The viaLibri website requires cookies to work properly. You can find more information in our Terms of Service and Privacy Policy.

Displayed below are some selected recent viaLibri matches for books published in 1633
2016-10-23 16:16:35
Curtius Rufus (Quintus) :
Lugdunum Batavorum (Leyde), Elzevier, 1633 ; in-12 ; plein vélin ivoire à recouvrement rigide de l'époque, titre manuscrit au dos ; (12) dont titre illustré gravé et portrait d'Alexandre le Grand, carte dépliante, 338, (21) pp., (1 bl.), 1 gravure sur bois hors-texte (p.75). "Jolie édition publiée par les soins de Daniel Hensius, et qui joint à la beauté typographique le mérite d'une grande correction". Willems, 381, qui ne signale pas la planche hors-texte. "Les beaux exemplaires de l'édition originale doivent avoir de 126 à 128 mill.", celui-ci en mesure 128. Willems signale trois réimpressions la même année, dont celle-ci serait la première. Minuscule trou au second plat, très bel exemplaire. Port et assurance inclus pour tout envoi en France Métropolitaine (sauf mention contraire).
Bookseller: Librairie Ancienne Clagahé [France, Lyon]
2016-10-22 12:25:57
Christoffel JEGHER (Anversa 1596 - 1652/53)
1633. Xilografia, 1633, firmata in lastra in basso a destra. Esemplare di secondo stato, edito da Rubens, dal quale la composizione deriva, esattamente da un dipinto già nella chiesa dei Gesuiti di Anversa. Buona prova, impressa su carta vergata coeva, con margini oltre la linea marginale, tracce di piega di carta verticale al verso, per il resto in buono stato di conservazione. Come fa notare il Bodart la tavola fu incisa e stampata nel 1633 dalla tipografia Plantjn. Woodcut, 1633, signed at lower right. The Coronation of the Virgin; the Virgin is crowned by God the Father holding an orb and a sceptre, Christ at right, the Holy Spirit hovering above; on clouds view da sotto in su; after Peter Paul Rubens. A good impression of the second state, published by Rubens himself, with margins, showing trace of central fold, generally in good conditions. After the painting by Rubens (described under Rooses 364); formerly in the Jesuits' Church in Antwerp. A modello by Rubens is in the Musée du Louvre, Paris, inv.no.2123. Le Blanc 8, Hollstein 10; Bodart, Rubens e l'incisione 153. 440 330
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-10-11 14:59:43
MÜNCHEN:
Kupferstich aus Merians Theatrum Europaeum, 1633, 22,5 x 32
Bookseller: Antiquariat Norbert Haas [Bedburg-Hau, Germany]
2016-10-05 03:13:51
CHRISTIAN IV's BIBEL 1633 -
paa Danske igien offuerseet oc Prentet effter vor allernaadigste Herris oc Kongis K. Christian IV. Befaling. Mett Register/ alle D. Lutheri Fortaler hans Udlegning i Brædden oc Viti Theodoris Summarier. Kbhvn.: Melchior Martzan og Salomon Sartor 1633. Med 3 kobberstukne titelblade, portræt af kongen stukket af Simon de Pas, samt med 64 træsnit med røskenrammer i teksten. Folio. [23] + 354 + 226 + 158 + [1] blade. Indbundet i samtidigt spejlbind af skind dekoreret med rullestempler med rester af forgyldning. Bindet, der er nænsomt smukt restaureret med indlægning af nyt skind, hvor det er påkrævet, er prydet med smukt helt ciseleret guldsnit samt 2 metalspænder. Nogle blade svagt fugtkjoldet, enkelte blade med rift, 5 blade fejlpagineret; nogle blade helt rene, nogle let bruneret. De to kobberstukne titelblade til 'Propheterne' og 'Det ny Testamente' er uden margin og formentlig derfor ved den oprindelige indbinding opklæbet på papir i samme størrelse som resten af bladene. Et godt eksemplar med et fantastisk velbevaret ciceleret guldsnit, som formentlig har ligget uberørt hen på en herregård i mange år. Copenhagen: Melchior Martzan & Salomon Sartor 1633. With 3 engr. titlepages and a portrait of the King engr. by Simon de Pas plus 64 woodcuts in the text. Folio. (23) + 354 + 226 + 158 + (1) leaves. Bound with 2 clasps in contemporary panelled leather of full leather, all edges gilt and tooled, boards blind-tooled with remains of gold. Christian IV's bibel er den sidste af de store dansk-norske foliobibler; den er et revideret optryk af Frederik II's bibel fra 1589, trykt af … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Peter Grosells Antikvariat
2016-10-02 12:35:55
AN
1633. Manoscritto di cm. 27x19,50; pp. (26), (14) bianche. Cartonato rustico coevo. Titolo manoscritto al piatto. Bella relazione di autore anonimo sopra le acque mantovane corredato da 3 disegni 682 / P
Bookseller: Galleria La Stampa Antica
2016-10-02 12:35:55
Mainardi Pietro
1633. In 4°, pp. (8), 115, (5), al frontespizio stemma xilografico di Vincenzo Sampieri, abate di S. Lucia di Roffeno, e canonico di Bologna. Appunti di mano antica e curioso foglio manoscritto ripiegato e inserito tra le pag. 66 e 67. Legatura in cartoncino leggero (non coeva).
Bookseller: Libreria Trippini Sergio
2016-10-02 12:35:55
Historische Ortsansicht. Kupferstich, 1633. 27,8 x 37 cm (Darstellung ) / 31 x 40,6 cm (Blatt). Innerhalb der Darstellung oben mit "Eigentlicher Abrisz der Vöstung Lichtenau sampt dem marck und Gelegenheid welche den 1. Augusti in Namen ihr [Chur]Fürstl. Gna. Hörtzog Bernhart von Weinmar etc. durch den Iungen Grafen von Thurn ist belegert worden und den 24. Dis mit Acort wider Eingenomen. 1633" betitelt. Mit einigen Beschriftungen im Bild. - Die Darstellung zeigt in der Vogelschau die Festung Lichtenau, eine ehemalige Wehranlage der Nürnberger Burgherren. - Blatt minimal fleckig, leicht gebräunt. Mit originaler Bugfalte. Insgesamt in einem gutem Erhaltungszustand. Sprache: Deutsch
Bookseller: Graphikantiquariat Koenitz [Leipzig, Germany]
Check availability:
2016-10-02 12:35:55
CATEL (Guillaume de).
Tolose, Pierre Bosc, 1633, in-folio de (22)-1038 pp.-1 f. blanc-(79) pp. ; pleine basane de l'époque, dos à nerfs orné. -Manque de papier sur le dernier f., restauré au verso, avec perte de plusieurs lettres sur 3 lignes ; très lég. manque de papier p. 232 (défaut dans le papier) avec perte de 3 lettres ; très lég. travail de vers (petits trous) dans les marges de l'ensemble des ff., plus important dans la marge inf. des pp. 113 à 141, sans atteinte du texte ; étiquette d'une bibliothèque privée collée au verso du f. de titre. Le faux-titre manque.Edition originale.Saffroy 26372; Limouzin-Lamothe, 128.uvre de synthèse très importante et précieux recueil de documents."Le premier essai de synthèse de lhistoire du Languedoc a été fait, au début du XVIIe siècle, par le conseiller au Parlement de Toulouse Guillaume de Catel. Cet auteur a utilisé pour les origines les écrivains anciens, pour le Moyen Âge les chroniqueurs et un certain nombre de documents darchives. Il a eu le très grand mérite de rejeter, le premier, toutes les légendes qui avaient cours de son temps et dintroduire la critique dans lhistoire du Languedoc." (Limouzin-Lamothe).
