The viaLibri website requires cookies to work properly. You can find more information in our Terms of Service and Privacy Policy.

Displayed below are some selected recent viaLibri matches for books published in 1562
2020-01-26 20:08:10
Johannes van DOETECUM (Attivo tra il 1554 - 1606)
Acquaforte, 1562 ca, senza data e firma. Primo stato di due, avanti il numerale. Magnifico esemplare, impresso su carta vergata coeva, con filigrana, ampi margini bianchi, in ottimo stato di conservazione. Veduta a volo d'uccello di una città con una strada che parte in basso a destra e sale verso una collina in alto a sinistra. La tavola appartiene a una serie di 28 piccole vedute prospettiche architettoniche incise da Johannes van Doetecum da disegni di Hans Vredeman de Vries. La prima edizione della serie, pubblicata ad Anversa da Hieronymus Cock nel 1562, non ha un frontespizio con un titolo, ma si apre con la pagina di dedica al cardinale Antoine Perrenot de Granvelle. Theodor Galle ne curò una prima ristampa nel 1601. con il titolo "Variae architecturae formae...", seguita subito dopo (probabilmente nello stesso anno) da un'altra edizione, con le tavole numerate 21-49, in quanto parte di una pubblicazione di 49 tavole. Una quarta edizione fu curata da Johannes Galle, intorno al 1636-1640 circa. Etching, 1562 circa, unlettered. First state, before numbering. Good example, printed on the contemporary laid watermaked paper, white margins, very good conditions. Bird's-eye view of a town with a street going up hill from bottom right to top left. This plate belongs to a set of twenty eight plates showing small architectural perspective views engraved by J.van Doetecum after designs by Hans Vredeman de Vries, and the dedication plate to Atoine Perrenot, cardinal Granvelle. Drawing in reverse, signed and dated 1561, right half traced for transfer, in Berlin (KB, Hdz 1195). Th … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-25 13:05:26
Doni Anton Francesco
appresso Gabriel Giolito de'Ferrari 1562 & 1589, in Vinegia. Due opere con frontespizio autonomo in un volume in-4° antico (200x147mm). Pergamena coeva con nervi passanti al dorso con titolo calligrafico (sbiadito). Prima opera (in prima edizione): pp 64; seconda opera di pp 56, in terza edizione (la prima è del 1562) o meglio in una nuova emissione della prima; gli eredi di Gabriele in alcune copie ristamparono il primo foglio, ponendovi la data del 1585 e del 1589; segno certo che erano rimaste invendute nei magazzini (Bongi). Ai frontespizi, entro cornice ovale impresa giolitiana con la fenice, rivolta verso un sole radiante, posata su fiamme che si sprigionano da un'anfora recante monogrammi dello stampatore; in un cartiglio è posta l'iscrizione Semper eadem. Dediche a stampa a Giovanni Battista Saracco, Pandolfo Attavanti; Aloise Malipiero. Testatine, capilettera e finalini istoriati xilograficamente. Rare edizioni di queste opere dedicata alle arti dell’eloquenza e della memoria e alla comparazione di fatti antichi e moderni. Nel trattato mnemonico i capilettera istoriati rappresentano un sistema di immagini di scene mitologiche, in cui ogni lettera corrisponde alla prima lettera del personaggio principale inserito nella scena; l'alfabeto è basato su quello già impiegato da Ludovico Dolce nella sua traduzione delle Metamorfosi ovidiane (Le Trasformationi), pubblicata l'anno prima dallo stesso Giolito de'Ferrari. Si tratta infatti di alfabeti che, secondo le parole del poligrafo collaboratore dei Giolito Ludovico Dolce nella sua opera sulla memorizzazione, hanno parte … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Gilibert Libreria Antiquaria (ILAB-LILA) [Torino, TO, Italy]
2020-01-22 22:27:57
Euripides
Oporinus colophon: March, 1562. with woodcut printer's device on title, numerous woodcut initials, headpieces, &c, text in double columns Greek and Latin, the Greek on the inside of the page, without the final blank, scattered spotting, occasional slight browning, mild water-staining in margins, only becoming really noticeable at the end in the lower fore-margins, title-page creased, and bit frayed at edges, with a couple of tears entering the page but not affecting text, pp. 845, [24, Index], [1, colophon], folio early seventeenth-century English calf, double blind ruled borders on sides, rebacked (a little crudely), a little worn at extremities, signature at head of title-page of Tho. Wilkins, 1780. 'It seems that [Jean Brodeau , of Tours] had written, in the margins of the Aldine impression, a number of remarks and corrections upon eleven of the plays; from which it appeared that the errors common to both the first editions by Hervagius, were not only neither few, nor unimportant, but not derivable from the edition of Aldus. The corrections were copied out by Oporinus, and given to be embodied in this impression. It is therefore an indispensable volume to a critical collector of the works of this fascinating Greek tragedian, and is the first in which a Latin version accompanies the Greek text' (Dibdin). Oporinus commissioned this translation form Stiblinus, in order to improve the Hervagius text, which it did; but was unfortunate to have been eclipsed by Melancthon's shortly after. It is a pity that there is no further evidence, other than the binding, of the book's arri … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Blackwell's Rare Books ABA ILAB BA [Oxford, United Kingdom]
2020-01-18 15:31:14
Sansovino Francesco
1562. [Orazioni-Volgare] (cm.21,3) buona piena pergamena dell' epoca con ottimi piccoli restauri marginali. -- cc. 8 nn., cc. 192; cc. 4 nn., cc. 116. (la 192 e la 116 sono bianche al verso), elegante corsivo, fregi e capolettera figurati. Le due parti hanno frontis proprio e colophon in fine. Seconda edizione assai pregiata, corretta e dimolto ampliata rispetto alla prima del 1561. Questa raccolta ebbe parecchie ristampe, la nostra ha la dedica del Sansovino al Sig. Paolo Contarini; contiene 51 orazioni sui più svariati argomenti civili e militari. Lingua toscana, libertà di Siena, lotta contra il Turco, fatti di Boemia, Urbino, Ferrara, Lucca, Genova, Inghilterra, Fiandra ecc. Fra i molti autori: il Della Casa, Tolomei, Trissino, Guidiccioni, ecc. L' orazione funebre del Bembo è del Varchi. Uno strappo senza perdita di testo e piccoli difetti a carta 5 della prima parte, lievi aloni alle prime carte e qualche macchiolina, altrimenti bell' esemplare ben completo e con la marca tipografica all' inizio colorata a tempera verde dell' epoca. Abbastanza raro, manca a Razzolini, Poggiali, Choix, Passano ed Adams. * Gamba 1547, in nota con ampio commento; Cat. Libri (1861) n° 6465; Bertoloni " Serie de Testi di Lingua" 1846, pag. 119 n° G 1054.
Bookseller: LibriAntichiArezzo-FC Edizioni (studio.bibliografico.libri.antichi.arezzo) [ Arezzo, IT]
2020-01-17 11:54:10
DONI Ant. Franc.
1562. [MEMORIA, PRIMA EDIZIONE] (cm. 21) Solido cartonato recente; pp. 56 n. Grande marca tipografica, fregi, e bei capilettera figurati, tutto in xilografia. Edizione originale rara. Manca allo Choix, Poggiali, Razzolini e Dura. Opera assai interessante, sulla memoria e comparazione di fatti antichi e moderni, con motti e sentenze. Cfr. Young ¿Bibliogr. of Memory¿ p. 92. Nello stesso anno pubblicò anche il ¿Libro dell¿ eloquenza¿ che spesso si trova legato assieme al ¿Libro della memoria¿. Vecchio restauro all¿angolo bianco del frontis e qualche lieve alone, ma bell¿esemplare ben marginato. Bongi II 149; Gamba 1373; Haym ¿Libri rari¿ p. 372; Adams D 813; BM. STC. 225; Brunet II 814.
Bookseller: LibriAntichiArezzo-FC Edizioni (studio.bibliografico.libri.antichi.arezzo) [ Arezzo, Italy]
2020-01-17 00:59:42
1562. PITTONI, Giovan Battista (DOLCE Ludovico). Imprese di diversi prencipi, duchi, signori e d'altri personaggi et huomini letterati et illustri. Venetia, S.e. 1562 In-8° oblungo (cm. 22 x 15,5), titolo inciso entro bella cornice allegorica, dedica ad Alfonso da Este (da cui si evince la data di stampa), 50 (di 52) stupendi emblemi incisi in rame f.t. seguiti ognuno dai versi esplicativi di Lodovico Dolce contenuti in belle cornici incise (mancano due versi relativi ai due emblemi mancanti), legatura in opiena pergamena moderna, dorso con titolo su tassello e fregi in oro, ai piatti cornic in oro a motivi lineari e floreali. Al verso dell'ultima pagina annotazioni moanoscritte di mano coeva. Edizione originale rara e ricercata di quest'opera sugli emblemi, tra le meno comuni e di gran pregio per il magnifico lavoro grafico del Pittoni. Tra gli altri, vi sono emblemi dedicati a Carlo V, ai re Enrico di Francia e Filippo di Spagna, Emanuele Filiberto di Savoia, Sforza Pallavicino, Gius. Horologi, Ottavio Farnese, Card. Bembo, Gir. Ruscelli, il Tiziano e gli autori stessi Pittoni e Dolce. Cicognara n. 1938.
