The viaLibri website requires cookies to work properly. You can find more information in our Terms of Service and Privacy Policy.

Displayed below are some selected recent viaLibri matches for books published in 1560
2016-09-30 16:34:32
TAISNIER Jean
Richard Ioannes, 1560. in - 4, ff. 27 (i.e. 26: ripetuto f. 24), (3, manca ultimo bianco), segn. A - H4, leg. antica in cartone rustico, tit. manoscritto al dorso. Al titolo grande impresa dello stampatore raffigurante l'allegoria della fortuna; numerose iniziali istoriate e varie figure silografiche n.t. di strumenti per la misurazione delle distanze e i vari casi in cui si possono utilizzare. Seconda edizione, la prima era apparsa nel 1550, dell'opera dell'illustre matematico (nato nel 1509), fisico, filosofo e musicista. Taisnier prese parte alla spedizione di Carlo V a Tunisi, insegnò matematica a Palermo, Roma e Ferrara e negli ultimi anni di vita fu maestro di musica presso l'arcivescovato di Colonia. Scrisse anche altre importanti opere concernenti la geometria ed il magnetismo. Interessante trattato, diviso in tre libri, sulle techniche di misurazione; in fine tavola delle latitudini della città. Buon esempl. a pieni marg. (ex - libris Fumach).
Bookseller: Libreria Antiquaria Pregliasco
2016-09-30 03:21:34
[NIFO (AGOSTINO ; 1470 - 1538)]
Genova, Antonio Belloni, 1560 ; in-8, maroquin grenat, dos à nerfs, titre et ville et date en queues dorés, roulette sur les coupes, dentelle intérieure, tranches dorés (Delance père) ; 132 ff. y compris le titre avec sa grande marque qui représente Bellone, déesse de la guerre, qui tient une lance dans la main droite et à la gauche un écu ; devises : "Humile non per paura", et sur le fronton : "Et gaudet Bellona libellis" ; caractères italiques ; sign. : [fleuron]8, a-o8, p12.Edition originale très rare de la traduction en italien de cet ouvrage sur les courtisans paru en latin. Le nom du traducteur, Francesco Baldelli est cité dans la dédicace (f. 2 verso). Philosophe scolastique, Agostino Nifo professa avec un grand succès à Naples, à Padoue, à Rome (1513), où il reçut le titre de comte palatin, à Pise, à Bologne, enfin à Salerne ; c'est avec talent qu'il amusait par ses contes et ses bons mots et cette faculté lui avait procuré l'accès auprès des grands seigneurs et des dames qu'il divertissait. Malgré cette carrière remarquable, Agostino Nifo reste un philosophe méconnu, il est cependant l'objet, depuis quelques années, de recherches et d'études des milieux universitaires anglo-saxons en relation avec l'étude de la pensée aristotélicienne en Italie aux XVe et XVIe siècles. Cet ouvrage est une satire sur les courtisans et les moeurs de son temps. Bel exemplaire. Port et assurance inclus pour tout envoi en France Métropolitaine (sauf mention contraire).
Bookseller: Librairie Ancienne Clagahé [France, Lyon]
2016-09-29 19:10:00
Avicenna (Ibn Sina)]. Arcolani, Giovanni.
Bookseller: Antiquariat INLIBRIS Gilhofer Nfg. GmbH [Vienna, A, Austria]
2016-09-29 19:10:00
Avicenna (Ibn Sina)]. Arcolani, Giovanni.
Bookseller: Antiquariat INLIBRIS Gilhofer Nfg. GmbH [Vienna, A, Austria]
2016-09-29 19:10:00
Avicenna (Ibn Sina)]. Arcolani, Giovanni.
Bookseller: Antiquariat INLIBRIS Gilhofer Nfg. GmbH [Vienna, A, Austria]
2016-09-29 19:10:00
[Avicenna (Ibn Sina)]. Arcolani, Giovanni
Venice, heirs of Lucantonio Giunta, 1560. Folio (240 x 354 mm). (18), 191 ff. (without final blank). Printer's device on title page and, in a different version, on the last page. Contemporary cardboard binding with marbled spine and ms. label. Stored in custom-made cloth-and-paper slipcase. First issue under this title, previously released as "Expositio in primam fen quarti canonis Avicennae" (1506). A commentary (with the text, in the version of Gerardus Cremonensis) of book four, part (fen) one of Avicenna's systematic "Canon of Medicine", written in Arabic but widely translated throughout the Middle Ages and the basis of medical training in the West as late as the mid-17th century. It continues in use to this day in parts of the Arab world. Through this encyclopedic work, the author exerted "perhaps a wider influence in the eastern and western hemispheres than any other Islamic thinker" (PMM). "The 'Qanun' [.] contains some of the most illuminating thoughts pertaining to distinction of mediastinitis from pleurisy; contagious nature of phthisis; distribution of diseases by water and soil; careful description of skin troubles; of sexual diseases and perversions; of nervous ailments" (Sarton, Introduction to the History of Science). The present part is dedicated to a discussion of feverish illnesses. - 18th century ownership "Manhem" on title page. Some brownstaining throughout, as common; some waterstains near end; occasional inkstains and marginal annotations. An untrimmed, comparatively wide-margined copy. Edit 16, CNCE 2345. Adams A 1541. Durling 245. Cf. Wellcome I, 38 … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Antiquariat Inlibris, Gilhofer Nfg. GmbH [Austria]
2016-09-27 14:12:27
Anonimo
1560. "Acquaforte e bulino, circa 1550/60, priva di dati editoriali. Magnifca prova, ricca di tomi, impressa su carta vergata coeva con filigrana ""mano con fiore e numero 3"" (simile a Briquet 11386), rifilata al rame, in ottimo stato di conservazione. L'opera non è presente in nessuno dei repertori consultati. Stilistiacemente si tratta di un autore di scuola fiamminga, non identificato. A conferma anche la carta sulla quale è stampata l'incisione, descritta da Briquet, nelle numerosissime varianti, come carta delle Fiandre databile tra il 1540 ed il 1560. Molto rara." "Etching with engraving, circa 1550/60, without printing details. A great impression, printed on contemporary laid paper with ""hand with flower and number 3"" watermark (close to Briquet 11386), trimmed to the platemark, very good conditions. The work is not present in any literature consulted. Stylistically is an author of the Flemish school, not identified. The paper on which it is printed the etching, described by Briquet, in numerous variations, such as paper Flanders dated between 1540 and 1560. Very rare." Non descritta. 180 240
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-27 11:50:39
LUTHER, Martin.
De l'Imprimerie, 1560, 1 volume de 100x155 mm environ, (10) ff. ( titre, préface), 778 pages, (8) ff. (indice), (1) f., plein vélin crème. Quelques annotations anciennes à l'encre, des passages soulignés au crayon à papier, quelques plis sur le cuir et début de fente sur 2 coiffes, petits trous de ver dans la marge interne, manque une partie de la page de titre, bon état pour le reste. Martin Luther, né le 10 novembre 1483 à Eisleben, en Thuringe (Allemagne) et mort le 18 février 1546 dans la même ville, est un moine augustin allemand, théologien, professeur d'université, père du protestantisme et réformateur de l'Église dont les idées exercèrent une grande influence sur la Réforme protestante, qui changea le cours de la civilisation occidentale.
Bookseller: Librairie Diogène
2016-09-25 19:46:16
PELETIER, JACQUES.
