The viaLibri website requires cookies to work properly. You can find more information in our Terms of Service and Privacy Policy.

Displayed below are some selected recent viaLibri matches for books published in 1682
2014-01-07 19:10:44
THEATRUM SABAUDIÆ
AMSTELODAMI, HÆREDES IOANNIS BLAEU, 1682 (mm 525 x 613 più marg.)Incisione originale su matrice di rame, eseguita all'acquaforte da anonimo artefice dei Paesi Bassi su disegno tracciato da Giovanni Tommaso Borgonio (Perinaldo 1618 circa - ante 1692), noto miniatore e blasonatore della corte sabauda. Sotto la linea d'inquadramento superiore, titolo entro breve, stemma araldico e arma civica. La tavola è tratta dalla prima edizione di una monumentale descrizione dei dominii dei duchi sabaudi, siti al di qua e al di là delle Alpi: nell'opera editoriale si affiancano relazioni scritte a splendide vedute topografiche, disegnate da artefici attivi presso la corte torinese e tradotte su rame da incisori nordeuropei. Veduta topografica della città di Dogliani, l'abitato viene rappresentato cinto dalle fortificazioni con in evidenza le sue chiese e le sue famose torri d'epoca medievale. Esemplare in buono stato conservativo, dai buoni margini; minime tracce d'ossidazione marginali.
Bookseller: Libreria Antiquaria Il Cartiglio di R. C
2014-01-07 19:10:44
THEATRUM SABAUDIÆ
AMSTELODAMI, HÆREDES IOANNIS BLAEU, 1682 (mm 525 x 613 più marg.) - Incisione originale su matrice di rame, eseguita all'acquaforte da anonimo artefice dei Paesi Bassi su disegno tracciato da Giovanni Tommaso Borgonio (Perinaldo 1618 circa - ante 1692), noto miniatore e blasonatore della corte sabauda. Sotto la linea d'inquadramento superiore, titolo entro breve, stemma araldico e arma civica. La tavola è tratta dalla prima edizione di una monumentale descrizione dei dominii dei duchi sabaudi, siti al di qua e al di là delle Alpi: nell'opera editoriale si affiancano relazioni scritte a splendide vedute topografiche, disegnate da artefici attivi presso la corte torinese e tradotte su rame da incisori nordeuropei. Veduta topografica della città di Dogliani, l'abitato viene rappresentato cinto dalle fortificazioni con in evidenza le sue chiese e le sue famose torri d'epoca medievale. Esemplare in buono stato conservativo, dai buoni margini; minime tracce d'ossidazione marginali. 0
Bookseller: Libreria Antiquaria Il Cartiglio
2014-01-05 22:50:34
Nalson, John
London: Printed for S. Mearne, T. Dring, B. Tooke, T. Sawbridge, and C. Mearne. 1682-1683. First Edition. Hardcover. pp. [8] lxiv, lxxvii-lxxix [i], 384, 485-510, 411-572, 615-817 [17] & [viii] xii, 576, 571, 576-920 [22]. Text collated and complete despite erratic pagination which matches that given by the ESTC. Bound in contemporary calf rebacked preserving original spine labels bearing gilt titles, spine with five raised bands & gilt decoration, corners repaired, allegorical frontis to each vol. with frontis of vol.2 trimmed tight on foredge margin with very slight loss to image at lower corner, leaf Ttt3 of vol.1 with small hole in foredge margin not affecting text and leaf Bbbb2 of same vol with small hole just catching a couple of letters, text clean and bright throughout, vol.2 with full page engraved portrait of "Thomas Earle of Strafforde". A very good set. ESTC R6970 & R229450. Wing N106 & 107 , John Nalson (1638-1686) was an English clergyman, historian and early Tory pamphleteer. He was a product of his age, exemplifying the connections between religion and politics that were common at the time and his writings were, in his own words, those of a "true Church of England King's Protestant." He wrote a large number of polemical pamphlets in which he attacked Roman Catholics and nonconformists and engaged with the major political issues of the day. His thinking was shaped by the horrors of the recent Civil Wars and the fear that political crises of the 1670's would push England back into another such war. In 1683, in the aftermath of the Exclusion Crisis, Na … [Click Below for Full Description]
Bookseller: double B books
Check availability:
2014-01-04 21:40:12
LUDOLPHUS, JOB.:
London, Samuel Smith, 1682.. being a full and accurate description of the Kingdom of Abessinia, vulgarly, though erroneously called the Empire of Prester John. In Four Books ... By the learned Job Ludolphus, author of the Ethiopic Lexicon. Made English by J. P. Gent. First English edition 1682 (originally published in Latin in 1681), folio, 335 x 210 mm, 13¼ x 8¼ inches, 8 engraved plates of which 7 are double page, engraved plate of Ethiopic Alphabet, 1 double page genealogical table, no map in this volume but we have the Ethiopic Alphabet (some copies seem to have either the map or the Alphabet), pages: (8), 88, 151-370, 375-398, as in all copies page numbers 89-150 and 371-374 have been omitted, text complete, bound in full old calf, skilfully rebacked to style, blind stamped motif and gilt title to spine, endpapers replaced using old paper. Covers and corners slightly worn, 2 small closed tears to inner edge of title page, repaired, very light spotting to title page, closed tear to 2 lower margins very neatly repaired, 4 plates have short closed edge tears, neatly repaired, occasional small light stain to margins, large very pale damp stain to lower outer corner of about 50 pages, binding tight and firm, a good copy. Contents: taken from title page: I. An account of the nature, quality and condition of the country, and inhabitants; their mountains, metals and minerals; their rivers (particularly of the source of the Nile and Niger); their birds, beasts, amphibious animals, (as the River Horse and Crocodile); serpents, &c. II. Their political government; the genealogy an … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Roger Middleton
Check availability:
2013-12-11 20:54:48
DESGODETZ, Antoine Babuty. ( Desgodets ):
Paris, Chez Jean Baptiste Coignard Imprimneur du Roy, 1682.. FIRST EDITION 1682, French text, folio, approximately 420 x 280 mm, 16½ x 11 inches, handsome title page with large floral border, drawn and engraved by Desgodetz, 137 copper engravings, of which 21 are double page and the rest single page, engraved from the drawings of Desgodets by various French engravers, many of the singles have text on reverse, 2 engraved pictorial headpieces, 2 large historiated initials, pages: (14), 323, (1), the plates are included in the pagination, bound in full modern panelled calf, narrow decorative gilt border to covers, decorative blind stamped panelling, 6 raised gilt bands to spine, richly gilt in compartments, gilt lettered red morocco label, new endpapers. A few pale fox spots to margins of prelim pages and to margins of a couple of plates and their facing text pages, faint browning to edges of one or two plates, occasional offsetting from plates onto facing text. A very good clean bright copy. The work was commissioned by and is dedicated to Jean-Baptiste Colbert, a French politician who served as the Minister of Finances of France from 1665 to 1683 under the rule of King Louis XIV. Desgodets (1653–1728) provided with this major work detailed engravings of the monuments and antiquities of Rome to serve French artists and architects. Brunet, II, 625. MORE IMAGES ATTACHED TO THIS LISTING, ALL ZOOMABLE. POSTAGE AT COST.
Bookseller: Roger Middleton
Check availability:
2013-12-10 17:11:36
THEATRUM SABAUDIÆ
AMSTERDAM, HÆREDES BLAEU, 1682Incisione originale su matrice di rame eseguita all'acquaforte. L'opera è tratta dalla prima edizione di una monumentale descrizione dei dominii dei duchi di Savoia al di qua e al di là delle Alpi: nel sontuoso volume si affiancano relazioni scritte a splendide vedute topografiche, disegnate da artefici attivi presso la Corte torinese e tradotte su rame da incisori olandesi. La tavola in esame appartiene al nutrito gruppo di illustrazioni del Theatrum dedicate alle zone limitrofe la città di Torino, capitale del ducato ed immagine del potere assoluto dei principi sabaudi.Veduta prospettica della città di Rivoli. Esemplare in buono stato di conservazione, tracce di piegatura al centro, dovute all'inserimento in volume.
