The viaLibri website requires cookies to work properly. You can find more information in our Terms of Service and Privacy Policy.

Displayed below are some selected recent viaLibri matches for books published in 1579
2016-11-19 03:41:34
LUYS DE GRENADA, De La Orden De Sancto Domingo.
Mathias Gast, Salamanca. Memorial de la Vida Christiana : En el qual se ensena todo lo que un Christiano deue hazer dende el principio de su conversion, hasta el fin de la perfectio : repartido en seite Tratados.Conpuesto por el R.P.F. Luys de Granada, de la orden de Sancto Domingo.- Primer volumen, donde se pone lo que pertenesce a la doctrina de bien viuir. Y agora de nuevo emendado y corregido por el mismo Padre.Dirigido a la S.C.R.M. del Rey D. Phelippe nuestro senor.Fort in-4 ( 300x210 mm ) plein vélin ivoire, dos à 5 nerfs.Cuir du caisson de tête absent, mors fendus et coiffes absentes, attaches métal absentes également, ne restent que les charnières et les petits fers en forme de fleurs.294, 347 pages.Orné de bandeaux et lettrines.Titre orné d'un blason gravé. El Rey. Privilegio de Aragon. Fray Luys de Granada, al Christiano Lector. Prologo. Exhortacion a boen viuir. De la Penitencia. De la Communion. De la Oracion vocal. Regla j. de bien viuir. - Segundo volumen del Memorial de la Vida Chrisiana. Oracion vocal. Del vita Christi. Del amor de Dios. - Adiciones al Mémorial.Tratado del Amor de Dios. etc. Del mysterio de la Annunciacion a N. Senora. De la huyda a Egypto. De la Cananea. de la vida de N. Salvador. El dia de Ramos. de la sagrada Passion. Preambulo sobre la Philomena. etc.- Relié à la suite : Guia de Peccadores en la qual se trata copiosamente de las grandes riquezas y hermosura dela virtud y del camino que se ha delleuar para alcançarla.Este libro Christiano Lector sale agora nuevamente anadido con la Epistola de Eucherio y emendado y quasi hecho otro nuevo … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Librairie FAUGUET [Marseille, France]
2016-11-11 14:59:44
Kol. Kupferstich von Peter Weiner nach Philipp Apian, 1579, 31 x 42 cm. Vgl. Cartographia Bavariae S. 69/70. - Blatt 22 der 24-teiligen, nach Apian gestochenen Bayernkarte. Gut erhalten in sehr feinem Flächenkolorit. Versand D: 6,00 EUR BAYERN, Landkarten, Oberbayern
Bookseller: Antiquariat Bierl
2016-11-10 22:47:01
ORTELIUS, Abraham.
(Antwerpen, Christopher Plantin, 1579).Engraved map of Arabia and Southeast Asia, with fine cartouche and ships, contemporary coloured by hand. Latin text on verso. Ca. 37 x 48,5 cm. From: Theatrum Orbis Terrarum. - This is a new plate of the 1570 map. Beautiful copy of the standard map of Asia for more than forty years (Sweet Asia,5). The island of Taiwan is charted for the first time.Suárez, Early mapping of Southeast Asia, p.164.
Bookseller: Gert Jan BESTEBREURTJE Rare Books [Netherlands]
Check availability:
2016-11-09 13:26:36
JAMYN, Amadis.
Paris, Mamert Patisson, 1579. In-12 de (4) ff., 309 ff., (11) ff. tables, caractères italiques. Plein vélin ivoire à recouvrement, dos lisse, tranches jaspées. Reliure de l’époque. 141 x 82 mm. « EDITION DEFINITIVE », EN PARTIE ORIGINALE, DES ŒUVRES POETIQUES D’AMADIS JAMYN, PUBLIEE DE SON VIVANT, AUGMENTEE DE PLUSIEURS PIECES PAR RAPPORT A LA PREMIERE DE 1575 ET A LA SECONDE DE 1577. ELLE SERA REIMPRIMEE EN 1582. « Quoique j’estime plus les poésies de Jamyn que celles de Ronsard, quoique je trouve le disciple beaucoup plus naturel, moins guindé, et moins emphatique que le maître, il n’y a aucun lieu de croire que ces poésies ayent été recherchées avec assez d’avidité pour qu’on eût été obligé d’en faire trois éditions en moins de huit ans » (l’Abbé Goujet). « Ce jugement résulte de la haute estime que l’abbé portait à Desportes, avec lequel Jamyn avait rivalisé, non sans succès, dans l’imitation des poètes néo-pétrarquistes italiens, quand Mme de Retz et d’autres précieuses arbitraient les joutes littéraires illuminant l’heureuse époque des dernières années du règne de Charles IX » (J. P. Barbier). Disciple préféré de Ronsard qui le fit nommer secrétaire de la chambre du roi, Amadis Jamyn (1538-1593) étudia les langues classiques avec Dorat et Turnèbre. Fort érudit, il reprit la traduction de l’Iliade commencée par Hugues Salel, et mit en vers les treize derniers livres du poème homérique, puis il entreprit la traduction de l’Odyssée, qu’il abandonna au troisième livre. Cette traduction indique une certaine maîtrise poétique et fait montre d’une grande rigueur dans la vers … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Librairie Amélie Sourget [paris, France]
2016-11-02 23:10:51
[Venice].
1579. 4to (230 x 160 mm). Latin and Italian manuscript on vellum. 80 numbered ff., 21 lines. Headings and highlighted words in red; ruled throughout. Contemp. auburn calf, covers and spine elaborately gilt; all edges gilt; giltstamped supralibros "Iacobo Priolo" and date "MDLXXVIIII" on the covers. Wants ties. Interesting manuscript on the constitutional and legal history of the Venetian state, with many decrees regulating commerce, drafted in the age of the merchant-traveller Gasparo Balbi and of Venice's great trade relationship with the Middle East. The clean and well-legible manuscript, written in the classical humanist chancery style, was obviously prepared for members of the senate (signed at the end by the secretary, Giulio Zamberti, with the scribe's monogram). The decrees are in chronological order, rater than arranged by subject. The earliest dated decree is from the year 1351, but most date from the mid-16th century. The edicts regulated public life of the Venetian state, including civil servants' salaries, matters of commerce and trade, offices, criminal law, banishment, etc. The first leaf bears the dedication by the doge Nicolò da Ponte (in office 1578-85) to Jacopo Priuli, a member of one of the foremost modern-age families of Venetian patricians (producing two doges in the 16th century). The familiy, ennobled as early as 1297 and one of the richest in Venice, is also known for its patronage of the arts, commissioning several Tintoretto portraits. As a member of the senate, Jacopo would have been entitled to a private copy of the statues. The high quality of … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Antiquariat Inlibris
2016-10-29 16:06:44
[Haubold, Hieronymus].