Paris, G. Cavellat, 1560. 4to. 4 nn. Bl., 62 num. Bl., 6 nn. Bl., Titel mit Holzschnitt-Druckermarke. Mit Holzschnittinitialen und einigen geometrischen Diagrammen. Moderner Halbpergament. Erste lateinische Ausgabe. - Provenienzexemplar aus der Bibliothek des Königsberger Mathematikers und Astronomen Albert Linemann (1603-53) mit Besitzeintrag auf dem Titel ("Donum M. Georgii Mylii", des Königsberger Theologen) und einer (wohl eigenhändigen) längeren Marginale auf Bl. Q1 verso. - Zuerst 1554 unter dem Titel 'L'Algebre' veröffentlicht. Mit seiner Algebra entspricht der französische Humanist Peletier, beeinflußt von Michael Stifels 'Arithmetica integra' (1544), ganz dem starken mathematischen Interesse der Zeit - wofür auch die lateinische Übersetzung spricht, war doch erst mit ihr das Werk für die europäischen Gelehrten wirklich nutzbar. - Adams P 583; Sotheran 13080; DSB X, 494; Tchemerzine IX, 150. - Stockfleckig u. leicht gebräunt, teilw. etwas wasserrandig. Titel mit kleinen teils gelöschten Vermerken. [Attributes: First Edition]
Bookseller: Buch & Consult Ulrich Keip [Berlin, Germany]
2016-09-24 22:01:48
ANNIBALDO ANNIBALDI.
Vincentius Luchinus, 1560. Cm. 20,5, cc. (54) 373 (1). Grande marchio tipografico al frontespizio e parecchi capolettera istoriati. Legatura strettamente coeva in pergamena molle con titoli manoscritti al dorso. Prima sguardia mancante ed uno strappetto al margine basso bianco dell'ultima carta. Esemplare complessivamente genuino e ben conservato.
Bookseller: Studio Bibliografico Benacense
2016-09-23 22:08:28
CIECA de Leone Pietro (Pedro CIEZA de Leon)
per Francesco Lorenzini da Turino, 1560. In-16 p. (mm. 152x102), p. pergam. molle coeva con unghie, tit. ms. al dorso, 11 cc.nn., 1 c.b., 219 cc.num., 1 c.b., marca tipografica al frontespizio, ornato da alcune belle testatine e grandi iniz. figur. a vignetta, inc. su legno. Cfr. Brunet,II,67: "Ouvrage rare; il devait avoir quatre livres, mais le premier seul a paru" - Palau,II,198 che cita le varie ediz. e traduzioni, a partire dalla prima spagnola (Sevilla, 1553). Tra i primi esploratori della Colombia, Pedro Cieza de Leon (1518-60) arrivò in Perù attorno al 1550, e proprio in quell'anno venne nominato "Crónista de Indias" per conto della corona spagnola. In tale veste iniziò la redazione della prima parte delle Historie, ai fatti l'unica che abbia visto la luce.. L'opera è pregevole per essere il frutto di una commistione di fonti diverse: l'Autore attinse a documenti archivistici regi sui possedimenti peruviani ma si basò anche sulle versioni fornite dagli indigeni; inoltre, riportandone i nomi, egli produsse pure un importante documento antropologico. Nella versione italiana l'opera uscì completata dalla traduzione della storia delle Indie realizzata da Francisco Lopez de Gòmara. Cfr. Sabin, 13052: "One of the most remarkable literary productions of the age of Spanish Conquest in America" - The Hill Collection of Pacific Voyages,297. Macchia su 5 cc., altrim. esemplare ben conservato.
Bookseller: Libreria Antiquaria Malavasi
2016-09-18 18:45:25
MELANCHTHON (Philipp)
1560 1In-8, plein cartonnage vélin ivoire à la Bradel, titre doré, daté en pied (rel. moderne Devauchelle), 167 f., (1) f. blanc [sign. A-X8], lettrines sur bois et culs-de-lampe, qqs. auréoles claires, cachet clair au titre. Vitebergae [Wittenberg], excudebat Johannes Luft, 1560. Edition originale de lun des derniers ouvrages de Melanchthon, publié à son retour à Wittenberg quelques mois avant sa mort.Conçu dans un but pédagogique, ce recueil contient plusieurs "petits traités utiles" et d'importantes pièces de controverses, offrant un véritable compendium destiné à diffuser les nouveaux principes issus de la Réforme en matière de dogme et de liturgie. Fruit de toute lattention son attention, Melanchthon consacra ainsi plusieurs de ses derniers travaux à élaborer des "manuels" demeurés en usage pendant plus de deux siècles.(Adams, M-1165. H.E. Bindseil, 'Bibliotheca Melanthoniana', n°297C, p.16).Quelques auréoles claires, pet. gal de vers sans atteinte au texte en marge intérieure des f. 70-89.Signature ex-libris et trace de cachet au titre.Bon exemplaire, bien relié.
Bookseller: Librairie Hatchuel, Livres anciens et ra
2016-09-17 11:07:42
VIRGILE
Lyon, Jean de Tournes, 1560. In-4 en plein vélin ivoire de l'époque à recouvrement 230 x 152 mm. In-4 de (1) f.bl., 666 pp., (5) ff. pour le privilège, la marque de l'imprimeur, l'errata, (1) f.bl. Relié en plein vélin ivoire de l'époque à recouvrement, grand médaillon frappé à froid au centre des plats, dos lisse orné du titre manuscrit en tête et de la date en queue, lanières de tissu. Reliure de l'époque. PREMIERE EDITION FRANÇAISE COMPLETE DE CETTE TRADUCTION POETIQUE DE L'ENEIDE entreprise à la demande du cardinal de Lorraine par Louis Desmasures, son protégé. Brunet, V, 1301 ; Cartier, De Tournes, 467 ; Mortimer, Harvard French, 540 ; Brun, Le livre français illustré, 312. AVANT LA DEDICACE FIGURE UN POEME DE DU BELLAY TRES LOUANGEUR DE CETTE VERSION FRANÇAISE DE L'ENEIDE : « Autant comme lon peult en un autre langage Une langue exprimer, autant que la nature, Par l'art se peut monstrer, & que par la peinture On peult tirer au vif un naturel visage ; Autant exprimes-tu, & encor d'avantage Avecques le pinceau de ta docte escriture La grâce, la façon, le port & la stature, De celuy qui d'Enée ha descrit le voyage. Ceste même candeur, cette grâce divine, Ceste mesure douceur & majesté latine Qu'en ton Virgile on void, c'est celle mesme encore, Qui Françoise se rend par ta celeste veine... » TRES BELLE EDITION, ADMIRABLEMENT IMPRIMEE EN ITALIQUES, AVEC LE TEXTE LATIN EN MARGE, EN REGARD, EN PLUS PETITES ITALIQUES. Le titre est orné du grand encadrement cintré d'arabesques que de Tournes avait inauguré en 1555 avec la « Cyropédie » de Xénophon. L'ICONOGRAPHIE, SUPERBE, SE … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Librairie Camille Sourget [France, Paris]
2016-09-15 10:54:53
Gabriele SIMEONI
1560. Lyon, Guillaume Rouille, 1560. In-8 relié en parchemin écrit en rouge et noir avec lettrine. Titre orné d'une vignette, 230 pages, un feuillet blanc, 7 feuillets non chiffrés et un feuillet blanc. Lettrines, 58 bois gravés dans le texte (dont un du château de Polignac) et une planche hors texte. Quelques mentions manuscrites en page de titre, cachet de bibliothèque, explication et signature de la dite bibliothèque concernant la revente de ce volume. Petit manque au bas de la page de titre et du premier feuillet. Sans la carte, néanmoins bel exemplaire de cette édition originale peu courante.
Bookseller: Librairie Artgil
2016-09-15 10:54:53
Gabriele SIMEONI
Lyon, Guillaume Rouille, 1560. In-8 relié en parchemin écrit en rouge et noir avec lettrine. Titre orné d'une vignette, 230 pages, un feuillet blanc, 7 feuillets non chiffrés et un feuillet blanc. Lettrines, 58 bois gravés dans le texte (dont un du château de Polignac) et une planche hors texte. Quelques mentions manuscrites en page de titre, cachet de bibliothèque, explication et signature de la dite bibliothèque concernant la revente de ce volume. Petit manque au bas de la page de titre et du premier feuillet. Sans la carte, néanmoins bel exemplaire de cette édition originale peu courante. Livres [Attributes: First Edition; Hard Cover]
Bookseller: LIBRAIRIE GIL-ARTGIL SARL [RODEZ, France]
2016-09-10 23:19:27
ARISTOTLE.
