The viaLibri website requires cookies to work properly. You can find more information in our Terms of Service and Privacy Policy.

Displayed below are some selected recent viaLibri matches for books published in 1665
2017-06-18 17:32:23
CL. Claudiani
Amsterdam: Elzeviriana, 1665. original full vellum hardcover with Yapp edges, engraved title page, xxvi, 1-917pp plus 15 index pages, top of spine torn with no loss, vellum discoloured as usual, otherwise a very good complete copy in original condition.. First Thus. Hardcover. Very Good/No Jacket. 8vo - over 7¾" - 9¾" tall.
Bookseller: Carmarthenshire Rare Books [Carmarthen, United Kingdom]
2017-06-18 15:47:57
KAPVERDISCHE INSELN (Cape Verde Islands) / Atlantischer Ozean: Ilha de Sao Tiago - Praia:
Kupferstich aus Hollandse Mercurius b. Pieter Casteleyn in Haarlem, 1665, 18 x 28,5 Zeigt drei Ansichten auf einem Blatt. - Selten!
Bookseller: Antiquariat Norbert Haas [Bedburg-Hau, Germany]
2017-06-18 00:00:00
MORIN, Pierre.
BMC NH, p. 1351; Plesch, p. 342; Pritzel 6454; cf. Hunt 300 (1665 English ed.). First edition of Morin's popular handbook on flower growing, which includes the second edition of his catalogue of the plants in his own garden. The book opens with a calendar of work to be done in the garden each month of the year, followed by lists of plants that flourish in different types of soil and those that do not flourish in various degrees of cold, lists of plants flowering in each month of the year, lists of sweet-smelling plants, etc. The catalogue continues the pagination and signatures of the Remarques, but has its own title-page (Catalogues de quelques plantes a fleurs qui son présent au jardin de P. Morin, Paris, 1658) and four divisional titles: Anemones, Ranunculuses, Tulips and Irises. It had been published separately in 1651. The engraved frontispiece was designed and engraved by F. Chaveau.With a contemporary owner's name on the title-page. A very good copy, with only tiny marginal wormholes in a few leaves, slightly affecting one letter in the title to the catalogue. First edition, in a contemporary binding, of a charming and popular early work on flower gardening.
Bookseller: Antiquariaat FORUM BV
Check availability:
2017-06-15 16:29:49
Wenzel HOLLAR
1665. Veduta della città dal mare della serie "Sei vedute italiane", edita a Londra da Arthur Tooker. Incisione in rame, in ottimo stato di conservazione. Molto rara. Pennington 1097. I; New Hollstein 1835.I (Hollar) 100 60mm
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2017-06-14 21:13:04
SCHOOCK Martin
Editio altera priori emendatior. Amstelaedami 1665. Apud Petrum van den Berge. 12°, [6] k., 426 s. : inicj., winiety, sygnet druk., frontispis. Opr. perg. z epoki. Stan dobry. Schoock Martin (1614-1669) - wybitny holenderski pisarz i historyk. Urodzony w Utrechcie, był kolejno profesorem greki i łaciny, retoryki, filozofii i logiki w różnych uczelniach. Zmarł we Frankfurcie nad Odrą Dzieło zawiera historie Belgii. [Attributes: Hard Cover]
Bookseller: Antykwariat Wójtowicz [Kraków, Poland]
2017-06-14 02:36:18
NIEUHOF, Johan.
Amsterdam, Jacob van Meurs, 1665. Engraved map, 28,5 x 36,5 cm, uncoloured. Middle lower-part a small tear professionaly repaired. from "Joan Nieuhof, Het Gezandschap Der Neêrlandtsche Oost-Indische Compagnie, aan den grooten Tartarischen Cham". KEYWORDS:china/maps
Bookseller: Antiquarian Bookshop Krul Antiquarian Bo
2017-06-13 15:23:35
Aresi, Paolo:
Coloniae Agrippinae, Busaeus, 1665. 21 x 17 cm. [8] Bl., 508 S., [34] Bl. Schöner geprägter Schweinslederband der Zeit über Holzdeckel mit 2 Schließen (Frontdeckel fleckig). *VD17 12:105610V. - Aresi war ein italienischer Theatinermönch, Bischof von Tortona. Seine zahlreichen Werke wurden bis ins 18. Jahrhundert verlegt. - Titelblatt mit altem Stempel, ansonsten sehr sauber. Der schöne Barockeinband am Frontdeckel etwas fleckig. Versand D: 5,00 EUR
Bookseller: Antiquariat Braun
2017-06-13 15:23:35
Aresi, Paolo:
Coloniae Agrippinae, Busaeus, 1665. 21 x 17 cm. [10] Bl., 508 S., [32] Bl. Pergamentband der Zeit (Einband fleckig, Rücken etwas beschädigt und Bezug oben mit Fehlstelle). *VD17 12:105610V. - Aresi war ein italienischer Theatinermönch, Bischof von Tortona. Seine zahlreichen Werke wurden bis ins 18. Jahrhundert verlegt. - Titelblatt mit altem Besitzvermerk, Text gebräunt. Versand D: 5,00 EUR
Bookseller: Antiquariat Braun
2017-06-13 15:23:35
Aresi, Paolo:
Coloniae Agrippinae, Busaeus, 1665. 21 x 17 cm. [10] Bl., 508 S., [32] Bl. Pergamentband der Zeit (Einband fleckig, Rücken etwas beschädigt und Bezug oben mit Fehlstelle). *VD17 12:105610V. - Aresi war ein italienischer Theatinermönch, Bischof von Tortona. Seine zahlreichen Werke wurden bis ins 18. Jahrhundert verlegt. - Titelblatt mit altem Besitzvermerk, Text gebräunt. la Gewicht in Gramm: 800
Bookseller: Antiquariat Braun [Gengenbach, Germany]
2017-06-12 06:58:01
MARZI FRANCESCO.
