The viaLibri website requires cookies to work properly. You can find more information in our Terms of Service and Privacy Policy.

Displayed below are some selected recent viaLibri matches for books published in 1482
2018-01-31 15:40:39
Al-Qabisi, Abu Al Saqr 'Abd Al-'Aziz Ibn 'Uthman Ibn 'Ali (Alchabitius)
Venice, Erhard Ratdolt, 16. I. 1482. 4to. 32 ff. Title page printed in red and black. With 2 woodcut diagrams and 8 tables in the text; white-vine initials in two sizes, lombardic initials (many coloured in red). Rubricated. Recent full vellum. Second edition of the author's principal work, originally published at Mantua in 1473. Al-Qabisi (known as "Alchabitus" in the Latin tradition) flourished in Aleppo, Syria, in the middle of the 10th century. Although his education was primarily in geometry and astronomy, his principal surviving treatise, "Madkhal" (here in the Latin translation of Joanis Hispalensis prepared in 1144), is an introductory exposition of some of the fundamental principles of genethlialogy (the astrological science of casting nativities, or divination as to the destinies of newborns). The "Madkhal" in its Latin version was published many times in the fifteenth and sixteenth centuries. - Bookplate of joint collectors Rudolf Hugo Driessen (1873-1957) and Caroline E. F. Kleyn (1883-1933). Outer margin of first leaf slightly frayed; marginal annotation in red ink on its verso (slightly trimmed by binder's knife). Very rare; last sold at an international auction in 1996. - HC 616*. Goff A-362. GW 843. Essling 294. Sander 216. Sajó-Soltész 120. Walsh 1804. Oates 1747. Proctor 4382. BMC V 285, XII, 19. BSB-Ink A-232. Cf. Scientific Treasures, p. 31 (ed. 1512).
Bookseller: Antiquariat Inlibris, Gilhofer Nfg. GmbH [Austria]
2018-01-14 15:47:25
(CAVALIERI DI RODI).
[Venezia, post 5 Aug. 1482]. In-4ø; 4 cc. con titolo stampato in rosso; legatura del '900 in tutta pergamena rigida, titolo manoscritto al dorso. Rinforzo al margine interno della prima carta. Ex libris al contropiatto: BibliothŠque de M. Ch. Schefer. Raro e importante documento delle complesse relazioni tra i Turchi, i Cavalieri Ospitalieri e le potenze europee all'alba dell'et... moderna. Sei gli esemplari censiti, di cui uno in USA: British Library; Monaco BSB; Stuttgart WLB; Melk, Benediktiner; Vienna ™NB; Harvard Houghton Library. L'efficace politica espansionistica intrapresa da Maometto II (1432-1481) in Anatolia, nei Balcani e nel Mediterraneo aveva portato la flotta turca a minacciare, nel 1480, l'isola di Rodi, dove l'ordine militare degli Ospitalieri si era stabilito dopo la caduta dei regni crociati in Terra Santa. Fallito l'assedio e spentosi il Sultano, l'impero ottomano fu scosso dalla contesa dinastica tra i figli di Maometto, Bayezid, erede legittimo, e Cem (1459-1495), che, sconfitto, ripar• a Rodi il 29 luglio 1482 su invito del Gran Maestro Pierre d'Aubusson. In questo memoriale, redatto pochi giorni dopo e inviato in Francia dallo stesso d'Aubusson e dal consiglio dell'ordine, si illustrano le ragioni di questo gesto audace, ventilando l'ipotesi di un aiuto militare al principe turco da parte delle potenze cristiane per destabilizzare il nemico. Nella realt..., i Cavalieri, d'accordo con il papa, prenderanno in ostaggio Cem, utilizzandolo come moneta di scambio con Bayezid e spedendolo, con l'inganno, in Europa, dove il giovane principe morir..., forse … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquaria Mediolanum [IT]
2018-01-03 16:28:48
ALCHABITIUS [AL-QUABISI, ABU AL-SAQR, ABD AL-AZIZ, IBN/BIN OTHMAN/UTHMAN, IBN/BIN ALI]. - [THE STANDARD INTRODUCTION TO ASTROLOGY IN WESTERN EUROPE]
Venice, Erhard Ratdolt, 1482 (on Colophon). 4to. 31 line to a page. 18th century full calf boards, expertly recased around 1900, with lovely gilt spine. Fist leaf with a small expertly repaired hole to the top, affecting the name of the author in the title and two words on the verso (name of the author presumably attempted removed on purpose). A small, barely noticeable restoration to the blank upper, inner margin of the first leaf. Apart from that an excellent copy with only light scattered brownspotting. A couple of contemporary corrections in the text. Title printed in red. Large woodcut diagrams to first and last leaf. Lovely woodcut initials and tables in the text. Good margins. 32 ff. ¶ Scarce first Ratdolt-edition and second edition overall of the principal surviving work by the great Arab astronomer, astrologer and geometrician Al-Quabisi (fl. ca. 950). The work, which is an introduction to the fundamental principles of astrology, might not have been original in its contents, but its influence was profound and throughout centuries, it was highly valued as a textbook. The work was written in the 10th century and quickly became the standard introduction to astrology in Western Europe. With the emerging universities, Alqaubisi's "Introduction" became the most widely read book on astronomy in the middle ages. "By the mid twelfth century there was a shift away from the Cathedral schools to the emerging universities... With the establishment of curricula in the Faculty of Arts, and set texts for astronomy, al-Quabisi's text became the astrological text that was most commo … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Herman H J Lynge & Søn A/S [DK]
2017-12-02 08:18:49
Ptolemaeus Claudius (Claudio Tolomeo).
[Anno MCCCCLXXXII augusti vero kalendas XVII impressum Ulme per ingeniosum virum Leonardum Hol. (Ulm, Lienhart Holle, 16 luglio 1482)]. Foglio del "Tolomeo di Ulm" (prima edizione, del 16 luglio) recante la carta geografica della penisola arabica impressa in xilografia a doppia pagina su una facciata e il relativo testo descrittivo, stampato su una pagina dell'altra facciata. Il foglio misura mm. 375x580; l'immagine, misura, al filetto esterno della xilografia, mm. 285x403 (nel lato più corto in larghezza) e mm. 285x501 (nel lato più lungo in larghezza). Coloritura a mano originale. Il margine bianco superiore del mezzo foglio di sinistra (guardando la carta geografica) era mancante ed è stato reintegrato ricostruendo il filetto esterno di contorno e 67 millimetri della cornice che reca i gradi dei meridiani. Anche la parte più esterna del margine sinistro del foglio - sempre guardando la carta - è stato reintegrata, con ricostruzione manoscritta delle due lettere iniziali in due dei richiami di testo impressi a lato della carta geografica. Nel 1482 Lienhart Holle pubblicò ad Hulm una edizione della Geografia di Tolomeo basata sulle carte di Nicolaus Germanus (c. 1420 - c. 1490) che aveva prodotto a Firenze una serie di magnifici atlanti manoscritti su pergamena negli anni 60 e 70 del Quattrocento. Il modello sul quale furono esemplate le carte di Hulm fu l'atlante manoscritto che Nicolaus aveva offerto al papa Paolo II e che pare fosse stato inviato appositamente in Germania (senza essere mai più rispedito a Roma: è conservato allo Schloss Wolfegg). L'edizione di Ulm è il … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquaria Gozzini [IT]
2017-12-02 08:18:49
Ptolemaeus Claudius (Claudio Tolomeo).
