The viaLibri website requires cookies to work properly. You can find more information in our Terms of Service and Privacy Policy.

Displayed below are some selected recent viaLibri matches for books published in 1712
2017-05-22 12:39:53
VENETTE (Nicolas)
Cologne, Claude Joly, 1712. In-12, (22)-384-(4) pp., reliure de l'époque plein veau blond, dos orné (manque de cuir à la coiffe supérieure, arasée ; petits trous de vers en pied du dos). L'édition originale date de 1686. C'est le premier traité de sexologie en Occident. COMPLET des 12 figures (plus une, en double). * Voir photographie(s) / See picture(s). * Membre du SLAM et de la LILA / ILAB Member. La librairie est ouverte du mardi au samedi de 14h à 19h. Si vous souhaitez passer à la librairie pour un livre, merci de nous prévenir au préalable, l'ensemble du stock visible en ligne n'étant pas immédiatement consultable. Langue : Français [Attributes: First Edition]
Bookseller: Chez les libraires associés [Paris, France]
2017-05-22 09:27:39
Morton [John]
R Knaplock, London 1712 - iv, 552pp, 46pp, x, folding map of Northamptonshire by John Harris, black & white illustrations, central joint strengthened, 14 engraved plates, original leather boards, repaired with new leathwer spine, corners repaired, armourial bookplate. Upcott, pages 1003/4. Size: Quarto [Attributes: First Edition; Hard Cover]
Bookseller: Old Hall Bookshop, ABA ILAB PBFA BA
2017-05-20 14:23:52
Arbuthnot, John]
John Morphew, London 1712 - pamphlet measuring 11.5 x 18cm , no covers, somewhat browned and soiled but otherwise very good, pp 26. Advert for other items for sale on last page. Stated Third edition on front. Front page is title and detached from rest. Earlier owner name and address blindstamped into front page and reasonably faint.
Bookseller: Carydale Books
2017-05-20 12:50:01
CALVO, Paolo Bernardo
Gio.Battista Guigonio - Gio. Battista Fontana 1712 - 1702, Torino - Due volumi legati in un tomo in 8° (mm. 160 x 100), pp. (12),506, (2); (8), 196, (4). Piena pelle dell'epoca. Dorso a nervetti con titolo su tassello. Un alone bruno al bordo esterno delle pp. 410-460. Per il resto copia in ordine. Qualche fregio tipografico xilografato. Cfr. Bonino, II, p. 9 [Attributes: Hard Cover]
Bookseller: Libreria antiquaria Atlantis
2017-05-20 12:50:01
CALVO, Paolo Bernardo
Gio.Battista Guigonio - Gio. Battista Fontana, 1712. Due volumi legati in un tomo in 8° (mm. 160 x 100), pp. (12),506, (2); (8), 196, (4). Piena pelle dell'epoca. Dorso a nervetti con titolo su tassello. Un alone bruno al bordo esterno delle pp. 410-460. Per il resto copia in ordine. Qualche fregio tipografico xilografato. Cfr. Bonino, II, p. 9
Bookseller: Libreria antiquaria Atlantis
2017-05-19 15:37:59
Chifflet, Philippe
Pierre (Petrus) Thened, 1712. Einband etwas berieben und beschabt, leicht bestoßen 2 winzige Fehlstellen am unteren Kapital Deckelkanten mit einigen winzigen Bezugsfehlstellen etwas stockfleckig häufiger im Randbereich etwas wasserfleckig letzte Bll. mit winzigen Wurmgängen und kleinem Braunfleck im Bundsteg wenige Bll. am Fuß etwas fleckig (wohl Teefleckchen) teils kleine Knickspuren in den Ecken alter Besitzvermerk auf dem Titel und auf der ersten Seite der Dedikation. Philippe Chifflet (1597-1657) franz. Theologe Domherr in Besancon und dort auch Generalvikar des Bistums Abt der Zisterzienserabtei von Balerne.
Bookseller: Aix Libris [Germany]
2017-05-18 08:23:27
Poyntz, Stephen; Townshend, Charles Townshend; Hare, Francis (eds.)
London: Printed for A. Baldwin, 1712. Leather bound hardcover without jacket in good condition. Some wear to the board edges and corners. A few tiny dents and marks to the rear board. Tanning and foxing to the text block. Some of the pages are a little wavy throughout. Bookplate on front pastedown. Foxing to the pastedowns and endpapers with tanning around the edges. Page 1 has a tiny nick on the lower leading corner. A small portion of page 181 is chipped on the lower leading edge. A few dog-eared pages and some instances of small marks and foxing throughout. The binding is tight and the text is clear. CM. Hardcover. Good/No Dust Jacket. Used.
Bookseller: PsychoBabel & Skoob Books [Didcot, OXON, United Kingdom]
2017-05-17 17:11:03
FLECHIER, Esprit (1632-1710).
1712. Lyon: En Leon de Francia, por Antonio Briasson, Mercader de Libros, 1712. 4to. menor; retrato a toda plana realizado por Leclec, portada, 626 pp., 11 hs. Encuadernación en pergamino de la época.
Bookseller: Hesperia Libros
2017-05-16 20:00:14
Montecalerio Ioannis
1712. Raffigurazione del tratto costiero e dell'entroterra che da Vasto giunge fino a Trani. Tra le località raffigurate: Termoli, Trivento, Larino, Vieste, Vulturara, Foggia, Ttroia, Bovino, Manfredonia. La carta è corredata da un foglio in cui sono riportati alcuni dati riferiti alla regione raffigurata. Per questa edizione della "Chorographica descriptio provinciarum et conventuum...", curata dal ministro provinciale di Milano Giovanni Battista da Cassine su espressa richiesta del Ministro Generale Agostino da Latisana, le tavole furono nuovamente incise con un disegno generale e coordinate geografiche del tutto differenti dalle precedenti edizioni. Gli incisori delle carte di questa edizione sono Simone Durello ed il padre cappuccino Michelangelo de Dinant.
