The viaLibri website requires cookies to work properly. You can find more information in our Terms of Service and Privacy Policy.

Displayed below are some selected recent viaLibri matches for books published in 1665
2017-04-29 11:18:33
Térence
1665. Notre blog : https://librairie-trois-plumes.blogspot.fr/ Notre mail : benoit@troisplumes.fr Térence, [Comédies] Pub. Terentii Comoediae sexe. Heinsiana ex recensione. Amsterdam, Daniel Elzevier, 1665. In-16 (111*62mm), 236p. Jolie édition elzevirienne de ces fameuses comédies. Reliure pleine basane maroquinée (19e siècle), dos à nerfs, filets dorés, tranches rouges. Dos un peu insolé, coins frottés. Quelques feuillets un peu court en marge. Ex-libris non identifié sur le faux-titre.
Bookseller: Librairie Trois Plumes [Angers, France]
2017-04-29 09:58:53
TASSONI Alessandro.
Appresso Carlo Conzatti, 1665. 9ª edizione. Opera dedicata ad Antonio Barbarigo. Cm.22x15,6. Pg.(12), 422, (8). Legatura coeva in piena pergamena molle con titoli manoscritti al dorso. Vecchi restauri con tela alla cerniera posteriore. Marca tipografica al frontespizio. Cartigli e capilettera calcografici. . Una delle opere più articolate del Tassoni (Modena, 1565-1635). Raccoglie, in forma di quesiti, pensieri anche affatto diversi tra di loro, alternando, come a volte accadeva nel XVII secolo, novità e vecchie convinzioni. L'opera vide la luce, in soli nove Libri, a Modena nel 1608, senza autorizzazione dell'Autore, ed in edizione definitiva nel 1620 a Carpi. Molte cose curiose tra i vari "Pensieri", che partendo da argomenti scientifici volgono progressivamente verso temi filosofici e letterari, così suddivisi nei dieci Libri: I) "Caldo, e Freddo", II) "Cielo, e Stelle", III) "Sole, e Luna", IV) "Aria, Acqua, & Terra", V) "Accidenti, e proprietà diverse", VI) "Disposizioni, habiti, e passioni umane", VII) "Lettere e dottrine profane", VIII) "Costumi di Popoli, e interessi di Stato", IX) "Cose Poetiche, Istoriche, e varie", X) "Ingegni Antichi, Moderni". > Piantanida, 3541, "Dedicatoria ampollosa dello stampatore ad Antonio di Gio: Francesco Barbarigo. Nei preliminari la notizia di Leone Allacci. In fine il cap.: "Se il boia sia infame". Tiraboschi, V, 198, "Ma se i pensieri del Tassoni trovarono lodatori, trovarono ancora, e in assai maggior misura, biasimatori. Il poco conto, ch'ei mostrò in essi di fare dell'autorità d'Aristotele, e la lunga rigorosa critica che vi ins … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Studio Bibliografico Pera
2017-04-29 09:58:53
TASSONI Alessandro.
Appresso Carlo Conzatti, In Venetia 1665 - 9ª edizione. Opera dedicata ad Antonio Barbarigo. Cm.22x15,6. Pg.(12), 422, (8). Legatura coeva in piena pergamena molle con titoli manoscritti al dorso. Vecchi restauri con tela alla cerniera posteriore. Marca tipografica al frontespizio. Cartigli e capilettera calcografici. . Una delle opere più articolate del Tassoni (Modena, 1565-1635). Raccoglie, in forma di quesiti, pensieri anche affatto diversi tra di loro, alternando, come a volte accadeva nel XVII secolo, novità e vecchie convinzioni. L'opera vide la luce, in soli nove Libri, a Modena nel 1608, senza autorizzazione dell'Autore, ed in edizione definitiva nel 1620 a Carpi. Molte cose curiose tra i vari "Pensieri", che partendo da argomenti scientifici volgono progressivamente verso temi filosofici e letterari, così suddivisi nei dieci Libri: I) "Caldo, e Freddo", II) "Cielo, e Stelle", III) "Sole, e Luna", IV) "Aria, Acqua, & Terra", V) "Accidenti, e proprietà diverse", VI) "Disposizioni, habiti, e passioni umane", VII) "Lettere e dottrine profane", VIII) "Costumi di Popoli, e interessi di Stato", IX) "Cose Poetiche, Istoriche, e varie", X) "Ingegni Antichi, Moderni". > Piantanida, 3541, "Dedicatoria ampollosa dello stampatore ad Antonio di Gio: Francesco Barbarigo. Nei preliminari la notizia di Leone Allacci. In fine il cap.: "Se il boia sia infame". Tiraboschi, V, 198, "Ma se i pensieri del Tassoni trovarono lodatori, trovarono ancora, e in assai maggior misura, biasimatori. Il poco conto, ch'ei mostrò in essi di fare dell'autorità d'Aristotele, e la lunga rigorosa critic … [Click Below for Full Description]
Bookseller: studio bibliografico pera s.a.s.
Check availability:
2017-04-29 03:37:05
Burckhardt, Johann Rudolf Grosjean, Nicolaus
Basileae: Typis Johan. Jacobi Deckeri, 1665, Kl.4°, 36 pp., Pappband. Disputatio medica de incubo / quam . praeside Ioh. Rodolpho Burcardo . publici exercitii gratia . ventilandam proponit Nicolaus Groiean Biellensis. Ad diem 23. Augusti An. M DC LXV. Husner: Verzeichnis bas. med. Univ.Schriften, Nr. 1114 [Attributes: Hard Cover]
Bookseller: MedicusBooks.Com [Germany]
2017-04-29 01:45:03
Tacitus, Cornelius
Published by Danielis Elzevirii, Amstelodami [Amsterdam], 1665. , 624 pages, index at the rear [23], with engraved title page, text in Latin New edition , nice clean and tight binding, previous owner's inscription on front blank (dated 1799), neat repair to corner of title page, textblock clean and complete, a nice tight copy, in very good condition , later full vellum with gilt borders, gilt decorated spine and red leather title label, all edges gilt, marbled endpapers 17 x 12 cm Hardback ISBN: [Attributes: Hard Cover]
Bookseller: Keoghs Books [Stroud, United Kingdom]
2017-04-28 13:53:33
Boccaccio, Giovanni
Amsterdam Elzevier 1665 - 1 (weißes) Blatt, 12 Blätter (incl. typographischem Titel), 744 Seiten, 1 (weißes) Blatt. Signierter Meistereinband ("R[elié] P[ar] THOUVENAIN") des 19. Jahrhunderts. (14,9 x 9 cm, bzw. 14,4 x 7,7 cm; Buchblock: 2,3 cm) 12°. - Eine Variante des seltenen, hübschen und kostbaren Dekameron im signierten roten Pariser Maroquin-Meistereinband von Joseph Thouvenin (dem Älteren), "le plus célèbre relieur de la Restauration ." (Roger Devauchelle) ". Je doute qu'il soit possible de porter plus loin la correction d'un texte, la netteté des caractères, en tout la beauté de l'exécution. ." (Jean-Baptiste Tenant de Latour) - Bérard S. 111 f. ("Cette jolie édition, d'un format un peu plus grand que les in-12 ordinaires des Elzévirs, est difficile à trouver bien conservée. Un bel exemplaire doit avoir environ 5 pouces 6 lignes [= ca. 14 cm] de hauteur, et, dans cet état, ne vaut pas moins de 40 à 60 francs. Il en a même été vendu un jusqu'à 120 fr. chez M. de Cotte."). Pieters 55 auf S. 330 ("Véritable Elsevier d'Amsterdam, coté dans le catalogue de Daniel de 1675 à 2 fl. 5 s de Hollande. Dans quelques exemplaires le commencement de la préface diffère; celle qui commence par les mots Eccovi Gentilissimi Signori, est regardée comme la première."). Willems 1349 ("Brunet a été mal inspiré en attribuant ce volume à Blaeu, car il est peu de livres dont l'origine elzevirienne soit mieux établie. La sphère du titre, le fleuron aux mains de justice, les lettres grises très nombreuses et d'une vérification facile, en un mot tous les témoignages concordent en faveur de Dan … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Heinrich Heine Antiquariat oHG [Germany]
Check availability:
2017-04-27 23:03:25
Petau, Denis (Dionysius Petavius)
Johann Beyer, 1665. ...purgata. - 2 Bände in 1 Band., Jeweils mit kleiner Holzschnittdruckermarke auf dem Titel. Einband leicht berieben, fleckig und gebräunt etwas stockfleckig und gebräunt hinterer Innendeckel und hinterer Vorsatz mit kleinem Wurmloch Blatt S. 385/386 von Band 1 mit kleinem Loch (Papierfehler) und hier mit geringem Buchstabenverlust 3 alte Besitzvermerke auf dem vorderen Innendeckel alter Kaufvermerk auf dem Vordervorsatz Stempel auf dem Titel. Denis Petau (1583-1562) franz. Theologe, Philologe und Historiker Jesuit neben Joseph Justus Scaliger der bedeutendste Chronologe seiner Zeit das vorliegende Werk, eine Kurzfassung seines 1627 erschienenen Werkes "De doctrina temporum", enthält als Band 1 einen chronologischen Überblick über die Geschichte bis zum Jahr 1632 und als Band 2 ein kurzgefasstes Lehrbuch der Wissenschaftlichen Chronologie. VD 17 39:121994H.
