The viaLibri website requires cookies to work properly. You can find more information in our Terms of Service and Privacy Policy.

Displayed below are some selected recent viaLibri matches for books published in 1595
2020-02-25 21:48:27
COOK, James
1595. Paris. unbound. Bernard Direxit. Map. Engraving with modern hand coloring. Image measures 22 3/4" x 23". This incredibly detailed polar projection map of the Southern Hemisphere is a French edition of Captain James Cook's famous second voyage to the region. It depicts the coastlines of Australia, New Zealand, and other Southeast Asian and South Pacific islands, in addition to Madagascar and parts of Africa and South America. Most notably, the map includes detailed depictions of voyages to the region between 1595 and 1775. Surrounding the projection are latitude and longitudes of islands, many discovered in Cook's voyages. Map was beautifully engraved in 1778 by Bernard Direxit and published in the Abrege de l'Histoire Generale des Voyages. The map is in good condition. Shows wear along original fold lines. Minor foxing to top margin, does not affect image. Captain Cook (1728 -1779) was among the most famous and important explorer, navigator, cartographer and captain of his time, whose scientific and geographical knowledge influenced his successors well into the 20th century. He started sailing as a teenager and went on to join the Royal Navy in 1755. In 1766, he was commissioned to explore the Pacific and went on the sail thousands of miles across largely uncharted regions of the world. These three historic voyages led him to some of the first sightings of Antarctica, his discovery of many Polynesian islands, including the Hawaiian Islands, first European contact with east Australia, the circumnavigation of New Zealand and the first correct mapping of the Pacific … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Argosy Book Store [United States]
Check availability:
2020-02-13 22:54:14
UNUS DE LEGIBUS
Geneve: N/A, 1595. See description - a fabulous collectors item, full vellum, tight binding, all pages in tact minimal worm hole not affecting text. 1595 ANTIQVITATVM ROMANA by UNUS DE LEGIBUS PLEASE VIEW PHOTOS - THEY ARE PART OF THE DESCRIPTION The law of Ancient Rome in 1 volume taken from an earlier work by PAVLII MAVTI (MANUTI); including the legendary creation of Rome by Romulus and Remus. The myth of Romulus and Remus myth originated in the 4th century B.C., and the exact date of Rome's founding was set by the Roman scholar Marcus Terentius Varro in the first century B.C. According to the legend, Romulus and Remus were the sons of Rhea Silvia, the daughter of King Numitor of Alba Longa. This volume surrounds the development of Ancient Roman law. PRINTED IN GENEVA, SWITZERLAND 1595 - APUD JOANNEM LE PREUX BINDING: Full vellum bound, the vellum is chipped away slightly at the outside yapp edges; extensions of the vellum for protection of page edges. There is a worm hole through the bottom margin of pages starting at approximately pg. 355, through the last pages. Worm hole at the very bottom of pages not affecting text. The binding is amazingly tight, and all pages are in tact and still tightly affixed to binding. There is no evidence of shelf wear to either the bottom of the spine or the bottoms of the covers. The inside paper lining the interior of the front cover is separated from the binding edge and slightly torn. A simple but fine woodcut engraving on frontis page clearly indicating place & year printed. (See photos) Content is 434 pages plus an Index. Size 12 mo … [Click Below for Full Description]
Bookseller: mlesq99 [Las Vegas, Nevada, US]
2020-02-12 19:24:04
FOESIO, Anutio, HIPPOCRATE
Andrea Wecheli, Francofurdi, 1595. Plein veau marbré du dix-huitième siècle, dos à six nerfs orné et doré, tranches rouges. Un fort volume in Folio (355x225 mm), 770 feuillets Reliure abîmée avec manques sur les plats. Rares rousseurs. Édition originale de la traduction du grec au latin des oeuvres d'Hippocrate par Anuce Foes. Cette traduction est resté la référence pendant 250 ans, jusqu'à son remplacement par l'édition française de Littré [1839 à 1861]. Les oeuvres d'Hippocrate sont en réalité un ensemble d'une soixantaine d'écrits, qui furent composés entre 450 et 350 avant J.-C; Ils constituent notre principale source d'information sur la médecine grècque avant l'époque d'Alexandrie. C'est au cours du seizième siècle que les érudits ont progressivement donné naissance à un corpus hippocratique en latin qui a eu cours jusqu'à son remplacement par l'édition française de Littré [1839 à 1861]. Les éditions marquantes ayant permis cet aboutissement sont les éditions princeps en latin (1525 à Rome) puis en grec (1526, Alde), qui permirent la découverte de manuscrits jusque là pratiquement inconnus. Vinrent ensuite les éditions baloises de 1538 et 1546 (Froben) qui menèrent à bien la correction systématique des éditions princeps. Enfin, en 1595, le médecin de Metz Anuce Foes (1528-1595) fait imprimer notre édition bilingue grec/ latin "exacte et complète des oeuvres d'Hippocrate, oeuvres aussi avidement désirées, que vainement attendues depuis longtemps. La presse gémit enfin, dit Percy." (Dezeimeris [II, p.333]). Exemplaire très frais de cette rare édition des Oeuvres d'Hippo … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Eric Zink Livres anciens [LE VÉSINET, France]
2020-02-05 08:01:23
COOK, James
Paris. unbound. Bernard Direxit. Map. Engraving with modern hand coloring. Image measures 22 3/4" x 23".This incredibly detailed polar projection map of the Southern Hemisphere is a French edition of Captain James Cook's famous second voyage to the region. It depicts the coastlines of Australia, New Zealand, and other Southeast Asian and South Pacific islands, in addition to Madagascar and parts of Africa and South America. Most notably, the map includes detailed depictions of voyages to the region between 1595 and 1775. Surrounding the projection are latitude and longitudes of islands, many discovered in Cook's voyages. Map was beautifully engraved in 1778 by Bernard Direxit and published in the Abrege de l'Histoire Generale des Voyages. The map is in good condition. Shows wear along original fold lines. Minor foxing to top margin, does not affect image.Captain Cook (1728 -1779) was among the most famous and important explorer, navigator, cartographer and captain of his time, whose scientific and geographical knowledge influenced his successors well into the 20th century. He started sailing as a teenager and went on to join the Royal Navy in 1755. In 1766, he was commissioned to explore the Pacific and went on the sail thousands of miles across largely uncharted regions of the world. These three historic voyages led him to some of the first sightings of Antarctica, his discovery of many Polynesian islands, including the Hawaiian Islands, first European contact with east Australia, the circumnavigation of New Zealand and the first correct mapping of the Pacific Northwest.
Bookseller: Argosy Book Store [United States]
Check availability:
2020-02-03 22:54:08
COOK, James
Paris, 1595. Map. Engraving with modern hand coloring. Image measures 22 3/4" x 23". This incredibly detailed polar projection map of the Southern Hemisphere is a French edition of Captain James Cook's famous second voyage to the region. It depicts the coastlines of Australia, New Zealand, and other Southeast Asian and South Pacific islands, in addition to Madagascar and parts of Africa and South America. Most notably, the map includes detailed depictions of voyages to the region between 1595 and 1775. Surrounding the projection are latitude and longitudes of islands, many discovered in Cook's voyages. Map was beautifully engraved in 1778 by Bernard Direxit and published in the Abrege de l'Histoire Generale des Voyages. The map is in good condition. Shows wear along original fold lines. Minor foxing to top margin, does not affect image. Captain Cook (1728 -1779) was among the most famous and important explorer, navigator, cartographer and captain of his time, whose scientific and geographical knowledge influenced his successors well into the 20th century. He started sailing as a teenager and went on to join the Royal Navy in 1755. In 1766, he was commissioned to explore the Pacific and went on the sail thousands of miles across largely uncharted regions of the world. These three historic voyages led him to some of the first sightings of Antarctica, his discovery of many Polynesian islands, including the Hawaiian Islands, first European contact with east Australia, the circumnavigation of New Zealand and the first correct mapping of the Pacific Northwest.
Bookseller: Argosy Book Store, ABAA, ILAB [New York, NY, U.S.A.]
2020-02-03 17:24:15
Paris Fédéric Morel 1595 1 vol.Paris, Fédéric Morel, 1595. In-8 de 16 pp., demi-basane rouge, dos lisse orné, titre doré en long (reliure du XIXe siècle). Acte royal édicté l'année du sacre de Henri IV à Chartres et son entrée triomphale à Paris après avoir définitivement soumis la Ligue.« Cet édit, en 25 articles, enregistré au Parlement le 29 novembre 1594, en la Chambre des comptes le 3 décembre, et en la Cour des Aides, le 5 du même mois, prouve quels sacrifices imposait à Henri IV la soumission des seigneurs et des villes qui tenaient encore le parti de la Ligue. Ainsi, pour obtenir la réduction à son obéissance du duc de Guise, de la ville de Reims et de plusieurs autres villes de la Champagne, le roi fut obligé de prohiber dans ces villes l'exercice de la religion protestante, d'ordonner la restitution des biens ecclésiastiques, d'accorder une amnistie pleine et entière pour tous les faits de de guerre, ligues, traités avec les ennemis du Royaume, exécutés par le duc de Guise et ses adhérents, d'exempter les ecclésiastiques et les villes du paiement des taxes ou des impôts depuis l'an 1589, de confirmer tous les offices conférés par les ducs de Mayenne etc. » (Techener).Marque typographique de Fédéric Morel (1552-1630) au verso de l'ultime feuillet.Techener, Bibliothèque champenoise, 606 ; Pettegree, French Vernacular Books, 27918.