Bookseller: ANTICHI LIBRI (bea1403) [Torino, IT]
2020-01-16 23:37:04
Pierre WOEIRIOT (Neufchateau ou Damblain 1532 - Damblain dopo il 1596)
Bulino, avanti il 1562, privo di firma. Da un soggetto di Baldassarre Peruzzi. Esemplare nel secondo stato di due, con l'aggiunta dei versi in basso e della firma dell'editore Philippe Thomassin. Bellissima prova, impressa su carta vergata con filigrana "Reverenda Camera Apostolica", irregolarmente rifilata al rame, in buono stato di conservazione. Pierre Woeiriot proviene da una famiglia di orefici della Lorena, e fu incisore al bulino e bronziere, molto influenzato dall'arte rinascimentale italiana. Egli incise diverse opere da disegni di artisti italiani; non è sicura la paternità del Peruzzi di questo soggetto, poiché nessun modello è oggi conosciuto. L'episodio raffigurato è narrato da Appiano, ambientato a Cartagine, anno 146 a. C. Scipione Emiliano, assediata la città, per risparmiare ulteriori sacrifici alle sue truppe, emana un bando che avrebbe accordato la salvezza a tutti coloro che si sarebbero arresi. Obbedirono in 50.000, con in testa Asdrubale. Colpita dalla viltà del gesto compiuto dal marito, la moglie di Asdrubale imprecò contro di lui e invocò la vendetta, poi estrasse un pugnale, uccise i figli e si gettò con loro nelle fiamme che i Romani aveva appiccato. Livio riporta l'episodio con qualche variante: la donna si butta tra le fiamme con i figli vivi. Ed è questa la versione seguita dall'incisore: la scena mostra infatti la donna nell'atto di lanciarsi tra le fiamme con in braccio i due figli ancora vivi e terrorizzati. Nell'Indice delle stampe della bottega De Rossi, tra le opere di Baldassare Peruzzi si cita proprio il titolo La moglie di Asdrubale ch … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-16 23:37:04
Philippe GALLE (Haarlem, 1537; Anversa, 12 o 29 Marzo 1612)
Bulino, 1562 circa, firmato in lastra, in basso a sinistra BOL. IN. Più in basso, in corsivo, l'excudit Martini Petri excude. in insigni aurei fontis prope nouam bursam. Da un disegno di Francesco Primaticcio. Esemplare nel secondo stato, con l'excudit di Peeters aggiunto. Intorno al 1563, l'editore, stampatore e commerciante fiammingo Maarten Peeters, conosciuto anche con la forma latinizzata del suo nome, Martinus Petrus, pubblica tre incisioni, due delle quali dedicate al ciclo di Ulisse e corrispondenti a due dipinti nella Galleria di Ulisse di Fontainebleau: una lunga galleria affrescata con 48 episodi da Odisseo e i cui soffitti erano decorati con 93 affreschi di soggetti mitologici, probabilmente completata durante il regno di Enrico II. Potrebbe essere plausibile che Peeters intendesse pubblicare un ciclo di incisioni dalla Galleria di Ulisse, sebbene il progetto verrà realizzato solo nel 1633 dall'artista olandese Theodor van Thulden (1606 - 1669) che produsse una serie completa di stampe ricavate dagli affreschi di Ulisse, e che costituiscono le uniche immagini superstiti degli affreschi che andarono distrutti nell'incendio del 1739. Questa incisione che raffigura Odisseo dormiente adagiato sulle sponde di Itaca dai Feaci (Od. XIII, 96 - 104), deriva dal trentesimo affresco del ciclo perduto di Fontainebleau. Louis Dimier attribusce l'incisione a Philippe Galle, sulla base dello stile incisorio chiaramente vicino alla sua, nonostante l'incisione non sia presente in nessuna delle recenti monografie a Galle dedicate, e ne data la realizzazione intorno al 1562, anno … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-16 23:37:04
Horatius F. Q. (Orazio)
1562. [500 Fig. Raro] (cm.31,4) ottima piena pergamena sec XVII, titolo calligrafato al dorso. -cc.4nn., cc 225+ 1 c. bianca. Caratteri rotondi, testo contornato dal commento, due colonne, all'inizio di ogni libro ritratto del poeta che scrive nel suo studio. ( xilografia di cm. 7x5 ripetuta 11 volte). Due differenti marche tipografiche all'inizio e in fine. Edizione bella e rara, manca ad Adams e BM STC. Inoltre caratterizzata dalla presenza di moltissimi capilettere grandi e piccoli di diverse epoche e varietà, anche a fondo nero e molto eleganti. Lieve alone marginale a poche carte ma esemplare molto bello e nitido. * Choix 4682.
Bookseller: LibriAntichiArezzo-FC Edizioni (studio.bibliografico.libri.antichi.arezzo) [ Arezzo, IT]
2020-01-16 06:51:45
1562. In ottimo stato, con minime tracce del tempo, lievi fioriture, come da immagini e descrizione. LETTERE DI M. PIETRO BEMBO Di nuouo riueduto & stampato. Con la gionta della Vita del Bembo VOL. I - II - III - IV In Vinegia Appresso Girolamo Scotto MDCLXII / MDCLXIII Rara edizione cinquecentesca delle lettere di Pietro Bembo con marca tipografica ai frontespizi e ai primi due registri e capilettera figurati incisi all'incipit di ogni singola sezione. Legature ottocentesche in mezza pelle con dorsi fregiati in oro, testo con numerazione a carte. In ottimo stato di conservazione. 4 Voll. in-12°, mm. 140x75, cc. [6]-209/[6]-209/[6]-332/[2]-154. Legatura antica in mezza pelle e carta marmorizzata. Titoli con fregi dorati al dorso. 4 frontespizi con marca tipografica raffigurante un angelo, marca tip. al registro dei vol. I-II. Capilettera figurati e testatine fregiate finemente incisi n.t. In ottimo stato di conservazione, con lievi fioriture al testo, minime tracce del tempo o d'uso. ( le fotografie sono parte integrante della descrizione, e possono mostrare a volte difetti non descritti; alcuni minimi difetti giudicati trascurabili potrebbero essere omessi nella descrizione ) INFO PER QUALSIASI DUBBIO O INFORMAZIONE NON ESITATE A SCRIVERCI, O CONTATTARCI AL SEGUENTE NUMERO : ( +39 ) 0697279699 INVITIAMO I GENTILI UTENTI A LEGGERE SEMPRE LE DESCRIZIONI DEGLI OGGETTI IN VENDITA . SI ACCETTANO DIVERSE FORME DI PAGAMENTO . Il pagamento va effettuato entro 7 giorni dall'acquisto ( prima si paga prima si riceve l'oggetto).Possibilità di dilazionare i pagamenti previo accordo ant … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquaria Calligrammes (it.calligrammes) [Roma, IT]
2020-01-16 03:37:14
Ferrando BERTELLI (attivo a Venezia seconda metà del XVI secolo)
1562. "Rarissima carta geografica dell'isola edita a Venezia da Ferrando Bertelli. Magnifico esemplare, rifilato al rame e con margini coevi aggiunti, in perfetto stato di conservazione. Descrizione della mappa presa da Bifolco & Ronca ""CARTOGRAFIA RARA ITALIANA: XVI SECOLO L'ITALIA E I SUOI TERRITORI Catalogo Ragionato delle Carte a Stampa"" http://www.antiquarius-sb.com/cartografiarara.asp TITOLO & ISCRIZIONI Al centro dell'isola, la scritta Sardegna; in alto, a sinistra, in una targa, una breve descrizione della regione, la firma dello stampatore e la data, Sardinia jnsula inter africu[m] et tirrenum pelagus sita magnitudine 562 mil. pas: fertilis admodu[m] animaliuq varij generis abu[n]da[n]s metallis stagnis argentareijs fontibus salubris prestantissima. Fer. Ber. Exc. 1562. Orientazione nei quattro lati al centro, con il nome dei venti Tramontana, Mezzo di, Levante, Ponente. Carta priva di graduazione ai margini e di scala grafica. NOTIZIE STORICO-CRITICHE La carta del Bertelli è una derivazione della carta del Gastaldi-Licinio stampata qualche anno prima. Rispetto a questa, non apporta novità dal punto di vista geo-cartografico. L'opera appartiene ad una serie di mappe delle isole del Mediterraneo occidentale (Sardegna, Corsica, Maiorca, Minorca) che Bertelli realizzò nel 1560 circa. È plausibile che il Camocio abbia usato la mappa, inserendola in una copia del suo Isolario. STATI & EDIZIONI Non sono note ristampe. BIBLIOGRAFIA & CENSIMENTO R. Almagià, Monumenta Italiae Cartographica, 1929, p. 22; R. Almagià, Monumenta Cartografica Vaticana, 1948, pp. 103, 42; F. Bo … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-16 01:13:02
Sansovino Francesco
Venetia, Francesco Rampazetto. in fine: Francesco Sansovino, 1562. Venetia: Venetia, Francesco Rampazetto. in fine: Francesco Sansovino. [500 legaturaOrazioni-Volgare] (cm.25,3 x 17,5) interessante legatura originale in tutta pergamena tinteggiata color porpora, doppi filetti in oro ai piatti con fregi angolari e al centro, ma molto sbiaditi e poco leggibili, come pure il colore è in gran parte perduto. -cc. 4 nn., cc. 116; cc. 192, cc. 5 nn. (la 116 e la 192 sono bianche al verso. Elegante corsivo fregi e capilettera figurati. Esemplare particolare, curiosamente rilegato con la prima parte in fine. L'opera inizia con il frontis e la parte seconda, la prima parte, legata in fine, non contiene la dedica al Contarini e il frontis, le 5 carte con la "tavola" sono in fine. Non ne sappiamo il motivo ma l''opera è nata così, con i suoi capitelli originali tinteggiati in viola rossastro. E' senza dubbio un esemplare di dedica, unico così composto, con ben 6 cm. di margine in basso e di lato, stampato su carta grave nitidamente impresso e molto bello veramente. Piatti della legatura ottimamente restaurati per piccole mancanze alla cerniera e agli angoli. Seconda edizione assai pregiata, corretta e dimolto ampliata rispetto alla prima del 1561. Questa raccolta ebbe parecchie ristampe, la nostra ha la dedica del Sansovino al Sig. Paolo Contarini; contiene 51 orazioni sui più svariati argomenti civili e militari. Lingua toscana, libertà di Siena, lotta contra il Turco, fatti di Boemia, Urbino, Ferrara, Lucca, Genova, Inghilterra, Fiandra ecc. Fra i molti autori: il Della Casa, Tolome … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libri Antichi Arezzo - F&C Edizioni [AREZZO, Italy]
