The viaLibri website requires cookies to work properly. You can find more information in our Terms of Service and Privacy Policy.

Displayed below are some selected recent viaLibri matches for books published in 1568
2016-10-07 22:29:24
Nicolas BEATRIZET detto "Il Beatricetto" Thionville 1515 circa - Roma 1565
1568. Bulino, 1568, datato in lastra in basso al centro. Esemplare nel secondo stato di quattro, con l'indirizzo dell'editore Henrich van Schoel. Bellissima prova, impressa su carta vergata coeva priva di filigrana, con sottili margini, in ottimo stato di conservazione. L'opera è parte dello Speculum Romanae Magnificentiae di Antonio Lafrery. Bibliografia: Huelsen p. 158, 72 b/d; Bartsch p.264, 89. Dimensioni 380x445. Engraving, 1568, dated on lower centre plate. Example in the second state of four, with the address of the publisher, Henrich van Schoel. Beautiful work, printed on contemporary laid paper without watermark, with thin margins, in excellent condition. This work is part of Lafrery's Speculum Romanae Magnificentiae. Huelsen p. 158, 72 b/d; Bartsch p.264, 89. Dimensioni 380x445.
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-10-05 06:10:04
CONTI NATALE.
s.n, 1568. Cm. 20, cc. 340. Marca tipografica al frontespizio ed al verso dell'ultima carta. Legatura strettamente coeva in piena pergamena semirigida con titoli manoscritti al dorso. Qualche piccolo segno d'uso esterno ed un paio di antiche note ms. di possesso. Esemplare genuino e ben conservato. Non comune edizione originale di questo classico che fu a lungo ristampato.
Bookseller: Studio Bibliografico Benacense
2016-09-30 22:04:57
PLUTARQUE
In-16, plein vélin à recouvrement,d'époque,titre manuscrit à la plume.Restes de cordons sur les plats.Titre,XXX,703 pages. [Genevae],Excudebat Henricus Stephanus,illustris viri Huldrichi,Fggentypographus 1568. Bon exemplaire Henri Estienne"collection populaire d'anecdotes grecques, sur le modèle de Apophtegmata Erasmus ... C'est le dernier livre de Henri Estienne qui styles lui-même Viri Huldrichi Fuggeri typographus..."(Shreiber) "Henri Estienne's popular collection of greek anecdotes, modelled after Erasmus's Apophtegmata...This is the last book in which Henri Estienne styles himself Viri Huldrichi Fuggeri typographus..." (Schreiber) Caractères grecs de corps 12 dit Cicero de Garamond. Renouard, p.131, n°5 ; Schreiber, n°172
Bookseller: Charbonnel [France, Bar le Duc]
2016-09-28 11:04:49
Leandro ALBERTI (Bologna 1479 - forse ivi 1552)
1568. Carta delle isole Tremiti e del Gargano, tratta dal Descrittione di tutta Italia , stampato per la prima volta nel 1561. L'opera offre numerose notizie di carattere geografico - storico - etnologico ed è arricchita dalle carte geografiche per la prima volta nel 1568. Xilografia, ottima impressione con inusuali ampli margini, perfette condizioni. Venezia Venice 250 175
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-25 18:28:17
Natale BONIFACIO (Sebenico 1537 - ? 1592)
1568. La mappa di Citéra è abbastanza fedele alla realtà. Magnifica prova su carta vergata coeva con filigrana "ancora nel cerchio con stella" (Beans 57, Briquet 559, Borroni 7). Bibliografia: Zacharakis, A catalogue of printed maps of Greece, 206. Dimensioni 160x210. L'eclettico incisore, acquafortista, progettista, stampatore, editore e cosmografo originario di Sebenico fu attivo a Venezia tra il 1565 e il 1574 e successivamente a Roma tra il 1575 e il 1591. A Venezia le sue opere vennero pubblicate da Camocio, Ferrando Bertelli, Luca e Donato Bertelli, Borgaruccio Borgarucci e Nelli. I suoi editori romani furono invece Lafrery, Claudio Duchetti, Lorenzo Vaccari e Nicolas van Aelst. Tra i suoi intagli in rame ricordiamo la celebre carta dell'Abruzzo e le due tavole dell'innalzamento dell'obelisco Vaticano realizzate per Domenico Fontana. Come giustamente fa notare il Meurer però il lavoro cartografico più noto del Bonifacio fu la serie delle mappe raffiguranti le isole dell'arcipelago greco, sia del Mar Jonio che dell'Egeo. Esse non sono datate e quindi è difficile assegnare una sequenza cronologica alla serie, databile al periodo 1567/68. Come tutte le carte della cosiddetta scuola lafreriana venivano stampate a se e quindi assemblate in atlanti compositi. Alcune di queste carte furono però incluse, con l'assegnazione di un numero ordinale, in alcune copie della prima edizione del Civitatum aliquot insignorum et locorum magis monitorum exacta delineation cum additione aliquot Insularum principalium. Disegni di alcune più illustri città et fortezze del mondo con aggionta … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-25 14:52:49
Seth Viotti, 1568. In 4to, pergamena rigida del Settecento, dorso con tassello e titolo in oro, tagli azzurri, risguardi in carta marmorizzata, pp. 218, (2). Marca sul frontespizio (liocorno che si abbevera ad un corso d'acqua) e grande marca al recto dell'ultima carta (liocorno affrontato da tre serpenti in scudo ovale appeso ad una palma). Capilettera ornati. Argomenti all'inizio di ogni canto entro elaborata cornice xilografica. Lieve alone sul titolo, ma ottima copia.EDIZIONE ORIGINALE, dedicata ad Alessandro Farnese principe di Parma e Piacenza, di questo poema in 20 canti incentrato sugli amori di Rodomonte di Sarza per la bella Lucefiamma, figlia di Meandro, ricco signore di un castello della costiera genovese. Appartenente al filone dei poemi di ispirazione ariostesca in cui i protagonisti non sono più i personaggi del Furioso, bensì i loro discendenti, Le pazzie amorose si distingue in particolare perché il protagonista, nipote del Rodomonte dell'Ariosto, è un personaggio negativo, cui si oppone Fidelcaro, eroe positivo che alla fine lo uccide (cfr. G. Fumagalli, La fortuna dell'Orlando Furioso nel XVI secolo, Ferrara, 1912, p. 160).Mario Telluccini, poeta originario di Popiglio (Pistoia), soprannominato il Bernia, esercitò il mestiere di libraio in Roma e fu attivo come improvvisatore in varie corti, tra cui Ferrara intorno al 1543. Di lui abbiamo anche i poemi Paride e Vienna (Genova, 1571), Artemidoro (Venezia, 1566) ed Erasto (Pesaro, 1566) (cfr. G. Bertoni, Il Cieco di Ferrara e altri improvvisatori alla corte d'Este, in: "Il Giornale Storico della Letteratura … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Govi Alberto
2016-09-24 01:50:58
Natale BONIFACIO (Sebenico 1537 - ? 1592)
1568. L'immagine topografica dell'isola di Cefalonia appare gravemente distorta. Basandosi sulla posizione dell'attuale capitale, oggi Argostolion, la mappa è orientata con il nord in alto. Probabilmente è basta su delle informazioni cartografiche primarie, sconosciute. Esemplare nel primo stato di tre, prima dell'aggiunta della parola "Cephalenia" nel titolo. Bibliografia: Meurer, The Strabo Illustratus Atlas, p. 96, 82; Zacharakis, A catalogue of printed maps of Greece, 204. Dimensioni 150x200.L'eclettico incisore, acquafortista, progettista, stampatore, editore e cosmografo originario di Sebenico fu attivo a Venezia tra il 1565 e il 1574 e successivamente a Roma tra il 1575 e il 1591. A Venezia le sue opere vennero pubblicate da Camocio, Ferrando Bertelli, Luca e Donato Bertelli, Borgaruccio Borgarucci e Nelli. I suoi editori romani furono invece Lafrery, Claudio Duchetti, Lorenzo Vaccari e Nicolas van Aelst. Tra i suoi intagli in rame ricordiamo la celebre carta dell'Abruzzo e le due tavole dell'innalzamento dell'obelisco Vaticano realizzate per Domenico Fontana. Come giustamente fa notare il Meurer però il lavoro cartografico più noto del Bonifacio fu la serie delle mappe raffiguranti le isole dell'arcipelago greco, sia del Mar Jonio che dell'Egeo. Esse non sono datate e quindi è difficile assegnare una sequenza cronologica alla serie, databile al periodo 1567/68. Come tutte le carte della cosiddetta scuola lafreriana venivano stampate a se e quindi assemblate in atlanti compositi. Alcune di queste carte furono però incluse, con l'assegnazione di un numero ordinale, in … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-24 01:50:58