Bookseller: Aix Libris [Germany]
2017-04-27 21:00:29
REVEL, Charles
Macon, Simon Bonard, 1665. ______ Format : In-4. [225 x 155 mm] Collation : (36), 14, (8), 317, (6), 313-454, (22) pp. Reliure : Veau, dos à nerfs orné, tranches rouges mouchetées. (Reliure de l'époque.). ____ Seconde édition. Titre en noir et rouge. La seconde partie : "Questions pratiques, sur l'usage... " a sa propre page de titre. Signatures sur le titre : Boine, avocat et une autre signature caviardée. Annotations dans les marges d'une plume de l'époque. Les deux coiffes de la reliure sont arrachées. Papier un peu bruni ça et là. Annotations dans les marges. Gouron & Terrin. Coutumes, 675. *-------*.
Bookseller: Hugues de Latude [FRANCE]
2017-04-27 19:18:27
TANAQUILLUS Faber (Tanneguy Lefebvre (Le Fèvre))
Salmurii, Ioannis Lesnerii - Danielem de Lerpiniere et Ioannem Lesnerium, 1665. 2 ouvrages en 1 volume. Tanneguy Lefebvre, dit Tanaquillus Faber, né à Caen en 1615 et mort à Saumur le 12 septembre 1672, est un philologue et helléniste français. 1. Tanaquilli Fabri Epistolae. Quarum Pleraeque ad Emendationem Scriptorum veterum pertinent. Illustrissimo viro Nicolao Fulqueto Vicecomiti de Melun , et de Vaux, &c. Salmurii, ex Typographeio Ioannis Lesnerii, 1659 (263 pages). 2. Tanaquilli Fabri Epistolae. Pars Altera: Additae sunt Aristophanis, cum Interpretatione nova, Notis & emendationibus. Illustrissimo viro Guillelmo Lamonio Senatys principi S. P. D. Tanaquillus Faber. Salmurii, Apud Danielem de Lerpiniere & Ioannem Lesnerium, 1665 (352 pages). Ex-libris armorié, vignettes de titre, bandeaux, culs-de-lampe gravés. Reliure plein veau de l'époque. Dos à 5 nerfs orné et doré (petites étiquettes en pied du dos). Roulette dorée sur les coupes. Tranches jaspées rouges. Charnière du premier plat fendillée. Accident à la coiffe supérieure. Reliure frottée. Pas de rousseur. Format in-8° (23x18). [Attributes: Hard Cover]
Bookseller: Livres et Collections [SEVRES, France]
2017-04-27 17:35:47
MENESTIER Claude Francois
1665 - A Lyon 1665. Chez Benoist Coral. (15 x 9 cm), k. [12], s. 111, k. [4], frontispis, 10 miedziorytów herbowych na osobn. tabl. (w tym 1 sklad.), drzeworyt tyt. i nieliczne drzeworyty w tekście, opr. sk. z epoki. Wpis własn., naklejka własn.: Le Baron Lambert. Ślady zawilg., otarcia oprawy (uzupełnienie narożnika). Skrócony podręcznik do heraldyki XVII-wiecznej z materiałem ilustracyjnym. Claude-François Ménestrier (1631 1705), francuski heraldyk, jezuita. Był jednym z największych autorytetów z dziedziny heraldyki w XVII wieku. [Attributes: Hard Cover]
Bookseller: Antykwariat Wójtowicz
2017-04-27 12:13:37
Gellius, Aulus
Elzevir, Amsterdam, 1665. 12mo. Mit gest. Titel. 24 Bl., 482 S., 59 Bl. Pgt. d. Zeit m. Rückentitel. Einband gering fleckig. Bis auf einzelne Fleckchen sauber u. wohlerhalten. gr.
Bookseller: Antiquariat Düwal [Berlin, Germany]
2017-04-26 19:40:20
Jarrigio, Petro
Lugduni Batavorum, (Leiden), 1665. 9 Blatt/264 S. mit Doppelblattgroßem Kupferstich, original Pbd. Duodez (etwas fleckig/Kanten gering berieben und bestossen), --- - Erste lateinische Ausgabe nach der französischen Originalausgabe, Leiden, 1648. Der Kupferstich zeigt Jarrigios Hinrichtung. Pierre Jarrige (1604 - 1660 oder 1670), zunächst Jesuit, lehrte in Bordeaux Grammatik und Rhetorik. er fiel 1647 in La Rochelle zu, Calvinismus ab. Er verteidigte in Leiden seinen Abfall und erhielt dafür von den Generalstaaten eine Pension. In La Rochelle gerichtlich zum Strang und zur Verbrennung seiner Leiche verurteilt, verfaßte er die Schreibschrift, der, nachdem die Jesuiten geantwortet, eine noch giftigere folgte (vgl. Lexikon für Theologie und Kirche, Band V, 287) - 120 Gramm. [Attributes: First Edition; Hard Cover]
Bookseller: Celler Versandantiquariat [Eicklingen, Germany]
2017-04-26 19:40:20
Jesuita in ferali pegmate ob Nefanda Crimina in provinzia Guienna perpetrata a Petro Jarrigio antea ejusdem Societatis Viro, quaerti Voti Religioso, & Concionatore Constitutus, e Gallico latinitate donatus. Cum Judicio Gereali de hoc Ordine
Lugduni Batavorum, (Leiden), 1665. 9 Blatt/264 S. mit Doppelblattgroßem Kupferstich, original Pbd. Duodez (etwas fleckig/Kanten gering berieben und bestossen), --- - Erste lateinische Ausgabe nach der französischen Originalausgabe, Leiden, 1648. Der Kupf Lugduni Batavorum, (Leiden), 1665. 9 Blatt/264 S. mit Doppelblattgroßem Kupferstich, original Pbd. Duodez (etwas fleckig/Kanten gering berieben und bestossen), --- - Erste lateinische Ausgabe nach der französischen Originalausgabe, Leiden, 1648. Der Kupf
Bookseller: Celler Versandantiquariat [Germany]
2017-04-26 18:05:45
Stockmann, Paul Joachim.