2020-01-16 01:10:08
1562. Figurato del '500 con l'opera poetica di Virgilio in latino, con numerose vignette e capilettera finemente decorati. Grande volume in Folio legatura ottocentesca in mezza pergamena con tassello fregi in oro al dorso. Bell'esemplare con impressione nitida, purtroppo mancante di 4 carte (C2, EE, EE4, EE5 con la C2 assente e le altre 3 sostituite da carte bianche), che include Eneide, Ecloghe, Bucoliche, Georgiche, altre opere minori e una biografia del poeta. 1 Vol. In-Folio, mm. 310x215, cc. [4]-413-1 c.b. Legatura post. in mezza pergamena con angoli e carta marmorizzata. Marca tipogr. al frontesp. Testo stampato su due colonne, con vignette e didascalie intercalate e bei capilettera figurati. Tagli rossi a spruzzo. Testo in latino. Con leggero alone ad alcune carte, piccolo foro a una incisione di una carta, minimi segni di china, frontespizio foderato, prime 4 e ultime 6-7 carte restaurate o rinforzate al margine. P. VIRGILII MARONIS, POETAE MANTVANI, VNIVERSVM POEMA: Cum absoluta Seruii Honorati Mauri grammatici & Badij Ascensij interpretatione, Probi & Ioannis Viuis in Eclogas allegorijs, Iodocique eruditis super Georgica commentarijs. Quibus accesserunt LudouiciCoelii Rhodigini, Ioannis Scoppae Parthenopaei, Iacobi Constantij Fanensis, Francisci Campani Colensis, Iacobi Crucij Bononiensis, necnon alterius docti hominis lucubrationes et annotationes in loca difficiliora. Elegantissimae praeterea librorum omnium figurae, ... alij doctissimi viri hactenus obseruarunt. Quae non, ut antea, plurimis foedata mendis, sed acri studio emendata, atque omni, quantum licuit, e … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquaria Calligrammes (it.calligrammes) [Roma, IT]
2020-01-15 19:04:40
Giacomo GASTALDI (1500 circa - 1565 circa)
Incisione in rame, acquaforte e bulino, 1562, firmata e datata in lastra nel cartiglio al centro. Bellissima prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana "corona a 5 punte e stella a 6 punte" (simile a Woodward 264), con ampi margini, in ottimo stato di conservazione. Esemplare sconosciuto ai repertori, nel secondo stato di duue, con numerose correzioni nella lastra, e con il titolo aggiunto in alto Il Grande Ducado de Moscovia, databile al 1602. Titolo & iscrizioni: a destra al centro in una targa Nova Descripcione de la Moscovia per Giacomo gastaldo piamontese Cosmographo in venetia Anno. M.D.LXII IIII. Ferando Berteli exc. Carta di forma trapezioidale e negli spazi ai lati che rimangono vuoti per la forma della carta vengono raffigurati un cavaliere e armi da guerra. Orientazione nei quattro lati al centro con il nome di due venti e due punti cardinali TRAMONTANA, OSTRO, ORIENTE, OCCIDENTE. Carta priva di scala grafica. Graduazione ai margini di grado in grado, va da 46° a 66° lat. e da 50 ° a 90° long. Acquaforte e bulino, mm 258x365. Notizie storico critiche: Pochi anni dopo la carta del Forlani-Camocio, a Venezia viene realizzata questa replica, pressochè identica, della carta della Russia. L'opera è sicuramente più diffusa della prima versione. Il secondo stato della lastra, sconosciuto a tutti i repertori consultati, reca il titolo in alto IL GRANDE DVCADO DE MOSCOVIA e l'aggiunta al centro di una città fortificata che presenta il toponimo Smolensco, nome italianizzato di Smolensk: proprio quest'ultima modifica della lastra consente di datarla intorno al 160 … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-15 13:02:04
THOMAS DE AQUINO (TOMMASO D'AQUINO TOMMASO SANTO)
1562. [GIUNTI-PRIMA EDIZIONE] (cm. 30,6) buona mz. pergamena antica, ben restaurata. Sguardie antiche.-- cc. 4 nn., cc. 76. Bella marca tipografica all' inizio e in fine. Testo a due colonne. Prima edizione giuntina, bella rara e ricercata per il commento di Remigio Fiorentino. Manca al BM. STC. Un lieve alone ad alcune carte interne ma ottimo esemplare. CAMERINI "ANNALI DEI GIUNTI" n° 659; ADAMS A 1495.
Bookseller: LibriAntichiArezzo-FC Edizioni (studio.bibliografico.libri.antichi.arezzo) [ Arezzo, IT]
2020-01-15 11:30:11
1562. PIETRO BEMBO IL PRIMO, IL SECONDO, IL TERZO, IL QUARTO VOLUME DELLE LETTERE DI M. PIETRO BEMBO... DI NUOVO RIVEDUTO E STAMPATO CON LA GIONTA DELLA VITA DEL BEMBO VENEZIA APRESSO GIROLAMO SCOTTO 1562-1563 4 volumi rilegati in 2 tomi in piena pergamena I tomo (stampa 1562): 6 carte non numerate + 209 carte + 1 bianca II tomo (stampa 1562): 6 carte non numerate + 209 carte + 1 bianca (la carta 60 numerata erroneamente 56, la carta 129 numerata erroneamente 128) III tomo (stampa 1563): 5 carte non numerate + 1 bianca + 332 carte (la carta 111 numerata erroneamente 101) IV tomo stampa 1562: 2 carte non numerate + 154 Timbretti di ex possesso ai frontespizi del I e del III volume, qualche piccolo forellino al dorso, piccola galleria di tarlo al margine inferiore di circa 12 carte del IV tomo, per il resto esemplare molto buono. Rara edizione completa in quattro volumi delle lettere di Pietro Bembo. Si tratta di una delle prime mai uscite (prima assoluta Roma, 1548; poi Venezia 1550, 1552, 1560, 1562 e, a seguire, altre sei edizioni cinquecentesche, due edizioni veneziane settecentesche, un'edizione veneziana del 1845.
Bookseller: ms.scarsy [Italia, IT]
2020-01-14 17:02:49
Pierre WOEIRIOT (Neufchateau ou Damblain 1532 - Damblain dopo il 1596)
Bulino, avanti il 1562, privo di firma. Da un soggetto di Baldassarre Peruzzi. Esemplare nel secondo stato di due, con l'aggiunta dei versi in basso e della firma dell'editore Philippe Thomassin. Bellissima prova, impressa su carta vergata con filigrana "Reverenda Camera Apostolica", irregolarmente rifilata al rame, in buono stato di conservazione. Pierre Woeiriot proviene da una famiglia di orefici della Lorena, e fu incisore al bulino e bronziere, molto influenzato dall'arte rinascimentale italiana. Egli incise diverse opere da disegni di artisti italiani; non è sicura la paternità del Peruzzi di questo soggetto, poiché nessun modello è oggi conosciuto. L'episodio raffigurato è narrato da Appiano, ambientato a Cartagine, anno 146 a. C. Scipione Emiliano, assediata la città, per risparmiare ulteriori sacrifici alle sue truppe, emana un bando che avrebbe accordato la salvezza a tutti coloro che si sarebbero arresi. Obbedirono in 50.000, con in testa Asdrubale. Colpita dalla viltà del gesto compiuto dal marito, la moglie di Asdrubale imprecò contro di lui e invocò la vendetta, poi estrasse un pugnale, uccise i figli e si gettò con loro nelle fiamme che i Romani aveva appiccato. Livio riporta l'episodio con qualche variante: la donna si butta tra le fiamme con i figli vivi. Ed è questa la versione seguita dall'incisore: la scena mostra infatti la donna nell'atto di lanciarsi tra le fiamme con in braccio i due figli ancora vivi e terrorizzati. Nell'Indice delle stampe della bottega De Rossi, tra le opere di Baldassare Peruzzi si cita proprio il titolo La moglie di Asdrubale ch … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-14 14:56:18
Orologi, Giuseppe
Venice: Gabriele Giolito de'Ferrari, 1562. 8vo. 156 x 98 mm., (6 ¼ x 4 inches). [16], 207, [3] pp., including final blank. Illustrated with a woodcut printer's device to the title-page and a full-page device to the final leaf. Bound in contemporary paste-paper boards; some soiling to the covers and slight wear to the spine; paper shelf label at head of spine covering a manuscript number and a couple of dates on front endpapers.First edition and only edition, scarce in the trade. Important book criticizing the art world in mid-16th century Italy, where personal collections of paintings, drawings, sculpture and jewelry were being formed by a growing number of wealthy patrons. Orologi, a relatively unknown critic satirizes both collectors and artists who were participating in "deceitful" (inganno) practices to bolster their ownership of pieces of art.In an essay by Sally Hickson, which appears in "I castelli di yale", she writes,"This essay deals with only one aspect of Orologi's interest in art deception, and that is with the deception of art itself. In its very nature as a practice of imitation, art was long perceived to be an exercise in deceiving the senses. However, the growing status of art objects as both intellectual and economic commodities in Orologi's time created a mania for conspicuous consumption that led to collectors to deceive each other in their frenzy to acquire objects, to falsely assume an expertise in evaluating the worth of such objects, and to confuse ownership and acquisition with self-worth, self-image and self-knowledge. The result … [Click Below for Full Description]