Bookseller: Librairie Philippe Sérignan [France, Avignon]
2016-10-02 12:35:55
CHRISTIAN IV's BIBEL 1633 -
1633 1633 - paa Danske igien offuerseet oc Prentet effter vor allernaadigste Herris oc Kongis K. Christian IV. Befaling. Mett Register/ alle D. Lutheri Fortaler hans Udlegning i Brædden oc Viti Theodoris Summarier. Kbhvn.: Melchior Martzan og Salomon Sartor 1633. Med 3 kobberstukne titelblade, portræt af kongen stukket af Simon de Pas, samt med 64 træsnit med røskenrammer i teksten. Folio. [23] + 354 + 226 + 158 + [1] blade. Indbundet i samtidigt spejlbind af skind dekoreret med rullestempler med rester af forgyldning. Bindet, der er nænsomt smukt restaureret med indlægning af nyt skind, hvor det er påkrævet, er prydet med smukt helt ciseleret guldsnit samt 2 metalspænder. Nogle blade svagt fugtkjoldet, enkelte blade med rift, 5 blade fejlpagineret; nogle blade helt rene, nogle let bruneret. De to kobberstukne titelblade til 'Propheterne' og 'Det ny Testamente' er uden margin og formentlig derfor ved den oprindelige indbinding opklæbet på papir i samme størrelse som resten af bladene. Et godt eksemplar med et fantastisk velbevaret ciceleret guldsnit, som formentlig har ligget uberørt hen på en herregård i mange år. Copenhagen: Melchior Martzan & Salomon Sartor 1633. With 3 engr. titlepages and a portrait of the King engr. by Simon de Pas plus 64 woodcuts in the text. Folio. (23) + 354 + 226 + 158 + (1) leaves. Bound with 2 clasps in contemporary panelled leather of full leather, all edges gilt and tooled, boards blind-tooled with remains of gold. * Christian IV's bibel er den sidste af de store dansk-norske foliobibler; den er et revideret optryk af Frederik II's bibel fra … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Peter Grosell, Antiquarian Bookseller
Check availability:
2016-10-01 17:12:59
[Laet, de] :
Leyde, Elzevir, 1633 ; in-24, veau havane marbré, mosaïqué d'une pièce rectangulaire formant listel d'encadrement des plats en veau noisette, décorée à froid, fer d'angles à froid, roulette intérieure à froid et fleuron central doré, fer au gland doré au dos, répété, pièce de titre noisette, tranches rouges (reliure ancienne) ; 374 pp. y compris le titre gravé par C. Cl. Dusend, [4] ff. d'index, 8 bois gravés à pleine page, de costumes.Edition originale rare, Épître dédicatoire à Guillaume Boswell, signé par Jean de Laet, né à Anvers (1581-1649), élève du grand humaniste Joseph Scaliger ; il fait du négoce et de la reconstruction, avant de participer à la fondation de la Compagnie Hollandaise des Indes occidentales dont il sera un des directeurs jusqu'à sa mort. Très érudit, possédant une vaste bibliothèque et en relation avec de nombreux britanniques, il va publier plusieurs ouvrages de géographie, en particulier "Novus Orbis seu Descriptionis Indiae Occiendentalis" chez les Elzevier en 1633. Très bon exemplaire, dans une reliure originale. (Ghani p. 96, Willems-386, Cat R.M. Burell -N°456). Port et assurance inclus pour tout envoi en France Métropolitaine (sauf mention contraire).
Bookseller: Librairie Ancienne Clagahé [France, Lyon]
2016-09-29 11:49:05
Nella Stampa Camerale, 1633. Pp. (12) 114. Bel frontespizio figurato. Unito a: Privilegia facultates, et indulgentiae, ven. Archiconfraternitatis Confalonis. Romae, ex Typographia R. Cam. Apostolicae, 1633. Pp. 70 (2). Grande figura incisa al frontespizio. Due opere in un volume di cm. 22. Solida legatura coeva in pergamena floscia. Capolettera, testate e qualche curiosa figura nel testo. Una macchia chiara all'angolo alto delle ultine carte delle seconda opera, peraltro esemplare genuino e ben conservato. Interessante edizione degli statuti della confraternita romana del Confalone stilati su consiglio del Cardinal Francesco Barberino che avvertiva l'esigenza di una riforma delle regole precedenti.
Bookseller: Studio Bibliografico Benacense
2016-09-28 07:47:28
Galen, Claudius und Adrian Toll:
Lugduni Batavorum , ex officina Ioannis Maire / Leiden, Marie, 1633 - Titel, 2 nn.S., 800 S., 22 nn.S., angebunden 21 S. (in Wirklichkeit 19 S.) (Skiagraphia septendecim librorum galeni , Leiden Gaasbekios 1666) Buchrücken nur fragmentarisch erhalten. Privater Besitzstempel auf Vorsatz. Insgesamt befriedigender Zustand. Sprache: Deutsch Gewicht in Gramm: 252
Bookseller: Antiquariat im OPUS, Silvia Morch-Israel [Germany]
Check availability:
2016-09-26 13:02:20
BENJAMIN DE TUDÈLE (Rabbin)
Leyde, Elsevier, 1633. in-32 (90 x 45 mm), 36ff.n.ch.-233pp. -3ff.n.ch. Vélin ou parchemin peint en blanc, encadrement double filet doré, treillis au filets dorés sur les plats, dos lisse orné de jeux de filets dorés. (Reliure début XIX°s., peut-être italienne). Version latine seule, qui s'inscrit dans la collection des "Républiques". Le texte hébreu a paru simultanément, la même année au même format. (Willems, 379 - Brunet I, col. 774). Benjamin a composé le récit de ses voyages au Proche-Orient et en Asie en hébreu, vers 1160. La première édition a été donnée également en hébreu, à Constantinople en 1543. - Benjamin de Tudèle est resté célèbre pour ce fameux récit de voyage qu'il fit dans la deuxième moitié du XIIe siècle. Il traversa l'Europe et l'Asie jusqu'en Égypte, à la recherche des communautés juives et sans doute de terres plus accueillantes. Ce récit donne de nombreux détails sur les communautés juives, sur les coutumes locales, sur les villes, les monuments, les relations commerciales, les événements dont il est le témoin ou qu'on lui rapporte. J. Verne parle de Tudèle dans son Histoire des grands voyages. - Ex-libris armorié. Deux coins frottés, titre légèrement sali, macule et grattage sur le verso du dernier feuillet.
Bookseller: Librairie Devaux
2016-09-23 12:29:48
WESEL:
Bookseller: Antiquariat Norbert Haas [Bedburg-Hau, Germany]
Check availability:
2016-09-21 20:28:48
[ANONYME].