1579. 4to. 8 ff. With full-page woodcut portrait of Martin Luther. With full-page woodcut portrait of Martin Luther on recto of final leaf. Bound in modern boards using a 17th century liturgical leaf. Extremely rare first edition of this defence of the Flacians, an orthodox offshoot of Lutheran thought (also known as "Gnesio-Lutherans"), whose founder Matthias Flacius rejected any development of Luther's doctrine after the reformer's death. The present copy contains an evidently integral full-page woodcut of Luther lacking in other recorded copies, including that digitized in the BSB. - Flacius (1520-75) settled at the University of Wittenberg in 1541, where he studied under Luther and Melanchthon. He later came to oppose vocally Melanchthon's conciliation to Catholicism known as the 'Leipzig Interim', earning him the enmity of that figure. The author of the present work, Flacius's disciple Haubold (1535-79), had also studied at Wittenberg beginning in 1556 before taking up a post in Saxony in 1562. Persecuted by August, Elector of Saxony, for his religious beliefs, Haubold fled first to Weimar, then to Regensburg, and finally to Klagenfurt. - Although evidently the integral final leaf of the second signature, the portrait found in the present copy is lacking in the handful of other recorded copies of this work. It is of interest for presenting the Protestant leader at a clearly advanced age, his face lined with wrinkles, his nose almost exaggeratedly large, and his head uncovered to reveal unruly curls: an effigy near the end of his lifetime. We have not traced its use in … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Antiquariat Inlibris
2016-10-28 16:39:50
Norzi bin Gabriel, Refael.
1579. 4to. 14 ff. With architectural woodcut title border. Later chestnut-brown morocco in contemporary style; covers and spine blindstamped; giltstamped title to spine. Second edition (first published in Mantua in 1561). - "A book of morals, discussing love, charity, humility, etc. in separate sections, all developed from faith" (cf. Fürst). Norzi (1520-83), from a wealthy Northern Italian family of bankers, served as Rabbi in Ferrara and Mantua. - Closely trimmed (loss of a few page numbers). Slightly browned; ownership notes on t.p. unattractively obliterated by green ink. Last f. has Hebrew ownership note in ballpoint pen on reverse (with traces of an erased stamp). Steinschneider 6804, 2. Fürst III, 40. Habermann 51. Not in Adams or BM-STC Italian.
Bookseller: Antiquariat Inlibris
2016-10-26 22:46:25
Anna von
1579. ¾ S. auf Doppelblatt. Folio. In spanischer Sprache an den Prinzen von Parma. - Die Tochter von Philipp III. von Spanien und Margarete von
Bookseller: Antiquariat Inlibris
2016-10-23 21:58:19
Rastell, William (comp.)
One of Rastell's two significant contributions to legal literature, and the first edition of his work to translate his selections into English; in John Baker's words "ambitious . . . a valuable reference", surpassing all previous efforts. Contemporary blind panelled calf (Oldham 775), front joint cracked, else well preserved, with the Somerhill Library bookplate; the Taussig copy. Imprinted at London by Christopher Barker, London, 1579.
Bookseller: Meyer Boswell Books, Inc. [U.S.A.]
2016-10-23 04:28:56
ISACCHI GIO. BATTISTA.
Appresso Seth. Viotto, 1579. Cm. 20, pp. (16) 170 (2). Marchio tipografico al frontespizio, bei capolettera istoriati, tre stemmi a piena pagina, ritratto dell'autore e molte curiose incisioni a piena pagina raffiguranti le invenzioni che l'autore dedica a vari personaggi illustri del tempo. Legatura settecentesca in mezza pergamena e cartonato. Esemplare un po' slegato, con uno strappo anticamente ricongiunto con nastro adesivo ad una pagina (senza perdite) e privo delle 4 carte finali che contengono indice e marchio tipografico ripetuto. Edizione originale ed unica di un'opera rara ed abbastanza affascinante. Cfr. Riccardi, I, 651 "Questo raro libro..." ed altre bibliografie che lo dichiarano interessante soprattutto in ambito chimico ed anche per la costruzione di povere da sparo e fuochi artificiali.
Bookseller: Studio Bibliografico Benacense
2016-10-21 06:06:31
Buchanan (George ; 1506-1582) :
Lutetiae (Paris), Mamert Patisson, in officina Roberti Stephani, 1579 ; in-16, vélin de l'époque, titre manuscrit au dos, 63 ff. , (1) f. blanc, marque 27 au titre.Edition originale collective. Dans sa bibliographie sur les Estiennes parue en 1982 (p. 206, N°253), Fred Schreiber a noté «62 leaves» ? Renouard, dans sa description I-181-5, a omis le «Endecasyllabon liber I». Né à Killearn (Stirlingshire), dans une famille pauvre ; vers 1520, il vint continuer ses études en France, grâce à son oncle ; c'est là qu'il commence a prendre goût à la poésie. A la mort de son oncle, deux ans plus tard, il doit rentrer en Ecosse, pour revenir en France en 1527, devenir luthérien puis professeur au collège de Sainte Barbe. En 1533, il publie son premier livre, une traduction de la grammaire latine de Linant. Vers 1538, il publia son Somnium, satire sur les vices, l'hypocrisie et la paresse du clergé. Devenu le précepteur de l'un des fils du roi Jacques, il publia son Franciscain (1539) qui déclencha un énorme scandale ; arrêté, jeté en prison, il parvint à s'enfuir et à rejoindre Bordeaux où il devint professeur de littérature latine au collège de Guyenne. C'est à cette époque qu'il se lia avec Scaliger et Michel Montaigne. Muté à Paris, il se lia avec Muretus puis partit au Portugal avec son ami Govea. A la mort de celui-ci, il fut emprisonné pendant deux ans. Retourné en Ecosse en 1560, il fut le professeur de Marie Stuart et célébra son mariage par un poème Epithalamium. Ensuite, il prit des responsabilités politiques qui l'éloignèrent de Marie Stuart. Auréole claire, bon exemplair … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Librairie Ancienne Clagahé [France, Lyon]
2016-10-20 02:45:08
Abraham ORTELIUS (1528 - 1598)
1579. Carta geografica tratta dall'edizione latina del 1603 del Theatrum Orbis Terrarum. Incisione in rame, coloritura coeva, tracce di umidità alla piega centrale, nel complesso in ottimo stato di conservazione. Anversa Antwerpen M. Van den Broecke "Ortelius Atlas Maps" (2011), n. 151 495 345
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-10-20 02:45:08
Abraham ORTELIUS (1528 - 1598)
1579. Carta geografica tratta dal "Theatrum Orbis Terrarum", edizione latina del 1592. La mappa deriva dal manoscritto di Bernardino Brugnoli, pubblicato a stampa dal Forlani nel 1574. Incisione in rame, finemente colorata a mano, in ottime condizioni. Anversa Antwerpen M. Van den Broecke "Ortelius Atlas Maps" (2011), n. 120 470 330
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-10-15 20:05:10
Aristote
Problemata Aristotelis ac philosophorum medicorumquem complurium. Marc Antonii Zimarae sancti petrinatis Problemata, unà cum trecentis Aristotelis et Averrois propositionibus. Item Alexandri Aphrodisei, super quaestionibus nonnullis physicis, solutionum liber, Angelo Politiano interprete, Lyon : ex officina stephani, Michaelis, 1579. In-12 de 287 p. COMPLET Plein vélin, dos long, titre manuscrit. Le livre contient plusieurs sections : Titre // Préface // Aristotelis problemata // Marci Antonii Zimarae... // Dédicace // Marci Antonii Zimarae Problemata // Alexandri Aphrodisei... Problemata // Plutarchi problemata. Charnière supérieure fendue (mais coutures bien solides aux 2 extrémités), déchirure au f. H, N7, N8 (sans atteinte au texte). Très bon état du texte. Bon exemplaire donc de ce livre de la fin du 16e siècle, complet et en reliure de l'époque.
