The viaLibri website requires cookies to work properly. You can find more information in our Terms of Service and Privacy Policy.

Displayed below are some selected recent viaLibri matches for books published in 1669
2017-06-02 01:39:48
GOOS, Pieter
Jacques & Gasper Anthoine, Amsterdam 1669 - Sea chart. Uncolored copperplate engraving. Image measures 19 7/8" x 22 3/4" This handsome sea chart by Pieter Goos depicts Ireland in its entirety, with the north oriented to the right. The chart also extends to parts of Scotland, England, and France. Also prominently featured are rhumb lines, scales, embellished tall ships, an elegant cartouche, and the harp crest for Ireland and the lion crest for Scotland. This map was published in Goos' "De Zee-Atlas Ofte Water-Weereld" and remains in its original uncolored state, which allows Goos' intricate line work to shine. It is in good condition with some foxing, soiling, and off-setting. Minor chips along border. Bottom of the center seam is separated. Pieter Goos (1616-1675) was a Dutch cartographer, engraver, publisher, printer, and print-seller based in Amsterdam. He belonged to a noted family of cartographers, headed by his father Abraham, who prepared plates for many maps published in the important atlases of the time. His pilot guide, the "Zee-Spiegel," provided some of the first charts of newly explored regions in the West Indies and Western Africa, and his "Zee-Atlas" is considered one of the best sea atlases of its time. This map is a classic example of Goos' high quality, visually appealing sea charts.
Bookseller: Argosy Book Store, ABAA, ILAB
2017-05-31 14:11:52
AUSONE
Ioan. Blaeu, Amstelredami, 1669. un volume in-16 (6 x 11,5cm), 230 (2) pp. Reliure ancienne en veau blond (reliure du xviiie), dos à nerfs orné, pièce de titre, fleurons dorés, roulette sur les coupes, tranches rouges. (coiffes frottées avec des manques, marques d'usure sur les mors, sur les coupes et sur deux coins, exemplaire un peu court de marge, rares rousseurs). Titre gravé. Lettrine et cul-de-lampe. Belle impression de Blaeu pour cette édition portative en petits caractères des oeuvres du littérateur Ausone (aquitaine, 4e siècle après J.-C.). [Attributes: Hard Cover]
Bookseller: Aparté [PEZENAS, France]
2017-05-29 13:45:13
Poole, M.
1669 Wetzer/Welte X, 191, vgl. VD17 12:121964P (spätere Frankfurter Ausgabe).- Vollständige erste Ausgabe des voluminösen und häufig aufgelegten Lebenswerks des englischen Theologen Matthew Poole, der in dieser Synopsis die Kommentare von rund 150 Bibelexegeten versammelt hat. \'A elaborate and much-esteemed work, on which the author spent ten years\' (Lowndes III, 1912).- Mit zweispaltigem Text in lateinischer Sprache. Versand D: 5,00 EUR
Bookseller: Antiquariat Schramm
2017-05-29 13:45:13
Poole, M.
1669 - Wetzer/Welte X, 191, vgl. VD17 12:121964P (spätere Frankfurter Ausgabe).- Vollständige erste Ausgabe des voluminösen und häufig aufgelegten Lebenswerks des englischen Theologen Matthew Poole, der in dieser Synopsis die Kommentare von rund 150 Bibelexegeten versammelt hat. 'A elaborate and much-esteemed work, on which the author spent ten years' (Lowndes III, 1912).- Mit zweispaltigem Text in lateinischer Sprache. Gewicht in Gramm: 500 [Attributes: First Edition]
Bookseller: Antiquariat Daniel Schramm e.K.
2017-05-28 08:21:28
Pérez, Antonio
1669. Apud Danielem Elzevirum. Amstelodami (Amsterdam, Países Bajos). . 1 Vol. . Grabado+portada+6 H.+540 pp.+2 H. de índice pp. Dieciseisavo. Pergamino de época. Derecho (Civil, Diplomático), Idiomas (Latín), Siglo XVII . El jurisconsulto español Antonio Pérez (1583-1672; no confundir con el secretario de Felipe II) redactó este tratado de jurisprudencia, editado en la legendaria imprenta holandesa de la familia Elzevir, ya trasladada desde su ubicación original en Leiden a la de Amsterdam. Anteportada ilustrada con un grabado calcográfico en el que se ve al autor asesorando a un rey ante la presencia de una alegoría de la Justicia. En la portada luce la marca tipográfica del impresor. Encuadernación en pergamino de época con lomera caligrafiada, algo envejecida y con el pergamino oscurecido. El ejemplar pertenece a la décima edición y se encuentra en muy buen estado de conservación.
Bookseller: Librería Anticuaria Astarloa [Bilbao, Spain]
Check availability:
2017-05-27 13:12:17
ARDABIL / Iran (Persien / Persia):
- kolorierter Kupferstich b. Adam Olearius, 1669, 27,5 x 31,5
Bookseller: Antiquariat Norbert Haas
Check availability:
2017-05-26 03:08:08
Boeckler Johann Heinrich, Vorst Johannes, Nepos Cornelius,
Christian Kirchner, Leipzig, 1669. Perg., kl. 8°, nicht pag., 197 Bll., 154 Bll. Index, Kupfertitel, Einband angeschmutzt und an den Außenkanten etwas lädiert, alter Eigentümervermerk und alte Textmarginalien, eine Seite mit einem Einriss, wenige Seiten etwas gelockert [Attributes: Hard Cover]
Bookseller: Antiquariat im Haus der Kunst C. Seibold [Remshalden-Grunbach, WN, Germany]
2017-05-25 16:10:55
Smallegange, Mattheus
Panorama van Middelburg uit de Nieuwe Cronyk van Zeeland, kopergravure uit 1669, door P.J. Mattheus Smallegange (1624 - 1740), Zeeuws historicus, genealoog en vertaler. Afm. (prent) 27 x 67 cm. Later met de hand gekleurd.Prijs: ?875,- (incl lijst, BTW margeregeling).