Bookseller: Libreria Trippini Sergio
2017-05-16 20:00:14
Montecalerio Ioannis
Molise - Puglia 1712 - Raffigurazione del tratto costiero e dell'entroterra che da Vasto giunge fino a Trani. Tra le località raffigurate: Termoli, Trivento, Larino, Vieste, Vulturara, Foggia, Ttroia, Bovino, Manfredonia. La carta è corredata da un foglio in cui sono riportati alcuni dati riferiti alla regione raffigurata. Per questa edizione della "Chorographica descriptio provinciarum et conventuum.", curata dal ministro provinciale di Milano Giovanni Battista da Cassine su espressa richiesta del Ministro Generale Agostino da Latisana, le tavole furono nuovamente incise con un disegno generale e coordinate geografiche del tutto differenti dalle precedenti edizioni. Gli incisori delle carte di questa edizione sono Simone Durello ed il padre cappuccino Michelangelo de Dinant. mm 230x330
Bookseller: Sergio Trippini
2017-05-16 18:35:22
LE CLERC, Edited by
Hagae Comitum Henricus Scheurleer, 1712 - Small. 8vo. xvi + 208pp. + [16 pp.] Title and first page of dedication printed in red and black. Bound in original full calf neatly rebacked. A clean well-preserved example . When rebacking this item, four small squares of manuscript, which had been used as lining, became loose, and I have preserved them in the back of the book, as they have been used in the past and may have some connection with the history of the book. The most scholarly 18th century edition, edited by Jean le Clerc. The Pervigilium Veneris is an anonymous poem of 93 trochaic verses, written some time between the 2nd and 5th centuries A.D. The poem combines material for a hymn to Venus, with a description of Spring and an explanation of why the festival (set in Sicily) is appropriate at the time (see: O.C.D.). The work ends with Ausonius' Cupido Cruci Adfixus. LITERATURE CLASSICAL LITERATURE- ANCIENT CLASSICS POETRY 18TH CENTURY LATIN LITERATURE
Bookseller: Marrins Bookshop
2017-05-16 18:04:13
Montecalerio Ioannis
1712. Raffigurazione della provincia di Palermo. Tra le località raffigurate: Trapani, Monreale, Termini Girgenti. La carta è corredata da un foglio in cui sono riportati alcuni dati riferiti alla regione raffigurata. Per questa edizione della "Chorographica descriptio provinciarum et conventuum...", curata dal ministro provinciale di Milano Giovanni Battista da Cassine su espressa richiesta del Ministro Generale Agostino da Latisana, le tavole furono nuovamente incise con un disegno generale e coordinate geografiche del tutto differenti dalle precedenti edizioni. Gli incisori delle carte di questa edizione sono Simone Durello ed il padre cappuccino Michelangelo de Dinant. Appunti manoscritti al retro. Bibliografia: Valerio, Spagnolo "Sicilia 1477-1861 La collezione Spagnolo Patermo in quatro secoli di cartografia", vol II, n° 179, pag. 376
Bookseller: Libreria Trippini Sergio
2017-05-16 17:36:40
Götze, Georg Heinrich
Schmalhertz, Lübeck. o.J. (1712). 16 Seiten. Buntpapier-Ppbd. des frühen 19. Jahrhunderts, 18,5 x 16 cm. Dissertation. - Der vordere Deckel etwas gewölbt, das Titelblatt mit winzigen Besitzvermerken von alter Hand. Sonst und insgesamt gutes Exemplar. 352 Gramm. [Attributes: Hard Cover]
Bookseller: Antiquariat Tautenhahn [Lübeck, Germany]
Check availability:
2017-05-16 15:20:24
Giovanni Battista da Cassine
Carta geografica tratta dalla "Chorographica Descriptio Provinciarum et Conventum.", atlante dell'ordine dei frati cappucini. Si tratta della nuova edizione dell'atlante delle province cappuccine, iniziato in forma manoscritta dal ministro generale dell'ordine, padre Silvestro da Panicale nel 1632, e che doveva servire da sussidio geografico per le visite generali. Alla sua morte il successore Padre Giovanni di Montecaliero, al quale spesso viene erroneamente attribuita la paternità delle carte, incaricò padre Massimino da Guechen di proseguire l'opera, edita per la prima volta a Roma nel 1643. A commissionare a Giovanni Battista da Cassine la Chorographica descriptio Provinciarum, et Conventuum FF. Min. S. Francisci Capucinorum fu Agostino da Latisana, 34° Ministro Generale dei cappuccini dal 1702 fino al 1709. Nell'estate di nove anni dopo, l'attento lavoro di rettifica ed aggiornamento era concluso e, retrodatando l'atlante al 1712, lo si poté stampare nel 1713 a Milano. L'opera conta 62 carte geografiche incise in rame. Vi sono raffigurate un'Europa, tra le poche mappe che rechi una data -il 1710- essendoci il 1711 per le altre datate, la Spagna con 7 carte, la Francia con 13, l'Italia con 26 carte geografiche, l'Impero con 15 fogli. L'opera mostrava visivamente la diffusione dell'ordine, infatti le diverse carte dell'atlante, che rappresentano nazioni e province, offrono per ognuna di esse la statistica completa dei conventi. Questa edizione definitiva del 1712 presenta le carte totalmente differenti, aggiornate ed arricchite. Incisione in rame, in ottimo stato di cons … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2017-05-16 15:20:24
Giovanni Battista da Cassine
Carta geografica tratta dalla "Chorographica Descriptio Provinciarum et Conventum.", atlante dell'ordine dei frati cappucini. Si tratta della nuova edizione dell'atlante delle province cappuccine, iniziato in forma manoscritta dal ministro generale dell'ordine, padre Silvestro da Panicale nel 1632, e che doveva servire da sussidio geografico per le visite generali. Alla sua morte il successore Padre Giovanni di Montecaliero, al quale spesso viene erroneamente attribuita la paternità delle carte, incaricò padre Massimino da Guechen di proseguire l'opera, edita per la prima volta a Roma nel 1643. A commissionare a Giovanni Battista da Cassine la Chorographica descriptio Provinciarum, et Conventuum FF. Min. S. Francisci Capucinorum fu Agostino da Latisana, 34° Ministro Generale dei cappuccini dal 1702 fino al 1709. Nell'estate di nove anni dopo, l'attento lavoro di rettifica ed aggiornamento era concluso e, retrodatando l'atlante al 1712, lo si poté stampare nel 1713 a Milano. L'opera conta 62 carte geografiche incise in rame. Vi sono raffigurate un'Europa, tra le poche mappe che rechi una data -il 1710- essendoci il 1711 per le altre datate, la Spagna con 7 carte, la Francia con 13, l'Italia con 26 carte geografiche, l'Impero con 15 fogli. L'opera mostrava visivamente la diffusione dell'ordine, infatti le diverse carte dell'atlante, che rappresentano nazioni e province, offrono per ognuna di esse la statistica completa dei conventi. Questa edizione definitiva del 1712 presenta le carte totalmente differenti, aggiornate ed arricchite. Incisione in rame, in ottimo stato di cons … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2017-05-16 15:20:24
Giovanni Battista da Cassine
Carta geografica tratta dalla "Chorographica Descriptio Provinciarum et Conventum.", atlante dell'ordine dei frati cappucini. Si tratta della nuova edizione dell'atlante delle province cappuccine, iniziato in forma manoscritta dal ministro generale dell'ordine, padre Silvestro da Panicale nel 1632, e che doveva servire da sussidio geografico per le visite generali. Alla sua morte il successore Padre Giovanni di Montecaliero, al quale spesso viene erroneamente attribuita la paternità delle carte, incaricò padre Massimino da Guechen di proseguire l'opera, edita per la prima volta a Roma nel 1643. A commissionare a Giovanni Battista da Cassine la Chorographica descriptio Provinciarum, et Conventuum FF. Min. S. Francisci Capucinorum fu Agostino da Latisana, 34° Ministro Generale dei cappuccini dal 1702 fino al 1709. Nell'estate di nove anni dopo, l'attento lavoro di rettifica ed aggiornamento era concluso e, retrodatando l'atlante al 1712, lo si poté stampare nel 1713 a Milano. L'opera conta 62 carte geografiche incise in rame. Vi sono raffigurate un'Europa, tra le poche mappe che rechi una data -il 1710- essendoci il 1711 per le altre datate, la Spagna con 7 carte, la Francia con 13, l'Italia con 26 carte geografiche, l'Impero con 15 fogli. L'opera mostrava visivamente la diffusione dell'ordine, infatti le diverse carte dell'atlante, che rappresentano nazioni e province, offrono per ognuna di esse la statistica completa dei conventi. Questa edizione definitiva del 1712 presenta le carte totalmente differenti, aggiornate ed arricchite. Incisione in rame, in ottimo stato di cons … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2017-05-16 15:20:24
