The viaLibri website requires cookies to work properly. You can find more information in our Terms of Service and Privacy Policy.

Displayed below are some selected recent viaLibri matches for books published in 1580
2017-05-05 12:55:42
[SMOUT, Adriaan Joriszoon (reply to)].
Knuttel 2073; NNBW III, cols. 941-944; STCN 832939587; Tiele, Pamfletten 1090. First and only edition of an anonymous pamphlet criticizing religious matters as advocated by the Remonstrants, published in answer to a pamphlet by the ultra-orthodox minister Adriaan Joriszoon Smout (1580-1646). Smout had published his pamphlet, entitled Schriftverlic ja over de vraghe, of leer-pointen ... het fondament der salicheyt raken ofte niet, in 1613. He stated, amongst other things, that the States should punish heresy and blasphemy with the death penalty. The States of Holland, however, were not amused by Smout's ideas: they banned the pamphlet and send Smout into exile. The present pamphlet disagrees with Smout's harsh opinions, and pleads for tolerance and peace within the Dutch Protestant Church.Slightly browned, especially around the margins. Stitches loosened, first quire detached from the rest. Otherwise in good condition.
Bookseller: ASHER Rare Books (Since 1830)
Check availability:
2017-05-03 10:36:51
BIBLE, LATIN [TREMELLIUS, Immanuel; JUNIUS, Franciscus]
London: Excudebat Henricus Middletonus, 1580. FIRST EDITION. Woodcut title vignette, woodcut initials, head- and tailpieces. Later tree calf in a contemporary style, spine with raised bands and "Biblia Sacra" in gilt; very narrow strip cut away from top of title page affecting manuscript ownership signature. Lacking the final two parts as well as the separate title pages for the second through fourth individual parts. Contemporary annotations. First edition of the first complete Latin Bible printed in England, one of five imprints of the 1580 edition. The Latin translation from the Hebrew and Syriac was the work of Immanuel Tremellius (1510-1580), an Italian Jewish convert, first to Catholicism, then to Protenstantism. In 1547 he was invited to England by Thomas Cranmer (1489-1556), the Archbishop of Canterbury. In 1549 he succeeded Paul Fagius as Regius professor of Hebrew at Cambridge. He was assisted by Franciscus Junius (the Elder) (1545-1602), his son-in-law. Tremellius' translation first appeared in 1569 in Geneva, and portions relating to the Old Testament were published at Franfurt between 1575 and 1579. He here improved on the work of Thomas Berthelet's 1535 partial printing of the Vulgate to such an extent that he ultimately exerted considerable influence in England and on the Continent ("Although his version was far from faultless, it evinced very thorough scholarship, and for long, both in England and on the continent, was adopted by the reformers as the most accurate Latin rendering. With some alterations it even received the sanction of the universities of Do … [Click Below for Full Description]
Bookseller: B & L Rootenberg Rare Books & Manuscripts [U.S.A.]
Check availability:
2017-05-03 10:34:35
BIBLE, LATIN [TREMELLIUS, Immanuel; JUNIUS, Franciscus]
Excudebat Henricus Middletonus, London. Woodcut title vignette, woodcut initials, head- and tailpieces. Later tree calf in a contemporary style, spine with raised bands and "Biblia Sacra" in gilt; very narrow strip cut away from top of title page affecting manuscript ownership signature. Lacking the final two parts as well as the separate title pages for the second through fourth individual parts. Contemporary annotations. First edition of the first complete Latin Bible printed in England, one of five imprints of the 1580 edition. The Latin translation from the Hebrew and Syriac was the work of Immanuel Tremellius (1510-1580), an Italian Jewish convert, first to Catholicism, then to Protenstantism. In 1547 he was invited to England by Thomas Cranmer (1489-1556), the Archbishop of Canterbury. In 1549 he succeeded Paul Fagius as Regius professor of Hebrew at Cambridge. He was assisted by Franciscus Junius (the Elder) (1545-1602), his son-in-law. Tremellius' translation first appeared in 1569 in Geneva, and portions relating to the Old Testament were published at Franfurt between 1575 and 1579. He here improved on the work of Thomas Berthelet's 1535 partial printing of the Vulgate to such an extent that he ultimately exerted considerable influence in England and on the Continent ("Although his version was far from faultless, it evinced very thorough scholarship, and for long, both in England and on the continent, was adopted by the reformers as the most accurate Latin rendering. With some alterations it even received the sanction of the universities of Douai and Louvain"; see … [Click Below for Full Description]
Bookseller: B & L Rootenberg Rare Books, ABAA [Sherman Oaks, CA, U.S.A.]
2017-05-03 10:34:35
BIBLE, LATIN [TREMELLIUS, Immanuel; JUNIUS, Franciscus]
Excudebat Henricus Middletonus, London. Woodcut title vignette, woodcut initials, head- and tailpieces. Later tree calf in a contemporary style, spine with raised bands and "Biblia Sacra" in gilt; very narrow strip cut away from top of title page affecting manuscript ownership signature. Lacking the final two parts as well as the separate title pages for the second through fourth individual parts. Contemporary annotations. First edition of the first complete Latin Bible printed in England, one of five imprints of the 1580 edition. The Latin translation from the Hebrew and Syriac was the work of Immanuel Tremellius (1510-1580), an Italian Jewish convert, first to Catholicism, then to Protenstantism. In 1547 he was invited to England by Thomas Cranmer (1489-1556), the Archbishop of Canterbury. In 1549 he succeeded Paul Fagius as Regius professor of Hebrew at Cambridge. He was assisted by Franciscus Junius (the Elder) (1545-1602), his son-in-law. Tremellius' translation first appeared in 1569 in Geneva, and portions relating to the Old Testament were published at Franfurt between 1575 and 1579. He here improved on the work of Thomas Berthelet's 1535 partial printing of the Vulgate to such an extent that he ultimately exerted considerable influence in England and on the Continent ("Although his version was far from faultless, it evinced very thorough scholarship, and for long, both in England and on the continent, was adopted by the reformers as the most accurate Latin rendering. With some alterations it even received the sanction of the universities of Douai and Louvain"; see … [Click Below for Full Description]
Bookseller: B & L Rootenberg Rare Books, ABAA [Sherman Oaks, CA, U.S.A.]
2017-05-03 10:34:35
BIBLE, LATIN [TREMELLIUS, Immanuel; JUNIUS, Franciscus]
Bookseller: B & L Rootenberg Rare Books, ABAA [Sherman Oaks, CA, U.S.A.]