1633Anvers, Hierosme Verdussen, Imprimeur des Monnoyes de Sa Maiesté, demeurant en la ruë dicte Cammerstrate, à l'Enseigne du Lion rouge, 1633. Grand in-quarto étroit de largeur (105 X 307) vélin souple à lacets ; (1) f. blanc, (126) ff. (A-Z4, Aa-Gg4, Hh2), (1) f. blanc. Annotations manuscrites anciennes à l'encre brune sur le premier contreplat, sur le recto du premier feuillet blanc et sur les recto-verso du dernier feuillet blanc ; lacets manquants. ÉDITION ORIGINALE FRANÇAISE de ce manuel de poche à l'usage des changeurs de monnaies. Son format très étroit, à la manière de certains livres de comptes, devait permettre aux utilisateurs de le conserver en permanence avec eux pour consultation. L'ordonnance proprement dite, composée de 14 articles, occupe les six premières pages ; suit la description de PLUSIEURS CENTAINES DE MONNAIES, avec leur valeur et la reproduction gravée sur bois de l'avers et du revers de chacune d'entre-elles. SÉDUISANT EXEMPLAIRE dans sa reliure en vélin de l'époque, d'un format RARE et ATYPIQUE, très bien conservé compte-tenu de l'usage intensif et quotidien qui devait en être fait à l'époque. NICE COPY. PICTURES AND MORE DETAILS ON REQUEST.
Bookseller: Librairie ancienne & Moderne Eric Castéran [France, Toulouse]
2016-09-20 03:58:13
MERCATOR HONDIUS
Carte géographique du début 17 ème ( édition présumée de 1633 ) en coloris d'époque. Dimensions à la cuvette : 495 x 342 mm , dimensions toutes marges 543 x 342 mm , texte en allemand au dos . Très bon état, très belle fraicheur des coloris . Légers plis au milieu ( photo ) Frais de port gratuits en colissimo prioritaire pour la France métropolitaine, la CEE et la Suisse, diminués d'autant pour l'étranger et l'Outre-Mer. Expédition dans un emballage soigné
Bookseller: Librairie ancienne du Château [France, Nantes]
2016-09-16 17:44:56
PERE JOSEPH (LE CLERC DU TREMBLAY) (RICHELIEU)
- Anonyme, - 1633, A S. GERVAIS, Par Samüel VVaudreman - In-quarto, plein veau, dos à cinq nerfs ornés de fleurons aux vers dorés, toutes tranches rouges, roulettes aux coupes. - Garde, 1 f. p. de titre avec ex-libris manuscrit d'époque encre brune " De Reffuge Précy"* 4 p. dont Avertissement, 484 pages bien complet. - *EX-LIBRIS FAMILLE DE REFFUGE PRECY Seigneur de Précy sur Marne et de Courcelle, probablement descendant de François Conseiller du Roy et son Avocat Général en la Cour des Aydes. Cf. Nobiliaire Universel de France 1873 t.IV p. 213. - SUITE DE 12 MEMOIRES ECRITS ENTRE 1617 et 1629 PAR PLUSIEURS AUTEURS. Le détail des mémoires est le suivant : « PREMIER DISCOURS, Auquel est examiné s'il seroit expedient au Roy d'entendre à l'Empire pour luy: Ou seulement de tenir la main pour le faire tomber à un autre Prince qui ne fut point de la Maison d'AUTRICHE. Du mois de Septembre 1617 ». pp. 1 à 47. « SECOND DISCOURS, auquel est monstré, qu'il est à propos de laisser l'Empire en la Maison d'AUTRICHE. Du mois de Septembre 1618 ». pp. 48 à 80. « TROISIESME DISCOURS, de l'Empire, et des Princes & Estats d'ALLEMAGNE. Du mois de Novembre 1618 ». pp. 81 à 105. « QUATRIESME DISCOURS, sur le suiet des troubles de BOHEME. Du mois de Ianvier 1619 » pp. 106 à 125. « CINQUIESME DISCOURS sur l'ELECTION D'UN EMPEREUR après la mort de l'Empereur Matthias. Du mois de Iuillet 1619 ». pp. 126 à 156. « SIXIESME DISCOURS sur les affaires & Guerres d'Allemagne, apres l'eslection de l'Empereur Ferdinand, & celle de Fr"deric Comte Palatin à la Couronne de BOHEME. Du mois de Fevri … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Librairie Ancienne Bernard Marie Rolin [France, Blet]
2016-09-10 12:05:22
OSORIO, Agustín (1554-1646).
1633. Barcelona, por Lorenço Déu, 1633. 4to.; 7 hs., 236 ff., 28 hs. y una lámina con el escudo ducal de Segorbe y Cardona. Encuadernación de época, en pergamino.
Bookseller: Hesperia Libros
2016-09-08 20:24:06
Jacques CALLOT (Nancy 1592 - 1635)
1633. "Acquaforte, 1633, della serie Le Grandi Miserie della Guerra. Esemplare del secondo stato di tre, avanti la firma di Callot e con la lastra numerata. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana "corno da caccia" (Lieure 47), con margini, in perfetto stato di conservazione. Callot incise due serie di stampe che illustrano le miserie della guerra. La prima, in un formato più piccolo e quindi chiamata Le Piccole miserie della guerra, è costituita da sei stampe, che Callot incise intorno al 1632. Le piccole miserie di solito sono considerati come schizzi preliminari per le più famose Grandi Miserie. Les Grandes Misères et Malheurs de la Guerre, furono pubblicate nel 1633, nel corso del conflitto paneuropeo conosciuto come la Guerra dei Trent'anni, con il privilegio reale di Luigi XIII. La serie è composta da 18 incisioni, incluso il frontespizio. La dimensione delle immagini incise è piuttosto piccola, 113 - 115 x 51 - 57 mm; questo obbligherebbe chi le osserva a esaminarle molto da vicino, in modo da poter vedere chiaramente i dettagli di ogni stampa. La loro forma rettangolare, crea un allungamento del campo pittorico che promuove una sorta di scansione progressiva nella visualizzazione. Inoltre, il testo sotto l'immagine, che ha un orientamento orizzontale, fornisce la direzione di lettura da sinistra a destra. In ogni di crea un contrasto tra la raffigurazione più indistinta di gruppi di persone e il dettaglio di altri gruppi più esigui nel numero di figure. I diversi scenari e le persone che vi figurano non hanno dei riferimenti evidenti di una sp … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-08 20:24:06
Jacques CALLOT (Nancy 1592 - 1635)
1633. "Acquaforte, 1633, della serie Le Grandi Miserie della Guerra. Esemplare del secondo stato di tre, avanti la firma di Callot e con la lastra numerata. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana "corno da caccia" (Lieure 47), con margini, in perfetto stato di conservazione. Callot incise due serie di stampe che illustrano le miserie della guerra. La prima, in un formato più piccolo e quindi chiamata Le Piccole miserie della guerra, è costituita da sei stampe, che Callot incise intorno al 1632. Le piccole miserie di solito sono considerati come schizzi preliminari per le più famose Grandi Miserie. Les Grandes Misères et Malheurs de la Guerre, furono pubblicate nel 1633, nel corso del conflitto paneuropeo conosciuto come la Guerra dei Trent'anni, con il privilegio reale di Luigi XIII. La serie è composta da 18 incisioni, incluso il frontespizio. La dimensione delle immagini incise è piuttosto piccola, 113 - 115 x 51 - 57 mm; questo obbligherebbe chi le osserva a esaminarle molto da vicino, in modo da poter vedere chiaramente i dettagli di ogni stampa. La loro forma rettangolare, crea un allungamento del campo pittorico che promuove una sorta di scansione progressiva nella visualizzazione. Inoltre, il testo sotto l'immagine, che ha un orientamento orizzontale, fornisce la direzione di lettura da sinistra a destra. In ogni di crea un contrasto tra la raffigurazione più indistinta di gruppi di persone e il dettaglio di altri gruppi più esigui nel numero di figure. I diversi scenari e le persone che vi figurano non hanno dei riferimenti evidenti di una sp … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-08 20:24:06
Jacques CALLOT (Nancy 1592 - 1635)