Giovanni Battista da Cassine
Carta geografica tratta dalla "Chorographica Descriptio Provinciarum et Conventum.", atlante dell'ordine dei frati cappucini. Si tratta della nuova edizione dell'atlante delle province cappuccine, iniziato in forma manoscritta dal ministro generale dell'ordine, padre Silvestro da Panicale nel 1632, e che doveva servire da sussidio geografico per le visite generali. Alla sua morte il successore Padre Giovanni di Montecaliero, al quale spesso viene erroneamente attribuita la paternità delle carte, incaricò padre Massimino da Guechen di proseguire l'opera, edita per la prima volta a Roma nel 1643. A commissionare a Giovanni Battista da Cassine la Chorographica descriptio Provinciarum, et Conventuum FF. Min. S. Francisci Capucinorum fu Agostino da Latisana, 34° Ministro Generale dei cappuccini dal 1702 fino al 1709. Nell'estate di nove anni dopo, l'attento lavoro di rettifica ed aggiornamento era concluso e, retrodatando l'atlante al 1712, lo si poté stampare nel 1713 a Milano. L'opera conta 62 carte geografiche incise in rame. Vi sono raffigurate un'Europa, tra le poche mappe che rechi una data -il 1710- essendoci il 1711 per le altre datate, la Spagna con 7 carte, la Francia con 13, l'Italia con 26 carte geografiche, l'Impero con 15 fogli. L'opera mostrava visivamente la diffusione dell'ordine, infatti le diverse carte dell'atlante, che rappresentano nazioni e province, offrono per ognuna di esse la statistica completa dei conventi. Questa edizione definitiva del 1712 presenta le carte totalmente differenti, aggiornate ed arricchite. Incisione in rame, in ottimo stato di cons … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2017-05-16 15:20:24
Giovanni Battista da Cassine
Carta geografica tratta dalla "Chorographica Descriptio Provinciarum et Conventum.", atlante dell'ordine dei frati cappucini. Si tratta della nuova edizione dell'atlante delle province cappuccine, iniziato in forma manoscritta dal ministro generale dell'ordine, padre Silvestro da Panicale nel 1632, e che doveva servire da sussidio geografico per le visite generali. Alla sua morte il successore Padre Giovanni di Montecaliero, al quale spesso viene erroneamente attribuita la paternità delle carte, incaricò padre Massimino da Guechen di proseguire l'opera, edita per la prima volta a Roma nel 1643. A commissionare a Giovanni Battista da Cassine la Chorographica descriptio Provinciarum, et Conventuum FF. Min. S. Francisci Capucinorum fu Agostino da Latisana, 34° Ministro Generale dei cappuccini dal 1702 fino al 1709. Nell'estate di nove anni dopo, l'attento lavoro di rettifica ed aggiornamento era concluso e, retrodatando l'atlante al 1712, lo si poté stampare nel 1713 a Milano. L'opera conta 62 carte geografiche incise in rame. Vi sono raffigurate un'Europa, tra le poche mappe che rechi una data -il 1710- essendoci il 1711 per le altre datate, la Spagna con 7 carte, la Francia con 13, l'Italia con 26 carte geografiche, l'Impero con 15 fogli. L'opera mostrava visivamente la diffusione dell'ordine, infatti le diverse carte dell'atlante, che rappresentano nazioni e province, offrono per ognuna di esse la statistica completa dei conventi. Questa edizione definitiva del 1712 presenta le carte totalmente differenti, aggiornate ed arricchite. Incisione in rame, in ottimo stato di cons … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2017-05-16 15:20:24
Giovanni Battista da Cassine
Carta geografica tratta dalla "Chorographica Descriptio Provinciarum et Conventum.", atlante dell'ordine dei frati cappucini. Si tratta della nuova edizione dell'atlante delle province cappuccine, iniziato in forma manoscritta dal ministro generale dell'ordine, padre Silvestro da Panicale nel 1632, e che doveva servire da sussidio geografico per le visite generali. Alla sua morte il successore Padre Giovanni di Montecaliero, al quale spesso viene erroneamente attribuita la paternità delle carte, incaricò padre Massimino da Guechen di proseguire l'opera, edita per la prima volta a Roma nel 1643. A commissionare a Giovanni Battista da Cassine la Chorographica descriptio Provinciarum, et Conventuum FF. Min. S. Francisci Capucinorum fu Agostino da Latisana, 34° Ministro Generale dei cappuccini dal 1702 fino al 1709. Nell'estate di nove anni dopo, l'attento lavoro di rettifica ed aggiornamento era concluso e, retrodatando l'atlante al 1712, lo si poté stampare nel 1713 a Milano. L'opera conta 62 carte geografiche incise in rame. Vi sono raffigurate un'Europa, tra le poche mappe che rechi una data -il 1710- essendoci il 1711 per le altre datate, la Spagna con 7 carte, la Francia con 13, l'Italia con 26 carte geografiche, l'Impero con 15 fogli. L'opera mostrava visivamente la diffusione dell'ordine, infatti le diverse carte dell'atlante, che rappresentano nazioni e province, offrono per ognuna di esse la statistica completa dei conventi. Questa edizione definitiva del 1712 presenta le carte totalmente differenti, aggiornate ed arricchite. Incisione in rame, in ottimo stato di cons … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2017-05-16 15:20:24
Giovanni Battista da Cassine
Carta geografica tratta dalla "Chorographica Descriptio Provinciarum et Conventum.", atlante dell'ordine dei frati cappucini. Si tratta della nuova edizione dell'atlante delle province cappuccine, iniziato in forma manoscritta dal ministro generale dell'ordine, padre Silvestro da Panicale nel 1632, e che doveva servire da sussidio geografico per le visite generali. Alla sua morte il successore Padre Giovanni di Montecaliero, al quale spesso viene erroneamente attribuita la paternità delle carte, incaricò padre Massimino da Guechen di proseguire l'opera, edita per la prima volta a Roma nel 1643. A commissionare a Giovanni Battista da Cassine la Chorographica descriptio Provinciarum, et Conventuum FF. Min. S. Francisci Capucinorum fu Agostino da Latisana, 34° Ministro Generale dei cappuccini dal 1702 fino al 1709. Nell'estate di nove anni dopo, l'attento lavoro di rettifica ed aggiornamento era concluso e, retrodatando l'atlante al 1712, lo si poté stampare nel 1713 a Milano. L'opera conta 62 carte geografiche incise in rame. Vi sono raffigurate un'Europa, tra le poche mappe che rechi una data -il 1710- essendoci il 1711 per le altre datate, la Spagna con 7 carte, la Francia con 13, l'Italia con 26 carte geografiche, l'Impero con 15 fogli. L'opera mostrava visivamente la diffusione dell'ordine, infatti le diverse carte dell'atlante, che rappresentano nazioni e province, offrono per ognuna di esse la statistica completa dei conventi. Questa edizione definitiva del 1712 presenta le carte totalmente differenti, aggiornate ed arricchite. Incisione in rame, in ottimo stato di cons … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2017-05-16 15:20:24
Giovanni Battista da Cassine
Milano, 1712. Carta geografica tratta dalla "Chorographica Descriptio Provinciarum et Conventum.", atlante dell'ordine dei frati cappucini. Si tratta della nuova edizione dell'atlante delle province cappuccine, iniziato in forma manoscritta dal ministro generale dell'ordine, padre Silvestro da Panicale nel 1632, e che doveva servire da sussidio geografico per le visite generali. Alla sua morte il successore Padre Giovanni di Montecaliero, al quale spesso viene erroneamente attribuita la paternità delle carte, incaricò padre Massimino da Guechen di proseguire l'opera, edita per la prima volta a Roma nel 1643. A commissionare a Giovanni Battista da Cassine la Chorographica descriptio Provinciarum, et Conventuum FF. Min. S. Francisci Capucinorum fu Agostino da Latisana, 34° Ministro Generale dei cappuccini dal 1702 fino al 1709. Nell'estate di nove anni dopo, l'attento lavoro di rettifica ed aggiornamento era concluso e, retrodatando l'atlante al 1712, lo si poté stampare nel 1713 a Milano. L'opera conta 62 carte geografiche incise in rame. Vi sono raffigurate un'Europa, tra le poche mappe che rechi una data -il 1710- essendoci il 1711 per le altre datate, la Spagna con 7 carte, la Francia con 13, l'Italia con 26 carte geografiche, l'Impero con 15 fogli. L'opera mostrava visivamente la diffusione dell'ordine, infatti le diverse carte dell'atlante, che rappresentano nazioni e province, offrono per ognuna di esse la statistica completa dei conventi. Questa edizione definitiva del 1712 presenta le carte totalmente differenti, aggiornate ed arricchite. Incisione in rame, in ottimo … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2017-05-16 15:20:24