Bookseller: Inter-Antiquariaat MEFFERDT & DE JONGE
Check availability:
2017-05-25 16:10:55
Smallegange, Mattheus
Panorama van Middelburg uit de Nieuwe Cronyk van Zeeland, kopergravure uit 1669, door P.J. Mattheus Smallegange (1624 - 1740), Zeeuws historicus, genealoog en vertaler. Afm. (prent) 27 x 67 cm. Later met de hand gekleurd.Prijs: ?875,- (incl lijst, BTW margeregeling).
Bookseller: Inter-Antiquariaat MEFFERDT & DE JONGE
Check availability:
2017-05-24 20:12:20
Gale, T[Heophilus]
Hen. Hall for Tho. Gilbert, Oxford 1669 - 8vo 8" - 9" tall; 398 pages; 1669 Hen. Hall for Tho. Gilbert. Oxford. 1st edition. In period full panelled leather, with shallow pitting to surfaces and an old leather reinforcement laid over the upper spine. Marbled paper pastedowns; 2 blanks at front and rear. (30) , 398 pp. 1st edition of the 1st of 4 parts published 1669 - 1677. Prior ownership in several hands to endpages and front matter. "James Conaway('s) Book, 1695" top edge of "Imprimatur" ; to front blank in Latin are ownerships of John Benyon, Oxford and Alexander Mitchell of New Jersey; another illegible top edge of "Advertisement" page. Some scattered mild marginalia in old hand/s and some more recent pencil bracketing. Pages with expected light toning; front free blank tenuously attached. First two blank leaves missing chips from top edge adjacent to spine . Laid in is a manuscript property tax for Rev. Alexander Mitchell, appeal possible at Walter Lilly's tavern East Fallowfield [Lancaster County] dated 1802. Overall Good [Attributes: First Edition; Hard Cover]
Bookseller: DogStar Books
2017-05-24 11:28:37
1669 - Les Sept. Provinces Unies Du Pays-Bas (Holland / Netherlands / etc.) Issued Amsterdam: 1699, by Arnout van Ravestein. Cartography by Sanson et Fils. Engraved by Anthony de Winter. Beautiful 17th century antique engraved map. Outstanding large pictorial cartouche top left depicts Gods and Goddesses, including mermaids. Cartouche richly printed and visually strong. Note bottom blank margin is shaved right to distance graticule line as seen. Aside from lower margin and some light inoffensive age spotting, near VG condition, overall remaining a clean and attractive example. Sheet measures c. 12 3/8" x 8 3/4"Engraved area measures c. 11 5/8" x 8 1/4". Original center fold as issued. Tooleys Dictionary of Mapmakers, vol. 4, p. 102-04. Not found in Koeman, Atlantes Neerlandici (indeed, no cartographic production by van Ravestein is found). Not in Brunet, Tresor de Livres Rares et Precieux. see Phillips, Atlases in Library of Congress, 528 (same source, but issued 1700 by F. Halma and with slightly different author/ title).[R9766]
Bookseller: RareMapsandBooks
2017-05-23 08:29:33
Giovanni Battista FALDA
Roma 1669 - "La ricostruzione di S. Maria in Campitelli fu avviata nel settembre 1662, in luogo di un'altra chiesetta, ed ha origine da un ex-voto delle autorità cittadine (anche se il pontefice partecipò alle spese e seguì la progettazione) all'immagine miracolosa della Madonna custodita nella chiesetta di S. Maria in portico e qui traslata, per aver liberato la città dalla pestilenza che l'aveva colpita nel 1656. Della costruzione fu incaricato l'architetto Carlo Rainaldi. Esemplare dalla prima edizione de" Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII ". In tre volumi, editi da G. G. de Rossi tra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova immagine di Roma, con i suoi palazzi, chiese e giardini, secondo un progetto unitario di espansione urbana, in sintonia con i criteri del colto e raffinato Fabio Chigi : il papa, infatti, decise di aprire nuove strade, di abbellire con fontane e monumenti la città, anche a dimostrazione della potenza finanziaria e culturale della sua famiglia. Prima di allora l'incisione di veduta a Roma, che pure aveva prodotto numerose serie dì stampe da E. Dupérac a G. Lauro, si era interessata principalmente alla ripresa della città antica. Bisognerà attendere proprio il completamento dei rinnovamenti urbanistici e delle realizzazioni architettoniche dei papi seicenteschi, per … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-05-23 08:29:33
Giovanni Battista FALDA (Valduggia, Novara, 1643; Rome, 1678)
1669. "Bella ed accurata veduta del santuario di S. Maria di Galloro, costruita fra il 15 agosto 1624 e il 15 maggio 1633 su disegno di un frate cappuccino, l'architetto P.F. Michele da Bergamo. Nel 1662, per ordine del Papa Alessandro VII, il grande architetto Lorenzo Bernini ampliò la chiesa aggiungendo 2 cappelle, rifacendo la facciata, rivestendo la cupola di piombo e soprattutto costruendo il tempietto dove è collocata l'immagine miracolosa della Madonna. Incisione su rame in ottimo stato di conservazione. Esemplare di primo stato da "" Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII..."". In tre volumi, editi da G. G. de Rossi tra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova immagine di Roma, con i suoi palazzi, chiese e giardini, secondo un progetto unitario di espansione urbana, in sintonia con i criteri del colto e raffinato Fabio Chigi : il papa, infatti, decise di aprire nuove strade, di abbellire con fontane e monumenti la città, anche a dimostrazione della potenza finanziaria e culturale della sua famiglia. Prima di allora l'incisione di veduta a Roma, che pure aveva prodotto numerose serie dì stampe da E. Dupérac a G. Lauro, si era interessata principalmente alla ripresa della città antica. Bisognerà attendere proprio il completamento dei rinnovamenti urbanistici e delle realizzazioni archit … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-05-23 08:29:33
