The viaLibri website requires cookies to work properly. You can find more information in our Terms of Service and Privacy Policy.

Displayed below are some selected recent viaLibri matches for books published in 1603
2020-02-16 10:23:01
DESPORTES Philippe
- Par la veuve Mamert Patisson, A Paris 1603, In-16 (8x13cm), (4f.) 168ff. (8f.) ; 15ff. (1f.), relié. - Edition originale. La page de titre des Poesies chrestiennes est à la date de 1601. Marques de l'éditeur en pages de titre. Reliure en demi veau glacé lie-de-vin ca 1830 dans le goût de Thouvenin. Dos à nerfs orné de 3 fers à froid et de roulettes. Pièces de titre dorés sur veau. Tranches marbrées. Philippe Desportes (1546-1606), considéré par ses contemporains comme le plus grand poète vivant, assure la transition littéraire entre Ronsard et Malherbe. Le dessein de Desportes était de donner aux catholiques de France une traduction qui fut l'équivalent de celle de Marot et Théodore de Bèze pour les réformés. Parus pour la première fois en 1591, au nombre de soixante, les pseaumes furent portés à cent en 1598, et enfin à cent cinquante en 1603. NB : Cet ouvrage est disponible à la librairie sur demande sous 48 heures. [AUTOMATIC ENGLISH TRANSLATION FOLLOWS] 43861 (4f.) 168ff. (8f.) ; 15ff. (1f.) [Attributes: First Edition; Hard Cover]
Bookseller: Librairie Le Feu Follet [Paris, France]
2020-02-11 18:44:06
East Indies] Guzman, Pedro de (Father); Turselino, Horacio (Father).
1603. First Spanish edition of this history of the East Indies and the Life of Saint Francis. 1603. Valladolid. 4to, (200 x 135 mm). 5 ff., 1 [blank], 10 ff., 351 ff. Recent calf, spine with raised bands, tooled and lettered in gilt. Light water staining mostly marginal to first leaves, overall a fresh copy in excellent condition. 9,000 $ First Spanish edition of this chronicle of European exploration and evangelization in Asia, namely Japan, China, Malacca and the Philippines, extraordinarily rare, narrated mostly through the life of Saint Francis Xavier; this is one of the first biographies of Saint Francis, “Apostle of the Indies”, published. Jesuit Father Guzman prepared the translation after the original Italian, by Torsellino. Saint Francis’ life and voyages was truly remarkable, meriting several accounts by different authors, though this one is amongst the most primitive and important, reproduced well into the 17th century. The work is divided in the following chapters: De la vida del Padre Francisco Xavier, Of the state in which he found India, how he reformed the costumes of the people who lived in Malacca and the Moluccas (Philippines), On his learning of the costumes and religion of the Japanese, On his determination to go to China but first went to India. Palau, 337825. [Attributes: First Edition; Hard Cover]
Bookseller: HS Rare Books [Capital Federal, CAP, Argentina]
2020-02-09 16:42:14
Richtern, 1603. späterer Einband (wohl 19. Jh.), Titelbl. etwas beschmutzt. 1 Besitzvermerk. Mit Kupfern. Einige Seiten fachmännisch ausgebessert. Am rechten Blattrand leichte Feuchtigkeitsspuren. Kleines Märkchen am unteren Buchrücken. Exlibr. auf d. Titelblattrückseite. Selten
Bookseller: Schnucke61 [Germany]
2020-02-06 09:50:08
1603. Artikeldetails New Reformierte Landtsordnung der Fürstlichen Graffschafft Tyrol, wie die auf Landts-Fürstlichem Befelch, im 1603. Jahr, umgedruckt worden. [Und:] Fürstlicher Durchleuchtigkeit Ertz-Hertzog Ferdinanden zu Oesterreich […] Ordnung vnd Reformation Gueter Policey, In Ihrer Durchleuchtigkeit Fürstlichen Graffschafft Tyrol. [FERDINAND II.] - Innsbuck, Daniel Paur [1603]. 2 Tle. in 1 Bd. kl.-4°. ill. Titel m. gr. Holzschnitt, 5 nn. Bll., CXLVI num. Bll., 30 nn. Bll. (Register), 1 Bl., XXIX Bll. Ldr. d. Zt. m. goldgeprägt. Rückensch. Zeitgen. Einträge, Namenstempel, Exlibris a. d. Vors. EA. Bestell-Nr: 2142-19 Bemerkungen: VD 17 12:623474N; BM STC T 845 - Einer von drei Drucken im selben Jahr. Neue Ausgabe der 1526 und 1573 erstmals erschienenen Ferdinandeischen Landes- und Polizeiordnung, "eine umfassende Kodifikation der provinziellen Rechte, des öffentlichen Rechts, sowohl einschließlich des Strafrechts wie auch des Privat- und Prozeßrechts" (Huber 164). Der große Titelholzschnitt mit dem Porträt von Erzherzog Ferdinand in figurlicher Umrahmung mit Wappen. Motive der Kopfleisten: Bacchusfigur mit vegetabilem Schmuck (Herbst); Blumenrapport (Nelken); Titelholzschnitt: Portr. von Erzherzog Ferdinand von Österreich mit allegor. Rahmen m. Wappen. Ohne die mehrfach gefaltete Maßtafel. Schlagworte: Geschichte, Austriaca, Juridica u. Staatswissenschaften, TirolEUR 810,79 (inkl. 10,00% MwSt.) Versandkostenfrei innerhalb Deutschlands Weitere Abbildungen Artikel eingestellt mit dem w+h GmbH eBay-Service Daten und Bilder powered by Buchfreund (2020-01-27).
Bookseller: Burgverlag Rare Books and Prints (antiquariat1epj) [Wien, AT]
2020-02-05 17:50:46
Innsbuck, Daniel Paur [1603].. 2 Tle. in 1 Bd. kl.-4°. ill. Titel m. gr. Holzschnitt, 5 nn. Bll., CXLVI num. Bll., 30 nn. Bll. (Register), 1 Bl., XXIX Bll. Ldr. d. Zt. m. goldgeprägt. Rückensch. Zeitgen. Einträge, Namenstempel, Exlibris a. d. Vors. EA. VD 17 12:623474N; BM STC T 845 - Einer von drei Drucken im selben Jahr. Neue Ausgabe der 1526 und 1573 erstmals erschienenen Ferdinandeischen Landes- und Polizeiordnung, "eine umfassende Kodifikation der provinziellen Rechte, des öffentlichen Rechts, sowohl einschließlich des Strafrechts wie auch des Privat- und Prozeßrechts" (Huber 164). Der große Titelholzschnitt mit dem Porträt von Erzherzog Ferdinand in figurlicher Umrahmung mit Wappen. Motive der Kopfleisten: Bacchusfigur mit vegetabilem Schmuck (Herbst); Blumenrapport (Nelken); Titelholzschnitt: Portr. von Erzherzog Ferdinand von Österreich mit allegor. Rahmen m. Wappen. Ohne die mehrfach gefaltete Maßtafel.
