viaLibri Requires Cookies CLICK HERE TO HIDE THIS NOTICE

Displayed below are some selected recent viaLibri matches for books published in 1558

        Epitome rerum ungaricarum velut per Indices descripta, autore Petro Ranzano, apud Mathiam Regem olim triennium Legato. Nunc primum edita, una cum appendice quadam, opera Ioannis Sambuci, tirnaviensis, pan: adiecta est rerum ad agriam gestarum anno 1552 brevis eiusdem Sambuci Narratio.

      Hofhalter, 1558. In 4°, p. perg. molle, cc.nn. 4 + cc.n. LXIX + cc.nn. 15 di Rerum ad agriam anno MDLII.. + cc.nn. 6 di Obsidio zigethiensis an. MDLVI... Bei marg. Front. fig. Restauro sommario al front. che presenta anche appunti manoscritti. Mende alla cop. Le carte dalla V alla VIII , comprese, sono state erroneamente rilegate dopo la XII. Molto raro.

      [Bookseller: Libreria Cicerone M.T.]
 1.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        De sex arithmeticae practicae speciebus, Henrici Glareani epitome. Paris, Guillaume Cavellat, 1558.

      1558. 8vo. 48 unnumbered pp. With woodcut printer's device. Marbled boards. Rare, finely printed edition of this arithmetical manual by the Swiss mathematician and musical scholar, first published in Freiburg in 1539. "In it Glareanus first treats of notation, including the Greek, Roman and Arabic systems; then of the elementary operations with integers; then, briefly, of progressions and proportion" (Smith). - Galearus studied philosophy, theology, mathematics, and music at Cologne (as student of Johannes Cochlaeus). He was crowned poeta laureatus by Emperor Maximilian I in 1512. He moved to Freiburg im Breisgau in 1527, where he received the chair of poetics in 1529. - No copy at auctions internationally since 1975. Not in BnF. - Attractive copy with contemp. marginalia in French. Adams G 763. Cf. Smith, Rara 192. Cf. Fritzsche, Glarean 17.

      [Bookseller: Antiquariat Inlibris]
 2.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        [Historia et monumenta.] Monumentorum Iohannis Hus, altera pars. Additae sunt narrationes de condemnatione iniustita, et indigno supplicio Ioannis Hus et Hieronymi Pragensis, ab incertis authoribus [...] conscriptae et publicatae. Quae secunda parte comprehenduntur, versa pagina docebit. Nuremberg, Johann Vom Berg (Montanus) & Ulrich Neuber, 1558.

      1558. Folio. (2) ff., CCCLXVI pp., (1) f. With 2 woodcuts, printer's device, and several large initials. Contemp. blindstamped pigskin over wooden boards with original blind-tooled boss fittings on front cover. Part two of the first large collection of writings by and about Hus. - Slightly browned; some dampstaining throughout. Restored: spine rebuilt with remains of original calf spine glued on top; modern endpapers; some modern reinforcements to margins and gutter of first and last leaves. Wants all brass fittings on back cover and a clasp. VD 16, H 6154. BNHCat H 635.

      [Bookseller: Antiquariat Inlibris]
 3.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        La cronique du tres chrestien & victorieux Roy Loys unziesme du nom (que Dieu absolve) avec plusieurs histoires advenues tant es pays de France, Angleterre, que Flandres & Artois, puis l'an mil quatre cens soixante & vii, jusq'en l'an mil quatre cens quatre vingtz & trois.

      Paris Galliot du Pré 1558 Un volume petit in-8plein veau, plats décorés d'un double encadrement de roulette dorée avec fleurons en écoinçon, dos lisse décoré à l'identique. Reliure postérieure du XVIIe siècle. [4], 167 pages. Le dernier feuillet avec la marque d'imprimeur est absent.Première édition en lettres rondes de ces chroniques attribuées à Jean de Roye, conseiller et chambellan de Louis XI, et couvrant les années 1461 à 1483. Les éditions postérieures du XVIIe donneront à ce texte le nom impropre de « Chroniques scandaleuses ». Très bon exemplaire, bien frais, malgré une reliure quelque peu usagée avec manques de dorure sur les plats.165x110x25mm, poids : 0,25kg, envoi soigné en Chrono 13 de Chronopost One volume, small 8vo, full brown calf, gilt tooled boards and flat spine. Later binding (17th century). [4], 167 pages. Printer's mark leaf missing. Second edition of King Louis XI of France chronicles supposedly written by Jean de Roye, Louis XI counsellor and chamberlain, extending over the years 1461 to 1483. A very good copy despite a somewhat rubbed binding. - - * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * Attention ! Les montants des frais de port mentionnés ne sont valables que pour la France continentale. Pour toute autre destination, veuillez prendre contact avec la librairie par téléphone fixe +33 (0) 5 67 67 46 33 ou portable +33 (0) 6 04 51 14 09 ou par courriel : librairie@scriptorium-albi.frBeware! The shipping rates here given are only available within France. For any other destination please contact the book shop by phone: +33 (0) 5 67 67 46 33 or GSM: +33 (0) 6 04 51 14 09, or by e-mail: librairie@scriptorium-albi.fr

      [Bookseller: Le Scriptorium d'Albi]
 4.   Check availability:     Livre-rare-book     Link/Print  


        De rebus Siculis decades duae. Palermo, Giovanni Matteo Mayda & Giovanni Francesco Carrara, 1558.

      1558. Folio (227 x 302 mm). (4), 616, (2) pp., 1 bl. f., (28) pp. With large woodcut on title page and double-page woodcut of Arabic characters. 17th-c. vellum. All edges sprinkled in red. First edition of this rare history of Sicily, compiled at the command of Paolo Giovio by the Sicilian-born Dominican friar Tommaso Fazello (1490-1570). Includes a double-page woodcut plate of an old inscription found on the walls of the Porta de' Patitelli, the so-called Torre Baych: it was formerly thought to be a Chaldaic inscription stating that the tower was built by a grandson of Esau. The tower has been since been demolished, but the inscription preserved, and subsequent scholarship identified the text as Quran verses dating from the fourth century after the Hijra. - With this work, the Dominican friar Tommaso Fazello (1498-1570) single-handedly created modern Sicilian historiography. He also rediscovered the ruins of the ancient Sicilian towns of Akrai (Palazzolo Acreide), Selinus (Selinunte), and Heraclea Minoa, as well as the Temple of Olympian Zeus at Akragas (Agrigento). The island was conquered by the Arabs in the 9th century and remained under Muslim suzerainity for two and a half centuries. The Arabs introduced new methods of irrigation, thereby significantly boosting agricultural development. Under their rule, Palermo rose to the rank of Sicily's foremost city. Sicilian towns were variously raided by Arab troops between 835 and 884. In the mid-11th century, the Muslim population made up more than two thirds of inhabitants, with Arabs concentrating around Palermo on the north coast and Berbers around Agrigento in the south. - Quires A and B transposed. Variously browned and brownstained throughout; occasional insignificant worming near gutter. A good copy of a rare work. Adams F 203. BM-STC Italian 244. Mira I, 346. Edit 16, CNCE 18660. Ebert 7389. Brunet II, 1198. OCLC 20267992.

      [Bookseller: Antiquariat Inlibris]
 5.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        De ortu & causis subterraneorum lib. V. [and four other works]. Basel, Froben, 1558.

      1558. Folio. (8), 470, (22) pp. With a full-page woodcut in the text. 17th-c. brown morocco with gilt-stamped cover fillets and central ornaments, label to gilt spine. Rare edition of Agricola's collected shorter texts on geology, mineralogy, mining, astrology, alchemy, etc., first published in 1548, "the first handbook of modern systematic mineralogy" (Horblit), with a fine full-page woodcut showing thermal baths, and what seems to be the first Latin-German dictionary of mining terms. - Slightly waterstained throughout in the upper half; attractive binding imperceptibly restored at lower spine-end. Bookplate of "M. Boulton Library Soho" on front pastedown; title page with notes of ownership by "Cha. Brown" and "J. Amson MD" (both probably dating from the 17th c.). VD 16, A 921. Ferguson I, 9. Hoover 15. Darmstaedter, Agricola 89. Cf. Freilich 11 (1st ed.) and Stillwell (Science) IV, 562-565.

      [Bookseller: Antiquariat Inlibris]
 6.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Venere ed Adone

      1558. Acquaforte, circa 1558, firmata in lastra in basso a sinistra. Della serie Paesaggi con scene bibliche e mitologiche. Magnifica prova, particolarmente nitida e contrastata, impressa su carta vergata coeva priva di filigrana, con inusuali margini oltre l'impronta del rame, in eccellente stato di conservazione. Probabilmente la composizione, come le altre della raccolta, deriva dai disegni di Mathys Cock, realizzati nel 1543. La serie è composta da quattordici incisioni, delle quali quattro recano incisa la data del 1558, riconducendo la datazione delle restanti opere allo stesso anno. Bellissimo esemplare di questa rara opera. Engraving, 1558 circa, signed on plate at lower left. Part of the series Landscapes with biblical and mythological scene. Excellent work, particularly clear and with good contrast, printed on contemporary laid paper without watermark, with uncommon margins beyond the printmark, in good conditions. In all probability this composition, as many others of the same collection, comes from Mathys Cock's drawings, realized in 1543. The series consists of fourteen engravings, four of which show the date 1558, enabling us to approximately date the remaining works around this year. Magnificent example of this rare work. Hollstein 20. 310 225

      [Bookseller: Libreria Antiquarius]
 7.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Pauli Iovii Novocomensis Episcopi Nucerini, HISTORIARUM SUI TEMPORIS TOMUS PRIMUS, XXIIII LIBROS COMPLECTENS ... TOMUS SECUNDUS

      Michaelis Vascosani, 1558 - 1560. Volume in folio legato in pelle, piatti inquadrati da filetto in oro, fleuron centrale impresso in oro, titolo al tassello al dorso (professionalmente restaurato), sguardie, frontespizio del primo tomo (scritta a pennino), tre carte non numerate, 236 carte numerate, 18 carte col panegirico di Benedetto Varchi e gli indici, 349 carte numerate comprensive del frontespizio del secondo tomo, bianca, 17 carte d'indici. I difetti: l'angolo esterno inferiore presenta tracce d'umidità che hanno in qualche foglio reso fragile la carta, tracce di tarlo insistenti sempre nel margine inferiore quasi sempre all'angolo esterno, ben lontane dal testo, traccia (molto chiara) di gora nel secondo tomo, leggermente più marcata in alcune carte. Testo completo e collazionato, stampato su carta forte e nerbata. Il Giovio dedicò a questo capodopera 30 anni di lavoro. Esso riporta gli avvenimenti accaduti negli gli anni dal 1494 al 1547 ed occupa un posto notevole nella storiografia del Rinascimento. Copia in ancor buone condizioni, di grandissima qualità, terza eccellente edizione. Margini ampi, bell'impaginazione. Peccato i difetti (più d'immagine che sostanziali). Importante e raro

      [Bookseller: Libreria Accademia degli Erranti]
 8.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Du Royaume de Jesus Christ nostre sauvevr.

      1558 - Au roy D'Angleterre Edouard, sixieme de ce nom. II. Livres tresutiles & necessaires non seulement a tous theologiens & jurisonsultes mais aussi a tous ceux qui sont commiz au gouvernement des Republiques & Communautez. Matth. VI. Demandez premierement le Royaume de Dieu sa iustice: toutes choses vous seront baillees auec. Geneve 1558. Par Iaques Berthet. (14 x 9,5 cm), k. [8], s. 582, k. [5], opr. perg.z epoki. Zapiski z epoki., Å›lady zawilg., opr. nieco zabrudzona. Martin Bucer ( 1491 – 1551) niemiecki reformator protestancki. WspóÅ‚pracowaÅ‚ z Oswaldem Myconius. Jednym z jego dzieÅ‚ byÅ‚ podrÄ™cznik na temat rekonstruowania życia koÅ›cielnego i publicznego wedÅ‚ug zasad opisanych w PiÅ›mie ÅšwiÄ™tym. Oferowane dzieÅ‚o "De regno Christi" (wyd. 1: 1557) zawiera syntezÄ™ jego myÅ›li teologicznej. [Attributes: Hard Cover]

      [Bookseller: Antykwariat Wójtowicz]
 9.   Check availability:     AbeBooks     Link/Print  


        LE ANTICHITA DELLA CITTA DI ROMA BREVISSIMAMENTE RACCOLTE DA CHIUNQUE HA SCRITTO, O' ANTICO, O' MODERNO

      GIORDANO ZILIOTTI - VENEZIA, 1558. Vol. in 24° (mm 155 x 110), pp. 23 n.n. + 315, marca tipografica Cometa in cielo stellato, iniziali e fregi in xilografia. Legatura in piena pelle, titolo in oro su tassello nel dorso. Firma di possesso settecentesca nella carta dello sguardo, vecchie note a margine del testo sbiadite in alcune pagine. Copia molto buona.

      [Bookseller: Hobbylibri]
 10.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Moralium exemplorum libri novem summa diligentia castigati, ac fidelissimis eruditissimorum virorum Oliverij. s. Arziganensis, Iodocique Badij Ascensij commentarijs enarrati, quibus addita sunt quatuor & viginti exempla, nuper Aldi Manutij industria inventa, eiusdem Ascensij commentarijs exornata. Cum duplici indice... Insunt praeterea Theophili viri eruditisimi perutiles lucubrationes... Adiunctus etiam autoritatibus Livii, Iustini, Plutarchi, Dionysii, & multorum aliorum illustrium historiographorum...

      1558. In-folio (cm. 32), cc. (16) 222. Bei capolettera istoriati. Legatura in piena pergamena con piatti tratti da antico manoscritto e dorso a nervi (posteriore?). Sguardie recenti. Ex libris. Una firma di possesso settecentesca al frontespizio. Esemplare genuino e marginoso, in ottimo stato di conservazione. Bell'edizione, munita dell'ampio ed accurato commento di Oliviero d'Arzignano e dell'umanista belga Josse Bade.

      [Bookseller: Studio Bibliografico Benacense]
 11.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Stilus antiquus Supremae Curiae amplissimi ordinis Parlamenti Parisiensis, nuper e suo prototypo, & antiquis regestis ejusdem Curiae de verbo ad verbum transsumptus, cum novis annotationibus Do. Caroli Molinaei [Charles Du Moulin] (...) margini adiectis, & antiquis additionibus Do. Stephani Aufrerij [Etienne Aufrère] (...), tractatibus & appendicibus suis. Omnia nove recognita, repurgata, redintegrata, & locupletata, & in septem partes distincta, studio succisivo praefati Caroli Molinaei, denuo ab eode[m] authore recognito & aucto.

