The viaLibri website requires cookies to work properly. You can find more information in our Terms of Service and Privacy Policy.

Displayed below are some selected recent viaLibri matches for books published in 1540
2017-03-03 21:59:20
Michael Isengrin, 1540. In 12° (mm 195x132), pp. (12), 75, (1). Segnatura: a6 A-H4 I6. Marca editoriale al frontespizio: palma incorniciata, tra i cui rami si intravede una pietra. Ai lati del tronco: &ldquo,Palma Ising&rdquo, (J147). Iniziali istoriate. Legatura in cartonato posteriore, con numero identificativo del volume manoscritto su tassello al dorso. Lievi aloni su diverse pagine, ma nel complesso ottima copia. Sottolineature e annotazioni manoscritte su diverse pagine. RARA EDIZIONE ORIGINALE, dedicata a Ferdinando d'Austria. Mynsinger fu giurista, cancelliere del ducato di Brunswick-Wolfenbuttel, nonché autore di numerose poesie neolatine. La presente opera, un poema epico che celebra la grandezza degli Asburgo, rimane la sua opera più significativa. Fu ristampata nel 1585 nella raccolta di tutta l'opera poetica del Mysinger edita da Heinrich Meibom (cfr. K. Zippelius, Ein Juristenleben im 16. Jahrhundert: Jochim Mynsinger von Frundeck, in: &ldquo,Melanges Fritz Sturm&rdquo,, Liège, 1999, pp. 959-970). VD16, M-7422.
Bookseller: Libreria Govi Alberto
2017-02-26 18:04:25
Sebastian MUENSTER (1488 - 1552)
1540. Bella e affascinante carta dell'Italia che mostra anche la Sardegna, la Sicilia e la Corsica. L'orografia è prospettica, rappresentata da piccoli coni di talpa associati ed allineati, senza ombreggiature; l'idrografia con una doppia linea; la superficie dei laghi è tratteggiata; i centri sono indicati con casette. Esemplare pubblicato nell'edizione tedesca della Comosgrahia di Sebastian Münster, Cosmographey oder beschreibung aller Länder, edita a Basilea nel 1574 da Heinrich Petri. Il legno di questa mappa è lo stesso utilizzato per l'edizione della Geographia di Tolomeo curata da Münster nel 1540. Xilografia, finemente acquarellata, in ottimo stato di conservazione. Early woodcut map of Italy by Sebastian Münster. Showing Italy with the Islands Sardinia, Sicily and Corsica. With Dalmatia in the East. The map shows the rivers, lakes, mountain ranges and major cities.The title on verso is surrounded by a beautiful woodcut border. From the German edition of Sebastian Münster's Cosmography, titled Cosmographey oder beschreibung aller Länder, published 1574 by Heinrich Petri in Basel. The woodblock of this map was used first in Münster's Geographia Universalis in 1540 Basilea Basle Borri, R.: L'Italia nell'Antica Cartografia 1477-1799, No. 26. 335 250
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-02-22 19:02:49
Giulio SANUTO (1540 - 1588)
1540. "Bulino, 1540 circa, in basso a sinistra l'indirizzo di Antonio Salamanca 'Ant. Sala. Excudebat', e a destra "M.A. invetor". Da un disegno di Michelangelo. Stato unico. La Vergine assistita da tre Angeli sorregge il corpo di Gesù adagiato su una pietra. Probabilmente l'incisione è basata sul disegno che Michelangelo realizzò per la Pietà di Ubeda dipinta da Sebastiano del Piombo intorno al 1539. Splendida prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana ""aquila nel cerchio"", rifilata alla linea marginale, in ottimo stato di conservazione. Molto rara." "Engraving, 1540 circa, inscribed with publisher's address lower right: 'Ant. Sala. Excudebat' and lettered at right: 'M.A. inuetor'. Only state. The dead Christ is seated on a rock, supported by the Virgin and two angels. Probably related to the drawing by Michelangelo made for Sebastiano del Piombo's Ubeda Pieta, painted around 1533. Good example, printed on contemporary laid paper, with watermark ""eagle in a circle"", trimmed close to the platemark, in very good condition. A very rare work." Heinecken 1786, vol. 1, p. 391, no. 26; Passavant VI.105.8; Bury 1990, n. 8. 270 205
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-02-22 19:02:49
Marco DENTE detto "Marco da Ravenna" (Ravenna 1496 - Roma 1527)
1540. Bulino, 1540, in basso al centro 'R/P COR SCIPIONIS VICTORIA. Primo stato, avanti i ritocchi. La scena raffigura Scipione che attacca Cartagine, narrata da Livio (14,15). L'incisione è basata su uno dei 23 arazzi del ciclo Gesta di Scipione, il cui il petit patron è conservato al Louvre. La serie completa di arazzi legata alla figura di Scipione è formata da due serie distinte: 13 rappresentazioni delle Gesta di Scipione, che hanno quale fonte letteraria Tito Livio, e i Trionfi di Scipione - di 9 scene - basata sulla descrizione dello storico Appiano. La serie fu commissionata da Francesco I di Francia nel luglio del 1532, all'imprenditore Marc Crétif, di Bruxelles. Completata nel 1535, la serie fu distrutta nel 1797 per ordine del direttore della Garde Meuble, Vilette, perché aveva bisogno dell'oro degli arazzi per pagare i suoi dipendenti. I cartoni dei Trionfi furono realizzati da Giulio Romano, mentre quelli della Gesta erano tradizionalmente attribuiti a Giulio e al Penni. Di questa serie si conservano 5 "petit patron", tutti conservati al Louvre, da cui sono stati tradotti in incisione. Tradizionalmente sono attribuiti a Gianfrancesco Penni, ma probabilmente le composizioni furono realizzate da Giulio Romano. L'incisione, però, sembra non dipendere direttamente dal disegno preparatorio per l'arazzo, rispetto al quale si discosta per diversi particolari, ma da una copia che ne fu realizzata in Italia. La stampa è catalogata dal Bartsch come anonima, e la tesi è condivisa anche da Cirillo Archer, mentre Passavant, seguito poi dalla Massari, ne ascrivono l'incision … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-02-16 22:15:36
XENOPHON
- Printed in Greek. Parts II & III (of 3). 1 p.l., [425]-983 leaves, one blank leaf. Thick small 8vo, cont. blind-stamped panelled calf over wooden boards, two orig. catches. [Halle, Petrus Brubach, 1540]. A remarkable discovery: Conrad Gesner's heavily annotated copy of the 1540 Halle edition of Xenophon. Our copy bears Gesner's characteristic ownership inscription on the title-page -"Sum Conradi Gesneri Tigurini" - and contains numerous annotations in Greek and Latin in his neat hand on more than 400 pages. This copy is referred to in Gesner's own annotated copy of his Bibliotheca Universalis (1545) with his handwritten note concerning this edition: "editio?illa, nihilo melior vel emendatior mihi videtur, quam Basiliensis Brylingeri, quam habeo cum latina versione?" ("?seems to me a better or corrected edition than that of Brylinger's, of Basel, which I have with the Latin version"). Gesner had a great interest in Xenophon, judging from the density of annotations in our copy and from the fact he also owned two Basel editions of the author's works, 1534 (printed by Cratander) and 1545 (printed by Brylinger), both now in the Zentralbibliothek Zürich. Our annotated edition is previously unknown and an important addition to our knowledge of the scholarly activities and library of Conrad Gesner (1516-65), the "father of bibliography" and one of the greatest polymaths of the Renaissance. The great scholar Henri Estienne II (1531-98), chose his friend Gesner's translation of Xenophon's Epistolarum Fragmenta to be included in his own edition of Xenophon of 1561. As mentioned abov … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Jonathan A. Hill, Bookseller Inc.
