The viaLibri website requires cookies to work properly. You can find more information in our Terms of Service and Privacy Policy.

Displayed below are some selected recent viaLibri matches for books published in 1750

        Historia Trevirensis diplomatica et pragmatica inde a translata Treveri praefectura praetorio Galliarum, ad haec usque tempora: e genuinis scripturis eruta, atque ita digesta, ut non solum jus publicum particulare archiepiscopatus & electoratus Trevirensis in suis fontibus plenissime exhibeat, sed et historiam civilem & ecclesiasticam Germaniae ejusque singularia jura publica ac privata illustret.

      Augustae Vindelicorum : Herbipoli [Augsburg / Würzburg] Sumptibus Martini Veith,, 1750. Tom I-III [3 Bände, alles] [Titelblatt in rot/schwarz gedruckt [10 nn S.]] + LXXXVI S., 840 S. mit 3 gestochenen Tafeln, [48nn] S. (indices); XXII S., 902 pp + [60nn] S. (indices), 16 gestochene Tafeln; XVI S., 1033S., [41nn S.](indices). Fol.Ganzlederbände der Zeit mit Goldgeprägten Rückenschildern und reichlicher Verzierung. VD18 10734090-002; Wegele 940 , ADB XIII , 85; Graesse III, 343, - Sehr umfangreiches und mit 19 ganzseitigen Tafeln prächtig illustriertes Hauptwerk des Weihbischofs von Hontheim (Trier 1701-1790 Montquintin), dem wichtigen Vertreter des reichskirchlichen Episkopalismus in Deutschland zur trierischen Geschichte..- \"Hontheim\'s Leistungen auf dem Gebiet der trierischen Geschichte sind für alle Zeit bahnbrechend und grundlegend geblieben\"(ADB, ebd.). Die Kapitale teilweise etwas lädiert, Kanten etwas bestossen, insgesamt aber gut erhaltene Bände. Innen paierbedingt gebräunt. Versand D: 5,00 EUR

      [Bookseller: Antiquariat Michael Solder]
 1.   Check availability:     buchfreund.de     Link/Print  


        La fable des abeilles ou les fripons devenus honnestes gens. Avec le commentaire, où l'on prouve que les vices des particuliers tendent à l'avantage du public

      Jean Nourse, Londres 1750 - ______ Format : 4 volumes in-12. [165 x 90 mm] Collation : (2), XXXIII, 396pp. / (4), 362 pp. / (2), LXVI, 339 pp. / (4), 362 pp. Veau marbré, dos à nerfs orné, tranches rouges. (Reliure de l'époque.). ___. ____ Contrefaçon de l'édition originale de 1740. Bernard de Mandeville, écrivain anglais (1670-1733) souleva un tollé général par la publication de sa petite utopie. "Mon dessein a été uniquement de faire sentir la bassesse de tous les ingrédients qui composent le véritable mélange d'une société bien réglée; et cela dans le but d'exalter le pouvoir étonnant de la Sagesse politique, qui a su élever une si belle machine sur les plus méprisables fondements." Versins, Encyclo. de l'utopie (p. 566) y voit l'origine de la théorie des passions de Fourier. Quelques frottements aux reliures avec un petit manque à une coiffe et à une pièce de tomaison. [Attributes: First Edition]

      [Bookseller: Hugues de Latude]
 2.   Check availability:     AbeBooks     Link/Print  


        America septentrionalis concinnata...

      1750 ca.. Incisione in rame, colorata d'epoca, 455x580. Splendido esemplare. Copper engraving, original color, 455x580. A wonderful example.

      [Bookseller: Libreria Antiquaria Perini s.a.s.]
 3.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        La Città di Napoli Capitale del Regno.

      Albrizzi, 1750 ca.. Incisione in rame di mm 165x365 (l'immagine). Tratta da: "Lo stato presente di tutti i paesi e popoli del mondo naturale, politico, e morale...". Bell'esemplare con tracce di pieghe editoriali, lievi aloni al marg. sup.

      [Bookseller: Libreria Antiquaria Perini s.a.s.]
 4.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        QUEBECK. "Prospect von der untern Stadt in Quebec gegen St. Laurenz Fluß". Gesamtansicht mit Schiffsstaffage.

      - Altkol. Kupferstich (Guckkastenblatt) von Franz Xaver Habermann, um 1750, 26 x 40 cm. Kräftig koloriertes Augsburger Guckkastenblatt. Im Rand etwas unfrisch.

      [Bookseller: Peter Bierl Buch- & Kunstantiquariat]
 5.   Check availability:     ZVAB     Link/Print  


        Traite de Perspective a l'usage des Artistes, ou l'on demontre toutes les pratiques de cette Science, & ou l'on enseigne, selon la Methode de M. le Clerc, a mettre toutes sortes d'objets en perspectives, leur reverberation dans l'eau, & leurs ombres, tant au soleil qu'au flambeau.