Florence: the Giuntas,, 1560. Small quarto (238 x 175 mm), ff. 69, [5] appendix. Early 19th-century English brown morocco by Charles Lewis, with the leather ticket of his shop to the front pastedown, spines with small gilt devices between low double bands ruled in gilt and black, sides with two panels formed with a single gilt fillet with a black rule either side, the front panel lettered in gilt at head and foot, large leaf-spray tools at corners, vellum endpapers. Woodcut vignette on title, 7-line historiated opening initial, decorative woodcut initials in Greek characters, woodcut head pieces. Text in Greek with second part of title and preliminary material in Latin; final [10] pages in Latin and Greek. Some surface stripping to leather on front cover, headcap gone, paper restoration to upper margin of third leaf not affecting text, some slight marks internally, overall excellent; an untrimmed copy, preserving the original margin width of the harmonious page layout. Second Giunta printing of the Nicomachean Ethics, in the edition of the Florentine humanist Piero Vettori (Petrus Victorius; 1499?1585), first printed in 1547. Vettori's was the earliest philological treatment of the Nicomachean Ethics. His scholia, printed as an appendix, were based on his careful collation of manuscripts, retranslation of older Latin versions back into Greek, and text-critical use of the original Greek commentators. His procedure was strongly influential on other sixteenth-century scholars. The binding has the small leather ticket of Charles Lewis (1786?1836), who was "unquestionably London … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Peter Harrington
Check availability:
2016-09-08 17:29:29
Giulio BONASONE (Bologna circa 1500 - Roma circa 1580)
1560. "Bulino, circa 1560, firmato in lastra in basso a destra. Da un soggetto di Raffaello. Bellissima prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana "corona sormontata da una stella", rifilata al rame su tre lati, con margini in altro. La stampa è tratta dal disegno preparatorio per il dipinto di Raffaello raffigurante la Sacra Famiglia eseguito nel 1506 per Domenico Canigiani, ora conservato alla Pinacoteca di Monaco. L'ipotesi è confermata da restauri recenti del dipinto, che hanno riportato alla luce gli angeli nel cielo. L'incisione è databile al 1560, in base alla complessa qualità del sistema grafico articolato attraverso gradazioni equilibrate di penombre e riflessi. Scarse le notizie biografiche sul Bonasone; i termini cronologici della sua attività sono il 1531 e il 1574, date che figurano nelle sue stampe. Dal nome degli editori - calcografi che a un certo punto sono romani (Salamanca, Barlacchi, Lafréry), si può dedurre che fu a lungo a Roma, ma certo ritornò a Bologna, dato che nel 1556 vi è citato come membro della compagnia delle Arti. L'attività di disegnatore e incisore del Bonasone è caratterizzata da un acceso desiderio di appropriarsi di tutto ciò che lo circonda con risultati ineguali e spesso contraddittori: nessuno fu così vario, incoerente eppure mosso da grandi aspirazioni come lui. Egli si dimena, tra una riproduzione e l'altra, per dar vita ad un suo mondo, cioè per ""inventare"", ma il più delle volte non riesce che a ""imitare"" e finisce col dichiararlo, facendo dell'imitazione il suo ideale. Rara opera." "Engraving, about 1560, signed o … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-07 01:01:32
BERTELLI FERRANDO
1560 c.. Copper engraving, mm 250 x 198. Rare "Lafreri - school" map of Minorca, printed as a separate work and published by Ferrando Bertelli, a leading publisher in the venetian map market of the period. This is one of the earliest separate printed maps of Minorca, if not the earliest. The map is engraved in reverse, with 'Cittadella' on the east coast of the island, and 'P. Mangno' (Mahon) on the west, a common mistake made. The author of the drawing is unknown. From a set of maps of islands of the western Mediterranean. project started in the early '60. Some copies of the map exist: one has been printed in Rome and bears the address of Claude Duchert, another is anonymous and quite approximate. Very good condition with original wide margins, very often cut. Tooley, Maps in Italian Atlases, 391; Meurer, The Strabo illustrates atlas, 80
Bookseller: Libreria Antiquaria Perini s.a.s.
2016-09-06 18:04:17
Donato BERTELLI (Attivo a Venezia seconda metà del XVI secolo)
1560. Acquaforte e bulino, circa 1560, monogrammata in lastra in basso al centro. Magnifica prova, ricca di toni, impressa su carta vergata coeva con filigrana "giglio entro cerchio", irregolarmente rifilata al rame, in ottimo stato di conservazione. Donato Bertelli era stampatore, editore calcografico e cartografico, mercante di stampe a Venezia in Merzaria, "all'insegna di S. Marco". Noto certamente a Padova, dal momento che si sottoscrisse "Donatus Bertellius patavinus", nel 1558 si firmava "Donato de Piero", in seguito più comunemente "Donato Bertelli libraro". I limiti dell'attività del Bertelli, comunemente fissati tra il 1563 e il 1574, possono essere dilatati, sulla scorta delle carte da lui edite, al 1558 - 1592. Nell'anno 1559 frequentava la bottega di Ferdinando Bertelli, col quale non sono chiari i rapporti di parentela; da lui ereditò i rami sostituendovi il suo nome, e in data 1 aprile 1571 fu iscritto alla matricola dell'Arte degli stampatori. Suo successore "alla Libraria di S. Marco" fu Andrea, attivo fra il 1594 e il 1601, che non sempre utilizzò i vecchi rami di Donato. L'opera, non descritta in nessuno dei repertori consultati, è rarissima. Etching and engraving, circa 1560, monogrammed in plate lower center. Magnificent proof, rich tone, printed on contemporary laid paper with watermark "lily within the circle", irregularly trimmed to copper, in excellent condition. Donato Bertelli was printer, publisher and map & print dealer in Venice Merzaria, "all'insegna di S. Marco". Certainly known in Padua, since it is signed "Donatus Bertellius Patavinus", in 1 … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-05 14:51:55
BERTELLI FERRANDO
1560 c.. Copper engraving, mm 260 x 195. Rare "Lafreri - school" map of Maiorca, printed as a separate work and published by Ferrando Bertelli, a leading publisher in the venetian map market of the period. The map is, like the Minorca map, quiet approximate with the town of Palma, called Maiorca, located on the east coast. The author of the drawing is unknown. From a set of maps of islands of the western Mediterranean. project started in the early '60. Very good condition with original wide margins, very often cut. Tooley, Maps in Italian Atlases, 355; Meurer, The Strabo illustrates atlas, 81.
Bookseller: Libreria Antiquaria Perini s.a.s.
2016-09-05 11:56:33
BRASAVOLA, Antonio Musa (1500 - 1555)
apud Sebastianum Barptolomaei Honoratum, 1560. In 16°, pp. 708 [10]. Marca tipografica sul frontespizio (vaso che annaffia fiori). Leg. pergamena semifloscia di epoca legg. successiva. Piccole mancanze al margine esterno del frontespizio, per il resto buon esemplare. Antica nota di possesso manoscritta a pag. 708, ultima di testo: Ex libris D. Io. Baptae. Marzoli. Titolo calligrafato sul taglio inferiore. Terza edizione (la prima del 1551). Antonio Musa Brasavola, ferrarese, fu il medico di Papa Paolo III, di Francesco I di Francia, Carlo V e di Enrico VIII d'Inghilterra. E' conosciuto anche per essere stato il primo ad eseguire una tracheotomia. Attraverso i suoi studi sui testi greci reintrodusse nella pratica medica l'uso di un certo numero di piante dimenticate.