Bookseller: De Simone Company, Booksellers [United States]
Check availability:
2020-01-11 02:54:09
Ferrando BERTELLI (attivo a Venezia seconda metà del XVI secolo)
1562. "Rarissima carta geografica dell'isola edita a Venezia da Ferrando Bertelli. Magnifico esemplare, rifilato al rame e con margini coevi aggiunti, in perfetto stato di conservazione. Descrizione della mappa presa da Bifolco & Ronca ""CARTOGRAFIA RARA ITALIANA: XVI SECOLO L'ITALIA E I SUOI TERRITORI Catalogo Ragionato delle Carte a Stampa"" http://www.antiquarius-sb.com/cartografiarara.asp TITOLO & ISCRIZIONI Al centro dell'isola, la scritta Sardegna; in alto, a sinistra, in una targa, una breve descrizione della regione, la firma dello stampatore e la data, Sardinia jnsula inter africu[m] et tirrenum pelagus sita magnitudine 562 mil. pas: fertilis admodu[m] animaliuq varij generis abu[n]da[n]s metallis stagnis argentareijs fontibus salubris prestantissima. Fer. Ber. Exc. 1562. Orientazione nei quattro lati al centro, con il nome dei venti Tramontana, Mezzo di, Levante, Ponente. Carta priva di graduazione ai margini e di scala grafica. NOTIZIE STORICO-CRITICHE La carta del Bertelli è una derivazione della carta del Gastaldi-Licinio stampata qualche anno prima. Rispetto a questa, non apporta novità dal punto di vista geo-cartografico. L'opera appartiene ad una serie di mappe delle isole del Mediterraneo occidentale (Sardegna, Corsica, Maiorca, Minorca) che Bertelli realizzò nel 1560 circa. È plausibile che il Camocio abbia usato la mappa, inserendola in una copia del suo Isolario. STATI & EDIZIONI Non sono note ristampe. BIBLIOGRAFIA & CENSIMENTO R. Almagià, Monumenta Italiae Cartographica, 1929, p. 22; R. Almagià, Monumenta Cartografica Vaticana, 1948, pp. 103, 42; F. Bo … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-10 19:13:20
Johannes van DOETECUM (Attivo tra il 1554 - 1606)
Acquaforte e bulino, circa 1562. Della serie Paesaggi con scene di villaggi, da disegni di Hans Bol. Esemplare nel secondo stato di due, con il numero 9 aggiunto. Bellissima prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana "scudo con stemma", rifilata al rame o con sottili margini, in ottimo stato di conservazione. La serie consta di 12 paesaggi, tutti tratti da disegni di Bol. Pubblicati per la prima volta da Hieronimus Cock ad Anversa, sono ristampati in seguito da Hendrick Hondius a L'Aia. Rara. "Etching with engraving, circa 1562. From the Landscapes with scenes of villages, after drawings by Hans Bol. Example In the second state of two, with the number 9 added. Beautiful proof, printed on contemporary laid paper with watermark ""shield with coat of arms"", trimmed to the copperplate or with thin margins, in excellent condition. The series consists of 12 landscapes, all taken from drawings of Bol. Published for the first time by Hieronymus Cock in Antwerp, are reprinted later by Hendrick Hondius in The Hague. Rare." Hollstein pp. 55/63, 229 II/II. Dimensioni 320x223.
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-10 19:13:20
Johannes van DOETECUM (Attivo tra il 1554 - 1606)
Acquaforte, 1562 ca, senza data e firma. Primo stato di due, avanti il numerale. Magnifico esemplare, impresso su carta vergata coeva, con filigrana, ampi margini bianchi, in ottimo stato di conservazione. Veduta a volo d'uccello di una città con una strada che parte in basso a destra e sale verso una collina in alto a sinistra. La tavola appartiene a una serie di 28 piccole vedute prospettiche architettoniche incise da Johannes van Doetecum da disegni di Hans Vredeman de Vries. La prima edizione della serie, pubblicata ad Anversa da Hieronymus Cock nel 1562, non ha un frontespizio con un titolo, ma si apre con la pagina di dedica al cardinale Antoine Perrenot de Granvelle. Theodor Galle ne curò una prima ristampa nel 1601. con il titolo "Variae architecturae formae...", seguita subito dopo (probabilmente nello stesso anno) da un'altra edizione, con le tavole numerate 21-49, in quanto parte di una pubblicazione di 49 tavole. Una quarta edizione fu curata da Johannes Galle, intorno al 1636-1640 circa. Etching, 1562 circa, unlettered. First state, before numbering. Good example, printed on the contemporary laid watermaked paper, white margins, very good conditions. Bird's-eye view of a town with a street going up hill from bottom right to top left. This plate belongs to a set of twenty eight plates showing small architectural perspective views engraved by J.van Doetecum after designs by Hans Vredeman de Vries, and the dedication plate to Atoine Perrenot, cardinal Granvelle. Drawing in reverse, signed and dated 1561, right half traced for transfer, in Berlin (KB, Hdz 1195). Th … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2020-01-10 19:09:48
Giacomo GASTALDI (1500 circa - 1565 circa)
Incisione in rame, acquaforte e bulino, 1562, firmata e datata in lastra nel cartiglio al centro. Bellissima prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana "corona a 5 punte e stella a 6 punte" (simile a Woodward 264), con ampi margini, in ottimo stato di conservazione. Esemplare sconosciuto ai repertori, nel secondo stato di duue, con numerose correzioni nella lastra, e con il titolo aggiunto in alto Il Grande Ducado de Moscovia, databile al 1602. Titolo & iscrizioni: a destra al centro in una targa Nova Descripcione de la Moscovia per Giacomo gastaldo piamontese Cosmographo in venetia Anno. M.D.LXII IIII. Ferando Berteli exc. Carta di forma trapezioidale e negli spazi ai lati che rimangono vuoti per la forma della carta vengono raffigurati un cavaliere e armi da guerra. Orientazione nei quattro lati al centro con il nome di due venti e due punti cardinali TRAMONTANA, OSTRO, ORIENTE, OCCIDENTE. Carta priva di scala grafica. Graduazione ai margini di grado in grado, va da 46° a 66° lat. e da 50 ° a 90° long. Acquaforte e bulino, mm 258x365. Notizie storico critiche: Pochi anni dopo la carta del Forlani-Camocio, a Venezia viene realizzata questa replica, pressochè identica, della carta della Russia. L'opera è sicuramente più diffusa della prima versione. Il secondo stato della lastra, sconosciuto a tutti i repertori consultati, reca il titolo in alto IL GRANDE DVCADO DE MOSCOVIA e l'aggiunta al centro di una città fortificata che presenta il toponimo Smolensco, nome italianizzato di Smolensk: proprio quest'ultima modifica della lastra consente di datarla intorno al 160 … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2019-12-30 03:25:17
TITUS LIVIUS (LIVY)
Strasbourg: 1562. Très beau livre ancien, grand format, richement illustré de bois gravés, bref: tel que décrit et photographié ci-contre! ANTIQUE BOOK - LARGE SIZE 1562 ILLUSTRATED BOOK (ANTIQUE ROMAN HISTORY), 16TH. C. TITUS LIVIUS (TITE-LIVE), 1562, (IN FOLIO ILLUSTRATED EDITION PRINTED IN STRASBURG, WITH LARGE WOODCUTS / HOLZSCHNITT-VIGNETTEN), "Titi Liuij deß Wolberedtesten vnd Hochberümptesten Geschichtschreibers Römische Historien (etc.)", nach dem Lateinischen [von Bernhard Schöfferlin; Ivo Wittig; Nicolaus Carbach; Jakob Micyllus], Getruckt zü Strassburg (Strasbourg) [durch Josiam Rihel und Samuel Emmel] im jar M.D.LXII. In folio 23 x 34 cm, later binding (early 20th, board imitating the vellum, title in black and gold piece on the spine), german translation from latin, title page printed in red and black. Collation: 18 leaves. Condition: 1 little cut of paper on 1 leaf of the register, some marginal and mostly light water stains on a few pages, and 86 leaves numbered i - lxxxvi (complete until the "Ende dess Ersten Theyls der Rhömischen Historien Titi Livii". The book is illustrated with large and fine initials as well as 66 woodcuts, most of them large war scenes covering allmost half of a page. Grand volume illustré de 66 bois gravés du XVIe siècle !! I'll be glad to provide further details and to answer your questions in ENGLISH if you dont speak french Règlement dans les 7 jours svp. Virements bancaires ou paypal. Envoi postal sécurisé pour tous les lots.
Bookseller: amiralakbar [SWITZERLAND, CH]
2019-12-23 22:25:08
German military manuscript].