Giovanni Battista FALDA
Roma 1669 - "Bella veduta del complesso di S. Spirito in Sassia. In primo piano, la facciata della chiesa appena restaurata, su disegno di Ottaviano Mascherino. Sul lato sinistro, è ben visibile il Palazzo del Commendatore, ovvero dell'aministratore dell'ospedale, e il Braccio Vecchio della struttura dedicata non solo ai malati, ma anche ai bambini esposti, ovvero ai neonati che venivano abbandonati dalle madri sulla ruota, ancora oggi conservata, detta appunto ruota degli esposti. Incisione su rame in ottimo stato di conservazione. Esemplare di primo stato da " Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII ". In tre volumi, editi da G. G. de Rossi tra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova immagine di Roma, con i suoi palazzi, chiese e giardini, secondo un progetto unitario di espansione urbana, in sintonia con i criteri del colto e raffinato Fabio Chigi : il papa, infatti, decise di aprire nuove strade, di abbellire con fontane e monumenti la città, anche a dimostrazione della potenza finanziaria e culturale della sua famiglia. Prima di allora l'incisione di veduta a Roma, che pure aveva prodotto numerose serie dì stampe da E. Dupérac a G. Lauro, si era interessata principalmente alla ripresa della città antica. Bisognerà attendere proprio il completamento dei rinnovamenti urbanistici e delle re … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-05-23 08:29:33
Giovanni Battista FALDA
Roma 1669 - "Bella veduta della chiesa di San Girolamo degli Schiavoni, anche nota come degli Illirici o dei Croati, che sorge presso via di Ripetta. Venne annessa all’ospizio creato per accogliere i profughi provenienti dall’Illiria e dalla Slavonia donato da Nicolò V alla Congregazione degli Schiavoni (altra forma per Slavoni). Incisione su rame in ottimo stato di conservazione. Esemplare di primo stato da " Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII ". In tre volumi, editi da G. G. de Rossi tra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova immagine di Roma, con i suoi palazzi, chiese e giardini, secondo un progetto unitario di espansione urbana, in sintonia con i criteri del colto e raffinato Fabio Chigi : il papa, infatti, decise di aprire nuove strade, di abbellire con fontane e monumenti la città, anche a dimostrazione della potenza finanziaria e culturale della sua famiglia. Prima di allora l'incisione di veduta a Roma, che pure aveva prodotto numerose serie dì stampe da E. Dupérac a G. Lauro, si era interessata principalmente alla ripresa della città antica. Bisognerà attendere proprio il completamento dei rinnovamenti urbanistici e delle realizzazioni architettoniche dei papi seicenteschi, per assistere alla diffusione di raccolte dedicate alla città moderna. Dopo la morte del Falda … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-05-23 08:29:33
Giovanni Battista FALDA
"Splendida e accurata veduta della chiesa oggi detta dei SS. Domenico e Sisto, con l'adiacente monastero, in Largo Angelicum (via Panisperna). La chiesa fu costruita per volere di Pio V, dedicata al fondatore dell'Ordine dei Domenicani, S.Domenico. insieme all'annesso convento, a seguito delle insistenti suppliche delle Suore Domenicane, desiderose di lasciare il monastero di S.Sisto situato in un luogo infestato dalla malaria. Finalmente nel 1575 le Suore si trasferirono in questa chiesa, anche se non ancora ultimata, denominata poi S.Sisto Nuovo. Gli artefici di quest'opera furono Giacomo Della Porta, Nicola Torriani, Orazio Torriani e Vincenzo Della Greca, che terminò la facciata nel 1655. Incisione su rame in ottimo stato di conservazione. Esemplare di primo stato da " Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII ". In tre volumi, editi da G. G. de Rossi tra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova immagine di Roma, con i suoi palazzi, chiese e giardini, secondo un progetto unitario di espansione urbana, in sintonia con i criteri del colto e raffinato Fabio Chigi : il papa, infatti, decise di aprire nuove strade, di abbellire con fontane e monumenti la città, anche a dimostrazione della potenza finanziaria e culturale della sua famiglia. Prima di allora l'incisione di veduta a Roma, che pure av … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2017-05-23 08:29:33
Giovanni Battista FALDA
"Bella veduta della chiesa di S. Carlo ai Catinari, situata in piazza B.Cairoli, dopo i lavori di ampliamento della piazza promossi da papa Alessandro VII. La denominazione ""ai Catinari"" deriva dalle antiche botteghe di fabbricanti di catini che si trovavano in questa zona. Fu eretta per i Barnabiti tra il 1612 ed il 1620, in onore del cardinale Carlo Borromeo da poco canonizzato. La piazza antistante fu aperta sotto il pontificato di Alessandro VII. Incisione su rame in ottimo stato di conservazione. Esemplare di primo stato da "" Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII..."". In tre volumi, editi da G. G. de Rossi tra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova immagine di Roma, con i suoi palazzi, chiese e giardini, secondo un progetto unitario di espansione urbana, in sintonia con i criteri del colto e raffinato Fabio Chigi : il papa, infatti, decise di aprire nuove strade, di abbellire con fontane e monumenti la città, anche a dimostrazione della potenza finanziaria e culturale della sua famiglia. Prima di allora l'incisione di veduta a Roma, che pure aveva prodotto numerose serie dì stampe da E. Dupérac a G. Lauro, si era interessata principalmente alla ripresa della città antica. Bisognerà attendere proprio il completamento dei rinnovamenti urbanistici e delle realizzazioni architettonich … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2017-05-23 08:29:20