Mancini, 1665. Cm. 19,5, pp. (32) 264 (8). Bella legatura coeva in pergamena molle con nervi passanti e titoli manoscritti al dorso. Una piccola gora al margine alto delle prime carte ed alcune sezioni di quest'ultime a tratti brunite, esemplare peraltro genuino ed in buono stato di conservazione. Come è noto l'opera si completa con una seconda parte (monograficamente autonoma e con proprio frontespizio) riguardante i vescovi ed i governatori della città, a noi mancante. Comunque interessante e non comune. Cfr. Lozzi 5347.
Bookseller: Studio Bibliografico Benacense
2017-06-11 14:12:48
MICALORI BIAGIO (Michalorius).
Sunptibus Samuelis Chouet, 1665. In-folio (cm. 35), pp. 1.000 ca complessive. Tre parti con tre autonomi frontespizi (di cui il primo in rosso e nero) e con grandi marchi tipografici centrali. Legatura coeva in piena pergamena con titoli manoscritti al dorso. Esemplare genuino ed in buono stato di conservazione. Il Micalori, giurista urbinate nato nel 1579 (si ignora la sua data di morte), fratello del filosofo Giacomo, fu giusrista e letterato.
Bookseller: Studio Bibliografico Benacense
2017-06-11 14:12:48
MICALORI BIAGIO (Michalorius).
Sunptibus Samuelis Chouet, 1665. In-folio (cm. 35), pp. 1.000 ca complessive. Tre parti con tre autonomi frontespizi (di cui il primo in rosso e nero) e con grandi marchi tipografici centrali. Legatura coeva in piena pergamena con titoli manoscritti al dorso. Esemplare genuino ed in buono stato di conservazione. Il Micalori, giurista urbinate nato nel 1579 (si ignora la sua data di morte), fratello del filosofo Giacomo, fu giusrista e letterato.
Bookseller: Benacense [IT]
2017-06-10 19:32:52
Johannes BLAEU
Amsterdam 1665 - L'Uraniborg era un osservatorio astronomico gestito dall'astronomo danese Tycho Brahe. Fu costruito all'incirca nel periodo fra il 1576 e il 1580 sull'isola di Hven, nell'Øresund, lo stretto passaggio fra la danese Zelanda e la svedese Scania; al tempo di Brahe, tutta la zona era sotto il controllo del Regno di Danimarca e Norvegia. L'edificio era dedicato ad Urania, la Musa dell'Astronomia, e denominato "Uranienborg", ovvero "Castello di Urania". Dopo aver perso il supporto finanziario dal nuovo re Cristiano IV di Danimarca, Tycho abbandonò Hven nel 1597, e sia l'uranibord che lo Stjerneborg furono distrutti poco dopo la morte dell'astronomo. Incisione in rame, bellissima coloritura coeva, in ottime condizioni. The Uraniborg was an astronomical observatory operated by the Danish astronomer Tycho Brahe. It was built about the time between 1576 and 1580 on the island of Hven, the Sound, the narrow passage between the Danish Zealand and Sweden's Scania, at the time of Brahe, the whole area was under the control of the Kingdom of Denmark and Norway. The building was dedicated to Urania, the Muse of Astronomy, and called "Uranienborg", or "Castle of Urania." After losing the financial support from the new King Christian IV of Denmark, Tycho abandoned Hven in 1597, and both uranibord Stjerneborg that were destroyed shortly after the death of the astronomer. Engraving copper, beautiful coloring coeval, in good condition. Dimensioni 500 420mm
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-06-10 19:32:52
Johannes BLAEU
Amsterdam 1665 - L'Uraniborg era un osservatorio astronomico gestito dall'astronomo danese Tycho Brahe. Fu costruito all'incirca nel periodo fra il 1576 e il 1580 sull'isola di Hven, nell'Øresund, lo stretto passaggio fra la danese Zelanda e la svedese Scania; al tempo di Brahe, tutta la zona era sotto il controllo del Regno di Danimarca e Norvegia. L'edificio era dedicato ad Urania, la Musa dell'Astronomia, e denominato "Uranienborg", ovvero "Castello di Urania". Dopo aver perso il supporto finanziario dal nuovo re Cristiano IV di Danimarca, Tycho abbandonò Hven nel 1597, e sia l'uranibord che lo Stjerneborg furono distrutti poco dopo la morte dell'astronomo. Incisione in rame, bellissima coloritura coeva, leggere macchie di umidità nella parte superiore, per il resto in buone condizioni. Coloured print by Johannes Blaeu of the Stjerneborg (Castle of the stars) observatory on the Isle of Hven between Sweden and Denmark. Built by Tycho Brahe, the Danish astronomer, in 1584, it was used by him to make observations for his new star catalogue. Dimensioni 270 270mm
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-06-09 06:36:14
Aresi, Paolo:
Coloniae Agrippinae, Busaeus, 1665 - 21 x 17 cm. [8] Bl., 508 S., [34] Bl. Schöner geprägter Schweinslederband der Zeit über Holzdeckel mit 2 Schließen (Frontdeckel fleckig). *VD17 12:105610V. - Aresi war ein italienischer Theatinermönch, Bischof von Tortona. Seine zahlreichen Werke wurden bis ins 18. Jahrhundert verlegt. - Titelblatt mit altem Stempel, ansonsten sehr sauber. Der schöne Barockeinband am Frontdeckel etwas fleckig. la Gewicht in Gramm: 800 [Attributes: Hard Cover]
Bookseller: Antiquariat Braun
Check availability:
2017-06-07 06:18:38
Carpzov, Benedict:
Wittenberg, Mevius Erben, 1665. Fol. Mit gestoch. Porträt und gestoch. Titel. 6 Bl., 343 S., 6 Bl., 435 S., 6 Bl., 406 S., 50 Bl. (Register). Pgt. d. Zt. (etwas fleckig). Überarbeitete fünfte und zugleich letzte zu Lebzeiten Carpzovs erschienene Ausgabe seines Hauptwerkes zum Strafrecht. - Das erstmals 1635 erschienene Werk \"stellt eine erste, systematische Gesamtdarstellung des peinlichen Rechts dar und begründete eine eigenständige deutsche Strafrechtswissenschaft\" (Stolleis S. 120). - \"Seine strafrechtlichen Lehren sind auf der Grundlage der sächsischen Praxis und unter starker Heranziehung der Constitutio Criminalis Carolina entstanden. Sie haben bis weit ins 18. Jahrhundert hinein in den Gerichten höchstes Ansehen genossen, und zwar nicht nur innerhalb Sachsens, sondern auch in Nord- und Ostdeutschland, sowie zeitweise sogar in den katholischen Gebieten\" (NDB III, 157). - Vgl. Kleinheyer/Schröder (4), S. 88f.; ausführlich). - Stellenweise etwas braunfleckig, wenige alte Anmerkungen. Wohlerhaltenes Exemplar einer Adelsbibliothek, mit deren Stempel auf dem vorderen Spiegel. Versand D: 6,00 EUR
Bookseller: Antiquariat Sander
2017-06-05 19:15:58
CHANTAL, Jeanne de (1572-1641)
Paris: [s.n.], 1665. 12mo (157 x 90 mm). [4], 624, 108 (recte 116) pp. Shoulder notes, woodcut and typographic headpieces, woodcut initials. Ruled in red throughout. Contemporary blind-tooled black goatskin, sides with fillet and roulette border, spine compartments decorated with arabesque and leafy spray tools, comb-marbled endpapers, edges sprinkled dark brown, pair of brass fore-edge clasps and catches, blind-stamped monogram TMA on covers, possibly later (slight scuffing to joints, slight crack to upper joint). Provenance: Convent of the Visitation Sainte Marie in Paris, 18th-century inscription on front flyleaf: Ce livre est du 2ème M[onas]tère de la Visitation Ste-Marie de Paris autresfois rue St. Jacques maintenant rue de Vaugirard No. 112.*** A fine copy of an unusual document in the literature of women's religious orders, containing a commentary on the rules of the Visitation order by its co-founder, Saint Jeanne de Chantal, privately printed for the exclusive use of the nuns of the order. Her remarks consist of actual answers to questions posed to her by the nuns during the first few years of the order's existence. This is the second edition, enlarged with a long and thorough index and with shoulder notes. The first edition, of 1632, was privately printed for the use of the nuns, as explained in a prefatory note to the "Soeurs de la Visitation," signed by Marie-Jacqueline Favre (1591-1637), who had been one of Chantal's companions and who became superior of convents in Lyon and Chambéry. Favre begs the nuns to "keep all copies within our Convents, so that not a s … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Musinsky Rare Books, Inc.
Check availability:
2017-06-04 10:33:07
Kupferstich bei (\"Andreas Erffurt\"), um 1665, 24 x 29,5 cm. Vgl. Schefold 40316 (Ausgabe für 1666). - Seltenes Flugblatt zur Augsburger Konfession; der Text verso gedruckt. - Einriß im Rand oben alt hinterlegt, Ansicht durchgehend etwas gebräunt. Versand D: 6,00 EUR Flug- & Ereignisblätter, Schwaben
Bookseller: Franziska Bierl Antiquariat
2017-06-04 10:33:07
Kupferstich, um 1665, 24 x 29,5 cm. Schefold 40306. - Seltenes Flugblatt zur Augsburger Konfession; verso mit Text. - Einriß unten alt hinterlegt. Versand D: 6,00 EUR BAYERN, Schwaben
Bookseller: Antiquariat Bierl
2017-06-03 14:20:53
Blaeu W.+J.,Atlases,Maps,Townboo
Blaeu W.+J.,Atlases,Maps,Townboo. Scania vulgo Schoonen, Blaeu J., Atlas Major, 1665, spanish edition, size of the leaf: 50x60 cm., upper and below margins foxed and waterstained, old colours. [Attributes: Hard Cover]
Bookseller: Hammelburger Antiquariat [Hammelburg, Germany]
2017-06-03 12:32:49
MEUNIER, Louis. S. XVII
París 1665 - Materia:Grabado antiguo del siglo XVII. Vista de la Cárcel de Corte. Madrid. Publicación:París, 1665 Descripción visual:Vista del edificio de la Cárcel de Madrid, actual sede del Ministerio de Asuntos Exteriores y de los alrededores con una gran actividad. Datos:Curioso estampa realizada por el pintor y grabador Louis Meunier, que lo tomó al natural. La obra de Meunierir se compone de dos centenares de grabados de ciudades españolas muy poco conocidos y raros de localizar. Entre los que cabe destacar los realizados de Madrid.El título grabado a pie de estampa difiere de los conservados en instituciones como el Museo de Historia, añadiendo más detalles explicativos y con el nombre del autor al pie. Medidas del grabado:250 x 120 mm de huella; 370 x 240 mm papel. Técnica:Grabado calcográfico. Buril. Blanco y negro. Estado:Buen estado. Limpio y con amplios márgenes. Buena impresión. CS1
Bookseller: LIBRERIA MARGARITA DE DIOS
2017-06-02 17:09:58
ADRIA ( Italien - Illyrien ):
um 1665, 41 x 52 Historische Karte der ehemaligen römischen Provinzen Illyrien, Pannonien und Rhätien, zeigt demnach den oberen Lauf der Donau bis Belgrad, im Osten bis zum Genfer See, im Süden bis Apulien, im Zentrum Istrien und die Adria. Links unten die Titelkartusche.