Bookseller: Antiquariat Burgverlag [Austria]
Check availability:
2020-02-04 00:27:11
Cyprian EICHOVIUS
1603. "Rarissima carta geografica, due carte stampate al verso e al recto del foglio, tratte dal ""Delitiae Italiae et index viatorius, indicans itinera ab urbe Roma ad omnes in Italia"". Da una lato la carta della penisola, dall'altro la carta dell'Abruzzo. Incisioni in rame, in ottimo stato di conservazione. Rarissima. Cyprian Eichovius è lo pseudonimo di Matthias Quad (Deventer 1557 - Colonia 1613). Come spesso succedeva all'epoca per sfuggire alle persecuzioni cattoliche contro i protestanti Matthias Quad usò per la sua attività diversi pseudoni¬mi, tra cui quelli noti di C. Eichovius, M. Quadus, M. Quad von Kinckelbach e quello di Konrad Loew. Fuggito dall'Olanda in Germania nel 1587, studiò ad Heidelberg e divenne poi uno dei più prolifici esponenti della cosiddetta Scuola Cartografica di Colonia, durata per circa mezzo secolo (1570-1620 ca.) e formata principalmente da rifugiati fiamminghi ed olandesi tra i quali spiccano lo stesso Quad e Frans Hogenberg che ne fu il fondatore. Nel 1594 Quad pub¬blica a Colonia Europae, totius terrarum orbis partis praestantissimae descriptio. Nel 1596 ca., sempre a Colonia pubblica Typus Orbis Terrarum, ad Imitationem Universalis Gerhardi Mercatoris, un planisfero sulla base dell'opera marcatoria-na e nel 1600 pubblica il suo primo atlante mondiale autonomo: Geographisch Handtbuch, che è anche il primo edito in lingua tedesca. Nel 1608 ne uscì una edizione in latino Fasciculus Geographicus con quattro mappe inedite incise da Johann Bussemacher, suo assiduo collaboratore. A causa dei suoi numerosi pseudonimi la sua vasta produzione e … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-02-04 00:27:11
Cyprian EICHOVIUS
1603. "Rarissima carta geografica tratta dal ""Delitiae Italiae et index viatorius, indicans itinera ab urbe Roma ad omnes in Italia"". Cyprian Eichovius è lo pseudonimo di Matthias Quad (Deventer 1557 - Colonia 1613). Come spesso succedeva all'epoca per sfuggire alle persecuzioni cattoliche contro i protestanti Matthias Quad usò per la sua attività diversi pseudoni¬mi, tra cui quelli noti di C. Eichovius, M. Quadus, M. Quad von Kinckelbach e quello di Konrad Loew. Fuggito dall'Olanda in Germania nel 1587, studiò ad Heidelberg e divenne poi uno dei più prolifici esponenti della cosiddetta Scuola Cartografica di Colonia, durata per circa mezzo secolo (1570-1620 ca.) e formata principalmente da rifugiati fiamminghi ed olandesi tra i quali spiccano lo stesso Quad e Frans Hogenberg che ne fu il fondatore. Nel 1594 Quad pubblica a Colonia Europae, totius terrarum orbis partis praestantissimae descriptio. Nel 1596 ca., sempre a Colonia pubblica Typus Orbis Terrarum, ad Imitationem Universalis Gerhardi Mercatoris, un planisfero sulla base dell'opera marcatoria-na e nel 1600 pubblica il suo primo atlante mondiale autonomo: Geographisch Handtbuch, che è anche il primo edito in lingua tedesca. Nel 1608 ne uscì una edizione in latino Fasciculus Geographicus con quattro mappe inedite incise da Johann Bussemacher, suo assiduo collaboratore. A causa dei suoi numerosi pseudonimi la sua vasta produzione editoriale rimane ancora da identificare completamente. Le carte del Quad ebbero poca fortuna poiché stampate nel periodo dei grandi successi degli atlanti Orteliani; pertanto nessuna rista … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-02-04 00:27:11
Cyprian EICHOVIUS
1603. "Rarissima carta geografica, due carte stampate al verso e al recto del foglio, tratte dal ""elitiae Italiae et index viatorius, indicans itinera ab urbe Roma ad omnes in Italia"". Cyprian Eichovius è lo pseudonimo di Matthias Quad (Deventer 1557 - Colonia 1613). Come spesso succedeva all'epoca per sfuggire alle persecuzioni cattoliche contro i protestanti Matthias Quad usò per la sua attività diversi pseudoni¬mi, tra cui quelli noti di C. Eichovius, M. Quadus, M. Quad von Kinckelbach e quello di Konrad Loew. Fuggito dall'Olanda in Germania nel 1587, studiò ad Heidelberg e divenne poi uno dei più prolifici esponenti della cosiddetta Scuola Cartografica di Colonia, durata per circa mezzo secolo (1570-1620 ca.) e formata principalmente da rifugiati fiamminghi ed olandesi tra i quali spiccano lo stesso Quad e Frans Hogenberg che ne fu il fondatore. Nel 1594 Quad pubblica a Colonia Europae, totius terrarum orbis partis praestantissimae descriptio. Nel 1596 ca., sempre a Colonia pubblica Typus Orbis Terrarum, ad Imitationem Universalis Gerhardi Mercatoris, un planisfero sulla base dell'opera marcatoria-na e nel 1600 pubblica il suo primo atlante mondiale autonomo: Geographisch Handtbuch, che è anche il primo edito in lingua tedesca. Nel 1608 ne uscì una edizione in latino Fasciculus Geographicus con quattro mappe inedite incise da Johann Bussemacher, suo assiduo collaboratore. A causa dei suoi numerosi pseudonimi la sua vasta produzione editoriale rimane ancora da identificare completamente. Le carte del Quad ebbero poca fortuna poiché stampate nel periodo dei grandi succe … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-02-04 00:27:11
Cyprian EICHOVIUS
1603. "Rarissima carta geografica, due carte stampate al verso e al recto del foglio, tratte dal ""elitiae Italiae et index viatorius, indicans itinera ab urbe Roma ad omnes in Italia"". Cyprian Eichovius è lo pseudonimo di Matthias Quad (Deventer 1557 - Colonia 1613). Come spesso succedeva all'epoca per sfuggire alle persecuzioni cattoliche contro i protestanti Matthias Quad usò per la sua attività diversi pseudoni¬mi, tra cui quelli noti di C. Eichovius, M. Quadus, M. Quad von Kinckelbach e quello di Konrad Loew. Fuggito dall'Olanda in Germania nel 1587, studiò ad Heidelberg e divenne poi uno dei più prolifici esponenti della cosiddetta Scuola Cartografica di Colonia, durata per circa mezzo secolo (1570-1620 ca.) e formata principalmente da rifugiati fiamminghi ed olandesi tra i quali spiccano lo stesso Quad e Frans Hogenberg che ne fu il fondatore. Nel 1594 Quad pubblica a Colonia Europae, totius terrarum orbis partis praestantissimae descriptio. Nel 1596 ca., sempre a Colonia pubblica Typus Orbis Terrarum, ad Imitationem Universalis Gerhardi Mercatoris, un planisfero sulla base dell'opera marcatoria-na e nel 1600 pubblica il suo primo atlante mondiale autonomo: Geographisch Handtbuch, che è anche il primo edito in lingua tedesca. Nel 1608 ne uscì una edizione in latino Fasciculus Geographicus con quattro mappe inedite incise da Johann Bussemacher, suo assiduo collaboratore. A causa dei suoi numerosi pseudonimi la sua vasta produzione editoriale rimane ancora da identificare completamente. Le carte del Quad ebbero poca fortuna poiché stampate nel periodo dei grandi succe … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-02-02 22:37:26
Ortelius Abraham (1528-1598)
Anversa, Jean Baptiste Vrients, 1603. Incisione originale su rame (cm. 46,5x32,5 più ampi margini) tratta dal 'Theatrum Orbis Terrarum'. Splendida coloritura antica all'acquarello. Abili restauri lungo la piegatura centrale ma ottimo esemplare. Provenienza: Biblioteca del Castello di Cirey. Van den Broecke, 24.
Bookseller: Libreria Ex Libris ALAI-ILAB/LILA member [Roma, Italy]
2020-02-02 17:14:03
Ortelius Abraham (1528-1598)
Anversa, Jean Baptiste Vrients, 1603. Incisione originale su rame (cm. 50,5x37 più ampi margini bianchi) tratta dal 'Theatrum Orbis Terrarum'. Splendida coloritura antica all'acquerello. Lieve traccia di piegatura centrale ma ottimo esemplare. Provenienza: Biblioteca del Castello di Cirey. Van den Broecke, 173.
Bookseller: Libreria Ex Libris ALAI-ILAB/LILA member [Roma, Italy]
2020-02-01 23:59:14
London: 1603 GENEVA BIBLE Old New Testaments Apocrypha Illustrated Robert Barker 1603 GENEVA BIBLE Old New Testaments Apocrypha Illustrated Robert Barker Description The Bible: That is The Holy Scriptures conteined in The Old and New Testament. Translated according to the Ebrew and Greeke, and conferred with the best Translations in divers Languages. With most profitable Annotations upon all hard places and other things of great importance. London. 1603. Robert Barker. ESTC ref: S159 Herbert Catalogue ref: No.274 Size: 20.5cm by 15.4cm Pages: [3], 190 Numbered Leaves, 128 N.L, 130-190 N.L, p.187, 121 N.L, [11], illustrations throughout. Condition notes: Full leather binding, re-backed. A few marks/scuffs to leather. Later endpapers. Pages collate as complete with separate title pages for Old and New Testaments. Both title pages with repairs, plus first few leaves of old testament and final leaf of tables at rear. Age toning, heavier in places, and the odd mark/spot here and there, otherwise pages are generally clean as shown. Please take a good look at the pictures as these will enable you to evaluate the condition. Postage: UK FREE, Europe £14.50, Rest of world £19.50. All non-UK items will be sent tracked and tracking information will be provided. We will combine shipping when you buy more than one item. Please wait for invoice with updated shipping cost. Buy more books and save on shipping! Examples of bulk shipping rates: 5kg to Germany £13, 5kg to the USA £38, 5kg to China £55. Anything you are not 100% happy with can be returned for full refund. Please message through … [Click Below for Full Description]
Bookseller: bookfolly [Chichester, GB]
2020-01-30 18:03:14
1603. BARONIO / BARONIUS (Caesare Sorano) - THOU (Jacques-Auguste de, reliure aux armes de). Martyrologium romanum [...]. Coloniae Agrippinae [Cologne / Koln], apud Joannem Gymnicum sub Monocerote, 1603. -------------------------------------------- Un fort vol. au format pt in-4 (210 x 164 mm) de 2 ff. bl., 3 ff. n.fol., xxxvi - 816 pp., 79 ff. n.fol. in fine et 2 ff. bl. Reliure de l'époque de pleine basane glacée blonde, larges armes dorées frappées au centre d'un ovale sur chacun des plats, dos à nerfs orné de filets gras à froid, filet doré sur les nerfs, doubles caissons d'encadrement dorés, lesquels s'ornent en leur centre du chiffre doré de de Thou, les caissons de tête et de queue sont en outre occupés par un décor de petits filets obliques et verticaux, abeille héraldique dorée frappée au caisson supérieur. Exemplaire aux armes d'alliance de Jacques-Auguste de Thou et de sa seconde épouse Gasparde de La Châtre, frappées au centre de chacun des plats. ''De Thou disposait d'une magnifique bibliothèque, d'une admirable collection''. (in Brunet). ''Magistrat, homme d'État, juriste, historien, humaniste et bibliophile, Jacques-Auguste de Thou (1553-1617) est une des figures les plus marquantes parmi les collectionneurs de livres de son temps. La bibliothèque savante et encyclopédique qu'il avait réunie à la collection de son père, Christophe de Thou, riche d'environ mille manuscrits et huit mille volumes imprimés, demeura sans rivale à Paris jusqu'au milieu du XVIIe siècle. Instrument de travail de l'historien et juriste, sa bibliothèque était également ouverte aux lett … [Click Below for Full Description]
Bookseller: B_Bookshop (desesseintes534) [Caen, FR]
2020-01-29 22:52:18
[East Indies] Guzman, Pedro de (Father); Turselino, Horacio (Father).