Bookseller: Bonnefoi Livres Anciens [France, Paris]
2020-02-03 17:24:15
Fédéric Morel, Paris, 1595. In-8 de 16 pp., demi-basane rouge, dos lisse orné, titre doré en long (reliure du XIXe siècle). Acte royal édicté l'année du sacre de Henri IV à Chartres et son entrée triomphale à Paris après avoir définitivement soumis la Ligue.« Cet édit, en 25 articles, enregistré au Parlement le 29 novembre 1594, en la Chambre des comptes le 3 décembre, et en la Cour des Aides, le 5 du même mois, prouve quels sacrifices imposait à Henri IV la soumission des seigneurs et des villes qui tenaient encore le parti de la Ligue. Ainsi, pour obtenir la réduction à son obéissance du duc de Guise, de la ville de Reims et de plusieurs autres villes de la Champagne, le roi fut obligé de prohiber dans ces villes l?exercice de la religion protestante, d?ordonner la restitution des biens ecclésiastiques, d?accorder une amnistie pleine et entière pour tous les faits de de guerre, ligues, traités avec les ennemis du Royaume, exécutés par le duc de Guise et ses adhérents, d?exempter les ecclésiastiques et les villes du paiement des taxes ou des impôts depuis l?an 1589, de confirmer tous les offices conférés par les ducs de Mayenne etc. » (Techener).Marque typographique de Fédéric Morel (1552-1630) au verso de l'ultime feuillet.Techener, Bibliothèque champenoise, 606 ; Pettegree, French Vernacular Books, 27918.
Bookseller: Bonnefoi Livres Anciens [Paris, France]
2020-02-01 19:55:06
LÉON L'HÉBREU.
Lyon Benoist Rigaud 1595 1 vol.Lyon, Benoist Rigaud, 1595. In-16 (115 x 70 mm) de 816-(47) pp., 1 p.bl., notes en manchettes, veau fauve, dos orné à nerfs, pièce de titre en maroquin rouge, tranches rouges (reliure du XVIIe siècle).Nouvelle édition de la traduction française de Denis Sauvage publiée une première fois en 1551 des Dialoghi d'amore de Léon l'Hébreu dont l'originale italienne avait paru en 1535 à Rome.« Publiés en 1535, après la mort de Léon l'Hébreu, les Dialoghi d'amore connurent un grand succès non seulement en Italie, mais dans toute l'Europe. Le livre fut très vite traduit en hébreu, en espagnol, en français et en anglais. L'auteur relate les entretiens de «l'amoureux et passionné Philon » avec sa « sage Sophie », entretiens qui portent successivement sur l'essence de l'amour et du désir dans le Dialogue I, sur son universalité dans le second, et sur son origine et sa naissance dans le troisième. Né à Lisbonne en 1460, Léon l'Hébreu alias Juda Abravanel suivit son père Isaac Abravanel, financier érudit et figure légendaire du judaïsme ibérique, à Naples et devint médecin à la cour du vice-roi. Connu pour ses travaux de philosophie et de poésie, il enseigna à Rome et dans d'autres villes d'Italie. Les Dialogues d'amour constituent son oeuvre majeure et sont marqués par la double influence de l'École néo-platonicienne de Florence, notamment de Ficin et de Pic de la Mirandole et de la philosophie juive médiévale placée sous l'égide Maïmonide et d'Ibn Gabirol » (Chantal Jacquet). Portrait gravé de l'auteur sur le titre (vignette). De la bibliothèque de Hyacint … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Bonnefoi Livres Anciens [France, Paris]
2020-02-01 19:55:06
LÉON L'HÉBREU.
Benoist Rigaud, Lyon, 1595. In-16 (115 x 70 mm) de 816-(47) pp., 1 p.bl., notes en manchettes, veau fauve, dos orné à nerfs, pièce de titre en maroquin rouge, tranches rouges (reliure du XVIIe siècle). Nouvelle édition de la traduction française de Denis Sauvage publiée une première fois en 1551 des Dialoghi d?amore de Léon l'Hébreu dont l?originale italienne avait paru en 1535 à Rome.« Publiés en 1535, après la mort de Léon l?Hébreu, les Dialoghi d?amore connurent un grand succès non seulement en Italie, mais dans toute l?Europe. Le livre fut très vite traduit en hébreu, en espagnol, en français et en anglais. L?auteur relate les entretiens de «l?amoureux et passionné Philon » avec sa « sage Sophie », entretiens qui portent successivement sur l?essence de l?amour et du désir dans le Dialogue I, sur son universalité dans le second, et sur son origine et sa naissance dans le troisième. Né à Lisbonne en 1460, Léon l?Hébreu alias Juda Abravanel suivit son père Isaac Abravanel, financier érudit et figure légendaire du judaïsme ibérique, à Naples et devint médecin à la cour du vice-roi. Connu pour ses travaux de philosophie et de poésie, il enseigna à Rome et dans d?autres villes d?Italie. Les Dialogues d?amour constituent son oeuvre majeure et sont marqués par la double influence de l?École néo-platonicienne de Florence, notamment de Ficin et de Pic de la Mirandole et de la philosophie juive médiévale placée sous l?égide Maïmonide et d?Ibn Gabirol » (Chantal Jacquet). Portrait gravé de l?auteur sur le titre (vignette). De la bibliothèque de Hyacinthe Théodore Baron (1707-1787) … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Bonnefoi Livres Anciens [Paris, France]
2020-01-31 17:27:07
1595. Autore: INTRIGLIOLI Niccolo' (Nicola) Titolo: Nicolai Intriglioli patritij Catinensis iuris consulti celeberrimi in almo Catinensi Gymnasio... De feudis tractat in quatuor divisus centurias, cum argumentis, summarijs, numeris & indice materiaru[m] locupletissimo Luogo di stampa: Panormi Editore: Apud Ioan. Franciscum Carraram Anno: 1595 Condizioni: leggere attentamente la descrizione nella scheda In 4, pp. (2) + 568 + (44) di indice + (2b). Fr. inciso e ritratto dell'A. inciso al verso del fr. stesso. Mancanze alla prima e alla ultima carta di sguardia, qualche lieve mancanza al fr. Gora leggera ad una trentina di carte che diventa piu' insistente su tre-quattro carte. Sei carte si presentano molto brunite. Legatura in p. pg. restaurata. Ed. orig., rara, di questo trattato di diritto feudale del catanese Niccolo' (o Nicola) Intriglioli il quale approfondisce in modo particolare la tesi della derivazione del potere baronale dal monarca e il contenuto della giurisdizione feudale. Per l'A. in Sicilia la concessione del misto impero non e' mai implicita nell'investitura feudale ma deve esplicitamente risultare nell'atto e avvenire solo dietro richiesta del beneficiario. Cfr. 'Annuario dell'Istituto storico italiano per l'eta' moderna e contemporanea', voll. 29-30, p. 160. Nicola Intriglioli fu professore di diritto a Catania, poi magistrato a Palermo: 'illustro' moltissime materie del nostro diritto; sciolse molte quistioni legali nei suoi trenta Consigli o responsi e nei trattati su i feudi e le sostituzioni; interpretto' molte legi sicole...'. La Mantia, 'Storia d … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquaria Coenobium (comalek) [Asti, Italy, IT]
2020-01-29 08:52:36
Christopher Barker
1595. Size 8 1/2" by 11 1/2" by 3 1/2 "{ Thick Original leather boards, complete leather respine Herbert Reference #225 This is a folio printing, very few editions of the Geneva Bible were printed in Folio format. This Bible is complete, except for a map which precedes the New Testament. Includes the Apocrypha. The first 10 leaves have been remargined or mounted. Good paper quality and margins. After the Book of revelation, there is a brief table of proper names. This Bible includes the whole Book of Psalms by Thomas Sternhold, John Hopkins and others. Also dated 1595 and printed in London by John Windet. Geneva Bible Shelf.
Bookseller: rarebiblesandmore [Lynchburg, Virginia, US]
2020-01-26 01:33:11
Ortelius, Abraham. (1527 - 1598).