Bookseller: Antiquariat Nikolaus Struck [Berlin, B, Germany]
Check availability:
2017-06-02 17:09:58
RUMÄNIEN - BULGARIEN:
mit altem Grenzkolorit, um 1665, 41 x 52 Zacharakis, Nr. 2103. - Historische Karte. Am rechten Rand mittig die Titelkartusche. Zeigt Rumänien mit Siebenbürgen, Moldavien, Bessarabien und Bulgarien sowie das nördl. Griechenland.
Bookseller: Antiquariat Nikolaus Struck [Berlin, B, Germany]
2017-06-01 07:49:15
TAISNIER, Jean]
Bookseller: Eric Zink Livres anciens [LE VÉSINET, France]
2017-05-31 13:35:53
TÜRKEI ( Turkey ): TROJA ( Umgebung ):
mit altem Grenzkolorit, dat. 1665, 42 x 50 Pastoureau, Sanson V E. Zacharakis ( 2. Aufl.), Nr. 2097. - Historische Karte. Unten rechts die Titelkartusche. Die Karte zeigt das antike Troja. Im Süden noch die Insel Lesbos, im Norden die Dardanellen.
Bookseller: Antiquariat Nikolaus Struck [Berlin, B, Germany]
2017-05-26 15:32:14
Torsellini Horatio
presso Gio. Pietro Brigonci, 1665. 12mo (cm. 13,8), 11 cc.nn., 514 pp; 1 c.nn., 239(11) pp.; 1 c.nn., 67(5) pp. con numerosi ritratti n.t. Assente l’antiporta fig. Ottima legatura posteriore in piena pergamena con titolo oro su tassello in pelle al ds. Restauro all’angolo del frontis. con piccola mancanza al margine laterale. Alcune carte ingiallite e rifilate.
Bookseller: Libreria Antiquaria Ex Libris s.r.l.
2017-05-25 13:55:42
Edward Stillingfleet
London: Printed by Rob. White for Henry Mortlock, 1665. Collectible. Stillingfleet, Edward. A Rational Account of the Grounds of Protestant Religion: Being a Vindication of the Lord Archbishop of Canterbury's Relation of a Conference, &c from the pretended Answer by T.C. wherein the true grounds of Faith are cleared, and the False discovered; the Church of England vindicated from the imputation of Schism; and the most important particular controversies between Us and Those of the Church of Rome thoroughly examined. London: Printed by Rob. White for Henry Mortlock , 1665. First edition. 8 1/2 x 12 3/4 inches. Folio. 2 ffep + imprimatur + title + 3 leaves (epistle dedicatory) + 7 leaves (preface and contents) + 654 numbered pages + 1 rfep. Complete despite occasional erratic pagination. Scattered foxing. Edges speckled rouge with some ink staining (which does not significantly intrude into leaves). Bound in full brown calf. Both boards detached. Spine with five raised bands and red spine label with "Bp Stilling [R]ational [A]ccount", slight loss to head and tail of spine. ESTCR1133. Very Good. Leather_bound. A very good copy of this Anglican defense in response to Thomas Carwell's Labyrinthus Cantuariensis. With an English imprimatur on leaf A1v: E typographiâ prodeat opus istud ... Humfr. London. 2. Novemb. 1664. (#260).
Bookseller: St. Wulfstan's Books [U.S.A.]
2017-05-24 09:23:31
VILLEROY, M. de ; [ Nicoles de NEUFVILLE Seigneur de VILLEROY ]
1 vol. in-12 reliure de l'époque pleine basane marron, dos à 5 nerfs orné (lys), Par la Compagnie des Libraires, Paris, 1665, 6 ff., 465 pp. Titre complet : Mémoires d'Estat. Recueillis de divers manuscrits. Tome Quatriesme. En suite de ceux de M. de Villeroy, vivant Conseiller d'Estat, & Secretaire des Commandements des feuz Rois Charles IX, Henry III, Henri IV & Louis XIII à présent heureusement regnant. [ Tome 4 seul ] Tome 4 seul de l'édition de 1665 "qui est peu commune". Etat très satisfaisant (mq. en coiffe sup., discrète mouill. courant sur le texte en tête, bon état par ailleurs). "Les Mémoires de Villeroy se composent d'une réunion de pièces politiques relatives à la longue administration de ce célèbre secrétaire d'Etat". Brunet, I, 1242 Français
Bookseller: Librairie Du Cardinal
2017-05-24 09:23:31
VILLEROY, M. de ; [ Nicoles de NEUFVILLE Seigneur de VILLEROY ]
1 vol. in-12 reliure de l'époque pleine basane marron, dos à 5 nerfs orné (lys), Par la Compagnie des Libraires, Paris, 1665, 4 ff., 544 pp. Titre complet : Mémoires d'Estat. Recueillis de divers manuscrits. Tome Troisiesme. En suite de ceux de M. de Villeroy, vivant Conseiller d'Estat, & Secretaire des Commandements des feuz Rois Charles IX, Henry III, Henri IV & Louis XIII à présent heureusement regnant. [ Tome 3 seul ] Tome 3 seul de l'édition de 1665 "qui est peu commune". Etat très satisfaisant (mq. en coiffe sup., très lég. ressauts de cahiers, bon état par ailleurs). "Les Mémoires de Villeroy se composent d'une réunion de pièces politiques relatives à la longue administration de ce célèbre secrétaire d'Etat". Brunet, I, 1242 Français
Bookseller: Librairie Du Cardinal
2017-05-24 09:23:31
VILLEROY, M. de ; [ Nicoles de NEUFVILLE Seigneur de VILLEROY ]
Par la Compagnie des Libraires, 1665. 1 vol. in-12 reliure de l'époque pleine basane marron, dos à 5 nerfs orné (lys), Par la Compagnie des Libraires, Paris, 1665, 4 ff., 544 pp. Tome 2 seul de l'édition de 1665 "qui est peu commune". Etat très satisfaisant (mq. en coiffe sup. et mors, bon état par ailleurs). "Les Mémoires de Villeroy se composent d'une réunion de pièces politiques relatives à la longue administration de ce célèbre secrétaire d'Etat". Brunet, I, 1242 Langue: Français [Attributes: Hard Cover]
Bookseller: Librairie du Cardinal [GRADIGNAN, France]
2017-05-24 09:23:31
VILLEROY, M. de ; [ Nicoles de NEUFVILLE Seigneur de VILLEROY ]
Par la Compagnie des Libraires, 1665. 1 vol. in-12 reliure de l'époque pleine basane marron, dos à 5 nerfs orné (lys), Par la Compagnie des Libraires, Paris, 1665, 4 ff., 544 pp. Titre complet : Mémoires d'Estat. Recueillis de divers manuscrits. Tome Troisiesme. En suite de ceux de M. de Villeroy, vivant Conseiller d'Estat, & Secretaire des Commandements des feuz Rois Charles IX, Henry III, Henri IV & Louis XIII à présent heureusement regnant. [ Tome 3 seul ] Tome 3 seul de l'édition de 1665 "qui est peu commune". Etat très satisfaisant (mq. en coiffe sup., très lég. ressauts de cahiers, bon état par ailleurs). "Les Mémoires de Villeroy se composent d'une réunion de pièces politiques relatives à la longue administration de ce célèbre secrétaire d'Etat". Brunet, I, 1242 Langue: Français [Attributes: Hard Cover]