1603. Valladolid. 4to, (200 x 135 mm). 5 ff., 1 [blank], 10 ff., 351 ff. Recent calf, spine with raised bands, tooled and lettered in gilt. Light water staining mostly marginal to first leaves, overall a fresh copy in excellent condition.- First Spanish edition of this chronicle of European exploration and evangelization in Asia, namely Japan, China, Malacca and the Philippines, extraordinarily rare, narrated mostly through the life of Saint Francis Xavier; this is one of the first biographies of Saint Francis, “Apostle of the Indies”, published. Jesuit Father Guzman prepared the translation after the original Italian, by Torsellino. Saint Francis’ life and voyages was truly remarkable, meriting several accounts by different authors, though this one is amongst the most primitive and important, reproduced well into the 17thcentury. The work is divided in the following chapters: De la vida del Padre Francisco Xavier, Of the state in which he found India, how he reformed the costumes of the people who lived in Malacca and the Moluccas (Philippines), On his learning of the costumes and religion of the Japanese, On his determination to go to China but first went to India. Palau, 337825.
Bookseller: HS Rare Books [Argentina]
2020-01-27 15:15:03
Cyprian EICHOVIUS
1603. Rarissima carta geografica, due carte stampate al verso e al recto del foglio, tratte dal "elitiae Italiae et index viatorius, indicans itinera ab urbe Roma ad omnes in Italia". Cyprian Eichovius è lo pseudonimo di Matthias Quad (Deventer 1557 - Colonia 1613). Come spesso succedeva all'epoca per sfuggire alle persecuzioni cattoliche contro i protestanti Matthias Quad usò per la sua attività diversi pseudoni¬mi, tra cui quelli noti di C. Eichovius, M. Quadus, M. Quad von Kinckelbach e quello di Konrad Loew. Fuggito dall'Olanda in Germania nel 1587, studiò ad Heidelberg e divenne poi uno dei più prolifici esponenti della cosiddetta Scuola Cartografica di Colonia, durata per circa mezzo secolo (1570-1620 ca.) e formata principalmente da rifugiati fiamminghi ed olandesi tra i quali spiccano lo stesso Quad e Frans Hogenberg che ne fu il fondatore. Nel 1594 Quad pub¬blica a Colonia Europae, totius terrarum orbis partis praestantissimae descriptio. Nel 1596 ca., sempre a Colonia pubblica Typus Orbis Terrarum, ad Imitationem Universalis Gerhardi Mercatoris, un planisfero sulla base dell'opera marcatoria-na e nel 1600 pubblica il suo primo atlante mondiale autonomo: Geographisch Handtbuch, che è anche il primo edito in lingua tedesca. Nel 1608 ne uscì una edizione in latino Fasciculus Geographicus con quattro mappe inedite incise da Johann Bussemacher, suo assiduo collaboratore. A causa dei suoi numerosi pseudonimi la sua vasta produzione editoriale rimane ancora da identificare completamente. Le carte del Quad ebbero poca fortuna poiché stampate nel periodo dei grandi success … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-27 11:05:14
Jacob MATHAM
1603. Acquaforte e bulino, circa 163, opera giovanile dell'artista, da un soggetto di Hendrick Goltzius. Magnifica prova, firmata in lastra in basso a destra, impressa su carta vergata coeva priva di filigrana, rifilata al rame su tre lati, poco entro nel lato destro, generalmente in ottimo stato di conservazione. Rarissima. Landscape with the ruined castle of Brederode at centre, a brook and several figures in foreground, two of them a couple seen from behind and watching the building, a large tree at left; after Goltzius. c.1600. Lettered in lower right corner "Cum privil IM excud". In the margin two columns, each three lines of text "ARNULPHUS Comes Hollandiæ . niet Verre Van / Haerlem, alsmen hier siet". Etching and engraving, a fine impression of this rare print, printed on contemporary paper, irregularly trimmed to or within the platemark, in very good condition. Hollstein 1 (Gauw); Hollstein 357 (Matham); New Hollstein 483 (Jacob Matham); New Hollstein 634 (Hendrick Goltzius; Prints after inventions by Goltzius); Bartsch III.204.304. 325 240mm
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2020-01-26 11:11:09
Giovanni Antonio MAGINI (1555 - 1617)
1603. "- RARISSIMA TIRATURA ORIGINALE di G. A. MAGINI, prima del cartiglio in basso a sinistra - Prima, rarissima, versione della carta del Polesine del Magini, antecedente alla versione successivamente publicata postuma dal figlio Fabio nel 'L'Italia di Giovanni Antonio Magini', stampato per la prima volta a Bologna nel 1620. Tutte le carte dell'atlante vennero alle stampe prima del 1620, nelle loro stesure provvisorie, che successivamente furono corrette ed aggiornate per l'edizione definitiva. Tali prove sono rarissime, talvolta si trovano occasionalmente negli atlanti fattizi di alcune biblioteche, e presentano differenze sostanziali con quelle poi incluse nell'atlante. La differenza maggiore in questa mappa consiste nella mancanza del cartiglio, che verrà poi inserito in basso a sinistra. Il cartiglio contiene la dedica di Fabio Magini. Come osserva Almagià, la datazione e le fonti di questa carta maginiana, rappresentano una questione abbastanza complessa. Sembra certo che il Magini attinga informazioni da Giovanni Bonifacio, come desunto da diverse lettere di questi inviate al cartografo padovano. In particolare l'opera sarebbe una fusione tra la mappa del territorio Trevigiano del Rover/Bonifacio del 1591 (Bifolco-Ronca tav. 53) e la carta del Polesine del 1602 (Bifolco-Ronca tav. 57) che il Bonifacio inviò al Magini, come risulta da una lettera del 28 gennaio 1603. Per la realizzazione delle lastre il Magini si servì di due dei più famosi intagliatori dell'epoca; il belga Arnorldo Arnoldi e l'inglese Benjamin Wright. Il presente esemplare mostra un'evidente serie d … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-24 15:31:12
Cyprian EICHOVIUS
1603. "Rarissima carta geografica, due carte stampate al verso e al recto del foglio, tratte dal ""elitiae Italiae et index viatorius, indicans itinera ab urbe Roma ad omnes in Italia"". Cyprian Eichovius è lo pseudonimo di Matthias Quad (Deventer 1557 - Colonia 1613). Come spesso succedeva all'epoca per sfuggire alle persecuzioni cattoliche contro i protestanti Matthias Quad usò per la sua attività diversi pseudoni¬mi, tra cui quelli noti di C. Eichovius, M. Quadus, M. Quad von Kinckelbach e quello di Konrad Loew. Fuggito dall'Olanda in Germania nel 1587, studiò ad Heidelberg e divenne poi uno dei più prolifici esponenti della cosiddetta Scuola Cartografica di Colonia, durata per circa mezzo secolo (1570-1620 ca.) e formata principalmente da rifugiati fiamminghi ed olandesi tra i quali spiccano lo stesso Quad e Frans Hogenberg che ne fu il fondatore. Nel 1594 Quad pubblica a Colonia Europae, totius terrarum orbis partis praestantissimae descriptio. Nel 1596 ca., sempre a Colonia pubblica Typus Orbis Terrarum, ad Imitationem Universalis Gerhardi Mercatoris, un planisfero sulla base dell'opera marcatoria-na e nel 1600 pubblica il suo primo atlante mondiale autonomo: Geographisch Handtbuch, che è anche il primo edito in lingua tedesca. Nel 1608 ne uscì una edizione in latino Fasciculus Geographicus con quattro mappe inedite incise da Johann Bussemacher, suo assiduo collaboratore. A causa dei suoi numerosi pseudonimi la sua vasta produzione editoriale rimane ancora da identificare completamente. Le carte del Quad ebbero poca fortuna poiché stampate nel periodo dei grandi succe … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-22 10:24:08
1603. Autore: Botero Benese, Giovanni Titolo: DE' PRENCIPI CHRISTIANI - DELLA PRIMA PARTE E SECONDA PARTE CHE CONTIENE I PRENCIPI DI SAVOIA Editore: Anno: sd (ma 1603-vedi dedica) N. Volumi: 1 N. Pagine: 274+(6);(6)+720+(16) Formato: 12,5x17,5 cm ca. Lingua: Italiano Copertina: pergamena con titolo manoscritto al dorso Stato copertina: buono Stato pagine: buono (diffusa brunitura) Peso: 700 g ISBN: Note: le due parti sono contenute nel volume Codice interno: 1908R.POD-.PH190803044.