2017-05-03 10:34:35
BIBLE, LATIN [TREMELLIUS, Immanuel; JUNIUS, Franciscus]
Excudebat Henricus Middletonus, London, 1580. Woodcut title vignette, woodcut initials, head- and tailpieces. Later tree calf in a contemporary style, spine with raised bands and "Biblia Sacra" in gilt; very narrow strip cut away from top of title page affecting manuscript ownership signature. Lacking the final two parts as well as the separate title pages for the second through fourth individual parts. Contemporary annotations. First edition of the first complete Latin Bible printed in England, one of five imprints of the 1580 edition. The Latin translation from the Hebrew and Syriac was the work of Immanuel Tremellius (1510-1580), an Italian Jewish convert, first to Catholicism, then to Protenstantism. In 1547 he was invited to England by Thomas Cranmer (1489-1556), the Archbishop of Canterbury. In 1549 he succeeded Paul Fagius as Regius professor of Hebrew at Cambridge. He was assisted by Franciscus Junius (the Elder) (1545-1602), his son-in-law. Tremellius' translation first appeared in 1569 in Geneva, and portions relating to the Old Testament were published at Franfurt between 1575 and 1579. He here improved on the work of Thomas Berthelet's 1535 partial printing of the Vulgate to such an extent that he ultimately exerted considerable influence in England and on the Continent ("Although his version was far from faultless, it evinced very thorough scholarship, and for long, both in England and on the continent, was adopted by the reformers as the most accurate Latin rendering. With some alterations it even received the sanction of the universities of Douai and Louvain" … [Click Below for Full Description]
Bookseller: B & L Rootenberg Rare Books, ABAA [Sherman Oaks, CA, U.S.A.]
2017-05-03 10:08:32
Holzschnitte aus Seb. Münster, "Cosmographia", um 1580, von 7 x 13 bis 21,5 x 15,5 cm. Die Darstellungen sind: Landkarte mit "Nammen der Gruben im Furtelbach. Im Surbetz Thal. Im Prahegetzer Thal. Im Eckreicher Thal", von Leberau bis Eckrich; vier "Scheider unnd Wäscher auff dem Sumpff"; drei "Syb(=Sieb)wäscher"; drei "Kruckenwäscher"; drei "Weyber die Ertz klauben"; "Bochwerck damit man Ertz bocht", mit einem Arbeiter in einer offenen Hütte, der das gewonnene Erz zum Zerpochen unter die Stampfer schiebt, die von einem Wassermühlrad mittels einer Daumenwelle bewegt werden; "Wie man Ertz lifert und theilet", mit der "Scheid-Hütten", dem "Gewerker", dem "Ertzführer" samt dreispännigem Fuhrwerk usw.; "Schmelzhütten" mit dem brennenden Schmelzoffen, dem von einem Wassermühlrad getriebenem Blasebalg, einem Arbeiter mit Schöpfkelle für das flüssige Metall usw. Dazu kleine Ansicht des Klosters Hagenthal (Leberau), 3,5 x 5 cm. - Im Rand gering fleckig. Versand D: 6,00 EUR Berufe, Bergwerke
Bookseller: Peter Bierl Buch- & Kunstantiquariat [Eurasburg, Germany]
2017-05-02 16:59:12
Rom, Kapitol -
Kupfer-Radierung, Du Perac ca. 1580. Ca. 21 x 38 cm. Interessantes Blatt aus Du Perac, I vestigi delle antichità di Roma, welches erstmals 1575 erschienen, später jedoch mehrfach wiederaufgelegt worden war. Du Peracs Veduten zeichnen sich durch große topographische Genauigkeit aus und sind eine hervorragende Quelle für die damals noch existierenden Ruinen. Auf dem vorliegenden Stich sieht man das alte Tabularium noch im Zustand des Umbaus in eine Festung. Die drei charakteristischen Säulen des Vespasiantempels sind fast bis zur Hälfte im Schutt versunken. Interesting sheet of Du Perac. One can see the Tabularium in condition of the reconstruction into a fortification. The three characteristical pillars of the Vespasian-temple are up to the halves sunken in rubbish.
Bookseller: Antiquariat Peter Fritzen [Trier, Germany]
Check availability:
2017-05-02 16:16:08
Mercator Gerard
1580 circa. Inc. in rame, mm.350x460 alla battuta, integri marg. bianchi. Confini col. all'epoca, tit. entro cartiglio. Lievemente arrossata peraltro perfetta conservaz.
Bookseller: Taberna Libraria
2017-05-02 13:31:29
Verhel, Arnold
Seltenes Werk über die Aristotelische Ideenphilosophie. Arnold Verhel (1580-1664) war Professor der Philosophie an der Universität Franeker. Kleinformat. An 3 Stellen ausgebessert (Stempel beseitigt?), kleiner Textverlust. Sehr selten
Bookseller: stebloom [Germany]
2017-05-02 13:16:47
Kupferstich. Am Rand leicht gebräunt, sonst gut.
Bookseller: Plesse Antiquariat Minzloff
2017-05-02 11:40:19
um 1580. - Gesamtansicht aus der Vogelschau. Kolor. Kupferstich aus Braun und Hogenberg, Civitates orbis Terrarum, Bd. I, Köln um 1580. - 9,2 x 21,3 cm. - Glatt, sauber und frisch. - Fauser 6077. Zweiter Zustand. Sprache: Deutsch Gewicht in Gramm: 0
Bookseller: Buch- und Kunstantiquariat Tobias Müller
2017-05-01 18:30:59
Rom, Engelsburg -
Bookseller: Antiquariat Peter Fritzen [Trier, Germany]
Check availability:
2017-05-01 16:02:01
Rotmar, Valentin:
Ingolstadt, Ex typographia Weissenborniana apud Wolfgang Ederum 1580 - Ca. 19,5 x 16 cm. (16) S., 164 S., (3) Seiten. Mit Titelbordüre, Schmuckinitialen und -leisten. Druckermarke am Schluss. Halbpergamentband der Zeit mit handgeschriebenem Rückentitel. VD16 R 3332. Rücken bestoßen und mit Fehlstellen. Vorderes fliegendes Vorsatzblatt fehlt. Buchdeckel innen sowie einige Blätter mit Wurmgang (nur sehr geringe Buchstabenverluste). Text in Latein.
Bookseller: Rainer Kurz - Antiquariat
Check availability:
2017-04-30 11:37:05
In Fiorenza, appresso Giorgio Marescotti, [c. 1580], in-4, privo di copertine, pp. [8]. Con stemma mediceo in xilografia sul front. Piccolo foro con perdita di poche lettere sull'ultima carta. Per la data di stampa presunta cfr. ICCU IT\ICCU\LIAE\042133. [Attributes: Soft Cover]
Bookseller: Libreria Oreste Gozzini snc [Firenze, FI, Italy]
2017-04-29 17:39:13
Bussemacher Johann (1580 - 1613 )
Artist: Bussemacher Johann ( - 1613 ) ; issued in : Cologne; date: 1590 1580 - - technic: Copper print; colorit: original colored; condition: Perfect condition; size (in cm): 18,5 x 27 - description: Map depicts Spain with Portugal, the Balear islands with decorative cartouche.