Giovanni Battista da Cassine
Carta geografica tratta dalla "Chorographica Descriptio Provinciarum et Conventum.", atlante dell'ordine dei frati cappucini. Si tratta della nuova edizione dell'atlante delle province cappuccine, iniziato in forma manoscritta dal ministro generale dell'ordine, padre Silvestro da Panicale nel 1632, e che doveva servire da sussidio geografico per le visite generali. Alla sua morte il successore Padre Giovanni di Montecaliero, al quale spesso viene erroneamente attribuita la paternità delle carte, incaricò padre Massimino da Guechen di proseguire l'opera, edita per la prima volta a Roma nel 1643. A commissionare a Giovanni Battista da Cassine la Chorographica descriptio Provinciarum, et Conventuum FF. Min. S. Francisci Capucinorum fu Agostino da Latisana, 34° Ministro Generale dei cappuccini dal 1702 fino al 1709. Nell'estate di nove anni dopo, l'attento lavoro di rettifica ed aggiornamento era concluso e, retrodatando l'atlante al 1712, lo si poté stampare nel 1713 a Milano. L'opera conta 62 carte geografiche incise in rame. Vi sono raffigurate un'Europa, tra le poche mappe che rechi una data -il 1710- essendoci il 1711 per le altre datate, la Spagna con 7 carte, la Francia con 13, l'Italia con 26 carte geografiche, l'Impero con 15 fogli. L'opera mostrava visivamente la diffusione dell'ordine, infatti le diverse carte dell'atlante, che rappresentano nazioni e province, offrono per ognuna di esse la statistica completa dei conventi. Questa edizione definitiva del 1712 presenta le carte totalmente differenti, aggiornate ed arricchite. Incisione in rame, in ottimo stato di cons … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2017-05-16 15:20:24
Giovanni Battista da Cassine
Milano, 1712. Carta geografica tratta dalla "Chorographica Descriptio Provinciarum et Conventum.", atlante dell'ordine dei frati cappucini. Si tratta della nuova edizione dell'atlante delle province cappuccine, iniziato in forma manoscritta dal ministro generale dell'ordine, padre Silvestro da Panicale nel 1632, e che doveva servire da sussidio geografico per le visite generali. Alla sua morte il successore Padre Giovanni di Montecaliero, al quale spesso viene erroneamente attribuita la paternità delle carte, incaricò padre Massimino da Guechen di proseguire l'opera, edita per la prima volta a Roma nel 1643. A commissionare a Giovanni Battista da Cassine la Chorographica descriptio Provinciarum, et Conventuum FF. Min. S. Francisci Capucinorum fu Agostino da Latisana, 34° Ministro Generale dei cappuccini dal 1702 fino al 1709. Nell'estate di nove anni dopo, l'attento lavoro di rettifica ed aggiornamento era concluso e, retrodatando l'atlante al 1712, lo si poté stampare nel 1713 a Milano. L'opera conta 62 carte geografiche incise in rame. Vi sono raffigurate un'Europa, tra le poche mappe che rechi una data -il 1710- essendoci il 1711 per le altre datate, la Spagna con 7 carte, la Francia con 13, l'Italia con 26 carte geografiche, l'Impero con 15 fogli. L'opera mostrava visivamente la diffusione dell'ordine, infatti le diverse carte dell'atlante, che rappresentano nazioni e province, offrono per ognuna di esse la statistica completa dei conventi. Questa edizione definitiva del 1712 presenta le carte totalmente differenti, aggiornate ed arricchite. Incisione in rame, in ottimo … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2017-05-16 15:20:24
Giovanni Battista da Cassine
- PRIMO STATO DELLA LASTRA, AVANTI LA NAVE NEL MAR ADRIATICO - Carta geografica tratta dalla "Chorographica Descriptio Provinciarum et Conventum.", atlante dell'ordine dei frati cappucini. Si tratta della nuova edizione dell'atlante delle province cappuccine, iniziato in forma manoscritta dal ministro generale dell'ordine, padre Silvestro da Panicale nel 1632, e che doveva servire da sussidio geografico per le visite generali. Alla sua morte il successore Padre Giovanni di Montecaliero, al quale spesso viene erroneamente attribuita la paternità delle carte, incaricò padre Massimino da Guechen di proseguire l'opera, edita per la prima volta a Roma nel 1643. A commissionare a Giovanni Battista da Cassine la Chorographica descriptio Provinciarum, et Conventuum FF. Min. S. Francisci Capucinorum fu Agostino da Latisana, 34° Ministro Generale dei cappuccini dal 1702 fino al 1709. Nell'estate di nove anni dopo, l'attento lavoro di rettifica ed aggiornamento era concluso e, retrodatando l'atlante al 1712, lo si poté stampare nel 1713 a Milano. L'opera conta 62 carte geografiche incise in rame. Vi sono raffigurate un'Europa, tra le poche mappe che rechi una data -il 1710- essendoci il 1711 per le altre datate, la Spagna con 7 carte, la Francia con 13, l'Italia con 26 carte geografiche, l'Impero con 15 fogli. L'opera mostrava visivamente la diffusione dell'ordine, infatti le diverse carte dell'atlante, che rappresentano nazioni e province, offrono per ognuna di esse la statistica completa dei conventi. Questa edizione definitiva del 1712 presenta le carte totalmente differenti, aggio … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2017-05-16 15:20:24
Giovanni Battista da Cassine
Milano, 1712. Carta geografica tratta dalla "Chorographica Descriptio Provinciarum et Conventum.", atlante dell'ordine dei frati cappucini. Si tratta della nuova edizione dell'atlante delle province cappuccine, iniziato in forma manoscritta dal ministro generale dell'ordine, padre Silvestro da Panicale nel 1632, e che doveva servire da sussidio geografico per le visite generali. Alla sua morte il successore Padre Giovanni di Montecaliero, al quale spesso viene erroneamente attribuita la paternità delle carte, incaricò padre Massimino da Guechen di proseguire l'opera, edita per la prima volta a Roma nel 1643. A commissionare a Giovanni Battista da Cassine la Chorographica descriptio Provinciarum, et Conventuum FF. Min. S. Francisci Capucinorum fu Agostino da Latisana, 34° Ministro Generale dei cappuccini dal 1702 fino al 1709. Nell'estate di nove anni dopo, l'attento lavoro di rettifica ed aggiornamento era concluso e, retrodatando l'atlante al 1712, lo si poté stampare nel 1713 a Milano. L'opera conta 62 carte geografiche incise in rame. Vi sono raffigurate un'Europa, tra le poche mappe che rechi una data -il 1710- essendoci il 1711 per le altre datate, la Spagna con 7 carte, la Francia con 13, l'Italia con 26 carte geografiche, l'Impero con 15 fogli. L'opera mostrava visivamente la diffusione dell'ordine, infatti le diverse carte dell'atlante, che rappresentano nazioni e province, offrono per ognuna di esse la statistica completa dei conventi. Questa edizione definitiva del 1712 presenta le carte totalmente differenti, aggiornate ed arricchite. Incisione in rame, in ottimo … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2017-05-16 15:20:24
Giovanni Battista da Cassine