Bookseller: Libreria Antiquaria Il Cartiglio di R. C
2013-12-10 17:11:36
THEATRUM SABAUDIÆ
AMSTERDAM, HÆREDES BLAEU, 1682 - Incisione originale su matrice di rame eseguita all'acquaforte. L'opera è tratta dalla prima edizione di una monumentale descrizione dei dominii dei duchi di Savoia al di qua e al di là delle Alpi: nel sontuoso volume si affiancano relazioni scritte a splendide vedute topografiche, disegnate da artefici attivi presso la Corte torinese e tradotte su rame da incisori olandesi. La tavola in esame appartiene al nutrito gruppo di illustrazioni del Theatrum dedicate alle zone limitrofe la città di Torino, capitale del ducato ed immagine del potere assoluto dei principi sabaudi.Veduta prospettica della città di Rivoli. Esemplare in buono stato di conservazione, tracce di piegatura al centro, dovute all'inserimento in volume. 0
Bookseller: Libreria Antiquaria Il Cartiglio
2013-12-09 18:19:36
THEATRUM SABAUDIÆ
AMSTELODAMI, HÆREDES IOANNIS BLAEU, 1682 (mm 521 x 628 ca. più marg.)Incisione originale su matrice di rame, eseguita all'acquaforte da anonimo artefice dei Paesi Bassi su disegno tracciato nel 1675 da Giovanni Tommaso Borgonio (Perinaldo 1618 circa - ante 1692). Sotto la linea d'inquadramento superiore, al centro titolo entro cartiglio, nonché, rispettivamente a sinistra e a destra, arma ducale sabauda e arma civica di Asti; entro la parte figurata, all'angolo inferiore destro, indicazioni di Borgonio e Blaeu; sotto la linea d'inquadramento inferiore, richiami. La tavola è tratta dalla prima edizione di una monumentale descrizione dei dominii dei duchi sabaudi, siti al di qua e al di là delle Alpi: nell'opera editoriale si affiancano relazioni scritte a splendide vedute topografiche, disegnate da artefici attivi presso la corte torinese e tradotte su rame da incisori nordeuropei. La raffigurazione in esame è una veduta topografica di Asti, che ri presenta come una città fortificata, munita di un castello e di una cittadella; in alto a sinistra spicca la grande cattedrale gotica. Borgonio, autore del disegno per varie tavole del Theatrum, fu anche noto miniatore e blasonatore della corte sabauda. Esemplare in buono stato conservativo.
Bookseller: Libreria Antiquaria Il Cartiglio di R. C
2013-12-09 18:19:36
THEATRUM SABAUDIÆ
AMSTELODAMI, HÆREDES IOANNIS BLAEU, 1682Incisione originale su matrice di rame eseguita all'acquaforte. La trasposizione su lastra, eseguita con abile e fine tratteggio, spetta ad un anonimo artefice nordico, su disegno tracciato nel 1668 da Tommaso Borgonio (Perinaldo 1618 circa - ante 1692). All'angolo inferiore sinistro, entro cartiglio sormontato da arma ducale sabauda, titolo, legenda con 40 richiami e indicazione dello stampatore; nella parte inferiore del cartiglio, arma civica di Biella. La tavola è tratta dalla I edizione di una monumentale descrizione dei dominii dei duchi sabaudi, posti al di qua e al di là delle Alpi; nell'opera editoriale si affiancano relazioni scritte a splendide vedute topografiche, disegnate da artefici attivi presso la Corte torinese e tradotte su rame da incisori nordeuropei. La raffigurazione in esame è una grandiosa veduta della città di Biella, che appare già distinta nella zona alta e nella zona bassa, cinta di mura. Il disegnatore della veduta, al servizio dei duchi sabaudi fin dal 1649, fu valente topografo, calligrafo e miniatore. Esemplare in buono stato conservativo.
Bookseller: Libreria Antiquaria Il Cartiglio di R. C
2013-12-06 08:59:36
FAERNO (GABRIELE)
FOPPENS 1682 In-12 (146 x 96 mm), (16) pp. - 200 pp. - (6) pp. index, veau brun (reliure d'epoque tres usagee, charniere inferieure fendue, piece de titre de cuir rouge du XIXe, papier jauni, mouillure en marge de quelques pages). Ornee d'une vignette de titre et de 10
Bookseller: Librairie Henri Picard & Fils
2013-12-05 15:24:08
THEATRUM SABAUDIÆ
AMSTELODAMI, HÆREDES IOANNIS BLAEU, 1682Incisione originale su matrice di rame, eseguita all'acquaforte da anonimo artefice dei Paesi Bassi su disegno tracciato nel 1674 da Giovanni Tommaso Borgonio (Perinaldo 1618 circa - ante 1692). Entro la parte figurata, all'angolo superiore destro, titolo inscritto in cartiglio, sormontato da arma sabauda sostenuta da putti; all'angolo inferiore, sempre a destra, tabella con 64 richiami in lingua latina, recante in alto lo stemma civico di Torino. La tavola è tratta dalla prima edizione di una monumentale descrizione dei dominii dei duchi sabaudi, siti al di qua e al di là delle Alpi: nell'opera editoriale si affiancano relazioni scritte a splendide vedute topografiche, disegnate da artefici attivi presso la corte torinese e tradotte su rame da incisori nordeuropei. Pianta topografica di Torino, capitale della dinastia sabauda. La città appare racchiusa da una robusta cinta bastionata, ed è difesa dalla Cittadella voluta da Emanuele Filiberto nel secondo Cinquecento; nella struttura regolare del tessuto urbano, risaltano le piazze su cui si affacciano gli edifici simbolici del potere ducale. Borgonio, autore del disegno per varie tavole del Theatrum, fu anche noto miniatore e blasonatore della corte sabauda. Esemplare in buono stato conservativo.
Bookseller: Libreria Antiquaria Il Cartiglio di R. C
2013-12-05 15:24:08
THEATRUM SABAUDIÆ
AMSTELODAMI, HÆREDES IOANNIS BLAEU, 1682 (mm 445 x 1158 ca. più marg.)Incisione originale su matrice di rame, eseguita all'acquaforte da anonimo artefice dei Paesi Bassi su disegno tracciato nel 1662 da Innocente Guizzaro. Sotto la linea d'inquadramento superiore, all'angolo superiore sinistro, titolo entro cartiglio retto da un putto, in alto al centro arma ducale sabauda, all'angolo superiore destro arma civica di Aosta sostenuta da putti; in lastra, sotto la linea d'inquadramento inferiore richiami in latino. La tavola è tratta dalla prima edizione di una monumentale descrizione dei dominii dei duchi sabaudi, siti al di qua e al di là delle Alpi: nell'opera editoriale si affiancano relazioni scritte a splendide vedute topografiche, disegnate da artefici attivi presso la corte torinese e tradotte su rame da incisori nordeuropei. L'immagine, tra le più ampie e grandiose della pubblicazione, è una bellissima veduta topografica della città di Aosta, con il fiume Dora in primo piano e le montagne sullo sfondo. Sia la descrizione della vegetazione, sia la raffigurazione degli edifici (tra cui spicca l'arco romano a destra ) denunciano la cultura nordica dell'incisore. Esemplare in ottimo stato conservativo;: margine inferiore ampio; margini sottili sugli altri lati.
