The viaLibri website requires cookies to work properly. You can find more information in our Terms of Service and Privacy Policy.

Displayed below are some selected recent viaLibri matches for books published in 1570
2019-07-29 16:24:00
Abraham ORTELIUS (1528 - 1598)
1570. Carta della Spagna, tratta dal Theatrum Orbis Terrarum di Ortelius, il primo atlante moderno del mondo. Edizione francese del 1598. Grande cartiglio, 2 mostri marini e due navi. Sulla base della mappa di Carolus Clusius o di Charles de l'Escluse (1526-1609) un botanico di professione, che ha pubblicato una mappa in 6 fogli della Spagna nel 1571. Striking example of Ortelius' map of Spain, from Ortelius' Theatrum Orbis Terrarum, the first modern atlas of the world. French edition of 1598. Large cartouche, 2 sea monsters and two ships. Based upon the map of Carolus Clusius or Charles de l'Escluse (1526-1609) a botanist by profession, who published a 6 sheet map of Spain in 1571. M. Van den Broecke "Ortelius Atlas Maps" (2011), n. 25; Imagens de Portugal e Ilhas Atlanticas, p. 54 n. 12
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-29 16:24:00
Abraham ORTELIUS (1528 - 1598)
1570. Decorative e dettagliata mappa della Toscana, dall'edizione francese del 1598 del Theatrum Orbis Terrarum di Ortelius, il primo atlante moderno del mondo. La mappa si basa sulla mappa regonale di Girolamo Bellarmati ed include un cartiglio ornato e un numero di navi a vela. Incisione in rame, finemente colorata a mano, in ottimo stato di conservazione. Decorative and detailed map of Tuscany, from the 1598 French edition of Ortelius' Theatrum Orbis Terrarum, the first modern atlas of the world. The map is based upon the regonal map of Girolamo Bellarmati. Includes an ornate cartouche and a number of sailing vessels. Centered on Florence, with Rome in the lower right corner. M. Van den Broecke "Ortelius Atlas Maps" (2011), n. 130
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-29 16:24:00
Abraham ORTELIUS (1528 - 1598)
1570. "Mappa tratta dal ""Theatrum Orbis Terraum"" di A. Ortelius, edizione latina del 1575. Incisione in rame, finemente colorata a mano in epoca, alcune leggere pieghe di carta, nel complesso in ottimo stato di conservazione." A new description of Palestine or the whole Promised Land. The shoreline runs from Berytus (Beirut) to the Nile Delta, reaching inland east of the Jordan and in the south to the Red Sea. The Dead Sea is crescent shaped. A legend at upper left and the title at bottom right are surrounded by cartouches in baroque style. The legend reads: Antiquisima huius terre appelatio fuit Canaan? Hodie eam terram Sanctam nuncupant? At the top of the left hand upper cartouche there is a small empty space which in the later editions carries an inscription. From the Latin edition of Abraham Ortelius' 'Theatrum Orbis Terrarum', 1575. Copperplate with fine original hand colouring, generally in good condition. Laor, 540B; Atlantes Neerlandici, 31:301 : Van den Broecke, Ortelius 170.
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-29 16:24:00
Abraham ORTELIUS (1528 - 1598)
1570. "Carta deografica del territorio dell'antico Ducato di Milano e delle regioni circostanti, tratta dal "" Theatrum Orbis Terrarum"", edizione del 1612, testo spagnolo. Mostra l'area intorno a Milano, con il Lago di Como, Genova, Parma, Cremona e Bergamo. Include un bel cartiglio decorativo, un veliero, uno stemma e un mostro marino. Il modello cartografico è la mappa di Giovanni Septala, edita ad Anversa da Cock. Esemplare con meravigliosa coloritura coeva." Beautiful coloured map of northern Italy by A. Ortelius. Showing the area around Milan with Lago di Como, Genoa, Parma, Cremona and Bergamo. With a nice Renaissance cartouche, a sailing ship , a coat of arms and a sea monster. From the Theatrum Orbis Terrarum, Spanish edition of 1612. The cartographic source was the map by Giovanni Septala, published by Hieronymus Cock in Antwerp. M. Van den Broecke "Ortelius Atlas Maps" (2011), n. 125; Koeman Ort 33
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-29 16:23:59
Abraham ORTELIUS (1528 - 1598)
1570. Carta geografica di Piemonte e Liguria tratta dal "Theatrum Orbis Terrarum", edizione latina 1584. La carta deriva dal modello di Giacomo Gastaldi. Incisione in rame, bellissima coloritura coeva, in ottimo stato di conservazione M. Van den Broecke "Ortelius Atlas Maps" (2011), n. 128
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-29 16:23:59
Abraham ORTELIUS (1528 - 1598)
1570. "Carta geografica delle Isole Britanniche tratta dall'edizione italiana del ""Theatrum Orbis Therrarum"" di Ortelius, 1606. Terzo stato della lastra di questa importante mappa basata sulla carta murale di Mercator del 1564. Incisione in rame, finemente colorata a mano, in ottimo stato di conservazione." Attractive full color example of Ortelius' first map of the British Isles, from Ortelius' Theatrum Orbis Terrarum, the first modern atlas of the world. A state 3 of this classic, handsome and decorative map of ancient British Isles with north orientated to the east. Italian text on verso. From the Vrients edition of 1606. Based on Mercator's 1564 map of the British isles and improved by Saxton's 1579 map and the writings of the ancient classical writers. Embellishments include seven ships and three decorative strap work cartouches. Broecke, Ortelius 16, state 3. Shirley (1991), map 82, plate 42.
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-29 16:23:59
Abraham ORTELIUS
Anversa, 1570. La carta della Grecia del Theatrum Orbis Terrarum di Ortelius è basata sulle carte della regione edite a Venezia da Giacomo Gastaldi. La mappa raffigura con accurata precisione le isole dell’arcipelago ed è arricchita da un meraviglioso cartiglio. Tratta dalla rara edizione spagnola del 1612. Incisione in rame, meravigliosa coloritura coeva, in ottimo stato di conservazione. Decorative map of Greece and surrounding Islands and contiguous regions, from the 1612 Spanish edition of Ortelius' Theatrum, based upon the work of Giacomo Gastaldi. The map is embellished by a sailing ship and a large ornate cartouche an shows cities, rivers, mountains, lakes, islands, ports, forests, etc. An attractive full color example, with nice margins. Copper engraving, in excellent condition. Zacharakis C. G. - A Catalogue of Printed Maps of Greece 1477 - 1800 (2009), n. 2484; M. Van den Broecke "Ortelius Atlas Maps" (2011), n. 146. 510 370mm
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2019-07-29 11:33:33
Abraham ORTELIUS (1528 - 1598)
1570. "Tratta dal ""Thetarum Orbis Terrarum"". Edizione tedesca del 1598. Questo è il secondo stato della mappa, con i nomi dei luoghi aggiuntivi attorno al Lago di Ginevra, che apparve per la prima volta nel 1584. La mappa è basata sulla carta di Aegidius Tschudi, 1505-1572, nota per una seconda edizione pubblicata da Konrad Wolfhart nel 1560. Nel ""Catalogus Auctorum"", Ortelius menziona anche le carte della Svizzera di Adelbergus Sauracher 1584 e di Johann Stumpf, e anche due mappe regionali, Wallis di Ioannes Schalbeter e Zürich di Jacobus Monavius o Josias Murer. Incisione in rame, bellissima coloritura coeva,in ottimo stato di conservazione." " Early detailed map of Switzerland with decorative original coloring. By Abraham Ortelius from 'Theatrum Orbis Terrarum' based on a map by Aegidius Tschudi (1505-1572). German edition of 1598. This is the second state of the map, with the additional place names around Lake Geneva, which first appeared in 1584. The map is based upon a map by Aegidius Tschudi, 1505-1572, with a second edition of Tschudi's map published by Konrad Wolfhart in 1560. In the ""Catalogus Auctorum"", Ortelius also mentions the Switzerland maps by Adelbergus Sauracher 1584 and by Johann Stumpf, and also two regional maps, Wallis by Ioannes Schalbeter and Zürich by Jacobus Monavius or Josias Murer. Etching on copperplate with original hand colour, in good conditions." M. Van den Broecke "Ortelius Atlas Maps" (2011), n. 115
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-27 12:44:50
Donato BERTELLI (Attivo a Venezia seconda metà del XVI secolo)