Bookseller: Libreria antiquaria Atlantis
2016-09-04 13:06:12
Philippe GALLE (Haarlem, 1537; Anversa, 12 o 29 Marzo 1612)
1560. Bulino, 1560 circa?, sul piedistallo nell'immagine "Franciscus Floris inventor/Hieronimus Cock excudebat/ Cum gratia, et privilegio", più in basso, su una pietra "Philippus Galle / fecit". Nel margine inferiore, l'iscrizione latina "Cuius Praecepto fily sui immolationem parabat Abraham, eiusdem voluntate vivum servavit. O admirabile dei consilium!". Da un soggetto di Frans Floris. Magnifica prova, ricca di toni, impresa su carta vergata coeva, rifilata al rame, piccoli strappi perfettamente resyaurati, per il resto in buono stato di conservazione. L'incisione deriva da un dipinto di Frans Floris che raffigura il Sacrifico di Isacco, narrato nel Libro della Genesi (22:1 - 19). La scena mostra il momento in cui Abramo, obbiente al comando di Dio, sta per sacrificare il figlio Isacco, ma la sua mano viene fermato da un Angelo inviato dal Signore che gli indica un ariete da immolare al posto del figlio. Zani annotava che Vasari erroneamente attribuisce l'incisione a Girolamo Cock. Engraving, 1560 circa?, lettered in the image "Franciscus Floris inventor/Hieronimus Cock excudebat/ Cum gratia, et privilegio" and, on the right "Philippus Galle / fecit". In lower margin, Latin inscription "Cuius Praecepto fily sui immolationem parabat Abraham, eiusdem voluntate vivum servavit. O admirabile dei consilium!". After a subject by Frans Floris. A very good impression, printed on contemporary laid paper, trimmed to the paltemark, small paper folds, otherwise in good conditions. The scene is based on Genesis 22: 1 - 19, and depicts the moment when Abraham, about to sacrifice his son … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-02 21:18:56
Jacques Androuet du CERCEAU (Parigi circa 1520 - Ginevra 1586 circa)
1560. Acquaforte circa 1560, priva della firma. Della serie I soffitti di Fontainebleau. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva priva di filigrana, con margini, in eccellente stato di conservazione. Rara. Etching, 1560 approx., not signed. Form the series I soffitti di Fontainebleau. Excellent work, printed on contemporary laid paper without watermark, with margins, in very good condition. Rare. Primatice Maitrè de Fontainebleau pp. 93,153, 318, 412, The French Renaissance in Prints pp. 157, 366/379. 235 170
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-02 21:18:56
Jacques Androuet du CERCEAU (Parigi circa 1520 - Ginevra 1586 circa)
1560. Acquaforte circa 1560, priva della firma. Della serie I soffitti di Fontainebleau. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva priva di filigrana, con margini, in eccellente stato di conservazione. Rara. Etching, 1560 approx., not signed. Form the series I soffitti di Fontainebleau. Excellent work, printed on contemporary laid paper without watermark, with margins, in very good condition. Primatice Maitrè de Fontainebleau pp. 93,153, 318, 412, The French Renaissance in Prints pp. 157, 366/379. 235 170
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-01 15:44:29
PIUS IV, Papa (1559 - 65)
apud Antonium Bladum Impressorem Cameralem, 1560. In 4°, cc. (16). Sul frontespizio emblema allegorico raffigurante il Papa a cavallo. Al verso della carta C la riproduzione xilografica di un grande sigillo tondo papale. Pergamena floscia dell'epoca, leggermente ristretta. Lunghe note manoscritte coeve sul verso della carta D2 e sulla carta di guardia posteriore. Una delle varianti della prima edizione della bolla con cui venne il Collegio dei Cavalieri Pii, creato dal pontefice Pio IV nel 1559. Esemplare diverso dalle altre copie descritte dall'OPAC - SBN. Il testo è stampato su 16 carte invece di 24, ma è completo in tutte le sue parti. della variante C, l'indicazione dello stampatore sul frontespizio contiene l'aggiunta della qualifica "impressorem cameralem", come nella variante C descritta dall'SBN, infine, nella vignetta xilografata sul frontespizio, mancano i guerrieri che affrontano il Papa, la spada nel pugno dello stesso e l'emblema mediceo presente nelle altre varianti.
Bookseller: Libreria antiquaria Atlantis
2016-08-30 18:49:57
Andrea MELDOLLA detto lo Schiavone (Zara [oggi Zadar], 1510 - Venezia, 1 Dicembre 1563)
1560. Xilografia, circa 1560, priva di firma. Bellissima prova, ricca di toni, impressa su carta vergata coeva priva di filigrana, completa della linea marginale, piccoli fori di tarlo perfettamente restaurati, per il resto in ottimo stato di conservazione. L'opera è sconosciuta alle bibliografie e può essere riconducibile ai lavori di scuola veneta di metà XVI secolo. Tiziano, intuendo la grande potenzialità della silografia nella traduzione dei suoi disegni e delle visioni più audaci, affidò ad un gruppo di artisti - composto tra gli altri da Domenico Campagnola, Nicolò Boldrini, Giovanni Britto e Giuseppe Scolari - la realizzazione di questi "disegni intagliati in legno". Andrea Meldolla, già allievo e traduttore al bulino del Parmigianino, è autore certo di tre silografie, diverse per loro nello stile esecutorio. Il Cristo Deriso e la Sepoltura di Cristo presentano eleganze di modi ed una chiarezza lineare che derivano dall'influsso esercitato dall'arte del Salviati, mentre lo Sposalizio mistico di Santa Caterina mostra il vigore di alcune silografie giovanili di Domenico Campagnola. Il tema del Cristo di fronte a Pilato è il più ricorrente nel catalogo maturo del Meldolla; ne esistono, infatti, quattro versioni pittoriche diverse, divise fra le Gallerie dell'Accademia di Venezia, il Museo nazionale di Stoccolma, le Royal Collections di Hampton Court e il Kunst¬historisches Museum di Vienna. A questa serie si può idealmente affiancare il Cristo davanti a Erode del Museo di Capodimonte. Il Meldolla rinforzò qui l'impianto chiaroscurale, insistendo su uno sfondo buio e su … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-29 09:09:37
Battista ANGOLO del Moro (Attivo a Verona e Venezia nella seconda metà del XVI secolo)
1560. "Attribuita a Giovan Battista Angeli. Acquaforte e bulino, databile alla seconda metà del XVI secolo, priva di dati editoriali. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana ""cerchio con stella"", rifilata al rame o con sottilissimo margine, in perfetto stato di conservazione. L'opera viene da noi attributa all'artista veronese, per evidenti mortivi stilistici. Non descritta in nessuna delle bibliografie consultate." " Ascribe to Giovan Battista Angeli. Etching and engraving, second half of the XVI century, A great impression, printed on contemporary laid paper wit ""circle with star"" watermark, trimmed to the platemark or with thin margins, very good condition. We ascribed for stylistic reasons this work the the Veronese artist. Work not descibed by literature." Non descritta. 203 278
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-28 19:49:40
Giovanni Battista e Melchiorre Sessa, 1560. In 8vo (cm 15,3), legatura inglese dei primi del Novecento in piena pelle con elaborate impressioni a secco, risguardi in carta marmorizzata (parte superiore del dorso e cerniere restaurate), cc. 122, (2). Frontespizio con fregio tipografico e marca editoriale al centro. Ex - libris a stampa di William Wickham. Titolo un po' sporco, ma ottima copia annotata nel margine da almeno due mani differenti.PRIMA EDIZIONE, curata da Lodovico Domenichi e da questi dedicata al gentiluomo genovese Matteo Montenegro in data 1 aprile 1560, delle lettere volgari di Paolo Giovio.Dopo la morte di quest'ultimo, il Domenichi si diede a raccogliere l'epistolario in italiano del suo defunto maestro e, grazie anche alla collaborazione del nipote Giulio Giovio, riuscì a pubblicarne una buona parte.Le presunte edizioni del 1548 e del 1555 sono in realtà  l'edizione del 1560 con date di stampa erronee.Le lettere del Giovio apparvero copiosamente anche in varie antologie epistolari del tempo «a partire dall'antologia dell'Atanagi del 1554, in quella ruscelliana del 1556, nelle Lettere facete del 1561» (L. Braida, Libri di lettere. Le raccolte epistolari del Cinquecento tra inquitudini religiose e "buon volgare"?, Bari, 2009, p. 199).Dopo gli studi compiuti a Pavia e Padova sotto la guida di P. Pomponazzi, Paolo Giovio esercitò la professione medica a Como, sua città  natale, ma ben presto preferì dedicarsi, seguendo la sua vera vocazione, alla raccolta di notizie e documenti storici. Viaggiò molto per l'Italia e per l'Europa. Nel 1513 fu alla corte di Leon … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Govi Alberto
2016-08-27 08:07:52
BRUYERIN CHAMPIER Jean Baptiste
Honorat, Sebastien, 1560. in - 8, pp. (24), 1129 (i.e. 1131), (5, ultimi 2 ff. bianchi). Legatura coeva in pergamena floscia (cerniere restaurate). Impresa silogr. dello stampatore al titolo, testatine e numerose iniziali istoriate o ornate n.t. Prima edizione, assai rara, di questo importante trattato gastronomico, che descrive qualità nutrizionali, particolarità di ogni alimento e ricette per cucinare. ''Cet ouvrage est divise' en 22 livres, dans lesquels l'auteur passe en revue toutes les espèces d'aliments, dont chacun fait le sujet d'un chapitre. Il y ressemble les avis des anciens auteurs.. y compare les différents usages, surtout ceux des Français, et y ajoute beaucoup de choses .. sur la manière de vivre et les moeurs de ses contemporaines'' (Michaud, VI, p. 178). Jean - Baptiste Bruyerin Champier fu medico di Enrico II Re di Francia, tradusse Averroè e scrisse quest'opera verso il 1530. Esemplare assai buono, con ampi margini (uniformi bruniture della carta).