Bookseller: Antique Sommer& Sapunaru KG
2017-04-29 15:03:35
Francesco VALEGIO (1570 ca. - 1643 ca.)
1580. Pianta della città tratta dalla celebre raccolta urbana di Francesco Valegio. La Raccolta di le piu illustri et famose citta di tutto il mondo, edita da Francesco Valegio a Venezia verso la fine del' 500, comprende circa 322 piante e vedute delle principali città del mondo conosciuto. Di questo volume si conservano diversi esemplari, tutti con numero variabile di incisioni e tutti privi di un indice a stampa. Inoltre gran parte delle tavole contenute nella raccolta del Valegio furono inserite nella Nuova raccolta di tutte le più illustri et famose città di tutto il mondo curata da Donato Rasciotti ed edita alla fine del sedicesimo secolo. Tuttavia è persino incerto quale delle due raccolte venne per prima alla luce ed ignote sono le datazioni di tutte le tirature conosciute. Le tavole che compaiono nelle Raccolta, che senza dubbio possiamo considerare come la sua operà più importante, sono tutte prive di data, ad eccezione di quelle di Algeri, Costantinopoli e Rodi, firmate da Martino Rota, che recano la data 1572. Le piante e le vedute firmate dal Rota, incisore nativo di Sebenico attivo a Venezia fino al 1573, costituiscono senza dubbio il nucleo più antico dell'opera e fanno ritenere che questa sia stata un progetto editoriale iniziato proprio dall'incisore dalmata. La presenza di questa tavole aveva portato in un primo momento a datare l'opera al 1579, data che sembra tuttavia molto improbabile. Molte delle immagini riprendono modelli figurativi apparsi nei primi volumi del Civitates Orbis Terrarum editi tra il 1572 ed il 1588 (e successivamente ristampati sino al … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-04-28 20:48:41
Aristoteles
Dominicum Farreum, 1580. [Minuscolo-Aristoteles] (cm. 11) solida mz. pergamena fine '700, titolo ms. al dorso.-- cc. 176. Titolo entro piccola bordura xilografica figurata, carattere rotondo, bei capilettera ornati. Edizione minuscola elegante e molto rara. MAnca al Moranti, Bm. Stc. e a molta bibliografia consultata. Vecchio rinforzo al verso del frontis per piccolo strappetto, qualche lievissimo alone qua e là, ma buono e nitido esemplare. * Adams A 1936; * Cranz " Bibliography of Aristotle" addenda pag. 155; * Index Aureliensis 108-650 B. Il Census Iccu registra solo 10 copie presenti nelle biblioteche italiane.[f65] Libro
Bookseller: Libri Antichi e Rari Francesco&Claudia
2017-04-28 19:45:13
Francesco VALEGIO (1570 ca. - 1643 ca.)
1580. La Raccolta di le piu illustri et famose citta di tutto il mondo, edita da Francesco Valegio a Venezia verso la fine del' 500, comprende circa 322 piante e vedute delle principali città del mondo conosciuto. Di questo volume si conservano diversi esemplari, tutti con numero variabile di incisioni e tutti privi di un indice a stampa. Inoltre gran parte delle tavole contenute nella raccolta del Valegio furono inserite nella Nuova raccolta di tutte le più illustri et famose città di tutto il mondo curata da Donato Rasciotti ed edita alla fine del sedicesimo secolo. Tuttavia è persino incerto quale delle due raccolte venne per prima alla luce ed ignote sono le datazioni di tutte le tirature conosciute. Francesco Valegio nasce a Bologna circa nel 1560, anche se alcuni studiosi gli accreditano un'origine veronese; la sua attività di incisore ed editore calcografo si svolge tutta a Venezia, spesso in associazione con altri stampatori. Le tavole che compaiono nelle Raccolta, che senza dubbio possiamo considerare come la sua operà più importante, sono tutte prive di data, ad eccezione di quelle di Algeri, Costantinopoli e Rodi, firmate da Martino Rota, che recano la data 1572. Le piante e le vedute firmate dal Rota, incisore nativo di Sebenico attivo a Venezia fino al 1573, costituiscono senza dubbio il nucleo più antico dell'opera e fanno ritenere che questa sia stata un progetto editoriale iniziato proprio dall'incisore dalmata. La presenza di questa tavole aveva portato in un primo momento a datare l'opera al 1579, data che sembra tuttavia molto improbabile. Molte delle imm … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-04-28 19:45:13
Francesco VALEGIO (1570 ca. - 1643 ca.)
1580. La Raccolta di le piu illustri et famose citta di tutto il mondo, edita da Francesco Valegio a Venezia verso la fine del' 500, comprende circa 322 piante e vedute delle principali città del mondo conosciuto. Di questo volume si conservano diversi esemplari, tutti con numero variabile di incisioni e tutti privi di un indice a stampa. Inoltre gran parte delle tavole contenute nella raccolta del Valegio furono inserite nella Nuova raccolta di tutte le più illustri et famose città di tutto il mondo curata da Donato Rasciotti ed edita alla fine del sedicesimo secolo. Tuttavia è persino incerto quale delle due raccolte venne per prima alla luce ed ignote sono le datazioni di tutte le tirature conosciute. Francesco Valegio nasce a Bologna circa nel 1560, anche se alcuni studiosi gli accreditano un'origine veronese; la sua attività di incisore ed editore calcografo si svolge tutta a Venezia, spesso in associazione con altri stampatori. Le tavole che compaiono nelle Raccolta, che senza dubbio possiamo considerare come la sua operà più importante, sono tutte prive di data, ad eccezione di quelle di Algeri, Costantinopoli e Rodi, firmate da Martino Rota, che recano la data 1572. Le piante e le vedute firmate dal Rota, incisore nativo di Sebenico attivo a Venezia fino al 1573, costituiscono senza dubbio il nucleo più antico dell'opera e fanno ritenere che questa sia stata un progetto editoriale iniziato proprio dall'incisore dalmata. La presenza di questa tavole aveva portato in un primo momento a datare l'opera al 1579, data che sembra tuttavia molto improbabile. Molte delle imm … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-04-28 19:45:13
Francesco VALEGIO (1570 ca. - 1643 ca.)