1570. "Rara veduta prospettica, a volo d'uccello, della città di Napoli. La pianta del Bertelli deriva da un modello disegnato da Etienne Duperac edita a Roma nel 1566. Priva di data, la pianta del Bertelli risale al 1570-1575 circa. Rappresenta il primo segnale di favore che incontrerà il modello di Duperac nell'ambito del mercato delle stampe, ed è molto simile alla più comune deriavazione pubbicata ad Anversa nel Theatrum Civitatum di Braun e Hogenberg. Nel cartiglio: ""Ill(ustrissim)o Sig.(no)re Vincenzo Pincelli |volendo io mandare a nuova stampa la nobil| et gentil Citta' di Napoli con li suoi | Moli, Porti, Chiese, Seggi, Palazzi, Piaz |ze, Strade, Fonti et altre cose notabili di | quella patria, ho voluto che la sia in luce | fatto il nome di Vostra Illu(strissi)ma Sig(no)ria Qual | havendola fatta imprimere un Serv (ito)re di quella Conoscer possa quanto desidera | di servarla Magnificarla et exaltarla | alla quale Reverentemente gli bacia le Mani. | D.B."" Sotto la pianta, legenda numerica di 74 voci,distribuita su 13 colonne. Magnifico esemplare, con margini, tracce di pieghe orrizontali e verticali, in ottimo stato di conservazione. Bibliografia: Almagià (1927): n. 95; Christie's Pa (2006): n. 248; Destombes (1970): n. 80; Dzikowski (1940): n. 99; Ganado (1982): n. 86; Kraus (1972): n. 100; Meurer (2002): n. 185; National Maritime Museum (1971): n. 150; Ruge (1904-16): IV, n. 87.72; Sotheby's (1998): n. 190; Tavernari (2014): n. 96; Pane-Valerio (1988): pp. 60-61, n. 13; Tooley (1939): n. 410; Valerio (1998): n. 13. Censimento: Firenze, Marucelliana; Greenwich, … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-26 21:34:04
Giovanni Francesco CAMOCIO (Attivo a Venezia tra 1558 - 1575)
1570. "Rara carta di Patmos edita a Venezia da Camocio, parte del celebre ""Isole Famose"" di Camocio. Tra il 1560 ed 1575 Camocio pubblicò circa quaranta carte di grande formato e molte furono le carte di piccolo formato pubblicate sciolte tra il 1566 e il 1574, che andarono successivamente a formare il volume noto col nome ""Isole famose, porti, fortezze e terre marittime sottoposte alla Serenissima Signoria di Venetia, ed altri Principi Christiani, et al Signor Turco, nouamente poste in luce. In Venetia alla libreria del segno di San Marco"". Le carte inserite nell'isolario di Camocio hanno la lastra ritoccata e un numero sequenziale aggiunto, mentre le prime prove sono caratterizzate dalla grande qualità di stampa e dall'assenza del numero. Gli esemplari con la numerazione sono, invece, quelli inseriti nelle edizioni dell'isolario edite da Donato Bertelli - imprint In Venetia alla libreria del segno di San Marco. Tale edizione, sebbene priva di data, risale a dopo il 1575, anno in cui il Camocio scomparve durante l'epidemia di pestilenza a Venezia e gran parte della sua tipogrfaia fu acquisita dal Bertelli. Raro primo stato, avanti la numerazione. Acquaforte e bulino, in buono stato di conservazione. Bibliografia: S. Bifolco, Città e Fortezze Principali del Mondo, in Bifolco-Ronca ""Cartografia e Topografia Italiana del XVI secolo. Catalogo ragionato delle opere a stampa"" (2018), pp. 126, 140-141." "Rare first state before the number. From Camocio's ""Isole Famose"". This work, as was usual for Camocio and his other contemporary publishers, was on the market as loose m … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-26 21:34:04
Giovanni Francesco CAMOCIO (Attivo a Venezia tra 1558 - 1575)
1570. "Carta geografiica di Santorini edita da Camocio nel 1571, parte del celebre ""Isole Famose"" di Camocio. Tra il 1560 ed 1575 Camocio pubblicò circa quaranta carte di grande formato e molte furono le carte di piccolo formato pubblicate sciolte tra il 1566 e il 1574, che andarono successivamente a formare il volume noto col nome ""Isole famose, porti, fortezze e terre marittime sottoposte alla Serenissima Signoria di Venetia, ed altri Principi Christiani, et al Signor Turco, nouamente poste in luce. In Venetia alla libreria del segno di San Marco"". Le carte inserite nell'isolario di Camocio hanno la lastra ritoccata e un numero sequenziale aggiunto, mentre le prime prove sono caratterizzate dalla grande qualità di stampa e dall'assenza del numero. Gli esemplari con la numerazione sono, invece, quelli inseriti nelle edizioni dell'isolario edite da Donato Bertelli - imprint In Venetia alla libreria del segno di San Marco. Tale edizione, sebbene priva di data, risale a dopo il 1575, anno in cui il Camocio scomparve durante l'epidemia di pestilenza a Venezia e gran parte della sua tipogrfaia fu acquisita dal Bertelli. Raro primo stato, avanti la numerazione. Acquaforte e bulino, in buono stato di conservazione. Bibliografia: S. Bifolco, Città e Fortezze Principali del Mondo, in Bifolco-Ronca ""Cartografia e Topografia Italiana del XVI secolo. Catalogo ragionato delle opere a stampa"" (2018), pp. 126, 140-141." "The island of Santorini (Thira), mapped while still a possession of the Venetian Republic. In 1579 it was captured by the Ottomans, who held it until 1821. Rare fi … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-26 21:34:04
Giovanni Francesco CAMOCIO (Attivo a Venezia tra 1558 - 1575)
"Rara carta di Samos edita da Camocio nel 1570 circa, parte del celebre ""Isole Famose"" di Camocio. Tra il 1560 ed 1575 Camocio pubblicò circa quaranta carte di grande formato e molte furono le carte di piccolo formato pubblicate sciolte tra il 1566 e il 1574, che andarono successivamente a formare il volume noto col nome ""Isole famose, porti, fortezze e terre marittime sottoposte alla Serenissima Signoria di Venetia, ed altri Principi Christiani, et al Signor Turco, nouamente poste in luce. In Venetia alla libreria del segno di San Marco"". Le carte inserite nell'isolario di Camocio hanno la lastra ritoccata e un numero sequenziale aggiunto, mentre le prime prove sono caratterizzate dalla grande qualità di stampa e dall'assenza del numero. Gli esemplari con la numerazione sono, invece, quelli inseriti nelle edizioni dell'isolario edite da Donato Bertelli - imprint In Venetia alla libreria del segno di San Marco. Tale edizione, sebbene priva di data, risale a dopo il 1575, anno in cui il Camocio scomparve durante l'epidemia di pestilenza a Venezia e gran parte della sua tipogrfaia fu acquisita dal Bertelli. Raro primo stato, avanti la numerazione. Acquaforte e bulino, in buono stato di conservazione. Bibliografia: S. Bifolco, Città e Fortezze Principali del Mondo, in Bifolco-Ronca ""Cartografia e Topografia Italiana del XVI secolo. Catalogo ragionato delle opere a stampa"" (2018), pp. 126, 140-141." "Rare first state before the number. From Camocio's ""Isole Famose"". This work, as was usual for Camocio and his other contemporary publishers, was on the market as loose map … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-26 21:34:03
Giovanni Francesco CAMOCIO (Attivo a Venezia tra 1558 - 1575)
1570. "Mappa dell'isola di Leucade/Lefkada, anticamente detta Santa Maura. Nel 1479 s'inizia la dominazione turca che si protrae sino al 1686, quando è ripresa dai Veneziani. Tavola parte del celebre ""Isole Famose"" di Camocio. Tra il 1560 ed 1575 Camocio pubblicò circa quaranta carte di grande formato e molte furono le carte di piccolo formato pubblicate sciolte tra il 1566 e il 1574, che andarono successivamente a formare il volume noto col nome ""Isole famose, porti, fortezze e terre marittime sottoposte alla Serenissima Signoria di Venetia, ed altri Principi Christiani, et al Signor Turco, nouamente poste in luce. In Venetia alla libreria del segno di San Marco"". Le carte inserite nell'isolario di Camocio hanno la lastra ritoccata e un numero sequenziale aggiunto, mentre le prime prove sono caratterizzate dalla grande qualità di stampa e dall'assenza del numero. Gli esemplari con la numerazione sono, invece, quelli inseriti nelle edizioni dell'isolario edite da Donato Bertelli - imprint In Venetia alla libreria del segno di San Marco. Tale edizione, sebbene priva di data, risale a dopo il 1575, anno in cui il Camocio scomparve durante l'epidemia di pestilenza a Venezia e gran parte della sua tipogrfaia fu acquisita dal Bertelli. Raro primo stato, avanti la numerazione. Acquaforte e bulino, in buono stato di conservazione. Bibliografia: S. Bifolco, Città e Fortezze Principali del Mondo, in Bifolco-Ronca ""Cartografia e Topografia Italiana del XVI secolo. Catalogo ragionato delle opere a stampa"" (2018), pp. 126, 140-141." "THE RARE FIRST STATE of the map of Lefkada by … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-26 21:34:03
Giovanni Francesco CAMOCIO (Attivo a Venezia tra 1558 - 1575)