Bookseller: Libreria Antiquaria Pregliasco
2016-08-23 12:17:27
VICO Enea.
s.n. [ma Paolo Manuzio], 1560. in - 4 antico, pp. 130, (14), leg. antica m. pelle con tit. e fregi oro al d., piatti in cart. dec., angoli, tagli color. Magnifico front. interamente inc. in rame, altra tav. in rame con il ritr. di Giulio Cesare precede la pag. 9, una terza tav. in rame con gli utensili sacrificali tra le pp. 76 e 77. Con 8 pagine di tavv. inc. in rame raffiguranti monete antiche. La pag. 130 è costituita dall'errata cui sono aggiunte 2 righe manoscritte di calligrafica antica; al verso di questa carta compare l'ancora aldina in xilogr. Prima rara ediz. Conformemente alla descrizione del Renouard solo alcune copie presentano anche delle incis. in rame n.t. che raffigurano le monete e sono state incollate successivamente: la nostra è una di queste copie. Una delle ultime opere impresse a Venezia prima del trasferimento della stamperia a Roma. Renouard p. 181: "Cette edition et celle de 1562 n'en sont qu'une, sans autre changement que deux II ajoutés à la date, sur la planche gravée du titre. On trouve plus d'exemplaires de 1562 que de 1560". BMSTC p. 723. Bassoli p. 10. Adams V - 637. Cerniera legg. allentata ma belliss. esempl. ad ampi margini. [085]
Bookseller: Studio Bibliografico Scriptorium
2016-08-23 08:43:47
HANAPES Nicolas de
Apud Claudium Fremy, 1560. - Apud Claudium Fremy, Parisiis 1560, In - 12 (7,5x12,6cm), (16) 542pp., relié. - Nuova edizione dopo la prima edizione dal 1477. Bound in piena marocco XVII rosso, straniero, forse italiano. Indietro con i nervi decorato con 4 fiori di giglio e fogliame. dorato. fregio Encadrmenet in piano con quattro torri angolari, certamente mobili armi. Wormholes sul retro e lungo la mascella superiore. Attrito. Torna un po 'assottigliato. bagnare margine traccia e angolare su molti livelli. - [FRENCH VERSION FOLLOWS] Nouvelle édition après l'édition princeps de 1477. Reliure en plein maroquin rouge fin XVIe ou début XVIIe, étrangère, peut - être italienne. Dos à nerfs orné de 4 fleurs de lys et de feuillages. Titre doré. Frise d'encadrmenet sur les plat avec 4 tours angulaires, certainement des meubles d'armes. Trous de vers sur le dos et le long du mors supérieur. Frottements. Dos légèrement éclairci. Trace de mouillure en marge et angulaire sur de nombreux feuillets. Un des plus célèbres livres d'exempla du Moyen Âge, composé entre 1260 et 1278 par Nicolas de Hanapes (ou Hanappes) sur les vices et les vertus, extrait presque exclusivement de la Bible. Le livre était destiné, à l'instar de nombreuses oeuvres formant la littérature de l'exemplum aux prédicateurs qui trouvaient là une matière toute prête pour leurs sermons, l'exemplum étant un récit bref illustrant une vertu ou morale ; l'exemplum fonctionnant par induction, le cas particulier devenat l'exemple, le modèle à imiter.  Le livre eut durant plusieurs siècle un tel succès qu'on le surnomma "la Bibl … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Librairie Le Feu Follet
2016-08-22 20:21:28
EUTROPE
apud Hyeronimum de Marnef, sub Pelicano, 1560. - apud Hyeronimum de Marnef, sub Pelicano, Parisiis (Paris) 1560, Un Vol. in 16 (7,5x12cm), 259pp.(1bc) (36), relié. - Storie romane sembrano aver apparso per la prima volta con annotazioni Paolo Diacono nel 1471 a Roma, in Folio. La BN della Francia e della British Library hanno questo incunaboli edizione, ma non la nostra, che siamo riusciti a trovare in cataloghi elettronici. Marchio di pellicano di stampa a pagina tempo titre.Plein Vitello. Torna lavorato sollevato 4 cimette; RETI tappi freddo. Piatti con un disegno geometrico. Cornici freddo formano un rettangolo centrale con quattro gioielli pennacchi. Alcune attività. Jolie Renaissance.Eutrope vincolante vissuto nel IV secolo. Il Compendio di Storia Romana, in dieci libri, che vanno dalla fondazione di Roma alla fine del regno dell'imperatore Gioviano (364). Questo è uno stile narrativo chiaro e semplice, composta per l'istruzione dell'imperatore Valente, a quanto pare. era uno storico romano durante il regno di imperatori Costantino I, Giuliano, Gioviano, Valentiniano I, Valente, Graziano e Teodosio. Ha frequentato la spedizione fatta contro il gioviano Perses.Paul Diacono (720 / 730 - 797) è nato in Friuli Lombardia, rimarrà alla corte di Carlo Magno, verrà come un monaco a Montecassino nel 774 Historiographe Longobardi e gli autori una storia dei vescovi di Metz e di una vita di Papa Gregorio. Era anche un teologo e poeta. - [FRENCH VERSION FOLLOWS] Les histoires romaines semblent avoir paru pour la première fois avec les annotations de Paul Diacre en 1471 à Rome, in … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Librairie Le Feu Follet
2016-08-22 19:34:22
Antonio LAFRERI (Salins, Giura 1512 - Roma 1577)
1560. Sicilia Insularum Omnium cut inquit Diodorus optima et Mediterrane Maris maxima; frumenti, vini, olei, aquarum / salubrium, omnis generis fructuum, et aliarum rerum usni / humano necessarium fertilissima; Antiquitus Pop. Rom. horreum / dicebatur. Habet in circumitu millia passuum DCC. olim Tri= / nacria appellata est, quod tria acra, hoc est tria cacumina / habeat, Nam tribus promontoriis in diuersa procurrit, quorum / qui in meridiem uergit Pachynus, alter, qui ad Septentrionem / Spectat Italiam uersus, Pelorus, Tertius, qui uersus Africam / est, lilybeus superioribus aetatibus nominabatur. Nunc a Siculo / Neptuni filio Sicilia nominatur. In ea sunt celeberrimæ Vrbes / Messana et Panbormus Metropoles, Monsregalis Archiepiscopalis / Syracusæ, cathania, et Agrigentum Episcopales. Qua' omnia / longe diligentius in hac pagella, quam unquam hactenus fuerint / excusa sunt. Ad communem quoque studiosorum vtilitatem, omnium / Siciliæ locoru[m] nomina tam antiquis, quam recentioribus / saeculis usurpata, in altera Tabella adijci / curauimus. Acquaforte e bulino, circa 1560, priva di data e firma. Esemplare nel primo stato di tre, prima dell'indirizzo di Paolo Graziani. Magnifica prova, ricca di toni, impressa su carta vergata coeva con filigrana "pellegrino nel cerchio" (Woodward 6), rifilata al rame e con margini coevi aggiunti, in eccellente stato di conservazione. La carta della Sicilia edita a Roma da Antonio Lafrery è basata sul modello gastaldiano del 1545. La carta ebbe un notevole successo e fu ristampata, senza varianti, da Paolo Graziani (1582) e da Giovan Battista … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-22 15:20:50
CONTILE LUCA.