1580. La Raccolta di le piu illustri et famose citta di tutto il mondo, edita da Francesco Valegio a Venezia verso la fine del' 500, comprende circa 322 piante e vedute delle principali città del mondo conosciuto. Di questo volume si conservano diversi esemplari, tutti con numero variabile di incisioni e tutti privi di un indice a stampa. Inoltre gran parte delle tavole contenute nella raccolta del Valegio furono inserite nella Nuova raccolta di tutte le più illustri et famose città di tutto il mondo curata da Donato Rasciotti ed edita alla fine del sedicesimo secolo. Tuttavia è persino incerto quale delle due raccolte venne per prima alla luce ed ignote sono le datazioni di tutte le tirature conosciute. Francesco Valegio nasce a Bologna circa nel 1560, anche se alcuni studiosi gli accreditano un'origine veronese; la sua attività di incisore ed editore calcografo si svolge tutta a Venezia, spesso in associazione con altri stampatori. Le tavole che compaiono nelle Raccolta, che senza dubbio possiamo considerare come la sua operà più importante, sono tutte prive di data, ad eccezione di quelle di Algeri, Costantinopoli e Rodi, firmate da Martino Rota, che recano la data 1572. Le piante e le vedute firmate dal Rota, incisore nativo di Sebenico attivo a Venezia fino al 1573, costituiscono senza dubbio il nucleo più antico dell'opera e fanno ritenere che questa sia stata un progetto editoriale iniziato proprio dall'incisore dalmata. La presenza di questa tavole aveva portato in un primo momento a datare l'opera al 1579, data che sembra tuttavia molto improbabile. Molte delle imm … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-04-28 19:45:13
Francesco VALEGIO (1570 ca. - 1643 ca.)
1580. La Raccolta di le piu illustri et famose citta di tutto il mondo, edita da Francesco Valegio a Venezia verso la fine del' 500, comprende circa 322 piante e vedute delle principali città del mondo conosciuto. Di questo volume si conservano diversi esemplari, tutti con numero variabile di incisioni e tutti privi di un indice a stampa. Inoltre gran parte delle tavole contenute nella raccolta del Valegio furono inserite nella Nuova raccolta di tutte le più illustri et famose città di tutto il mondo curata da Donato Rasciotti ed edita alla fine del sedicesimo secolo. Tuttavia è persino incerto quale delle due raccolte venne per prima alla luce ed ignote sono le datazioni di tutte le tirature conosciute. Francesco Valegio nasce a Bologna circa nel 1560, anche se alcuni studiosi gli accreditano un'origine veronese; la sua attività di incisore ed editore calcografo si svolge tutta a Venezia, spesso in associazione con altri stampatori. Le tavole che compaiono nelle Raccolta, che senza dubbio possiamo considerare come la sua operà più importante, sono tutte prive di data, ad eccezione di quelle di Algeri, Costantinopoli e Rodi, firmate da Martino Rota, che recano la data 1572. Le piante e le vedute firmate dal Rota, incisore nativo di Sebenico attivo a Venezia fino al 1573, costituiscono senza dubbio il nucleo più antico dell'opera e fanno ritenere che questa sia stata un progetto editoriale iniziato proprio dall'incisore dalmata. La presenza di questa tavole aveva portato in un primo momento a datare l'opera al 1579, data che sembra tuttavia molto improbabile. Molte delle imm … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-04-28 19:45:13
Francesco VALEGIO (1570 ca. - 1643 ca.)
1580. La Raccolta di le piu illustri et famose citta di tutto il mondo, edita da Francesco Valegio a Venezia verso la fine del' 500, comprende circa 322 piante e vedute delle principali città del mondo conosciuto. Di questo volume si conservano diversi esemplari, tutti con numero variabile di incisioni e tutti privi di un indice a stampa. Inoltre gran parte delle tavole contenute nella raccolta del Valegio furono inserite nella Nuova raccolta di tutte le più illustri et famose città di tutto il mondo curata da Donato Rasciotti ed edita alla fine del sedicesimo secolo. Tuttavia è persino incerto quale delle due raccolte venne per prima alla luce ed ignote sono le datazioni di tutte le tirature conosciute. Francesco Valegio nasce a Bologna circa nel 1560, anche se alcuni studiosi gli accreditano un'origine veronese; la sua attività di incisore ed editore calcografo si svolge tutta a Venezia, spesso in associazione con altri stampatori. Le tavole che compaiono nelle Raccolta, che senza dubbio possiamo considerare come la sua operà più importante, sono tutte prive di data, ad eccezione di quelle di Algeri, Costantinopoli e Rodi, firmate da Martino Rota, che recano la data 1572. Le piante e le vedute firmate dal Rota, incisore nativo di Sebenico attivo a Venezia fino al 1573, costituiscono senza dubbio il nucleo più antico dell'opera e fanno ritenere che questa sia stata un progetto editoriale iniziato proprio dall'incisore dalmata. La presenza di questa tavole aveva portato in un primo momento a datare l'opera al 1579, data che sembra tuttavia molto improbabile. Molte delle imm … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-04-28 19:45:13
Francesco VALEGIO (1570 ca. - 1643 ca.)
1580. Descrizione La Raccolta di le piu illustri et famose citta di tutto il mondo, edita da Francesco Valegio a Venezia verso la fine del' 500, comprende circa 322 piante e vedute delle principali città del mondo conosciuto. Di questo volume si conservano diversi esemplari, tutti con numero variabile di incisioni e tutti privi di un indice a stampa. Inoltre gran parte delle tavole contenute nella raccolta del Valegio furono inserite nella Nuova raccolta di tutte le più illustri et famose città di tutto il mondo curata da Donato Rasciotti ed edita alla fine del sedicesimo secolo. Tuttavia è persino incerto quale delle due raccolte venne per prima alla luce ed ignote sono le datazioni di tutte le tirature conosciute. Francesco Valegio nasce a Bologna circa nel 1560, anche se alcuni studiosi gli accreditano un'origine veronese; la sua attività di incisore ed editore calcografo si svolge tutta a Venezia, spesso in associazione con altri stampatori. Le tavole che compaiono nelle Raccolta, che senza dubbio possiamo considerare come la sua operà più importante, sono tutte prive di data, ad eccezione di quelle di Algeri, Costantinopoli e Rodi, firmate da Martino Rota, che recano la data 1572. Le piante e le vedute firmate dal Rota, incisore nativo di Sebenico attivo a Venezia fino al 1573, costituiscono senza dubbio il nucleo più antico dell'opera e fanno ritenere che questa sia stata un progetto editoriale iniziato proprio dall'incisore dalmata. La presenza di questa tavole aveva portato in un primo momento a datare l'opera al 1579, data che sembra tuttavia molto improbabile. Mol … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-04-28 19:45:13
Francesco VALEGIO (1570 ca. - 1643 ca.)
