The viaLibri website requires cookies to work properly. You can find more information in our Terms of Service and Privacy Policy.

Displayed below are some selected recent viaLibri matches for books published in 1571
2020-03-18 05:33:25
Matthioli, Petri Andreae [Matthiolus]
Venetiis (Venice): In Officina Valgrisiana, 1571. Illustrated with many hundreds of half-page woodcuts. pp (14), 922, (13), the title page is laid down and has slight losses, the next leaf is restored at the corner with no loss of text, the preliminary index is a bit thumbed and marked, a little marginal staining to the last hundred pages, a little marginal staining and marking on occasional pages, but overall very firm and tight and in better condition than many copies. There are very neat early manuscript notes on many pages, mainly limited to the common English names. Contemporary (?) simple lined calf, rebacked and with new endpapers in the early twentieth century, with the original spine laid down. An inked paper title label on the spine. The Hartland Library copy, with labels and manuscript notes attached to the front endpapers. RARE. [The Library was formed by Edwin Sydney Hartland, and was a diverse, but major, collection of herbals, archaeology and anthropology. It was donated to Gloucestershire County Council in 1936, and was eventually dispersed around 2010. This the first edition of a digest of Mattioli's commentaries on Dioscorides, expressed in the form of an encyclopedia of plants, giving synonyms, classification, description, locale, and medicinal qualities and uses. A careful student of botany, he described 100 new plants and coordinated the medical botany of his time in his Discorsi ("Commentaries") on the Materia Medica of Dioscorides. The first edition of Mattioli's work appeared in 1544 in Italian. In addition to identifying the plants originally descr … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Mike Park Ltd [United Kingdom]
Check availability:
2020-03-17 13:14:07
Buchanano, Georgio [George Buchanan]
Christophori Plantini, Antverpiae, 1571. 373, [3] pages, but lacking pp. 369-372 (no evidence of removal). Page 176 misnumbered. Five blanks at front, 6 at rear. Printed August 1571. 4.7 x 3.25 inches. Stiff vellum, with faint period title at head of spine and more recent leather label beneath. Soiling and chipping to title page, occasional unobtrusive tideline. Binding is sound. Size: 16mo [Attributes: Hard Cover]
Bookseller: The Odd Book (ABAC, ILAB) [Wolfville, NS, Canada]
2020-03-17 02:38:01
1571. ISOCRATOUS Logoi apantes kai epistolai. Arpokrationos kai Souida peri tinon par' Isokratei lexeon (graece). Isocratis oratione partim doctorum virorum opera, partim meliorum exemplarium collatione, nunc demum multo quam antrea emendatiores excusae. Adjecimus quo que Hieronymi Wolfii Oetingenis, non omnium modo orationum argumenta, sed & marginum annotationes. Bâle, per Thomam Guarinum, 1571. Petit in-8 (180 x 110 mm), pleine peau de porc estampé sur ais de bois avec fermoirs (attaches en partie manquantes), avec sur le premier plat le portrait de Martin LUTHER avec les lignes "Nosse cupis faciem Lutheri, hanc sem tabellan si mentem libros consule" et au second plat le portrait de Philippe MELANCHTON avec les lignes "Forma Philippe tua sed mens tua nescia pingi nota est anti bonis" que l'on pourrait traduire ainsi "Philippe c'est votre figure mais votre esprit reste inconnu des hommes sans l'enseignement de vos écrits", coins supérieurs frottés, tâches sur les plats, petites mouillures en marges, bord du titre émargé, 31 ff. non chiffrés, 1 f. blanc, 671 pp. + 1 p. (imprimatur), trous de vers dans ces deux derniers feuillets. Texte grec précédé de la vie d'Isocrate par Plutarque et en fin les gloses d'Harpocration d'Argos et de Suidas. Bon exemplaire dans une reliure intéressante, représentant cette caractéristique typique au XVI° siècle en Allemagne. Oeuvres de l'orateur attique ISOCRATE (436-338 av. J.C.) qui en forma un grand nombre. Son idéal de culture qu'il appela philosophie enseignait que l'art de bien parler passait par l'art de bien penser. L'essentiel de son … [Click Below for Full Description]
Bookseller: LE PETIT GRIMOIRE Livres Anciens (loudnessfr) [Achun, France]
2020-03-16 19:14:03
Matthioli, Petri Andreae [Matthiolus]
In Officina Valgrisiana, 1571. Illustrated with many hundreds of half-page woodcuts. pp (14), 922, (13), the title page is laid down and has slight losses, the next leaf is restored at the corner with no loss of text, the preliminary index is a bit thumbed and marked, a little marginal staining to the last hundred pages, a little marginal staining and marking on occasional pages, but overall very firm and tight and in better condition than many copies. There are very neat early manuscript notes on many pages, mainly limited to the common English names. Contemporary () simple lined calf, rebacked and with new endpapers in the early twentieth century, with the original spine laid down. An inked paper title label on the spine. The Hartland Library copy, with labels and manuscript notes attached to the front endpapers. RARE. [The Library was formed by Edwin Sydney Hartland, and was a diverse, but major, collection of herbals, archaeology and anthropology. It was donated to Gloucestershire County Council in 1936, and was eventually dispersed around 2010. This the first edition of a digest of Mattioli's commentaries on Dioscorides, expressed in the form of an encyclopedia of plants, giving synonyms, classification, description, locale, and medicinal qualities and uses. A careful student of botany, he described 100 new plants and coordinated the medical botany of his time in his Discorsi ("Commentaries") on the Materia Medica of Dioscorides. The first edition of Mattioli's work appeared in 1544 in Italian. In addition to identifying the plants originally described by Dioscorides, … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Mike Park Limited [London, London, GB]
2020-03-14 08:45:08
Ronsard, Pierre
A Paris: Chez Gabriel Buon, 1571. Complet en 6 vol. in-16: 8.5 x 12.5 cm. I/ 525 pp. de titre, des deux parties des Amours (la 1ère commentée par M. A de Muret, 2ème par R. Belleau), et de la table. II/ 496 pp. des 5 livres des Odes. III/ 456 pp. Des 5 livres des Poèmes, 39 pp. du Livre de Sonets dédié à Marc, 30 pp. de l’Abbrégé de l’art poétique françois. IV/ 316 pp. des 4 livres d’Hymes, 2 ff. n. chiff. de tables et privilège. V/430 pp. des 5 livres des Élégies, 4 ff. n. chiff., 80 pp. des Mascarades, combats et cartels, 3 ff. n. chiff, de table et privilège ; VI/ 155-[1] pp. du Discours des misères de ce temps suivi d'une Élégie à G. Des Avtels, des Remonstrance au peuple de France, d'une épître, d'une Réponse de Ronsard à quelques Ministre de Genève, d'une épître au lecteur, et d'une Paraphrase de Te Deum; extrait du privilège au vo. du dernier f. Troisième édition collective des Oeuvres de Ronsard, publiée du vivant de l'auteur et comprenant 29 nouvelles pièces. (Laumonier, pp. 47-48 / F. Rouget, 2005). "Troisième collective fort rare". (Tchemerzine, IX, 473). Chaque volume est illustré d'un portrait de Ronsard. Le premier vol. contient de plus un portrait de Marc-Antoine de Muret. Une édition qui rencontra un fier succès de librairie. L'année suivant, Gabriel Buon, est en effet forcé de donner une nouvelle édition. Reliures modernes en parchemin. Titre, tomaison et date manuscrits à l'encre au dos. Tranches dorées. Volumes rassemblé sous un coffret cartonné. Ex-libris: André Gutzwiller."L'édition de 1571, parue toujours chez Gabriel Buon, revient au format plus modes … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Librairie de l'Univers [Lausanne, Switzerland]
2020-03-09 18:11:02
CHELIDONIUS TIGURINUS
London: Printed by H. Bynneman, 1571. First Edition in English [CHELIDONIUS TIGURINUS]. [BOAISTUAU, Pierre, translator]. [CHILLESTER, James, translator]. A Most Excellent Hystorie, of the Institution and Firste Beginning of Christian Princes and the originall of kingdomes: wherunto is annexed a treatise of peace and warre, and another of the dignitie of mariage. Very necessarie to be red, not only of all nobilitie and gentlemen, but also of euery publike persone. First written in Latin by Chelidonius Tigurinus, after translated into French by Peter Bouaisteau of Naunts in Brittaine, and now englished by James Chillester, Londoner. Seen and allowed according to the order appointed. London: Printed by H. Bynneman, 1571. First edition in English. A translation of "Líhistoire de Chelidonius Tigurinus sur líinstitution des princes chrestiens, & origine des royaumes." by Pierre Boaistuau. With the prologue, "A treatise of peace and war", and "Of the dignitie of mariage" all by Boaistuau. Small quarto (7 1/8 x 5 3/8 inches; 180 x 137 mm). [12], 199, [1, blank] pp. With large engraved initials, head and tail pieces and publisher's imprint. Title-page in an elaborate woodcut border and on the verso of the title-page is a woodcut coat of arms of Elizabeth I. Printed in black letter. Beautifully bound in full paneled calf. Boards ruled in blind and gilt. Front and back board with a gilt central device and gilt flower motif in the corners. Spine stamped and ruled in gilt. Previous owner's old ink signature on front free endpaper. Old ink notes to title-page, dedication page a … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Heritage Book Shop, LLC [United States]
Check availability:
2020-03-05 22:11:07
Boccaccio, Giovanni
Venetias.: Giorgio Angeliieri., 1571. Contemporary plain parchment.. Good, text detached from covers, "Boccaccio" inked out on title page, old ownership stamp to title page, some (mostly marginal) dampstains, old ink notes to pastedowns. . 12 mo., 13x8 cm. . Italian text. An uncommon edition of this prose romance. weight: 0.2 lb. Woodcut initials.
Bookseller: Zephyr Books [United States]
Check availability:
2020-03-04 08:04:38
Boccaccio, Giovanni
Giorgio Angeliieri., Venetias, 1571. Italian text. An uncommon edition of this prose romance. weight: 0.2 lb. Good, text detached from covers, "Boccaccio" inked out on title page, old ownership stamp to title page, some (mostly marginal) dampstains, old ink notes to pastedowns. Woodcut initials. 12 mo., 13x8 cm. 222, 6 pp.