Bookseller: Libreria Antiquaria Il Cartiglio di R. C
2013-11-19 12:45:45
Vaz, Alvaro (Valasco, Alvaras)
1682. Vaz, Alvaro (Valasco, Alvaras) [1526-1593]. Quaestionum Juris Emphyteutici Liber Primus, Seu Prima Pars [All Published]. Coimbra: Apud Emmanuelem Rodericum de Almeyda, 1682. [ii], 182, [25] pp. Main text in parallel columns. Folio (11-3/4" x 7-1/2"). Later sheep (c. 1700), blind rules and blind-tooled frames to boards, gilt-ruled raised bands, gilt ornaments and gilt title to spine. Moderate rubbing to extremities, corners bumped, light rubbing and a few scuffs to boards, some dampstaining and edgewear to preliminaries and rear endleaves, hinges starting at ends. Title page printed in red and black, woodcut decorated initials and tail pieces. Light toning to text, faint dampstaining and worming to margins in some places. Early annotations to front free endpaper, interior otherwise clean. * Later edition. Originally published in 1591, this is one of two works on leases in Roman and Portuguese civil law by Vaz. Quaestionum was intended to be a two-volume work, but only the first volume was published. It deals with theoretical and general principles. Vaz taught at the University of Coimbra and later became an advocate, then a judge, at the Casa de Supplicacao (Supreme Court) in Lisbon All editions of this work, last published in 1737, are scarce. OCLC locates 2 copies of our imprint (at the Biblioteca Nacional, Madrid, and the Bibliotheque Nationale, Paris). This edition not in the British Museum Catalogue.
Bookseller: The Lawbook Exchange, Ltd.
Check availability:
2013-11-11 22:23:48
BOYLE, Robert..:
Geneva, Apud Samuelem De Tournes. 1682.. tum in aere compresso, tum in factitio, instituta, circa ignem, animalia, &c. Una cum descriptione machinarum continentur. 1682, Latin text, small 4to, 230 x 175 mm, 9 x 6¾ inches, printer's pictorial device on title page, 5 folding engraved plates, pages (4), 130, (2), bound in full antique leather, rebacked and recornered in modern leather, 3 raised bands. Covers slightly worn and pitted, pages lightly age-browned, occasional pale foxing to margins, small light brown stain to title page and first 15 pages, 20 mm (1 inch) diameter gradually diminishing in size, not obscuring text, occasional pale stain to margins, small tear on 1 lower margin (paper flaw?), scribble in lower margin of final text page and first page of index, 4th plate slightly foxed at lower edge, tiny hole in blank area of 5th plate neatly repaired. Binding tight and firm. A good copy. This is an early Latin edition of the second continuation of Boyle's "New experiments physico-mechanicall, touching the spring of the air, and its effects", first published in 1660. It was first published in Latin in London in 1680. This second continuation to Boyle's first scientific work describes the third air pump used in England. This pump was designed in 1676 by Denis Papin, who had brought it with him from France in the same year, when he joined Boyle. Fulton, The Works of the Honourable Robert Boyle, No. 17A and see pages 9-13; A Catalogue of Printed Books in the Wellcome Historical Medical Library, Volume 2, pages 220- 221. MORE IMAGES ATTACHED TO THIS LISTING, A … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Roger Middleton
Check availability:
2013-11-10 15:38:13
THEATRUM SABAUDIÆ
AMSTERDAM, HÆREDES BLAEU, 1682 (mm 445 x 630 più marg.) - Incisione originale eseguita all'acquaforte su matrice di rame, superbamente colorata alla mano d'epoca, con rialzi in oro al cartiglio e allo stemma araldico. La trasposizione su lastra è opera di un anonimo incisore nordeuropeo, su disegno realizzato nel 1665-1666 da Giovanni Tommaso Borgonio ( Perinaldo 1628 ca. - Torino 1691 ). Sotto la linea marginale superiore, agli angoli sinistro e destro, rispettivamente, arma sabauda e titolo entro ricco cartiglio sostenuto da putti. La tavola topografica è tratta dalla prima edizione di una monumentale descrizione dei dominii dei duchi di Savoia al di qua e al di là delle Alpi: nell'opera editoriale si affiancano relazioni scritte a splendide vedute topografiche, disegnate da artefici attivi presso la Corte torinese e tradotte su rame da incisori nordeuropei. L' immagine è una descrizione ideale del castello sabaudo di Rivoli in Piemonte, secondo ambiziosi progetti architettonici seicenteschi che non furono mai portati a termine; anche il grandioso progetto di Filippo Juvarra, elaborato e messo in opera nella prima metà del Settecento, ebbe solo parziale realizzazione. L'edificio è visibile non solo nella tavola in esame, ma anche in un altro foglio del Theatrum che raffigura la città di Rivoli. Esemplare in ottimo stato conservativo. 0
Bookseller: Libreria Antiquaria Il Cartiglio
2013-10-17 20:23:21
THEATRUM SABAUDIÆ
AMSTELODAMI, HÆREDES IOANNIS BLAEU, 1682 (mm 470 x 573 più marg.)Incisione originale eseguita all'acquaforte su matrice di rame da un non identificato artefice nordeuropeo, su disegno di anonimo. Sotto la linea marginale superiore, al centro arma dei San Martino di Agliè sostenuta da putti alati, a destra cartiglio a foggia di drappo recante titolo, sempre retto da putti. La tavola è tratta dalla prima edizione di una monumentale descrizione dei possedimenti sabaudi, siti al di qua e al di là delle Alpi: nell'opera editoriale si affiancano relazioni scritte a splendide vedute topografiche disegnate da artefici attivi presso la corte torinese. L'immagine raffigura una veduta prospettica del castello di Agliè, località del Canavese e feudo di una delle più illustri famiglie subalpine: i marchesi e conti San Martino. L'architettura della residenza ricalca, per stile e ambizione, quella delle "delitie" sabaude, e appare circondata da ampi giardini alla francese con terrazze, scalinate, parterres e specchi d'acqua. La veduta, più che riprodurre il sito come si presentava nel secondo Seicento, ha un carattere ideale, che rispecchia le ambizioni dei committenti. Esemplare in buono stato conservativo, uniforme brunitura.
Bookseller: Libreria Antiquaria Il Cartiglio di R. C
2013-10-17 14:07:37
THEATRUM SABAUDIÆ
AMSTELODAMI, HÆREDES IOANNIS BLAEU, 1682 (mm 482 x 693 ca. più marg.)Incisione originale eseguita all' acquaforte su matrice di rame su disegno di Giovenale Boetto (Fossano 1603 - 1678 ) architetto, ingegnere, topografo, disegnatore, incisore e pittore piemontese. Sotto la linea marginale superiore, titolo entro cartiglio retto da putti con al centro stemma della città; sempre in lastra, sotto la parte figurata, richiami in latino con, a destra, indicazione di Boetto e dello stampatore. L'immagine raffigura una bella veduta aerea della città piemontese di Fossano, situata nell'attuale provincia di Cuneo. La tavola è tratta dalla prima edizione di una monumentale descrizione dei dominii dei duchi sabaudi, posti al di qua e al di là delle Alpi; nell'opera editoriale si affiancano relazioni scritte a splendide vedute topografiche disegnate da artefici attivi presso la corte torinese e tradotte su rame da incisori nordeuropei. Nella tavola in esame, che reca sullo sfondo il profilo delle Alpi, spiccano a destra la cattedrale di San Giovenale e il bellissimo castello medievale con i caratteristici quattro torrioni. Esemplare in ottimo stato conservativo, a pieni margini.