Gryphiswaldiae, Greifswald, Typis Matthaei Doischeri, Matth. Doischer, Academiae Typographi, 1665. EA. 19x15 cm. 12 Bll. Broschüre mit kl. handschr. Eintrag von alter Hand. Minim. angestaubt, sonst sehr guter Zustand. Innen außergewöhnlich sauber. Archiatri Optimi Maximi auspiciis, Decreto atque Authoritate. Nobilissimi ac Amplissimi Medicorum Collegii in Illustri Academia Gryphiswaldensi. Pro Licentia summos in Medicina honores & privilegia Doctorlaia legitimè impetrandi, Praeside Viro Magnifico, Excellentißimo, Experientißimo DN. JOHANNE HEUNEN, Med. Doctore ac Professore Publ. Facult. Seniore, Decano Spectabili, p. t. Rectore Academ. Dn. Patrono ac Fautore singularis observantiae cultu aeviternum profequendo, DE DIABETE publicè disputabis PAULUS JOACHIMUS STOCKMANN, Rostochiens: Ad diem Decembr. Anno 1665. horis locoq consvetis. Folgende Fragen wurden dem Doktoranden gestellt: 1. Num vita Artis Medicae benficio prorogari queat, et mors retardari? 2. Utrum mors aliqua naturalis dici possit? 3. Utrum mors naturalis fieri possit cum voluptate? 4. Utrum in praegnantibus, ob vitandum abortum, liceat sanguinem mittere? 5. Utrum faetus in utero impediat sanguiniis missionem? Des Weiteren Beisitzend: Augustus Varenius D. & Theolog. Prof. P. Serenissimorum Ducum Consistorii Assessor; Joachimus Schnobelius D. Stetinens. Syndicus; Heinrich Rudolph Redeker / D. & P. P. Consistorii Ducalis Assessor. Versand D: 5,80 EUR Greifswald; Pommern; Rostock, 17. Jahrhundert; Allgemeinmedizin; Diabetes; Dissertationen, Habilitationen
Bookseller: Augusta-Antiquariat GbR
2017-04-26 16:58:44
Sanson d'Abbeville, Guillaume
Paris Mariette Pierre 1665 - Orkney and Shetland. "Les Isles Orcadney, ou Orkney; Schetland, ou Hetland; et de Fero, ou Farre tirees de divers memoires". Orig. copper-engraving after G. Sanson's map of the region. Published in Paris by P. Mariette, 1665. Coloured in outline. With great figure and ornamental title-cartouche and the scale of map ("Eschelle"). 43:54,5 cm (17 x 21 1/2 inch.). A map of Orkney, Shetland and Faroe Islands.
Bookseller: Antikvariat Krenek
Check availability:
2017-04-26 16:58:44
Sanson d'Abbeville, Guillaume
Paris Mariette Pierre 1665 - "Les Isles Orcadney, ou Orkney; Schetland, ou Hetland; et de Fero, ou Farre tirees de divers memoires". Orig. copper-engraving after G. Sanson's map of the region. Published in Paris by P. Mariette, 1665. Coloured in outline. With great figure and ornamental title-cartouche and the scale of map ("Eschelle"). 43:54,5 cm (17 x 21 1/2 inch.). A map of Orkney, Shetland and Faroe Islands.
Bookseller: Antikvariat Krenek
Check availability:
2017-04-26 16:58:44
Sanson N.
Paris, 1665 circa. Grande carta inc. in rame mm. 480x600 alla battuta + ampi marg. bianchi, confini coloriti all'epoca. Tit. entro cartiglio. Raffigurata l'Italia del Nord e Italia centrale fino alle terre sabine. Buona conservaz.
Bookseller: Taberna Libraria
2017-04-26 16:40:48
Pasquier D'Estienne
Paris: Charles de Sercy, 1665. Later Edition. Hardcover (Full Leather). Good Condition. Contemporary full calf, worn but sound, hinges rubbed, a few small wormholes to board surface; scattered soiling and light foxing, scattered minor pencil marks, otherwise clean internally. With the attractive frontis portrait. (14), 910, index. Size: Folio. Quantity Available: 1. Shipped Weight: 2-3 kilos. Category: History; Inventory No: 045767.
Bookseller: Pazzo Books (ABAA-ILAB) [Boston, MA, U.S.A.]
2017-04-26 16:31:41
Giovanni Battista FALDA (Valduggia, Novara, 1643; Rome, 1678)
1665. "Bella ed accurata veduta di Piazza dell'Orologio, in passato chiamata anche ""piazza dei Rigattieri"" e ""piazza di Monte Giordano"", dopo l'ampliamento voluto da papa Alessandro VII. Nella piazza si poteva ammirare la torre dell'Orologio, eretta dal Borromini per il complesso dei padri dell'Oratorio, e il palazzetto Spada, costruzione che, iniziata nel 1661 per il Banco di S. Spirito, era stata proseguita, per volere del Papa, dall'erede degli Spada, demolendo un isolato di case e trasformando così l'aspetto della preesistente e amorfa piazza. Esemplare tratto dalla prima edizione de "" Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII..."". In tre volumi, editi da G. G. de Rossi tra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova immagine di Roma, con i suoi palazzi, chiese e giardini, secondo un progetto unitario di espansione urbana, in sintonia con i criteri del colto e raffinato Fabio Chigi : il papa, infatti, decise di aprire nuove strade, di abbellire con fontane e monumenti la città, anche a dimostrazione della potenza finanziaria e culturale della sua famiglia. Prima di allora l'incisione di veduta a Roma, che pure aveva prodotto numerose serie dì stampe da E. Dupérac a G. Lauro, si era interessata principalmente alla ripresa della città antica. Bisognerà attendere proprio il completamento dei … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-04-26 16:31:41
Giovanni Battista FALDA (Valduggia, Novara, 1643; Rome, 1678)
1665. "Le origini della chiesa risalgono al VI secolo, quando papa Onorio I volle dedicare un edificio sacro a S.Martina, martire a Roma nel 228 durante l'impero di Alessandro Severo. L'invidiabile posizione di questa chiesa, posta tra il Foro Romano ed i Fori di Cesare e di Augusto, le valse anche l'appellativo di ""S.Martina in tribus foris"". Nel 1588 papa Sisto V decise di affidarla all'Accademia di S.Luca, originatasi dall'antica Università delle Arti della Pittura di Roma: per questo motivo si decise di ricostruire l'antica chiesa di S.Martina, dedicandola anche a S.Luca, ma i lavori furono realizzati solo in parte, per mancanza di fondi. Furono poi ripresi nel 1634 da Pietro da Cortona. Proprio durante gli scavi vennero rinvenuti i resti di S.Martina, oggi custodite nell'altare maggiore. Alessandro VII riqualificò il Campo Vaccino, utilizzato come terreno per il pascolo e in cui si teneva bisettimanalmente un mercato del bestiame: nel 1656 trasferì il mercato nei pressi di S. Giorgio al Velabro, facendo spianare la zona del Campo Vaccino e facendovi piantare quattro file di alberi, per creare un ombroso vialetto di accesso alle chiese. Veduta tratta da "" Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII..."". In tre volumi, editi da G. G. de Rossi tra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova imm … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-04-26 16:31:41
Giovanni Battista FALDA (Valduggia, Novara, 1643; Rome, 1678)
1665. "Esemplare dalla prima edizione de"" Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII..."". In tre volumi, editi da G. G. de Rossi tra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova immagine di Roma, con i suoi palazzi, chiese e giardini, secondo un progetto unitario di espansione urbana, in sintonia con i criteri del colto e raffinato Fabio Chigi : il papa, infatti, decise di aprire nuove strade, di abbellire con fontane e monumenti la città, anche a dimostrazione della potenza finanziaria e culturale della sua famiglia. Prima di allora l'incisione di veduta a Roma, che pure aveva prodotto numerose serie dì stampe da E. Dupérac a G. Lauro, si era interessata principalmente alla ripresa della città antica. Bisognerà attendere proprio il completamento dei rinnovamenti urbanistici e delle realizzazioni architettoniche dei papi seicenteschi, per assistere alla diffusione di raccolte dedicate alla città moderna. Dopo la morte del Falda, verrà pubblicato ""Il quarto libro del nuovo teatro delli palazzi in prospettiva di Roma mooderna dato in luce sotto il felice pontificato di nostro signore papa Innocenzo XII"", opera di Alessandro Specchi, edito nel 1699. Incisione su rame, in ottimo stato di conservazione. Magnifico esemplare, nel primo stato avanti il numero." "From the first edition of "" Il nuovo teat … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-04-26 16:31:41