Antwerp, Ortelius, [c.1595]. Original engraving. Plate Size: 51.2 cm x 35.8 cm. Sheet Size: 58 cm x 43.4 cm. Original map. In very good condition. Discreet tears near lower left and top right. Slight staining to top of sheet. Central vertical fold as issued. Professional repaired wormholes to above centre top border and near centre of map. A very minor hole along each lower vertical border of plate frame. Reverse carries Latin text. The map was orientated with Egypt's north to the right. Decorative borders with latitudinal and longitudinal lines along margins. A highly decorative and detailed map. The map is further ornamented with three cartouches. One, in decorative strap-work, encloses the title, and a passage from Lucan describing the fecundity of the River Nile - ‚Terra suis contenta bo nis, non indiga mercis Aut Iouis, in solo tanta est siducia Nilo'. In the centre, a simple oval cartouche lists numerous place names of uncertain location. A scale lies benath cartouche. Also, at the top right, is an inset map showing the city of Alexandria and surrounds in detail. The Nile itself runs the full length of the map, and sections of the neighbouring parts of Aethiopia, Arabia Petreae, and Libya are labelled. Mountains are engraved and towns are depicted and named. Pyramids are depicted as tall triangles.Abraham Ortelius was a Flemish cartographer and geographer, conventionally recognized as the creator of the first modern atlas, the Theatrum Orbis Terrarum (Theatre of the World). He was one of the most notable figures of the Dutch school of cartography during its golden … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Inanna Rare Books Ltd. [Ireland]
2020-01-18 20:38:09
Abraham ORTELIUS (1528 - 1598)
1595. "Carta geografica tratta ratta dal ""Thetarum Orbis Terrarum"". Edizione spagnola del 1612. La mappa è basata sulla carta di Martin Helwig (1516-1574). Helwig era un matematico esperto, linguista e geografo classico, che divenne il rettore della scuola di Santa Maria Magdalena a Breslavia (oggi Breslavia, in Polonia), nel 1552. Helwig produsse la prima mappa in legno della Slesia fatta sulla base di indagini raccolte localmente, pubblicandola nel 1561 con il titolo di ""Silesiae Typus"" e dedicandola la Nicolaus II Rehdiger, ricco mercante, banchiere, filantropo, governatore e patrono della Slesia, patrocinatore della mappa. Incisione in rame, bellissima coloritura coeva, in ottimo stato di conservazione." "Revised edition of Ortelius' map of Silesia, which has been enlarged and embellished with a much more elaborate cartoche and military scale. Taken from "" Thetarum Orbis Terrarum"". Spanish edition of 1612. Shows the region from Olomunz and Crackaw in the south to Krossen and Syratz and Kails in the North, centered on Breslaw and Oppelen. Prague also appears at the bottom of the map. The map is based upon an extremely rare map by Martin Helwig (1516-1574). Helwig was a trained mathematician, classical linguist and geographer, who became the Rector of St. Maria Magdalena School in Breslau (now Wroc?aw, in Poland), in 1552. Helwig produced the first woodcut map of Silesia made on the basis of locally collected surveys and data which he published in 1561, under the title Silesiae Typus. Helwig dedicated the map to Nicolaus II. Rehdiger, a wealthy Silesian merchant, ba … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-17 21:22:38
Francesco BRIZIO (Bologna 1574 - 1623)
Acquaforte, 1595 circa, con la firma di Annibale Carracci in basso a sinistra. Esemplare nel quarto stato finale. Buona prova, impressa su carta vergata coeva, irregolarmente rifilata al rame, tracce di piega centrale, nel complesso in buono stato di conservazione. Attribuita in passato al Carracci ed a Guido Reni. Dimensioni 412x286 Etching, 1595 circa, with Annibale Carracci's signature on lower left. Example in the fourth, final state. Good impression, printed on contemporary laid paper, irregularly trimmed to platemark, signs of central fold, otherwise in good condition. Previously ascribed to Carracci and Guido Reni. Dimensiosi 412x286
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-17 21:22:38
DRELINCOURT, Charles (1595-1669), Præparatiun sün la S. Tschaina, que eis il drett moed da prouver se svessa, & da s'appinær per comparair avaunt la maisa da 'l Sêgner. Cun bellas oratiuns... Da'l Tudaisch, e da 'l originæl Frances da 'l Sigr. Carl Drelincurt. Translatò in Romaunsch træs Lurainz Wiezel D. da L Basel Joh. Jacob Genath In 12mo (mm 106x58). Pp. [14], 211 [recte 201], [1]. Segnatura: A12 B6 C12 D6 E12 F6 G12 H6 I12 K6 L12 M6. Alle pp. 194-201 si trova Üna canzun spirituela (musica e testo). Piena pelle coeva con ricche decorazioni impresse in oro al dorso e ai piatti, tagli dorati (oro sbiadito, soprattutto al dorso, lievi abrasioni ai piatti e al dorso, piccolo foro tondo di tarlo sulla cerniera anteriore, minima mancanza al piatto posteriore probabilmente dovuta alla presenza di un fermaglio o di un legaccio che risulta mancante). Nota di possesso manoscritta al recto del risguardo anteriore, ripetuta sul risguardo e sul contropiatto posteriore: "Caterina Iuvalta in Zuot". Inoltre, al risguardo anteriore, di altra mano: "Zuot l'An 1811 15 Aprile". Qualche macchia e fioritura sparsa, lievemente brunito, ma buona copia genuina. Esemplare appartenuto a Caterina Juvalta, discendente dell'importante famiglia grigionese degli Juvalta, che diede i natali, tra gli altri, a Fortunato (Zuoz, 1567-1654), generale svizzero che ricoprì la carica di landamano, scrittore in lingua romancia e autore dell'opera Fortunati a Juvaltis Engadino-Rhaeti de fatis reipublica Rhaetorum cum ipsius vita annexis commentatio historica, una storia del suo paese in latino. RARA PRIMA EDIZ … [Click Below for Full Description]
Bookseller: libreriagovi [Modena, IT]
2020-01-17 21:22:38
Anonimo
1595. Bulino, fine del XVI secolo, con l'inidrizzo di Domenico Custos. Da un soggetto di Hendrick Goltzius. Meravigliosa prova, impressa su carta vergata coeva, rifilata al rame, tracce di piega centrale orizzontael, per il resto in ottimo stato di conservazione. Soffiando bolle, un putto è appoggiato su un teschio che simboleggia la transitorietà. Gli studiosi fanno rilevare che Goltzius ha qui sintetizzato una combinazione del tipo italiana, il putto come simbolo della vanità e degli elementi della cultura emblematica olandese. Questo è sottolineato l'iscrizione Quis Evadet? (Chi sarà risparmiato?). Un'altra versione di questo soggetto pubblicato da Goltzius si basa su una composizione di Tiziano, ispirata da un'incisione di Agostino Carracci. Questa versione in controparte dell'opera di Goltzius, edita da Custos, è sconosciuta ai repertori. Engraving, end of XVI century, with the imprint of Domenicos Custos. After Hendrick Goltzius. A great impression, on contemporary laid paper, trimmed to the platemark, showing trace of central fold, otherwise very good conditions. Blowing bubbles, the recliing boy is leaning on a skull that symbolizes transcience. Scholars points out that Goltzius ha here synthesized a combination of the Italian type putto as a symbol of Vanity and the Dutch elementes emblematic transcience. This is emphasized by the inscription Quis Evadet? (Who will be spared?). Another version of this subject published by Goltzius is based on a composition by Titian, as transmitted by an engraving by Agostino Carracci. This mirror image copy published by Custos is … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-17 21:22:38
1595. Condition: Buone condizioni. Codice: 81504 Autore: PICCOLOMINI, Alessandro. Titolo: De le stelle fisse libro vno; doue di tutte le XLVIII imagin celesti minutissimamente si tratta; ... et oltre a questo ci sono tauole con nuoua inuentione fabricate con le loro dichiarationi .... Casa editrice: Appresso gl'Heredi di Giouanni Varisco, In Venetia. Anno pubblicazione: 1595 Conservazione: Buono ordinari segni d'uso e del tempo esemplare attraente in legatura coeva quattro carte dovute al tipo di carta risultano brunite mancano (dall'origine per il tipo di legatura?) le carte di sguardia annotazione a china d'epoca al contropiatto anteriore. Descrizione: 32 [i.e. 30] c. 48 p. c. 25-93 [3] c. 4°(20 cm) piena pergamena floscia coeva con titolo manoscritto al dorso. Il nome dell'autore appare nella lettera dedicatoria. La data è ipotizzata da ICCU gli editori sono attivi a Venezia tra il 1591 e il 1597 perciò il volume è sicuramente impresso in questa forbice temporale. Correttamente con la bibliografia saltate nella numerazione delle prime 32 c. le c. 29-30. Iniziali ornate xilografiche. Contiene 48 xilografie delle costellazioni tolemaiche alle carte 25-93 sono contenute tabelle zodiacali. Imprese tipografiche ai frontespizi con una sirena bicaudata sorreggente con le mani le sue due code alzate raffigurata entro una cornice istoriata. Numerose figg. n.t. capilettera xilografici ornati. Rara edizione veneziana di una delle maggiori opere scientifiche del Piccolomini formanti uno dei primissimi atlanti celesti contenenti la nomenclatura delle stelle; Piccolomini fu infatti il … [Click Below for Full Description]
Bookseller: sbadige [Via Travai 22 - 38122 - Trento - Italy, IT]
2020-01-17 21:22:37
Aegidius SADELER II (Anversa, 1570 circa - Praga, 1629).
