The viaLibri website requires cookies to work properly. You can find more information in our Terms of Service and Privacy Policy.

Displayed below are some selected recent viaLibri matches for books published in 1750
2019-07-30 11:34:03
ANON
Charles Corbett, London, 1750. Third Edition of this rare piece of British outlaw history (ESTC and OCLC identify only one copy, at Northwestern University, and neither ABPC nor RBH record copies at auction). Crown 8vo (183 x 115mm) [2],54pp (Even though the extended title mentions a portrait frontispiece of Maclean in this edition, neither ESTC nor OCLC does.) Recent marbled paper wrappers, white printed paper label to upper cover, untrimmed fore- and bottom edges. Very occasional spotting but generally clean and bright throughout. A very rare copy, Not in Halkett & Laing. Maclean (occasionally "MacLaine," "MacLean", or "Maclane," 1724-1750) was a notorious highwayman, whose accomplice was William Plunkett. He was known as the "Gentleman Highwayman," because of his courteous behavior during robberies. One moonlight night in November 1749, the pair stopped Horace Waipole in Hyde Park, as he was returning from Holland House, and Maclean's pistol went off accidentally and razed the skin under Walpole's eye. This was the first and only time he fired a shot. MacLaine was so appalled that he sent two letters apology to Walpole. N. B. With few exceptions (always identified), we only stock books in exceptional condition, carefully preserved in archival, removable mylar sleeves. All orders are packaged with care and posted promptly. Satisfaction guaranteed. (Fine Editions Ltd is a member of the Independent Online Booksellers Association, and we subscribe to its codes of ethics.). [Attributes: Soft Cover]
Bookseller: Fine Editions Ltd [New York, NY, U.S.A.]
2019-07-30 03:55:18
LA VALLIÈRE, Louise, duchesse de.
[France, c, 1750. Manuscript, 12mo (164 × 100 mm), pp. 350, plus several blanks at rear. Written in a single neat and legible hand, c. 18-20 lines per page, occasional deletions. Contemporary mottled calf, spine gilt in compartments with floral tools, red morocco label. Rubbed. A collection of devotional texts by or about the first official mistress of Louis XIV, who, after her fall from favour, retired to a Carmelite convent in 1674 and took the veil. Her penitence, lasting until her death in 1710 was widely discussed and generated many accounts as well as her own Réflexions sur la Miséricorde de Dieu, first published in 1680, frequently reprinted and forming the last part of our manuscript collection. The texts here all seem to have been collected from these printed sources. Contents: --L'Abrégé de la vie de la pénitence de Madame la duchesse de La Vallière. pp. 1-22 --Lettres de la soeur de la Vallière à Monsieur le maréchal de Bellefond soit avant soit depuis son entrée aux Carmélites. pp. 22-107 --Elévations de coeur à nôtre Seigneur Jesus-christ par rapport à la sainte Communion composées par la soeur Louise de la Miséricorde et tirées mot à mot de l'extrait écrit de sa main. pp. 107-118 --Lettre circulaire des Carmélites. pp. 118-141 --Sermon de messire Jean-Louis de Fromentières (...) pour la vêture de Madame de La Vallière. pp. 142-207 --Sermon pour la profession de Madame Françoise de la Baume Le Blanc de la Vallière duchesse de Vaujour prononcé en présence de la Reine le 4 juin 1675 dans l'Eglise des carmélites du fauxbourg saint Jacques. pp. 207-271 --Réflexion … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Justin Croft [GB]
2019-07-29 14:26:06
Lilienthal, Theodor Christoph
Königsberg, Johann Heinrich Hartung 1750-1782. 8°. HLdr. d. Zt. (Halbledereinbände der Zeit) auf 4 Bünden mit goldgepräg. Rückenschildern und reicher Rückenvergoldung. - VD18 15510034. - Erste Ausgabe. - Hauptwerk des lutherischen Theologen Theodor Christoph Lilienthal (1717-1781), der als Pastor in Königsberg wirkte. In vorliegender Ausgabe sammelte er Zweifel gegen die Echtheit der Bibel und widerlegte diese, was in diesem Umfang in der Theologie bis dato einmalig war. "Der Standpunkt, von dem aus hier die Vertheidigung des christlichen Glaubens gegen den aufkeimenden Rationalismus geführt wird, ist der des biblischen Supernaturalismus, wie er sich in den Kreisen der damaligen lutherischen Orthodoxie ausgebildet hat" (ADB 18, 650f). - Band 15 angebunden: "Zusätze und Abänderungen zu den ersten vier Theilen [. . .]" und " [. . .] zum zehnten bis dreyzehnten Capitel" [d.i. 5.-7. Tl.]. Ebenda 1778 u. 1779. Band 16 in 4 Lieferungen erschienen (1779-1782). - Einbände leicht berieben und bestoßen, Kapitale und Ecken tls. gestaucht. Innen nur sehr vereinzelt gering stockfleckig oder leicht gebräunt. - Insgesamt von guter Erhaltung, in dieser Vollständigkeit selten. - *** 87 Jahre Antiquariat Arno Adler (1932-2019) *** [Attributes: First Edition; Hard Cover]
Bookseller: ARNO ADLER - Buchhandlung u. Antiquariat [Lübeck, Germany]
2019-07-29 08:00:25
Peter Scheidegger Spielkarten
Peter Scheidegger Luzern ca. 1750. 32 handkolrierte Spielkarten im Holzschnitt 6 x 3,8cm Sehr seltenes schweizer Kartenspiel. Über Peter Scheidegger in Luzern als Kartenhersteller konnte ich leider keine Informationen ermitteln. Die Kolorierung ist sehr einfach und zum Teil auch etwas verwischt, mit deutlichen Alterspuren, insgesamt aber immer noch gut.
Bookseller: Antiquariat Thomas Mertens [Berlin, Germany]
2019-07-28 14:12:31
POCOCKE, Dr. Richard
London: R. Dampier, J. Panton, T. Davison [et al], [1750s].. 12mo. (ii), vi, 289, (1) pp. Recent speckled calf, spine with raised bands, gilt lettered black label. Very good. A curiously scarce compendium of abridged versions of these three important 18th century accounts of travel in the Levant. Just one copy of this undated London edition shows on OCLC (University of Florida) and another of an identically paginated Dublin edition, dated 1757 (Columbia University).