Bookseller: Librairie du Cardinal [GRADIGNAN, France]
2017-05-23 14:59:27
CLAUDE (Jean)]
Charenton, Anthoine Cellier, 1665. In-8, plein veau de l'époque, dos à nerfs (reliure abîmée et très frottée avec manques de cuir), (16) p., 715 p. Edition originale de cette réponse du célèbre ministre protestant Jean Claude, devenu pasteur à Charenton, aux jansénistes et aux traités de Pierre Nicole et d'Arnault parus une année auparavant, sur la question alors brûlante du dogme de l'Eucharistie. Cet ouvrage, le premier écrit d'importance de Jean Claude, eut un très important retentissement. (Haag, 'France protestante', III, 477). Reliure abîmée. Très bon état intérieur. [Attributes: First Edition; Hard Cover]
Bookseller: Librairie HATCHUEL [PARIS, France]
2017-05-23 08:29:33
Giovanni Battista FALDA (Valduggia, Novara, 1643; Rome, 1678)
1665. "Bellissima veduta della chiesa dedicata a S. Gregorio M agno, nell'omonima piazza al Celio, dopo gli interventi effettuati nel 1633 da G.B.Soria, quando il cardinale Scipione Borghese ne fece rifare la facciata e l'atrio. Fondata dallo stesso S. Gregorio nel 575 d.C, che trasformò la propria abitazione in un monastero, nel 1573 fu concessa da papa Gregorio XIII ai monaci Camaldolesi. Incisione su rame in ottimo stato di conservazione. Esemplare di primo stato da "" Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII..."". In tre volumi, editi da G. G. de Rossi tra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova immagine di Roma, con i suoi palazzi, chiese e giardini, secondo un progetto unitario di espansione urbana, in sintonia con i criteri del colto e raffinato Fabio Chigi : il papa, infatti, decise di aprire nuove strade, di abbellire con fontane e monumenti la città, anche a dimostrazione della potenza finanziaria e culturale della sua famiglia. Prima di allora l'incisione di veduta a Roma, che pure aveva prodotto numerose serie dì stampe da E. Dupérac a G. Lauro, si era interessata principalmente alla ripresa della città antica. Bisognerà attendere proprio il completamento dei rinnovamenti urbanistici e delle realizzazioni architettoniche dei papi seicenteschi, per assistere alla diffusione di racco … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-05-23 08:29:33
Giovanni Battista FALDA
"Bella veduta tratta dalla prima edizione de " Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII ". In tre volumi, editi da G. G. de Rossi tra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova immagine di Roma, con i suoi palazzi, chiese e giardini, secondo un progetto unitario di espansione urbana, in sintonia con i criteri del colto e raffinato Fabio Chigi : il papa, infatti, decise di aprire nuove strade, di abbellire con fontane e monumenti la città, anche a dimostrazione della potenza finanziaria e culturale della sua famiglia. Prima di allora l'incisione di veduta a Roma, che pure aveva prodotto numerose serie dì stampe da E. Dupérac a G. Lauro, si era interessata principalmente alla ripresa della città antica. Bisognerà attendere proprio il completamento dei rinnovamenti urbanistici e delle realizzazioni architettoniche dei papi seicenteschi, per assistere alla diffusione di raccolte dedicate alla città moderna. Incisione su rame, in ottimo stato di conservazione" "Beautiful view from the first ediion of " Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII ". Etching, in perfect condition. One of the most important architectural projects of the seventeenth century was the urban renovation of Rome. Under the brilliant leader … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2017-05-23 08:29:33
Giovanni Battista FALDA
"Veduta dell'arsenale nel porto di Civitavecchia. L'arsenale fu costruito dal Bernini nel 1660: 50 metri e 6 arcate riunite a gruppi di due, purtroppo oggi distrutto dai bombardamenti dell’ultimo conflitto mondiale. Esemplare tratto da " Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII ". In tre volumi, editi da G. G. de Rossi tra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova immagine di Roma, con i suoi palazzi, chiese e giardini, secondo un progetto unitario di espansione urbana, in sintonia con i criteri del colto e raffinato Fabio Chigi : il papa, infatti, decise di aprire nuove strade, di abbellire con fontane e monumenti la città, anche a dimostrazione della potenza finanziaria e culturale della sua famiglia. Prima di allora l'incisione di veduta a Roma, che pure aveva prodotto numerose serie dì stampe da E. Dupérac a G. Lauro, si era interessata principalmente alla ripresa della città antica. Bisognerà attendere proprio il completamento dei rinnovamenti urbanistici e delle realizzazioni architettoniche dei papi seicenteschi, per assistere alla diffusione di raccolte dedicate alla città moderna. Dopo la morte del Falda, verrà pubblicato "Il quarto libro del nuovo teatro delli palazzi in prospettiva di Roma mooderna dato in luce sotto il felice pontificato di nostro signore papa Innocenzo XII", opera d … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2017-05-23 08:29:33
Giovanni Battista FALDA