      Paris Galiot du Pré 1558 In-4 de 10 ffnch. (titre, dédicaces, table), 436 pp., belle vignette de Galliot au verso du dernier feuillet, veau blond, dos à nerfs cloisonné et fleuronné, double encadrement de triple filet doré avec fleurons d'angle intérieurs sur les plats, double filet doré sur les coupes, tranches dorées, large dentelle intérieure (Simier, rel. du Roi). Edition intermédiaire du Stilus Parlamenti Parisiensis, traité de procédure selon la coutume de Paris, originairement publié en 1512, mais composé à partir de 1330, à savoir pendant la disgrâce que l'auteur subit à la suite du procès intenté par Robert d'Artois à sa tante Mahaut : en effet, avocat de Robert, Du Breuil avait accordé foi à nombre de pièces contrefaites apportées par son client à l'appui de sa cause, et il fut interdit de prétoire par le Roi de France (il devait reprendre la toge dès 1331, appuyé par le Roi de Navarre). Bel exemplaire.

      [Bookseller: Bonnefoi Livres Anciens]
 12.   Check availability:     Livre-rare-book     Link/Print  


        Shviley Emunah. [Paths of Faith].

      Yakov Markaria editor Riva di Trento 19 November 1558 - First edition, 4to, (20.5 x 15.5 cm). 130 leaves; pages 40 to 50, page 71, page 78 and page 125 misnumbered. Two leafs lacking and supplied in manuscript. 11 astronomical diagrams in text, ink annotations to front free endpaper, two Christian censor's annotations passing the book and dated July 1599 and 1629 to final leaf, hand written dedication on first page dated 1909; ink library stamp of Max Septimus to title and verso of final leaf. Modern full calf; spine sunned. First edition of highly important collection of eclectic Kabbalah essays. An exhaustive treatise on philosophical, scientific and theological subjects. The work, which title translates as "Paths of Faith" consists of ten chapters covering various topics such as: God and his qualities; the creation and order of the world; human anatomy, physiology and pathology; rules for enjoying good health and long life; the soul and its functions; the redemption of Israel; and the resurrection and afterlife. Meir Ibn Aldabi was a 14th century Rabbi, philosopher, doctor and writer, son of Isaac Aldabi, "He-Chasid" (The Pious), grandson of Asher ben Yechiel (the Rosh), and a descendant of the exiles from Jerusalem. His name is ascertained from this text, his chief work, wherein a poem is found in which every line begins with a letter of his name, and there it reads "Aldabi". Shviley Emuna considered being his most important work. Aldabi belonged to the class of popular writers who, possessing extensive theological and scientific knowledge, commented upon the assertions of their predecessors with a clear understanding, expressing here and there their own opinions, and presenting some subjects from the standpoint of the Kabbalah. Aldabi was also one of those Talmudists whose conception of religion was wholly spiritual and who revered the Kabbalah, he cannot, however, be called a true Kabbalist. In 1360 he wrote Shvilei Emunah, which judging by its numerous editions, was for centuries a favourite book with the educated. The book is signed by two Christian sensors on its last printed leaf. The oldest inscription in brown ink reads (in Italian): "Checked by me Brother Luigi da Bologna July 1599". On leafs 525-526 some words in the text are crossed out using the same ink. [Attributes: First Edition; Signed Copy]

      [Bookseller: Shapero Rare Books]
 13.   Check availability:     IberLibro     Link/Print  


        Les Cinq premiers Livres des Histoires de Polybe Megalopolitein, avec trois Parcelles du VI. une du VII. une du VIII & une du XVI. Autrefois traduits et mis en lumière par Louïs Maigret, & derechef revuz, corrigez & renduz plus entiers par lui sur l'exemplaire Grec. Ausquelz de nouveau sont ajoutées les subséquentes Parcelles des livres IX. X. XI, XII. XIII. XIIII. XV. XVII. toutes traduites par lui sur l'exemplaire Grec. Ensemble le dessein du camp des Rommeins extrait de la description de Polybe.

      A Lyon par Jean de Tournes 1558 In-folio de (16)-335-(17) pp., vélin souple à petits rabats (reliure de l'époque). Belle impression en lettres romaines et beau papier. Titre orné d'un encadrement gravé sur bois avec portrait de Polybe, orné de figures allégoriques ; 1 planche hors texte gravée, lettrines, bandeaux, culs-de-lampe gravés sur bois, ainsi qu'une marque typographique à la fin du volume (avec la devise : Son art en Dieu). Le titre est suivi d'une Epître du traducteur, Louis Maigret (i.e. Meigret), adressée à la Noblesse de France, du plan d'un camp romain sur une page dépliante, et d'une Ode par Marc-Antoine de Muret au signeur Louïs Maigret Lionnois. Maigret avait déjà donné une édition des cinq premiers livres dès 1542 (Paris, Denys Janot) puis, avec des fragments en 1552 (Paris, Groulleau), mais celle de de Tournes est plus ample, comme l'on voit, puisqu'elle contient de nouveaux fragments pour les livres IX à XV et XVII. Dès 1545, Maigret avait publié à Paris, chez Marnef Deux restes du sixiesme livre de Polybe, avec un extrait touchant l'assiette du camp Romain. Bel exemplaire, très pur. Cartier, Bibliographie des éditions des de Tournes, 415 ; Brunet, IV, 791.

      [Bookseller: Bonnefoi Livres Anciens]
 14.   Check availability:     Livre-rare-book     Link/Print  


        Les Cinq premiers livres des Histoires de Polybe Megalopolitein, avec trois parcelles du VI, une du VII, une du VIII & une du XVI. Autrefois traduits et mis en lumière par Louis Maigret & derechef revuz, corrigez & renduz plus entiers par lui sur l'exemplaire grec. Ausquelz de nouveau sont ajoutées les subséquentes parcelles des livres IX, X, XI, XII, XIII, XIIII, XV, XVII, toutes traduites par lui sur l'exemplaire grec. Ensemble le dessein du camp des Rommeins extrait de la description de Polybe.

      Lyon, Jean de Tournes, 1558 ; in-folio. 8ff.-355pp.-(17pp.) de table n. ch.Tritre orné d'un encadrement gravé sur bois animé de figures allégoriques. Veau brun de l'époque. Plats ornés à froid, dos à nerfs. Reliure de l'époque, dos, plats et coins restaurés. Le titre est suivi de l'épître du traducteur, du plan d'un camp romain, et d'une Ode par Marc-Antoine de Muret à Louis Maigret. Il s'agit de la première traduction française des "Histoires" de Polybe, dont seulement une petite partie des quanrantes volumes nous sont parvenus.Maigret a enrichi cette nouvelle édition, par rapport à celle parue en 1542 chez Galliot Du Pré, des fragments retrouvés de 8 autres livres. En même temps que ses traductions, cet érudit lyonnais, publia deux traités de grammaire française en vue de simplifier l'ortographe en l'accordant avec la phonétique : en 1530 paraît "Le Traité touchant la commune écriture", et en 1550 "Le Tretté de la grammere francoeze" (chez Chrétien Wechel à Paris), qui est le premier traité de grammaire en français, dans lequel Maigret utilise son nouveau système orthographique, compromettant la réception favorable de sa grammaire. Ses idées seront reprises dans le "Traicté de la grammaire francoise" publié sept ans plus tard par Robert Estienne.

      [Bookseller: La Librairie Bourbonnaise]
 15.   Check availability:     Livre-rare-book     Link/Print  


        La Légende des Flamens, Cronique Abrégée, en laquelle est faict succinct recueil de l'origine des peuples & estatz de Flandres, Arthois, Haynault & Bourgongne, & des guerres par eulx faictes à leurs Princes & à leurs voisins. Avec plaisante cõmemoratiõ de plusieurs choses faictes & avenuës en France Angleterre & Alemaigne, depuis sept ou huict cens ans. Semblablement y sont traictées les descentes & genealogies des roys de Naples & de Sicille, & des Princes & Ducz de Milan, & quel droict ont les Roys de France aus dictz Royaumes & Duché.

      Paris Galliot du Pré 1558 In-12 de (8)-152 ff., maroquin rouge, dos orné à nerfs, triple filet doré sur les plats, tranches dorées (reliure du XIXe siècle). Deuxième et dernière édition de cette histoire populaire des relations du comté de Flandres avec les rois de France. Publiée en 1558, l'année où François de Guise prend Calais et Guines restées pendant plus de deux siècles sous domination anglaise, l'épître placée en tête d'ouvrage est adressée « au Peuple François » et l'invite à prendre connaissance des origines de ses « prochains voisins ». Le récit anonyme puise à de nombreuses sources antiques et contemporaines citées en tête d'ouvrage. La première édition fut publiée par Regnault à Paris en 1522. Galliot du Pré auquel fut accordé le privilège en décembre 1557, a substitué aux lettres gothiques de la première édition l'élégante typographie romane qui fit sa réputation, ornée de lettrines. On trouve sa marque au verso du dernier feuillet. Très bel exemplaire. Brunet III, 938 ; De Backer, 160.

      [Bookseller: Bonnefoi Livres Anciens]
 16.   Check availability:     Livre-rare-book     Link/Print  


        Illustratione de gli epitaffi et medaglie antiche, di M. Gabriel Symeoni Fiorentino.

      Lyon, Jean de Tournes, 1558 ; in-4, vélin ivoire de l'époque, titre manuscrit ; (16), 174, (2) pp., portrait d'Alphonse d'Este prince de Ferrare en frontispice, plusieurs encadrements de style renaissance, deux belles lettrines à fond criblé, nombreuses illustrations dont 21 figures et nombreuses médailles, calendrier romain illustré des signes du zodiaque etc., le tout gravé sur bois. Edition originale en italien. Le frontispice est orné d'une gravure sur bois dans l'ovale de laquelle on lit «Natura ite impellimur, ut prodesse velimus», au verso, portrait de l'auteur gravé sur bois ; au dessus de la dédicace à Alphonse d'Est, Prince de Ferrare, et datée de Lion, le 20 août 1558, Diane sur un char trainé par deux cerfs, précédée et suivie de deux femmes avec des chiens ; vue de l'Isle sur la Sorgue et maison de Pétarque ; cirque antique ; médaille de Castor et Pollux ; St Irénée et Esculape à Lyon ; la fontaine d'Anet et Diane chasseresse ; la métamorphose d'Actéon en Cerf par Diane-Artémis ; la grotte de Medone ; médaille de Salomon ; etc. Bon tirage des bois gravés dont certains sont attribués à Bernard Salomon et G. Reverdy. Bel exemplaire dans sa première reliure en vélin ivoire. (Carteret-419 ; Brunet V-392).

      [Bookseller: Librairie Ancienne Clagahé]
 17.   Check availability:     Livre-rare-book     Link/Print  


        Anthologia Lactantii Firmiani, elegantissimas sententias, easque tampietate, quam doctrina illustres, complectens : recenter in locos digesta communes per Thomam Beconum.

      Lyon, Clément Baudin, 1558, in-8 ; plein veau bordeaux foncé, dos à nerfs orné de fleurs de lys, double filet doré d'encadrement des plats avec quatre grandes fleurs de lys dorées en écoinçons, toutes tranches dorées (reliure du XVIIIe) ; (16) ff., le dernier blanc, 246 pp., (5) ff. dont 3 blancs. Exemplaire bien conforme à Baudrier (V-25) ; selon lui, cet ouvrage serait le second publié par Clément Baudin qui, en tant qu'imprimeur, a eu une production relativament réduite, se consacrant plutôt à une activité de commerce et d'exportation de livres.Célèbre écrivain et orateur chrétien de l'antiquité, Firmianus Lactance a gardé une grande audience intellectuelle en raison notamment de sa liberté d'esprit ; il ne croyait pas à l'éternité de Dieu et croyait à la magie, aux oracles sibyllins, à Hermès Trismégiste, etc. " Tout comme Epicure, il compara l'âme à une lumière qui est distincte du sang, mais s'en nourrit comme une lumière ordinaire se nourrit d'huile, opinion qu'il partage, du reste, avec plusieurs Pères de l'Eglise, qui ne considèrent point l'âme comme une substance spirituelle, mais comme de la matière subtile ".Reliure légèrement épidermée sur les plats et le dos, deux coins légèrement usés, trois petits trous au dos, court de tête avec quelques atteintes au titre courant.

      [Bookseller: Librairie Ancienne Clagahé]
 18.   Check availability:     Livre-rare-book     Link/Print  


        Sacrarum scriptuarum apud Lovanienses quandam praelectoris, mysterii Missae expositio, aliamque quaedam Opuscula, quorum tibi Titulos sequens indicabit pagina ; Omnibus Theologiae studiosis apprime necessaria ; ab innumeris quibus scatebat...

      Lyon, Guillaume Rouille [marque 7], 1558 ; 2 parties reliées en un volume in-16 ; plein vélin ivoire estampé à la plaque gravée d'un décor Renaissance ; 296 pp., (4) ff. d'index, (40) ff. suivi de Liber de Sacrosancta et Superbenedicta Trinitate. (Baudrier, IX-245 ; la bibliothèque de Berlin annonce un exemplaire à la même date à Lyon, sous le nom de l'imprimeur Theobaldus Paganus mais sans la deuxième partie). Théologien franciscain, Titelmans participa avec Erasme au débat sur la place de l'Apocalypse dans le Nouveau Testament ; vers 1530, il était reconnu dans toute l'Europe comme un brillant spécialiste de la Bible et un ardent polémiste, notamment avec Erasme. Professeur de philosophie, ses deux grandes œuvres, fort populaires, furent le Compendium naturalis philosophiae, puis le Compendium dialectae ad libros logicorum Aristotelis (1633) qui connut au moins 44 éditions en moins d'un siècle ! Il mourut en 1537, âgé d'à peine 35 ans. Il était né à Hasselt, près de Louvain, en 1502. Ex-libris manuscrit Jacoby Vinstor. Vélin arraché en bas du dos et en pied du second plat, avec traces de rongement sur les bords, coin intérieur de quelques cahiers légèrement machés ; sinon, l'intérieur est en bon état, et le vélin décoratif.

      [Bookseller: Librairie Ancienne Clagahé]
 19.   Check availability:     Livre-rare-book     Link/Print  


        Rhetoricorum Aristotelis libri tres, interprete Hermolao Barbaro P.V.

      Lyon, Theobald Pagan (Thibaud Payen), 1558 ; in-12 ; plein vélin ivoire, titre manuscrit (reliure ancienne) ; 359 pp., (10) pp. d'index, la dernière blanche. Rare (Baudrier, IV-277 n'en avait localisé que deux exemplaires).Ex-libris gravé aux armes du marquis de Monteynard à Tencin (Dauphiné).A part une petite mouillure claire au bas de la page de titre, l'exemplaire et la reliure sont en parfait état.Edition fort rare due à l'imprimeur Thibaud Payen (15..-1570) ; originaire de Troyes, il succéda à Laurent Hillaire dont il adopta la devise. Nicolas Edouard, son compatriote, trouva refuge chez lui et devint son correcteur. Protestant, il figura le 2 décembre 1569 parmi les "huguenotz reduictz"; ses impressions commencent vers 1529 et se poursuivent jusqu'en 1570.

