The viaLibri website requires cookies to work properly. You can find more information in our Terms of Service and Privacy Policy.

Displayed below are some selected recent viaLibri matches for books published in 1578
2020-01-19 08:04:42
1578. D. Dionysii Carthusiani In sancta quatuor D.N. Iesu Christi Euangelia praeclarae admodum enarrationes, in hac postrema editione ab innumeris, ... mendis vindicatae industria r.p.f. Angeli Rocch... Pubblicato a Venenzia da Bartolomeo Rubini nel 1578 (Venetiis : ex typographia Bartholomaei Rubini sub signo Saluatoris, 1576) Formato in 4°, cm 21x16. Pagine 28 + 1018 +6. Marca tipografica sul frontespizio che rappresenta un Giureconsulto seduto che riceve un libro in cornice figurata; iniziali xilografiche, testo su due colonne ed inquadrato. Condizioni: Coperta in pergamena e carta macchiata con lievi abrasioni, pagine macchiate dalla 977 fino alla fine, fioriture molto lievi sulle altre pagine.
Bookseller: galleriapuglisiarezzo [Arezzo, IT]
2020-01-18 22:10:36
Gerard DE JODE (1509 - 1591)
1578. La carta del de Jode rappresenta la prima ristampa estera del mitico rilievo cartografico della penisola di Giacomo Gastaldi, edito a Venezia nel 1561. La carta del Gastaldi ebbe subito un incredibile successo e dopo il 1567, anno della morte del cartografo piemontese, iniziarono subito le ristampe, riduzioni, derivazioni e contraffazioni, che continuarono fino al 1600. Gerard de Jode, editore e cartografo con fervente attività in Anversa, già nel 1568 realizza una carta in 4 fogli di derivazione "gastaldiana"; nel 1578 l'editore fiammingo pubblica la prima edizione del suo celebre Speculum Orbis Terrarum, dove inserisce una riduzione della carta dell'Italia. L'atlante, che nella sua prima stesura risulta essere di incredibile rarità, venne successivamente ristampato nel 1593 dal figlio Cornelis, con alcune varianti nel testo e nel numero delle tavole. Incisione in rame, intagliata dai fratelli Johoannes o Lucas van Deutecum, lievi pieghe di carta centrali, piccolo strappo restaurato, nel complesso in ottimo stato di conservazione. Bibliografia: Borri pp. 51-52, 48; Perini pp. 30-32; Almagià p. 27. Dimensioni 515x365. De Jode's map represents the first foreign reissue of the great carthographic analysis of the peninsula of Giacomo Gastaldi, published in Venice in 1561. Gastaldi's map was immediately appreciated and after 1567, the year of its author's death, it was reprinted under many circumstances: reissues, reductions, copies and fakes, until 1600. Gerard de Jode, publisher and cartographer of Antwerp, had already realized, in 1568, a map in four sheets whose inspi … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-18 07:34:17
Giovanni Battista de' CAVALIERI o CAVALLERIS (1525-1601)
Bulino, 1578, datato e firmato in lastra, in basso al centro, 'Ioa baptista de Cavalleris incidebat Romae 1578'. Magnifica prova, ricca di toni, impressa su carta vergata coeva con filigrana "cerchio con stella a quattro punte", rifilata alla linea marginale, in ottimo stato di conservazione. L'incisione riproduce, nello stesso verso, la splendida pala d'altare completata sotto la direzione di Giorgio Vasari nel 1553, per la chiesa romana che proprio da quest'opera prende il nome di S. Giovanni Decollato. La scena, sviluppata in profondità, è ambientata all'interno della prigione in cui il Battista era stato rinchiuso da Erode. Ai lati, due file formato a sinistra da soldati, a destra da ancelle. La loro disposizione guida/conduce lo spettatore verso il centro della stanza, dove giace decapitato il corpo del Battista Il risalto della sua figura è ottenuto con un abile gioco di luci ed ombre: la figura del suo carnefice, che con la mano sinistra tiene dai capelli la testa del Battista, nell'atto di riporla sul vassoio, è delineata con un tratteggio molto fitto, così da risultare completamente in ombra, quale figura tenebrosa e malvagia. Opera di grande rarità. "Engraving, Signed and dated lower centre: 'Ioa baptista de Cavalleris incidebat Romae 1578'. Only state After Giorgio Vasari's altarpiece in the same direction, in the Roman church of San Giovanni Decollato,from which takes its name San Giovanni Decollato, Rome. A great impression, printed on contemporary laid paper with ""star in a cricle"" watermark, trimmed to the platemark, very good condition. Vasari's painting h … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-17 16:26:04
Gerard MERCATOR (Kremer) (1512 - 1594)
Carta tolemaica della Grecia. Pubblicata per la prima volta nel 1578 nell'edizione della Geographia di Tolomeo curata da Gerard Mercator:'Claudii Ptolemaei Tabulae Geographicae Orbis Terrarum'. Questo esemplare proviene dal Theatrum Geographia Veteris di Petrus Bertius edita a Leida nel 1619, che combina il Tolomeo di Mercator, le 8 tavole del Moretus per rappresentare la Tabula Peutingeriana e 14 mappe storiche delle regioni d'Europa derivate dal Parergon di Ortelius. Incisione su rame, in ottimo stato di conservazione. Ptolemaic map of Greece. Showing landmarks, major cities and towns, rivers and parks. Originally issued in Mercator's 1578 edition of 'Geographia', this particular example was featured in Petrus Bertius' 'Theatrum Geographiae Veteris', issued in Leyden 1619. The work includes 28 maps of Ptolemy, engraved by Gerhard Mercator; 8 engravings of the Peutinger Roman World Map; finally, in the third part there are 14 historical maps of Europe with accompanying text, 12 of them borrowed from the Parergon maps of Ortelius, a Low Countries map of Kaerius, and an Italy map of Cluverius, both based on Ortelius. Copper engraving, in very good condition.
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-17 16:26:04
Gerard MERCATOR (Kremer) (1512 - 1594)
1578. Carta geografica del mondo secondo la visione del Tolomeo, tratta dalla Geografia di Claudio Tolomeo a cura di Gerard Mercator, pubblicata in varie edizioni tra il 1578 ed il 1730. Questo esemplare proviene dal Theatri Geographiae Veteris del 1619 di Pieter Bertius. La mappa raffigura il mondo conosciuto dagli antichi, circondato da una ricca cornice ornamentale contenente dodici putti che soffiano, che simboleggiano i venti. La lastra ebbe una lunga vita; è infatti possibile trovarla in alcune edizioni olandesi della Bibbia, sebbene i venti sono stati cancellati e rimpiazzati dalle allegorie dei quattro elementi. Incisione in rame, in ottimo stato di conservazione. World map according to Ptolemy's vision of the world, from Claudio Tolomeo's Geographia, edited by Gerard Mercator, issued in many editions between 1578 and 1730. This example comes from Pieter Bertius' 1619 Theatri Geographiae Veteris. The map depicts the ancient known world, with a decorative frame made by twelve putti, representing the winds, blowing on the map. The copperplate is quite old, since it was already known in Dutch editions of the Holy Bible, although, in these cases, the putti had been cancelled to be replaced by allegories of the Four Elements. Copperplate, in excellent conditions. Koeman, Ber. 1, R. W. Shirley, "The Mapping of the world", 118.
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-17 16:26:04
Gerard MERCATOR (Kremer) (1512 - 1594)
1578. Carta tolemaica dell'antica regione della Sarmazia corrispondente all'attuale territorio di Ucraina e Russia. Edita per la prima volta nel 1578 nell'edizione della Geographia di Tolomeo curata da Gerard Mercator:'Claudii Ptolemaei Tabulae Geographicae Orbis Terrarum'. Questo esemplare proviene dal Theatrum Geographia Veteris di Petrus Bertius edita a Leida nel 1619, che combina il Tolomeo di Mercator, le 8 tavole del Moretus per rappresentare la Tabula Peutingeriana e 14 mappe storiche delle regioni d'Europa derivate dal Parergon di Ortelius. Incisione su rame, in ottimo stato di conservazione. Ptolemaic map of ancient Sarmatia the region between the Baltic, Adriatic and Black Seas. Originally issued in Mercator's 1578 edition of 'Geographia', this particular example was featured in Petrus Bertius' 'Theatrum Geographiae Veteris', issued in Leyden 1619. The work includes 28 maps of Ptolemy, engraved by Gerhard Mercator; 8 engravings of the Peutinger Roman World Map; finally, in the third part there are 14 historical maps of Europe with accompanying text, 12 of them borrowed from the Parergon maps of Ortelius, a Low Countries map of Kaerius, and an Italy map of Cluverius, both based on Ortelius. Copper engraving, in very good condition.