Giovanni Battista FALDA
"Splendida veduta della chiesa barocca di S.Ignazio, costruita dal cardinal Ludovisi nel 1626 in onore di S.Ignazio di Loyola, fondatore della Compagnia di Gesù. La chiesa fu edificata contiguamente al palazzo del Collegio Romano e sostituì la cinquecentesca chiesa di S.Maria Annunziata. Il progetto di realizzazione venne affidato ad Orazio Grassi che si avvalse dei disegni di Carlo Maderno, Paolo Martucelli ed Orazio Torriani. Nella piazza antistante era allora visibile l'obelisco di S. Macuto (cosiddetto appunto per la sua posizione dinanzi alla chiesa di S.Macuto), rinvenuto durante gli scavi della vicina chiesa di S.Maria sopra Minerva, che dal 1711 fu situato nella vicina piazza della Rotonda. Incisione su rame in ottimo stato di conservazione. Esemplare di primo stato da " Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII ". In tre volumi, editi da G. G. de Rossi tra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova immagine di Roma, con i suoi palazzi, chiese e giardini, secondo un progetto unitario di espansione urbana, in sintonia con i criteri del colto e raffinato Fabio Chigi : il papa, infatti, decise di aprire nuove strade, di abbellire con fontane e monumenti la città, anche a dimostrazione della potenza finanziaria e culturale della sua famiglia. Prima di allora l'incisione di veduta a Roma, che p … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2017-05-23 08:29:20
Giovanni Battista FALDA
"Costruita nel 1605 come cappella dedicata a San Paolo dai Carmelitani Scalzi, la chiesa, ubicata in via XX setembre, venne ingrandita e riconsacrata nel 1622 alla Vergine Maria per celebrare la vittoria dei cattolici, nel novembre 1620, contro gli eretici Boemi. La facciata, elaborata da Giovanni Battista Soria nel 1626 è a due ordini, di cui quello superiore con timpano arcuato coronato da un frontone triangolare. Incisione su rame in ottimo stato di conservazione. Esemplare di primo stato da " Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII ". In tre volumi, editi da G. G. de Rossi tra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova immagine di Roma, con i suoi palazzi, chiese e giardini, secondo un progetto unitario di espansione urbana, in sintonia con i criteri del colto e raffinato Fabio Chigi : il papa, infatti, decise di aprire nuove strade, di abbellire con fontane e monumenti la città, anche a dimostrazione della potenza finanziaria e culturale della sua famiglia. Prima di allora l'incisione di veduta a Roma, che pure aveva prodotto numerose serie dì stampe da E. Dupérac a G. Lauro, si era interessata principalmente alla ripresa della città antica. Bisognerà attendere proprio il completamento dei rinnovamenti urbanistici e delle realizzazioni architettoniche dei papi seicenteschi, per assistere al … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2017-05-22 22:58:12
1669. Rilegato Buona
Bookseller: Libreria Fabiocomics
2017-05-22 20:28:50
OGILBY, JOHN - NIEUHOFF, JAN.
1669. Tratta dal "An Embassy sent by the East-India Company, of the United Provinces, to the Grand Tartar Cham or Emperour of China" (London, John Macock, 1669), incisione in rame all'acquaforte, b/n, cm 29,3 x 36 circa (alla lastra). Il lavoro fu pubblicato come racconto in olandese dal diplomatico Jan Nieuhoff, coordinatore dei primi ambasciatori commerciali olandesi in Cina al servizio della East India Company, compagnia commerciale ansiosa di convincere l'Imperatore ad aprire i porti cinesi all'Olanda. Dopo fu tradotto in inglese dal cartografo britannico ed editore John Ogilby. Questo lavoro rappresenta un documento essenziale di uno dei primi contatti dell' Occidente con la Cina, includendo una descrizione generale dell'impero e molte osservazioni sui costumi. Le raffinate incisioni mostrano vedute di città in Cina, Tibet e Tartaria, insieme a scene di costume e di storia naturale. Veduta animata e panoramica della città cinese. Rappresentazione del Palazzo imperiale e sue usanze, con scena di vita celebrativa e commerciale al suo interno. John Ogilby (1600 - 1676) - Jan Nieuhoff (Uelsen, 1640 - Madagascar, 1672). Esemplare con stretti margini (l'inferiore è rifilato alla battuta), piega editoriale, discreta conservazione. .
Bookseller: Studio Bibliografico Botteghina D'arte G
2017-05-22 08:47:57
Nicolas SANSON
1669. "Tratta dall'edizione del ""Cartes Gènerales de toutes les parties du Monde"" curata da Pierre Mariette, edita nel 1663. Sanson era il più famoso cartografo francese della storia moderna, cosmografo al servizio di Luigi XIV, re di Francia; dotò le sue mappe delle più recenti informazioni geografiche e delle incisioni più belle e acute del periodo. Il ""Cartes Generales de Toutes les Parties du Monde"" rappresenta il più importante prodotto della cartografia commerciale francese del diciassettesimo secolo. Le mappe furono compilate a partire dal 1630 e l'atlante edito per la prima volta nel 1654, stampato da Pierre Mariette. Incisione in rame, finemente colorata a mano, qualche ossidazione, nel complesso in buono stato di conservazione." "Map taken from ""Cartes Génerales de toutes les parties du Monde…"", published by Pierre Mariette. Copper plate, hand colored, some foxing, otherwise in good condition. Map engraved double page, with decorative cartouche. Showing political divisions, major cities, towns, villages, rivers, mountains, drainage, etc. Relief shown pictorially. Includes compass rose oriented with the north to upper center. Map taken from ""Cartes Gènerales de toutes les parties du Monde"" by Sanson. The maps were compiled by Nicolas Sanson who published his atlas in 1654, with 100 maps, and printed by Pierre Mariette; they were issued progressively from 1630. Sanson was the most noted French cartographer in modern history. Mapmaker to Louis XIV, King of France, Sanson endowed his maps with the most recent geographical information as well as the f … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2017-05-21 16:08:05