Bookseller: Bow Windows Bookshop (ABA, ILAB) [Lewes, United Kingdom]
2019-07-27 13:44:55
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
1750. Acquaforte, bulino e puntasecca, firmata in lastra in basso a sinistra. Esemplare nel quarto stato di cinque. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva priva di filigrana, con pieni margini, in ottime condizioni. Dalla prima edizione della serie Opere Varie di Architettura Prospettive Grotteschi Antichità Inventate ed incise da Giambattista Piranesi Architetto Veneziano, edita da Giovanni Bouchard nel 1750. Prima Parte di Architetture e Prospettive Prima pubblicazione del giovane artista, appena giunto a Roma. Il risultato è un'opera non del tutto unitaria, caratterizzata dalla notevole differenza stilistica tra le tavole, ma dal grande fascino e che lascia intuire e prevedere i futuri sviluppi artistici del Piranesi. Il lavoro continua una tradizione di un modello ormai affermato, che prevedeva il capriccio e la veduta, la scenografia ed il trattato di architettura; in seguito, analizzando la biografia dell'artista, si comprenderà come soprattutto essere lo sbocco di una crisi dell'architetto causata da un itinerario interiore vissuto con intensità, il frutto dello scontro di una mente legata alla cultura veneziana, erede della poesia delle rovine evocata da Marco Ricci e ripresa dal Bellotto e dal Canaletto, e la nuova cultura architettonica che si andava formando nel giovane Piranesi. Prima parte di Architetture... e le successive fantasie architettoniche che la continuano costituiscono un passo decisivo verso lo scopo che egli si prefiggeva nella prefazione dell'opera: far si che il capriccio architettonico liberasse l'architettura dalle catene del mondo ma … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-27 13:44:55
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
1750. Acquaforte, bulino e puntasecca, firmata in lastra in basso a sinistra. Esemplare nel primo stato di due. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana "cerchio e giglio con lettere CB" (Robison 2), con pieni margini, in ottime condizioni. Dalla prima edizione della serie Opere Varie di Architettura Prospettive Grotteschi Antichità Inventate ed incise da Giambattista Piranesi Architetto Veneziano, edita da Giovanni Bouchard nel 1750. Prima Parte di Architetture e Prospettive Prima pubblicazione del giovane artista, appena giunto a Roma. Il risultato è un'opera non del tutto unitaria, caratterizzata dalla notevole differenza stilistica tra le tavole, ma dal grande fascino e che lascia intuire e prevedere i futuri sviluppi artistici del Piranesi. Il lavoro continua una tradizione di un modello ormai affermato, che prevedeva il capriccio e la veduta, la scenografia ed il trattato di architettura; in seguito, analizzando la biografia dell'artista, si comprenderà come soprattutto essere lo sbocco di una crisi dell'architetto causata da un itinerario interiore vissuto con intensità, il frutto dello scontro di una mente legata alla cultura veneziana, erede della poesia delle rovine evocata da Marco Ricci e ripresa dal Bellotto e dal Canaletto, e la nuova cultura architettonica che si andava formando nel giovane Piranesi. Prima parte di Architetture... e le successive fantasie architettoniche che la continuano costituiscono un passo decisivo verso lo scopo che egli si prefiggeva nella prefazione dell'opera: far si che il capriccio architettonico liberasse l'a … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-27 13:44:55
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
1750. Acquaforte, bulino e puntasecca, firmata in lastra in basso a sinistra. Esemplare nel secondo stato di cinque. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva priva di filigrana, con pieni margini, in ottime condizioni. Dalla prima edizione della serie Opere Varie di Architettura Prospettive Grotteschi Antichità Inventate ed incise da Giambattista Piranesi Architetto Veneziano, edita da Giovanni Bouchard nel 1750. Prima Parte di Architetture e Prospettive Prima pubblicazione del giovane artista, appena giunto a Roma. Il risultato è un'opera non del tutto unitaria, caratterizzata dalla notevole differenza stilistica tra le tavole, ma dal grande fascino e che lascia intuire e prevedere i futuri sviluppi artistici del Piranesi. Il lavoro continua una tradizione di un modello ormai affermato, che prevedeva il capriccio e la veduta, la scenografia ed il trattato di architettura; in seguito, analizzando la biografia dell'artista, si comprenderà come soprattutto essere lo sbocco di una crisi dell'architetto causata da un itinerario interiore vissuto con intensità, il frutto dello scontro di una mente legata alla cultura veneziana, erede della poesia delle rovine evocata da Marco Ricci e ripresa dal Bellotto e dal Canaletto, e la nuova cultura architettonica che si andava formando nel giovane Piranesi. Prima parte di Architetture... e le successive fantasie architettoniche che la continuano costituiscono un passo decisivo verso lo scopo che egli si prefiggeva nella prefazione dell'opera: far si che il capriccio architettonico liberasse l'architettura dalle catene del mondo m … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-27 13:44:55
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
1750. Acquaforte bulino e puntasecca, firmata in lastra in basso a sinistra. Esemplare nel terzo stato di cinque. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana "cerchio e giglio con lettere CB" (Robison 2), con pieni margini, in ottime condizioni. Dalla prima edizione della serie Opere Varie di Architettura Prospettive Grotteschi Antichità Inventate ed incise da Giambattista Piranesi Architetto Veneziano, edita da Giovanni Bouchard nel 1750. Prima Parte di Architetture e Prospettive Prima pubblicazione del giovane artista, appena giunto a Roma. Il risultato è un'opera non del tutto unitaria, caratterizzata dalla notevole differenza stilistica tra le tavole, ma dal grande fascino e che lascia intuire e prevedere i futuri sviluppi artistici del Piranesi. Il lavoro continua una tradizione di un modello ormai affermato, che prevedeva il capriccio e la veduta, la scenografia ed il trattato di architettura; in seguito, analizzando la biografia dell'artista, si comprenderà come soprattutto essere lo sbocco di una crisi dell'architetto causata da un itinerario interiore vissuto con intensità, il frutto dello scontro di una mente legata alla cultura veneziana, erede della poesia delle rovine evocata da Marco Ricci e ripresa dal Bellotto e dal Canaletto, e la nuova cultura architettonica che si andava formando nel giovane Piranesi. Prima parte di Architetture... e le successive fantasie architettoniche che la continuano costituiscono un passo decisivo verso lo scopo che egli si prefiggeva nella prefazione dell'opera: far si che il capriccio architettonico liberasse l … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-27 13:44:55
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
1750. Acquaforte, bulino e puntasecca, firmata in lastra in basso a sinistra. Esemplare nel quarto stato di sei. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva priva di filigrana, con pieni margini, in ottime condizioni. Dalla prima edizione della serie Opere Varie di Architettura Prospettive Grotteschi Antichità Inventate ed incise da Giambattista Piranesi Architetto Veneziano, edita da Giovanni Bouchard nel 1750. Prima Parte di Architetture e Prospettive Prima pubblicazione del giovane artista, appena giunto a Roma. Il risultato è un'opera non del tutto unitaria, caratterizzata dalla notevole differenza stilistica tra le tavole, ma dal grande fascino e che lascia intuire e prevedere i futuri sviluppi artistici del Piranesi. Il lavoro continua una tradizione di un modello ormai affermato, che prevedeva il capriccio e la veduta, la scenografia ed il trattato di architettura; in seguito, analizzando la biografia dell'artista, si comprenderà come soprattutto essere lo sbocco di una crisi dell'architetto causata da un itinerario interiore vissuto con intensità, il frutto dello scontro di una mente legata alla cultura veneziana, erede della poesia delle rovine evocata da Marco Ricci e ripresa dal Bellotto e dal Canaletto, e la nuova cultura architettonica che si andava formando nel giovane Piranesi. Prima parte di Architetture... e le successive fantasie architettoniche che la continuano costituiscono un passo decisivo verso lo scopo che egli si prefiggeva nella prefazione dell'opera: far si che il capriccio architettonico liberasse l'architettura dalle catene del mondo mater … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-27 13:44:55
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
1750. Acquaforte, bulino e puntasecca, firmata in lastra in basso a sinistra. Esemplare nel secondo stato di quattro. Magnifica prova, impressa su carta vergata priva di filigrana, con pieni margini, in ottime condizioni. Dalla prima edizione della serie Opere Varie di Architettura Prospettive Grotteschi Antichità Inventate ed incise da Giambattista Piranesi Architetto Veneziano, edita da Giovanni Bouchard nel 1750. Prima Parte di Architetture e Prospettive Prima pubblicazione del giovane artista, appena giunto a Roma. Il risultato è un'opera non del tutto unitaria, caratterizzata dalla notevole differenza stilistica tra le tavole, ma dal grande fascino e che lascia intuire e prevedere i futuri sviluppi artistici del Piranesi. Il lavoro continua una tradizione di un modello ormai affermato, che prevedeva il capriccio e la veduta, la scenografia ed il trattato di architettura; in seguito, analizzando la biografia dell'artista, si comprenderà come soprattutto essere lo sbocco di una crisi dell'architetto causata da un itinerario interiore vissuto con intensità, il frutto dello scontro di una mente legata alla cultura veneziana, erede della poesia delle rovine evocata da Marco Ricci e ripresa dal Bellotto e dal Canaletto, e la nuova cultura architettonica che si andava formando nel giovane Piranesi. Prima parte di Architetture... e le successive fantasie architettoniche che la continuano costituiscono un passo decisivo verso lo scopo che egli si prefiggeva nella prefazione dell'opera: far si che il capriccio architettonico liberasse l'architettura dalle catene del mondo materi … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-27 13:44:55