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-17 16:26:04
Gerard MERCATOR (Kremer) (1512 - 1594)
Carta tolemaica dell'Asia sudorientale. Edita per la prima volta nel 1578 nell'edizione della Geographia di Tolomeo curata da Gerard Mercator:'Claudii Ptolemaei Tabulae Geographicae Orbis Terrarum'. Questo esemplare proviene dal Theatrum Geographia Veteris di Petrus Bertius edita a Leida nel 1619, che combina il Tolomeo di Mercator, le 8 tavole del Moretus per rappresentare la Tabula Peutingeriana e 14 mappe storiche delle regioni d'Europa derivate dal Parergon di Ortelius. Incisione su rame, in ottimo stato di conservazione. Ptolemaic map of Southeast Asia. Originally issued in Mercator's 1578 edition of 'Geographia', this particular example was featured in Petrus Bertius' 'Theatrum Geographiae Veteris', issued in Leyden 1619. The work includes 28 maps of Ptolemy, engraved by Gerhard Mercator; 8 engravings of the Peutinger Roman World Map; finally, in the third part there are 14 historical maps of Europe with accompanying text, 12 of them borrowed from the Parergon maps of Ortelius, a Low Countries map of Kaerius, and an Italy map of Cluverius, both based on Ortelius. Copper engraving, in very good condition.
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-17 16:26:04
Gerard MERCATOR (Kremer) (1512 - 1594)
1578. Mappa tolemaica della penisola arabica, anche detta Arabia Felix, edita per la prima volta nel 1578 nell'edizione della Geographia di Tolomeo curata da Gerard Mercator:'Claudii Ptolemaei Tabulae Geographicae Orbis Terrarum'. Questo esemplare proviene dal Theatrum Geographia Veteris di Petrus Bertius edita a Leida nel 1619, che combina il Tolomeo di Mercator, le 8 tavole del Moretus per rappresentare la Tabula Peutingeriana e 14 mappe storiche delle regioni d'Europa derivate dal Parergon di Ortelius. Incisione su rame, in ottimo stato di conservazione. Ptolemaic map of Arabian Peninsula. Originally issued in Mercator's 1578 edition of 'Geographia', this particular example was featured in Petrus Bertius' 'Theatrum Geographiae Veteris', issued in Leyden 1619. The work includes 28 maps of Ptolemy, engraved by Gerhard Mercator; 8 engravings of the Peutinger Roman World Map; finally, in the third part there are 14 historical maps of Europe with accompanying text, 12 of them borrowed from the Parergon maps of Ortelius, a Low Countries map of Kaerius, and an Italy map of Cluverius, both based on Ortelius. Copper engraving, in very good condition. Van der Krogt, P. (Atlantes) 0926:1.2; Tibbetts, G.R. 39.
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-17 16:26:03
Gerard MERCATOR (Kremer) (1512 - 1594)
Mappa tolemaica dell'India, edita per la prima volta nel 1578 nell'edizione della Geographia di Tolomeo curata da Gerard Mercator:'Claudii Ptolemaei Tabulae Geographicae Orbis Terrarum'. Questo esemplare proviene dal Theatrum Geographia Veteris di Petrus Bertius edita a Leida nel 1619, che combina il Tolomeo di Mercator, le 8 tavole del Moretus per rappresentare la Tabula Peutingeriana e 14 mappe storiche delle regioni d'Europa derivate dal Parergon di Ortelius. Mostra l'area tra i fiumi Indo e Gange e l'Himalaya. Incisione su rame, in ottimo stato di conservazione. Map of India based on Ptolemy's ancient map of the region. Originally issued in Mercator's 1578 edition of 'Geographia', this particular example was featured in Petrus Bertius' 'Theatrum Geographiae Veteris', issued in Leyden 1619. The work includes 28 maps of Ptolemy, engraved by Gerhard Mercator; 8 engravings of the Peutinger Roman World Map; finally, in the third part there are 14 historical maps of Europe with accompanying text, 12 of them borrowed from the Parergon maps of Ortelius, a Low Countries map of Kaerius, and an Italy map of Cluverius, It shows an area between the Indus and Ganges Rivers with the Himalayas. Copper engraving, in very good condition.
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-17 16:26:03
Gerard MERCATOR (Kremer) (1512 - 1594)
1578. Bella e inconsueta carta tolemaica dell'Italia realizzata da Gerard Mercator. Pubblicata per la prima volta nel 1578 nell'edizione della Geographia di Tolomeo curata da Gerard Mercator:'Claudii Ptolemaei Tabulae Geographicae Orbis Terrarum'. Questo esemplare proviene dal Theatrum Geographia Veteris di Petrus Bertius edita a Leida nel 1619, che combina il Tolomeo di Mercator, le 8 tavole del Moretus per rappresentare la Tabula Peutingeriana e 14 mappe storiche delle regioni d'Europa derivate dal Parergon di Ortelius. Incisione su rame, in ottimo stato di conservazione. Ptlomaic map of Italy. Originally issued in Mercator's 1578 edition of 'Geographia', this particular example was featured in Petrus Bertius' 'Theatrum Geographiae Veteris', issued in Leyden 1619. The work includes 28 maps of Ptolemy, engraved by Gerhard Mercator; 8 engravings of the Peutinger Roman World Map; finally, in the third part there are 14 historical maps of Europe with accompanying text, 12 of them borrowed from the Parergon maps of Ortelius, a Low Countries map of Kaerius, and an Italy map of Cluverius, both based on Ortelius. Copper engraving, in very good condition.
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-16 23:37:04
Cornelis DE JODE (c. 1509 - 91)
1578. "Carta geografica che copre il territorio del Friuli, con lembi della Carsia interna e tutta la penisola istriana e, in un riquadro in basso, mostra l'isola di Corfù, all'epoca appartenente alla Repubblica Veneziana, orientata con il nord in alto. Pubblicata nello Speculum Orbis Terrarum di Gerard de Jode. La rappresentazione dell'Istria presenta diverse corrispondenze con le carte della regione che hanno come prototipo la silografia di Giovanni Andrea Vavassore del 1553 e, in particolare, con quelle che recano la firma di Camocio (1563) e Forlani (1564). Basta osservare il disegno della linea di costa: in tutte si ripete l'errore di collocare Grado su un'isola all'interno della laguna omonima. L'unica differenza importante rispetto al prototipo è l'omissione del disegno del Timavo. La rappresentazione del rilievo, mediante lievi ondulazioni ombreggiate con tratteggio verticale più marcato nella parte centrale, somiglia di più alla carta del Forlani. L'orografia, invece, qui è rappresentata assai più vagamente. Sono stati sfoltiti diversi toponimi, e figurano nuovi errori, quali, ad esempio, ""Iulia Carmico"" per Iulium Carnicum, cioè Zuglio, nella Carnia. Incisione su rame, margini bianchi su tre lati, antiche annotazioni manoscritte sul marghine di sinistra, qualche sporadita e lieve fioritura. Nel complesso in ottimo stato di conservazione." Lago, pp. 156-157, tav LXV.
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-16 23:37:04
Cornelis DE JODE (c. 1509 - 91)
1578. Carta geografica che copre il territorio dell'antica Tuscia, da Roma a Lucca, orientata con nord a sinistra. Basata sulla corografia di Geronimo Bellarmato, la carta viene pubblicata da De Jode nel raro "Speculum Orbis Terrarum". Incisione su rame, margini bianchi su tre lati, antiche annotazioni manoscritte sul marghine di destra, qualche sporadita e lieve fioritura. Nel complesso in ottimo stato di conservazione.
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-16 21:35:33
1578. [Pistoia-Toscana-Storia-Prima Edizione] (cm.22,5) bel cartonato policromo a stampa del XVIII secolo. -- cc. 12 nn., pp. 217, pp. 3 nn. con errata registro e colophon. Edizione originale di Crusca, assai importante di questa storia politica e civile di Pistoia del XIV secolo, il cui autore è rimasto ignoto. Vedi le lunghe note in Gamba e Moreni Bigazzi e Melzi. Lievi fioriture e alcune carte brunite, peraltro esemplare buono e ben completo di opera assai controversa circa l' attribuzione di un autore e addirittura del compilatore della dedica e della prefazione. * Camerini "Giunti" II 76; * Moreni II 362; * Gamba 936; * Lozzi 3715; * Razzolini 187; * Platner 390; * Capponi 319; * Bigazzi 199; * Melzi III 106; * Bm. Stc. 702; * Adams T 1210. [F80].