2017-02-16 22:15:36
XENOPHON
Printed in Greek. Parts II & III (of 3). 1 p.l., [425]-983 leaves, one blank leaf. Thick small 8vo, cont. blind-stamped panelled calf over wooden boards, two orig. catches. [Halle, Petrus Brubach, 1540]. A remarkable discovery: Conrad Gesner's heavily annotated copy of the 1540 Halle edition of Xenophon. Our copy bears Gesner's characteristic ownership inscription on the title-page -"Sum Conradi Gesneri Tigurini" - and contains numerous annotations in Greek and Latin in his neat hand on more than 400 pages. This copy is referred to in Gesner's own annotated copy of his Bibliotheca Universalis (1545) with his handwritten note concerning this edition: "editio…illa, nihilo melior vel emendatior mihi videtur, quam Basiliensis Brylingeri, quam habeo cum latina versione…" ("…seems to me a better or corrected edition than that of Brylinger's, of Basel, which I have with the Latin version"). Gesner had a great interest in Xenophon, judging from the density of annotations in our copy and from the fact he also owned two Basel editions of the author's works, 1534 (printed by Cratander) and 1545 (printed by Brylinger), both now in the Zentralbibliothek Zürich. Our annotated edition is previously unknown and an important addition to our knowledge of the scholarly activities and library of Conrad Gesner (1516-65), the "father of bibliography" and one of the greatest polymaths of the Renaissance. The great scholar Henri Estienne II (1531-98), chose his friend Gesner's translation of Xenophon's Epistolarum Fragmenta to be included in his own edition of Xenophon of 1561. As mentioned … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Jonathan A. Hill, Bookseller, Inc.
Check availability:
2017-01-21 14:44:49
CUSPINIANUS JOHANNES
Strasburgo. Mylius. 1540. Cm. 32x21; pp. (16), DCCLXII, (6). Bella legatura coeva in piena pergamena floscia dipinta in nero, dorso a soffietto, alette. Numerosi ritratti xilografici degli imperatori nel testo. Due belle marche tipografiche al frontespizio e all'ultima pagina. Ex libris manoscritto al frontespizio (dei Conti d'Emilei). Qualche velato alone e fioritura, qualche mancanza alla legatura, ma esemplare molto bello. Prima edizione assoluta, uscita postuma. 779/P
Bookseller: Galleria La Stampa Antica
2016-12-19 07:02:36
Alchemie - Sperber, Julius
231 S., Kl.-8, Neueres Halbleinen VD17 3:604301M Ferguson II,392 Caillet 10301 Ferchl 511. - Julius Sperber (Pseudonym Julianus de Campis um 1540-1616), fürstlich anhaltischer Rat des Fürsten Christian von Anhalt zu Dessau (nach anderen Quellen: Leibarzt) Kabalist u. Alchemist. Als Verfasser von "Echo Der von Gott hocherleuchten Fraternitet, deß löblichen Ordens R. C." gilt er als Mitbegründer des Rosenkreuzer-Ordens (vgl. Frick "Die Erleuchteten", S.156 u. 158). Seine Schriften wurden überwiegend erst posthum herausgegeben. - Einband leicht berieben Titel im Bund etwas angerissen, etwas fleckig u. gestempelt "Bibliothek Fritz Lieb" tlw. gebräunt, sonst ein gutes Expl.
Bookseller: Versandantiquariat Hans-Jürgen Lange
2016-12-15 13:09:12
Martino ROTA (c. 1520-1583). Venice, circa 1570. Copper engraving, (very subtle vertical fold in the middle, trimmed to platemark, otherwise good condition), image size: 37.5 x 26 cm.
Bookseller: Antiquariat Dasa Pahor [München, Germany]
Check availability:
2016-12-15 09:52:22
[Bookplate] - Faber, Johannes.
1540. Folio. 1 f. Full folio-sized copy of the well-known large-scale bookplate used by Johannes Faber, Bishop of Vienna (1478-1541), who owned a famous library containing many priceless manuscripts. The printed bookplate states that Faber acquired the book not with his bishop's income but with money earned through other honest work (cf. Bogeng 239). - Large paper defect to lower right corner professionally restored using old paper. Some dampstaining to upper edge. Warnecke 495.
Bookseller: Antiquariat Inlibris
2016-12-13 15:53:51
Leibnitz, Gottfried Wilhelm Freiherr von) - Johann Christoph Gottscheden
2 Bde. Titel + 10 n.n. Bll. + 112 + 432, S. 435 - 908 + 42 S. OPp. der Zeit. Vgl.: Ravier 470. Goedeke III, 361, 34. Faber du Faur I, 1540. Mit dem gestochenen Porträt und der gefalteten Tafel der Rechenmaschine (siehe Abbildung). - Besitzsign. a. V., fl. V. fachmännisch in Ecke ergänzt, Gelenke beider Bände fachmännisch restauriert, stockfleckig, gebräunt, leichte Gbrsp. - Die erst Auflage wurde 1720 von Richter übersetzt, hier die zweite von Gottsched bearbeitete Ausgabe. Es ist ebenfalls der Aufsatz über die "Rechnung mit Null und Eins", eine Beschreibung des von ihm entdeckten binären Zahlensystems, enthalten - die Grundlage der heutigen Computertechnik.
Bookseller: Antiquariat Weinek
2016-12-10 22:07:48
ARLOTTO (MAINARDI) Piovano
Venegia, per Bernardin Bindoni, ad instantia de Mathio Pagani in Frezaria a linsegna de la Fede, s.d. (1540 ca.). In-24 gr. (mm. 147x99), p. pelle ottocentesca (risg. rifatti), 88 cc.nn.; al frontespizio, con tit. in rosso e nero, grande vignetta xilografica che raffigura Arlotto in conversazione con tre personaggi; ben illustrato nel t. (a due colonne) da 16 vignette, pure inc. su legno. Celebre raccolta di facezie edita dopo la morte dell?A. da un anonimo amico, vivacemente scritta, che ebbe grande fortuna anche fuori Italia. Cfr. Brunet,I,482: ?Cette édition reproduit le titre de celle de 1523, lequel a été également copié dans plusieurs autres? - Sander e Essling citano numerose ediz. del Cinquecento ma non la ns. - Melzi,I, p. 86: ?Arlotto (Piovano) era Arlotto Mainardi (1396-1484), piovano di S. Giusto di Fiorenza, di cui furono stampati i motti e le facezie in varie edizioni sul cominciare del secolo XVI. La prima edizione è di Firenze, per Bernardo Zucchetta, senz?anno, in-4°, che potrebbe essere venuta alla luce sulla fine del secolo antecedente?. Corto di margini ma complessivam. ben conservato.