Bookseller: Zephyr Books [Reno, NV, U.S.A.]
2020-03-02 07:37:39
1571. Pàolo di Castro (o Paolo Castrènse). - Giurista (n. Castro, Lazio, sec. 14º - m. 1441) della scuola dei commentatori o scolastici. Insegnò dapprima ad Avignone, dove si era addottorato, quindi a Siena (1390), di nuovo ad Avignone (1394-1412), a Firenze (dove collaborò nel 1415 alla riforma degli statuti comunali), a Padova (1429-41). Nelle sue lezioni sulle tre parti del Digesto e sul Codice si rivela esegeta profondo e di grande equilibrio. I suoi consilia, dopo quelli di Bartolo e Baldo, sono il frutto più cospicuo della giurisprudenza consulente dell'epoca, oltreché la testimonianza di un'alta coscienza morale, che fu l'ispiratrice costante di tutta l'opera sua. Tra i suoi scolari furono B. Cipolla, A. Tartagni e A. Mincucci. Fu giurista anche suo figlio Angelo. I volumi sono indipendenti in quanto a argomenti e contenutoConsiliorum sive Responsorum Menochio Giacomo Venetiis apud Gasparem Bindonum MDLXXI VOLUMEN SECUNDUM: carte 222 (pag. 444) + repertorium nn. 10 (pag. 20) + index nn. 2 (pag. 4) VOLUMEN TERTIUM: carte 57 (pag. 114) + Ciceronin sententia e index nn. repertorium nn. 9 (pag. 18) cm 35 x 25 circa bei capilettera illustrati piatti in pergamena dell'epoca le pagine dei volumi sono ben conservate con rinforzi ai lati delle ultime 6 carte del volumen tertium e piccola menda sull'ultima carta ma fuori dal testo. le spese pubblicate includono il costo di incasso (qualora previsto); qualora propendiate per pagamenti diversi da Paypal contattatemi prima per lo sconto sulle spese pubblicate (approssimativamente € 2 di sconto) PAGAMENTO ACCETTATO: PER EVITARE L' … [Click Below for Full Description]
Bookseller: stampea2011 [Campo Carlo Magno, IT]
2020-02-27 07:45:08
1571. Condition: Ottime condizioni. Manoscritto Mediceo Palatino 143 e la Biblioteca Medicea Laurenziana: Il manoscritto Mediceo Palatino 143 è conservato presso la Biblioteca Medicea Laurenziana di Firenze. Nel 1571 la Biblioteca fu aperta al pubblico per volere del granduca Cosimo I nel suo mirabile, seppure incompiuto, allestimento michelangiolesco. I due aggettivi che la qualificheranno da allora nei secoli, Medicea e Laurenziana, attestano la primitiva origine signorile e la collocazione nel complesso di San Lorenzo. I codici, che costituivano la biblioteca privata dei Medici, disposti sui plutei (banchi) e spogliati delle loro coperte originarie ricevettero una veste uniforme in cuoio rossastro alle armi Medicee. Le catene, che ancora essi conservano, testimoniano gli usi della consultazione e la preoccupazione dei bibliotecari per la loro conservazione. Il primato della Biblioteca Medicea Laurenziana, con i suoi circa 11.000 manoscritti, si basa sulla coincidenza di due fattori, ambedue straordinari: la specificità delle raccolte e la natura dell'edificio contenitore, progettato e in parte realizzato da Michelangelo Buonarroti. Presentazione del facsimile Un gioiello della miniatura francese quattrocentesca Il manoscritto Mediceo Palatino 143, Vita di Antonio illustrata, compilata da Jean Macellard e conservato presso la Biblioteca Medicea Laurenziana di Firenze, contiene duecento monocrome o tenuemente colorate, quasi a tutta pagina, di un artista francese che illustrano la vita e i miracoli di Sant'Antonio Abate, il santo patrono della confraternita ospedaliera. Di … [Click Below for Full Description]
Bookseller: cicciopaki [CAVA DE TIRRENI , Italy]
2020-02-26 20:50:15
1571. I Tre Libri Della Retorica D'Aristotele A Theodette tradotti in lingua volgare, da Alessandro Piccolomini 1571 Venezia. La condizione Buone condizioni. Spedizione: 5 euro.
Bookseller: giastell_0 [Thiene, IT]
2020-02-24 11:41:10
Giovanni Francesco CAMOCIO (Attivo a Venezia tra 1558 - 1575)
1571. "Mappa di Chalkida, la pricipale città dell'Eubea, anticamente detta Negroponte, con lo storico ponte di collegamento alla Grecia. Data a Venezia nel 1204, passò sotto il dominio dei Turchi nel 1470. I Veneziani non riuscirono più a riconquistarla, nonostante il tentativo di F. Morosini del 1688. Rara tavola, parte del celebre ""Isole Famose"" di Camocio. Tra il 1560 ed 1575 Camocio pubblicò circa quaranta carte di grande formato e molte furono le carte di piccolo formato pubblicate sciolte tra il 1566 e il 1574, che andarono successivamente a formare il volume noto col nome ""Isole famose, porti, fortezze e terre marittime sottoposte alla Serenissima Signoria di Venetia, ed altri Principi Christiani, et al Signor Turco, nouamente poste in luce. In Venetia alla libreria del segno di San Marco"". Le carte inserite nell'isolario di Camocio hanno la lastra ritoccata e un numero sequenziale aggiunto, mentre le prime prove sono caratterizzate dalla grande qualità di stampa e dall'assenza del numero. Gli esemplari con la numerazione sono, invece, quelli inseriti nelle edizioni dell'isolario edite da Donato Bertelli - imprint In Venetia alla libreria del segno di San Marco. Tale edizione, sebbene priva di data, risale a dopo il 1575, anno in cui il Camocio scomparve durante l'epidemia di pestilenza a Venezia e gran parte della sua tipogrfaia fu acquisita dal Bertelli. Raro primo stato, avanti la numerazione. Acquaforte e bulino, in buono stato di conservazione. Bibliografia: S. Bifolco, Città e Fortezze Principali del Mondo, in Bifolco-Ronca ""Cartografia e Topografia Italia … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-02-24 11:41:10
Giovanni Francesco CAMOCIO (Attivo a Venezia tra 1558 - 1575)
1571. "Carta dell'isola di Milos, nell'Egeo. Rara tavola, parte del celebre ""Isole Famose"" di Camocio. Tra il 1560 ed 1575 Camocio pubblicò circa quaranta carte di grande formato e molte furono le carte di piccolo formato pubblicate sciolte tra il 1566 e il 1574, che andarono successivamente a formare il volume noto col nome ""Isole famose, porti, fortezze e terre marittime sottoposte alla Serenissima Signoria di Venetia, ed altri Principi Christiani, et al Signor Turco, nouamente poste in luce. In Venetia alla libreria del segno di San Marco"". Le carte inserite nell'isolario di Camocio hanno la lastra ritoccata e un numero sequenziale aggiunto, mentre le prime prove sono caratterizzate dalla grande qualità di stampa e dall'assenza del numero. Gli esemplari con la numerazione sono, invece, quelli inseriti nelle edizioni dell'isolario edite da Donato Bertelli - imprint In Venetia alla libreria del segno di San Marco. Tale edizione, sebbene priva di data, risale a dopo il 1575, anno in cui il Camocio scomparve durante l'epidemia di pestilenza a Venezia e gran parte della sua tipogrfaia fu acquisita dal Bertelli. Raro primo stato, avanti la numerazione. Acquaforte e bulino, in buono stato di conservazione. Bibliografia: S. Bifolco, Città e Fortezze Principali del Mondo, in Bifolco-Ronca ""Cartografia e Topografia Italiana del XVI secolo. Catalogo ragionato delle opere a stampa"" (2018), pp. 126, 140-141." "Rare first state before the number. From Camocio's ""Isole Famose"". This work, as was usual for Camocio and his other contemporary publishers, was on the market as loose … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-02-15 20:37:03
CARTARI Vincenzo -
Venezia, appresso Giordano Ziletti, 1571, 4to legatura in mezza pelle recente con titoli e fregi dorati al dorso (abrasione e mancanza alla carta francese del piatto posteriore) pp. (36)-566 con marca tipografica xilografica al frontespizio, testatine e capilettera incisi, con 88 belle tavole incise in rame a piena pagina nel testo. Nel 1571 vengono stampate due edizioni de Le Imagini di Vincenzo Cartari, una pubblicata da Vincenzo Valgrisi e l?altra da Giordano Ziletti, entrambe a Venezia e in lingua volgare. Questa prima edizione illustrata contiene le tavole incise da Bolognino Zaltieri, ciascuna delle quali costituisce illustrazione di ciò che è riportato nel testo. Le incisioni presenti, non mostrano velleità artistiche, ma piuttosto una costante attenzione al contenuto testuale e costituiscono una fedele trasposizione iconografica del testo. Occasionali bruniture non tolgono fascino a questa copia. Errata numerazione delle pagine, manca la numerazione dalla pag. 17 alla 24, ma testo completo. [Attributes: First Edition]
Bookseller: Libreria Piani Snc [Monte San Pietro, BO, Italy]
2020-02-12 05:54:29
CHELIDONIUS TIGURINUS
First Edition in English[CHELIDONIUS TIGURINUS]. [BOAISTUAU, Pierre, translator]. [CHILLESTER, James, translator]. A Most Excellent Hystorie, of the Institution and Firste Beginning of Christian Princes and the originall of kingdomes: wherunto is annexed a treatise of peace and warre, and another of the dignitie of mariage. Very necessarie to be red, not only of all nobilitie and gentlemen, but also of euery publike persone. First written in Latin by Chelidonius Tigurinus, after translated into French by Peter Bouaisteau of Naunts in Brittaine, and now englished by James Chillester, Londoner. Seen and allowed according to the order appointed. London: Printed by H. Bynneman, 1571.First edition in English. A translation of "Líhistoire de Chelidonius Tigurinus sur líinstitution des princes chrestiens, & origine des royaumes." by Pierre Boaistuau. With the prologue, "A treatise of peace and war", and "Of the dignitie of mariage" all by Boaistuau. Small quarto (7 1/8 x 5 3/8 inches; 180 x 137 mm). [12], 199, [1, blank] pp. With large engraved initials, head and tail pieces and publisher's imprint. Title-page in an elaborate woodcut border and on the verso of the title-page is a woodcut coat of arms of Elizabeth I. Printed in black letter.Beautifully bound in full paneled calf. Boards ruled in blind and gilt. Front and back board with a gilt central device and gilt flower motif in the corners. Spine stamped and ruled in gilt. Previous owner's old ink signature on front free endpaper. Old ink notes to title-page, dedication page and a few other pages, not affecting text. Minor in … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Heritage Book Shop, LLC [United States]
