The viaLibri website requires cookies to work properly. You can find more information in our Terms of Service and Privacy Policy.

Displayed below are some selected recent viaLibri matches for books published in 1600
2019-08-18 08:44:33
1600. GOOD CONDITION. ORIGINAL *Holy BIBLE* Old & New Testament 267 woodcuts, on every page Dimensions of woodcuts: 6'' x 7,75'' inches - 15 cm x 20 cm Dimensions of book: 13 1/4" x 9 1/2" x 1 1/2" FIRST EDITION, PRINTED BY GUILLAUME LEBE PRINTERS TO THE KINGS MOST EXCELLENT MAJESTY AT PARIS IN 1643. Condition: quality of printing of woodblocks are perfect. Generally, book in good condition, but some pages had a professional restoration: Pages 1 to 36, had a touch of restorations. In a book 2 title page New & Old Testament, a page of new testament is missing, all other pages are complete. Please see photos below of a book. If you wish more photos, please let me know. [Attributes: First Edition]
Bookseller: normanfinearts [Tallinn, EE]
2019-08-14 17:22:45
1600. ESTIENNE (Charles) et LIEBAULT (Jean), L'agriculture et maison rustique, Rouen, Osmont, 1600 In-4 de (12), 294 [ei 394], (22) et 11 feuillets ; basane brune vers 1700, dos orné, tranches rouges (restauration à la coiffe supérieure, coins et coupes émoussés). Première édition rouennaise de la traduction française du Prædium rusticum de Charles Estienne dont l'édition originale latine parut en 1554 et l'édition originale française procurée par Jean Liébault en 1564. Intéressant état de la page de titre au nom de "Jean Osmont, dans la Court du Palais" qui semble inconnu des bibliographes qui ne recensent qu'un état chez Romain de Beauvais à la même date et avec une collation identique. Quelques illustrations dans le texte dont l'une de cheval, plusieurs concernant l'agencement des jardins et en particulier "la forme de disposer les herbes par compartiments de diverses façons", 7 bois dans le texte illustrent divers appareils à distiller, enfin trois grands bois illustrent un instrument d'arpentage et son utilisation. Déchirure marginale sans manque à deux feuillets préliminaires, déchirure sans manque au milieu des feuillets 229 et 230, petit manque au titre courant du feuillet 230, petite déchirure avec manque au feuillet 375 ; déchirures marginales sur les 6 derniers feuillets sans manque ; auréoles d'humidité à partir des feuillets de tables.
Bookseller: Le Zograscope (lezograscope) [Paris, FR]
2019-08-13 14:22:28
Mattheus QUAD (Deventer 1557 - Colonia 1613)
1600. "Bella e rara carta, tratta dall'opera di M. Quad ""Fasciculus Geographicus Complectens Praeciparum Totius orbis Regionum tabulas circiter centum. una cum earundum Enarrationibus"" edito a Colonia da J. Bussemacher, nel 1608. Incisione su rame, lieve e uniforme brunitura,grinze lungo la piega centrale, nel complesso in buono stato di conservazione. Testo latino al verso." Matthaus Quad was a German cartographer based in Cologne, which, at the time was the centre for German cartography. This map is from his Fascilus Geographicus. It was printed by Johannes Bussemacher. Meurer, Atlantes Quad 69.
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-08-13 03:22:17
Aegidius Sadeler
1600. Incisione originale a bulino firmata in basso a destra, da un soggetto di Spranger. Esemplare nell'unico stato, con alcuni difetti di conservazione all'angolo inferiore destro, rifilato alla battuta del rame ed applicato su carta antica, comunque molto brillante. (Le Blanc III, n°30). Dimensioni mm 280x220.
Bookseller: Studio Bibliografico Tommaso D'Antrassi Scripta Operandi [IT]
2019-08-10 10:55:20
Mattheus QUAD (Deventer 1557 - Colonia 1613)
1600. "Rara ed affascinante carta dell'Asia. Matthaus Quad era un cartografo tedesco risiedente a Colonia, città che, all'epoca, era il punto nevralgico della cartografia tedesca. Questa carta, presa da dal suo ""Fascilus Geographicus"", è stata stampata da Johannes Bussemacher." Scarce early map of the Asia from Quad's Atlas Geographische Handbuch, published by Johann Bussemacher. Quad's map is a marvelous amalgam of early cartographic information and mis-inforamtion. The Korean peninsula does not appear. Japan is shaped in a very curious C shape. The Philippines is oddly misconfigured and much of SE Asia is mishaped or conjectural. Rich dark impression and full color, with wide margins.
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-08-09 14:46:27
Nivelle, 1600. VIRGIL. VERGILIUS MARO, Publius. Pvb. Virgilii Maronis Bucolicorum, Eclogae X. Georgicorum, libri IIII. Aeneidos libri XII. Et in ea, Mauri Servii . commentarii . ex bibliotheca Petri Danielis. Paris: Nivelle, 1600. Folio, [13] leaves, 708, 55, [l] pp., [30] leaves (with last blank). Title-page printed in red and black, with Nivelle s device; ornamental initials and headpieces. Early 18th century calf, spine with gold tooling, front board lower hinge separating but holding. Lower corner of back board worn. Wormhole to bottom margin of last 6 leaves of the index, not affecting text. Overall fine. Contains the editio princeps of the longer version of the commentary of Servius ( Servius Auctus ), to this day still referred to as Servius Danielis after its first editor, the lawyer-humanist of Orléans, Pierre Daniel (1530-1603). This edition also contains the editio princeps of the scholia by Junius Philargyrius on the Bucolics and Georgics, with separate caption title, pagination, and register.
Bookseller: ortusbooks [Newburyport, Massachusetts, US]
2019-08-09 04:44:35
Hendrick HONDIUS (Amsterdam 1597 - 1651)
Bulino, 1600, firmato e datato in lastra in basso a destra. Da un soggetto di Gillis de Saen. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva priva di filigrana, rifilata al rame e completa della linea marginale, in ottimo stato di conservazione. Rara. Engraving, 1600, signed and dated on plate on lower right. From a subject of Gillis de Saen. Magnificent work, printed on contemporary laid paper without watermark, trimmed to platemark and with full marginal line, in excellent condition. Rare. Hollstein 4.
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-08-08 06:55:08
Jacob MATHAM (Haarlem 1571 - 1631)
1600. Bulino, databile alla fine del XVI secolo, privo della firma dell'artista. Della serie "Virtù e Vizi", che deriva da disegni di Hendrick Goltzius, di cui il Matham era allievo. Magnifica prova, particolarmente nitida e contrastata, impressa su carta vergata coeva con parziale filigrana non identificabile, rifilata al rame e completa della linea marginale, in eccellente stato di conservazione. "Engraving, datable from the end of the sixteenth century, the artist's signature is missing. After the series ""Virtues and Vices"" which was derived from drawings by Hendrick Goltzius, whose apprentice Matham was. Magnificent proof, with very good contrast and sharp details, printed on contemporary laid paper with partial unidentifiable watermark, trimmed at the platemark with borderline, in excellent conditions." Bartsch 268.