1633. "Acquaforte, 1633, della serie Le Grandi Miserie della Guerra. Esemplare del secondo stato di tre, avanti la firma di Callot e con la lastra numerata. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana "corno da caccia" (Lieure 47), con margini, in perfetto stato di conservazione. Callot incise due serie di stampe che illustrano le miserie della guerra. La prima, in un formato più piccolo e quindi chiamata Le Piccole miserie della guerra, è costituita da sei stampe, che Callot incise intorno al 1632. Le piccole miserie di solito sono considerati come schizzi preliminari per le più famose Grandi Miserie. Les Grandes Misères et Malheurs de la Guerre, furono pubblicate nel 1633, nel corso del conflitto paneuropeo conosciuto come la Guerra dei Trent'anni, con il privilegio reale di Luigi XIII. La serie è composta da 18 incisioni, incluso il frontespizio. La dimensione delle immagini incise è piuttosto piccola, 113 - 115 x 51 - 57 mm; questo obbligherebbe chi le osserva a esaminarle molto da vicino, in modo da poter vedere chiaramente i dettagli di ogni stampa. La loro forma rettangolare, crea un allungamento del campo pittorico che promuove una sorta di scansione progressiva nella visualizzazione. Inoltre, il testo sotto l'immagine, che ha un orientamento orizzontale, fornisce la direzione di lettura da sinistra a destra. In ogni di crea un contrasto tra la raffigurazione più indistinta di gruppi di persone e il dettaglio di altri gruppi più esigui nel numero di figure. I diversi scenari e le persone che vi figurano non hanno dei riferimenti evidenti di una sp … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-08 20:24:06
Jacques CALLOT (Nancy 1592 - 1635)
1633. "Acquaforte, 1633, della serie Le Grandi Miserie della Guerra. Esemplare del secondo stato di tre, avanti la firma di Callot e con la lastra numerata. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana "corno da caccia" (Lieure 47), con margini, in perfetto stato di conservazione. Callot incise due serie di stampe che illustrano le miserie della guerra. La prima, in un formato più piccolo e quindi chiamata Le Piccole miserie della guerra, è costituita da sei stampe, che Callot incise intorno al 1632. Le piccole miserie di solito sono considerati come schizzi preliminari per le più famose Grandi Miserie. Les Grandes Misères et Malheurs de la Guerre, furono pubblicate nel 1633, nel corso del conflitto paneuropeo conosciuto come la Guerra dei Trent'anni, con il privilegio reale di Luigi XIII. La serie è composta da 18 incisioni, incluso il frontespizio. La dimensione delle immagini incise è piuttosto piccola, 113 - 115 x 51 - 57 mm; questo obbligherebbe chi le osserva a esaminarle molto da vicino, in modo da poter vedere chiaramente i dettagli di ogni stampa. La loro forma rettangolare, crea un allungamento del campo pittorico che promuove una sorta di scansione progressiva nella visualizzazione. Inoltre, il testo sotto l'immagine, che ha un orientamento orizzontale, fornisce la direzione di lettura da sinistra a destra. In ogni di crea un contrasto tra la raffigurazione più indistinta di gruppi di persone e il dettaglio di altri gruppi più esigui nel numero di figure. I diversi scenari e le persone che vi figurano non hanno dei riferimenti evidenti di una sp … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-08 20:24:06
Jacques CALLOT (Nancy 1592 - 1635)
1633. "Acquaforte, 1633, della serie Le Grandi Miserie della Guerra. Esemplare del secondo stato di tre, avanti la firma di Callot e con la lastra numerata. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana "corno da caccia" (Lieure 47), con margini, in perfetto stato di conservazione. Callot incise due serie di stampe che illustrano le miserie della guerra. La prima, in un formato più piccolo e quindi chiamata Le Piccole miserie della guerra, è costituita da sei stampe, che Callot incise intorno al 1632. Le piccole miserie di solito sono considerati come schizzi preliminari per le più famose Grandi Miserie. Les Grandes Misères et Malheurs de la Guerre, furono pubblicate nel 1633, nel corso del conflitto paneuropeo conosciuto come la Guerra dei Trent'anni, con il privilegio reale di Luigi XIII. La serie è composta da 18 incisioni, incluso il frontespizio. La dimensione delle immagini incise è piuttosto piccola, 113 - 115 x 51 - 57 mm; questo obbligherebbe chi le osserva a esaminarle molto da vicino, in modo da poter vedere chiaramente i dettagli di ogni stampa. La loro forma rettangolare, crea un allungamento del campo pittorico che promuove una sorta di scansione progressiva nella visualizzazione. Inoltre, il testo sotto l'immagine, che ha un orientamento orizzontale, fornisce la direzione di lettura da sinistra a destra. In ogni di crea un contrasto tra la raffigurazione più indistinta di gruppi di persone e il dettaglio di altri gruppi più esigui nel numero di figure. I diversi scenari e le persone che vi figurano non hanno dei riferimenti evidenti di una sp … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-08 20:24:06
Jacques CALLOT (Nancy 1592 - 1635)
1633. "Acquaforte, 1633, della serie Le Grandi Miserie della Guerra. Esemplare del secondo stato di tre, avanti la firma di Callot e con la lastra numerata. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana "corno da caccia" (Lieure 47)), con margini, in perfetto stato di conservazione. Callot incise due serie di stampe che illustrano le miserie della guerra. La prima, in un formato più piccolo e quindi chiamata Le Piccole miserie della guerra, è costituita da sei stampe, che Callot incise intorno al 1632. Le piccole miserie di solito sono considerati come schizzi preliminari per le più famose Grandi Miserie. Les Grandes Misères et Malheurs de la Guerre, furono pubblicate nel 1633, nel corso del conflitto paneuropeo conosciuto come la Guerra dei Trent'anni, con il privilegio reale di Luigi XIII. La serie è composta da 18 incisioni, incluso il frontespizio. La dimensione delle immagini incise è piuttosto piccola, 113 - 115 x 51 - 57 mm; questo obbligherebbe chi le osserva a esaminarle molto da vicino, in modo da poter vedere chiaramente i dettagli di ogni stampa. La loro forma rettangolare, crea un allungamento del campo pittorico che promuove una sorta di scansione progressiva nella visualizzazione. Inoltre, il testo sotto l'immagine, che ha un orientamento orizzontale, fornisce la direzione di lettura da sinistra a destra. In ogni di crea un contrasto tra la raffigurazione più indistinta di gruppi di persone e il dettaglio di altri gruppi più esigui nel numero di figure. I diversi scenari e le persone che vi figurano non hanno dei riferimenti evidenti di una s … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-08 20:24:06
Jacques CALLOT (Nancy 1592 - 1635)