[Anno MCCCCLXXXII augusti vero kalendas XVII impressum Ulme per ingeniosum virum Leonardum Hol. (Ulm, Lienhart Holle, 16 luglio 1482)]. Foglio del "Tolomeo di Ulm" (prima edizione, del 16 luglio) recante la carta geografica della penisola indocinese impressa in xilografia a doppia pagina su una facciata e il relativo testo descrittivo, stampato su una pagina dell'altra facciata. Il foglio misura mm. 401x523; l'immagine, misura, al filetto esterno della xilografia, mm. 380x300 (nel punto più corto in larghezza) e mm. 380x372 (nel punto più lungo in larghezza). Coloritura a mano originale. Sulla xilografia sono visibili delle ossidazioni dovute alla presenza al verso del foglio d'una cornice e d'una iniziale a stampa miniate con un colore verde che col tempo ha ossidato la carta. Nel 1482 Lienhart Holle pubblicò ad Hulm una edizione della Geografia di Tolomeo basata sulle carte di Nicolaus Germanus (c. 1420 - c. 1490) che aveva prodotto a Firenze una serie di magnifici atlanti manoscritti su pergamena negli anni 60 e 70 del Quattrocento. Il modello sul quale furono esemplate le carte di Hulm fu l'atlante manoscritto che Nicolaus aveva offerto al papa Paolo II e che pare fosse stato inviato appositamente in Germania (senza essere mai più rispedito a Roma: è conservato allo Schloss Wolfegg). L'edizione di Ulm è il primo atlante pubblicato a Nord delle Alpi e il primo con le carte impresse in xilografia (i due incunaboli precedenti della Geografia di Tolomeo - Bologna 1477 e Roma 1478 - recavano carte incise in rame). L'incisore delle xilografie fu probabilmente Johann Schnitzer … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquaria Gozzini [IT]
2017-12-02 08:18:49
Ptolemaeus Claudius (Claudio Tolomeo).
[Anno MCCCCLXXXII augusti vero kalendas XVII impressum Ulme per ingeniosum virum Leonardum Hol. (Ulm, Lienhart Holle, 16 luglio 1482)]. Foglio del "Tolomeo di Ulm" (prima edizione, del 16 luglio) recante la carta geografica dello stretto di Gibilterra, delle Baleari, della parte settentrionale dell'odierno Marocco e dell'estremità nordoccidentale dell'Algeria; impressa in xilografia a doppia pagina su una facciata con il relativo testo descrittivo, stampato su una pagina dell'altra facciata. Il foglio misura mm. 375x558; l'immagine, misura, al filetto esterno della xilografia, mm. 348x395 (nel punto più corto in larghezza) e mm. 348x477 (nel punto più lungo in larghezza). Coloritura a mano originale. Le estremità dei margini bianchi sinistro e destro (guardando la carta geografica) sono stati reintegrate in carta antica: su quella di destra sono state ricostruite le lettere finali e i filetti esterni delle cornici dei richiami a stampa a lato della carta. Nel 1482 Lienhart Holle pubblicò ad Hulm una edizione della Geografia di Tolomeo basata sulle carte di Nicolaus Germanus (c. 1420 - c. 1490) che aveva prodotto a Firenze una serie di magnifici atlanti manoscritti su pergamena negli anni 60 e 70 del Quattrocento. Il modello sul quale furono esemplate le carte di Hulm fu l'atlante manoscritto che Nicolaus aveva offerto al papa Paolo II e che pare fosse stato inviato appositamente in Germania (senza essere mai più rispedito a Roma: è conservato allo Schloss Wolfegg). L'edizione di Ulm è il primo atlante pubblicato a Nord delle Alpi e il primo con le carte impresse in xilograf … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquaria Gozzini [IT]
2017-12-02 08:18:49
Ptolemaeus Claudius (Claudio Tolomeo).
[Anno MCCCCLXXXII augusti vero kalendas XVII impressum Ulme per ingeniosum virum Leonardum Hol. (Ulm, Lienhart Holle, 16 luglio 1482)]. Foglio del "Tolomeo di Ulm" (prima edizione, del 16 luglio) recante la carta geografica della Francia, Belgio e Olanda (antica Gallia) impressa in xilografia a doppia pagina su una facciata con il relativo testo descrittivo, stampato su una pagina dell'altra facciata. Il foglio misura mm. 392x520; l'immagine, misura, al filetto esterno della xilografia, mm. 362x323 (nel punto più corto in larghezza) e mm. 362x393 (nel punto più lungo in larghezza). Coloritura a mano originale. Il foglio originale era stato rifilato: i quattro margini bianchi sono stati ricostruiti in carta antica: senza perdite di parti impresse sul lato sinistro, con perdita parziale del richiamo a stampa in alto a destra sul lato destro, con perdita della cornice che recava i gradi dei meridiani e del filetto più esterno sul lato superiore e con perdita del solo filetto più esterno su quello inferiore. Nel 1482 Lienhart Holle pubblicò ad Hulm una edizione della Geografia di Tolomeo basata sulle carte di Nicolaus Germanus (c. 1420 - c. 1490) che aveva prodotto a Firenze una serie di magnifici atlanti manoscritti su pergamena negli anni 60 e 70 del Quattrocento. Il modello sul quale furono esemplate le carte di Hulm fu l'atlante manoscritto che Nicolaus aveva offerto al papa Paolo II e che pare fosse stato inviato appositamente in Germania (senza essere mai più rispedito a Roma: è conservato allo Schloss Wolfegg). L'edizione di Ulm è il primo atlante pubblicato a Nord delle … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquaria Gozzini [IT]
2017-11-30 19:51:56
Hus Johannes)
- VD 16, B 4629 - BM STC 442 - Proctor 11780 (unter Jan Huss) - Schottenloher, Landshut 6.- Zweite Weissenburger Ausgabe.- Der Titelholzschnitt von Wolfgang Trautum (1482 oder 1487 - 1520) zeigt das Christuskind mit den Marterwerkzeugen, umrahmt von vier Medaillons mit den Porträts der vier Evangelisten und ihren Symbolen. Er wurde bereits in der Ausgabe des "Manuale parocchialium sacerdotum" von 1513 und einer Parallelausgabe dieses Werkes (vgl. Schottenloher 3a u. 3b) verwendet. Der Holzschnitt am Titel verso zeigt den Evangelisten Johannes mit der ihm erscheinenden Mutter Gottes.- Ohne das letze weiße Bl., unterer Rand tlw. gering ausgefranst. Die le. 3 Bll. seitl. leicht wasserrandig. Über dem Titel aufgeklebt ein schmaler Streifen mit der Jahreszahl 1513.- Innendeckel mit Wappenexlibris Dr. Fritz Eberhard, 1964: Fritz Eberhard, 1896-1982, geb. als Adolf Arthur Egon Hellmuth Freiherr von Rauschenplat, deutscher Journalist, sozialdemokratischer Politiker sowie als ISK-Mitglied antifaschistischer Widerstandskämpfer. Eberhard war von 1949 bis 1958 Intendant des Süddeutschen Rundfunks.# The second Weißenburger edition.- A6 B4 (lacking blank B4). Title with woodcut by Wolf Traut of the infant Christ on a cushion surrounded by the four evangelists, title verso with fine full-page cut of John of Patmos.- Title lower margin partly slightly frayed. The last 3 leaves laterally slightly watery. A narrow strip with the year 1513 pasted above the title.- Cover from old manuscript on vellum.
Bookseller: Antiquariat Johannes Müller [Salzburg, Austria]
2017-11-29 07:22:35
Caxton, William. Higden, Ranulphus.
1482. [Westminster]: William Caxton, [after July 2 1482]. Single leaf (266 x 193 mm), rubricated, text to recto and verso. The leaf has old manuscript notes in the margins. Mounted, in very good condition with a few stains and a small hole not in the text block. § Caxton leaves are not uncommon (there have been three Caxton leaf books published), and stray single leaves like this turn up. This is a very pleasant example of the first English printer at work. With a pamphlet by George Painter on the subject.
Bookseller: John Windle Antiquarian Bookseller [U.S.A.]
2017-11-22 20:15:03
Ptolemaeus Claudius (Claudio Tolomeo).