No place, 1554-1562. Folio (206 x 297 mm). Three parts written by two different hands on the same paper stock (watermark: hound with a collar). A total of 270 pp. including 5 full-page pen-and-ink illustrations, with geometrical footers to each page. Later half vellum over marbled boards (ca. 1900). A pretty composite manuscript of the mid-16th century, in the main following closely or styled after the gunsmith manual repeatedly printed by Christian Egenolff between 1529 and 1597. The preface (14 pp., dated "1554" at the end) consists of "Eine lehr so Keiser Maximilian in seiner Jugent durch erfarne treffliche seine Kriegsräht zugestelt ist", an instructional work for Emperor Maximilian also found in Egenolff's book from its 1534 edition onward. This is followed by the first main section: "Büchssenmeysterei von Geschoß, Büchsen, Pülver Salpether und Fewerwergk &c eigentlich zuzurichten, Büchssenmeystern und Schützen zuwissen nötigk" (70 pp.), likewise directly taken over from Egenolff's compilation. The second part is a legal treatise (as in Egenolff's book, though with different content) discussing martial law, entitled "Gerichts Hendell unnd Cautele in malefich Hendelnn Schüldtrechten unnd gastrechten" (72 pp.). The third part is an extensive treatise on a soldier's duties and the oaths to be sworn by the various ranks ("Artickel darauff die Hauptleut [.] unnd gemeine knecht der Ro. Kay. Maj. unserm aller gnedigisten Herrnn gelobenn und schwerenn sollen S. K. M. zu dienen", 114 pp.), going substantially beyond its counterpart in Egenolff's handbook. This is written in a d … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Antiquariat INLIBRIS Gilhofer Nfg. GmbH [Vienna, A, Austria]
2019-12-21 06:30:51
Trissino, Gian Giorgio
Appresso Andrea Arrivabene, 1562. Edizione originale. Ottimo esemplare, molto fresco e marginoso; ex libris «Biblioteca Banzi» al contropiatto superiore e «Ferdinando Belvisi» alla prima sguardia. Ultime due sezioni della celebre «Poetica» di Gian Giorgio Trissino: «Intorno a quest'opera, ch'è la più lunga prosa rimastaci del Trissino, scrisse Torquato Tasso: "Ne fo molta stima, perché egli fu il primo che ci diede alcuna luce del modo di poetare tenuto da' Greci; et arricchì questa lingua di nobilissimi componimenti» (Gamba, «Serie dei testi di lingua», n. 1707) L'esemplare presenta una curiosa particolarità: il frontespizio reca la data MDLXII, non riscontrata altrove; più che un'edizione precedente a quelle conosciute, potrebbe trattarsi di un errore di stampa corretto nelle altre tirature.
Bookseller: Libreria Antiquaria Pontremoli srl [Italy]
2019-12-19 00:18:30
Dolce, Lodovico
apresso Gio. Battista et Marchio Sessa fratelli, 1562. Edizione originale. Leggere abrasioni ai piatti, un alone di umidità intorno a p. 50 e alcune fioriture leggere, nel complesso un bell'esemplare. L'opera del Dolce si inserisce pienamente nella grande fioritura cinquecentesca di romanzi di cavalleria, tradotti o composti sugli originali secondo libera ispirazione, grazie all'impulso di alcuni stampatori di Venezia: l'importante operazione imprenditoriale fu possibile grazie all'impiego di veri e propri "poligrafi", tra cui, appunto, il Dolce, che tradussero, riadattarono o nuovamente composero i grandi romanzi di cavalleria della tradizione francese e spagnola. E spagnolo fu anche il «Primaleon», su cui Dolce approntò la sua versione in ottava rima, proprio in concomitanza con la pubblicazione dell'«Amadigi» di Bernardo Tasso, anch'esso composto a partire dal romanzo spagnolo di grande successo «Amadis de Gaula». Parenti, Prime edizioni, p. 206; Melzi-Tosi, Bibliografia dei romanzi e poemi cavallereschi, p. 345 [II ed.].
Bookseller: Libreria Antiquaria Pontremoli srl [Italy]
2019-12-17 14:57:13
CICERO M.T.
Appresso Gabriel Giolito de' Ferrari,, In Vinegia, 1562. Tre volumi di cm. 22,5, pp. (20) 386 (2); (8) 352; (8) 352. Marchi tipografci ai frontespizi, ritratto di Cicerone a piena pagina e moltissimi capolettera e finalini xilografici. Solida legatura d'inizio '700 in piena pergamena rigida con nervi passanti e titoli in oro su tasselli. Esemplare particolarmente fresco e ben conservato con solo pochi forellini di tarlo. Versione assai corretta ed apprezzata, cfr. Bongi II, 156: "Quella traduzione ebbe credito e lettori per molto tempo.". [Attributes: Hard Cover]
Bookseller: Studio Bibliografico Benacense [riva del garda, Italy]
2019-12-16 21:37:24
CICERO M.T.
Appresso Gabriel Giolito de' Ferrari, 1562. Tre volumi di cm. 22,5, pp. (20) 386 (2); (8) 352; (8) 352.. Marchi tipografci ai frontespizi, ritratto di Cicerone a piena pagina e moltissimi capolettera e finalini xilografici. Solida legatura d'inizio '700 in piena pergamena rigida con nervi passanti e titoli in oro su tasselli. Esemplare particolarmente fresco e ben conservato con solo pochi forellini di tarlo. Versione assai corretta ed apprezzata, cfr. Bongi II, 156: "Quella traduzione ebbe credito e lettori per molto tempo...".
Bookseller: Benacense [Italy]
2019-12-14 09:46:18
Marc Antoine Muret
Venice: Aldus Manutius, 1562. Very Nice "Modern" binding of Catallus: occasional decorative Capital: herringbone gauffered edges. Aldus Manutius was the patriarch of a family of printers which included his sons and other family members as well as partnerships with several others including Pietro Bembo of the familiar font beloved of book designers for its gracefulness. Aldus also introduced italic type, and produced books in the smaller octavo size intended for portability and ease of reading. After Aldus' death in 1515, the press was continued by his wife and her father, Andrea Torresani, until his son Paulus took over. His grandson, Aldus Manutius the Younger took over and ran the firm until 1597. As a firm, they were responsible for the introduction of the idea of the "portable book" or "editio minor" which allowed for books to travel with their owners rather than the folio volumes popular at the time which were cumbersome and expensive. The italic typeface was copied extensively and many editions were pirated causing Aldus to use as his publisher's device the image of a dolphin wrapped around an anchor, taken from an old silver coin with the motto "Festina Lente."Very nicely bound edition of Muretus' translation and commentary on the works of Catullus, Tiberius and Propertius. As a French Humanist, Marc Antoine Muret was among those who attempted to revive a Ciceronian style of writings and was considered an excellent Latin prose stylist during his life. This copy, published by the Aldine Press and re-bound at a later date, has wonderful deep blue and black endpapers an … [Click Below for Full Description]
Bookseller: robinrarebooks [Harrisburg, Pennsylvania, US]
2019-12-13 17:56:38
DONI, Anton Francesco (1513-1574)
Venezia, Gabriel Giolito de Ferrari, 1562. In 8vo (mm. 148x95). Pp. [16], 430, [2 bianche]. Segnatura: *8 A-Z8 AA-DD8. Carta DD8 bianca. Marche tipografiche al titolo e al verso di carta DD7. Pergamena semirigida coeva, titolo manoscritto al dorso e al taglio inferiore. Al contropiatto anteriore ex-libris di Giovanni Puccinelli Sannini; al recto del risguardo libero timbro "Raccolta Weiss" e la nota manoscritta "206 libri Ant. 10"; al titolo nota di appartenenza anticamente cassata a penna e timbro a secco "FCZ Eredi Chiappelli Zdekauer" con riferimento alla collezione dell'incisore e pittore Francesco Chiappelli che nel 1920 sposò Maria Zdekauer, figlia di Ludovico Zdekauer, professore di storia di diritto romano all'Università di Macerata; al margine di carta D6v nota di mano posteriore; al verso dell'ultima carta nota coeva con un'invocazione in latino a Dio e ai santi e con il motto in italiano "il pecar he cosa humana / il perseverar e cosa diabolica". Lievi aloni e qualche macchia alle prime carte, alcune carte un po' lente, ma nel complesso buona copia genuina nella sua prima legatura. SECONDA EDIZIONE dei Mondi e degli Inferni del Doni, apparsi per la prima volta nel 1552 presso i torchi veneziani del Marcolini. Più volte ristampata fino a Seicento inoltrato poi dimenticata, l'opera "segue la sorte dei suoi compagni di avventura letteraria, quei testi di viaggio nel paese d'utopia che vanno da Moro a Bacone, che conoscono gran curiosità e interesse per un secolo o poco più e poi si perdono, se non tutti la più parte. Sino alle soglie recenti di un'idea di modernità … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Alberto Govi di F. Govi Sas [Modena, Italy]
2019-12-12 20:03:07
Philippe GALLE (Haarlem, 1537; Anversa, 12 o 29 Marzo 1612)
Bulino, 1562 circa, firmato in lastra, in basso a sinistra BOL. IN. Più in basso, in corsivo, l’excudit Martini Petri excude. in insigni aurei fontis prope nouam bursam. Da un disegno di Francesco Primaticcio. Esemplare nel secondo stato, con l’excudit di Peeters aggiunto. Intorno al 1563, l’editore, stampatore e commerciante fiammingo Maarten Peeters, conosciuto anche con la forma latinizzata del suo nome, Martinus Petrus, pubblica tre incisioni, due delle quali dedicate al ciclo di Ulisse e corrispondenti a due dipinti nella Galleria di Ulisse di Fontainebleau: una lunga galleria affrescata con 48 episodi da Odisseo e i cui soffitti erano decorati con 93 affreschi di soggetti mitologici, probabilmente completata durante il regno di Enrico II. Potrebbe essere plausibile che Peeters intendesse pubblicare un ciclo di incisioni dalla Galleria di Ulisse, sebbene il progetto verrà realizzato solo nel 1633 dall’artista olandese Theodor van Thulden (1606 â€" 1669) che produsse una serie completa di stampe ricavate dagli affreschi di Ulisse, e che costituiscono le uniche immagini superstiti degli affreschi che andarono distrutti nell’incendio del 1739. Questa incisione che raffigura Odisseo dormiente adagiato sulle sponde di Itaca dai Feaci (Od. XIII, 96 â€" 104), deriva dal trentesimo affresco del ciclo perduto di Fontainebleau. Louis Dimier attribusce l'incisione a Philippe Galle, sulla base dello stile incisorio chiaramente vicino alla sua, nonostante l’incisione non sia presente in nessuna delle recenti monografie a Galle dedicate, e ne data la realizzazione into … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2019-12-11 17:49:05