Giovanni Battista FALDA (Valduggia, Novara, 1643; Rome, 1678)
1665. "Bella veduta della piazza dell'Orologio, detta di Monte Giordano, dopo i lavori di ampliamento promossi da papa Alessandro VII. Incisione su rame in ottimo stato di conservazione. Esemplare di primo stato da "" Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII..."". In tre volumi, editi da G. G. de Rossi tra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova immagine di Roma, con i suoi palazzi, chiese e giardini, secondo un progetto unitario di espansione urbana, in sintonia con i criteri del colto e raffinato Fabio Chigi : il papa, infatti, decise di aprire nuove strade, di abbellire con fontane e monumenti la città, anche a dimostrazione della potenza finanziaria e culturale della sua famiglia. Prima di allora l'incisione di veduta a Roma, che pure aveva prodotto numerose serie dì stampe da E. Dupérac a G. Lauro, si era interessata principalmente alla ripresa della città antica. Bisognerà attendere proprio il completamento dei rinnovamenti urbanistici e delle realizzazioni architettoniche dei papi seicenteschi, per assistere alla diffusione di raccolte dedicate alla città moderna. Dopo la morte del Falda, verrà pubblicato ""Il quarto libro del nuovo teatro delli palazzi in prospettiva di Roma mooderna dato in luce sotto il felice pontificato di nostro signore papa Innocenzo XII"", opera di Alessandro Sp … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-04-26 16:31:41
Giovanni Battista FALDA (Valduggia, Novara, 1643; Rome, 1678)
1665. "Esemplare dalla prima edizione de"" Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII..."". In tre volumi, editi da G. G. de Rossitra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova immagine di Roma, con i suoi palazzi, chiese e giardini, secondo un progetto unitario di espansione urbana, in sintonia con i criteri del colto e raffinato Fabio Chigi : il papa, infatti, decise di aprire nuove strade, di abbellire con fontane e monumenti la città, anche a dimostrazione della potenza finanziaria e culturale della sua famiglia. Prima di allora l'incisione di veduta a Roma, che pure aveva prodotto numerose serie dì stampe da E. Dupérac a G. Lauro, si era interessata principalmente alla ripresa della città antica. Bisognerà attendere proprio il completamento dei rinnovamenti urbanistici e delle realizzazioni architettoniche dei papi seicenteschi, per assistere alla diffusione di raccolte dedicate alla città moderna. Dopo la morte del Falda, verrà pubblicato ""Il quarto libro del nuovo teatro delli palazzi in prospettiva di Roma mooderna dato in luce sotto il felice pontificato di nostro signore papa Innocenzo XII"", opera di Alessandro Specchi, edito nel 1699. Incisione su rame, in ottimo stato di conservazione. Magnifico esemplare, nel primo stato avanti il numero." "From the first edition of "" Il nuovo teatr … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-04-26 16:31:41
Giovanni Battista FALDA (Valduggia, Novara, 1643; Rome, 1678)
1665. "Bella veduta della chiesa di S. Maria dei Monti che prende il nome, come indicato nell'iscrizione, dal quartiere Monti in cui fu edificata, su progetto di Giacomo della Porta. La chiesa è conosciuta col nome più popolare di Madonna dei Monti. Incisione su rame in ottimo stato di conservazione. Esemplare di primo stato da "" Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII..."". In tre volumi, editi da G. G. de Rossi tra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova immagine di Roma, con i suoi palazzi, chiese e giardini, secondo un progetto unitario di espansione urbana, in sintonia con i criteri del colto e raffinato Fabio Chigi : il papa, infatti, decise di aprire nuove strade, di abbellire con fontane e monumenti la città, anche a dimostrazione della potenza finanziaria e culturale della sua famiglia. Prima di allora l'incisione di veduta a Roma, che pure aveva prodotto numerose serie dì stampe da E. Dupérac a G. Lauro, si era interessata principalmente alla ripresa della città antica. Bisognerà attendere proprio il completamento dei rinnovamenti urbanistici e delle realizzazioni architettoniche dei papi seicenteschi, per assistere alla diffusione di raccolte dedicate alla città moderna. Dopo la morte del Falda, verrà pubblicato ""Il quarto libro del nuovo teatro delli palazzi in prospettiva di Ro … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-04-26 16:31:41
Giovanni Battista FALDA (Valduggia, Novara, 1643; Rome, 1678)
1665. "Questa incisione del Falda è un prezioso documento della Roma Sparita: la chiesa di S. Maria Liberatrice, infatti, è stata demolita nel 1902 nell'ambito degli scavi archeologici per riportare alla luce i resti della basilica paleocristiana di ""S.Maria Antiqua"" su cui la chiesa era stata costruita nel 1617. Incisione su rame in ottimo stato di conservazione. Esemplare di primo stato da "" Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII..."". In tre volumi, editi da G. G. de Rossi tra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova immagine di Roma, con i suoi palazzi, chiese e giardini, secondo un progetto unitario di espansione urbana, in sintonia con i criteri del colto e raffinato Fabio Chigi : il papa, infatti, decise di aprire nuove strade, di abbellire con fontane e monumenti la città, anche a dimostrazione della potenza finanziaria e culturale della sua famiglia. Prima di allora l'incisione di veduta a Roma, che pure aveva prodotto numerose serie dì stampe da E. Dupérac a G. Lauro, si era interessata principalmente alla ripresa della città antica. Bisognerà attendere proprio il completamento dei rinnovamenti urbanistici e delle realizzazioni architettoniche dei papi seicenteschi, per assistere alla diffusione di raccolte dedicate alla città moderna. Dopo la morte del Falda, verrà pubblicato "" … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-04-26 16:31:41
Giovanni Battista FALDA (Valduggia, Novara, 1643; Rome, 1678)
1665. "Bella veduta della chiesa di S. Caterina da Siena, a largo magnanapoli. La costruzione della chiesa avvenne tra il 1628 ed il 1641, per volontà di papa Urbano VIII, su progetto di Giovan Battista Soria. È ben visibile la Torre delle Milizie che il Falda riporta come ""fabricata da Bonifacio VII"", perché all'inizio del XIII sec. fu acquistata da Papa Bonifacio VIII Caetani che ne fece un poderoso baluardo costruendovi accanto un palazzo-fortezza, per difendersi dai suoi acerrimi nemici i Colonna che lo minacciavano dai Santissimi Apostoli. La veduta è anche un prezioso documento della Roma Sparita in quanto include il monastero delle monache domenicane demolito agli inizi del XX sec. Incisione su rame in ottimo stato di conservazione. Esemplare di primo stato da "" Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII..."". In tre volumi, editi da G. G. de Rossi tra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova immagine di Roma, con i suoi palazzi, chiese e giardini, secondo un progetto unitario di espansione urbana, in sintonia con i criteri del colto e raffinato Fabio Chigi : il papa, infatti, decise di aprire nuove strade, di abbellire con fontane e monumenti la città, anche a dimostrazione della potenza finanziaria e culturale della sua famiglia. Prima di allora l'incisione di veduta a Roma, che pure … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-04-26 16:31:41
Giovanni Battista FALDA (Valduggia, Novara, 1643; Rome, 1678)