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
1750. Acquaforte, bulino e puntasecca, firmata in lastra in basso a sinistra. Esemplare nel terzo stato di cinque. Magnifica prova, impressa su carta coeva con filigrana "cerchio e giglio con lettere CB" (Robison 2), con pieni margini, in ottime condizioni. Dalla prima edizione della serie Opere Varie di Architettura Prospettive Grotteschi Antichità Inventate ed incise da Giambattista Piranesi Architetto Veneziano, edita da Giovanni Bouchard nel 1750. Prima Parte di Architetture e Prospettive Prima pubblicazione del giovane artista, appena giunto a Roma. Il risultato è un'opera non del tutto unitaria, caratterizzata dalla notevole differenza stilistica tra le tavole, ma dal grande fascino e che lascia intuire e prevedere i futuri sviluppi artistici del Piranesi. Il lavoro continua una tradizione di un modello ormai affermato, che prevedeva il capriccio e la veduta, la scenografia ed il trattato di architettura; in seguito, analizzando la biografia dell'artista, si comprenderà come soprattutto essere lo sbocco di una crisi dell'architetto causata da un itinerario interiore vissuto con intensità, il frutto dello scontro di una mente legata alla cultura veneziana, erede della poesia delle rovine evocata da Marco Ricci e ripresa dal Bellotto e dal Canaletto, e la nuova cultura architettonica che si andava formando nel giovane Piranesi. Prima parte di Architetture... e le successive fantasie architettoniche che la continuano costituiscono un passo decisivo verso lo scopo che egli si prefiggeva nella prefazione dell'opera: far si che il capriccio architettonico liberasse l'archit … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-27 13:44:54
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
1750. Acquaforte, bulino, puntasecca e bruniture, firmata in lastra in basso a sinistra. Della serie denominata 'I Grotteschi'. Esemplare nel terzo stato di sei. Magnifica prova, impressa su carta vergata con filigrana " doppio cerchio e giglio con lettere CB" (Robison 33), con margini, in eccellente stato di conservazione. Nel 1750 il Piranesi raccoglie in un volume miscellaneo pubblicato a spese dell'editore Giovanni Bouchard una raccolta delle opere incise da lui prodotte sino a quel momento, alcune già pubblicate, altre inedite. Il volume veniva edito con il titolo serie "Opere Varie di Architettura Prospettive Grotteschi Antichità sul gusto degli antichi romani Inventate e incise da Giambattista Piranesi Architetto Veneziano". I quattro grandi fogli oggi denominati appunto 'Capricci' o 'Grotteschi' , furono appunto contenuti per la prima volta in questa raccolta, con il termine grotteschi, parola che deriva dalla tradizione pittorica con figure bizzarre ed elementi ornamentali, così appellata dalle sale (dette grotte) della Domus Aurea di Nerone, venute alla luce negli scavi in epoca rinascimentale. Sebbene pubblicati per la prima volta in questa raccolta, le quattro fantastiche tavole appartengono al gusto dell'artista degli anni 1743/45, nel periodo immediatamente successivo al ritorno a Roma dal viaggio a Venezia. Proprio per la luminosità generale dell'impianto è evidente l'influenza dell'incontro con Gian Battista Tiepolo, il quale aveva appena dato alla luce le sue prime tavole dei Capricci; tuttavia immancabile è il raffronto delle stesse con le opere di Marco R … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-27 13:44:54
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
1750. Acquaforte, bulino e puntasecca, firmata in lastra. Della serie I Grotteschi. Della terza edizione, seconda tiratura. Bellissima prova, impressa su carta vergata priva di filigrana, consueti ampli margini, usuale piega centrale verticale, lieve strappo restaurato nella parte centrale, in buono stato di conservazione. Bibliografia: Focillon 23, Hind 27, Wilton Ely 23, Robison 24, terzo stato di quattro. Dimensioni 540x395. Etching, engraving and drypoint, signed on plate. From the series I Grotteschi. Second printing of the third edition. Magnificent work, printed on contemporary laid paper without watermark, usual wide margins, centre fold, light tear perfectly repaired in the centre, in good condition.ibliografia: Focillon 23, Hind 27, Wilton Ely 23, Robison 24, terzo stato di quattro. Dimensioni 540x395.
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-27 13:44:54
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
- PRIMO STATO DI SETTE - Acquaforte e bulino, 1750. Tiratura avanti la firma e l'indirizzo di Bouchard e Gravier. Esemplare della contemporanea tiratura romana. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva priva di filigrana, con pieni margini, minimi restauri alla piega centrale, per il resto in perfetto stato di conservazione. Della serie Vedute di Roma. L'opera consiste in 135 lastre prodotte individualmente dal Piranesi per almeno 30 anni, da circa il 1745, fino alla data della sua morte. All'opera sono aggiunte poi 2 vedute realizzate dal figlio Francesco. Per la prima volta furono edite dall'editore Giovanni Bouchard nel 1751 (34 lastre), successivamente dallo stesso Piranesi editore a Palazzo Tomati in Roma (scritta che appare su molte tavole), fino alla stesura definitiva composta da 137 lastre. Successivamente alla morte dell'autore le lastre furono ereditate dal figlio Francesco, che ne curò la pubblicazione prima nella capitale, e successivamente a Parigi. Le lastre furono poi acquisite dalla Calcografia Camerale, oggi Calcografia Nazionale, dove sono tuttora conservate. THE FIRST STATE OF SEVEN - Etching and engraving, 1750, signed on plate at the lower right. Example from the contemporary Roman Edition. A very good impression, printed on contemporary strong laid paper without watermark, with margins, very good condition. The first state of seven, before the retouches of the plate and the address of Bouchard and Gravier. Very rare. Taken from Vedute di Roma; the whole work consists of 135 plates which have been individually produced by Piranesi along 30 year … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-27 07:22:12
PROBST Georg Balthasar (1732-1801)
1750. Spettacolare veduta panoramica di Padova progettata da Friedrich Bernhard Werner (1690-1776) . Con il titolo in un cartiglio in alto, affiancato a destra dallo stemma della città. Werner (1690-1776) è nato in Slesia. Durante la sua gioventù condusse una vita avventurosa, lavorando come ingegnere militare e cartografo, viaggiando come medico ciarlatano, lavorando come operatore con un teatro a Praga e traducendo libretti per un gruppo di comici erranti. Ma dopo il suo matrimonio, nel 1718, iniziò una nuova vita e si concentrò sullo sviluppo delle sue innegabili doti artistiche e cartografiche. Queste abilità lo mise in contatto con diversi rivenditori importanti d'arte ed editori in Augsburg, soprattutto gli eredi di Jeremias Wolff (1663-1724). Iniziò a delineare una serie di panorami di città europee, che riscossero un notevole successo commerciale nelle derivazioni a stampa pubblicate in serie da diversi partner della società di Wolff, principalmente di Johann Friedrich Probst ( 1719 o 1721-1781 ) , e poi da suo fratello Georg Balthasar Probst ( 1732-1801). Incisione in rame, margini coevi aggiunti, in ottimo stato di conservazione. Molto rara.
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-27 05:11:13
M. de Fontenelle
London: Printed for D. Browne and J. Whiston, 1750. This book has been rebound in brown buckram with gold titles in a red box on the spine. It is clean, tight, square with sharp corners and unmarked. It has 218, mildly foxed pages and one page of ads. Other than the foxing the pages are clean, sharp edged and unrubbed, a beautiful little book.
Bookseller: mdpincbooks [Quincy, Massachusetts, US]
2019-07-26 17:57:00
HANDEL, George Frideric.
English: , c.1750. Oblong folio (160 x 200 mm). Disbound, traces of spine and original stitching, 60 pages manuscript notation in brown ink, a few pages rubricated. Somewhat worn and soiled, inevitably loose, and chipped at the edges, browned throughout, but the paper remains sound, used, about good+, but with some appeal. Unusual mid-eighteenth century manuscript in an unknown hand largely comprised of liturgical music, but with the almost surreptitious inclusion of minuets by Handel. The first six rectos carry neumatic notation in brown and red ink of a Kyrie, Gloria, Credo and Sanctus from a so far unidentified Mass. Then spread over the versos of the first four of these leaves is standard staff notation for a series of pieces titled as follows: Minuet, Minuet in Floridante [Handel, 1721], Minuet in Radamisto [Handel, 1720], Minuet, March, March..., March in Floridant [sic], Duett by Festing [Michael Christian Festing (1705 - 1750), English violinist and composer]. The verso of the fifth has open note neumatic notation for a Cantate Domino, and from there the manuscript continues in the same manner. The concluding sections are titled as follows: Allelluia [fragment], Ad Vesperas, In Festis Duplicibus ad Pincas Vesperas, Ad Completorium, Litania B M Virginis, In Solemnitatibus, In Majoribus, Solemnitatibus, In Festis duplicibus per Anum, n Festis duplicibus Secunda classis, Mia Missa in Majoribus Solemnitatibus, The Dies Irae, The Dies Irae, Missa Votiva de Angelis, Missa Votiva de Sancta Cruce, 4 pages of various neumatic and standard notation short compositional sket … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Peter Harrington [United Kingdom]
2019-07-26 12:55:58
MEISSEN ( Umgebung ):
mit altem Grenzkolorit, dat. 1750, 57 x 98 Koemann Sch. 12, 8a+b. - Rechts oben große Titelkartusche ( gest. von N. v. Franckendaal ) mit fig. Staffage, am linken und rechten Rand jeweils 4-spaltiges Ortsregister. Gebiet: Belgern, Dresden, Freyberg, Grimma. - Die Karte ist von 2 Platten gedruckt und bereits zusammengesetzt. - Alte Faltstellen geglättet und restauriert.