Bookseller: Libreria Antiquaria Il Cartiglio di R. C
2013-10-17 14:07:37
THEATRUM SABAUDIÆ
AMSTERDAM, HÆREDES BLAEU, 1682Incisione originale su matrice di rame eseguita all'acquaforte; al centro del margine superiore, titolo entro festone retto da due putti, all'angolo superiore sinistro stemma sabaudo, a quello destro stemma della città di Saluzzo, con nastro che contiene firma del disegnatore; al margine inferiore sinistro dati editoriali; lungo il bordo inferiore legenda con 24 più 5 richiami. La trasposizione su lastra spetta ad un non identificato artefice nordeuropeo; il disegno dell'opera, eseguito nel 1662, spetta a Giovanni Boetto ( Fossano 1603 - 1678 ) abile incisore, ingegnere, architetto e topografo al servizio dei duchi di Savoia. La tavola è tratta dalla prima edizione di una monumentale descrizione dei dominii dei duchi di Savoia al di qua e al di là delle Alpi: nell'opera editoriale si affiancano relazioni scritte a splendide vedute topografiche, disegnate da artefici attivi presso la Corte torinese e tradotte su rame da incisori nordeuropei. Il foglio in esame è una delle più ampie vedute dell'intero Theatrum Sabaudiae, e rappresenta una vasta panoramica della località di Saluzzo con le montagne sullo sfondo. Esemplare in buono stato conservativo.
Bookseller: Libreria Antiquaria Il Cartiglio di R. C
2013-10-04 19:00:28
THEATRUM SABAUDIÆ
Bookseller: Libreria Antiquaria Il Cartiglio [TORINO, TO, Italy]
2013-10-03 16:31:05
THEATRUM SABAUDIÆ
AMSTELODAMI, HÆREDES IOANNIS BLAEU, 1682Incisione originale su matrice di rame eseguita all'acquaforte. La trasposizione su lastra, eseguita con abile e fine tratteggio, spetta ad un anonimo artefice nordico, su disegno tracciato nel 1668 da Tommaso Borgonio (Perinaldo 1618 circa - ante 1692). All'angolo inferiore sinistro, entro cartiglio sormontato da arma ducale sabauda, titolo, legenda con 40 richiami e indicazione dello stampatore; nella parte inferiore del cartiglio, arma civica di Biella. La tavola è tratta dalla I edizione di una monumentale descrizione dei dominii dei duchi sabaudi, posti al di qua e al di là delle Alpi; nell'opera editoriale si affiancano relazioni scritte a splendide vedute topografiche, disegnate da artefici attivi presso la Corte torinese e tradotte su rame da incisori nordeuropei. La raffigurazione in esame è una grandiosa veduta della città di Biella, che appare già distinta nella zona alta e nella zona bassa, cinta di mura. Il disegnatore della veduta, al servizio dei duchi sabaudi fin dal 1649, fu valente topografo, calligrafo e miniatore. Esemplare in buono stato conservativo.
Bookseller: Krul Antiquarian Books
2013-10-03 16:31:05
THEATRUM SABAUDIÆ
AMSTELODAMI, HÆREDES IOANNIS BLAEU, 1682. Incisione originale su matrice di rame eseguita all'acquaforte. La trasposizione su lastra, eseguita con abile e fine tratteggio, spetta ad un anonimo artefice nordico, su disegno tracciato nel 1668 da Tommaso Borgonio (Perinaldo 1618 circa - ante 1692). All'angolo inferiore sinistro, entro cartiglio sormontato da arma ducale sabauda, titolo, legenda con 40 richiami e indicazione dello stampatore; nella parte inferiore del cartiglio, arma civica di Biella. La tavola è tratta dalla I edizione di una monumentale descrizione dei dominii dei duchi sabaudi, posti al di qua e al di là delle Alpi; nell'opera editoriale si affiancano relazioni scritte a splendide vedute topografiche, disegnate da artefici attivi presso la Corte torinese e tradotte su rame da incisori nordeuropei. La raffigurazione in esame è una grandiosa veduta della città di Biella, che appare già distinta nella zona alta e nella zona bassa, cinta di mura. Il disegnatore della veduta, al servizio dei duchi sabaudi fin dal 1649, fu valente topografo, calligrafo e miniatore. Esemplare in buono stato conservativo. 0
Bookseller: Libreria Antiquaria Il Cartiglio [TORINO, TO, Italy]
2013-10-03 16:31:05
THEATRUM SABAUDIÆ
AMSTERDAM, HÆREDES BLAEU, 1682Incisione originale su matrice di rame eseguita all'acquaforte; al centro del margine superiore, titolo entro festone retto da due putti, all'angolo superiore sinistro stemma sabaudo, a quello destro stemma della città di Saluzzo, con nastro che contiene firma del disegnatore; al margine inferiore sinistro dati editoriali; lungo il bordo inferiore legenda con 24 più 5 richiami. La trasposizione su lastra spetta ad un non identificato artefice nordeuropeo; il disegno dell'opera, eseguito nel 1662, spetta a Giovanni Boetto ( Fossano 1603 - 1678 ) abile incisore, ingegnere, architetto e topografo al servizio dei duchi di Savoia. La tavola è tratta dalla prima edizione di una monumentale descrizione dei dominii dei duchi di Savoia al di qua e al di là delle Alpi: nell'opera editoriale si affiancano relazioni scritte a splendide vedute topografiche, disegnate da artefici attivi presso la Corte torinese e tradotte su rame da incisori nordeuropei. Il foglio in esame è una delle più ampie vedute dell'intero Theatrum Sabaudiae, e rappresenta una vasta panoramica della località di Saluzzo con le montagne sullo sfondo. Esemplare in buono stato conservativo.
Bookseller: Krul Antiquarian Books
2013-10-03 16:31:05
THEATRUM SABAUDIÆ
AMSTERDAM, HÆREDES BLAEU, 1682 - Incisione originale su matrice di rame eseguita all'acquaforte; al centro del margine superiore, titolo entro festone retto da due putti, all'angolo superiore sinistro stemma sabaudo, a quello destro stemma della città di Saluzzo, con nastro che contiene firma del disegnatore; al margine inferiore sinistro dati editoriali; lungo il bordo inferiore legenda con 24 più 5 richiami. La trasposizione su lastra spetta ad un non identificato artefice nordeuropeo; il disegno dell'opera, eseguito nel 1662, spetta a Giovanni Boetto ( Fossano 1603 - 1678 ) abile incisore, ingegnere, architetto e topografo al servizio dei duchi di Savoia. La tavola è tratta dalla prima edizione di una monumentale descrizione dei dominii dei duchi di Savoia al di qua e al di là delle Alpi: nell'opera editoriale si affiancano relazioni scritte a splendide vedute topografiche, disegnate da artefici attivi presso la Corte torinese e tradotte su rame da incisori nordeuropei. Il foglio in esame è una delle più ampie vedute dell'intero Theatrum Sabaudiae, e rappresenta una vasta panoramica della località di Saluzzo con le montagne sullo sfondo. Esemplare in buono stato conservativo. 0
Bookseller: Libreria Antiquaria Il Cartiglio
2013-10-03 16:03:43
THEATRUM SABAUDIÆ
AMSTELODAMI, HÆREDES IOANNIS BLAEU, 1682 (mm 521 x 628 ca. più marg.)Incisione originale su matrice di rame, eseguita all'acquaforte da anonimo artefice dei Paesi Bassi su disegno tracciato nel 1675 da Giovanni Tommaso Borgonio (Perinaldo 1618 circa - ante 1692). Sotto la linea d'inquadramento superiore, al centro titolo entro cartiglio, nonché, rispettivamente a sinistra e a destra, arma ducale sabauda e arma civica di Asti; entro la parte figurata, all'angolo inferiore destro, indicazioni di Borgonio e Blaeu; sotto la linea d'inquadramento inferiore, richiami. La tavola è tratta dalla prima edizione di una monumentale descrizione dei dominii dei duchi sabaudi, siti al di qua e al di là delle Alpi: nell'opera editoriale si affiancano relazioni scritte a splendide vedute topografiche, disegnate da artefici attivi presso la corte torinese e tradotte su rame da incisori nordeuropei. La raffigurazione in esame è una veduta topografica di Asti, che ri presenta come una città fortificata, munita di un castello e di una cittadella; in alto a sinistra spicca la grande cattedrale gotica. Borgonio, autore del disegno per varie tavole del Theatrum, fu anche noto miniatore e blasonatore della corte sabauda. Esemplare in buono stato conservativo.