Appresso Sansovino et Compagni, 1560. Cm. 15, cc. (8) 108. Marchio tipografico al frontespizio, testate e capolettera figurati. Legatura settecentesca in piena pergamena. Legatura rimontata con titoli ms. recentemente su tassello al dorso. Esemplare ben conservato. Rara prima edizione delle rime del Contile, raccolta che si compone di tre parti. Le prime due sono dedicate a Isabella Gonzaga d'Avalos, marchesa di Pescara; la terza a Camilla Pallavicina. Cfr. Adams C - 2589.
Bookseller: Studio Bibliografico Benacense
2016-08-22 14:11:05
NANNINI Remigio
appresso Gabriel Giolito de' Ferrari, 1560. In - 8° (23,5 x 15,5 cm), pp. (36), 1004, legatura ottocentesca in mezza pelle, con titoli in oro su tassello e fregi in oro al dorso. Fenditure, restaurate, nella parte superiore ed inferiore delle cerniere. Normali segni d'uso ai piatti della legatura, in particolare ai labbri. Marca tipografica al frontespizio. Con centinaia di bei capilettera xilografici animati. Nel margine inferiore del frontespizio, piccolo timbro ovale, parzialmente sbiadito. Sempre al frontespizio, due piccolissime mancanze all'interno dello spazio occupato dal timbro e una piccola mancanza nel bordo inferiore della pagina, tutte ben reintegrate con carta giapponese (vedi foto). Alcuni leggeri aloni d'umido. Piccoli segni a penna, di mano coeva, nel margine esterno della pagina con la "Tavola de gli storici contenuti nella presente opera". Al fascicolo MM, invertite la carte MM3 - MM4 e le carte MM5 - MM6, ma testo completo e corretto. Nella parte inferiore del margine esterno della carta con le pagine 103 - 104, uno strappo, senza perdite, che non interessa il testo, ben rimarginato e una piccola mancanza, lontano dal testo, reintegrata da piccolo intervento di restauro. Alle carte ospitanti le pagine 167 - 168, 473 - 474, 489 - 490, 643 - 644 e 645 - 646, mancanza nell'angolo inferiore esterno, lontana dal testo, reintegrata con carta giapponese. Un piccolo foro, anche in questo caso, lontano dal testo, nel margine esterno delle carte con le pagine 379 - 380 e 421 - 422, ben riparato. Per il resto, molto ben conservato. Si tratta della seconda edizione … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquaria Mazzei
2016-08-21 17:18:42
ROMOLI, Domenico.
Tramezzino, 1560. In 8vo (cm. 14,5), perg. del XVII sec. con tit. ms. al d., cc. (16), 376. Quaderno Q un po' arrossato, strappo rest. anticamente a c. 129 senza perdita di testo, ma OTTIMA COPIA. Esemplare Galletti e Landau.EDIZIONE ORIGINALE. ll La materia de La singolare dottrina è suddivisa in tredici libri: nel I si tratta dello scalco e suoi dipendenti e camerieri, nel II della stagione più opportuna per l'uso delle varie carni, nel III della stagione dei pesci, nel IV delle liste di vivande, distinte per mesi, nel V del modo di cucinare frattaglie, teste, piedi, colli, lingue, trippe, di fare arrosti, di confezionare intingoli, di arrostire selvaggina, delle varie maniere di cuocere le uova, di cucinare pesci, di far minestre, pasticci, torte, dolci, di preparare salse e sapori, nel VI della varia qualità delle carni, della loro bontà e dei loro effetti sulla salute dell'uomo, a seconda dell'età, nel VII di nuovo dei modi di cucinare le uova, della qualità del latte e dei suoi derivati, della qualità e varietà dei pesci di acqua dolce, nell'VIII dei cibi grossi e di quelli delicati e dei rispettivi effetti sulla salute dell'uomo, nel IX delle diete da osservare, degli esercizi fisici e dell'ordine del mangiare, nel X delle erbe e delle verdure e delle maniere di cucinarle, nel XI dei frutti e della loro natura, nel XII della natura delle spezie, di quella delle acque e dei vini e della regola da seguire nell'uso delle bevande, nel XIII, in forma d'appendice, della sanità e della maniera di conservarla'gg (Faccioli E. a cura di, Arte della cucina, Milano, 1966).Il Rom … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Govi Alberto
2016-08-21 11:59:08
Macrobii Ambrosii (Macrobius Ambrosius Theodosius):
Apud Haerded. Seb Gryghii, Sebastian Gryphius, Lugduni / Lyon, 1560. Ohln., 745 Seiten, Index, Anhang (nicht paginiert: 106, 4 Seiten), 12,5 x 9 cm, Marcrobii Aurelii Theodosii viri Consuvularis & Illusrtis, in Somniun Scipionis expositionis quam elegantisimae. Liber I. (Seite 15 - 146) und Libri II (Seite 147 - 235) / Marcrobii Aurelii Theodosii viri consularis & Illustris, conuiuiorum primi diei Saturnaliorum. Liber primus ad Eustathium filium.Liber I bis VII Seite 236 - 745); angehängt hinter Index: Autores Quorum Testimonio in his Libris usus est Macrobius (4 Seiten), 8 Textabb, darunter eine Weltkarte (Seite 119), geprägter ganzseitiger Goldschnitt, Buchblock gebrochen (vor Seite 337), alter goldgerägter Ledereinband mit 4 Bünden, stark berieben, Rücken schwer beschädigt, mit Fehlstellen, Vorsatzblatt lose, [Attributes: Hard Cover]
Bookseller: Bockumer Antiquariat Gossens Heldens GbR [Krefeld, Germany]
2016-08-20 19:44:46
SIGONIO CARLO.
apud Iordanum Zilettum, 1560 - 1569. Due opere in un vol. di cm. 20, pp. (8), 255, (39) di argomenti e di indici degli autori citati, delle cose e dei termini principali, nonchè di "Praetermissa addenda" e di errata; (8), 108, (6); legatura settecentesca in pieno vitello con triplice ordine di filetti in oro lungo il perimetro dei piatti. Titolo, filetti e fregi ornamentali in oro entro scomparti su dorso a nervetti decorati. Tagli dorati, risguardi a piuma di pavone, segnacolo. Impresa xilografiche ai frontespizi. Fregi tipografici istoriati xilograficamente. Qualche gora e brunitura lieve. Ottimo esemplare nell'ìnsieme. Prima edizione di questi due trattati del grande erudito rinascimentale (Modena, 1520 ca. - Ponte Basso, 1584), il primo sulle espressioni giuridiche e sugli ordinamenti civili degli antichi romani (senatori, cavalieri, publicani, plebe, tribuni erari, scribi, mercanti, feneratori e usurai, magistrati e avvocati, ecc.), il secondo sulla "Lex Curiata", la legge per cui il popolo romano, rappresentata dalle curie, concedeva i poteri al rex come capo della comunità. Il Sigonio, dopo essere stato al servizio del cardinale Grimani, succedette a Modena nell'insegnamento del greco a Francesco Porto e, in seguito, svolse l'insegnamento delle lingue e delle lettere classiche a Venezia, Padova, Bologna. Erudito di altissimo livello, fu uno dei maggiori precursori del Muratori nello studio delle fonti storiche del Medioevo, soprattutto nel "De Regno Italiae", la cui cronaca va dal 570 al 1268. Numerosissime e significative anche le sue opere di storia locale e di sto … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Studio Bibliografico Benacense
2016-08-20 11:07:33
BENTIVOGLIO Ercole
G. Giolio de Ferrari, 1560. in - 12, ff. 41, (1 bianco), leg. mod. cart. Fregio silogr. al titolo ''Il Geloso'' ed impresa tipogr. sul frontesp., altra impresa Giuntina in fine, iniz. e fregi silogr. Dedica di Lodov. Domenichi ad Alberto Lollio. Quinta edizione di questa commedia in cinque atti in versi endecasillabi sciolti (la prima era apparsa presso lo steso stampatore nel 1544). Rappresentata a Verona durante il carnevale del 1549 per cura della locale Accademia Filarmonica, si distingue per vivacità ed originalità di situazioni ed argomento, mettendo sulla scena fatti e personaggi della vita reale contemporanea: ''nuova d'invention, e d'argumento: non tolta da Latin né Greco auttore: non mai più udita né veduta in Scena'' (dal Prologo). Questa, e l'altra intitolata ''I Fantasmi'', sono ''commedie scritte con brio, e con dilettevole intrigo; lodate dal Varchi, dal Doni, dal Giraldi, dal Pigna'' (Gamba 1257, note). Il Bentivoglio (Modena 1507 - Venezia 1573) fu eccellente letterato, autore anche de ''Le Satire ed altre rime piacevoli''. Bell'esemplare.