Carta geografica tratta dalla "Chorographica Descriptio Provinciarum et Conventum.", atlante dell'ordine dei frati cappucini. Si tratta della nuova edizione dell'atlante delle province cappuccine, iniziato in forma manoscritta dal ministro generale dell'ordine, padre Silvestro da Panicale nel 1632, e che doveva servire da sussidio geografico per le visite generali. Alla sua morte il successore Padre Giovanni di Montecaliero, al quale spesso viene erroneamente attribuita la paternità delle carte, incaricò padre Massimino da Guechen di proseguire l'opera, edita per la prima volta a Roma nel 1643. A commissionare a Giovanni Battista da Cassine la Chorographica descriptio Provinciarum, et Conventuum FF. Min. S. Francisci Capucinorum fu Agostino da Latisana, 34° Ministro Generale dei cappuccini dal 1702 fino al 1709. Nell'estate di nove anni dopo, l'attento lavoro di rettifica ed aggiornamento era concluso e, retrodatando l'atlante al 1712, lo si poté stampare nel 1713 a Milano. L'opera conta 62 carte geografiche incise in rame. Vi sono raffigurate un'Europa, tra le poche mappe che rechi una data -il 1710- essendoci il 1711 per le altre datate, la Spagna con 7 carte, la Francia con 13, l'Italia con 26 carte geografiche, l'Impero con 15 fogli. L'opera mostrava visivamente la diffusione dell'ordine, infatti le diverse carte dell'atlante, che rappresentano nazioni e province, offrono per ognuna di esse la statistica completa dei conventi. Questa edizione definitiva del 1712 presenta le carte totalmente differenti, aggiornate ed arricchite. Incisione in rame, in ottimo stato di cons … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2017-05-16 15:18:44
Giovanni MONTECALERIO (da Montecalerio) (1578 - 1654)
1712. Carta geografica tratta dalla "Chorographica Descriptio Provinciarum et Conventum....", atlante dell'ordine dei frati cappucini. L'atlante delle province cappuccine era stato iniziato in forma manoscritta dal ministro generale dell'ordine, padre Silvestro da Panicale nel 1632 e doveva servire da sussidio geografico per le visite generali. Alla sua morte il successore Padre Giovanni di Montecaliero, al quale spesso viene erroneamente attribuita la paternità delle carte, incaricò padre Massimino da Guechen di proseguire l'opera. Gli incisori delle lastre furono appunto Massimino da Guechen, Bernardino Burdigalensis e Ludovico Monteregali. La prima edizione fu stampata a Roma nel 1643, la seconda a Torino nel 1649 e quindi nel 1654 ed infine un'altra uscì nel 1712. Per convenzione attribuiamo le mappe al Montecalerio. L'opera mostrava visivamente la diffusione dell'ordine, infatti le diverse carte dell'atlante, che rappresentano nazioni e province, offrono per ognuna di esse la statistica completa dei conventi. Questa edizione definitiva del 1712 presenta le carte totalmente differenti, aggiornate ed arricchite. Stampata a Milano da Giovanni Battista Cassini. Incisione in rame, lievissima gora d'acqua, per il resto in ottimo stato di conservazione. Rara. Milano Milan 330 235
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-05-16 15:18:44
Giovanni MONTECALERIO (da Montecalerio) (1578 - 1654)
1712. Carta geografica tratta dalla "Chorographica Descriptio Provinciarum et Conventum....", atlante dell'ordine dei frati cappucini. L'atlante delle province cappuccine era stato iniziato in forma manoscritta dal ministro generale dell'ordine, padre Silvestro da Panicale nel 1632 e doveva servire da sussidio geografico per le visite generali. Alla sua morte il successore Padre Giovanni di Montecaliero, al quale spesso viene erroneamente attribuita la paternità delle carte, incaricò padre Massimino da Guechen di proseguire l'opera. Gli incisori delle lastre furono appunto Massimino da Guechen, Bernardino Burdigalensis e Ludovico Monteregali. La prima edizione fu stampata a Roma nel 1643, la seconda a Torino nel 1649 e quindi nel 1654 ed infine un'altra uscì nel 1712. Per convenzione attribuiamo le mappe al Montecalerio. L'opera mostrava visivamente la diffusione dell'ordine, infatti le diverse carte dell'atlante, che rappresentano nazioni e province, offrono per ognuna di esse la statistica completa dei conventi. Questa edizione definitiva del 1712 presenta le carte totalmente differenti, aggiornate ed arricchite. Stampata a Milano da Giovanni Battista Cassini. Incisione in rame, in ottimo stato di conservazione. Milano Milan 340 240
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-05-16 15:18:44
Giovanni MONTECALERIO (da Montecalerio) (1578 - 1654)
1712. Carta geografica tratta dalla "Chorographica Descriptio Provinciarum et Conventum....", atlante dell'ordine dei frati cappucini. L'atlante delle province cappuccine era stato iniziato in forma manoscritta dal ministro generale dell'ordine, padre Silvestro da Panicale nel 1632 e doveva servire da sussidio geografico per le visite generali. Alla sua morte il successore Padre Giovanni di Montecaliero, al quale spesso viene erroneamente attribuita la paternità delle carte, incaricò padre Massimino da Guechen di proseguire l'opera. Gli incisori delle lastre furono appunto Massimino da Guechen, Bernardino Burdigalensis e Ludovico Monteregali. La prima edizione fu stampata a Roma nel 1643, la seconda a Torino nel 1649 e quindi nel 1654 ed infine un'altra uscì nel 1712. Per convenzione attribuiamo le mappe al Montecalerio. L'opera mostrava visivamente la diffusione dell'ordine, infatti le diverse carte dell'atlante, che rappresentano nazioni e province, offrono per ognuna di esse la statistica completa dei conventi. Questa edizione definitiva del 1712 presenta le carte totalmente differenti, aggiornate ed arricchite. Stampata a Milano da Giovanni Battista Cassini. Incisione in rame, lievissima gora d'acqua, per il resto in ottimo stato di conservazione. Rara. Taken from the "Chorographica Descriptio Provinciaru & Conventum....". Copperplate, fine original colour, very good condition. Rare. Milano Milan 330 220
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-05-16 15:18:44
Giovanni Battista da Cassine
Carta geografica tratta dalla "Chorographica Descriptio Provinciarum et Conventum.", atlante dell'ordine dei frati cappucini. Si tratta della nuova edizione dell'atlante delle province cappuccine, iniziato in forma manoscritta dal ministro generale dell'ordine, padre Silvestro da Panicale nel 1632, e che doveva servire da sussidio geografico per le visite generali. Alla sua morte il successore Padre Giovanni di Montecaliero, al quale spesso viene erroneamente attribuita la paternità delle carte, incaricò padre Massimino da Guechen di proseguire l'opera, edita per la prima volta a Roma nel 1643. A commissionare a Giovanni Battista da Cassine la Chorographica descriptio Provinciarum, et Conventuum FF. Min. S. Francisci Capucinorum fu Agostino da Latisana, 34° Ministro Generale dei cappuccini dal 1702 fino al 1709. Nell'estate di nove anni dopo, l'attento lavoro di rettifica ed aggiornamento era concluso e, retrodatando l'atlante al 1712, lo si poté stampare nel 1713 a Milano. L'opera conta 62 carte geografiche incise in rame. Vi sono raffigurate un'Europa, tra le poche mappe che rechi una data -il 1710- essendoci il 1711 per le altre datate, la Spagna con 7 carte, la Francia con 13, l'Italia con 26 carte geografiche, l'Impero con 15 fogli. L'opera mostrava visivamente la diffusione dell'ordine, infatti le diverse carte dell'atlante, che rappresentano nazioni e province, offrono per ognuna di esse la statistica completa dei conventi. Questa edizione definitiva del 1712 presenta le carte totalmente differenti, aggiornate ed arricchite. Incisione in rame, in ottimo stato di cons … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2017-05-16 15:18:44
Giovanni Battista da Cassine