Natale BONIFACIO (Sebenico 1537 - ? 1592)
1568. L'immagine dell'isola risulta allungata rispetto alla reale. Tuttavia le baie principali appaiono correttamente descritte. Bibliografia: Zacharakis, A catalogue of printed maps of Greece, 212. Dimensioni 160x210. L'eclettico incisore, acquafortista, progettista, stampatore, editore e cosmografo originario di Sebenico fu attivo a Venezia tra il 1565 e il 1574 e successivamente a Roma tra il 1575 e il 1591. A Venezia le sue opere vennero pubblicate da Camocio, Ferrando Bertelli, Luca e Donato Bertelli, Borgaruccio Borgarucci e Nelli. I suoi editori romani furono invece Lafrery, Claudio Duchetti, Lorenzo Vaccari e Nicolas van Aelst. Tra i suoi intagli in rame ricordiamo la celebre carta dell'Abruzzo e le due tavole dell'innalzamento dell'obelisco Vaticano realizzate per Domenico Fontana. Come giustamente fa notare il Meurer però il lavoro cartografico più noto del Bonifacio fu la serie delle mappe raffiguranti le isole dell'arcipelago greco, sia del Mar Jonio che dell'Egeo. Esse non sono datate e quindi è difficile assegnare una sequenza cronologica alla serie, databile al periodo 1567/68. Come tutte le carte della cosiddetta scuola lafreriana venivano stampate a se e quindi assemblate in atlanti compositi. Alcune di queste carte furono però incluse, con l'assegnazione di un numero ordinale, in alcune copie della prima edizione del Civitatum aliquot insignorum et locorum magis monitorum exacta delineation cum additione aliquot Insularum principalium. Disegni di alcune più illustri città et fortezze del mondo con aggionta di alcune Isole principali di Ferrando Bertelli, e … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-23 21:38:12
Ferrando BERTELLI (attivo a Venezia seconda metà del XVI secolo)
1568. "Veduta inserita nel rarissimo ""Civitatum Aliquot insigniorum et locorum... "" del Bertelli, libro sulle principali città del mondo. L'opera segue di un solo anno l'analoga raccolta del Forlani e Zenoi (1567) e precede di uno la raccolta del Ballino, ""Disegni delle più illustri città e fortezze del mondo"" (1569). Mostra dall'alto la nuova cinta esterna pentagonale di fortificazione voluta da Pio IV, munita di fossato e di baluardi ad "asso di picche". Per questo progetto Pio IV, nel 1561, si affidò all'architetto militare Francesco Laparelli (1521 - 1570), la cui fama è legata soprattutto al progetto di fondazione e fortificazione della città La Valletta, a Malta. Oltre alla costruzione di nuove mura di fortificazione della Mole Adriana, il progetto di Laparelli prevedeva anche la pianificazione di un nuovo borgo, che dal pontefice prenderà il nome di Borgo Pio, e l'apertura di Porta Angelica. Acquaforte e bulino, con margini, in perfette conzioni. Rara." Venezia Venice Valerio pp. 46/47; Di Paola, Castel Sant'Angelo nelle sue stampe, p.97, 33. 290 200
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-20 18:11:14
CURION (Jean).
Francfort Héritiers de Christ, Egenolf 1568 petit in-12 (10 X 15) basane havane racinée, dos lisse ornés de fleurons dorés, pièce de tirtre rouge, tomaison verte. 14 pp non chiffrées (préface) + 280 + 8 pp de table. (Reliure exécutée au début XIXe siècle). Rare édition donnée par Egelnof des célèbres préceptes de l'Ecole de Salerne. Elle contient 68 illustrations (un en-tête, une lettrine et 66 dans le texte d'une facture populaire allemande), attribuées à Hans Sebald Beham. Certaines à mi-page sont des scènes de genre, d'autres montrent des plantes, des fruits, des légumes, des volailles... A noter que la première édition de l'Ecole de Salerne due à Curion et Crell parut à Francfort en 1538. Le médecin d'Erfurt Jean Curion, assisté de Jacob Crell, révisa complètement l'ouvrage d'Arnaud de Villeneuve, faisant suivre les préceptes de Salerne d'abondants commentaires. (Coiffe supérieure un peu faible, un trou au bas du dos, marge supérieure un peu courte à certains feuillets, deux petites traces de brûlure - cigarette?- affectant la bordurede la page de titre et les 3 premiers feuillets).
Bookseller: Librairie Jeanne Laffitte [France, Marseille]
2016-09-20 11:33:10
Leandro ALBERTI (Bologna 1479 - forse ivi 1552)
1568. Pianta della città tratta dal Descrittione di tutta Italia , stampato per la prima volta nel 1561. L'opera offre numerose notizie di carattere geografico - storico - etnologico ed è arricchita dalle carte geografiche per la prima volta nel 1568. Xilografia, ottima impressione con inusuali ampli margini, perfette condizioni. Map of Venice taken from the Descrittione di tutta Italia, printed for the first time in 1561. The work provides many geographic - historical - ethnological news and has been decorated with maps in 1586. Woodcut very good condition. Venezia Venice G. Moretto (a cura di) "Venetia - Le immagini della Repubblica", s. 21 170 245
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-19 02:06:06
VAUX-DE-CERNAY (Pierre de).
1568A Tolose [Toulouse], par Arnaud & Iaques Colomies Freres, Imprimeurs iurez de l'Université, 1568. Petit in-8 (125 X 172) veau brun, dos six nerfs, caissons dorés ornés de fers d'angles et fleuron central, pièce de titre maroquin grenat, tranches rouges (reliure de l'époque); (1) f. blanc, 4 ff. (dont titre), 172 ff., (1) page et (2) ff. d'avertissements et d'errata, [(1) f. manquant], (1) f. blanc contenant des notes manuscrites anciennes à l'encre brune. Petit tache en marge du titre, déchirure restaurée au titre avec infime manque de papier dans l'angle inférieur, quelques taches brunes n'altérant pas la lecture à quatre feuillets, restaurations à la reliure, ors du dos passés. Exemplaire SANS les 6 feuillets de table et la page d'achevé d'imprimer in fine. ÉDITION ORIGINALE, DE LA PLUS GRANDE RARETÉ. L'ouvrage a été traduit en français et préfacé par Arnaud Sorbin de Sainte-Foy, prédicateur de Charles IX puis évêque de Nevers. Il existe une édition parisienne parut l'année suivante (1569) chez Guillaume Chaudière, rue Saint-Jacques, tout aussi rare. C'est cette édition que Caillet décrit à tort comme la première édition: «Ouvrage de la plus grande rareté: il forme une chronique de la guerre des albigeois, où l'auteur retrace les scènes effroyables dont le Midi de la France fut témoin». Dédicacée au pape Innocent III qui fut l'instigateur de cette croisade, la première version de l'"Historia Albigensis" fut terminée au cours de l'année 1213 et graduellement poursuivie jusqu'à sa mort par le moine cistercien Pierre des Vaux-de-Cernay (mort après 1218). Ayant lui-même … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Librairie ancienne & Moderne Eric Castér
2016-09-18 22:26:18
Corrozet, Gilles (1510-1568); Ausonius