Bookseller: Antiquariat Clemens Paulusch GmbH [Berlin, Germany]
Check availability:
2019-07-26 11:33:17
Cartographer Jacob Nordencreutz, Graveur Erik Geringius
Stockholm: Landtmäterij Contoir, 1750. Map of Sweden in original hand-color. Cartouche with keys in Swedish and Latin. Repaired separations at folds. Minor stains [see image].
Bookseller: William Chrisant & Sons, Inc. ABAA, ILAB [Ft Lauderdale, FL, U.S.A.]
2019-07-26 08:32:09
Pluche, Noel Antoine (1688-1761) translated by Mr Humphreys
London: R. Francklin, C. Davis, and 4-5 others 7th edition (Vol.1-4), 2nd edition (Vol.5-7), 1750, 1749. London: R. Francklin, C. Davis, and 4-5 others 7th edition (Vol.1-4), 2nd edition (Vol.5-7), 1750, 1749. Hardcover. Good. Copperplates (189 of 198 required in this edition, Vol.3 lacks 9 folding plates) - each volume has a frontis by A. Motte or R. Parr + mostly folding plates by various artists. Seven Volumes 12mo (175x110mm), brown roan on 5 raised bands (3 front boards re-attached, spines starting to split on 2 other vols, leather scuffed). Frontis +xxiv +323pp +[12]pp index +[4]pp C. Davis publisher's list; Vol.2 Frontis + viii +312pp with index +[4]pp Davis booklist; Vol.3 Frontis +xviii +366pp with index; Vol.4 Frontis + Title + dedication to Sir Hans Sloan +356pp +[10]pp index; Vol.5 Frontis + Title + contents +329pp; Vol.6 Frontis + Title + contents + xxxii explanation of plates +308pp +[4]pp book list; Vol.7 Frontis + Title + contents +323pp. Coolated complte except for 9 folding plates lacking from Vol.3). Bindings delicate, Vol.2 with lower margin wormholes for about 90 pages but hardly affecting any printed areas. Contents generally crisp and clean with no loose pages, no annotations or ownership, no marks of damp. A few wrong folds to plates but all tight, clean and no tears. *A profusely illustrated set of 7 volumes of this comprehensive work, covering a wide variety of educational subjects. Fifth edition of the English version translated from French by Samuel Humphreys (1698?-1738). Starting with natural history, they deal with various sciences, and incl … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Abbey Antiquarian Books [Blockley, GLOS, United Kingdom]
2019-07-25 13:55:22
M A LEVRET
PARIS: CHEZ DELAGUETTE, 1750. VERY VERY GOOD. OBSERVATIONS SUR LES CAUSES ET LES ACCIDENS DE PLUSIERS ACCOUCHEMENS LABORIEUX, AVEC DES REMARQUES. SECONDE EDITION. PARIS (1750) AND....... SUITE DES OBSERVATIONS SUR LES CAUSES ET LES ACCIDENS......... FIRST EDITION. PARIS (1751). TWO TREATISE IN FRENCH BY M A LEVRET REGARDING OBSTETRICS. HANDSOMELY BOUND IN ORIGINAL SPECKLED CALF. FIVE RAISED BANDS. SIX COMPARTMENTS. GILT DECORATION AND LETTERING ON SPINE CLEAN AND BRIGHT`. CONTENTS EXCEEDINGLY FRESH. ORIGINAL MARBLED END PAPERS. PAGE ENDS RED. 270 YEARS OLD AND CLEAN. BRIGHT. TWO FOLDED PLATES AS CALLED FOR WITHOUT TEARS OR BLEMISH. IN THIS INSTANCE WE WILL MAKE AN EXCEPTION AND WILL SHIP TO FRANCE PERFECTLY PACKAGED $60.00, PLUS PRICE OF BOOK.
Bookseller: evergladesbooks [Fort Myers, Florida, US]
2019-07-25 12:22:26
1750. SELTENER ATLAS /HOMANN Atlas minor Cum XVIII. Tabulis Homannianis secundum Hubnerianam methodum coloribus rite distinctus ... Kleiner Atlas Von Achtzehen Auserlesenen Homanns-Charten, nach Methodischer Ordnung Herrn Johann Hübners illuminirt und eingerichtet Sie bieten auf eine schöne Ausgabe, gedruckt in Nürnberg, im Verlag von Homann, aus dem Jahr um 1750. Titel und 20 doppelblattgrosse kolorierte Kupferstichkarten. Buchformat: 53cm x 32cm. Neuerer, flexibler Lederband im Stil der Zeit mit schwarzgeprägten Deckelfileten und -titel . Mit der Weltkarte, den 4 Karten von den Kontinenten: Europa, Asien, Afrika und Amerika sowie mit Karten von Spanien, Großbritannien, Schweiz, Italien, Deutschland, Skandinavien, Polen, Russland, Donau-Strom u.a.- Zusätzlich 2 Kupferstichkarten von Schlesien (auch von Homann) mit eingebunden. ZUSTAND: Sehr schönes Exemplar, Einband stellenweise berieben. Aufwendig restauriertes Exemplar, Titelblatt und Karten aufgezogen (teils auf Japan, teils auf Papier), Titel mit größeren Ausrissen im weißen Rand, die Karten meist nur mit kleinen Fehlstellen im Außenrand (teils geringer Darstellungverlust). [Attributes: Hard Cover]
Bookseller: antiquarischekostbarkeit (welsprofi) [Balmberg, CH]
2019-07-25 11:45:45
Tobias Conrad LOTTER (1717 - 1777)
1750. Grande carta geografica in tre fogli, anticamente uniti, raffigurante tutto il corso del Danubio ed il Mar Nero. Il Lotter, incisore ed editore tedesco, sposò la figlia del cartografo Matthaus Seutter, del quale era collaboratore e a cui successe nell'attività editoriale. Incisione in rame, bella coloritura coeva, difetti minori, nel complesso in ottimo stato di conservazione. Molto decorativa. Great geographic map in three sheets, joined together in the past, depicting the course of the Danube and the Black Sea. Lotter, German engraver and publisher, married the daughter of Matthaus Seutter, a cartographer with whom he had worked and from whom he inherited the publishing business. Copperplate engraving, fine contemporary colour, minor defects, otherwise in good condition. Very decorative.
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-25 11:45:45
Tobias Conrad LOTTER (1717 - 1777)
1750. Carta geografica del nord ovest, uno dei fogli dellla grande carta del corso del Po. La carta deriva dal Seutter, dal quale il Lotter ereditò la tipografia. Incisione in rame, coloritura coeva, in ottimo stato di conservazione. Map of Northwestern of Italy, one of the sheet of the great map of course of River Po. Copper engraving, in excellent condition.