Bookseller: CasaDeiLibri (urfin56) [Genova, GE, IT]
2020-01-19 16:04:10
Abraham ORTELIUS (1528 - 1598)
1603. Decorativa mappa della Russia basata, come espressamente dichiarato nel cartiglio con il titolo, sul lavoro di Anthony Jenkinson, edito a Londra nel 1562. Jenkinson compì diversi viaggi in Russia: nel 1559, 1561, 1566, 1567, e basò le sue mappe proprio sulle sue dirette osservazioni. Per la parte orientale di questa carta, si servì anche del lavoro di S. Herberstein, mentre per parte occidentale sulla mappa di A. Wied. La mappa è ricca di cartigli con testo di carattere storico ed etnografico. Decorano la mappa numerose vignette raffiguranti indigeni, animali e scene mitologiche. Splendido esemplare, pubblicato nell'edizione latina del 1603 del Theatrum Ortbis Terrarum. Incisione su rame, finemente colorata a mano, in ottimo stato di conservazione. Testo latino al verso. Decorative map of Russia by Ortelius. The cartographic source for this work, as declarated on the left cartouche, is Jenkinson's 1562 Russia map (Karrow 43/1, p. 318; Meurer p. 175-176). Anthony Jenkinson travelled in Russia in 1559, 1561, 1566 and 1567 and much was based on his own observations. Additionally, for the Eastern part of this map Jenkinson based himself on Herberstein, for the Western part on Wied. The vignettes include over a dozen indigenous and mythical scenes, costumed locals and animals. Copper engraving, finely hand coloured, in perfect condition. Latin text on verso. Example printed in the 1603 Latinb edition of the Theatrum Orbis Terrarum. Ort 162 (Koeman/Meurer: 46, Karrow: 1/66, vdKrogtAN: 1800:31).
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-18 07:34:23
Philipp CLUVER (Danzica 1580 - Leyden 1622)
1603. Carta storica della penisola di Philipp Cluver (Cluverio) per la prima volta pubblicata nel 'Theatrum Geographiæ Veteris' di Bertius. Esemplare edito da Jodocus Hondius e tratto dall'edizione francese del Mercator/Hondius Atlas, circa 1630. Prima carta dedicata all'Italia dal grande umanista e geografo, considerato il vero fondatore della geografia storica. Con margini graduati e senza reticolato, l'opera è di chiara derivazione mercatoriana. Incisione in rame, in ottime condizioni. Magnifico esemplare, molto contrastato. An exceptional impression of this map of ancient Italy, engraved by Jodocus Hondius and published in Bertius's 'Theatrum Geographiæ Veteris'. It was not until 1630 that Jansson used this plate in his editions of the Mercator atlas. Copperplate, very good. R. Borri "L'Italia nelle antiche carte..." (2011), scheda 87
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-18 01:57:36
Forestani Lorenzo
1603. [Agrimensura] (cm. 20,5) Bella piena pergamena originale, bel titolo calligrafato al dorso. cc.10nn., cc.344, cc.2, (con marca tipografica ed ultima bianca). Molte illustrazioni in xilografia n.t. di strumenti, schemi, figure ecc. Edizione originale molto rara e importante. Riccardi I 478: "opera interessantissima per la storia dell'aritmetica, ampiamente sviluppata ed applicata anche alla mercatanzia; e per quella della geometria pratica, trovandovisi la descrizione e l'uso degli strumenti allora conosciuti, fra i quali sono notevoli quelli che ora direbbersi di celerimensura". Cat. libri 2878:"This work is so scarce that it has escaped professor de morgan. It contains solution of several indeterminate problems.Amongst the Authors quoted by Forestani we find Galigai, Calandi, Lazzizio, Pagani, ecc." Vecchiolieve resturo al margine bianco del frontis ma esemplare molto bello e nitido. * Parenti prime edizioni 237; *Choix 6632; *Sotheran primo sopplimento 1149; *Brunet II 1341; *Graesse II 615.
Bookseller: LibriAntichiArezzo-FC Edizioni (studio.bibliografico.libri.antichi.arezzo) [ Arezzo, IT]
2020-01-18 00:44:17
Remigio CANTAGALLINA (Borgo San Sepolcro, 1582 circa; Florence, 1656).
Acquaforte e bulino, 1603, datata e monogrammata in lastra in basso a destra. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva priva di filigrana, con sottili margini, in ottimo stato di conservazione. Questa rara opera è parte di una serie di sei incisioni, della stessa misura e stile, datata 1603, estremamente all'avanguardia nella crescente passione fiorentina per il paesaggio. Furono anche forieri di un rinnovato interesse della città per l'incisione, che si sarebbe poi sviluppato ulteriormente negli anni a venire, principalmente sotto il patronato della famiglia Medici. Data la mancanza di punti di riferimento nazionali, l'artista cercò un modello nell'incisore nordico Paul Bril, al quale sembra essersi ispirato per la realizzazione di questa opera, in particolare al suo Paesaggio Montano con Eremita in Preghiera (Hollstein 3) o alle Vedute della Campagna Romana, datate 1590. Bril fu attivo in Francia e in Italia e morì a Roma nel 1626. Nelle composizioni di entrambi gli artisti, un enorme albero in primo piano forma il motivo principale, affiancato da un lato da elementi architettonici nella zona mediana e, dall'altro, da una veduta in lontananza. Per questa opera, Cantagallina sottopose la lastra a due diversi momenti di morsura per ottenere linee di diverso peso. La vista sullo sfondo che si intravede oltre gli edifici sulla sinistra è infatti piuttosto leggera, mentre le linee più ampie che delineano l'argine roccioso e le piante in basso al centro sono state evidentemente ottenute con una esposizione all'acido più prolungata. L'effetto che si ottiene è quello di u … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-17 12:46:50
Antonio TEMPESTA (Firenze 1555 - Roma 1630)
Bulino, 1603, in alto a destra, titolo latino seguito dalla firma dell'artista e la data: 'Antonii Tempeste Florentini inventoris opus Romae anno salutis 1603'; in basso, nel cartiglio a sinistra, la lunga dedica latina a Raimondo ai Torri/ Raimondo della Torre firmata dall'artista Servus humilissimus Antonius de Tempestis Floren.s'. Nell'ultima riga al centro, l'excudit e la data 'Gaspar de Albertis formis 1603', più in basso a sinistra, la notizia del privilegio"; nel cartiglio a destra, legenda numeri di 42 rimandi in numeri romani. Stato unico. Bella prova, ricca di toni, impressa su due fogli di carta vergata coeva, ciascuno con filigarna "aquila nel cerchio", uniti al centro e rifilati ai margini, traccia della piega centrale, alcuni fori di tarlo e restauri eseguiti al verso, nel complesso in buono stato di conservazione. Le due tavole mostrano un trionfo di un imperatore romano; la processione, che comprende gruppi di soldati, prigionieri, elefanti, carri colmi dei bottini di guerra, parte dal basso a destra e attraverso due archi trionfali giunge a un tempio romano pieni di bottino di guerra, e l'imperatore su un carro in basso a sinistra. Le due vignette in basso raffigurano rispettivamente: un sacrificio, a destra, e l'imperatore che divide il bottino in basso a sinistra. Alcuni dettagli della serie derivano dalle incisioni di Etienne Dupérac del 1565, che illustrano il De triumpho commentarius di Onofrio Panvinio. Engraving, 1603, inscribed within the image at top right with date, title and production detail: 'Antonii Tempeste Florentini inventoris opus Romae an … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-17 05:56:47
MONTAIGNE, Michel de.