Matthieu LARROQUE
à Amsterdam, chez Daniel ELZEVIER 1669 - HISTOIRE de l'EUCHARISTIE divisée en trois parties, dont la première traite de la forme de la Célébration, la seconde de la Doctrine, & la troisième du Culte par Matthieu LARROQUE ouvrage relié (16 cm x 20.5 cm), reliure plein veau brun (reliure d'origine), dos à cinq nerfs, caissons ornés de fleurons dorés, pièce de titre maroquin cerise, toutes tranches mouchetées, 585 pages, suivies d'une table des chapitres et d'une table des matières principales, à Amsterdam, chez Daniel ELZEVIER, 1669 Bon état d'usage (menus défauts d'usage, mors droit du bas légèrement fendu, coins et bords de couverture frottés, trace de mouillure très claire et uniforme) [Attributes: Hard Cover]
Bookseller: Liseronsblancs
2017-05-21 07:48:20
Giovanni Battista FALDA
"La chiesa di S. Giacomo in Augusta fu inaugurata nel 1602, e fu sempre adibita come cappella maggiore dell'Ospedale S. Giacomo. Tra i più antichi ospedali sorti a Roma nel medioevo, quello di S. Giacomo situato tra Via dei Corso e Via Ripetta fu il terzo a sorgere, dopo quello di S. Spirito in Saxia e il seondo presso la Basilica di S.Giovanni in Laterano. L'espressione ""in Augusta"" deriva dalla presenza, nelle vicinanze, del mausoleo dell'impeartore Augusto. L'ospedale sorse per cura degli esecutori delle ultime volontà del Card. Pietro Colonna defunto nel 1326, e fu detto degli Incurabili perché qui venivano curati i malati di sifilide che venivano respiti dagli altri ospedali. Nel '500 divenne Arciospedale ed ebbe per armi ed insegna l'immagine della beata Vergine Maria e dell'Apostolo S. Giacomo maggiore, pellegrino a Compostella, sotto i quali si aggiunge una carriola con l'infermo dentro, in atto di implorare pietà. E sotto la scritta: Fate l'elimosina a li poveri infermi dell'incurabili. Esemplare dalla prima edizione de"" Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII..."". In tre volumi, editi da G. G. de Rossi tra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova immagine di Roma, con i suoi palazzi, chiese e giardini, secondo un progetto unitario di espansione urbana, in sintonia con i criteri d … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius [Roma, Italy]
2017-05-20 23:20:58
MAGRI Domenico
Casoni, 1669. In 8, pp. (20) + 549 + (1) con antip. incisa in rame. Legatura in mz. pl. ottocentesca con titoli oro al dorso. Terza edizione di quest'opera uscita quando l'A. era ancora in vita. Questo dizionario ecclesiastico conobbe una certa fortuna e fu infatti in seguito nuovamente ristampato fino al 1732. Piantanida, 4782, p. 241. ITA
Bookseller: Libreria Antiquaria Coenobium
2017-05-20 09:29:01
Tissot, Samuel Auguste André David.
LXVI, 556 S. 8 Halblederband der Zeit mit goldgeprägtem Titelrückenschild. Zachert/Zeidler 1669 Garrison, History of Medicine, 367 cf. Blake 451-452 (andere Ausgabe) Lesky 656 Waller 9605 Garrison/Morton 1597. Zweite Auflage (EA 1761) des populären Werkes. Unteres Kapital rasiert, sonst gutes Exemplar.
Bookseller: Antiquariat Michael Solder
2017-05-19 20:32:25
Giovanni Battista FALDA (Valduggia, Novara, 1643; Rome, 1678)
1669. "La chiesa di S. Giacomo in Augusta fu inaugurata nel 1602, e fu sempre adibita come cappella maggiore dell'Ospedale S. Giacomo. Tra i più antichi ospedali sorti a Roma nel medioevo, quello di S. Giacomo situato tra Via dei Corso e Via Ripetta fu il terzo a sorgere, dopo quello di S. Spirito in Saxia e il seondo presso la Basilica di S.Giovanni in Laterano. L'espressione ""in Augusta"" deriva dalla presenza, nelle vicinanze, del mausoleo dell'impeartore Augusto. L'ospedale sorse per cura degli esecutori delle ultime volontà del Card. Pietro Colonna defunto nel 1326, e fu detto degli Incurabili perché qui venivano curati i malati di sifilide che venivano respiti dagli altri ospedali. Nel '500 divenne Arciospedale ed ebbe per armi ed insegna l'immagine della beata Vergine Maria e dell'Apostolo S. Giacomo maggiore, pellegrino a Compostella, sotto i quali si aggiunge una carriola con l'infermo dentro, in atto di implorare pietà. E sotto la scritta: Fate l'elimosina a li poveri infermi dell'incurabili. Esemplare dalla prima edizione de"" Il nuovo teatro delle fabriche, et edificii, in prospettiva di Roma moderna, sotto il felice pontificato di N. S. papa Alessandro VII..."". In tre volumi, editi da G. G. de Rossi tra il 1665 e il 1669, illustra le fabbriche realizzate o ampliate durante il pontificato di Alessandro VII Chigi, mentre il III si riferisce alle chiese restaurate dal pontefice Clemente IX. L'opera aveva lo scopo di divulgare la nuova immagine di Roma, con i suoi palazzi, chiese e giardini, secondo un progetto unitario di espansione urbana, in sintonia con i cri … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2017-05-19 20:07:55
LAPLACE, Cyrille Pierre Théodore.