1570. "Mappa dell'isola di Karpathos. Rara tavola, parte del celebre ""Isole Famose"" di Camocio. Tra il 1560 ed 1575 Camocio pubblicò circa quaranta carte di grande formato e molte furono le carte di piccolo formato pubblicate sciolte tra il 1566 e il 1574, che andarono successivamente a formare il volume noto col nome ""Isole famose, porti, fortezze e terre marittime sottoposte alla Serenissima Signoria di Venetia, ed altri Principi Christiani, et al Signor Turco, nouamente poste in luce. In Venetia alla libreria del segno di San Marco"". Le carte inserite nell'isolario di Camocio hanno la lastra ritoccata e un numero sequenziale aggiunto, mentre le prime prove sono caratterizzate dalla grande qualità di stampa e dall'assenza del numero. Gli esemplari con la numerazione sono, invece, quelli inseriti nelle edizioni dell'isolario edite da Donato Bertelli - imprint In Venetia alla libreria del segno di San Marco. Tale edizione, sebbene priva di data, risale a dopo il 1575, anno in cui il Camocio scomparve durante l'epidemia di pestilenza a Venezia e gran parte della sua tipogrfaia fu acquisita dal Bertelli. Raro primo stato, avanti la numerazione. Acquaforte e bulino, in buono stato di conservazione. Bibliografia: S. Bifolco, Città e Fortezze Principali del Mondo, in Bifolco-Ronca ""Cartografia e Topografia Italiana del XVI secolo. Catalogo ragionato delle opere a stampa"" (2018), pp. 126, 140-141." "THE RARE FIRST STATE. Map of the island of Karpathos, captured by the Ottomans in 1538. From Camocio's ""Isole Famose"". This work, as was usual for Camocio and his other contem … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-26 21:34:03
Giovanni Francesco CAMOCIO (Attivo a Venezia tra 1558 - 1575)
1570. "Carta geografica dell'isola di Tinos. Nel 1390 la Repubblica di Venezia se ne impadronì e da allora ne tenne il possesso fino al 1715, facendone un'importante base militare. Rara tavola, parte del celebre ""Isole Famose"" di Camocio. Tra il 1560 ed 1575 Camocio pubblicò circa quaranta carte di grande formato e molte furono le carte di piccolo formato pubblicate sciolte tra il 1566 e il 1574, che andarono successivamente a formare il volume noto col nome ""Isole famose, porti, fortezze e terre marittime sottoposte alla Serenissima Signoria di Venetia, ed altri Principi Christiani, et al Signor Turco, nouamente poste in luce. In Venetia alla libreria del segno di San Marco"". Le carte inserite nell'isolario di Camocio hanno la lastra ritoccata e un numero sequenziale aggiunto, mentre le prime prove sono caratterizzate dalla grande qualità di stampa e dall'assenza del numero. Gli esemplari con la numerazione sono, invece, quelli inseriti nelle edizioni dell'isolario edite da Donato Bertelli - imprint In Venetia alla libreria del segno di San Marco. Tale edizione, sebbene priva di data, risale a dopo il 1575, anno in cui il Camocio scomparve durante l'epidemia di pestilenza a Venezia e gran parte della sua tipogrfaia fu acquisita dal Bertelli. Raro primo stato, avanti la numerazione. Acquaforte e bulino, in buono stato di conservazione. Bibliografia: S. Bifolco, Città e Fortezze Principali del Mondo, in Bifolco-Ronca ""Cartografia e Topografia Italiana del XVI secolo. Catalogo ragionato delle opere a stampa"" (2018), pp. 126, 140-141." "Rare first state before the number … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-26 21:34:03
Domenico ZENOI (Attivo tra il 1559 e il 1574)
1570. Rarissima carta geografica raffigurante l'Europa, l'Africa e le coste orientali del Nord America. Esemplare nel terzo stato finale, con il cartiglio in basso a sinistra vuoto e le linee di rotta cancellate. Il primo stato della lastra presenta il cartiglio vuoto. L'opera è firmata nel secondo stato da Orazio Bertelli, in qualità di incisore della lastra, mentre la dedica a Francesco Scaridino include la data e la firma dell'autore ed editore Domenico Zenoi. Questo terzo stato presenta di nuovo il cartiglio bianco. La mappa, rarissima, può essere occasionalmente inclusa nelle raccolte di piccolo formato edita da Bertelli e Camocio. Meurer descrive solo due stati dell'opera, ignorando questa ulteriore ultima variante. Orazio Bertelli (attivo a Venezia nella seconda metà del sec. XVI) Orazio Bertelli, probabilmente fratello di Luca, lavorò a Venezia e, secondo Le Blanc, anche a Roma come editore calcografico e forse anche incisore. Nel 1582 stampò a Venezia opere di Agostino Carracci, Paolo Veronese e di altri autori. Molte delle incisioni attribuitegli probabilmente furono da lui solo pubblicate. Domenico Zenoi (attivo a Venezia nella seconda metà del sec. XVI) Detto anche Domenego Veneziano, fu attivo a Venezia come incisore. Nel 1567 chiese al Senato veneto il privilegio collettivo per stampare opere di soggetto religioso, ritratti e alcune mappe. Zenoi incise inoltre stampe di soggetto mitologico e storico. La sua produzione cartografica va all'incirca dal 1559 al 1574, e le sue carte sono firmate generalmente Dominicus Zenoi Venetus excidebat, più raramente Dom.co Z … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-26 20:55:38
Domenico ZENOI (Attivo tra il 1559 e il 1574)
"Bulino, circa 1570, firmato in lastra in basso a destra. Magnifica prova, ricca di toni, impressa su carta vergata coeva priva di filigrana, rifilata al rame, in ottimo stato di conservazione. L'opera riproduce l'affresco conservato in Parma nella Chiesa Magistrale di Santa Maria della Steccata. Il soprannome ""Steccata"" le deriva da un momento particolare della sua lunga storia, ovvero da quando nel corso del Trecento l'immagine di Maria lactans (Madonna allattante), dipinta sul muro dell'oratorio dedicato a S. Giovanni Battista, venne cinta da una ""steccata"" con la finalità di proteggerla. Quella stessa immagine ora domina l'altare maggiore della chiesa la quale, nel corso dei secoli, ha subito diverse trasformazioni che l'hanno portata ad assumere l'impianto attuale a croce greca. Poche le notizie su questo pittore, incisore, orafo ed editore, probabilmente veneziano. Si sa che la sua attività si svolge tra Padova e Venezia, dove nel 1566 ottiene il privilegio per la sua attività di editore, di durata quindicennale, dal Senato della Serenissima. Stretto collaboratore di Francesco Camocio e dei Bertelli, si dedicò con successo alla produzione di pregevoli carte geografiche, fondando una stamperia che divenne molto importante per la città. Opere non descritta dai repertori e rarissima." "Engraving, 1570, signed in the plate in the bottom right corner. Magnificent proof, rich tones, printed on laid paper, trimmed to the copperpalte, in excellent condition. The work reproduces the preserved frescoes in Parma in the Chiesa Magistrale of Santa Maria della Steccata. The nic … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-26 11:45:45
Abraham ORTELIUS (1528 - 1598)
1570. "Disegnata da Jacob van Deventer nel 1550, la carta mostra l'Olanda in maniera molto dettagliata, comprese le piccolo cittadine, le città fortificate, fiumi, laghi (molti dei quali sono stati bonificati nel corso del diciassettesimo secolo e sono quindi scomparsi). In alto a sinistra è inciso uno stemma araldico, un'elaborata rosa dei venti si trova invece al centro in alto. Mappa altamente decorativa delle province olandesi di Friesland, Groningen e Drente e della provincia tedesca di Friesland. Tratta dal ""Theatrum Orbis Terrarum"" di Ortelius. Edizione con testo latino dle 1574. Incisione in rame, ifinemente colorata a mano, in ottimo stato di conservazione." A nice full color example of Ortelius' map of Holland, drawn from Jacaob van Deventer's maps. Oriented with East at the top of the map. Elaborately embellished with a compass roae, sailing ships, coat of arms, etc. Nice dark impression and wide margins. From the 1574 Latin edition of Ortelius' Theatrum Orbis Terrarum, the first modern Atlas. Van Den Broecke 79; Karrow 1/27; Blonk 11.
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-26 11:45:45
Abraham ORTELIUS (1528 - 1598)
1570. Splendida carta geografica dell'intera Grecia e dei territori limitrofi, pubblicata nel Theatrum Orbis Terrarum. La mappa, come riportato sul titolo, è basato su quella di Giacomo Gastaldi. i presenta molto dettagliata e ricca di toponimi, anche per quanto riguarda le isole. Decorato con un grande cartiglio per il titolo e un vascello nel mare. Esemplare in magnifica coloritura coeva. Testo latino al verso. In ottimo stato di conservazione A beutiful map of Greece taken from Theatrum orbis Terrarum. This map s was based on the work of Giacomo Gastaldi. It is very detailed and includes the islands in the Aegean Sea. The map is embellished by a sailing ship and a large ornate strapwork cartouche. The seas are fully and laboriously stipple engraved. Latin text on verso, published between 1570-1609. In very good conditions. Van den Broecke, 146; Zackarakis, 1446.