"Bella veduta della chiesa di S. Caterina da Siena, a largo magnanapoli. La costruzione della chiesa avvenne tra il 1628 ed il 1641, per volontà di papa Urbano VIII, su progetto di Giovan Battista Soria. È ben visibile la Torre delle Milizie che il Falda riporta come ""fabricata da Bonifacio VII"", perché all'inizio del XIII sec. fu acquistata da Papa Bonifacio VIII Caetani che ne fece un poderoso baluardo costruendovi accanto un palazzo-fortezza, per difendersi dai suoi acerrimi nemici i Colonna che lo minacciavano dai Santissimi Apostoli. La veduta è anche un prezioso documento della Roma Sparita in quanto include il monastero delle monache domenicane demolito agli inizi del XX sec. Incisione su rame in ottimo stato di conservazione. Esemplare di primo stato da "" Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII..."". In tre volumi, editi da G. G. de Rossi tra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova immagine di Roma, con i suoi palazzi, chiese e giardini, secondo un progetto unitario di espansione urbana, in sintonia con i criteri del colto e raffinato Fabio Chigi : il papa, infatti, decise di aprire nuove strade, di abbellire con fontane e monumenti la città, anche a dimostrazione della potenza finanziaria e culturale della sua famiglia. Prima di allora l'incisione di veduta a Roma, che pure aveva … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2017-05-23 08:29:33
Giovanni Battista FALDA
"Questa incisione del Falda è un prezioso documento della Roma Sparita: la chiesa di S. Maria Liberatrice, infatti, è stata demolita nel 1902 nell'ambito degli scavi archeologici per riportare alla luce i resti della basilica paleocristiana di ""S.Maria Antiqua"" su cui la chiesa era stata costruita nel 1617. Incisione su rame in ottimo stato di conservazione. Esemplare di primo stato da "" Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII..."". In tre volumi, editi da G. G. de Rossi tra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova immagine di Roma, con i suoi palazzi, chiese e giardini, secondo un progetto unitario di espansione urbana, in sintonia con i criteri del colto e raffinato Fabio Chigi : il papa, infatti, decise di aprire nuove strade, di abbellire con fontane e monumenti la città, anche a dimostrazione della potenza finanziaria e culturale della sua famiglia. Prima di allora l'incisione di veduta a Roma, che pure aveva prodotto numerose serie dì stampe da E. Dupérac a G. Lauro, si era interessata principalmente alla ripresa della città antica. Bisognerà attendere proprio il completamento dei rinnovamenti urbanistici e delle realizzazioni architettoniche dei papi seicenteschi, per assistere alla diffusione di raccolte dedicate alla città moderna. Dopo la morte del Falda, verrà pubblicato ""Il qua … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2017-05-23 08:29:33
Giovanni Battista FALDA
"L'incisione è dedicata alla chiesa di S. Nicola da Tolentino, sita nell'omonima strada che collega piazza Barberini a via di S.Susanna. La chiesa fu edificata nel 1599, isolata tra vigne e giardini, per ospitare i novizi dell'Ordine degli Agostiniani Scalzi, creato in quello stesso anno da papa Clemente VIII. I lavori, inizati nel 1620, furono terminati solo 1654, da Giovanni Maria Baratta. Incisione su rame in ottimo stato di conservazione. Esemplare di primo stato da " Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII ". In tre volumi, editi da G. G. de Rossi tra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova immagine di Roma, con i suoi palazzi, chiese e giardini, secondo un progetto unitario di espansione urbana, in sintonia con i criteri del colto e raffinato Fabio Chigi : il papa, infatti, decise di aprire nuove strade, di abbellire con fontane e monumenti la città, anche a dimostrazione della potenza finanziaria e culturale della sua famiglia. Prima di allora l'incisione di veduta a Roma, che pure aveva prodotto numerose serie dì stampe da E. Dupérac a G. Lauro, si era interessata principalmente alla ripresa della città antica. Bisognerà attendere proprio il completamento dei rinnovamenti urbanistici e delle realizzazioni architettoniche dei papi seicenteschi, per assistere alla diffusione di raccolte … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2017-05-23 08:29:33
Giovanni Battista FALDA
"Bella veduta della piazza dell'Orologio, detta di Monte Giordano, dopo i lavori di ampliamento promossi da papa Alessandro VII. Incisione su rame in ottimo stato di conservazione. Esemplare di primo stato da "" Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII..."". In tre volumi, editi da G. G. de Rossi tra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova immagine di Roma, con i suoi palazzi, chiese e giardini, secondo un progetto unitario di espansione urbana, in sintonia con i criteri del colto e raffinato Fabio Chigi : il papa, infatti, decise di aprire nuove strade, di abbellire con fontane e monumenti la città, anche a dimostrazione della potenza finanziaria e culturale della sua famiglia. Prima di allora l'incisione di veduta a Roma, che pure aveva prodotto numerose serie dì stampe da E. Dupérac a G. Lauro, si era interessata principalmente alla ripresa della città antica. Bisognerà attendere proprio il completamento dei rinnovamenti urbanistici e delle realizzazioni architettoniche dei papi seicenteschi, per assistere alla diffusione di raccolte dedicate alla città moderna. Dopo la morte del Falda, verrà pubblicato ""Il quarto libro del nuovo teatro delli palazzi in prospettiva di Roma mooderna dato in luce sotto il felice pontificato di nostro signore papa Innocenzo XII"", opera di Alessandro Specchi, … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2017-05-23 08:29:33
Giovanni Battista FALDA