Bulino, 1595 circa, firmato in lastra in basso a destra. Da un soggetto di Carlo Caliari. Esemplare con l'indirizzo dell'editore Donato Rascicotti, nell'unico stato descritto da Hollstein. Bellissima prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana "scudo con lettera M e stella", rifilata al rame in ottimo stato di conservazione. L'opera è relativa al periodo veneto del Sadeler, trascorso tra Verona e Venezia, ed è quindi databile tra il 1594 ed il 1597. Il soggetto è ripreso dal dipinto di Carlo Caliari, detto Carletto, figlio minore di Paolo Caliari, meglio conosciuto con l'appellativo de "il Veronese". Il dipinto, nel migliore stile del padre, è datato al 1584 circa ed è conservato a Padova in una collezione privata. La composizione del Sadeler differisce leggermente dal dipinto, ed è realizzata nel classico stile dell'artista fiammingo, con l'inserimento del paesaggio sullo sfondo, di gusto tipicamente nordico. Il tema di Angelica e Medoro rappresenta una scena assai popolare nella pittura italiana tardo rinascimentale e barocca. Medoro, seguace del condottiero saraceno Dardinello, è ferito in battaglia e Angelica lo soccorre guarendolo con un succo d'erba, innamorandosi poi di lui. La scena raffigurata rappresenta i due intenti ad incidere il proprio nome nella corteccia di un albero. Ottimo esemplare di questa rara incisione. "Engraving, 1595 circa, signed on plate at the bottom right. After Carlo Caliari. Example with the address of Donato Rascicotti, the only one described by Hollstein. A beautiful impression, printed on contemporary laid paper with watermark "" … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-17 21:22:37
Anonimo
1595. Anonima incisione raffigurane i Campi Flegrei, stampata probabilmente nelle Fiandre, alla fine secolo XVI. La prima rappresentazione del solo sito di Pozzuoli a stampa risulta essere quella di Mario Cartaro, incisa a Roma nel 1584, sebbene una mappa precedente, che tuttavia include anche la città di Napoli, è la celebre tavola del cosidetto "Maestro del trabocchetto", stampata sempre a Roma nel 1540 circa. La lastra di Cartaro rimane però come il vero prototipo delle mappe della zona, dalla quale derivano tutte le successive opere a stampa, a partire da quella incisa da Ambrogio Brambilla per gli eredi Duchetti nel 1586 e da quella di Bertelli del 1599. Sebbene databile tra la fine del '500 e gli inizi del secolo successivo, questa sconosciuta carta geografica dell'area differisce totalmente dalla pianta di Cartaro e da quella di Brambilla, tuttavia alcuni elementi dimostrano come l'autore non possa averle ignorate. Identica è la rosa dei venti nel mare. La mappa fornisce pochissime informazioni toponomastiche, mostrando dei richiami alfabetici che lasciano pensare ad una legenda a stampa esterna. Raffigurate Procida e Vivara con le coste orientali di Ischia. Supponiamo che l'opera sia di origine fiamminga solamente per il fatto che era inclusa nella stessa raccolta della veduta della solfatara. Incisione in rame, rifilata ai margini e applicata su antico supporto cartaceo, in perfette condizioni. Sconosciuta ai repertori. The first printed representation of the sole area of Pozzuoli is the one realized by the heirs of Duchetti, printed in Rome by Ambrogio Brambilla i … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-17 21:22:37
Hans WEINER
"Acquaforte, 1595 circa, siglata in lastra in basso destra col monogramma HW e un grappolo d'uva. Stato unico. Bellissima impressione, stampata su sottile carta vergellata con filigrana ""Stemma"" (Briquet, 2177). Applicata a supporto di carta riquadrato a penna. Il foglio è assottigliato in alcuni punti, presenta una piccola mancanza nel margine inferiore, per il resto in buono stato di conservazione. Al verso, sul supporto l'annotazione a penna «Riggall Colln Sale June 6th, 7th & 8th 1901 Lot 326. Secondo Nagler il soggetto potrebbe essere da Friedrich Sustris o da Christoph von Schwarz, quest'ultima derivazione è, invece, esclusa da Geissler. Han Weiner, pittore e incisore tedesco, giocando col suo cognome, che contiene la parola Wein, vino, siglava le sue opere con un grappolo d'uva. La sua produzione grafica è limitata a soli tre soggetti. Opera di estrema rarità." Etching, circa 1595, signed with the monogram 'HW' and a bunch of grapes at lower right. Only state. Superb impression, printed on contemporary laid paper, with watermark "coat-of-arms" (Briquet, 2177), applied on a paperframed in ink, trimmed to the platemark, just worn, generally in good condition. On the back, an ownership inscription Riggall Colln Sale June 6th, 7th & 8th 1901 Lot 326» Nagler suggested that the print was after a painting or design by Friedrich Sustris or Christoph Schwartz, but Geissler has rejected the suggestion after Schwartz. The work is very rare. The German painter Hans Weiner, in allusion to the genial beverage from which his name is derived, marked his works with the sign of a bu … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-17 21:22:37
Johannes SADELER I (Brussel 1550 - Venezia 1600 circa)
"Bulino, 1595 circa, firmato in lastra, nell'immagine, in basso a destra: ""Sereniss: Bavar: Duc: Pict: et Archit: Frid: Sustris figuravit" e in basso al centro: ""Celsitvd: Suæ Chalcograp: I. Sadeler Belg."". Nel margine superiore, la dedica a Massimiliano I di Baviera: "Sereniss. Principi ac Domino D. Maximiliano Comiti Palatino Rheni .../ ... Clementissimo D." Nel margine inferiore, quattro colonnecon distici latini: ""Virtus ... / Volvptas ... / Hercvles ... / Ivpiter ... / Agone salus."" Da un disegno di Frederick Sustris detto Federico Fiammingo Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana "scudo con croce e tre monti", rifilata alla linea marginale, in eccellente stato di conservazione. Il soggetto di questa incisione rappresenta uno dei più noti apologhi dell'antichità, ""l'Ercole al bivio"", ideato dal sofista greco Prodico di Ceo e tramandato da Senofonte e da altri autori, assai diffuso in ambito figurativo soprattutto nell'arte rinascimentale e barocca. Ercole è raffigurato al centro della composizione con gli attribui classici della pelle di leone e la clava. Sulla roccia alle sue spalle è incisa la lettera Y, la cosiddetta ""Littera Pythagorae"", simbolo del bivio della vita umana e della scelta., come ben esprimono i versi pseudo-virgiliani: Littera Pithagoare discrimine secta bicorni Humanae vitae speciem praeferre videtur (La lettera pitagorica Y, divisa da un'apertura a due aste, può essere condiserata simbolo della vita umana) Si noti come le due gambe superiori della Y differiscono fra di loro: quella dal lato della Virtù sale senza fle … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-17 21:22:37
Matteo FLORIMI (1581-1613)
1595. Rarissima pianta della città, basata su quella di Adrichom del 1584, edita a Siena da Matteo Florimi, ultima decade del XVI secolo. Van der Heyden riscontra un solo esemplare alla Biblioteca Nazionale di Roma (71.7 H 31), contenuto in un atlante di Giovanni Antonio Magini. Atlri esemplari sono alla British Library ed alla University of Wisconsis. Acquaforte e bulino, rifilata al rame, in ottimo stato di conservazione. Sconosciuta a Laor. A very rare plan of Jersusalem, similar in style to that of Adrichom, published in Siena by Matteo Florimi. Etching with engraving, signed 'Matteo Florimi for.' at lower right. According with Van der Heyden the only known example in the libraires is in the Biblioteca Nazionale of Rome, bounded in a Magini's Atlas. Other examples are listed in the catalogue of British Library and University of Wisconsis. A fine copy, printed on contemporary laid paper, trimmed to the borderline, in very good condition. RARE. NOT IN LAOR. Van der Heyden, Florilegium cartographicum van der Heyden "Matteo Florimi", 26; Meurer (1988) S. 56-57.
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-17 21:22:37
Giovanni Antonio MAGINI (1555 - 1617)
1595. "PRIMA REDAZIONE DELLA CARTA DEL BOLOGNESE DI G. A. MAGINI NELLA SCONOSCIUTA RISTAMPA DI STEFANO MOZZI SCOLARI. Rarisima carta geografica del territorio di Bologna, firmata da Giovanni Antonio Magini, incisa probabilmente da Arnoldo di Arnoldi e stampata per la prima volta a Bologna nel 1595. Si tratta della prima versione - definita redazione da R. Almagià - della carta del terrorio bolognese del Magini, dedicata al Cardina Sforza e MAI PUBBLICATA nell'atlante maginiano, edito postumo dal figlio Fabio nel 1620, nella quale fu sostituita da una carta composta da due tavole. Il presente esemplare reca l'imprint: Stefano Scolari F. in Venetia. Si tratta di uno sconosciuto (finora) terzo stato, non descritto dalla letteratura, che invece contempla la tiratura veneziana di Francesco Valegio - stampata probilmente postuma verso il 1617-20. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva, con pieni margini, in ottimo stato di conservazione. MERAVIGLIOSA COLORITURA COEVA. Per la descrizione dell'opera ci affidiamo a ciò che scrive Roberto Almagià nel suo saggio sull'opera maginiana del 1922 (pp. 53-55): ""La prima redazione del bolognese, rarissima, che porta la data del 15 marzo 1595, è assolutamente la più antica tra le carte regionali eseguite dal Magini, come dle resto si rileva anche dalla dedica al Card. Sforza: 'Volendo io mandare in luce una compita discrittione dell'Italia, dove siano, oltre le provincie, i territorij particolari delle città, ho voluto far vedere questo di Bologna [...]. Non abbiamo alcuna notizia diretta circa le fonti utilizzate dal Magini per qu … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-17 21:22:37
Andrea BERTELLI (attivo a Venezia dalla fine del sec. XVI all'inizio del sec. XVII)
1595. La carta del territorio bresciano edita da Andrea Bertelli - una delle sue prime opere cartografiche - costituisce un'insolita derivazione della mappa di Cristoforo Sorte. La carta, diversamente dall'originale e dalle sue prime derivazioni, è orientata con il nord a destra. Introduce, inoltre, diverse novità nella toponomastica. È possibile che il Bertelli copi, con orientazione opposta, la carta che Abraham Ortelius pubblica nel Theatrum Orbis Terrarum del 1590, a sua volta basata sulla carta di Paolo Forlani. Colpisce soprattutto la totale assenza di montagne nella parte trentina, in evidente contrasto con quella bresciana. Piuttosto complessa la storia editoriale della mappa; l'edizione originale del Bertelli è nota in un solo esemplare della Biblioteca Apostolica Vaticana, ma rare sono pure le ristampe di Stefano Scolari e Domenico Lovisa. Esemplare del terzo stato di quattro con data 1655 e imprint di Stefano Mozzi Scolari [ si legge: ANNO 1655 VENETIIS; a firma Stefano Scolari forma]. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva, con margini, FINEMENTE COLORATA A MANO IN EPOCA, in ottimo stato di conservazione. Nel cartiglio in alto a destra sono riportati il titolo e i dettagli editoriali: TERRITORII BRIXIENSIS chorographica Tabula, NNO 1655 VENETIIS Stefano Scolari formai. In alto al centro è rappresentata la scala Miliaria decem Italica (10 miglia = mm 65). Orientazione fornita da una rosa dei venti, il nord è a destra. Graduazione ai margini di 2' in 2', da 44° 41' a 45° 57' di latitudine e da 31° 28' a 32° 36' di longitudine. OPERA DI ESTREMA RARITA'. A … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-17 21:22:34
Abraham ORTELIUS (1528 - 1598)
1595. Carta geografica del basso Lazio tratta dal Parergon, atlante storico di Ortelius. Dal punto di vista cartografico la carta deriva da Ignazio Danti, che inviò delle informazioni ad Ortelius nel 1592. Inserito nel cartiglio in basso a sinistra il particolare del Monte Circeo, da disegno di Angelo Breventano. Questo esemplare è tratto dall'edizione latina del Parergon, del 1608/1612. Testo latino al verso. Sulla destra, la notizia del priviegio di stampa decennale. La mappa è dedicata a Marco Velsero, eminente archeologo, filologo e storico di Augusta. Incisione su rame, bella coloritura a mano, in ottime condizioni. Southern Latium map, taken from Parergon, the historical Ortelius atlas.An inset with a Circeo view, after Angelo Breventano' drawing. The work is dedicated to Marco Velsero. Latin text on the verso. Copper engraving, fine hand colouring, in good conditions. Van den Broecke, 209.