Check availability:
2020-02-01 06:47:07
Giovanni Francesco CAMOCIO (Attivo a Venezia tra 1558 - 1575)
1571. "Rara veduta parte del celebre ""Isole Famose"" di Camocio. Tra il 1560 ed 1575 Camocio pubblicò circa quaranta carte di grande formato e molte furono le carte di piccolo formato pubblicate sciolte tra il 1566 e il 1574, che andarono successivamente a formare il volume noto col nome ""Isole famose, porti, fortezze e terre marittime sottoposte alla Serenissima Signoria di Venetia, ed altri Principi Christiani, et al Signor Turco, nouamente poste in luce. In Venetia alla libreria del segno di San Marco"". Le carte inserite nell'isolario di Camocio hanno la lastra ritoccata e un numero sequenziale aggiunto, mentre le prime prove sono caratterizzate dalla grande qualità di stampa e dall'assenza del numero. Gli esemplari con la numerazione sono, invece, quelli inseriti nelle edizioni dell'isolario edite da Donato Bertelli - imprint In Venetia alla libreria del segno di San Marco. Tale edizione, sebbene priva di data, risale a dopo il 1575, anno in cui il Camocio scomparve durante l'epidemia di pestilenza a Venezia e gran parte della sua tipogrfaia fu acquisita dal Bertelli. Raro primo stato, avanti la numerazione. Acquaforte e bulino, in buono stato di conservazione. Bibliografia: S. Bifolco, Città e Fortezze Principali del Mondo, in Bifolco-Ronca ""Cartografia e Topografia Italiana del XVI secolo. Catalogo ragionato delle opere a stampa"" (2018), pp. 126, 140-141." "THE RARE FIRST STATE of the map of the the fortified city of Nafplion, then under Ottoman control. From Camocio's ""Isole Famose"". This work, as was usual for Camocio and his other contemporary publishers, wa … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-30 18:45:17
Vincenzo CORONELLI (Venezia 1650 - 1718)
1571. "Magnigica carta storico-geografica tratta dal Corso Geografico Universale. La mappa è molto accurata nei toponimi, di cui spesso spesso sono forniti le varianti, e anche di notazioni storiche. Sulla destra, a complemento, un elenco con dei luoghi storici d'incerta collocazione sulla mappa. In alto a sinistra, l'elegante cartiglio con il titolo e la dedica a ""Gio. Battista Cornaro Piscopia"". A sinistra, nell'angolo inferiore, sono riportate le insegne poste sulla facciata di Palazzo Corner, la scala miliare e lo stemma araldico del dedicatario. Incisione in rame in perfette condizioni." "Magnificent paper comes from Corso Geografico Universale. The map is very accurate in the names of which are very often provided the variations, and even historical notes. On the right, in addition, a list of historical places of uncertain placement on the map. In the upper left, the elegant cartouche with the title and the dedication to ""Giovanni Battista Cornaro Piscopia."" On the left, in the bottom, shows the coats of arms on the facade of the Palazzo Corner, the mileage scale and the coat of arms of the dedicatee. Copper rngraving in very good conditions." Stylianou, 138, Zacharakis, 678.
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-30 07:35:32
1571. Pàolo di Castro (o Paolo Castrènse). - Giurista (n. Castro, Lazio, sec. 14º - m. 1441) della scuola dei commentatori o scolastici. Insegnò dapprima ad Avignone, dove si era addottorato, quindi a Siena (1390), di nuovo ad Avignone (1394-1412), a Firenze (dove collaborò nel 1415 alla riforma degli statuti comunali), a Padova (1429-41). Nelle sue lezioni sulle tre parti del Digesto e sul Codice si rivela esegeta profondo e di grande equilibrio. I suoi consilia, dopo quelli di Bartolo e Baldo, sono il frutto più cospicuo della giurisprudenza consulente dell'epoca, oltreché la testimonianza di un'alta coscienza morale, che fu l'ispiratrice costante di tutta l'opera sua. Tra i suoi scolari furono B. Cipolla, A. Tartagni e A. Mincucci. Fu giurista anche suo figlio Angelo. I volumi sono indipendenti in quanto a argomenti e contenutoConsiliorum sive Responsorum Menochio Giacomo Venetiis apud Gasparem Bindonum MDLXXI VOLUMEN SECUNDUM: carte 222 (pag. 444) + repertorium nn. 10 (pag. 20) + index nn. 2 (pag. 4) VOLUMEN TERTIUM: carte 57 (pag. 114) + Ciceronin sententia e index nn. repertorium nn. 9 (pag. 18) cm 35 x 25 circa bei capilettera illustrati piatti in pergamena dell'epoca le pagine dei volumi sono ben conservate con rinforzi ai lati delle ultime 6 carte del volumen tertium e piccola menda sull'ultima carta ma fuori dal testo. le spese pubblicate includono il costo di incasso (qualora previsto); qualora propendiate per pagamenti diversi da Paypal contattatemi prima per lo sconto sulle spese pubblicate (approssimativamente € 2 di sconto) PAGAMENTO ACCETTATO: PER EVITARE L' … [Click Below for Full Description]
Bookseller: stampea2011 [Campo Carlo Magno, IT]
2020-01-26 16:13:45
Giovanni Francesco CAMOCIO (Attivo a Venezia tra 1558 - 1575)
1571. "Rara carta parte del celebre ""Isole Famose"" di Camocio. Tra il 1560 ed 1575 Camocio pubblicò circa quaranta carte di grande formato e molte furono le carte di piccolo formato pubblicate sciolte tra il 1566 e il 1574, che andarono successivamente a formare il volume noto col nome ""Isole famose, porti, fortezze e terre marittime sottoposte alla Serenissima Signoria di Venetia, ed altri Principi Christiani, et al Signor Turco, nouamente poste in luce. In Venetia alla libreria del segno di San Marco"". Le carte inserite nell'isolario di Camocio hanno la lastra ritoccata e un numero sequenziale aggiunto, mentre le prime prove sono caratterizzate dalla grande qualità di stampa e dall'assenza del numero. Gli esemplari con la numerazione sono, invece, quelli inseriti nelle edizioni dell'isolario edite da Donato Bertelli - imprint In Venetia alla libreria del segno di San Marco. Tale edizione, sebbene priva di data, risale a dopo il 1575, anno in cui il Camocio scomparve durante l'epidemia di pestilenza a Venezia e gran parte della sua tipogrfaia fu acquisita dal Bertelli. Raro primo stato, avanti la numerazione. Acquaforte e bulino, in buono stato di conservazione. Bibliografia: S. Bifolco, Città e Fortezze Principali del Mondo, in Bifolco-Ronca ""Cartografia e Topografia Italiana del XVI secolo. Catalogo ragionato delle opere a stampa"" (2018), pp. 126, 140-141." "THE RARE FIRST STATE of the map of the island of Naxos. From Camocio's ""Isole Famose"". This work, as was usual for Camocio and his other contemporary publishers, was on the market as loose map and later inclu … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-26 16:13:45
Giovanni Francesco CAMOCIO (Attivo a Venezia tra 1558 - 1575)
1571. "Rara tavola, parte del celebre ""Isole Famose"" di Camocio. Tra il 1560 ed 1575 Camocio pubblicò circa quaranta carte di grande formato e molte furono le carte di piccolo formato pubblicate sciolte tra il 1566 e il 1574, che andarono successivamente a formare il volume noto col nome ""Isole famose, porti, fortezze e terre marittime sottoposte alla Serenissima Signoria di Venetia, ed altri Principi Christiani, et al Signor Turco, nouamente poste in luce. In Venetia alla libreria del segno di San Marco"". Le carte inserite nell'isolario di Camocio hanno la lastra ritoccata e un numero sequenziale aggiunto, mentre le prime prove sono caratterizzate dalla grande qualità di stampa e dall'assenza del numero. Gli esemplari con la numerazione sono, invece, quelli inseriti nelle edizioni dell'isolario edite da Donato Bertelli - imprint In Venetia alla libreria del segno di San Marco. Tale edizione, sebbene priva di data, risale a dopo il 1575, anno in cui il Camocio scomparve durante l'epidemia di pestilenza a Venezia e gran parte della sua tipogrfaia fu acquisita dal Bertelli. Raro primo stato, avanti la numerazione. Acquaforte e bulino, in buono stato di conservazione. Bibliografia: S. Bifolco, Città e Fortezze Principali del Mondo, in Bifolco-Ronca ""Cartografia e Topografia Italiana del XVI secolo. Catalogo ragionato delle opere a stampa"" (2018), pp. 126, 140-141." "THE RARE FIRST STATE of the map of the island of Lesbos. From Camocio's ""Isole Famose"". This work, as was usual for Camocio and his other contemporary publishers, was on the market as loose map and later in … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-25 23:09:41
Giovanni Francesco CAMOCIO (Attivo a Venezia tra 1558 - 1575)
1571. "Rara mappa dell'isola di Eubea, nota in passato col nome di Negroponte. Data a Venezia nel 1204, passò sotto il dominio dei Turchi nel 1470. I Veneziani non riuscirono più a riconquistarla. Tavola parte del celebre ""Isole Famose"" di Camocio. Tra il 1560 ed 1575 Camocio pubblicò circa quaranta carte di grande formato e molte furono le carte di piccolo formato pubblicate sciolte tra il 1566 e il 1574, che andarono successivamente a formare il volume noto col nome ""Isole famose, porti, fortezze e terre marittime sottoposte alla Serenissima Signoria di Venetia, ed altri Principi Christiani, et al Signor Turco, nouamente poste in luce. In Venetia alla libreria del segno di San Marco"". Le carte inserite nell'isolario di Camocio hanno la lastra ritoccata e un numero sequenziale aggiunto, mentre le prime prove sono caratterizzate dalla grande qualità di stampa e dall'assenza del numero. Gli esemplari con la numerazione sono, invece, quelli inseriti nelle edizioni dell'isolario edite da Donato Bertelli - imprint In Venetia alla libreria del segno di San Marco. Tale edizione, sebbene priva di data, risale a dopo il 1575, anno in cui il Camocio scomparve durante l'epidemia di pestilenza a Venezia e gran parte della sua tipogrfaia fu acquisita dal Bertelli. Raro primo stato, avanti la numerazione. Acquaforte e bulino, in buono stato di conservazione. Bibliografia: S. Bifolco, Città e Fortezze Principali del Mondo, in Bifolco-Ronca ""Cartografia e Topografia Italiana del XVI secolo. Catalogo ragionato delle opere a stampa"" (2018), pp. 126, 140-141." "Rare first state before … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-25 23:09:41