Bookseller: Libreria Malavasi sas
Check availability:
2016-12-04 22:52:14
Ptolemy Claudius - Münster Sebastian
Artist: Ptolemy Claudius - Münster Sebastian; issued in: Baselca 1540 - - technic: Woodcut ; colorit: original colored ; condition: Very good ; size in cm : 26 x 35 - description: Map shows total Greece and its neighbouring islands - Vita of the artist: Sebastian Münster (1488 ? 1552) belongs tot he very important Comographers oft he Renaicance. He issued his first famous Cosmographia in1544 with 24 double paged maps with German description of the world.It had numerous editions in different languages including Latin, French, Italian, English, and Czech. The last German edition was published in 1628, long after his death. The Cosmographia was one of the most successful and popular books of the 16th century. It passed through 24 editions in 100 years. This success was due to the notable woodcuts ,some by Hans Holbein the Younger, Urs Graf, Hans Rudolph Deutsch, and David Kandel. It was most important in reviving geography in 16th-century Europe.His first geographic works were Germania descriptio (1530) and Mappa Europae (1536). In 1540 he published a Latin edition of Ptolemy's Geographia with illustrations. The 1550 edition contains cities, portraits, and costumes. These editions, printed in Germany, are the most valued of the Cosmographias. Claudius Ptolemy (arround 100- 160 a.C.) Geographia, gives a list of geographic coordinates of spherical longitude and latitude of almost ten thousand point locations on the earth surface, as they were known at his times. The list is organized in Tabulae which cor- respond to specific regions of the three known continents at that time, Af … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Antique Sommer& Sapunaru KG
Check availability:
2016-12-03 16:47:26
Sacra Romana Rota
Damianus Zenarium & Hieronimum Francinum, 1540. Volumen primum. Opus sane per quam utile, et in foro... ( 1, 2 e 3 voll. ) + Opus omnem citra controversiam utilissimum & in foro...( 4 voll. ) - in 4° - pp.14 nn., 288, 1 + 14 nn., 166, 136 nn. + 14 nn., 320, 115 nn. + 68 nn., 495 - Pergamena - 4 volumi - Frontespizi stampati in rosso e nero. Marca xilografata sul frontespizio. - Testo stampato su due colonne. Esemplari complessivamente discreti - Primo volume con diffuse macchie di muffa recente e mancanza all'antiporta. - Quarto volume edito da Andream Baba, Venetiis 1618. 3 voll. IT/ICCU/UMCE/013729. 4 voll. IT/ICCU/MILE/008191
Bookseller: Antica Libreria Srl
2016-12-03 16:47:26
Mustafa Ibn Yusuf al-Bursawi.
1540. 8vo (18,4 x 12,6 cm). 14 ff., riq'a script, 17 lines on a page, black ink, text markers (Qala-aqulu) in red ink. Dark brown, half-leather binding. "Gloss on a Philosophical Work" by Mustafa Ibn Yusuf al-Bursawi, a Turkish theologian. He also wrote an important refutation on Ibn Rushd, better known as Averroes, and his "Tahafut al-Tahafut". Greek philosophy had entered the Islamic society through the adoption of the neo-platonic worldview by the great philosophers of Muslim Spain. - Minor worming (not affecting text), some glosses near beginning; ff. 5-10 loose.
Bookseller: Antiquariat Inlibris
2016-12-03 12:58:33
SFORZA DEGLI ODDI
1540. òddi, Sforza degli. - Commediografo e giurista (Perugia 1540 - Parma 1611). Scrisse alcune commedie (Erofilomachia, 1572; I morti vivi, 1576; La prigione d'amore, 1590), e insegnò diritto successivamente a Perugia (1569), Macerata (1583), Pisa (1590), Pavia (1592), Perugia di nuovo (1598), Padova (1599); infine (1600) si stabilì a Parma, consigliere del ducato e primo lettore nell'università. Lasciò ponderose compilazioni giuridiche: Compendiosae substitutionis tractatus (1571), Consiliorum ... l. I (1593), De fidei commissis (post., 1622), ecc.Questa seconda edizione di un'importante opera di diritto ereditario riporta, al frontespizio, la dedica al vescovo di Ferrara Giovanni Fontana òddi, Sforza degli. - Commediografo e giurista (Perugia 1540 - Parma 1611). Scrisse alcune commedie (Erofilomachia, 1572; I morti vivi, 1576; La prigione d'amore, 1590), e insegnò diritto successivamente a Perugia (1569), Macerata (1583), Pisa (1590), Pavia (1592), Perugia di nuovo (1598), Padova (1599); infine (1600) si stabilì a Parma, consigliere del ducato e primo lettore nell'università. Lasciò ponderose compilazioni giuridiche: Compendiosae substitutionis tractatus (1571), Consiliorum ... l. I (1593), De fidei commissis (post., 1622), ecc.Questa seconda edizione di un'importante opera di diritto ereditario riporta, al frontespizio, la dedica al vescovo di Ferrara Giovanni Fontana
Bookseller: Libreria Editrice Belriguardo
2016-12-01 19:26:00
Giulio BONASONE (Bologna circa 1500 - Roma circa 1580)
1540. Bulino, 1540 circa, siglato in basso a sinistra IULIO BONASONE IN/VENTORE. Bellissima prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana non leggibile, rifilata al rame o con sottili margini, in perfetto stato di conservazione. Il soggetto dell'incisione è di invenzione dello stesso Bonasone. Indubbiamente l'influenza del Parmigianino è forte: la posizione della Vergine di spalle è analoga a quella di S. Cecilia, nel disegno del Mazzola conservato al Puskin Museum di Mosca, così come i panneggi e la figura richiamano altre due invenzioni del Parmigianino: la Donna con due fanciulli, e Giuditta e Oloferne nei disegni conservati al British Museum. Bell'esemplare. Engraving, circa 1540, signed at lower left Julio Bonasone IN / inventor. A good impression, printed on contemporary laid paper with watermark unreadable, trimmed to copperplate or with thin margins, in perfect condition. The subject of the engraving is an invention by Bonasone himself. Undoubtedly the influence of Parmigianino is strong: the position of the shoulders of the Virgin is similar to that of St. Cecilia, in the drawing by Mazzola kept the Pushkin Museum in Moscow. as well the drapery and figure recall two other inventions by Parmigianino: the "Woman with two children", and "Judith and Holofernes" in the drawings preserved in the British Museum. A good example. Bartsch, XV.122.49; Le Blanc, I.441.49; Massari, Iulio Bonasone, p. 40 n. 13. 198 240
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-11-19 17:56:02
Apianus Petrus 1495-1552
1540. Petrus Apianus nacque a Leisnig in Sassonia, studiò all'università di Lipsia, ed acquistò assai presto buona fama di matematico e astronomo, tanto che gli fu affidata l'esecuzione di un mappamondo per accompagnare l'edizione delle Solini Enarrationes, pubblicate a Vienna nel 1520. Nel 1527 fu nominato professore di matematica all'università di Ingolstadt, dove rimase fino alla sua morte. mm 470x320 il foglio
Bookseller: Libreria Trippini Sergio
2016-11-19 17:56:02
Apianus Petrus 1495-1552