A Paris: par Jehan Ruelle, 1568.- // 8º petit, (105x68mm.); 112 h.; sign.: A-O8; marque typographique dans la page de titre, divise In pace ubertas; 83 gravures sur bois, certains signées I.R. -¿Jean Ruelle?- et d'autres, D.H.; 7 images (sur bois), un pour chaque sage, et autres ornements xilographiques pour tëtes et codas.- // Charmante reliure en cuir orange, exécutée par M. Bueno, aux contre-plats décorés style Renaissance par gaufrages dans plusieurs cuirs. Exemplaire complet mais très recoupé, sans marge, avec une légère perte de texte sur quelques pages, spécialement dans la marge droite ; galerie infime à peine perceptible sur quelques pages.- // Prov.: Ex-libris (gravé dans la reliure) A[ndrés] Roure.- // Refs.: Graesse, II, 252. Brunet remarqua en son temps que l'auteur de ce recueil d'apophtegmes, extraits principalement des adaptations du latin Ausone (310-395), qui avait été déjà commenté par Béroalde et par Erasme, fut l'imprimeur et libraire Gilles Corrozet, qui de même l'imprima dans son propre atelier comme « Le Conseil des sept sages de la Grèce; ensemble le Miroer de prudence, tout mis en francoys, avec une briesue et familière exposition sur chascune autorité et sentence.- Paris: Gilles Corrozet, 1544 ». Corrozet mourrait 22 ans après cette première édition, en 1568, précisément l'année où fut imprimé le volume que nous offrons, qui n'est pas de sa presse. Comme Corrozet avait obtenu le privilège pour sa version pour seulement trois ans, Jean Ruelle - imprimeur, libraire et graveur décida de faire en 1548 une édition propre, en copiant le texte de celle … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Andarto B. [Spain, Pamplona]
2016-09-18 18:44:46
DUVAL (Pierre);
A Paris de l'Imprimerie de Frdric Morel 1568 Petit in-8 de 31-(1) ff., maroquin rouge jansniste, dos nerfs, tranches dores sur marbrure (Niedre). Belle impression en caractres italiques des quatrains religieux de l'vque de Sez, Pierre Duval. Ddicace au roy tres-chrestien Henry II ; contient La Grandeur de Dieu et la cognoissance qu'on peut avoir de luy par ses oeuvres suivie de la Puissance, Sapience et bont de Dieu, deux pomes en quatrains qui avaient t imprims sparment une premire fois en 1553 et 1555. Chaque quatrain est suivi d'une pice de Joachim Du Bellay, savoir Sonnet de J. Du Bellay a Monsieur Du-Val E. de Sees, extrait des Regrets (Rothschild, IV 2896) et l'hymne chrestien par Joach. Du-Bellay gentilhomme angevin, publi une premire fois en 1552 pour rpondre aux reproches de paganisme adresss aux potes de la Pliade. Pierre Duval fut le prcepteur du Dauphin, fils de Franois Ier. Docteur en thologie et chanoine de Rouen, il fut nomm par le Roi l'vch de Sez et consacr en 1545. En 1549, il assista au couronnement de Catherine de Mdicis. C'tait un des prlats les plus instruits de son temps ; aussi se montra-t-il partisan, mais timide, de la Rforme, comme le prouvent incontestablement ses ouvrages et le rle qu'il a jou au colloque de Poissy. (Haag). Il partit ensuite pour le Concile de Trente mais il tait de retour en France en 1564, anne o il mourut Vincennes. Bel exemplaire dans une reliure en maroquin rouge signe Niedre. Brunet, II, 926 ; Frre, I, 415 ; manque au catalogue Viollet le Duc qui cite du mme Le Puy du souverain amour (n1564) : Ce grave prlat faisai … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Bonnefoi Livres Anciens [France, Paris]
2016-09-17 18:26:17
Collectif Henry Estienne imprimeur
Apophthegmata graeca regum & ducum philosophorum item, aliorumque quorundam ex Plutarcho et Diogene Laertio. Cum latina interpr. graece et latine. Henry Estienne, 1568. In 12 14,5 x 9 cm. 32, 703 pages. Reliure en peau de truie estampée à froid, sur ais de bois bisautés en coupe, dos à 4 nerfs fermoirs laitons de l'époque. Remarquable état de fraicheur tant du texte que de la reliure, remarquablement conservée, intègre, et totalement exempte de restauration. Etat d'origine La typographie grec d'Estienne est déja remarquable, c'est le dernier livre sur lequel Estienne s'intitule "Viri Huldrichi Fuggeri typographus", imprimeur de Huldrich Fugger. Recueil de sentences grecques tirées des textes de Plutarque et Diogène Laerce dont Henri Estienne préparait la publication, comme il l'indique dans le titre et en préface. La traduction latine est en regard. Les textes de Plutarque, traduits par Raphael Reghius, comprennent : Regum et imperatorum apophthegmata, Apophthegmata Laconica, Instituta Laconica, et Lacaenarum apophthegmata
Bookseller: Librairie Daniel Bayard livre luxe book
2016-09-15 16:23:15
GRAZZINI Anton Francesco
Giunti, 1568. in - 8, pp. 110, (2), leg. in cartoncino rustico. Marca tipogr. sul front. e sul verso dell'ultimo f., iniziali silogr. istoriate. Prima edizione completa degli Intermezzi. La commedia era stata pubblicata nel 1551, quando gli ''Intermedii'' non erano ancora ultimati, malgrado fossero stati recitati durante la prima rappresentazione che ebbe luogo a Palazzo Minerbetti nel Febbraio 1550, a spese di 20 giovani nobili fiorentini. Il Grazzini (Firenze 1503 - 1584), detto il Lasca, appartenne all'Accademia degli Umidi della sua città e successivamente fu tra i fondatori dell'Accademia della Crusca; il suo teatro in prosa ebbe grande successo nella seconda metà del XVI secolo, ed influenzò svariati drammi shakespeariani. Ottimo esempl.
Bookseller: Libreria Antiquaria Pregliasco
2016-09-14 09:08:44
Ferrando BERTELLI (attivo a Venezia seconda metà del XVI secolo)
1568. Bulino, circa 1568, privo di firma. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana della "sirena" (Heawood 3800, Roma e Venezia circa 1555/62), con margini, in eccellente stato di conservazione. Un esemplare di questa rarissima veduta è oggi conosciuto nelle raccolte pubbliche, pubblicata in Ciuitatum aliquot insigniorum, et locorum magis munitorum exacta delineatio: cum additione aliquot insularum principalium/ Disegni di alcune piu illustri citta et fortezze del mondo, con aggiunta di alcune isole principali, Venezia, Ferrando Bertelli, 1568, nell'esemplare conservato alla British Library. Il foglio è contenuto nella raccolta di immagini di città , isole e altre località edita da Ferrando Bertelli, in cui vengono utilizzati rami di Paolo Forlani e Domenico Zenoi. Il titolo e la data compaiono nel primo foglio. Un indice a penna in carta azzurra si trova all'apertura del volume. Tuttavia altre copie dello stesso Teatro delle città contengono una variante alla veduta, più famosa e comune, che fu inserita nel 1569 anche nell'analoga raccolta di Giulio Ballino e successivamente nell'opera edita con lo stesso nome da Donato Bertelli nel 1574. (Mori - Boffito p. 35). E' probabile che l'opera non piacesse al Bertelli che la sostituì subito con l'altra versione. Difficile comunque stabilire se questa veduta segua o preceda l'opera del Forlani (1567), comunque ci sentiamo di escludere la tesi di Mori - Boffito che la datano ala fine del XVI secolo. Magnifico esemplare di questa rarissima veduta. Bibliografia: Mori - Bofito p. 49; Lucia Nuti, Atlante Storico I … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-08 15:32:00
HERRERA, GABRIEL ALONSO.
per Ordine di F. Sansovino, 1568. Cm. 20, cc. (8) 288 (3). Marchio tipografico al frontespizio, testate, bei capolettera e molte figure incise nel testo nitidamente incise in xilografia. Legatura strettamente coeva in piena pergamena floscia con nervi passanti e titoli ms. al dorso. Qualche rado segno a matita nel testo. Esemplare assai genuino ed in ottimo stato di conservazione. Si tratta della migliore edizione italiana cinquecentesca di questa celebre opera che tratta di agricoltura, lavori in genere della campagna, arbocoltura, vino e viticoltura (tutto il secondo libro riguarda le qualità e i tipi di vino, i tipi di uva, descrive i vini più famosi, da consigli sulle cantine e le botti), gli animali domestici e loro malattie, gli alimenti, le proprietà delle erbe e loro utilizzo in medicina e nella cucina. Cfr. Paleari 787.