      [Bookseller: Librairie Ancienne Clagahé]
 20.   Check availability:     Livre-rare-book     Link/Print  


        LES SINGVLARITEZ DE LA FRANCE ANTARCTIQVE, AVTREMENT NOMMEE AMERIQUE...

      Aanvers [i.e. Antwerp]: De l'imprimerie de Christophle Plantin..., 1558. [8],163,[1] leaves. 20th-century red calf, spine gilt. Light rubbing to extremities. Bookplates on front pastedown. Light soiling, minor foxing. Very good. One of the foundation works of New World discovery, containing one of the first extensive descriptions of Canada, one of the three classic accounts of Brazil in the 16th century, and some of the best early illustrations of American Indians and American animals (including the first depiction of the buffalo). Thevet originally went to the New World with the Villegagnon expedition in 1555 to colonize Brazil. The whole first section of this work is devoted to Brazil, and with the narratives of Lery and Staden, it ranks as one of the great early accounts of that country, its natives and fauna. The latter includes one of the first descriptions of tobacco, which Thevet is generally credited with introducing to France upon his return. Borba de Moraes calls this volume "a book of the greatest importance to Brazil." It is equally important as one of the first works relating to Canada, which Thevet claims to have visited after coasting north during his return from Brazil to France. Thirty pages are devoted to a description of Canada and Newfoundland, preceded in date of publication only by Cartier, and Ramusio's description of Cartier. "One of the rarest of Canadiana, only a few copies are known. In this book one finds one of the earliest accounts of Newfoundland, and a first account of the fauna and flora in Canada" - Lande. There are extensive descriptions of the natives, their dress and way of life. Much of this information is probably based on Cartier. Another primary point of interest is the woodcuts which adorn the text. These excellent illustrations, evidently from life, are some of the earliest illustrations of American Indians and American animals. The Brazilian scenes accurately depict Indian ceremonies, warfare and customs. The Canadian Indian plates show the use of snowshoes in hunting. The first depiction of the buffalo is the most celebrated of the natural history plates, but there are many others. These illustrations were extensively copied, especially by De Bry, and many became the points of origin for New World iconography. This is the first Antwerp edition of Thevet, issued the year after the extraordinarily rare Paris 1557 edition. There is another Paris edition of 1558 as well. This was one of the first books printed by the celebrated Plantin family of printers. All three early editions are very rare. STREETER SALE 21. LANDE 833. BORBA DE MORAES, p.858. CHURCH 108. EUROPEAN AMERICANA 558/41. SABIN 95440. JCB (3)I:202.

      [Bookseller: William Reese Company - Americana]
 21.   Check availability:     Biblio     Link/Print  


        Jesus Christus: Altes Ölgemälde um 1558 auf Holztafel.

       1558 Bildmaß:30 x 42 cm ( Höhe x Breite ). Das Bild am Bildunterrand mit untenstehendem Text in Banderolenform versehen: \" Dieses Bilt Christi ist Gestalt wie es Lentulus hat abgemalt. Und geschickt gen Rom. dem Senat. Von Ierusalem aus der Stat. Seinne Lenge ist dise Linien zehenmal. 1558 \". Öl auf Holztafel, alt gerahmt ( Rahmenmaß: 57 x 44 cm ). Das Bild wohl süddeutsch, um das Jahr 1558 herum entstanden. Die Holztafel mittig gerissen, zum Unterrand etwas gewölbt, das Bild mit kleineren Farbabplatzungen, Bereibunge, gering fleckig sowie mit einigen Kratzspuren. Unsigniert - möglicherweise mit dem Buchstaben *G* oder *GA* monogrammiert oberhalb der Jahreszahl *1558* des auf dem Bild befindlichen Textes. Der Rahmen aus dem 19. Jahrhundert gering bestoßen. ( Pic erhältlich / webimage available ). ( Lagerort: Rich ) Versandkostenfreie Lieferung Jesus, Jesus Christus, Christ, Christus, Heiland, Ölgemälde, Google, 1558, Lentulus, Rom, Jerusalem, Christentum, Pantokrator, Gottes Sohn, Gemälde, Lentulusbrief, Länge Christi, Christi, Körperlänge, Körpermaß, Länge

      [Bookseller: Antiquariat Friederichsen]
 22.   Check availability:     buchfreund.de     Link/Print  


        Orlando Furioso Di M. Lodovico Ariosto Tutto Ricorretto Et Di Nuove Figure Adornato CON LE ANNOTATIONI, GLI AVVERTIMENTI 6 LE DICHIARAZIONI DI GIROLAMO RUSCELLI. LA VITA DEL L'AUTORE DESCRITTA DAL SIGNOR GIOVAN BATTISTA PIGNA. GLI SCONTRI DE LUOGHI MUTATI DALL'AUTORE DOPPO LA SUA PRIMA IMPRESSIONE. IL VOCABOLARIO DI TUTTE LE PAROLE OSCUR

      VINCENZO VALGRISIO NELLA BOTTEGA D'ERASMO, 1558. ITALIANO 1,3 USATO

      [Bookseller: Biblioteca di Babele]
 23.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        1- ABRAVANEL (Judah). Dialoghi di Amore di Leone Hebreo medico. Di nuovo corretti ; et ristampati. Vinegia, Domenico Giglio, 1558. 246, (1) p. de colophon, 2 dern. f. blanc, grande vignette à la marque de l'imprimeur au titre.2- BETUSSI (Giuseppe). Il Raverta, dialogo di messer Giuseppe Betussi, nelquale si ragiona d'amore, et de gli effetti suoi. Vinegia, Gabriel Giolito de Ferrari, 1549. 96 f., grande vignette à la marque de l'imprimeur au titre répétée sur le colophon daté 1550.

      1558 1In-8, plein vélin ivoire cordé ancien, tranches mouchetées, qqs pet. gal. de vers en marge de qqs cahiers. 1- L'oeuvre principale de Léon L'Hébreu, écrite en italien. "The wealth and profundity of the ideas, make the 'Dialoghi' one of the most important works in metaphysics produced by the European Renaissance. The work had a widespread influence in its time"(Encyclopaedia Judaica). (Adams, A 63. Brunet, III, 984).2- Né à Bassano, proche de Pierre Arétin et traducteur de Boccace, Giuseppe Betussi dirigea quelques temps l'imprimerie de Giolito à Venise avant de mener une vie aventureuse en Italie et en France. (Graesse, I, 356).Intéressante réunion de ces deux ouvrages sur l'amour, sa nature, ses effets et sa place dans l'univers, ouvrages qui contribuèrent à populariser la morale et l'esthétique néo-platonicienne auprès des lecteurs de la Renaissance.Très bon exemplaire, très frais.

      [Bookseller: Librairie Hatchuel, Livres anciens et ra]
 24.   Check availability:     Livre-rare-book     Link/Print  


        M. Fabii Quintiliani Institutionum oratoriarum libri duodecim. Summa diligentia ad fidem vetustissimorum codicum recogniti, ac restituti, cum rerum verborumque Indice locupletissimo. Declamationum Liber eiusdem. Suivi de : M.Fabii Quintiliani Oratoris Eloquentissimi Declamationes undeviginti. Lyon. Theobaldum Paganum. 1558.

      1 volume grand in-12° pleine reliure parcheminée d'époque, lacets présents, titre à l'encre sur dos lisse, 741 p. + 38 f. nchf + 214 . Mouillures claires éparses sans gravité. Quelques annotations d'époque, bel état d'ensemble.

      [Bookseller: Comptoir du Livre Ancien et Moderne - Li]
 25.   Check availability:     Livre-rare-book     Link/Print  


        De natura aquatilium carmen, in universam Gulielmi Rondeletii doctoris medici, & medicinae in schola Monspeliensi professoris regii, quam de piscibus marinis scripsit historiam.

      Lione, apud Matthiam Bonhome, sub clava aurea, 1558. Due parti in un volume in - 4ø; 10 cc., 240 pp. - 136 pp. (i. e. 138: la 65, pi-- grande e ripiegata, Š contata come carta), con ritratto dell'autore e oltre 400 illustrazioni xilografiche nel testo. Legatura settecentesca in tutta pelle, tassello in marocchino con titolo e fregi floreali in oro al dorso, triplice filetto in oro ai piatti, tagli marmorizzati. Buon esemplare appartenuto al celebre biologo e naturalista Georges Cuvier (1769 - 1832) e da lui donato allo zoologo Achille Valenciennes (1794 - 1865): doppio ex libris a timbro al frontespizio. Altro ex libris recente al contropiatto anteriore. Esemplare appartenuto al celebre naturalista George Cuvier (1769 - 1832) della prima edizione di uno dei pochi libri del Cinquecento interamente dedicati ai pesci e agli animali d'acqua dolce e salata. Utilizzando anche questo libro come fonte, Cuvier forn? la pi-- importante iconografia sui pesci pubblicata nel corso del XIX secolo nella sua "Histoire naturelle des poissons" (1828 - 1849), scritta insieme allo zoologo francese Achille Valenciennes, al quale poi questo stesso esemplare venne lasciato in eredit... (cfr. ex libris). Il volume Š illustrato da oltre 400 xilografie attribuite all?incisore lionese Georges Reverdy (attivo tra il 1529 ed il 1565). Sia le illustrazioni che l'impianto del libro derivano dall'opera sui pesci di Guillaume Rondelet stampata sempre a Lione pochi anni prima (1554 - 1555). Ad ogni animale corrisponde un epigramma latino che spesso riporta anche interessanti notizie di carattere gastronomico (Paleari) o medico nutrizionale (Wellcome, Durling). Nissen I, 58. Nissen (Fischbuecher) 31. Mortimer, Harvard French, 118. Wellcome 1018. Durling 660 (incompleto). Paleari 50. Baudrier X, p. 257.

      [Bookseller: Libreria Antiquaria Mediolanum]
 26.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        La Première [La Seconde-] partie de l'Histoire entière des Poissons.

      Lion [Lyon], Macé Bonhome, 1558. 2 tomes petit in-folio en 1 volume, [12]-418-[14]-[4]-181-[1bl.]-[10]p. Portrait de l'auteur à la 4e page non chiffrée du tome 2 (face à la page 1). Edition originale en français de plus important travail sur les poissons du 16e siècle. Dans son livre, Rondelet présente des généralités sur les poissons (morphologie, anatomie, physiologie, mouvement, reproduction, etc.), les caractères qui permettent de les identifier, leurs vertus thérapeutiques et leur emploi dans la gastronomie. Sa tentative de classification des poissons, soit à partir de la forme des animaux, soit en tenant compte de leur milieu de vie, est très novatrice pour l'époque. L'illustration comprend un portrait de l'auteur dans un cadre à enroulement, attribué à Pierre Vase, répété en tête de la seconde partie, et plus de 450 remarquables figures gravées sur bois par l'artiste lyonnais Georges Reverdy représentant de très nombreux poissons de mer et d'eau douce, des crustacés, mollusques, batraciens, zoophytes et même des monstres marins. Brunet dit cette édition recherchée pour la belle exécution des bois. On pourra remarquer les représentations de monstres comme le « Monstre marin en habit de Moine » ou le « Monstre marin en habit d'évêque » (p.361-362). L'ouvrage était paru en latin d'abord, en 1554-1555, Libri de piscibus marinis. L'auteur est un condisciple et ami de Rabelais, pionnier de l'ichtyologie moderne. Reliure plein veau moderne à l'imitation de l'époque, dans un étui recouvert de cuir reproduisant les plats. Cette reliure copie en fait celle d'origine, avec un médaillon doré et les lettres LPD. Exemplaire incomplet de 3 feuillets (p.19 à 24), contenant 10 feuillets avec manque de texte et 3 autres avec réparation (il ne manque pas de gravure). La page de titre du tome 1 est remargée. Papier bien conservé, belles marges, mouillure claire en marge du tome 2 principalement, quelques feuillets légèrement brunis, probablement entièrement mouillés, toujours dans le tome 2. Edition considérée comme une des plus belles réussites de l'imprimerie lyonnaise au temps de l'Humanisme. Agréable reliure à l'imitation, avec son étui.

      [Bookseller: Librairie Trois Plumes]
 27.   Check availability:     Livre-rare-book     Link/Print  


        Les Nouvelles Récréations et joyeux devis de feu Bonaventure des Periers Valet de chambre de la Royne de Navarre.

      Lyon, de l'Imprimerie de Robert Granjon, 1558. Petit in-4 en plein maroquin rouge. Reliure signée Trautz-Bauzonnet. 186 x 125 mm. Petit in-4 de (6) ff., 107 ff., (1) f. contenant un Sonnet aux lecteurs. Exemplaire entièrement réglé, quelques petites restaurations dans la marge extérieure du feuillet de titre sans atteinte au texte. Relié en plein maroquin rouge, motif ovale de feuillage doré au centre des plats, dos à nerfs orné de glands dorés dans les caissons, double filet doré sur les coupes, large roulette dorée intérieure, tranches dorés sur marbrures. Reliure signée Trautz-Bauzonnet. « EDITION ORIGINALE FORT RARE, LA PREMIERE DE CES CONTES : ELLE EST IMPRIMEE EN CARACTERES DITS DE 'CIVILITE', MAIS QUALIFIES DE 'LETTRES FRANÇOISES D'ART DE MAIN', DANS LE PRIVILEGE ». Brunet, II, 642 ; Tchemerzine, II, 858. L'IMPRIMEUR ROBERT GRANJON, INSPIRE PAR LE SUCCES DE L'ITALIQUE DES EDITIONS ALDINES, DESSINA UN CARACTERE SPECIAL, DIT DE CIVILITE, PROCHE DE L'ECRITURE CURSIVE DE LA RENAISSANCE. Il la qualifia de « lettres françoises d'art de main ». Ce caractère parut pour la première fois l'année précédente, en 1557, dans la traduction française de Ringhieri « Dialogue de la vie et de la mort ». PRECIEUX EXEMPLAIRE DE CE VOLUME « TRES RECHERCHE DES BIBLIOPHILES » (J. Le Petit, 74), GRAND DE MARGES ET ENTIEREMENT REGLE, FINEMENT RELIE EN MAROQUIN PAR TRAUTZ-BAUZONNET. Provenance : des bibliothèques du Comte de Lignerolles (Cat. II, 1894, n°1875) et Henri Bordes (cat. de 1902, n°146). Il est intéressant de comparer le prix d'adjudication de cet ouvrage recherché à ceux d'autres grands textes vendus lors de la même vente Lignerolles. Alors que le présent exemplaire était adjugé 415 fr.or à cette vente en 1894 (cat. II, n°1875), à la même vente, l'exemplaire des Œuvres de Rabelais de 1556 relié par Trautz-Bauzonnet (cat. II, n°1785) était adjugé 345 fr.or. Cet exemplaire Lignerolles des Œuvres de Rabelais est repassé sur le marché en 2011, il fut alors vendu 135 000 €. Quant à l'exemplaire Baudeloque du Roman de la Rose de 1495 (la dernière édition donnée par Vérard) mentionné dans le Supplément de Brunet : « fort beau », il fut vendu 500 fr.or (vente Labitte, juin 1876). Sa valeur actuelle est d'environ 100 000 €.