      chez Charles Antoine Jombert, 1750. - chez Charles Antoine Jombert., à Paris 1750, in 4 (20,5x26cm), de vi, (2) 240pp., deux parties reliées en un volume. - Piastre di incasso Prima edizione illustrata 110 illustrando rispettivamente le lezioni di prospettiva e 56 cul - de - lamp allegorico mezza pagina di Babele. Gli ultimi 9 schede includono ordini architettonici. Carton crema contemporanea. Smooth posteriore con una parte del titolo in pelle di pecora nera. Prospettiva trattato diviso in 116 lezioni di matematica, applicando anche in pittura e architettura o altra disciplina, ogni lezione è illustrato da uno sguardo plancia. Jeaurat (1724 - 1803) è stato un ingegnere e geografo e astronomo francese professore di matematica presso la scuola militare, il suo trattato è stato un grande successo con le sue pratiche e le qualità specifiche. "Questo libro è stato a lungo considerato" Brunet III, 526. - [FRENCH VERSION FOLLOWS] Edition originale illustrée de 110 planches hors texte illustrant respectivement les leçons de perspective et de 56 cul - de - lampe allégoriques à mi - page de Babel. Les 9 dernières planches figurent les ordres d'architecture. Reliure en plein cartonnage contemporain crème. Dos lisse avec pièce de titre en basane noire. Traité de perspective divisé en 116 leçons mathématiques, s'appliquant aussi bien en peinture qu'en architecture ou autre discipline, chaque leçon étant illustrée par une planche en regard. Jeaurat (1724 - 1803) fut ingénieur géographe et astronome français, puis professeur de mathématique à l'école militaire, son traité eut un grand succès par ses qualités pratiques et précises. « Cet ouvrage a été longtemps estimé », Brunet III, 526.

      [Bookseller: Librairie Le Feu Follet]
 6.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Anatomia corporum humanorum... accedunt ejusdem introductio in oeconomia animalium, et nunc primum supplementum ad appendicem latinitate donata curante Guglielmo Dundass...

      apud Nicolaum Muntendam, 1750. In - folio (cm. 52), cc. (70). Con bell'antiporta allegorica e 119 tavole, il tutto finemente inciso in rame. Solida ed elegante legatura ottocentesca in piena pelle verde, dorso a nervi con titoli in oro. Decorazioni geometriche ai comparti del dorso ed ai piatti. Tagli dorati. Solo qualche lieve brunitura alle carte di testo, poche macchiette sparse, peraltro esemplare fresco ed in eccellente stato di conservazione. Copia di dono, come appare dalla grande dicitura impressa al piatto anteriore: "Au docteur Espallac - son ami J. de V.". Si tratta della seconda edizione latina di questa celebre opera in cui William Cowper compie una sorta di plagio nei confronti di Bidloo. Di quest'ultimo utilizza infatti la maggior parte delle tavole qui presenti, aggiungendo note esplicative e solo una piccola sezione iconografica (in tutto solo 14 tavole sono opera sua). Probabilmente una della più affascinanti pubblicazioni mai apparse in campo medico in cui la raffigurazione medica si sposa con un'ispirazione artistica assai appropriata. Raro, soprattutto in tale stato di freschezza e di conservazione.

      [Bookseller: Studio Bibliografico Benacense]
 7.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Charitonis Aphrodisiensis DE CHAEREA & CALLIRRHOE AMATORIARUM NARRATIONUM LIBRI VIII - IDEM VERTIT JOANNES JACOBUS REISKIUS - una cum JACOBI PHILIPPI D'ORVILLE ANIMADVERSIONES in Charitonis Aphrodisiensis de Chaerea & Callirrhoe narrationum ...

      Pietro Mortier, 1750. Volume in 4° grande legato in pergamena, piatti impressi a secco con rosone centrale, titolo al tassello al dorso a 6 nervi, pergamena tagliata alla cerniera anteriore e con piccole mancanze al piede del dorso e su una nervatura, sguardie con ben tre exlibris diversi incollati, scritta a pennino, frontespizioin greco con bella marca tipografica, XX, 144 pp. del testo greco; frontespizio latino, 4 carte, 168 pp del testo greco; occhiello e frontespizio delle Animadversiones, 788 pp., 29 carte d'indici. Editio Princeps di questa curiosa e rara opera letteraria, sopravissuta al tempo grazie ad un singolo manoscritto conservato alla Laurenziana scoperto nel XVIII secolo e portato alle stampe dal D'Orville in questa magnifica impressione. Il racconto delle avventura di due amanti, entrambi fatti schiavi e divisi che alla fine torneranno a ritrovarsi. Un classico alla stregua dell'opera d'Apuleio o di Petronio. In ottimo stato fatti salvi i difetti alla legatura, raro.

      [Bookseller: Libreria Accademia degli Erranti]
 8.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Quaderno di lavoro. Disegni di architettura e appunti teorici. Manoscritto autografo della seconda metà del ?700