Bookseller: LibriAntichiArezzo-FC Edizioni (studio.bibliografico.libri.antichi.arezzo) [ Arezzo, IT]
2020-01-16 20:07:08
Adriaen Huybrechts
Acquaforte e bulino, 1578, firmata in lastra in basso al centro. Magnifica prova, ricca di toni, impressa su carta vergata coeva con filigrana non leggibile, rifilata al rame, in perfetto stato di conservazione. Adriaen Huybrecht o Huberti era editore ed incisore in Anversa, amico di Cristopher Plantin e di Gerard de Jode. L’opera raffigura una piazza di una città olandese in stato d’assedio, e sullo sfondo un’ accampamento con delle truppe di soldati. Al centro della piazza, una grande scena raffigurante il combattimento tra cani, seguita da una numerosa folla, ed intorno diverse scene di combattimenti tra soldati. Il lavoro è sconosciuto al Wurzbach e al Nagler ed è pubblicata nel libro di Daniel Horst che raffigura le stampe di propaganda di guerra nelle rivolta in Olanda dal 1566 al 1584. L’opera, sebbene sia senza attribuzione e rimanga anonima, è incisa nello stile di Peeter van der Borcht, uno dei più geniali, ma allo stesso tempo sconosciuti, artisti fiamminghi del XVI secolo. La scarsità delle sue incisioni è probabilmente la ragione principale per cui è stato in gran parte trascurato dagli studiosi, e solo recentemente catalogato nel New Hollstein. Tuttavia, ancora incerta è la totalità della sua produzione e molte delle stampe sopravvivono in uno o due impressioni solamente. Alcune delle sue opere furono realizzate per far circolare idee religiose o messaggi di ribellione. Come incisore era al servizio di Christophe Plantin, di Adriaen Huybrechts e di Johan Baptiste Vrients. Rara ed interessante. Etching and engraving, 1578, signed in plate at lower center. A mag … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2020-01-16 15:53:08
Gerard DE JODE (1509 - 1591)
Gerard de Jode, editore e cartografo con fervente attività in Anversa, nel 1578 pubblica la prima edizione del suo celebre Speculum Orbis Terrarum. L'atlante, che nella sua prima stesura risulta essere di incredibile rarità, venne successivamente ristampato nel 1593 dal figlio Cornelis, con alcune varianti nel testo e nel numero delle tavole. La carta del Portogallo deriva dal rilievo di Fernando Alvaro Seco, pubblicata nel 1561. Incisione in rame, intagliata dai fratelli Johoannes o Lucas van Deutecum, lievi pieghe di carta centrali, piccolo strappo restaurato, nel complesso in ottimo stato di conservazione. Rara prima edizione. Gerard de Jode, a published and cartographer who worked in Antwerp, published in 1578 the first edition of his famous Speculum Orbis Terrarum, quite rare in its first edition. The work was afterwards reissued by his son Cornelis, with some changes in the text and the number of plates. The map of Portugal derives from the measurements of Fernando Alvaro Seco, published in 1561. Copper engraving by the brothers Johoannes or Lucas van Deutecum, light paper folds in the central part, perfectly repaired tear, otherwise in excellent condition. A rare first edition. Imagens de Portugal e Ilhas Atlanticas, p. 80 n. 24.
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-16 11:19:06
Pittorio Lodovico
1578. [Figurato Tipografia] (cm.20,5) ottima piena pergamena antica ben restaurata con foglio ms. sec. XVII. Parti 2 in un volume. -- cc. 4 nn., cc. 119, 1 bianca rimontata; da c. 121 a 255, 1 bianca. Due bellissimi frontis completamente figurati e centinaia di graziose xilografie (cm. 5,5x5,5). Grande marca tipografica in fine con donna che si sostiene ad una squadra e sole che disperde le nubi. Tale marca appartiene a Leni Gioan Maria attivo dal 1573 al 1582. Si conoscono solo 4 edizioni tutte rare. La nostra non è citata, e neppure la nostra marca è illustrata, solo Zappella mne riproduce una simile. Edizione rarissima di questa celebre opera. Manca al Bm. Stc., Adams, Moranti, Cat. 157 Olschki "Theology" e al Cat. 202 Rosenthal "Catholic Theology". Per il tipografo e la marca cfr.: Pastorello N 251; Ascarelli p. 212; Ascarelli-Menato p. 418; Vaccaro p. 293; Zappella I p. 149 e Fig. 452. Antico rinforzo al margine bianco verticale del frontis, alcuni lievi aloni marginali a varie carte ma bello, fresco e nitido. Antico ex libris manoscritto in fine "Philippus De Laurentinis De Oppidi Collyazzonis". Il Census Nazionale Iccu, registra solo 5 copie nelle biblioteche italiane.
Bookseller: LibriAntichiArezzo-FC Edizioni (studio.bibliografico.libri.antichi.arezzo) [ Arezzo, IT]
2020-01-16 06:55:06
1578. buone. GULIELMUM ROUILLIUM PROMTUARII ICONUM INSIGNIORUM A SECULO HOMINUM, SUBIECTIS EORUM VITIS, PER COMPENDIU EX PROBATISSIMIS AUTORIBUS DESUMPTIS. Lugduni: apud Gulielmum Rouillium 1578-1581 Marca: Aquila posata su una sfera con due serpenti. Motto: In virtute, et fortuna. SECONDA EDIZIONE SUCCESSIVA A QUELLA DEL 1553, VOLUME UNICO DIVISO IN DUE PARTI. PAGINE: 176 (parte prima) +319 (parte seconda) STATO D'USO: MOLTO BUONO, INEVITABILI SEGNI DEL TEMPO, SEGNI A PENNA STILOGRAFICA AL FRONTESPIZIO, INGIALLIMENTO DELLE PAGINE E VECCHIE GORE D'ACQUA, FIORITURE, TESTO SEMPRE LEGGIBILE FATTA ECCEZIONE PER LA PAGINA 231parte II (V.FOTO) E LA PAGINA 266 parte II (V.FOTO), ALLE MEDESIME PAGINE ANNOTAZIONI A STILOGRAFICA FUORI DAL T PER QUALSIASI INFORMAZIONI CONTATTARE IL SEGUENTE NUMERO : 373/8517759 DALLE 9,00 ALLE 12,30 E DALLE 15,00 ALLE 19,30 HO AVUTO PROBLEMI CON LE SPEDIZIONI NON TRACCIATE! (NON SONO ARRIVATE)! RIBADISCO CHE NON HO NESSUN PROBLEMA AD EFFETTUARLE, MA NON MI ASSUMO ALCUNA RESPONSABILITA' PER IL MANCATO ARRIVO E PURTROPPO NON RISARCISCO! CONSIGLIO VIVAMENTE LA SPEDIZIONE TRAMITE CORRIERE CHE E' TRACCIATA E VELOCE ! PER QUALSIASI ALTRO TIPO DI CONTROVERSIA , NON LASCIATE FEEDBACK NEGATIVI, NEUTRI , SCRIVETE E IN OGNI CASO PENSO CHE CON BUON SENSO QUASI TUTTI I PROBLEMI SI POSSONO RISOLVERE 10-01-16.
Bookseller: le sorprese di villa porri (9825marco) [Sesto San Giovanni, IT]
2020-01-16 06:19:38
Gerard MERCATOR (Kremer) (1512 - 1594)
1578. Questa affascinante carta fu pubblicata per la prima volta da Gerard Mercator per la sua prima edizione dellla Geografia di Tolomeo del 1578. L'opera conobbe ben 7 successive edizioni, dalla seconda del 1584, ancora curata da Mercator, fino all'ultima del 1730. Il presente esemplare fu pubblicato nell'edizione di Utrecht del 1695, curata da Franciscus Halma. Questa edizione riporta solo le 28 tavole mercatoriane del 1578, con il verso bianco; vengono modificati i cartigli e ritoccate le lastre. Rispetto all'edizione del 1584, l'elaborato cartiglio con le allegorie dell'astronomia e della geografia, è qui sostituito da uno più piccolo di forma ovale, decorato con foglie d'acanto. La carta, priva di reticolo geografico, è in proiezione rettangolare. Nel mare, mostri marini e velieri. Incisione su rame, finemente acquarellata, in ottimo stato di conservazione. A striking Ptolemaic map of Sardinia and Sicily, shown with a flaming Mt Aetna. Mercator originally published this map in his 1578 edition of Ptolemy's great Geography. This example is from the later Utrecht 1695 edition by Franciscus Halma. This edition includes the 28 Ptolemaic map by Mercator, with blank verso, changes in the cartouches and some retouches on the plates. Copperplate, finely hand coloured, in very good condtion. La Gumina (2015), n. 44; Valerio - Spagnolo, p. 174 n. 46
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-16 01:50:37
Gerard MERCATOR (Kremer) (1512 - 1594)
Carta tolemaica della Gran Bretagna, edita per la prima volta nel 1578 nell'edizione della Geographia di Tolomeo curata da Gerard Mercator:'Claudii Ptolemaei Tabulae Geographicae Orbis Terrarum'. Questo esemplare proviene dal Theatrum Geographia Veteris di Petrus Bertius edita a Leida nel 1619, che combina il Tolomeo di Mercator, le 8 tavole del Moretus per rappresentare la Tabula Peutingeriana e 14 mappe storiche delle regioni d'Europa derivate dal Parergon di Ortelius. Incisione su rame, in ottimo stato di conservazione. Ptolemaic map of British Isles . Showing landmarks, major cities and towns, rivers and parks. The map is decorated with a strapwork title cartouche, a sea monster and a fishing scene in the North Sea. Originally issued in Mercator's 1578 edition of 'Geographia', this particular example was featured in Petrus Bertius' 'Theatrum Geographiae Veteris', issued in Leyden 1619. The work includes 28 maps of Ptolemy, engraved by Gerhard Mercator; 8 engravings of the Peutinger Roman World Map; finally, in the third part there are 14 historical maps of Europe with accompanying text, 12 of them borrowed from the Parergon maps of Ortelius, a Low Countries map of Kaerius, and an Italy map of Cluverius, both based on Ortelius. Copper engraving, in very good condition.