      [Bookseller: Librairie Camille Sourget]
 28.   Check availability:     Livre-rare-book     Link/Print  


        La prima parte delle Theoriche o vero Speculationi dei Pianeti

      appresso Giovanni Varisco & Compagni, 1558. In-4° antico (210x151mm), ff. (10), 63, legatura moderna in piena pelle marrone realizzata ad imitazione delle legature rinascimentali, con ricchi motivi geometrici e fitomorfi impressi a secco ai piatti. Dorso a tre nervi con filetti longitudinali a secco incrociati. Impresa tipografica al frontespizio con sirena bicaudata entro bordura istoriata. 38 illustrazioni xilografiche n.t., iniziali xilografiche. Dedicatoria a Cosimo de' Medici. Carattere corsivo romano. Antica nota di appartenenza al frontespizio del priore di Santa Maria di Collebaldo, Fiorenzo Cherubini ("Ex libris Florentii Cherubini Prioris S. Mariae Collis Baldi") e antiche note marginali, probabilmente di mano dello stesso Cherubini. Qualche piccola gora, alcune lievi e trascurabili arrossature. Ottimo esemplare. Prima edizione dell'unica parte pubblicata di questo importante trattato astronomico e cosmografico, concepito come complemento all'opera geografica e cartografica pubblicata dal Piccolomini nello stesso anno, Della grandezza della Terra e dell'acqua. Di questa edizione sono note due differenti tirature, questa con l'indicazione del Varisco come editore ed una con indicazione tipografica dello Ziletti e relativa impresa. Il Piccolomini (Siena, 1508-ivi, 1579), della stessa famiglia di papa Pio II, fu letterato, ecclesiastico (fu arcivescovo di Patrasso e coadiutore dell'arcivescovo Bandini Piccolomini), commediografo di buon livello, poeta, lettore di filosofia morale a Padova, membro dell'Accademia degli Infiammati, e, soprattutto, divulgatore, traduttore e commentatore di Aristotele in volgare, nonché volgarizzatore di altri classici. Houzeau / Lancaster, 2494. Adams, P-1119. Riccardi, II, 272-273. STC Italian, p. 514. Parenti, 400. EDIT16 CNCE 40234. Cfr. N. Kanas, Alessandro Piccolomini and the First Printed Star Atlas (1540), in Imago Mundi, vol. 58, pt. 1, 70-6, 2006. Italiano

      [Bookseller: Libreria Antiquaria Galleria Gilibert]
 29.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        DIALOGO DELLA BELLA CREANZA DELLE DONNE. DELLO STORDITO INTRONATO

      appresso di Giovann' Antonio de gli Antonii, 1558. (Piccolomini, Alessandro). Milano, appresso di Giovann' Antonio de gli Antonii, 1557. (In fine: Imprimevano i Fratelli Da Meda, 1558). In - 8° antico, pergamena. 43, (1) ff. Figura femminile allegorica incisa in legno nel frontespizio, ripetuta in fine. Rarissima edizione milanese. Lancetti, Pseudonimia, p. 259. Gamba, 1527. Gay, Ouvrages rélatifs à l' amour, I, 804: > Pia, Les livres de l' Enfer, 321 - 22.

      [Bookseller: Brighenti libri esauriti e rari]
 30.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Le Ravissement d'Orithye composé par B. Tag. dédié à M. Roger de Vaudetar...

      Paris, André Wechel, 1558. Plaquette in-12 Plein maroquin rouge du XIXè siècle Plaquette in-12 de 23 ff. Très discrète restauration ancienne dans l'angle supérieur de 2 ff. sans atteinte au texte. Relié en plein maroquin rouge du XIXe siècle, encadrement à froid à la Du Seuil sur les plats avec fleurons dorés aux angles et au centre, dos à nerfs orné de fleurons dorés, flet doré sur les coupes, roulette dorée intérieure, tranches dorées. RARISSIME EDITION ORIGINALE DE CE POEME DE HAUTE CULTURE CLASSIQUE COMPOSE PAR UN CONTEMPORAIN DE RABELAIS. Catalogue Rothschild n°665 ; Brunet, V, 642 ; Barbier, Dictionnaire des ouvrages anonymes, IV, 16. L'ouvrage est une description languissante des Amours de Borée, et de l'enlèvement d'Orithie, fille d'Erechtée, roi d'Athènes. BEL EXEMPLAIRE DE CE RARISSIME OUVRAGE DE POESIE DU XVIE SIECLE, FINEMENT RELIE EN MAROQUIN ROUGE DECORE DU XIXE SIECLE. Nos recherches ne nous ont permis de localiser qu'un seul exemplaire de cette rarissime plaquette dans le monde, à la B.n.F. ! Aucun exemplaire n'est passé sur le marché public depuis le début des relevés en 1870. EXTREMELY RARE FIRST EDITION OF THIS POEM OF HIGH CLASICAL CULTURE BY A CONTEMPORARY OF RABELAIS. A fine copy of this extremely rare work of poetry of the 16th century, finely bound in 19th century decorated red morocco binding. Our researches allowed us to locate only one copy in the world of this highly rare text, at the B.n.F.! Not one copy has been on the international market since the beginning of auction records in 1870.

      [Bookseller: Librairie Camille Sourget]
 31.   Check availability:     Livre-rare-book     Link/Print  


        Les divins oracles de Zoroastre.

      Paris, Philippe Danfrie, et Richard Breton, à l'Escreuisse, 1558. In-8 de lvj ff. chiffrés, imprimé en caractères de Civilité. Maroquin rouge, triple filet doré, dos à nerfs richement orné, double filet or sur les coupes, roulette intérieure, tranches dorées. Reliure signée de Hardy-Mesnil. 165 x 110 mm. PREMIER LIVRE IMPRIMÉ À PARIS AVEC DES CARACTÈRES DE CIVILITÉ. ÉDITION ORIGINALE FORT RARE DE CE LONG POÈME DE FRANÇOIS HABERT DE BERRY ET DE L'UNE DES PREMIÈRES COMÉDIES FRANÇAISES DU XVIè SIÈCLE. CE LIVRE IMPORTANT EST FORT BIEN DÉCRIT DANS LE CATALOGUE James de Rothschild n° 3251 ET DANS LE CATALOGUE Soleinne. LE VOLUME EST COMPLÉTÉ PAR UN CERTAIN NOMBRE D'ÉPIGRAMMES, DE SONNETS, OU D'ODES ADRESSÉS À DES PERSONNAGES QUI ÉTAIENT SANS DOUTE LES PROTECTEURS DU POÈTE (D'Aubigny, Bertrand, Bouchetel, Carles, Charpillet...). HABERT Y CITE : GUILLAUME BUDÉ, GALLAND, PIERRE DE LA RAMÉE, CARPENTIER, principal du collège de Bourgogne, SALIGNAC, PIERRE DANÈS, HECTOR, précepteur du prince de Lorraine, CLÉMENT MAROT, SAINT GELAIS, PIERRE DE RONSARD, JOACHIM DU BELLAY ET OLIVIER DE MAGNY". EXEMPLAIRE À BELLES MARGES.

      [Bookseller: Librairie Sourget]
 32.   Check availability:     Livre-rare-book     Link/Print  


        Nova Scientia. (Legato con:) Id., Quesiti et inventioni diverse. - Id., Regola generale di solevare ogni fondata Naue e nauilii con Ragione.. Venezia, Curzio Troiano Navò, 1558, 1554 e1562

      1558. 3 opere in 1 volume in - 4. Legatura coeva in pergamena floscia (tracce d'uso, cuffia superiore con piccole mancanze). Comprende: I) "Nova Scientia", ff. (4), 32, al titolo raffigurazione allegorica delle discipline scientifiche (matematica, astronomia, geometria..) e ritratto dell'a. insieme ai grandi studiosi del passato (Euclide, Aristoltele, Platone). II) "Quesiti", ff. 128, al titolo ritratto dell'a., in fine; Venetia, Nic. De Bescarini, 1554. III) "Regola generale", ff. (32), 1 tav. ripieg. f.t., al titolo raff. di un vascello, in fine impresa dell'editore e colophon: Vinegia, Curio Traiano de' Navò, 1562. Tutte le tre opere, che frequentemente si trovano rilegate insieme, presentano numerose silografie n.t. La "Nova Scientia" apparve per la prima volta nel 1537 ed è considerata opera fondamentale sulla teoria del moto dei proiettili elaborata tramite la geometria. Quarta edizione, prima 1554, dei "Quesiti" in cui Tartaglia teorizza la formula per la risoluzione delle equazioni cubiche di terzo grado, problema che per lungo tempo aveva fermato il passo ai progressi dell'analisi matematica. L'opera, divisa in 9 libri nei quali si continuano le ricerche cominciate nella "Nuova Scientia", tratta anche di dinamica e balistica (libri I e II), fortificazioni, militaria, ( libri III - VI) con particolare riferimento alla fortificazione di Torino, statica (libri VII e VIII). Terza edizione, prima 1551, della "Regola" con numerose silografie, alcune a piena pagina, raffiguranti navi recuperate; in cui si tratta del recupero di navi affondate, proprietà dei corpi, loro peso specifico, galleggiamento. Ottimo esemplare.

      [Bookseller: Libreria Antiquaria Pregliasco]
 33.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        CHRISTOPHORI LONGOLII EPISTOLARUM LIBRI IIII TULLIANAE VIDELICET ELOQUENTIAE AD UNGUEM EXPRESSA IMAGO

      APUD NIC. EPISCOPIUM IUN, 1558. In 16. Dim. 17x12 cm. Pp. 32 (n.n.)+350+2 (n.n.). Rara edizione del 1558 di quest'opera scritta da Cristophe Longueil (1488-1522) umanista francescano. Nel 1517 Longueil strinse amicizia con Pietro Bembo e Jacopo Sadoleto ma questo non impedì che nei suoi confronti si scatenasse una forte campagna diffamatoria tanto che fu costretto a trafserirsi a Padova dove si spense. Ammiratore incondizionato di Cicerone, fu un grande propagandista del ciceronismo prima in Francia, poi a Roma. Questo suo epistolario non è una mera imitazione della produzione ciceroniana, ma denota una ricerca stilistica ed un'eleganza espositiva di rara freschezza e vivacità. Nella prima parte la sua vita, poi l'epistolario. Numerose note manoscritte all'interno. Marca editoriale all'ultima carta. Titolo manoscritto al taglio inferiore. Opera collazionata e risultata completa. Legatura in pergamena. Non comune. Copertina in piena pergamena con reintegrazione al dorso in discrete condizioni generali con usure e segni di tarlo ai margini, piatti e dorso. Legatura in buone condizioni. All'interno le pagine si presentano in ottime condizioni con rare fioriture. Segno di tarlo al margine destro fino a pag. 12 e da pag. 347 sino alla fine senza perdita di testo; fino a pag. 10 (n.n.) con perdita di qualche lettera; all'ultima carta perdita di parte incisa. Lieve gora d'umidità al margine superiore da pag. 337 sino alla fine. Scarce edition of 1558 of this work written by Cristophe Longueil (1488-1522) franciscan humanist. Longueil in 1517 became friend with Pietro Bembo and Jacopo Sadoleto but he was forced anyway to move in che Padoa where he died. Enthusiastic of Cicero, was a great propagandist of Ciceronism in france then a Rome. This epistolarium is not a simple imitation of the ciceronian production, but denotates a stylistic research and an expositive elegance of rare freshness. In the first part his life, then his work. Different manuscripted notes inside. Editorial mark in the last page. Manuscripted title in the lower external edge of pages. Collationed work. Parchment cover. Not common work. Full parchment cover with reintegration in the spine in fair general conditions with wearings and wormings in the edges, plates and spine. Binding in good conditions. Inside pages are in very good conditions with occasional foxings. Worming in the right edge until pag. 12 and from pag. 347 until the end with no loss of text; until pag. 10 (n.n.) with loss of some letter; in the last page with loss of some engraved part. Slight humidity stain in the upepr edge from page 337 until the end.

      [Bookseller: Libreria Sephora]
 34.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Hymne au Roy sur la prinse de Callais

      En la boutique de Federic Morel, 1558. - En la boutique de Federic Morel, s.l. 1558, in-4 (16,5x23cm), (12p.), relié. - edition originale - [FRENCH VERSION FOLLOWS] Édition originale, une seconde édition est parue, chez le même éditeur, l'année suivante. Marque de l'imprimeur, à l'arbre, sur la page de titre. Exemplaire à toutes marges, entièrement réglé de rouge. Privilège à la date du 17 janvier 1557.   Reliure de réemploi en plein vélin crème probablement du XVIIème siècle.   Dans son Hymne au Roy, Du Bellay fait l'éloge du duc de Guise qui reprit Calais aux Anglais, le 8 janvier 1558, après une semaine de siège et la mort de deux cents Anglais. Rappelons que Calais était en mains anglaises depuis 1347. D'autres poètes décriront les succès de cette entreprise dans des odes, comme Jean Dorat (1505-1588) ou encore Michel de l'Hospital (ca. 1506-1573). À la suite de l'hymne, on trouve un poème patriotique : « évocation des dieux tutélaires de Guynes ». Cette dernière était une petite place forte qui défendait Calais et qui tomba avec cette ville. La plaquette se termine par « Exécration sur l'Angleterre, et un Sonnet à la Royne d'Escosse ». Bel exemplaire de cette publication dans laquelle, à l'instar d'autres poètes de la Pléiade, Joachim Du Bellay s'élève au rang de poète de cour militant. 

      [Bookseller: Librairie Le Feu Follet]
 35.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Tragödien.