Anno MCCCCLXXXII augusti vero kalendas XVII impressum Ulme per ingeniosum virum Leonardum Hol. [Ulm, Lienhart Holle, 16 luglio 1482]. Foglio finale del "Tolomeo di Ulm" (prima edizione, del 16 luglio) le cui 4 pagine recano la carta geografica dell'Isola di Taprobana in xilografia e il colophon dell'atlante sull'altra facciata. Il foglio misura mm. 370x539; l'immagine, che costituiva l'ultima dell'atlante ed era l'unica impressa su una sola pagina, misura, al filetto esterno della xilografia, mm. 280x265. Coloritura a mano originale. Pochi, minimi restauri al margine bianco, lievi aloni; il margine bianco superiore delle due pagine che non recano la carta geografica, ma solo il testo, è stato reintegrato. Sulla xilografia è invece visibile una ossidazione dovuta alla presenza al verso del foglio d'una cornice e d'una iniziale a stampa miniate con un colore verde che col tempo ha ossidato la carta. Nel 1482 Lienhart Holle pubblicò ad Hulm una edizione della Geografia di Tolomeo basata sulle carte di Nicolaus Germanus (c. 1420 - c. 1490) che aveva prodotto a Firenze una serie di magnifici atlanti manoscritti su pergamena negli anni 60 e 70 del Quattrocento. Il modello sul quale furono esemplate le carte di Hulm fu l'atlante manoscritto che Nicolaus aveva offerto al papa Paolo II e che pare fosse stato inviato appositamente in Germania (senza essere mai più rispedito a Roma: è conservato allo Schloss Wolfegg). L'edizione di Ulm è il primo atlante pubblicato a Nord delle Alpi e il primo con le carte impresse in xilografia (i due incunaboli precedenti della Geografia di Tolomeo … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Oreste Gozzini snc [Firenze, Italy]
2017-11-13 14:48:04
Ptolemaeus Claudius (Claudio Tolomeo).
[Anno MCCCCLXXXII augusti vero kalendas XVII impressum Ulme per ingeniosum virum Leonardum Hol. (Ulm, Lienhart Holle, 16 luglio 1482)]. Foglio del "Tolomeo di Ulm" (prima edizione, del 16 luglio) recante la carta geografica della Francia, Belgio e Olanda (antica Gallia) impressa in xilografia a doppia pagina su una facciata con il relativo testo descrittivo, stampato su una pagina dell'altra facciata. Il foglio misura mm. 392x520; l'immagine, misura, al filetto esterno della xilografia, mm. 362x323 (nel punto più corto in larghezza) e mm. 362x393 (nel punto più lungo in larghezza). Coloritura a mano originale. Il foglio originale era stato rifilato: i quattro margini bianchi sono stati ricostruiti in carta antica: senza perdite di parti impresse sul lato sinistro, con perdita parziale del richiamo a stampa in alto a destra sul lato destro, con perdita della cornice che recava i gradi dei meridiani e del filetto più esterno sul lato superiore e con perdita del solo filetto più esterno su quello inferiore. Nel 1482 Lienhart Holle pubblicò ad Hulm una edizione della Geografia di Tolomeo basata sulle carte di Nicolaus Germanus (c. 1420 - c. 1490) che aveva prodotto a Firenze una serie di magnifici atlanti manoscritti su pergamena negli anni 60 e 70 del Quattrocento. Il modello sul quale furono esemplate le carte di Hulm fu l'atlante manoscritto che Nicolaus aveva offerto al papa Paolo II e che pare fosse stato inviato appositamente in Germania (senza essere mai più rispedito a Roma: è conservato allo Schloss Wolfegg). L'edizione di Ulm è il primo atlante pubblicato a Nord delle … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquaria Gozzini
2017-11-13 14:48:04
Ptolemaeus Claudius (Claudio Tolomeo).
[Anno MCCCCLXXXII augusti vero kalendas XVII impressum Ulme per ingeniosum virum Leonardum Hol. (Ulm, Lienhart Holle, 16 luglio 1482)]. Foglio del "Tolomeo di Ulm" (prima edizione, del 16 luglio) recante la carta geografica dello stretto di Gibilterra, delle Baleari, della parte settentrionale dell'odierno Marocco e dell'estremità nordoccidentale dell'Algeria; impressa in xilografia a doppia pagina su una facciata con il relativo testo descrittivo, stampato su una pagina dell'altra facciata. Il foglio misura mm. 375x558; l'immagine, misura, al filetto esterno della xilografia, mm. 348x395 (nel punto più corto in larghezza) e mm. 348x477 (nel punto più lungo in larghezza). Coloritura a mano originale. Le estremità dei margini bianchi sinistro e destro (guardando la carta geografica) sono stati reintegrate in carta antica: su quella di destra sono state ricostruite le lettere finali e i filetti esterni delle cornici dei richiami a stampa a lato della carta. Nel 1482 Lienhart Holle pubblicò ad Hulm una edizione della Geografia di Tolomeo basata sulle carte di Nicolaus Germanus (c. 1420 - c. 1490) che aveva prodotto a Firenze una serie di magnifici atlanti manoscritti su pergamena negli anni 60 e 70 del Quattrocento. Il modello sul quale furono esemplate le carte di Hulm fu l'atlante manoscritto che Nicolaus aveva offerto al papa Paolo II e che pare fosse stato inviato appositamente in Germania (senza essere mai più rispedito a Roma: è conservato allo Schloss Wolfegg). L'edizione di Ulm è il primo atlante pubblicato a Nord delle Alpi e il primo con le carte impresse in xilograf … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquaria Gozzini
2017-11-13 14:48:04
Ptolemaeus Claudius (Claudio Tolomeo).
[Anno MCCCCLXXXII augusti vero kalendas XVII impressum Ulme per ingeniosum virum Leonardum Hol. (Ulm, Lienhart Holle, 16 luglio 1482)]. Foglio del "Tolomeo di Ulm" (prima edizione, del 16 luglio) recante la carta geografica della penisola indocinese impressa in xilografia a doppia pagina su una facciata e il relativo testo descrittivo, stampato su una pagina dell'altra facciata. Il foglio misura mm. 401x523; l'immagine, misura, al filetto esterno della xilografia, mm. 380x300 (nel punto più corto in larghezza) e mm. 380x372 (nel punto più lungo in larghezza). Coloritura a mano originale. Sulla xilografia sono visibili delle ossidazioni dovute alla presenza al verso del foglio d'una cornice e d'una iniziale a stampa miniate con un colore verde che col tempo ha ossidato la carta. Nel 1482 Lienhart Holle pubblicò ad Hulm una edizione della Geografia di Tolomeo basata sulle carte di Nicolaus Germanus (c. 1420 - c. 1490) che aveva prodotto a Firenze una serie di magnifici atlanti manoscritti su pergamena negli anni 60 e 70 del Quattrocento. Il modello sul quale furono esemplate le carte di Hulm fu l'atlante manoscritto che Nicolaus aveva offerto al papa Paolo II e che pare fosse stato inviato appositamente in Germania (senza essere mai più rispedito a Roma: è conservato allo Schloss Wolfegg). L'edizione di Ulm è il primo atlante pubblicato a Nord delle Alpi e il primo con le carte impresse in xilografia (i due incunaboli precedenti della Geografia di Tolomeo - Bologna 1477 e Roma 1478 - recavano carte incise in rame). L'incisore delle xilografie fu probabilmente Johann Schnitzer … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Oreste Gozzini snc [Firenze, FI, Italy]
2017-11-13 14:48:04
Ptolemaeus Claudius (Claudio Tolomeo).
[Anno MCCCCLXXXII augusti vero kalendas XVII impressum Ulme per ingeniosum virum Leonardum Hol. (Ulm, Lienhart Holle, 16 luglio 1482)]. Foglio del "Tolomeo di Ulm" (prima edizione, del 16 luglio) recante la carta geografica dello stretto di Gibilterra, delle Baleari, della parte settentrionale dell'odierno Marocco e dell'estremità nordoccidentale dell'Algeria; impressa in xilografia a doppia pagina su una facciata con il relativo testo descrittivo, stampato su una pagina dell'altra facciata. Il foglio misura mm. 375x558; l'immagine, misura, al filetto esterno della xilografia, mm. 348x395 (nel punto più corto in larghezza) e mm. 348x477 (nel punto più lungo in larghezza). Coloritura a mano originale. Le estremità dei margini bianchi sinistro e destro (guardando la carta geografica) sono stati reintegrate in carta antica: su quella di destra sono state ricostruite le lettere finali e i filetti esterni delle cornici dei richiami a stampa a lato della carta. Nel 1482 Lienhart Holle pubblicò ad Hulm una edizione della Geografia di Tolomeo basata sulle carte di Nicolaus Germanus (c. 1420 - c. 1490) che aveva prodotto a Firenze una serie di magnifici atlanti manoscritti su pergamena negli anni 60 e 70 del Quattrocento. Il modello sul quale furono esemplate le carte di Hulm fu l'atlante manoscritto che Nicolaus aveva offerto al papa Paolo II e che pare fosse stato inviato appositamente in Germania (senza essere mai più rispedito a Roma: è conservato allo Schloss Wolfegg). L'edizione di Ulm è il primo atlante pubblicato a Nord delle Alpi e il primo con le carte impresse in xilograf … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Oreste Gozzini snc [Firenze, Italy]
2017-11-13 14:48:04
Ptolemaeus Claudius (Claudio Tolomeo).