Bookseller: Studio Bibliografico Benacense
2016-09-06 12:25:35
Ferrando BERTELLI (attivo a Venezia seconda metà del XVI secolo)
1568. L'archetipo di tutte le vedute a volo d'uccello della città di Venezia fu la mappa murale di Jacopo de Barbari pubblicata nel 1500. Questa mappa della città, assai rara, unisce anche elementi derivanti dalla silografia di Sebastian Muenster (Basilea 1550) mentre l'indice è ripreso dall'incisione di Paolo Forlani, stampata sempre a Venezia nel 1556. Come tutte le opere del periodo anche questa mappa di piccolo formato del Bertelli viene stampata singolarmente e poi inserita in alcuni esemplari della prima edizione del Civitatum aliquot insignorum et locorum magis monitorum exacta delineation cum additione aliquot Insularum principalium. Disegni di alcune più illustri città et fortezze del mondo con aggionta di alcune Isole principali, edito da Ferrando nel 1568. Bellissimo esemplare, leggermente rifilato in basso, di questa rara mappa. The archetype of many sisxteenth century bird's-eye views of Venice was the epochmaking wall map by Jacopo de Barbari published in 1500. The present version from Bertelli's "Civitatum aliquot insignorum et locorum magis monitorum exacta delineation cum additione aliquot Insularum principalium. Disegni di alcune più illustri città et fortezze del mondo con aggionta di alcune Isole principali", published in Venice 1568. The map is mainly based on the woodcut by Sebastian Muenster (Basel 1550) while the details like the entries and names of some smaller islands in the lagoon are drawn after the 1556 engraving by Paolo Forlani. Like the larger maps of The IATO these smaller ones were first issued for a loose sheet circulation, and then assem … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-30 19:40:23
Ferrando BERTELLI (attivo a Venezia seconda metà del XVI secolo)
1568. Carta geografica di Austria e Ungheria edita a Venezia dalla tipografia Bertelli. Primo stato di due, avanti la firma e la data 1568. Almagià segnala come possibile prototipo della mappa una carta anonima edita a Roma, probailmnete dalla tipografia Salamanca, con data 1553. Acquaforte e bulino, con inusali ampi margini, in perfette condizioni. Magnifico esemplare di questa rara carta. A detailed map of Austria & Hungary printed in Venice by Bertelli. The first state, before the Bertelli's address and the date 1568. Based on Lazius map of Austria, this map by Ferrando Bertelli belongs of a groups of five very similar versions. As indicated by Almagià the archetype was engraved in Rome, possibly published by Salamanca, and bear the date 1553. Engraving, with full margins, perfect conditions. Rare. Venezia Venice F. Borroni Salvadori (1980), n. 254; Tooley, 120. 430 295
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-28 18:30:27
Natale BONIFACIO (Sebenico 1537 - ? 1592)
1568. Carta dell'isola di Cipro, stampata a Venezia, come singolo foglio, e firmata dal dalmata Natale Bonifacio, il cui monogramma appare in basso a sinistra. Questa carta va messa in relazione con un'altra mappa dell'isola, più grande, incisa sempre a Venezia dal Bonifacio nel 1570. In entrambe le mappe appare il nome, in qualità di autore, del fantomatico cartografo veneziano Felice Brunello, del quale però non si conoscono dettagli biografici. Come giustamente fa notare il Meurer il lavoro cartografico più noto del Bonifacio fu la serie delle mappe raffiguranti le isole dell'arcipelago greco, sia del Mar Jonio che dell'Egeo. Esse non sono datate e quindi è difficile assegnare una sequenza cronologica alla serie, databile al periodo 1567/68. È probabile, quindi, che questa mappa anticipi di poco l'uscita di quella più grande. Esemplare tratto dall'opera Universus terrarum orbis scriptorum calamo delineatus ... qui de Europae, Asiae, Africae, & Americae regnis, provinciis, populis, civitatibus.... pubblicata a Padova nel 1713, presso Matteo Cadorin, da Raffaello Savonarola, sotto lo pseudonimo di Lasor a Varea (o Varela). L'opera era una sorta di enciclopedia che conteneva notizie sulle varie località del mondo disposte in ordine alfabetico. Incisione su rame, ampi margini, in ottimo stato di conservazione. Map of Cyprus, printed in Venice as a single sheet, and signed by Natale Bonifacio whose monogram appears at the bottom left. This map must be compared with another largest map of the island, engraved in Venice in 1570 by Bonifacio. In both maps appears as the author t … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-27 15:44:36
JESUITAS.
1568. Roma: Romae, in Collegio Societatis Iesu, 1568. [y] Roma: Romae, apud Victorium Haelianum, 1570. Tres volúmenes en un tomo en 4to. menor; portada y 117 pp. + 48 pp. + 259 pp., 1 h. Encuadernación en pergamino de la época, con cejas.
Bookseller: Hesperia Libros
2016-08-26 12:41:20
Domenico ZENOI (Attivo tra il 1559 e il 1574)
1568. Realizzata come separata pubblicazione dalla Zenoi alle volte è inclusa in alcune copie del Civitatum aliquot insignorum et locorum magis monitorum exacta delineation cum additione aliquot Insularum principalium. Disegni di alcune più illustri città et fortezze del mondo con aggionta di alcune Isole principali di Ferrando Bertelli (1568) ed anche nella seconda edizione dell'opera curata da Donato Bertelli (1574). Domenico Zenoi fu attivo incisore e stampatore di mappe, come anche di scabrose tavole erotiche che più volte gli causarono problemi con le autorità veneziane. E' possibile che lo Zenoi, in origine alle dipendenze dello stesso Forlani, acquistò il materiale cartografico del veronese per integrarlo in qualità di editore. Tra le poche notizie certe sull'attività dello Zenoi, vi è quella della richiesta inoltrata al Senato Veneto, poi accordato nel 1566, di un privilegio per l'incisione delle stampe. The plan may have been separately published by Zenoi and it is also found in some copies of Ferrando Bertelli's "Civitatum aliquot insignorum et locorum magis monitorum exacta delineation cum additione aliquot Insularum principalium. Disegni di alcune più illustri città et fortezze del mondo con aggionta di alcune Isole principali", of 1568 as well as in the second edition of 1574 by Donato Bertelli. Venezia Venice 195 150
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-26 12:41:20
Domenico ZENOI (Attivo tra il 1559 e il 1574)
1568. Realizzata come separata pubblicazione dalla Zenoi alle volte è inclusa in alcune copie del Civitatum aliquot insignorum et locorum magis monitorum exacta delineation cum additione aliquot Insularum principalium. Disegni di alcune più illustri città et fortezze del mondo con aggionta di alcune Isole principali di Ferrando Bertelli (1568) ed anche nella seconda edizione dell'opera curata da Donato Bertelli (1574). Domenico Zenoi fu attivo incisore e stampatore di mappe, come anche di scabrose tavole erotiche che più volte gli causarono problemi con le autorità veneziane. E' possibile che lo Zenoi, in origine alle dipendenze dello stesso Forlani, acquistò il materiale cartografico del veronese per integrarlo in qualità di editore. Tra le poche notizie certe sull'attività dello Zenoi, vi è quella della richiesta inoltrata al Senato Veneto, poi accordato nel 1566, di un privilegio per l'incisione delle stampe. The plan may have been separately published by Zenoi and it is also found in some copies of Ferrando Bertelli's "Civitatum aliquot insignorum et locorum magis monitorum exacta delineation cum additione aliquot Insularum principalium. Disegni di alcune più illustri città et fortezze del mondo con aggionta di alcune Isole principali", of 1568 as well as in the second edition of 1574 by Donato Bertelli. Venezia Venice 210 150
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-26 12:41:20
Ferrando BERTELLI (attivo a Venezia seconda metà del XVI secolo)
1568. Veduta della città tratta dal rarissimo "Civitatum Aliquot insigniorum et locorum... "del Bertelli, libro sulle principali città del mondo che segue di un solo anno l'analoga opera del Forlani (1567) e precede di uno la più comune raccolta del Ballino (1569). L'opera fu ristampata ed ampliata da Donato Bertelli nel 1574. Difficile riconoscere a prima vista una tavola proveniente da una delle tre opere, che sono circa dello stesso formato. Addirittura il Ballino pubblica delle lastre del Bertelli e dello Zenoi; tuttavia la mancanza del testo al verso distingue questa veduta da quella presente nel Ballino. Incisione in rame, priva dei margini, piccoli restauri, tracce di colla al verso, nel compesso in buono stato di conservazione. Molta rara. Venezia Venice 195 144
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-26 12:41:20
Ferrando BERTELLI (attivo a Venezia seconda metà del XVI secolo)
1568. Veduta della città tratta dal rarissimo "Civitatum Aliquot insigniorum et locorum... "del Bertelli, libro sulle principali città del mondo che segue di un solo anno l'analoga opera del Forlani (1567) e precede di uno la più comune raccolta del Ballino (1569). L'opera fu ristampata ed ampliata da Donato Bertelli nel 1574. Difficile riconoscere a prima vista una tavola proveniente da una delle tre opere, che sono circa dello stesso formato. Addirittura il Ballino pubblica delle lastre del Bertelli e dello Zenoi; tuttavia la mancanza del testo al verso distingue questa veduta da quella presente nel Ballino. Incisione in rame, priva dei margini, piccoli restauri, tracce di colla al verso, nel compesso in buono stato di conservazione. Molta rara. Venezia Venice 250 190
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-26 12:41:20
Domenico ZENOI (Attivo tra il 1559 e il 1574)