Giacomo GASTALDI (1500 circa â€" 1565 circa)
Incisione in rame, acquaforte e bulino, 1562, firmata e datata in lastra nel cartiglio al centro. Bellissima prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana “corona a 5 punte e stella a 6 punteâ€? (simile a Woodward 264), con ampi margini, in ottimo stato di conservazione. Esemplare sconosciuto ai repertori, nel secondo stato di duue, con numerose correzioni nella lastra, e con il titolo aggiunto in alto Il Grande Ducado de Moscovia, databile al 1602. Titolo & iscrizioni: a destra al centro in una targa Nova Descripcione de la Moscovia per Giacomo gastaldo piamontese Cosmographo in venetia Anno. M.D.LXII IIII. Ferando Berteli exc. Carta di forma trapezioidale e negli spazi ai lati che rimangono vuoti per la forma della carta vengono raffigurati un cavaliere e armi da guerra. Orientazione nei quattro lati al centro con il nome di due venti e due punti cardinali TRAMONTANA, OSTRO, ORIENTE, OCCIDENTE. Carta priva di scala grafica. Graduazione ai margini di grado in grado, va da 46° a 66° lat. e da 50 ° a 90° long. Acquaforte e bulino, mm 258x365. Notizie storico critiche: Pochi anni dopo la carta del Forlani-Camocio, a Venezia viene realizzata questa replica, pressochè identica, della carta della Russia. L’opera è sicuramente più diffusa della prima versione. Il secondo stato della lastra, sconosciuto a tutti i repertori consultati, reca il titolo in alto IL GRANDE DVCADO DE MOSCOVIA e l’aggiunta al centro di una città fortificata che presenta il toponimo Smolensco, nome italianizzato di Smolensk: proprio quest’ultima modifica della lastra consente di data … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Italy]
2019-12-11 17:40:08
UGONI
In Venetia (Venise): 1562. UGONI Giovanni Andrea - Dialogo della vigilia, et del sonno del magnifico signore Ugoni, gentilhuomo Bresciano [Ensemble] Ragionamento [Ensemble] Discorso della dignita & eccellenza della gran citta di Venetia UGONI Giovanni Andrea Dialogo della vigilia, et del sonno del magnifico signore Ugoni, gentilhuomo Bresciano [Ensemble] Ragionamento [Ensemble] Discorso della dignita & eccellenza della gran citta di Venetia Apresso Pietro da Fine, In Venetia (Venise) 1562, Pet. in-8 (10x14,5cm), (10) 80pp. (3) (2bc.) (8) 116pp. (3) (1bc.) (6) (24), relié. Edition originale, rare, de ces trois éditions, fonctionnant comme 3 parties distinctes d'un seul ouvrage (la signature des cahiers relie en effet les parties entre elles ; il arrive cependant que l'on trouve certains textes isolés). 3 pages de titre avec marque de l'imprimeur au coq.Reliure en plein velin debut XXe. Dos lisse avec titre à la plume en rouge et noir. Taches et salissures. Bon exemplaire, très frais.Le dialogue philosophique de la veille et du sommeil témoigne d'une vision relativement pessimiste et sceptique, typique de la vision de la réforme. Ugoni était en effet protestant et sa perception de l'homme et du monde en sont incontestablement le reflet. L'impossibilité de distinguer entre l'état de veille et celui du sommeil traduit l'indétermination de nos connaissances, nécessairement vouées à l'illusion, l'homme errant dans un monde d'ombres. Le dialogue réprimande l'homme d'avoir été trop audacieux en essayant de comprendre ce qui a été interdit par Dieu ; l'homme perdrait son temps à ten … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Livres Anciens Gravures Feu Follet (livresetgravures) [FRA, FR]
2019-12-11 01:54:51
Asinio, Giovanni Baptista; Asinius, Johannes
Funeral Rites and Burials Asinio, Giovanni Baptista [fl. 1562]. Commentarii in Titulum Digestorum De Religiosis & Sumptibus Funerum. Florence: Apud Laurentium Torrentinum, 1562. [viii], 338, [52] pp. Folio (12-3/4" x 8-1/4"). Contemporary calf with later varnishing, blind rules and small central arabesques to boards, raised bands and later lettering piece to spine, spine ends and corners mended. Some scuffing to boards, corners bumped, front joint partially cracked, front hinge just starting, rear hinge mended, later armorial bookplate to front pastedown. Light toning to text, a bit of soiling to title page. Early owner annotations to front pastedown, signatures and stamps to title page, interior otherwise clean. Ex-library. Bookplate to front pastedown. A nice copy of a rare title. ,250. * Only edition. Asinio was a notable Florentine jurist who was patronized by Cosimo I de Medici. He is best-known for his treatises on practice and procedure in Roman and Florentine law. De Executionibus is a comprehensive treatise on the section of the Digest, Book XI, Title 7, which addresses funeral rites and burial. It is a scarce title. OCLC locates 5 copies, 3 in North America (at the Library of Congress, Newberry Library and University of Chicago). Censimento Nazionale delle Edizioni Italiane del XVI Secolo CNCE3262.
Bookseller: lawbook exchange (intrepidbooks) [Clark, New Jersey, US]
2019-12-01 04:24:10
EPHRAEM SYRUS
8o (150 x 105mm). [8]ff, 144pp. Contemporary limp vellum using a vellum fragment from a 15th century liturgical manuscript, initials and rubrication in red, double columns, gothic type, partial text from Mark 14:1-5 on front cover, Wisdom 2: 16-20 on lower cover, overlapping fore-edges, shelf-mark at foot of spine (spine darkened, ties missing). Dillingen: Sebald Mayer,
Bookseller: Maggs Bros. Ltd. [U.K.]
2019-11-27 18:04:06
Platina (1421-1481)
Coloniae : Apud M. Cholinum, 1562. Platina (1421-1481) Bap. Platinae Cremonensis, Opvs de vitis ac gestis svmmorvm Pontificvm, ad sva vsqve tempora dedvctvm, et avctvm deinde accessione rerum gestarum eorum Pontificum qui Paulo II. in quo Platina desinit vsque ad Clementem VII successrunt... ...Et nunc postremo` multo` locupletius redditum per ... Onuphrium Panuinium, qui seriem historiae ... continuauit vsque ad Pium IIII ... Accessit item breue ... omnium Romanorum Pontificum et schismatum chronicon ab eodem Onuphrio nunc primum Alia... First Edition Hardback Coloniae : Apud M. Cholinum, 1562 Very Good Book Publishing Details Author: Platina (1421-1481)Full title: Bap. Platinae Cremonensis, Opvs de vitis ac gestis svmmorvm Pontificvm, ad sva vsqve tempora dedvctvm, et avctvm deinde accessione rerum gestarum eorum Pontificum qui Paulo II. in quo Platina desinit vsque ad Clementem VII successrunt... ...Et nunc postremo` multo` locupletius redditum per ... Onuphrium Panuinium, qui seriem historiae ... continuauit vsque ad Pium IIII ... Accessit item breue ... omnium Romanorum Pontificum et schismatum chronicon ab eodem Onuphrio nunc primum Alia...Publisher: Coloniae : Apud M. Cholinum, 1562Edition: First EditionBinding: HardbackBook ID: 223865 Comments & Item Features Shadow staining to some margins. Very good copy in near-contemporary vellum over bevelled boards; the title applied to the upper spine. Raised bands etc. Boards bordered in blind. Spine bands and panel edges somewhat rubbed and dust-toned as with age. Remains quite well-preserved overall; tight, bright, clean a … [Click Below for Full Description]
Bookseller: MW Books Select Antiquarian Books (mwbooks2) [Co. Galway, IE]
2019-11-23 13:53:11
Augustine, Saint Augustine
1562. Augustine, Saint Augustine. D. Aurerii Augustini Hipponensis Episcopi ton polemikos pars secunda, Hoc est, pugnarum adversus Haereses, Tome Septimi pars prior .Lugduni Apud Sebastianum Honoratum M. D. LXII. Octavo 900,[25] pages. With “Lugduni, excudabat Jacobus Fourus” on recto of last leaf. Early, perhaps contemporary leather binding, gilt devices on front and back boards, spine gilt-decorated, with a chip at top and split in leather. Light upper-corner staining on pages ~360-585, other occasional light staining. Early light pen writing an first two leaves. This volume consists primarily of Augustine’s polemics against the donatists. Included are polemics against Donatus, Parmenianus, Petilianus, Cresconius Grammaticus, Gaudentius, and Petilianus. Included also are a polemic on Baptism against the Donatists, general attacks on Donatists. and a Collation to the effect that his side had been declared by Constantine to be the true Church). The last piece is “On the Merits and Forgiveness of Sins, and on the Baptism of Infants to Marcellinus.” With an index. The Donatists were purists who held that priests who had renounced their faith during persecutions could not validly administer the sacraments. Augustine held, briefly, that the sacraments depended on the spiritual bond of the Church to Christ, not the character of the priest. He also argues that, since Donatists had cut themselves off from the true church (and so that spiritual bond) their baptisms, etc. were correct in form, but ineffective. Infant baptism played a role in the doctrine of original sin, which provi … [Click Below for Full Description]
Bookseller: South Willington Book Cartel [WILLINGTON, CT, U.S.A.]