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-17 21:22:34
Abraham ORTELIUS (1528 - 1598)
1595. Prima derivazione della rarissima carta di Stefano Buonsignori del 1584, inserita nel Theatrum Orbis Terrarum di Ortelius a partire solo dal 1595. Magnifica prova, molto contrastata, in perfetto stato di conservazione. Scarce map of the Province of Florence in Tuscany, first issued in in the Vrients edition of Ortelius' Theatrum Orbis Terrarum in 1595. The map is centered on the city of Florence and extends to Liguria, the Apennine Mountains, the Adriatic Coast, Siena and Lago di Perugia. The map is based upon Stefano Buonsignori's map of Florence and surroundings, engraved in 1584 by Domenico Vito. The map was sent to Ortelius by Marcarius in late 1594 or early 1595, as there exists a letter from Marcarius to Ortelius dated March 1595 which inquires whether Ortelius had received the map. The map identifies Stephanus Monachus of Orivieti as the maker. Van den Broecke 131.
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-17 21:22:34
Aegidius SADELER II (Anversa, 1570 circa - Praga, 1629).
"Bulino, 1595, nel margine inferiore "Pater Abraham miserere mei, & mitte Lazarum, ut intingam extremum digiti sui / in aquam, ut refrigeret linguam meam quia grucior in hac flamma. Lvc.xvI" (Luca, 16:24). Primo stato, avanti le sigle, la data e l'indirizzo editorale: ""Iacobo Palmo Inuent: EG: Sadeler scalps: Monachij 1595"" and ""Marco Sadeler excudit."". Bell'esemplare, impresso su carta vergata coeva, con filigrana poco leggibile, rifilato ai margini, irregolarmente nel margine inferiore, dove qualche lettera è intaccata alla base, risultando comunque leggibile, occasionali fioriture, nel complesso in ottimo stato di conservazione. L'incisione, che deriva da un soggetto di Jacopo Palma il Vecchio, ed è incisa da Aegidius Sadeler II, nel 1595, e pubblicata da Marco Sadeler. Illustra la parabola dell'uomo ricco e Lazzaro, narrata nel Vangelo di Luca (16:19-26) Or vi era un uomo ricco, che si vestiva di porpora e bisso, e ogni giorno se la godeva splendidamente. Vi era anche un mendicante chiamato Lazzaro, che giaceva alla sua porta tutto coperto di piaghe ulcerose e desiderava saziarsi delle briciole che cadevano dalla tavola del ricco, e perfino i cani venivano a leccare le sue piaghe. Or avvenne che il mendicante morí e fu portato dagli angeli nel seno di Abrahamo; morí anche il ricco e fu sepolto. E, essendo tra i tormenti nell'inferno, alzò gli occhi e vide da lontano Abrahamo e Lazzaro nel suo seno. Allora, gridando, disse: ""Padre Abrahamo, abbi pietà di me, e manda Lazzaro a intingere nell'acqua la punta del dito per rinfrescarmi la lingua, perché soffro terribilme … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-17 21:22:34
Lubini, Eilhardi [Eilhard Lubinus]; Aulus Persius Flaccus
Amstelredami [Amsterdam]: Zachariam Heyns Bibliopolam, 1595/1594. First Editions Thus. small octavo, [16], 184, [8], 248, [20], 17-191 [i.e. 187]; VG; bound in full contemporary vellum, burgundy label with gilt lettering; mild soiling and rubbing to vellum; In Auli Persi and Auli Persi Flacci have individual title pages with the same publication information, Antiquarius has a separate date; small amount of writing to first title page; shelved case 3. [Attributes: First Edition]
Bookseller: Second Story Books [United States]
2020-01-16 23:37:05
1595. REGNO DI NAPOLI, Ordinanze relative alla circolazione delle monete, alle leggi suntuarie e al controllo della stampa. Napoli Gio. Iacomo Carlino & Antonio Pace 1595-1596-1598 I) Philippus Dei gratia rex &c. Banno, et comandamento da parte dell'Illustrissimo, & Eccellentissimo Sig. Don Giouan de Zunica Conte de Miranda Marchese di Labagnesa,... Napoli, Giovanni Giacomo Carlino & Antonio Pace, 1595.Foglio volante (mm 315 x 210), lievi aloni e bruniture. EDIZIONE ORIGINALE di questa ordinanza, che regola la circolazione di valuta estera all'interno del Regno di Napoli, emanata dal Vicerè Juan Zuniga Conte di Miranda il 30 novembre 1594, nel tentativo, probabilmente, di contrastare la speculazione sui tassi di cambio e di arrestare la perdita di valore della moneta napoletana.Edit16, CNCE74990 (una copia: Biblioteca provinciale Tommaso Stigliani, Matera). II) Philippus Dei gratia rex &c. Napoli, Giovanni Giacomo Carlino & Antonio Pace, [1596].Foglio volante (mm 310 x 210); 2 cc. Con ampia incisione in legno delle armi di Filippo II di Spagna al recto della prima carta. Aloni diffusi su entrambe le carte.Le prime leggi suntuarie moderne furono emanate dal Regno di Napoli nel 1559, per poi essere riviste numerose volte. Le leggi non riguardano solamente abiti e gioielli, ma anche arredi domestici, carrozze e cavalli (cf. S. Scognamiglio, Il colore della statualità: leggi suntuarie, codici estetici e modelli culturali delle élites nella Napoli della prima età moderna, in: "California Italian Studies", 3/1, 2012, p. 18).Non presente in Edit16; F. Mutinelli, ed., Storia arcana … [Click Below for Full Description]
Bookseller: libreriagovi [Modena, IT]
2020-01-16 18:51:17
SCOTT, Walter.) REMY, Nicholas.
Lyon: Vincent, 1595. Lyon: Vincent,, 1595. Rather curious, and may not be undeserving a place on your shelves"—Walter Scott Small quarto (237 x 147 mm). Contemporary vellum, manuscript title to spine, ties absent. Housed in a late 19th century dark red quarter morocco slipcase, spine gilt lettered direct, thistle motifs in compartments, dark red cloth sides, matching chemise (lacking silk pull-tab). Decorative initials, head- and tailpieces. Stylised pencil inscription "EB 1854" in pencil to front pastedown. Couple of marks to vellum as usual, some chipping to edges and paper reinforcements to endpapers, small tear to head of spine, thumbed, but internally clean, short closed tear to pp. 279-80; a very good, remarkably fresh, copy. Slipcase rubbed at extremities and faded in patches. Rare first edition of this seminal work, Sir Walter Scott's copy, with his ownership inscription on the title page and his library shelf mark on the front free endpaper: "Abbotsford Library O13". Scott's fascination with witchcraft led him to spend years gathering "perhaps the most curious library of diablerie that man ever collected" (Lockhart, p. 118). Scott's use of the present work is clear not only in his Letters on Demonology and Witchcraft (1830), in which, in Letter VII, he references the author's boast to have put to death over 900 people, but also in The Bride of Lammermoor (1819) and The Antiquary (1816). First editions of this work are uncommon; the last two copies to appear at auction were in 1970 and 1990, both in worse condition than this copy, and neither with such appealing … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Peter Harrington. ABA/ ILAB. [London, United Kingdom]
2020-01-16 15:53:10
BARENTSZ Willem (BARENTZOON) c. 1560-97
1595. "Carta è tratta dal rarissimo atlante nautico del Barentsz edito postumo dal Janssonius con il titolo ""Descriptio Maris Mediterranei per tabulas hidrographicas & geographicas"", Amsterdam nel 1654. L'opera contiene dieci carte nautice del Barentsz, per la prima volta incluse nel suo ""Caertboeck vande Middelandtsche Zee"", 1595; le carte sono stampate con la lastra originale ma sono completamnete rilavorate, con numerose varianti e con meno elementi decorativi nel mare. L'atlante è completato da alcune carte dello stesso Janssonius e da altre del Mercator, sempre modificate dal Jannsonius. Il Koeman cita solo 4 esemplari di questo atlante!!! Incisione in rame, coloritura coeva dei contorni, in ottimo stato di conservazione. Rarissima edizione." "Striking map from Barentsz's ""Descriptio Maris Mediterranei, per tabula hydographics & geographicas, . . ."", published by Janssonius in Amsterdam in 1654. This is a rare variant edition. The atlas includes re-issues of Barentsz's 10 maps (first included in ""Caertboeck vande Middelandtsche Zee"", 1595) of the Mediterranean, with Jansson having completely changed the title and reworked the decorative embellishments, removing many of the great images originally added by Barentsz. Copperplate, original outline colour, in very good conditions."