1540. Petrus Apianus nacque a Leisnig in Sassonia, studiò all'università di Lipsia, ed acquistò assai presto buona fama di matematico e astronomo, tanto che gli fu affidata l'esecuzione di un mappamondo per accompagnare l'edizione delle Solini Enarrationes, pubblicate a Vienna nel 1520. Nel 1527 fu nominato professore di matematica all'università di Ingolstadt, dove rimase fino alla sua morte. mm 470x320 il foglio
Bookseller: Libreria Trippini Sergio
2016-11-13 10:38:24
Erasmus von Rotterdam
Froben Basel, 1540. 465 S. Leather Einband der Zeit: Leder auf Holzdeckeln. die ersten und letzten Blatt wasserrandig, in diesem Bereich geringe Wurmlöcher, Schließen defekt, die ersten 15 Blatt mit Unterstreichungen/ Rand-anmerkungen mit Tinte von alter Hand. Insgesamt gutes Exemplar. Guter Zustand Versand D: 3,99 EUR
Bookseller: Wissenschaftliches Antiquariat [Germany]
2016-11-09 23:36:58
Giovanni BRITTO (attivo a Venezia dopo il 1530)
1540. Silografia, circa 1540, monogrammata in lastra in basso a sinistra. Il soggetto deriva da un dipinto di Tiziano, rispetto al quale è in controparte, conosciuto in più copie. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva, completa della linea marginale, piccoli restauri perfettamente eseguiti, nel complesso in ottimo stato di conservazione. L'opera, che può essere identificata come la Natività, è conosciuta in tre stati, che si possono facilmente identificare poiché un tassello di forma ovale è aggiunto sul volto della Vergine dal secondo stato in poi. In passato attribuita a Nicolò Boldrini, questa silografia viene successivamente assegnata al Britto, la cui tecnica risulta assai differente. Bibliografia: Passavant, VI, p. 224, 9; Muraro e Rosand, Tiziano e la Silogrfaia Veneziana del Cinquecento, p.119, 55a. Dimensioni 500x388. Woodcut, 1540 circa, signed with monogram on lower left plate. Counterpart of a subject painted by Titian, known in many copies. Magnificent work printed on contemporary laid paper with full marginal line, perfectly executed minor repair, otherwise in good condition. This work can be identified with the Natività; it is known in three states which can be easily identified for the oval plug on the Virgin's face has been added from the second state onward. In the past, this subject has been ascribed to Nicolò Boldrini, but has been afterwards allocated to Britto, whose technique is quite different. Bibliografia: Passavant, VI, p. 224, 9; Muraro e Rosand, Tiziano e la Silogrfaia Veneziana del Cinquecento, p.119, 55a. Dimensioni 500x388. Passava … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-10-27 14:18:30
ARETINO, Pietro e altri. -
(Venezia), Curzio Navò, 1540. In - 8 picc. Legatura del '700 in pelle maculata, dorso con nervi, tassello e fregi oro; lievi tracce d'uso. (56) ff., A - G8; frontespizio un po' ingiallito e carta lievemente ossidata. Edizione originale di questa non comune raccolta di sonetti dei tre illustri poeti. C'è un'altra edizione dello stesso anno, senza indicazione di tipografo, ma attribuita a Comin da Trino; non si sa quale tiratura sia la prima, ma poiché la collazione è identica, è probabile che si tratti della stessa edizione per la quale i due tipografi si sono divisi le spese di stampa. Brunet I, 405. Adams A - 1563. Edit 16, CNCE 2431.
Bookseller: Libreria Antiquaria Rappaport
2016-10-26 21:12:42
Hugo de Celso
Casa de Juan Brocar, Alcalá de Henares 1540 - Segunda Tirada. Impreso en la muy noble villa de Alcalá de Henares en Casa de Juan Brocar a veinte días del mes de Noviembre de 1540. Pergamino de época con unos pequeños agujeros en la cubierta trasera. Letra gótica. 8 hojas. 352 folios. Portada a dos tintas orlada y con escudo xilográfico del Cardenal Tavera. Con algunas leves anotaciones en portada, en márgenes de algunas páginas y algunos subrayados todos de época. Leves marcas de humedad en algunos márgenes. Última hoja con pequeño agujerito y marcas de agua. Buen estado general de la obra. Considerado el diccionario más completo y minucioso que cualquiera de los anteriormente publicados, cuyo fin era facilitar el conocimiento, estudio y consulta de la legislación castellana vigente, única que podía ser alegada en juicio. Celso incorpora voces de derecho privado y, respecto a las voces comunes, transcribe parte de los textos legales en que se basa. [Attributes: Hard Cover]
Bookseller: Librería Anticuaria García Prieto
2016-10-22 18:08:26
Pasi, Bartolomeo di.
1540. 8vo. (12), 200 ff. Title with architectural woodcut border. 17th century vellum with ms. title to spine. An early merchants' guide to the measurements of the Mediterranean and Near East, this pocketbook for sixteenth-century Italian traders is one of the foremost sources for the study of the metrologies of Venice and her trading partners in the early sixteenth century. It enabled conversion between Venetian currency, weights and measures and units of other Italian city-states, European neighbours and more exotic locations in the Levant, North Africa, the Near and Middle East, including Constantinople, Aleppo, Tripoli, Damascus, Cyprus, Corfu, Rhodes, and Crete. Pasi's manual is invaluable as a record of the panoply of commodities traded in the Mediterranean at the beginning of the sixteenth century, including pearls, silks, wool, saffron, chestnuts, figs, galangal, vegetable oils, gold and silver. On fols. 3, 11, and 12, Pasi recorded the tariffs on pearls in Damascus, Aleppo, Cairo, Alexandria, Constantinople and Venice. It is very likely that the famous merchant Balbi carried a copy of this classic with him on his travels. First printed in Venice in 1503, and again in 1521, this 1540 edition appears to be the third and was followed by another in 1557. -- Some brownstaining to preliminary matter; a few contemporary ink marginalia slightly trimmed in the course of the 17th-century rebinding. On the whole an excellent clean copy. Very rare: the only copy of any edition to surface at auction within the last thirty years appears to be the Honeyman copy of the 1503 editio … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Antiquariat Inlibris
2016-10-22 14:30:14
GOMEZ LUIS.
impressa impensis domini Michaelis Tramezini mercatoris, & Venetiarum ciuis, 1540. Cm. 28, cc. (36) 251. Grande marchio tipografico al frontespizio. Legatura recente (primi '900?) in mezza pergamena con punte. Esemplare con frequenti glosse di mano antiche. Qualche fioritura, rade macchiette e privo dell'ultima carta (sicuramente bianca), peraltro esemplare piuttosto genuino ed in buono stato di conservazione.
Bookseller: Studio Bibliografico Benacense
2016-10-22 08:56:41
Bible
A beautifully printed and profusely illustrated Parisan Edition of a Catholic Bible. the 125 New Testament cuts are by Pierre Regnault, first used in Biblia Picturis Illustrata (Paris, 1540). All of the old testament cuts are after designs by Hans Holbein the Younger (1497-1553), four from his Dance of Death series, the remaining 88 from his monumental Iconese series. Occasional ink annotations/manicles in several hands to text, extensive annotations to a handful of pages, including final leaf.