      1750. in - folio (341x225), ff. 32 n.n., legatura coeva in mezza pergamena e piatti in cartone. Contiene: f. 1r intestazione manoscritta "Disegni fatti a mano da Angelo Lombardi"; ff. 2r - 32r numerosi disegni architettonici a piena pagina in inchiostro nero, talvolta acquerellati, di porte, decorazioni, tabernacoli, logge, volte, colonne, archi, capitelli, stucchi, tempietti, piante, alzati e rilievi. Ai ff. 15verso - 17verso annotazioni e disegni "Sugli ornamenti delle porte" e "Dell'altezza delle Stanze". Importante documento contenente disegni, schizzi, appunti e riflessioni autografi di uno dei più interessanti architetti attivi in Piemonte nella seconda metà del XVIII secolo. Molti disegni del Lombardi fanno riferimento alla Cascina Robella del marchese Mossi, nel Casalese (si vedano ad esempio la didascalia al f. 19 "Metà della Cascina Robella", o i disegni acquerellati ai ff. 24 - 25 raffiguranti la facciata e la statua del tempietto in onore di S. Evasio, protettore di Casale). La Cascina Robella è un complesso di notevoli dimensioni, luogo di villeggiatura, di ozio ma anche centro funzionale alla conduzione dei fondi. Fu inoltre sede della preziosa collezione del Marchese; una galleria, edificata nel primo ventennio del Settecento, era infatti preposta ad ospitare preziosi quadri, mentre in un "gabinetto stuccato", adiacente alla galleria, si conservavano importanti opere di scuola fiamminga. La Cascina fu più volte ristrutturata e modificata nel corso del XVIII secolo con particolare attenzione agli ornamenti in stile palladiano: molti dei disegni del Lombardi fanno infatti riferimento alle teorie dell'architetto cinquecentesco (cfr, f. 14verso "ornati delle porte e finestre di Andrea Palladio". Un secondo gruppo di disegni fa invece riferimento a Villa Terruggia, monumentale complesso di proprietà della famiglia del Lombardi (f. 21r "Volta e alzata della Sala di Terruggia proprietà delli Sig.ri Lombardi"). Nota anche con il nome di Villa Pavia la costruzione sorge a sud dell'abitato di Terruggia, al fondo di via Cavour in località Sabbione. Le prime notizie archivistiche relative alla costruzione del complesso risalgono alla fine del ?700, quando venne acquistato da Bernardo Lombardi, architetto casalese noto per aver costruito in Alessandria il Teatro dei Nobili, il Duomo e gli edifici carcerari. Molti dei disegni di questo quaderno di lavoro, ricchi di riferimenti neoclassici, sono con estrema probabilità pensati per la progettazione e sistemazione di Villa Terruggia. Tutti i disegni sono nitidi e precisi; molti, inoltre, recano le indicazioni delle dimensioni secondo il sistema di misura allora utilizzato in Piemonte, permettendo quindi la messa in opera da parte delle maestranze. Importante documento della storia e dell'architettura della zona del casalese e di tutto il Piemonte. Ottimo esemplare.

      [Bookseller: Libreria Antiquaria Pregliasco]
 9.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Vaisseau en feu dans le Port de Messine

      1750. Veduta di un parte del porto della città, con il faro, edita a Parigi nella seconda metà del XVIII secolo. Incisione in rame, bella coloritura coeva, dimensioni 400x280. La tecnica usata, il tipo di coloritura e la scritta del titolo riportata anche nel margine superiore in maniera speculare, lasciano presupporre che si tratti di una delle celebri "Vue d'Optique". Queste vedute ottiche, tipiche dell'editoria francese di questo periodo, erano appositamente realizzate per essere usate vicino ad una fonte di luce che ne riflettesse l'immagine, e per questo le scritte sono spesso al contrario View of a part of the city harbour with the lighthouse. Edited in Paris in the second half of the XVIII century. Copperplate, original hand colour. Sheet size: 400x280. Possibly a french "Vue d'optique". This kind of print was meant to be viewed near a light source, in order to be able to see its mirror image. For this reason the text was often a mirror image in the original print. Parigi Paris 350 280

      [Bookseller: Libreria Antiquarius]
 10.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Venetia potentissima e la più magnifica, florentissima e la più ricca città, Capitale della Serenissima Repubblica...

      1750 ca.. Incisione in rame, coloritura coeva, mm 507x588. Scenografica stampa che presenta una pianta prospettica della città nella parte alta, accompagnata a due vedute di piazza San Marco in basso. Cartiglio con leone alato in alto a destra. Seutter, dopo un apprendistato presso Homann a Norimberga, trasferitosi ad Augsburg verso il 1720, aprì la propria attività superando il maestro sotto il profilo della bellezza: le sue carte hanno sempre colori brillanti e cartigli elaborati. Buon esemplare con qualche macchia e margine sup. breve. Moretto, 157, II stato/III; Cassini, 73.

      [Bookseller: Libreria Antiquaria Perini s.a.s.]
 11.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Quatre Tragédies - Opéra

      1750. 2 volumes in - 12 (14,7 x 8,7 cm), veau marron, dos lisse orné, pièces de maroquin rouge et marron, armes au centre des plats, tranches rouges (reliure d'époque). Exemplaire aux armes de Barthélémy - François Thoinard, fils de Barthélémy Seigneur de Cendré, Fermier général et de Marie de Saint - Paire. Fut lui même Fermier général. (quelques frottements). // 2 12o volumes (14,7 x 8,7 cm), brown calf, smooth spine tooled in gilt, red and brown morocco labels, central arms on covers, red edges (contemporary binding). Copy bearing the arms of Barthélémy - François Thoinard, son of Barthélémy Seigneur de Cendré, Fermier général and Marie de Saint - Paire. Himself was a Fermier général. (Some rubbings).

      [Bookseller: Librairie Henri Picard & Fils]
 12.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Trattato della sfera ed introduzione alla navigazione per uso de' piloti.

      Recurti, 1750. In 4° (mm 265x2195); pagg. XII, 240 con 27 tavole fuori testo incise in rame rip., di cui l'ultima firmata da Giuseppe Filosi. Legatura in piena pelle marmorizzata, titolo in oro su tassello in marocchino senape; tagli marezzati. Prima edizione di questo non comune trattato astronomico e di navigazione. Riccardi defininisce l'opera come uno dei migliori trattati di nautica matematica del '700. Le tavole traffigurano sfere celesti, eclittiche, sistema solare secondo i maggiori astronomi, rose dei venti, bussole ed altro. Pagnini, di famiglia lucchese, nacque a Malta e fu professore di idrografia al servizio dell'Ordine dei Cavalieri di Malta. Bell'esemplare a pieni margini lievemente fiorito e piccolo alone alla pega centrale all'inizio del tomo. Riccardi, I, 236.