Borba de Moraes I, pp. 457-458; Ferguson 1669; Hill 980; cf. Sabin 38985 (other ed.). First edition of an important account of the circumnavigation of the world under command of Cyrille Pierre Théodore Laplace (1793-1875). In May 1829 Laplace was appointed commander of the ship La Favorite, to make a journey around the world for scientific and commercial purposes. He departed from Toulon, followed the coast lines of Africa past the Cape Good Hope and visited Pondichéry, Madras and Surabaya. He explored the coasts of Cochinchina and Tonkin and set sail to the Philippines and after that Australia, Tasmania and New Zealand. He crossed the Pacific on his return to Toulon, past Valparaiso, Cape Horn and the coasts of Brazil. On 20 April 1832 he touched ground in Toulon again. The journey was a considerable success and added many important details to the scientific knowledge of the areas explored.Some small tears, a few slight stains in the views volume. Very good set. [Attributes: First Edition]
Bookseller: ASHER Rare Books [t Goy Houten, Netherlands]
2017-05-19 09:08:28
NERI Antonio (secoli XVI-XVII) e MERRETTI Cristoforo
AMSTELODAMI, APUD ANDREAM FRISIUM 1669 - Legatura coeva in piena pelle bruna; dorso a 4 nervi rilegati, recante fiorone a losanga tre fregi angolari alle caselle; tagli maculati di rosso. (28) - da 1 a 232 - (2 bianche) - da 233 a 455 - (17) pagine numerate, compreso bell'antiporta con scena di lavorazione del vetro incisa a bulino su matrice di rame, nonché frontespizio con vignetta figurata incisa sempre su matrice di rame. Testo in latino. 5 tavole incise su matrice di rame, impresse su fogli ripiegati, raffiguranti strumenti e fasi della lavorazione del vetro. L'opera è una reimpressione, in traduzione latina dall'italiano, di un trattato sull'arte vetraria, composto dal fiorentino Antonio Neri; seguono, da p. 233, le ampie In libros de arte vitraria notae composte dal medico Merretti, arricchite di considerazioni sulle gemme artificiali, sull'encausto, sulla lacca e altri segreti riguardanti la scienza, l'arte e l'artigianto. Ferguson cita come la più antica edizione del trattato di Neri, con testo in italiano, quella impressa a Firenze nel 1612; lo stesso studioso cita l'impressione uscita ad Amsterdam nel 1669 come una riedizione di quella stampata sempre ad Amsterdam nel 1668, con alterazione del frontespizio. L'edizione del 1668, sempre secondo Ferguson, è corredata da 6 tavole e da un'illustrazione silografica, mentre l'esemplare in esame ha solo 5 tavole fuori testo, senza contare l'antiporta. Esemplare in discreto stato conservativo, considerando le probabili mancanze; minimo forellino di tarlo marginale alle ultime carte. 0 [Attributes: Hard Cover]
Bookseller: Libreria Antiquaria Il Cartiglio [Italy]
2017-05-19 08:05:40
Harald Voigt (Autor)
Wachholtz, 1669. Die Nordfriesen auf den Hamburger Wal- und Robbenfängern 1669-1839 von Harald Voigt (Autor)
Bookseller: LLU-Bookservice
2017-05-18 02:33:52
Grotius, Hugo
1669. Amsterdam: Elzevir, 1669. 12mo, (12) 408pp. Full red straight-grain morocco extra, covers panlled with a single gilt fillet, backstrip lettered in gilt. The Thorold copy with the Syston Park bookplate and the later bookplate of Nellie Brown MD. A pleasant copy . § The second Elzevir edition of this famous defense of Christianity by the renowned scholar Grotius, "first published in England, also at Oxford, in 1639, with unsold sheets re-issued with new title-pages in 1650 and 1660. Grotius composed this work during his imprisonment of 1619-21 and published an initial version in Dutch in 1622. The Latin version, which enjoyed an extremely wide readership, first appeared in 1627" (Quaritch). Willems 1404. Ter Meulen no. 961.
Bookseller: John Windle Antiquarian Bookseller [U.S.A.]
2017-05-17 19:39:20
Orsato, Sertorio
Pietro Maria Frambotto, Padua, 1669. Contemporary vellum, yapp edges, spine titled in manuscript some light spotting to a few leaves of the text, small 4to. Second edition. Complete with half-title, title in red and black, folding engraved plate and many woodcut illustrations in the text. Scare work on Roman inscriptions. [Attributes: Hard Cover]
Bookseller: Blackrock Rare Books [Co. Dublin, Ireland]
2017-05-17 19:09:07
Sébastien Joseph du CAMBOUT DE PONTCHATEAU
Bookseller: Librairie Le Feu Follet [France]
2017-05-17 07:13:23
LETi Gregorio
Sl, S.Ed, 1669. 282 pp + 1 ff errata reliure à restaurer Size: In-16 [Attributes: Hard Cover]
Bookseller: Librairie Le Cosmographe [Vernou sur Brenne, France]
2017-05-16 14:45:52
Io. Baptista De Luca
Typis Haeredum Corbelletti, 1669. Hoc est Officijs venalibus, locis Montium, alijsque iuribus cum Principe seu Republica, Vectigalibus & gabellis, falinis & mineralibus, monetis, vijs publicis, fisco, et alijs de quibus in cap. unico quae Regalia - Ad veritatem editi in forensibus controversijs Canonicis & Civilibus, in quibus in Urbe Advocatus pro una partium scripsit, vel consultus respondit. Per materias seu titulos distincti iuxta proximam indicem post praefationem - In folio - pp.pp. 24 nn. + 572 + 140 nn. - Pergamena - Incisione in b/n al frontespizio, finalini e capilettere - Testo su due colonne - Firme a penna al frontespizio in antiporta e all'ultima pagina, restauro in carta ai margini delle cc. 4 e 116, forellini al margine superiore delle prime pagine, rari segni a penna in poche pagine
Bookseller: Antica Libreria Srl
2017-05-15 21:25:16
MANTUA ( Herzogtum / Ducato ):
- mit altem Grenzkolorit, 1669, 38 x 49 Koermann, Bla 60 A.- Mit altkol.Titelkartusche und 1 altkol. Wappen.