Bookseller: Cross and Crown Rare Books
Check availability:
2016-09-28 13:23:25
Georges Louet Revue Par Brodeau
Imprimé à Paris à la boutique de L'Angelier, chez Claude Cramoisy au premier pillier de la grand' salle du palais.In folio 34,5 x 24 cm . 1 feuillet blanc, 10 feuillets , 919 pages, 23 feuillets , 1 feuillet blanc. Reliure plein veau brun de l'époque, dos à nerfs orné d'un fleuron central au caisson, plats encadrés d'un double filet.Tranches mouchetées. Belle marque d'imprimeur en titre , nombreux bandeaux et lettrine historiées, aux dos du titre en regard de la dédicace a Séguier, ont été imprimées les armes de Seguier "D'azur au chevron d'or, accompagné en chef de deux étoiles du même et en pointe d'un mouton d'argent" Etat d'usage, reliure solide mais avec amorces de fissures au mors et dos, manques aux coiffes, dorures passées, petites auréoles claires en divers endroits sans atteinte au papier qui reste sain, une petite gallerie de vers en marge basse sans gravité (sur une trentaine de feuillets)Georges Louet vers 1540 1608 jurisconsulte. Henri IV l'employa aux négociations avec le Vatican pour l'annulation de son mariage avec Margueritte de Valois, pour le remercier des services rendus il le nomma président des enquetes en 1600. Cet ouvrage fût publié pour la première fois en 1602. Ouvrage en français, pour apprendre l'histoire du droit dans un livre de l'époque...
Bookseller: Librairie Daniel Bayard livre luxe book [France, Millery]
2016-09-27 17:33:07
ARISTOTELE (ARISTOTELES)
Per Ioan Oporinum, (1540). In 8°, c.nn. 8, p. 319,b, c.nn. 24 (ultime due bianche). Eccellente edizione, apparsa nello stesso anno a Parigi. Ottimo esemplare. Legatura settecentesca in pergamena con tassello manoscritto al dorso. (Adams, A 1828 cita la ristampa del 1552.
Bookseller: Studio Bibliografico Marisa Meroni
2016-09-27 14:12:27
Cornelis Willem BOS (1506/10 ca. -- dopo il 1555)
1540. "Bulino, circa 1540, privo di dati editoriali. Da un soggetto di Michael Coxie. Bellissima prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana ""aquila con stemma araldico"", rifilata al rame, tracce di piega centrale verticale, per il resto in ottimo stato di conservazione. Opera rara, priva del testo in basso." "Engraving, circa 1540, without printing details. Aftre Michel Coxie. A very good impression, printed on contemporary laid paper with ""eagle with shield"" watermark, trimmed to the platemark, showing trace of central fold, otherwiese perfect conditions. Envy. Landscape with Cupid, Jupiter, Neptune and Mercury at centre, Janus beyond, Envy with donkey's ears and other figures (e.g. Abundantia) standing around a table with die at left, two snakes in lower left corner, a bow and a trident in the foreground, Charity suckling a child in lower right corner. A rare work, without the printed text at the bottom." Schéle 58; Hollstein 67. 390 242
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-22 14:25:47
Natale BONIFACIO (Sebenico 1537 - ? 1592)
1540. Acquaforte e bulino, circa 1540/45. Da un soggetto del Parmigianino. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva priva di filigrana, irregolarmente rifilata all'interno della linea del rame, tracce di piega di carta centrale, leggere abrasioni, nel complesso in buono stato di conservazione. L'opera, sconosciuta a tutti i repertori consultati, è in relazione con il dipinto del Parmigianino ora nella Pinacoteca di Bologna, eseguito dall'artista nel 1529 per la chiesa e monastero di Santa Margherita. La composizione raffigura la Vergine con il Bambino, Santa Margherita, San Benedetto, San Girolamo e un angelo. Il Copertini descrive una sola opera a stampa coeva derivante dall'olio su tavola del Parmigianino, un bulino di Giulio Bonasone, databile circa al 1543. Rispetto al dipinto la stampa del Bonasone presenta delle lievi differenze che lasciano supporre che si sia ispirato al disegno preparatorio, ora perduto. L'opera qui descritta, si differenzia dal dipinto essenzialmente per la mancanza del paesaggio sullo sfondo, sostituito da un letto con baldacchino; è altresì probabile che l'artista si sia ispirato al disegno preparatorio. Importante documento della grafica manierista. Etching and engraving, 1540/45. After a subject by Parmigianino. Magnificent work, printed on contemporary laid paper without watermark, irregularly trimmed inside the platemark, signs of central fold, light abrasions, otherwise in good condition. This work, unknown to the main catalogues, derives from the painting, nowadays in the Pinacoteca of Bologna, realized by Parmigianino in 1529 for … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-21 17:02:25
HOEPLI
Biographies & memories, Italiano. 1 Bross. ed. in-8 con sovracc. - pp. 224 - pref. di Michelangelo Abbado - con 52 tavole in eliotipia e 9 ill. nel testo - ristampa anastatica autorizzata dall'editore Cisalpino
Bookseller: Libroteka
2016-09-20 20:11:29
POMPEIUS (Sextus Pompeius Festus) - VERRIUS FLACCUS Marcus - SCALIGER Joseph
M. Verrii Flacci quae extant Sex. Pompei Festi De Verborum Significatione libri XX. Et in Eos Josephi Scaligeri Iul. Caesaris Filii Castigationes nunc primum publicatae. Marcus Verrius Flaccus (né vers 55 avant J.-C., mort en 20 après J.-C.), est un savant érudit, historien, philologue, poète, grammairien et maître d'école (grammaticus) romain, exerçant sous les règnes d'Auguste et de Tibère. Festus Grammaticus, Sextus Pompeius Festus est un grammairien latin de la fin du IIe siècle ap. J.-C, ayant peut-être vécu à Narbo (Narbonne). Il avait composé, sous le titre de Significatione Verborum, une sorte de dictionnaire précieux pour la connaissance des antiquités romaines, de la langue latine et de la mythologie. Joseph Juste Scaliger, fils de Jules César Scaliger, né en 1540 à Agen et mort en 1609 à Leyde est l'un des plus grands érudits français du XVIe siècle. Il surpassa de loin son père comme philologue, et se fit en outre un nom comme chronologiste et historien. Sans lieu (Genève), Apud Petrum Santandreanum 1574-1575. Préface, 200 pages, index, et Annotationes (1574), 76 pages. Reliure plein vélin de l'époque. Dos à nerfs avec titre manuscrit (restauré). Quelques mouillures. 2 coins frottés. Pas de rousseur. Bon état. Format in-12°(17x12).
Bookseller: Livres et Collections P. Commerot [France, Sèvres]
2016-09-19 19:19:51
Domenico del Barbiere detto Domenico FIORENTINO (Firenze, 1506 circa; Parigi, 1565).