1580. La Raccolta di le piu illustri et famose citta di tutto il mondo, edita da Francesco Valegio a Venezia verso la fine del' 500, comprende circa 322 piante e vedute delle principali città del mondo conosciuto. Di questo volume si conservano diversi esemplari, tutti con numero variabile di incisioni e tutti privi di un indice a stampa. Inoltre gran parte delle tavole contenute nella raccolta del Valegio furono inserite nella Nuova raccolta di tutte le più illustri et famose città di tutto il mondo curata da Donato Rasciotti ed edita alla fine del sedicesimo secolo. Tuttavia è persino incerto quale delle due raccolte venne per prima alla luce ed ignote sono le datazioni di tutte le tirature conosciute. Francesco Valegio nasce a Bologna circa nel 1560, anche se alcuni studiosi gli accreditano un'origine veronese; la sua attività di incisore ed editore calcografo si svolge tutta a Venezia, spesso in associazione con altri stampatori. Le tavole che compaiono nelle Raccolta, che senza dubbio possiamo considerare come la sua operà più importante, sono tutte prive di data, ad eccezione di quelle di Algeri, Costantinopoli e Rodi, firmate da Martino Rota, che recano la data 1572. Le piante e le vedute firmate dal Rota, incisore nativo di Sebenico attivo a Venezia fino al 1573, costituiscono senza dubbio il nucleo più antico dell'opera e fanno ritenere che questa sia stata un progetto editoriale iniziato proprio dall'incisore dalmata. La presenza di questa tavole aveva portato in un primo momento a datare l'opera al 1579, data che sembra tuttavia molto improbabile. Molte delle imm … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-04-28 19:35:24
DOLCE Lodovico.
Appresso Gioliti (Gabriel Giolito De Ferrari), 1580. Opera dedicata a Benedetto Guidi. Cm.12,3x7. Pg.478. Legatura coeva in piena pergamena molle. Marca tipografica al frontespizio e emblema editoriale con fenice del Giolito all'ultima carta. Cartigli e capilettera incisi. Limitata marginatura superiore. Il volume raccoglie opere di Angelo Poliziano, Antonio Placidi, Annibal Tosco, Aloigi Gonzaga, Bernardo Tasso, Claudio Tolomei, Francesco Bologneti, Giacomo Bonfadio, Giovangiacomo Dal Pero, Hieronimo Beniveni, Luigi Alamanni, Lodo Martelli, Molza, Malatesta da Rimini, Pompeo Pace, Vittoria Colonna, Veronica Gambara, Vincenzo Quirino. Lodovico Dolce, poligrafo e traduttore di nobile famiglia veneziana (1508 - 1568), studiò a Padova e Venezia per poi mettersi a lavorare sotto la protezione del Giolito. Amico di Pietro Aretino, ebbe attività frenetica, sempre al confine tra l'opera di traduzione e quella di creazione.
Bookseller: Studio Bibliografico Pera
2017-04-27 21:37:29
Helmold von Bosau u. Arnold von Lübeck.
Fol. Mit 3 Holzschn.-Druckermarken u. einigen Holzschn.-Initialen u. -Vignetten. 6 Bll., 233 (1) S., 3 Bll. 55 (1) S. - Angeb. - Ditmarus von Merseburg. Chronici Ditmari Episcopi Mersepurgii, libri VII. nunc primum in lucem editi [...] Reinero Reineccio [...]. Ebda., 1580. Mit 2 Holzschn.-Druckermarken, einigen Holzschn.-Initialen u. -Vignetten u. einer gefalt. Stammtafel. 6 Bll., 123 (recte 122) S., 3 Bll. - Angeb. - Widukindus Corbeiensis. Annales Witichindi Monachi Corbeiensis, familiae Benedictinae: editi de fide codicis [...]. Ebda., 1577. Mit 2 Holzschn.-Druckermarken u. einigen Holzschn.-Initialen u. -Vignetten. 4 Bll., 71 (1) S. - Angeb. - Reineck, Reiner. Origines illustriss. stirpis Brandenburgicae, seu historiae expositiones geminae de nobiliss. et antiquiss. Welforum [...]. Item commentarius de Marchionum [...]. (Daran: Sabinus, Georg. Historia de vita Hugonis et Theoderici). 2 Teile. Ebda., 1581. Mit 2 Holzschn.-Druckermarken u. einigen Holzschn.-Initialen u. -Vignetten. 81 (1) S., 1 Bl. - Angeb. - Monachus Pegaviensis. Historia de vita et rebus gestis Viperti, Marchionis Lusatiae, Burggrafii Magdeburgensis [...]. Ebda., 1580. Mit einer Holzschn.-Druckermarke u. einigen Holzschn.-Initialen u. -Vignetten. 2 Bll., (1) 46 S. - Angeb. - Reineck, Reiner. Oratio de historia eiusque dignitate [...]. Ebda., 1580. Mit einer Holzschn.-Druckermarke u. einigen Holzschn.-Initialen u. -Vignetten. 2 Bll., 31 (1) S. - Angeb. - Helmoldus Bosoviensis. Historia de vita et rebus gestis Adolfi II. [...]. Excerpta de annalibus Helmoldi [...]. Ebda., 1580. Mit 2 Holzschn.-Druckerm … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Antiquariat Wolfgang Friebes
2017-04-27 10:47:24
Saarburg -:
Köln, Braun-Hogenberg, um 1580. - Circa 14 x 39,5 cm. 1 Blatt verso lateinischer Text mit Initiale Ansicht der Stadt mit Blick über die Saar und gest. Bezeichnung der wichtigsten Gebäude. "- Gleichmäßig etwas gebräunt, minimale Bereibung im Bug, unterer weißer Rand alt angesetzt, nur in den Rändern wenig fleckig, sonst gutes, sauberes Blatt mit schönem KOLORIT.
Bookseller: Antiquariat Thomas Rezek
Check availability:
2017-04-26 19:56:03
Kol. Kupferstich von Ortelius nach E. Reich, um 1580, 31 x 24,5 cm. Van den Broecke 112a. - Ausgabe mit Titelleiste am unteren Rand. - Gesamtkarte in kräftigem Flächenkolorit.
Bookseller: Buch- und Kunstantiquariat [Germany]
2017-04-26 16:59:30
HIPPOCRATE -
Used. Lugduni, apud Ioan. Tornaesium, 1580, 16mo legatura coeva piena pergamena con titoli manoscritti al dorso, pp. (16)-420-(12) marca tipografica xilografica al frontespizio con motto "Quod tibi fieri non vis alteri ne feceri" e stemma tondo con motto "Nescit labi virtus" all'ultima carta, testatine e capolettera xilografici, numerose chiose d'epoca. Exlibris di apparteneza "Loris Premuda" all'interno del piatto anteriore.