London: Printed by Val[entine] Sims for Edward Blount, 1603. London: Printed by Val[entine] Sims for Edward Blount,, 1603. One of the great books of the Elizabethan era Folio (276 x 188 mm). Contemporary blind-panelled calf, neatly rebacked, red morocco spine label and dated in gilt at foot. Housed in a blue morocco-grain cloth folding case, spine lettered in gilt. Books 2 and 3 with separate dated title pages but continuous register; verses by Daniel and errata (¶1,2: "these 2 leaves are frequently lacking" - ESTC); complete with blank 2Q4 and 2 final errata leaves 3K5,6. Woodcut vignettes of altars on verso of first title-page, woodcut headpieces and initials, a few headpieces composed of printer's ornaments, woodcut tailpiece cartouche at the end of the first book; with the headline on A2v corrected to "The Epistle Dedicatorie", but without the printed slip-cancel on B1r (correcting "towns" at line 25) found in some copies. A few very small pen trials on title, single marginal note on A2r, ownership inscription dated 1689 at foot of ¶2v. Small paper restoration to title in gutter and to final errata leaves at head and tail, some light dampstaining at head towards end of Book 3 and very occasionally elsewhere, the occasional minor mark, spot, spill-burn, etc. but the paper generally clean and strong, overall a very good copy. First edition in English of the Essais of Montaigne, one of the great books of the Elizabethan era and the crowning achievement of its translator John Florio. "His extraordinary skill in the use of alliteration, his ability to embroider and amplify … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Peter Harrington [United Kingdom]
Check availability:
2020-01-16 23:37:04
Cyprian EICHOVIUS
1603. Rarissima carta geografica, due carte stampate al verso e al recto del foglio, tratte dal "elitiae Italiae et index viatorius, indicans itinera ab urbe Roma ad omnes in Italia". Cyprian Eichovius è lo pseudonimo di Matthias Quad (Deventer 1557 - Colonia 1613). Come spesso succedeva all'epoca per sfuggire alle persecuzioni cattoliche contro i protestanti Matthias Quad usò per la sua attività diversi pseudoni¬mi, tra cui quelli noti di C. Eichovius, M. Quadus, M. Quad von Kinckelbach e quello di Konrad Loew. Fuggito dall'Olanda in Germania nel 1587, studiò ad Heidelberg e divenne poi uno dei più prolifici esponenti della cosiddetta Scuola Cartografica di Colonia, durata per circa mezzo secolo (1570-1620 ca.) e formata principalmente da rifugiati fiamminghi ed olandesi tra i quali spiccano lo stesso Quad e Frans Hogenberg che ne fu il fondatore. Nel 1594 Quad pub¬blica a Colonia Europae, totius terrarum orbis partis praestantissimae descriptio. Nel 1596 ca., sempre a Colonia pubblica Typus Orbis Terrarum, ad Imitationem Universalis Gerhardi Mercatoris, un planisfero sulla base dell'opera marcatoria-na e nel 1600 pubblica il suo primo atlante mondiale autonomo: Geographisch Handtbuch, che è anche il primo edito in lingua tedesca. Nel 1608 ne uscì una edizione in latino Fasciculus Geographicus con quattro mappe inedite incise da Johann Bussemacher, suo assiduo collaboratore. A causa dei suoi numerosi pseudonimi la sua vasta produzione editoriale rimane ancora da identificare completamente. Le carte del Quad ebbero poca fortuna poiché stampate nel periodo dei grandi success … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-16 20:48:34
MONTAIGNE, Michel de.
London: Printed by Val[entine] Sims for Edward Blount, 1603. Folio (276 x 188 mm). Contemporary blind-panelled calf, neatly rebacked, red morocco spine label and dated in gilt at foot. Housed in a blue morocco-grain cloth folding case, spine lettered in gilt. A few very small pen trials on title, single marginal note on A2r, ownership inscription dated 1689 at foot of 2v. Small paper restoration to title in gutter and to final errata leaves at head and tail, some light dampstaining at head towards end of Book 3 and very occasionally elsewhere, the occasional minor mark, spot, spill-burn, etc. but the paper generally clean and strong, overall a very good copy. Books 2 and 3 with separate dated title pages but continuous register; verses by Daniel and errata ( 1,2: "these 2 leaves are frequently lacking" - ESTC); complete with blank 2Q4 and 2 final errata leaves 3K5,6. Woodcut vignettes of altars on verso of first title-page, woodcut headpieces and initials, a few headpieces composed of printer's ornaments, woodcut tailpiece cartouche at the end of the first book; with the headline on A2v corrected to "The Epistle Dedicatorie", but without the printed slip-cancel on B1r (correcting "towns" at line 25) found in some copies. First edition in English of the Essais of Montaigne, one of the great books of the Elizabethan era and the crowning achievement of its translator John Florio. "His extraordinary skill in the use of alliteration, his ability to embroider and amplify the French original through the addition of English synonyms, his sense of rhythm, his art of turning French p … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Peter Harrington. ABA/ ILAB. [London, United Kingdom]
2020-01-16 11:34:04
Leeuwarden - Pieter Bast after Johan Sems, 1603
1603. EERSTE BETROUWBARE PLATTEGROND VAN LEEUWARDEN "Leeuwerden de hooft stadt van Frislant. Leoverdia Metropolis Frisiae 1603." Vogelvluchtkaart van Leeuwarden gezien vanuit het zuiden. Kopergravure vervaardigd door Pieter Bast in 1603 naar het ontwerp van landmeter Johan Sems. 2e staat van III (và à r de vermelding van het adres van uitgever Lamrinck). Afm. ca. 40 x 49 cm. Rond 1600 brak voor Leeuwarden een bloeiperiode aan. "De stad is in een bekoorlijke vlakte in het hart van Friesland gelegen. De omliggende landerijen munten uit in vruchtbaarheid en in rijkdom aan vele voor het leven onmisbare zaken. Er is een overvloed van melk, boter, kaas en gevogelte. De grote hoeveelheid schapen, kalveren, ossen, koeien en varkens verbaast vreemdeling en landgenoot. De omgeving is rijk aan konijnen en hazen, het fruit van betere kwaliteit dan dat uit het buitenland. De oogst aan tarwe, rogge, haver, gerst en groenten is buitengewoon groot. Vele en verschillende soorten vis, zowel uit zoetwatermeren als uit de zee, worden hier aangevoerd. Overal ziet men tuinen, die het oog strelen, en nergens met onkruid, doornen of distels begroeide plaatsen. De straten zijn ruim en de gebouwen aanzienlijk. De lucht is er zeer gezond. Daardoor woedt er zelden een epidemie, die veroorzaakt wordt door schadelijke dampen, doch wel door een of andere besmetting, en dan is deze nog niet in die mate dodelijk als elders. De ontwikkeling der burgers is van dien aard, dat men zou veronderstellen, dat zij in Griekenland en niet zo nabij de koude en het ijs der poolstreken geboren en opgevoed zijn." Ald … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Inter-Antiquariaat Mefferdt & De Jonge [Amsterdam, Netherlands]
2020-01-13 15:09:05
Ortelius Abraham (1528-1598)
Anversa, Jean Baptiste Vrients, 1603. Incisione originale su rame (cm. 44,5x31 più ampi margini) tratta dal 'Theatrum Orbis Terrarum'. Splendida coloritura antica all'acquarello. Abili minimi restauri lungo la piegatura centrale ma ottimo esemplare. Provenienza: Biblioteca del Castello di Cirey. Van den Broecke, 186.
Bookseller: Libreria Ex Libris ALAI-ILAB/LILA member [Roma, Italy]
2020-01-11 18:28:06
Abraham ORTELIUS (1528 - 1598)
1603. Decorativa mappa della Russia basata, come espressamente dichiarato nel cartiglio con il titolo, sul lavoro di Anthony Jenkinson, edito a Londra nel 1562. Jenkinson compì diversi viaggi in Russia: nel 1559, 1561, 1566, 1567, e basò le sue mappe proprio sulle sue dirette osservazioni. Per la parte orientale di questa carta, si servì anche del lavoro di S. Herberstein, mentre per parte occidentale sulla mappa di A. Wied. La mappa è ricca di cartigli con testo di carattere storico ed etnografico. Decorano la mappa numerose vignette raffiguranti indigeni, animali e scene mitologiche. Splendido esemplare, pubblicato nell'edizione latina del 1603 del Theatrum Ortbis Terrarum. Incisione su rame, finemente colorata a mano, in ottimo stato di conservazione. Testo latino al verso. Decorative map of Russia by Ortelius. The cartographic source for this work, as declarated on the left cartouche, is Jenkinson's 1562 Russia map (Karrow 43/1, p. 318; Meurer p. 175-176). Anthony Jenkinson travelled in Russia in 1559, 1561, 1566 and 1567 and much was based on his own observations. Additionally, for the Eastern part of this map Jenkinson based himself on Herberstein, for the Western part on Wied. The vignettes include over a dozen indigenous and mythical scenes, costumed locals and animals. Copper engraving, finely hand coloured, in perfect condition. Latin text on verso. Example printed in the 1603 Latinb edition of the Theatrum Orbis Terrarum. Ort 162 (Koeman/Meurer: 46, Karrow: 1/66, vdKrogtAN: 1800:31).