1633. "Acquaforte, 1633, della serie Le Grandi Miserie della Guerra. Esemplare del secondo stato di tre, avanti la firma di Callot e con la lastra numerata. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana "corno da caccia" (Lieure 47), con margini, in perfetto stato di conservazione. Callot incise due serie di stampe che illustrano le miserie della guerra. La prima, in un formato più piccolo e quindi chiamata Le Piccole miserie della guerra, è costituita da sei stampe, che Callot incise intorno al 1632. Le piccole miserie di solito sono considerati come schizzi preliminari per le più famose Grandi Miserie. Les Grandes Misères et Malheurs de la Guerre, furono pubblicate nel 1633, nel corso del conflitto paneuropeo conosciuto come la Guerra dei Trent'anni, con il privilegio reale di Luigi XIII. La serie è composta da 18 incisioni, incluso il frontespizio. La dimensione delle immagini incise è piuttosto piccola, 113 - 115 x 51 - 57 mm; questo obbligherebbe chi le osserva a esaminarle molto da vicino, in modo da poter vedere chiaramente i dettagli di ogni stampa. La loro forma rettangolare, crea un allungamento del campo pittorico che promuove una sorta di scansione progressiva nella visualizzazione. Inoltre, il testo sotto l'immagine, che ha un orientamento orizzontale, fornisce la direzione di lettura da sinistra a destra. In ogni di crea un contrasto tra la raffigurazione più indistinta di gruppi di persone e il dettaglio di altri gruppi più esigui nel numero di figure. I diversi scenari e le persone che vi figurano non hanno dei riferimenti evidenti di una sp … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-08 20:24:06
Jacques CALLOT (Nancy 1592 - 1635)
1633. "Acquaforte, 1633, della serie Le Grandi Miserie della Guerra. Esemplare del secondo stato di tre, avanti la firma di Callot e con la lastra numerata. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana "corno da caccia" (Lieure 47), con margini, in perfetto stato di conservazione. Callot incise due serie di stampe che illustrano le miserie della guerra. La prima, in un formato più piccolo e quindi chiamata Le Piccole miserie della guerra, è costituita da sei stampe, che Callot incise intorno al 1632. Le piccole miserie di solito sono considerati come schizzi preliminari per le più famose Grandi Miserie. Les Grandes Misères et Malheurs de la Guerre, furono pubblicate nel 1633, nel corso del conflitto paneuropeo conosciuto come la Guerra dei Trent'anni, con il privilegio reale di Luigi XIII. La serie è composta da 18 incisioni, incluso il frontespizio. La dimensione delle immagini incise è piuttosto piccola, 113 - 115 x 51 - 57 mm; questo obbligherebbe chi le osserva a esaminarle molto da vicino, in modo da poter vedere chiaramente i dettagli di ogni stampa. La loro forma rettangolare, crea un allungamento del campo pittorico che promuove una sorta di scansione progressiva nella visualizzazione. Inoltre, il testo sotto l'immagine, che ha un orientamento orizzontale, fornisce la direzione di lettura da sinistra a destra. In ogni di crea un contrasto tra la raffigurazione più indistinta di gruppi di persone e il dettaglio di altri gruppi più esigui nel numero di figure. I diversi scenari e le persone che vi figurano non hanno dei riferimenti evidenti di una sp … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-08 20:24:06
Jacques CALLOT (Nancy 1592 - 1635)
1633. "Acquaforte, 1633, della serie Le Grandi Miserie della Guerra. Esemplare del secondo stato di tre, avanti la firma di Callot e con la lastra numerata. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana "corno da caccia" (Lieure 47), con margini, in perfetto stato di conservazione. Callot incise due serie di stampe che illustrano le miserie della guerra. La prima, in un formato più piccolo e quindi chiamata Le Piccole miserie della guerra, è costituita da sei stampe, che Callot incise intorno al 1632. Le piccole miserie di solito sono considerati come schizzi preliminari per le più famose Grandi Miserie. Les Grandes Misères et Malheurs de la Guerre, furono pubblicate nel 1633, nel corso del conflitto paneuropeo conosciuto come la Guerra dei Trent'anni, con il privilegio reale di Luigi XIII. La serie è composta da 18 incisioni, incluso il frontespizio. La dimensione delle immagini incise è piuttosto piccola, 113 - 115 x 51 - 57 mm; questo obbligherebbe chi le osserva a esaminarle molto da vicino, in modo da poter vedere chiaramente i dettagli di ogni stampa. La loro forma rettangolare, crea un allungamento del campo pittorico che promuove una sorta di scansione progressiva nella visualizzazione. Inoltre, il testo sotto l'immagine, che ha un orientamento orizzontale, fornisce la direzione di lettura da sinistra a destra. In ogni di crea un contrasto tra la raffigurazione più indistinta di gruppi di persone e il dettaglio di altri gruppi più esigui nel numero di figure. I diversi scenari e le persone che vi figurano non hanno dei riferimenti evidenti di una sp … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-08 20:24:06
Jacques CALLOT (Nancy 1592 - 1635)
1633. "Acquaforte, 1633, della serie Le Grandi Miserie della Guerra. Esemplare del secondo stato di tre, avanti la firma di Callot e con la lastra numerata. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana "corno da caccia" (Lieure 47), con margini, in perfetto stato di conservazione. Callot incise due serie di stampe che illustrano le miserie della guerra. La prima, in un formato più piccolo e quindi chiamata Le Piccole miserie della guerra, è costituita da sei stampe, che Callot incise intorno al 1632. Le piccole miserie di solito sono considerati come schizzi preliminari per le più famose Grandi Miserie. Les Grandes Misères et Malheurs de la Guerre, furono pubblicate nel 1633, nel corso del conflitto paneuropeo conosciuto come la Guerra dei Trent'anni, con il privilegio reale di Luigi XIII. La serie è composta da 18 incisioni, incluso il frontespizio. La dimensione delle immagini incise è piuttosto piccola, 113 - 115 x 51 - 57 mm; questo obbligherebbe chi le osserva a esaminarle molto da vicino, in modo da poter vedere chiaramente i dettagli di ogni stampa. La loro forma rettangolare, crea un allungamento del campo pittorico che promuove una sorta di scansione progressiva nella visualizzazione. Inoltre, il testo sotto l'immagine, che ha un orientamento orizzontale, fornisce la direzione di lettura da sinistra a destra. In ogni di crea un contrasto tra la raffigurazione più indistinta di gruppi di persone e il dettaglio di altri gruppi più esigui nel numero di figure. I diversi scenari e le persone che vi figurano non hanno dei riferimenti evidenti di una sp … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-08 20:24:06
Jacques CALLOT (Nancy 1592 - 1635)
1633. "Acquaforte, 1633, della serie Le Grandi Miserie della Guerra. Esemplare del secondo stato di tre, avanti la firma di Callot e con la lastra numerata. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana "corno da caccia" (Lieure 47), rifilata al rame, in perfetto stato di conservazione. Callot incise due serie di stampe che illustrano le miserie della guerra. La prima, in un formato più piccolo e quindi chiamata Le Piccole miserie della guerra, è costituita da sei stampe, che Callot incise intorno al 1632. Le piccole miserie di solito sono considerati come schizzi preliminari per le più famose Grandi Miserie. Les Grandes Misères et Malheurs de la Guerre, furono pubblicate nel 1633, nel corso del conflitto paneuropeo conosciuto come la Guerra dei Trent'anni, con il privilegio reale di Luigi XIII. La serie è composta da 18 incisioni, incluso il frontespizio. La dimensione delle immagini incise è piuttosto piccola, 113 - 115 x 51 - 57 mm; questo obbligherebbe chi le osserva a esaminarle molto da vicino, in modo da poter vedere chiaramente i dettagli di ogni stampa. La loro forma rettangolare, crea un allungamento del campo pittorico che promuove una sorta di scansione progressiva nella visualizzazione. Inoltre, il testo sotto l'immagine, che ha un orientamento orizzontale, fornisce la direzione di lettura da sinistra a destra. In ogni di crea un contrasto tra la raffigurazione più indistinta di gruppi di persone e il dettaglio di altri gruppi più esigui nel numero di figure. I diversi scenari e le persone che vi figurano non hanno dei riferimenti evidenti di u … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-08 20:24:06