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-25 11:45:43
Tobias Conrad LOTTER (1717 - 1777)
1750. Carta geografica dell'Africa Meridionale con i particolari di Cape of Good Hope, Saldanha Bay e Cape Fort inserite nei cartigli in basso. Incisione in rame, coloritura coeva, in ottime condizioni. A map of Southern Africa by T.Lotter [1717-1777], including inset maps of the Cape of of Good Hope/Table Bay, Saldanha Bay, and Cape Fort. The coastline still provides inaccurate information, while Hottentot tribes are illustrated throughout the mainland. There are three detailed insets of the Cape Fort (castle), Saldanha Bay and the Cape of Good Hope, all with a legend. There is a cartouche dedication to Domino Wilhelmo. O. I. Norwich, "Norwich's Maps of Africa", map 177
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-24 11:35:53
1750. Condition: Gut. Sammlung der neuesten Uebersetzungen der griechischen prosaischen Schriftsteller unter der Aufsicht des Herrn Kirchenrath Stroth/Sammlung der neuesten Uebersetzungen der römischen Prosaiker mit erläuternden Anmerkungen unter der Aufsicht der Herren Professoren Bergsträser und Ostertag. 15 Bände AutorStroth, Friedrich Andreas (1750 - 1785)Buchdaten & BucherhaltungJohann Christian Hermann, Frankfurt/M., 1782/83/86. Zusammen ca. 6.000 S. mit einigen Holzschnitt-Vignetten, Halbleder-Einbände der Zeit mit je 2 goldgeprägten Rückentiteln, Rückenvergoldung, je 5 Schmuckbünden, Rotschnitt und marmoriertem Vorsatzpapier (gering berieben und bestossen/kaum fleckig/3 Reihentitelblätter fehlen)Gewichtca. 4035gBemerkungen - sehr schöne einheitliche Original-Einbände / Erste Ausgabe / Hoffmann III, 381 / Schweiger, 265/DBA 323, 388 und 1242 / KLL IV, 1510 / Enthalten: Dio Cassius. Römische Geschichte, 3 Bände. Aus dem Griechischen übersetzt von Johann Augustin Wagner,/Plutarchs moralische Abhandlungen. Aus dem Griechischen übersetzt von Joh. Friedr. Sal. Kaltwasser, 3 Bände (1 - 3)/ Diodors von Sicilien. Bibliothek der Geschichte. Aus dem Griechischen übersetzt von Friedrich Andreas Stroth. 5 Bände (1 - 5)/Xenophons Schriften (2 Bände): Xenophon`s Griechische Geschichte neu übersetzt von August Christian Borcheck/Xenophons Feldzug des jüngern Kyrus übersetzt und mit erläuternden Anmerkungen von Friedrich Grillo/Gallust`s Katilina und Jugurtha. Aus dem Lateinischen übersetzt von Johann Karl Hök/Herodian`s Lebensbeschreibung der römischen Kaiser von Kommodus bis auf G … [Click Below for Full Description]
Bookseller: CeBuch Shop (ce_buch) [Eicklingen, DE]
2019-07-23 21:23:26
Giovanni GRAVIER (? - Napoli, 1770)
1750. La pianta di Napoli realizzata dai francesi Jolivet & Gravier rappresenta il capostipite di una serie di piante della città. Realizzata entro i consueti limiti cartografici canonici di Mergellina e del ponte della Maddalena, sebbene la città si fosse espansa, ha rappresentato un notevole onere nei rilievi topografici. Un lavoro ben superiore ed importante per essere classificato solamente come un mero tentativo di commercializzazione. La pianta comprende ne 136 numeri di leggenda. Il Gravier, era un noto editore francese napoletano di adozione. Pertanto non può sorprendere il fatto che la pianta si diffuse sopratutto nell'ambiente francese della città. Il presente esemplare differisce da quello pubblicato nel Pane & Valerio per il titolo in basso e la mancanza della cornice ornamentale. Il fatto che la legenda in basso sia stampata su un foglio di carta a parte poi applicato nella stampa lascia presupporre che si tratti di uno sttao antecedente della pianta o di una prova di stampa. Incisione in rame, margini aggiunti, in ottimo stato di conservazione. Rara. G. Pane - V. Valerio, "La città di Napoli tra vedutismo e cartografia", p. 237/9, 100.
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-23 21:23:25
Antonio JOLI DE DIPI (Ca. 1700-1777)
Acquaforte e bulino, post 1750. Anfiteatro per gli spettacoli delle Feste de' Tori eretto/ l'anno 1750, fuori della porta di Acalà a Madrid,/ per comando di S.M. C. Ferdinando VI Ill. Sig.r Sig.r [sic] e P.rone Colmo. Sig.r Giuseppe Henry/ Questa è la prima Stampa d'uno dei Quadri che V.S. Ill.ma mi comandò di dipingerle, della Veduta di/ Madrid, ove era Ella riguardata qual perfetto Esemplare del vero Cavaliere Inglese/ e perciò mi do l'onore di presentargliela col maggiore ossequio. Dedicatario: Henry Giuseppe - 1727-1796 Antonio Jolli: Pittore, scenografo e decoratore, nato a Modena, attivo per i principali teatri d'Europa soggetto: anfiteatro dell'arena di Madrid Nel racconto della collezione di Joseph Henry a Dublino, che apparve nel suo libro A Tour in Ireland nel 1775, Richard Twiss individuò 'diverse immagini che rappresentano vedute di Napoli e dintorni, Aranjuez, Madrid, ecc., Dipinte da Antonio Jolli, nel 1750. Tra questi c'è una corrida; il pittore ne incise una tavola per Mr. Henry '(pagine 24-25). Probabilmente Twiss voleva dire che Joli aveva fatto incidere la lastra, forse dal suo collaboratore abituale Filippo Morghen (1730-1807). Bibliografia: Estampas de Europa. Gaceta del Museo Municipal. Madrid: Ayuntamiento, Concejalía de Cultura, 1988, p. 10; Gaceta del Museo Municipal, N. 17, abril 1988. MUSEO MUNICIPAL DE MADRID. Catálogo del gabinete de estampas del Museo Municipal de Madrid: estampas extranjeras: grabado (ca.1513-1820). Aguerri Martínez, Ascensión(A); Salas Vázquez, Eduardo(A). Madrid: Ayuntamiento de Madrid, 1989. p. 316-317. REAL ACADEMIA DE BEL … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-23 17:34:10
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
1750. Acquaforte, bulino, tinta allo zolfo e bruniture, firmata in lastra in basso a destra. Tavola IV della seconda edizione. Esemplare nel terzo o quarto stato di sei secondo Robison. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva priva di filigrana, con ampi margini, consueta piega centrale, in ottimo stato di conservazione. Bellissimo esemplare, dalla contemporanea seconda edizione, stampato sulla tipica carta spessa usata da Piranesi. Etching, engraving, sulphur tint and burnishing, 1750, signed at lower lright. From the Carceri set, plate IV of the second edition, second issue. Example in the third or fourth state of six described by Robison, from the contemporary roman edition (Robison dated to 1760/70). A magnific impression, printed with black ink on contemporary laid paper without watermark, wide margins, usual central fold, otherwise perfect conditions. Magnificent example, from the contemporary second edition, printed on thick paper typically used by Piranesi. Robison 31 III-IV/VI, Hind 4, Focillon 27.
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-23 16:15:54
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
1750. Acquaforte, bulino, tinta allo zolfo e bruniture, firmata in lastra in basso a sinistra. Tavola XIV della seconda edizione delle 'Carceri'. Esemplare nel quarto stato di sei secondo Robison, della contemporanea edizione romana. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva, ampi margini, consueta piega centrale, in ottimo stato di conservazione. Senza dubbio la serie più nota e celebrata fra le opere del Piranesi. La serie è databile intorno al 1745, e comprendeva quattordici tavole, includendo il frontespizio che portava il titolo di Invenzioni Capric di Carceri all'acquaforte datte in luce da Giovanni Buzard in Roma, mercante al Corso. Una seconda stesura delle stesse, subito successiva, recava il titolo con il nome dell'editore giustamente corretto in Bouchard. E' fuori di dubbio che l'idea, assolutamente innovativa, per la realizzazione di questa opera nasce da un collegamento molto stretto con la serie denominata Prima Parte di Architetture non solo per la vicinanza di tempo che intercorre tra i due lavori, ma proprio per il preciso intendimento ideologico che l'artista aveva in quel periodo in fatto di architettura. La serie venne ripubblicata dopo ben quindici anni, nel 1761, ampiamente riveduta e corretta. Il Piranesi non era nuovo a ripensamenti e variazioni sulle proprie opere, ma molto interessante è analizzare il motivo che lo indusse a riproporre, cambiandolo nella forma, questo importante lavoro. Le esperienze archeologiche condotte nello studio che porterà alle Antichità Romane (1756), le polemiche con architetti e le loro teorie del periodo, la cons … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-23 16:15:54
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
1750. Acquaforte, bulino, tinta allo zolfo e bruniture, firmata in lastra in basso a destra. Tavola XVI della seconda edizione delle 'Carceri'. Esemplare nel quarto o quinto stato di sei secondo Robison. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana "incudine e martello nel doppio cerchio con stemma e scritta Fabriano" (Robison databile al 1770), ampi margini, consueta piega centrale, in ottimo stato di conservazione. Senza dubbio la serie più nota e celebrata fra le opere del Piranesi. La serie è databile intorno al 1745, e comprendeva quattordici tavole, includendo il frontespizio che portava il titolo di Invenzioni Capric di Carceri all'acquaforte datte in luce da Giovanni Buzard in Roma, mercante al Corso. Una seconda stesura delle stesse, subito successiva, recava il titolo con il nome dell'editore giustamente corretto in Bouchard. E' fuori di dubbio che l'idea, assolutamente innovativa, per la realizzazione di questa opera nasce da un collegamento molto stretto con la serie denominata Prima Parte di Architetture non solo per la vicinanza di tempo che intercorre tra i due lavori, ma proprio per il preciso intendimento ideologico che l'artista aveva in quel periodo in fatto di architettura. La serie venne ripubblicata dopo ben quindici anni, nel 1761, ampiamente riveduta e corretta. Il Piranesi non era nuovo a ripensamenti e variazioni sulle proprie opere, ma molto interessante è analizzare il motivo che lo indusse a riproporre, cambiandolo nella forma, questo importante lavoro. Le esperienze archeologiche condotte nello studio che porterà alle Antichit … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-23 16:15:54