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-16 00:54:51
Biblia Sacra. (Novum testamentum) Basilea, Th. Guarinum, 1578. Due volumi. In ottimo stato con bellissime e tantissime incisioni inclusa mappa della zona.
Bookseller: cosmo111213 [Borganzo, IT]
2020-01-16 00:25:52
lopes de castanheda fernao
venetia: 1578. LOPES de CASTANHEDA FernaoHistoria dell'Indie orientali, scoperte, & conquistate da'Portoghesi, di commissione dell'Inuittissimo Re Don Manuello, di gloriosa memoria [transl.A.Ulloa]. LOPES de CASTANHEDA Fernao Historia dell'Indie orientali, scoperte, & conquistate da'Portoghesi, di commissione dell'Inuittissimo Re Don Manuello, di gloriosa memoria [transl.A.Ulloa] 2 vol. 4to (205x138), rules throughout in red, French full vellum comtemporary, a few faint stains, binding rubbed Lopes de Castanheda is widely considered one of the most authoritative chroniclers of Portuguese activities in Asia. Whilst this work relates principally to the Portuguese in Persia, Arabia, China and Molucca, it also contains interesting particulars of Brazil. The work was originally published in Portuguese in 1551. Widely celebrated in its day, translations also appeared in French, English and German. VENETIA (GIORDIANO ZILETTI) 1578 in 40 (205x140) relié plein velum époque livre manuscrit au dos Tome seul sur 2 XIV-365 pp 1ff marque de l'imprimeur Lopes De Castastanheda est communément considéré comme la plus grande curiosité sur les activités Portugaises en Asie. Cet ouvrage traite des Portugais en Perse, Arabie, Chine et les Moluques et contient également des chapitres intéressants sur le Brésil. Le livre a été traduit en Anglais, Français, Portugais et Allemand. TOME 2 SEUL TRES RARE. [Attributes: First Edition; Soft Cover]
Bookseller: docteur_ramirez [Antibes, France]
2020-01-15 21:26:43
Gerard MERCATOR (Kremer) (1512 - 1594)
1578. Carta tolemaica incentrata sulle antiche provincie romane della Rezia, Norico, Pannonia e Illiria, lungo la costa adriatica. Pubblicata per la prima volta nel 1578 nell'edizione della Geographia di Tolomeo curata da Gerard Mercator:'Claudii Ptolemaei Tabulae Geographicae Orbis Terrarum'. Questo esemplare proviene dal Theatrum Geographia Veteris di Petrus Bertius edita a Leida nel 1619, che combina il Tolomeo di Mercator, le 8 tavole del Moretus per rappresentare la Tabula Peutingeriana e 14 mappe storiche delle regioni d'Europa derivate dal Parergon di Ortelius. Incisione su rame, in ottimo stato di conservazione. Ptolemaic map of the Roman Empire' provinces of Raetia, Noricum, Illyria, Noricum. Originally issued in Mercator's 1578 edition of 'Geographia', this particular example was featured in Petrus Bertius' 'Theatrum Geographiae Veteris', issued in Leyden 1619. The work includes 28 maps of Ptolemy, engraved by Gerhard Mercator; 8 engravings of the Peutinger Roman World Map; finally, in the third part there are 14 historical maps of Europe with accompanying text, 12 of them borrowed from the Parergon maps of Ortelius, a Low Countries map of Kaerius, and an Italy map of Cluverius, both based on Ortelius. Copper engraving, in very good condition.
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-15 21:26:17
Cornelis DE JODE (c. 1509 - 91)
1578. Rara carta geografica del corso del Danubio tratta dalla seconda edizione dell'atlante del De Jode, curata dal figlio Cornelis e denominata Speculum Orbis Terrae, 1593. Il foglio raffigura solo la parte occidentale del corso del Danubio. La carta venne disegnata da Christian Sgrooten. Incisione in rame, firmata in lastra dai fratelli van Deutecum, in perfetto stato di conservazione. Rare map taken from the second edition of the atlas of De Jode, edited by his son Cornelis and called Speculum Orbis Terrae, 1593. The depiction of Croatia on the map Nova exactissimaqve descriptio Danvbii, was made by Christian Sgrooten. Egraved by Lucas & Johannes van Deutecum. Copper engraving, whit full margins, in perfect condition. D. Mlinari?, J. Fari?i?, L. Miroševi? p. 163.
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-15 19:31:39
LOPES DE CASTANHEDA FERNAO.
Giordano Ziletti, 1578. LOPES de CASTANHEDA Fernao Historia dell Indie orientali, scoperte, & conquistate da Portoghesi, di commissione dell Inuittissimo Re Don Manuello, di gloriosa memoria [transl.A.Ulloa] 2 vol. 4to (205x138), rules throughout in red, French full vellum comtemporary, a few faint stains, binding rubbed Lopes de Castanheda is widely considered one of the most authoritative chroniclers of Portuguese activities in Asia. Whilst this work relates principally to the Portuguese in Persia, Arabia, China and Molucca, it also contains interesting particulars of Brazil. The work was originally published in Portuguese in 1551. Widely celebrated in its day, translations also appeared in French, English and German. VENETIA (GIORDIANO ZILETTI) 1578 in 40 (205x140) relié plein velum époque livre manuscrit au dos Tome seul sur 2 XIV-365 pp 1ff marque de l imprimeur Lopes De Castastanheda est communément considéré comme la plus grande curiosité sur les activités Portugaises en Asie. Cet ouvrage traite des Portugais en Perse, Arabie, Chine et les Moluques et contient également des chapitres intéressants sur le Brésil. Le livre a été traduit en Anglais, Français, Portugais et Allemand. TOME 2 SEUL TRÈS RARE [Attributes: First Edition; Soft Cover; In Dust Jacket]
Bookseller: Librairie PERRAUD [Antibes, France]
2020-01-15 12:30:07
Bell' esemplare. Harvey, William (1578-1657). LUGDUNI BATAVORUM. EX OFFICINA JOHANN MAIRE, 1639. DE MOTU CORDIS ET SANGUINIS IN ANIMALIBUS, ANATOMICA EXERCITATIO. IN- 4°, LEGATURA RECENTE IN PERGAMENA COEVA. (IV), 267, 84 PP. FRA LE PP. 82-83 DEL COMMENTARIO SI TROVANO POSPOSTE 4 PP. PRELIMINARI SEGNATE * E *2. (LECTORI S.). LE DUE TAVOLE INCISE IN RAME SONO SITUATE ALL' INIZIO DELL' OPERA. TALI ANOMALIE RICORRONO IN DIVERSI ESEMPLARI, COME PRECISA IL KEYNES. TIMBRO ROSSO CON ARME NOBILIARE AL VERSO DEL FRONTESPIZIO, RIPETUTO IN FINE. CARTA QUA E LÀ CON LIEVISSIME RIFIORITURE, MA BELL' ESEMPLARE NEL SUO STATO ORIGINALE. RARISSIMA TERZA EDIZIONE (SECONDA DEL TESTO COMPLETO) DEL CAPOLAVORO DI W. HARVEY, QUASI INTROVABILE COME LA PRIMA EDIZIONE DEL 1628, DIVENUTA PRATICAMENTE IRREPERIBILE. QUESTA EDIZIONE È PIÙ INTERESSANTE DELL' ORIGINALE PERCHÉ CONTIENE LE RISPOSTE DELL' AUTORE ALLE VIOLENTE CRITICHE DI JAMES PRIMEROSE ED AEMILIUS PARISANUS. IL TRATTATO DEL PRIMEROSE FU PUBBLICATO A LONDRA NEL 1630. IL SUO AUTORE FU UNO DEI PIÙ ACCANITI OPPOSITORI. "WHAT GALILEI DID FOR PHYSICS, HARVEY DID FOR PHYSIOLOGY AND THUS, MEDICINE. HE DESRIBED EXHAUSTIVELY THE MOVEMENT OF THE BLOOD, CONSIDERED IT QUANTITATIVELY AND THUS SYNTHEETIZED THE SCATTERED AND DIVERGENT BODY OF OBSERVATIONS WHICH MEANT NOTHING OR LITTLE SO FAR AND WERE TO MEAN EVERYTHING SINCE. THE INTEGRATION OF THE WORK OF SERVET, COLOMBO, CESALPINO AND OTHERS INTO A COMPLETE SCHEME ACCOUNTING FOR ITSELF AND FOR ALL OF ITS DETAIL - THE FILLING OF EVERY HOLE IN IN THE GREAT TISSUE OF WHICH EVERY PART IS INTERLOCKING AND SOLD … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libri rari e antichi (libreriabrighenti) [Cinquanta, IT]
2020-01-15 02:43:02
PLATO [Stephanus]
[Geneva]: Henr. Stephani, 1578. First edition. vellum. Very Good +. The STEPHANUS Plato The Book That Established the UNIVERSAL REFERENCE System for Platos WritingsPLATO. Platonis opera quae extant omnia. (The Complete Works of Plato) [Title also in Greek], Henr. Stephani, [Geneva], 1578. First Greek/Latin Edition. Volume 1: TP + 16 unnumbered leaves [handwritten replacement preliminaries circa 18th c = Dedication to Queen Elizabeth + Studioso Lectori + Platone Epigrammata] + Catalogus Dialogorum + half title (with first page of text - unnumbered - on the verso) + 1 469 + 471 + 471 542.Volume 2: Half-title + blank leaf lettered AA.i. + 3 unnumbered leaves [printed replacement preliminaries circa 18th c. = Dedication to King James the Sixth of Scotland (later James the First of England) + Two Poems] + 3-701 + 672 673 + 704 992.Volume 3: Half-title + 3 unnumbered leaves [handwritten replacement preliminaries circa 18th c. = Dedication to the Republic of Bern + Poem] + AAAA.i. = Contents Page + 3-374 + 375 + 368 + 377-416 + 1-139; Folio.Three vols. 10.25 x 15.5 in., text block sheets are 10 x 15 in. Folio. "A great Renaissance author and scholar as well as a member of one of Europe's most illustrious families of printers, Henri Estienne II himself edited his grand Plato, for which he commissioned a new Latin translation by Jean de Serres. Together with his monumental 1572 Thesaurus graecae linguae, the lavish Plato was responsible, according to Schreiber, for securing both Estienne's scholarly reputation and his financial ruin" (Garden Ltd., #40). First Greek/Latin edi … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Eternal Return Antiquarian Bookshop [San Diego, CA, U.S.A.]