Jacques CALLOT (Nancy 1592 - 1635)
1633. "Acquaforte, 1633, della serie Le Grandi Miserie della Guerra. Esemplare del secondo stato di tre, avanti la firma di Callot e con la lastra numerata. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana "corno da caccia" (Lieure 47), rifilata al rame, in perfetto stato di conservazione. Callot incise due serie di stampe che illustrano le miserie della guerra. La prima, in un formato più piccolo e quindi chiamata Le Piccole miserie della guerra, è costituita da sei stampe, che Callot incise intorno al 1632. Le piccole miserie di solito sono considerati come schizzi preliminari per le più famose Grandi Miserie. Les Grandes Misères et Malheurs de la Guerre, furono pubblicate nel 1633, nel corso del conflitto paneuropeo conosciuto come la Guerra dei Trent'anni, con il privilegio reale di Luigi XIII. La serie è composta da 18 incisioni, incluso il frontespizio. La dimensione delle immagini incise è piuttosto piccola, 113 - 115 x 51 - 57 mm; questo obbligherebbe chi le osserva a esaminarle molto da vicino, in modo da poter vedere chiaramente i dettagli di ogni stampa. La loro forma rettangolare, crea un allungamento del campo pittorico che promuove una sorta di scansione progressiva nella visualizzazione. Inoltre, il testo sotto l'immagine, che ha un orientamento orizzontale, fornisce la direzione di lettura da sinistra a destra. In ogni di crea un contrasto tra la raffigurazione più indistinta di gruppi di persone e il dettaglio di altri gruppi più esigui nel numero di figure. I diversi scenari e le persone che vi figurano non hanno dei riferimenti evidenti di u … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-08 20:24:06
Jacques CALLOT (Nancy 1592 - 1635)
1633. "Acquaforte, 1633, della serie Le Grandi Miserie della Guerra. Esemplare del secondo stato di tre, avanti la firma di Callot e con la lastra numerata. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana "corno da caccia" (Lieure 47), rifilata al rame, in perfetto stato di conservazione. Callot incise due serie di stampe che illustrano le miserie della guerra. La prima, in un formato più piccolo e quindi chiamata Le Piccole miserie della guerra, è costituita da sei stampe, che Callot incise intorno al 1632. Le piccole miserie di solito sono considerati come schizzi preliminari per le più famose Grandi Miserie. Les Grandes Misères et Malheurs de la Guerre, furono pubblicate nel 1633, nel corso del conflitto paneuropeo conosciuto come la Guerra dei Trent'anni, con il privilegio reale di Luigi XIII. La serie è composta da 18 incisioni, incluso il frontespizio. La dimensione delle immagini incise è piuttosto piccola, 113 - 115 x 51 - 57 mm; questo obbligherebbe chi le osserva a esaminarle molto da vicino, in modo da poter vedere chiaramente i dettagli di ogni stampa. La loro forma rettangolare, crea un allungamento del campo pittorico che promuove una sorta di scansione progressiva nella visualizzazione. Inoltre, il testo sotto l'immagine, che ha un orientamento orizzontale, fornisce la direzione di lettura da sinistra a destra. In ogni di crea un contrasto tra la raffigurazione più indistinta di gruppi di persone e il dettaglio di altri gruppi più esigui nel numero di figure. I diversi scenari e le persone che vi figurano non hanno dei riferimenti evidenti di u … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-08 20:24:06
Jacques CALLOT (Nancy 1592 - 1635)
1633. "Acquaforte, 1633, della serie Le Grandi Miserie della Guerra. Esemplare del secondo stato di tre, avanti la firma di Callot e con la lastra numerata. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana "corno da caccia" (Lieure 47), con margini, in perfetto stato di conservazione. Callot incise due serie di stampe che illustrano le miserie della guerra. La prima, in un formato più piccolo e quindi chiamata Le Piccole miserie della guerra, è costituita da sei stampe, che Callot incise intorno al 1632. Le piccole miserie di solito sono considerati come schizzi preliminari per le più famose Grandi Miserie. Les Grandes Misères et Malheurs de la Guerre, furono pubblicate nel 1633, nel corso del conflitto paneuropeo conosciuto come la Guerra dei Trent'anni, con il privilegio reale di Luigi XIII. La serie è composta da 18 incisioni, incluso il frontespizio. La dimensione delle immagini incise è piuttosto piccola, 113 - 115 x 51 - 57 mm; questo obbligherebbe chi le osserva a esaminarle molto da vicino, in modo da poter vedere chiaramente i dettagli di ogni stampa. La loro forma rettangolare, crea un allungamento del campo pittorico che promuove una sorta di scansione progressiva nella visualizzazione. Inoltre, il testo sotto l'immagine, che ha un orientamento orizzontale, fornisce la direzione di lettura da sinistra a destra. In ogni di crea un contrasto tra la raffigurazione più indistinta di gruppi di persone e il dettaglio di altri gruppi più esigui nel numero di figure. I diversi scenari e le persone che vi figurano non hanno dei riferimenti evidenti di una sp … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-08 20:24:06
Jacques CALLOT (Nancy 1592 - 1635)
1633. "Acquaforte, 1633, della serie Le Grandi Miserie della Guerra. Esemplare del secondo stato di tre, avanti la firma di Callot e con la lastra numerata. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana "corno da caccia" (Lieure 47), con margini, in perfetto stato di conservazione. Callot incise due serie di stampe che illustrano le miserie della guerra. La prima, in un formato più piccolo e quindi chiamata Le Piccole miserie della guerra, è costituita da sei stampe, che Callot incise intorno al 1632. Le piccole miserie di solito sono considerati come schizzi preliminari per le più famose Grandi Miserie. Les Grandes Misères et Malheurs de la Guerre, furono pubblicate nel 1633, nel corso del conflitto paneuropeo conosciuto come la Guerra dei Trent'anni, con il privilegio reale di Luigi XIII. La serie è composta da 18 incisioni, incluso il frontespizio. La dimensione delle immagini incise è piuttosto piccola, 113 - 115 x 51 - 57 mm; questo obbligherebbe chi le osserva a esaminarle molto da vicino, in modo da poter vedere chiaramente i dettagli di ogni stampa. La loro forma rettangolare, crea un allungamento del campo pittorico che promuove una sorta di scansione progressiva nella visualizzazione. Inoltre, il testo sotto l'immagine, che ha un orientamento orizzontale, fornisce la direzione di lettura da sinistra a destra. In ogni di crea un contrasto tra la raffigurazione più indistinta di gruppi di persone e il dettaglio di altri gruppi più esigui nel numero di figure. I diversi scenari e le persone che vi figurano non hanno dei riferimenti evidenti di una sp … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-08 20:24:06
Jacques CALLOT (Nancy 1592 - 1635)