Bookseller: Henri Bultez Livres Anciens
2016-10-09 23:35:55
CROQUET (Andrieu du)
A Douai De l'imprimerie de Jean Bogard 1579 In-8 de (46)-338 ff. (mal chiffrés 335, nombreuses erreurs de pagination), vélin souple à rabats, lacets (reliure de l'époque). Edition originale très rare. « Citons celui qui le premier de tous a voulu tenter de réformer l'orthographe de la langue française, dans nos contrées flamandes, où parmi les indigènes il n'en était presque aucun qui sût écrire en vrai français à l'époque de notre prétentieux réformateur. Celui-ci s'appelait André Du Croquet, et avait nom Croquetius dans le monde savant de son temps ; né à Douai au commencement du XVIe siècle, docteur en théologie, prieur de la célèbre abbaye d'Hasnon, il passait de son vivant pour un prédicateur fameux. Sa réputation commença à Valenciennes, lorsque, pendant les troubles de religion qui désolèrent les Pays-Bas, les moines de l'abbaye d'Hasnon se réfugièrent en cette ville sous la conduite du digne Jacques Froye, leur abbé. Du Croquet y prêcha la parole de Dieu pendant deux ans et demi, les jours de fête et les dimanches, non sans attirer un grand concours de fidèles. C'est par la publication bizarre d'un choix de ses sermons sur les psaumes de la pénitence que ce religieux a fait connaître sa réforme orthographique. Ayant supporté longtemps, dit-il, le déplaisir de l'incertitude et de la variation de l'orthographe d'une langue aussi simple, aussi belle et douce que la langue française, j'espère qu'on me pardonnera d'avoir osé lui enlever ses lettres inutiles en la rapprochant de la prononciation usitée de tout temps par les doctes et nobles personnes. Ce livre singulier d … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libraire Bonnefoi Livres Anciens [FR]
2016-10-09 11:45:39
LE POIS Antoine
plus une exposition particulière de quelques planches ou tables estans sur la fin de ce livre, esquelles medalles & graveure antiques, rare & exquises. In 8 plein veau porphyre, pièce de titre chagrin rouge, titre et fers dorés. Roulette dorée encadrant les plats. Roulette dorée sur coupes ; Marque typographique de Robert Estienne sur le titre avec vignette, XII, 147 pages, 7 pages de table, 20 planches hors-texte gravées sur cuivre par Pierre WOEIRIOT portant chacune 8 médailles,et 23 gravures sur bois dans le texte dont un vase antique à pleine page et 22 médailles, lettrines et bandeaux de médailles,4 grandes figures pleine page, gravées sur bois, Mercure, Priapus,(intacte) Pomona, Hermaphrodite A Paris Par Mamert Patisson imprimeur du Roi 1579. Sans le portait de l'auteur. Première édition de ce classique de la science numismatique de la Renaissance "posthume " elle contient en tête une dédicace de frère de l'auteur, Nicolas au Duc de Lorraine, dont il était tout comme Antoine, le médecin personnel. Elle fut imprimée par Robert Patisson au logis de Robert Estienne (mort en 1571) dont il utilisait l'officine et le matériel depuis qu'il avait épousé sa veuve. Un soin particulier a été apporté à l'illustration de ca traité qui comprend en tout 48 gravures en taille douce et sur bois dans le texte et hors-texte , sont représentées les 4 statuettes découvertes à Soissons lors des travaux de fortification commandés par Henri II, dont la plus célèbre, PRIAPE est souvent maculée ou déchirée. (Intacte dans l'exemplaire proposé). 20 très belles et très fines taille douce fi … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Charbonnel [France, Bar le Duc]
2016-10-08 10:16:18
SIGONIUS CAROLUS.
ex Officina Thomae Guarini, 1579. Cm. 22, pp. 1-524, coll. 525- 664, (69). Palma Guarini impressa in xilografia al frontespizio. Bella legatura coeva in piena perg. molle con titoli ms. al dorso. Bellissimo esemplare. Importante opera del grande erudito modenese (1520-1584) dedicata all'indagine storica del periodo che parte da Diocleziano e giunge alla distruzione dell'impero d'Occidente. La trattazione di Sigonio è da ritenere il primo tentativo, condotto con perizia storiografica, di gettare luce sul periodo. Seconda edizione. Non comune. Cfr. Graesse, VI, 1, 403; Adams, S, 118.
Bookseller: Studio Bibliografico Benacense
2016-10-02 05:17:49
Jan MATAL o METELLUS (Poligny 1510 - 1597 ca.)
1579. Carta geografica tratta dal rarissimo Itinerarium Europae Provinciae edito a Colonia tra il 1579 e il 1588. Conosciuto anche come Itinerarium Orbis Christiani, questo atlante fu pubblicato anonimamente a causa dei problemi politici e religiosi che caratterizzavano il periodo storico, come spesso succedeva all'epoca per sfuggire alle persecuzioni cattoliche contro i protestanti. L'opera fa parte degli atlanti editi dalla cosiddetta scuola Cartografica di Colonia, durata per circa mezzo secolo (1570 - 1620 ca.), e formata principalmente da rifugiati fiamminghi ed olandesi tra i quali spiccano lo stesso Matthaeus Quad e Frans Hogenberg, che ne fu il fondatore. Le mappe sono attribuite alcune a Jan Matal ed altre a Michael von Eitzing. Jan Matal o Metellus, francese di nascita ed attivo a Louvaine ed a Colonia, dove si rifugia proprio per sfuggire alle persecuzioni dei regnanti cattolici e dove muore nel 1597. Fu tra i maggiori cartografi del tempo e, insieme al Quad e al Hogenberg stesso, il principale esponente della scuola coloniese. Alcune delle mappe del Matal sono poi successivamente incluse nelle successive pubblicazioni postume, e recano il testo al verso. Dal punto di vista cartografico le mappe sono una derivazione e sono basate sulle carte pubblicate ad Anversa da Abraham Ortelius, per la prima volta nel 1570; le incisioni delle mappe sono invece attribuite a Frans Hogenberg. La grandissima rarità dell'opera, insieme alla scarsità di informazioni sulle opere "carbonare" edite a Colonia, contribuisce al fascino di questa importante mappa, caposaldo di ogni colle … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-27 13:37:07
Francesco FERRETTI (1523 - 1593)
1579. Elegante piccola carta geografica dell'isola tratta dai 'Dialoghi Notturni del Capitano Francesco Ferretti Cavaglier di S. Stefano' edito ad Ancona da Giovan Battista Ciotti, nel 1604. Si tratta della seconda edizione del celebre isolario del Ferretti (per la prima volta edito nel 1579), che contiene 28 mappe di isole europee incise in rame, e rachiuse dentro una cornice ornamentale di forma rotonda, che conforisce alle carte un'inusuale e particolarissima forma. Questo raro trattato che fornisce nozioni scientifiche e militari, oltre che geografiche e matematiche. La parte geografica costituisce il corpus principale dell'opera, con le 28 mappe raffiguranti le principali isole del Mediterraneo rappresentate con l'inusuale forma circolare, finemente intagliate da Michelangelo Marelli. Le carte derivano da quelle intagliate da Girolamo Porro per l'Isolario di Porcacchi, edito per la prima volta nel 1572. Ogni carta è racchiusa entro una cornice ornamentale, e mostra le linee dei venti. Il titolo, racchiuso nella parte superiore, è molto grande ed è espresso con la formula Ragionevol' Forma et vera postura del' Isola di, seguito dal nome dell'isola. Le mappe sono di piccole dimensioni ma molto accurate. L'opera del Ferretti venne ristampata nel 1608 con il titolo di Arte Militare. Bibliografia: Mortimer 184; Olschki 4539; Cockle 548; Shirley T.FRR - 1a. - Nordenskiold Collection I, p.156 no.73; Dufour/Laguimina p. 85; Ganado 1985 S. 231; Stylianou 81, Navari 33; Zacharakis/Scutari 1499/1003 - 1518/1022; King, Miniature Antique Maps, pp. 62/3. Nice miniature map of the is … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-27 12:54:05
(CARTE D'ANJOU - ORTELIUS). GUYET, Lézin.
