cavallo ambiatore delle Asturie) che i Re di Spagna presentavano annualmente al papa in forma solenne per il pagamento del censo per il Regno di Napoli. Il cavallo, convenientemente ammaestrato, s'inginocchiava davanti al pontefice e gli offriva la somma di danaro contenuta in un vaso d'argento fissato alla sella. L'offerta era preceduta da una solenne cavalcata della durata di due ore e mezza, lungo un itinerario preciso. Per rendere più solenne la cerimonia, con decreto del 12 maggio 1691 di Carlo II, si obbligavano i "grandi" di Spagna a partecipare al solenne corteo, al quale seguivano per due sere spari di macchine pirotecniche accompagnati da esecuzioni musicali, balli e rinfreschi. La chinea, per la sua regolarità, non era soltanto la festa estiva per eccellenza, ma il migliore biglietto da visita della monarchia spagnola (poi di quella napoletana) nella città eterna, l'arma propagandistica più convincente per guadagnare un consenso universale e l'appoggio politico delle altre potenze. Le celebrazioni erano fastosissime, malgrado i problemi politici della nazione, ed il consueto ritardo nell'invio del danaro per il loro svolgimento. In occasione della festa, palazzo di Spagna e, successivamente, palazzo Colonna e palazzo Farnese, diventavano per due mesi all'anno l'atelier di inventori, pittori, disegnatori e a … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-20 12:33:53
Pierre Hebrard
Dijon: 1756. Treatise on chimneys. Caminology refers to the study of chimneys, or chimney pots and stacks. [Pierre Hebrard] (1718-1759) Caminologie, Ou Traite des Cheminees contenant desobservations sur les differences causes qui font fumer les Cheminees 1756 Dijon contemporary mottled calf, Gilt thistle patterned spine; re backed with most of original spine laid on. In French. Frontispiece Fold out plates Dissertation xliv pages
187 pages, index and catalogue Condition Binding sound Boards firmly attached Interior clean Pencil on back of frontispiece Pencil on title No names- not ex library Last fold out plate minor loss not affecting plate Moderate external wear, minor loss to back cover Corners bumped and rubbed Rubbed Light scattered foxing Pages age toned Some loss to gilt on spine Overall very good for age Ship daily.
Bookseller: bluemangobooksandmanuscripts [New Hope, Pennsylvania, US]
2019-07-13 16:23:13
Berchelmann, Johann Philipp
Frankfurt am Main, Johann Gottlieb Garbe, 1756. 62, (2) SS. Halblederband der Zeit auf 5 Bünden mit goldgepr. rotem Rückenschildchen. Dreiseitiger Rotschnitt. 8vo. Erste Ausgabe; von großer Seltenheit: Blake und Wellcome kennen nur die Neuausgabe von 1764 unter dem veränderten Titel "Sammlung merckwürdiger Abhandlungen vom Krebs worinnen die Ursachen desselben untersucht und zwey bisher geheim gehaltene Mittel zu dessen Heilung bekandt gemacht werden", die daher oft fälschlich als Erstausgabe bezeichnet wird. Hauptwerk des Darmstädter Pfarrerssohns J. P. Berchelmann (1718-83), der in Gießen Medizin studierte, wo er 1764 Amtsarzt und Hessen-Darmstädtischer Leibarzt wurde. Kein Exemplar auf deutschen Auktionen der letzten Jahrzehnte. - Am hinteren Vorsatzblatt zeitgenöss. hs. Inhaltsverzeichnis. Hinterer Innendeckel und hintere Vorsätze mit unbedeutender Wurmspur, sonst sehr ansprechendes Exemplar. - Engelmann 52. Hirsch I, 403. Nicht bei Blake, Wellcome, Waller etc.