1568. Malgaritin era una fortezza turca nell'interno dell'odierna Albania, a pochi chilometri dalla costa settentrionale di Corfu. Soggetta ad attacchi da parte dell'esercito veneziano rimase turca anche dopo il trattato dle 1573. Realizzata come separata pubblicazione dalla Zenoi alle volte è inclusa in alcune copie del Civitatum aliquot insignorum et locorum magis monitorum exacta delineation cum additione aliquot Insularum principalium. Disegni di alcune più illustri città et fortezze del mondo con aggionta di alcune Isole principali di Ferrando Bertelli (1568) ed anche nella seconda edizione dell'opera curata da Donato Bertelli (1574). Domenico Zenoi fu attivo incisore e stampatore di mappe, come anche di scabrose tavole erotiche che più volte gli causarono problemi con le autorità veneziane. E' possibile che lo Zenoi, in origine alle dipendenze dello stesso Forlani, acquistò il materiale cartografico del veronese per integrarlo in qualità di editore. Tra le poche notizie certe sull'attività dello Zenoi, vi è quella della richiesta inoltrata al Senato Veneto, poi accordato nel 1566, di un privilegio per l'incisione delle stampe. The plan may have been separately published by Zenoi and it is also found in some copies of Ferrando Bertelli's "Civitatum aliquot insignorum et locorum magis monitorum exacta delineation cum additione aliquot Insularum principalium. Disegni di alcune più illustri città et fortezze del mondo con aggionta di alcune Isole principali", of 1568 as well as in the second edition of 1574 by Donato Bertelli. Venezia Venice 225 170
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-26 12:41:20
Domenico ZENOI (Attivo tra il 1559 e il 1574)
1568. Realizzata come separata pubblicazione dalla Zenoi alle volte è inclusa in alcune copie del Civitatum aliquot insignorum et locorum magis monitorum exacta delineation cum additione aliquot Insularum principalium. Disegni di alcune più illustri città et fortezze del mondo con aggionta di alcune Isole principali di Ferrando Bertelli (1568) ed anche nella seconda edizione dell'opera curata da Donato Bertelli (1574). Domenico Zenoi fu attivo incisore e stampatore di mappe, come anche di scabrose tavole erotiche che più volte gli causarono problemi con le autorità veneziane. E' possibile che lo Zenoi, in origine alle dipendenze dello stesso Forlani, acquistò il materiale cartografico del veronese per integrarlo in qualità di editore. Tra le poche notizie certe sull'attività dello Zenoi, vi è quella della richiesta inoltrata al Senato Veneto, poi accordato nel 1566, di un privilegio per l'incisione delle stampe. The plan may have been separately published by Zenoi and it is also found in some copies of Ferrando Bertelli's "Civitatum aliquot insignorum et locorum magis monitorum exacta delineation cum additione aliquot Insularum principalium. Disegni di alcune più illustri città et fortezze del mondo con aggionta di alcune Isole principali", of 1568 as well as in the second edition of 1574 by Donato Bertelli. Venezia Venice 210 155
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-26 07:13:55
CARDANO, Girolamo
ex Officina Henricicpetrina, anno salutis, M.D. LXVIII. mense Martio,1568. CARDANO, Girolamo. Basileae, ex Officina Henricpetrina (1568). In Hippocratis Coi Prognostica, opus divinum superans humani ingenii captum, quo nihil unquam, omnium sapientium virorum testimonio... Atque etiam Galeni prognosticorum exspositionem, commentarii absolutissimi. Item in libros Hippocratis de Septimestri et Octomestri partu, et simul in eorum Galeni Commentaria, Cardani Commentarii. Item pro gravissime diversis morbis laborantibus Consilia septem Hieronymi Cardani nunc primum edita... In - folio, legatura coeva in pelle di scrofa con artistiche impressioni a secco sui piani, dorso a nervi. (32), 7, (1) pp., 7 - 10 coll., 11 - 19 pp., 20 - 813 coll. (= 715), (1) p., 1 f. bianco. Insegna tipografica nel frontespizio, ripetuta in fine. Bellissimo esemplare. Edizione in parte originale. Hirsch, I, p. 829. Durling, 853. Wellcome, I, 1308. Waller, 1766. Manca a Osler.
Bookseller: Brighenti libri esauriti e rari
2016-08-24 16:08:52
DE KEMPIS THOMAS (Malleolo).
appresso Gasparo et Domenico dalla Speranza, 1568. In - 4 (cm. 20,5), cc. (8) 390 (2) di cui l'ultima bianca. Marchio tipografico al frontespizio, moltissimi bei capolettera figurati ed una graziosa incisione al verso del colophon. Solida legatura settecentesca in cart. con dorso ricoperto di carta pergamenata. Bell'esemplare, marginoso, genuino e ben conservato. Interessante e non comune edizione di questo classico della letteratura religiosa ristampato senza sosta per vari secoli.
Bookseller: Studio Bibliografico Benacense
2016-08-24 12:34:40
Ferrando BERTELLI (attivo a Venezia seconda metà del XVI secolo)
1568. Veduta della città dal mare tratta dal celebre Civitatum Aliquot insigniorum et locorum... del Bertelli, che segue di un solo anno Il Primo Libro delle Citta et Fortezze Principali del Mondo, edito nel 1567 da Paolo Forlani. Praticamente la veduta deriva in tutto e per tutto da quella del Forlani, dalla quale si distingue solo per piccoli particolari. La veduta è siglata in basso sia dall'editore che dall'incisore, le cui iniziali LP fanno pensare a Ludovico Pozzoserrato, attivo a Venezia in quel periodo. Incisione in rame, macchia di colore sotto il titolo, margini, in ottimo stato di conservazione. Molto rara. View of the city from the sea, from the famous Civitatum Aliquot insigniorum et locorum... by Bertelli, published a year after Il Primo Libro delle Citta et Fortezze Principali del Mondo, printed in 1567 by Paolo Forlani. The present view derives from Forlani's, from which it differs in few details. The plate is signed by both the publisher and the engraver, whose monogram LP recalls Ludovico Pozzoserrato, who was working in Venice at that time. Copperplate, colour stain behind the title, margins, in excellent condition. Very rare. Venezia Venice V. Valerio, "Piante e vedute di Napoli dal 1489 al 1599", p. 42, 10, Meurer 141. 256 172
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-22 20:31:00
Paracelsus [d. i. Philipp Theophrast Bombast v. Hohenheim].
Basel, (Peter Perna), 1568. - 334 (recte: 336), (64) SS. (Beigebunden) II: Ders. Pyrophilia vexationum que liber. (5), 137, (2) SS. Blindgepr. Lederband der Zeit. Reste von Schließen. 8vo. Sammelband zweier wichtiger Paracelsus-Drucke. I: Zweite Ausgabe (die erste in Deutschland gedruckte) einer der "wichtigsten Schriften der damaligen Paracelsus-Literatur" (Sudhoff). Die erste Ausgabe erschien Ende des Jahres 1567 in Paris, kurz darauf gab Perna den Nachdruck heraus, im Anhang mit den neuen Beiträgen von Bodenstein und Dorn, die darin ihre Entgegnungen auf Paracelsus' berühmte Abhandlung "De vita longa" bringen. Das (auch kaufmännisch) erfolgreiche Projekt Pernas begründete mit das große Interesse an der Lehre Theophrasts, die das Ende des 16. Jhs. auszeichnete. Das von Jacques Gohory, einem der wichtigsten französischen Paracelsisten, zusammengestellte Kompendium enthält eine Lebensbeschreibung, eine Zusammenfassung der Lehren, ein Verzeichnis der Werke und einen umfassenden Kommentar. Zu Dorn vgl. DSB IV, 169; zu Bodenstein I, 49; zu Gohory V, 447. - II: Erste Ausgabe dieser Sammlung. "Es ist dies Dorn's erste Paracelsus-Edition in lateinischer Uebersetzung. Wie er auf dem Titel sagt, hat Bodenstein dies alles 'ex authoris archetypo' herausgegeben, womit wohl Hohenheim's Originalmanuscript gemeint sein soll [.] S. 1-34 die Pyrophilia, eine Uebersetzung des Liber Vexationum nach Bodenstein's Ausgabe von 1567 [.]; der Schluss [.] fehlt hier [.]. Am Ende (S. 99-100) gibt Dorn eine 'Operis Conclusio', welche weder Bodenstein noch Huser hier haben und welche auch in keinem Zu … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Antiquariat INLIBRIS Gilhofer Nfg. GmbH
Check availability:
2016-08-22 13:45:36
Martino ROTA (Sebenico 1520 - Venezia 1583)
1568. Bulino, circa 1568 - 80, firmato in lastra in basso al centro 'Martino Ruota Sebenzan / f.' Da un soggetto di Tiziano. Secondo stato finale, con l'indirizzo dell'editore Luca Guarinoni abraso. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva, rifilata al rame, in ottimo stato di conservazione. L'incisione riproduce un dipinto di Tiziano per Filippo II, completato nel 1568 e spedito in Spagna nello stesso anno. La scena rappresenta la parabola della moneta, tratta dal Nuovo Testamento: i farisei, per tendergli una trappola, chiesero a Gesù se fosse lecito o no pagare il tributo a Cesare. Cristo rispose con molta saggezza. Si fece mostrare la moneta con l'immagine dell'imperatore e chiese: "Di chi è questa immagine e l'iscrizione?" I farisei risposero: "Di Cesare". Allora disse: "Rendete dunque a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio" (Mt 22, 15 - 21; Lc 20, 20 - 26; Mc 12, 13 - 17). Engraving, circa 1568 - 80, inscribed and signed at bottom center 'Titianus inven / Martino Ruota Sebenzan / f.', with eight lines on two tablets Second state, without Luca Guarinoni' publishers address. A fine example, printed on contemporary laid paper, trimmed to the paltemark, very good condition. The question of paying tribute to Caesar, at the left two Jews interrogate Christ, one holds a coin, Christ points to the upper right This engraving reproduces Titian's painting for Philip II, finished in 1568 and sent to Spain in the same year, where he remained in the Escorial until Napoleon took it to France. It is probably identical with the canvas today in the National … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-21 10:27:13
MASSA
1568. in - 4, pp. (8), 51, perfetto cart. rustico. Impresa tipogr. della stella al tit.; iniziali ornate. Dedica dell'editore al medico bolognese Lattanzio Ferro. La seconda parte dell'opera espone 40 metodi da osservare in altrettandi casi ''in sanguinis missione per sectam venam''. Prima edizione di questa importante e poco nota opera del medico Niccolo Massa (1489 - 1569) professore a Venezia ed autore di un importante trattato sulla sifilide, pubblicato nel 1527. Scoprì un'anomalia cardiaca relativa al setto cardiaco, che mise in dubbio le asserzioni di Galeno, ed influenzò in qualche modo la teoria di Harvey sulla circolazione del sangue. Esempl. perfetto di libretto assai raro. E.T. McMullen, New insights on W.Harvey's discoveries: ''Harvey's method utilized anomalies, of which there are at least three types: recognized, retrorecognized, and reasoned. An example of a recognized anomaly is the absence of passages through the heart's septum. By publishing this discovery in 1536, Niccolo Massa cast doubts on some of the physiology of Galen. His physiology was the received view leading up to Harvey's time''
Bookseller: Libreria Antiquaria Pregliasco
2016-08-21 10:05:45
DONI ANTON FRANCESCO.