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-08-07 19:04:47
1600. GOOD CONDITION. ORIGINAL *Holy BIBLE* Old & New Testament 267 woodcuts, on every page Dimensions of woodcuts: 6'' x 7,75'' inches - 15 cm x 20 cm Dimensions of book: 13 1/4" x 9 1/2" x 1 1/2" FIRST EDITION, PRINTED BY GUILLAUME LEBE PRINTERS TO THE KINGS MOST EXCELLENT MAJESTY AT PARIS IN 1643. Condition: quality of printing of woodblocks are perfect. Generally, book in good condition, but some pages had a professional restoration: Pages 1 to 36, had a touch of restorations. In a book 2 title page New & Old Testament, a page of new testament is missing, all other pages are complete. Please see photos below of a book. If you wish more photos, please let me know. [Attributes: First Edition]
Bookseller: normanfinearts [Tallinn, EE]
2019-08-05 10:55:39
1600. SELTENE AUSGABE CALENDARIUM PERPETUUM ET LIBRI OECONOMICI DAS IST EIN STETSWERENDER CALENDER DARZU SEHR NUTZLICHE UND NÖTHIGE HAUSSBÜCHER.VOR DIE HAUSWIRT,ACKERLEUT,APOTHEKER....WEINHERRN,GÄRTNER.... Sie bieten auf eine seltene Ausgabe aus dem Verlag von Helwig (Wittenberg) aus dem Jahre 1600 .Gebunden in einen Pergamenteinband der Zeit mit später ergänztem Leinenbuchrücken im Format: 19,5cm x 15cm. Mit altkolorierter Titelvignette in Holzschnitt und 67 Textholzschnitten (davon einer altkoloriert), sowie wiederholter Druckermarke. KOLLATIONIERUNG: 6 nn.Blatt,288 Seiten, 26 nn. Blatt-komplett ZUSTAND: Gutes Exemplar mit Gebrauchsspuren, durchgehend gebräunt und fleckig, gute Bindung, Einband berieben und fleckig,Vorsatzblätter späteren Datums, vereinzelt kleinere Randeinrisse.Vorderes Innengelenk leicht angebrochen. Im Ganzen für ein Gebrauchsbuch diesen Alters gut erhalten-selten. [Attributes: Hard Cover]
Bookseller: antiquarischekostbarkeit (welsprofi) [Balmberg, CH]
2019-08-03 18:33:06
Matteo FLORIMI (1581-1613)
Acquaforte e bulino, circa 1600, firmata in lastra in basso al centro. Bellissima prova, impressa su carta vergata coeva, rifilata al rame o con sottili margini, in ottimo stato di conservazione. La lastra è firmata da Raffaello Schiaminossi, celebre incisore di Borgo San Sepolcro il cui monogramma appare in basso al centro. Celebre per la sua tecnica innovativa dell'uso dell'acquaforte con sistema delle coperture. La pianta reca in basso una legenda con 119 richiami. L'opera deriva probabilmente da un'incisione anonima dello stesso periodo raffigurata e descritta nella collezione Novacco. Il Florimi, commerciante di libri e di stampe, fu anche editore. Di origini calabresi. Si stabilì a Siena nel 1581, con un negozio in Banchi. La prima testimonianza della sua attività indipendente si ha nel 1589. Rarissima e ricercata pianta di Perugia. Bibliografia: Fauser 10776. Dimensioni 520x375. Etching and engraving, 1600 circa, signed on lower left plate. Beautiful work, printed on contemporary laid paper, trimmed to platemark or with thin margins, in excellent condition. The plate is signed by Raffaello Schiaminossi, a famous engraver of Borgo San Sepolcro whose monogram can be seen on lower centre. He was famous for his innovatory use of the etching technique, with the covering system. On lower part, the plan bears a legend with 119 items. This works derives from an anonymous engraving, published in the same period, which has been described and listed in the Novacco's collection. Florimi, a bookseller and a print trader, worked also as a publisher. He moved to Siena in 1581, open … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-08-03 18:33:06
Matteo FLORIMI (1581-1613)
1600. In alto al centro, sotto il bordo superiore, si trova il titolo: GENOVA. In alto a sinistra è raffigurato lo stemma della città. Lungo il margine inferiore è incisa una legenda numerica di 58 rimandi a luoghi e monumenti notabili, distribuita su dieci colonne. Segue l'imprint editoriale Matteo Florimj for. Orientazione fornita da una rosa di otto venti, senza però riportarne l'indicazione (il nord è in alto). Opera priva di scala grafica. Pianta prospettica della città, edita da Matteo Florimi a Siena. Basata sul modello lafreriano del 1573 (Tooley n. 241) e sulle successive repliche, rappresenta senza modifiche lo stato della città alla metà del XVI secolo. La legenda numerica resta invariata ed è composta da 58 rimandi numerici; lo stemma della città, in alto a destra, segue le piante di Duchetti e Cartaro (1581), mentre il segno ornamentale dopo l'ultimo numero della legenda riprende quello della pianta anonima di fine secolo, precedentemente descritta. Non sono note ristampe, tuttavia alcuni esemplari della mappa, di tiratura più tarda, possono essere attribuiti ai torchi dell'editore senese Pietro Petrucci, che acquisì gran parte delle lastre del Florimi. Acquaforte e bulino, su carta vergata coeva priva di filigrana, piccoli restauri nella parte inferiore, traccia di piega centrale e strappo di carta perfettamente restaurato, nel complesso in buono stato di conservazione. Opera molto rara, censita in soli 5 esemplari nelle biblioteche pubbliche. Bifolco-Ronca (2018): n. 1114; Boffa (2013): II, n. 9; Van der Heijden (1993): n. 25; Giubbini (1970): n. 4; L'Immagin … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-08-03 18:33:06
Matteo FLORIMI (1581-1613)
1600. La pianta assonometrica di Padova di Giuseppe Viola Zanini sarà il prototipo di riferimento per il disegno della città fino a quella di Giovanni Valle del 1784. Pubblicata da Matteo Florimi alla fine del secolo XVI, è la prima pianta a restituire un'immagine attendibile della città e delle sue mura fortificate; mostra bene la consistenza urbana anche se probabilmente "consegnata in termini di aggregazioni verosimili piuttosto che a seguito di operazioni di rilevamento" (Hopknis). Sono rappresentati gli edifici più importanti quali il palazzo della Ragione, Castelvecchio, la cappella dell'Arena e il Santo, oltre all'Orto botanico e alle principali strade che da Padova conducevano a Venezia, Piove di Sacco, Conselve e Monselice. Riedita nel 1658, la veduta prospettica del Viola conoscerà un numero consistente di repliche costantemente aggiornate, dalla Patavium nobilissima pubblicata nel sesto volume del Civitates Orbis Terrarum (1618) fino a quelle settecentesche, tra cui quella del De Wit (1729). Non sono note ristampe, tuttavia alcuni esemplari della mappa, di tiratura più tarda, possono essere attribuiti ai torchi dell'editore senese Pietro Petrucci, che acquisì gran parte delle lastre del Florimi. Sotto al bordo superiore, a caratteri molto grandi, è inciso il titolo: PADOA. Lungo il margine inferiore, legenda numerica di 156 rimandi a luoghi e monumenti notabili, distribuita su tredici colonne. Opera priva di orientazione e scala grafica. Nella tavola sono fornite ulteriori indicazioni toponomastiche. Acquaforte e bulino in ottime condizioni. Opera rara. Altra bib … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-08-03 18:33:06
Matteo FLORIMI (1581-1613)
Acquaforte e bulino, circa 1600, firmata in lastra in basso a destra. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva, con margini, lieve restauro all'angolo superiore sinistro perfettamente eseguito, nel complesso in ottimo stato di conservazione. Carta geografica della Toscana derivante da quella di Girolamo Bellarmato edita da Claudio Duchetti a Roma nel 1558, che il Florimi probabilmente vede nel suo periodo romano. Allievo di Antonio Lafrery e Claudio Duchetti, si trasferisce a Siena dove inizia la sua fiorente attività di editore fino al 1612. Per le caratteristiche peculiari delle opere del Florimi e per la loro rarità, queste vengono classificate tra le carte di scuola lafreriana. Molto rara. Bibliografia: Tooley, Italia Atlases 577. Dimensioni 490x365. Etching and engraving, 1600 circa, signed on lower right plate. Magnificent work, printed on contemporary laid paper with margins, minor repair on upper left corner perfectly executed, otherwise in excellent condition. Geographic map of Tuscany deriving from the example realized by Girolamo Bellarmato published in Rome by Claudio Duchetti in 1558, which Florimi might have seen during his stay in Rome. Pupil of Antonio Lafrery and Claudio Duchetti, he moved to Siena where he started working as publisher with great success until 1612. Due to the peculiar characteristics of his works, and to the fact that they are quite rare, Florimi's production has been classified as belonging to the school of Lafrery. Very rare. Bibliografia: Tooley, Italia Atlases 577. Dimensioni 490x365. Tooley, Italia Atlases 577. Dimensioni 490x … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-08-03 18:33:06
Matteo FLORIMI (1581-1613)
Acquaforte e bulino, 1600, firmata e datata in lastra in basso. Bellissima prova, impressa su carta vergata coeva ed applicata su antico supporto cartaceo, rifilata al rame, leggermente ossidata ma nel complesso in ottimo stato di conservazione. La carta reca una leggenda con 128 richiami suddivisi in quindici colonne. La mappa deriva da quella pubblicata a Roma nel 1580, opera di Orazio Maiocco. Il Barbera sostiene che la mappa del Florimi è databile a circa il 1582, ipotesi che ci sentiamo di scartare assolutamente. Bibliografia: Barbera, Raffigurazioni, Ricostruzioni Vedute e piante di Palermo, p. 42, 13; V dr Heyden, Florimi, 34. Dimensioni 535x405. Etching and engraving, 1600, signed and dated on lower plate. Beautiful work printed on contemporary laid paper and laid on ancient paper support, trimmed to platemark and with light oxidations, in excellent condition. The map bears a legend with 128 items divided in fifteen columns; it derives from the one published in Rome in 1580 by Orazio Maiocco. Barbera says Folrimi's map can be dated around 1582, and hypothesis we do not share at all. C. Barbera Azzarello, "Raffigurazioni ricostruzioni vedute e piante di Palermo", sch. e tav. 13; V dr Heyden, Florimi, 34.