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-11 18:28:05
Cyprian EICHOVIUS
1603. Rarissima carta geografica, due carte stampate al verso e al recto del foglio, tratte dal "elitiae Italiae et index viatorius, indicans itinera ab urbe Roma ad omnes in Italia". Cyprian Eichovius è lo pseudonimo di Matthias Quad (Deventer 1557 - Colonia 1613). Come spesso succedeva all'epoca per sfuggire alle persecuzioni cattoliche contro i protestanti Matthias Quad usò per la sua attività diversi pseudoni¬mi, tra cui quelli noti di C. Eichovius, M. Quadus, M. Quad von Kinckelbach e quello di Konrad Loew. Fuggito dall'Olanda in Germania nel 1587, studiò ad Heidelberg e divenne poi uno dei più prolifici esponenti della cosiddetta Scuola Cartografica di Colonia, durata per circa mezzo secolo (1570-1620 ca.) e formata principalmente da rifugiati fiamminghi ed olandesi tra i quali spiccano lo stesso Quad e Frans Hogenberg che ne fu il fondatore. Nel 1594 Quad pub¬blica a Colonia Europae, totius terrarum orbis partis praestantissimae descriptio. Nel 1596 ca., sempre a Colonia pubblica Typus Orbis Terrarum, ad Imitationem Universalis Gerhardi Mercatoris, un planisfero sulla base dell'opera marcatoria-na e nel 1600 pubblica il suo primo atlante mondiale autonomo: Geographisch Handtbuch, che è anche il primo edito in lingua tedesca. Nel 1608 ne uscì una edizione in latino Fasciculus Geographicus con quattro mappe inedite incise da Johann Bussemacher, suo assiduo collaboratore. A causa dei suoi numerosi pseudonimi la sua vasta produzione editoriale rimane ancora da identificare completamente. Le carte del Quad ebbero poca fortuna poiché stampate nel periodo dei grandi success … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-11 18:28:05
Cyprian EICHOVIUS
1603. "Rarissima carta geografica, due carte stampate al verso e al recto del foglio, tratte dal ""elitiae Italiae et index viatorius, indicans itinera ab urbe Roma ad omnes in Italia"". Cyprian Eichovius è lo pseudonimo di Matthias Quad (Deventer 1557 - Colonia 1613). Come spesso succedeva all'epoca per sfuggire alle persecuzioni cattoliche contro i protestanti Matthias Quad usò per la sua attività diversi pseudoni¬mi, tra cui quelli noti di C. Eichovius, M. Quadus, M. Quad von Kinckelbach e quello di Konrad Loew. Fuggito dall'Olanda in Germania nel 1587, studiò ad Heidelberg e divenne poi uno dei più prolifici esponenti della cosiddetta Scuola Cartografica di Colonia, durata per circa mezzo secolo (1570-1620 ca.) e formata principalmente da rifugiati fiamminghi ed olandesi tra i quali spiccano lo stesso Quad e Frans Hogenberg che ne fu il fondatore. Nel 1594 Quad pubblica a Colonia Europae, totius terrarum orbis partis praestantissimae descriptio. Nel 1596 ca., sempre a Colonia pubblica Typus Orbis Terrarum, ad Imitationem Universalis Gerhardi Mercatoris, un planisfero sulla base dell'opera marcatoria-na e nel 1600 pubblica il suo primo atlante mondiale autonomo: Geographisch Handtbuch, che è anche il primo edito in lingua tedesca. Nel 1608 ne uscì una edizione in latino Fasciculus Geographicus con quattro mappe inedite incise da Johann Bussemacher, suo assiduo collaboratore. A causa dei suoi numerosi pseudonimi la sua vasta produzione editoriale rimane ancora da identificare completamente. Le carte del Quad ebbero poca fortuna poiché stampate nel periodo dei grandi succe … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-11 13:28:09
Giovanni Antonio MAGINI (1555 - 1617)
1603. "- RARISSIMA TIRATURA ORIGINALE di G. A. MAGINI, prima del cartiglio in basso a sinistra - Prima, rarissima, versione della carta del Polesine del Magini, antecedente alla versione successivamente publicata postuma dal figlio Fabio nel 'L'Italia di Giovanni Antonio Magini', stampato per la prima volta a Bologna nel 1620. Tutte le carte dell'atlante vennero alle stampe prima del 1620, nelle loro stesure provvisorie, che successivamente furono corrette ed aggiornate per l'edizione definitiva. Tali prove sono rarissime, talvolta si trovano occasionalmente negli atlanti fattizi di alcune biblioteche, e presentano differenze sostanziali con quelle poi incluse nell'atlante. La differenza maggiore in questa mappa consiste nella mancanza del cartiglio, che verrà poi inserito in basso a sinistra. Il cartiglio contiene la dedica di Fabio Magini. Come osserva Almagià, la datazione e le fonti di questa carta maginiana, rappresentano una questione abbastanza complessa. Sembra certo che il Magini attinga informazioni da Giovanni Bonifacio, come desunto da diverse lettere di questi inviate al cartografo padovano. In particolare l'opera sarebbe una fusione tra la mappa del territorio Trevigiano del Rover/Bonifacio del 1591 (Bifolco-Ronca tav. 53) e la carta del Polesine del 1602 (Bifolco-Ronca tav. 57) che il Bonifacio inviò al Magini, come risulta da una lettera del 28 gennaio 1603. Per la realizzazione delle lastre il Magini si servì di due dei più famosi intagliatori dell'epoca; il belga Arnorldo Arnoldi e l'inglese Benjamin Wright. Il presente esemplare mostra un'evidente serie d … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-11 13:28:07
Cyprian EICHOVIUS
1603. Rarissima carta geografica, due carte stampate al verso e al recto del foglio, tratte dal "elitiae Italiae et index viatorius, indicans itinera ab urbe Roma ad omnes in Italia". Cyprian Eichovius è lo pseudonimo di Matthias Quad (Deventer 1557 - Colonia 1613). Come spesso succedeva all'epoca per sfuggire alle persecuzioni cattoliche contro i protestanti Matthias Quad usò per la sua attività diversi pseudoni¬mi, tra cui quelli noti di C. Eichovius, M. Quadus, M. Quad von Kinckelbach e quello di Konrad Loew. Fuggito dall'Olanda in Germania nel 1587, studiò ad Heidelberg e divenne poi uno dei più prolifici esponenti della cosiddetta Scuola Cartografica di Colonia, durata per circa mezzo secolo (1570-1620 ca.) e formata principalmente da rifugiati fiamminghi ed olandesi tra i quali spiccano lo stesso Quad e Frans Hogenberg che ne fu il fondatore. Nel 1594 Quad pub¬blica a Colonia Europae, totius terrarum orbis partis praestantissimae descriptio. Nel 1596 ca., sempre a Colonia pubblica Typus Orbis Terrarum, ad Imitationem Universalis Gerhardi Mercatoris, un planisfero sulla base dell'opera marcatoria-na e nel 1600 pubblica il suo primo atlante mondiale autonomo: Geographisch Handtbuch, che è anche il primo edito in lingua tedesca. Nel 1608 ne uscì una edizione in latino Fasciculus Geographicus con quattro mappe inedite incise da Johann Bussemacher, suo assiduo collaboratore. A causa dei suoi numerosi pseudonimi la sua vasta produzione editoriale rimane ancora da identificare completamente. Le carte del Quad ebbero poca fortuna poiché stampate nel periodo dei grandi success … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-10 19:09:52
Philipp CLUVER (Danzica 1580 - Leyden 1622)
1603. Carta storica della penisola di Philipp Cluver (Cluverio) per la prima volta pubblicata nel 'Theatrum Geographiæ Veteris' di Bertius. Esemplare edito da Jodocus Hondius e tratto dall'edizione francese del Mercator/Hondius Atlas, circa 1630. Prima carta dedicata all'Italia dal grande umanista e geografo, considerato il vero fondatore della geografia storica. Con margini graduati e senza reticolato, l'opera è di chiara derivazione mercatoriana. Incisione in rame, in ottime condizioni. Magnifico esemplare, molto contrastato. An exceptional impression of this map of ancient Italy, engraved by Jodocus Hondius and published in Bertius's 'Theatrum Geographiæ Veteris'. It was not until 1630 that Jansson used this plate in his editions of the Mercator atlas. Copperplate, very good. R. Borri "L'Italia nelle antiche carte..." (2011), scheda 87
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-10 19:09:51
Remigio CANTAGALLINA (Borgo San Sepolcro, 1582 circa; Florence, 1656).