Bookseller: Antiquariat Nikolaus Struck
Check availability:
2017-05-15 06:05:39
Perez, Antonio (1583-1673)
Amsterdolami [i.e. Amsterdam]: Apud Danielem Elzevirium, CICICCLXIX, 1669. [Para pedidos desde fuera de España, por favor, consulte las condiciones de venta y envío, tipo B. / For orders to be delivered outside Spain, please, let you see our sale and shipping terms, type B. / Pour les commandes à livrer hors d'Espagne, s'il vous plait, voyez les conditions de vente et de livraison, type B.].- // 4º; [8], 442, [2] p.; sign.: [ast]4, A-3I4, 3K2.- Marca tipográfica en portada; portada a dos tintas roja y negra; iniciales xilográficas orladas; a partir de p. 432, con portadilla propia: "Jubilei veteris Hebræorum et novi christianorum privilegia; hujus præ illo excellentia & præstantia".- Encuadernación de época en plena piel. Lomo de cinco nervios, con tejuelo y cuajado con grabados dorados; cortes jaspeados; cantos dorados a rueda. Puntas, cofias y charnelas rozadas; interior en muy buen estado; libre de anotaciones y subrayados, salvo por corrección manuscrita de erratas.- // Proc.: Sin datos [Attributes: First Edition; Hard Cover]
Bookseller: Andarto B. [Pamplona, NA, Spain]
2017-05-15 06:05:39
PEREZ (Antonio)
Amsterdam, Apud Danielem Elzevirium (Elzevir), 1669. Petit in-4, (8)-442-(2 : errata) pp., reliure de l'époque plein veau brun, dos orné, tranches mouchetées (dos un peu frotté, mors supérieur fendillé, intérieur très frais). Ex-libris manuscrit : Ex lib. Juliani le Tac Regii procuratoris in algrensi vuecomitatu, 1688. * Voir photographie(s) / See picture(s). LA LIBRAIRIE EST OUVERTE NORMALEMENT, DANS LE RESPECT DES REGLES SANITAIRES. THE BOOKSHOP IS OPEN AS USUAL. * Membre du SLAM et de la LILA / ILAB Member. La librairie est ouverte du mardi au samedi de 14h à 19h. Merci de nous prévenir avant de passer, certains de nos livres étant entreposés dans une réserve. Langue : Latin
Bookseller: Chez les libraires associés [Paris, France]
2017-05-15 00:32:18
PLINIUS CECILIUS SECUNDUS, Gaius (PLINIUS DEN YNGRE)
Lugdunum Batavorum (Leiden), Ex Officina Hackiana, 1669. Frontispiece + (50) + 818 + (23) p. Contemporary vellum. 20 X 11,5 cm. Exlibris (Gunnar Wennerberg). Strip cut away from front fly-leaf. Interior and binding in good condition.
Bookseller: Antikvariat Röda Rummet AB [SE]
2017-05-14 16:29:57
A Paris, par Sebastien Mabre-Cramoisy, Imprimeur du Roy. M.DC.LXIX. (1669) En 8º, encuadernación de época en piel, lomo con cinco nervios, hierros y título dorados, 1h, 687 p., 15 h. Buen ejemplar. [Attributes: Hard Cover]
Bookseller: C.M.Garrido [madrid, Spain]
2017-05-13 18:25:37
GARDIE, Magnus Gabriel de la (1622-1686) Feldherr:
Kupferstich v. Petrus van Schuppen n. David Klööker, dat. 1669, 29,7 x 17,7 (H) Schönes Porträt mit winzigem Rändchen. Sauber und gut erhalten.
Bookseller: Antiquariat Nikolaus Struck [Berlin, B, Germany]
2017-05-12 12:49:35
Boccalini, Trajano
Giouanni Blaeu, 1669. sehr schönes Ex. Auf der Rückseite des Stiches Tintenabdrücke(* 1556 in Loreto 16. November 1613 in Venedig) war ein italienischer Autor politischer Satiren in der Renaissance. Boccalini studierte in Perugia und war viele Jahre als Richter und Verwaltungsbeamter im päpstlichen Dienst tätig. 1612 ging er nach Venedig, wo er Ragguagli di Parnaso veröffentlichte, die Beschreibung eines imaginären Königreiches, mit der Boccalini die Sitten seiner Zeit kritisierte (Wikipedia)
Bookseller: stebloom [Germany]
2017-05-12 12:48:25
[MEYSSONNIER (Lazare)]
Lyon, Nicolas Caille, 1669, demi-chagrin noir XIXe, dos lisse entièrement orné de filets dorés répétés, petit manque à la coiffe inf., qq. rousseurs claires, bon exemplaire lég. court de marge. Très rare ouvrage de ce médecin, qui a publié une édition augmentée et annotée de la « pharmacopée des dogmatiques réformée » de Du Chesne de La Violette. Il y est ici question d'alchimie, de l'antimoine, du mercure, des anges et comment les discerner, des démons, de l'influence des astres, des différents noms de Dieu, Adonai, El Shadai, du miroir ardent, de la pierre philosophale, du vitriol, de l'esprit astral... etc. ¶ Caillet 7497 "Livre curieux et très rare" - Guaïta 1617 - Dorbon 3067 "Rare et curieux ouvrage de ce huguenot convertit, docteur de l'université de Montpellier qui resté veuf, entra dans les ordres et devint chanoine de l'église de Saint Nizier de Lyon. On y rencontre des passages, tels que les suivants : Juments qui conçoivent du vent ; préservatifs contre les opérations des comètes et malignité des astres ; sympathie par laquelle on gagne les Esprits ; etc." - Yve-Plessis sorcellerie n°248. C'est la seule édition.