Bookseller: Libreria Piani già Naturalistica Snc [Monte San Pietro, BO, Italy]
2017-04-26 16:40:57
Orient, Indien, India, Kalkutta, Kolkata, Hormus, Kannur, Elmina -:
Köln, Braun-Hogenberg, 1580. circa 52 x 38,5 cm (Blatt)., 1 Blatt. verso weiß Oben große Ansicht von Kalkutta in Indien, mit Schiffen und Elefanten, darunter die Stadt Hormus im Persischen Golf, Kannur (Cannanore) an der indischen Malabarküste und die portugisische Festung an der westafrikanischen Goldküste Sao Jorge da Mina (Elmina) in Ghana. - Gleichmäßig gebräunt (im Preis berücksichtigt) und leicht fleckig, mit geglätteter Mittelfalte. - Ganzes Blatt. - The whole leaf, uniformly browned (! Price reduced). [4 Warenabbildungen bei antiquariat.de]
Bookseller: Antiquariat Thomas Rezek [München, Germany]
2017-04-26 12:26:21
Pappus, Johann
Georg Gruppenbach, 1580. [4777]Stabiler Ledereinband mit Blindprägung, sechs Bünde, Farbschnitt, die einzelnen (zusammengebundenen) Werke sind durch kleine seitliche Marker unterteilt, Buchdeckel mit noch erkennbaren kleinen Schlitzen (ehemalige Schließe oder Verschlussbänder), vorne und hinten an den ersten Blättern kleine Insektenfraßstellen (nicht im Textbereich), ansonsten für dieses Alter gut bis sehr gut und solide erhalten.
Bookseller: Cori-Books [Germany]
2017-04-26 12:15:06
Petrus Lotichius::
Lipsiae (Leipzig)., 1580.. 260 S. mit kl. Holzschnittill. auf Titel und hinterem Vorsatz. Kl.-8°. Späterer schlichter Leineneinband. Lateinischer Text..Wenige Flecken und Unterstreichungen. Wenige Marginalien mit alter Tinte.Der hintere Druckvermerk ist 1581 bei Steinman benannt. Goedeke II/103. Beigabe: Org. Kupferstich mit dem Porträt des Petrus Lotichius Secundus von J, Houbraken (18 x 13,5 cm). Versand D: 5,00 EUR Lotichius
Bookseller: Antiquariat Ulenspiegel GmbH
2017-04-26 09:48:39
PORCACCHI TOMMASO.
1580. Incisione in rame di mm 110x150, su foglio di mm 300x205. Tratta da "L'isole più famose del mondo" (prima ed. 1572) in cui il Porcacchi (1530-1585) continua idealmente la tradizione iniziata da Cristoforo Buondelmonti con il primo isolario (manoscritto) risalente al 1420, seguito da quelli di Bartolomeo dalli Sonetti, Bordone e Camocio. In quest'opera vengono descritte tutte le isole conosciute al tempo, con la descrizione geografica e fisica, e con la presentazione degli usi e costumi degli abitanti. Bell'esemplare, con due lavori di tarlo al di fuori della battuta.
Bookseller: Libreria Antiquaria Perini s.a.s.
2017-04-26 09:48:39
PORCACCHI TOMMASO.
1580. Incisione in rame di mm 110x150, su foglio di mm 300x205. Tratta da "L'isole più famose del mondo" (prima ed. 1572) in cui il Porcacchi (1530-1585) continua idealmente la tradizione iniziata da Cristoforo Buondelmonti con il primo isolario (manoscritto) risalente al 1420, seguito da quelli di Bartolomeo dalli Sonetti, Bordone e Camocio. In quest'opera vengono descritte tutte le isole conosciute al tempo, con la descrizione geografica e fisica e la presentazione degli usi e costumi degli abitanti. Bell'esemplare, con due lavori di tarlo al di fuori della battuta.
Bookseller: Libreria Antiquaria Perini s.a.s.
2017-04-26 09:48:39
PORCACCHI TOMMASO
1580. Incisione in rame di mm 110x148, su foglio di mm 300 x 215. Tratta da "L'isole più famose del mondo" (prima ed. 1572) in cui Porcacchi (1530-1585) continua idealmente la tradizione iniziata da Cristoforo Buondelmonti con il primo isolario (manoscritto) risalente al 1420, seguito da quelli di Bartolomeo dalli Sonetti, Bordone e Camocio. In quest'opera vengono descritte tutte le isole conosciute al tempo, con la descrizione gesografica e fisica, e con la presentazione degli usi e costumi degli abitanti. Bell' esemplare.
Bookseller: Libreria Antiquaria Perini s.a.s.
2017-04-26 09:48:39
PORCACCHI TOMMASO
1580. Incisione in rame di mm 110x148, su foglio di mm 300x210. Tratta da "L'isole più famose del mondo" (prima ed. 1572) in cui Porcacchi (1530-1585) continua idealmente la tradizione iniziata da Cristoforo Buondelmonti con il primo isolario (manoscritto) risalente al 1420, seguito da quelli di Bartolomeo dalli Sonetti, Bordone e Camocio. In quest'opera vengono descritte tutte le isole conosciute al tempo, con la descrizione gesografica e fisica, e con la presentazione degli usi e costumi degli abitanti. Bell'esemplare.
Bookseller: Libreria Antiquaria Perini s.a.s.
2017-04-26 09:48:39
PORCACCHI TOMMASO
1580. Incisione in rame di mm 110x148, su foglio di mm 300 x 215. Tratta da "L'isole più famose del mondo" (prima ed. 1572) in cui Porcacchi (1530-1585) continua idealmente la tradizione iniziata da Cristoforo Buondelmonti con il primo isolario (manoscritto) risalente al 1420, seguito da quelli di Bartolomeo dalli Sonetti, Bordone e Camocio. In quest'opera vengono descritte tutte le isole conosciute al tempo, con la descrizione gesografica e fisica, e con la presentazione degli usi e costumi degli abitanti. Bell' esemplare.
Bookseller: Libreria Antiquaria Perini s.a.s.
2017-04-25 22:42:41
Landkarte LUXEMBURG. Lutzenburgensis Ducatus veriss. descript. * Altkolor. Kupferkarte mit Kartusche. * Von J. Surhon bei P. Kaerius aus Guicciardini, 1580. Qu.-kl.-fol. (36,5 x 49 mit Rand 43,5 x 56,5 cm).
. LUXEMBURG. Lutzenburgensis Ducatus veriss. descript. * Altkolorierte Kupferkarte mit Kartusche. * Von J. Surhon bei P. Kaerius aus Guicciardini, 1580. Qu.-kl.-fol. (36,5 x 49 mit Rand 43,5 x 56,5 cm). - Farbfrisch mit Rand. - ? Van der Vekene 2.03. - Schönes Exemplar, eigentlich keine Gebrauchsspuren, Zustand siehe Fotos. .
Bookseller: aaa4 [Germany]
2017-04-25 19:15:30
Braun/Hogenberg "Civitates ."
Braun/Hogenberg "Civitates .". Radierung, verlegt von Braun/Hogenberg, anno 1580, in Civitates Orbis Terrarum, koloriert, min. Randläsuren, Blatt: 40x54 cm. Lat. Rückentext [Attributes: Hard Cover]
Bookseller: Hammelburger Antiquariat [Hammelburg, Germany]
2017-04-25 17:42:54
AGUSTIN Y ALBANELL (Antonio) ].