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-26 11:45:45
Abraham ORTELIUS (1528 - 1598)
1570. Questa bella carta geografica del territorio della Toscana pubblicata nel Theatrum Orbis Terrarum di Ortelius, è basata, come esplicitamente indicato nel cartiglio con il titolo, sul lavoro di Girolamo Bellarmato. La mappa a sud si estende fino a includere la città di Roma. Esemplare pubblicato nell'edizione latina del 1592 del Theatrum Orbis Terrarum di Abraham Ortelius. Incisione su rame,magnifica coloritura d'epoca, in ottimo stato di conservazione. Map of Tuscany based on the regional map of Giralomo Bellarmati.The map extends to include Rome in the lower right corner. Example from the 1592 Latin edition of Theatrum Orbis Terrarum by A. Ortelius. Copper engraving, original colors, in very good condition. Latin text on the verso. Koeman: The unique position held by Ortelius' Theatrum in the history of cartography is to be attributed primarily to its qualification as 'the world's first regularly produced atlas.' Its great commercial success 'enabled it to make so great a contribution to geographical culture throughout Europe in the later 16th century.' Koeman/Meurer: 36, Karrow: 1/49, vdKrogtAN: 7200:31A; Van den Broecke Ort 130
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-26 11:45:45
Abraham ORTELIUS (1528 - 1598)
1570. Incisa da Jacob van Deventer nel 1550, la carta mostra l'Olanda in maniera molto dettagliata, comprese le piccolo cittadine, le città fortificate, fiumi, laghi (molti dei quali sono stati bonificati nel corso del diciassettesimo secolo e sono quindi scomparsi). In alto a sinistra è inciso uno stemma araldico, un'elaborata rosa dei venti si trova invece al centro in alto. Mappa altamente decorativa delle province olandesi di Friesland, Groningen e Drente e della provincia tedesca di Friesland. Edizione con testo latino. Incisione in rame con splendida coloritura coeva, in ottimo stato di conservazione. Bibliografia: Van den Broecke, Ortelius Atlas maps, 79. Copperplate with fantastic original colouring, in very good condition. Prepared by Jacob van Deventer in 1550. It shows Holland in great detail, including small towns, walled cities, rivers and lakes (many of which were reclaimed in the 17th century, and no longer exist). A coat of arms is in the upper left corner of the map image, an intricate compass rose is in the upper middle area, while in the ocean there are many sailing ships and smaller fishing boats. A very decorative map of the Dutch provinces of Friesland, Groningen and Drente and of the German Province of Friesland. Latin text edition. Bibliografia: Van den Broecke, Ortelius Atlas maps, 79. M. Van den Broecke "Ortelius Atlas Maps" (2011), n. 79
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-26 08:48:22
Claudio DUCHET (Duchetti) (Attivo a Roma nella seconda metà del XVI sec.))
1570. "Pianta prospettica della città. Incisa da Giacomo Franco per l'editore Claudio Duchetti. Esemplare nel secondo stato, con l'indirizzo dell'editore Giovanni Orlandi. Si tratta di una derivazione della pianta di Giovanni Andrea Vavassore, una grande veduta silografica in più fogli edita a Venezia nella prima metà del XVI secolo e conosciuta oggi solo attraverso l'esemplare conservato nel Germanisches Museum di Norimberga. (Bagrow, 1939, n. 16). Descrizione tratta da Bifolco-Ronca, ""Cartografia e topografia italiana del XVI secolo. Catalogo ragionato delle opere a stampa"" (pubblicazione prevista per febbraio 2018). Titolo & iscrizioni In alto lungo il bordo COSTANTINOPOLI. Nel bordo inferiore fuori dal rilievo cartografico su sei colonne 58 rimandi, segnati con un numero di luoghi e cose riportati nella carta, a seguito Per Claudio ducheto 1570. Nell'angolo in basso a destra il monogramma dell'incisore Giacomo Franco, composto dalle lettere IAF. Orientazione con una rosa di sedici venti, il nord-ovest in alto. Carta priva di scala grafica. Acquaforte e bulino mm 300x443. Stati & edizioni: 1°: come descritto, Claudio ducheto 1570. 2°: aggiunto l'indirizzo Ioannes Orlandi formis romae 1602. Bibliografia: a) Alberti (2010): n. 105; Borroni Salvadori (1980): n. 242; Destombes (1970): nn. 136-136a; Ganado (1994): VI, n. 49 & p. 215, n. 81; Phillips (1914): n. 87; Shirley (2004): II, n. 15. b) Tooley (1939): nn. 156-157. Censimento: 1°: Birmingham, Public Library; Firenze, Biblioteca Nazionale; Londra, British Library; Londra, Royal Geographical Society; Malta, National Lib … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-26 08:31:24
Giovanni Francesco CAMOCIO (Attivo a Venezia tra 1558 - 1575)
1570. "Carta anonima, priva di data ed indicazioni editoriali, edita da Camocio. L'opera è un'esatta replica della carta di Zenoi. Circolava come carta sciolta prima di essere poi inserita nella raccolta Isole famose, porti, fortezze e terre marittime sottoposte alla Serenissima Signoria di Venetia, ed altri Principi Christiani, et al Signor Turco, nouamente poste in luce. In Venetia alla libreria del segno di San Marco. Esistono pertanto delle prove prive di numerazione, che si trovano in alcune raccolte cinquecentesche. Esistono altresì delle prove avanti il numero che si trovano negli isolari camociani. Alla morte dell'editore (1575) le lastre furono acquisite da Donato Bertelli, che le ristampò aggiungendo una numerazione sequenziale. Tra il 1560 ed 1575 Camocio pubblicò circa quaranta carte di grande formato e molte furono le carte di piccolo formato pubblicate sciolte tra il 1566 e il 1574, che andarono successivamente a formare il volume noto col nome Isole famose, porti, fortezze e terre marittime sottoposte alla Serenissima Signoria di Venetia, ed altri Principi Christiani, et al Signor Turco, nouamente poste in luce. In Venetia alla libreria del segno di San Marco. Le carte inserite nell'isolario di Camocio hanno la lastra ritoccata e un numero sequenziale aggiunto, mentre le prime prove sono caratterizzate dalla grande qualità di stampa e dall'assenza del numero. Bibliografia: S. Bifolco, Città e Fortezze Principali del Mondo, in Bifolco-Ronca ""Cartografia e Topografia Italiana del XVI secolo. Catalogo ragionato delle opere a stampa"" (2018), pp. 126, 140-141." … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-25 17:13:18
Paolo FORLANI
Venezia, 1570. Acquaforte e bulino, dimensioni mm 295x207, impressa su carta vergata coeva con filigrna "scudo con tre piccoli gigli" (sconosciuta a Woodward), con ampli margini, in perfetto stato di conservazione. Magnifico esemplare di questa rara carta, incisa da Paolo Forlani e ralativa al periodo veneziano dell'editore Claudio Duchetti (Claude Duchet). Al centro dell’isola, con caratteri grandi, è inciso il titolo: RHODUS. Nel cartiglio rettangolare in alto a destra si legge: Rhodus jnsula Carpatij maris, olim Ophiusa, deinde Staclia, postea Telchin dicta fuit Ambitus èius Milliar i20 p[er]hibet[us] bis asarracenis An 655. Deinde quoq[ue] i308. Postremo a Solimano Turcar[um] jmp. i523 capta expulsis qui suas hic sed[e]s tenuera[n]t militibus Hierosolimitanis. Claudio Ducheto formis Anno 1570. Orientazione con una rosa a trentadue venti, il nord è in alto. Carta priva di scala grafica e graduazione ai margini. Carta dell’isola relativa al periodo veneziano del Duchetti durante il quale lavorò in stretta collaborazione con Paolo Forlani, al quale Woodward attribuisce la lastra. La mappa è orientata con il nord in alto e mostra nel mare le linee radiali dei venti tipiche delle carte nautiche. Nel cartiglio l’autore inserisce una breve storia dell’isola. La lastra viene poi portata a Roma, come dimostra la sua presenza nel catalogo della vedova di Giacomo Gherardi, erede del patrimonio calcografico del Duchetti (ottobre 1598, n. 272) dov’è descritta come "l’Isola di Rodi". La matrice fu successivamente acquistata da Giovanni Orlandi nel 1602 e quindi dal fiammingo van Scho … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2019-07-25 17:13:18
Natale BONIFACIO (Sebenico 1537- ? 1592)
Bulino, 1570 circa, datato in lastra in basso a destra. Magnifica prova, ricca di toni, impressa su carta vergata coeva priva di filigrana, con inusuali ampi margini, in perfette condizioni. In basso a sinistra in una targa RHODI INSULA nobilissima nel mare carpatio da antichi OPHIUSA ASTERIA AETRAEA detta Poi RHODI da RHODIA fanciula amada da APOLO. Fu in questa ISULA fato uno COLOSSO di tanta admirabile grandecia che fu detto da gli Homini essera uno miracolo del Mondo questo fu ragione che gli Habitatori furono detti COLOCENSSI. Jn venetia, 1570. In alto: a sinistra in una targa con i bordi ornati LI SAVII DI RHODI. Seguono su due colonne una lista di eminenti personaggi di Rodi, nella targa di destra GLI ARTEFICI DI RHODI ILLUSTRI SULTORZ Agesandro, Polidoro, Atenodoro PITORI Parasio. Orientazione con una rosa a otto venti, con indicati i quattro principali e quattro mezzi venti, il nord in alto. Carta priva di scala grafica e graduazione ai margini. Carta anonima, che stilisticamente sembra attribuibile alla mano di Natale Bonifacio. Molto dettagliata ed evidente la raffigurazione del porto fortificato di Rodi, che però curiosamente è posto in posizione palesemente sbagliata, sul territorio: andrebbe infatti posizionato sulla punta settentrionale dell'isola e non lungo la sua costa orientale. Insolita la rappresentazione del mare, più dinamica rispetto alle modalità in uso all'epoca, che sembra voler riprodurre il movimento delle onde. La data di stampa deve essere sicuramente antecedente al 1570. È evidente, infatti, che nel cartiglio il titolo è inciso su un preceden … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-25 17:13:12
Nicolò Nelli (attivo a Venezia tra il 1552 ed il 1579)