[Anno MCCCCLXXXII augusti vero kalendas XVII impressum Ulme per ingeniosum virum Leonardum Hol. (Ulm, Lienhart Holle, 16 luglio 1482)]. Foglio del "Tolomeo di Ulm" (prima edizione, del 16 luglio) recante la carta geografica della Francia, Belgio e Olanda (antica Gallia) impressa in xilografia a doppia pagina su una facciata con il relativo testo descrittivo, stampato su una pagina dell'altra facciata. Il foglio misura mm. 392x520; l'immagine, misura, al filetto esterno della xilografia, mm. 362x323 (nel punto più corto in larghezza) e mm. 362x393 (nel punto più lungo in larghezza). Coloritura a mano originale. Il foglio originale era stato rifilato: i quattro margini bianchi sono stati ricostruiti in carta antica: senza perdite di parti impresse sul lato sinistro, con perdita parziale del richiamo a stampa in alto a destra sul lato destro, con perdita della cornice che recava i gradi dei meridiani e del filetto più esterno sul lato superiore e con perdita del solo filetto più esterno su quello inferiore. Nel 1482 Lienhart Holle pubblicò ad Hulm una edizione della Geografia di Tolomeo basata sulle carte di Nicolaus Germanus (c. 1420 - c. 1490) che aveva prodotto a Firenze una serie di magnifici atlanti manoscritti su pergamena negli anni 60 e 70 del Quattrocento. Il modello sul quale furono esemplate le carte di Hulm fu l'atlante manoscritto che Nicolaus aveva offerto al papa Paolo II e che pare fosse stato inviato appositamente in Germania (senza essere mai più rispedito a Roma: è conservato allo Schloss Wolfegg). L'edizione di Ulm è il primo atlante pubblicato a Nord delle … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Oreste Gozzini snc [Firenze, Italy]
2017-11-13 14:48:04
Ptolemaeus Claudius (Claudio Tolomeo).
[Anno MCCCCLXXXII augusti vero kalendas XVII impressum Ulme per ingeniosum virum Leonardum Hol. (Ulm, Lienhart Holle, 16 luglio 1482)]. Foglio del "Tolomeo di Ulm" (prima edizione, del 16 luglio) recante la carta geografica della penisola arabica impressa in xilografia a doppia pagina su una facciata e il relativo testo descrittivo, stampato su una pagina dell'altra facciata. Il foglio misura mm. 401x523; l'immagine, misura, al filetto esterno della xilografia, mm. 380x300 (nel punto più corto in larghezza) e mm. 380x372 (nel punto più lungo in larghezza). Coloritura a mano originale. Sulla xilografia sono visibili delle ossidazioni dovute alla presenza al verso del foglio d'una cornice e d'una iniziale a stampa miniate con un colore verde che col tempo ha ossidato la carta. Nel 1482 Lienhart Holle pubblicò ad Hulm una edizione della Geografia di Tolomeo basata sulle carte di Nicolaus Germanus (c. 1420 - c. 1490) che aveva prodotto a Firenze una serie di magnifici atlanti manoscritti su pergamena negli anni 60 e 70 del Quattrocento. Il modello sul quale furono esemplate le carte di Hulm fu l'atlante manoscritto che Nicolaus aveva offerto al papa Paolo II e che pare fosse stato inviato appositamente in Germania (senza essere mai più rispedito a Roma: è conservato allo Schloss Wolfegg). L'edizione di Ulm è il primo atlante pubblicato a Nord delle Alpi e il primo con le carte impresse in xilografia (i due incunaboli precedenti della Geografia di Tolomeo - Bologna 1477 e Roma 1478 - recavano carte incise in rame). L'incisore delle xilografie fu probabilmente Johann Schnitzer di … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquaria Gozzini
2017-11-03 22:28:03
Antique print, titled: 'The Prospect of St. George’s Castle at Mina.' - View of St George’s castle at Mina (Elmina). The first fort built by Europeans on the Gold Coast, the Portuguese laid the foundations of Sao Jorge da Mina in 1482. It remained the Portuguese headquarters on the coast until the Dutch conquest in 1637. Thereafter, the Dutch also built Fort Conraedsburg on Santiago hill, because it was from this previously unfortified height that they had successfully bombarded St George’s castle during their assault in 1637. Engraving / etching on hand laid (verge) paper. Description: From: "A Collection of Voyages and Travels" published by John and Awnsham Churchill in London in 1744.Artists and Engravers: Made by 'Johannes Kip' after 'A. Churchill'. Johannes Kip (b Amsterdam, 1653; d London, 1722). Dutch draughtsman, engraver and dealer, active in England. He was a pupil of Bastiaen Stopendaal (1636–1707) from 1668 to 1670. His earliest dated engravings are of 1672 (e.g. the Siege of Groningen , Hollstein, no. 4), and he supplied numerous plates for books published from that date onwards. His work brought him into contact with the court of William of Orange and in 1686 he produced six plates depicting William of Orange, his Wife and Attendants near The Hague (Hollstein, no. 5). Shortly after the Glorious Revolution of 1688 Kip followed the court to England. After settling in Westminster, he worked extensively for London publishers, engraving works after Francis Barlow, Caius Gabriel Cibber (e.g. Interior of the Danish Church in London , 1697; Hollstein, no. 6) and other … [Click Below for Full Description]
Bookseller: ThePrintsCollector [Zeeland, Netherlands]
2017-10-31 15:38:12
Ptolemaeus Claudius (Claudio Tolomeo).
1482. [Anno MCCCCLXXXII augusti vero kalendas XVII impressum Ulme per ingeniosum virum Leonardum Hol. (Ulm, Lienhart Holle, 16 luglio 1482)]. Foglio del "Tolomeo di Ulm" (prima edizione, del 16 luglio) recante la carta geografica della penisola arabica impressa in xilografia a doppia pagina su una facciata e il relativo testo descrittivo, stampato su una pagina dell'altra facciata. Il foglio misura mm. 375x580; l'immagine, misura, al filetto esterno della xilografia, mm. 285x403 (nel lato più corto in larghezza) e mm. 285x501 (nel lato più lungo in larghezza). Coloritura a mano originale. Il margine bianco superiore del mezzo foglio di sinistra (guardando la carta geografica) era mancante ed è stato reintegrato ricostruendo il filetto esterno di contorno e 67 millimetri della cornice che reca i gradi dei meridiani. Anche la parte più esterna del margine sinistro del foglio - sempre guardando la carta - è stato reintegrata, con ricostruzione manoscritta delle due lettere iniziali in due dei richiami di testo impressi a lato della carta geografica. Nel 1482 Lienhart Holle pubblicò ad Hulm una edizione della Geografia di Tolomeo basata sulle carte di Nicolaus Germanus (c. 1420 - c. 1490) che aveva prodotto a Firenze una serie di magnifici atlanti manoscritti su pergamena negli anni 60 e 70 del Quattrocento. Il modello sul quale furono esemplate le carte di Hulm fu l'atlante manoscritto che Nicolaus aveva offerto al papa Paolo II e che pare fosse stato inviato appositamente in Germania (senza essere mai più rispedito a Roma: è conservato allo Schloss Wolfegg). L'edizione di Ulm … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Oreste Gozzini snc [Firenze, FI, Italy]
2017-10-29 14:00:12
1482. View: 'Casteel Del Mina ten tyde der Portugesen. / Le chateau de S. George de la Mine, en Afrique Telquil etoit du temps des Portugais.' (The fortress St. George, del Mina, in Africa during Portugese times.) This plate shows Elmina Castle which was erected by Portugal in 1482 as São Jorge da Mina (St. George of the Mine) Castle, also known simply as Mina or Feitoria da Mina) in present-day Elmina, Ghana (formerly the Gold Coast). It was the first trading post built on the Gulf of Guinea, so is the oldest European building in existence below the Sahara. First established as a trade settlement, the castle later became one of the most important stops on the route of the Atlantic slave trade. The Dutch seized the fort from the Portuguese in 1637, and took over all the Portuguese Gold Coast in 1642. The slave trade continued under the Dutch until 1814; in 1871 the Dutch Gold Coast, including the fort, became a possession of the British Empire. Very scarse in this edition. Copperplate engraving and etching on a verge type hand laid paper with watermark. Original folds. Authenticity 100% guaranteed. Description: This plate originates from the very scarse: 'La galerie agreable du monde (…). Tome premier des Indes Orientales.', published by P. van der Aa, Leyden, c. 1725. This famous work was published in 66 parts and is the biggest print / map book ever published. Van der Aa incorporated plates by other publishers such as Blaeu, Visscher, de Wit, meurs, Halma, Mortier, Allard in this work and often added broad decorative borders. Probably the costliest and complete univers … [Click Below for Full Description]
Bookseller: ThePrintsCollector [Zeeland, Netherlands]
2017-10-27 21:36:37
Al-Qabisi, Abu Al Saqr 'Abd Al-'Aziz Ibn 'Uthman Ibn 'Ali (Alchabitius).