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-16 15:53:08
BARENTSZ Willem (BARENTZOON) c. 1560-97
1595. Carta tratta dal rarissimo atlante nautico del Barentsz edito postumo dal Janssonius con il titolo "Descriptio Maris Mediterranei per tabulas hidrographicas & geographicas", Amsterdam nel 1654. L'opera contiene dieci carte nautice del Barentsz, per la prima volta incluse nel suo "Caertboeck vande Middelandtsche Zee", 1595; le carte sono stampate con la lastra originale ma sono completamnete rilavorate, con numerose varianti e con meno elementi decorativi nel mare. L'atlante è completato da alcune carte dello stesso Janssonius e da altre del Mercator, sempre modificate dal Jannsonius. Il Koeman cita solo 4 esemplari di questo atlante!!! Incisione in rame, coloritura coeva dei contorni, in ottimo stato di conservazione. Rarissima edizione. "Striking map from Barentsz's ""Descriptio Maris Mediterranei, per tabula hydographics & geographicas, . . ."", published by Janssonius in Amsterdam in 1654. This is a rare variant edition. The atlas includes re-issues of Barentsz's 10 maps (first included in ""Caertboeck vande Middelandtsche Zee"", 1595) of the Mediterranean, with Jansson having completely changed the title and reworked the decorative embellishments, removing many of the great images originally added by Barentsz. Copperplate, original outline colour, in very good conditions."
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-16 06:19:39
Anonimo
1595. "Rarissima carta della Sardegna, pubblicata nel volume ""Pomponii Mela De Orbis Situ Libri III & C. Julii Solini Polyhistor..."" edito a Basilea da Sebastian Henricpetri nel 1595. Il volume consiste di due opere: il De Orbis Situ di Pimponio Mela (I sec.d.C.) e il Polyhistor di Gaio Giulio Solino (III sec. d.C.). Corredano il volume, 33 mappe xilografiche numerate. Le carte dalla num. 20 in poi, che accompagnano il Polyhistor, sono di formato più piccolo. La num. 22 è appunto questa ""Sardinia"". Xilografia, lieve alone d'umido nell'angolo sinistro, per il resto in ottimo stato di conservazione." "Rare small map of Sardinia, from ""Pomponii Mela De Orbis Situ Libri III & C. Julii Solini Polyhistor..."" edited by Sebastian Henricpetri, Basle, 1595. 33 woodcut maps accompannying with text ""This volume consists of works by both Pomponius Mela and Caius Julius Solinus, with maps bound at intervals within the text. There are new maps accompanying the Polyhistor from no. 20 onwards which are smaller in size than hitherto..."" The num. 22 is this map of Sardinia. Woocut,waterstain to left margin, otherwise in good condition." Shirley G.Mela-1c, Nr. 21.
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-16 01:50:37
Abraham ORTELIUS (1528 - 1598)
1595. Decorativa carta geografica delle Isole Britanniche, riferita al tempo degli antichi Romani. La carta, per la prima volta pubblicata da Ortelius nel suo 'Parergon' del 1595, è basta su informazioni geografiche fornite dalla carta murale delle Isole Britanniche di Mercator (1564) e sugli aggiornamenti forniti da Saxton (1579). Le notizie storiche sono invece derivanti dalle fonti calssiche quali Plinio, Tacito, Appiano e Strabone. Esemplare tratto dall'edizione latina dle 1619. Incisione in rame, finemente colorata a mano, in ottimo stato di conservazione. Decorative and rare map of the British Isles in Roman times. The map was first published in the 1595 edition of Ortelius' atlas. The map was made based upon modern information from Mercator's 1564 map of the British Isles, improved by a new outline from Saxton's 1579 map (Meurer p. 197, Karrow 56/16, p. 387-388)nd ancient knowledge from Diodorus, Siculus, Plinius, Appianus, Tacitus, Cæsar and Strabo. The map is filled with ancient place names, Hadrian's Wall, and Wall of Pius (mislabeled Severi Imp. Murus). Richly embellished with three large strapwork cartouches and several sailing vessels. Latin editon of 1619. Copperplate with fine hand colouring, very good condition. Van den Broecke #192; Shirley, R.W. (BI to 1650) 186, pl.42.
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-15 23:29:10
Belli Silvio
1595. [Figurato Geometria-Scienza] (cm.21) bella legatura recente in pieno vitello, nervi, filetti a secco ai piatti e al dorso con titolo. -- cc. 4 nn., pp. 132 (ma 131) + 1c. bianca. Con oltre 50 figure xilografiche a mezza pagina che contengono anche architetture e strumenti. Prima edizione collettiva con una nuova prefazione. A pag. (8) compare l' elenco delle "Opere che con l' aiuto de iddio darà in luce l' auttore" ma purtroppo non furono mai stampate. Le tavole rappresentano l' uso pratico degli strumenti per misurazione delle profondità marine. Cicognara: "Le opere di Silvio Belli sono pregiatissime per la scienza.le tavole sono benissimo disegnate". L'autore, vicentino fu tra i fondatori dell' Accademia Olimpica di Vicenza, e come ingegnere curò restauri ed edifici della sua città. Frontis con vecchie ottime integrazioni al margine bianco, lievissime ombreggiature a qualche carta per lo più marginali, altrimenti esemplare molto bello e fresco con xilografie in ottima tiratura. * Riccardi I 108: "Raro"; * Adams B 521; * Bm. Stc. 79; * Index Aureliensis 116.193; * Graesse I 329; * Smith "History of Mathematics" II 286; * Smith "Rara Aritmetica" 343.
Bookseller: LibriAntichiArezzo-FC Edizioni (studio.bibliografico.libri.antichi.arezzo) [ Arezzo, IT]
2020-01-15 20:48:57
Abraham ORTELIUS (1528 - 1598)
1595. "Carta storica della Magna Grecia tratta dal ""Parergon"" di Ortelius, edizione italiana del 1608/1612. Il titolo dell'opera è una citazione da Ovidio, Fasti, IV che recita ""La terra ora detta Italia, un tempo era la Magna Grecia"". Orientata con l'est in alto, margini graduati ma senza scala metrica di riferimento. Nel cartiglio in alto a destra, la dedicata di Ortelius al suo amico medico Ioachim Camerarius di Norimberga. La mappa, come tutte le carte contenute nel Parergon, è basata su fonti classiche: Tolomeo, Tucidide, Teocrito, Livio, Plinio, Strabone, Cassiodoro ecc. Nel cartiglio, in alto a sinistra, una mappa delle Isole Tremiti, un tempo dette Isole di Diomede. In basso a sinistra, entro cartiglio, la notizia del privilegio decennale:""Hanc Italiæ partem exteriorem sic de:|scribere conabar Abrahamus Ortelius. | cum | Priuilegio decennali, | 1595"". Incisione in rame, finemente colorata a mano, testo latino al verso, in ottimo stato di conservazione." "Map of Southern Italy from Ortelius' Parergon, Italian edition 1608/1612. The title is from Ovidius, Book 4,Fastorum: ""Italy which was once Greater Greece."" The map, with the regions of Ancient Greece in Italy, is based on the classical sources: Theocritus, Tolomeus, Plinius, Strabo, Cassidorus etc. Oriented with East at the top. Includes an inset map of the Island ot Tremite, and an inset with the dedication to Ortelius'friend to the most famous lordship Mr. Ioachim Camerarius of Nurnberg, most celebrated physician. In the cartouche at the bottom left: ""Hanc Italiæ partem exteriorem sic de:|scribere conaba … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-14 15:03:24
Andrea BERTELLI (attivo a Venezia dalla fine del sec. XVI all'inizio del sec. XVII)
1595. La carta del territorio bresciano edita da Andrea Bertelli - una delle sue prime opere cartografiche - costituisce un'insolita derivazione della mappa di Cristoforo Sorte. La carta, diversamente dall'originale e dalle sue prime derivazioni, è orientata con il nord a destra. Introduce, inoltre, diverse novità nella toponomastica. È possibile che il Bertelli copi, con orientazione opposta, la carta che Abraham Ortelius pubblica nel Theatrum Orbis Terrarum del 1590, a sua volta basata sulla carta di Paolo Forlani. Colpisce soprattutto la totale assenza di montagne nella parte trentina, in evidente contrasto con quella bresciana. Piuttosto complessa la storia editoriale della mappa; l'edizione originale del Bertelli è nota in un solo esemplare della Biblioteca Apostolica Vaticana, ma rare sono pure le ristampe di Stefano Scolari e Domenico Lovisa. Esemplare del terzo stato di quattro con data 1655 e imprint di Stefano Mozzi Scolari [ si legge: ANNO 1655 VENETIIS; a firma Stefano Scolari forma]. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva, con margini, FINEMENTE COLORATA A MANO IN EPOCA, in ottimo stato di conservazione. Nel cartiglio in alto a destra sono riportati il titolo e i dettagli editoriali: TERRITORII BRIXIENSIS chorographica Tabula, NNO 1655 VENETIIS Stefano Scolari formai. In alto al centro è rappresentata la scala Miliaria decem Italica (10 miglia = mm 65). Orientazione fornita da una rosa dei venti, il nord è a destra. Graduazione ai margini di 2' in 2', da 44° 41' a 45° 57' di latitudine e da 31° 28' a 32° 36' di longitudine. OPERA DI ESTREMA RARITA'. A … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-14 13:25:54
BARENTSZ Willem (BARENTZOON) c. 1560-97
1595. "Carta è tratta dal rarissimo atlante nautico del Barentsz edito postumo dal Janssonius con il titolo ""Descriptio Maris Mediterranei per tabulas hidrographicas & geographicas"", Amsterdam nel 1654. L'opera contiene dieci carte nautice del Barentsz, per la prima volta incluse nel suo ""Caertboeck vande Middelandtsche Zee"", 1595; le carte sono stampate con la lastra originale ma sono completamnete rilavorate, con numerose varianti e con meno elementi decorativi nel mare. L'atlante è completato da alcune carte dello stesso Janssonius e da altre del Mercator, sempre modificate dal Jannsonius. Il Koeman cita solo 4 esemplari di questo atlante!!! Incisione in rame, coloritura coeva dei contorni, in ottimo stato di conservazione. Rarissima edizione." "Striking map from Barentsz's ""Descriptio Maris Mediterranei, per tabula hydographics & geographicas, . . ."", published by Janssonius in Amsterdam in 1654. This is a rare variant edition. The atlas includes re-issues of Barentsz's 10 maps (first included in ""Caertboeck vande Middelandtsche Zee"", 1595) of the Mediterranean, with Jansson having completely changed the title and reworked the decorative embellishments, removing many of the great images originally added by Barentsz. Copperplate, original outline colour, in very good conditions."