2020-01-14 12:37:37
Gerard MERCATOR (Kremer) (1512 - 1594)
1578. Carta geografica del mondo secondo la visione del Tolomeo, tratta dalla Geografia di Claudio Tolomeo a cura di Gerard Mercator, pubblicata in varie edizioni tra il 1578 ed il 1730. Questo esemplare proviene dal Theatri Geographiae Veteris del 1619 di Pieter Bertius. La mappa raffigura il mondo conosciuto dagli antichi, circondato da una ricca cornice ornamentale contenente dodici putti che soffiano, che simboleggiano i venti. La lastra ebbe una lunga vita; è infatti possibile trovarla in alcune edizioni olandesi della Bibbia, sebbene i venti sono stati cancellati e rimpiazzati dalle allegorie dei quattro elementi. Incisione in rame, in ottimo stato di conservazione. World map according to Ptolemy's vision of the world, from Claudio Tolomeo's Geographia, edited by Gerard Mercator, issued in many editions between 1578 and 1730. This example comes from Pieter Bertius' 1619 Theatri Geographiae Veteris. The map depicts the ancient known world, with a decorative frame made by twelve putti, representing the winds, blowing on the map. The copperplate is quite old, since it was already known in Dutch editions of the Holy Bible, although, in these cases, the putti had been cancelled to be replaced by allegories of the Four Elements. Copperplate, in excellent conditions. Koeman, Ber. 1, R. W. Shirley, "The Mapping of the world", 118.
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-12 11:56:02
Gerard MERCATOR (Kremer) (1512 - 1594)
1578. Questa affascinante carta fu pubblicata per la prima volta da Gerard Mercator per la sua prima edizione dellla Geografia di Tolomeo del 1578. L'opera conobbe ben 7 successive edizioni, dalla seconda del 1584, ancora curata da Mercator, fino all'ultima del 1730. Il presente esemplare fu pubblicato nell'edizione di Utrecht del 1695, curata da Franciscus Halma. Questa edizione riporta solo le 28 tavole mercatoriane del 1578, con il verso bianco; vengono modificati i cartigli e ritoccate le lastre. Rispetto all'edizione del 1584, l'elaborato cartiglio con le allegorie dell'astronomia e della geografia, è qui sostituito da uno più piccolo di forma ovale, decorato con foglie d'acanto. La carta, priva di reticolo geografico, è in proiezione rettangolare. Nel mare, mostri marini e velieri. Incisione su rame, finemente acquarellata, in ottimo stato di conservazione. A striking Ptolemaic map of Sardinia and Sicily, shown with a flaming Mt Aetna. Mercator originally published this map in his 1578 edition of Ptolemy's great Geography. This example is from the later Utrecht 1695 edition by Franciscus Halma. This edition includes the 28 Ptolemaic map by Mercator, with blank verso, changes in the cartouches and some retouches on the plates. Copperplate, finely hand coloured, in very good condtion. La Gumina (2015), n. 44; Valerio - Spagnolo, p. 174 n. 46
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-11 18:28:07
Gerard MERCATOR (Kremer) (1512 - 1594)
Carta tolemaica della Grecia. Pubblicata per la prima volta nel 1578 nell'edizione della Geographia di Tolomeo curata da Gerard Mercator:'Claudii Ptolemaei Tabulae Geographicae Orbis Terrarum'. Questo esemplare proviene dal Theatrum Geographia Veteris di Petrus Bertius edita a Leida nel 1619, che combina il Tolomeo di Mercator, le 8 tavole del Moretus per rappresentare la Tabula Peutingeriana e 14 mappe storiche delle regioni d'Europa derivate dal Parergon di Ortelius. Incisione su rame, in ottimo stato di conservazione. Ptolemaic map of Greece. Showing landmarks, major cities and towns, rivers and parks. Originally issued in Mercator's 1578 edition of 'Geographia', this particular example was featured in Petrus Bertius' 'Theatrum Geographiae Veteris', issued in Leyden 1619. The work includes 28 maps of Ptolemy, engraved by Gerhard Mercator; 8 engravings of the Peutinger Roman World Map; finally, in the third part there are 14 historical maps of Europe with accompanying text, 12 of them borrowed from the Parergon maps of Ortelius, a Low Countries map of Kaerius, and an Italy map of Cluverius, both based on Ortelius. Copper engraving, in very good condition.
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-11 18:28:07
Gerard MERCATOR (Kremer) (1512 - 1594)
Carta tolemaica dell'Asia sudorientale. Edita per la prima volta nel 1578 nell'edizione della Geographia di Tolomeo curata da Gerard Mercator:'Claudii Ptolemaei Tabulae Geographicae Orbis Terrarum'. Questo esemplare proviene dal Theatrum Geographia Veteris di Petrus Bertius edita a Leida nel 1619, che combina il Tolomeo di Mercator, le 8 tavole del Moretus per rappresentare la Tabula Peutingeriana e 14 mappe storiche delle regioni d'Europa derivate dal Parergon di Ortelius. Incisione su rame, in ottimo stato di conservazione. Ptolemaic map of Southeast Asia. Originally issued in Mercator's 1578 edition of 'Geographia', this particular example was featured in Petrus Bertius' 'Theatrum Geographiae Veteris', issued in Leyden 1619. The work includes 28 maps of Ptolemy, engraved by Gerhard Mercator; 8 engravings of the Peutinger Roman World Map; finally, in the third part there are 14 historical maps of Europe with accompanying text, 12 of them borrowed from the Parergon maps of Ortelius, a Low Countries map of Kaerius, and an Italy map of Cluverius, both based on Ortelius. Copper engraving, in very good condition.
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-11 18:28:07
Gerard MERCATOR (Kremer) (1512 - 1594)
Carta tolemaica della Gran Bretagna, edita per la prima volta nel 1578 nell'edizione della Geographia di Tolomeo curata da Gerard Mercator:'Claudii Ptolemaei Tabulae Geographicae Orbis Terrarum'. Questo esemplare proviene dal Theatrum Geographia Veteris di Petrus Bertius edita a Leida nel 1619, che combina il Tolomeo di Mercator, le 8 tavole del Moretus per rappresentare la Tabula Peutingeriana e 14 mappe storiche delle regioni d'Europa derivate dal Parergon di Ortelius. Incisione su rame, in ottimo stato di conservazione. Ptolemaic map of British Isles . Showing landmarks, major cities and towns, rivers and parks. The map is decorated with a strapwork title cartouche, a sea monster and a fishing scene in the North Sea. Originally issued in Mercator's 1578 edition of 'Geographia', this particular example was featured in Petrus Bertius' 'Theatrum Geographiae Veteris', issued in Leyden 1619. The work includes 28 maps of Ptolemy, engraved by Gerhard Mercator; 8 engravings of the Peutinger Roman World Map; finally, in the third part there are 14 historical maps of Europe with accompanying text, 12 of them borrowed from the Parergon maps of Ortelius, a Low Countries map of Kaerius, and an Italy map of Cluverius, both based on Ortelius. Copper engraving, in very good condition.