2019-11-18 17:27:21
Hippocrates
Lugduni : Apud Antomium Vicentium, 1562, (170+115 mm), (78), (2 w.), 1084, (2) pp., mit Holzschnitt-Druckermarke, und einigen tls. figürlichen Holzschnitt-Initialen. Späterer Ledereinband mit floraler Rücehvergoldung feines Expl. Selten. Lateinische Gesamtausgabe in der häufig aufgelegten Übersetzung des Janus Cornarius die erste Ausgabe erschien 1545. Titel: "Hippocratis Coi Medicorum omnium lange principis, Opera quae apud nos extant omnia : Accessit Hippocratis De Hominis Structura [Epistola ad Ptolamaeum latein] liber Nicolao Petreio Corcyraco interprete, antea non excusus / Hippocrates Per Janum Corniarum Medicum Physicum Latina lingua conscripta" Hippocrates (v460-v370) Petreius, Nicolas (1500-1568) Adams H 574, Durling 2330 vgl. Wellcome I, 3183 u. Parkinson L 1226. Nicht in Choulant!
Bookseller: MedicusBooks.Com [Germany]
2019-10-29 22:23:04
[ SCHUSSENRIED (Werner von) ].
99198 [ SCHUSSENRIED (Werner von) ]. Modus Legendi Abbreviaturas passim in jure t 1562 [ SCHUSSENRIED (Werner von) ]. Modus Legendi Abbreviaturas passim in jure tam Civili quàm Pontificio ocurrentes, nunc primùm integritati sua restitutus. Huic accessere Tituli (quae et Rubricae vulgo nuncupantur) in universum Ius Civile. Parisiis, Apud Gulielmum Desboys, 1562.RELIE AVEC (à la suite): 2). LEGUM FLOSCULI, nunc demum suae integritati restituti. Parisiis, Apud Gulielmum Desboys, 1566.3). BROCARDICA IURIS, seu verius,, communes Iurium sententia, serie alphabetica digestae: post multa tandem secula natalibus velut suis restitutae, hoc est, à mendis librariorum repurgatae. Parisiis, Apud Gulielmum Desboys, 1566.4). DANTOINE (Jean Baptiste). Alphabetica series Rubricarum omnium Juris Utriusque, Civilis et Canonici. In duas Tabulas distributa. Editio Nova. Gratianopoli, Apud Vid. A. Giroud, 1770. Ensemble 4 ouvrages en 1 volume in-12. 1). 1f. 55ff. 2). 42ff. non chiffrés. 3). 32ff. non chiffrés. 4). 135pp. Plein veau, dos lisse orné (reliure du 18e siècle). Intéressant recueil de 3 ouvrages juridiques largement utilisés, notamment par les étudiants, et souvent réimprimés tout au long du 16e siècle. Le 'Modus Legendi Abbreviaturas', le plus connu, est un petit traité permettant de résoudre les abréviations contenues dans le 'Corpus Iuris Canonici' et le 'Corpus Iuris Civilis'. Son attribution à Werner von Schussenried date de la découverte en 1911, dans un décret versifié du présent ouvrage, d'un acrostiche du nom de l'auteur. Le 'Legum Flosculi' et le 'Brocardica Juris' sont des ré … [Click Below for Full Description]
Bookseller: livresrarescom [Barcelona, ES]
2019-10-29 05:35:06
Petrarca Francesco
appresso Nicolò Bevilacqua, 1562. 12mo (cm.13,6), 490 pp., 1 c. nn. (bianca), 259 pp., 1 c.nn. Marca tipografica al frontis. ripetuta sull'ultima carta. Nel testo un ritratto del Petrarca con Laura e una vignetta incisa su legno all'inizio di ciascun Trionfo. La 'Tavola di tutte le rime...' ha un proprio frontis. Legatura antica in piena pergamena con nervi al ds. Tagli rossi. Quattro forellini di tarlo al frontis., lievi aloni e qualche macchiolina di inchiostro, ma buon esemplare. Gamba, 725.
Bookseller: Libreria Antiquaria Ex Libris s.r.l. [IT]
2019-10-26 08:35:43
Paracelsus, Theophrastus
Frankfurt: G. Raben & heirs of W. Hanen, 1562. Paracelsus, Theophrastus Philippus Aureolus Bombastus von Hohenheim (1493-1541). Erster [Ander; Dritter] Theil der grossen Wundartzeney . . . von allen Wunden, Stich, Brendt, Thierbissz, Beinbrüch . . . 3 vols. in 1, 4to. [12], 115, [1, blank]; [12], 129, [1, colophon]; [74]ff. Titles in red and black. Large woodcut vignettes on the titles of each volume, each illustrating a different medical or surgical procedure; woodcut illustration of surgical instruments on leaf **4 of the Erster Theil; astrological woodcut on f. 64 of the same volume. [Frankfurt: G. Raben and the heirs of W. Hanen, n.d. (1563)]. 198 x 150 mm. 16th-century blind-tooled pigskin over wooden boards, brass clasps, corners worn, some age-darkening, small wormhole in front cover. Light marginal dampstaining, edges frayed, some toning, title of first part soiled, but very good. One or two marginal annotations, some notes in different hands on the front and rear pastedowns. Rare Early Illustrated Edition of Paracelsus's Der grossenn Wundartzney (first ed. 1536), his first book on surgical technique, and the only major book by him published during his lifetime. "Philippus Aureolus Theophrastus Bonbastus von Hohenheim, also known as Paracelsus, remains one of the most controversial and remarkable personalities of the Renaissance. He has been described as a quack, a magician, and astrologer, and an alchemist, as well as a brilliant physician, prophet, and genius. Sir William Osler called him the 'Luther of medicine,' and Fielding Garrison lauded him as 'the most or … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Jeremy Norman & Co., Inc. [United States]
Check availability:
2019-10-24 02:25:04
Paracelsus, Theophrastus
G. Raben & heirs of W. Hanen, Frankfurt, 1562. Paracelsus, Theophrastus Philippus Aureolus Bombastus von Hohenheim (1493-1541). Erster [Ander; Dritter] Theil der grossen Wundartzeney . . . von allen Wunden, Stich, Brendt, Thierbissz, Beinbrüch . . . 3 vols. in 1, 4to. [12], 115, [1, blank]; [12], 129, [1, colophon]; [74]ff. Titles in red and black. Large woodcut vignettes on the titles of each volume, each illustrating a different medical or surgical procedure; woodcut illustration of surgical instruments on leaf **4 of the Erster Theil; astrological woodcut on f. 64 of the same volume. [Frankfurt: G. Raben and the heirs of W. Hanen, n.d. (1563)]. 198 x 150 mm. 16th-century blind-tooled pigskin over wooden boards, brass clasps, corners worn, some age-darkening, small wormhole in front cover. Light marginal dampstaining, edges frayed, some toning, title of first part soiled, but very good. One or two marginal annotations, some notes in different hands on the front and rear pastedowns. Rare Early Illustrated Edition of Paracelsus's Der grossenn Wundartzney (first ed. 1536), his first book on surgical technique, and the only major book by him published during his lifetime. "Philippus Aureolus Theophrastus Bonbastus von Hohenheim, also known as Paracelsus, remains one of the most controversial and remarkable personalities of the Renaissance. He has been described as a quack, a magician, and astrologer, and an alchemist, as well as a brilliant physician, prophet, and genius. Sir William Osler called him the 'Luther of medicine,' and Fielding Garrison lauded him as 'the most orig … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Jeremy Norman's historyofscience [Novato, CA, U.S.A.]
2019-10-22 08:29:32
Domenichi Lodovico
appresso Gabriel Giolito de' Ferrari, 1562. 8vo (cm. 14,6), 18 cc.nn., 399(1) pp. Capilettera fig. e grande marca tipografica al verso dell'ultima carta. Legatura antica in piena pergamena con nervi e titolo ms. al ds. Mancanza alla cuffia superiore. Lieve ed uniforme ingiallitura della carta ed alcune macchie (più evidenti da pag. 290 a pag. 310) altrimenti bell'esemplare. L'Autore, dopo una laurea in giurisprudenza, si dedicò interamente alla professione del letterato, come curatore e traduttore in volgare dal latino e dal greco, lavorando con i maggiori editori del XVI Secolo (Giolito de' Ferrari, Francesco Marcolini, i Giunti, Lorenzo Torrentino, ecc.). Lasciata la natìa Piacenza visse una vita spesso di stenti come racconta nel suo Dialogo sulla Fortuna (presente in quest'opera): 'Prima io ho dato opera agli studj delle buone Lettere con grandissima difficultà, quanto alcun altro del nostro tempo, et non altrimenti che s'io fossi stato sbandito, et scacciato fuor della patria mia, sono ito per lo mondo in grandissima povertà con pericoli et travaglj, et talhora con gravissime malattie'. Prima ed unica edizione. Adams, D779. First and only edition. Domenichi (1514-1564) was a well-known Humanist of the Italian Reinassance.