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-14 13:25:52
BARENTSZ Willem (BARENTZOON) c. 1560-97
1595. Carta tratta dal rarissimo atlante nautico del Barentsz edito postumo dal Janssonius con il titolo "Descriptio Maris Mediterranei per tabulas hidrographicas & geographicas", Amsterdam nel 1654. L'opera contiene dieci carte nautice del Barentsz, per la prima volta incluse nel suo "Caertboeck vande Middelandtsche Zee", 1595; le carte sono stampate con la lastra originale ma sono completamnete rilavorate, con numerose varianti e con meno elementi decorativi nel mare. L'atlante è completato da alcune carte dello stesso Janssonius e da altre del Mercator, sempre modificate dal Jannsonius. Il Koeman cita solo 4 esemplari di questo atlante!!! Incisione in rame, coloritura coeva dei contorni, in ottimo stato di conservazione. Rarissima edizione. "Striking map from Barentsz's ""Descriptio Maris Mediterranei, per tabula hydographics & geographicas, . . ."", published by Janssonius in Amsterdam in 1654. This is a rare variant edition. The atlas includes re-issues of Barentsz's 10 maps (first included in ""Caertboeck vande Middelandtsche Zee"", 1595) of the Mediterranean, with Jansson having completely changed the title and reworked the decorative embellishments, removing many of the great images originally added by Barentsz. Copperplate, original outline colour, in very good conditions."
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-14 07:15:04
Anonimo
1595. "Rarissima carta della Sardegna, pubblicata nel volume ""Pomponii Mela De Orbis Situ Libri III & C. Julii Solini Polyhistor..."" edito a Basilea da Sebastian Henricpetri nel 1595. Il volume consiste di due opere: il De Orbis Situ di Pimponio Mela (I sec.d.C.) e il Polyhistor di Gaio Giulio Solino (III sec. d.C.). Corredano il volume, 33 mappe xilografiche numerate. Le carte dalla num. 20 in poi, che accompagnano il Polyhistor, sono di formato più piccolo. La num. 22 è appunto questa ""Sardinia"". Xilografia, lieve alone d'umido nell'angolo sinistro, per il resto in ottimo stato di conservazione." "Rare small map of Sardinia, from ""Pomponii Mela De Orbis Situ Libri III & C. Julii Solini Polyhistor..."" edited by Sebastian Henricpetri, Basle, 1595. 33 woodcut maps accompannying with text ""This volume consists of works by both Pomponius Mela and Caius Julius Solinus, with maps bound at intervals within the text. There are new maps accompanying the Polyhistor from no. 20 onwards which are smaller in size than hitherto..."" The num. 22 is this map of Sardinia. Woocut,waterstain to left margin, otherwise in good condition." Shirley G.Mela-1c, Nr. 21.
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-12 11:40:05
Aegidius SADELER II (Anversa, 1570 circa - Praga, 1629).
Bulino, 1595 circa, firmato in lastra in basso a destra. Da un soggetto di Carlo Caliari. Esemplare con l'indirizzo dell'editore Donato Rascicotti, nell'unico stato descritto da Hollstein. Bellissima prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana "scudo con lettera M e stella", rifilata al rame in ottimo stato di conservazione. L'opera è relativa al periodo veneto del Sadeler, trascorso tra Verona e Venezia, ed è quindi databile tra il 1594 ed il 1597. Il soggetto è ripreso dal dipinto di Carlo Caliari, detto Carletto, figlio minore di Paolo Caliari, meglio conosciuto con l'appellativo de "il Veronese". Il dipinto, nel migliore stile del padre, è datato al 1584 circa ed è conservato a Padova in una collezione privata. La composizione del Sadeler differisce leggermente dal dipinto, ed è realizzata nel classico stile dell'artista fiammingo, con l'inserimento del paesaggio sullo sfondo, di gusto tipicamente nordico. Il tema di Angelica e Medoro rappresenta una scena assai popolare nella pittura italiana tardo rinascimentale e barocca. Medoro, seguace del condottiero saraceno Dardinello, è ferito in battaglia e Angelica lo soccorre guarendolo con un succo d'erba, innamorandosi poi di lui. La scena raffigurata rappresenta i due intenti ad incidere il proprio nome nella corteccia di un albero. Ottimo esemplare di questa rara incisione. "Engraving, 1595 circa, signed on plate at the bottom right. After Carlo Caliari. Example with the address of Donato Rascicotti, the only one described by Hollstein. A beautiful impression, printed on contemporary laid paper with watermark "" … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-11 23:03:04
CONTI Giusto (de')
Appresso Mamerto Patisson regio stampatore, In Parigi, 1595. In-12 (130x70 mm.), pp. (8), cc. 107, pp. (5, di cui 3 di errata e 2 bianche). Piccolo fregio al frontespizio. Legatura in piena pergamena settecentesca con dati tipografici impressi in oro su tassello in marocchino rosso al dorso. Bell'esemplare. Edizione parigina curata da Jacopo Corbinelli che venne fatta a tirature diverse (recanti le date 1589, 1590, 1591, 1595, con lievi varianti già rilevate da Gamba). Si è tuttavia concordi nel sostenere che l'opera venne fatta da Mamerto Patissonio già nel 1588, ma poi impressa nel 1595. Vi si trova da cc.58 il florilegio di antichi rimatori, in gran parte antecedenti a Dante e in prima edizione, che sono introdotti da una dedicatoria del Corbinelli. Bibliografia: Razzolini, p. 123. "rarissimo". Gamba, 369: "prezioso libretto". Adams, C2583 [Attributes: First Edition; Hard Cover]
Bookseller: AU SOLEIL D'OR Studio Bibliografico [ACQUI TERME, AL, Italy]
2020-01-11 18:28:07
Abraham ORTELIUS
Anversa, 1595. Carta geografica del basso Lazio tratta dal Parergon, atlante storico di Ortelius. Dal punto di vista cartografico la carta deriva da Ignazio Danti, che inviò delle informazioni ad Ortelius nel 1592. Inserito nel cartiglio in basso a sinistra il particolare del Monte Circeo, da disegno di Angelo Breventano. Questo esemplare è tratto dall'edizione latina del Parergon, del 1608/1612. Testo latino al verso. Sulla destra, la notizia del priviegio di stampa decennale. La mappa è dedicata a Marco Velsero, eminente archeologo, filologo e storico di Augusta. Incisione su rame, bella coloritura a mano, in ottime condizioni. Southern Latium map, taken from Parergon, the historical Ortelius atlas.An inset with a Circeo view, after Angelo Breventano' drawing. The work is dedicated to Marco Velsero. Latin text on the verso. Copper engraving, fine hand colouring, in good conditions. Van den Broecke, 209. 465 365mm
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2020-01-11 18:28:07
Abraham ORTELIUS (1528 - 1598)
1595. Prima derivazione della rarissima carta di Stefano Buonsignori del 1584, inserita nel Theatrum Orbis Terrarum di Ortelius a partire solo dal 1595. Magnifica prova, molto contrastata, in perfetto stato di conservazione. Scarce map of the Province of Florence in Tuscany, first issued in in the Vrients edition of Ortelius' Theatrum Orbis Terrarum in 1595. The map is centered on the city of Florence and extends to Liguria, the Apennine Mountains, the Adriatic Coast, Siena and Lago di Perugia. The map is based upon Stefano Buonsignori's map of Florence and surroundings, engraved in 1584 by Domenico Vito. The map was sent to Ortelius by Marcarius in late 1594 or early 1595, as there exists a letter from Marcarius to Ortelius dated March 1595 which inquires whether Ortelius had received the map. The map identifies Stephanus Monachus of Orivieti as the maker. Van den Broecke 131.
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-11 18:28:07
Abraham ORTELIUS (1528 - 1598)
1595. Decorativa carta geografica delle Isole Britanniche, riferita al tempo degli antichi Romani. La carta, per la prima volta pubblicata da Ortelius nel suo 'Parergon' del 1595, è basta su informazioni geografiche fornite dalla carta murale delle Isole Britanniche di Mercator (1564) e sugli aggiornamenti forniti da Saxton (1579). Le notizie storiche sono invece derivanti dalle fonti calssiche quali Plinio, Tacito, Appiano e Strabone. Esemplare tratto dall'edizione latina dle 1619. Incisione in rame, finemente colorata a mano, in ottimo stato di conservazione. Decorative and rare map of the British Isles in Roman times. The map was first published in the 1595 edition of Ortelius' atlas. The map was made based upon modern information from Mercator's 1564 map of the British Isles, improved by a new outline from Saxton's 1579 map (Meurer p. 197, Karrow 56/16, p. 387-388)nd ancient knowledge from Diodorus, Siculus, Plinius, Appianus, Tacitus, Cæsar and Strabo. The map is filled with ancient place names, Hadrian's Wall, and Wall of Pius (mislabeled Severi Imp. Murus). Richly embellished with three large strapwork cartouches and several sailing vessels. Latin editon of 1619. Copperplate with fine hand colouring, very good condition. Van den Broecke #192; Shirley, R.W. (BI to 1650) 186, pl.42.