1633. "Acquaforte, 1633, della serie Le Grandi Miserie della Guerra. Esemplare del secondo stato di tre, avanti la firma di Callot e con la lastra numerata. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana "corno da caccia" (Lieure 47), con margini, in perfetto stato di conservazione. Callot incise due serie di stampe che illustrano le miserie della guerra. La prima, in un formato più piccolo e quindi chiamata Le Piccole miserie della guerra, è costituita da sei stampe, che Callot incise intorno al 1632. Le piccole miserie di solito sono considerati come schizzi preliminari per le più famose Grandi Miserie. Les Grandes Misères et Malheurs de la Guerre, furono pubblicate nel 1633, nel corso del conflitto paneuropeo conosciuto come la Guerra dei Trent'anni, con il privilegio reale di Luigi XIII. La serie è composta da 18 incisioni, incluso il frontespizio. La dimensione delle immagini incise è piuttosto piccola, 113 - 115 x 51 - 57 mm; questo obbligherebbe chi le osserva a esaminarle molto da vicino, in modo da poter vedere chiaramente i dettagli di ogni stampa. La loro forma rettangolare, crea un allungamento del campo pittorico che promuove una sorta di scansione progressiva nella visualizzazione. Inoltre, il testo sotto l'immagine, che ha un orientamento orizzontale, fornisce la direzione di lettura da sinistra a destra. In ogni di crea un contrasto tra la raffigurazione più indistinta di gruppi di persone e il dettaglio di altri gruppi più esigui nel numero di figure. I diversi scenari e le persone che vi figurano non hanno dei riferimenti evidenti di una sp … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-08 20:24:06
Jacques CALLOT (Nancy 1592 - 1635)
1633. "Acquaforte, 1633, della serie Le Grandi Miserie della Guerra. Esemplare del secondo stato di tre, avanti la firma di Callot e con la lastra numerata. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana "corno da caccia" (Lieure 47), con margini, in perfetto stato di conservazione. Callot incise due serie di stampe che illustrano le miserie della guerra. La prima, in un formato più piccolo e quindi chiamata Le Piccole miserie della guerra, è costituita da sei stampe, che Callot incise intorno al 1632. Le piccole miserie di solito sono considerati come schizzi preliminari per le più famose Grandi Miserie. Les Grandes Misères et Malheurs de la Guerre, furono pubblicate nel 1633, nel corso del conflitto paneuropeo conosciuto come la Guerra dei Trent'anni, con il privilegio reale di Luigi XIII. La serie è composta da 18 incisioni, incluso il frontespizio. La dimensione delle immagini incise è piuttosto piccola, 113 - 115 x 51 - 57 mm; questo obbligherebbe chi le osserva a esaminarle molto da vicino, in modo da poter vedere chiaramente i dettagli di ogni stampa. La loro forma rettangolare, crea un allungamento del campo pittorico che promuove una sorta di scansione progressiva nella visualizzazione. Inoltre, il testo sotto l'immagine, che ha un orientamento orizzontale, fornisce la direzione di lettura da sinistra a destra. In ogni di crea un contrasto tra la raffigurazione più indistinta di gruppi di persone e il dettaglio di altri gruppi più esigui nel numero di figure. I diversi scenari e le persone che vi figurano non hanno dei riferimenti evidenti di una sp … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-05 20:56:28
PASQUIER ETIENNE
1633. Chez Martin Colet, Paris. 1633. In-Folio.Carré. Relié demi-cuir. Etat d'usage. 1er plat abîmé. Dos frotté. Intérieur acceptable. 1019 pages + Table. Gravures en noir et blanc (portrait) en frontispice et en page de titre. Bandeaux et lettrines illustrés en noir. Reliure du XIXe siècle en demi-veau vert. Auteur, titre, bandeaux et filets dorés sur le dos à faux-nerfs (ainsi que motifs en dorure à froid). Petit manque en surface du 1er plat. Bords des plats frottés. Plats légèrement tachés. Texte bien lisible sur pages en bon état. Par Estienne Pasquier, Conseiller et Advocat Général du Roy en la Chambre des Comptes de Paris. Augmenté en cest dernière édition de trois Livres entiers, outre plusieurs Chapitres entrelassez en chacun des autres Livres, tirez de la Bibliothèque de l'Auteur. Frontispice: Nulla Hic Paschasio Manus Est, Lex Cincia Quippe Caussidicos Nullas Sanxit Habere Manus.
Bookseller: Le-Livre.Com
2016-09-03 01:52:55
Ryves, Sir Thomas
London: For Robert Barker and Heirs of John Bill, 1633. Second edition. Folding plate. [viii], 491, [errata] pp. 8vo. Contemporary gilt-tooled vellum in a panel design with stamped central medallion and leafy stamp at four corner, spine gilt, fold-over flaps; minor soiling. Second edition. Folding plate. [viii], 491, [errata] pp. 8vo. This second edition incorporates the material from the 1629 edition and extends it to the creation of the Roman Empire. "In 1683 Samuel Pepys praised Ryves's Historia navalis in fulsome terms, 'there being not anything I know of extant in history, so much to the honour of our country as this piece of Sir Thomas Reeves, I am sure, nor so edifying to me upon the subject which above all others I am covetous of information in' (Downshire MSS, 1.18)" (ODNB). ESTC S116320. Provenance: John Rolle, Baron Rolle, Bicton House (according to a pencil note on front flyleaf, but not in 1850 catalogue); Bent Juel-Jensen (bookplate); Robert S. Pirie (bookplate)
Bookseller: James Cummins Bookseller [United States]
2016-08-25 23:22:33
Matthaus MERIAN "il vecchio" (1593 - 1650)
1633. Carta geografica raffigurante parte del Pernambuco, con le città di Olinda e Recife. La carta è tratta dall'ultima edizione de "Grandi Viaggi" di Johannes Theodor de Bry, curata da Mattheus Merian ed edita a Francoforte nel 1633 - 34. Incisione in rame, in ottimo stato di conservazione. The map, displayed on a roll above, shows the coastal contours, with place - names along the Brazilian coast near Recife and Olinda, and below is a bird's - eye view of the siege with ships and the movements of the troops. With the hope of taking control of the sugar trade in Brazil, the fleet of the Dutch West India Company attacked Recife. While the troops landed further north, the fleet, under the command of Admiral Lonq, tried to force an entrance to the harbour but his ships were repulsed by the Portuguese, under the command of Albuquerque. The siege lasted two weeks and in the end the Dutch finally broke through. The Portuguese, however, not wishing their rivals to benefit from their labours, burnt all their sugar warehouses and shipping, the loss of which was estimated at two million ducats. Francoforte Frankfurt 450 370
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-21 19:59:51
MARCHINO, Filiberto
Ex Typographia Sermartelliana, 1633. Due parti in un volume in folio, pp. (52), 310, (2 b.), 63, (36). Frontespizio calcografico con titolo in decoro architettonico e ritratto del principe Ferdinando II De Medici, a cui è dedicata l'opera, entrambi opera di Domenico Falcini. Piena pergamena dell'epoca. Dorso con quattro nervi e titolo manoscritto. Difetto alla cuffia superiore. L'opera vide la luce subito dopo la fine dell'epidemia di peste degli anni 1629, 1630, 1631. La seconda parte costituisce un vero e proprio trattato sulla peste e sui suoi effetti. Padre Filberto Marchino, novarese nativo di Casal Beltrame, descrive accuratamente gli effetti della pestilenza di quegli anni.