Venice, Erhard Ratdolt, 16. I. 1482. 4to. 32 ff. Title page printed in red and black. With 2 woodcut diagrams and 8 tables in the text; white-vine initials in two sizes, lombardic initials (many coloured in red). Rubricated. Recent full vellum. Second edition of the author's principal work, originally published at Mantua in 1473. Al-Qabisi (also known as "Alchabitus" in the Latin tradition) flourished in Aleppo, Syria, in the middle of the 10th century. Although his education was primarily in geometry and astronomy, his principal surviving treatise, "Madkhal" (here in the Latin translation of Joanis Hispalensis prepared in 1144), is an introductory exposition of some of the fundamental principles of genethlialogy (the astrological science of casting nativities, or divination as to the destinies of newborns). The "Madkhal" in its Latin version was published many times in the fifteenth and sixteenth centuries. - Bookplate of joint collectors Rudolf Hugo Driessen (1873-1957) and Caroline E. F. Kleyn (1883-1933). Outer margin of first leaf slightly frayed; marginal annotation in red ink on its verso (slightly trimmed by binder's knife). Very rare; last sold at an international auction in 1996. HC 616*. Goff A-362. GW 843. Essling 294. Sander 216. Sajó-Soltész 120. Walsh 1804. Oates 1747. Proctor 4382. BMC V 285, XII, 19. BSB-Ink A-232. Cf. Scientific Treasures, p. 31 (ed. 1512). [Attributes: Hard Cover]
Bookseller: Antiquariat INLIBRIS Gilhofer Nfg. GmbH [Vienna, A, Austria]
2017-10-27 15:57:49
Ptolemaeus Claudius (Claudio Tolomeo).
Anno MCCCCLXXXII augusti vero kalendas XVII impressum Ulme per ingeniosum virum Leonardum Hol. [Ulm, Lienhart Holle, 16 luglio 1482]. Foglio finale del "Tolomeo di Ulm" (prima edizione, del 16 luglio) le cui 4 pagine recano la carta geografica dell'Isola di Taprobana in xilografia e il colophon dell'atlante sull'altra facciata. Il foglio misura mm. 370x539; l'immagine, che costituiva l'ultima dell'atlante ed era l'unica impressa su una sola pagina, misura, al filetto esterno della xilografia, mm. 280x265. Coloritura a mano originale. Pochi, minimi restauri al margine bianco, lievi aloni; il margine bianco superiore delle due pagine che non recano la carta geografica, ma solo il testo, è stato reintegrato. Sulla xilografia è invece visibile una ossidazione dovuta alla presenza al verso del foglio d'una cornice e d'una iniziale a stampa miniate con un colore verde che col tempo ha ossidato la carta. Nel 1482 Lienhart Holle pubblicò ad Hulm una edizione della Geografia di Tolomeo basata sulle carte di Nicolaus Germanus (c. 1420 - c. 1490) che aveva prodotto a Firenze una serie di magnifici atlanti manoscritti su pergamena negli anni 60 e 70 del Quattrocento. Il modello sul quale furono esemplate le carte di Hulm fu l'atlante manoscritto che Nicolaus aveva offerto al papa Paolo II e che pare fosse stato inviato appositamente in Germania (senza essere mai più rispedito a Roma: è conservato allo Schloss Wolfegg). L'edizione di Ulm è il primo atlante pubblicato a Nord delle Alpi e il primo con le carte impresse in xilografia (i due incunaboli precedenti della Geografia di Tolomeo … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquaria Gozzini
2017-10-27 15:57:49
Ptolemaeus Claudius (Claudio Tolomeo).
[Anno MCCCCLXXXII augusti vero kalendas XVII impressum Ulme per ingeniosum virum Leonardum Hol. (Ulm, Lienhart Holle, 16 luglio 1482)]. Foglio del "Tolomeo di Ulm" (prima edizione, del 16 luglio) recante la carta geografica della penisola arabica impressa in xilografia a doppia pagina su una facciata e il relativo testo descrittivo, stampato su una pagina dell'altra facciata. Il foglio misura mm. 375x580; l'immagine, misura, al filetto esterno della xilografia, mm. 285x403 (nel lato più corto in larghezza) e mm. 285x501 (nel lato più lungo in larghezza). Coloritura a mano originale. Il margine bianco superiore del mezzo foglio di sinistra (guardando la carta geografica) era mancante ed è stato reintegrato ricostruendo il filetto esterno di contorno e 67 millimetri della cornice che reca i gradi dei meridiani. Anche la parte più esterna del margine sinistro del foglio - sempre guardando la carta - è stato reintegrata, con ricostruzione manoscritta delle due lettere iniziali in due dei richiami di testo impressi a lato della carta geografica. Nel 1482 Lienhart Holle pubblicò ad Hulm una edizione della Geografia di Tolomeo basata sulle carte di Nicolaus Germanus (c. 1420 - c. 1490) che aveva prodotto a Firenze una serie di magnifici atlanti manoscritti su pergamena negli anni 60 e 70 del Quattrocento. Il modello sul quale furono esemplate le carte di Hulm fu l'atlante manoscritto che Nicolaus aveva offerto al papa Paolo II e che pare fosse stato inviato appositamente in Germania (senza essere mai più rispedito a Roma: è conservato allo Schloss Wolfegg). L'edizione di Ulm è il … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquaria Gozzini
2017-10-27 15:57:49
Ptolemaeus Claudius (Claudio Tolomeo).
Anno MCCCCLXXXII augusti vero kalendas XVII impressum Ulme per ingeniosum virum Leonardum Hol. [Ulm, Lienhart Holle, 16 luglio 1482]. Foglio finale del "Tolomeo di Ulm" (prima edizione, del 16 luglio) le cui 4 pagine recano la carta geografica dell'Isola di Taprobana in xilografia e il colophon dell'atlante sull'altra facciata. Il foglio misura mm. 370x539; l'immagine, che costituiva l'ultima dell'atlante ed era l'unica impressa su una sola pagina, misura, al filetto esterno della xilografia, mm. 280x265. Coloritura a mano originale. Pochi, minimi restauri al margine bianco, lievi aloni; il margine bianco superiore delle due pagine che non recano la carta geografica, ma solo il testo, è stato reintegrato. Sulla xilografia è invece visibile una ossidazione dovuta alla presenza al verso del foglio d'una cornice e d'una iniziale a stampa miniate con un colore verde che col tempo ha ossidato la carta. Nel 1482 Lienhart Holle pubblicò ad Hulm una edizione della Geografia di Tolomeo basata sulle carte di Nicolaus Germanus (c. 1420 - c. 1490) che aveva prodotto a Firenze una serie di magnifici atlanti manoscritti su pergamena negli anni 60 e 70 del Quattrocento. Il modello sul quale furono esemplate le carte di Hulm fu l'atlante manoscritto che Nicolaus aveva offerto al papa Paolo II e che pare fosse stato inviato appositamente in Germania (senza essere mai più rispedito a Roma: è conservato allo Schloss Wolfegg). L'edizione di Ulm è il primo atlante pubblicato a Nord delle Alpi e il primo con le carte impresse in xilografia (i due incunaboli precedenti della Geografia di Tolomeo … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Oreste Gozzini snc [Firenze, Italy]
2017-10-27 15:57:49
Ptolemaeus Claudius (Claudio Tolomeo).