1665. "Questa ""altra veduta"" della chiesa di S. Ignazio, è presa da sud-est e mostra la facciata e il lato esterno dell'edificio. La chiesa, costruita dal cardinal Ludovisi nel 1626 in onore di S.Ignazio di Loyola, fondatore della Compagnia di Gesù, fu edificata contiguamente al palazzo del Collegio Romano e sostituì la cinquecentesca chiesa di S.Maria Annunziata. Il progetto di realizzazione venne affidato ad Orazio Grassi che si avvalse dei disegni di Carlo Maderno, Paolo Martucelli ed Orazio Torriani. All'epoca nella piazza antistante era visibile la guglia di S. Macuto, ovvero l'obelisco, cosiddetto appunto per la sua posizione dinanzi alla chiesa di S.Macuto, rinvenuto durante gli scavi della vicina chiesa di S.Maria sopra Minerva, dal 1711 situato nella vicina piazza della Rotonda. Incisione su rame in ottimo stato di conservazione. Esemplare di primo stato da "" Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII..."". In tre volumi, editi da G. G. de Rossi tra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova immagine di Roma, con i suoi palazzi, chiese e giardini, secondo un progetto unitario di espansione urbana, in sintonia con i criteri del colto e raffinato Fabio Chigi : il papa, infatti, decise di aprire nuove strade, di abbellire con fontane e monumenti la città, anche a dimostrazione della potenz … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-04-26 16:31:41
Giovanni Battista FALDA (Valduggia, Novara, 1643; Rome, 1678)
1665. "Splendida veduta di piazza della Rotonda dopo l'intervento di ampliamento voluto da papa Alessandro VII: fece liberare il Pantheon dall'accumulo di terra che lo circondava e abbassò il livello della piazza. Inoltre, restaurò anche l'interno del Pantheon, facendone uno dei poli d'attrazione per i turisti in visita a Roma. Esemplare dalla prima edizione de"" Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII..."". In tre volumi, editi da G. G. de Rossi tra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova immagine di Roma, con i suoi palazzi, chiese e giardini, secondo un progetto unitario di espansione urbana, in sintonia con i criteri del colto e raffinato Fabio Chigi : il papa, infatti, decise di aprire nuove strade, di abbellire con fontane e monumenti la città, anche a dimostrazione della potenza finanziaria e culturale della sua famiglia. Prima di allora l'incisione di veduta a Roma, che pure aveva prodotto numerose serie dì stampe da E. Dupérac a G. Lauro, si era interessata principalmente alla ripresa della città antica. Bisognerà attendere proprio il completamento dei rinnovamenti urbanistici e delle realizzazioni architettoniche dei papi seicenteschi, per assistere alla diffusione di raccolte dedicate alla città moderna. Dopo la morte del Falda, verrà pubblicato ""Il quarto libro del nuovo teatro d … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-04-26 16:31:41
Giovanni Battista FALDA (Valduggia, Novara, 1643; Rome, 1678)
1665. "Splendida veduta della piazza della Minerva, nel rione Pigna. È visivile anche la cupola del Pantheon, sulla sinistra. Esemplare dalla prima edizione de"" Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII..."". In tre volumi, editi da G. G. de Rossi tra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova immagine di Roma, con i suoi palazzi, chiese e giardini, secondo un progetto unitario di espansione urbana, in sintonia con i criteri del colto e raffinato Fabio Chigi : il papa, infatti, decise di aprire nuove strade, di abbellire con fontane e monumenti la città, anche a dimostrazione della potenza finanziaria e culturale della sua famiglia. Prima di allora l'incisione di veduta a Roma, che pure aveva prodotto numerose serie dì stampe da E. Dupérac a G. Lauro, si era interessata principalmente alla ripresa della città antica. Bisognerà attendere proprio il completamento dei rinnovamenti urbanistici e delle realizzazioni architettoniche dei papi seicenteschi, per assistere alla diffusione di raccolte dedicate alla città moderna. Dopo la morte del Falda, verrà pubblicato ""Il quarto libro del nuovo teatro delli palazzi in prospettiva di Roma mooderna dato in luce sotto il felice pontificato di nostro signore papa Innocenzo XII"", opera di Alessandro Specchi, edito nel 1699. Incisione su rame, in ottimo stat … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-04-26 16:31:41
Giovanni Battista FALDA (Valduggia, Novara, 1643; Rome, 1678)
1665. "Splendita veduta della basilica Vaticana che include anche gli edifici adiacenti del Palazzo Pontificio, la chiesa di S. Marta, la Sagrestia vecchia e il Passetto di Borgo detto ""Corridore"". Esemplare dalla prima edizione de"" Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII..."". In tre volumi, editi da G. G. de Rossi tra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova immagine di Roma, con i suoi palazzi, chiese e giardini, secondo un progetto unitario di espansione urbana, in sintonia con i criteri del colto e raffinato Fabio Chigi : il papa, infatti, decise di aprire nuove strade, di abbellire con fontane e monumenti la città, anche a dimostrazione della potenza finanziaria e culturale della sua famiglia. Prima di allora l'incisione di veduta a Roma, che pure aveva prodotto numerose serie dì stampe da E. Dupérac a G. Lauro, si era interessata principalmente alla ripresa della città antica. Bisognerà attendere proprio il completamento dei rinnovamenti urbanistici e delle realizzazioni architettoniche dei papi seicenteschi, per assistere alla diffusione di raccolte dedicate alla città moderna. Dopo la morte del Falda, verrà pubblicato ""Il quarto libro del nuovo teatro delli palazzi in prospettiva di Roma mooderna dato in luce sotto il felice pontificato di nostro signore papa Innocenzo XII"", oper … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-04-26 16:31:41
Giovanni Battista FALDA (Valduggia, Novara, 1643; Rome, 1678)
1665. "Splendida veduta di piazza Colonna, vista da sud-est e focalizzata sulla Colonna e su Palazzo Chigi, già Aldobrandini, che era stato acquistato dalla famiglia del pontefice nel 1659. Alessandro, già nel 1658, aveva avviato i lavori di l'ampliamento della piazza che comportarono la demolizione delle case che sorgevano intorno alla Colonna e davanti a Palazzo Aldobrandini-Chigi. Esemplare dalla prima edizione de"" Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII..."". In tre volumi, editi da G. G. de Rossi tra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova immagine di Roma, con i suoi palazzi, chiese e giardini, secondo un progetto unitario di espansione urbana, in sintonia con i criteri del colto e raffinato Fabio Chigi : il papa, infatti, decise di aprire nuove strade, di abbellire con fontane e monumenti la città, anche a dimostrazione della potenza finanziaria e culturale della sua famiglia. Prima di allora l'incisione di veduta a Roma, che pure aveva prodotto numerose serie dì stampe da E. Dupérac a G. Lauro, si era interessata principalmente alla ripresa della città antica. Bisognerà attendere proprio il completamento dei rinnovamenti urbanistici e delle realizzazioni architettoniche dei papi seicenteschi, per assistere alla diffusione di raccolte dedicate alla città moderna. Dopo la morte del Fal … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-04-26 16:31:41
Giovanni Battista FALDA (Valduggia, Novara, 1643; Rome, 1678)