Appresso Georgio de' Cavalli, 1568. Cm. 14,5, pp. (16) 431 (1). Marchio tipografico, testate e bei capolettera istoriati. Solida legatura d'inizio '800 in piena pergamena rigida con titoli in oro su tassello al dorso. Ex libris impresso in oro alla carta di guardia. Un piccolo rinforzo interno ad una cerniera. esemplare ben conservato, pulito ed elegantemente impresso. Si tratta di una tra le opere più bizzarre e insieme complesse del Doni. L'opera consiste in una raccolta di dialoghi alquanto stravaganti in cui è tratteggiata, nel solco di una tradizione fiorentissima nel Rinascimento, l'utopia di un ipotetico mondo perfetto, dove sia finalmente attuato un nuovo ordine sociale, garanzia di giustizia e di eguaglianza. Il motivo della "città ideale", al centro della discussione fra il Pazzo e il Savio, interlocutori di uno fra i dialoghi più conosciuti, fornisce inoltre al Doni la possibilità di evocare i progetti di urbanistica razionale di architetti quali l'Alberti, il Filarete, Leonardo.
Bookseller: Studio Bibliografico Benacense
2016-08-20 19:44:46
Natale BONIFACIO (Sebenico 1537 - ? 1592)
1568. Questa mappa di Eubea è una rappresentazione originale basata su fonti primarie, ed è orientata con il Nord in basso. L'immagine topografica è accurata e molto simile alla realtà; lo conferma la posizione della capitale Chalkis situata esattamente nello stretto vicino la terra ferma. Esemplare nel primo stato di due. Bibliografia: L'eclettico incisore, acquafortista, progettista, stampatore, editore e cosmografo originario di Sebenico fu attivo a Venezia tra il 1565 e il 1574 e successivamente a Roma tra il 1575 e il 1591. A Venezia le sue opere vennero pubblicate da Camocio, Ferrando Bertelli, Luca e Donato Bertelli, Borgaruccio Borgarucci e Nelli. I suoi editori romani furono invece Lafrery, Claudio Duchetti, Lorenzo Vaccari e Nicolas van Aelst. Tra i suoi intagli in rame ricordiamo la celebre carta dell'Abruzzo e le due tavole dell'innalzamento dell'obelisco Vaticano realizzate per Domenico Fontana. Come giustamente fa notare il Meurer però il lavoro cartografico più noto del Bonifacio fu la serie delle mappe raffiguranti le isole dell'arcipelago greco, sia del Mar Jonio che dell'Egeo. Esse non sono datate e quindi è difficile assegnare una sequenza cronologica alla serie, databile al periodo 1567/68. Come tutte le carte della cosiddetta scuola lafreriana venivano stampate a se e quindi assemblate in atlanti compositi. Alcune di queste carte furono però incluse, con l'assegnazione di un numero ordinale, in alcune copie della prima edizione del Civitatum aliquot insignorum et locorum magis monitorum exacta delineation cum additione aliquot Insularum principalium. Di … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-20 19:44:46
Natale BONIFACIO (Sebenico 1537 - ? 1592)
1568. La mappa di Citéra è abbastanza fedele alla realtà. L'eclettico incisore, acquafortista, progettista, stampatore, editore e cosmografo originario di Sebenico fu attivo a Venezia tra il 1565 e il 1574 e successivamente a Roma tra il 1575 e il 1591. A Venezia le sue opere vennero pubblicate da Camocio, Ferrando Bertelli, Luca e Donato Bertelli, Borgaruccio Borgarucci e Nelli. I suoi editori romani furono invece Lafrery, Claudio Duchetti, Lorenzo Vaccari e Nicolas van Aelst. Tra i suoi intagli in rame ricordiamo la celebre carta dell'Abruzzo e le due tavole dell'innalzamento dell'obelisco Vaticano realizzate per Domenico Fontana. Come giustamente fa notare il Meurer però il lavoro cartografico più noto del Bonifacio fu la serie delle mappe raffiguranti le isole dell'arcipelago greco, sia del Mar Jonio che dell'Egeo. Esse non sono datate e quindi è difficile assegnare una sequenza cronologica alla serie, databile al periodo 1567/68. Come tutte le carte della cosiddetta scuola lafreriana venivano stampate a se e quindi assemblate in atlanti compositi. Alcune di queste carte furono però incluse, con l'assegnazione di un numero ordinale, in alcune copie della prima edizione del Civitatum aliquot insignorum et locorum magis monitorum exacta delineation cum additione aliquot Insularum principalium. Disegni di alcune più illustri città et fortezze del mondo con aggionta di alcune Isole principali di Ferrando Bertelli, edito a Venezia nel 1568. Altre invece sono note solo con il numero inciso ed incluse nella seconda edizione del libro del Bertelli, edita però da Donato Bertelli … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-20 19:44:46
Natale BONIFACIO (Sebenico 1537 - ? 1592)
1568. Deriva dalla carta di Matteo Pagano del 1538. Secondo stato di quattro con la firma del Bonifacio in basso a destra. L'eclettico incisore, acquafortista, progettista, stampatore, editore e cosmografo originario di Sebenico fu attivo a Venezia tra il 1565 e il 1574 e successivamente a Roma tra il 1575 e il 1591. A Venezia le sue opere vennero pubblicate da Camocio, Ferrando Bertelli, Luca e Donato Bertelli, Borgaruccio Borgarucci e Nelli. I suoi editori romani furono invece Lafrery, Claudio Duchetti, Lorenzo Vaccari e Nicolas van Aelst. Tra i suoi intagli in rame ricordiamo la celebre carta dell'Abruzzo e le due tavole dell'innalzamento dell'obelisco Vaticano realizzate per Domenico Fontana. Come giustamente fa notare il Meurer però il lavoro cartografico più noto del Bonifacio fu la serie delle mappe raffiguranti le isole dell'arcipelago greco, sia del Mar Jonio che dell'Egeo. Esse non sono datate e quindi è difficile assegnare una sequenza cronologica alla serie, databile al periodo 1567/68. Come tutte le carte della cosiddetta scuola lafreriana venivano stampate a se e quindi assemblate in atlanti compositi. Alcune di queste carte furono però incluse, con l'assegnazione di un numero ordinale, in alcune copie della prima edizione del Civitatum aliquot insignorum et locorum magis monitorum exacta delineation cum additione aliquot Insularum principalium. Disegni di alcune più illustri città et fortezze del mondo con aggionta di alcune Isole principali di Ferrando Bertelli, edito a Venezia nel 1568. Altre invece sono note solo con il numero inciso ed incluse nella secon … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-20 19:44:46
Natale BONIFACIO (Sebenico 1537 - ? 1592)
1568. L'eclettico incisore, acquafortista, progettista, stampatore, editore e cosmografo originario di Sebenico fu attivo a Venezia tra il 1565 e il 1574 e successivamente a Roma tra il 1575 e il 1591. A Venezia le sue opere vennero pubblicate da Camocio, Ferrando Bertelli, Luca e Donato Bertelli, Borgaruccio Borgarucci e Nelli. I suoi editori romani furono invece Lafrery, Claudio Duchetti, Lorenzo Vaccari e Nicolas van Aelst. Tra i suoi intagli in rame ricordiamo la celebre carta dell'Abruzzo e le due tavole dell'innalzamento dell'obelisco Vaticano realizzate per Domenico Fontana. Come giustamente fa notare il Meurer però il lavoro cartografico più noto del Bonifacio fu la serie delle mappe raffiguranti le isole dell'arcipelago greco, sia del Mar Jonio che dell'Egeo. Esse non sono datate e quindi è difficile assegnare una sequenza cronologica alla serie, databile al periodo 1567/68. Come tutte le carte della cosiddetta scuola lafreriana venivano stampate a se e quindi assemblate in atlanti compositi. Alcune di queste carte furono però incluse, con l'assegnazione di un numero ordinale, in alcune copie della prima edizione del Civitatum aliquot insignorum et locorum magis monitorum exacta delineation cum additione aliquot Insularum principalium. Disegni di alcune più illustri città et fortezze del mondo con aggionta di alcune Isole principali di Ferrando Bertelli, edito a Venezia nel 1568. Altre invece sono note solo con il numero inciso ed incluse nella seconda edizione del libro del Bertelli, edita però da Donato Bertelli nel 1574, e nel Isole Famose.. di Giovanni Francesc … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-20 19:44:46