Anno MCCCCLXXXII augusti vero kalendas XVII impressum Ulme per ingeniosum virum Leonardum Hol. [Ulm, Lienhart Holle, 16 luglio 1482]. Foglio finale del "Tolomeo di Ulm" (prima edizione, del 16 luglio) le cui 4 pagine recano la carta geografica dell'Isola di Taprobana in xilografia e il colophon dell'atlante sull'altra facciata. Il foglio misura mm. 370x539; l'immagine, che costituiva l'ultima dell'atlante ed era l'unica impressa su una sola pagina, misura, al filetto esterno della xilografia, mm. 280x265. Coloritura a mano originale. Pochi, minimi restauri al margine bianco, lievi aloni; il margine bianco superiore delle due pagine che non recano la carta geografica, ma solo il testo, è stato reintegrato. Sulla xilografia è invece visibile una ossidazione dovuta alla presenza al verso del foglio d'una cornice e d'una iniziale a stampa miniate con un colore verde che col tempo ha ossidato la carta. Nel 1482 Lienhart Holle pubblicò ad Hulm una edizione della Geografia di Tolomeo basata sulle carte di Nicolaus Germanus (c. 1420 - c. 1490) che aveva prodotto a Firenze una serie di magnifici atlanti manoscritti su pergamena negli anni 60 e 70 del Quattrocento. Il modello sul quale furono esemplate le carte di Hulm fu l'atlante manoscritto che Nicolaus aveva offerto al papa Paolo II e che pare fosse stato inviato appositamente in Germania (senza essere mai più rispedito a Roma: è conservato allo Schloss Wolfegg). L'edizione di Ulm è il primo atlante pubblicato a Nord delle Alpi e il primo con le carte impresse in xilografia (i due incunaboli precedenti della Geografia di Tolomeo … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Oreste Gozzini snc [Firenze, Italy]
2017-10-21 12:13:02
Ptolemaeus Claudius (Claudio Tolomeo).
[Anno MCCCCLXXXII augusti vero kalendas XVII impressum Ulme per ingeniosum virum Leonardum Hol. (Ulm, Lienhart Holle, 16 luglio 1482)]. Foglio del "Tolomeo di Ulm" (prima edizione, del 16 luglio) recante la carta geografica della penisola arabica impressa in xilografia a doppia pagina su una facciata e il relativo testo descrittivo, stampato su una pagina dell'altra facciata. Il foglio misura mm. 375x580; l'immagine, misura, al filetto esterno della xilografia, mm. 285x403 (nel lato più corto in larghezza) e mm. 285x501 (nel lato più lungo in larghezza). Coloritura a mano originale. Il margine bianco superiore del mezzo foglio di sinistra (guardando la carta geografica) era mancante ed è stato reintegrato ricostruendo il filetto esterno di contorno e 67 millimetri della cornice che reca i gradi dei meridiani. Anche la parte più esterna del margine sinistro del foglio - sempre guardando la carta - è stato reintegrata, con ricostruzione manoscritta delle due lettere iniziali in due dei richiami di testo impressi a lato della carta geografica. Nel 1482 Lienhart Holle pubblicò ad Hulm una edizione della Geografia di Tolomeo basata sulle carte di Nicolaus Germanus (c. 1420 - c. 1490) che aveva prodotto a Firenze una serie di magnifici atlanti manoscritti su pergamena negli anni 60 e 70 del Quattrocento. Il modello sul quale furono esemplate le carte di Hulm fu l'atlante manoscritto che Nicolaus aveva offerto al papa Paolo II e che pare fosse stato inviato appositamente in Germania (senza essere mai più rispedito a Roma: è conservato allo Schloss Wolfegg). L'edizione di Ulm è il … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Oreste Gozzini snc [Firenze, Italy]
2017-10-21 12:13:02
Ptolemaeus Claudius (Claudio Tolomeo).
[Anno MCCCCLXXXII augusti vero kalendas XVII impressum Ulme per ingeniosum virum Leonardum Hol. (Ulm, Lienhart Holle, 16 luglio 1482)]. Foglio del "Tolomeo di Ulm" (prima edizione, del 16 luglio) recante la carta geografica della penisola arabica impressa in xilografia a doppia pagina su una facciata e il relativo testo descrittivo, stampato su una pagina dell'altra facciata. Il foglio misura mm. 375x580; l'immagine, misura, al filetto esterno della xilografia, mm. 285x403 (nel lato più corto in larghezza) e mm. 285x501 (nel lato più lungo in larghezza). Coloritura a mano originale. Il margine bianco superiore del mezzo foglio di sinistra (guardando la carta geografica) era mancante ed è stato reintegrato ricostruendo il filetto esterno di contorno e 67 millimetri della cornice che reca i gradi dei meridiani. Anche la parte più esterna del margine sinistro del foglio - sempre guardando la carta - è stato reintegrata, con ricostruzione manoscritta delle due lettere iniziali in due dei richiami di testo impressi a lato della carta geografica. Nel 1482 Lienhart Holle pubblicò ad Hulm una edizione della Geografia di Tolomeo basata sulle carte di Nicolaus Germanus (c. 1420 - c. 1490) che aveva prodotto a Firenze una serie di magnifici atlanti manoscritti su pergamena negli anni 60 e 70 del Quattrocento. Il modello sul quale furono esemplate le carte di Hulm fu l'atlante manoscritto che Nicolaus aveva offerto al papa Paolo II e che pare fosse stato inviato appositamente in Germania (senza essere mai più rispedito a Roma: è conservato allo Schloss Wolfegg). L'edizione di Ulm è il … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Oreste Gozzini snc [Firenze, FI, Italy]
2017-10-17 15:48:02
VICTOR HUGO
NELSON, 1482. Francese 0,44 Due volumi, con rilegature editoriali in tutta tela color avorio con impressi fregi e titoli verdi ai piatti anteriori e titoli d'oro con fregi verdi ai dorsi, con usura ai bordi, ingialliti e con tracce di umidità, pagine interessate da umidità ai bordi e con lieve fioritura USATO
Bookseller: Biblioteca di Babele
2017-10-16 13:20:23
MASSON]-Sous la direction de (Paul).
Bookseller: Librairie Jeanne Laffitte [Marseille, France]
2017-10-16 13:20:23
MASSON]-Sous la direction de (Paul).
Bookseller: Librairie Jeanne Laffitte [Marseille, France]
2017-10-16 12:30:06
[INCUNABLE] / TORQUEMADA (Juan de)
Bookseller: Librairie Ancienne J.-Marc Dechaud [France, Crissay-sur-Manse]
2017-10-16 12:29:48
PTOLEMAEUS CLAUDIUS
Bookseller: Libreria Antiquaria Perini s.a.s. [IT]
2017-10-16 12:10:13
NICOLAS DE LYRE.