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-08-03 18:33:06
Matteo FLORIMI (1581-1613)
1600. Rarissima e splendida veduta a volo d'uccello della città di Mantova, firmata in lastra in basso a destra. Nel cartiglio, in bassa a sinistra, l'autore fornisce notizie storiche dalla fondazione della città fino alla signoria dei Gonzaga. Incisione in rame, per il resto in ottime condizioni. In alto al centro, sotto il bordo superiore, è inciso il titolo: MANTOVA. Nel cartiglio in basso a sinistra troviamo una breve descrizione storico-geografica: MANTOVA città della Lombardia Traspadana, è edificata da Manto e da Ocno, di Tiberio, e di Tinsia Tebani: In[n]ansi à l'incendio Troiano anni LX et a Roma edificata anni DCLXX ed alla nativita di Cristo, anni MCLXXXII situata in mezzo a le paludi create dal fiume Mincio, e perciò è fortissima di sito. È stata sotto l'dominio de Toscani, de Galli, de Romani, de Goti, de Longobardi, del Imperio, di Republica, del Conte Tedaldo, Canosano, donatali da Ottone secondo: del C. Bonifatio, della Contessa Beatrice, della Contesse Matilde, di Enrico terzo Imp. havendola tolta ala C. Matilde: di libera Republ. e di nuovo, della Contessa Matilde, essendo per assedio levata delle mani della libertà nel anno MCXIIII. Venne dipoi sotto la potesta dell'Imperio: fu occupata da Sordello Visconti.... primo prencipe di Mantova: nel an[n]o MCCCXXXII. fu governata la sua Republica da dieci Principi, nel qual tempo da Sigismondo Imperatore fu data per Marchesato à Giova[n] Francesco Gonzaga. Nell'angolo inferiore destro si trova l'imprint editoriale: Matteo Florimi for. In Siena. Tavola priva di orientazione e scala grafica. Acquaforte e bulino, di … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-08-03 18:33:06
Matteo FLORIMI (1581-1613)
Acquaforte e bulino, circa 1600. Buona prova, impressa su carta vergata coeva, con margini, leggere ossidazioni, restauri perfettamente eseguiti al margine laterale destro e inferiore destro, nel complesso in buono stato di conservazione. Il Florimi, allievo di Antonio Lafrery e Claudio Duchetti, si trasferisce a Siena dove inizia la sua fiorente attività di editore fino al 1612. Per le caratteristiche peculiari delle opere del Florimi e per la loro rarità, queste vengono classificate tra le carte di scuola lafreriana. Molto rara. Etching and engraving, circa 1600. Good impression, printed on contemporary laid paper, with margins, light oxidation, perfectly executed restorations at the edge right side and lower right, overall in good condition. Florimi, a pupil of Antonio Lafrery & Claudio Duchetti, moved to Siena, where he began his burgeoning work as an editor until 1612. Due to the nature of the works of Florimi and for their rarity, these cards are classified as school lafreriana. Very rare.
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-08-01 11:56:12
Philippe THOMASSIN (1562 - 1622)
Acquaforte e bulino, 1600, firmata in lastra in basso. Esemplare nel secondo stato di due, con la data 1613; il primo stato, datato 1600, è descritto solo dal Tooley. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva, rifilata alla linea marginale su tre lati, poco entro in basso con perdita della cornice ornamentale inferiore, restauro all'angolo superiore sinistro perfettamente eseguito, per il resto in ottimo stato di conservazione. La pianta prospettica e planimetrica edita dal Thomassin è opera di Francesco Parenzi o Parenzio ed è dedicata a Paolo Giordano Orsini, il cui stemma di famiglia appare nel bellissimo cartiglio sulla sinistra. Philippe Thomassin si stabilisce a Roma verso il 1585 dove incide soprattutto soggetti religiosi alla bottega del Duchetti, del Vaccari e del Clodio. Come d'uso nel periodo però, dal 1588, diviene anche editore, ottenendo nel 1599 il beneficio del privilegio da papa Clemente VIII. Bibliografia: Bella, Cartografia Rara, p. 137, 129 II/II; Bury, The Print in Italy, p. 234. Dimensioni 535x395. Etching and engraving, 1600, signed on lower plate. Example in the second state of two, dated 1613; the first state, 1600, has been listed only by Tooley. Magnificent work, printed on contemporary laid paper trimmer to marginal line on three sides, slightly inside the margin on lower part, with the consequent loss of part of the decorative frame, minor repair on upper left corner perfectly executed, otherwise in excellent condition. Perspective and planimetric plan published by Thomassin and realized by Francesco Parenzi or Parenzio, dedicated to Paol … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-08-01 01:39:10
Moscow: NEVEZHA, 1600. Good condition.Partly handwritten. Минея общая. - Москва: Печ. Андроник Тимофеев Невежа, 29 июня 1600 (4 июня 7107 - 29 июня 7108). [2], [8], [582], [2 п.] [т. е. 594] л.; 4°. Первое издание текста «Минеи общей», т.е. она является «первопечатной». Из книг напечатанных Андроником Невежей первопечатными являются: Триодь цветная (1591) и Триодь постная (1589), Октоих (1594), Минея Общая (1600 г., июнь) и Служебник (1602). Известно: 37 экз. и 1 фрагмент «Минеи общей» (1600). Экспертное заключение НИО редких книг (Музей книги) Российской государственной библиотеки. Сопиков. № 619; Каратаев. № 131; Ундольский. № 143; Зернова. № 15; Гусева. № 167. Photo Gallery - click to enlarge. [Attributes: First Edition]
Bookseller: douglasoscarltd [London, GB]
2019-08-01 00:00:25
Matteo FLORIMI (1581-1613)
Acquaforte e bulino, circa 1600. Buona prova, impressa su carta vergata coeva, con margini, leggere ossidazioni, restauro perfettamnete esguito nel margine destro ed inferiore, nel complesso in buono stato di conservazione. La carta deriva dalla mappa di Gerard Mercator. Il Florimi, allievo di Antonio Lafrery e Claudio Duchetti, si trasferisce a Siena dove inizia la sua fiorente attività di editore fino al 1612. Per le caratteristiche peculiari delle opere del Florimi e per la loro rarità, queste vengono classificate tra le carte di scuola lafreriana. Molto rara. Etching and engraving, circa 1600. Good proof, printed on contemporary laid paper, with margins, light oxidation, restoration ideally communicated run at the right margin and lower overall in good condition. The cartographic informations derived from Gerard Mercator. Florimi, a pupil of Antonio Lafrery & Claudio Duchetti, moved to Siena, where he began his burgeoning work as an editor until 1612. Due to the nature of the works of Florimi and for their rarity, these cards are classified as school lafreriana. Very rare.
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-08-01 00:00:25
Matteo FLORIMI (1581-1613)
Acquaforte e bulino, circa 1600. Buona prova, impressa su carta vergata coeva, con margini, leggere ossidazioni, restauro nella parte inferiore perfettamente eseguito, nel complesso in buono stato di conservazione. La carta deriva dalla mappa di Gerard Mercator. Il Florimi, allievo di Antonio Lafrery e Claudio Duchetti, si trasferisce a Siena dove inizia la sua fiorente attività di editore fino al 1612. Per le caratteristiche peculiari delle opere del Florimi e per la loro rarità, queste vengono classificate tra le carte di scuola lafreriana. Molto rara. Etching and engraving, circa 1600. Good impression, printed on contemporary laid paper, with margins, light oxidation, restoration at the bottom perfectly executed, overall in good condition. The map stems from the map by Gerard Mercator. TFlorimi, a pupil of Antonio Lafrery & Claudio Duchetti, moved to Siena, where he began his burgeoning work as an editor until 1612. Due to the nature of the works of Florimi and for their rarity, these cards are classified as school lafreriana. Very rare.