Bookseller: Krul Antiquarian Books
2013-10-01 11:22:25
ANGO, Pierre
- E Important ouvrage dans lequel Pierre Ango pour lapremière fois enonce l'hypothèse de la nature ondulatoire de la lumière AUTEUR:ANGO, Pierre TITRE: L'Optique divisée en trois livres où l'on démontre d'une manière aisée toutce qui regarde 1° la propagation & les proprietez de la Lumière, 2° la vision, 3° la figure & ladisposition des verres qui servent à les perfectionner.[ LIEU: EDITEUR, DATE:Paris Estienne Michallet 1682 In-12 de 4 ff.n.ch., 367 pp.ch., 1pl. h.-t.; veau brun dos à nerfs orné (reliure de lépoque, dos refait). Edition originale. COLLATION: ff.n.ch., 367 pp.ch FORMAT:In-12 16 x 9 cm RELIURE: Reliure postérieur en demi veau blond glacé, dos à nerfs orné du titre etl'auteur aux fers dorés sur une pièce en cuir rouge. Les nerfs sont filetés et des joliscaissons garnis frappés aux fers dorés. Gardes et tranches jaspées. ILLUSTRATIONS: Bien complet de la planche hors- Texte , et orné de très nombreuses figuresgravées sur bois dans le texte. ETAT: BON EXEMPLAIRE , reliure décorative, les mors frottés par l'usage , le supérieurfendillé sur 2 cm en queue. Intérieur frais et propre, sons rousseurs. BEL EXEMPLAIRE. BIOGRAPHIE & THEME:Dans ce traité publié daprès un manuscrit du Père Pardies, le PèreAngo reprend dune manière plus explicite la théorie exposée par Huygens dans son Traité de lalumière sur la propagation des vibrations du son et de la lumière suivant un mouvement ondulatoire,la seule distinction entre ces vibrations résidant dans leur vitesse. POIDS: 400 g NOUVEAU ! Indiquez-nous vos desiderata pourêtre averti par email de la mise en vente de nouveaux o … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Gribaudo Vandamme
2013-09-28 21:25:32
THEATRUM SABAUDIÆ
AMSTERDAM, HÆREDES BLAEU, 1682 (mm 445 x 630 più marg.)Incisione originale eseguita all'acquaforte su matrice di rame, superbamente colorata alla mano d'epoca, con rialzi in oro al cartiglio e allo stemma araldico. La trasposizione su lastra è opera di un anonimo incisore nordeuropeo, su disegno realizzato nel 1665-1666 da Giovanni Tommaso Borgonio ( Perinaldo 1628 ca. - Torino 1691 ). Sotto la linea marginale superiore, agli angoli sinistro e destro, rispettivamente, arma sabauda e titolo entro ricco cartiglio sostenuto da putti. La tavola topografica è tratta dalla prima edizione di una monumentale descrizione dei dominii dei duchi di Savoia al di qua e al di là delle Alpi: nell'opera editoriale si affiancano relazioni scritte a splendide vedute topografiche, disegnate da artefici attivi presso la Corte torinese e tradotte su rame da incisori nordeuropei. L' immagine è una descrizione ideale del castello sabaudo di Rivoli in Piemonte, secondo ambiziosi progetti architettonici seicenteschi che non furono mai portati a termine; anche il grandioso progetto di Filippo Juvarra, elaborato e messo in opera nella prima metà del Settecento, ebbe solo parziale realizzazione. L'edificio è visibile non solo nella tavola in esame, ma anche in un altro foglio del Theatrum che raffigura la città di Rivoli. Esemplare in ottimo stato conservativo.
Bookseller: Krul Antiquarian Books
2013-09-28 21:25:32
THEATRUM SABAUDIÆ
AMSTELODAMI, HÆREDES IOANNIS BLAEU, 1682 (mm 432 x 1035 ca. più marg.)Incisione originale su matrice di rame, eseguita all'acquaforte da anonimo artefice dei Paesi Bassi su disegno tracciato nel 1662 da Francesco Toscano. Sotto la linea d'inquadramento superiore, al centro titolo entro cartiglio, nonché, rispettivamente a sinistra e a destra, arma ducale sabauda e arma di "Madama Reale" Cristina di Francia; sotto la parte figurata, richiami in italiano disposti su più colonne, con al centro dati di tipografia entro cartiglio, e con a destra indicazione del disegnatore. La tavola è tratta dalla prima edizione di una monumentale descrizione dei dominii dei duchi sabaudi, siti al di qua e al di là delle Alpi: nell'opera editoriale si affiancano relazioni scritte a splendide vedute topografiche, disegnate da artefici attivi presso la corte torinese e tradotte su rame da incisori nordeuropei. La raffigurazione in esame, tra le più grandiose della pubblicazione, è una vasta veduta topografica di Mondovì; la città piemontese appare chiaramente divisa nella parte alta e nella parte bassa. Come nota la studiosa Roccia, l'immagine è l'unica opera oggi conosciuta del pittore monregalese Francesco Toscano. Esemplare in buono stato conservativo; margini buoni a sinistra e a destra; margine sottile in alto e ampio in basso.
Bookseller: Krul Antiquarian Books
2013-09-26 16:20:47
VAN KEULEN, J.
Bookseller: Martayan Lan [New York, NY, U.S.A.]
Check availability:
2013-09-17 21:28:31
THEATRUM SABAUDIÆ
AMSTELODAMI, HÆREDES IOANNIS BLAEU, 1682 (mm 470 x 573 più marg.). Incisione originale eseguita all'acquaforte su matrice di rame da un non identificato artefice nordeuropeo, su disegno di anonimo. Sotto la linea marginale superiore, al centro arma dei San Martino di Agliè sostenuta da putti alati, a destra cartiglio a foggia di drappo recante titolo, sempre retto da putti. La tavola è tratta dalla prima edizione di una monumentale descrizione dei possedimenti sabaudi, siti al di qua e al di là delle Alpi: nell'opera editoriale si affiancano relazioni scritte a splendide vedute topografiche disegnate da artefici attivi presso la corte torinese. L'immagine raffigura una veduta prospettica del castello di Agliè, località del Canavese e feudo di una delle più illustri famiglie subalpine: i marchesi e conti San Martino. L'architettura della residenza ricalca, per stile e ambizione, quella delle "delitie" sabaude, e appare circondata da ampi giardini alla francese con terrazze, scalinate, parterres e specchi d'acqua. La veduta, più che riprodurre il sito come si presentava nel secondo Seicento, ha un carattere ideale, che rispecchia le ambizioni dei committenti. Esemplare in buono stato conservativo, uniforme brunitura. 0 [Attributes: First Edition]
Bookseller: Libreria Antiquaria Il Cartiglio [TORINO, TO, Italy]
2013-08-24 19:46:55
KEULEN, J. VAN
Amsterdam, 1682. No Binding. Near Fine. 20 1/4 x 22 3/4 inches. Fine hand color; on two-ply paper as issued, excellent condition. One of the first, if not the first, printed chart to focus on the Yucatan Peninsula. It highlights the vital shipping lanes between Cuba, at lower left, and the Yucatan. The finely engraved chart is oriented with north to the bottom and includes the island of Cozumel. Its place names are all in Spanish suggesting a Spanish source for this Dutch chart.