Bookseller: Libreria Antiquaria Pregliasco
2016-08-20 07:14:08
Giacomo GASTALDI (1500 circa - 1565 circa)
1560. Rarissima carta dell'isola che attribuiamo a Giacomo Gastaldi e che consideriamo il prototipo di questa tipologia di carte del '500. L'opera, in passato anonima e conosciuta solo attraverso l'esemplare conservato nell'atlante Doria, la troviamo stampata in un singolo foglio di atlante insieme alla carta della Corsica firmata da Gastaldi, nell'esemplare venduto in asta a Londra (Sotheby's, 2000). Le due carte sono assolutamente simili in tutto, anche nella inusuale modo di rappresentare l'orientazione, attraverso una sorta di croce che attraversa tutta l'isola. Ulteriore conferma dell'attribuzione al Gastaldi deriva dalla presenza della carta nel suddetto Atlante Doria, insieme ad un gruppo di carte delle isole del cartografo piemontese, quali Malta, Elba e la Corsica. Dal confronto con tutte le altre carte dell'isola, si notano le seguenti differenze: orografia e idrografia meno accentuate; in alto a nord del fiume Temo viene indicato Fresan anziché S.reparata (nelle altre carte Fresan è a sud del fiume); sempre a nord, sotto l'isola denominata Tolata, non vi è piu disegnata un'isoletta priva dell'indicazione toponomastica, che si trova invece nelle altre carte. Il primo stato della carta è una prova di stampa, parzialmente incompleta. Ad oggi è noto un solo esemplare, venduto in asta a Parigi nel 2006 ed ora nella collezione di chi scrive. Al centro dell'isola, l'iscrizione SARDEGNA. In alto, in una targa incorniciata da fregi, una breve descrizione del territorio Sardinia insula inter Africu[m], et Tyrrenu[m] pelagus sita: magnitudine 562 mil. pas. fertilis admodu[m … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-18 19:49:26
Euclid]. - Proclus Diadochus.
Padua, Grazioso Percacino, 1560. Folio (215 x 300 mm). (16), 272, (24) pp. With woodcut device on t. p. (Minerva and Mercury holding the wing tips of a rising phoenix), woodcut portrait on reverse, and printer's device on final leaf, as well as numerous mathematical diagrams in the text. Contemp. Italian limp vellum with ms. spine title. First Latin edition of one of the major works by Proclus Lycaeus (412-485), founder and head of the neo-Platonic school of Athens: a commentary on the first book of Euclid's "Elements of Geometry", the "oldest mathematical textbook in the world still in common use today" (PMM). Includes the text of the theorems, set within ornamental woodcut framings, and the geometrical diagrams. The editor and translator Francesco Barozzi (1537-1604) taught at the University of Padua. He was later charged with sorcery (in particular, he was said to have caused a torrential rainstorm over his native Crete) and condemned by the Inquisition in 1587. "Barocius' edition of Proclus' commentary on the first book of Euclid's 'Elements' was the first important translation of this work, for it was based on better manuscripts than previous efforts had been. The translation, published in 1560, was completed by Barocius at the age of twenty-two" (DSB). His portrait on the reverse of the title page is cut within a magnificent border. - Old ms. ownership on flyleaf obliterated (probably in the early 19th century); old ownership stamp over title woodcut erased, replaced by a different coat of arms in ink, very likely that of the Italian comital family Antico (insignifica … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Antiquariat INLIBRIS Gilhofer Nfg. GmbH [Vienna, A, Austria]
2016-08-18 19:49:26
Euclid]. - Proclus Diadochus.
Bookseller: Antiquariat INLIBRIS Gilhofer Nfg. GmbH [Vienna, A, Austria]
2016-08-18 19:49:26
Euclid]. - Proclus Diadochus.
Bookseller: Antiquariat INLIBRIS Gilhofer Nfg. GmbH [Vienna, A, Austria]
2016-08-18 12:04:19
Girolamo RUSCELLI (Viterbo 1504 - Venezia 1566)
1560. Acquaforte e bulino, circa 1560, priva di firma. Esemplare nel primo stato, prima tiratura e prima del taglio della lastra. Magnifica prova, ricca di toni, impressa su un foglio di carta vergata coeva (ottenuto da due uniti) con filigrana "scudo con fiore e stella", con pieni margini, in eccellente stato di conservazione. Burden, The mapping of North America, 29; Ginsberg; Printed Maps of Scandinavia and the Arctic, 19; Shirley, The Mapping of the World, 109; Bella, Cartografia Rara (Collezione Novacco), p. 49, 41; Borroni Salvadori, Raccolte, 3 & 4. Nordenskiold collection 7. Rarissimo esemplare, prima del testo al verso e prima della pubblicazione, con il taglio della lastra, nella Geographia di Tolomeo del Ruscelli. Girolamo Ruscelli erudito e poligrafo nativo di Viterbo, si formò a Roma ma si trasferì ben presto nel Veneto dove curò, per la tipografia Valgrisi, le edizioni di numerosi classici italiani. Ruscelli fu anche il curatore della versione riveduta e ampliata della Geographia di Tolomeo, stampata a Venezia più volte tra il 1561 e la fine del secolo. Le mappe sono basate sulle tavole di Giacomo Gastaldi compilate per l'edizione del 1548; probabilmente il Gastaldi disegnò personalmente anche queste carte, che vennero incise dai fratelli Livio e Giulio Sanuto. La peculiarità delle mappe è che sono incise due per lastra e successivamente tagliate per essere inserite nel libro, di formato in - quarto; questo il motivo per cui il segno del rame appare solo in tre lati della mappa. La carta della Scandinavia è tuttavia basata sulla Carta da Navegar di Nicolo Zeno … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-17 22:22:40
Anonimo
1560. "Rarissima pianta della città edita a Parigi verso la metà del XVII secolo. La pianta è basata su quella di Pirro Ligorio del 1552, edita da Michele Tramezini a Roma, e sulle sue successive e numerose varianti. L'unico esemplare oggi conosciuto di questa mappa è nella biblioteca della British School of Rome, appartenuto alla celebre collezione di Thomas Ashby (1874 - 1931), direttore British School at Rome dal 1906 al 1925. Un altro esemplare (che tuttavia potrebbe essere lo stesso) è quello citato nella bibliografia sulle piante di Roma della Regia Società Romana di Storia Patria (1915) che la descrive come: ""Incisa nel sec. XVII ex. ovvero XVIII. Ne vidi una copia presso il sig. Lang nel 1914"". Per caratteri tipografici l'opera può essere attribuita alla tipografia dell'editore francese Francois Jollain. La matrice sembra essere tuttavia più antica, addirittura del '500, alla quale sono state aggiunte numerose iscrizioni in francese, a partire dall'estensiva descrizione in basso a destra. Non siamo riusciti a detreminare di quale rame sia la ristampa questa rarissima edizione. In alto a sinistra il titolo in latino: Rome, Urbis Romae, totius olim orbis domitricis, situs: cum adhuc extantibus, sacrosanctae vetustatis monumenntis Pirrho Ligorio neap. inventor. In basso a destra quello in francese: Rome ville très - fameuse ... à la quelle san frere Romulus avait donne son noni. Incisione in rame, perfetto stato di conservazione. Rarissima." "A very rare map of the city, published in Paris in the mid - seventeenth century. The map is based on that of Pirro Ligorio, 1 … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-17 17:35:08