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-11 14:53:25
Anonimo
1595. Anonima incisione raffigurane i Campi Flegrei, stampata probabilmente nelle Fiandre, alla fine secolo XVI. La prima rappresentazione del solo sito di Pozzuoli a stampa risulta essere quella di Mario Cartaro, incisa a Roma nel 1584, sebbene una mappa precedente, che tuttavia include anche la città di Napoli, è la celebre tavola del cosidetto "Maestro del trabocchetto", stampata sempre a Roma nel 1540 circa. La lastra di Cartaro rimane però come il vero prototipo delle mappe della zona, dalla quale derivano tutte le successive opere a stampa, a partire da quella incisa da Ambrogio Brambilla per gli eredi Duchetti nel 1586 e da quella di Bertelli del 1599. Sebbene databile tra la fine del '500 e gli inizi del secolo successivo, questa sconosciuta carta geografica dell'area differisce totalmente dalla pianta di Cartaro e da quella di Brambilla, tuttavia alcuni elementi dimostrano come l'autore non possa averle ignorate. Identica è la rosa dei venti nel mare. La mappa fornisce pochissime informazioni toponomastiche, mostrando dei richiami alfabetici che lasciano pensare ad una legenda a stampa esterna. Raffigurate Procida e Vivara con le coste orientali di Ischia. Supponiamo che l'opera sia di origine fiamminga solamente per il fatto che era inclusa nella stessa raccolta della veduta della solfatara. Incisione in rame, rifilata ai margini e applicata su antico supporto cartaceo, in perfette condizioni. Sconosciuta ai repertori. The first printed representation of the sole area of Pozzuoli is the one realized by the heirs of Duchetti, printed in Rome by Ambrogio Brambilla i … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-11 13:28:09
Giovanni Antonio MAGINI (1555 - 1617)
1595. "PRIMA REDAZIONE DELLA CARTA DEL BOLOGNESE DI G. A. MAGINI NELLA SCONOSCIUTA RISTAMPA DI STEFANO MOZZI SCOLARI. Rarisima carta geografica del territorio di Bologna, firmata da Giovanni Antonio Magini, incisa probabilmente da Arnoldo di Arnoldi e stampata per la prima volta a Bologna nel 1595. Si tratta della prima versione - definita redazione da R. Almagià - della carta del terrorio bolognese del Magini, dedicata al Cardina Sforza e MAI PUBBLICATA nell'atlante maginiano, edito postumo dal figlio Fabio nel 1620, nella quale fu sostituita da una carta composta da due tavole. Il presente esemplare reca l'imprint: Stefano Scolari F. in Venetia. Si tratta di uno sconosciuto (finora) terzo stato, non descritto dalla letteratura, che invece contempla la tiratura veneziana di Francesco Valegio - stampata probilmente postuma verso il 1617-20. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva, con pieni margini, in ottimo stato di conservazione. MERAVIGLIOSA COLORITURA COEVA. Per la descrizione dell'opera ci affidiamo a ciò che scrive Roberto Almagià nel suo saggio sull'opera maginiana del 1922 (pp. 53-55): ""La prima redazione del bolognese, rarissima, che porta la data del 15 marzo 1595, è assolutamente la più antica tra le carte regionali eseguite dal Magini, come dle resto si rileva anche dalla dedica al Card. Sforza: 'Volendo io mandare in luce una compita discrittione dell'Italia, dove siano, oltre le provincie, i territorij particolari delle città, ho voluto far vedere questo di Bologna [...]. Non abbiamo alcuna notizia diretta circa le fonti utilizzate dal Magini per qu … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-10 21:22:28
Abraham ORTELIUS (1528 - 1598)
1595. "Carta geografica tratta ratta dal ""Thetarum Orbis Terrarum"". Edizione spagnola del 1612. La mappa è basata sulla carta di Martin Helwig (1516-1574). Helwig era un matematico esperto, linguista e geografo classico, che divenne il rettore della scuola di Santa Maria Magdalena a Breslavia (oggi Breslavia, in Polonia), nel 1552. Helwig produsse la prima mappa in legno della Slesia fatta sulla base di indagini raccolte localmente, pubblicandola nel 1561 con il titolo di ""Silesiae Typus"" e dedicandola la Nicolaus II Rehdiger, ricco mercante, banchiere, filantropo, governatore e patrono della Slesia, patrocinatore della mappa. Incisione in rame, bellissima coloritura coeva, in ottimo stato di conservazione." "Revised edition of Ortelius' map of Silesia, which has been enlarged and embellished with a much more elaborate cartoche and military scale. Taken from "" Thetarum Orbis Terrarum"". Spanish edition of 1612. Shows the region from Olomunz and Crackaw in the south to Krossen and Syratz and Kails in the North, centered on Breslaw and Oppelen. Prague also appears at the bottom of the map. The map is based upon an extremely rare map by Martin Helwig (1516-1574). Helwig was a trained mathematician, classical linguist and geographer, who became the Rector of St. Maria Magdalena School in Breslau (now Wrocław, in Poland), in 1552. Helwig produced the first woodcut map of Silesia made on the basis of locally collected surveys and data which he published in 1561, under the title Silesiae Typus. Helwig dedicated the map to Nicolaus II. Rehdiger, a wealthy Silesian merchant, ba … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-10 21:17:29
Abraham ORTELIUS (1528 - 1598)
1595. "Carta storica della Magna Grecia tratta dal ""Parergon"" di Ortelius, edizione italiana del 1608/1612. Il titolo dell'opera è una citazione da Ovidio, Fasti, IV che recita ""La terra ora detta Italia, un tempo era la Magna Grecia"". Orientata con l'est in alto, margini graduati ma senza scala metrica di riferimento. Nel cartiglio in alto a destra, la dedicata di Ortelius al suo amico medico Ioachim Camerarius di Norimberga. La mappa, come tutte le carte contenute nel Parergon, è basata su fonti classiche: Tolomeo, Tucidide, Teocrito, Livio, Plinio, Strabone, Cassiodoro ecc. Nel cartiglio, in alto a sinistra, una mappa delle Isole Tremiti, un tempo dette Isole di Diomede. In basso a sinistra, entro cartiglio, la notizia del privilegio decennale:""Hanc Italiæ partem exteriorem sic de:|scribere conabar Abrahamus Ortelius. | cum | Priuilegio decennali, | 1595"". Incisione in rame, finemente colorata a mano, testo latino al verso, in ottimo stato di conservazione." "Map of Southern Italy from Ortelius' Parergon, Italian edition 1608/1612. The title is from Ovidius, Book 4,Fastorum: ""Italy which was once Greater Greece."" The map, with the regions of Ancient Greece in Italy, is based on the classical sources: Theocritus, Tolomeus, Plinius, Strabo, Cassidorus etc. Oriented with East at the top. Includes an inset map of the Island ot Tremite, and an inset with the dedication to Ortelius'friend to the most famous lordship Mr. Ioachim Camerarius of Nurnberg, most celebrated physician. In the cartouche at the bottom left: ""Hanc Italiæ partem exteriorem sic de:|scribere conaba … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-10 21:17:29
Gerard MERCATOR junior (1565 - 1656)
1595. Questa splendida carta dell'Africa appare per la prima volta nell' Atlas sive Cosmographicae ... di Gerard Mercator, pubblicato postumo nel 1595. Come indicato nel titolo, questa mappa è realizzata dal nipote di Gerard Mercator, Gerard Mercator Jr. che ha desunto le informazioni dalla grande mappa del mondo di suo nonno del 1569. Mercator senior, a sua volta, ha utilizzato come fonti i lavori di Gastaldi e Waldseemuller. Questa mappa ha un alto grado di precisione in particolare lungo la costa che non è stata ineguagliata per tutto il XVI secolo (Klemp). Gran parte delle regioni interne del continente rimanda alla tradizione tolemaica; il fiume Nilo è mostrato con le sue sorgenti nei Lunae Montes. A differenza però di altri cartografi, Mercator non ricorre alle raffigurazioni di animali. L'unica figura nella mappa è quella leggendaria del Prete Gianni, nell'area nordorientale. Il grande cartiglio con il titolo è decorato con dei frutti e due satiri. Incisione su rame, magnifica coloritura coeva, lievi fioriture sui margini bianchi, nel complesso in ottimo stato di conservazione. Questo esemplare è tratto dall'edizione francese dell'Atlas sive Cosmographicae A classic map of Africa. The map first appeared in Gerard Mercator's Atlas sive Cosmographicae..., published posthumously in 1595. As stated in the title, this map is by Gerard Mercator's grandson, Gerard Mercator Jr. He extracted the information for this map from his famous grandfather's large world map of 1569. Mercator also used as sources the Waldseemuller and Gastaldi maps. This map has a high degree of accura … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
______________________________________________________________________________


      Home     Wants Manager     Library Search     564 Years   Links     Contact      Search Help      Terms of Service      Privacy     


Copyright © 2020 viaLibri™ Limited. All rights reserved.