      Johannes Oporinus, Basel 1558. - Euripides. Tragoediae, quae hodie extant, omnes, Latine soluta oratione redditae, ita utuersus uersui respondeat. E praelectionibus Philippi Melanthonis. Cum praefatione Guilielmi Xylandri, Augustani. Basile, apud Ioannem Oporinum, 1558. Das Vorwort ist datiert auf September 1558, der Text im Kolophon auf August 1558, der Einband auf 1559. 8°, wundervoller Einband wohl mit Elfenbeindeckel und 2 Schliessen. In lateinischer Sprache. Vorsatz, Titelei, 5 Bl. Vorwort Melanchthon, 2 Bl. Leben des Euripides (Xylander), 586 Seiten, 428 Seiten (weitere Stücke, teils interpretiert von Melanchthon), Vorsatz mit Kolophon. Vord. Vorsatz fast lose, Besitzervermerke auf vord. Einbanddeckel innen und Titelei (Titelei 1670), Einband fleckig und mit teils fehlendem Rückenschildchen, sonst gut. Die Einbanddeckel sind verziert mit aufwändigen Relief-Miniaturen. Zu sehen oben die Buchstaben „SV", unten die Jahreszahl „1559". Umlaufend betitelte meist weibliche figürliche Darstellungen „Fides", „Spes", „Charitas", „Prudens" (gefertigt wohl im Druckverfahren). Unter einer Darstellung ist die Jahreszahl 1551 zu erkennen (1557?). Der Rückdeckel ebenso mit den Figurinen aber ohne die Datierung und das Buchstabenkürzel; hier ist die Oberfläche weitaus stärker abgerieben und verflacht, als vorne. Auch die Schließen sind kunstvoll gearbeitet. Obzwar des Buch ehedem ausgiebig studiert wurde (was zumindest der Einband schließen lässt), ist die Bindung in sehr gutem Zustand. Auch die Schliessen sind voll intakt.

      [Bookseller: Cassiodor Antiquariat]
 36.   Check availability:     ZVAB     Link/Print  


        Exactissima Flandriae descriptio

      1558. Acquaforte e bulino, 1558, priva di firma. Esemplare nel probabile secondo stato di due, con la data corretta in 1559; tuttavia un primo stato con la data 1558 non è citato nelle bibliografie. Magnifica prova, ricca di toni, impressa su carta vergata coeva con filigrana "scala nel cerchio con stella", rifilata al rame e con margini coevi aggiunti, in ottimo stato di conservazione. Grande rosa dei venti nel Mar Germanico affiancata da stemmi e galeoni, compasso, cartiglio e titolo con descrizione allineati lungo il margine inferiore. La carta è una riduzione della mitica mappa murale del Mercator, pubblicata circa nel 1540 a Louvain. La prima derivazione di questa mappa fu pubblicata a Roma da Michele Tramezini nel 1555, e quindi è probabile che lo Zenoi vide questa carta e decise di pubblicarne una variante per il florido mercato veneziano. La data nel cartiglio è chiaramente corretta, con l'aggiunta di un numero alla fine più grande; per questo motivo ipotizzo che debba sicuramente esistere uno stato antecedente della mappa. Domenico Zenoi fu attivo incisore e stampatore di mappe, come anche di scabrose tavole erotiche che più volte gli causarono problemi con le autorità veneziane. È possibile che lo Zenoi, in origine alle dipendenze dello stesso Forlani, acquistò il materiale cartografico del veronese per integrarlo in qualità di editore. Tra le poche notizie certe sull'attività dello Zenoi, vi è quella della richiesta inoltrata al Senato Veneto, poi accordato nel 1566, di un privilegio per l'incisione delle stampe. Freschissima impressione di questa importante mappa delle Fiandre. Etching and engraving, 1558, without signature. Example of the second state of two, with the date 1559, even the map with the date 1558 is unknown. A magnific impression on conmtemporary paper with " stair in a circle with star" watermark, trimmed to the platemark and with the usual margins added, in very good conditions. A faithful reduction of the great map in 4 sheets by G. Mercator, of 1540. One of the three known variants by Domenico Zenoi [Cenoi, Zenoni, Zeno]. Two known editions, of which this is one, the date is stated within the cartouche. A third edition dated 1559 has the dates stated just outside the cartouche description. Very nice impression of this rare map. Venezia Venice Tooley, Italian Atlases, 200; Bury, The prints in Italy, p. 236. Dimensioni 505x420. 505 420

      [Bookseller: Libreria Antiquarius]
 37.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Ritratto del Cavalier Pietro Bembo

      1558. Bulino, da una medaglia incisa dal Doni. L'opera fa parte della serie ' Discorsi sopra le medaglie de gli Antichi' edita a Venezia nel 1558, una sorta di traduzione a stampa delle medaglie realizzate da Antonio Doni. Bellissima prova, impressa su carta vergata, rifilata al rame, in buono stato di conservazione. Engraving, after a medal engraved by Doni. The work is part of ' Discorsi sopra le medaglie de gli Antichi', published in Venice in 1558. Excellent work, printed on laid paper, trimmed to platemark, in good condition. Bartsch 242 115 155

      [Bookseller: Libreria Antiquarius]
 38.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        COMMENTARII secundo aucti, in libros sex Pedacii Dioscoridis Anarzabei De medica materia. Adiectis quamplurimis plantarum, & animalium imaginibus quae in priore editione non habentur, eodem authore. His accessit eiusdem Apologia aduersum Amathum Lusitanum, quin & censura in eiusdem enarrationes.

      ex officina Erasmiana, Vincentij Valgrisij, 1558. 2 parti in un gr. vol. in folio, pp. (100), 776; 50, (2), leg. p. perg. coeva con tit. mss al d. a 4 nervi. Marca tipogr. in legno ai front. raffigurante un serpente attorcigliato a un bastone a T sostenuto da mani che escono dalle nuvole, ripetuta anche al fine. Con moltissime inc. in legno nel testo raffiguranti animali, piante, erbe medicinali, e insetti. Il sesto libro comprende De Venenis e De Venenatis animalibus, opere di attribuzione incerta. Aggiunto, con proprio frontespizio, una apologia rivolta allo spagnolo Amato Lusitano (pseudonimo per J. Rodriguez de Castello Branco, 1511 - 1568). Celebre commento al testo originale dello scienziato del I sec. a. C., frutto degli studi di botanica e farmacologia del medico toscano (Siena 1501 - Trento 1577), per lunghi anni medico degli Asburgo. Seconda ediz. latina (la prima del 1554) nella quali si aggiunsero rispetto alla precedente ben 133 legni degli artisti Giorgio Liberale e Wolfgang Meyerpeck, tanto famosi da essere di modello per la produzione di erbari illustrati per tutto il XVII. Il Liberale era un giovane pittore di Udine e ritrasse le piante che il Mattioli gli forniva, vive o diseccate, con eleganza e naturalezza: preparò un corpus di ben 562 disegni, più di quanti ne fossero mai apparsi in altri libri. "Per l'impresa delle quasi mille silografie del Dioscoride del '58 il re [Ferdinando I] gli donò cinquecento talleri d'argento >... e completò il finanziamento dell'opera". (da Pesenti, L'editoria botanica, sta in "Trattati di prospettiva....", Vicenza, Neri Pozza, 1985, p. 92 e sgg). Wellcome 4139. Nissen 1305. Pritzel 5985. Alcune figure recano lievi tracce di colorazione. Sulla prima carta bianca e foglio di sguardia antiche annotazioni ad inchiostro. Qualche lieve gora marginale sulle prime pagine, ma ottimo stato di conservazione considerando che questo genere di testi venivano quotidianamente consultati e annotati. [058]

      [Bookseller: Studio Bibliografico Scriptorium]
 39.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        L'usage de l'astrolabe avec un petit traicté de la sphère

      1558 - in-8 de (8), 101 [pour 99] et Paris, Guillaume Cavellat, 1558, , in-8 de (8), 101 [pour 99] et (1) feuillets, vélin souple de l'époque aux coutures surjetées, dos lisse portant un titre manuscrit, restes de lacets de cuir (premier plat un peu court), Seconde édition, augmentée d'une "Amplification de l'usage de l'Astrolabe" par Jacques Bassentin. La première avait paru en 1545. L'édition originale du texte de Bassantin fut publiée en 1555 à Lyon chez Jean de Tournes sous le titre "Paraphrase de l'Astrolabe". L'auteur décrit méthodiquement et avec un grand souci du détail, dans une première partie et en 43 propositions, les usages astronomiques et astrologiques de l'astrolabe ; et dans une seconde partie, qui compte 12 propositions, son utilisation pour connaitre les hauteurs et longueurs. 48 figures en bois dans le texte représentent le système astrologique pré-Copernicien établit par Jacquinot, puis de nombreux détails des différentes parties dont se composent un Astrolabe, enfin les diverses méthodes pour l'utiliser en tant qu'outil permettant de mesurer les distances, les hauteurs et les profondeurs : ces dernières figures montrent des personnages en train d'établir des mesures. Bel exemplaire, enrichi, sur les premières gardes, des deux jolis croquis d'une main du XVIe siècle. [Attributes: Hard Cover]

      [Bookseller: Librairie Alain Brieux]
 40.   Check availability:     ZVAB     Link/Print  


        La Prima Parte de le Theoriche o vero Speculationi dei Pianeti. In Vinegia, appresso Giordano Ziletti, all'insegna della Stella, 1558. (In fine:) appresso Giovanni Varisco e Compagni, 1558

      Varisco Paganini, 1558. in - 4 piccolo, ff. (10), 63, (1), legatura coeva in pergamena floscia (macchie e piccoli difetti). Impresa dello stampatore al titolo, varie lettere iniziali istoriate e ornate, 38 diagrammi, principalmente astronomici, a mezza pagina n.t. in litografia. Prima rara edizione di questo trattato cosmologico ed astronomico di Alessandro Piccolomini (Siena 1508 - 1578), della stessa famiglia di Papa Pio II, uomo di varia e vasta cultura: scrittore eclettico, scienziato e letterato autore, tra l'altro, del celeberrimo trattato ''De la sfera del mondo''. Fu tra i fondatori degli ''Intronati'' col nome di Stordito, insegnò filosofia morale a Padova e poi a Roma; nel 1574 ebbe il titolo di arcivescovo di Patrasso. Precede il testo la dedica a stampa a Cosimo de Medici. L'opera fu concepita come una sorta di completamento ''Della Grandezza della Terra e dell'Acqua'', dello stesso autore, pubblicata nel 1558, relativa a geografia e cartografia. Piccolomini è anche noto per aver pubblicato nel 1540 il primo atlante delle stelle. Di questa edizione sono note due differenti tirature: una con indicazione tipografica dello Ziletti e relativa impresa, come il presente esemplare, l'altra con riferimento a Varisco e sua impresa editoriale, entrambe deo 1558. Buon esemplare. assai genuino.

      [Bookseller: Libreria Antiquaria Pregliasco]
 41.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Hippocratis Coi Medicorum Omnium Longe principis, opera quae ad nos extant omnia per Ianum Cornarium Medicum Physicum Latina lingua conscripta & recognita. Cum accessione Hippocratis de Hominis structura libri, antea non excusi. Recens illustrata cum Argumentis in singulos libros, tum indice insuper copiosissimo, per Ioan . Culma. Geppingen. nunc primu editis. Omnia quàm antehac, permultis sublatis mendis, repurgatiora.

      Hieron Frobenium et Nicol. Episcopium, 1558. In 4°, p. pelle, pp. 804 + cc.nn. 57. Front. fig. Ornatura e fregio impresso , sui piatti. Piccole macchie di inchiostro sul front. e sulle prime 8 pp. Il front. medesimo presenta la mancanza di un lembo (ritagliato) alla parte sup.

      [Bookseller: Libreria Cicerone M.T.]
 42.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Dialoghi di Amore. Di nuovo corretti, et ristampati

      appresso Domenico Giglio, 1558. In - 8° (158x100mm), ff. 246, (2) bianche, legatura novecentesca p. pergamena con titolo in oro su tassello al dorso. Impresa tipografica incisa su legno al frontespizio. Alcuni capilettera animati incici su legno. Registro al colophon. Nota di possesso rinascimentale in parte cassata al frontespizio. Una glossa e due manicule di mano rinascimentale alla c. 50r, in relazione a un passo sulla generazione dello sperma. Velature ad alcune cc. Alcuni aloni e bruniture. Una mancanza minima all'angolo inferiore della c. 173. Bruniture e fori di tarlo all'ultima c. bianca. Buon esemplare. Rara impressione veneziana del capolavoro del celebre filosofo e medico rinascimentale, nato a Lisbona fra il 1460 e il 1465 e spentosi in Italia prima del 1535, anno in cui, a Roma, si stampò anche la prima edizione della presente opera. Essa (non è noto se fu stesa direttamente in lingua italiana o se fu tradotta dall'autore stesso da una sua originaria stesura in ebraico), è svolta in forma di dialogo fra Filone, rappresentante della Passione amorosa, e Sofia, la Saggezza razionale, e si riallaccia alle dottrine del neoplatonismo rinascimentale discorrendo dell'amore come principio cosmogonico. Adams, A - 63. Brunet, III, 984. STC Italian, p. 3. Durling, 17. EDIT16 CNCE 25848. Italiano

      [Bookseller: Libreria Antiquaria Galleria Gilibert]
 43.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Anatomia del Corpo Humano..da lui con molte figure di rame, et eruditi discorsi in luce mandata. Roma, per Ant. Salamanca et Antonio Lafreri, M.D.L.VIIIl (1558. In fine:) In Vinegia, apresso Nicolò Builacqua Trentino, s.d. (dedica al Re Filippo datata 1559)

      1558. in - folio (315x205 mm.), ff.(18), 154. Legatura antica piena pergamena, dorso rifatto, con titolo e fregi oro. Frontispizio inciso entro bella bordura a motivo architettonico con figure anatomiche, grandi iniziali istoriate. Classica opera, illustrata da 42 belle figure anatomiche a piena pagina nel testo, disegnate da Gaspar Becerra e incise in rame da Nicolas Beatrizet, le medesime già apparse nell'edizione spagnuola del 1556. Il testo è diviso in sette libri o sezioni (ossa, muscoli, vene, nervi, etc.) ed è ricco di indici e richiami. Prima edizione italiana, rara prima tiratura con data 1558, tradotta da Anton Tabo con la supervisione di Valverde, assai stimata e importante in campo scientifico - medico, illustrata con belle tavole ispirate da quelle del Vesalio e migliorate rispetto a quelle. Valverde, la cui opera apparve in spagnolo nel 1556, è considerato uno dei più importanti anatomisti del XVI secolo. Esemplare assai bello, con ampi margini.