S.l.: s.n., 1579 [1584]. Gravure sur cuivre de 47,5 x 36 cm à la cuvette (dimensions de la feuille 55 x 43 cm). Gravure coloriée. Carte en bel état, à bonnes marges; trace de pliure au centre avec texte au dos en latin "Andegavensium ducatus". Première carte spécifiquement consacrée à la province d'Anjou. Elle figure la vallée de la Loire avec la ville d'Angers au centre, les reliefs, les forêts et de très nombreux villages. D'abord publiée en 1573 à Paris, cette carte fut reprise par Ortelius dans son atlas publié à Anvers en 1579, puis dans les éditions ultérieures publiées jusqu'au début du XVIIème siècle. Elle comprend en partie gauche une liste des îles de la Loire. Tirage de l'édition latine du "Théâtre du Monde" d'Ortelius publiée en 1584 à 800 exemplaires (van den Broecke, "Ortelius atlas maps" 2011, Ort 40).
Bookseller: Librairie des Carrés [France, Gennes]
2016-09-27 12:54:05
(CARTE D'ANJOU - ORTELIUS). GUYET, Lézin.
S.l.: s.n., 1579 [1592]. Gravure sur cuivre de 47,5 x 36 cm à la cuvette (dimensions de la feuille 54,5 x 45cm). Gravure coloriée. Carte en bel état, à bonnes marges; trace de pliure au centre avec texte au dos en latin "Andegavensium ducatus". Première carte spécifiquement consacrée à la province d'Anjou. Elle figure la vallée de la Loire avec la ville d'Angers au centre, les reliefs, les forêts et de très nombreux villages. D'abord publiée en 1573 à Paris, cette carte fut reprise par Ortelius dans son atlas publié à Anvers en 1579, et dans les éditions ultérieures publiées jusqu'au début du XVIIème siècle. Elle comprend en partie gauche une liste des îles de la Loire. Tirage de l'édition latine du "Théâtre du Monde" d'Ortelius publiée en 1592 à 525 exemplaires (van den Broecke, "Ortelius atlas maps" 2011, Ort 40).
Bookseller: Librairie des Carrés [France, Gennes]
2016-09-26 14:48:57
ROSSET
1 volume in-8. Plein vélin ivoire à recouvrement, tranches rouges. Reliure de l'époque. 180 x 105 mm. SECONDE ÉDITION RARISSIME DE L"Histoire des amants volages de ce temps" DE FRANÇOIS ROSSET (1579-APRÈS 1630), LÉCRIVAIN FRANÇAIS QUI UNIT LASTRÉE ET LAMADIS. Ce roman, le plus rare de Rosset, est resté inconnu de Brunet qui cite et décrit les autres uvres de cet auteur talentueux. BEST-SELLER DE LANCIEN RÉGIME, l'ouvrage ne cessera d'être réédité sous le nom de Rosset, assorti de nouvelles pièces qui formeront plus de 40 éditions jusqu'en 1757. A partir des faits divers véritables, récents et sanglants, qui forment un théâtre de l'ambition et des passions, ROSSET REPREND UN GENRE EN VOGUE DANS LITALIE DE LA RENAISSANCE, POUR CRÉER UN ROMANESQUE NOIR, VOLONTIERS ÉDIFIANT? QUI SERA LUN DES ANCÊTRES DE LA LITTÉRATURE FANTASTIQUE DU XIXè SIÈCLE. SUPERBE VOLUME ORNÉ DUN ÉLÉGANT TITRE FRONTISPICE, SUIVI DE LA DÉDICACE AU ROI LOUIS XIII ET DE LA TABLE DES XII HISTOIRES. Cette édition est d'une insigne rareté. MAGNIFIQUE EXEMPLAIRE À GRANDES MARGES conservé dans son beau vélin de l'époque à recouvrement provenant de la bibliothèque James Scot avec la date 1625 et Boillaud, date 1673.
Bookseller: Librairie Sourget
2016-09-26 11:55:15
Jan MATAL o METELLUS (Poligny 1510 - 1597 ca.)