1540. Bulino, 1540 - 50 circa, firmato in lastra, a sinistra sulla tavoletta, Domenico Fiorentino. Su un gradino, sulla destra "A Fontana Belo Bol". Da un affresco di Primaticcio. Bellissima prova, impressa su carta vergata coeva, rifilata al rame, in ottimo stato di conservazione. L'incisione riproduce un affresco di Primaticcio per la Camera della duchessa d'Etampes. a Fontainbleau, realizzato tra il 1541 - 1544, come pendant ad un altro affresco legato ad Alessandro Magno, l'Incendio di Persepoli - ordinato dal macedone - poi perduti. Marianne Grivel sottolinea che questo è uno dei soli tre casi in cui Domenico del Barbiere interpreta il lavoro di un altro artista. Il disegno preparatorio di Primaticcio, che risulta in controparte, è conservato al Louvre, inv. 8569. Non sono noti esemplari di un primo stato privo di iscrizioni. Davis osserva che lo stile dell'opera riflette il viaggio in Italia del Primaticcio, avvenuto tra 1539 - 40, e mostra l'influenza dello stile di Raffaello e del Primaticcio. Al verso, timbro di collezione D'Arenberg (Lugt, 567) Engraving, 1540 - 50 ca, signed on the plate, on the tablet in the image "Domenico Fiorentino"; inscribed lower right on the step: A Fontana Belo Bol'. After Primaticcio. A good impression, printed on contemporary laid paper, trimmed to the platemark, very good condition. A banquet in a classical room decorated with sculptures in architectural niches, known as the Banquet of Alexander the Great; people are sitting around tables while in the foreground, servants are bringing the dishes. The engraving reproduces Francesco Pri … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-18 19:52:23
[Catherine de Sienne (Sainte)]
Venetia (Venezia), Marchia Sessa, 1540 ; in-8 ; plein vélin vieil ivoire (reliure de l'époque) ; (32) ff., 224 ff., le dernier verso blanc ; grand bois gravé (88 x 78 mm) en page de titre représentant Sainte Catherine recevant les stigmates et marque d'imprimeur à la suite du collophon, achevé d'imprimer du 29 avril 1540, date anniversaire de la mort de la Sainte (29 avril 1380). Ex-libris manuscrits Francesco Secchi et Bartolomeo Baroni. L'oeuvre de Catherine de Sienne est précédée de sa Vie et de l'acte de canonisation par Pie II du 3 juillet 1461.Très bonne édition ancienne de ce texte mystique célèbre, dans lequel le phénomène de l'extase tient une place tout à fait particulière.Quelques petits défauts au vélin de la reliure (petits trous, coiffes usées et absence des lacets), tous petits travaux de vers aux quatre premiers feuillets, avec légère atteinte au bois gravé et petite galerie au coin supérieur de la marge intérieure des feuillets CII à 12 avec une minuscule atteinte au texte, vraiment sans gravité, sinon bon exemplaire ; les éditions anciennes de Sainte Catherine de Sienne sont relativement rares.
Bookseller: Librairie Ancienne Clagahé [France, Lyon]
2016-09-18 08:18:16
Anonimo
1540. Bulino, siglato e datato in basso a sinistra con il monogramma di Luca e la data 1510. Buona impressione, impressa su un foglio di carta vergata coeva, rifilato al rame, applicato su un supporto di carta antica. Lieve e uniforme brunitura, per il resto, in ottimo stato di conservazione. La stampa è una copia, in controparte, del celebre 'Ecce Homo' inciso da Luca van Leyden nel 1510. La scena raffigura in primo piano una folla riunita in una grande piazza di un centro abitato; al centro, su un piano rialzato, Pilato si appoggia a una balaustra e presenta Cristo alla folla. Un paesaggio montuoso fa da sfondo. "Engraving lettered with the letter ""L"" and the date 1510 on a rock in lower left. Good impression, printed on sheet of laid paper, applied on a thick laid paper, trimmed to the platemark, some soiling, generally in good condition. The print in a copy, in reverse, of the homonymous and famous subject engraved by Luca van Leyden in 1510. The scene depicts a crowd gathers in a large square in foreground; in centre on a raised platform, Pilate leans on balustrade and presents Christ, to the left, to the people below; an extensive townscape and at back left a mountainous landscape." New Hollstein (Dutch & Flemish) 71.I (Lucas van Leyden); Bartsch VII.378.71 444 283
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-17 20:03:33
Giovanni Battista FRANCO detto "il Semolei" (Udine 1510 - Venezia 1580)
1540. Acquaforte e bulino, circa 1540, monogrammato in lastra in basso a sinistra. Esemplare nel secondo stato di due, con l'indirizzo di Giacomo Franco. Bellissima prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana "stella", con margini, in ottimo stato di conservazione. La figura del Franco è assai singolare nell'ambito della grafica italiana del Rinascimento e rappresenta una risorsa fondamentale per lo studio delle antichità classiche, dei temi e dello stile michelangiolesco. Nativo di Venezia, si trasferisce a Roma intorno al 1530, e qui apprende e si dedica all'arte dell'incisione, sotto la guida di esperti editori quali Antonio Salamanca e Antonio Lafrery. A Roma sviluppa il suo interesse per le antichità classiche, che lo porterà a creare una linea di continuità tra l'editoria romana e veneziana e a sviluppare e perpetuare l'interesse per lo stile classico dell'Alto Rinascimento. Etching and engraving, 1540 circa, signed at lower left. Example of the second state of two, with Giacomo Franco address added at lower right. A very good work, rich in shades, printed on contemporary laid paper with "star" watermark, with small margins, in excellent condition. Giovan Battista Franco was quite a peculiar character in the Italian Renaissance graphic production and represented an interesting resource for the study of classic antiquities. He was born in Venice and then moved to Rome around 1530, where he learnt how to engrave from Antonio Salamanca and Antonio Lafrery. In this period he developed his interest for classic antiquities which made of him the joining point of the … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-16 21:05:04
Anonimo
1540. Bulino, 1540 - 1545 circa, in basso a sinistra l'excudit di Antonio Salamanca. Da un soggetto di Francesco Salviati. Nel margine inferiore, sei versi in latino distribuiti su tre colonne: 'Ausus cum Phaebo Satyrus contendere' cantu Pro stolida paenas credulitate luit ..'. Esemplare nel probabile primo stato di tre, o secondo di quattro, avanti gli indirizzi di De Rossi e Pacifici. Bella prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana "santo inginocchiato", simile a Briquet 7628, due tracce di piega di carta orizzontali, per il resto in ottimo stato di conservazione. Si tratta di una copia in controparte di una stampa, sconosciuta al Bartsch, il cui soggetto viene attribuito a Francesco Salviati, come già sostenuto da Nagler, Voss e dalla Borea. L'incisore della stampa originaria è stato individuato in Girolamo Fagiuoli o Faccioli che, in effetti, aveva incisi già diversi disegni del Salviati. Resta, invece, anonimo l'incisore di questa copia. Marsia è legato, in piedi, ad un albero mentre Apollo, armato di coltello, si appresta a scuoiarlo. Contrariamentre all'iconografia tradizionale del tema, Marsia non è posizionato a testa in giù. Tale era infatti la punizione per la superbia di Marsia che osò sfidare Apollo, dio della musica e delle arti, in una gara musicale. Nello sfondo è visibile il tempietto del Bramante con S. Pietro in Montorio, mentre in basso è la personificazione di un fiume che sgorga dalla caverna di Celene. Secondo quanto tramandato da Diodoro Siculo, per la sfida furono scelti come giudici i Nisei i quali, ascoltate attentamente le esibizioni d … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-16 18:53:17
TOZO (Gonzalo de) - MANUSCRIT].