Bookseller: Martayan Lan, Inc.
Check availability:
2013-08-12 22:40:20
LUDOLPHUS, JOB.:
London, Samuel Smith, 1682.. being a full and accurate description of the Kingdom of Abessinia, vulgarly, though erroneously called the Empire of Prester John. In Four Books ... By the learned Job Ludolphus, author of the Ethiopic Lexicon. Made English by J. P. Gent. First English edition 1682 (originally published in Latin in 1681), folio, 335 x 210 mm, 13¼ x 8¼ inches, 8 engraved plates of which 7 are double page, engraved plate of Ethiopic Alphabet, 1 double page genealogical table, no map in this volume but we have the Ethiopic Alphabet (some copies seem to have either the map or the Alphabet), pages: (8), 88, 151-370, 375-398, as in all copies page numbers 89-150 and 371-374 have been omitted, text complete, bound in full old calf, skilfully rebacked to style, blind stamped motif and gilt title to spine, endpapers replaced using old paper. Covers and corners slightly worn, 2 small closed tears to inner edge of title page, repaired, very light spotting to title page, closed tear to 2 lower margins very neatly repaired, 4 plates have short closed edge tears, neatly repaired, occasional small light stain to margins, large very pale damp stain to lower outer corner of about 50 pages, binding tight and firm, a good copy. Contents: taken from title page: I. An account of the nature, quality and condition of the country, and inhabitants; their mountains, metals and minerals; their rivers (particularly of the source of the Nile and Niger); their birds, beasts, amphibious animals, (as the River Horse and Crocodile); serpents, &c. II. Their political government; the genealogy an … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Roger Middleton
Check availability:
2013-07-31 13:00:12
Sébastien LE CLERC
"chez Jean Jomb" 1682: "chez Jean Jomb" a very good copy - 1682, in 12 (16x9,5cm), (6) 188pp. (8); a second edition published in 1682 after the first edition published in 1669 with the changes made to the first edition identified at the end of the book. contemporary leather binding in VG conditions with gilted decorated spine, raised bands, bumped corners, tight hinges, never repaired. missing the front end paper. With an original frontispiece and 82 plates in VG conditions. This geometry treaty had an important influence for future mathematicians and even architects. Le Clerk (1637-1714) was engineer, geographer, perspective professor, and was admitted at the Academy as a painter; he equally composed a treaty d" architecture and was named by the French King Louis XIV the official engraver of his office. Each of his plates depicts not only geometrical forms but he combined them with scenes of life which makes the book more interesting and attractive. A scarce book in these conditions.. First Thus. Full-Leather. Very Good.
Bookseller: erlich, kramer & associates Antiquarians
Check availability:
2013-07-31 11:37:47
BAXTER, RICHARD.
propheten Ezechiel/ ock är thet uthaf hans propheties 33 cap. och then 11 versen/ sålunda lydandes: så sant som iagh lefwer/ säger herren/ herren/ jagh hafwer ingen lust til then ogudachtiges dödh etc. Thenne book är i förstonne samman skrefwen aff en doctor uthi then h. skriff/ benämbd Richard Baxter/ på thet engelske språket/ sedermehr/ verterat på thet tyske/ uthaf Johanne Tonjola, italienske predikant uthi Basel/ och affsatt på swänskan aff Joh. Silvio. Åhr 1682 tryckt medh kongl. may.tz räntemästares/ edel och welb. herr Jacob Sneckenbergs wälmente bekostning. Sthlm, H. Keyser, 1683. 12:o. (12),336 s. Samtida ngt nött mörkbrunt skinnbd med upphöjda bind, guldornerad rygg och ngt senare titeletikett i grön glättad papp: "Guds tal och röst". Klistermarmorerade röda snitt. Pärmarna med förgyllda ramverk, hörnstämplar och mittornament samt bevarade spännen. All ornering är oxiderad. Några småfläckar, mest på de inledande bladen, men som helhet ren. Fläck i texten på s. 122-48 och 161-89. Med initialerna "L. F." på titelbladet, delvis bortskrapad 1700-talsnamnteckning "Johanna Schialotta" daterad i Alingsås, Johan Wärnbergs namnteckning, Kungliga bibliotekets duplettmarkering i blyerts, Stråles exlibris och från Ericsberg.. Collijn Sveriges bibliografi 1600-talet 51 med felaktig kollationering. Översättaren Johan Silvius har använt sig av en tysk förlaga, översatt från det engelska originalet av den italienska predikanten Johannes Tonjola. Baxters originalskrift, "A call to the unconverted to turn and live" utkom 1657 och hade redan 1660 tryckts nio upplagor och översattes … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Mats Rehnström
2013-07-28 12:45:00
Whitelocke, Bulstrode
London: Printed for Nathaniel Powder At the Sign of the Peacock. 1682. Hardcover. Contemporary calf rebacked with five raised bands on spine, spine label bearing gilt titles, joints starting from upper edges, corners worn and some wear to edges of boards, bookplates of Alexander Finlay and D. G. Mackenzie to front pastedown, some browning throughout as usual, some soiling to leaves F & F2 but text remains legible, p.305 with split in centre of page with no loss of text, pagination and register erratic. , Sir Bulstrode Whitelocke (6 August 1605 – 28 July 1675) was an English lawyer, writer and parliamentarian. During the English Civil war he took the parliament's side but he acted with moderation throughout, taking no part in the trial of King Charles I or in the disputes between parliament and the army. His account of the civil war and the events surrounding it was published postumously by Arthur Annesley, Earl of Anglesey, "who took considerable liberties with the ms." (Lowndes, Bibliographer’s manual). Despite that, alongside Clarendon's history, it remains one of the most important contemporary accounts of the civil war period. , Folio 13" - 23" tall .
Bookseller: double B books
Check availability:
2013-07-25 12:19:47
Comber, Thomas (1645-1699)
London: at the Peacock in St. Paul's Church-yard: Roycroft, S. for Clavel, Robert, 1682. his is a rare publication and has been rebacked to preserve the original period boards. The pages are clean with only occasional foxing to the first and last few leaves and a slight browning to the title-page. There is an interesting ex libris plate from James Harrop Dransfield on the front paste-down. It shows a head in profile impaled upon a sword with the motto: Cutta Cavat Lapidem Non Vi Sed Saepe Cadendol. Also contains the bookplate of James Harrop Dransfield with the quotation "Gutta Cavat Lapidem No Vi Sed Saepe Cadendo." or "A drop of water hollows a stone, not by force, but by continuously dripping." and it has a Head impaled on a Standing Sword. This is an extremely rare book sold by Calixbooks online. NO Copies of the First Edition are present in ANY library. All libraries have the 1685 edition. No copies of the 1685 edition are available online. Only one library around the world has a copy of the book. Thomas Comber:'I have reason to believe many have been encouraged to commit by that current and commonly received Error, That Tithes are not due by Divine right, but only by humane positive Constitutions. For in the days of our Fathers, while the Divine right was generally maintained and believed, it was thought a matter of Conscience to pay Tithes justly. But now they that are either so cunning to avoid discovery, or so great to despise the punishments of the Law, do without scrupple in part, or in whole, subtract or detain their Tithes, and by this false Principle are pers … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Calix Books [U.S.A.]