1579. Carta geografica tratta dal rarissimo Itinerarium Europae Provinciae edito a Colonia tra il 1579 e il 1588. Conosciuto anche come Itinerarium Orbis Christiani, questo atlante fu pubblicato anonimamente a causa dei problemi politici e religiosi che caratterizzavano il periodo storico, come spesso succedeva aal'epoca per sfuggire alle persecuzioni cattoliche contro i protestanti. L'opera fa parte degli atlanti editi dalla cosidetta scuola Cartografica di Colonia, durata per circa mezzo secolo (1570 - 1620 ca.), e formata principalmente da rifugiati fiamminghi ed olandesi tra i quali spiccano lo stesso Matthaeus Quad e Frans Hogenberg, che ne fu il fondatore. Le mappe sono attribuite alcune a Jan Matal ed altre a Michael von Eitzing. Jan Matal o Metellus, francese di nascita ed attivo a Louvaine ed a Colonia, dove si rifugia prprio per sfuggire alle persecuzioni dei regnanti cattolici e dove muore nel 1597. Fu tra i maggiori cartografi del tempo e, insieme al Quad e al Hogenberg stesso, il principale esponente della scuola coloniese. Alcune delle mappe del Matal sono poi successivamente incluse nelle successive pubblicazioni postume, e recano il testo al verso. Dal punto di vista cartografico le mappe sono una derivazione e basate sulle carte pubblicate ad Anversa da Abraham Ortelius, per la prima volta nel 1570; le incisioni delle mappe sono invece attribuite a Frans Hogenberg. La grandissima rarità dell'opera, insieme alla scarsità di informazioni sulle opere "carbonare" edite a Colonia, contribuisce al fascino di questa importante mappa, caposaòdo di ogni collezione c … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-20 20:11:29
Manilius (Marcus) - Scaliger (Joseph) :
Lutetiae, apud Marnerum Patissorum typographum Regius, in officina Roberti Stéphani, 1579 ; deux parties avec titre propre reliées en un volume in-8, veau marbré, dos à nerfs décoré et doré avec le chiffre de Mathieu Molé, armes de Mathieu Molé au centre des plats ; (12)-136 pp. , (6) p. , (1) f. blanc ; 292, (12) pp.volume in-8, veau marbré, dos à nerfs décoré et doré avec le chiffre de Mathieu Molé, armes de Mathieu Molé au centre des plats ; (12)-136 pp. , (6) p. , (1) f. blanc ; 292, (12) pp. Première édition donnée par Scaliger, qui a suivi un manuscrit très ancien de l'Abbaye de Gembloux et y a joint de très longs commentaires qui forment la seconde partie ; cette édition est d'ailleurs l'une des plus appréciées et des plus érudites. Exemplaire aux armes de Mathieu Molé, seigneur de Champlâtreux (1584-1656), conseiller au Parlement de Paris en 1606 à 22 ans, puis président d'une chambre des enquêtes, procureur général en 1614, enfin premier Président en 1641. Il joua un grand rôle de conciliateur entre le Parlement et Anne d'Autriche pendant la Fronde, souvent au péril de sa vie ; fervent bibliophile, ses livres passèrent à son troisième fils abbé de Sainte-Croix. (OHR 258, fer 1 pour le plat et 3 pour le dos). Ex-libris gravé du XVIIe : Ex-bibliotheca de Meaux : Etienne de Meaux, seigneur de Châtillon, Marbé, la Douze, premier président au baillage et présidial de Mâcon (ORH 276). Le poème de Manilius est autant astrologique qu'astronomique. On y trouve : liber I, notions de la sphère de la figure de la terre, de la division du ciel et des constellations ; liber II, … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Librairie Ancienne Clagahé [France, Lyon]
2016-09-18 15:20:02
SIMLER Josias; [GOULART Simon, traducteur]:
Paris, Jacques du Puys, 1579.In-12 de [24]-467-[13] pages, pleine basane marron, dos à nerfs, caissons ornés de filets et fleurons dorés, tranches mouchetées, reliure un poil de Saint Bernard frotté, un mors partiellement fendu avec un petit manque de peau au dos. (reliure XVIIe siècle). Hormis les ff. de table rognés un peu court, intérieur très frais. Illustré d'une gravure à pleine page figurant les armoiries des cantons et de leurs alliés avec les 3 Suisses prêtant serment, et 13 gravures sur bois à mi-page représentant les villes de Lucerne, Zürich, Glaris, Zug, Berne, Fribourg, Soleure, Bâle, Schaffhouse, Appenzel, Uri, Schwitz, et Unterwald. Le traité De Republica Helvetiorum libri duo, qui parut quelques jours après la mort (2/7/1576) de Simler, conciliait le droit public confédéral et l'histoire. Il remporta un grand succès et connut de nombreuses rééditions, enrichies par la suite d'illustrations; traduit en allemand, français et hollandais, il constitua jusqu'au XVIIIe siècle un ouvrage de référence sur la structure de l'Etat suisse. La traduction est dûe à Simon Goulart.
Bookseller: ILLIBRAIRIE | Alexandre Illi | Bombadil SA [Switzerland, Genève]
2016-09-18 01:26:35
Abraham ORTELIUS (1528 - 1598)
1579. Carta geografica del territorio veronese per la prima volta edita nel "Theatrum Orbis Terrarum" di Ortelius del 1579. La carta deriva dalla celebre mappa di Bernardo Brugnolo edita da Paolo Forlani nel 1574. Esemplare in meravigliosa coloritura coeva. Anversa Antwerpen M. Van den Broecke "Ortelius Atlas Maps" (2011), n. 120 470 330
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-17 11:33:52
Estienne (Henri) :
A Paris, Mamert Patisson, 1579 ; in-8 ; maroquin vert foncé, dos à nerfs décoré et doré aux petits fers, triple filet sur les plats, large dentelle intérieure, double filet sur les coupes, tranches dorées sur marbrure (Amand) ; (32) dont le titre, l'Epistre au Roy et la Préface, 295, (1) pp. (à,è 8, A - S 8, T 3 absence du dernier feuillet blanc). EDITION ORIGINALE de cet ouvrage qui connut un très grand succès à sa parution. Exemplaire avec l'ex-libris gravé "Ex-musaeo Elz. Pin" qui représente un livre ouvert avec le chiffre EP à gauche et les armes à droite. Cet ouvrage, commandé à Estienne par le Roi Henri III est le troisième consacré par l'auteur à la défense de la langue française, qu'il jugeait supérieure à toutes les autres. Rédigé en trois mois, De la Précellence du langage français faisait partie d'un plus vaste projet, d'où le titre de Project de livre, qui ne fut pas mené à son terme (Renouard, 181 ; "En français dans le texte", 62). Mamert Patisson, qui était le beau-frère par alliance de Henri II Estienne, imprimait dans l'atelier familial, l'ouvrage sort des presses des Estienne. Très bel exemplaire, absolument frais, dans une luxueuse reliure fort bien établie.
Bookseller: Librairie Ancienne Clagahé [France, Lyon]
2016-09-17 08:45:01
Jan MATAL o METELLUS (Poligny 1510 - 1597 ca.)
1579. Carta geografica tratta dal rarissimo Itinerarium Europae Provinciae edito a Colonia tra il 1579 e il 1588. Conosciuto anche come Itinerarium Orbis Christiani, questo atlante fu pubblicato anonimamente a causa dei problemi politici e religiosi che caratterizzavano il periodo storico, come spesso succedeva aal'epoca per sfuggire alle persecuzioni cattoliche contro i protestanti. L'opera fa parte degli atlanti editi dalla cosidetta scuola Cartografica di Colonia, durata per circa mezzo secolo (1570 - 1620 ca.), e formata principalmente da rifugiati fiamminghi ed olandesi tra i quali spiccano lo stesso Matthaeus Quad e Frans Hogenberg, che ne fu il fondatore. Le mappe sono attribuite alcune a Jan Matal ed altre a Michael von Eitzing. Jan Matal o Metellus, francese di nascita ed attivo a Louvaine ed a Colonia, dove si rifugia prprio per sfuggire alle persecuzioni dei regnanti cattolici e dove muore nel 1597. Fu tra i maggiori cartografi del tempo e, insieme al Quad e al Hogenberg stesso, il principale esponente della scuola coloniese. Alcune delle mappe del Matal sono poi successivamente incluse nelle successive pubblicazioni postume, e recano il testo al verso. Dal punto di vista cartografico le mappe sono una derivazione e basate sulle carte pubblicate ad Anversa da Abraham Ortelius, per la prima volta nel 1570; le incisioni delle mappe sono invece attribuite a Frans Hogenberg. La grandissima rarità dell'opera, insieme alla scarsità di informazioni sulle opere "carbonare" edite a Colonia, contribuisce al fascino di questa importante mappa, caposaòdo di ogni collezione c … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-17 08:45:01
Jan MATAL o METELLUS (Poligny 1510 - 1597 ca.)