      [Bookseller: Libreria Antiquaria Pregliasco]
 44.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        (Il Galateo, in:) Rime, et Prose di M. Giovanni della Casa. Con le Concessioni, e Priuilegii di tutti i Prencipi. Impresse in Vinegia per Nicolo Bevilacqua, nel mese d'Ottobre. M.D.LVIII. (Venezia 1558)

      1558. in - 4, ff 6 nn. (il sesto è bianco ad accezione del titolo delle Rime al verso), pp.170, 2 nn. (con il solo colophon e il lungo privilegio al recto), bel car. tondo, iniziali istoriate. Legatura secentesca in pergamena rigida, titolo in oro al dorso. Edizione originale, di notevole rarità ed importanza: nelle presenti Rime e Prose del Della Casa figura in prima edizione il famoso Galateo. Inizia a pag.82 con il titolo: ''Trattato di Messer Giovanni della Casa, nel quale sotto la persona d'un vecchio idiota ammaestrante un suo giovanetto, si ragiona de modi, che si debbono o tenere, o schifare nella comune conversatione, cognominato Galatheo overo de Costumi''. Scritto con eleganza di lingua, non è solo un trattato di buone creanze ma un compendio di insegnamenti morali e pratici dettati da una lunga esperienza e da una raffinata cultura e rimane un prodotto significativo dell'Umanesimo. Ebbe questo nome perché fu suggerito all'autore da Galeazzo (Galateo) Florimonte vescovo di Sessa. Impressa con gli stessi caratteri e capilettera utilizzati da Paolo Manuzio per l'Accademia Veneziana; è citato da Renouard, Aldo (''bien exécuté et peu commun''). Fu ristampato a sé nel 1559. Esemplare assai bello e ampio di margini, ex - libris Giacomo Manzoni.

      [Bookseller: Libreria Antiquaria Pregliasco]
 45.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Sei libri della cosmografia universale, ne quali secondo che n'hanno parlato i più veraci scrittori son disegnati, i siti de tutte le parti del mondo habitabile et le proprie doti: le tavole topographice delle regioni. Le naturali qualità  del terreno, onde nascono tante diferenze, et varietà  dicose, et animate et non animate. Le nature, et le dipinture degli animali pellegrini. L'imagini, et descrittioni delle città  più nobili: i principij de regni, gli accrescimenti, e tramutamenti. I costumi di tutte le genti, le leggi, la religione, i fatti. Le mutationi: le genealogie altresì de re, e de principi. Autore Sebastiano Munstero.