Check availability:
2013-07-21 00:52:31
VAIRASSE D'ALAIS, Denis
Amsterdam,: T. van Hoorn, 1682.. Small quarto, four parts in one volume (part 4 with separate pagination), engraved frontispiece by J. Luiken (dated 1683) and 16 plates (repairs to tears in two plates, one with insubstantial loss at bottom corner); a few upper margins a little short but a very good copy in full vellum antique. Very rare, the first fully illustrated edition of this seventeenth-century imaginary voyage to western Australia, based on the story of the wreck of the VOC ship Vergulde Draeck in 1656. The plates are thus early - if imaginary - depictions of the Australian coast, and include two coastal scenes depicting the first meeting with the local population, the Australian court, and the fabulous fauna.The importance of the detailed and inventive illustrations has been overlooked: after the various editions of Pelsaert, this is the second major work to depict life and conditions on the Australian mainland, however fancifully. This work also has an important connection with Vlamingh's exceedingly rare Journaal wegens de Voyagie of 1701, as Vlamingh's very real voyage to Australia in 1696-7 only made it separately into print as a companion volume to the second Dutch edition of this imaginary work (see catalogue no. XXXX).The story is based on the 1656 wreck of the Vergulde Draeck, which ran aground on the coast north of modern-day Perth. Seventy-five of the crew and passengers made it ashore. The captain Pieter Albertsz despatched a crew of seven in a small boat to Batavia and a rescue expedition was mounted, but found no trace of the survivors; the possibility … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Hordern House Rare Books
Check availability:
2013-07-20 06:23:01
SOUSA DE MACEDO. (António)
1682. EM QUE SE EXAMINAM AS FELICIdades, & se beatifica a vida NO PATROCINIO DA VIRGEM MÃY da Graça, HOROSCOPO da Constellaçaõ melhor afortunada. ESCRIVIA ANTONIO DE SOVSA DE MACEDO &c. LISBOA. Na Officina de MIGVEL DESLANDES. A custa de Antonio Leite Pereira. M.DC.LXXXII. [1682]. In 4º (de 19x14 cm) com (xvi)- 230-(xviii) pags. Encadernação da época inteira de pele com ferros a ouro na lombada e no rótulo vermelho. Exemplar apresenta folha de rosto com título de posse da época. Obra escrita pelo mesmo autor de "Flores de España, Excelencias de Portugal"; "Eva e Ave, ou Maria triumphante";" Mercurios Portuguezes, com as novas da guerra entre Portugal e Castella"; e muitas outras obras importantíssimas. Barbosa Machado I, 401. Pinto de Matos, 592. Inocêncio I, 276: "Antonio de Sousa de Macedo, Fidalgo da Casa Real, Commendador das Ordens de Christo e S. Bento de Avis, Doutor em Direito Civil pela Univ. de Coimbra, Desembargador da Casa da Supplicação, Secretario de Embaixada na Côrte de Londres, e Embaixador aos Estados de Hollanda, Secretario d’Estado d’Elrei D. Affonso VI, etc. etc. Foi oriundo da villa de Amarante, mas nascido na cidade do Porto, e ahi baptisado na freguezia de N. S. da Victoria (segundo diz Barbosa) a 15 de Dezembro de 1606. Depois de prospera e adversa fortuna veiu a falecer em Lisboa no 1.º de Novembro de 1682" "Dominio sobre a Fortuna, e Tribunal da Razão em que se examinam as felicidades, e se beatifica a vida. Lisboa, por Miguel Deslandes 1682. 4.o - Sahiu tambem no fim da Eva e Ave nas edições de 1716 e 1720". Language: Português / Portuguese Locat … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Livraria Castro e Silva [Lisboa, Portugal]
2013-07-16 03:11:25
Virgil
[Virgil] Vergilius Maro, Publius: (La Rue, C. de, ed.:) (Heinsius, N.:) Opera  [....]  jussu Christianissimi Regis, ad usum serenissimi Delphini. Segunda editio. Parisiis [Paris]: Apud Simonem Benard, 1682. Latin text.4to. pp.[xxvi] 866.[cxcii] plus engraved frontispiece. Printer's device to title page. Headpiece, printer's device, capital to first page.  Full contemporary calf with raised bands. Newer maroon leather label with bright gilt titles to one of six spine compartments.  Remains of gilt to spine. Boards and spine are rubbed and scuffed, else binding is straight, tight, and clean. Hinges and text block are sound. Some repairs. Notations to rear free end paper, else interioir is clean, bright, and crisp. No foxing or staining. Overall condition to be very good plus.Schweiger III 1171. More details and e-photos upon request.
Bookseller: Dave Rottman Rare Books
Check availability:
2013-07-15 21:57:28
Christopher Irvine
Gideon Shaw, Edinburgh, 1682. First Edition. Hardcover (Full Leather). Good Condition. Full contemporary sheep neatly rebacked, wear and notes to endpapers, wear, notes and a library stamp to title. Trimmed a little close on the top edge, touching the title and just grazing the running title in a few spots. A good copy of Irvine's dictionary of Latin names used in Scottish history. (xii), 253, (2)pp. Size: Octavo (8vo). Quantity Available: 1. Shipped Weight: Under 1 kilo. Category: Language & Linguistics; Antiquarian & Rare. Inventory No: 043257. .
Bookseller: Pazzo Books
2013-06-11 11:48:31
MORIN Jean (MORINO Johannes)
Antuerpiae (Antwerpen/Anversa), Ex Officina Frederici à Metelen, sub signo quatuor Evangelistarum. Cum privilegio Regis Christianissimi 1682 rilegatura restaurata, nel complesso ottimo esemplare 1 volume Dotta e documentata dissertazione storico-teologica sulla Confessione ovvero il Sacramento della Penitenza. L'autore è Jean Morin (1591-1659), talora sotto il nome latinizzato di Johannes Morino, teologo, nato da genitori calvinisti, si convertì [...] Frontespizio, capilettera e finalini con incisioni; testo su due colonne (prefazioni su una) in latino, greco ed ebraico; frontespizio con caratteri rossi e neri; tracce di segnalibri in tessuto; 20 [...]
Bookseller: Libreria Editrice Belriguardo
2013-06-06 17:22:35
SWAMMERDAM, J.
Ou l'on expose clairement la manière lente & presqu' insensible de l'accroissement de leurs membres, & ou l'on decouvre evidemment l'erreur ou l'on tombe d'ordinaire au sujet de leur prétendué transformation. Utrecht, G. de Walcheren, 1682. Small-4to. pp. (8), 215, (1), with woodcut title-vignette, 1 folded table and 13 (10 folded) engraved plates. 18th century marbled boards. Hagen II, 209; Horn & Schenkling 21794; Nissen ZBI, 4054. First French edition; the original Dutch edition was published in 1669, entitled 'Historia Insectorum generalis'. "Swammerdam's thesis about insects was fundamentally new and significant. For his contemporaries, as for Aristotle, there existed three good arguments, that not only placed the insects far from the higher animals, but even tended to remove them from the realm of subjects open to scientific study. These arguments were: insects lack internal anatomy; they originate by spontaneous generation; and they develop by metamorphosis. Swammerdam believed that all three arguments were false and devoted a wide variety of investigations to refute these ideas" (D.S.B. XIII, pp. 168-175). Old stamp on verso of title.
Bookseller: Antiquariaat Junk B.V.
2013-06-06 17:22:35
SWAMMERDAM, J.