1579. Carta geografica tratta dal rarissimo Itinerarium Europae Provinciae edito a Colonia tra il 1579 e il 1588. Conosciuto anche come Itinerarium Orbis Christiani, questo atlante fu pubblicato anonimamente a causa dei problemi politici e religiosi che caratterizzavano il periodo storico, come spesso succedeva aal'epoca per sfuggire alle persecuzioni cattoliche contro i protestanti. L'opera fa parte degli atlanti editi dalla cosidetta scuola Cartografica di Colonia, durata per circa mezzo secolo (1570 - 1620 ca.), e formata principalmente da rifugiati fiamminghi ed olandesi tra i quali spiccano lo stesso Matthaeus Quad e Frans Hogenberg, che ne fu il fondatore. Le mappe sono attribuite alcune a Jan Matal ed altre a Michael von Eitzing. Jan Matal o Metellus, francese di nascita ed attivo a Louvaine ed a Colonia, dove si rifugia prprio per sfuggire alle persecuzioni dei regnanti cattolici e dove muore nel 1597. Fu tra i maggiori cartografi del tempo e, insieme al Quad e al Hogenberg stesso, il principale esponente della scuola coloniese. Alcune delle mappe del Matal sono poi successivamente incluse nelle successive pubblicazioni postume, e recano il testo al verso. Dal punto di vista cartografico le mappe sono una derivazione e basate sulle carte pubblicate ad Anversa da Abraham Ortelius, per la prima volta nel 1570; le incisioni delle mappe sono invece attribuite a Frans Hogenberg. La grandissima rarità dell'opera, insieme alla scarsità di informazioni sulle opere "carbonare" edite a Colonia, contribuisce al fascino di questa importante mappa, caposaòdo di ogni collezione c … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-17 08:45:01
Jan MATAL o METELLUS (Poligny 1510 - 1597 ca.)
1579. Carta geografica tratta dal rarissimo Itinerarium Europae Provinciae edito a Colonia tra il 1579 e il 1588. Conosciuto anche come Itinerarium Orbis Christiani, questo atlante fu pubblicato anonimamente a causa dei problemi politici e religiosi che caratterizzavano il periodo storico, come spesso succedeva aal'epoca per sfuggire alle persecuzioni cattoliche contro i protestanti. L'opera fa parte degli atlanti editi dalla cosidetta scuola Cartografica di Colonia, durata per circa mezzo secolo (1570 - 1620 ca.), e formata principalmente da rifugiati fiamminghi ed olandesi tra i quali spiccano lo stesso Matthaeus Quad e Frans Hogenberg, che ne fu il fondatore. Le mappe sono attribuite alcune a Jan Matal ed altre a Michael von Eitzing. Jan Matal o Metellus, francese di nascita ed attivo a Louvaine ed a Colonia, dove si rifugia prprio per sfuggire alle persecuzioni dei regnanti cattolici e dove muore nel 1597. Fu tra i maggiori cartografi del tempo e, insieme al Quad e al Hogenberg stesso, il principale esponente della scuola coloniese. Alcune delle mappe del Matal sono poi successivamente incluse nelle successive pubblicazioni postume, e recano il testo al verso. Dal punto di vista cartografico le mappe sono una derivazione e basate sulle carte pubblicate ad Anversa da Abraham Ortelius, per la prima volta nel 1570; le incisioni delle mappe sono invece attribuite a Frans Hogenberg. La grandissima rarità dell'opera, insieme alla scarsità di informazioni sulle opere "carbonare" edite a Colonia, contribuisce al fascino di questa importante mappa, caposaòdo di ogni collezione c … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-14 21:50:41
OPERA NUOVA
1579. In 8vo (mm. 137x91), ), legatura recente in carta marmorizzata, pp. (8). Fregio e vignetta in legno al titolo che raffigura una scena di battaglia. Ottima copia.La raccolta comprende una Caccia d'amore, due villanelle e due villanelle alla napoletana.Edizione apparentemente sconosciuta. Un'edizione molto simile, datata Siena 1579 ed aumentata di un &ldquo,enigma molto artifitioso da indovinare&rdquo,, è conosciuta in una sola copia conservata presso la Biblioteca Alessandrina di Roma e censita in Edit 16 (68306) e USTC (801321).
Bookseller: Libreria Govi Alberto
2016-09-13 21:25:52
Francesco FERRETTI (1523 - 1593)
1579. Elegante piccola carta geografica dell'isola tratta dai 'Dialoghi Notturni del Capitano Francesco Ferretti Cavaglier di S. Stefano' edito ad Ancona da Giovan Battista Ciotti, nel 1604. Si tratta della seconda edizione del celebre isolario del Ferretti (per la prima volta edito nel 1579), che contiene 28 mappe di isole europee incise in rame, e rachiuse dentro una cornice ornamentale di forma rotonda, che conforisce alle carte un'inusuale e particolarissima forma. Questo raro trattato che fornisce nozioni scientifiche e militari, oltre che geografiche e matematiche. La parte geografica costituisce il corpus principale dell'opera, con le 28 mappe raffiguranti le principali isole del Mediterraneo rappresentate con l'inusuale forma circolare, finemente intagliate da Michelangelo Marelli. Le carte derivano da quelle intagliate da Girolamo Porro per l'Isolario di Porcacchi, edito per la prima volta nel 1572. Ogni carta è racchiusa entro una cornice ornamentale, e mostra le linee dei venti. Il titolo, racchiuso nella parte superiore, è molto grande ed è espresso con la formula Ragionevol' Forma et vera postura del' Isola di, seguito dal nome dell'isola. Le mappe sono di piccole dimensioni ma molto accurate. L'opera del Ferretti venne ristampata nel 1608 con il titolo di Arte Militare. Bibliografia: Mortimer 184; Olschki 4539; Cockle 548; Shirley T.FRR - 1a. - Nordenskiold Collection I, p.156 no.73; Dufour/Laguimina p. 85; Ganado 1985 S. 231; Stylianou 81, Navari 33; Zacharakis/Scutari 1499/1003 - 1518/1022; King, Miniature Antique Maps, pp. 62/3. Nice miniature map of the is … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-13 19:06:17
Jan MATAL o METELLUS (Poligny 1510 - 1597 ca.)