1665. "Splendida veduta di piazza Santi Apostoli, che arriva a comprendere, sullo sfondo, Palazzo Valentini, già palazzo Bonelli. Esemplare dalla prima edizione de"" Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII..."". In tre volumi, editi da G. G. de Rossi tra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova immagine di Roma, con i suoi palazzi, chiese e giardini, secondo un progetto unitario di espansione urbana, in sintonia con i criteri del colto e raffinato Fabio Chigi : il papa, infatti, decise di aprire nuove strade, di abbellire con fontane e monumenti la città, anche a dimostrazione della potenza finanziaria e culturale della sua famiglia. Prima di allora l'incisione di veduta a Roma, che pure aveva prodotto numerose serie dì stampe da E. Dupérac a G. Lauro, si era interessata principalmente alla ripresa della città antica. Bisognerà attendere proprio il completamento dei rinnovamenti urbanistici e delle realizzazioni architettoniche dei papi seicenteschi, per assistere alla diffusione di raccolte dedicate alla città moderna. Dopo la morte del Falda, verrà pubblicato ""Il quarto libro del nuovo teatro delli palazzi in prospettiva di Roma mooderna dato in luce sotto il felice pontificato di nostro signore papa Innocenzo XII"", opera di Alessandro Specchi, edito nel 1699. Incisione su rame, in ottimo … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-04-26 16:31:41
Giovanni Battista FALDA (Valduggia, Novara, 1643; Rome, 1678)
1665. "Bella veduta tratta dalla prima edizione de "" Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII..."". In tre volumi, editi da G. G. de Rossi tra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova immagine di Roma, con i suoi palazzi, chiese e giardini, secondo un progetto unitario di espansione urbana, in sintonia con i criteri del colto e raffinato Fabio Chigi : il papa, infatti, decise di aprire nuove strade, di abbellire con fontane e monumenti la città, anche a dimostrazione della potenza finanziaria e culturale della sua famiglia. Prima di allora l'incisione di veduta a Roma, che pure aveva prodotto numerose serie dì stampe da E. Dupérac a G. Lauro, si era interessata principalmente alla ripresa della città antica. Bisognerà attendere proprio il completamento dei rinnovamenti urbanistici e delle realizzazioni architettoniche dei papi seicenteschi, per assistere alla diffusione di raccolte dedicate alla città moderna. Incisione su rame, in ottimo stato di conservazione" "Beautiful view from the first ediion of "" Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII..."". Etching, in perfect condition. One of the most important architectural projects of the seventeenth century was the urban renovation of Rome. Under the br … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-04-26 16:31:41
Giovanni Battista FALDA (Valduggia, Novara, 1643; Rome, 1678)
1665. "Bella veduta panoramica di Ariccia. Ariccia è legata al nome di papa Alessandro VII e della famiglia Chigi perché Il 20 luglio 1661 il cardinale Flavio Chigi, anche a nome dei fratelli Agostino e Mario nipoti di papa Alessandro VII, comprò il feudo di Ariccia dal cardinale Paolo Savelli e da suo fratello Giulio. Incisione su rame in ottimo stato di conservazione. Esemplare di primo stato da "" Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII..."". In tre volumi, editi da G. G. de Rossi tra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova immagine di Roma, con i suoi palazzi, chiese e giardini, secondo un progetto unitario di espansione urbana, in sintonia con i criteri del colto e raffinato Fabio Chigi : il papa, infatti, decise di aprire nuove strade, di abbellire con fontane e monumenti la città, anche a dimostrazione della potenza finanziaria e culturale della sua famiglia. Prima di allora l'incisione di veduta a Roma, che pure aveva prodotto numerose serie dì stampe da E. Dupérac a G. Lauro, si era interessata principalmente alla ripresa della città antica. Bisognerà attendere proprio il completamento dei rinnovamenti urbanistici e delle realizzazioni architettoniche dei papi seicenteschi, per assistere alla diffusione di raccolte dedicate alla città moderna. Dopo la morte del Falda, verrà pubblicat … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-04-26 16:31:41
Giovanni Battista FALDA (Valduggia, Novara, 1643; Rome, 1678)
1665. "Splendida veduta che mostra la piazza e la chiesa di S. Maria della Pace, dopo i lavori di restauro promossi dal papa Alessandro VII. Il primo progetto di restauro di papa Alessandro VII fu quelo delle cappelle della famiglia Chigi, una in S. Maria del Popolo e l'altra a S. Maria della Pace, celebre per le Sibille di Raffaello. Pietro da Cortona ornò e modificò anche esteriormente la facciata della chiesa, creando un atrio a semicerchio con otto colonne accoppiate, in modo che anche l'aspetto della piazza risultasse più armonioso. Incisione su rame in ottimo stato di conservazione. Esemplare di primo stato da "" Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII..."". In tre volumi, editi da G. G. de Rossi tra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova immagine di Roma, con i suoi palazzi, chiese e giardini, secondo un progetto unitario di espansione urbana, in sintonia con i criteri del colto e raffinato Fabio Chigi : il papa, infatti, decise di aprire nuove strade, di abbellire con fontane e monumenti la città, anche a dimostrazione della potenza finanziaria e culturale della sua famiglia. Prima di allora l'incisione di veduta a Roma, che pure aveva prodotto numerose serie dì stampe da E. Dupérac a G. Lauro, si era interessata principalmente alla ripresa della città antica. Bisognerà attendere pro … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-04-26 16:31:41
Giovanni Battista FALDA (Valduggia, Novara, 1643; Rome, 1678)
1665. "Splendida veduta della Piramide Cestia - costruita da Caio Cestio come sua grandiosa sepoltura intorno al 20 a.C, qui raffigurata dopo l'intervento di restauro promosso da papa Alessandro VII che stanziò 5 mila scudi per il suo restauro, nel 1659 e completato nel 1663. Incisione su rame in ottimo stato di conservazione. Esemplare di primo stato da "" Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII..."". In tre volumi, editi da G. G. de Rossi tra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova immagine di Roma, con i suoi palazzi, chiese e giardini, secondo un progetto unitario di espansione urbana, in sintonia con i criteri del colto e raffinato Fabio Chigi : il papa, infatti, decise di aprire nuove strade, di abbellire con fontane e monumenti la città, anche a dimostrazione della potenza finanziaria e culturale della sua famiglia. Prima di allora l'incisione di veduta a Roma, che pure aveva prodotto numerose serie dì stampe da E. Dupérac a G. Lauro, si era interessata principalmente alla ripresa della città antica. Bisognerà attendere proprio il completamento dei rinnovamenti urbanistici e delle realizzazioni architettoniche dei papi seicenteschi, per assistere alla diffusione di raccolte dedicate alla città moderna. Dopo la morte del Falda, verrà pubblicato ""Il quarto libro del nuovo teatro delli p … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-04-26 16:31:41
Giovanni Battista FALDA (Valduggia, Novara, 1643; Rome, 1678)
1665. "Ampia veduta con la chiesa di S. Francesca Romana e i monumenti circostanti. La chiesa è conosciuta anche con il nome di S. Maria Nuova in quanto sostituì la chiesa di S. Maria Antica, andata distrutta in seguito a un terremoto. La chiesa di S.Maria Nova assunse il definitivo appellativo di S.Francesca Romana allorché nel 1440 vi fu sepolta, sotto l'altare maggiore S. Francesca Romana, al secolo Francesca Bussa. Incisione su rame in ottimo stato di conservazione. Alessandro VII aveva riqualificato l'area del Campo Vaccino, usata come terreno da pascolo: nel 1656 fece spianare la zona e piantare quattro file di alberi così da creare un ombroso luogo di passeggio e assicurare un comodo accesso alle chiese. Inoltre, trasferì il mercato bisettimanle di bestiame nei pressi di S. Giorgio al Velabro. Esemplare di primo stato da "" Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII..."". In tre volumi, editi da G. G. de Rossi tra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova immagine di Roma, con i suoi palazzi, chiese e giardini, secondo un progetto unitario di espansione urbana, in sintonia con i criteri del colto e raffinato Fabio Chigi : il papa, infatti, decise di aprire nuove strade, di abbellire con fontane e monumenti la città, anche a dimostrazione della potenza finanziaria e culturale della sua famig … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-04-26 16:31:41