Bookseller: Antiquariat Inlibris, Gilhofer Nfg. GmbH [Austria]
2019-07-13 06:27:03
LE PREVOST D'EXMES
à Londres: 1756. LE PREVOST D'EXMES François & LAPORTE Joseph de - La revue des feuilles de Mr. Freron LE PREVOST D'EXMES François & LAPORTE Joseph de La revue des feuilles de Mr. Freron S.n., à Londres 1756, in-12, viij, 3-140 121-406p., 2 parties reliées en un volume. Edition originale, rare.La seconde partie porte pour intitulé : Analyse de quelques bons ouvrages philosophiques, précédée de Réflexions sur la critique.Reliure en plein veau blond glacé marbré d'époque. Dos lisse orné. Pièce de titre en maroquin rouge. Triple filet d'encadrement sur les plats et grands armes frappées aux centres. Très bel exemplaire. la seconde partie possède sa propre page de titre, ainsi que son faux-titre.Aux armes de la princesse de Ligne, Henriette-Anne-Eugénie de Béthizy de Mézières, épouse du Prince Ligne (Claude Lamoral Hyacinthe Ferdinand, Marquis de Moy et de Dormans). Olivier I, pl. 15 : deux écus accolés : I, grands quartiers de Lorraine ; sur le tout : parti, au 1 d'or à la bande de gueules (Ligne) ; au 2, de Lorraine simple ; II, d'azur fretté d'or de six pièces (Béthizy). On notera que les armes féminines sont d'ordinaire beaucoup plus rares que celles masculines.Le journal littéraire de Freron (ennemi déclaré du parti des philodophes et principale cible de Voltaire) avait un succès considérable depuis sa création en 1754, il paraissait encore sous forme de feuilles, pour plus tard former des volumes. LE PREVOST D'EXMES établit une critique en règle du périodiste Freron et de la revue Littéraire. Freron ne vilipendait pas seulement les philosophes mais la littérature de son t … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Livres Anciens Gravures Feu Follet (livresetgravures) [FRA, FR]
2019-07-13 01:11:25
MOUHY
à Paris: 1756. MOUHY Charles de Fieux, Chevalier de - La paysanne parvenue, ou les mémoires de la Marquise L. V MOUHY Charles de Fieux, Chevalier de La paysanne parvenue, ou les mémoires de la Marquise L. V Chez Prault & fils, à Paris 1756, pet. in-12 (8x14,5cm), 378pp. et 308pp. et 326pp. et 386pp., 4 volumes reliés. Nouvelle édition après l'originale parue en 1735 et 1736.Reliure en plein veau blond marbré d'époque. Dos lisse orné. Pièce de titre en maroquin rouge.et de tomaison en maroquin havane. Manque en tête des tomes I et III. Manque en queue du tome I. Un accroc avec manque en queue du mors supérieur du tome IV. Coins émoussés. Malgré les défauts cités, assez bon exemplaire à l'agréable aspect.Glissant sur la vague romanesque lancée par Le paysan parvenue de Marivaux, le chevalier de Mouhy emprunte le concept développé par l'auteur de la vie de Marianne, à savoir l'introduction dans la bonne société d'une jeune paysanne à la fois naïve, sensible et rusée. Celle-ci nous livre d'une manière souvent fort perspicace et comique, dans ce roman de moeurs, au moyen de ses aventures peu banales, le portrait de la société de la première moitié du XVIIIIe. *** [English translation available upon request. Contact us for any information!]. [Attributes: Hard Cover]
Bookseller: Livres Anciens Gravures Feu Follet (livresetgravures) [FRA, FR]
2019-07-12 23:36:11
[CORBIE]
à Mahon [Paris], de l'imp. de Gilles Langlois, 1756, 3 vol. in 12, de XIII-308pp., 1f. XII-308pp. & 3ff. 336pp. joli front. gravé non signé, pl. maroquin rouge XIXe, dos orné, encadrement d'un triple filet doré sur les plats, dentelle int., tr. dorées (Belz-Niédrée). Bel exemplaire très frais (ex-libris bibliothèque Genard [de Grenoble cat. de Vente en 1882], puis F.L.G.) Edition originale, assez rare de ce recueil composé par un dénommé Corbie de parades et pièces libres de boulevards. Selon Barbier IV, 691 "L'éditeur est un nommé Corbie. Nous ne le connaissons que par l'anecdote suivante, tirée d'un manuscrit autographe de Collé, qui, se plaignant de la manière infidèle dont plusieurs de ses parades sont imprimées dans ce recueil, s'exprime ainsi : « Soyez sûrs et certains, que toutes les parades qui sont enterrés vives dans ce damné Théâtre des boulevards sont de la faciende de M. de Sallé (secrétaire de Maurepas), à l'exception de l'Isabelle grosse par vertu, qu'est de Fagan ; une qu'est de Montcrif, en vers (l'Amant Cochemard), une qu'est de Piron (le Marchand de merde), et trois ou quatre autres de moi, qui m'ont été volées par un Savoyard décrotteur.. » " Au 18e siècle, le terme de "parades" désigne une forme dramatique brève au style grossier, parfois obscène, inspiré de la comédie italienne et qui retranscrit un langage et des moeurs populaires outrés. Les représentants les plus connus du Boulevard furent Collé et Vadé, Sallé, Moncrif, Piron, Collé, Fagan, etc. Les titres restent évocateurs : La confiance des cocus, La chaste Isabelle, Le doigt mouillé, L'amant po … [Click Below for Full Description]
Bookseller: L'intersigne Livres anciens [France]
______________________________________________________________________________


      Home     Wants Manager     Library Search     563 Years   Links     Contact      Search Help      Terms of Service      Privacy     


Copyright © 2019 viaLibri™ Limited. All rights reserved.