viaLibri Requires Cookies CLICK HERE TO HIDE THIS NOTICE

Recently found by viaLibri....

Correspondance Morandi - Mino Maccari
1946 - 1957 1946 - The batch contains 3 autograph letters addressed to the painter Mino Maccari: -L.A.S Bologna, June 29, 1949, (28x22cm), perfect state. -L.A.S Bologna, July 14, 1946, (22x30cm), perfect state. -L.A.S Levico, July 12, 1957, (28x18cm) with envelope (14.5x9.5cm) and postmark. Morandi's engraving, always drawn in a limited number of prints (up to a maximum of 75 copies) was supported by the magazine "Il Selvaggio" directed by Mino Maccari. Not only the magazine published many of the artist's etchings, but also the Morandi's name was one of the tops in exhibitions organized by the magazine: the inaugural exhibition (February 1927) of the 'Stanza del Selvaggio', the gallery opened by Maccari in Florence (in this occasion Morandi knew Giuseppe Bottai, who bought two sheets), and the II Esposizione (April 1927). Morandi's success as an engraver was sanctioned with the invitation to introduce a series of bottles at the XVI Venice Biennale (1928): on this occasion the sheets on sale were purchased from the cultural and political elite of Fascism and some museums (The Galleries of Rome, Piacenza and Vienna). The alliance created by Maccari, Longanesi and the secretary of the union of fascist artists, the roman Cipriano Efisio Oppo, with the help of Bottai, allowed Morandi to get the famous engraving chair in January 1930. At the same time with the decrease of his public visibility, Morandi grew in importance as a cultural reference and began to be considered the greatest Italian artist by a group of intellectuals such as Brandi, Longhi, Giulio Carlo Argan, all close to Minister Bottai and protected by him: in 1941, in his critical writing Fronte dell’arte, Bottai pointed to Morandi as the most significant example of the fascist twenty-year art for his ability to re-establish the "weight of the ethical factor in the artistic fact." The object may be located and shipped from Italy, France or UK. Il lotto comprende 3 lettere autografe indirizzate al pittore Mino Maccari: -L.A.S Bologna, 29 giugno del 1949, (28x22cm), perfetto stato. -L.A.S. Bologna, 14 luglio del 1946, (22x30cm), perfetto stato. -L.A.S Levico, 12 luglio del 1957, (28x18cm) con busta (14,5x9.5cm) e timbro postale. Morandi ebbe molti ammiratori, tra cui De Chirico che nella sua pittura ci vede la riscoperta della «metafisica degli oggetti più comuni», in continuità con la tradizione disegnativa dell’arte italiana «in quello che essa contiene di più scheletricamente bello». L’opera incisoria di Morandi, tirata sempre in un numero limitato di stampe (fino a un massimo di 75 esemplari) fu sostenuta dal periodico di fascismo strapaesano "Il Selvaggio" diretto da Mino Maccari. Non solo la rivista pubblicò molte acqueforti morandiane, ma il nome di Morandi fu tra quelli di punta nelle esposizioni organizzate dal periodico: la mostra inaugurale (febbraio 1927) della ‘Stanza del Selvaggio’, la galleria aperta da Maccari a Firenze (in questa occasione Morandi conobbe Giuseppe Bottai, che gli comprò due fogli), e la II Esposizione (aprile 1927). Il successo del Morandi incisore fu sancito con l’invito a presentare una serie di acqueforti alla XVI Biennale di Venezia (1928): in questa occasione i fogli in vendita furono acquistati dall’élite culturale e politica del fascismo e da alcune istituzioni museali (le Gallerie di Roma, Piacenza e Vienna). Il fronte creato tra Maccari, Longanesi e il segretario del sindacato degli artisti fascisti, il romano Cipriano Efisio Oppo, consentì, con l’aiuto di Bottai, di far ottenere a Morandi la cattedra di incisione per chiara fama nel gennaio 1930. Questa nomina fu accolta come una vittoria di Strapaese, che aveva imposto un nome (e i valori) del più puro fascismo delle origini contro le resistenze del mondo accademico. Quando alla I Mostra del Novecento italiano a Milano nel gennaio 1926, Mussolini acquistò la Natura morta di Morandi, questo gesto ebbe il significato di affermare il valore ideologico di un fascismo originario, rurale, lontano dalle [Attributes: Soft Cover]
      [Bookseller: Wallector]
Last Found On: 2017-07-27           Check availability:      AbeBooks    

LINK TO THIS PAGE: www.vialibri.net/years/items/14122328/1946-giorgio-morandi-correspondance-morandi-mino-maccari

Browse more rare books from the year 1946


      Home     Wants Manager     Library Search     561 Years   Links     Contact      Search Help      Terms of Service     


Copyright © 2017 viaLibri™ Limited. All rights reserved.