      [Bookseller: Libreria Antiquaria Perini s.a.s.]
 13.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Versuch einer systematische Abhandelung vom Richterlichen Ampte in Hamburg, entworffen von Sr. Magnif. dem Herrn Bürgermeister Nicolaus Schuback. 1747 (2 Teile in 1).

      Hamburg, ca. 1750 - Manuskript in brauner Tinte auf Paper. 5 Blatt, 167 Seiten, 11 Blatt Register; 2 Blatt, 132 Seite, 17 Blatt Register, Halbpergamentband der Zeit, 32 x 22 cm, Einband berieben, bestossen und fleckig, innen leicht gebräunt, sonst gut. Anfangsinitial mit kleinem Hamburger Wappen. Sehr sorgfältig ausgeführte Abschrift der ungedruckten Abhandlung, die offenbar der Verfasser selbst anfertigen ließ. Nicolaus Schuback (1700-83) war Jurist und Bürgermeister in Hamburg. Seine Schrift über das Richterliche Amt in Hamburg existierte nur als Manuskript in der Hamburger Stadtbliothek. Die vorliegende Handschrift, welche sich einem Bleistifteintrag auf dem Vorsatzblatt zufolge „der Verfasser vielleicht zum eigenen Gebrauch hatte abschreiben lassen, ist offenbar aus seinem Nachlaß in den Besitz seines Sohnes Johannes Schuback übergegangen". Über weitere Nachkommen aus den Familien Amsinck und de Boor 1889 gelangte sie in die Bibliothek des späteren Besitzers, der diesen Eintrag fertigte und ebenfalls der weitverzweigten, bedeutenden Hamburger Familie Amsinck angehörte. Am Schluß 40 leere und 20 weitere handschriftliche Blatt mit kleineren juristischen Abhandlungen (1760/80).

      [Bookseller: Antiquariat H. Carlsen]
 14.   Check availability:     ZVAB     Link/Print  


        L' avventuriere francese opera critica, dilettevole e curiosa

      appresso Pietro Bassaglia, 1750. L'Autore anonimo del nostro testo è attribuito a Robert - Martin Leisure (1737 - 1815) - Stampato in Venezia appresso Pietro Bassaglia, 1750. 1° Edizione tradotta dal manoscritto originale francese dall'Abate Pietro Chiari (1712 - 1785) - Volume in 16° cm. 17,70x11,00, legato in pergamena coeva con mancanze e macchie (come da foto), titolo in oro al dorso con 6 nervi, pp. (4), 179, (5). Testo integro stampato su carta fatta a mano con fioriture. Antiporta calcogr. ill. di Francesco Griselini (1717 - 1787), marca del tipografo al frontespizio, finalini e capilettera. LIBRO RARO se ne conosce soltanto una seconda copia presso il "Fondo Villa" conservato nella Biblioteca Comunale "D. Fava" di San Salvatore M.to (AL). Il testo è attribuito a Robert - Martin Di Leisure (cfr. CCFR - catalogue collectif de France - in linea ed.) attraverso la III ed. dal titolo L'Avventuriere francese. Storia piacevole, Venezia 1788 presso Giammaria Bassaglia, (OPAC SBN Cod. Identificativo IT \ ICCU \ RAVE \ 071200 - Biblioteca Comunale Manfrediana Faenza RA).

      [Bookseller: Libreria Babele]
 15.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        L'art de la teinture des laines, et des étoffes de laine, en grand et petit teint. Avec une instruction sur les débouillis

      chez la veuve Pissot et Jean Thomas Herissant, 1750. - chez la veuve Pissot et Jean Thomas Herissant, Paris 1750, fort in 12 (17x10,5cm), xix (5) 631 pp., relié. - First Edition. Vitello marrone pieno periodo ghiacciato. Torna ai nervi lavorato, titolo marocchino rosso. Un angolo ottuso. Protezione della coda ed inferiore rifatto bordo, anche fasce. Un intoppo con una leggera mancanza nel titolo stanza. Graffi sulle stoviglie. Questo è il primo esempio di trattato su come tingere la lana e la più importante opera del suo autore, Jean Hellot (1685 - 1766) Analista rinomata farmacia e un chimico industriale. Si tratta di un trattato pratico, che dettaglia i preparativi e discute le tecniche, e fu un enorme successo così in Europa, dove è stato applicato ovunque. Hellot è stato nominato Ispettore Generale della tintura del regno nel 1740 e il trattato sembra essere il risultato delle sue osservazioni. Allo stesso modo, è stato successivamente nominato alla fabbrica di porcellana di Vincennes, dove ha inventato la formula del turchese (blu Hellot) utilizzato per il primo servizio commissionato da Luigi XV. Ex dono manoscritto Bourgoin cadetto illustra tintore di Gaudrecourt parigino castelli Bravure ... - [FRENCH VERSION FOLLOWS] Edition originale. Reliure en plein veau brun glacé d'époque. Dos à nerfs orné, pièce de titre en maroquin rouge. Un coin émoussé. Coiffe de queue et bordure inférieure refaites, tranchefiles également. Un accroc avec léger manque sous la pièce de titre. Epidermures sur les plats. C'est le premier traité de ce genre sur la façon de teindre les laines et le plus important ouvrage de l'auteur, Jean Hellot (1685 - 1766) un analyste chimiste de renom et un chimiste industriel. C'est un traité pratique, qui détaille les préparations et discute des techniques, et qui eut de ce fait un succès énorme en Europe où il fut partout appliqué. Hellot fut nommé inspecteur général des teintureries du royaume en 1740 et ce traité semble être le résultat de ses observations. De même, il fut plus tard nommé à la manufacture de porcelaine de Vincennes où il inventa la formule du bleu turquoise (le bleu Hellot) utilisé pour le premier service commandé par Louis XV. Ex dono manuscrit : Bourgoin le cadet illustre teinturier à Gaudrecourt le châtaux parisien Bravure...