Carta geografica tratta dalla "Chorographica Descriptio Provinciarum et Conventum.", atlante dell'ordine dei frati cappucini. Si tratta della nuova edizione dell'atlante delle province cappuccine, iniziato in forma manoscritta dal ministro generale dell'ordine, padre Silvestro da Panicale nel 1632, e che doveva servire da sussidio geografico per le visite generali. Alla sua morte il successore Padre Giovanni di Montecaliero, al quale spesso viene erroneamente attribuita la paternità delle carte, incaricò padre Massimino da Guechen di proseguire l'opera, edita per la prima volta a Roma nel 1643. A commissionare a Giovanni Battista da Cassine la Chorographica descriptio Provinciarum, et Conventuum FF. Min. S. Francisci Capucinorum fu Agostino da Latisana, 34° Ministro Generale dei cappuccini dal 1702 fino al 1709. Nell'estate di nove anni dopo, l'attento lavoro di rettifica ed aggiornamento era concluso e, retrodatando l'atlante al 1712, lo si poté stampare nel 1713 a Milano. L'opera conta 62 carte geografiche incise in rame. Vi sono raffigurate un'Europa, tra le poche mappe che rechi una data -il 1710- essendoci il 1711 per le altre datate, la Spagna con 7 carte, la Francia con 13, l'Italia con 26 carte geografiche, l'Impero con 15 fogli. L'opera mostrava visivamente la diffusione dell'ordine, infatti le diverse carte dell'atlante, che rappresentano nazioni e province, offrono per ognuna di esse la statistica completa dei conventi. Questa edizione definitiva del 1712 presenta le carte totalmente differenti, aggiornate ed arricchite. Incisione in rame, in ottimo stato di cons … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2017-05-16 15:18:44
Giovanni Battista da Cassine
Carta geografica tratta dalla "Chorographica Descriptio Provinciarum et Conventum.", atlante dell'ordine dei frati cappucini. Si tratta della nuova edizione dell'atlante delle province cappuccine, iniziato in forma manoscritta dal ministro generale dell'ordine, padre Silvestro da Panicale nel 1632, e che doveva servire da sussidio geografico per le visite generali. Alla sua morte il successore Padre Giovanni di Montecaliero, al quale spesso viene erroneamente attribuita la paternità delle carte, incaricò padre Massimino da Guechen di proseguire l'opera, edita per la prima volta a Roma nel 1643. A commissionare a Giovanni Battista da Cassine la Chorographica descriptio Provinciarum, et Conventuum FF. Min. S. Francisci Capucinorum fu Agostino da Latisana, 34° Ministro Generale dei cappuccini dal 1702 fino al 1709. Nell'estate di nove anni dopo, l'attento lavoro di rettifica ed aggiornamento era concluso e, retrodatando l'atlante al 1712, lo si poté stampare nel 1713 a Milano. L'opera conta 62 carte geografiche incise in rame. Vi sono raffigurate un'Europa, tra le poche mappe che rechi una data -il 1710- essendoci il 1711 per le altre datate, la Spagna con 7 carte, la Francia con 13, l'Italia con 26 carte geografiche, l'Impero con 15 fogli. L'opera mostrava visivamente la diffusione dell'ordine, infatti le diverse carte dell'atlante, che rappresentano nazioni e province, offrono per ognuna di esse la statistica completa dei conventi. Questa edizione definitiva del 1712 presenta le carte totalmente differenti, aggiornate ed arricchite. Incisione in rame, in ottimo stato di cons … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2017-05-16 15:18:44
Giovanni Battista da Cassine
Carta geografica tratta dalla "Chorographica Descriptio Provinciarum et Conventum.", atlante dell'ordine dei frati cappucini. Si tratta della nuova edizione dell'atlante delle province cappuccine, iniziato in forma manoscritta dal ministro generale dell'ordine, padre Silvestro da Panicale nel 1632, e che doveva servire da sussidio geografico per le visite generali. Alla sua morte il successore Padre Giovanni di Montecaliero, al quale spesso viene erroneamente attribuita la paternità delle carte, incaricò padre Massimino da Guechen di proseguire l'opera, edita per la prima volta a Roma nel 1643. A commissionare a Giovanni Battista da Cassine la Chorographica descriptio Provinciarum, et Conventuum FF. Min. S. Francisci Capucinorum fu Agostino da Latisana, 34° Ministro Generale dei cappuccini dal 1702 fino al 1709. Nell'estate di nove anni dopo, l'attento lavoro di rettifica ed aggiornamento era concluso e, retrodatando l'atlante al 1712, lo si poté stampare nel 1713 a Milano. L'opera conta 62 carte geografiche incise in rame. Vi sono raffigurate un'Europa, tra le poche mappe che rechi una data -il 1710- essendoci il 1711 per le altre datate, la Spagna con 7 carte, la Francia con 13, l'Italia con 26 carte geografiche, l'Impero con 15 fogli. L'opera mostrava visivamente la diffusione dell'ordine, infatti le diverse carte dell'atlante, che rappresentano nazioni e province, offrono per ognuna di esse la statistica completa dei conventi. Questa edizione definitiva del 1712 presenta le carte totalmente differenti, aggiornate ed arricchite. Incisione in rame, in ottimo stato di cons … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2017-05-16 15:18:44
Giovanni Battista da Cassine
- PRIMO STATO DELLA LASTRA, AVANTI LA NAVE NEL MAR JONIO - Carta geografica tratta dalla "Chorographica Descriptio Provinciarum et Conventum.", atlante dell'ordine dei frati cappucini. Si tratta della nuova edizione dell'atlante delle province cappuccine, iniziato in forma manoscritta dal ministro generale dell'ordine, padre Silvestro da Panicale nel 1632, e che doveva servire da sussidio geografico per le visite generali. Alla sua morte il successore Padre Giovanni di Montecaliero, al quale spesso viene erroneamente attribuita la paternità delle carte, incaricò padre Massimino da Guechen di proseguire l'opera, edita per la prima volta a Roma nel 1643. A commissionare a Giovanni Battista da Cassine la Chorographica descriptio Provinciarum, et Conventuum FF. Min. S. Francisci Capucinorum fu Agostino da Latisana, 34° Ministro Generale dei cappuccini dal 1702 fino al 1709. Nell'estate di nove anni dopo, l'attento lavoro di rettifica ed aggiornamento era concluso e, retrodatando l'atlante al 1712, lo si poté stampare nel 1713 a Milano. L'opera conta 62 carte geografiche incise in rame. Vi sono raffigurate un'Europa, tra le poche mappe che rechi una data -il 1710- essendoci il 1711 per le altre datate, la Spagna con 7 carte, la Francia con 13, l'Italia con 26 carte geografiche, l'Impero con 15 fogli. L'opera mostrava visivamente la diffusione dell'ordine, infatti le diverse carte dell'atlante, che rappresentano nazioni e province, offrono per ognuna di esse la statistica completa dei conventi. Questa edizione definitiva del 1712 presenta le carte totalmente differenti, aggiornat … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2017-05-16 15:18:44
Giovanni Battista da Cassine
Milano, 1712. - PRIMO STATO DELLA LASTRA, CON IL CARTIGLIO BIANCO - CCarta geografica tratta dalla "Chorographica Descriptio Provinciarum et Conventum.", atlante dell'ordine dei frati cappucini. Si tratta della nuova edizione dell'atlante delle province cappuccine, iniziato in forma manoscritta dal ministro generale dell'ordine, padre Silvestro da Panicale nel 1632, e che doveva servire da sussidio geografico per le visite generali. Alla sua morte il successore Padre Giovanni di Montecaliero, al quale spesso viene erroneamente attribuita la paternità delle carte, incaricò padre Massimino da Guechen di proseguire l'opera, edita per la prima volta a Roma nel 1643. A commissionare a Giovanni Battista da Cassine la Chorographica descriptio Provinciarum, et Conventuum FF. Min. S. Francisci Capucinorum fu Agostino da Latisana, 34° Ministro Generale dei cappuccini dal 1702 fino al 1709. Nell'estate di nove anni dopo, l'attento lavoro di rettifica ed aggiornamento era concluso e, retrodatando l'atlante al 1712, lo si poté stampare nel 1713 a Milano. L'opera conta 62 carte geografiche incise in rame. Vi sono raffigurate un'Europa, tra le poche mappe che rechi una data -il 1710- essendoci il 1711 per le altre datate, la Spagna con 7 carte, la Francia con 13, l'Italia con 26 carte geografiche, l'Impero con 15 fogli. L'opera mostrava visivamente la diffusione dell'ordine, infatti le diverse carte dell'atlante, che rappresentano nazioni e province, offrono per ognuna di esse la statistica completa dei conventi. Questa edizione definitiva del 1712 presenta le carte totalmente differenti, … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2017-05-16 15:18:44
Giovanni Battista da Cassine