Natale BONIFACIO (Sebenico 1537 - ? 1592)
1568. L'immagine topografica dell'isola di Kefallina appare gravemente distorta. Basandosi sulla posizione dell'attuale capitale, oggi Argostolion, la mappa è orientata con il nord in alto. Probabilmente è basta su delle informazioni cartografiche primarie, sconosciute. Esemplare nel primo stato di tre, prima dell'aggiunta della parola "Cephalenia" nel titolo. Bibliografia: Meurer, The Strabo Illustratus Atlas, p. 96, 82; Zacharakis, A catalogue of printed maps of Greece, 204. L'eclettico incisore, acquafortista, progettista, stampatore, editore e cosmografo originario di Sebenico fu attivo a Venezia tra il 1565 e il 1574 e successivamente a Roma tra il 1575 e il 1591. A Venezia le sue opere vennero pubblicate da Camocio, Ferrando Bertelli, Luca e Donato Bertelli, Borgaruccio Borgarucci e Nelli. I suoi editori romani furono invece Lafrery, Claudio Duchetti, Lorenzo Vaccari e Nicolas van Aelst. Tra i suoi intagli in rame ricordiamo la celebre carta dell'Abruzzo e le due tavole dell'innalzamento dell'obelisco Vaticano realizzate per Domenico Fontana. Come giustamente fa notare il Meurer però il lavoro cartografico più noto del Bonifacio fu la serie delle mappe raffiguranti le isole dell'arcipelago greco, sia del Mar Jonio che dell'Egeo. Esse non sono datate e quindi è difficile assegnare una sequenza cronologica alla serie, databile al periodo 1567/68. Come tutte le carte della cosiddetta scuola lafreriana venivano stampate a se e quindi assemblate in atlanti compositi. Alcune di queste carte furono però incluse, con l'assegnazione di un numero ordinale, in alcune copie della … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-20 19:44:46
Natale BONIFACIO (Sebenico 1537 - ? 1592)
1568. L'eclettico incisore, acquafortista, progettista, stampatore, editore e cosmografo originario di Sebenico fu attivo a Venezia tra il 1565 e il 1574 e successivamente a Roma tra il 1575 e il 1591. A Venezia le sue opere vennero pubblicate da Camocio, Ferrando Bertelli, Luca e Donato Bertelli, Borgaruccio Borgarucci e Nelli. I suoi editori romani furono invece Lafrery, Claudio Duchetti, Lorenzo Vaccari e Nicolas van Aelst. Tra i suoi intagli in rame ricordiamo la celebre carta dell'Abruzzo e le due tavole dell'innalzamento dell'obelisco Vaticano realizzate per Domenico Fontana. Come giustamente fa notare il Meurer però il lavoro cartografico più noto del Bonifacio fu la serie delle mappe raffiguranti le isole dell'arcipelago greco, sia del Mar Jonio che dell'Egeo. Esse non sono datate e quindi è difficile assegnare una sequenza cronologica alla serie, databile al periodo 1567/68. Come tutte le carte della cosiddetta scuola lafreriana venivano stampate a se e quindi assemblate in atlanti compositi. Alcune di queste carte furono però incluse, con l'assegnazione di un numero ordinale, in alcune copie della prima edizione del Civitatum aliquot insignorum et locorum magis monitorum exacta delineation cum additione aliquot Insularum principalium. Disegni di alcune più illustri città et fortezze del mondo con aggionta di alcune Isole principali di Ferrando Bertelli, edito a Venezia nel 1568. Altre invece sono note solo con il numero inciso ed incluse nella seconda edizione del libro del Bertelli, edita però da Donato Bertelli nel 1574, e nel Isole Famose.. di Giovanni Francesc … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-20 19:44:46
Natale BONIFACIO (Sebenico 1537 - ? 1592)
1568. L'immagine dell'isola risulta allungata rispetto alla reale. Tuttavia le baie principali appaiono correttamente descritte. Bibliografia: Zacharakis, A catalogue of printed maps of Greece, 212. L'eclettico incisore, acquafortista, progettista, stampatore, editore e cosmografo originario di Sebenico fu attivo a Venezia tra il 1565 e il 1574 e successivamente a Roma tra il 1575 e il 1591. A Venezia le sue opere vennero pubblicate da Camocio, Ferrando Bertelli, Luca e Donato Bertelli, Borgaruccio Borgarucci e Nelli. I suoi editori romani furono invece Lafrery, Claudio Duchetti, Lorenzo Vaccari e Nicolas van Aelst. Tra i suoi intagli in rame ricordiamo la celebre carta dell'Abruzzo e le due tavole dell'innalzamento dell'obelisco Vaticano realizzate per Domenico Fontana. Come giustamente fa notare il Meurer però il lavoro cartografico più noto del Bonifacio fu la serie delle mappe raffiguranti le isole dell'arcipelago greco, sia del Mar Jonio che dell'Egeo. Esse non sono datate e quindi è difficile assegnare una sequenza cronologica alla serie, databile al periodo 1567/68. Come tutte le carte della cosiddetta scuola lafreriana venivano stampate a se e quindi assemblate in atlanti compositi. Alcune di queste carte furono però incluse, con l'assegnazione di un numero ordinale, in alcune copie della prima edizione del Civitatum aliquot insignorum et locorum magis monitorum exacta delineation cum additione aliquot Insularum principalium. Disegni di alcune più illustri città et fortezze del mondo con aggionta di alcune Isole principali di Ferrando Bertelli, edito a Venezia nel 1 … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-20 19:44:46
Natale BONIFACIO (Sebenico 1537 - ? 1592)
1568. La carta di Rodi del Bonifacio è l'unica della serie dedicate alle isole della Grecia che appare certo derivare da un' anonima mappa a stampa pubblicata nello stesso a periodo a Venezia con la data 1570. Sembra esserne una sua riduzione e semplificazione. Tuttavia il fascino dell'incisione del Bonifacio e la bellezza della stessa è notevolmente superiore. Bibliografia: Meurer, The Strabo Illustratus Atlas, p. 188, 173; Zacharakis, A catalogue of printed maps of Greece, 218. L'eclettico incisore, acquafortista, progettista, stampatore, editore e cosmografo originario di Sebenico fu attivo a Venezia tra il 1565 e il 1574 e successivamente a Roma tra il 1575 e il 1591. A Venezia le sue opere vennero pubblicate da Camocio, Ferrando Bertelli, Luca e Donato Bertelli, Borgaruccio Borgarucci e Nelli. I suoi editori romani furono invece Lafrery, Claudio Duchetti, Lorenzo Vaccari e Nicolas van Aelst. Tra i suoi intagli in rame ricordiamo la celebre carta dell'Abruzzo e le due tavole dell'innalzamento dell'obelisco Vaticano realizzate per Domenico Fontana. Come giustamente fa notare il Meurer però il lavoro cartografico più noto del Bonifacio fu la serie delle mappe raffiguranti le isole dell'arcipelago greco, sia del Mar Jonio che dell'Egeo. Esse non sono datate e quindi è difficile assegnare una sequenza cronologica alla serie, databile al periodo 1567/68. Come tutte le carte della cosiddetta scuola lafreriana venivano stampate a se e quindi assemblate in atlanti compositi. Alcune di queste carte furono però incluse, con l'assegnazione di un numero ordinale, in alcune copie de … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-20 19:14:22
PARACELSUS Theophratus
Perna Petrus, 1568. in - 8, pp. 334, bellissima legatura del XVII sec. in marocch. granata, doppia bordura e fregi in oro agli angoli dei piatti, dorso ornato, tagli dor. Seconda ediz. (I, Paris 1567), molto importante e rara, di questri scritti medici e esoterici di Paracelso. Il commento di Leone Suavio occupa le pp.147 - 335. In questo magnifico esemplare non furono inserite in fine le 32 pp. contenenti la Vita di Paracelso, l'Indice e il Catalogus Auctorum.