      [Bookseller: Librairie Le Feu Follet]
 16.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Extraits de la fable

      s.n.n.l, 1750. - s.n.n.l. Ca 1750, in - 4 (22,5 x 17.5cm), 73f.n.c., relié. - Il manoscritto originale di un bel forte di scrittura leggibile 146 pagine (circa 18 righe per pagina). Bound in pieno periodo cerbiatto vitello. Torna liscio decorato con 5 ferri boxed l'uccello. Parte del titolo in marocchino rosso. PELLI Ampiamente piatti. Mascella superiore spaccato tre centimetri coda. Buon esemplare. Manoscritto dedicato alla mitologia greco - romana e si compone di due parti, la prima delle divinità (Giove, Giunone ...), la seconda sugli eroi e semidei (Perseo, Teseo, Jason, Antigone, Edipo. ..). - [FRENCH VERSION FOLLOWS] Manuscrit original d'une belle écriture fort lisible de 146 pages (environ 18 lignes par page). Reliure en plein veau fauve d'époque. Dos lisse orné de cinq fers à l'oiseau caissonnés. Pièce de titre en maroquin rouge. Plats largement épidermés. Mors supérieur fendu en queue sur 3cm. Bon exemplaire. Manuscrit consacré à la mythologie gréco - romaine et composé de deux parties, la première sur les dieux et déesses (Jupiter, Junon...), la seconde sur les héros et demi - dieux (Persée, Thésée, Jason, Antigone, Œdipe...). 

      [Bookseller: Librairie Le Feu Follet]
 17.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        La fable des abeilles ou les fripons devenus honnestes gens. Avec le commentaire, où l'on prouve que les vices des particuliers tendent à l'avantage du public

      Londres: Jean Nourse, 1750. hardcover. very good(+). 4 volumes, 12mo, (2) + 396, (4) + 62,lxv1 + 339 et (4) + 362 pages, original mottled calf; rubbed, rubricated edges. Londres: Jean Nourse, 1750. Very good. This is one of many editions of the famous and popular satire on the true causes of social welfare and riches, Mandeville suggesting that base behavior produces positive economic effects.

      [Bookseller: Argosy Book Store]
 18.   Check availability:     Biblio     Link/Print  


        Tabula Synoptica Totius Fluminis Danubii..

      1750. Grande carta geografica in tre fogli, anticamente uniti, raffigurante tutto il corso del Danubio ed il Mar Nero. Il Lotter, incisore ed editore tedesco, sposò la figlia del cartografo Matthaus Seutter, del quale era collaboratore e a cui successe nell'attività editoriale. Incisione in rame, bella coloritura coeva, difetti minori, nel complesso in ottimo stato di conservazione. Molto decorativa. Great geographic map in three sheets, joined together in the past, depicting the course of the Danube and the Black Sea. Lotter, German engraver and publisher, married the daughter of Matthaus Seutter, a cartographer with whom he had worked and from whom he inherited the publishing business. Copperplate engraving, fine contemporary colour, minor defects, otherwise in good condition. Very decorative. Ausburg Ausburg 1720 500

      [Bookseller: Libreria Antiquarius]
 19.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Dei Bagni di Pisa Trattato. Firenze, Stamperia Imperiale, 1750

      Stamperia Imperiale, 1750. in - 4, pp. (12), 415 (mancano pp. 151 - 154), leg. cart. rustico. Effigie in medaglione dell'imperatore Francesco I, cui l'opera è dedicata, incisa in rame al titolo. L'importante opera, completa di 7 grandi tavole ripieg. f.t., è divisa in sei capitoli riguardanti la posizione climatica e geografica dei Bagni, le qualità naturali e le facoltà medicinali delle acque e le regole da osservarsi nell'usarle. Ampie notizie storiche su queste celebri antiche terme pisane. Bell'esemplare su carta reale grande.

      [Bookseller: Libreria Antiquaria Pregliasco]
 20.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Carta geografica della patria del Friuli

      1750 ca.. Incisione in rame, di mm 440x410, su disegno di Francesco Beretta. Tratta da "Lo stato presente di tutti i paesi e popoli del mondo naturale, politico, e morale...". Ottimo esemplare, entro reticolo geografico, con cartiglio figurato e tracce delle consuete pieghe editoriali. Rinforzo ai margini. Theatrum Fori Iulii, II vol, pag. 141, tav. CXLIV

      [Bookseller: Libreria Antiquaria Perini s.a.s.]
 21.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Bibliothecæ S. Angeli ad Nidum ab inclyta Brancatiorum familia constructæ, et ab aliis deinceps auctae Catalogus, in quo singuli singularum artium, et scientiarum libri, qui in quavis fere lingua exstant, auctorumque cognomina ordine alphabetico recensentur.

      apud Stephanum Abbatem & Josephum Raymundum publicos typographos, 1750. Cm. 34, pp. (4) 331 (1) 8. Grande vignetta al frontespizio, testate e capolettera figurati. Legatura ottocentesca iun mezza pergamena con piccole punte, dorso liscio con fregi in oro e titoli su tassello. Reintegrazione ben eseguita ad una porzione del frontespizio (prevalentemente bianca), legatura rimontata e qualche sporadica fioritura, peraltro esemplare ben conservato. Prezioso catalogo della biblioteca Brancacciana, costituita a Roma nella prima metà del 1600 dal cardinale Francesco Maria Brancaccio e portata a Napoli per sua volontà. La Brancacciana è stata la prima biblioteca pubblica aperta a Napoli. Si fonda sul lascito di circa 20.000 volumi che il Cardinale, morendo, lasciava alla sua città cui si aggiungono, nel tempo, quello del barone Andrea Gizio patrizio beneventano, che nel 1700 donò un'interessante raccolta di manoscritti e libri a stampa di araldica e genealogia (postillati da lui medesimo) e quello, pervenuto nel 1738, del giureconsulto napoletano Domenico Greco.