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-08-01 00:00:25
Matteo FLORIMI (1581-1613)
Acquaforte e bulino, circa 1600. Buona prova, impressa su carta vergata coeva, con margini, leggere ossidazioni, nel complesso in buono stato di conservazione. La carta deriva dalla mappa di Gerard Mercator. Il Florimi, allievo di Antonio Lafrery e Claudio Duchetti, si trasferisce a Siena dove inizia la sua fiorente attività di editore fino al 1612. Per le caratteristiche peculiari delle opere del Florimi e per la loro rarità, queste vengono classificate tra le carte di scuola lafreriana. Molto rara. Etching and engraving, circa 1600. Good impression, printed on contemporary laid paper, with margins, light oxidation, overall in good condition. The map derived from the map by Gerard Mercator. Florimi, a pupil of Antonio Lafrery & Claudio Duchetti, moved to Siena, where he began his burgeoning work as an editor until 1612. Due to the nature of the works of Florimi and for their rarity, these cards are classified as school lafreriana. Very rare. Tibor, S. Descriptio Hungariae, 88. Szantai,L. Atlas Hungaricus, Florimi 1, vol.1, p.184.
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-31 20:52:09
William Camden
London: George Bishop, 1600. Click here to see our other books! Britannia sive Florentissimorum Regnorm, Angliae, Scotiae, Hiberniae, et Insularum adjacentium ex intima antiquitate Chorographica descriptio. Nunc postremo recognita, & magna accessione post Germanicam aeditionem adaucta William Camden 1600 George Bishop : London 8" by 6" [16], 1-324, 327-642, 635-719, 718-747, [3], 751-831, [1], [26], 30, [2]pp SUMMARY A superior copy of the sought after fifth and first illustrated edition of Elizabethan scholar William Camden's great chorographical work, 'Britannia'. This is the first edition to have the folding maps. An Important Work,First Edition,Folding Maps,Illustrated,Leather Binding,Scarce Overall Condition: Very Good Indeed This book weighs 1.5 KG when packed UK Postage: £ 3.99 US Postage: £ 23.99 EU Postage: £ 18.99 European Postage: £ 19.99 Asia Postage: £ 22.99 Worldwide Postage: £ 28.99 DESCRIPTION This is the fifth true edition, being the first edition with the maps. A good well margined copy with the preserved original boards. In the original Latin. With illustrations of Roman and ancient British coins from pages 69-75, two folding maps (page 82 and 106), and three full page illustrations to page 219, 605 and 754. The illustration to page 219 is of Stonehenge. The two folding maps are by William Rogers and are titled 'Britannia Provincia Romanorum' and 'Englalond Anglia Anglosaxonum Heptarchia'. The maps are in a very good condition. With the signatures: A-3H8, 3I-3N4. Irregular pagination, as called for. To the first gathering, the order is incoherent. Between … [Click Below for Full Description]
Bookseller: The Mad Librarian (the-mad-librarian) [Bath, GB]
2019-07-31 11:56:00
Medizinisches Handbuch des Chirurgen,
Ohne Ort (Wohl Neustadt Ca ), 1600. (16,5 x 10 cm). 232 pag. S. (S. 79 und 88 übersprungen), eng beschrieben. Halblederband der Zeit mit intakten Schließbändern. Sehr umfang- und inhaltsreiches Handbuch, das annähernd das gesamte Wissen der medizinischen und pharmazeutischen Praxis der Zeit repräsentiert, versehen mit der Überschrift: "Hier in diesen Büchlein thue ich zu Wiessen die vornembsten sachen die einem baader oder feldscherer zu wiessen notwendig seind". Auf den Innendeckeln nennt sich der Verfasser (der Band zeigt durchgehend die gleiche Handschrift) "David Ferdinandus Caesar Chirurgus Neostadij ad Saalam". Der vordere Innendeckel enthält dazu als Symbol der ärztlichen Zunft eine interessante Federzeichnung: ein Dreieck, bestehend aus einer netzförmig "gewebten", züngelnden Schlange. Den Anfang bildet eine lange Reihe von Fragen und Antworten für Diagnose und Therapie: "Erstlich will ich schreiben von den pflastern. was wilt du zu dem emplastro Apostolico nehmen: Ich wolt nehmen." Es folgen mit Zeichen für Maßangaben Mittel wie "silberglott", "baumöhl", "gelb wachs", "weiß wachs", "grigisch Gechana", "Gummi galbani", "ammoniaci opopanacis in Essig solviert" etc. Die unzähligen Fragestellungen, Diagnosen und Therapien, Rezepte und Verfahren sind grob nach Gebieten geordnet, z.B. nach Beschaffenheit und Fähigkeiten des Mittels, z.B. Wasser. Andere Kapitel gliedern sich nach anatomischen Aspekten, wobei dann Grundsätzliches über Beschaffenheit und Funktion des Körperteils vorangestellt ist. Für jedes Leiden ist meist eine größere Anzahl von therapeutischen Maßnahmen … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Antiquariat Gerhard Gruber [Heilbronn, Germany]
2019-07-31 11:13:24
TURNEBUS, Adrianus
Straßburg, L. Zetzner, (1599), 1600. Folio. 6 Bl., 397 S., 17 Bl.; 175 S., 6 Bl. (das letzte weiß); 112 S., 6 Bl. (das letzte weiß); 4 Bl., 376 Sp.; 2 Bl., Sp. 377-860 (recte 840, Zählung springt von 762 auf 783); 2 Bl., Sp. 869-1134, 47 Bl. Mit Holzschnitt-Verlegermarke auf dem Titel (mehrfach wiederholt). Pergament d. Zeit mit Blindprägung (etwas gebräunt u. verstaubt, Vordergelenk ausgebessert, Ecken bestoßen, Rückenbezug mit 2 Einrissen). Die Opera enthalten 1. Abhandlungen hauptsächlich zu Cicero, 2. Übersetzungen (Versiones selectorum librorum Aristotelis, Theophrasti, Plutarchi aliorumque) und 3. Opuscula varia et in eiusdem (Turnebi) obitu orationes, epistolae et epitaphia.- Die Adversaria enthalten die berühmten Arbeitsbücher des Adrianus Turnebus, eine "unglaublich reiche Sammlung" (Pfeiffer) über seine in Breite und Umfang staunenerregenden Studien auf dem Gebiet der antiken Philosophie, Literatur und Wissenschaft. Adrien Turnèbe (1512 - 1565) war seit 1547 Lecteur Royale am Collège de France, das 1530 in bewusster Anlehnung an das alexandrinische Museion gegründet worden war und die führende Stellung Frankreichs auf dem Gebiet der klassischen Studien während des ganzen 16. Jhdts begründete. "Late in his life he completed his most important work, the thirty books of his Adversaria, in which a large number of passages in ancient authors are judiciously explained or boldly emended. De Thou describes them as aeternitate digna. Scaliger ... considers that there is more in a single book of Turnebus than in the 37 books of the Variae Lectiones of Victorius" (Sandys I … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Buch & Consult Ulrich Keip [Germany]
2019-07-30 23:22:22
Anonimo
Acquaforte, circa 1590/1600, priva di firma e dati editoriali Stilisticamente, questa rarissima opera, si colloca a metà strada tra le incisioni di maniera e quelle del seicento italiano. Permangono infatti alcune reminescenze dell'incisione di Fontainebleau, addolcite da una tecnica più raffinata grazie all'uso dell'acquaforte. Probabilmente si tratta di un lavoro di un'artista del Nord Italia, databile alla fine del cinquecento. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana non meglio leggibile, rifilata al rame e completa della linea marginale, tracce di matita sanguigna visibile al verso, per il resto in ottimo stato di conservazione. Etching, circa 1590/1600. Stylistically, this extremely rare work can be placed halfway between mannerism and the sixteenth-century Italian school. Indeed, there are some similarities with the Fontainebleau school which are refined through the etching technique. It can probably be ascribed to an artist who worked in northern Italy. Magnificent proof, printed on contemporary laid paper with unidentifiable watermark, trimmed at the platemark with borderline, traces of red pencil-mark visible on verso, otherwise in very good conditions.