Giovanni Francesco CAMOCIO (Attivo a Venezia tra 1558 - 1575)
1571. "Rara carta, parte del celebre ""Isole Famose"" di Camocio. Tra il 1560 ed 1575 Camocio pubblicò circa quaranta carte di grande formato e molte furono le carte di piccolo formato pubblicate sciolte tra il 1566 e il 1574, che andarono successivamente a formare il volume noto col nome ""Isole famose, porti, fortezze e terre marittime sottoposte alla Serenissima Signoria di Venetia, ed altri Principi Christiani, et al Signor Turco, nouamente poste in luce. In Venetia alla libreria del segno di San Marco"". Le carte inserite nell'isolario di Camocio hanno la lastra ritoccata e un numero sequenziale aggiunto, mentre le prime prove sono caratterizzate dalla grande qualità di stampa e dall'assenza del numero. Gli esemplari con la numerazione sono, invece, quelli inseriti nelle edizioni dell'isolario edite da Donato Bertelli - imprint In Venetia alla libreria del segno di San Marco. Tale edizione, sebbene priva di data, risale a dopo il 1575, anno in cui il Camocio scomparve durante l'epidemia di pestilenza a Venezia e gran parte della sua tipogrfaia fu acquisita dal Bertelli. Raro primo stato, avanti la numerazione. Acquaforte e bulino, in buono stato di conservazione. Bibliografia: S. Bifolco, Città e Fortezze Principali del Mondo, in Bifolco-Ronca ""Cartografia e Topografia Italiana del XVI secolo. Catalogo ragionato delle opere a stampa"" (2018), pp. 126, 140-141." "THE RARE FIRST STATE of the map of the island of Rhodes, which had fallen to Suleiman the Magnificent in December 1522. From Camocio's ""Isole Famose"". This work, as was usual for Camocio and his other contem … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-25 23:09:41
Giovanni Francesco CAMOCIO (Attivo a Venezia tra 1558 - 1575)
1571. "Rara carta geografica dell'isola di Cefalonia. Stretta fra il prepotere veneziano e la perenne minaccia turca nei secoli XIV e XV, dal 1500 fu aggregata al dominio veneziano, sotto il governo di un Provveditore. Per i tre secoli successivi fu una delle migliori difese del sistema navale del basso Adriatico contro i Turchi. Sulla mappa sono riportati i centri abitati più grandi dell'isola: Argostolion, Paliki, ZAFALONIA. Tavola parte del celebre ""Isole Famose"" di Camocio. Tra il 1560 ed 1575 Camocio pubblicò circa quaranta carte di grande formato e molte furono le carte di piccolo formato pubblicate sciolte tra il 1566 e il 1574, che andarono successivamente a formare il volume noto col nome ""Isole famose, porti, fortezze e terre marittime sottoposte alla Serenissima Signoria di Venetia, ed altri Principi Christiani, et al Signor Turco, nouamente poste in luce. In Venetia alla libreria del segno di San Marco"". Le carte inserite nell'isolario di Camocio hanno la lastra ritoccata e un numero sequenziale aggiunto, mentre le prime prove sono caratterizzate dalla grande qualità di stampa e dall'assenza del numero. Gli esemplari con la numerazione sono, invece, quelli inseriti nelle edizioni dell'isolario edite da Donato Bertelli - imprint In Venetia alla libreria del segno di San Marco. Tale edizione, sebbene priva di data, risale a dopo il 1575, anno in cui il Camocio scomparve durante l'epidemia di pestilenza a Venezia e gran parte della sua tipogrfaia fu acquisita dal Bertelli. Raro primo stato, avanti la numerazione. Acquaforte e bulino, in buono stato di conservaz … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-25 23:09:41
Giovanni Francesco CAMOCIO (Attivo a Venezia tra 1558 - 1575)
1571. "Rara veduta dell'isola di Zante, che fu sotto il dominio veneiziano dal 1484 al 1797. Tavola parte del celebre ""Isole Famose"" di Camocio. Tra il 1560 ed 1575 Camocio pubblicò circa quaranta carte di grande formato e molte furono le carte di piccolo formato pubblicate sciolte tra il 1566 e il 1574, che andarono successivamente a formare il volume noto col nome ""Isole famose, porti, fortezze e terre marittime sottoposte alla Serenissima Signoria di Venetia, ed altri Principi Christiani, et al Signor Turco, nouamente poste in luce. In Venetia alla libreria del segno di San Marco"". Le carte inserite nell'isolario di Camocio hanno la lastra ritoccata e un numero sequenziale aggiunto, mentre le prime prove sono caratterizzate dalla grande qualità di stampa e dall'assenza del numero. Gli esemplari con la numerazione sono, invece, quelli inseriti nelle edizioni dell'isolario edite da Donato Bertelli - imprint In Venetia alla libreria del segno di San Marco. Tale edizione, sebbene priva di data, risale a dopo il 1575, anno in cui il Camocio scomparve durante l'epidemia di pestilenza a Venezia e gran parte della sua tipogrfaia fu acquisita dal Bertelli. Raro primo stato, avanti la numerazione. Acquaforte e bulino, in buono stato di conservazione. Bibliografia: S. Bifolco, Città e Fortezze Principali del Mondo, in Bifolco-Ronca ""Cartografia e Topografia Italiana del XVI secolo. Catalogo ragionato delle opere a stampa"" (2018), pp. 126, 140-141." "Rare first state before the number. From Camocio's ""Isole Famose"". This work, as was usual for Camocio and his other contempor … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-25 23:09:41
Giovanni Francesco CAMOCIO (Attivo a Venezia tra 1558 - 1575)
1571. "Rara mappa del Golfo di Corinto e di Lepanto, odierna Naupatto, teatro - come si ricorda nel cartiglio - della storica vittoria dei Cristiani sui Turchi, il 7 ottobre del 1571. Tavola parte del celebre ""Isole Famose"" di Camocio. Tra il 1560 ed 1575 Camocio pubblicò circa quaranta carte di grande formato e molte furono le carte di piccolo formato pubblicate sciolte tra il 1566 e il 1574, che andarono successivamente a formare il volume noto col nome ""Isole famose, porti, fortezze e terre marittime sottoposte alla Serenissima Signoria di Venetia, ed altri Principi Christiani, et al Signor Turco, nouamente poste in luce. In Venetia alla libreria del segno di San Marco"". Le carte inserite nell'isolario di Camocio hanno la lastra ritoccata e un numero sequenziale aggiunto, mentre le prime prove sono caratterizzate dalla grande qualità di stampa e dall'assenza del numero. Gli esemplari con la numerazione sono, invece, quelli inseriti nelle edizioni dell'isolario edite da Donato Bertelli - imprint In Venetia alla libreria del segno di San Marco. Tale edizione, sebbene priva di data, risale a dopo il 1575, anno in cui il Camocio scomparve durante l'epidemia di pestilenza a Venezia e gran parte della sua tipogrfaia fu acquisita dal Bertelli. Raro primo stato, avanti la numerazione. Acquaforte e bulino, in buono stato di conservazione. Bibliografia: S. Bifolco, Città e Fortezze Principali del Mondo, in Bifolco-Ronca ""Cartografia e Topografia Italiana del XVI secolo. Catalogo ragionato delle opere a stampa"" (2018), pp. 126, 140-141." "THE RARE FIRST STATE. Map of the Gulf … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-25 23:09:41
Giovanni Francesco CAMOCIO (Attivo a Venezia tra 1558 - 1575)
1571. "Carta geografica dell'isola di Chios. Nel 1390 la Repubblica di Venezia se ne impadronì e da allora ne tenne il possesso fino al 1715, facendone un'importante base militare. Rara tavola, parte del celebre ""Isole Famose"" di Camocio. Tra il 1560 ed 1575 Camocio pubblicò circa quaranta carte di grande formato e molte furono le carte di piccolo formato pubblicate sciolte tra il 1566 e il 1574, che andarono successivamente a formare il volume noto col nome ""Isole famose, porti, fortezze e terre marittime sottoposte alla Serenissima Signoria di Venetia, ed altri Principi Christiani, et al Signor Turco, nouamente poste in luce. In Venetia alla libreria del segno di San Marco"". Le carte inserite nell'isolario di Camocio hanno la lastra ritoccata e un numero sequenziale aggiunto, mentre le prime prove sono caratterizzate dalla grande qualità di stampa e dall'assenza del numero. Gli esemplari con la numerazione sono, invece, quelli inseriti nelle edizioni dell'isolario edite da Donato Bertelli - imprint In Venetia alla libreria del segno di San Marco. Tale edizione, sebbene priva di data, risale a dopo il 1575, anno in cui il Camocio scomparve durante l'epidemia di pestilenza a Venezia e gran parte della sua tipogrfaia fu acquisita dal Bertelli. Raro primo stato, avanti la numerazione. Acquaforte e bulino, in buono stato di conservazione. Bibliografia: S. Bifolco, Città e Fortezze Principali del Mondo, in Bifolco-Ronca ""Cartografia e Topografia Italiana del XVI secolo. Catalogo ragionato delle opere a stampa"" (2018), pp. 126, 140-141." "Rare first state before the number … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-25 07:47:30
WITZEL, Georgius
Mainz: Behem, Franz Cöln Arnoldus Birckmannus, 1571. I am limited to 12 photos on eBay, but I have many more photos on my website...just ask. Georg Witzel was a 16th-century German theologian who was determined that Lutheranism and Martin Luther's teachings were not the true form of Christianity. However, because of the historical context of the rapid spread of Lutheranism and Protestantism in the 16th-century, suffice it to say that Witzel's efforts were mostly in vain. He wrote countless works describing Christian theology including a collection of homilies and postils - 'Sommertheil Homiliarum' - collection of homilies written for the weeks of the Summer calendar. This 1571 edition is bound with his book 'Winterteil Ecclesiasticae Demegoriae', the same type of writings designed for the winter months.