      [Bookseller: Studio Bibliografico Benacense]
 22.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Il cavalletto

      1750. " - RARISSIMO PRIMO STATO DI SEI, dalla PRIMA EDIZIONE delle CARCERI - Acquaforte, bulino, tinta allo zolfo e bruniture, firmata in lastra in basso a destra. Tavola della PRIMA edizione delle 'Carceri'. Esemplare nel primo stato di sei secondo Robison. Magnifica prova, impressa su carta vergata coeva con filigrana ""cerchio e giglio, margini di circa 8 mm, in ottimo stato di conservazione. Le 'Carceriì in prima edizione sono di eccezionale rarità. Secondo un censimento fatta da Andrew Robison, solo 16 esemplari completi dell'opera in prima tiratura sono noti nelle raccolte pubbliche di tutto il mondo. Senza dubbio la serie più nota e celebrata fra le opere del Piranesi. La serie è databile intorno al 1745, e comprendeva quattordici tavole, includendo il frontespizio che portava il titolo di Invenzioni Capric di Carceri all'acquaforte datte in luce da Giovanni Buzard in Roma, mercante al Corso. Una seconda stesura delle stesse, subito successiva, recava il titolo con il nome dell'editore giustamente corretto in Bouchard. E' fuori di dubbio che l'idea, assolutamente innovativa, per la realizzazione di questa opera nasce da un collegamento molto stretto con la serie denominata Prima Parte di Architetture non solo per la vicinanza di tempo che intercorre tra i due lavori, ma proprio per il preciso intendimento ideologico che l'artista aveva in quel periodo in fatto di architettura. La serie venne ripubblicata dopo ben quindici anni, nel 1761, ampiamente riveduta e corretta. Il Piranesi non era nuovo a ripensamenti e variazioni sulle proprie opere, ma molto interessante è analizzare il motivo che lo indusse a riproporre, cambiandolo nella forma, questo importante lavoro. Le esperienze archeologiche condotte nello studio che porterà alle Antichità Romane (1756), le polemiche con architetti e le loro teorie del periodo, la consapevolezza di aver affinato ancora la propria tecnica stilistica, e il variato concetto architettonico lo indussero a mettere mano alle Carceri. E' con questa nuova ed arricchita sapienza incisoria che l'artista va a ripescare le vecchie lastre, e dopo la rielaborazione, le ripresenta nel pieno della figura polemica e della lotta ideologica in fatto di architettura che in quegli anni conduceva. La riproposizione della serie rappresenta per il Piranesi un aspetto ben preciso, ovvero ripresentare, rinforzandolo, il messaggio polemico e di polemica architettonica già affrontato quindi anni prima. Lo scardinamento degli spazi e della prospettiva, della logica e di tutti i principi comuni affermati nei trattati, rottura totale con le leggi tradizionali e gli insegnamenti accademici dell'architettura. Due sono le tavole aggiunte nella seconda edizione, che quindi comprende il frontespizio e quindici lastre. Notevoli le differenze stilistiche tra il corpus dell'opera e le due nuove lastre, dove notevoli sono la complessità di struttura e di composizione architettonica, che dimostrano il cambiamento avvenuto in seguito allo studio archeologico dei grandi monumenti romani. Di diverso aspetto l'effetto emotivo che suscita la visione delle singole opere che compongono la serie, che con il loro aspetto malinconico costituiscono un elemento di perenne richiamo, di inesausta vitalità, e di estrema modernità. I ponti sospesi, le reti, i ballatoi, le scale e quanto altro presente nelle Carceri sono stati esame di numerosi studi, che una copiosa letteratura ha colto sin dal romanticismo, dando loro una grande popolarità, esaltandone le molteplici reazioni emozionali che le stesse conferivano." " - THE VERY RARE FIRST STATE, from the FIRST EDITION of CARCERI - Etching, engraving, sulphur tint and burnishing, 1750, signed at lower right. From the Carceri set, from the first edition, first issue. Example in the first state of six described by Robison, from the contemporary roman edition. A magnific impression, printed with black ink on contemporary laid paper with ""encircled fleur de lys"" watermark, with small margins (about 8 mm), very good condition. The first edition of 'Carceri' is absolutely rare. According with Andrew Robison, there are only 16th complete set of the first edition and first issue preserverd in the libraries. Undoubtedly these is the best known and most celebrated series among the works by Piranesi. The series, datable around 1745, consisted of fourteen plates, with the title page bearing the title Invenzioni Capric di Carceri all'acquaforte datte in luce da Giovanni Buzard in Roma, mercante al Corso. In the second issue, immediately subsequent, the title presents the publisher's name rightly corrected in Bouchard. There is no doubt that the innovative idea of this work comes from a very close connection with the series titled Prima Parte di Architetture not only for the proximity of the dates, but also because both the series reflect the Piranesi's precise ideology on architecture. The series was re - published fifteen years later , in 1761." Robison 38 I/VI, Hind 12, Focillon 35. 564 417