Milano, 1712. Carta geografica tratta dalla "Chorographica Descriptio Provinciarum et Conventum.", atlante dell'ordine dei frati cappucini. Si tratta della nuova edizione dell'atlante delle province cappuccine, iniziato in forma manoscritta dal ministro generale dell'ordine, padre Silvestro da Panicale nel 1632, e che doveva servire da sussidio geografico per le visite generali. Alla sua morte il successore Padre Giovanni di Montecaliero, al quale spesso viene erroneamente attribuita la paternità delle carte, incaricò padre Massimino da Guechen di proseguire l'opera, edita per la prima volta a Roma nel 1643. A commissionare a Giovanni Battista da Cassine la Chorographica descriptio Provinciarum, et Conventuum FF. Min. S. Francisci Capucinorum fu Agostino da Latisana, 34° Ministro Generale dei cappuccini dal 1702 fino al 1709. Nell'estate di nove anni dopo, l'attento lavoro di rettifica ed aggiornamento era concluso e, retrodatando l'atlante al 1712, lo si poté stampare nel 1713 a Milano. L'opera conta 62 carte geografiche incise in rame. Vi sono raffigurate un'Europa, tra le poche mappe che rechi una data -il 1710- essendoci il 1711 per le altre datate, la Spagna con 7 carte, la Francia con 13, l'Italia con 26 carte geografiche, l'Impero con 15 fogli. L'opera mostrava visivamente la diffusione dell'ordine, infatti le diverse carte dell'atlante, che rappresentano nazioni e province, offrono per ognuna di esse la statistica completa dei conventi. Questa edizione definitiva del 1712 presenta le carte totalmente differenti, aggiornate ed arricchite. Incisione in rame, in ottimo … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2017-05-16 15:18:44
Giovanni Battista da Cassine
Milano, 1712. Carta geografica tratta dalla "Chorographica Descriptio Provinciarum et Conventum.", atlante dell'ordine dei frati cappucini. Si tratta della nuova edizione dell'atlante delle province cappuccine, iniziato in forma manoscritta dal ministro generale dell'ordine, padre Silvestro da Panicale nel 1632, e che doveva servire da sussidio geografico per le visite generali. Alla sua morte il successore Padre Giovanni di Montecaliero, al quale spesso viene erroneamente attribuita la paternità delle carte, incaricò padre Massimino da Guechen di proseguire l'opera, edita per la prima volta a Roma nel 1643. A commissionare a Giovanni Battista da Cassine la Chorographica descriptio Provinciarum, et Conventuum FF. Min. S. Francisci Capucinorum fu Agostino da Latisana, 34° Ministro Generale dei cappuccini dal 1702 fino al 1709. Nell'estate di nove anni dopo, l'attento lavoro di rettifica ed aggiornamento era concluso e, retrodatando l'atlante al 1712, lo si poté stampare nel 1713 a Milano. L'opera conta 62 carte geografiche incise in rame. Vi sono raffigurate un'Europa, tra le poche mappe che rechi una data -il 1710- essendoci il 1711 per le altre datate, la Spagna con 7 carte, la Francia con 13, l'Italia con 26 carte geografiche, l'Impero con 15 fogli. L'opera mostrava visivamente la diffusione dell'ordine, infatti le diverse carte dell'atlante, che rappresentano nazioni e province, offrono per ognuna di esse la statistica completa dei conventi. Questa edizione definitiva del 1712 presenta le carte totalmente differenti, aggiornate ed arricchite. Incisione in rame, in ottimo … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2017-05-16 15:18:44
Giovanni Battista da Cassine
Carta geografica tratta dalla "Chorographica Descriptio Provinciarum et Conventum.", atlante dell'ordine dei frati cappucini. Si tratta della nuova edizione dell'atlante delle province cappuccine, iniziato in forma manoscritta dal ministro generale dell'ordine, padre Silvestro da Panicale nel 1632, e che doveva servire da sussidio geografico per le visite generali. Alla sua morte il successore Padre Giovanni di Montecaliero, al quale spesso viene erroneamente attribuita la paternità delle carte, incaricò padre Massimino da Guechen di proseguire l'opera, edita per la prima volta a Roma nel 1643. A commissionare a Giovanni Battista da Cassine la Chorographica descriptio Provinciarum, et Conventuum FF. Min. S. Francisci Capucinorum fu Agostino da Latisana, 34° Ministro Generale dei cappuccini dal 1702 fino al 1709. Nell'estate di nove anni dopo, l'attento lavoro di rettifica ed aggiornamento era concluso e, retrodatando l'atlante al 1712, lo si poté stampare nel 1713 a Milano. L'opera conta 62 carte geografiche incise in rame. Vi sono raffigurate un'Europa, tra le poche mappe che rechi una data -il 1710- essendoci il 1711 per le altre datate, la Spagna con 7 carte, la Francia con 13, l'Italia con 26 carte geografiche, l'Impero con 15 fogli. L'opera mostrava visivamente la diffusione dell'ordine, infatti le diverse carte dell'atlante, che rappresentano nazioni e province, offrono per ognuna di esse la statistica completa dei conventi. Questa edizione definitiva del 1712 presenta le carte totalmente differenti, aggiornate ed arricchite. Incisione in rame, in ottimo stato di cons … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2017-05-16 15:18:44
Giovanni Battista da Cassine
Carta geografica tratta dalla "Chorographica Descriptio Provinciarum et Conventum.", atlante dell'ordine dei frati cappucini. Si tratta della nuova edizione dell'atlante delle province cappuccine, iniziato in forma manoscritta dal ministro generale dell'ordine, padre Silvestro da Panicale nel 1632, e che doveva servire da sussidio geografico per le visite generali. Alla sua morte il successore Padre Giovanni di Montecaliero, al quale spesso viene erroneamente attribuita la paternità delle carte, incaricò padre Massimino da Guechen di proseguire l'opera, edita per la prima volta a Roma nel 1643. A commissionare a Giovanni Battista da Cassine la Chorographica descriptio Provinciarum, et Conventuum FF. Min. S. Francisci Capucinorum fu Agostino da Latisana, 34° Ministro Generale dei cappuccini dal 1702 fino al 1709. Nell'estate di nove anni dopo, l'attento lavoro di rettifica ed aggiornamento era concluso e, retrodatando l'atlante al 1712, lo si poté stampare nel 1713 a Milano. L'opera conta 62 carte geografiche incise in rame. Vi sono raffigurate un'Europa, tra le poche mappe che rechi una data -il 1710- essendoci il 1711 per le altre datate, la Spagna con 7 carte, la Francia con 13, l'Italia con 26 carte geografiche, l'Impero con 15 fogli. L'opera mostrava visivamente la diffusione dell'ordine, infatti le diverse carte dell'atlante, che rappresentano nazioni e province, offrono per ognuna di esse la statistica completa dei conventi. Questa edizione definitiva del 1712 presenta le carte totalmente differenti, aggiornate ed arricchite. Incisione in rame, in ottimo stato di cons … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2017-05-16 15:18:44
Giovanni Battista da Cassine
- PRIMO STATO DELLA LASTRA, AVANTI LA NAVE NEL GOLFO DI GAETA - Carta geografica tratta dalla "Chorographica Descriptio Provinciarum et Conventum.", atlante dell'ordine dei frati cappucini. Si tratta della nuova edizione dell'atlante delle province cappuccine, iniziato in forma manoscritta dal ministro generale dell'ordine, padre Silvestro da Panicale nel 1632, e che doveva servire da sussidio geografico per le visite generali. Alla sua morte il successore Padre Giovanni di Montecaliero, al quale spesso viene erroneamente attribuita la paternità delle carte, incaricò padre Massimino da Guechen di proseguire l'opera, edita per la prima volta a Roma nel 1643. A commissionare a Giovanni Battista da Cassine la Chorographica descriptio Provinciarum, et Conventuum FF. Min. S. Francisci Capucinorum fu Agostino da Latisana, 34° Ministro Generale dei cappuccini dal 1702 fino al 1709. Nell'estate di nove anni dopo, l'attento lavoro di rettifica ed aggiornamento era concluso e, retrodatando l'atlante al 1712, lo si poté stampare nel 1713 a Milano. L'opera conta 62 carte geografiche incise in rame. Vi sono raffigurate un'Europa, tra le poche mappe che rechi una data -il 1710- essendoci il 1711 per le altre datate, la Spagna con 7 carte, la Francia con 13, l'Italia con 26 carte geografiche, l'Impero con 15 fogli. L'opera mostrava visivamente la diffusione dell'ordine, infatti le diverse carte dell'atlante, che rappresentano nazioni e province, offrono per ognuna di esse la statistica completa dei conventi. Questa edizione definitiva del 1712 presenta le carte totalmente differenti, aggi … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2017-05-16 15:18:44