Tarracone, Apud Philippum Mey, 1580. - in-4. 28ff. 411pp. 24ff. Plein vélin souple, titre manuscrit au dos (reliure de l'époque). Edition Originale de cet ouvrage important pour l'histoire de Tarragone, publié par le grand humaniste et historien espagnol Antonio Agustin i Albanell. Né à Saragosse en 1516, Agustin étudia dans les universités d'Alcala de Henares et de Salamanque, puis dans celle de Bologne en Italie. Il fut un éminent jurisconsulte qui se vit confier d'importantes fonctions, dont celle d'auditeur dans la Sacra Rota Romana pour laquelle il avait eu l'appui de l'empereur Charles V. Evêque de Lérida en 1561 il fut nommé en 1576 évêque de Tarragone où il mourut en 1586. Cet ouvrage contient les règles - issues notamment des différents conciles qui avaient eu lieu à Tarragone- qui organisaient la vie sociale et la vie ecclésiastique. Il contient des directives sur les moeurs, l'économie, le commerce, l'alimentation, les sortilèges, les Juifs, les Arabes, etc. "Fruit de la réforme catholique autant que du renouveau des études juridiques, le droit écclésiastique fut également l'objet de publications savantes autant que de commenaires érudits ( ) Les travaux d'Antonio Agustin ne furent pas négligeables à cet égard. Philologue, numismate, historien du droit romain, il apporta à l'étude du droit canonique toutes les ressources de l'humanisme juridique dont il était l'un des meilleurs interprètes. Citons de lui son "Epitome Juris Pontifici" et ses "Constitutionum provincialium Tarraconensium libri quinque (1580), recueil des conciles de Tarragone et des ordonnances des … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Librería Comellas
2017-04-25 12:01:32
Moleti, Giuseppe:
Venedig, Petrus Dehuchinus 1580 - 2 Teile in 1 Band. 4°. 8 n.n. Bl., 50 Bl., 88 Bl., 37 Bl., 1 n.n. S. Errata und Druckvermerk. Mit einigen Holzschnittdiagrammen im Text. Der am Schluss gedruckte Kalender in Rot und Schwarz. Etwas späterer Lederband mit rotem goldgeprägtem Rückenschild, Rückenvergoldung und blindgepräger Deckelfiletierung. Riccardi I, 164-65. - Erste Ausgabe. - Einer der wichtigsten Texte zur Kalenderreform unter Gregor XIII, dem das Buch gewidmet ist. Moleti (oder Moletti) (1531-1588) war Physiker, Mathematiker und Astronom. Er war der Vorgänger Galileo Galileis an der Universität von Padua. Früh wurde bei dem aus vornehmen Hause stammenden Moleti die mathematische Begabung erkannt und gefördert. So wurde er Lehrer des Prinzen des Herzogs von Mantova und 1577 Professor der Mathematik in Padua. Die von der Republik Venedig in Auftrag gegebene Arbeit fand bei Papst Gregor XIII Anerkennung und wurde mit 300 Dukaten belohnt. Zu Lebzeiten veröffentlichte Moleti neben der vorliegenden Schrift nur noch eine Einleitung in die Geographie, einen Band mit Ephemeriden, ein astronomisches Tafelwerk. Als Professor behandelte er jedoch auch die aktuellen Forschungen seiner Zeit, wie ein Kommentar zu Nikolaus Kopernikus De revolutionibus orbium coelestium zeigt. - Aus der Bibliothek des Earls of Macclesfield's "South Library" at Shirburn Castle, mit gestochenem Exlibris auf dem Innendeckel. - Einband an den Kanten leicht beschabt und im Rückengelenk angeplatzt. Mit etlichen Bleistiftanmerkungen sonst breitrandiges Exemplar auf starkem Papier. - Selten. [Attributes: First … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Daniel Thierstein [Bern, Switzerland]
Check availability:
2017-04-25 10:23:01
Mittelalter. Lyrik.- - Petrus Lotichius
Lipsiae (Leipzig)., 1580.. 260 S. mit kl. Holzschnittill. auf Titel und hinterem Vorsatz. Kl.-8°. Späterer schlichter Leineneinband. Lateinischer Text..Wenige Flecken und Unterstreichungen. Wenige Marginalien mit alter Tinte.Der hintere Druckvermerk ist 1581 bei Steinman benannt. Goedeke II/103. Beigabe: Org. Kupferstich mit dem Porträt des Petrus Lotichius Secundus von J, Houbraken (18 x 13,5 cm). Versand D: 5,00 EUR Lotichius
Bookseller: antiquariatulenspiegel [Germany]
2017-04-24 16:41:01
Braun-Hogenberg
Braun-Hogenberg, 1580. Ulm Gesamtansicht: „Ulma imperialis in Suevia urbs, fortissimo aquae et muror ambitu, magnifico templo, et Danubij propiquitate illustris“. Braun & Hogenberg 1580 Altkolorierter Kupferstich von Ulm 10,5cm x 47cm. Original aus „Civitates“ dem Städtebuch von Braun & Hogenberg 1580. Schönes, kräftiges Kolorit. Ulm von Norden. Das unvollendete Ulmer Münster im Zentrum. Die wichtigsten Sehenswürdigkeiten sind bezeichnet. Sehr schön, etwas wasserrandig an der Titelkartusche. Schefold 9682, Fauser 14421 Weisse Streifen, Punkte stammen ggf von der Spiegelung beim fotografieren. [Attributes: First Edition]
Bookseller: Antiquariat Vlma [Ulm, Germany]
2017-04-24 15:28:42
SMOUT, Adriaan Joriszoon (reply to)].
1580. Knuttel 2073; NNBW III, cols. 941-944; STCN 832939587; Tiele, Pamfletten 1090. First and only edition of an anonymous pamphlet criticizing religious matters as advocated by the Remonstrants, published in answer to a pamphlet by the ultra-orthodox minister Adriaan Joriszoon Smout (1580-1646). Smout had published his pamphlet, entitled Schriftverlic ja over de vraghe, of leer-pointen . het fondament der salicheyt raken ofte niet, in 1613. He stated, amongst other things, that the States should punish heresy and blasphemy with the death penalty. The States of Holland, however, were not amused by Smout's ideas: they banned the pamphlet and send Smout into exile. The present pamphlet disagrees with Smout's harsh opinions, and pleads for tolerance and peace within the Dutch Protestant Church.Slightly browned, especially around the margins. Stitches loosened, first quire detached from the rest. Otherwise in good condition.
Bookseller: ASHER Rare Books [t Goy Houten, Netherlands]
2017-04-24 14:41:03
Francesco VALEGIO (1570 ca. - 1643 ca.)