Bookseller: Schilb Antiquarian Rare Books (schilb_antiquarian_books) [Columbia, Missouri, US]
2020-01-24 16:41:08
1571. Manuale ad usum preclare ecclesie Cenomanensis: singulis presbiteris non solum utile verum etiam necessarium... Le Mans: Per Hieronimum Oliverium, 1571. Liturgical handbook for use in the Diocese of Le Mans, with over one-hundred pages of Gregorian Chant. Sections include a Marriage Mass; Baptismal Rites (one for boys and another for girls); Blessing of Fire and Ashes; the Blessing of Water; Prayers when visiting the Sick; Prayers for the Dead, (again separated into one for men and another for women); a Vigil for the Dead; Prayers at the Cemetery; and lastly, the Canon of the Mass. The book is distinguished by the beautiful quality of its printing which is in gothic red and black type. A wood engraving of a bishop and penitent is on the title-page. On the verso of the title-page is an engraving of the Trinity surrounded by the symbols of the four Evangelists - Matthew, Mark, Luke and John (represented as a Man, Lion, Ox, and Eagle respectively). The introduction to the Canon of the Mass reproduces the same engraving, as well as one of the crucifixion opposite. The verso of the last leaf includes another large wood-cut with a penitent at the feet of a bishop. Floriated woodcut initials throughout. The later binding preserves two early 16th century panels from the famous Parisian bookbinder, Andre Boule, which depicted St. Thomas Aquinas and St. Catherine of Siena at the foot of the Cross on the front panel, and St. Sebastian on the rear. This panel is the same found on a copy at the Bibliotheque Nationale: Quaestiones super decem libros Ethicorum Aristotelis. Paris: Po … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Zinos Books (npzinos) [Saint Paul, Minnesota, US]
2020-01-24 15:31:12
Simone PINARGENTI
Venezia, 1571. In alto al centro ISOLA DI S. MAURA a sinistra in una targa ovale SANCTA MAURA Scopulus anticham.e detta Isola posta sul Adriatico Mare dirimpetto al Golfo di Larta Questa isola è da un canale da terra divisa, et abondante di acque et legni. In basso a sinistra una rosa dei venti con l’ovest in alto, nell’angolo a destra il numero 35. Carta priva di scala grafica e graduazione ai margini. Carta anonima di Lefkada, nota in passato col nome di Santa Maura, priva di data ed indicazioni editoriali ma edita da Camocio. La carta deriva dal modello gastaldino del 1560. Tuttavia è una carta che, date anche le dimensioni, presenta diverse inesattezze. La mappa, come era usuale per Camocio e altri editori suoi contemporanei, circolava come carta sciolta prima di essere poi inserita nella raccolta Isole famose, porti, fortezze e terre marittime sottoposte alla Serenissima Signoria di Venetia, ed altri Principi Christiani, et al Signor Turco, nouamente poste in luce. In Venetia alla libreria del segno di San Marco. Esistono pertanto delle prove prive di numerazione, che si trovano in alcune raccolte cinquecentesche. Esistono altresì delle prove avanti il numero che si trovano negli isolari camociani. Alla morte dell’editore (1575) le lastre furono acquisite da Donato Bertelli, che le ristampò aggiungendo una numerazione sequenziale. A rival Island-book to the Isole Famose by Camocio was published by Simone Pinargenti, Venice 1573, under the title "Isole che son da Venetia nella Dalmatia et per tutto l’arcipelago fino a Costantinopoli". The Pinargenti’s are variously arra … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2020-01-24 13:10:27
1571. Pàolo di Castro (o Paolo Castrènse). - Giurista (n. Castro, Lazio, sec. 14º - m. 1441) della scuola dei commentatori o scolastici. Insegnò dapprima ad Avignone, dove si era addottorato, quindi a Siena (1390), di nuovo ad Avignone (1394-1412), a Firenze (dove collaborò nel 1415 alla riforma degli statuti comunali), a Padova (1429-41). Nelle sue lezioni sulle tre parti del Digesto e sul Codice si rivela esegeta profondo e di grande equilibrio. I suoi consilia, dopo quelli di Bartolo e Baldo, sono il frutto più cospicuo della giurisprudenza consulente dell'epoca, oltreché la testimonianza di un'alta coscienza morale, che fu l'ispiratrice costante di tutta l'opera sua. Tra i suoi scolari furono B. Cipolla, A. Tartagni e A. Mincucci. Fu giurista anche suo figlio Angelo. I volumi sono indipendenti in quanto a argomenti e contenutoConsiliorum sive Responsorum Menochio Giacomo Venetiis apud Gasparem Bindonum MDLXXI VOLUMEN SECUNDUM: carte 222 (pag. 444) + repertorium nn. 10 (pag. 20) + index nn. 2 (pag. 4) VOLUMEN TERTIUM: carte 57 (pag. 114) + Ciceronin sententia e index nn. repertorium nn. 9 (pag. 18) cm 35 x 25 circa bei capilettera illustrati piatti in pergamena dell'epoca le pagine dei volumi sono ben conservate con rinforzi ai lati delle ultime 6 carte del volumen tertium e piccola menda sull'ultima carta ma fuori dal testo. le spese pubblicate includono il costo di incasso (qualora previsto); qualora propendiate per pagamenti diversi da Paypal contattatemi prima per lo sconto sulle spese pubblicate (approssimativamente € 2 di sconto) PAGAMENTO ACCETTATO: PER EVITARE L' … [Click Below for Full Description]
Bookseller: stampea2011 [Campo Carlo Magno, IT]
2020-01-22 08:10:36
PIGNORIA, Lorenzo (1571-1631), Laurentij Pignorij Patauini Mensa Isiaca, qua sacrorum apud Aegyptios ratio e simulacra subjectis tabulis aeneis simul exhibentur e explicantur. Accessit ejusdem authoris de Magna Deum matre discursus, e sigillorum, gemmarum, amuletorum aliquot figurae e earundem ex Kirchero Chisletioque interpretatio. Nec non Jacobi Philippi Tomasini Manus Aenea, e de vita rebusque Pignorij dissertatio. Amsterdam Andreas Fries Due parti in un volume in 4°; pergamena contemporanea, tassello e titolo in oro al dorso (cerniera anteriore allentata); pp. (10), 96, (12) + (8), 96 [i.e. 94]. Con un"incisione in rame di A. Blothelingh, 3 vignette incise, 11 carte incise ripiegate, 9 illustrazioni a piena pagina e ancora vignette e illustrazioni nel testo.Ottima copia.TERZA E MIGLIORE EDIZIONE della "Mensa Isiaca" di Pignoria, la prima significativa opera di egittologia (pubblicata inizialmente come "Vetustissimae tabulae aeneae sacris Aegyptiorum" nel 1605)."Mensa Isiaca" o la tavola di Iside era un tavola in bronzo scoperta tra le rovine del tempio di Iside a Roma nel 1525, o forse nel 1527, divenuto uno dei più noti manufatti egizi dell'epoca. Questa tavola in bronzo, che secondo molti era stata realizza a Roma nel corso del I secolo d.C., giunse al cardinale Bembo, che consentì a Pignoria di esaminarla. Numerosi studiosi formularono differenti ipotesi riguardo alla funzione della "Mensa Isiaca", ma la spiegazione di Pignoria risultò la più semplice e la più convincente: si sarebbe trattato di un rappresentazione delle ceremonie sacrificali secondo i riti egizi. Le … [Click Below for Full Description]
Bookseller: libreriagovi [Modena, IT]
2020-01-19 10:58:09
1571. Pàolo di Castro (o Paolo Castrènse). - Giurista (n. Castro, Lazio, sec. 14º - m. 1441) della scuola dei commentatori o scolastici. Insegnò dapprima ad Avignone, dove si era addottorato, quindi a Siena (1390), di nuovo ad Avignone (1394-1412), a Firenze (dove collaborò nel 1415 alla riforma degli statuti comunali), a Padova (1429-41). Nelle sue lezioni sulle tre parti del Digesto e sul Codice si rivela esegeta profondo e di grande equilibrio. I suoi consilia, dopo quelli di Bartolo e Baldo, sono il frutto più cospicuo della giurisprudenza consulente dell'epoca, oltreché la testimonianza di un'alta coscienza morale, che fu l'ispiratrice costante di tutta l'opera sua. Tra i suoi scolari furono B. Cipolla, A. Tartagni e A. Mincucci. Fu giurista anche suo figlio Angelo. I volumi sono indipendenti in quanto a argomenti e contenutoConsiliorum sive Responsorum Menochio Giacomo Venetiis apud Gasparem Bindonum MDLXXI VOLUMEN SECUNDUM: carte 222 (pag. 444) + repertorium nn. 10 (pag. 20) + index nn. 2 (pag. 4) VOLUMEN TERTIUM: carte 57 (pag. 114) + Ciceronin sententia e index nn. repertorium nn. 9 (pag. 18) cm 35 x 25 circa bei capilettera illustrati piatti in pergamena dell'epoca le pagine dei volumi sono ben conservate con rinforzi ai lati delle ultime 6 carte del volumen tertium e piccola menda sull'ultima carta ma fuori dal testo. le spese pubblicate includono il costo di incasso (qualora previsto); qualora propendiate per pagamenti diversi da Paypal contattatemi prima per lo sconto sulle spese pubblicate (approssimativamente € 2 di sconto) PAGAMENTO ACCETTATO: PER EVITARE L' … [Click Below for Full Description]