Bookseller: L'intersigne Livres anciens [France]
2017-05-12 12:36:51
BRODEAU Julien
Commente par . 2 Ed. T. 1 - 2. Paris 1669. Chez I. Guignard, R. Guignard. (38 x 25 cm), k. [24], s. 673, k. [38]; k. [10], s. 622, k. [11], 2 miedzioryty tyt., opr. sk. z epoki. Mocne otarcia oprawy i niew. ubytki skóry. Oprawa podniszczona. Próba unifikacji prawa przez analizę m. in. zwyczajów w poszczególnych regionach kraju. [Attributes: Hard Cover]
Bookseller: Antykwariat Wójtowicz [Kraków, Poland]
2017-05-11 18:24:39
La Fontaine
No Publisher Stated. No Date, No Place Stated. No publisher, no dates, or other information in the books. The artwork is not signed, nor is the artist identified. Bound in full leather, with gilt stamped spine labels. Spine labels read " La Fontaine Suites." Volume one has a black spine label and volume two has a red spine label. Both labels have small chips on the corners. There are a total of 128 illustrations, with 64 in each book. Some are repeated, appearing first in black and then in red. Each volume measures 6.5" x 4" and has gilt decorated spines and marbled endpapers. Old pencil code on one of the preliminary pages in each volume. La Fontaine has been a source of inspiration for many painters, engravers and designers. La Fontaine's three most significant literary works are the Tales, based on stories by Boccacio and Ariosto; Les amours de Psyche et de Cupidon (1669; The Loves of Psyche and Cupid), a mythological story composed in both prose and verse; and the Fables, drawn from works by Aesop and Phaedrus. Though frequently the object of official censorship, La Fontaine's Tales were nevertheless popular during his lifetime thanks to their erotic depictions of love and infidelity. The Loves of Psyche and Cupid is valued by contemporary critics such as Nathan Gross, who refers to the work's complex mixture of prose and verse joined by an elaborate framework that includes a narrator telling the story of Psyche and Cupid to three listeners who in their turn comment on the story's plot twists. Finally, and most well known, are La Fontaine's Fables or "apologues." These … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Sean Fagan, Rare Books [Buford, GA, U.S.A.]
2017-05-11 08:39:37
OGILBY, JOHN - NIEUHOFF, JAN.
1669. Tratta dal "An Embassy sent by the East-India Company, of the United Provinces, to the Grand Tartar Cham or Emperour of China" (London, John Macock, 1669), incisione in rame all'acquaforte, b/n, cm 27,5 x 33,7 circa (alla lastra). Il lavoro fu pubblicato come racconto in olandese dal diplomatico Jan Nieuhoff, coordinatore dei primi ambasciatori commerciali olandesi in Cina al servizio della East India Company, compagnia commerciale ansiosa di convincere l'Imperatore ad aprire i porti cinesi all'Olanda. Dopo fu tradotto in inglese dal cartografo britannico ed editore John Ogilby. Questo lavoro rappresenta un documento essenziale di uno dei primi contatti dell' Occidente con la Cina, includendo una descrizione generale dell'impero e molte osservazioni sui costumi. Le raffinate incisioni mostrano vedute di città in Cina, Tibet e Tartaria, insieme a scene di costume e di storia naturale. Scena dell'interno del tempio con enorme figure dell'Idolo. John Ogilby (1600 - 1676) - Jan Nieuhoff (Uelsen, 1640 - Madagascar, 1672). Esemplare con stretti margini e una rottura della carta all'angolo inferiore destro, piega editoriale, buona impressione, discreta conservazione.
Bookseller: Studio Bibliografico Botteghina D'arte G
2017-05-11 08:39:37
OGILBY, JOHN - NIEUHOFF, JAN.
1669. Tratta dal "An Embassy sent by the East-India Company, of the United Provinces, to the Grand Tartar Cham or Emperour of China" (London, John Macock, 1669), incisione in rame all'acquaforte, b/n, cm 29,2 x 36 circa (alla lastra). Il lavoro fu pubblicato come racconto in olandese dal diplomatico Jan Nieuhoff, coordinatore dei primi ambasciatori commerciali olandesi in Cina al servizio della East India Company, compagnia commerciale ansiosa di convincere l'Imperatore ad aprire i porti cinesi all'Olanda. Dopo fu tradotto in inglese dal cartografo britannico ed editore John Ogilby. Questo lavoro rappresenta un documento essenziale di uno dei primi contatti dell' Occidente con la Cina, includendo una descrizione generale dell'impero e molte osservazioni sui costumi. Le raffinate incisioni mostrano vedute di città in Cina, Tibet e Tartaria, insieme a scene di costume e di storia naturale. Veduta animata e panoramica della città di Kinningfoe. John Ogilby (1600 - 1676) - Jan Nieuhoff (Uelsen, 1640 - Madagascar, 1672). Esemplare con stretti margini, piega editoriale, discreta conservazione.
Bookseller: Studio Bibliografico Botteghina D'arte G
2017-05-11 08:39:37
OGILBY, JOHN - NIEUHOFF, JAN.
1669. Tratta dal "An Embassy sent by the East-India Company, of the United Provinces, to the Grand Tartar Cham or Emperour of China" (London, John Macock, 1669), incisione in rame all'acquaforte, b/n, cm 23,5 x 33,7 circa (alla lastra). Il lavoro fu pubblicato come racconto in olandese dal diplomatico Jan Nieuhoff, coordinatore dei primi ambasciatori commerciali olandesi in Cina al servizio della East India Company, compagnia commerciale ansiosa di convincere l'Imperatore ad aprire i porti cinesi all'Olanda. Dopo fu tradotto in inglese dal cartografo britannico ed editore John Ogilby. Questo lavoro rappresenta un documento essenziale di uno dei primi contatti dell' Occidente con la Cina, includendo una descrizione generale dell'impero e molte osservazioni sui costumi. Le raffinate incisioni mostrano vedute di città in Cina, Tibet e Tartaria, insieme a scene di costume e di storia naturale. Veduta animata e panoramica del luogo di culto dell'idolo Sekia, sullo sfondo le montagne. John Ogilby (1600 - 1676) - Jan Nieuhoff (Uelsen, 1640 - Madagascar, 1672). Esemplare con stretti margini, piega editoriale, discreta conservazione.
Bookseller: Studio Bibliografico Botteghina D'arte G
______________________________________________________________________________


      Home     Wants Manager     Library Search     564 Years   Links     Contact      Search Help      Terms of Service      Privacy     


Copyright © 2020 viaLibri™ Limited. All rights reserved.