      Heinrich Petri, 1558 marzo. In folio (cm 31,5), legatura coeva in pelle di scrofa su assi di legno con ricche impressioni a secco, dorso a sei nervi scoperti (fermagli solo in parte conservati, piccole mancanze e spellature), pp. (24), 14 carte geografiche su doppia pagina, 1237 [i.e. 1259], (1). Con circa 930 figure in legno nel testo (in parte ripetute), tra cui un mappamondo sul frontespizio, il ritratto dell'autore al verso del titolo, 38 vedute e piante su doppia pagina e 3 vedute su quattro pagine più volte ripiegate. Marca tipografica al verso dell'ultima carta. Piccoli timbri sul margine inferiore del frontespizio, buco di ca. 2 cm a p. 172 con perdita di parte incisa, leggero alone nel margine superiore al centro del volume, per il resto bellissima copia genuina e marginosa in legatura strettamente coeva.RARA PRIMA EDIZIONE IN ITALIANO della più importante e celebre cosmografia del Rinascimento, un'opera che dalla sua prima apparizione nel 1544 fino all'ultima edizione del 1628, ebbe una straordinaria influenza in tutta Europa, venendo ristampata per ben 35 volte e tradotta in cinque lingue diverse.EDIZIONI. La prima edizione della Cosmographia uscà&not, nel 1544 dai torchi di Heinrich Petri con testo tedesco. Nuove edizioni aumentate apparvero nel 1545, 1546 e 1548, tutte sempre in lingua tedesca. Risale invece al 1550 la versione definitiva dell'opera prodotta da Münster prima di morire. Questa edizione, uscita contemporaneamente in latino e tedesco e considerevolmente aumentata nel testo e nell'apparato iconografico, costituà&not, la base di tutte le successive ristampe (in latino, tedesco, italiano, francese e ceco) che furono pubblicate fino al 1572.A partire dall'edizione tedesca del 1572 fu infatti aggiunto del nuovo materiale che Münster aveva raccolto prima di morire, ma non aveva fatto in tempo ad includere nella sua ultima versione: il nuovo materiale era affiorato dopo la morte di sua moglie avvenuta in quell'anno. Con l'edizione del 1572, apparsa sia in tedesco (la versione tedesca fu nuovamente stampata nel 1574 e nel 1578) sia in latino (ultima in questa lingua), finà&not, il totale controllo della casa editrice basileese di Heinrich Petri sulla Cosmographia, ad eccezione dell'edizione ceca del 1554 stampata a Praga, tutte le altre edizioni erano infatti uscite dai suoi torchi.Nel 1575 Franà&sect,ois de Belleforest curà&sup2, una riedizione in francese, contenente più di seicento nuove pagine riguardanti la Francia, e nello stesso periodo apparvero due nuove edizioni italiane, una stampata a Colonia nel 1575, l'altra a Venezia senza data ma verosimilmente dello stesso anno. Queste due edizioni italiane, basate su quella del 1558, non presentano aggiornamenti ed integrazioni (l'ultima data citata nel testo risale alla fine del 1557), ma furono in compenso parzialmente censurate.L'edizione italiana del 1558 presenta la stessa dedica a Carlo V della definitiva edizione latina del 1550, modifica perà&sup2, la data da marzo 1550 a marzo 1558. Il colophon sull'ultima carta recita che l'edizione fu stampata nel marzo del 1558 a spese di Heinrich Petri, la cui marca figura al verso della stessa carta. L'edizione italiana del 1558 è inoltre l'ultima edizione della Cosmographia ad indicare il Sud America con la dicitura "Insula Atlantica quam vocant Brasilij et Americam"?, successivamente ribattezzata "Nova Insula Atlantica"? (cfr. H.J.W. Horch, Bibliographische Notizen zu den Ausgaben der 'Kosmographie' Sebastian Münsters in italienischer Sprache, in: "Gutenberg Jahrbuch"?, 1976, pp. 237 - 247).GENESI DELL'OPERA. Quello che Sebastian Münster riuscà&not, a realizzare in poco più di venticinque anni, da quando nel 1526 comincià&sup2, ad abbozzare il suo primo progetto di patria illustrata, ossia di descrizione storico - geografica e cartografica della Germania, sino al 1550 (anno della sua ultima edizione della Cosmographia) e, ancora oltre, fino alla morte, raccogliendo nuovo materiale per ulteriori aggiornamenti, ha quasi del prodigioso.Erede allo stesso tempo sia della tradizione geografica antica di matrice matematica che, facendo capo a Claudio Tolomeo, aveva trovato nel primo Cinquecento degni eredi quali Pietro Apiano e Gemma Frisio, sia di quella di stampo corografico - descrittivo che aveva in Strabone e Plinio il Vecchio i due cardini fondanti, Münster raccolse l'appello di Conrad Celtis, che nel 1492 durante una lezione tenuta a Ingolstadt aveva esortato gli umanisti tedeschi a realizzare per la Germania quello che gli Italiani avevano fatto per il loro paese (i riferimenti principali erano in questo senso l'Italia illustrata di Flavio Biondo e l'Europa di Enea Silvio Piccolomini), proponendo uno sforzo collettivo verso la realizzazione di una Germania illustrata, ossia di una descrizione storico - geografico - cartografica attualizzata dei paesi di lingua tedesca, che rendesse finalmente giustizia delle virtù e dell'intraprendenza di quei popoli che dopo Tacito non avevano più avuto un vero storico.Jacob Wimpfeling fu uno dei primi a raccogliere l'appello di Celtis, pubblicando nel 1505 l'Epitoma rerum germanicarum usque ad nostra tempora. Ma fu solo con la generazione successiva e, soprattutto, nell'ambito della cosà&not, detta Sodalitas Basiliensis, formatasi intorno alla carismatica figura di Erasmo durante il suo soggiorno a Basilea, che il progetto della patria illustrata progredà&not, in modo significativo. Storici, geografi ed umanisti di lingua tedesca, quali Heinrich Glareanus (autore di un fortunato manuale intitolato De Geographia, Basilea, 1527), Aegidius Tschudi (la cui celebre De prisca ac vera alpina Rhaetia, descrizione storico - geografia dei Grigioni, fu stampata a Basilea nel 1538 per le cure di Sebastian Münster, che la tradusse anche in latino, e con la complicità di Beatus Rhenanus), lo stesso Beatus Rhenanus, Joachim Vadian (professore a Vienna ed curatore di importanti edizioni di Plinio il Vecchio e Pomponio Mela), Simon Grynaeus (cui si deve il Novus Orbis, 1532, al quale collaborà&sup2, come cartografo lo stesso Münster), Johannes Strumpf (autore di una Chronik della Svizzera, apparsa a Zurigo nel 1548) e molti altri, tutti amici e collaboratori in diversa misura di Münster, seppur con scopi e metodi differenti, attraverso una stretta cooperazione ed un grande entusiasmo, contribuirono enormemente a portare avanti l'ambizioso progetto, raccogliendo materiale e mettendolo a disposizione dei colleghi.Il primissimo abbozzo della Cosmographia si ebbe nel 1524, quando Münster e Beatus Rhenanus (entrambe renani), incontrandosi a Basilea, progettarono di scrivere una descrizione delle regioni tedesche attraversate dal Reno. Münster, che in quegli anni divideva il suo tempo fra Basilea e Heidelberg, comincià&sup2, a intraprendere le prime escursioni scientifiche per raccogliere materiale e compiere misurazioni. Consapevole della vastità del progetto, nel 1528 pubblicà&sup2, una Vermanung an alle Liebhaber der Künstenn im Hilff zu thun zu warer und rechter Beschreybung Teütscher Nation, che uscà&not, al seguito della sua Erklerung des newen Instruments der Sunnen (una delle sue pubblicazioni scientifiche sulle meridiane). Si trattava di una vera e propria richiesta di aiuto e collaborazione per un progetto che, nel frattempo, dai confini renani si era già esteso a tutta l'area tedesca e che presto avrebbe valicato anche quei confini per coprire tutta l'Europa ed infine tutto il mondo.I metodi utilizzati da Münster per raccogliere materiale erano essenzialmente tre: i viaggi da lui stesso compiuti, le informazioni tratte dalle opere a stampa o manoscritte circolanti ai suoi tempi e la collaborazione degli altri.Per quanto riguarda i viaggi, Münster compà&not, svariate escursioni scientifiche in Svizzera e in varie parti della Germania, soprattutto renana, ma non si spinse mai oltre quei confini. Durante questi viaggi, raccontati spesso in prima persona nella Cosmographia, egli compiva rilevamenti e misurazioni con il sistema allora in uso della triangolazione che egli contribuà&not,, tra l'altro, a migliorare e sul quale si sofferma per un intero capitolo dell'opera, incontrava umanisti e studiosi di altre zone con i quali poteva confrontarsi, esaminava nuove biblioteche alla ricerca di libri che gli potessero essere utili, visitava monasteri allo scopo di raccogliere documenti e cronache inedite. Münster continuà&sup2, a viaggiare anche dopo l'uscita della Cosmographia, provando su di sé i vantaggi di essere ormai diventato un autore conosciuto ed apprezzato, in quanto spesso veniva ospitato ed accolto con un trattamento solitamente riservato a persone di maggior prestigio sociale.Risiedendo in uno dei maggiori centri editoriali del tempo, Münster aveva poi la possibilità di venire a conoscenza dell'esistenza di certe opere prima di molti altri. Come docente universitario, incontrava quotidianamente colleghi e studenti provenienti da fuori che giungevano a Basilea per un breve periodo, mentre, come collaboratore editoriale, poteva mettere le mani su tutti i numerosissimi testi che passavano per le officine tipografiche della città in vista di una futura pubblicazione. Senza contare poi il fatto che, essendo Basilea la più tollerante tra le città riformate della Svizzera, per le sue strade si potevano incontrare molti dei rifugiati cattolici scappati dalla Francia e dall'Italia per motivi religiosi.Ma, data la vastità dell'impresa, il più efficace dei sistemi di reperimento del materiale fu senz'altro la collaborazione altrui. Münster scriveva svariate lettere al giorno per richiedere e sollecitare a colleghi, principi, uomini di chiesa e reggenti l'invio di materiale (relazioni, documenti, genealogie, cronache, descrizioni e, soprattutto, mappe e carte geografiche) relativo alle loro zone. Il destinatario veniva lusingato dall'idea di vedere la propria città , la propria famiglia o il proprio monastero celebrati in una grande opera di respiro europeo.L'aiuto maggiore giunse naturalmente dai membri di quella respublica litterarum che condividevano la stessa passione e gli stessi obiettivi di Münster. Figure come Konrad Pellikan, Beatus Rhenanus, Bonifacius Amerbach, Konrad Peutinger, Heinrich Glareanus, Joachim Vadian, Aegidius Tschudi, Wolfgang Lazius, Willibald Pirkheimer, Johann Aventin, Johannes Schöner, Conrad Gessner, Konrad Lycosthenes e Johannes Honter (solo per citarne alcuni), attraverso un fitto scambio epistolare con l'autore, diedero un fondamentale contributo alla realizzazione dell'opera. In alcuni casi Münster giunse persino ad inserire direttamente veri e propri passi di altri autori sui loro luoghi di origine, come per esempio quello di Hieronymus Bonerus su Colmar (illustrata nella Cosmographia da una bellissima veduta) o come quello di Johannes Fischart su Francoforte.Oltre agli studiosi, Münster fece appello anche ai consigli municipali delle molte città europee e ai vari reggenti d'Europa, ai quali richiedeva (e spesso otteneva) non solo materiale di prima mano, ma anche finanziamenti e protezioni.Una volta ottenuta una tale ingente messe di informazioni, Münster dovette vagliare, dove possibile, riorganizzare e riscrivere tutto il materiale. Anche per quanto riguarda la parte iconografica, egli utilizzà&sup2, sà&not, disegni pervenutegli da tutti gli angoli d'Europa, ma gran parte di essi furono da lui rielaborati, senza contare quelli realizzati integralmente da lui durante i suoi viaggi.Münster si occupà&sup2, personalmente anche della parte più prettamente cartografica, realizzando sia le grandi carte generali che gran parte di quelle regionali. Prima della pubblicazione della Cosmographia nel 1544, egli aveva già maturato una vasta esperienza come cartografo, non solo limitandosi a copiare carte preesistenti ma anche delineandone di nuove, come il mappamondo inserito nell'edizione del 1532 del Novus Orbis di Simon Grynaeus che è ispirato a quello di Waldseemüller del 1507 oppure la carta della Svizzera allegata all'opera di Tschudi del 1538. Münster pubblicà&sup2, inoltre nuove edizioni di Solino, Pomponio Mela e Tolomeo (rispettivamente nel 1538 e nel 1540), corredandole di un vasto apparato cartografico, che sarà poi in parte riutilizzato anche per la Cosmographia.Dopo la pubblicazione del Tolomeo nel 1540, Münster comincià&sup2, a stringere i tempi sulla Cosmographia. I quattro anni seguenti furono i più difficili: il reperimento del materiale era spesso esasperante e richiedeva frequenti solleciti, i rapporti con il Petri, che si sobbarcà&sup2, quasi interamente il rischio d'impresa, si facevano a volte molto tesi a causa dei costi altissimi che andavano sempre più lievitando (lo stesso Münster nel 1548 calcolà&sup2, che il solo costo degli illustratori era pari a 600 fiorini, ossia dieci volte superiore al salario da lui percepito nel 1528 come docente universitario), gli impegni di docenza gli portavano via molto tempo, lo preoccupava inoltre la concorrenza del progetto per molti versi simile che Johannes Strumpf stava portando avanti negli stessi anni, quella Chronik che sarebbe poi apparsa solo nel 1548.Nonostante tutto questo, nell'autunno del 1544, seppur non completa come la desiderava il suo autore, la Cosmographia si trovava in vendita tra i banchi della fiera di Francoforte. E fu subito un grandissimo successo anche commerciale, ripagando ampiamente gli investimenti del Petri.Münster continuà&sup2, tuttavia a lavorarci sopra, introducendo nuovo materiale e perfezionando nella qualità ed aumentando nel numero le illustrazioni. Se la prima edizione del 1544 contava 640 pagine, 520 illustrazioni e 24 mappe su doppia pagina, la definitiva edizione del 1550 raddoppià&sup2, il numero delle pagine (1233) e delle figure nel testo (910). Solo le carte geografiche iniziali, riprese dalla Geografia del 1540 e reincise, furono ridotte a 14 (cfr. H.L. Ruland, A Survey of the Double - page Maps in Thirty - Five Editions of the 'Cosmographia Universalis' 1544 - 1628 of Sebastian Münster and in his Editions of Ptolemy's 'Geographia' 1540 - 1552, in: "Imago Mundi"?, 16, 1962, p. 89).Per l'incisione in legno delle mappe e delle figure Münster si servà&not, di vari artisti, a volte commissionando loro anche solo una singola figura. I principali sono: Hans Holbein, che tuttavia abbandonà&sup2, presto il progetto e si trasferà&not, in Inghilterra, Conrad Schnitt, che incise molte vedute di città , David Kandel, e, soprattutto, Hans Rudolf Manuel Deutsch, a cui si deve la maggior parte delle vedute di città e delle altre illustrazioni di maggior formato.Lo straordinario successo della Cosmographia fu senza dubbio dovuto anche alla grande qualità delle immagini, che alzarono notevolmente il livello per questo tipo di pubblicazioni. Se nel Liber Chronicarum dello Schedel i profili delle città riprodotte erano piuttosto vaghi e a volte erano pure ripetuti, la precisione delle vedute proposte dal Münster raggiunse il massimo di verosimiglianza ottenibile a quei tempi. Per di più, questi introdusse importanti innovazioni tecniche come quella di inserire la descrizione delle tavole componendo il testo con caratteri mobili esterni al blocco di legno della figura, in questo modo la matrice poteva essere riutilizzata indipendente dal testo, il quale quindi poteva essere corretto nelle ristampe successive oppure variato per le traduzioni.Anche le carte geografiche di Münster ebbero una notevole influenza, ad esse esplicitamente si rifecero, tra gli altri, il Mercatore e l'Ortelio.Le immagini intercalate nel testo, intagliate appositamente per la Cosmographia, si dividono in due gruppi principali: quelle più rozze che raffigurano scene generiche e sono quindi riutilizzate più volte, e quelle più specifiche che raffigurano stemmi araldici, ritratti di sovrani e uomini famosi, eventi storici e fenomeni naturali di particolare rilevanza, animali esotici e attività umane specifiche di una zona, che si segnalano per la loro maggior precisione ed verosimiglianza.CONTENUTI. La Cosmographia del Münster, che per certi versi puà&sup2, essere considerata come una vasta enciclopedia di tutto il sapere storico - geografico del tempo, si presenta come una "periegesis"?, ossia come un pellegrinaggio o viaggio intorno al mondo che si sviluppa luogo per luogo. Il mondo è diviso in continenti, i continenti sono suddivisi in territori più piccoli, i quali a loro volta sono composti da specifici luoghi geografici che l'autore idealmente attraversa come in un viaggio.Gran parte dell'opera è dedicata all'Europa (84% del totale, contro il 12% per Asia e Nuovo Mondo e il 4% per l'Africa). In Europa il 18% è riservato a Gran Bretagna, Spagna, Francia e Italia, il 15% ai paesi del nord e ben il 48% alle regioni di lingua tedesca. Il restante 3% forma il libro primo, in cui si trovano istruzioni generali di carattere matematico, fisico - geografico e cartografico.Il metodo periegetico aveva il grande vantaggio di permettere una facile memorizzazione della grande messe di informazioni che Münster, in quanto praeceptor, metteva a disposizione dei suoi lettori per il loro apprendimento, nello stesso tempo, permetteva al lettore di non smarrirsi nei meandri delle digressioni e divagazioni varie che rendono l'opera apparentemente un po' caotica, ma ne costituiscono uno dei principali motivi di attrazione.Münster, finché fu in vita, si interessà&sup2, direttamente anche dell'impaginazione dell'opera, volendo che fosse ricca di titoli e titoli correnti per aiutare il lettore a capire in quale punto del viaggio si trovava durante la lettura, nonché di immagini nel testo che rendessero la narrazione più agevole ed accessibile.Lo stile è molto vario e passa dalla severità professorale alla levità colloquiale, adeguandosi alla grande varietà di contenuti. Non infrequenti sono infatti nel testo aneddoti e piccoli racconti personali che animano la narrazione.Nel descrivere una regione o una città , Münster segue solitamente un ordine prestabilito: prima viene la geografia (mappa, veduta e descrizione corografica), seguono quindi l'etimologia del nome e le sue versioni in altre lingue (cosa fondamentale per evitare malintesi ed ambiguità e per collegare la storia antica alla geografia moderna), le risorse del territorio (Münster è particolarmente interessato a tutto cià&sup2, che è utile all'uomo come i metalli o le acque termali, i prodotti della terra, il cibo, il vino, la fertilità del suolo, gli animali), i monumenti (monasteri, castelli, palazzi, chiese, ecc.) ed infine le notizie storiche.Da un punto di vista prettamente geografico e cartografico, non solo per i meriti già sopra ricordati nel campo della misurazione delle distanze e della triangolazione e nel campo della tecnica da lui introdotta nella stampa delle carte con testo in caratteri mobili, Münster fu un grande innovatore. L'uso che egli fece dei diagrammi nella illustrazione delle miniere o l'uso dei simboli nella mappa della Boemia per distinguere le diverse confessioni religiose della varie località sono senza precedenti. Münster fu inoltre il primo geografo ad introdurre mappe separate per ciascuno continente, a fornire la prima carta separata delle Isole britanniche e la prima in assoluto della Scandinavia, il primo infine a citare le fonti da lui utilizzate per le carte non tolemaiche.Le 14 mappe poste all'inizio del volume, una sorta di piccolo atlante volto a dimostrare attraverso la precisione matematica e l'uniformità di proiezione l'alto valore scientifico dell'opera, contengono: un mappamondo moderno, un mappamondo tolemaico, una carta dell'Europa, quindi la Spagna, la Francia, la Germania, la Svevia e la Baviera, la Polonia e l'Ungheria, l'India, l'Africa, il Nuovo Mondo, la Grecia, la Svizzera e il Reno, la Boemia.Le 54 carte inserite nel testo (su quattro, due o singola pagina) sono invece molto diverse. Talvolta anche abbastanza piccole, presentano sovente una prospettiva a volo d'uccello che mette in evidenza le città e i rilievi. Esse sono pensate per accompagnare il testo e intendono quindi dare un maggior senso di spazialità seppur a scapito della precisione matematica.In un epoca in cui era ancora dibattuto se l'America fosse un continente oppure un'isola, nella Cosmographia Münster propende decisamente per la seconda ipotesi, presentando l'America come un'isola all'interno di un mondo tripartito, formato da soli tre continenti. Nella carta riservata al Nuovo Mondo, questo figura quindi come separato dall'Asia, ma non assurge nella visione geografica di Münster allo stesso livello di importanza di Asia, Africa ed Europa. All'America è poi riservata solamente una piccola sezione inserita fra le descrizioni dell'Asia e dell'Africa. D'altra parte, l'America, come del resto l'Oceania, fu non solo scoperta, ma anche inventata attraverso un lungo dibattito riguardante la sua identità , che alla fine non vide certo prevalere l'opinione di Münster.Âll Münster constructed America as part of a larger geographical space - an archipelago from the Canaries to the Moluccas. In so doing, he connected it to one of the pressing issues in international politics and commerce: the search for sea - routes to the Spice - Islands that enabled one to bypass and undercut the overland spice trade.. Münster's interpretation of the geography of half the globe along commercial lines indicates awareness of the interests of the many German merchants and financiers in the spice tradeÂ'gg (S. Davies, America and Amerindians in Sebastian Münster's 'Cosmographiae universalis libri VI' (1550), in: "Renaissance Studies"?, 25, nr. 3, 2011, pp. 368 - 369).La storia, umana e naturale, interessa a Münster in egual misura della geografia e della topografia. In particolare, egli si preoccupa di delineare i cambiamenti storici (spostamenti ed evoluzione dei popoli, ascese e cadute di regni ed imperi, trasformazioni del paesaggio) che ogni territorio ha attraversato durante i secoli. Nel fare cià&sup2,, non dimentica mai di menzionare le proprio fonti e di confrontarle fra loro, quando possibile.Münster viene inoltre a giusto titolo considerato come il padre dell'etnografia e dell'antropologia comparata, in quanto egli descrive e compara caratteristiche somatiche, leggi, costumi, cerimonie, pratiche educative, abilità , attività artigianali, modi di vestire e abitudini alimentari di tutti i popoli che affronta. Per quanto riguarda la religione, egli si limita a descrivere il credo e le pratiche di una certa regione, senza entrare nel merito delle questioni confessionali, al punto che il suo apprezzamento va spesso anche a popoli non cristiani, purché ingegnosi e civili sotto altri aspetti, come per esempio i Turchi.Da ogni pagina della Cosmographia trapela l'amore di Münster per il sapere e la conoscenza come valori fondanti di una società socialmente stabile, pacifica e tollerante. In questo senso, abbraccia in toto gli ideali umanistici che erano a fondamento della respublica litterarum, di cui egli era un membro orgoglioso.Più in particolare, Münster celebra la vita e l'opera di singoli studiosi, descrivendone gli scritti principali e tracciandone una breve biografia. Oltre ai grandi del passato, si sofferma soprattutto su glorie patrie come Erasmo da Rotterdam, Jacob Stöffler, Conrad Celtis, Johannes Reuchlin, Beatus Rhenanus, ecc.Nonostante il rigore scientifico e lo scrupolo filologico applicati da Münster nella sua opera, affiorano talvolta nella Cosmographia, soprattutto nelle sezioni dedicate ai paesi lontani dell'Asia, dell'Africa e del Nuovo Mondo, molti di quegli aspetti favolosi relativi sia al mondo animale (mostri marini, creature immaginarie, ecc.), sia al mondo umano (cannibali, racconti meravigliosi, ecc.), cosà&not, tipici della letteratura medievale, che non ci si aspetterebbe di trovare in un'opera siffatta (cfr. M. McLean, The 'Cosmographia' of Sebastian Münster. Describing the World in the Reformation, St. Andrews, 2007, passim).LA VITA. Sebastian Münster nacque a Ingelheim (Renania - Palatinato) nel 1488. Il padre, Spitalmeister della cittadina, fu in grado di provvedere all'istruzione superiore di almeno due dei suoi figli, tra cui Sebastian. Dopo i primi rudimenti del trivium appresi a Ingelheim, questi continuà&sup2, i proprio studi ad Heidelberg, dove presso il Generalstudium dei Francescani si dedicà&sup2, alla logica, alla cosmologia, alle matematiche, alle scienze naturali e alla teologia.Nel 1506 entrà&sup2, nell'Ordine francescano. Nello stesso periodo soggiornà&sup2, a Lovanio e Friburgo, dove, sotto la guida di Gregor Reisch, per la prima volta attuà&sup2, quella inusuale combinazione di studi ebraici, studi biblici e geografia, che lo avrebbe contraddistinto per tutta la vita. Nel 1509 fu mandato presso il monastero di St. Katharina a Rufach, dove, grazie all'insegnamento di Konrad Pellikan, Münster fece rapidi progressi nella conoscenza della lingua ebraica, progressi che avrebbe successivamente consolidato grazie alla collaborazione con lo studioso ebreo Elia Levita.Quando nel 1511 Pellikan fu mandato a Pforzheim, Münster lo seguà&not,, approfittando dell'occasione per visitare la biblioteca di Reuchlin a Stoccarda e per fare la conoscenza di Wolfgang Capito, che viveva nella vicina Bruchsal.Ma fu solo dopo il suo trasferimento a Tubinga alla fine del 1514, che Münster incontrà&sup2, colui che si sarebbe rivelato decisivo per la sua istruzione in campo scientifico, ossia Johannes Stöffler. Questi, insieme a Pellikan, fu l'unico tra i suoi maestri a cui Münster si rivolse sempre con l'appellativo di "Praeceptor fidelissimus"?. A Tubinga questi comincià&sup2, anche ad insegnare ed incontrà&sup2, per la prima volta Philipp Melanchthon.Nel 1518 Münster giunse per la prima volta a Basilea, rimanendovi fino al 1521. Qui comincià&sup2, la sua carriera di correttore, traduttore ed editore per conto di Adam Petri. Nonostante nella città svizzera avesse trovato un ambiente intellettuale ed umano a lui particolarmente consono, nel 1521 fu costretto dal suo Ordine a trasferirsi a Heidelberg, dove insegnà&sup2, per quattro anni l'ebraico e fu impegnato nella stesura di importanti opere lessicografiche in greco, ebraico ed aramaico.In quegl'anni Münster, non appena poteva, si recava a Basilea per trovare gli amici. Ma fu solo nel 1529 che egli prese la drastica decisione di lasciare l'abito e trasferirsi definitivamente a Basilea. Qui continuà&sup2, la sua attività di ricerca in campo geografico e continuà&sup2, ad approfondire la sua conoscenza dell'ebraico attraverso l'insegnamento e la pubblicazione di altre significative opere lessicografiche. Si propose inoltre l'ambizioso progetto di curare un'edizione della Bibbia nella sua lingua originale.Se nel campo degli studi ebraici Münster fu un gigante che costruà&not, un vero e proprio ponte fra due culture, non meno significativi furono i suoi contributi in campo matematico ed astronomico.Dal suo arrivo a Basilea Münster abbraccià&sup2, di fatto il credo protestante, benché egli non dimostrasse mai una particolare propensione verso i dibattiti di natura confessionale. Nel 1529 Johannes Oecolampadius, con il consenso del consiglio cittadino, gli assegnà&sup2, la cattedra di ebraico, mentre quella di greco fu data all'amico Simon Grynaeus.Münster mantenne il suo incarico per tutta la vita, affiancando all'attività di docente quella di collaboratore editoriale per Heinrich Petri e Hieronymus Froben. Rivestà&not, poi anche altri ruoli istituzionali, tra cui quello di rettore dell'università negli anni 1547 - 1548.A Basilea, oltre che dei suoi studenti, con i quali viveva a contatto quotidiano, ospitandoli talvolta anche a casa sua, Münster poteva godere della compagnia dei membri della cosà&not, detta Sodalitas Basiliensis, che si era formata anni prima intorno alla carismatica figura di Erasmo. Senza tutti questi contatti (studenti, viaggiatori, stampatori, umanisti, rifugiati, mercanti, ecc.), che solo in una città come Basilea si potevano incontrare con tanta frequenza, egli sarebbe difficilmente riuscito a portare a termine la sua Cosmographia. Münster morà&not, di peste a Basilea nel 1552 (cfr. H.K. Burmeister, Sebastian Münster. Versuch eines biographischen Gesamtbildes, Basel - Stuttgart, 1963, passim).BIBLIOGRAFIA. VD16, M - 6712, J. Sabin, Dictionary of Books Relating to America. From the Discovery to the Present Time, New York, 1956, nr. 51402, K.H. Burmeister, Sebastian Münster. Eine Bibliographie, Wiesbaden, 1964, p. 85, nr. 99.