Bookseller: stampea2011 [Campo Carlo Magno, IT]
2020-01-18 18:42:07
Giovanni Francesco CAMOCIO (Attivo a Venezia tra 1558 - 1575)
1571. "In basso: a sinistra in una targa ""Istria Sotto il dominio Veneto fra li Colfi Trigestino, et Quarner como peninsula sul mare Adriat.o da Istro fiume hora Quieto derivate la quale doppo tante ruine come p[er] le istorie. al po[n]te è molto habittata et adornata di molte Citta, Castelli, Ville, fonti, fiumi Et a marina Isole, porti boniss.i et in essa seli raccolgono qua[n]tità di Vini, Grani, Olij et ogni qualità di frutti perfettiss.i di sale similm.e piu ch[e] altro luogo. La detta prov.a e di longezza mill. 100. largezza da mill. 30. da Vin.a mill. 100. In Venecia apresso Giò. Franc.o Camocio. 1571. Con privilegio"". Al centro una rosa dei venti con il nord - est in alto. Carta priva di scala grafica e graduazione ai margini. Acquaforte e bulino, con pieni margini, perfette condizioni. Riduzione della grande carta del Camocio del 1569, rispetto alla quale vengono eliminati tutti gli errori più grossolani. La mappa, come usuale per Camocio e altri editori suoi contemporanei, circolava come carta sciolta prima di essere poi inserita nella raccolta Isole famose, porti, fortezze e terre marittime sottoposte alla Serenissima Signoria di Venetia, ed altri Principi Christiani, et al Signor Turco, nouamente poste in luce. In Venetia alla libreria del segno di San Marco. Esistono pertanto delle prove prive di numerazione, che si trovano in alcune raccolte cinquecentesche. Esistono altresì delle prove avanti il numero che si trovano negli isolari camociani. Alla morte dell'editore (1575) le lastre furono acquisite da Donato Bertelli, che le ristampò aggiungendo una numeraz … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-18 18:42:06
Giovanni Francesco CAMOCIO (Attivo a Venezia tra 1558 - 1575)
"Carta groagrafica dell'isola edita a Venezia nel 1571 circa. In basso a sinistra, in una targa ornata con fregi e sormontata da un mascherone, il titolo Sicilia Insula. Al centro, sormontata da compasso, la scala grafica di 100 miglia, pari a mm. 48. A destra, l'orientazione con una schematica rosa dei venti col nord in alto. Carta priva di graduazione ai margini. La tavola è una riduzione della Sicilia del 1561 dello stesso autore, dalla quale derivano tutti i dati riportati. La sola differenza è nei cartigli, che qui sono molto più decorativi rispetto al semplice riquadro della tavola precedente. Tavola parte del celebre ""Isole Famose"" di Camocio. Tra il 1560 ed 1575 Camocio pubblicò circa quaranta carte di grande formato e molte furono le carte di piccolo formato pubblicate sciolte tra il 1566 e il 1574, che andarono successivamente a formare il volume noto col nome ""Isole famose, porti, fortezze e terre marittime sottoposte alla Serenissima Signoria di Venetia, ed altri Principi Christiani, et al Signor Turco, nouamente poste in luce. In Venetia alla libreria del segno di San Marco"". Le carte inserite nell'isolario di Camocio hanno la lastra ritoccata e un numero sequenziale aggiunto, mentre le prime prove sono caratterizzate dalla grande qualità di stampa e dall'assenza del numero. Gli esemplari con la numerazione sono, invece, quelli inseriti nelle edizioni dell'isolario edite da Donato Bertelli - imprint In Venetia alla libreria del segno di San Marco. Tale edizione, sebbene priva di data, risale a dopo il 1575, anno in cui il Camocio scomparve durante l'epidemi … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-18 01:57:36
Gardi Jacopo
1571. [Legatura-Firenze] (cm.23,3) interessante legatura "parlante" originale con doppio filetto e fregi angolari e laterali. Al centro posteriore entro cornice ovale si legge "S.CAmilla" mentre anteriormente entro analoga cornice, solo traccia policroma di stemma o ritratto, il tutto in oro. Dorso restaurato. Tagli dorati d' origine. -- cc. 24 nn., pp. 541, p. 1 nn., c. 1 nn. Edizione originale di grande bellezza. Manca ai massimi repertori compreso British Museum Stc. Per notizie biografiche sull' autore morto nel 1585, vedi: Negri " Scrittori Fiorentini" p. 328; Puccinelli "Cronaca di Badia p. 144; Cinelli "Scrittori Fiorentini" II p. 981. Esemplare molto bello, nitido e marginoso. * Adams G 230; * Haym "Libri Rari" p. 137 n°14.
Bookseller: LibriAntichiArezzo-FC Edizioni (studio.bibliografico.libri.antichi.arezzo) [ Arezzo, IT]
2020-01-17 12:46:51
Cherubino ALBERTI Borgo San Sepolcro 1553 - Roma 1615
Bulino, 1571, datato in lastra in basso a sinistra nell'immagine. Da Federico Zuccari. Esemplare nel secondo stato, con la notizia del privilegio papale aggiunta in nel margine inferiore a destra. Bellisiima prova, impressa su carta vergata coeva, con sottili margini, in ottimo stato di conservazione. L'incisione riprende, il bulino di Cornelis Cort, realizzato probabilmente nel 1570 (New Hollstein, n. 87). The Virgin holding the Christ Child's right hand with her right, her left arm is around the infant John the Baptist, in the centre is St Anne with her hands in an attitude of prayer, to her right is St Joseph. Engraving, 1571, dated in bottom left corner '1571'. After Federico Zuccari. Second state, with the papal privilege added at lower right. A fine impression, printed on contemporary laid paper, with thin margins, very good conditions. This is an enlarged and altered version of a print by Cornelis Cort made in 1570 circa (see New Hollstein, n.87). A very good example. New Hollstein (Dutch & Flemish) 87 (Cornelis Cort; copy a.I); Bartsch XVII.63.38.
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-17 03:51:02
1571. [Lettere in volgare] (cm. 15,3) buona piena pergamena originale con unghie e tracce di lacci. Titolo calligrafato al dorso.-- cc. 8 nn., cc. 474, c. 1 con marca xilografica + c. 1 bianca. Capilettera figurati, elegante corsivo, marca tipografica al frontis e diversa in fine. Dedica a Don Gregorio Macigni monaco camaldolese. Edizione ampliata nella quale è stato aggiunto il XVI ed ultimo libro di Tomaso Porcacchi, inoltre è una delle prime opere stampate dagli eredi Bonelli, attivi dal 1571 al 1576. Cfr. Pastorello 63 e Ascarelli p. 202. Per le due belle marche tipografiche, vedi Vaccaro figura 291 e 292 e Zappella 994 e 844. Molto raro manca a molta bibliografia compreso Adams e Bm. Stc. Esemplare molto bello fresco e genuino. * Gamba 1465 in nota.
Bookseller: LibriAntichiArezzo-FC Edizioni (studio.bibliografico.libri.antichi.arezzo) [ Arezzo, IT]
2020-01-16 20:07:08
Euripide, Tragediae IX - William Canter Anversa, Christopher Plantin, 1571 William Canter - Euripide, Tragediae IX stampato ad Anversa, Christopher Plantin nel 1571. Prima edizione Plantiniana e prima edita dallo studioso olandese Willem Canter (1542-75). "Canter's edition dramatically influenced the course of Euripidean criticism in that he was the first to distinguish and mark the metrical responsions of the choruses, which had been printed in haphazard fashion in all previous editions" E. K. Schreiber, Catalogue 37, item 63. Testi in greco. Premiere edition plantinienne, imprimee en grec.- Voet, 1144.- Speeckaert, 222. Provenienza: asta internazionale. Qualche difetto minimale, ma ottima copia. Legatura in piena pelle del XVIII secolo. Pagine: 32 + 809 + 24 + 16. Completo. Misura: cm 12 x cm 8 __________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________ Grazie per aver visionato la pagina. Potrai trovare altri interessanti libri sotto aceccob . La spedizione verra' effettuata tramite posta raccomandata, pacco celere 1 o pacco celere 3, a seconda dell'importo del libro. E' esclusa la spedizione per posta prioritaria non rintracciabile sul sito delle Poste Italiane.