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
Acquaforte, bulino, tinta allo zolfo e bruniture, 1750, firmata in lastra in basso a sinistra. Della serie le Carceri, tavola IX della seconda edizione. Esemplare nel quinto o sesto stato di otto, dalla seconda tiratura della seconda edizione, con l'aggiunta dei numeri romani sulle lastre e prima degli ulteriori ritocchi nelle ombre, secondo il Robison databile tra il 1760 ed il 1770. Magnifica prova, ricca di toni, impressa ad inchiostro nero su carta vergata coeva, con filigrana "doppio cerchio e giglio con lettere CB" (Robison 35, tipica di questa tiratura e databile al 1760/65), con ampi margini, tracce di piega centrale orizzontale, per il resto in eccellente stato di conservazione. Bellissimo esemplare, dalla contemporanea seconda edizione, stampato sulla tipica carta spessa usata da Piranesi. Etching, engraving, sulphur tint and burnishing, 1750, signed at lower left. From the Carceri set, plate IX of the second edition, second issue. Example in the fifth or sixth state of eight described by Robison, from the contemporary roman edition (Robison dated to 1760/70). A magnific impression, printed with black ink on contemporary laid paper with "double encircled fleur-de-lys with letter CB" watermark (Robison 35 indicated as typical of this issue), wide margins, usual central fold, otherwise perfect conditions. Magnificent example, from the contemporary second edition, printed on thick paper typically used by Piranesi. Robison 35 V-VI/VIII, Hind 9, Focillon 32
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-23 16:15:54
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
1750. Acquaforte, bulino, tinta allo zolfo e bruniture, firmata in lastra in basso a sinistra. Tavola XII della seconda edizione delle 'Carceri'. Esemplare quinto stato di sei secondo Robison, della contemporanea edizione romana. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva, ampi margini, consueta piega centrale, in ottimo stato di conservazione. Senza dubbio la serie più nota e celebrata fra le opere del Piranesi. La serie è databile intorno al 1745, e comprendeva quattordici tavole, includendo il frontespizio che portava il titolo di Invenzioni Capric di Carceri all'acquaforte datte in luce da Giovanni Buzard in Roma, mercante al Corso. Una seconda stesura delle stesse, subito successiva, recava il titolo con il nome dell'editore giustamente corretto in Bouchard. E' fuori di dubbio che l'idea, assolutamente innovativa, per la realizzazione di questa opera nasce da un collegamento molto stretto con la serie denominata Prima Parte di Architetture non solo per la vicinanza di tempo che intercorre tra i due lavori, ma proprio per il preciso intendimento ideologico che l'artista aveva in quel periodo in fatto di architettura. La serie venne ripubblicata dopo ben quindici anni, nel 1761, ampiamente riveduta e corretta. Il Piranesi non era nuovo a ripensamenti e variazioni sulle proprie opere, ma molto interessante è analizzare il motivo che lo indusse a riproporre, cambiandolo nella forma, questo importante lavoro. Le esperienze archeologiche condotte nello studio che porterà alle Antichità Romane (1756), le polemiche con architetti e le loro teorie del periodo, la consapev … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-23 16:15:54
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
1750. "Acquaforte, bulino, tinta allo zolfo e bruniture, firmata in lastra in basso a sinistra. Tavola XIII della seconda edizione delle 'Carceri'. Esemplare nel quarto stato di sei secondo Robison, della contemporanea edizione romana. Magnifica prova,impressa su carta vergata coeva con filigrana ""doppio cerchio e giglio con lettere CB"", ampi margini, consueta piega centrale, in ottimo stato di conservazione. Senza dubbio la serie più nota e celebrata fra le opere del Piranesi. La serie è databile intorno al 1745, e comprendeva quattordici tavole, includendo il frontespizio che portava il titolo di Invenzioni Capric di Carceri all'acquaforte datte in luce da Giovanni Buzard in Roma, mercante al Corso. Una seconda stesura delle stesse, subito successiva, recava il titolo con il nome dell'editore giustamente corretto in Bouchard. E' fuori di dubbio che l'idea, assolutamente innovativa, per la realizzazione di questa opera nasce da un collegamento molto stretto con la serie denominata Prima Parte di Architetture non solo per la vicinanza di tempo che intercorre tra i due lavori, ma proprio per il preciso intendimento ideologico che l'artista aveva in quel periodo in fatto di architettura. La serie venne ripubblicata dopo ben quindici anni, nel 1761, ampiamente riveduta e corretta. Il Piranesi non era nuovo a ripensamenti e variazioni sulle proprie opere, ma molto interessante è analizzare il motivo che lo indusse a riproporre, cambiandolo nella forma, questo importante lavoro. Le esperienze archeologiche condotte nello studio che porterà alle Antichità Romane (1756), le pole … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-23 16:15:54
Giovan Battista PIRANESI (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778)
1750. Acquaforte, bulino, tinta allo zolfo e puntasecca, firmata in lastra in basso a sinistra. Tavola XI della seconda edizione delle 'Carceri'. Esemplare nel quarto stato di sette. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva priva di filigrana, con ampi margini, consueta piega centrale, in ottimo stato di conservazione. Senza dubbio la serie più nota e celebrata fra le opere del Piranesi. La serie è databile intorno al 1745, e comprendeva quattordici tavole, includendo il frontespizio che portava il titolo di Invenzioni Capric di Carceri all'acquaforte datte in luce da Giovanni Buzard in Roma, mercante al Corso. Una seconda stesura delle stesse, subito successiva, recava il titolo con il nome dell'editore giustamente corretto in Bouchard. E' fuori di dubbio che l'idea, assolutamente innovativa, per la realizzazione di questa opera nasce da un collegamento molto stretto con la serie denominata Prima Parte di Architetture non solo per la vicinanza di tempo che intercorre tra i due lavori, ma proprio per il preciso intendimento ideologico che l'artista aveva in quel periodo in fatto di architettura. La serie venne ripubblicata dopo ben quindici anni, nel 1761, ampiamente riveduta e corretta. Il Piranesi non era nuovo a ripensamenti e variazioni sulle proprie opere, ma molto interessante è analizzare il motivo che lo indusse a riproporre, cambiandolo nella forma, questo importante lavoro. Le esperienze archeologiche condotte nello studio che porterà alle Antichità Romane (1756), le polemiche con architetti e le loro teorie del periodo, la consapevolezza di aver affinato … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [IT]
2019-07-23 15:14:15
[Jesuit Order]
Explicatio: ff. [84] manuscript on paper written in brown ink, 27 lines to a full page, stitched in a re-used German blind-stamped limp pigskin (lining removed) wrapper, upper cover with Melanchthon, lower cover with figure of Justicia, trimmed at edges [offered with] Meditatio proemialis: ff. [62] (paginated 273-396, the last page blank) manuscript on paper written in brown ink, 30 lines to a full page, modern calf [offered with] Suscipe D[omi]ne universam meam voluntatem: 120 x 70mm. ff. [60 (2+10+14+10+14+10; last 3 blank)] manuscript on paper written in brown ink in a current flowing hand, 16 lines to a page, catchwords, German decorated paper wrappers, [ca. 1760].- Explicatio casuum reservatorum in Soc. Iesu (Instructio catechetica tyronum Soc. Iesu - Quae sunt domus probationis- Quae virtutes magistro scholae sunt necessariae - De lectione librorum - De fundamentis quibus novello religioso immobiliter utendum est [with other material] - Tentationes contra regulas - Praxis recollectionis menstruae) ff. [84] manuscript on paper written in brown ink, 27 lines to a full page, stitched in a re-used German blind-stamped limp pigskin (lining removed) wrapper, upper cover with Melanchthon, lower cover with figure of Justicia, trimmed at edges I.N.I. Meditatio proemialis seu dispositio ad obeunda bene Exercitia. ff. [62] (paginated 273-396, the last page blank) manuscript on paper written in brown ink, 30 lines to a full page, modern calf f. [1r]: Suscipe D[omi]ne universam meam voluntatem, accpie memoriam, intellectum, et voluntatatem. Magnificat an[ima] mea D … [Click Below for Full Description]
Bookseller: HS Rare Books [Argentina]
2019-07-21 07:27:36
1750. Dimension : 17 cm par 10,5 cm . Poids : 386 g . Mémoires Turcs, ou Histoire galante de deux Turcs pendant leur séjour en France. Par un Auteur Turc, de toutes les Académies Mahométanes, licencié en Droit Turc, & Maître-ès-Arts de l'Université de Constantinople. Critique des moeurs libertins du milieu du XVIII ème , des femme française notamment . 1750 à Amsterdam, en français, complet de ses trois parties reliées d'époque en un seul volume . Reliure en assez bon état, intérieur frais bien conservé . Envoi rapide et soigné. ____________________________________.