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-11 18:28:07
Gerard MERCATOR (Kremer) (1512 - 1594)
1578. Bella e inconsueta carta tolemaica dell'Italia realizzata da Gerard Mercator. Pubblicata per la prima volta nel 1578 nell'edizione della Geographia di Tolomeo curata da Gerard Mercator:'Claudii Ptolemaei Tabulae Geographicae Orbis Terrarum'. Questo esemplare proviene dal Theatrum Geographia Veteris di Petrus Bertius edita a Leida nel 1619, che combina il Tolomeo di Mercator, le 8 tavole del Moretus per rappresentare la Tabula Peutingeriana e 14 mappe storiche delle regioni d'Europa derivate dal Parergon di Ortelius. Incisione su rame, in ottimo stato di conservazione. Ptlomaic map of Italy. Originally issued in Mercator's 1578 edition of 'Geographia', this particular example was featured in Petrus Bertius' 'Theatrum Geographiae Veteris', issued in Leyden 1619. The work includes 28 maps of Ptolemy, engraved by Gerhard Mercator; 8 engravings of the Peutinger Roman World Map; finally, in the third part there are 14 historical maps of Europe with accompanying text, 12 of them borrowed from the Parergon maps of Ortelius, a Low Countries map of Kaerius, and an Italy map of Cluverius, both based on Ortelius. Copper engraving, in very good condition.
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-11 18:28:06
Gerard MERCATOR (Kremer) (1512 - 1594)
1578. Mappa tolemaica della penisola arabica, anche detta Arabia Felix, edita per la prima volta nel 1578 nell'edizione della Geographia di Tolomeo curata da Gerard Mercator:'Claudii Ptolemaei Tabulae Geographicae Orbis Terrarum'. Questo esemplare proviene dal Theatrum Geographia Veteris di Petrus Bertius edita a Leida nel 1619, che combina il Tolomeo di Mercator, le 8 tavole del Moretus per rappresentare la Tabula Peutingeriana e 14 mappe storiche delle regioni d'Europa derivate dal Parergon di Ortelius. Incisione su rame, in ottimo stato di conservazione. Ptolemaic map of Arabian Peninsula. Originally issued in Mercator's 1578 edition of 'Geographia', this particular example was featured in Petrus Bertius' 'Theatrum Geographiae Veteris', issued in Leyden 1619. The work includes 28 maps of Ptolemy, engraved by Gerhard Mercator; 8 engravings of the Peutinger Roman World Map; finally, in the third part there are 14 historical maps of Europe with accompanying text, 12 of them borrowed from the Parergon maps of Ortelius, a Low Countries map of Kaerius, and an Italy map of Cluverius, both based on Ortelius. Copper engraving, in very good condition. Van der Krogt, P. (Atlantes) 0926:1.2; Tibbetts, G.R. 39.
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-11 18:28:05
Gerard MERCATOR (Kremer) (1512 - 1594)
1578. Carta tolemaica dell'antica regione della Sarmazia corrispondente all'attuale territorio di Ucraina e Russia. Edita per la prima volta nel 1578 nell'edizione della Geographia di Tolomeo curata da Gerard Mercator:'Claudii Ptolemaei Tabulae Geographicae Orbis Terrarum'. Questo esemplare proviene dal Theatrum Geographia Veteris di Petrus Bertius edita a Leida nel 1619, che combina il Tolomeo di Mercator, le 8 tavole del Moretus per rappresentare la Tabula Peutingeriana e 14 mappe storiche delle regioni d'Europa derivate dal Parergon di Ortelius. Incisione su rame, in ottimo stato di conservazione. Ptolemaic map of ancient Sarmatia the region between the Baltic, Adriatic and Black Seas. Originally issued in Mercator's 1578 edition of 'Geographia', this particular example was featured in Petrus Bertius' 'Theatrum Geographiae Veteris', issued in Leyden 1619. The work includes 28 maps of Ptolemy, engraved by Gerhard Mercator; 8 engravings of the Peutinger Roman World Map; finally, in the third part there are 14 historical maps of Europe with accompanying text, 12 of them borrowed from the Parergon maps of Ortelius, a Low Countries map of Kaerius, and an Italy map of Cluverius, both based on Ortelius. Copper engraving, in very good condition.
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-11 18:28:05
Gerard MERCATOR (Kremer) (1512 - 1594)
Mappa tolemaica dell'India, edita per la prima volta nel 1578 nell'edizione della Geographia di Tolomeo curata da Gerard Mercator:'Claudii Ptolemaei Tabulae Geographicae Orbis Terrarum'. Questo esemplare proviene dal Theatrum Geographia Veteris di Petrus Bertius edita a Leida nel 1619, che combina il Tolomeo di Mercator, le 8 tavole del Moretus per rappresentare la Tabula Peutingeriana e 14 mappe storiche delle regioni d'Europa derivate dal Parergon di Ortelius. Mostra l'area tra i fiumi Indo e Gange e l'Himalaya. Incisione su rame, in ottimo stato di conservazione. Map of India based on Ptolemy's ancient map of the region. Originally issued in Mercator's 1578 edition of 'Geographia', this particular example was featured in Petrus Bertius' 'Theatrum Geographiae Veteris', issued in Leyden 1619. The work includes 28 maps of Ptolemy, engraved by Gerhard Mercator; 8 engravings of the Peutinger Roman World Map; finally, in the third part there are 14 historical maps of Europe with accompanying text, 12 of them borrowed from the Parergon maps of Ortelius, a Low Countries map of Kaerius, and an Italy map of Cluverius, It shows an area between the Indus and Ganges Rivers with the Himalayas. Copper engraving, in very good condition.
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-10 23:03:00
Gerard MERCATOR (Kremer) (1512 - 1594)
1578. Carta tolemaica incentrata sulle antiche provincie romane della Rezia, Norico, Pannonia e Illiria, lungo la costa adriatica. Pubblicata per la prima volta nel 1578 nell'edizione della Geographia di Tolomeo curata da Gerard Mercator:'Claudii Ptolemaei Tabulae Geographicae Orbis Terrarum'. Questo esemplare proviene dal Theatrum Geographia Veteris di Petrus Bertius edita a Leida nel 1619, che combina il Tolomeo di Mercator, le 8 tavole del Moretus per rappresentare la Tabula Peutingeriana e 14 mappe storiche delle regioni d'Europa derivate dal Parergon di Ortelius. Incisione su rame, in ottimo stato di conservazione. Ptolemaic map of the Roman Empire' provinces of Raetia, Noricum, Illyria, Noricum. Originally issued in Mercator's 1578 edition of 'Geographia', this particular example was featured in Petrus Bertius' 'Theatrum Geographiae Veteris', issued in Leyden 1619. The work includes 28 maps of Ptolemy, engraved by Gerhard Mercator; 8 engravings of the Peutinger Roman World Map; finally, in the third part there are 14 historical maps of Europe with accompanying text, 12 of them borrowed from the Parergon maps of Ortelius, a Low Countries map of Kaerius, and an Italy map of Cluverius, both based on Ortelius. Copper engraving, in very good condition.
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-10 23:02:29
Cornelis DE JODE (c. 1509 - 91)
1578. Rara carta geografica del corso del Danubio tratta dalla seconda edizione dell'atlante del De Jode, curata dal figlio Cornelis e denominata Speculum Orbis Terrae, 1593. Il foglio raffigura solo la parte occidentale del corso del Danubio. La carta venne disegnata da Christian Sgrooten. Incisione in rame, firmata in lastra dai fratelli van Deutecum, in perfetto stato di conservazione. Rare map taken from the second edition of the atlas of De Jode, edited by his son Cornelis and called Speculum Orbis Terrae, 1593. The depiction of Croatia on the map Nova exactissimaqve descriptio Danvbii, was made by Christian Sgrooten. Egraved by Lucas & Johannes van Deutecum. Copper engraving, whit full margins, in perfect condition. D. Mlinarić, J. Faričić, L. Mirošević p. 163.
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-10 19:13:20
Gerard DE JODE (1509 - 1591)
1578. L'opera proviene dalla seconda edizione dello Speculum Orbis Terrarum, pubblicata postuma dal figlio Cornelis nel 1591. Il de Jode, originario di Nimega, fu attivo editore e stampatore in Anversa, acerrimo rivale di Abraham Ortelius. Incisione in rame, magnifica impressione, contrastata e con tono di lastra, piccolo restauro al margine inferiore, in ottimo stato di conservazione. This work comes from the second edition of Speculum Orbis Terrarum, published by his son Cornelis in 1591 after his death. De Jode was born in Nuremberg and worked as publisher and printer in Antwerp as fiere rival of Abraham Ortelius. Copperplate, excellent imprint with shades and tone plate, small repair on lower margin, in excellent condition.