Giovanni Battista FALDA (Valduggia, Novara, 1643; Rome, 1678)
1665. "Esemplare tratto dalla celebre opera ""Le Fontane di Roma"", edita da G.G.de Rossi ""alla Pace"", in 4 volumi, intorno al 1690. Falda, che muore a Roma nel 1678, incise le tavole del primo e del secondo volume, intitolati rispettivamente dal titolo ""Le Fontane di Roma nelle Piazze, e Luoghi Publici Della Citta..."" e ""Le fontane delle ville di Frascati, nel Tvscvlano..."" Le tavole del terzo e quarto volume, rispettivamente ""Le fontane ne' palazzi e ne' giardini di Roma..."" e ""Le fontane del giardino Estense in Tivoli..."", furono, invece, incisi da G. F. Venturini. Le fontane del Falda godettero di grande successo: è da ricordare la celebre raccolta ""Romanorum fontinalia ..."" pubblicata a Norimberga nel 1685, dove incisori quali Hans Ulrich Franck, Suzanne Marie von Sandrart e Johannes Mayer riutilizzarono i rami del Falda sulle fontane, animando con personaggi e particolari fiamminghi le notissime vedute romane. Incisione su rame, in ottimo stato di conservazione." "From ""Le Fontane di Roma""a beautiful collection of the fountains of Rome and its environs, published by G.G. de Rossi, about 1690, in four books. Falda, who died in 1678, engraved the plates of the first two volumes, ""Le Fontane di Roma nelle Piazze, e Luoghi Publici Della Citta..."" e ""Le fontane delle ville di Frascati, nel Tvscvlano..."". G. F. Venturini engraved the plates of the second two volumes ""Le fontane ne' palazzi e ne' giardini di Roma..."" e ""Le fontane del giardino Estense in Tivoli..."". Etching, in very good condition." Bartsch 14
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-04-26 15:04:24
Haineuve, Julien (1588-1663):
Köln, Busaeus, 1665. 21 x 16 cm. [18] Bl., 288 S., [2] Bl. + [8] Bl., 456 S., [4] Bl. + [8] Bl., 436 [richtig: 448] S., [3] Bl. + [8] Bl., 482 [richtig: 472] S., [4] Bl. Pergamentbände der Zeit (etwas angestaubt und leicht fleckig). *VD17 12:203295G. Vollständig in allen vier Teilen. - Haineuve war ein französischer Theologe, Jesuit, Rektor des Kollegien von Quimper (Bretagne), Superieur des Noviziats von Rouen und von Paris. - Titel mit altem Stempel und Signatur. Text mit Altersbräunung. Insgesamt gut erhalten. Versand D: 5,00 EUR
Bookseller: Antiquariat Braun
2017-04-26 15:04:24
Haineuve, Julien (1588-1663):
Köln, Busaeus, 1665. 21 x 16 cm. [18] Bl., 288 S., [2] Bl. + [8] Bl., 456 S., [4] Bl. + [8] Bl., 436 [richtig: 448] S., [3] Bl. + [8] Bl., 482 [richtig: 472] S., [4] Bl. Pergamentbände der Zeit (etwas angestaubt und leicht fleckig). *VD17 12:203295G. Vollständig in allen vier Teilen. - Haineuve war ein französischer Theologe, Jesuit, Rektor des Kollegien von Quimper (Bretagne), Superieur des Noviziats von Rouen und von Paris. - Titel mit altem Stempel und Signatur. Text mit Altersbräunung. Insgesamt gut erhalten. Versand D: 5,00 EUR
Bookseller: Antiquariat Braun
2017-04-26 13:15:42
Giovanni Battista FALDA (Valduggia, Novara, 1643; Rome, 1678)
1665. "Veduta dell'arsenale nel porto di Civitavecchia. L'arsenale fu costruito dal Bernini nel 1660: 50 metri e 6 arcate riunite a gruppi di due, purtroppo oggi distrutto dai bombardamenti dell'ultimo conflitto mondiale. Esemplare tratto da "" Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII..."". In tre volumi, editi da G. G. de Rossi tra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova immagine di Roma, con i suoi palazzi, chiese e giardini, secondo un progetto unitario di espansione urbana, in sintonia con i criteri del colto e raffinato Fabio Chigi : il papa, infatti, decise di aprire nuove strade, di abbellire con fontane e monumenti la città, anche a dimostrazione della potenza finanziaria e culturale della sua famiglia. Prima di allora l'incisione di veduta a Roma, che pure aveva prodotto numerose serie dì stampe da E. Dupérac a G. Lauro, si era interessata principalmente alla ripresa della città antica. Bisognerà attendere proprio il completamento dei rinnovamenti urbanistici e delle realizzazioni architettoniche dei papi seicenteschi, per assistere alla diffusione di raccolte dedicate alla città moderna. Dopo la morte del Falda, verrà pubblicato ""Il quarto libro del nuovo teatro delli palazzi in prospettiva di Roma mooderna dato in luce sotto il felice pontificato di nostro signore papa Innocenzo XI … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-04-26 13:15:42
Giovanni Battista FALDA (Valduggia, Novara, 1643; Rome, 1678)
1665. "Splendida veduta di piazza del Popolo verso Porta Flaminia, dopo gli interventi voluti da papa Alessandro VII. I lavori sulla piazza iniziarono nel giugno 1655: venne ristrutturata la chiesa della Madonna del Popolo e la porta fu ridisegnata dal Bernini; la sommità fu ornata con un medaglione circolare con la stella sovrastante i monti Chigi e la scritta ""Felici Fastoque Ingressu MCLCV"", in riferimento all'ingresso trionfale di Cristina di Svezia, nel dicembre del 1655. I lavori furono terminati nell'estate del 1657. Esemplare dalla prima edizione de"" Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII..."". In tre volumi, editi da G. G. de Rossi tra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova immagine di Roma, con i suoi palazzi, chiese e giardini, secondo un progetto unitario di espansione urbana, in sintonia con i criteri del colto e raffinato Fabio Chigi : il papa, infatti, decise di aprire nuove strade, di abbellire con fontane e monumenti la città, anche a dimostrazione della potenza finanziaria e culturale della sua famiglia. Prima di allora l'incisione di veduta a Roma, che pure aveva prodotto numerose serie dì stampe da E. Dupérac a G. Lauro, si era interessata principalmente alla ripresa della città antica. Bisognerà attendere proprio il completamento dei rinnovamenti urbanistici e delle … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-04-26 13:15:42
Giovanni Battista FALDA (Valduggia, Novara, 1643; Rome, 1678)
1665. "Veduta dell'arsenale nel porto di Civitavecchia. L'arsenale fu costruito dal Bernini nel 1660: 50 metri e 6 arcate riunite a gruppi di due, purtroppo oggi distrutto dai bombardamenti dell'ultimo conflitto mondiale. Esemplare di primo stato, tratto da "" Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII..."". In tre volumi, editi da G. G. de Rossi tra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova immagine di Roma, con i suoi palazzi, chiese e giardini, secondo un progetto unitario di espansione urbana, in sintonia con i criteri del colto e raffinato Fabio Chigi : il papa, infatti, decise di aprire nuove strade, di abbellire con fontane e monumenti la città, anche a dimostrazione della potenza finanziaria e culturale della sua famiglia. Prima di allora l'incisione di veduta a Roma, che pure aveva prodotto numerose serie dì stampe da E. Dupérac a G. Lauro, si era interessata principalmente alla ripresa della città antica. Bisognerà attendere proprio il completamento dei rinnovamenti urbanistici e delle realizzazioni architettoniche dei papi seicenteschi, per assistere alla diffusione di raccolte dedicate alla città moderna. Dopo la morte del Falda, verrà pubblicato ""Il quarto libro del nuovo teatro delli palazzi in prospettiva di Roma mooderna dato in luce sotto il felice pontificato di nostro signore p … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-04-26 13:15:42