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-30 23:22:22
Pieter OVERADT (attivo a Colonia 1596 - 1632)
1600. Bulino, fine del XVI secolo, monogrammato con la sigla AD. Esemplare nel primo stato di due, avanti l'indirizzo dell'editore. Bellissima proiva, ricca di toni, impressa su carta vergata coeva, rifilata al rame, carta leggermente assottigliata al verso, difetti minori, nel complesso in buono stato di conservazione. Copia in controparte di un lavoro di Dürer del 1503. Rara. Engraving, with AD monogram. Example of the first state, before the address 'Per. Ouerrat excu.' A fine impression, printed on contemporary laid paper, trimmed to the platemark, small reapired areas at the back, otherwise good conditions. Reversed copy of an engraving of 1503 by Dürer , showing the Virgin and Child seated on a grass bench, in the background hills and a castle, in the foreground a dog an two hares Bartsch VII.54.34, C5. Heller 568.
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-29 11:33:31
Matteo FLORIMI (1581-1613)
Carta geografica della Penisola Iberica edita a Siena verso il 1600 circa e fedele derivazione della carta di Abraham Ortelius dal titolo Regni Hispaniae Postomnivm Editiones Locvpletissima Descriptio pubblicata per la prima volta ad Anversa nel 1570. Sebbene non firmata la carta è attribuita, senza ordine di dubbio, alla bottega di Matteo Florimi. La lastra sembra riconducibile alla mano dell'incisore fiammingo Arnoldo di Arnoldi, che lavorava già per Giovanni Antonio Magini. Il periodo di collaborazione tra il Florimi e l'Arnoldi è riconducibile agli anni 1600 - 1602 e produsse un discreto numero di mappe. In basso: a destra in una targa ornata con fregi figure e mascheroni HISPANIAE nova descriptio. a sinistra in una piccola targa Scala di miglia Italiane 90. (90 = mm 50) e Scala leucarum 30. (30 = mm 60). Orientazione nei quattro lati al centro con il nome dei punti cardinali in latino Septentrio, Meridies, Oriens, Occidens. Graduazione ai margini di 10' in 10' va da 34° 30' a 44° 42' lat. e da 10° a 26° 12' margine in basso (da 9° 10' a 26° 55' margine in alto) lat. Acquaforte e bulino, mm 357 x 478. Non sono note ristampe, tuttavia alcuni esemplari della mappa, di tiratura più tarda, possono essere attribuiti ai torchi dell'editore senese Pietro Petrucci, che acquisì gran parte delle lastre del Florimi. Map of the Iberian Peninsula by Matteo Florimi, published in Siena aroun 1600. The map is a copy of Abraham Ortelius Regni Hispaniae Postomnivm Editiones Locvpletissima Descriptio, first edition published in Anversa, 1570. The engraving could be attribued to the Flemis … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-28 20:12:35
Giovanni Antonio MAGINI (1555 - 1617)
1600. "Carta geografica tratta da ""L'Italia"" a cura di Fabio Magini, edito a Bologna tra il 1620 ed il 1640. Incisione in rame, in ottimo stato di conservazione."
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-28 20:12:34
Giovanni Antonio MAGINI (1555 - 1617)
1600. "ESEMPLARE IN COLORITURA COEVA. Carta geografica tratta da ""L'Italia"" a cura di Fabio Magini, edito a Bologna tra il 1620 ed il 1640. La carta si estende dal Golfo di Venezia a Milano e, a nord, al Distretto dei Laghi e alle Alpi. Cartiglio decorativo molto elaborato. La carta dello Stato veneto in generale rappresenta l'insieme delle nozioni raccolte per tutte le altre tredici carte dei territori che componevano lo stato, ad eccezione del territorio di Trento. Dal punto di vista del riliievo cartografico, l'opera presenta diverse analogie con quella realizzata dal Mercator nel 1589. Le carte del Magini in coloritura coeva sono assolutamente rarissime." "Map from ""Italy"" by Fabio Magini, published in Bologna between 1620 and 1640. Fine example of Magini's regional map of Italy, extending from the Gulf of Venice to Milan and North to the Lake District and the Alps. Fine elaborate detailed cartouche."
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-27 21:44:24
Matteo FLORIMI (1581-1613)
1600. "Pianta prospettica della città edita a Siena da Matteo Florimi. Descrizione tratta da Bifolco-Ronca, ""Cartografia e topografia italiana del XVI secolo. Catalogo ragionato delle opere a stampa"" (pubblicazione prevista per febbraio 2018). Titolo & iscrizioni In alto: al centro il titolo FIORENZA a sinistra una rosa dei venti, ma senza il nome dei punti cardinali, a sinistra lo stemma dei Medici e quello della città. A destra al centro una legenda di 17 rimandi a luoghi che riguardano la Fortezza da Basso. A destra in basso in un riquadro LUOGHI NOTABILI segue su cinque colonne una legenda numerica di 228 rimandi a luoghi e monumenti, sotto in un cartiglio Oltra alli soprascritti luoghi notati si trova de[n]tro alla Città ventidue Spedali de quali cinque ne sono deputati alli infermi cinque a putti et a putte abbandonati et dodici per li poveri; et peregrini et cento trenta. Undeci per li putti delle quali alcune son dette compagnie di disciplina, altre di devotione, et altre di stendardo, tutte pero attendano a opere p[er] te et di carita; come maritar fanciulle, governare infermi, scarcerar imprigionati et seppellire morti, ci sono altri oratori et altri luoghi di devotione, che per brevità si lascano. Matteo Florimi for. Siena. Carta priva di scala grafica. Acquaforte e bulino mm 404x508. Notizie storico critiche In alto a destra due stemmi, il mediceo e il giglio fiorentino; a sinistra un'elaborata rosa dei venti, circondata da putti, all'interno della quale l'immagine dei continenti. L'immagine è una riproposizione semplificata, secondo l'uso dello stampatore Mat … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-27 21:44:24
Anonimo
1600. Magnifico esemplare di questa rara pianta archeologica di Roma. In perfetto stato di conservaizone. Titolo & iscrizioni In alto lungo il bordo il titolo ANTIQUAE URBIS PERFECTA ET NOVA DELINEATIO. Lungo il margine inferiore, legenda numerica di 90 rimandi a luoghi e monumenti notabili distribuita, su quindici colonne. Orientazione nei quattro lati al centro con il nome dei punti cardinali SEPTENTRIO, MERIDIES, OCCIDENS, ORIENS il nord a sinistra. Carta priva di scala grafica. Acquaforte e bulino, dimensioni mm 398x510. Si tratta di una derivazione, anonima, disegnata nello stile della pianta di Ambrogio Brambilla, Antiquae Urbis perfecta imago, edita da Van Aelst intorno al 1580. L'opera conosce una successiva ristampa della tipografia de Rossi. Stati & edizioni: 1°: come descritto, privo di indicazioni editoriali. 2°: aggiunto l'imprint Io. Iacobus de Rubeis excudit Romae ad Pacem. Bibliografia: Caldana (2013): n. I.28; Hülsen (1915): pp. 55-56, VIIIc, n. 41; Hülsen (1933): p. 106, VIIIc, n. 41a; Scaccia Scarafoni (1939): p. 28, n. 24. Censimento: 1°: Londra, British Library; Los Angeles, Getty Museum; Roma Biblioteca Apostolica Vaticana (4); Roma, Biblioteca di Archeologia e Storia dell'Arte; Roma, Biblioteca Nazionale. 2°: Wolfegg, Bibliothek Schloss. Caldana (2013): n. I.28; Hülsen (1915): pp. 55-56, VIIIc, n. 41; Hülsen (1933): p. 106, VIIIc, n. 41a; Scaccia Scarafoni (1939): p. 28, n. 24.