Giovanni Battista da Cassine
Carta geografica tratta dalla "Chorographica Descriptio Provinciarum et Conventum.", atlante dell'ordine dei frati cappucini. Si tratta della nuova edizione dell'atlante delle province cappuccine, iniziato in forma manoscritta dal ministro generale dell'ordine, padre Silvestro da Panicale nel 1632, e che doveva servire da sussidio geografico per le visite generali. Alla sua morte il successore Padre Giovanni di Montecaliero, al quale spesso viene erroneamente attribuita la paternità delle carte, incaricò padre Massimino da Guechen di proseguire l'opera, edita per la prima volta a Roma nel 1643. A commissionare a Giovanni Battista da Cassine la Chorographica descriptio Provinciarum, et Conventuum FF. Min. S. Francisci Capucinorum fu Agostino da Latisana, 34° Ministro Generale dei cappuccini dal 1702 fino al 1709. Nell'estate di nove anni dopo, l'attento lavoro di rettifica ed aggiornamento era concluso e, retrodatando l'atlante al 1712, lo si poté stampare nel 1713 a Milano. L'opera conta 62 carte geografiche incise in rame. Vi sono raffigurate un'Europa, tra le poche mappe che rechi una data -il 1710- essendoci il 1711 per le altre datate, la Spagna con 7 carte, la Francia con 13, l'Italia con 26 carte geografiche, l'Impero con 15 fogli. L'opera mostrava visivamente la diffusione dell'ordine, infatti le diverse carte dell'atlante, che rappresentano nazioni e province, offrono per ognuna di esse la statistica completa dei conventi. Questa edizione definitiva del 1712 presenta le carte totalmente differenti, aggiornate ed arricchite. Incisione in rame, in ottimo stato di cons … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2017-05-16 15:18:44
Giovanni Battista da Cassine
Carta geografica tratta dalla "Chorographica Descriptio Provinciarum et Conventum.", atlante dell'ordine dei frati cappucini. Si tratta della nuova edizione dell'atlante delle province cappuccine, iniziato in forma manoscritta dal ministro generale dell'ordine, padre Silvestro da Panicale nel 1632, e che doveva servire da sussidio geografico per le visite generali. Alla sua morte il successore Padre Giovanni di Montecaliero, al quale spesso viene erroneamente attribuita la paternità delle carte, incaricò padre Massimino da Guechen di proseguire l'opera, edita per la prima volta a Roma nel 1643. A commissionare a Giovanni Battista da Cassine la Chorographica descriptio Provinciarum, et Conventuum FF. Min. S. Francisci Capucinorum fu Agostino da Latisana, 34° Ministro Generale dei cappuccini dal 1702 fino al 1709. Nell'estate di nove anni dopo, l'attento lavoro di rettifica ed aggiornamento era concluso e, retrodatando l'atlante al 1712, lo si poté stampare nel 1713 a Milano. L'opera conta 62 carte geografiche incise in rame. Vi sono raffigurate un'Europa, tra le poche mappe che rechi una data -il 1710- essendoci il 1711 per le altre datate, la Spagna con 7 carte, la Francia con 13, l'Italia con 26 carte geografiche, l'Impero con 15 fogli. L'opera mostrava visivamente la diffusione dell'ordine, infatti le diverse carte dell'atlante, che rappresentano nazioni e province, offrono per ognuna di esse la statistica completa dei conventi. Questa edizione definitiva del 1712 presenta le carte totalmente differenti, aggiornate ed arricchite. Incisione in rame, in ottimo stato di cons … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2017-05-15 20:03:12
Bragadin. Nella Stamperia Bragadina, Venice, 1712. 9.25 x 6.5 inches. 268 pages. In Hebrew. Bottom left corner of title page is damaged with no loss of text and professionally repaired. Title page has a very attractive cooper plate engraving of architectural bordert. Attractive modern three quarter leather binding. Includes prayers prior to going to battle and war, Yom Kippur, circumcision rite, to stop excessive rains (that can cause flooding), droughts , etc. 134 leaves. A few pages have drops of candle wax, caused when the slichot were read at night. One page has a tiny hole, probably caused by the candle flame or wax. [Attributes: First Edition; Hard Cover]
Bookseller: Meir Turner [New York, NY, U.S.A.]
2017-05-15 15:42:27
Lassenius [eig. Lassen], Johannes:
Leipzig, Johann Friedrich Gleditsch und Sohn 1712, 4. Auflage. Gr.-8°. Kupfertitel mit Porträt (Ganzfigur in Landschaft mit symbolischer Staffage), 15 Bl. incl. Drucktitel, 1508 (!) S., 21 Bl. Register. Pergament der Zeit auf 5 durchgezogenen Bünden u. mit Dreiseitenrotschnitt, Rückentitel in zeitgenöss. Handschrift; Deckel u. Rücken etwas, nur stellenw. stärker berieben sowie mit leichten Alters- bzw. Schmutzflecken, 2,5 cm Einriß am oberen Vgelenk, ein kleinerer an der oberen Rückenkante. Innendeckel mit div. kl. Siegellack-Resten, Vorsätze mit alten Einträgen u. Namenszug ""Hvon Ledebur"". - Hauptsächlich bis ca. S.800 nicht durchgängig, aber oft mit sehr dünnen Unterstreich. in zeitgenöss. Tinte. Von wenigen Fleckchen abgesehen (nur 2 tiefschwarz, geringer Buchstabenverlust) sauber und ungebräunt. Hardcover Seit der 1.A. (1687-89) lange erfolgreiches Werk des pommerschen, nach vielen Reisen und Stellungen in Kopenhagen heimisch gewordenen Bußpredigers und Kanzelredners. Vgl. ADB XVII,788 ff. - Diese Sammlung erbaulicher Morgen- u. Abendlektüre durchs ganze Jahr in vorliegender Aufl. ohne die früheren 96 Emblemkupfer, jedoch textlich verbessert, mit 19 S. Biographie, 5 S. Verz. der religiösen u. weltlichen Themen (von Aberglauben bis Zwingen) u. 21 Bl. mit 2 Registern. Am Ende jeder Betrachtung ein 2-10zeiliges Sinngedicht. Dünnhaupt (2.A.) IV, 48.7. Faber du F. II,493 b (Ausg. 1771). M10104 Versandkostenfreie Lieferung Literatur
Bookseller: Antiquariat Carl Wegner [Germany]
2017-05-15 15:16:18
Montecalerio Ioannis
1712. Raffigurazione del tratto costiero dell'entroterra che da Porto Fino giunge fino a Civitavecchia. Tra le località raffigurate: Sestri levante, Sarzana Pisa, Lucca, Firenze, Arezzo, Pistoia, Empoli, Grosseto, Orbetello, Isola d'Elba e parte settentrionale della Corsica. La carta è corredata da un foglio in cui sono riportati alcuni dati riferiti alla regione raffigurata. Per questa edizione della "Chorographica descriptio provinciarum et conventuum...", curata dal ministro provinciale di Milano Giovanni Battista da Cassine su espressa richiesta del Ministro Generale Agostino da Latisana, le tavole furono nuovamente incise con un disegno generale e coordinate geografiche del tutto differenti dalle precedenti edizioni. Gli incisori delle carte di questa edizione sono Simone Durello ed il padre cappuccino Michelangelo de Dinant.
Bookseller: Libreria Trippini Sergio
2017-05-15 15:16:18
Montecalerio Ioannis
1712. Carta geografica raffigurante il territorio svizzero e il sud ovest della Germania
Bookseller: Libreria Trippini Sergio
2017-05-15 13:37:13
Pierre Marteau, Köln (=Holland). Inter.Pappband d.Z. Unbeschnitten und vereinz. fleckig. Mit gest. Front. Vgl. Roger de Bussy-Rabutin, Histoire amoureuse des Gaules, 1858 (Tome III, pp. 185-204). Madame du Roure étoit Marie-Anne-Louise de Caumont La Force, fille de Jacques-Nompar de Caumont, duc de La Force, et de Marie de Saint-Simon-Courtaumer. Elle avoit été fille d¿honneur de madame la Dauphine. Elle épousa, le 8 mars 1688, Louis-Scipion III de Grimoard de Beauvoir, chevalier, comte du Roure, marquis de Grisac, capitaine de chevau-légers, lieutenant général pour le Roi en Languedoc. La mère de celui-ci étoit cette même mademoiselle d¿Artigny que nous avons vue auprès de mademoiselle de La Vallière. Lt.KVK kein Expl. der 2.Aufl.verfügbar.Zettelkatalog Uni Kassel weist Ausgabe 1712 aus ist aber lt. Zettel die Erstausgabe von 1696. Sehr selten. [Attributes: Hard Cover]
Bookseller: Antiquariat Mahrenholz [Oranienbaum-Wörlitz, Germany]
______________________________________________________________________________


      Home     Wants Manager     Library Search     564 Years   Links     Contact      Search Help      Terms of Service      Privacy     


Copyright © 2020 viaLibri™ Limited. All rights reserved.