Bookseller: Studio Bibliografico Colazingari (aceccob) [Roma, IT]
2020-01-16 17:41:10
Cornelis CORT (Hoorn, nr Alkmaar, 1533 - Roma, prima del 22 Aprile 1578)
Bulino, 1571, firmato e datato in lastra in baso a sinistra. Da un soggetto di Tiziano. Esemplare nel primo stato di tre. Magnifica prova, ricca di toni, impressa su carta vergata coeva, rifilata al rame, in eccellente stato di conservazione. L'incisione deriva da un dipinto di Tiziano per Filippo II di Spagna, rispetto al quale risulta in controparte. Tiziano realizzò il dipinto nel 1571, quando aveva ormai superato gli ottant'anni. Nello stesso anno, Cornelius Cort ne fornisce la traduzione a bulino: la data 1571 si legge, insieme alla sua firma, sulla suoletta interna della pantofola di Lucrezia. L'oltraggio subito da Lucrezia, matrona romana, ad opera di Sesto Tarquinio, figlio di Tarquinio il Superbo, narrato da Livio, è l'episodio leggendario che determinerà la rivolta dei romani contro i Tarquini, la loro cacciata da Roma e il passaggio dalla monarchia alla repubblica. La donna, che preferì il suicidio al disonore, divenne poi simbolo di pudicizia e virtù coniugale. La scena rappresentata ha un tono drammatico: Lucrezia, nuda sul letto, con lo sguardo terrorizzato, tenta di difendersi dall'insano e violento desiderio di Sesto Tarquinio che le impone di tacere minacciandola con il pugnale, mentre sulla destra un uomo tira via la tenda per osservare. Nella concitazione, una pantofola scivola via dal piede di Lucrezia. Una delle prime stampe che Giacomo Gherardi pubbliherà, come erede dell'attività di Claudio Duchetti, sarà proprio una copia di questa incisione di Cort, datata 1586. Sia l'oltraggio che il suicidio di Lucrezia sono stati un tema molto diffuso nell'iconog … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-16 07:00:59
Giovanni Francesco CAMOCIO (Attivo a Venezia tra 1558 - 1575)
1571. "Carta dell'isola di Corfu edita a Venezia dal Camocio. Rara tavola, parte del celebre ""Isole Famose"" di Camocio. Tra il 1560 ed 1575 Camocio pubblicò circa quaranta carte di grande formato e molte furono le carte di piccolo formato pubblicate sciolte tra il 1566 e il 1574, che andarono successivamente a formare il volume noto col nome ""Isole famose, porti, fortezze e terre marittime sottoposte alla Serenissima Signoria di Venetia, ed altri Principi Christiani, et al Signor Turco, nouamente poste in luce. In Venetia alla libreria del segno di San Marco"". Le carte inserite nell'isolario di Camocio hanno la lastra ritoccata e un numero sequenziale aggiunto, mentre le prime prove sono caratterizzate dalla grande qualità di stampa e dall'assenza del numero. Gli esemplari con la numerazione sono, invece, quelli inseriti nelle edizioni dell'isolario edite da Donato Bertelli - imprint In Venetia alla libreria del segno di San Marco. Tale edizione, sebbene priva di data, risale a dopo il 1575, anno in cui il Camocio scomparve durante l'epidemia di pestilenza a Venezia e gran parte della sua tipogrfaia fu acquisita dal Bertelli. Raro primo stato, avanti la numerazione. Acquaforte e bulino, in buono stato di conservazione. Bibliografia: S. Bifolco, Città e Fortezze Principali del Mondo, in Bifolco-Ronca ""Cartografia e Topografia Italiana del XVI secolo. Catalogo ragionato delle opere a stampa"" (2018), pp. 126, 140-141." "Rare first state before the number. From Camocio's ""Isole Famose"". This work, as was usual for Camocio and his other contemporary publishers, was on th … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-16 06:19:37
Giovanni Francesco CAMOCIO (Attivo a Venezia tra 1558 - 1575)
1571. " In alto a destra, in un ovale ornato con fregi, il titolo Sardegna. Carta priva di graduazione ai margini, scala grafica e di orientazione che risulta in base all'immagine orientata con l'ovest in alto. Carta non datata. La carta del Camocio, pur essendo posteriore alla mappa del Licinio, non apporta novità per quanto riguarda i contenuti geo-cartografici. Scarsamente curata nell'incisione e nei dati geografici, nessun fiume viene indicato con il nome, diversi gli errori di trascrizione dei toponimi, anche l'orografia non è particolarmente curata. Questa carta fu inserita successivamente, e numerata come tavola 77, nell'opera Isole famose, porti, fortezze e terre marittime sottoposte alla Serenissima Signoria di Venetia, ed altri Principi Christiani, et al Signor Turco, nouamente poste in luce. In Venetia alla libreria del segno di San Marco del 1571. Bibliografia: S. Bifolco, Città e Fortezze Principali del Mondo, in Bifolco-Ronca ""Cartografia e Topografia Italiana del XVI secolo. Catalogo ragionato delle opere a stampa"" (2018), pp. 126, 140-141." Bifolco-Ronca (2014), tav. 150; L. Lago, Imago Italiae, 2002, fig. 488; L. Piloni, Carte geografiche della Sardegna, 1974, p. 64, I. Piloni S. 64; Bifolco/Ronca 150
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-16 02:20:48
Leonhard Thrneisser
1571. Original in sehr guter Erhaltung. WIR VERKAUFEN ORIGINELLE ORIGINALE - WE SELL EXTRAORDINARY ORIGINALS SELTENE ASTROLOGISCHE SCHRIFT: NICOLAUS WEYSE VOLLSTÄNDIG ANNO 1571 MIT HANDSCHRIFT VON LEONHARD THURNEISSER PROPHEZEIUNGEN & WEISSAGUNGEN SELTENE ASTROLOGISCHE SCHRIFT MIT HANDSCHRIFT LEONHARD THURNEISSERS INTERESSANTER AUTOGRAPH Leonhard Thurneisser zum Thurn (1531 in Basel - 1596 bei Köln). War Gelehrter und Wunderdoktor am Hofe des Brandenburger Kurfürsten Johann Georg. Thurneysser verfügte vor allem in den Bereichen der Chemie, Metallurgie, Botanik, Mathematik, Astronomie und Medizin über große Kenntnisse. Das erste Zusammentreffen zwischen Thurneysser und dem Kurfürsten Johann Georg fand in Frankfurt/Oder statt, wo Thurneysser die kränkelnde Gemahlin des Kurfürsten heilte. Der Kurfürst Johann Georg ernannte ihn daraufhin zu seinem Leibarzt. Für seine Arbeiten stellte Johann Georg ihm einen Teil des ehemaligen Franziskanerklosters zur Verfügung, das heute als Graues Kloster bekannt ist. Leonhard Thurneysser richtete in dem Kloster seine Wohnung, seine Bibliothek, eine Druckerei sowie seine Laboratorien ein. Aufgrund seiner selbst erstellten Medizin wurde er schnell zu einem reichen Mann, außerdem verkaufte er astrologische Kalender, Horoskope und Talismane zum Schutz vor dem Bösen. In seiner Druckerei produzierte er Schriften in unterschiedlichsten Alphabeten und nutzte dafür neben deutschen, lateinischen, griechischen und hebräischen Lettern auch solche mit arabischen Schriftzeichen. Er richtete das erste naturwissenschaftliche Kabinett in Brandenburg ein, legt … [Click Below for Full Description]
Bookseller: ARTFINDING (schnellkauf69) [Weidenhain, DE]
2020-01-16 00:54:51
AA. VV.
1571. Condition: Accettabile. Biblia Ad vetustissima exemplaria nunc recens castigata, Romaeque reuisa. In quibus praeterea, quae subsequens Praefatio indicat, capita singula ita versibus distincta funt, ut numeri praefixi, Lectorem non remorentur, & loca quaesita tanquam digito demostrent. Prezioso volume della seconda metà del XVI secolo in 8°, stato discreto, coperta rigida in pergamena, dorso con tre nervi e targhetta con caratteri in bassorilievo, quest'ultima appena visibile, evidenti segni del tempo, scritte poco percepibili su piatti, fioritura sparsa, tagli bruniti, legatura allentata, pagine in buono stato, testo inquadrato entro cornice tipografica e distribuito su due colonne, con diverse sottolineature e pochi appunti al margine, scritti a penna. Presente segnatura dei fascicoli e richiami. Bella marca tipografica su frontespizio, vari appunti scritti a penna. Eleganti capilettera in nero. Scritta, in bella grafia, su foglio di guardia. Alla fine del volume registro. L'IMMAGINE MOSTRATA E' DELL'OGGETTO MESSO IN VENDITA THE IMAGE SHOWN IS THE OBJECT ON SALE L'IMAGE MONTREE EST L'OBJECT HIS EN VENTE Autore: AA. VV. Editore: Ex Officina Iuntarum - Venetiis Collana: Lingua: LATINO Luogo edizione: VENEZIA Argomento: Bibbia Anno: 1571 Stato: USATO Pagine: 488 Volume: Rilegatura: Rilegato Edizione: PER ACQUISTI MULTIPLI, SPEDIZIONE UNICA A 4,90 EURO. ATTENDERE ACCORPAMENTO ORDINI PER IL PAGAMENTO FOR MORE THAN ONE PURCHASE, ONE SHIPPING FOR 4,90 EURO. PLEASE WAIT FOR TOTAL ORDERS BEFORE PAYING POUR PLUS D'UN ACHAT, UNE SEULE EXPEDITION POUR 4,90 EURO. ATTENDEZ S'IL VO … [Click Below for Full Description]
Bookseller: bibliotecadibabele.libri [Tarquinia (VT), IT]
2020-01-15 21:26:55
Giovanni Francesco CAMOCIO (Attivo a Venezia tra 1558 - 1575)
1571. "Rara tavola parte del celebre ""Isole Famose"" di Camocio. Tra il 1560 ed 1575 Camocio pubblicò circa quaranta carte di grande formato e molte furono le carte di piccolo formato pubblicate sciolte tra il 1566 e il 1574, che andarono successivamente a formare il volume noto col nome ""Isole famose, porti, fortezze e terre marittime sottoposte alla Serenissima Signoria di Venetia, ed altri Principi Christiani, et al Signor Turco, nouamente poste in luce. In Venetia alla libreria del segno di San Marco"". Le carte inserite nell'isolario di Camocio hanno la lastra ritoccata e un numero sequenziale aggiunto, mentre le prime prove sono caratterizzate dalla grande qualità di stampa e dall'assenza del numero. Gli esemplari con la numerazione sono, invece, quelli inseriti nelle edizioni dell'isolario edite da Donato Bertelli - imprint In Venetia alla libreria del segno di San Marco. Tale edizione, sebbene priva di data, risale a dopo il 1575, anno in cui il Camocio scomparve durante l'epidemia di pestilenza a Venezia e gran parte della sua tipogrfaia fu acquisita dal Bertelli. Raro primo stato, avanti la numerazione. Acquaforte e bulino, in buono stato di conservazione. Bibliografia: S. Bifolco, Città e Fortezze Principali del Mondo, in Bifolco-Ronca ""Cartografia e Topografia Italiana del XVI secolo. Catalogo ragionato delle opere a stampa"" (2018), pp. 126, 140-141." "THE RARE FIRST STATE of the map. Map of the Balkan coast from Herceg-Novi in Montenegro to Durrës in Albania, marking Kotor. It was published in Camocio's 'Isole famose, porti fortezze e terre marittime sottop … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-15 21:26:31
Paolo FORLANI (Attivo a Venezia seconda metà del XVI secolo)
1571. LA MAPPA CHE CELEBRA LA VITTORIA CONTRO I TURCHI Importante carta geografica del Mediterraneo orientale di Paolo Forlani, stampata a Venezia dall'editore Simone Pinargenti nel 1571. Esemplare nel secondo stato di due, con la scala miliare aggiunta in basso, sopra al bordo marginale (cfr. Bifolco-Ronca, p. 718, che descrive solo due esemplari noti di questa tiratura della mappa). Acquaforte e bulino, firmata in lastra, impressa su carta vergata coeva, con margini, in ottimo stato di conservazione. La carta, dedicata a Lodovico del Bene, è molto accurata nel descrivere le località portuali e mette in evidenza, attraverso delle linee di rotta, i porti che potevano essere usati per gli attacchi contro la flotta dell'Impero Ottomano. La mappa è infatti stampata nel 1571, per celebrare la vittoria contro i Turchi nella battaglia navale di Lepanto. La celebre battaglia navale si svolse di fronte a Lepanto, all'estremità occidentale del Golfo di Patrasso e vide coinvolte la flotta turca e quella della Sacra Alleanza. La vittoria contro le armate turche ne fermò l'avanzata in Europa, proteggendo Roma dall'invasione. L'evento per l'epoca fu davvero rilevante e clamoroso, suscitando l'interesse anche di molti artisti. Diverse sono le interpretazioni del soggetto in Venezia, dovute tutte a mercanti, incisori e cartografi quali Nelli, Zenoi, Bertelli, Rota e Camocio. Orientazione fornita da una rosa dei venti nel mar Tirreno, scala grafica di 100 miglia italiche pari a mm. 21. Iscrizioni. Nel cartigliio in alto a destra: Al Molto Mag.co et mio Sig.or il Sig.or Lodouico del Bene, d … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-14 15:47:06
Mathesius, Johann.