Ou l'on expose clairement la manière lente & presqu' insensible de l'accroissement de leurs membres, & ou l'on decouvre evidemment l'erreur ou l'on tombe d'ordinaire au sujet de leur prétendué transformation. Utrecht, G. de Walcheren, 1682. Small-4to. pp. (8), 215, (1), with woodcut title-vignette, 1 folded table and 13 (10 folded) engraved plates. Contemporary boards, spine with 2 red gilt lettered labels. Hagen II, 209; Horn & Schenkling 21794; Nissen ZBI, 4054. First French edition; the original Dutch edition was published in 1669, entitled 'Historia Insectorum generalis'. "Swammerdam's thesis about insects was fundamentally new and significant. For his contemporaries, as for Aristotle, there existed three good arguments, that not only placed the insects far from the higher animals, but even tended to remove them from the realm of subjects open to scientific study. These arguments were: insects lack internal anatomy; they originate by spontaneous generation; and they develop by metamorphosis. Swammerdam believed that all three arguments were false and devoted a wide variety of investigations to refute these ideas" (D.S.B. XIII, pp. 168-175). One leaf with 2 small tears.
Bookseller: Antiquariaat Junk B.V.
2013-06-06 14:36:13
FRESCHOT CASIMIRO
HERTZ VENEZIA 1682 Vol.in12°, leg. in pergamena coeva con tassello al dorso e titoli in oro, con 52 tavv. raffiguranti centinaia di stemmi incisi su rame, ex libris di Bernardo Nani al contro piatto, al foglio di guardia la nota manoscritta "Leonardo Trissino 1821, dono di Francesco Testa, pp.440 + 12, ottimamente conservato, edizione di Hertz sconosciuta all'SBN.
Bookseller: Hobbylibri
2013-06-06 12:08:14
Sparke, Edward:
London: Printed by J. Redmayne, Jun. for T. Basset and J. Brome and are to be sold by J. Williams at the Crown in St. Pauls Churchyard 1682.. The Seventh edition revised by the author. With additions upon the Three Grand Solemnities last annexed to the Liturgy: consisting of Prose, Poems, Prayers and Scriptures. (38) 640 (5) pp. page 641 is misnumbered as 433. The Appendix has a separate title page also dated 1682, with 40 engravings, no frontispiece portrait. Copac lists only one copy of this edition but gives the number of preliminary pages as 40 whereas this has 38 but no evidence of any missing page. Recently professionally rebound in calf, with blind stamped and gilt edged boards, six panelled spine with raised bands, gilt lining and blind stamped panel centres, black and gilt spine labels, new marbled endpapers.
Bookseller: Saintfield Antiques & Fine Books
2013-05-30 17:55:56
GROTIUS, HUGO. - [RICHARD CROMWELL'S COPY OF THE FIRST FULL ENGLISH EDITION]
London, Printed by M.W. for Thomas Basset, and Ralph Smith, 1682. Folio. Contemporary full calf with "BIRMINGHAM LAW SOCIETY" in gilt lettering to front board and the gilt symbol of same to centre of back board. Beautifully rebacked to style. Corners and edges worn. With two engraved bookplates, one of Birmingham Law Society, and the inscriptions "Totteridge Park/ Library" and "repaired 1827" to pasted down front end-paper. Front free end-paper with a three-line handwritten note ab. the later 1736-edition of the work. First fly-leaf with the handwritten ownership signature of Richard Cromwell. Second fly-leaf 9-line handwritten note on the work. Underneath, in a later handwriting is the date "London Sept. 1842". Birmingham Law Society stamps to first three leaves + first page of Book + first page of indexI. Title-page printed in red and black. A bit of occasional brownspotting, but all in all very nice. Woodcut headpieces and initials. 3 ff. (the engraved frontispiece, title-page, and Epistle to the reader), XXI (Preface), (5, - contents), 572, (2), 30 pp. (Index).. Fist edition- RICHARD CROMWELL'S COPY - of the first complete translation into English of Grotius' groundbreaking magnum opus, "De Jure Belli ac Pacis", the founding work of international law. The profoundly influential masterpiece - written during the Thirty Years' War, in the hope that rational human beings might be able to agree to legal limits on war's destruction - "made him famous throughout Europe... [t]he questions which he put forward have come to be the basis of the ultimate view of land and society. T … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Lynge & Søn A/S
2013-05-04 10:15:19
Nobbes, Robert; [By a Lover of the Sport]
London T James; Thomas Helder 1682. G : in Good condition. Later rebind with cropped pages. Green eps. Prelims loose but still intact. Rubbed leather spine. Minor bumping to corners. Some chipping to some pages. Aeg First Edition Green/gilt leather tooled cover 78pp :: 150mm x 90mm (6" x 4") :: Fishing. Rivers in England include: Avon, Cham, Swift, Ouse, Humber, Trent, Tine [Tyne], Tweed, Severne, Thames, Chester, Dove, Medway, Tame [Thame]
Bookseller: Barter Books
2013-05-01 08:00:02
Nobbes, Robert; [By a Lover of the Sport]
G : in Good condition. Later rebind with cropped pages. Green eps. Prelims loose but still intact. Rubbed leather spine. Minor bumping to corners. Some chipping to some pages. Aeg First Edition Green/gilt leather tooled cover 150mm x 90mm (6" x 4"). 78pp. Fishing. Rivers in England include: Avon, Cham, Swift, Ouse, Humber, Trent, Tine [Tyne], Tweed, Severne, Thames, Chester, Dove, Medway, Tame [Thame].
Bookseller: Barter Books
2013-04-20 10:36:01
Bonet, Théophile
Genève, Leonard Chouët, 1682. Folio. 12 n.n. Bl., 987 S., 15 n.n. S. Index. Mit einer gestochenen Titelvignette. Pergamentband der Zeit. Waller 1276 (mit 1683). - Hirsch-H. I, 619. - Dict. hist. méd. I, 444. "C'est un dictionnaire de médecine pratique dont chaque article est composé d'extraits d'un grand nombre d'auteurs choisis avec discernement." - Erste Ausgabe. Drei Jahre nach seinem Hauptwerk zur Pathologie, der "Sepulchretum" erschienene Sammlung. Im Gegensatz zu dieser wird hier die Diagnostik in der praktischen Medizin behandelt. - Durchgehend gebräunt und stockfleckig. Pergamentbezug am Rücken mit Fehlstellen. Kleine Wurmspur im Hinterdeckel und auf den letzten 3 Blatt. - Selten.
Bookseller: Daniel Thierstein Buchantiquariat [Switzerland]
2013-04-03 15:58:09
TUKE, Richard
London, printed for John Hancock & Enoch Prosser 1682.. Sm. 8vo, small engraved portrait by Van Hove (cut round & mounted), [8], 150 pp., advt leaf, early marginalia in brown ink, slightly browned & foxed, later morocco. Wing T3227. Only edition, scarce. The body of a wool merchant, Sir Edmund Berry Godfrey (1621-1678), was found in a ditch on Primrose Hill in 1678. He was certainly murdered, and the murder was probably in some way connected with his having taken the deposition of Titus Oates on the alleged Popish plot, but the mystery has never been cleared up. Primrose Hill was then known as Greenberry Hill; and one of the oddities of the case is that the three men charged with his murder were called Green, Berry and Hill (round up the usual suspects?). This is the most important contemporary source; it concludes with two poems. This copy is annotated in a contemporary hand on the title and elsewhere by someone very interested - perhaps in some way involved? - in the case. ESTC calls for a portrait, but I am not certain that the one here is not a replacement. vf21
Bookseller: Sevin Seydi Rare Books
______________________________________________________________________________


      Home     Wants Manager     Library Search     564 Years   Links     Contact      Search Help      Terms of Service      Privacy     


Copyright © 2020 viaLibri™ Limited. All rights reserved.