1540. Portefeuille grand in-quarto (230 X 337) vélin ivoire recouvert de satin bleu (en partie décousu avec petits manques en marge) et bordé d?un fin galon doré, cordons de fermeture brodés de fils couleurs et or (en partie manquants) ; 28 feuillets (dont deux réglés sans inscription et deux autres vierges) sur peau de vélin reliés au portefeuille par un cordon de soie à brins jaune, vert et rouge (reliure de l?époque). SUPERBE DOCUMENT MANUSCRIT ESPAGNOL SUR PEAU DE VELIN, entièrement réglé, orné de figures et décoré d'enluminures et d'initiales peintes à la gouache avec rehauts d'or et d'argent. Ce cahier témoigne de la reconnaissance par le conseil du Roi réuni à Grenade le 18 novembre 1540 des titres de noblesse de Gonzalo de TOZO, habitant la ville de Zafra, dans la province de Badajoz, en Extrémadure. DESCRIPTION DU MANUSCRIT : 28 feuillets contenant 48 pages de texte. La première page comporte quelques mots manuscrits et signatures, la dernière six lignes et signatures. L'écriture de deux pages du manuscrit diffère de celle de l'ensemble du document. In fine quatre pages réglées sans inscriptions et quatre pages vierges. Les pages 2 et 3 sont réglées dans un encadrement à trois côtés de bandeaux entièrement ornés d'enluminures à décor de rinceaux de feuillages, trophées d'armes, masques et chimères. La deuxième page : à l'angle gauche du bandeau supérieur, vignette carrée représentant la Reine Jeanne dite « la Folle ». A l'angle droit, vignette carrée contenant le portrait d'un homme jeune portant la toison d'or, certainement Philippe d'Autriche dit « le Beau », épo … [Click Below for Full Description]
Bookseller: LIBRAIRIE ERIC CASTERAN [TOULOUSE, MP, France]
2016-09-16 14:50:51
PARUTA PAOLO.
1540. In - folio; 12 cc., 316 pp.; legatura coeva in tutta pergamena, titolo manoscritto al dorso e al taglio inferiore (piccole mancanze alle cuffie). Sporadiche sottolineature di antica mano. Piccolo alone al margine bianco interno di poche carte centrali, occasionali non gravi punti di fioritura, perlopiù marginali. Bell'esemplare assolutamente genuino. Prima edizione, assai rara, dell'opera principale di Paolo Paruta (Venezia, 1540 - 1598), storiografo ufficiale della Repubblica di Venezia dal 1579. Il Della perfettione ebbe vasta risonanza, fu tradotto in inglese nel 1657 e costituì un'importante fonte di ispirazione per le "Considerations sur les causes de la grandeur des Romains et de leur décadence" (1734) di Montesquieu. Nell'opera troviamo una difesa della "Repubblica" come forma di governo e in particolare di quella Veneta, considerata la perfetta incarnazione storica del'ordinamento ideale. "Della perfettione [è] un'opera che assume le sembianze di un articolatissimo dialogo a più voci ambientato all'inizio dell'estate del 1563 a Trento... I principali obiettivi di questo scritto parutiano, che offre un suggestivo quadro dell'ambiente culturale veneziano del tempo, consistono nella giustificazione morale dell'impegno civile, così da restituirgli quella dignità e quel valore che sembra avere in parte smarrito nel corso dei decenni precedenti, e nella raffigurazione di un modello ideale di uomo politico. In Della perfettione, la vita attiva e l'impegno civico paiono a tratti occupare un ruolo d'importanza pari - o, talvolta, anche superiore - a quello della religi … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquaria Mediolanum
2016-09-15 23:47:47
Sebastian MUENSTER (1488 - 1552)
1540. Per la prima volta pubblicata nel 1544 nella "Geographia" di Sebastian Munster, questo esemplare deriva dall'edizione latina della "Cosmographiae Universalis" del 1550. Secondo Zacharakis tra il 1544 ed il 1572 Henricus Petri pubblicò ben otto edizioni della Geographia con il testo latino. Ottimo esemplare di questa affascinante ed arcaica mappa della Grecia. Nice example of Munster's map of Greece, Turkey and adjoining regions, from one of the eight latin editions of Munster's Cosmographia. Extends to Just north of the Donau River, showing Wallachia, Romania, etc. Nice depiction of Mount Olympus, Constantinopel and other cities in Natolia. Interesting early regional map, from a German edition of Munster's Cosmography one of the most influential georgaphical works of the 16th Century. A fine dark impresion. Basilea Basle Zacharakis C. G. "A Catalogue of Printed Maps of Greece 1477 - 1800 (2009), n. 2438 350 260
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-15 13:09:42
manoscritto)
prima metà XVIII sec.. manoscritto cartaceo composto da 2 gr. voll. in - 4 (mm. 220x168), pp. (10), 1 cb, 462, 1 cb; (6), 3 cb, 444, bella leg. settecentesca p. perg. con tass. e tit. oro ai d. Manoscritto in chiara grafia del primo Settecento che riproduce l'opera del Berni pubblicata senza indicazione del luogo di stampa a Venezia nel 1540. Tutte le poesie di Francesco Berni, per il loro carattere licenzioso, si trovavano nella lista di libri proibiti già con Papa Paolo IV, promulgata nel 1559, che elencava ogni opera, argomento, ed autore che i Cattolici non dovevano leggere. Il primo volume è dedicato esclusivamente alle opere del Berni. Il secondo, con titolo al frontespizio "Le terze Rime di M. Giovanni della Casa e di M. Bino e d'altri", contiene lavori del Bino, G. Della Casa, Molza, Varchi e Dolce. [MM22 - 410]
Bookseller: Studio Bibliografico Scriptorium
2016-09-13 23:19:04
ARISTOTELES
Geronimo Scoto, 1540. Due opere in un volume in 8° (cm. 16 x 11), cc. 195, (1); (2), 41, 26, (2). Marca tipografica incisa sui due frontespizi e sul verso dell'ultima carta. Monogramma dello stampatore inciso al recto della c. bb4, ultima della prima opera. Pergamena floscia dell'epoca. Tracce di legacci. Titoli calligrafati sul dorso. Tagli rossi. Leggero alone al margine esterno di gran parte del volume, ma copia in stato più che buono.