Bookseller: breizh.antiques (breizh.antiques.5) [Strasbourg, FR]
2019-07-20 17:45:50
LOTTER TOBIAS
1750. Incisione in rame, colorata d'epoca, mm 455x580. Splendido esemplare.Copper engraving, original color, mm 455x580. From "Atlas novus" and "Grosser Atlas". Very good condition. Lotter run then the business using mostly Seutter's plates but adding some new ones also. Seutter, after having worked with Homann in Nuremberg, opened his own activity in Augsburg around 1720. His maps always have elaborate cartouches and are very decorative and printed on good paper. Lotter married Seutter's daughter in 1740 and succeeded him in 1756.
Bookseller: Libreria Antiquaria Perini s.a.s. [IT]
2019-07-18 18:14:09
1750. Wenn Sie von dem US Marktplatz bestellen, können für die Pakete Steuern und Zollgebühren anfallen, die der Käufer später tragen muss. 1750 Vertue Print Of Savoy Krankenhaus, Das Datenblatt dieses Produkts wurde ursprünglich auf Englisch verfasst. Unten finden Sie eine automatische Übersetzung ins Deutsche. Sollten Sie irgendwelche Fragen haben, kontaktieren Sie uns. 1750 Kan Druck von Savoy Hospital in London WIR VERKAUFEN NUR ORIGINAL ANTIKE KARTEN - KEINE REPRODUKTIONEN Titel: Ein Blick auf das Savoy aus der Themse. Beschreibung: Es handelt sich um einen George Vertue aus dem Jahr 1750, der die Gebäude der Savoyen in London, England, abbildet. Ursprünglich 1736 geätzt und graviert, wurde dieser Druck von der Society of Antiquaries of London für ihre mehrfarbige Geschichte mit dem Titel " Vetusta Monumenta (Alte Denkmäler). Das Savoy, besser bekannt als das Savoy Palace, wurde als der großartigste Edelmann Stadthaus in mittelalterlichen London und Stand zwischen den Strand und die Themse. Der Strang, der begehrtesten Lage Gehäuse Adel während des Mittelalters befand sich entlang der zeremoniellen Route zwischen der Stadt und der Palace of Westminster, wo das Geschäft des Parlaments und den königlichen Hof stattgefunden hat. Im Jahre 1246 gewährte König Heinrich III. das Land zwischen dem Strand und der Themse dem Grafen von Savoyen, der dort ein Haus baute. Das Haus wurde die Heimat von Edmund, dem Grafen von Lancaster, und seinen Nachkommen, den Herzögen von Lancaster. Im 14. Jahrhundert wurde es die Heimat von John von Gaunt, einem jüngeren Sohn von König Edward II … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Geographicus Rare Antique Maps (geographicusmaps) [11221, US]
2019-07-14 07:41:56
GALLONI, ANTONIO
Carolum Antonium Jombert. CONDITIONS: Book in very good conditions. 1750 Extremely rare Parisian Edition of Galloni's treatise on martyrdom and torture methods used against Christians by Gentiles 44 full page illustrations by Giovanni Guerra engraved by Antonio Tempesta "il Tempestino" Copy in perfect conditions, with wide margins, in its original binding Galloni, Antonio. De SS. Martyrum cruciatibus Antonii Gallonii, Rom. Congregationis Oratorii presbyteri liber. : cum figuris Romae in aere incisis per Ant. Tempestam. Parisiis : apud Carolum Antonium Jombert, 1750. In 4to (250 x 200 mm), original quarter calf on handcoloured paper, gilt title on red leather label (worn) at spine, title page plus 44 plates, text in Latin. Extremely rare edition that contains the 44 full-page engravings by Antonio Tempesta "Il Tempestino" after Giovanni Guerra showing Christians being tortured and martyred no copy on the market since years only 2 copies identified in worldwide libraries Extremely Rare EDITION OF THIS renown WORK ON THE INSTRUMENTS AND TECNIQUES OF MARTYRDOM BY FATHER ANTONIO GALLONI, a fairly gruesome treatise on the Roman persecution of Christians. This work represents the first systematic treatise of the various instruments used to torture ancient Christians and it follows the interests of the members of the Oratory of Saint Philip Neri (the order Galloni belonged to) for the archaeological remains of the early Christian Church and for the works of Cesare Baronio and Antonio Bosio, the "The Columbus of the Catacombs". This specific edition was meant to collect only the tit … [Click Below for Full Description]
Bookseller: 0124jprevert [Bagnols en Forêt, FR]
2019-07-12 21:25:13
1750. Dimension : 17 cm par 10,5 cm . Poids : 386 g . Mémoires Turcs, ou Histoire galante de deux Turcs pendant leur séjour en France. Par un Auteur Turc, de toutes les Académies Mahométanes, licencié en Droit Turc, & Maître-ès-Arts de l'Université de Constantinople. Critique des moeurs libertins du milieu du XVIII ème , des femme française notamment . 1750 à Amsterdam, en français, complet de ses trois parties reliées d'époque en un seul volume . Reliure en assez bon état, intérieur frais bien conservé . Envoi rapide et soigné. ____________________________________.
Bookseller: breizh.antiques (breizh.antiques.5) [Strasbourg, FR]
2019-07-11 07:57:37
Francisco Xavier Teixeira de Mendonça
lisbon: Na Officina de FRANCISCO LUIZ AMENO, Impressor e, 1750. very good -with two facsimile sheets in the second work. Rare. MENDOÇA ( Francisco Xavier Teixeira de ) - PETIÇÃO / DE REVISTA, / QUE PEDIDO / GONÇALO CHRISTOVÃO / TEIXEIRA COELHO MELLO PINTO DE MESQUITA / Da Sentença proferida a favor / DE / SEBASTIÃO JOSEPH DE CARVALHO / E MELLO / Sobre os Morgados, que instituirão Pedro de Magalhães, e seu filho Si - / mão de Mello: e por ficarem vagos por falta de descendentes dos ul- / timos Marquezes de Montalvão, se julgarão por final Senten - / ça no anno de 1705 a Martim Teixeira Coelho de Mello / senhor Donatário da Villa da Teixeira, e de Ser - / gude, avô do suplicante; / FEITA / POR ... / ( vinheta ornamental ) / LISBOA / Na Officina de FRANCISCO LUIZ AMENO, Impressor / da Congregação Cameraria da Santa Igreja de Lisboa / M DCC L ( 1750 ) . In 4º 163 + 36 p.; Inoc.: III, p. 97, Nº 2044; B. N. Catálogo Marquês de Pombal: p. 172, Nº 863; SEGUE-SE: CORREA ( Manuel Gonçalves ) - RESPOSTA / DA / PETIÇÃO DE REVISTA / QUE / GONÇALO CHRISTOVÃO TEIXEIRA / COELHO DE MELLO PINTO MESQUITA / Offereceo e fez imprimir contra a Sentença proferida na Meza / dos Aggravos / A FAVOR / DE / SEBASTIÃO JOSEPH / DE CARVALHO E MELLO / Sobre os Vínculos instituídos por Pedro de Magalhães, e seu / filho Simão de Mello / Offerecida / NO SUPREMO TRIBUNAL / DO / DESEMBARGO DO PAÇO / POR / ... / ( vinheta ornamental ) / LISBOA / M DCC L (1750 ) / Na Officina de JOSEPH DA COSTA COIMBRA. In 4º {4} + 423 + {1} p. erratas; Enc. meia c/ cantos de pele moderna ; In 4º (200mmX290mm).; 1ª Edição. Franci … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Bookskeeper (bookskeeper2014) [Lisboa, PT]
2019-07-10 15:24:33
Selimenes [d. i. Johann Michael Fleischer]; Leberecht Weinhold
[1. Teil:] «Freystadt»; [2. u. 3. Teil:] o. Angaben, o. Vlg., [1. Teil:] 1750; [2. u. 3. Teil:] 1751. [1. Teil:] «Freystadt»; [2. u. 3. Teil:] o. Angaben, o. Vlg., [1. Teil:] 1750; [2. u. 3. Teil:] 1751. Kl.8°, Titelbl. m. gestochener Vignette, 64 S.; 40 S.; 56 S., m. jew. gest. Vignetten, Priv.-HPgt. d. Zt., Rücken m. kl. Verlust beim Kopf, Deckel etw. fleckig, durchgeh. etw. stockfl. Teile 1 u. 2 in EA; der 3. Teil (wohl) in 3. Aufl. - «Johann Michael Fleischer (5. Februar 1711 in Zschopau - 9. März 1773 in Renthendorf; auch: Selimenes) war ein deutscher Roman- und Abenteuerautor. Über sein Leben ist nur sehr wenig bekannt. Er scheint an der Universität Halle, an der Universität Leipzig und an der Universität Wittenberg studiert zu haben. An letzterer Akademie erwarb er an der philosophischen Fakultät den akademischen Grad eines Magisters. Daraufhin ging er als Pastor nach Renthendorf, wo er bis zu seinem Lebensende tätig war. Unter seinem Synonym Selimenes verfasste er theologische Werke, zeittypische Trinksprüche, galant frivole Romane und mehrere Robinsonaden von literaturgeschichtlicher Bedeutung. In seinen Werken ist der Wunsch erkennbar, gesellschaftlich-ökonomische Unwägbarkeiten, durch die geglückte Existenzsicherung eines eigenständigen Individuums zu überbrücken» (Wikipedia). 010