VERGILIUS Polydorus
apud Iacobum Boyerium, 1560. - apud Iacobum Boyerium, Lugduni (Lyon) 1560, fort in - 16 (12,2x8cm), (24) 676pp. - 34., relié. - Nuova edizione. Il lavoro è stato nella lista nera ed è stato ripubblicato nel 1575 in forma di depennazione e di editing che vi presentiamo non è così no. La prima traduzione francese sembra essere apparso nel 1527 come una copia dell 'Università di Glasgow, anche se i dati contraddittori dà 1528 come data della prima edizione francese in latino da Robert Etienne. Raro, come tutte le edizioni. Assente dalla BNF e cataloghi francesi (ad eccezione di una edizione a Lione 1586), come molte biblioteche. Era impossibile trovare la data del certificato originale, certamente nei primi anni del Cinquecento in Italia, anche se Gregorio dà 1571 per la prima edizione ...? Brunet dà 1499 come data della prima édition.Impression italica. Vellum tempo pieno. Polidoro Virgilio (1470 - 1555) nacque e morì in Urbino, dopo aver studiato a Bologna e Padova, divenne segretario del duca di Urbino e il ciambellano di Alessandro VI. I suoi primi due scritti lo resero famoso e ha vinto una grande popolarità 'Proverbiorum Libellus' e 'De Rerum inventoribus', tradotto in francese da 'Gli inventori delle cose. Nel 1501 il papa lo mandò in Inghilterra, diventando intima di Enrico VII, quest'ultimo gli ha ordinato una storia d'Inghilterra con cui Polidoro divenne il primo storico moderno, non si accontenta di fare un semplice ma croniche manifestazioni studentesche e ha influenzato tutti gli storici futuri e persino Shakespeare nella sua visione della storia. Tornò al suo pae … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Librairie Le Feu Follet
2016-08-14 23:55:19
Lagnier, Petrus ( Lagnerio, Petro ); Cicero, Marcus Tullius
Ioan Tornaesium; Gulielmum Gazeium Lugduni ( Leiden ) 1560 Mit gestochenem Holzschnitt-Titel mit ornamentaler Rahmung, 635 Seiten mit einigen gestochen Vignetten, 15 n. n. Blätter Index Rerum ac Verborum ( vom dem sich daran anschließenden Index Philosophorum ist hier nur das Titelblatt erhalten ), Pappband späterer Zeit mit marmorierten Buchdeckeln und umlaufendem Farbschnitt, Klein8° ( 12,5 x 8,5 cm ). Einband stärker berieben, Ecken und Kanten bestoßen, Vorsatzblätter fehlen. Der Einbanddeckel innen mit kleiner handschriftlicher Notiz von alter Hand, das Titelblatt am weißen Oberrand mit Notiz von alter Hand in Tinte, einige Seiten teils mit Marginalien, Randnotizen, Anstreichungen und Streichungen von sehr alter Hand in meist schwarzer Tinte, Seiten durchgehend etwas wurmstichig mit Buchstabenverlust. Einige Seiten mit kleinen Randläsionen, einige Seiten gering angeknickt. Der schmale Einbandrücken mit handgeschriebenem alten Titelschildchen. ( Gewicht 250 Gramm ) ( Pic erhältlich // webimage available ) Versandkostenfreie Lieferung Cicero, Petro Lagnerio, Aussprüche, Aphorismen, Google, Redensarten, Lagnier
Bookseller: Antiquariat Friederichsen
2016-08-08 16:43:25
HANAPES Nicolas de
- Apud Claudium Fremy, Lutetiae Parisiorum [Parisiis] (Paris) 1560, in-12 (7,5x12,6cm), (16) 542pp., relié. - Nouvelle édition après l'édition princeps de 1477. Reliure en plein maroquin rouge fin XVIe ou début XVIIe, étrangère, peut-être italienne. Dos à nerfs orné de quatre fleurs de lys et de feuillages. Titre doré. Frise d'encadrement sur les plats avec quatre tours angulaires, certainement des meubles d'armes. Trous de vers sur le dos et le long du mors supérieur. Frottements. Dos légèrement éclairci. Trace de mouillure en marge et angulaire sur de nombreux feuillets. Un des plus célèbres livres d'exempla du Moyen Âge, composé entre 1260 et 1278 par Nicolas de Hanapes (ou Hanappes) sur les vices et les vertus, extrait presqu'exclusivement de la Bible. Le livre était destiné, à l'instar de nombreuses Âœuvres formant la littérature de l'exemplum, aux prédicateurs qui trouvaient là une matière toute prête pour leurs sermons, l'exemplum étant un récit bref illustrant une vertu ou morale. Le genre fonctionne par induction, le cas particulier devenant l'exemple, le modèle à imiter. Le livre eut durant plusieurs siècles un tel succès qu'on le surnomma la « Bible des pauvres » (Biblia pauperum) car sa lecture et sa compréhension étaient faciles et faites pour le plus grand nombre. Appartenant à l'ordre des Dominicains, Hanapes fut nommé pénitencier apostolique de Rome et sur les dernières années de sa vie patriarche de Jérusalem ; il trouvera la mort dans le siège de Saint-Jean d'Acre. [AUTOMATIC ENGLISH TRANSLATION FOLLOWS] New edition after the first edition from 1477. Bound … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Librairie Le Feu Follet [Paris, France]
2016-07-01 11:40:58
PIUS IV, Papa (1559-65)
apud Antonium Bladum Impressorem Cameralem, Romae 1560 - In 4°, cc. (16). Sul frontespizio emblema allegorico raffigurante il Papa a cavallo. Al verso della carta C la riproduzione xilografica di un grande sigillo tondo papale. Pergamena floscia dell’epoca, leggermente ristretta. Lunghe note manoscritte coeve sul verso della carta D2 e sulla carta di guardia posteriore. Una delle varianti della prima edizione della bolla con cui venne il Collegio dei Cavalieri Pii, creato dal pontefice Pio IV nel 1559. Esemplare diverso dalle altre copie descritte dall’OPAC-SBN. Il testo è stampato su 16 carte invece di 24, ma è completo in tutte le sue parti. della variante C, l’indicazione dello stampatore sul frontespizio contiene l’aggiunta della qualifica "impressorem cameralem", come nella variante C descritta dall’SBN, infine, nella vignetta xilografata sul frontespizio, mancano i guerrieri che affrontano il Papa, la spada nel pugno dello stesso e l’emblema mediceo presente nelle altre varianti. [Attributes: First Edition]
Bookseller: Libreria antiquaria Atlantis
2016-06-26 22:18:15
Barcinone, Claudius Bornat, 1560, 28,5 x 20,5 cm., 55 folios con apostillas marginales incluso portada con escudo grabado. (Carece de encuadernación, ejemplar corto del margen superior afectando al texto en 4 hojas, a dos de ellas cortando un par de palabras y a las restantes con pérdida de la mitad del primer renglón. Obra rara relativa a las alegaciones en la causa del Vizcondado de Roda en la que aparecen como colitigantes Juan de la Nuça, Martín de Torrellas y de Bardaxi y Margarita de Bernuy contra los herederos de Felipe Alberto). CATALUÑA
Bookseller: Librería Anticuaria Antonio Mateos [Malaga, Spain]
______________________________________________________________________________


      Home     Wants Manager     Library Search     564 Years   Links     Contact      Search Help      Terms of Service      Privacy     


Copyright © 2020 viaLibri™ Limited. All rights reserved.