Nürnberg Gerlach, 1571. (33 x 20,5 cm). 6 nn., 237 num., 25 nn. Bll. Blindgeprägter Schweinslederband der Zeit über Holzdeckel. Wohl dritte Ausgabe des erstmals 1562 erschienenen Werkes, "das viele Nachahmer hat, aber bis heute unerreicht geblieben ist. Geschickt verstand (es) Mathesius in diesen (16) Bergpredigten die religiösen Verbindungen zu dem sachlichen Themenkreis des Bergbaus zu finden. Die theologischen Einkleidungen erbaulichen Inhalts sind Beiwerk, denn im Grunde handelt es sich um eine. beinahe universale Darstellung, die in wohlgeordneter Folge bergtechnische, mineralogische, bergbaugeschichtliche, geologische und hüttenkundliche Abhandlungen in leichtverständlicher Form zusammengefaßt, ohne dabei ungenau zu sein. Dadurch wurde die 'Sarepta' zu einem wichtigen Quellenbuch für den damaligen Zustand des Bergbaus" (Koch). - Papierbedingt leicht gebräunt und stellenweise gering braunfleckig. Vereinzelt mit sauberen zeitgenössischen Marginalien. Vorsätze erneuert. Einband etwas fleckig und bestoßen. Ohne die Schließen. Kapitale leicht restauriert. Insgesamt gut erhaltenes Exemplar in einem zeitgenössischen Einband. - Ferchl 345; Koch, Bergmännisches Schrifttum S. 43; VD6 M1558; STC 600; vgl. Hoover 565 (Ausg. 1562); nicht bei Adams und Durling [Attributes: Hard Cover]
Bookseller: Antiquariat Gerhard Gruber [Heilbronn, Germany]
Check availability:
2020-01-14 07:15:02
Giovanni Francesco CAMOCIO (Attivo a Venezia tra 1558 - 1575)
1571. " In alto a destra, in un ovale ornato con fregi, il titolo Sardegna. Carta priva di graduazione ai margini, scala grafica e di orientazione che risulta in base all'immagine orientata con l'ovest in alto. Carta non datata. La carta del Camocio, pur essendo posteriore alla mappa del Licinio, non apporta novità per quanto riguarda i contenuti geo-cartografici. Scarsamente curata nell'incisione e nei dati geografici, nessun fiume viene indicato con il nome, diversi gli errori di trascrizione dei toponimi, anche l'orografia non è particolarmente curata. Questa carta fu inserita successivamente, e numerata come tavola 77, nell'opera Isole famose, porti, fortezze e terre marittime sottoposte alla Serenissima Signoria di Venetia, ed altri Principi Christiani, et al Signor Turco, nouamente poste in luce. In Venetia alla libreria del segno di San Marco del 1571. Bibliografia: S. Bifolco, Città e Fortezze Principali del Mondo, in Bifolco-Ronca ""Cartografia e Topografia Italiana del XVI secolo. Catalogo ragionato delle opere a stampa"" (2018), pp. 126, 140-141." Bifolco-Ronca (2014), tav. 150; L. Lago, Imago Italiae, 2002, fig. 488; L. Piloni, Carte geografiche della Sardegna, 1974, p. 64, I. Piloni S. 64; Bifolco/Ronca 150
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-14 01:35:35
Simone PINARGENTI (Attivo a Venezia nella seconda metà del XVI sec.)
1571. In alto al centro ISOLA DI S. MAURA a sinistra in una targa ovale SANCTA MAURA Scopulus anticham.e detta Isola posta sul Adriatico Mare dirimpetto al Golfo di Larta Questa isola è da un canale da terra divisa, et abondante di acque et legni. In basso a sinistra una rosa dei venti con l'ovest in alto, nell'angolo a destra il numero 35. Carta priva di scala grafica e graduazione ai margini. Carta anonima di Lefkada, nota in passato col nome di Santa Maura, priva di data ed indicazioni editoriali ma edita da Camocio. La carta deriva dal modello gastaldino del 1560. Tuttavia è una carta che, date anche le dimensioni, presenta diverse inesattezze. La mappa, come era usuale per Camocio e altri editori suoi contemporanei, circolava come carta sciolta prima di essere poi inserita nella raccolta Isole famose, porti, fortezze e terre marittime sottoposte alla Serenissima Signoria di Venetia, ed altri Principi Christiani, et al Signor Turco, nouamente poste in luce. In Venetia alla libreria del segno di San Marco. Esistono pertanto delle prove prive di numerazione, che si trovano in alcune raccolte cinquecentesche. Esistono altresì delle prove avanti il numero che si trovano negli isolari camociani. Alla morte dell'editore (1575) le lastre furono acquisite da Donato Bertelli, che le ristampò aggiungendo una numerazione sequenziale. A rival Island-book to the Isole Famose by Camocio was published by Simone Pinargenti, Venice 1573, under the title "Isole che son da Venetia nella Dalmatia et per tutto l'arcipelago fino a Costantinopoli". The Pinargenti's are variously arranged in e … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-13 07:52:02
Giovanni Francesco CAMOCIO (Attivo a Venezia tra 1558 - 1575)
1571. "Rara veduta parte del celebre ""Isole Famose"" di Camocio. Tra il 1560 ed 1575 Camocio pubblicò circa quaranta carte di grande formato e molte furono le carte di piccolo formato pubblicate sciolte tra il 1566 e il 1574, che andarono successivamente a formare il volume noto col nome ""Isole famose, porti, fortezze e terre marittime sottoposte alla Serenissima Signoria di Venetia, ed altri Principi Christiani, et al Signor Turco, nouamente poste in luce. In Venetia alla libreria del segno di San Marco"". Le carte inserite nell'isolario di Camocio hanno la lastra ritoccata e un numero sequenziale aggiunto, mentre le prime prove sono caratterizzate dalla grande qualità di stampa e dall'assenza del numero. Gli esemplari con la numerazione sono, invece, quelli inseriti nelle edizioni dell'isolario edite da Donato Bertelli - imprint In Venetia alla libreria del segno di San Marco. Tale edizione, sebbene priva di data, risale a dopo il 1575, anno in cui il Camocio scomparve durante l'epidemia di pestilenza a Venezia e gran parte della sua tipogrfaia fu acquisita dal Bertelli. Raro primo stato, avanti la numerazione. Acquaforte e bulino, in buono stato di conservazione. Bibliografia: S. Bifolco, Città e Fortezze Principali del Mondo, in Bifolco-Ronca ""Cartografia e Topografia Italiana del XVI secolo. Catalogo ragionato delle opere a stampa"" (2018), pp. 126, 140-141." "THE RARE FIRST STATE of the map of the the fortified city of Nafplion, then under Ottoman control. From Camocio's ""Isole Famose"". This work, as was usual for Camocio and his other contemporary publishers, wa … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-12 11:40:06
Giovanni Francesco CAMOCIO (Attivo a Venezia tra 1558 - 1575)
1571. "In basso: a sinistra in una targa ""Istria Sotto il dominio Veneto fra li Colfi Trigestino, et Quarner como peninsula sul mare Adriat.o da Istro fiume hora Quieto derivate la quale doppo tante ruine come p[er] le istorie. al po[n]te è molto habittata et adornata di molte Citta, Castelli, Ville, fonti, fiumi Et a marina Isole, porti boniss.i et in essa seli raccolgono qua[n]tità di Vini, Grani, Olij et ogni qualità di frutti perfettiss.i di sale similm.e piu ch[e] altro luogo. La detta prov.a e di longezza mill. 100. largezza da mill. 30. da Vin.a mill. 100. In Venecia apresso Giò. Franc.o Camocio. 1571. Con privilegio"". Al centro una rosa dei venti con il nord - est in alto. Carta priva di scala grafica e graduazione ai margini. Acquaforte e bulino, con pieni margini, perfette condizioni. Riduzione della grande carta del Camocio del 1569, rispetto alla quale vengono eliminati tutti gli errori più grossolani. La mappa, come usuale per Camocio e altri editori suoi contemporanei, circolava come carta sciolta prima di essere poi inserita nella raccolta Isole famose, porti, fortezze e terre marittime sottoposte alla Serenissima Signoria di Venetia, ed altri Principi Christiani, et al Signor Turco, nouamente poste in luce. In Venetia alla libreria del segno di San Marco. Esistono pertanto delle prove prive di numerazione, che si trovano in alcune raccolte cinquecentesche. Esistono altresì delle prove avanti il numero che si trovano negli isolari camociani. Alla morte dell'editore (1575) le lastre furono acquisite da Donato Bertelli, che le ristampò aggiungendo una numeraz … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
______________________________________________________________________________


      Home     Wants Manager     Library Search     564 Years   Links     Contact      Search Help      Terms of Service      Privacy     


Copyright © 2020 viaLibri™ Limited. All rights reserved.