1570. Carta geografica dell'isola di Creta firmata e datata in lastra dal Nelli. La carta dell'isola di Creta di Nicolò Nelli è basata sul modello di Zorzi/Pagano del 1538. Differisce per l'orientazione, qui con l'est in alto come in molte altre carte veneziane del periodo. L'isola è rappresentata con la flotta veneziana chierata a difesa contro gli assalti dei turchi. La carta venne in seguito inserita nel Isole che son da Venetia nella Dalmatia et per tutto l'arcipelago fino a Costantinopoli, edito da Simone Pinargenti a Venezia nel 1573. L'opera fu realizzata in stretta concorrenza con l'analoga raccolta del Camocio Isole Famose, e raccoglie carte incise da Nicolò Nelli, Natale Bonifacio e dal Pinargenti stesso. I pochi esemplari noti della raccolta sono spesso diversi tra loro, e contengono un numero variabile di carte. Bellissima prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana "sirena in uno scudo con stella", in perfetto stato di conservazione. This very-rare loose-sheet map of Crete carries at the lower right hand corner the name of the Venetian engraver Nicolò Nelli, and the date of the publication, 1570. Like the larger maps of The IATO these smaller ones were first issued for a loose sheet circulation, and then assembled in booklet form for interested customer. The island is shown surrounded by an armada of Venetian war ships. The map is oriented with east at the top and its shape is based on the Matteo Pagano map of the island (1538). Sometimes the map appear in the rare collection by Simone Pinargenti "Isole che son da Venetia nella Dalmatia et per tutto l' … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-25 17:13:12
Nicolò Nelli
Venezia. Rarissima carta dell’isola, datata il lastra 1570. Rappresentata circondata dalla flotta di navi della Repubblica di Venezia la carta è orientata con il Sud in alto. Carta anonima e priva di dati editoriali, che segue nella morfologia la carta del monogrammista PS e tutte le sue derivazioni. L’aspetto interessante che mostra questa carta, è dovuto al contesto storico; l’isola è rappresentata con la flotta veneziana chierata a difesa contro gli assalti dei turchi. L’opera, datata al 1570, viene attribuita a Nicolò Nelli per evidenti ragioni stilistiche e per le analoghe carte su Cipro e Creta, che recano la sua firma. La mappa si trova inserita in alcune raccolte cinquecentesche, e viene di seguito pubblicata nel Isole che son da Venetia nella Dalmatia et per tutto l’arcipelago fino a Costantinopoli, edito da Simone Pinargenti a Venezia nel 1573. L’opera fu realizzata in stretta concorrenza con l’analoga raccolta del Camocio Isole Famose, e raccoglie carte incise da Nicolò Nelli, Natale Bonifacio e dal Pinargenti stesso. I pochi esemplari noti della raccolta sono spesso diversi tra loro, e contengono un numero variabile di carte. Magnifico esemplare, in straordinario stato conservativo. This very-rare loose-sheet map of Corfu carries at the lower right hand corner the date of the publication, 1570. Like the larger maps of The IATO these smaller ones were first issued for a loose sheet circulation, and then assembled in booklet form for interested customer. The island is shown surrounded by an armada of Venetian war ships. The map is oriented with south at the top an … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2019-07-25 13:33:49
Abraham ORTELIUS (1528 - 1598)
1570. "La carta del Regno di Napoli inserita in tutte le edizioni del ""Theatrum Orbis Terrarum"" di Ortelius, a partire dalla prima del 1570, deriva dalla carta di Pirro Ligorio edita a Roma da Michele Tramezino nel 1558 e successivamente ristampata dal De Cavalleris, sempre a Roma. Esemplare tratto dall'edizione con testo latino al verso, del 1574. Al verso, dopo il testo a stampa, è aggiunta un'antica nota manoscritta. Incisione in rame, finemente colorata a mano, alcune macchie marginali, nel complesso in ottimo stato di conservazione." M. Van den Broecke "Ortelius Atlas Maps" (2011), n. 139; I. Principe "Carte geografiche di Calabria nella raccolta Zerbi", p. 37
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-24 15:55:27
Abraham ORTELIUS (1528 - 1598)
1570. "Carta geografica tratta dall'edizione latina del 1579 del ""Theatrum Orbis Terrarum"". Basata sulla carta del Portogallo di Fernando Alvarez Secco, incisa da Sebastiano de Re, e pubblicata da Achilles Statius (1524-1581), portoghese, presso la casa editrice di Michele Tramezzino (Roma) nel 1561. Incisione in rame, coloritura coeva, tracce di umidità alla piega centrale, nel complesso in ottimo stato di conservazione." "Map from the Latin edition (1579) of the ""Theatrum Orbis Terrarum"". Based upon Fernando Alvarez Secco's two-sheet map of Portugal, engraved by Sebastiano de Re, and published by Achilles Statius (1524-1581), a Portuguese, at the publishing house of Michele Tramezzino, in 1561. Copperplate, contemporary colour, damp stains in the central fold, otherwise in good condition." M. Van den Broecke "Ortelius Atlas Maps" (2011), n. 26; Imagens de Portugal e Ilhas Atlanticas, p. 76 . 22
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-24 08:45:01
Abraham ORTELIUS (1528 - 1598)
1570. "Tre carte geografiche in un foglio, raffiguranti la Pomerania, la Lettonia e la Polonia meridionale. Mappa tratta dall'edizione italiana del 1608 del ""Theatrum Orbis Terrerum"" di Ortelius. Incisione in rame, finemente colorata a mano, in ottimo stato di conservazione." "These maps of Pomerania, Livonia, and southern Poland are based on the cartography of Peter Artopaus; Marcus Ambrosius and Caspar Henneberger; and Stanislaw Porebski respectively. Three maps on one sheet, depicts complete Letland with the city Riga, Pommern ans little Poland with the city Wadowice. That map also shows the Baltic Sea coast from Rugen to Gdansk, the Baltic States of Estonia, Latvia and Lithuania, as well as parts of southern Poland north of the Carpathian Mountains. From Ortelius' ""Theatrum Orbis Therrarum"", italian edition of 1608. On the back of the maps are descriptions of the regions. Copperplate, fine later hand colour, very good conditions." Van Broecke, Ortelius 158.
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2019-07-23 21:20:35
Nicolò Nelli (attivo a Venezia tra il 1552 ed il 1579)
1570. Sopot fu una fortezza situata all'interno dell'odierna Albania, all'altezza delle coste settentrionali di Corfu ed ai confini con la Grecia. Sotto il dominio Ottomano fu oggetto di diversi attacchi delle truppe veneziane, rimanendo tuttavia sotto il controllo Turco. Secondo la Borroni Salvadori il modello usato dal Nelli per uesta veduta fu la stampa incisa da Domenico Zenoi, probabilmente nello stesso anno. Occasionalmente questa lastra è inserita nella rara raccolta di Simone Pinargenti Isole che son da Venetia nella Dalmatia et per tutto l'arcipelago fino a Costantinopoli (1573). Bellissima prova, in perfette condizioni. Bibliografia: Borroni Salvadori, Carte, piante e stampe storiche delle raccolte Lafreriane della Biblioteca Nazionale di Firenze, p. 68, 208; Tooley's, Dictionary of Mapmakers, vol. III, p. 313. Sopot was a fortress in the hinterland of the Albanian coast north of Kerkyra. It had been Turkish since the end of the 15th century and attacked by Venice several times between 1570 and 1572. But it remained under Ottoman rule in a treaty of 1573. According with Borroni, the model for this view was the plate etched by Domenico Zenoi (Venice 1570 ca). This separately issued plate by Nelli is partially in mirror image and was late included in Simone Pinargenti's "Isole che son da Venetia nella Dalmatia et per tutto l'arcipelago fino a Costantinopoli" (1573). Like the larger maps of The IATO these smaller ones were first issued for a loose sheet circulation, and then assembled in booklet form for interested customer. Literature: Borroni Salvadori, Carte, pian … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-23 21:20:30
Abraham ORTELIUS (1528 - 1598)
1570. "Tratta dal ""Thetarum Orbis Terrarum"". Edizione spagnola del 1612. La mappa, come accreditato nel cartiglio, deriva dall'opera di Wolfgang Latius. Incisione in rame, bellissima coloritura coeva,in ottimo stato di conservazione." "Taken from "" Thetarum Orbis Terrarum"". Spanish edition of 1612. A map of the northern Balkans, from Vienna in the west to Transylvania in the east, and from Bosnia in the south to Slovakia in the north. Hungary and the surrounding territory were fragmented in the sixteenth century, fought over by the Austrian Hapsburgs and the Ottoman Turks. Buda (Budapest) was taken by the Turks in 1541. Compiled after the map odf Wolfgang Latius. Etching on copperplate with original hand colour, in good conditions" M. Van den Broecke "Ortelius Atlas Maps" (2011), n. 150
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-23 21:20:27
Abraham ORTELIUS (1528 - 1598)
1570. "Splendida mappa a colori del Medio Oriente, della Turchia e del Mediterraneo Orientale dalla Sicilia a Cipro, tratta dall'edizione tedesca del ""Theatrum Orbis Terrarum"" di Ortelius, il primo atlante moderno del mondo. La mappa è basata sulla mappa murale di Gastaldi in Asia. Include un cartiglio decorato, quattro velieri e mostri marini nel Mar Nero. Incisione in rame, bellissima coloritura antica con ritocchi, in ottimo stato di conservazione," Gorgeous old color example of Ortelius' map of the Middle East, Turkey and the Eastern Mediterreanean from Sicily to Cyprus, from the German edition of Ortelius' Theatrum Orbis Terrarum, the first modern atlas of the world. The map is based upon Gastaldi's wall map of Asia. Includes an ornate cartouche, four sailing vessels and sea monster in the Black Sea. Copperplate, with fine original colour, good condition.