Bookseller: Libreria Antiquaria Pregliasco
2016-08-20 10:40:10
ERIZZO SEBASTIANO.
appresso Giovanni Varisco, et compagni, 1568. Cm. 20,3, pp. (16) 780 (4). Frontespizio interamente figurato con veduta di Venezia in basso, marchio tipografico alla carta posta dopo il colophon, capolettera istoriati, testatine xilografiche e moltissime nitide incisioni di medaglie nel testo. Solida ed elegante legatura d'inizio settecento in piena pelle, dorso a nervi con filetti in oro e titoli su doppio tassello. Sguardie marmorizzate. Minime mancanze alle cuffie, qualche antico segno con inchiostro nel testo. Esemplare in eccellente stato di conservazione, fresco e pulito. Seconda edizione di quest'opera apparsa in originale nel 1559, ma che nelle successive edizioni, compresa la presente, fu di molto ampliata ed arricchita. Cfr. Gamba (1380): "Questo libro è il primo che faccia epoca nella scienza numismatica, la cui materia venne dall'Erizzo trattata più amplamente di quella che avesse prima di lui Enea Vico...". Cfr. anche Cicognara 2832; Brunet II, 1047 e Graesse II, 498. Interessante e non comune, soprattutto in tale stato di conservazione.
Bookseller: Studio Bibliografico Benacense
2016-08-20 07:14:08
MAROZZO Achille
Pinargenti Antonio, 1568. 2 opere in 1 volume in - 4, pp. (12), 196; (8), 111, (1), legatura coeva in pergamena floscia, titolo ms. al dorso, capitelli passanti, tracce di antico sistema di chiusura. Straordinario assieme, realizzato dal primo proprietario alla metà del XVI secolo, di due dei più rari, ricercati ed importanti trattati di scherma. 1) L'opera del Marozzo comprende: titolo entro bordura architettonica, al verso del tit. si legge: ''al conte Guido Rangone A.M.S.P.D.'', segue la dedica del pittore Giulio Fontana a Don Giovanni Manriche. Adorna di 26 tavole incise in rame intercalate n.t., le cui figure sono più piccole rispetto alle precedenti edizioni, i legni originali sono stati sostituiti dalle lastre di Giovanni Battista Fontana e di Giulio Fontana, alcune delle quali vennero utilizzate anche nel ''Trattato di Scienza d'Arme'' di Camillo Agrippa. Quarta edizione; nonostante qualche innovazione nello stile dei combattimenti, il testo resta fondamentalmente il medesimo dell' Opera Nova del 1536. Il trattato del Marozzo ha il suo fondamento nei principi della scuola bolognese che dal Moncio allo Zangheri, ha dato all'Italia un esercito di schermitori e trattatisti. Dedicatario il Conte Guido Rangone, compagno del Marozzo ed allievo di De Luca. Vi attinsero molti antichi autori, tra questi l'Agrippa, il Fabris, il Morsicato. ''Il Marozzo è stato il primo a scrivere di cose di scherma con principi sufficientemente definiti e pratici; talchè, può considerarsi come il vero creatore della scherma italiana, da lui inalzata ad altissimo grado. Tutti i modi di combatt … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquaria Pregliasco
2016-08-19 20:29:58
Domenico ZENOI (Attivo tra il 1559 e il 1574)
1568. Realizzata come separata pubblicazione dalla Zenoi alle volte è inclusa in alcune copie del Civitatum aliquot insignorum et locorum magis monitorum exacta delineation cum additione aliquot Insularum principalium. Disegni di alcune più illustri città et fortezze del mondo con aggionta di alcune Isole principali di Ferrando Bertelli (1568) ed anche nella seconda edizione dell'opera curata da Donato Bertelli (1574). Domenico Zenoi fu attivo incisore e stampatore di mappe, come anche di scabrose tavole erotiche che più volte gli causarono problemi con le autorità veneziane. E' possibile che lo Zenoi, in origine alle dipendenze dello stesso Forlani, acquistò il materiale cartografico del veronese per integrarlo in qualità di editore. Tra le poche notizie certe sull'attività dello Zenoi, vi è quella della richiesta inoltrata al Senato Veneto, poi accordato nel 1566, di un privilegio per l'incisione delle stampe. The plan may have been separately published by Zenoi and it is also found in some copies of Ferrando Bertelli's "Civitatum aliquot insignorum et locorum magis monitorum exacta delineation cum additione aliquot Insularum principalium. Disegni di alcune più illustri città et fortezze del mondo con aggionta di alcune Isole principali", of 1568 as well as in the second edition of 1574 by Donato Bertelli. Venezia Venice 200 150
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-19 20:29:58
Domenico ZENOI (Attivo tra il 1559 e il 1574)
1568. Realizzata come separata pubblicazione della Zenoi, alle volte è inclusa in alcune copie del Civitatum aliquot insignorum et locorum magis monitorum exacta delineation cum additione aliquot Insularum principalium. Disegni di alcune più illustri città et fortezze del mondo con aggionta di alcune Isole principali di Ferrando Bertelli (1568) ed anche nella seconda edizione dell'opera curata da Donato Bertelli (1574). Domenico Zenoi fu attivo incisore e stampatore di mappe, come anche di scabrose tavole erotiche che più volte gli causarono problemi con le autorità veneziane. E' possibile che lo Zenoi, in origine alle dipendenze dello stesso Forlani, acquistò il materiale cartografico del veronese per integrarlo in qualità di editore. Tra le poche notizie certe sull'attività dello Zenoi, vi è quella della richiesta inoltrata al Senato Veneto, poi accordato nel 1566, di un privilegio per l'incisione delle stampe. The plan may have been separately published by Zenoi and it is also found in some copies of Ferrando Bertelli's "Civitatum aliquot insignorum et locorum magis monitorum exacta delineation cum additione aliquot Insularum principalium. Disegni di alcune più illustri città et fortezze del mondo con aggionta di alcune Isole principali", of 1568 as well as in the second edition of 1574 by Donato Bertelli. Venezia Venice 205 150
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-19 20:29:58
Domenico ZENOI (Attivo tra il 1559 e il 1574)
1568. Realizzata come separata pubblicazione dalla Zenoi alle volte è inclusa in alcune copie del Civitatum aliquot insignorum et locorum magis monitorum exacta delineation cum additione aliquot Insularum principalium. Disegni di alcune più illustri città et fortezze del mondo con aggionta di alcune Isole principali di Ferrando Bertelli (1568) ed anche nella seconda edizione dell'opera curata da Donato Bertelli (1574). Domenico Zenoi fu attivo incisore e stampatore di mappe, come anche di scabrose tavole erotiche che più volte gli causarono problemi con le autorità veneziane. E' possibile che lo Zenoi, in origine alle dipendenze dello stesso Forlani, acquistò il materiale cartografico del veronese per integrarlo in qualità di editore. Tra le poche notizie certe sull'attività dello Zenoi, vi è quella della richiesta inoltrata al Senato Veneto, poi accordato nel 1566, di un privilegio per l'incisione delle stampe. The plan may have been separately published by Zenoi and it is also found in some copies of Ferrando Bertelli's "Civitatum aliquot insignorum et locorum magis monitorum exacta delineation cum additione aliquot Insularum principalium. Disegni di alcune più illustri città et fortezze del mondo con aggionta di alcune Isole principali", of 1568 as well as in the second edition of 1574 by Donato Bertelli. Venezia Venice 205 150
Bookseller: Libreria Antiquarius
______________________________________________________________________________


      Home     Wants Manager     Library Search     563 Years   Links     Contact      Search Help      Terms of Service      Privacy     


Copyright © 2019 viaLibri™ Limited. All rights reserved.