Bookseller: Libreria antiquaria Atlantis
2016-09-11 18:42:16
Niccolò ROSSIGLIANI detto "Il Vicentino" (Attivo a Vicenza 1540 - 50)
1540. Chiaroscuro a tre legni, 1540 - 50 circa, in basso a destra iscrizione 'POLIDORO DA CARAVAGIO/INVENT AA in mantoua [160]8'. Da un soggetto di Polidoro da Caravaggio. Esemplare nel secondo stato di due, con l'indirizzo di Andreani e la data aggiunti sulla firma già obliterata "IO·NIC·VICEN". Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva, irregolarmente rifilata alla linea marginale, in ottimo stato di conservazione. La composizione riproduce una delle scene dipinte à grisaille da Polidoro di Caravaggio sulle facciate di diversi palazzi romani, oggi scomparse. La scena raffigurata è stata interpretata come La morte di Aiace, il più valoroso degli eroi greci. Quando, dopo la morte di Achille, non lui ma Ulisse viene giudicato il più degno di ricevere in consegna le armi dell'eroe, Aiace non sopporta l'affronto e medita di vendicarsi; ma la dea Atena gli toglie il senno. Aiace, impazzito, fa strage del bestiame dei Greci, credendo di uccidere Agamennone e Menelao responsabili dell'ingiusto verdetto. Tornato in sé, vergognandosi delle azioni commesse, decide di suicidarsi trafiggendosi con la propria spada. Nella composizione, Aiace è sulla sinistra , a terra appoggiato ad un albero, mentre con la mano sinistra leva in alto lo scudo. Dietro di lui, un gruppo di soldati greci; a destra si distingue la figura del re Menelao seduto e, all'estrema destra, una figura in piedi, con lo sguardo basso e le braccia conserte, da alcuni identificato con Agamennone. Secondo Barryte, forse il momento rappresentato è quello immediatamente successivo alla decisione del consiglio e la f … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-10 19:13:38
BONASONE GIULIO (Bologna circa 1500 - Roma circa 1580)
1540 ca.. Bulino, circa 1540, privo della firma. 423 x 274 mm. Da un soggetto di Giulio Romano. Esemplare nel primo stato di due. Bella prova, impressa su carta vergata coeva priva di filigrana, rifilata al rame, in perfetto stato di conservazione. In passato l'opera era erroneamente assegnata a Giovanni Battista Scultori; tuttavia non ci sono dubbi sull'attribuzione del foglio al Bonasone, che sulla base di elementi stilistici risulta prodotta verso la fine del quarto decennio del'500. L'episodio è tratto dal testo di Esiodo; Giove viene nutrito dalla capra Amaltea con l'aiuto di Melissa e di un pastore, mentre una ninfa raccoglie il latte in una scodella.Bibliografia: Bartsch 107; Massari 115 I/II.Giulio Bonasone nato a Bologna nel 1510 ca., è incisore a bulino e all'acquaforte oltre che pittore come ricorda il Malaspina includendolo tra gli allievi di Lorenzo Sabbatici. Sono quattrocentodieci le stampe - quasi tutte conservate all'Istituto per la Grafica di Roma - che la critica recente assegna al Bonasone ampliando il numero indicato dal Bartsch di trecento cinquantaquattro fogli. Incisore di riproduzione oltre che di invenzione, Giulio inizia la sua attività calcografica intorno al 1531 come risulta dalla data che si legge nella raffaellesca S. Cecilia. Ritenuto un seguace tardivo di Marcantonio, il bolognese rivela presto una sostanziale autonomia di visione che lo rende uno degli interpreti più interessanti dell'epoca, tanto che lo stesso Parmigianino gli consegna i disegni per la trasposizione su rame. A Roma dal 1544 ca.fino al 1547 ca., il Bonasone lavora per i pi … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquaria Perini s.a.s.
2016-09-09 16:51:39
Haym, Nicola Francesco,]
M. Isengrin . -, Basel 1540 - Spät. Pp. unter Verwendung eines alten Druckes. 8vo. 19 Bll., 302 S., 24 Bll. - Erste Ausgabe, noch anonym erschienen, "ein schätzbares und nützliches Werk" (Petzholdt). - "Abgedruckt war darin Giusto Fontanini's Ragionamento della eloquenza italiana aus dessen Biblioteca dell' eloquenza (Rom 1706), auf die sich Haym's Verz. gründete" (Domay). - Außengelenke leicht eingerissen. - Gest. Wappen-Exlibris.Petzholdt S. 354. - Domay S. 90. 500 g. [Attributes: First Edition]
Bookseller: Ketterer Kunst Hamburg GmbH
Check availability:
2016-09-08 10:49:25
Guazzo Marco
Nicolo d’Aristotele detto il Zoppino, 1540. 8vo (cm. 23), (14)-215(1) cc. Xilografia al frontis. e alcune iniziali figurate. Assente la carta finale (bianca?). Cartonato coevo con ds. rivestito in carta e titolo manoscritto. Segni di usura alla legatura e alle carte di guardia, ottimi e freschi interni. Prima edizione. Adams, G, 1452.
Bookseller: Libreria Antiquaria Ex Libris s.r.l.
2016-09-06 10:56:42
OLYMPO da SASSOFERRATO Baldassarre
Viano, 1540. in - 8 piccolo, ff. (60), caratt. tondo, pagina di titolo in rosso e nero, grande scena mitologica con Piramo e Pisbe in silografia sullo stesso foglio. Artistica legatura ottocentesca in piena pelle marrone scuro, decorata a secco da filetti e bordure floreali sui piatti, dorso a nervi con fregi a secco e titolo oro, tagli dor. Rara edizione della prima metà XVI secolo, arricchita della bella incisione in legno, di queste rime amorose e versi occasionali assai eleganti, che risentono dell'ispirazione petrarchesca. Alcune edizioni videro la luce a Milano e Venezia a partire dal 1525, tutte assai rare. La lingua italiana dei versi di Camilla appare in questa edizione influenzata dal dialetto veneziano. L'autore nacque a Sassoferrato nel 1486 (m. 1539), appartenne all'Ordine dei minori conventuali, e scrisse versi d'amore per "ricreare la mente offuscata dagli studi filosofici". Risulta dai suoi scritti che da più parti gli fosse rimproverata la sconvenienza delle sue poesie e della sua condotta. La sua figura, che per un lato rappresenta un caso limite nella crisi attraversata dagli Ordini religiosi nella prima metà del Cinquecento, occupa un posto di primo piano nella storia della poesia popolare; fu pure un madrigalista assai noto. (Esemplare con strappo restaurato nel margine esterno del foglio di titolo).
Bookseller: Libreria Antiquaria Pregliasco
2016-09-06 09:15:56
Pierre MILAN (1545 - 1557)
1540. Bulino, circa 1540/5, firmato in lastra in basso a destra. Da un soggetto di Rosso Fiorentino. Esemplare di terzo stato, con l'indirizzo di Hendrick Hondius aggiunto in basso. Bellissima prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana "scudo con corno postale", rifilata alla linea marginale, restauri perfettamente eseguiti ai quattro angoli, per il resto in ottimo stato di conservazione. Molto rara. Bibliografia: Zerner 1; Robert Dumesnil VIII, 74 (Boyvin); Le beau style, p. 158, 66. Dimensioni 390x270. Engraving, circa 1540/45, signed at lower right. After Rosso Fiorentino. Third state of three with the address of Hondius. A fine impression, printed on contemporary paper with "shied with posta hornet" watermark, trimmed to the borderline, perfect restored areas at the four corners, generally in ggod conditions. Rare. Bibliografia: Zerner 1; Robert Dumesnil VIII, 74 (Boyvin); Le beau style, p. 158, 66. Dimensioni 390x270.
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-06 07:03:44
ESTIENNE (Charles)
Paris. Robert Estienne, 1540. 193 pp, 11 ff reliure à la Bradel en papier grainé vert, dos lisse, pièce de titre de cuir rouge, anciennes tranches rouges 1540, 1540, in-8, 193 pp, 11 ff, reliure à la Bradel en papier grainé vert, dos lisse, pièce de titre de cuir rouge, anciennes tranches rouges, Édition augmentée et accompagnée d'une table en français de tout les mots latins de ce traité donnant les indications les plus complètes sur les méthodes de jardinage et de la sylviculture au seizième siècle. Ce quatrième ouvrage, écrit par Charles Estienne à l'intention des enfants, avait paru pour la première fois en 1536. L'auteur y a ajouté un long passage sur la manière de planter les arbres en serre et a dédié le livre au grand magistrat J.J de Mesmes
Bookseller: Librairie Alain Brieux
______________________________________________________________________________


      Home     Wants Manager     Library Search     563 Years   Links     Contact      Search Help      Terms of Service      Privacy     


Copyright © 2019 viaLibri™ Limited. All rights reserved.