Bookseller: antiquariat peter petrej [Zürich, ZH, Switzerland]
2019-07-08 18:57:00
MÉMOIRES
[France c, 1750. Manuscript on paper, 4to (230 × 175 mm), pp. 3-225, [1], [20] (the last blank, probably a wrapper pre-binding), wanting one leaf before title (formerly the upper wrapper?), plus pp. [8] table after title and an additional leaf after p. 13, p. 143 missed in contemporary pagination. Text in French, mainly in a single hand with slightly later additions on the added leaves. Uncut in eighteenth-century drab boards. A lively collection of biographies of the unpopular Fermiers généraux - men responsible for collecting indirect taxation in ancien régime France. The Mémoirs pour servir l'histoire du Publicanisme moderne was never published in print but circulated widely in manuscript -- its tone is familiar, ironic and sometimes scurrilous in its treatment of the careers of these powerful and wealthy men. There are more than 100 entries including those for important cultural figures, Alexandre Le Riche de La Poupelinière (one of the prime-movers in the great Lafontaine edition of 1762 called the 'Fermiers généraux' edition), Charles Le Normant de Tournehem (guardian of Jeanne-Antoinette Poisson, future marquise de Pompadour) and the collector Pierre Grimod du Fort. Each entry provides a brief account of the sources of their wealth, of their families and progeny, and of their administrative capabilities (or otherwise). Morality is neverfar from the surface, and there are frequent grumblings of sexual infidelities. The biography for Le Riche de La Poupelinière (the longest in the collection) includes the anecdote of his being surprised in bed with an actress from the … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Justin Croft [GB]
2019-07-08 11:17:33
(MUNN, Thomas).
London: Printed for Thomas Harris at Aldersgate, C. Corbett in Fleet-Street, and sold at all the Booksellers and Pamphlet-Shops in Town and Country, and by the Hawkers who carry the News, 1750. 8vo (180 × 105 mm), pp. [2], 21, [1] (advert). Woodcut ornaments. Small flaw to title not affecting any text, closely cut at head throughout. Preserved in recent wrappers, to style. First edition. A rare highwayman's narrative, purporting to be an autobiography handed by Munn to the Yarmouth gaoler on the morning of his execution. Thomas Munn of Benenden and Canterbury was one of Kent's less illustrious exports. From a relatively prosperous family of Kentish brick-makers he became notorious in Canterbury as a cheat and bogus wine merchant before decamping for Essex where he met his end; being hanged for robbing the Yarmouth mail. The first-person narrative contains many fascinating episodes, including the account of a same-sex encounter in a Southampton Inn. Munn was joined in bed by the son of the innkeeper on the pretext of keeping warm, who then admitted, 'I love to lie with a naked man' and began 'to act a Part so Contradictory to Nature' that Munn leapt up and threatened him with a penknife. He reflected: 'It was what I never met with before, no since, but had Philosophy enough in me, to think it a pity to expose a young Man, tho' he pointed at a very heinous Sin; and certainly we that commit Crimes beyond what is common, ought to be pitied, for no Man is certain if he comes under the same Temptation, that he shall be able to withstand it...' The Huntington library holds a copy … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Justin Croft [GB]
2019-07-08 10:34:50
ETRENNES DIVERTISSANTES.
Paris: Maillard de Bresson, [n.d., c, 1750. 8vo (150 × 110 mm, leaf size 150 × 95 mm), 11 leaves, including engraved title and 10 plates each with vignette and text, contemporary hand colouring. Each leaf neatly mounted on guards in a later (early twentienth-century) half cloth binding, preserving original Dutch paste paper wrappers. Old manuscript shelf label to verso of upper wrapper. Not found in any of the usual online or printed sources, a delightful juvenile almanac, containing ten moral verses each with a vignette, engraved throughout. Though the publisher Maillard de Bresson produced several other almanacs, and this one is quite typical of the genre, it seems to have eluded bibliographers, including Grand-Carteret. The Journal historique et littéraire (January 1756) gives a useful account of the publisher's business: 'M. Maillard de Bressan continue a vendre des caractéres, des desseins & vignettes, des armes à jour, des papiers peints, des sentences, des devises, & forme avec succès la suite de ses fables morales, & instructives pour la jeunesse de l'un et l'autre sexe. It fait des envois auc Communautés Religieuses & à toutes personnes chargées de l'éducation des enfants, ou à des Marchands qui s'adressant à lui. Il demeure actuellement au Collége de Cambray, pres de la rue Saint Jacques, à Paris'. . Order directly from our website for free shipping worldwide.
Bookseller: Justin Croft [GB]
2019-07-07 22:11:19
Architektur.-
1750. Condition: Gut. Mit zahlreichen Darstellungen und Berechnungen, jeweils mit erklärendem Text und Formeln.- Minimal stockfleckig, wenige kleine Randläsionen im (knappen) weißen Außensteg, 2 leichte Knickfalten. Die Furnehmsten Grund-Saetze der Static; oder Staticae Fundamenta Praecipua. Altkolorierter Kupferstich bei Homann Erben. Nürnberg, um 1750. 49 x 58 cm. von Architektur.- Autor(en) Architektur.-Verlag / Jahr 1750Sprache Gewicht ca. 500 gBestell-Nr 69497Bemerkungen Mit zahlreichen Darstellungen und Berechnungen, jeweils mit erklärendem Text und Formeln.- Minimal stockfleckig, wenige kleine Randläsionen im (knappen) weißen Außensteg, 2 leichte Knickfalten.Unser Preis EUR 533,00 (inkl. 7,00% MwSt.) Versandkostenfrei innerhalb Deutschlands Artikel eingestellt mit dem w+h GmbH eBay-Service Daten und Bilder powered by Buchfreund (2019-07-01).
Bookseller: Danckwerth (antiquariat-schramm) [Kiel, DE]
2019-07-06 05:34:10
Dec. ye 12th, 1750. Two copies of the estate inventory, the first taken in 1750 and the second, augmented, in 1753. Each a single leaf accomplished on 2 sides, leaves approximately 7½" x 12½" inches, 4 pages in all, browned, previous folds, very good. The takers of Capt. James Jarvis's inventory included Noah Perrin, Jr., Edward Dorr, Jr. and John Bowen, Jr. All were descendants of well known early settlers of Roxbury, which was founded by English colonists in 1630. What is known about Capt. James Jarvis is that he and his father kept a large inn in town. We are uncertain whether his title of captain comes from military service or naval. It is known that soldiers sometimes held meetings at his home, so it is possible he fought in the Canadian Expedition of 1690. His inventory shows evidence of wealth amounting to £7554; a house, land, and barn in Roxbury Street, a "slaughter house and land near Docter Douglas," scarlet breeches, "a cane with silver ferol," Delftware, twelve chairs, and at least eight beds, among other items. The inventory also includes "Peter, a negro man servant worth £46.13.4, and Henry a servant man. Negro slaves employed in domestic service were found in Roxbury towards the end of the seventeenth century, gradually increasing in number with the progress of wealth and luxury in the town. In 1739 some of the principal slave-owners- Edward Ruggles, John Holbrook, James Jarvis, Noah Perrin, Jr., Ebenezer Dorr, Nathaniel Brewer, John Williams, Ebenezer Weld, Ebenezer Gore, Thomas Baker, Jonathan Seaver, and Joseph Williams - petit … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Rulon-Miller Books (ABAA / ILAB) [St. Paul, MN, U.S.A.]
______________________________________________________________________________


      Home     Wants Manager     Library Search     563 Years   Links     Contact      Search Help      Terms of Service      Privacy     


Copyright © 2019 viaLibri™ Limited. All rights reserved.