      [Bookseller: Libreria Antiquarius]
 23.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Spaccato interno della Basilica di S. Paolo fuori delle Mura Bouchard e Gravier 1750

      BOUCHARD E GRAVIER 1750. Incisione all'acquaforte e bulino di mm 651 x 452. Carta forte. Filigrana giglio inscritto in doppio cerchio con piccolo cerchio sovrastante. Secondo stato su sette. Veduta rifilata al limite interno della battuta.Piccole mancanze al margine superiore ed al cartiglio. Discreto esemplare. Sotto la dicitura "Spaccato interno della Basilica di S. Paolo fuori delle Mura, eretta da Costantino Magno, divisa in cinque Navate co' sua Crociata. Ottanta Colonne di marmo greco, venato di vario colore, quivi trasportato dal Sepolcro di Adriano Imperatore, sostentano le Navate variando di grandezza, e lavoro le laterali da quelle della Navata di mezzo. Altre Colonne dieci di Granito sono sparse per la Crociata; intorno alla quale, come ancora intorno la Navata di mezzo cronologicamente disposti di veggono li Ritratti di tutti i Sommi Pontefici Romani con altre Pitture antiche gia quasi consumate dal tempo. Il Pavimento delle Navate è formato di rotti pezzi di marmo, levati dalle Rovine di altri Edificii antichi". Più in basso "Piranesi". Giambattista Piranesi (Mogliano Veneto 1720 - Roma 1778) incisore ed architetto, Figlio di Angelo, umile tagliapietre, e Laura Lucchesi, fu introdotto al latino e alle basi della letteratura antica dal fratello Angelo, monaco certosino. Iniziò la sua carriera di architetto al Magistrato delle Acque introdotto dallo zio Matteo Lucchesi, ingegnere veneziano specializzato in scavi e responsabile della manutenzione della Laguna Veneta. Dopo una controversia con lo zio, continuò gli studi con Giovanni Antonio Scalfarotto. Ancora impegnato in ambito ingegneristico (progettava le difese costiere), apprese in seguito le possibilità che offriva l'arte della decorazione, interessandosi in particolare all'illusione e alla prospettiva. Si ricordi che in questo periodo a Venezia - in particolare per merito del Canaletto - l'arte delle vedute aveva raggiunto un livello altissimo. Nel 1740 viaggiò come disegnatore al seguito di Marco Foscarini, l'inviato veneziano a Roma. Prese alloggio a Palazzo Venezia ed iniziò lo studio dell'architettura romana; le antiche rovine della città accesero il suo entusiasmo ma molto presto Piranesi si rese conto che le prospettive di lavoro a Roma come architetto erano scarse. C'erano invece possibilità nel campo della pittura, specialmente a causa dei i primi turisti che venivano a Roma. Un anno dopo iniziò la sua formazione con il vedutista Giuseppe Vasi, che lo introdusse alle tecniche dell'acquaforte e dell'incisione su rame. Piranesi ruppe molto presto con Vasi e assieme a studenti dell'Accademia di Francia lavorò ad una serie di piccole vedute di Roma, che apparvero in seguito nel 1745 come Varie Vedute di Roma Antica e Moderna. Già nel 1743 aveva pubblicato il suo primo lavoro Prima parte di Architettura e Prospettive - vedute della città con una tecnica di bulino ed acquaforte. Dedicò il suo lavoro a Nicola Giobbe, un costruttore veneziano, che aveva promosso il suo arrivo a Roma. Dal 1743 al 1747 si fermò per lo più a Venezia, dove frequentò, secondo alcune fonti, anche Giovanni Battista Tiepolo. Finalmente tornò a Roma, dove aprì una bottega a via del Corso. Negli anni tra il 1748 ed il 1774 creò un'altra sequenza di vedute di monumenti antichi e barocchi, le Vedute di Roma, che - illuminate usualmente da una forte luce solare - danno un peculiare effetto monumentale. Queste Vedute contengono anche composizioni d'immagini del tipo dei Capricci. Nel 1756 Piranesi studiò e misurò una quantità innumerevole di edifici dell'antica Roma. La conseguenza fu la pubblicazione in quattro volumi di viste degli antichi monumenti romani, le Antichità Romane de' tempo della prima Repubblica e dei primi imperatori; nella tavola con le Fondamenta del Mausoleo di Adriano, queste sono trasformate in una montagna gigantesca di cui non si riesce a vedere la cima. Nel 1761 fu ammesso all'Accademia di San Luca a Roma. Lo stesso anno aprì una nuova bottega con una stamperia propria. In un Catalogo delle Opere presenta le sue stampe con i prezzi. Nel 1762 pubblica la raccolta di incisioni Campo Marzio dell'antica Roma. Nel 1763 papa Clemente XIII affidò a Piranesi l'incarico di restaurare il coro di San Giovanni che però non andò oltre lo stadio di progetto. L'anno successivo Piranesi fu incaricato dal cardinale Giovanni Battista Rezzonico della ristrutturazione di Santa Maria del Priorato. Nel 1767 il Papa lo nominò cavaliere. Negli anni 1777 - 78 pubblicò una raccolta di incisoni su Paestum, Differents vues de Pesto, in cui la voluta sproporzione fra edifici e figure è mitigata in un nuovo rapporto che tiene conto del ruolo determinate dell'elemento umano, finora messo in secondo piano rispetto all'eroicità delle rovine antiche. Piranesi morì nel 1778 a Roma dopo una lunga malattia. Fu sepolto nella chiesa di Santa Maria del Priorato. Hind 7

      [Bookseller: Libreria Emiliana]
 24.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Historische Nachrichten von der alten Meißnischen Grenz-Stadt Dommitzsch. Nach ihrem Ursprunge, Alter, Lage, Verfassung und Jahres-Geschichten, wie auch von der Beschaffenheit der dasigen Comthurey und anderen Merckwürdigkeiten, wobey zugleich einige Lebens-Umstände des berühmten Herrn Caspar Schneiders gründlich ertheilet werden

      gedruckt bei Johann Gottlieb Petersell, Torgau 1750 - Halbkunstleder, fachmännisch nachgebunden, Kanten berieben, Seiten gebräunt, fleckig, Ecken geknickt, Papier mürbe, mit einigen Anstreichungen im Text, Stempel auf Vorsatz, fliegendem Vorsatz und erster Seite, 393 S.