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-10 19:13:20
Gerard DE JODE (1509 - 1591)
Gerard de Jode, editore e cartografo con fervente attività in Anversa, nel 1578 pubblica la prima edizione del suo celebre Speculum Orbis Terrarum. L'atlante, che nella sua prima stesura risulta essere di incredibile rarità, venne successivamente ristampato nel 1593 dal figlio Cornelis, con alcune varianti nel testo e nel numero delle tavole. La carta del Portogallo deriva dal rilievo di Fernando Alvaro Seco, pubblicata nel 1561. Incisione in rame, intagliata dai fratelli Johoannes o Lucas van Deutecum, lievi pieghe di carta centrali, piccolo strappo restaurato, nel complesso in ottimo stato di conservazione. Rara prima edizione. Gerard de Jode, a published and cartographer who worked in Antwerp, published in 1578 the first edition of his famous Speculum Orbis Terrarum, quite rare in its first edition. The work was afterwards reissued by his son Cornelis, with some changes in the text and the number of plates. The map of Portugal derives from the measurements of Fernando Alvaro Seco, published in 1561. Copper engraving by the brothers Johoannes or Lucas van Deutecum, light paper folds in the central part, perfectly repaired tear, otherwise in excellent condition. A rare first edition. Imagens de Portugal e Ilhas Atlanticas, p. 80 n. 24.
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-10 19:13:20
Gerard DE JODE (1509 - 1591)
Acquaforte e bulino, prima del 1573. Esemplare pubblicato nella prima edizione del 1578. Magnifica prova, con bellissima coloritura coeva, con margini, in perfetto stato di conservazione. Al verso, testo latino e numero di pagina in carattere romano, XX. Gerard de Jode, era cartografo, incisore, tipografo ed editore nella città di Anversa, attivo all'incirca nello stesso periodo di Ortelius. Nel 1547 ottenne il privilegio per l'attività editoriale, tuttavia non fu mai in grado di rappresentare un'effettiva minaccia per il suo rivale in affari. Per ironia della sorte, pubblicò il famoso Mappamondo del rivale, in otto fogli, nel 1564. Il suo atlante più importante, lo Speculum Orbis Terrarum, oggi estremamente raro, non poté essere pubblicato fino al 1578, ovvero otto anni dopo il Theatrum Orbis Terraum di Ortelius, che aveva ottenuto il monopolio per l'editoria cartografica ad Anversa. Le carte del De Jode furono finemente tradotte su rame nel tipico stile fiammingo dai fratelli Joannes e Lucas van Doetecum, i migliori intagliatori di mappe del tempo. Alla morte di Gerard, il figlio Cornelis pubblicò, nel 1593, una ristampa accresciuta dell'atlante. Etching with engraving, before 1573. Exemple of the first edition published in 1578. Magnificent impression, with great contemporary coloring, with margins, in perfect condition. Latin text and page number in roman font, XX. Gerard de Jode, was a cartographer, engraver, printer and publisher in Antwerp, active around the same period of Ortelius. In 1547 he obtained the privilege for the publishing business, but was never able to … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-10 19:13:20
Gerard DE JODE (1509 - 1591)
1578. La carta del de Jode rappresenta la prima ristampa estera del mitico rilievo cartografico della penisola di Giacomo Gastaldi, edito a Venezia nel 1561. La carta del Gastaldi ebbe subito un incredibile successo e dopo il 1567, anno della morte del cartografo piemontese, iniziarono subito le ristampe, riduzioni, derivazioni e contraffazioni, che continuarono fino al 1600. Gerard de Jode, editore e cartografo con fervente attività in Anversa, già nel 1568 realizza una carta in 4 fogli di derivazione "gastaldiana"; nel 1578 l'editore fiammingo pubblica la prima edizione del suo celebre Speculum Orbis Terrarum, dove inserisce una riduzione della carta dell'Italia. L'atlante, che nella sua prima stesura risulta essere di incredibile rarità, venne successivamente ristampato nel 1593 dal figlio Cornelis, con alcune varianti nel testo e nel numero delle tavole. Incisione in rame, intagliata dai fratelli Johoannes o Lucas van Deutecum, lievi pieghe di carta centrali, piccolo strappo restaurato, nel complesso in ottimo stato di conservazione. Bibliografia: Borri pp. 51-52, 48; Perini pp. 30-32; Almagià p. 27. Dimensioni 515x365. De Jode's map represents the first foreign reissue of the great carthographic analysis of the peninsula of Giacomo Gastaldi, published in Venice in 1561. Gastaldi's map was immediately appreciated and after 1567, the year of its author's death, it was reprinted under many circumstances: reissues, reductions, copies and fakes, until 1600. Gerard de Jode, publisher and cartographer of Antwerp, had already realized, in 1568, a map in four sheets whose inspi … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-10 19:09:50
Adriaen Huybrechts (Anversa 1550 circa - 1614)
Acquaforte e bulino, 1578, firmata in lastra in basso al centro. Magnifica prova, ricca di toni, impressa su carta vergata coeva con filigrana non leggibile, rifilata al rame, in perfetto stato di conservazione. Adriaen Huybrecht o Huberti era editore ed incisore in Anversa, amico di Cristopher Plantin e di Gerard de Jode. L'opera raffigura una piazza di una città olandese in stato d'assedio, e sullo sfondo un' accampamento con delle truppe di soldati. Al centro della piazza, una grande scena raffigurante il combattimento tra cani, seguita da una numerosa folla, ed intorno diverse scene di combattimenti tra soldati. Il lavoro è sconosciuto al Wurzbach e al Nagler ed è pubblicata nel libro di Daniel Horst che raffigura le stampe di propaganda di guerra nelle rivolta in Olanda dal 1566 al 1584. L'opera, sebbene sia senza attribuzione e rimanga anonima, è incisa nello stile di Peeter van der Borcht, uno dei più geniali, ma allo stesso tempo sconosciuti, artisti fiamminghi del XVI secolo. La scarsità delle sue incisioni è probabilmente la ragione principale per cui è stato in gran parte trascurato dagli studiosi, e solo recentemente catalogato nel New Hollstein. Tuttavia, ancora incerta è la totalità della sua produzione e molte delle stampe sopravvivono in uno o due impressioni solamente. Alcune delle sue opere furono realizzate per far circolare idee religiose o messaggi di ribellione. Come incisore era al servizio di Christophe Plantin, di Adriaen Huybrechts e di Johan Baptiste Vrients. Rara ed interessante. Etching and engraving, 1578, signed in plate at lower center. A mag … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-10 19:09:49
Giovanni Battista de' CAVALIERI o CAVALLERIS (1525-1601)
Bulino, 1578, datato e firmato in lastra, in basso al centro, 'Ioa baptista de Cavalleris incidebat Romae 1578'. Magnifica prova, ricca di toni, impressa su carta vergata coeva con filigrana "cerchio con stella a quattro punte", rifilata alla linea marginale, in ottimo stato di conservazione. L'incisione riproduce, nello stesso verso, la splendida pala d'altare completata sotto la direzione di Giorgio Vasari nel 1553, per la chiesa romana che proprio da quest'opera prende il nome di S. Giovanni Decollato. La scena, sviluppata in profondità, è ambientata all'interno della prigione in cui il Battista era stato rinchiuso da Erode. Ai lati, due file formato a sinistra da soldati, a destra da ancelle. La loro disposizione guida/conduce lo spettatore verso il centro della stanza, dove giace decapitato il corpo del Battista Il risalto della sua figura è ottenuto con un abile gioco di luci ed ombre: la figura del suo carnefice, che con la mano sinistra tiene dai capelli la testa del Battista, nell'atto di riporla sul vassoio, è delineata con un tratteggio molto fitto, così da risultare completamente in ombra, quale figura tenebrosa e malvagia. Opera di grande rarità. "Engraving, Signed and dated lower centre: 'Ioa baptista de Cavalleris incidebat Romae 1578'. Only state After Giorgio Vasari's altarpiece in the same direction, in the Roman church of San Giovanni Decollato,from which takes its name San Giovanni Decollato, Rome. A great impression, printed on contemporary laid paper with ""star in a cricle"" watermark, trimmed to the platemark, very good condition. Vasari's painting h … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2019-12-31 08:01:03
1578. T. Livii Historia - Patauini Historiarum ab verbe Condita decadis primae Liber - L. Flori in Eunddem Epidome . / Chronologia in Titi Liivi Historiam, accomodate at Tabulas . / in Titi Livii Patauini Romanae Historiae Principis Libros Omnes Qui Extant, Doctrissimorum tam Superioris quam Nostri Seculi Virorum Annotationes . / Caroli Sigonii Scholia Quibus stiti Livii pat a vini Historiae et earum Epito . / Duo Tarquinii Lucius ac Aruns Prisci Tarquinii fillii ne an nepotes Fuerint, adversus Liuium . / In Titi Livii Patauini Historiarum ab Verbe Condita Libros, qui quidem Extat, Omnes, Observationes Frankfurti an Moenum, Cum gratia et privilegio Caesareae Maiestatus, 1578 Format in-folio (38 cm X 24,5cm), belle reliure de l'époque plein cuir, dos à nerfs, ornementé à froid, 905+119+82+104+93pp, bien complet des 6 parties bien complètes des 5 pages de titre datées dont 4 illustrées d'un frontispice dont 2 avec le même motif (petit manque de papier marginale sur la première page de titre) . L'intérieur de l'ouvrage est en excellent état, sans trou ni manque (quelques petites mouillures sans aucune gravité, une page un peu renforcée marginalement avec du papier) Bien complet de la centaine de gravures in texte (15*10cm). Voir les 2 liens ci dessous (le deuxième montre les 100 gravures) Description en photos ici: https://photos.app.goo.gl/0TkXeBi7OWkRRv2o2 Les gravures ici: https://photos.app.goo.gl/DN8U7T64NKbrx1L73.