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-27 14:24:10
Amsterdam
Lucas Schnitzer (1600-1674) war Maler, Zeichner, Kupferstecher, Siegelschneider. Sein Hauptarbeitsgebiet waren Darstellungen der Zeitgeschichte: Schlachten und Belagerungen des Dreißigjährigen Krieges und der Türkenkriege, Flug- und Erinnerungsblätter zu Tagesereignissen und Festivitäten sowie Portraits von Fürsten, Politikern und Poeten. Paul Fürst (* 1608 in Nürnberg + 11. September 1666 ebenda) war ein Nürnberger Verleger, Kunst- und Buchhändler.- Angerändert, sonst gutes Exemplar. # Profiel van Amsterdam met schepen op het IJ, met een legenda in het Nederlands en onder de voorstelling een lofdicht in het Duits. Profiel d'Ailly nr. 59. Ets door Lucas Schnitzer, uitgegeven door Paulus Fürst.
Bookseller: Antiquariat Müller [Austria]
2019-07-26 10:44:18
Jaen Petersz SAENREDAM (Zaandam 1565 - Assendelft 1607)
"Bulino, 1600 circa, firmato in lastra in basso al centro. Da un disegno di Cornelis Ketel. Esemplare del terzo stato di quattro, prima che l'indirizzo di Laurentius. Bellissima prova, stampata su carta vergata coeva, rifilata al rame o con piccoli margini, due lievi pieghe di carta orizzontali, per il resto in ottimo stato di conservazione. Questo superba e monumentale opera, ricca di dettagli allegorici, già suscitò molto interesse negli artisti contemporanei di Saenredam, confermando la sua posizione come una delle più importanti personalità artistiche nella cerchia di Goltius. Nella sua biografia di Cornelis Ketel, per esempio, Carel van Mander ha dedicato una descrizione completa di questa stampa, riferendosi ad essa come ""Deughtspiegel"", lo specchio della Virtù. Il titolo latino impresso nella stampa - Naturae seguitur semina quisque suae -può essere tradotto come: ""Ognuno segue il seme della propria natura"". Un'interpretazione dettagliata di questa immagine, accademicamente e iconograficamente complessa, sarebbe troppo ambiziosa nel contesto di una breve voce di catalogo, ma è comunque possibile affrontare il tema di fondo dell'immagine. Una personificazione della Beneficentia è posta al centro della composizione, affiancato dalla Gratitudine e dalla Ingratitudine. Le iscrizioni che accompagnano forniscono ulteriori indizi per il programma iconografico qui rappresentato: due serpenti, che si mordono con rabbia uno con l'altro, sono avvolti attorno alla gamba destra della personificazione maschile dell'Ingratitudine, mentre il ginocchio sinistro poggia su un tesch … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-26 08:48:22
Matteo FLORIMI (1581-1613)
1600. "Pianta prospettica della città edita a Siena da Matteo Florimi. Descrizione tratta da Bifolco-Ronca, ""Cartografia e topografia italiana del XVI secolo. Catalogo ragionato delle opere a stampa"" (pubblicazione prevista per febbraio 2018). Titolo & iscrizioni In alto al centro il titolo LA CITTA DI NAPOLI GENTILE. Lungo il margine inferiore, legenda numerica di 75 rimandi a luoghi e monumenti notabili distribuita su tredici colonne, cui segue nell'ultimo riquadro l'imprint editoriale Matteo Florimj for. Jn Siena. Al centro della carta nel mare una schematica rosa dei venti il nord-ovest in alto, e evidenziata da un compasso la scala grafica Canne 100 pari a mm 28. Acquaforte e bulino mm 396x525. Notizie storico critiche La pianta della città di Napoli di Matteo Florimi è, come nello stile dell'editore attivo a Siena, una fedele contraffazione di un prodotto antecedente. In questo caso deriva dalla pianta di Mario Cartaro (1579) e non dalla successiva di Duchetti, come dimostrano i 75 rimandi della legenda, identici alla pianta del Cartaro e non a quella del Duchetti che invece ne conta 77. Il Florimi si limita solo a cambiare la veste grafica della pianta, conformandola ai modelli figurativi che si andavano affermando nei primo Seicento. In particolar modo cambia il modo di rappresentare il mare; al sobrio puntinato del Rinascimento viene contrapposto questo fitto tratteggio che simboleggia quasi un moto ondoso. La scritta relativa al Mar Mediterraneo è grande e svolazzante, più simile ai tipi nordici. Del resto l'incisione della lastra è attribuita ad Arnold van Sche … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-26 08:48:22
Matteo FLORIMI (1581-1613)
1600. "Pianta prospettica della città edita a Siena da Matteo Florimi. Descrizione tratta da Bifolco-Ronca, ""Cartografia e topografia italiana del XVI secolo. Catalogo ragionato delle opere a stampa"" (pubblicazione prevista per febbraio 2018). Titolo & iscrizioni In alto il titolo SENA VETUS CIVITAS VIRGINIS. In basso a sinistra l'imprint editoriale Matteo flor. for. Lungo il margine inferiore, legenda numerica di 119 rimandi a luoghi e monumenti notabili, distribuita su diciassette colonne. Carta priva di orientazione e scala grafica. Acquaforte e bulino mm 380x512. Notizie storico critiche Pianta assonometrica della città, derivante dal modello disegnato da Francesco Vanni e pubblicato da Peter de Jode nel 1597. Il foglio edito da Matteo Florimi ripropone, in forma semplificata e più approssimativa nel segno, l'immagine Vanni-De Jode, di cui riutilizza anche il titolo. Nella legenda, ai riferimenti toponomastici direttamente derivati dal modello, aggiunge anche le porte, che nella prima erano indicate direttamente sulla città. Dati i rapporti di collaborazione esistenti tra Florimi e i due autori della pianta grande, è possibile che la data di edizione delle due sia abbastanza ravvicinata. Sempre nel 1597 Florimi pubblica le lastre sulla vita di Santa Caterina, incise dal De Jode su disegno del Vanni. E' probabile quindi che la pianta di Siena preceda cronologicamente, seppur di poco, le altre piante di città pubblicate dallo stesso Florimi, databili tra la fine del XVI e gli inizi del XVII secolo. Stati & edizioni: non sono note ristampe, tuttavia alcuni esemplari dell … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-25 18:33:18
Vespasiano STRADA (Roma 1582 - 1622)
Acquaforte, 1600-1620 circa, priva di dati editoriali. Magnifica prova, ricca di toni, impressa su carta vergata coeva, completa oltre la linea del margine, lievissima abrasione al verso dell'angolo superiore sinistro, per il resto in eccellente stato di conservazione. Barstch sostiene che il disegno è da attribuirsi a Strada, ma non necessariamente anche l'incisione, tesi sulla quale non concordiamo, essendo l'incisione stilisticamente nello stile dello Strada. Opera molto rara. Etching, 1600-1620 circa, unlettered. A very good impression, printed on contemporary laid paper, trimmed to the platemark, small repairs at the upper left corner, generally very good condition. Bartsch comments that the design is certainly Strada's, but not necessarily the etching. However it seems that there can be no doubt about the authorship of this work, ascribed to Strada's. A very rare work. Bartsch XVII.308.13
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-24 19:20:05
1600. GOOD CONDITION. ORIGINAL *Holy BIBLE* Old & New Testament 267 woodcuts, on every page Dimensions of woodcuts: 6'' x 7,75'' inches - 15 cm x 20 cm Dimensions of book: 13 1/4" x 9 1/2" x 1 1/2" FIRST EDITION, PRINTED BY GUILLAUME LEBE PRINTERS TO THE KINGS MOST EXCELLENT MAJESTY AT PARIS IN 1643. Condition: quality of printing of woodblocks are perfect. Generally, book in good condition, but some pages had a professional restoration: Pages 1 to 36, had a touch of restorations. In a book 2 title page New & Old Testament, a page of new testament is missing, all other pages are complete. Please see photos below of a book. If you wish more photos, please let me know. [Attributes: First Edition]
Bookseller: normanfinearts [Tallinn, EE]
2019-07-24 10:22:10
Giacomo LAURO (1561-1645/50)
Acquaforte e bulino, 1600, firmata e datata in lastra in basso a sinistra. Magnifica prova, impressa su singolo foglio reale di carta vergata coeva, rifilata al rame, in ottimo stato di conservazione. Splendida veduta a volo d'uccello della città edita come separata pubblicazione a Roma nell'anno giubilare 1600. Dedicata a Don Fernando de Castro, Conte di Lemos e vicerè del Regno di Napoli, la pianta reca in alto a sinistra lo stemma Reale di Spagna, a destra quello della città e al centro vicino alla dedica lo stemma del dedicatore Pico Blas, che probabilmente commissionò l'OPERA. Giacomo Lauro, cartografo, incisore e editore attivo a Roma tra il 1585 ed il 1612, è autore di diverse piante e vedute finemente intagliate al bulino. Ereditando la tradizione di Antonio Lafrery nel pubblicare carte geografiche su richiesta, il Lauro viene in concorrenza con gli altri editori romani del periodo quali Claudio Duchetti e Giovanni Orlandi. La sua opera più importante rimane Antiqua Urbis Splendor, raccolta di 166 bulini sulle antichità romane. La più importante pianta della città. Bibliografia: Bella, Cartografia Rara, p. 79, 71; The Giannalisa Feltrinelli Library, vol. 5, p. 73, 1075. Dimensioni 515x385. Etching and engraving, 1600, signed and dated on lower left plate. Magnificent work, printed on a single contemporary laid paper royal sheet, trimmer to platemark and in excellent condition. Splendid bird's eye-view of the city, published as a separate issue in Rome in 1600. The plan is dedicated to Don Fernando de Castro, Count of Lemos and viceroy of the Reign of Naples; on the … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-23 21:10:34