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-23 21:20:27
Abraham ORTELIUS (1528 - 1598)
1570. Mappa del Medio Oriente, della Turchia e del Mediterraneo orientale dalla Sicilia a Cipro, dall'edizione francese del 1598 del Theatrum Orbis Terrarum, il primo atlante moderno del mondo. Basata sulla mappa murale del Gastaldi dell'Asia, copre l'Impero Ottomano al suo culmine, e comprende territori nei Balcani, l'Anatolia, Levante, Arabia e Nord Africa. Molto decorativa e dispone di un cartiglio ornato con due putti in cima, quattro navi a vela, e un mostro marino nel Mar Nero. Incisione in rame, finemente colorata a man, in ottime condizioni. Ortelius' map of the Middle East, Turkey and the Eastern Mediterranean from Sicily to Cyprus, from the 1598 French edition of Ortelius' Theatrum Orbis Terrarum, the first modern atlas of the world. Based upon Gastaldi's wall map of Asia and covering the Ottoman Empire at its height, the map includes territories in Balkans, Anatolia, Levant, Arabia and North Africa. This example is also quite decorative and features an ornate cartouche with two putti atop, four sailing vessels, and a sea monster in the Black Sea. M. Van den Broecke "Ortelius Atlas Maps" (2011), n. 169; G. R. Tibbetts, Arabia in early maps, p. 53 n. 42
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-23 21:10:34
Abraham ORTELIUS (1528 - 1598)
1570. "Carta geografica raffigurante Sicilia, Sardegna, Malta, Elba, Corfù e Djerba. Tratta dall'edizione latina del ""Theatrum Orbis Terraum"" di Ortelius. Incisione in rame, in ottimo stato di conservazione. I disegni delle isole, inseriti in una cornice molto semplice, con i nomi latini dei punti cardinali sui lati, desunti da altri autori o elaborati ex novo dallo stesso Ortelio, hanno misure, scale e semiologia assai diverse tra loro. Nella carta della Sicilia, ""descripta a iacobo castaldo pedemontano cosmographo"", il Monte Pellegrino è indicato da un tronco di cono e i vulcani con fiammelle; i fiumi con un tratto forte; le coste sono ricche di piccole insenature; il mare, solcato da un veliero, è a puntini. L'isola di Corfù è abbastanza precisa, con la città di Kerkyra in grande evidenza, in cui si notano il porto e l'istmo che collega l'antico forte all'isola. Nel disegno di Zerbi i monti sono segnati con mucchi di talpa e guglie, i banchi di sabbia con puntini, il canale con una doppia linea; il mare con file di triangoli. Anche nell'isola d'Elba i monti sono a mucchi di talpa, il mare è disegnato con strisce bianche e nere a zig zag. Porto Ferraio, enorme rispetto all'isola, è dotato di mura, porte, torri e castello. Nella piccola immagine di Malta i fiumi sono ottenuti con una doppia linea e il mare con linee ondulate. È presente anche un veliero che sta affondando. Incisione in rame, in ottimo stato di conservazione." Fine example of Ortelius' maps of the islands of Sicily, Malta, Sardinia, Corfu, Elba and Zerbia, from the Ortelius' Theatrum Orbis Terrarum, the … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-23 21:10:33
Abraham ORTELIUS (1528 - 1598)
1570. "Carta geografica raffigurante Sicilia, Sardegna, Malta, Elba, Corfù e Djerba. Tratta dall'edizione latina del ""Theatrum Orbis Terraum"" di Ortelius, 1595. Incisione in rame, bellissima coloritura antica, in ottimo stato di conservazione. I disegni delle isole, inseriti in una cornice molto semplice, con i nomi latini dei punti cardinali sui lati, desunti da altri autori o elaborati ex novo dallo stesso Ortelio, hanno misure, scale e semiologia assai diverse tra loro. Nella carta della Sicilia, ""descripta a iacobo castaldo pedemontano cosmographo"", il Monte Pellegrino è indicato da un tronco di cono e i vulcani con fiammelle; i fiumi con un tratto forte; le coste sono ricche di piccole insenature; il mare, solcato da un veliero, è a puntini. L'isola di Corfù è abbastanza precisa, con la città di Kerkyra in grande evidenza, in cui si notano il porto e l'istmo che collega l'antico forte all'isola. Nel disegno di Zerbi i monti sono segnati con mucchi di talpa e guglie, i banchi di sabbia con puntini, il canale con una doppia linea; il mare con file di triangoli. Anche nell'isola d'Elba i monti sono a mucchi di talpa, il mare è disegnato con strisce bianche e nere a zig zag. Porto Ferraio, enorme rispetto all'isola, è dotato di mura, porte, torri e castello. Nella piccola immagine di Malta i fiumi sono ottenuti con una doppia linea e il mare con linee ondulate. È presente anche un veliero che sta affondando." Detailed maps of the islands of Sicily, Malta, Sardinia, Corfu, Elba and Zerbia, from the 1587 French edition of Ortelius' Theatrum Orbis Terrarum, the first mode … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-23 18:42:43
Abraham ORTELIUS (1528 - 1598)
1570. La carta del continente nero di Ortelius rappresenta una delle pietre miliari nella cartografia dell'Asia, diventando subito molto popolare e rimanendo carta di riferimento anche per il secolo successivo. Cartograficamente è una copia della carta di Giacomo Gastaldi del 1564, e segue la tolemaica visione del Nilo. Il bellissimo cartiglio al centro mostra elementi egizi, mentre una grande battaglia navale e due mostri marini decorano questa importante mappa, tratta dall'edizione tedesca del Theatrum Orbis Terrarum. Incisione in rame, eccellente coloritura coeva, in ottimo stato di conservazione. This beautiful map is one of the cornerstone maps of Africa. Geographically, it is a close copy of Gastaldi's map of 1564 and follows the Ptolemaic view of the Nile. Ortelius' map was modern in appearance, compared to Munster and others, and remained the standard map of Africa well into the 17th century. The map contains a superb vignette of a naval battle on bottom right, and various sea monsters. The cartouche bears Egyptian decorations. From a German edition of Theatrum Orbis Terrarum. Very fine condition with contemporary colour. Strong, clean map impression with no problems to the paper. M. Van den Broecke "Ortelius Atlas Maps" (2011), n. 8; O. I. Norwich, "Norwich's Maps of Africa", map 10; R. L. Betz "The Mapping of Africa..." (2007), map 12
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-23 18:26:03
Abraham ORTELIUS (1528 - 1598)
1570. Carta geografica del nuovo mondo tratta dalla grande mappa del mondo del Mercator, 1569. Prima delle tre versioni usate da Ortelius nelle varie edizioni del suo atlante, quelle edite tra il 1570 ed il 1575. Esemplare nel secondo stato di due con le isole Azorre giustamente denominate "Las Acores" invece di "Canariae insule". Coloritura coeva, leggere abrasioni, per il resto in ottime condizioni. The second state of one of the most beautiful and important of all sixteenth century maps of America. This celebrated map was included in the first edition of the Theatrum, and all subsequent editions to 1587. The Theatrum is one of the true landmarks in the history of cartography. The map's geography was adapted from the corresponding portion of Mercator's wall map of the world (1569), and is distinguished by a large bulge on the west coast of South America, which was removed from the map's second state. It is beautifully embellished with a large strapwork title cartouche and lovely surrounding floral motifs. Copperplate, fine original colouring, generally good conditions. P. D. Burden "The mapping of North America", 39; Van den Broecke 9.