Bookseller: Libreria Antiquaria Ex Libris s.r.l. [IT]
2019-10-21 21:33:11
Boethius
Venice: Gionti, 1562. Boezio Severino Della Consolazione Della Filosofia; Tradotto ... da Benedetto Varchi [Boethius' Consolation of Philosophy; Italian Translation by Benedetto Varchi] In Italian (Florentine). 1562 Ad Instantia de i Gionti di Fiorenza (Venice, Italy), 4 1/2 x 6 1/4 inches tall hardcover, marbled paper-covered boards over vellum spine and tips, hand lettering to spine, engraved title page, [7], 3-103, [1] ff. Moderate to heavy soiling, rubbing and edgewear to covers, with bumping and chipping along board edges. Soiling, contemporary ink notations and paper repairs to title page. A number of pages with moderate soiling, foxing or period ink marginal notations or underlining. A few pages with very light marginal dampstains. Otherwise, a good, complete copy of this rare sixteenth century Venetian edition. OCLC (No. 23625012, 797416942) locates only four copies at institutions worldwide - two in the U.S. (Harvard University and University of Michigan) and two in Italy (Biblioteca San Bernardino in Trento and Universita Cattolica del Sacro Cuore in Milan). An early Florentine translation - by Italian humanist, historian and poet Benedetto Varchi (1502-1565) - of Boethius' immortal Consolation of Philosophy (De philosophiae consolatione), first written in Latin about 524 AD. Boethius (circa 480-524) was a Roman senator, consul, magister officiorum, and philosopher of the early sixth century. Born four years after Odoacer deposed the last Roman Emperor and declared himself King of Italy, Boethius entered public service under Ostrogothic King Theodoric the Great, w … [Click Below for Full Description]
Bookseller: flamingo_books [Temecula, California, US]
2019-10-05 12:24:08
PTOLEMY Claudius.; RUSCELLI Girolamo
Quarto; [vii], 112, 286, [66]pp., sixty-four double-page engraved maps, twentyseven Ptolemaic, thirty-seven modern, map 26 mis-bound at the start of the map sequence. Contemporary vellum, soiled, ownership inscription of ‘Rich: fitz Jonsonii’, manuscript index of maps added at the end, some neat marginal additions, mostly in a sixteenth century hand. Apart from its rather dirty exterior this is an extremely good copy with wide margins. Venice : Vincenzo Valgrisi,
Bookseller: Maggs Bros. Ltd. [U.K.]
2019-10-05 01:45:34
PTOLEMY Claudius.; RUSCELLI Girolamo
1562. Quarto; [vii], 112, 286, [66]pp., sixty-four double-page engraved maps, twentyseven Ptolemaic, thirty-seven modern, map 26 mis-bound at the start of the map sequence. Contemporary vellum, soiled, ownership inscription of ?Rich: fitz Jonsonii?, manuscript index of maps added at the end, some neat marginal additions, mostly in a sixteenth century hand. Apart from its rather dirty exterior this is an extremely good copy with wide margins. Venice : Vincenzo Valgrisi, The rediscovery of Ptolemy?s geographical text caused much excitement; with the invention of printing, Ptolemy?s text, and accompanying maps, formed the first printed atlases, appearing from 1477 onwards. Even at that early date, it was clear that the maps were outdated, but contemporary cartographical knowledge was insufficient to produce a modern series of maps. Instead, successive editors chose to insert new maps in parallel with the existing Ptolemaic maps. Over the years, the modern section was greatly expanded. One of the most successful versions of the Geographia was edited by Girolamo Ruscelli (1504-1566), an Italian scholar and, possibly, mapmaker. It was illustrated with the standard corpus of 27 Ptolemaic maps and an expanded section of 37 modern maps, which includes some notable additions. This volume is the second edition of Ruscelli?s version, now translated for the first time into Latin. Principal among the new maps added by Ruscelli is the ?Orbis Descriptio?, the first appearance of a double-hemisphere world map in an atlas, a map of Brazil and a modern map of Tuscany. Perhaps the most interes … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Maggs Bros. Ltd ABA, ILAB, PBFA, BA [London, United Kingdom]
2019-10-02 13:34:00
(BINDINGS - EARLY STRAPWORK). BIBLE IN ITALIAN - PROTESTANT
[Geneva]: Francesco Durone, 1562. Printed in Geneva for the use of refugees, this 1530 humanist translation of Scripture--banned by the Catholic Church in 1559--appears here in one of the earliest Italian editions intended exclusively for Protestants, and is offered in a sumptuous Renaissance binding of the style favored by Jean Grolier and Thomas Wotton. According to Darlowe & Moule, this revised and corrected edition of Brucioli's translation "closely resembles certain contemporary French and English Bibles printed at Geneva," with woodcuts used in the 1560 French Bible printed by Rebul and with the same type as the English Geneva Bible of 1560. There were two variants of this Bible, one (variant A) with marginal notes, and another (variant B, seen here) with cross-references, and with slightly revised text. The handsome binding was also likely done in Geneva, perhaps by a French Protestant binder who had fled there. There are various style features common to Parisian bindings of the period--the fleurs-de-lys semis, the arabesque elements, the painted strapwork--but they are mixed together here in a way that, according to Culot, is characteristic of Geneva ateliers. The expertise, taste, and tools of our binder certainly suggest an artisan who had trained in a first-rate Parisian, or perhaps Lyonnaise, workshop. The silver paint, so often found oxidized, is here luckily still shining. With its exuberant decorations, our Bible seems decidedly un-Calvinist, but perhaps it was commissioned as a gift; Culot makes this suggestion about an equally luxurious Genevoise binding ( … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Phillip J. Pirages Fine Books and Medieval Manuscripts [US]
Check availability:
2019-10-01 05:35:04
BINDINGS - EARLY STRAPWORK). BIBLE IN ITALIAN - PROTESTANT
[Geneva]: Francesco Durone, 1562. Printed in Geneva for the use of refugees, this 1530 humanist translation of Scripture--banned by the Catholic Church in 1559--appears here in one of the earliest Italian editions intended exclusively for Protestants, and is offered in a sumptuous Renaissance binding of the style favored by Jean Grolier and Thomas Wotton. According to Darlowe & Moule, this revised and corrected edition of Brucioli's translation "closely resembles certain contemporary French and English Bibles printed at Geneva," with woodcuts used in the 1560 French Bible printed by Rebul and with the same type as the English Geneva Bible of 1560. There were two variants of this Bible, one (variant A) with marginal notes, and another (variant B, seen here) with cross-references, and with slightly revised text. The handsome binding was also likely done in Geneva, perhaps by a French Protestant binder who had fled there. There are various style features common to Parisian bindings of the period--the fleurs-de-lys semis, the arabesque elements, the painted strapwork--but they are mixed together here in a way that, according to Culot, is characteristic of Geneva ateliers. The expertise, taste, and tools of our binder certainly suggest an artisan who had trained in a first-rate Parisian, or perhaps Lyonnaise, workshop. The silver paint, so often found oxidized, is here luckily still shining. With its exuberant decorations, our Bible seems decidedly un-Calvinist, but perhaps it was commissioned as a gift; Culot makes this suggestion about an equally luxurious Genevoise binding ( … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Phillip J. Pirages Rare Books (ABAA) [McMinnville, OR, U.S.A.]
2019-09-28 09:17:29
Magnus Olaus
Antwerp: Bellerum, 1562. Second Edition. Hardcover (Vellum). Good Condition. Old colored vellum, worn, lacking front endpaper, title browned and stained, mild browning and a few light stains, scattered marginalia in an early hand; generally clean. The second edition of the abridgment of Magnus's important history of the Northern people. [8], 192 leaves with in text illustration throughout. Magnus's history of Sweden and the North was enormously successful and popular and was translated early on into Italian, German, English and Dutch. It describes much folklore and customs not recorded elsewhere - including the first description of making the questionable Northern delicacy lutefisk. Size: Octavo (8vo). Quantity Available: 1. Shipped Weight: 2-3 kilos. Category: Travel & Places; History. Inventory No: 046899.
Bookseller: Pazzo Books (ABAA-ILAB) [Boston, MA, U.S.A.]
2019-09-27 20:23:04
Frankfurt, mit Hochdruck und Notvorwort zur Frankfurter Messe fertiggestellt - Gregorius ,
Basileae [Basel], Nikolaus Episcopius d.J. Februar, 1562. 30 x 21 cm. [4] Bl., 600 S., [14] Bl. Mit 2 unterschiedlichen Holzschnitt-Druckermarken und zahlreichen Holzschnitt-Initialen. Schmuckloses Halbleder des 19. Jhs. Ecken bestossen. Durchgehend gebräunt. Stempel einer niederländischen Konventsbibliothek auf Titel und letztem Blatt. VD16 G 3102. Hieronymus, Griechischer Geist aus Basler Pressen 1992, Nr. 470. Wendland, Signete S. 97. Schriften des älteren Bruders des bekannteren Basilius des Grossen, der von seinem Bruder zum Bischof von Nyssa (in Kappadokien) gemacht worden war. Eine von zwei Druckvarianten der ersten Basler Ausgabe, der kollationsgleiche andere Druck unterscheidet sich lediglich durch das Impressum am Schluss, wo zusätzlich Arnold Birckmann als Drucker genannt wird (VD16 ZV 7010). Der Herausgeber Laurentius Sifanus (um 1510-1579) wirkte seit 1569 als Professor für Griechisch an der Universität Ingolstadt. Der insbesondere von der orthodoxen Kirche verehrte Gregor von Nyssa (um 335/340-nach 394) gilt als der bedeutendste christlich-philosophische Denker seiner Zeit, die Verschmelzung christlicher und platonischer Elemente in seiner Gotteslehre stellt einen ersten Höhepunkt der spätantik-abendländischen Geistesgeschichte dar. „Inmitten der Streitigkeiten der Arianer und Athanasianer wurde er für einige Jahre abgesetzt. In seinen theologischen Schriften sucht er, in Fortführung des Werkes des Origenes, wissenschaftlich die christlichen Lehren mit dem Neuplatonismus zu verbinden. Hier liegt die erste Gesamtausgabe seiner erhaltenen Schriften in lateinisch … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Antiquariat Peter Fritzen [Trier, Germany]
______________________________________________________________________________


      Home     Wants Manager     Library Search     564 Years   Links     Contact      Search Help      Terms of Service      Privacy     


Copyright © 2020 viaLibri™ Limited. All rights reserved.