1579. Carta geografica tratta dal rarissimo Itinerarium Europae Provinciae edito a Colonia tra il 1579 e il 1588. Conosciuto anche come Itinerarium Orbis Christiani, questo atlante fu pubblicato anonimamente a causa dei problemi politici e religiosi che caratterizzavano il periodo storico, come spesso succedeva aal'epoca per sfuggire alle persecuzioni cattoliche contro i protestanti. L'opera fa parte degli atlanti editi dalla cosidetta scuola Cartografica di Colonia, durata per circa mezzo secolo (1570 - 1620 ca.), e formata principalmente da rifugiati fiamminghi ed olandesi tra i quali spiccano lo stesso Matthaeus Quad e Frans Hogenberg, che ne fu il fondatore. Le mappe sono attribuite alcune a Jan Matal ed altre a Michael von Eitzing. Jan Matal o Metellus, francese di nascita ed attivo a Louvaine ed a Colonia, dove si rifugia prprio per sfuggire alle persecuzioni dei regnanti cattolici e dove muore nel 1597. Fu tra i maggiori cartografi del tempo e, insieme al Quad e al Hogenberg stesso, il principale esponente della scuola coloniese. Alcune delle mappe del Matal sono poi successivamente incluse nelle successive pubblicazioni postume, e recano il testo al verso. Dal punto di vista cartografico le mappe sono una derivazione e basate sulle carte pubblicate ad Anversa da Abraham Ortelius, per la prima volta nel 1570; le incisioni delle mappe sono invece attribuite a Frans Hogenberg. La grandissima rarità dell'opera, insieme alla scarsità di informazioni sulle opere "carbonare" edite a Colonia, contribuisce al fascino di questa importante mappa, caposaòdo di ogni collezione c … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-11 13:48:37
Francesco FERRETTI (1523 - 1593)
1579. Elegante piccola carta geografica dell'isola tratta dai 'Dialoghi Notturni del Capitano Francesco Ferretti Cavaglier di S. Stefano' edito ad Ancona da Giovan Battista Ciotti, nel 1604. Si tratta della seconda edizione del celebre isolario del Ferretti (per la prima volta edito nel 1579), che contiene 28 mappe di isole europee incise in rame, e rachiuse dentro una cornice ornamentale di forma rotonda, che conforisce alle carte un'inusuale e particolarissima forma. Questo raro trattato che fornisce nozioni scientifiche e militari, oltre che geografiche e matematiche. La parte geografica costituisce il corpus principale dell'opera, con le 28 mappe raffiguranti le principali isole del Mediterraneo rappresentate con l'inusuale forma circolare, finemente intagliate da Michelangelo Marelli. Le carte derivano da quelle intagliate da Girolamo Porro per l'Isolario di Porcacchi, edito per la prima volta nel 1572. Ogni carta è racchiusa entro una cornice ornamentale, e mostra le linee dei venti. Il titolo, racchiuso nella parte superiore, è molto grande ed è espresso con la formula Ragionevol' Forma et vera postura del' Isola di, seguito dal nome dell'isola. Le mappe sono di piccole dimensioni ma molto accurate. L'opera del Ferretti venne ristampata nel 1608 con il titolo di Arte Militare. Bibliografia: Mortimer 184; Olschki 4539; Cockle 548; Shirley T.FRR - 1a. - Nordenskiold Collection I, p.156 no.73; Dufour/Laguimina p. 85; Ganado 1985 S. 231; Stylianou 81, Navari 33; Zacharakis/Scutari 1499/1003 - 1518/1022; King, Miniature Antique Maps, pp. 62/3. Nice miniature map of the is … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-11 13:48:37
Francesco FERRETTI (1523 - 1593)
1579. Elegante piccola carta geografica dell'isola tratta dai 'Dialoghi Notturni del Capitano Francesco Ferretti Cavaglier di S. Stefano' edito ad Ancona da Giovan Battista Ciotti, nel 1604. Si tratta della seconda edizione del celebre isolario del Ferretti (per la prima volta edito nel 1579), che contiene 28 mappe di isole europee incise in rame, e rachiuse dentro una cornice ornamentale di forma rotonda, che conforisce alle carte un'inusuale e particolarissima forma. Questo raro trattato che fornisce nozioni scientifiche e militari, oltre che geografiche e matematiche. La parte geografica costituisce il corpus principale dell'opera, con le 28 mappe raffiguranti le principali isole del Mediterraneo rappresentate con l'inusuale forma circolare, finemente intagliate da Michelangelo Marelli. Le carte derivano da quelle intagliate da Girolamo Porro per l'Isolario di Porcacchi, edito per la prima volta nel 1572. Ogni carta è racchiusa entro una cornice ornamentale, e mostra le linee dei venti. Il titolo, racchiuso nella parte superiore, è molto grande ed è espresso con la formula Ragionevol' Forma et vera postura del' Isola di, seguito dal nome dell'isola. Le mappe sono di piccole dimensioni ma molto accurate. L'opera del Ferretti venne ristampata nel 1608 con il titolo di Arte Militare. Bibliografia: Mortimer 184; Olschki 4539; Cockle 548; Shirley T.FRR - 1a. - Nordenskiold Collection I, p.156 no.73; Dufour/Laguimina p. 85; Ganado 1985 S. 231; Stylianou 81, Navari 33; Zacharakis/Scutari 1499/1003 - 1518/1022; King, Miniature Antique Maps, pp. 62/3. Nice miniature map of the is … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-11 13:48:37
Francesco FERRETTI (1523 - 1593)
1579. Elegante piccola carta geografica dell'isola tratta dai 'Dialoghi Notturni del Capitano Francesco Ferretti Cavaglier di S. Stefano' edito ad Ancona da Giovan Battista Ciotti, nel 1604. Si tratta della seconda edizione del celebre isolario del Ferretti (per la prima volta edito nel 1579), che contiene 28 mappe di isole europee incise in rame, e rachiuse dentro una cornice ornamentale di forma rotonda, che conforisce alle carte un'inusuale e particolarissima forma. Questo raro trattato che fornisce nozioni scientifiche e militari, oltre che geografiche e matematiche. La parte geografica costituisce il corpus principale dell'opera, con le 28 mappe raffiguranti le principali isole del Mediterraneo rappresentate con l'inusuale forma circolare, finemente intagliate da Michelangelo Marelli. Le carte derivano da quelle intagliate da Girolamo Porro per l'Isolario di Porcacchi, edito per la prima volta nel 1572. Ogni carta è racchiusa entro una cornice ornamentale, e mostra le linee dei venti. Il titolo, racchiuso nella parte superiore, è molto grande ed è espresso con la formula Ragionevol' Forma et vera postura del' Isola di, seguito dal nome dell'isola. Le mappe sono di piccole dimensioni ma molto accurate. L'opera del Ferretti venne ristampata nel 1608 con il titolo di Arte Militare. Bibliografia: Mortimer 184; Olschki 4539; Cockle 548; Shirley T.FRR - 1a. - Nordenskiold Collection I, p.156 no.73; Dufour/Laguimina p. 85; Ganado 1985 S. 231; Stylianou 81, Navari 33; Zacharakis/Scutari 1499/1003 - 1518/1022; King, Miniature Antique Maps, pp. 62/3. Nice miniature map of the is … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-09 20:05:09
Jan MATAL o METELLUS (Poligny 1510 - 1597 ca.)