Acquaforte e bulino, 1603, datata e monogrammata in lastra in basso a destra. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva priva di filigrana, con sottili margini, in ottimo stato di conservazione. Questa rara opera è parte di una serie di sei incisioni, della stessa misura e stile, datata 1603, estremamente all'avanguardia nella crescente passione fiorentina per il paesaggio. Furono anche forieri di un rinnovato interesse della città per l'incisione, che si sarebbe poi sviluppato ulteriormente negli anni a venire, principalmente sotto il patronato della famiglia Medici. Data la mancanza di punti di riferimento nazionali, l'artista cercò un modello nell'incisore nordico Paul Bril, al quale sembra essersi ispirato per la realizzazione di questa opera, in particolare al suo Paesaggio Montano con Eremita in Preghiera (Hollstein 3) o alle Vedute della Campagna Romana, datate 1590. Bril fu attivo in Francia e in Italia e morì a Roma nel 1626. Nelle composizioni di entrambi gli artisti, un enorme albero in primo piano forma il motivo principale, affiancato da un lato da elementi architettonici nella zona mediana e, dall'altro, da una veduta in lontananza. Per questa opera, Cantagallina sottopose la lastra a due diversi momenti di morsura per ottenere linee di diverso peso. La vista sullo sfondo che si intravede oltre gli edifici sulla sinistra è infatti piuttosto leggera, mentre le linee più ampie che delineano l'argine roccioso e le piante in basso al centro sono state evidentemente ottenute con una esposizione all'acido più prolungata. L'effetto che si ottiene è quello di u … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-10 18:01:28
Ortelius Abraham (1528-1598)
Anversa, Jean Baptiste Vrients, 1603. Incisione originale su rame (cm. 49x34,5 più ampi margini) tratta dal 'Theatrum Orbis Terrarum'. Splendida coloritura antica all'acquarello. Ottimo esemplare. Provenienza: Biblioteca del Castello di Cirey. Van den Broecke, 30.
Bookseller: Libreria Ex Libris ALAI-ILAB/LILA member [Roma, Italy]
2020-01-09 21:10:07
Boillot, Joseph.
Strasbourg, Anton Bertram, 1603. Folio (206 x 301 mm). (8), 183, (1) pp. Title printed in red and black within engraved borders. With 91 engravings in the text, woodcut initials and head- and tail-pieces. 19th century half calf over marbled boards. Scarce first German edition of this early work on pyrotechnics, printed in German and French parallel text. "The only work on artillery by a Frenchman published in the 16th century" (Jähns). The engravings, by Boillot, show various types of guns and cannons, grenades, mines, etc. One engraving depicts Berthold Schwarz, weighing the ingredients of gunpowder, the devil poised behind him with a gesture of benediction. - Handwritten ownership to title: "Justus Laigneau, Doctor Medicus Patavinus". The French physician Laigneau served King Louis XIII as medical inspector of hospitals. Later in the collection of Thomas Fremantle, 3rd Baron Cottesloe (1862-1956), commander of the Territorial Army and president of the Society for Army History Research. - Binding slightly rubbed at extremeties. Some browning and light staining, small paper flaw to leaf B1. VD 17, 3:312613N. Jähns I, 654 ff. Graesse I, 473. Cf. Cockle 933. [Attributes: First Edition; Hard Cover]
Bookseller: Antiquariat INLIBRIS Gilhofer Nfg. GmbH [Vienna, A, Austria]
2020-01-08 18:13:15
LECHUGA Cristoval.
Por Pandolfo Malatesta, Impressor Reg. Cam., En Milan, 1603. Prima edizione. Testo spagnolo. Cm.20x13. Pg.234, una carta bianca. Legatura coeva, allentata, in piena pergamena rigida, con titoli manoscritti al dorso. Minimi forellini ai piatti. Bello stemma della casa reale spagnola impresso al frontespizio. Alcune figure schematiche nel testo. Cattiva rifilatura del margine esterno del frontespizio. Vecchi restauri cartacei al margine esterno di alcune carte. Lievi chiazze ai margini della pg.64-65. Con 11 diagrammi geometrici di schieramenti militari nel testo. Edizione originale di un'opera non comune del militare spagnolo (Baeza, 1557-1622), che fu al servizio anche di Alessandro Farnese e del Conte di Fuentes. E' un trattato di teoria militare, in cui si spiegano i compiti del comandante di campo durante i combattimenti, ed è diviso in tre parti: la prima, dopo una lunga introduzione, si occupa della logistica dell'accampamento; la seconda dello schieramento delle truppe in battaglia; mentre la terza raccoglie scritti tratti da statuti degli eserciti attivi nei Paesi Bassi. > Biblioteca De Salva, 2633, "Obra singular, que merciò la aprobacion de los mas autorizados oficiales de aquella era". Brunet, Supplément I, 809-810, "Livre fort rare". Palau, IV, 202, "Obra bien concepida". 300 gr. [Attributes: First Edition; Hard Cover]
Bookseller: studio bibliografico pera s.a.s. [LUCCA, Italy]
2020-01-06 00:56:22
Ortelius Abraham (1528-1598)
Anversa, Jean Baptiste Vrients, 1603. Incisione originale su rame (cm. 49,5x34 più margini) tratta dal 'Theatrum Orbis Terrarum'. Splendida coloritura antica all'acquarello. Abili minimi restauri lungo la piegatura centrale ma ottimo esemplare. Provenienza: Biblioteca del Castello di Cirey. Van den Broecke, 217.
Bookseller: Libreria Ex Libris ALAI-ILAB/LILA member [Roma, Italy]
2020-01-05 03:12:40
1603. Condition: Good. See below for description. HISTORY OF ENGLAND FROM THE ACCESSION OF JAMES I TO THE OUTBREAK OF THE CIVIL WAR, 1603-1642. 10 Volumes. Cambridge University Press, 2011. Complete set of paperbacks, digitally printed reproductions of the original 1883 edition. All clean with sound bindings. Light to moderate shelf wear, with some creasing to the covers. Pages unmarked throughout; no previous owner's name or price written anywhere, no underlining, highlighting, or marginalia, etcetera. Volume 1 has evidently been read at least. The color is somewhat faded from the cover of Volume 7, and there is a very light crease along the spine. Overall, a decent set, with some in good and others in very good condition. More photos and information on request. Signature required for delivery. [Attributes: Soft Cover]
Bookseller: The Opposite Loft (the_opposite_loft) [Bethesda, Maryland, US]
2019-12-30 00:35:13
Ortelius Abraham (1528-1598)
Anversa, Jean Baptiste Vrients, 1603. Incisione originale su rame (cm. 50x36 più margini) tratta dal 'Theatrum Orbis Terrarum'. Splendida coloritura antica all'acquarello. Abili minimi restauri lungo la piegatura centrale ma ottimo esemplare. Provenienza: Biblioteca del Castello di Cirey. Van den Broecke, 147.
Bookseller: Libreria Ex Libris ALAI-ILAB/LILA member [Roma, Italy]
2019-12-21 00:56:04
PASSERAT
Lutetiae (Paris): 1603. PASSERAT Jean - Kalendae Januariae, & Varia quaedam Poëmatia [Ensemble] De caecitate oratio [Ensemble] Praefatiuncula in disputationem de ridiculis, quae est apud Ciceronem in libro secundo de Oratore [Ensemble] Le premier livre des poemes PASSERAT Jean Kalendae Januariae, & Varia quaedam Poëmatia [Ensemble] De caecitate oratio [Ensemble] Praefatiuncula in disputationem de ridiculis, quae est apud Ciceronem in libro secundo de Oratore [Ensemble] Le premier livre des poemes Mamert Patisson, Lutetiae (Paris) 1603, Pet. in-8 (10x15,2cm), (2f.) 77ff. (2f.) ; 12ff. ; 13ff. ; (2f.) 44ff., 4 parties en un volume relié. Réunion rare de quatre éditions anciennes de Jean Passerat, toutes imprimées par Robert Estienne, dont on reconnaît la marque en page de titre.Kalendae Januariae. 1603. Mamert Patisson. après l'édition originale de 1597.De caecitate oratio. 1597. Mamert Patisson. Edition originale.Praefatiuncula... 1595. Mamert Patisson. Edition originale.Le premier livre... 1602. Edition en partie originale augmentée de 7 nouveaux poèmes après celle de 1597 qui n'en contenait que 17.Reliure en plein veau brun glacé XVIIIe. Dos à nerfs richement orné. Pièce de titre en maroquin brun. Mors finement restaurés. Dentelle sur les coupes. Bel exemplaire.Le Premier livre des poèmes est le dernier ouvrage paru du vivant de l'auteur et révisé par sa main, ce dernier s'étant éteint en 1602, à l'âge de 68 ans. Bien qu'il fut un humaniste très éclairé et un profond érudit, ami de bien des poètes (Muret, Ronsard, Baïf...), il est l'auteur d'une poésie légère et particuli … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Livres Anciens Gravures Feu Follet (livresetgravures) [FRA, FR]
2019-12-20 12:33:07
PRAXIS EVANLEGIORUM MARTINUM MOLLERUM ERSTER CHEYL 1603 Reliure plein cuir d' époque, état d' usage, brochage bon. Restauration ancienne XVIIe ou XVIIIe, pages 113 114 115 et 116 manuscrites et pages manquantes de 117 à 129 ?. Format 17,5X12cm, 627 pages. enlèvement possible, port en sus . INTERNATIONAL BIDDERS ARE WELCOME , ENGLISH SPEAKING. CONTACT & INFORMATIONS 06 66 46 01 50.