"L'incisione raffigura l'ospedale di S. Spirito in Sassia dopo la ristrutturazione voluta da papa Alessandro VII e affidata al Bernini, che rinnovò il Braccio vecchio - anche noto come Corsia Sistina - e il portone. Il Braccio Nuovo fu realizzato dal Fuga, sempre col medesimo disegno del Bernini, sotto il Pontificato di Benedetto XIV. Incisione su rame in ottimo stato di conservazione. Esemplare di primo stato da " Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII ". In tre volumi, editi da G. G. de Rossi tra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova immagine di Roma, con i suoi palazzi, chiese e giardini, secondo un progetto unitario di espansione urbana, in sintonia con i criteri del colto e raffinato Fabio Chigi : il papa, infatti, decise di aprire nuove strade, di abbellire con fontane e monumenti la città, anche a dimostrazione della potenza finanziaria e culturale della sua famiglia. Prima di allora l'incisione di veduta a Roma, che pure aveva prodotto numerose serie dì stampe da E. Dupérac a G. Lauro, si era interessata principalmente alla ripresa della città antica. Bisognerà attendere proprio il completamento dei rinnovamenti urbanistici e delle realizzazioni architettoniche dei papi seicenteschi, per assistere alla diffusione di raccolte dedicate alla città moderna. Dopo la morte del Falda, ver … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2017-05-23 08:29:33
Giovanni Battista FALDA
"Splendida veduta della Piramide Cestia - costruita da Caio Cestio come sua grandiosa sepoltura intorno al 20 a.C, qui raffigurata dopo l'intervento di restauro promosso da papa Alessandro VII che stanziò 5 mila scudi per il suo restauro, nel 1659 e completato nel 1663. Incisione su rame in ottimo stato di conservazione. Esemplare di primo stato da " Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII ". In tre volumi, editi da G. G. de Rossi tra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova immagine di Roma, con i suoi palazzi, chiese e giardini, secondo un progetto unitario di espansione urbana, in sintonia con i criteri del colto e raffinato Fabio Chigi : il papa, infatti, decise di aprire nuove strade, di abbellire con fontane e monumenti la città, anche a dimostrazione della potenza finanziaria e culturale della sua famiglia. Prima di allora l'incisione di veduta a Roma, che pure aveva prodotto numerose serie dì stampe da E. Dupérac a G. Lauro, si era interessata principalmente alla ripresa della città antica. Bisognerà attendere proprio il completamento dei rinnovamenti urbanistici e delle realizzazioni architettoniche dei papi seicenteschi, per assistere alla diffusione di raccolte dedicate alla città moderna. Dopo la morte del Falda, verrà pubblicato "Il quarto libro del nuovo teatro delli palazzi in p … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2017-05-23 08:29:33
Giovanni Battista FALDA
"Splendida veduta di piazza Santi Apostoli, che arriva a comprendere, sullo sfondo, Palazzo Valentini, già palazzo Bonelli. Sulla sinistra, spicca palazzo Chigi, acquistato dal cardinale nipote di Alessandro VII, e che nel 1746 sarà acquistato dagli Odescalchi, con la nuova facciata che il Bernini avevarealizzato nel 1664. Il nuovo prospetto berniniano dominava la piazza, prevalendo anche sul complesso dei SS. Apostoli situato di fronte. Sullo sfondo, a completamento del "teatro" della piazza, la cupola della Chiesa della Madonna di Loreto Esemplare dalla prima edizione de" Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII ". In tre volumi, editi da G. G. de Rossi tra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova immagine di Roma, con i suoi palazzi, chiese e giardini, secondo un progetto unitario di espansione urbana, in sintonia con i criteri del colto e raffinato Fabio Chigi : il papa, infatti, decise di aprire nuove strade, di abbellire con fontane e monumenti la città, anche a dimostrazione della potenza finanziaria e culturale della sua famiglia. Prima di allora l'incisione di veduta a Roma, che pure aveva prodotto numerose serie dì stampe da E. Dupérac a G. Lauro, si era interessata principalmente alla ripresa della città antica. Bisognerà attendere proprio il completamento dei rinnovamenti urbanistic … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2017-05-23 08:29:33
Giovanni Battista FALDA
Roma 1665 - "Splendida veduta di piazza del Popolo verso Porta Flaminia, dopo gli interventi voluti da papa Alessandro VII. I lavori sulla piazza iniziarono nel giugno 1655: venne ristrutturata la chiesa della Madonna del Popolo e la porta fu ridisegnata dal Bernini; la sommità fu ornata con un medaglione circolare con la stella sovrastante i monti Chigi e la scritta "Felici Fastoque Ingressu MCLCV", in riferimento all'ingresso trionfale di Cristina di Svezia, nel dicembre del 1655. I lavori furono terminati nell'estate del 1657. Esemplare dalla prima edizione de" Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII ". In tre volumi, editi da G. G. de Rossi tra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova immagine di Roma, con i suoi palazzi, chiese e giardini, secondo un progetto unitario di espansione urbana, in sintonia con i criteri del colto e raffinato Fabio Chigi : il papa, infatti, decise di aprire nuove strade, di abbellire con fontane e monumenti la città, anche a dimostrazione della potenza finanziaria e culturale della sua famiglia. Prima di allora l'incisione di veduta a Roma, che pure aveva prodotto numerose serie dì stampe da E. Dupérac a G. Lauro, si era interessata principalmente alla ripresa della città antica. Bisognerà attendere proprio il completamento dei rinnovamenti urbanistici e delle … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-05-23 08:29:33
Giovanni Battista FALDA