Mattheus QUAD (Deventer 1557 - Colonia 1613)
1600. "Bella e rara carta, tratta dall'opera di M. Quad ""Fasciculus Geographicus Complectens Praeciparum Totius orbis Regionum tabulas circiter centum. una cum earundum Enarrationibus"" edito a Colonia da J. Bussemacher, nel 1608. Incisione su rame, lieve e uniforme brunitura,grinze lungo la piega centrale, nel complesso in buono stato di conservazione. Testo latino al verso." "Rare map of Corsica, engraved by Mattheus Quad; from ""Fasciculus Geographicus Complectens Praeciparum Totius orbis Regionum tabulas circiter centum. una cum earundum Enarrationibus"" Cologne, J. Bussemacher, 1608. Copper engraving, browned, creasing to centerfold, otherwise in good condition. Verso text: Latin." F. Cervoni, "Image de la Corse", 16
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-23 18:26:03
Mattheus QUAD (Deventer 1557 - Colonia 1613)
1600. Una delle prime mappe disponibili del continente sudamericano, incisa a Colonia da Johann Bussemacher per Quad. La mappa è preceduta da quelle di Forlani e De Jode ed è una delle poche dettagliate del continente del Sud America, pubblicata prima del 1600. Sono presenti mostri marini e navi a vela ed è mostrato lo stretto di Magellano, con un grande continente sconosciuto a sud. La nave di Magellano è disegnata nell'Oceano Pacifico. Sono inserite alcune interessanti annotazioni in latino. One of the earliest obtainable maps of the South American Continent, engraved in Cologne by Johann Bussemacher for Quad. The map is preceded by the maps of Forlani and De Jode and is one of only a few separate maps of the continent of South America published prior to 1600. Embellished with sea monsters and sailing ships, a narrow Strait of Magellan is shown, with a large unknown southern continent. Magellan's ship is illustrated in the Pacific. Several interesting annotations are shown in Latin.
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-23 16:56:49
Matteo FLORIMI (1581-1613)
1600. Splendida veduta a volo d'uccello della città, edita a Siena nei primi anni del XVII secolo. La pianta contiene una leggenda con 167 toponimi. Allievo di Antonio Lafrery e Claudio Duchetti, il Florimi si trasferisce a Siena dove inizia la sua fiorente attività di editore fino al 1612. Per le caratteristiche peculiari delle opere del Florimi e per la loro rarità, queste vengono classificate tra le carte di scuola lafreriana. Incisione in rame, in ottime condizioni. Bibliografia: Tooley Dictionary p. 216. Dimensioni 455x370. Beautiful bird's eye-view of the city, published in Siena at the beginning of the XVII century. The plan contains a 167-items legend of toponimics. Florimi was a scholar of Antonio Lafrery and Claudio Buchetti; he moved to Siena where he starter his own business as publisher until 1612. Due to the pecular characteristics of these works, and to the fact that they are quite rare, Florimi's production is lassified as part of the school of Lafrery. Copper engraving, with uncommon wide margins, in excellent condition. Tooley Dictionary p. 216. Dimensioni 455x370
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-23 16:19:54
Raphael SADELER I (Anversa 1560 circa - Venezia 1628 circa)
Bulino, 1600 circa, firmato in basso a sinistra "Raphael Sadeler Fec: Mart. de vos i.". In basso, quattro versi latini su due colonne: Caesaris hic iussu reparabat Ariminum: at inter/ Has operas Christi iura, MARINE, dabas. / Inde hostem metuens fidei successit Eremo;/ Nunc summo artifici ponere templa parat". Da un soggetto di Martin De Vos. Buon esemplare, impresso su un foglio carta vergata coeva applicato su un supporto cartaceo del XIX sec. (dim. 268 x 220 mm.), lieve e uniforme brunitura, sporadiche fioriture, nel complesso in buono stato di conservazione. La tavola, raffigura S. Marino che con uno scalpello e un martello lavora all'edificazione della chiesa di Rimini. Sulla destra, all'interno di una piccola grotta, pochi oggetti simbolo della vita frugale ed eremitica del santo. Sullo sfondo, la città di Rimini e il monte Titano con S. Marino. La tavola del Sadeler è la seconda della serie "Oraculum Anachoreticum", che consiste di 28 rami raffiguranti eremiti, tutti disegnati dal De Vos e incisi dai fratelli Jan e Raphael Sadeler a Venezia tra il 1575 e il 1600, per essere presentate a papa Clemente VIII, cui l'opera è dedicata, nell'estate del 1600, quando i Sadeler si recarono a Roma in occasione dell'anno giubilare. Engraving, 1600 circa, inscribed and signed at lower left, in the image: Cum privil. Sum Pontific. et S. C. M/ Raphael Sadeler Fec: Mart. de vos i". Below the image, four Latin verses: Caesaris hic iussu reparabat Ariminum: at inter/ Has operas Christi iura, MARINE, dabas. / Inde hostem metuens fidei successit Eremo;/ Nunc summo artifici ponere templa … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-23 16:14:52
Mattheus QUAD (Deventer 1557 - Colonia 1613)
1600. Interessante mappa delle regioni polari artiche, basata su quella del Mercator del 1595. Il Polo Nord è mostrato come grande roccia circondata da quattro isole separate da fiumi. Il nord magnetico è rappresentato come una roccia isolata separata appena fuori dalla massa polare. Nell'America del Nord è riportato un riferimento alla California (California regio, sola fama Hispanis nota), curiosamente indicata a nord di El stretto de Anian. La mappa mostra i tentativi di Frobisher e Davis di individuare i passaggi settentrionali per Asia. La mappa è incorniciata da un disegno floreale con quattro cerchi posti uno in ogni angolo che contengono il titolo, le Isole Fær Øer, le Isole Shetland e la mitica isola della Frislanda. Important early map of the North Polar regions, based upon Mercator's map of 1595. The North Pole is shown according to legend as a large rock in a giant whirlpool and surrounded by four islands that are separated by rivers. The magnetic north is depicted as a separate island rock just outside the polar mass. In North America is an very early reference to California (California regio, sola fama Hispanis nota), curiously shown north of the El streto de Anian. The map depicts the attempts of Frobisher and Davis to locate the northern passages to Asia. The map image is surrounded by a floral design with four roundels in each corner. These contain the title, the Faeroe Isles, the Shetland Isles, and the mythical island of Frisland. Burden, P.D. 134; Meurer, P.H. (Cologne) Qua 79
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-23 13:11:32
REBOUL
à Montpellier: 1600. REBOUL Guillaume - Les actes du synode universel de la saincte réformation, tenu à Monpelier le quinzième de may 1598. Satyre menipae REBOUL Guillaume Les actes du synode universel de la saincte réformation, tenu à Monpelier le quinzième de may 1598. Satyre menipae chez le libertin imprimeur juré de la sainte réformation et se vendent au coin de la loge, à Montpellier 1600, in 12, 223pp., relié. Deuxième et rare édition, une première parue l'année précédente.Reliure en pleine basane fauve de la fin du XIXe, dos à 5 petits Nerfs, double filets dorés encadrant les nerfs, pièces de titre noire et rouge. Triple filet d'encadrement sur les plats. Petit manque à l'extrémité de chaque mors, reliure frottée, rogné court.Guillaume Reboul (1560-1611), écrivain français et célèbre pamphlétaire dont l'essentiel de l'oeuvre semble focalisée sur sa haine obsessionnelle des protestants. Issu lui-même d'une famille protestante, il se convertira et sera presque aussitôt excommunié, une ultime satire contre le pape lui coûtera la décapitation à Rome. Son œuvre est essentiellement satirique et pamphlétaire, on y relève une lecture attentive et un goût certain pour Rabelais. Le synode met ainsi en scène les acteurs du protestantisme dont le but juré est l'athéisme et la ruine des âmes, la mise en scène est d'autant plus drôle et décalée qu'il ne s'agit pas d'un récit, mais d'un véritable synode avec profession de foi et intervention de chaque grand personnage du protestantisme. Son goût immodéré pour la satire le pousse à critiquer violemment tant les Jésuites, les anglais … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Livres Anciens Gravures Feu Follet (livresetgravures) [FRA, FR]
2019-07-23 12:33:40
CAROSO, Fabrizio da Sermoneta.