Bookseller: revesdenfantspapiers [FONTENAY LE FLEURY, Île-de-France, FR]
2019-12-19 12:27:02
Toledo, Francisco de - Francisci Toleti S.R.E
Gymnich und Münster. Köln, 1603. Condition: Gut. Artikeldetails Cardinalis Summa Casuum Conscientiae, Sive De Instuctione Sacerdotum Lib. VII Item De Peccatis liber unus, cum Bullae caenae Domini dilucidatione. Toledo, Francisco de - Francisci Toleti S.R.E.: Gymnich und Münster. Köln., 1603. 1 (Titelblatt), 44, 916 Seiten. 18 x 12 cm. Ganzledereinband der Zeit mit 2 Schließen (fehlen). Sprache: Deutsch Bestell-Nr: 14172 Bemerkungen: Stätker berieben, oberes Kapital beschädigt. Durchgehend etwas gebräunt, sonst gut erhalten. deu GH5|6340AB Schlagworte: Kulturgeschichte. - Theologie., 17. Jahrhundert; Priesteramt; Theologie,EUR 540,00 (inkl. 7,00% MwSt.) Versandkostenfrei innerhalb Deutschlands Aufgenommen mit whBOOK Sicheres Bestellen - Order-Control geprüft! Artikel eingestellt mit dem w+h GmbH eBay-Service Daten und Bilder powered by Buchfreund (2020-01-13).
Bookseller: avelibro [Dinkelscherben, DE]
2019-12-19 10:50:03
OVIDIUS NASO, Publius (OVID).
Geerebaert CXXII, 1j; STCN (4 copies); cf. De Rynck & Welkenhuysen, De oudheid in het Nederlands, p. 276. Very rare Rotterdam edition of the Dutch Ovid in the prose translation by Florianus, which stayed in use for over a century and illustrated with the Antwerp series of woodcuts based on Virgil Solis. In the Northern Netherlands the importance of Ovid's Metamorphoses for iconography was firmly established by the publication, in 1603-1604, of Carel van Mander's Schilder boeck. The title explicitly praises its value for painters, sculptors and goldsmiths. With the bookplate of Dr. A.J. Minne. Binding slightly rubbed along the extremities, but otherwise in very good condition.
Bookseller: ASHER Rare Books (Since 1830) [Netherlands]
Check availability:
2019-12-16 14:44:13
Bast, Pieter
EERSTE BETROUWBARE PLATTEGROND VAN LEEUWARDEN"Leeuwerden de hooft stadt van Frislant. Leoverdia Metropolis Frisiae 1603."' Vogelvluchtkaart van Leeuwarden gezien vanuit het zuiden. Kopergravure vervaardigd door Pieter Bast in 1603 naar het ontwerp van landmeter Johan Sems. 2e staat van III (vóór de vermelding van het adres van uitgever Lamrinck). Afm. ca. 40 x 49 cm.Rond 1600 brak voor Leeuwarden een bloeiperiode aan. "De stad is in een bekoorlijke vlakte in het hart van Friesland gelegen. De omliggende landerijen munten uit in vruchtbaarheid en in rijkdom aan vele voor het leven onmisbare zaken. Er is een overvloed van melk, boter, kaas en gevogelte. De grote hoeveelheid schapen, kalveren, ossen, koeien en varkens verbaast vreemdeling en landgenoot. De omgeving is rijk aan konijnen en hazen, het fruit van betere kwaliteit dan dat uit het buitenland. De oogst aan tarwe, rogge, haver, gerst en groenten is buitengewoon groot. Vele en verschillende soorten vis, zowel uit zoetwatermeren als uit de zee, worden hier aangevoerd.Overal ziet men tuinen, die het oog strelen, en nergens met onkruid, doornen of distels begroeide plaatsen. De straten zijn ruim en de gebouwen aanzienlijk. De lucht is er zeer gezond. Daardoor woedt er zelden een epidemie, die veroorzaakt wordt door schadelijke dampen, doch wel door een of andere besmetting, en dan is deze nog niet in die mate dodelijk als elders. De ontwikkeling der burgers is van dien aard, dat men zou veronderstellen, dat zij in Griekenland en niet zo nabij de koude en het ijs der poolstreken geboren en opgevoed zijn."' Aldus de toenmal … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Inter-Antiquariaat MEFFERDT & DE JONGE [Netherlands]
Check availability:
2019-12-13 00:37:21
Philipp CLUVER (Danzica 1580 - Leyden 1622)
1603. Carta storica della penisola di Philipp Cluver (Cluverio) per la prima volta pubblicata nel 'Theatrum Geographiæ Veteris' di Bertius. Esemplare edito da Jodocus Hondius e tratto dall'edizione francese del Mercator/Hondius Atlas, circa 1630. Prima carta dedicata all'Italia dal grande umanista e geografo, considerato il vero fondatore della geografia storica. Con margini graduati e senza reticolato, l'opera è di chiara derivazione mercatoriana. Incisione in rame, in ottime condizioni. Magnifico esemplare, molto contrastato. An exceptional impression of this map of ancient Italy, engraved by Jodocus Hondius and published in Bertius's 'Theatrum Geographiæ Veteris'. It was not until 1630 that Jansson used this plate in his editions of the Mercator atlas. Copperplate, very good. R. Borri "L'Italia nelle antiche carte…" (2011), scheda 87
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2019-12-11 16:39:04
Ortelius Abraham (1528-1598)
Anversa, Jean Baptiste Vrients, 1603. Incisione originale su rame (cm. 49,6x34,4 più ampi margini) tratta dal 'Theatrum Orbis Terrarum'. Splendida coloritura antica all'acquarello. Lieve traccia di piegatura centrale ma ottimo esemplare. Provenienza: Biblioteca del Castello di Cirey. Van den Broecke, 12.
Bookseller: Libreria Ex Libris ALAI-ILAB/LILA member [Roma, Italy]
2019-12-09 22:34:22
1603. Ischia quae olim AenariaIschia (Die Insel Ischia bei Neapel) Es handelt sich hierbei um eine originale, altkolorierte Kupferstichlandkarte der Insel Ischia von Abraham Ortelius aus dem Jahr 1603. Titel: Ischia quae olim AenariaIschia Ort: Die Insel Ischia Kartograph: Abraham Ortelius (1527 - 1598) Jahr: 1603 Größe des Plattenbereichs: 36 x 49 cm Technik: Kupferstich Zustand (Perfekt/ Sehr gut/ Gut/ Ordentlich/ Mäßig/ Schlecht): In gutem Erhaltungszustand. Minimal lichtrandig. Bemerkungen: Eine rare und dekorative Karte der Insel Ischia im Golf von Neapel. Der abgebildete Kartenbereich umfasst Ischia, die kleinere Insel Procida und die Küste zwischen Cuma und Miseno. Ergänzt wird die von Abraham Ortelius 1603 verlegte Karte durch drei aufwendige Kartuschen und eine umfangreiche Segelschiffstaffage. Lateinischer Text. Referenz: Van den Broecke Nr. 142-1603L91 English description: This is a rare and very decorative map of the island of Ischia in the Tyrrhenian Sea. It shows the islands itself, the smaller island of Procida and the coastline from Cuma to Miseno. This original map was published by Abraham Ortelius in 1603. It measures 36 x 48 cm (platesize) and is in good condition. Latin text on verso. Reference: Van den Broecke No. 142-1603L91 . - - - International buyers welcome. If you have any questions, please don't hesitate to ask. - - - Für die Suchmaschine: view map engraving Venice Venise Venetia Croatia Italy Italia Ad Istriaria --- Auf Wunsch stellen wir Ihnen gerne ein kostenfreies Echtheitszertifikat aus --- --- If you wish, we will gladly provide a certifica … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Historische-Landkarten (kunstantiquariat-online) [Hamburg, DE]
______________________________________________________________________________


      Home     Wants Manager     Library Search     564 Years   Links     Contact      Search Help      Terms of Service      Privacy     


Copyright © 2020 viaLibri™ Limited. All rights reserved.