Roma 1665 - "Splendida veduta di piazza Colonna dopo l'ampliamento voluto da papa Alessandro VII che comportò - nel 1659 - la demolizione delle case che sorgevano intorno alla Colonna e davanti a Palazzo Aldobrandini-Chigi. Il palazzo fu svenduto ai Chigi nel settembre del 1659. Esemplare dalla prima edizione de" Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII ". In tre volumi, editi da G. G. de Rossi tra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova immagine di Roma, con i suoi palazzi, chiese e giardini, secondo un progetto unitario di espansione urbana, in sintonia con i criteri del colto e raffinato Fabio Chigi : il papa, infatti, decise di aprire nuove strade, di abbellire con fontane e monumenti la città, anche a dimostrazione della potenza finanziaria e culturale della sua famiglia. Prima di allora l'incisione di veduta a Roma, che pure aveva prodotto numerose serie dì stampe da E. Dupérac a G. Lauro, si era interessata principalmente alla ripresa della città antica. Bisognerà attendere proprio il completamento dei rinnovamenti urbanistici e delle realizzazioni architettoniche dei papi seicenteschi, per assistere alla diffusione di raccolte dedicate alla città moderna. Dopo la morte del Falda, verrà pubblicato "Il quarto libro del nuovo teatro delli palazzi in prospettiva di Roma mooderna dato in lu … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-05-23 08:29:33
Giovanni Battista FALDA
"Esemplare dalla prima edizione de" Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII ". In tre volumi, editi da G. G. de Rossitra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova immagine di Roma, con i suoi palazzi, chiese e giardini, secondo un progetto unitario di espansione urbana, in sintonia con i criteri del colto e raffinato Fabio Chigi : il papa, infatti, decise di aprire nuove strade, di abbellire con fontane e monumenti la città, anche a dimostrazione della potenza finanziaria e culturale della sua famiglia. Prima di allora l'incisione di veduta a Roma, che pure aveva prodotto numerose serie dì stampe da E. Dupérac a G. Lauro, si era interessata principalmente alla ripresa della città antica. Bisognerà attendere proprio il completamento dei rinnovamenti urbanistici e delle realizzazioni architettoniche dei papi seicenteschi, per assistere alla diffusione di raccolte dedicate alla città moderna. Dopo la morte del Falda, verrà pubblicato "Il quarto libro del nuovo teatro delli palazzi in prospettiva di Roma mooderna dato in luce sotto il felice pontificato di nostro signore papa Innocenzo XII", opera di Alessandro Specchi, edito nel 1699. Incisione su rame, in ottimo stato di conservazione. Magnifico esemplare, nel primo stato avanti il numero." "From the first edition of " Il nuovo teatro delle fabri … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2017-05-23 08:29:33
Giovanni Battista FALDA
"Nel 1500 papa Alessandro VI Borgia donò alla Confraternita dei Fornari una piccola cappella, di fronte alla colonna Traiana, che venne poi abbuattuta per erigere una nuova chiesa dedicata alla Madonna di Loreto. Esemplare dalla prima edizione de" Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII ". In tre volumi editi tra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova immagine di Roma, con i suoi palazzi, chiese e giardini, secondo un progetto unitario di espansione urbana, in sintonia con i criteri del colto e raffinato Fabio Chigi : il papa, infatti, decise di aprire nuove strade, di abbellire con fontane e monumenti la città, anche a dimostrazione della potenza finanziaria e culturale della sua famiglia. Prima di allora l'incisione di veduta a Roma, che pure aveva prodotto numerose serie dì stampe da E. Dupérac a G. Lauro, si era interessata principalmente alla ripresa della città antica. Bisognerà attendere proprio il completamento dei rinnovamenti urbanistici e delle realizzazioni architettoniche dei papi seicenteschi, per assistere alla diffusione di raccolte dedicate alla città moderna. Dopo la morte del Falda, verrà pubblicato "Il quarto libro del nuovo teatro delli palazzi in prospettiva di Roma mooderna dato in luce sotto il felice pontificato di nostro signore papa Innocenzo XII", opera di Alessan … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2017-05-23 08:29:33
Giovanni Battista FALDA
"Splendida veduta di piazza Santi Apostoli, che arriva a comprendere, sullo sfondo, Palazzo Valentini, già palazzo Bonelli. Esemplare dalla prima edizione de" Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII ". In tre volumi, editi da G. G. de Rossi tra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova immagine di Roma, con i suoi palazzi, chiese e giardini, secondo un progetto unitario di espansione urbana, in sintonia con i criteri del colto e raffinato Fabio Chigi : il papa, infatti, decise di aprire nuove strade, di abbellire con fontane e monumenti la città, anche a dimostrazione della potenza finanziaria e culturale della sua famiglia. Prima di allora l'incisione di veduta a Roma, che pure aveva prodotto numerose serie dì stampe da E. Dupérac a G. Lauro, si era interessata principalmente alla ripresa della città antica. Bisognerà attendere proprio il completamento dei rinnovamenti urbanistici e delle realizzazioni architettoniche dei papi seicenteschi, per assistere alla diffusione di raccolte dedicate alla città moderna. Dopo la morte del Falda, verrà pubblicato "Il quarto libro del nuovo teatro delli palazzi in prospettiva di Roma mooderna dato in luce sotto il felice pontificato di nostro signore papa Innocenzo XII", opera di Alessandro Specchi, edito nel 1699. Incisione su rame, in ottimo stato di con … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
______________________________________________________________________________


      Home     Wants Manager     Library Search     564 Years   Links     Contact      Search Help      Terms of Service      Privacy     


Copyright © 2020 viaLibri™ Limited. All rights reserved.