      [Bookseller: Libreria Govi Alberto]
 46.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        I fiori delle rime de' poeti illustri,... Con alcune annotationi del medesimo, sopra i luoghi, che le ricercano per l'intendimento delle sentenze, o per le regole & precetti della lingua, & dell'ornamento

      Giovanni Battista & Melchiorre Sessa, 1558. 8vo. (24), 608 [i.e. 624], (56) pp. With the printer's device on the title - page. Contemporary limp vellum with manuscript title on the spine, lacking ties, new endpapers, a fine copy with the book plate of Franz Pollak Parnau.FIRST EDITION (issue B with the title - page and the first two gatherings reset). This important verse anthology is usually considered volume eight in the fifteen volumes series published by various Venetian printers between 1545 and 1560. It was reprinted in 1569, 1579 and 1586 (cf. L. G. Clubb W. G. Clubb, Building a Lyric Canon: Gabriel Giolito and the Rival Anthologists, 1545 - 1590, in: &ldquo,Italica&rdquo, 68/3, 1991, p. 338).Ruscelli's Fiori was different in kind from the earlier Giolito anthologies: it was a selective and retrospective anthology, consisting mostly of poems published in previous anthologies that were held out to be the cream of the crop. It also marked something of a change in poetic taste, for the Fiori abounds in contemporary Neapolitan poets, such as Rota, Tansillo, Caraffa, and Di Costanzo, these poets revived the earlier flamboyant style (condemned by Bembo) made popular by Tebaldeo, Chariteo, Serafino, and, of course, Sannazaro, the latter of whom is mentioned, it will be remembered, by Ruscelli (and Cinzio) as an appropriate lyric model. In an act of mutual self - promotion, Ruscelli refers explicitly in his treatise to his anthology as a work full of potential models, just as he had done in that volume's preface. Ruscelli's theoretical and editorial work are thus complementary: both bear witness to an exploding canon of approved authors who can serve as models for imitation. The volume is dedicated to Aureoliano Porcelaga, scion of an ancient family from Brescia and contains 847 composition by 39 authors: Luigi Alamanni (11), Giovanni Battista Amalteo (10), Pietro Barignano (12), Pietro Bembo (38), Giovan [sic] Antonio Benalio (3), Giacomo Bonfadio (4), Giovanni Battista Brembati (3), Giulio Camillo (9), Bernardo Cappello (10), Giulio Cesare Caracciolo (11), Annibal Caro (23), Ferrante Carafa (21), Vittoria Colonna (32), Luca Contile (6), Angelo di Costanzo (63), Lodovico Domenichi (18), Sebastiano Erizzo (10), Remigio Fiorentino (17), Veronica Gambara (12), Giovanni Battista Giraldi (7), Giovanni Guidiccioni (77), Giuseppe Leggiadro [Gallani] (10), Lodovico Martelli (17), Vincenzo Martelli (19), Giacomo Mocenigo (7), Francesco Maria Molza (116), Giovanni Mozzarello [Muzzarelli], Girolamo Muzio (19), Antonio Francesco Rainieri (45), Berardino Rota (24), le cavaliere Salvago (12), Jacopo Sannazaro (32), Luigi Tansillo (43), Bernardo Tasso (11), Claudio Tolomei (9), Bernardo Tomitano (12), Giovanni Andrea Ugoni (22), Benedetto Varchi (7), Domenico Venier (28) (cf. P. Zaja, Intorno alle antologie. Testi e paratesti in alcune raccolte di lirica cinquecentesce, in: &ldquo,I più vaghi e più soavi fiori. Studi sulle antologie di lirica del Cinquecento, M. Bianca E. Strada, eds., Alessandria, 2001, p. 113 - 145).Ruscelli also sees in his anthology a kind of manual for the student of poetry and a model book for poets: &ldquo,Nasce da queste istanze, insieme di natura critica e commerciale, la raccolta dei Fiori che, per essere meglio compresa, deve essere letta in stretta relazione con la composizione e pubblicazione del trattato Del modo di comporre, due volumi per i quali, forse non a caso, gli stampatori Giovan Battista e Melchiorre Sessa rivolgono nello stesso giorno la supplica per il privilegio di stampa al Senato veneziano. Le due opere, almeno nelle intenzioni, nascono infatti come un vero e proprio sistema teorico e pratico rivolto a chi intende studiare e praticare il genere lirico, alla cui base sta una precisa presa di posizione militante rispetto alla tradizione e alle esperienze più recenti. Nei materiali paratestuali dei Fiori come nel trattato Ruscelli si dichiara infatti aperto sostenitore della piena legittimità della modernità letteraria&rdquo, (Franco Tomasi, Distinguere i &lsquo,dotti da gl'indotti': Ruscelli e le antologie di rime, in: &ldquo,Girolamo Ruscelli dall'Accademia alla corte, alla tipografia. Atti del Convegno internazionale di studi, Viterbo, 6 - 8 ottobre, 2011&rdquo,, P. Marini P. Procaccioli, eds., Manziana, 2012, p.583).The volume furthermore offers a valuable insight into editorial practice of the time and Ruscelli's opinions regarding the duties of an editor: &ldquo,La qual cosa [selezionare solo i testi migliori] se con la stessa necessità, o con lo stesso rischio di perdita, e di molta spesa, si facesse in questi nostri tempi, si vedrebbono sicuramente più chiari i nomi de gli scrittori che vanno in pubblico. La ove perché con maggior commodità, e con forse minore spesa i librari nostri fanno oggi mille libri, che non ne facevano uno solo o pochi più con la penna quegli altri, si vede moltiplicar tanto la copia de' libri, che già buon prezzo cominciano gli studiosi a desiderare, e ancora sperare di veder odinato da i Principi e dalle Repubbliche quello che quel gran Filosofo accennò come per nesessario ancor fino a' suoi tempi, cioè che sì come oggi santamente si tiene inquisizione a non lasciar uscir libro che sia contro la santissima religione, né contra i Principi, a chi doppo Iddio s'ha da avere la prima riverenza, così ancora si tenesse inquisizione per non lasciar uscir libri che corrompessero o tenessero dannosamente impediti gli studij di coloro che vi spendono denari in averli, e tempo in leggerli per giovarsene in quelle professioni, di che essi si portan titolo. E per certo se in alcuna professione fosse giovevole una così fatta cura, in questa de' componimenti volgari sarebbe da ogni parte utilissima, poi che per le già dette cagioni se n'è veduto fin qui crescer tanto il numero, e con tanta confusione, che i dotti ne siano fastiditi, e quasi sdegnino il volerli leggere. Percioché gli veggono così confusi, molti freddissimi di niun valore, senza soggetto, senza modo, senza osservation di lingua, senz'alcun ornamenti mescolati fra pochi buoni, e quegli ancora incorettissimi, o attribuiti falsamente molti ad autori di cui non sono. Nel che non è da dare in molta parte la colpa a i librai, Né a coloro che si sono venuti mettendo insieme. Perciòche le incorrezioni de' nomi scambiati sono in gran parte di coloro, che che così gli hanno dati scritti. E lo scegliere i buoni da i non buoni, oltre che non è opera così da ognuno, non è stato poi libero ne' librari, per esser venuti dando loro molti componimenti per buoni, lodati da chi n'avea poco giudicio, o con prieghi di farli uscire comunque fossero. Ma ben si vede già, che essi medesimi sono ormai divenuti accorti, o più tosto esperti e spaventati in modo che par ancora le rime buone e perfette essi fuggano di volersi torre a fare stampare a loro spese&rdquo, (leaf *4r - v).It is interesting to note that of the 39 authors found in the anthology are included the two major Renaissance poetesses: Vittoria Colonna and Veronica Gambara (cf. D. Robin, Publishing Women, Salons, the Presses, and the Counter - Reformation in Sixteenth Century Italy, Chicago, IL, 2007, pp. 236 - 237).Girolamo Ruscelli, of humble origins, was born in Viterbo and became one of the leading editors of the Cinquecento. He was first active in Rome, where he founded the Accademia dello Sdegno together with Tommaso Spica and Giovanni Andrea dell'Anguillara. He later settled in Venice working for such publishers as Sessa and Valgrisi. He was a friend of Bernardo and Torquato Tasso, Lodovico Dolce and Pietro Aretino. The last two were to become his rivals in several bitter controversies. He edited the works of Boccaccio, Petrarch and Ariosto and translated Ptolemaeus' treatise on geography. While in Venice he had contact with other academies (della Fratta, dei Dubbiosi, della Veniera and della Fama), and was interested in issues such as the systematization of the Italian language (cf. P. Procaccioli, &lsquo,Costui chi e' si sia'. Appunti per la biografia, il profilo professionale, la fortuna di Girolamo Ruscelli, in: &ldquo,Girolamo Ruscelli. Dall'accademia alla corte alla tipografia. Atti del Convegno internazionale di studi, Viterbo, 6 - 8 ottobre 2011, Roma, 2012, pp.13 - 76 and C. Di Filippo Bareggi, Il mestiere di scrivere: lavoro intellettuale e mercato librario a Venezia nel Cinquecento, Roma, 1988, 78 - 80 , 296 - 301).Edit 16, CNCE29864, Adams, R - 950, Universal STC, no. 853890.

      [Bookseller: Libreria Govi Alberto]
 47.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        La cronique du tres chrestien & victorieux Roy Loys unziesme du nom (que Dieu absolve) avec plusieurs histoires advenues tant es pays de France, Angleterre, que Flandres & Artois, puis l'an mil quatre cens soixante & vii, jusq'en l'an mil quatre cens quatre vingtz & trois.

      Galliot du Pré, Paris 1558 - Un volume petit in-8 plein veau, plats décorés d'un double encadrement de roulette dorée avec fleurons en écoinçon, dos lisse décoré à l'identique. Reliure postérieure du XVIIe siècle. [4], 167 pages. Le dernier feuillet avec la marque d'imprimeur est absent. Première édition en lettres rondes de ces chroniques attribuées à Jean de Roye, conseiller et chambellan de Louis XI, et couvrant les années 1461 à 1483. Les éditions postérieures du XVIIe donneront à ce texte le nom impropre de «  Chroniques scandaleuses  ». Très bon exemplaire, bien frais, malgré une reliure quelque peu usagée avec manques de dorure sur les plats. // One volume, small 8vo, full brown calf, gilt tooled boards and flat spine. Later binding (17th century). [4], 167 pages. Printer's mark leaf missing. Second edition of King Louis XI of France chronicles supposedly written by Jean de Roye, Louis XI counsellor and chamberlain, extending over the years 1461 to 1483. A very good copy despite a somewhat rubbed binding. [Attributes: Hard Cover]

      [Bookseller: Le Scriptorium d'Albi]
 48.   Check availability:     AbeBooks     Link/Print  


        Commentarii secundo aucti, in libros sex Pedacii Dioscoridis de medica materia.

      Colophon: Venetiis: In officina Erasmiana, Vincentii Valgrisii Folio (30 cm, 11.8"). 776 of 928 pp.(lacking tile-leaf, 98 prelim., & 50 supp. pp.); illus.. [1558] An early printing if an incomplete copy of this brilliantly successful rendition of Dioscorides' Materia Medica, here in Latin (and some Greek) with Mattioli's extensive commentary, added plants not found in Dioscorides, and => copious woodcut illustrations. Mattioli first published his Italian translation in 1544, and the first Latin edition followed in 1554; the Latin commentaries here are revised and expanded from the "Discorsi" of the 1544 Italian edition. Pritzel notes that => 62 of the 703 woodcuts are non-botanic, and In addition to the plants, a variety of land and sea creatures (including porcupines, seahorses, and various shellfish) are illustrated here, as well as scenes of a man catching snakes, a hound chasing hares, a beekeeper with hives, farmers shearing sheep, a man riding an elephant, and more. (133 of the cuts, according to Pritzel, appear here for the first time ? including one of a mummy.) Evidence of readership: Extensive early inked marginalia in Latin, some illustrations with additional Latin captions in a different early inked hand; intermittent underlining. This copy has lost its title-page and apparatus including the first of its two prefaces i.e., (the dialogues) and the preliminary index; but its primary preface ("Praefatio Dioscoridis") and all of the Materia Medica itself are present. Covers lacking, with sewing structure intact and in fact with the => text block workably solid; first text page tipped on (outer edge chipped), back fly-leaf tattered. Title-page, 100 preliminary, and 50 final pages ("Apologia adversus Amathum Lusitanum, cum censura in ejusdem ennarrationes") lacking. Upper outer corners of about 20 early leaves dog-eared; a few leaves creased; two leaves with short tears from upper margins, not touching text; one leaf with tear from lower margin extending into text, without loss; one leaf with outer margin chipped, affecting marginalia and one shouldernote but not main text; one leaf with closed tear within text; one leaf with lower outer portion torn away, with loss of portions of ten lines. Scattered spots of mild staining and foxing; markings as above; some marginalia shaved. An imperfect copy, but one with => all illustrations present, excellent evidence of contemporary scholarly interaction with the text, and binding structure exposed for potential study. Housed in a phase box for protection.

      [Bookseller: Philadelphia Rare Books & Manuscripts Co]
 49.   Check availability:     Biblio     Link/Print  

______________________________________________________________________________


      Home     Wants Manager     Library Search     562 Years   Links     Contact      Search Help      Terms of Service     


Copyright © 2018 viaLibri™ Limited. All rights reserved.