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-23 17:34:12
Anonimo
1570. "Acquaforte e bulino, impressa su carta vergata con filigrana ""Corona a sette punte con lettere TB e P"" (Woodward 282, trovata in un'altra carta stampata da Stefano Mozzi Scolari), con margini, in perfetto stato di conservazione. UNICO ESEMPLARE CONOSCIUTO dell'edizione di Stefano Mozzi Scolari di questa carta raffigurante il Mediterraneo Orientale, appartenuto alla collezione di Fritz Hellwig. Si tratta di uno dei 4 fogli che compongono una rarissima e sinora sconosciuta carta dell'Europa, il cui unico esemplare noto è conservato nella raccolta fattizia cinquecentesca della Biblioteca Civica di Bergamo [Atlante_Cinq-7-794]. L'esemplare di Bergamo è composto da tre fogli, di quattro; sinora sconosciuti ai repertori, vengono pubblicati per la prima volta in Bifolco-Ronca (pp. 662-663, tav. 218). Questi tre fogli fanno parte di una carta in quattro fogli dell'Europa pertanto è probabile che le eventuali iscrizioni si trovassero nel foglio occidentale mancante. In alto a sinistra si trova la Scala de miglia (25 miglia pari a mm 60). Orientazione fornita da una triplice rosa di sedici venti; sono indicati con la lettera iniziale e alcuni simboli i quattro venti principali e i quattro mezzi venti, il nord è in alto. Carta priva di graduazione ai margini. Acquaforte e bulino, ogni foglio misura mm 335x505 circa, per una dimensione totale della carta di 660x1050 mm circa. Sono privi di qualsiasi indicazione editoriale e del titolo, che si suppone dovesse essere riportato sul quarto mancante. La carta non è descritta dalla letteratura, fatto salvo per il foglio di sud-est c … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-23 17:34:10
Paolo FORLANI (Attivo a Venezia seconda metà del XVI secolo)
Incisione in rame, acquaforte e bulino, 1570, firmata e datata in lastra in basso al centro. Esemplare nel secondo stato di due. Bellissima prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana "stemma con fiore" (sconosciuta al Woodward), con ampi margini, in ottimo stato di conservazione. Questa importante mappa della Croazia, raffigurante la regione di Zara e Sebenico, è ideata, incisa ed edita da Paolo Forlani. L'opera viene pubblicata a Venezia nel 1570. Woodward ritiene la tavoletta inserita nel cartiglio con il titolo, molto simile a quella usata in precedenza da Marcantonio Raimondi (1480 - 1534) per firmare le sue opere. È possibile che anche in questo caso sia un vezzo usato dall'incisore della lastra. Valeria Bella, nel catalogo della raccolta della collezione Novacco, descrive e raffigura un esemplare privo della tavoletta, il probabile primo stato della lastra. Paolo Forlani, mercante di stampe e incisioni di origine veronese, è attivo a Venezia tra il 1560 ed il 1574. Le sue incisioni, in gran parte di soggetto geografico, risultano pubblicate dai principali editori e stampatori veneziani; importante per il Forlani è la collaborazione con Giacomo Gastaldi, del quale incise ben 13 carte, e con Giovanni Francesco Camocio e la famiglia Bertelli. Attraverso le dediche riportate sulle stampe è stato possibile avere delle interessanti informazioni circa la sua attività commerciale ed appurare l'esistenza di una sua bottega per il commercio delle stesse. Tra il 1566 ed il 1568 risulta attivo a "Merzaria al segno della colonna", mentre dal 1569 "in Merzaria alla librer … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-23 17:34:09
Antonio LAFRERI (Salins, Giura 1512 - Roma 1577)
1570. "Acquaforte e bulino, dimensioni mm 342x255, impressa su carta vergata coeva con filigrana ""Moro con banda"" (Woodward 28-30), con margini originali, in ottimo stato di conservazione. Esemplare del primo stato di tre, avanti l'indirizzo di Giovanni Orlandi (cfr. Bifolco-Ronca, tav. 278). In alto al centro, nel mare, è inciso il titolo: HYBERNIA. NUNC. IRLANT. In basso a destra, evidenziata da un compasso, troviamo la scala grafica, priva dell'unità di misura (80 miglia ?, pari a mm 63). Orientazione nei quattro lati al centro con il nome dei punti cardinali: SEPTENTRIO, MERIDIES, ORIENS, OCCIDENS, il nord è in alto. Graduazione ai margini, di 2' in 2', da 49° 56' a 58° 24' per la latitudine e di 20' in 20', da 9° 5' a 14° 40' di longitudine. Carta anonima, nella sua prima stesura priva di data ed indicazioni editoriali, attribuita alla tipografia Lafreri. Si tratta di una replica romana della carta veneziana di Forlani-Zaltieri. La matrice è presente nel catalogo della tipografia del Lafreri, al quale, pertanto, viene assegnata. Si differenzia dal suo prototipo per la mancanza del cartiglio ornamentale con il titolo, sostituito qui da un conciso HYBERNIA. NUNC. IRLANT posto in alto al centro; un vascello ed un mostro marino sono gli elementi ornamentali che sostituiscono il cartiglio. L'opera fu ereditata da Claudio Duchetti, che la ristampò inalterata apponendo semplicemente il proprio nome. Il rame è presente nel catalogo redatto per la vedova di Giacomo Gherardi, erede del patrimonio calcografico del Duchetti (ottobre 1598, n. 156) dove è descritta come "ibernia". … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-23 16:15:54
Gerard DE JODE (1509 - 1591)
Acquaforte e bulino, circa 1570, priva di firma. Esemplare della prima edizione del 1578. Magnifica prova, bellissima coloritura coeva, con margini, in perfetto stato di conservazione. Al verso testo latino e numero romano XI. La mappa deriva dalla carta di Giacomo Gastaldi, pubblicata a Venezia nel 1560 da Fabio Licinio. Gerard de Jode, era cartografo, incisore, tipografo ed editore nella città di Anversa, attivo all'incirca nello stesso periodo di Ortelius. Nel 1547 ottenne il privilegio per l'attività editoriale, tuttavia non fu mai in grado di rappresentare un'effettiva minaccia per il suo rivale in affari. Per ironia della sorte, pubblicò il famoso Mappamondo del rivale, in otto fogli, nel 1564. Il suo atlante più importante, lo Speculum Orbis Terrarum, oggi estremamente raro, non poté essere pubblicato fino al 1578, ovvero otto anni dopo il Theatrum Orbis Terraum di Ortelius, che aveva ottenuto il monopolio per l'editoria cartografica ad Anversa. Le carte del De Jode furono finemente tradotte su rame nel tipico stile fiammingo dai fratelli Joannes e Lucas van Doetecum, i migliori intagliatori di mappe del tempo. Alla morte di Gerard, il figlio Cornelis pubblicò, nel 1593, una ristampa accresciuta dell'atlante. Etching and engraving, circa 1570, without signature. Example of the first edition of 1578. Magnificent proof, magnific contemporary colour, with margins, in perfect condition. Latin text on verso and Roman numeral XI. The map is derived from the work by Giacomo Gastaldi, published in Venice in 1560 by Fabio Licinio. Gerard de Jode, was a cartographer, engraver, … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-22 08:00:42
Antonio LAFRERI
Roma, 1570. La carta dell’isola di Gotland, nel Mar Baltico, appartiene per tipologia e formato al gruppo di carte dedicate alle isole pubblicate a Roma dal Lafreri. Acquaforte e bulino, stampata su carta vergata coeva con filigrana "Agnello pasquale" (Woodward 47-49), con margini originali aggiunti, bella coloritura antica, in ottimo stato di conservazione. Al centro dell’isola, con caratteri grandi, è inciso il titolo: GOTLANDIA. In alto a sinistra troviamo un cartiglio, senza nessuna iscrizione. Carta priva di scala grafica. Orientazione nei quattro lati al centro con la lettera iniziale dei quattro venti T[ramontana], O[Ostro], L[evante], P[onente], il nord è in alto. Graduazione ai margini di 15' in 15' solo nella latitudine, da 55° 39’ a 56° 12’. Acquaforte e bulino, dimensioni mm 256x190. Carta anonima dell’isola di Gotland, priva di data ed indicazioni editoriali, che spesso è confusa dalla letteratura con quella firmata da Ferrando Bertelli (Bifolco-Ronca, n. 249). Si tratta di una fedele replica della carta veneziana, e nelle raccolte cinquecentesche si trova quasi sempre stampata in coppia con l’anonima carta della Selandia. Per affinità stilistiche con tutta una serie di carte anonime delle isole, viene attribuita alla tipografia di Antonio Lafreri e datata intorno al 1570. Il foglio con le mappe delle due isole, appare anche nel catalogo del Lafreri, descritto come "Gotlandia et Zelandia Isole". La lastra venne ereditata da Claudio Duchetti e quindi da Giacomo Gherardi. Possiamo identificare questa matrice con quella inserita nel catalogo della vedova di Giacom … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2019-07-21 17:12:59
Antonio LAFRERI
Roma, 1570. Acquaforte e bulino, dimensioni mm 342x255, impressa su carta vergata coeva con filigrana "Moro con banda" (Woodward 28-30), con margini originali, in ottimo stato di conservazione. Esemplare del primo stato di tre, avanti l'indirizzo di Giovanni Orlandi (cfr. Bifolco-Ronca, tav. 278). In alto al centro, nel mare, è inciso il titolo: HYBERNIA. NUNC. IRLANT. In basso a destra, evidenziata da un compasso, troviamo la scala grafica, priva dell’unità di misura (80 miglia ?, pari a mm 63). Orientazione nei quattro lati al centro con il nome dei punti cardinali: SEPTENTRIO, MERIDIES, ORIENS, OCCIDENS, il nord è in alto. Graduazione ai margini, di 2’ in 2’, da 49° 56’ a 58° 24’ per la latitudine e di 20’ in 20’, da 9° 5’ a 14° 40’ di longitudine. Carta anonima, nella sua prima stesura priva di data ed indicazioni editoriali, attribuita alla tipografia Lafreri. Si tratta di una replica romana della carta veneziana di Forlani-Zaltieri. La matrice è presente nel catalogo della tipografia del Lafreri, al quale, pertanto, viene assegnata. Si differenzia dal suo prototipo per la mancanza del cartiglio ornamentale con il titolo, sostituito qui da un conciso HYBERNIA. NUNC. IRLANT posto in alto al centro; un vascello ed un mostro marino sono gli elementi ornamentali che sostituiscono il cartiglio. L’opera fu ereditata da Claudio Duchetti, che la ristampò inalterata apponendo semplicemente il proprio nome. Il rame è presente nel catalogo redatto per la vedova di Giacomo Gherardi, erede del patrimonio calcografico del Duchetti (ottobre 1598, n. 156) dove è descritta come "iberni … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2019-07-20 06:55:50