      [Bookseller: Buchshop Heitabu]
 25.   Check availability:     ZVAB     Link/Print  


        The City and Country Builder's and Workmens Treasury of Designs: Or the Art of Drawing and Working The Ornamental Parts of Architecture.

      4to. (280 x 220 mm). Bound in recent full dark brown speckled calf period style, retaining the original red morocco and gilt label to the spine, endpapers renewed; title-page, 22pp. and 200 engraved plates (numbered I - CLXXXVI, 1 - 14); light dustmarks to the margins but generally a bright, clean copy. Third edition. Harris/Savage 451.

      [Bookseller: Henry Sotheran Ltd.]
 26.   Check availability:     Direct From Bookseller     Link/Print  


        Les Dons de Comus, reduit en pratique, nouvelle édition, revue, corrigée & augmentée par l'Auteur

      Chez la Veuve Pissot, 1750. 3 voll. in - 12° (165x99mm), pp. XLVIII, 490; (4), 490, (2); (4), 533, (5); elegante legatura coeva p. vitello nocciola marmorizzato con triplice ordine di filetti in oro a bordare il perimetro dei piatti. Dorsi lisci con titolo e tomaison in oro su doppio tassello bicromo, filetti e fregi floreali in oro. Tagli e sguardie marmorizzate. Antiporta incisa su rame al primo vol., non firmata ma attribuita al Le Bas. Fregi tipografici incisi su legno n.t. Ottimo esemplare. Reimpressione riveduta, corretta e aumentata (terza edizione assoluta) di questo classico della gastronomia francese, impresso in forma anonima, ma dovuto alla penna di François Marin, cuoco personale del Maresciallo di Soubise che fu apprezzato dal Re di Francia e protetto dalla Pompadour. La presente edizione contiene le due precedenti prefazioni dei padri gesuiti Brumoy e Bougeant, rifuse in un'unica prefazione da Meusnier de Querlon. L'edizione originale era apparsa nel 1739 in un unico volume. L'opera tratta della cucina francese in ogni sua possibile declinazione, dagli antipasti alla carne, dal pesce alle salse, dalle minestre alla pasticceria. Oberlé, 108 - 109. Vicaire, 285. Vente Scraemli, 233. Catalogue Livres en Bouche, n. 210. Cagle, 301. Barbier, 4518. Bitting, 309. Eluard Valette, Les grandes heures de la cuisine française, pp. 79 - 80. De Backer / Sommervogel, I, 1881, n. 18. Drexel, 510. Francese

      [Bookseller: Libreria Antiquaria Galleria Gilibert]
 27.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        Dictionnaire Universel de Commerce, d'Histoire Naturelle & des Arts & Métiers. (3 Tomes ) Tome I : A - C ; Tome II : D - O ; Tome III : P - Z

      Chez les Frères Cramer & Claude Philibert, 1750. Dictionnaire Universel de Commerce, d'Histoire Naturelle & des Arts & Métiers, contenant tout ce qui concerne le commerce qui se fait dans les quatre parties du monde, ..., Ouvrage posthume du Sieur Jacques Savary des Bruslons, continué sur les Mémoires de l'Auteur et donné au public par M. Philémon - Louis Savary, sixième édition exactement revûe, corrigée et considérablement augmentée, 1 vol. in - folio reliure d'époque pleine basane marron, dos à 6 nerfs orné,double filet sur coupes, Chez les Frères Cramer & Claude Philibert, Genève, 1750, Tome I : 4 ff. (dont faux - titre et titre), XLIV - 1302 pp. ; Tome II : 1 f. blanc, 2 ff. (faux - titre et titre), 1636 pp. (texte sur deux colonnes) ; Tome III : 2 ff. (faux - titre et titre), 1406 pp. (texte sur deux colonnes) Manque le tome 4, consacré à la description de l'état du commerce par pays. Etat satisfaisant (rel. fort. frottée avec petits mq., plats du tome III épidermé, mq. la pièce de titre du tome III, mq. la moitié de la pièce de titre du tome II, bon état intérieur, ex libris Bibliotheca D. Du Bosc). INED, 4100 (édition de 1759) ; La présente édition est beaucoup moins commune que les éditions de 1723, 1748 ou 1759. Français

      [Bookseller: Librairie Du Cardinal]
 28.   Check availability:     maremagnum.com     Link/Print  


        America septentrionalis concinnata

      Augsburg, 1750 - Incisione in rame, colorata d'epoca, 455x580. Splendido esemplare. Copper engraving, original color, 455x580. A wonderful example.

      [Bookseller: libreria antiquaria perini Sas di Perini]
 29.   Check availability:     AbeBooks     Link/Print  

______________________________________________________________________________


      Home     Wants Manager     Library Search     562 Years   Links     Contact      Search Help      Terms of Service      Privacy     


Copyright © 2018 viaLibri™ Limited. All rights reserved.