VENEZIA, FRANCESCO RENNER, 1482-1483. Due opere in quattro tomi in-folio: 431 cc. (la prima bianca, il quaderno h è di 11 cc.) - 150 cc. (Additiones), la c. 124 bianca; cc. 1-194 (la segnatura 1-10.8 precede per errore A-K.8) - 195-468 cc.- 311 cc., ultima bianca assente. Legatura settecentesca in mezza pergamena con angoli, piatti in carta decorata, titoli manoscritti ai dorsi, tagli a spruzzo (fori di tarlo non gravi al piatto posteriore del IV tomo). Esemplare interamente rubricato in rosso e blu, testo su due colonne; innumerevoli postille d'antica mano lungo tutto il testo, alcune al margine esterno leggermente rifilate; nel I tomo postille più brevi di diversa, più antica grafia; indici di mano settecentesca ai risguardi posteriori. Cinque ex libris "Iohannes Jacobus Polatus ex Grassis pleb." posti in corrispondenza dell'antica suddivisione dei volumi. Gore ad alcune carte, in particolare dei tomi I e III, forellini di tarlo alle ultime cc. del tomo IV, ma buon esemplare. Bella edizione veneziana, rara da trovare completa e in buono stato (cfr. BMC S.t.), della Bibbia con il commento di Nicolas de Lyre e l'aggiunta delle Additiones di Paulus Burgensis, che nel nostro esemplare si trovano all'inizio del secondo tomo. Nicolas de Lyre (1279-1349) fu uno dei principali esegeti del testo biblico del Medio Evo. Professore alla Sorbona, divenne capo dell'ordine francescano francese. Le sue Postille al testo sacro furono il primo commento biblico mai stampato (editio princeps: Roma 1471). Il suo metodo dà particolare importanza al sensus litteralis, fornendo una lettura che, … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquaria Mediolanum [IT]
2017-10-12 20:49:38
Sacrobosco, Johannes de (ca. 1195 ? ca. 1256 A.D.); Regiomontanus, Johannes (1436-1476); Peurbach, Georg von (1423-1461)
Erhard Ratdolt, 6 July, Venice, 1482. Quarto: 60 lvs. Collation: a-g8, h4. 30-31 lines, Gothic type Renaissance Science and its Medieval Antecedents A fine copy of Erhard Ratdolt?s beautiful printing of Sacrobosco?s ?Sphere?, the core astronomical textbook from the Middle Ages to the early 16th century. This edition is the first to include key texts by two of the most influential 15th c. astronomers: Johannes Regiomontanus and Georg Peurbach. Working in the vein of the Renaissance humanists, Peurbach and his student Regiomontanus sought out the extant scientific writings of antiquity, the classical foundations of medieval European and Arabic science. Both men gleaned what they could from ancient authorities but more importantly, moved the science forward, adjusting, correcting, and often discrediting their ancient and medieval predecessors, while performing new scientific investigations of astronomical phenomena. These investigations led to important innovations, placing Renaissance astronomy on a new path.The first of the two supplemental texts in this volume, Peurbach?s ?Theoricae Novae Planetarum? (New Theories of the Planets), eventually came to replace Sacrobosco?s ?Sphere? and another 13th c. text, the ?Theorica planetarum communis? (Universal Theory of the Planets), attributed to Gerard of Cremona. Composed about 1454, Peurbach based his ?Theoricae? on the familiar teachings of Ptolemy, Al-Battani, Al-Farghani and caliph Al-Mammun?s astronomer, whose name is unknown. The word ?novae? in the title is not meant to refer to a completely new theory but only to emphasize … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Liber Antiquus Early Books & Manuscripts [Chevy Chase, MD, U.S.A.]
2017-10-05 10:54:39
Ptolemaeus, Claudius [translated by Angelus, Jacobus, edited by Germanus, Nicolaus].
1482. Double-page woodcut map, fine original hand-colour, with near-contemporary manuscript vignette illustrations of an Ababeel bird, Makkah and Kaaba in pen and wash heightened in gold. 414 by 572 mm. The first-ever printed woodcut map of the Arabian peninsula, here in original hand colour and adorned with unique, hand-drawn illumination added by a contemporary artist. The map was published in the first atlas printed outside Italy; it was the first atlas to be illustrated with woodcut maps. Remarkably, the hand-drawn vignette illustrations include a depiction of the relief of Makkah, besieged by Abrahah, through the Ababeel birds, who pelted the attacking army of war elephants with burning stones from the pits of the fires of hell. The image shows a gigantic blue-and-gilt Ababeel bird above the city, engulfed in flames - not only one of the earliest depictions of Makkah but also an amazing example of cross-cultural exchange of narratives during the early Renaissance, proving a Western illustrator's familiarity with a Middle Eastern tradition famously referenced in the Qur'an (sura 105, known as al-Fil, The Elephant): "Wa 'arsala 'Aalayhim tayran 'Ababeel, Tarmeehim bihijaratin min sijjeel" ("And He sent against them birds in flocks, Striking them with stones of burning clay"). No other example with these illustrations of Makkah is known, nor are they contained in any printed edition of Ptolemy. Campbell, Earliest Printed Maps, p. 179-210. Schreiber 5032. Tibbetts 8 (p. 37). The Heritage Library, Islamic Treasures, s. v. "Maps". Cf. Heritage Library, Qatar, p. 8f (illustra … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Antiquariat Inlibris [AT]
2017-10-05 10:53:34
PTOLEMAEUS CLAUDIUS
1482. Woodcut, mm 320x540, original colour. One of the earliest printed maps ever produced. Claudius Ptolemaeus (known as Ptolemy) was a roman cartographer of the II century a.C. He records the Roman World and his maps are best displayed in the famous maps engraved for Leonhardt Holle's edition of "Geographia" published, in two editions in Ulm, southern Germany. The atlas was the first published outside Italy, the first in woodblock. This map shows the area east of the Caspian and north of India, identified by their ancient names - Scithia, Bactriana, Sogdiana and Sacha Regio. Restoration at centerfold, otherwise a very good example of the earliest period of cartographic history.
Bookseller: Libreria Antiquaria Perini s.a.s. [IT]
2017-10-05 10:49:29
Susone Enrico (Seuse Heinrich)
- ICCU 024365 (nur ein Exemplar in Italien: Bibl. Bertoliana Vicenza); nicht im WorldCat.- Erste italienische Übersetzung der Autobiographie des "cantore della mistica tedesca" und "ultimo poeta dell'alto medioevo tedesco" Heinrich Seuse (1295-1366) durch Scippione Buri. Der Dominikaner mußte sich auf einem Generalkapitel in den Niederlanden 1330 gegen den Vorwurf ketzerischer Lehren verteidigen, widmete sich ganz der Seelsorge, besonders in der Schweiz u. am Oberrhein. "Seuse ist der Dichter unter den dt. Mystikern, dessen Schriften einen großen Bilder- u. Gefühlsreichtum bezeugen. Die Kenntnis seiner Werke verdanken wir hauptsächlich seiner geistlichen Tochter Elsbeth Stagel in Töss, die an der Redaktion seiner ,Vita' beteiligt war, Gespräche mit ihm niederschrieb u. seine Briefe sammelte. Seine ,Vita' ist die erste geistliche Selbstbiographie in dt. Sprache." (BBKL IX, 1482).- Tls. leicht fleckig, vorderer Innendeckel mit großer Bezugsfehlstelle, Ebd. fleckig u. etw. knittrig, vord. Ecke mit Bezugsfehlstelle.
Bookseller: Antiquariat Johannes Müller
Check availability:
2017-09-26 20:10:57
NICOLAUS GERMANUS.
Bookseller: Libreria Antiquaria Perini s.a.s. [IT]
2017-09-26 20:09:55
Al-Qabisi, Abu Al Saqr 'Abd Al-'Aziz Ibn 'Uthman Ibn 'Ali (Alchabitius).
Bookseller: Antiquariat INLIBRIS Gilhofer Nfg. GmbH [Vienna, A, Austria]
2017-09-26 20:09:52
Al-Qabisi, Abu Al Saqr 'Abd Al-'Aziz Ibn 'Uthman Ibn 'Ali (Alchabitius).
1482. 4to. 32 ff. Title page printed in red and black. With 2 woodcut diagrams and 8 tables in the text; white-vine initials in two sizes, lombardic initials (many coloured in red). Rubricated. Recent full vellum. Second edition of the author's principal work, originally published at Mantua in 1473. Al-Qabisi (also known as "Alchabitus" in the Latin tradition) flourished in Aleppo, Syria, in the middle of the 10th century. Although his education was primarily in geometry and astronomy, his principal surviving treatise, "Madkhal" (here in the Latin translation of Joanis Hispalensis prepared in 1144), is an introductory exposition of some of the fundamental principles of genethlialogy (the astrological science of casting nativities, or divination as to the destinies of newborns). The "Madkhal" in its Latin version was published many times in the fifteenth and sixteenth centuries. - Bookplate of joint collectors Rudolf Hugo Driessen (1873-1957) and Caroline E. F. Kleyn (1883-1933). Outer margin of first leaf slightly frayed; marginal annotation in red ink on its verso (slightly trimmed by binder's knife). Very rare; last sold at an international auction in 1996. HC 616*. Goff A-362. GW 843. Essling 294. Sander 216. Sajó-Soltész 120. Walsh 1804. Oates 1747. Proctor 4382. BMC V 285, XII, 19. BSB-Ink A-232. Cf. Scientific Treasures, p. 31 (ed. 1512).