Giovanni Battista FONTANA
1570. Acquaforte, 1560 - 1580 circa, priva di iscrizioni e firma. Magnifico esemplare, stampato su carta vergata coeva, rifilato a margini, rare fioriture, nel complesso in ottime condizioni. L’incisione raffigura San Girolamo nel deserto, nell’atto di scrivere un libro; alla sua destra c'è un leone e dietro un teschio e un crocifisso. Opera estremamente rara, non descritta nelle bibliografie ed attribuita al Fontana nel catalogo online del British Museum. Etching, 1560 – 1580 circa, unlettered. Good example, printed on contemporary laid paper, trimmed at margins, occasional foxing, generally in good condition. The print shows St Jerome in the desert, writing in a book, to the right is a lion and behind a skull and a crucifix. Extremely rare work, undescribed in the literature. Ascribed to Fontana by the online catalogue of the British Museum. Non descritta/Undescribed. 90 131mm
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2019-07-19 14:26:16
Anonimo
Venezia, 1570. Acquaforte e bulino, impressa su carta vergata con filigrana "Corona a sette punte con lettere TB e P" (Woodward 282, trovata in un'altra carta stampata da Stefano Mozzi Scolari), con margini, in perfetto stato di conservazione. UNICO ESEMPLARE CONOSCIUTO dell'edizione di Stefano Mozzi Scolari di questa carta raffigurante il Mediterraneo Orientale, appartenuto alla collezione di Fritz Hellwig. Si tratta di uno dei 4 fogli che compongono una rarissima e sinora sconosciuta carta dell'Europa, il cui unico esemplare noto è conservato nella raccolta fattizia cinquecentesca della Biblioteca Civica di Bergamo [Atlante_Cinq-7-794]. L'esemplare di Bergamo è composto da tre fogli, di quattro; sinora sconosciuti ai repertori, vengono pubblicati per la prima volta in Bifolco-Ronca (pp. 662-663, tav. 218). Questi tre fogli fanno parte di una carta in quattro fogli dell’Europa pertanto è probabile che le eventuali iscrizioni si trovassero nel foglio occidentale mancante. In alto a sinistra si trova la Scala de miglia (25 miglia pari a mm 60). Orientazione fornita da una triplice rosa di sedici venti; sono indicati con la lettera iniziale e alcuni simboli i quattro venti principali e i quattro mezzi venti, il nord è in alto. Carta priva di graduazione ai margini. Acquaforte e bulino, ogni foglio misura mm 335x505 circa, per una dimensione totale della carta di 660x1050 mm circa. Sono privi di qualsiasi indicazione editoriale e del titolo, che si suppone dovesse essere riportato sul quarto mancante. La carta non è descritta dalla letteratura, fatto salvo per il foglio di sud … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2019-07-19 09:45:28
Antonio LAFRERI
Roma, 1570. Acquaforte e bulino, dimensioni mm 410x300, impressa su carta vergata coeva con filigrana "Corona a 5 punte, nel cerchio, con lettere AF" (Woodward 278-279), con margini originali, in perfetto stato di conservazione. Magnifco esemplare, nel secondo stato di tre (Cfr. Bifolco-Ronca, p. 1518) con l'inidrizzo di Giovanni Orlandi e la data 1602. Nel cartiglio in alto a destra si legge: IL vero disegno dell’Jsola di Corfù, nella quale per la sacra Lega è eretto l’Hospedale per ricever tutti i soldati christiani ammalati ò feriti nella presente santa impresa contra infideli, nel qualo è provisto de Medici fisici, e cirugici, et altri ministri per curarli et trattarli con ogni sorte di sovvertione et di charità. Orientazione fornita dal nome dei venti: TRAMONTANA, GRECO, LEVANTE, SIROCCO, OSTRO, LIBECCIO, PONENTE, MAESTRO, il nordovest è in basso. Carta priva di scala grafica e graduazione ai margini. Carta anonima, priva di data ed indicazioni editoriali nella sua prima stesura. La mappa è una fedele replica della carta veneziana di Forlani-Bertelli (1564) e viene attribuita da Zacharakis a Claudio Duchetti, per la presenza della mappa è presente nell’atlante fattizio della National Library di Malta, in un gruppo di mappe recanti la sua firma. Se il luogo di stampa è certo, come dimostrano le successive tirature di Orlandi e van Schoel, ci sembra più pertinente l’attribuzione della lastra a Antonio Lafreri. Può essere identificata con l’opera descritta come "Isola di Corfu" (n. 57) nel catalogo della tipografia. La lastra venne ereditata da Claudio Duchetti e quindi d … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2019-07-18 12:11:19
ALGHISI, Galasso.
Venice Grazioso Percacino. FIRST EDITION, 1570. Folio, approximately 405 x 275 mm, 16 x 10¾ inches, engraved title with large architectural border including standing figures of the dedicatee, the Emperor Maximilan II, four Virtues and four Sciences, 39 engravings in Book 2, mainly plans for fortresses, 19 are double page, 18 are numbered and 1 of a measuring instrument is not numbered, plus 8 full page engraved plates and 12 large engravings in the text, 1 double page, historiated initials, pages: (64), 406, blank leaf at *4 present, lacking final blank, tables in the preliminary pages misbound so that a-c6 follows d6, e4, nothing is missing, bound in modern full blind panelled and decorated calf, raised bands, blind rules and blind motif in compartments to spine, gilt lettered morocco label, new cream endpapers. Title page slightly soiled, spotted and dusty, small blind oval library stamp in upper margin, repeated at the top of most illustrations, some small wormholes to prelims, mainly to lower margin, a couple persisting to page 29, a little pale foxing to some margins, a few leaves have pale age browning, small pale damp stain to top outer corner of 22 leaves, another slightly larger affects same corner of last 16 leaves,10 mm (½") closed tear to lower edge of 7 leaves, neatly repaired, upper and lower margins slightly cropped on some double page illustrations just shaving edge of 2 of them. A good sound copy of an early Italian work on military fortifications. The Italian architect Galasso Alghisi (c. 1523-1573) from Carpi worked alongside Antonio da Sangallo in Rome b … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Roger Middleton P.B.F.A. [Oxford, United Kingdom]
2019-07-13 22:13:50
Henri Estienne
Geneva: Henri Stephanus. CONCIONES ORATIONES ex Graecis Latinisque 1570 Henri Estienne FINE RARE Variant CONCIONES ORATIONES ex Graecis Latinisque 1570 Henri Estienne FINE RARE Variant POB# 47254 TITLE: Conciones sive orationes ex Graecis Latinisque historicis excerptae. Quae ex Graecis excerptae sunt, interpretationem Latinam adjunctam habent, nonnullae novam, aliae jam antea vulgatam, sed nunc demum plurisque in locis recognitam. Argumenta singulis praefixa sunt, lectori adjumento magno futura. Additus est index artificiosissimus & utilissimus, quo in rhetorica causarum genera, velut in communes locos, singulae conciones rediguntur. AUTHOR: Henri Estienne, translator, editor, and publisher. PUBLISHER: Excudebat Henri Stephanus. [Genevae] DATE: ANNO M.D. LXX, [1570] First Edition DESCRIPTION: Folio (345 x 210 mm). [20] 1-194 [2] [1-2] 3-289 [4] p. 289 is misnumbered 278. *4 A6 a-l6 m4 n-q6 r4 2A4 B-V6 X-Y4 Z-2B6 2C4 A collection of Greek and Latin speeches, edited from famous sources and provided with commentary (argumentum). Ciceronian sources notably excluded. COLLATION NOTES: Compares to Adams C-2486 except in content sequence and collation. Simply put, our copy arranges Latin authors first and Greek authors last, whereas Adams and OCLC 23622668 describe copies that put Greek Authors first. Our table of contents reflects the "Greek first" collation, making it seem at first inspection to be a later bindery arrangement. Not so. A half title introducing the Greek author section at 2A1r is signed and printed conjugate with 2A4 which contains the Greek author material. Thus … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Poetry in Power (poetryinpower) [San Marino, California, US]
2019-07-03 19:44:23
1570. Biblia ad Vetustissima Exemplaria Nunc Recens Castigata.Printed in Antverpiae by In aedibus Viduae & haeredum Ioannis Stelsi in 1570[16], 248 numbered leaves. Engraved printer's device on title page, woodcut initials, tail pieces. Printed in double columns. (8vo) 18x11.5 cm (7¼x4½"), early full speckled calf with tooled borders, raised spine bands, edges stained red.The Louvain edition of the Vulgate, prepared by the theological faculty of Louvain, and originally published in 1547.Some general wear to leather with rubbing to extremities, title page with early ink inscriptions and institutional stamp, faint dampstain throughout; very good condition otherwise.(542) PA residents please add sales tax. Please see my other auctions Refund Policy: We will issue a FULL REFUND, 100% money back if you are not satisfied with your purchase. Items must be returned to us within 20 days in order to receive a refund or replacement. Buyer is responsible for shipping costs. Powered by SixBit's eCommerce Solution.
Bookseller: MotkaCom (motka) [New Hope, Pennsylvania, US]
______________________________________________________________________________


      Home     Wants Manager     Library Search     564 Years   Links     Contact      Search Help      Terms of Service      Privacy     


Copyright © 2020 viaLibri™ Limited. All rights reserved.