Veetia, presso il Muschio, ad istantia dell'auttore, 1600. in-4, (ff. 12), pp. 370, (ff. 3), legatura coeva in pergamena floscia, titolo ms. al dorso. Frontespizio inciso, con titolo entro elaborata cornice architettonica, tavola incisa con ritratti in ovale dei Duca e Duchessa di Parma e Piacenza e 35 magnifiche incisioni a piena pagina di coppie di ballerini, realizzate da Giacomo Franco. Ciascuna tavola ritrae una dama e un gentiluomo, in magnifici abiti d'epoca testimonianza della moda del tempo, con rimarcabili dettaglio e nitidezza. Seconda edizione, dedicata a Ranuccio Farnese e Margherita Aldobrandina, largamente ampliata dal Caroso stesso (compositore e coreografo, 1526- ca. 1605) rispetto alla prima, pubblicata nel 1581. Celebre quanto bella opera cincequecentesca dedicata al ballo e alla musica di accompagnamento alla danza: descrive i balli più apprezzati presso le corti italiana, francese e spagnola, includendo anche le arie musicali, con relativa notazione per liuto. (C. W. Beaumont, Bibl. Of Dancing, pp.24-25). Esemplare assai bello, fresco e marginoso.. Magriel, Bibl. of dancing, p.44; Eitner II, 341. Derra de Moroda, 528. Teatro Regio, Mostra del libro e documento di danza, p.58. Non presente in: Mortimer Italia e Beaumont. .
Bookseller: Libreria Antiquaria Pregliasco [IT]
2019-07-21 17:13:00
Giovanni MAGGI
Roma, 1600. Acquaforte e bulino, due fogli uniti per una misura complessiva di mm 430x810. Magnifico esemplare della rarissima pianta di Pavia di Ludovico Corte (Bifolco-Ronca p. 2294, descrive solo 5 esemplari nelle raccolte pubbliche). Lievi restauri, perfettamente eseguiti, lungo le pieghe di carta, per il resto in ottimo stato di conservazione. Nella parte superiore del cartiglio in alto a destra, sotto al mascherone centrale, e incisa la data: M.D.IC. NON. CAL. MARTII. Più in basso, al centro del cartiglio, si trova il titolo: ANTIQUISSIMAE AC CELEBERRIMAE REGIAEQ[UE] PAPIAE ICON. In basso a sinistra la firma dell’incisore della lastra: IOANNES MAIUS ROMANUS INCIDEBAT A. D. MDC. Lungo il margine inferiore e inserita una legenda numerica di 120 rimandi a luoghi e monumenti notabili, distribuita su quattordici colonne. Segue, nell’ultimo riquadro di destra, la dedica: Ludovicus Curtius I. Dominico Achillio S.D. En vir erudite Inclye Civitis Papi oem delineationem tuo hortatu et auxilio post mulytos labores et vigilias a me perfectam aequo animo tibi dicatam accipe quae industria n[ost]ra si benignis spectantiu[m] oculis non erit ingrata, quod reliquim est nempe totius. Agri Papiensi descriptionem, quam tu in manibus habes, maturis abste Edendam accelerabit. vale. MDIC. Orientazione nei quattro lati al centro con il nome dei punti cardinali: SEPTENTRIO, MERIDIES, OCCIDENS, ORIENS, il nord e in alto. Pianta prospettica in proiezione obliqua, incisa da Giovanni Maggi nel 1600 su disegno di Ludovico Corte realizzato nel 1599. L’opera e dedicata dal Corte a Domenico Achillio, … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2019-07-16 06:45:10
GIOVANNINI, Girolamo.
Vaticini ouero predittioni d'huomini illustri comprese in sei ruote intagliate in rame.Venetia, Gio. Battista Bertoni, 1600. in-4, ff. 38 (compresi 2 ff. nn. inseriti tra il 6 ed il 7), leg. coeva in pergamena molle. Dedica dello stampatore ad Alvise Mocenigo.Testo bilingue, latino ed italiano, in carattere tondo il primo e corsivo il secondo. Titolo inciso a motivo architettonico con i ritratti in medaglione dei cinque autori delle profezie (abate Gioacchino da Fiore, vescovo Anselmo, beato Giodocho Palmerio, frate Egidio polacco, beato Giovanni abate);nel testo 6 figure a piena pag. (5 ruote profetiche ed una ''gieroglifica'' al verso del f. 8), intagliate in rame a Venezia nel 1589 da Girolamo Porro; ogni pagina racchiusa in bordura ornamentale, testatine, finalini ed iniziali. Rara opera, che alcuni bibbliografi registrano sotto Gioacchino da Fiore, ma i più sotto Giovannini, l'autore delle dichiarazioni ed annotazioni presenti in quest'edizione. Egli fu frate domenicano, priore dei conventi di San Domenico a Bologna (1582) e a Venezia (1595) e successivamene inquisitore a Vicenza dal 1596; morì a Roma nel 1604. (lievi danni al testo del f. 14). Ediz. mancante a Caillet e Casanatense (altre ediz. che registrano sotto Gioacchino). Dorbon 2281 (sotto Joachimus ed insieme ad altra opera). Adams G-628. Michel-Michel IV, 54. STC 303. Cat Vinciana 2190 (ediz. poster.). [Attributes: Hard Cover]
Bookseller: Libreria Antiquaria Pregliasco [Torino, Italy]
2019-07-16 01:13:08
1600. GOOD CONDITION. ORIGINAL *Holy BIBLE* Old & New Testament 267 woodcuts, on every page Dimensions of woodcuts: 6'' x 7,75'' inches - 15 cm x 20 cm Dimensions of book: 13 1/4" x 9 1/2" x 1 1/2" FIRST EDITION, PRINTED BY GUILLAUME LEBE PRINTERS TO THE KINGS MOST EXCELLENT MAJESTY AT PARIS IN 1643. Condition: quality of printing of woodblocks are perfect. Generally, book in good condition, but some pages had a professional restoration: Pages 1 to 36, had a touch of restorations. In a book 2 title page New & Old Testament, a page of new testament is missing, all other pages are complete. Please see photos below of a book. If you wish more photos, please let me know. [Attributes: First Edition]
Bookseller: normanfinearts [Tallinn, EE]
2019-07-13 19:12:36
Afrika -
Kupferstich-Karte von Johan Bussemacher bei M. Quad, Köln ca. 1600, altkoloriert. Ca. 21 x 30 cm. Alt hinterlegte Einrisse im Bug und im Unterrand. Vor allem im Randbereich fingerfleckig. Wasserrandig. Norwich, Maps of Africa 1997 p. 28 No. 20. Betz, Mapping of Africa p. 195f. No. 46. Zeigt ganz Afrika und Arabien. Am linken Rand neunzeilige Erläuterungen. Links unten Rollwerk-Titelkartusche, darunter Stechervermerk "Johan Bussemecher excudit in Ubioru[m] Coloniae", rechts unten das Signet Quads, ein "Q". Älteres, aber wohl kein Verlagskolorit.
Bookseller: Antiquariat Peter Fritzen [Trier, Germany]
______________________________________________________________________________


      Home     Wants Manager     Library Search     563 Years   Links     Contact      Search Help      Terms of Service      Privacy     


Copyright © 2019 viaLibri™ Limited. All rights reserved.