1580. La Raccolta di le piu illustri et famose citta di tutto il mondo, edita da Francesco Valegio a Venezia verso la fine del' 500, comprende circa 322 piante e vedute delle principali città del mondo conosciuto. Di questo volume si conservano diversi esemplari, tutti con numero variabile di incisioni e tutti privi di un indice a stampa. Inoltre gran parte delle tavole contenute nella raccolta del Valegio furono inserite nella Nuova raccolta di tutte le più illustri et famose città di tutto il mondo curata da Donato Rasciotti ed edita alla fine del sedicesimo secolo. Tuttavia è persino incerto quale delle due raccolte venne per prima alla luce ed ignote sono le datazioni di tutte le tirature conosciute. Francesco Valegio nasce a Bologna circa nel 1560, anche se alcuni studiosi gli accreditano un'origine veronese; la sua attività di incisore ed editore calcografo si svolge tutta a Venezia, spesso in associazione con altri stampatori. Le tavole che compaiono nelle Raccolta, che senza dubbio possiamo considerare come la sua operà più importante, sono tutte prive di data, ad eccezione di quelle di Algeri, Costantinopoli e Rodi, firmate da Martino Rota, che recano la data 1572. Le piante e le vedute firmate dal Rota, incisore nativo di Sebenico attivo a Venezia fino al 1573, costituiscono senza dubbio il nucleo più antico dell'opera e fanno ritenere che questa sia stata un progetto editoriale iniziato proprio dall'incisore dalmata. La presenza di questa tavole aveva portato in un primo momento a datare l'opera al 1579, data che sembra tuttavia molto improbabile. Molte delle imm … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-04-24 14:41:03
Francesco VALEGIO (1570 ca. - 1643 ca.)
1580. La Raccolta di le piu illustri et famose citta di tutto il mondo, edita da Francesco Valegio a Venezia verso la fine del' 500, comprende circa 322 piante e vedute delle principali città del mondo conosciuto. Di questo volume si conservano diversi esemplari, tutti con numero variabile di incisioni e tutti privi di un indice a stampa. Inoltre gran parte delle tavole contenute nella raccolta del Valegio furono inserite nella Nuova raccolta di tutte le più illustri et famose città di tutto il mondo curata da Donato Rasciotti ed edita alla fine del sedicesimo secolo. Tuttavia è persino incerto quale delle due raccolte venne per prima alla luce ed ignote sono le datazioni di tutte le tirature conosciute. Francesco Valegio nasce a Bologna circa nel 1560, anche se alcuni studiosi gli accreditano un'origine veronese; la sua attività di incisore ed editore calcografo si svolge tutta a Venezia, spesso in associazione con altri stampatori. Le tavole che compaiono nelle Raccolta, che senza dubbio possiamo considerare come la sua operà più importante, sono tutte prive di data, ad eccezione di quelle di Algeri, Costantinopoli e Rodi, firmate da Martino Rota, che recano la data 1572. Le piante e le vedute firmate dal Rota, incisore nativo di Sebenico attivo a Venezia fino al 1573, costituiscono senza dubbio il nucleo più antico dell'opera e fanno ritenere che questa sia stata un progetto editoriale iniziato proprio dall'incisore dalmata. La presenza di questa tavole aveva portato in un primo momento a datare l'opera al 1579, data che sembra tuttavia molto improbabile. Molte delle imm … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-04-24 14:41:03
Francesco VALEGIO (1570 ca. - 1643 ca.)
1580. La Raccolta di le piu illustri et famose citta di tutto il mondo, edita da Francesco Valegio a Venezia verso la fine del' 500, comprende circa 322 piante e vedute delle principali città del mondo conosciuto. Di questo volume si conservano diversi esemplari, tutti con numero variabile di incisioni e tutti privi di un indice a stampa. Inoltre gran parte delle tavole contenute nella raccolta del Valegio furono inserite nella Nuova raccolta di tutte le più illustri et famose città di tutto il mondo curata da Donato Rasciotti ed edita alla fine del sedicesimo secolo. Tuttavia è persino incerto quale delle due raccolte venne per prima alla luce ed ignote sono le datazioni di tutte le tirature conosciute. Francesco Valegio nasce a Bologna circa nel 1560, anche se alcuni studiosi gli accreditano un'origine veronese; la sua attività di incisore ed editore calcografo si svolge tutta a Venezia, spesso in associazione con altri stampatori. Le tavole che compaiono nelle Raccolta, che senza dubbio possiamo considerare come la sua operà più importante, sono tutte prive di data, ad eccezione di quelle di Algeri, Costantinopoli e Rodi, firmate da Martino Rota, che recano la data 1572. Le piante e le vedute firmate dal Rota, incisore nativo di Sebenico attivo a Venezia fino al 1573, costituiscono senza dubbio il nucleo più antico dell'opera e fanno ritenere che questa sia stata un progetto editoriale iniziato proprio dall'incisore dalmata. La presenza di questa tavole aveva portato in un primo momento a datare l'opera al 1579, data che sembra tuttavia molto improbabile. Molte delle imm … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-04-24 12:48:39
QUINTILIANUS M. FABIUS.
apud Iacobum Stoer, 1580. Pp. (16) 734 (66). Marchio tipografico al frontespizio. Unito a: QUINTILIANUS M. FABIUS. Declamationes undeviginti. Lugduni, apud Ludovicum Cloquemin, 1579. (2) 107 (3). Marchio tipografico al frontespizio. Due opere in un volume di cm. 17,5. Solida ed elegante legatura coeva in piena pelle di scrofa con decorazioni a secco. monogrammi e data impressi al piatto anteriore. Cerniere un po' chiuse, sguardie fittamente manoscritte ed alcune glosse coeve. Complessivamente esemplare genuino e ben conservato.
Bookseller: Studio Bibliografico Benacense
2017-04-23 16:12:37
Bonaventura [Sanctus] (eigentlich Giovanni (di) Fidanza):
Venetiis, 1580 7 nn Blätter, 551 nummerierte Blätter Kl.8° Orig.- Leder Einband etwas berieben und besonders das obere Kapital bestoßen, Vorderdeckel etwas gelockert, Vorsatzblatt sowie Titelblatt recto verso und das letzte Blatt gestempelt, kurze Eintragung und Name auf dem fliegenden Vorsatzblatt, Zahl auf dem Titelblatt, innen kaum Gebrauchsspuren, sehr wenige Braun-/Stockflecken, innen insgesamt gut erhalten. Versand D: 3,00 EUR Dogmatik. Scholastik. Franziskaner.
Bookseller: Versandantiquariat Daras
______________________________________________________________________________


      Home     Wants Manager     Library Search     564 Years   Links     Contact      Search Help      Terms of Service      Privacy     


Copyright © 2020 viaLibri™ Limited. All rights reserved.