Bookseller: Libreria antiquaria Atlantis
2016-08-21 13:35:39
Coote, Edmund
London: printed for the Company of Stationers, 1633. A famous school-book, and legendarily rare. This edition unrecorded. "I profess to teach thee, that art utterly ignorant, to read perfectly, to write truely, and with judgement to understand the reason of our English-tongue with great expedition, ease and pleasure. " Small 4to, pp. [8], 88; 18th century vellum-backed marbled boards, manuscript title on spine; mild dampstain in the top third of the first several leaves, otherwise an excellent copy. Edmunde Coote was born in Essex, and became master of King Edward's VI Free School, Bury St. Edmunds, in 1596. This was the same year he published The English Schoole-Maister which was reprinted no less than 65 times, up until 1737. "Its determinedly logical and straightforward approach to the teaching of the English language [endeared] the work to generations of pedagogues and their pupils. Coote's claim on the title page that "he which hath this booke onely, needeth to buy no other to make him fit, from his letters unto the Grammar-schoole, for an apprentise, or any other his private use, so farre as concerneth English" and his subsequent insistance that the work was aimed "not onely for children" displays a broader educational vision to inculcate a keener awareness of their native tongue in Britons of all ages and most educational backgrounds" (Macclesfield, 3929). Nor were Coote's lexicographical skills inconsiderable. At the back of the book is a 20-page double column glossary of English words, most, but not all, with brief defi … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Rulon-Miller Books [U.S.A.]
Check availability:
2016-08-20 10:44:09
PASQUIER Etienne
Chez Martin Collet, 1633. - Chez Martin Collet, Paris 1633, In Folio (22x34,4cm), (20) 1019pp. (1) (75), relié. - Nuova edizione, ristampa della prima edizione in dieci libri pubblicati nel 1621; illustrato con un ritratto di Leonardo Gautier e un grande adesivo con le armi reali. Frontespizio in rosso e nero. Stampa su carta sottile. Metà livello temporale. Torna lavorato in rilievo. Parte del titolo in marocchino rosso. Tappo testa logoro. Mascella superiore diviso in mente. Attrito sulle stoviglie. Angoli urtato. Lavoro enciclopedico e molto famoso, la ricerca della Francia differiscono tra tutte le opere di questo tipo da parte sua novità radicale. Pasquier può essere considerato il padre della storia moderna, la storia nascente come disciplina e quindi lontano dalla leggenda e la letteratura. Capitolo VII, molto diverso dagli altri perché quelli sono attaccati alla ricerca sulla antica Francia, s 'interessato alla formazione della lingua francese; parte è dedicata alle Pleiadi, che Pasquier era un membro. Capitolo VI era già coinvolta nella genesi della poesia francese. "Alta antiquariato singolo monumento, le ricerche hanno dalla loro varietà e audacia, tutto ciò che potrebbe rivendicare uno studioso del XVI secolo." Robert Barroux (Parigi archivista e storico). - [FRENCH VERSION FOLLOWS] Nouvelle édition, réimpression de la première édition en dix livres parue en 1621 ; illustrée d'un portrait par Léonard Gautier et d'une grande vignette aux armes royales. Page de titre en rouge et noir. Impression sur papier fin. Reliure en demi veau d'époque. Dos à nerfs orné. Pièc … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Librairie Le Feu Follet
2016-08-15 10:35:05
Saint Cyprian
Parisiis: Apud Viduam Michaelem David. Paris, 1633. Three parts in one volume, folio, pp. [cxii], 226, [vi], 227-412, [iv], 413-602, title printed in red and black with engraved vignette. A new edition of the letters and theological works of the first Christian martyr of the African continent, Cyprian, Bishop of Carthage, who was imprisoned and executed by the sword in 258 A.D. for refusing to sacrifice to pagan deities. Eighteenth-century boards, slightly rubbed with a new spine. Some leaves rather browned, a few marginal tears. External original boards with a new spine - original boards in fairly 'rustic' condition gilt titles to the spine five raised bands page edges brown, top page edges darkened; bottom page edges marked boards fair and edges & corners rubbed & bumped spine clear and bright corners ok Internal internally good for age front and rear page have been re-inforced which leaves a 'shiny' finish to the edge and reverse of the title p17 misnumbered notes to p149 underlining in old ink to many pages p169 misnumbered 269 p187 is torn (closed tear) notes to p189 p275 misnumbered 273 p276 misnumbered 376 p595/596 torn (closed tear) hinges strong and text block binding sound clean pages with some darkening with age [Attributes: Hard Cover]
Bookseller: Louis88Books [Andover, United Kingdom]
2016-08-03 11:58:18
Curzio Rufo (Quintus Curtius Rufus)
ex Officina Elzeviriana 1633 12mo (cm. 11,9), 6 cc.nn. (compreso frontis. interamente inciso e un ritratto di Alessandro Magno), 364 pp., 12 cc.nn. Una carta geografica f.t. più volte rip. Splendida legatura coeva in marocchino rosso con cornici oro ai piatti. Nervi, ricchi fregi e titolo oro su tassello nero al ds. Dentelle e tagli oro. Carte di guardia marmorizzate con disegni a pettine. Ottimo esemplare. Prima edizione elzeviriana, seconda tiratura. Willems, 381. Provenienza: collezione Wardington (Ex libris cartaceo al contropiatto posteriore).
Bookseller: Libreria Antiquaria Ex Libris s.r.l.
2016-08-02 08:03:14
Elbe.-
1633. Schöne, nach Süden orientierte Karte der Unterelbe. Mit kleiner Panoramaansicht von Hamburg, Wappen, Windrose, zahlreichen kleinen Segelschiffen und figürlicher Kartusche.- Leicht stockfleckig. Gewicht in Gramm: 500
Bookseller: Antiquariat Daniel Schramm e.K. [Kiel, Germany]
2016-07-08 16:37:26
CHARLES I,
Bookseller: John Drury Rare Books [United Kingdom]
2016-07-01 09:17:51
GALEN
Lugduni Batavorum [i.e. Leiden]: Ex Officina Joannis Maire, 1633. [4], 800pp, [22]. Contemporary vellum with contrasting black morocco lettering-pieces. Rubbed and somewhat soiled, joints cracked at head and foot of spine, chipping and slight loss to lettering-pieces. Remnant of armorial bookplate to FEP with motto "Time Unum", ink spot to bottom margin of title, worming to bottom margin at gutter to all leaves of latter third, light damp-staining to index leaves. Greek Physician Galen's (129-c.200) commentary on the Aphorisms of "father of medicine" Hippocrates (c.460-c.370 BCE). The Aphorisms comprise an extensive series of propositions concerning the symptoms and diagnosis of disease and the art of healing and medicine. It is upon these terse sayings that the Hippocratic Oath, the seminal document on the ethics of medical practice, was framed. The first aphorism, arguably the most well-known, may be translated thusly; 'Life is short, and Art long; the crisis fleeting; experience perilous, and decision difficult. The physician must not only be prepared to do what is right himself, but also to make the patient, the attendants, and externals cooperate.' . Editio novissima. 12mo.
Bookseller: Antiquates
Check availability:
______________________________________________________________________________


      Home     Wants Manager     Library Search     564 Years   Links     Contact      Search Help      Terms of Service      Privacy     


Copyright © 2020 viaLibri™ Limited. All rights reserved.