Bookseller: Antiquariat Inlibris [AT]
2017-08-22 12:03:20
Philippus de Barberiis:
Rom, Georg Herolt und Sixtus Riessinger, um 1482. Type 2, 3 und 4. Einspaltiges O-Inkunabelblatt mit einem 3/4seitigen Holzschnitt von Sixtus Riessinger. Blatt mit einigen altkolorierten Schmuckelementen im Holzschnitt, Wasserzeichen: Vogel. Im Holzschnittrahmen mit dem Drucker-Signe Pfeil im Bogen von Riessinger. Blattgröße: 10,9 x 17 cm. - - - Sixtus Riessinger erlernte den Buchdruck wohl bei Johannes Mentelin in Straßburg. Als er 1465 nach Rom kam, war er Geistlicher und Drucker. Zwischen 1470 und 1478 druckte er in Neapel und kehrte 1479 nach Rom zurück. Die 13 Holzschnitte zu Discordantiae sanctorum stammen wohl von Riessingers eigener Hand. Der Holzschnitt mit der Sibylle Persica trägt sein Drucker-Signe Pfeil im Bogen. Er starb nach 1502. --- Eine Sibylle weissagt die Zukunft. Die archaischen Ursprünge der Sibylle liegen vermutlich im Orient. Die Wurzeln ihrer Verehrung sind möglicherweise in Kleinasien im Umfeld von Mysterienkulten einer "Erdmutter", wie Kybele, zu suchen. Die ursprüngliche Verbindung der Sibylle mit Erdgottheiten zeigt sich oft an ihrem Aufenthaltsort, an einem Felsblock, Felsspalt oder in einer Felsenhöhle, der Sibyllengrotte. Es gibt zwei archäologisch erfasste Sibyllen-Grotten, wobei diese relativ jüngeren Datums sind, denn sie stammen aus römischer Zeit. Heute noch kann man in Cumae, in der Nähe von Neapel, eine Sibyllen-Grotte besichtigen. In der Orakelstätte zu Delphi in Griechenland findet sich außerhalb des Tempels und Sitz des Orakels, ein Fels, der "Fels der Sibylle". In Rom entwickelte sich der offizielle Kult der Sibyllinischen Bücher a … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Versandantiquariat Christine Laist [Seeheim-Jugenheim, Germany]
2017-08-22 12:02:31
Philippus de Barberiis:
Rom, Georg Herolt und Sixtus Riessinger, um 1482. Type 2, 3 und 4. Einspaltiges O-Inkunabelblatt mit zwei 3/4seitigen Holzschnitten von Sixtus Riessinger. Blatt mit einigen altkolorierten Schmuckelementen im Holzschnitt, Wasserzeichen: Tuchschere. Blattgröße: 12,4 x 18,7 cm. - - - Sixtus Riessinger erlernte den Buchdruck wohl bei Johannes Mentelin in Straßburg. Als er 1465 nach Rom kam, war er Geistlicher und Drucker. Zwischen 1470 und 1478 druckte er in Neapel und kehrte 1479 nach Rom zurück. Die 13 Holzschnitte zu Discordantiae sanctorum stammen wohl von Riessingers eigener Hand. Der Holzschnitt mit der Sibylle Persica trägt sein Drucker-Signe Pfeil im Bogen. Er starb nach 1502. --- Eine Sibylle weissagt die Zukunft. Die archaischen Ursprünge der Sibylle liegen vermutlich im Orient. Die Wurzeln ihrer Verehrung sind möglicherweise in Kleinasien im Umfeld von Mysterienkulten einer "Erdmutter", wie Kybele, zu suchen. Die ursprüngliche Verbindung der Sibylle mit Erdgottheiten zeigt sich oft an ihrem Aufenthaltsort, an einem Felsblock, Felsspalt oder in einer Felsenhöhle, der Sibyllengrotte. Es gibt zwei archäologisch erfasste Sibyllen-Grotten, wobei diese relativ jüngeren Datums sind, denn sie stammen aus römischer Zeit. Heute noch kann man in Cumae, in der Nähe von Neapel, eine Sibyllen-Grotte besichtigen. In der Orakelstätte zu Delphi in Griechenland findet sich außerhalb des Tempels und Sitz des Orakels, ein Fels, der "Fels der Sibylle". In Rom entwickelte sich der offizielle Kult der Sibyllinischen Bücher als weitere Form der Deutung. Sie sind eine Sammlung von überliefer … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Versandantiquariat Christine Laist [Seeheim-Jugenheim, Germany]
2017-08-06 14:48:15
[CAXTON, William] HIGDEN, Ranulph
Westminster : William Caxton, 1482. Single leaf, 274 x 206 mm, rubricated in red with marginalia, further marginalia in black ink, light soiling, else fine. Framed. A specimen leaf from England's first printer, William Caxton. Born in Kent some time between 1415 and 1424, Caxton moved to London in the mid-1430s and was apprenticed to a cloth dealer, Robert Large. Around 1445 he moved to Bruges and became a successful businessman and diplomat for King Edward IV, later moving to Cologne where he translated Lefevre's Recuyell of the Histories of Troy, and, after learning the art of printing, published it as a book in 1473-74, the first book printed in the English language. Caxton returned to England and set up a printing press at Westminster in 1476, where he printed Chaucer's The Canterbury Tales, the first book printed in England. Caxton went on to print over 100 early books, mostly in English, including Higden's Polychronicon, a universal history of the world as known at the time. A fine example of fifteenth century printing in English by England's first printer, presented framed to hang in a library.
Bookseller: Douglas Stewart Fine Books [Melbourne, Australia]
2017-07-27 21:10:16
Guillelmus Parisiensis (Johannes Herolt):
Augsburg, Johann Blaubirer, 1482. Type 1. Einspaltiges 33-zeiliges Original-Inkunabelblatt mit zwei Holzschnittlombarden auf festem Papier. Blatt etwas wasserrandig. Blattgröße: 19,5 x 28,1 cm. Incunabula text leaf. Blaubirer stammt möglicherweise aus Blaubeuren und hatte den Familiennamen Heidegker. Er ist in Augsburg mit Drucken zwischen 1481 und 1486 nachweisbar. Seine Type ist der Type 2 Günther Zainers sehr ähnlich ( vgl. Geldner I, 144). Der Gesamtkatalog der Wiegendrucke verzeichnet von Johann Blaubirer, 62 Drucke.
Bookseller: Versandantiquariat Christine Laist [Seeheim-Jugenheim, Germany]
2017-07-22 08:14:52
Claudius Ptolemaeus
Amsterdam: Israel, 1482 [1963]. Amsterdam: Israel. Very Good with no dust jacket. 1482 [1963]. Hardcover. 13:9781854221032 . Ex-Library; b/w; 280 pages; Book Details: (THEATRUM ORBIS TERRARUM, publisher). Claudius Ptolemaeus Cosmographia Ulm 1482. Amsterdam: N. Israel, 1963. Folio. Introduction by R. A. Skelton. Small inked library stamp. Publisher's cloth. 32 double-page maps, reprint of the Ulm 1482 edition, Theatrum Orbis Terrarum, 1st series, vol. I, Israel, Amsterdam [1963]. 17.5 x 12", 8 pounds. .
Bookseller: poor man's books (mrbooks) [Vineland, NJ, U.S.A.]
2017-07-22 04:05:59
EUCLID
Bookseller: Phillip J. Pirages Rare Books (ABAA) [McMinnville, OR, U.S.A.]
2017-07-22 04:05:59
EUCLID
Bookseller: Phillip J. Pirages Rare Books (ABAA) [McMinnville, OR, U.S.A.]
______________________________________________________________________________


      Home     Wants Manager     Library Search     563 Years   Links     Contact      Search Help      Terms of Service      Privacy     


Copyright © 2019 viaLibri™ Limited. All rights reserved.