Bookseller: artemisland [Bourg en Bresse, FR]
2019-12-31 02:55:07
Andreas Perneder
Ingolstadt: durch Wolffgang Eder, 1578. Blindgeprägter Schweinslederband d. Z. (etwas fleckig und berieben; ohne die Schließen) mit 2 goldgeprägten RSch. Titel von Teil I im Rand beschnitten und komplett aufgezogen, im oberen Rand mit Besitzeintrag. Anfangs mit etwas größerem Feuchtigkeitsfleck im oberen Bug. Die letzten ca. 12 Blatt von Teil I mit zwei Löchern im Satzspiegel (geringer Buchstabenverlust), das Schlussblatt dort verso hinterlegt. Schlussblatt von Teil II im unteren Rand mit hinterlegtem Einriss, Schlussblatt von Teil V zu etwa 2/3 abgeschnitten (nurl weiß) und ergänzt. Insgesamt sehr schönes Papier und kaum fleckig, vereinzelt Anmerkungen und Unterstreichungen von alter Hand. Institutiones, Ausszug vnd anzaigung etlicher geschribenen Keyserlichen und dess H. Römischen Reichs Rechte ... nach Ordnung der vier Bücher Keyserlichen Institution gestelt ... sampt angehängten Büchern, I. dess ordentlichen Gerichtlichen Process ; II. der Lehen Recht Verteutschung ... III. der Peynlichen Halss Gerichts Ordnung ; IV. der Summae Rolandini von allerhandt Contracten und Testamenten ; V. dess Soccini Tractats schier aller Regeln gemeyner Recht / Andreas Perneder; Mit etlichen Vorreden Wolffgangi Hungers; ... auch Octaviani Schrencken ... Getruckt zu Ingolstatt ; in der Weissenhornischen Truckerey 5 Teile in 1 Band. Mit 1 gefalteten Holzschnitt-Tafel. Ingolstadt, Weißenhorn, 1578. Getrennte Paginierung. 34 x 21 cm. Blindgeprägter Schweinslederband der Zeit über Holzdecken, mit Rollen- und Plattenstempeln und 2 Schließen (etwas fleckig, Ecken teilweise bestoßen, Rü … [Click Below for Full Description]
Bookseller: siussommer [Berlin, DE]
2019-12-27 00:05:40
DE JODE, Gerard
Antwerpen (hier aus der zweiten Ausgabe von 1593), 1578. Altkolorierte Kupferstichkarte aus Speculum Orbis Terrarum, 37 x 46 cm. Mit Titelkartusche und Wappen; rückseitig lateinische Landesbeschreibung. - Mittelbug leimschattig und mit kleinen Schabstellen, einzelne Flecken im breiten weißen Rand. Van der Krogt 3380:32; Van Ortroy 116. - Älteste Karte des Herzogtums Luxemburg, das damals zum Herrschaftsbereich der spanischen Habsburger gehörte. Gestochen von den Brüdern Jan und Lucas van Doetichum und wie alle Karten de Jodes selten; von der ersten Ausgabe des "Speculum" sind gar nur zwölf Exemplare erhalten.
Bookseller: Wiener Antiquariat Ingo Nebehay GmbH [Wien, Austria]
2019-12-26 19:24:09
Appian of Alexandria
London: Raulfe Newberrie and Henrie Bynniman 1578. 8vo. (ii), 398, (12), (xii), 296, 4, (8) pp. Original limp vellum. In modern cloth slipcase with paper title label to spine. Vellum marked with later repair to rear board. Sewing threads to spine. Small strip of medieval manuscript with lettering & musical notation sewn in as guard to rear board. Staining to leaves. Four index leaves trimmed by 50%. Repairs to title-page and approx. 25 additional leaves. Binding firm. STC 713 . Very Good. Vellum. 1578.
Bookseller: Foster Books [United Kingdom]
Check availability:
2019-12-22 22:57:16
DE JODE, Gerard
Antwerpen (hier aus der zweiten Ausgabe von 1593), 1578. Altkolorierte Kupferstichkarte aus Speculum Orbis Terrarum, 36 x 48 cm. Mit Titelkartusche und Wappen; rückseitig lateinische Landesbeschreibung. - Mittelbug geringfügig leimschattig, mit unbedeutenden kleinen Schabstellen und unrestauriertem Wurmloch, ein kleiner Tintenfleck im Bild und kleine Tintenspuren im Rand; insgesamt gut erhalten und dekorativ. Van der Krogt 3600:32; Van Ortroy 118. - Seltene frühe Karte der niederländischen Provinz, gestochen von Jan van Doetichum. Obwohl von hoher Qualität, konnte sich de Jodes Atlas gegen die Kartenwerke von Abraham Ortelius nicht durchsetzen; von der ersten Ausgabe des "Speculum" haben sich nur rund zwölf Exemplare erhalten.
Bookseller: Wiener Antiquariat Ingo Nebehay GmbH [Wien, Austria]
2019-12-21 05:05:25
DE JODE, Gerard
Antwerpen (hier aus der zweiten Ausgabe von 1593), 1578. Altkolorierte Kupferstichkarte aus Speculum Orbis Terrarum, 35 x 52 cm. Mit zwei Titelkartuschen und mehreren Zierelementen im Renaissancestil; rückseitig lateinische Landesbeschreibungen mit kolorierten Initialen. - Unbedeutende kleine Quetschfalten, im Rand geringfügig fingerfleckig, insgesamt sehr gut erhalten. Koeman 3, 2725 und 2730:32; Van Ortroy 111; Descriptio Austriae 80, Taf. 19. - Auf Wolfgang Lazius zurückgehende Darstellungen mit Tendenz zur Vereinfachung und Entwirrung; im Einzelnen geographisch ungenau, jedoch sehr dekorativ. "Eines der ästhetisch überzeugendsten Kartenblätter, das De Jode in beiden Auflagen seines Atlasses präsentierte, zeigt in zwei nebeneinanderliegenden Kreisen die beiden Herzogtümer Steiermark und Kärnten. Die Komposition des Blattes mit seiner ornamentalen Umrahmung und den beiden Kartuschen in Renaissancemanier kann als besonders gelungen betrachtet werden" (Descriptio Austriae). - Äußerst selten.
Bookseller: Wiener Antiquariat Ingo Nebehay GmbH [Wien, Austria]
2019-12-18 18:28:30
Francesco Zorzi, Pic de la Mirandole
Paris: 1578. A restaurer, voir description. L'Harmonie du Monde, divisée en trois cantiques. Œuvre singulier, et plein d'admirable érudition. Premièrement composé en latin par François George de Venise, (Francesco Zorzi), traduit par Guy Le Fèvre de la Boderie. plus L'Heptaple, où en 7 façons, et autant de livres, est exposée l'Histoire de la Création. de Jean Picus, Comte de la Mirande (Pic de la Mirandole), traduit par Nicolas Le Fèvre de la Boderie. 1578. Au Mont Saint Hilaire, Paris, par Pierre Voirrier, pour Jean Macé, à l'enseigne de l'Ecu de Bretagne. Un fort volume In-folio 35x23cm, feuillets liminaires (épitres, introduction, sommaire), 878pp. + Table, Privilège et colophon. Illustré par de nombreuses lettrines et bandeaux gravés, de quelques figures in-t, dont une grande à pleine page reflétant la composition occulte des Trois Mondes (Monde Angélique, Monde Céleste et Monde Corruptible). Complet. A restaurer: reliure d'époque plein vélin souple en mauvais état, présentant des déchirements importants. Des traces d'humidité sur la surface du premier contreplat ont affecté directement les premiers feuillets, entraînant un effacement partiel de la page de titre et du texte du deuxième feuillet, en partie haute à droite, et dans une bien moindre mesure sur les trois feuillets suivants. Une large mouillure claire se répète en s'estompant sur les trente premiers feuillets, ainsi qu'une autre sur les quelques derniers feuillets de la table en fin d'ouvrage. La grande majorité de l'ouvrage reste en excellente condition de conservation et de fraîcheur, solidement relié. Que … [Click Below for Full Description]
Bookseller: chev.fr2015 [Ambert, FR]
______________________________________________________________________________


      Home     Wants Manager     Library Search     564 Years   Links     Contact      Search Help      Terms of Service      Privacy     


Copyright © 2020 viaLibri™ Limited. All rights reserved.