Giovanni Battista FALDA (Valduggia, Novara, 1643; Rome, 1678)
1665. "Bella veduta della piazza di Castel Gandolfo, oggi detta piazza della Libertà, che comprende il palazzo pontificio, la residenza estiva papale, e la chiesa consacrata a S. Tommaso da Villanova. Papa Alessandro VII Chigi commissionò a Gian Lorenzo Bernini la ristrutturazione della facciata del palazzo pontifico e la costruzione di una chiesa, da utilizzarsi come cappella palatina dell'annesso palazzo papale. Originariamente il luogo di culto doveva essere dedicato a san Nicola di Bari, ma successivamente fu deciso che fosse dedicato a Tommaso di Villanova, canonizzato il 1º novembre 1658. I lavori iniziarono nel 1658 e si protrassero per tre anni, fino al 1661 quando, terminata la decorazione interna in stucco ad opera di Antonio Raggi, la chiesa venne consacrata. Incisione su rame in ottimo stato di conservazione. Esemplare di primo stato da "" Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII..."". In tre volumi, editi da G. G. de Rossi tra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova immagine di Roma, con i suoi palazzi, chiese e giardini, secondo un progetto unitario di espansione urbana, in sintonia con i criteri del colto e raffinato Fabio Chigi : il papa, infatti, decise di aprire nuove strade, di abbellire con fontane e monumenti la città, anche a dimostrazione della potenza finanziaria e cult … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-04-26 13:15:42
Giovanni Battista FALDA (Valduggia, Novara, 1643; Rome, 1678)
1665. "Veduta di Castel Gandolfo presa dal lago. Papa Alessandro VII amava particolarmente la residenza pontificia di Castel Gandolfo, che fece ampliare e restaurare dal Bernini. Soggiornò regolarmente a Castel Gandolfo due volte l'anno, in primavera e in autunno, per periodi variabili da 20 giorni ad un mese. Incisione su rame in ottimo stato di conservazione. Esemplare di primo stato da "" Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII..."". In tre volumi, editi da G. G. de Rossi tra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova immagine di Roma, con i suoi palazzi, chiese e giardini, secondo un progetto unitario di espansione urbana, in sintonia con i criteri del colto e raffinato Fabio Chigi : il papa, infatti, decise di aprire nuove strade, di abbellire con fontane e monumenti la città, anche a dimostrazione della potenza finanziaria e culturale della sua famiglia. Prima di allora l'incisione di veduta a Roma, che pure aveva prodotto numerose serie dì stampe da E. Dupérac a G. Lauro, si era interessata principalmente alla ripresa della città antica. Bisognerà attendere proprio il completamento dei rinnovamenti urbanistici e delle realizzazioni architettoniche dei papi seicenteschi, per assistere alla diffusione di raccolte dedicate alla città moderna." "View of Castel Gandolfo from the lake. Pope Ale … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-04-26 13:15:42
Giovanni Battista FALDA (Valduggia, Novara, 1643; Rome, 1678)
1665. "Splendida veduta di piazza Santi Apostoli, che arriva a comprendere, sullo sfondo, Palazzo Valentini, già palazzo Bonelli. Sulla sinistra, spicca palazzo Chigi, acquistato dal cardinale nipote di Alessandro VII, e che nel 1746 sarà acquistato dagli Odescalchi, con la nuova facciata che il Bernini avevarealizzato nel 1664. Il nuovo prospetto berniniano dominava la piazza, prevalendo anche sul complesso dei SS. Apostoli situato di fronte. Sullo sfondo, a completamento del ""teatro"" della piazza, la cupola della Chiesa della Madonna di Loreto Esemplare dalla prima edizione de"" Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII..."". In tre volumi, editi da G. G. de Rossi tra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova immagine di Roma, con i suoi palazzi, chiese e giardini, secondo un progetto unitario di espansione urbana, in sintonia con i criteri del colto e raffinato Fabio Chigi : il papa, infatti, decise di aprire nuove strade, di abbellire con fontane e monumenti la città, anche a dimostrazione della potenza finanziaria e culturale della sua famiglia. Prima di allora l'incisione di veduta a Roma, che pure aveva prodotto numerose serie dì stampe da E. Dupérac a G. Lauro, si era interessata principalmente alla ripresa della città antica. Bisognerà attendere proprio il completamento dei rinnovament … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-04-26 13:15:42
Giovanni Battista FALDA (Valduggia, Novara, 1643; Rome, 1678)
1665. "L'incisione raffigura l'ospedale di S. Spirito in Sassia dopo la ristrutturazione voluta da papa Alessandro VII e affidata al Bernini, che rinnovò il Braccio vecchio - anche noto come Corsia Sistina - e il portone. Il Braccio Nuovo fu realizzato dal Fuga, sempre col medesimo disegno del Bernini, sotto il Pontificato di Benedetto XIV. Incisione su rame in ottimo stato di conservazione. Esemplare di primo stato da "" Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII..."". In tre volumi, editi da G. G. de Rossi tra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova immagine di Roma, con i suoi palazzi, chiese e giardini, secondo un progetto unitario di espansione urbana, in sintonia con i criteri del colto e raffinato Fabio Chigi : il papa, infatti, decise di aprire nuove strade, di abbellire con fontane e monumenti la città, anche a dimostrazione della potenza finanziaria e culturale della sua famiglia. Prima di allora l'incisione di veduta a Roma, che pure aveva prodotto numerose serie dì stampe da E. Dupérac a G. Lauro, si era interessata principalmente alla ripresa della città antica. Bisognerà attendere proprio il completamento dei rinnovamenti urbanistici e delle realizzazioni architettoniche dei papi seicenteschi, per assistere alla diffusione di raccolte dedicate alla città moderna. Dopo la morte del … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-04-26 13:15:42
Giovanni Battista FALDA (Valduggia, Novara, 1643; Rome, 1678)
1665. "Splendida veduta della piazza di S. Maria della Minerva, disegnata frontalmente alla facciata della chiesa, l'antica ""S.Maria in Minervium"". L'elefantino che sorregge l'obelisco antistante la chiesa, rappresenta l'ultima opera che papa Alessandro VII promosse, commissionandola al Bernini. Il piccolo obelisco era stato rinvenuto nelle vicinanze della piazza nell'estate del 1665. L'elefante, come chiarisce l'iscrizione composta dallo stesso pontefice, è visto come simbolo della sapienza divina, in contrasto con la sapienza umana degli Egizi. Incisione su rame in ottimo stato di conservazione. Esemplare di primo stato da "" Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII..."". In tre volumi, editi da G. G. de Rossi tra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova immagine di Roma, con i suoi palazzi, chiese e giardini, secondo un progetto unitario di espansione urbana, in sintonia con i criteri del colto e raffinato Fabio Chigi : il papa, infatti, decise di aprire nuove strade, di abbellire con fontane e monumenti la città, anche a dimostrazione della potenza finanziaria e culturale della sua famiglia. Prima di allora l'incisione di veduta a Roma, che pure aveva prodotto numerose serie dì stampe da E. Dupérac a G. Lauro, si era interessata principalmente alla ripresa della città antica. Bisognerà at … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
______________________________________________________________________________


      Home     Wants Manager     Library Search     563 Years   Links     Contact      Search Help      Terms of Service      Privacy     


Copyright © 2019 viaLibri™ Limited. All rights reserved.