1579. Carta geografica tratta dal rarissimo Itinerarium Europae Provinciae edito a Colonia tra il 1579 e il 1588. Conosciuto anche come Itinerarium Orbis Christiani, questo atlante fu pubblicato anonimamente a causa dei problemi politici e religiosi che caratterizzavano il periodo storico, come spesso succedeva aal'epoca per sfuggire alle persecuzioni cattoliche contro i protestanti. L'opera fa parte degli atlanti editi dalla cosidetta scuola Cartografica di Colonia, durata per circa mezzo secolo (1570 - 1620 ca.), e formata principalmente da rifugiati fiamminghi ed olandesi tra i quali spiccano lo stesso Matthaeus Quad e Frans Hogenberg, che ne fu il fondatore. Le mappe sono attribuite alcune a Jan Matal ed altre a Michael von Eitzing. Jan Matal o Metellus, francese di nascita ed attivo a Louvaine ed a Colonia, dove si rifugia prprio per sfuggire alle persecuzioni dei regnanti cattolici e dove muore nel 1597. Fu tra i maggiori cartografi del tempo e, insieme al Quad e al Hogenberg stesso, il principale esponente della scuola coloniese. Alcune delle mappe del Matal sono poi successivamente incluse nelle successive pubblicazioni postume, e recano il testo al verso. Dal punto di vista cartografico le mappe sono una derivazione e basate sulle carte pubblicate ad Anversa da Abraham Ortelius, per la prima volta nel 1570; le incisioni delle mappe sono invece attribuite a Frans Hogenberg. La grandissima rarità dell'opera, insieme alla scarsità di informazioni sulle opere "carbonare" edite a Colonia, contribuisce al fascino di questa importante mappa, caposaòdo di ogni collezione c … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-08 05:59:04
Abraham ORTELIUS (1528 - 1598)
1579. Carta della zona di Cremona tratta dal "Theatrum Orbis Terrarum" di Orteliius, edizione con testo francese del 1598. Per la prima volta la carta appare nel 1579 ed è basata sulla carta di Antonio Campi del 1571. Incisione in rame, finemente colorata a mano, in buono sttao di conservazione. "Nice full color example of Ortelius' map of the region centered on Cremona and the Po', with a large inset, from Oretlius's Theatrum Orbis Terrarum, the first modern atlas of the world. Extends to Mantua and Piacenza. Several ornate cartouches. Van Den Broecke notes ""Antonio Campi (1536 - 1591 or later) received a privilege for his map of the surroundings of Cremona in 1571. Ortelius' map is based on a manuscript version of this map, which was published in 1583. The inset of Crema goes back to an unidentified source, published by Forlani in 1570.""" Anversa Antwerpen M. Van den Broecke "Ortelius Atlas Maps" (2011), n. 127 495 355
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-05 18:03:46
Jan MATAL o METELLUS (Poligny 1510 - 1597 ca.)
1579. Carta geografica tratta dal rarissimo Itinerarium Europae Provinciae edito a Colonia tra il 1579 e il 1588. Conosciuto anche come Itinerarium Orbis Christiani, questo atlante fu pubblicato anonimamente a causa dei problemi politici e religiosi che caratterizzavano il periodo storico, come spesso succedeva all'epoca per sfuggire alle persecuzioni cattoliche contro i protestanti. L'opera fa parte degli atlanti editi dalla cosidetta scuola Cartografica di Colonia, durata per circa mezzo secolo (1570 - 1620 ca.), e formata principalmente da rifugiati fiamminghi ed olandesi tra i quali spiccano lo stesso Matthaeus Quad e Frans Hogenberg, che ne fu il fondatore. Le mappe sono attribuite alcune a Jan Matal ed altre a Michael von Eitzing. Jan Matal o Metellus, francese di nascita ed attivo a Louvaine ed a Colonia, dove si rifugia proprio per sfuggire alle persecuzioni dei regnanti cattolici e dove muore nel 1597. Fu tra i maggiori cartografi del tempo e, insieme al Quad e al Hogenberg stesso, il principale esponente della scuola coloniese. Alcune delle mappe del Matal furono poi incluse nelle successive pubblicazioni postume, e recano il testo al verso. Dal punto di vista cartografico le mappe sono una derivazione e basate sulle carte pubblicate ad Anversa da Abraham Ortelius, per la prima volta nel 1570; le incisioni delle mappe sono invece attribuite a Frans Hogenberg. La grandissima rarità dell'opera, insieme alla scarsità di informazioni sulle opere "carbonare" edite a Colonia, contribuisce al fascino di questa importante mappa, caposaòdo di ogni collezione cartografica. … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-02 12:57:13
Francesco FERRETTI (1523 - 1593)
1579. Elegante piccola carta geografica dell'isola tratta dai 'Dialoghi Notturni del Capitano Francesco Ferretti Cavaglier di S. Stefano' edito ad Ancona da Giovan Battista Ciotti, nel 1604. Si tratta della seconda edizione del celebre isolario del Ferretti (per la prima volta edito nel 1579), che contiene 28 mappe di isole europee incise in rame, e rachiuse dentro una cornice ornamentale di forma rotonda, che conforisce alle carte un'inusuale e particolarissima forma. Questo raro trattato che fornisce nozioni scientifiche e militari, oltre che geografiche e matematiche. La parte geografica costituisce il corpus principale dell'opera, con le 28 mappe raffiguranti le principali isole del Mediterraneo rappresentate con l'inusuale forma circolare, finemente intagliate da Michelangelo Marelli. Le carte derivano da quelle intagliate da Girolamo Porro per l'Isolario di Porcacchi, edito per la prima volta nel 1572. Ogni carta è racchiusa entro una cornice ornamentale, e mostra le linee dei venti. Il titolo, racchiuso nella parte superiore, è molto grande ed è espresso con la formula Ragionevol' Forma et vera postura del' Isola di, seguito dal nome dell'isola. Le mappe sono di piccole dimensioni ma molto accurate. L'opera del Ferretti venne ristampata nel 1608 con il titolo di Arte Militare. Bibliografia: Mortimer 184; Olschki 4539; Cockle 548; Shirley T.FRR - 1a. - Nordenskiold Collection I, p.156 no.73; Dufour/Laguimina p. 85; Ganado 1985 S. 231; Stylianou 81, Navari 33; Zacharakis/Scutari 1499/1003 - 1518/1022; King, Miniature Antique Maps, pp. 62/3. Nice miniature map of the is … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-31 19:40:24
SOCINI BARTHOLOMAEI
1579. 2 Volumi in unico tomo. Folio 39,5 x 25,5 pp. 133 - 36, legatura settecentesca in piena pergamena con titolo al dorso su tassello (5 millimetrici forellini nella parte finale del dorso ed esigua mancanza al contropiatto posteriore e carta precedente), tagli spruzzati. Frontespizio del primo volume bicromo, marca editoriale in cornice con aquila che becca una roccia e motto Renovabitur ut aquila iuventus tua. Secondo frontespizio in nero con medesima marca editoriale. Testo a due colonne, molti capilettera illustrati. Testo in lingua latina. Leggera macchia di colore marrone al frontespizio del primo volume il quale presenta delle antiche firme di possesso, alcune cancellate. Piccolo e leggero alone al margine inferiore e superiore di qualche carta, rare macchioline e segni di inchiostro sparsi, qualche glossa ai margini, rare carte con brunitura (C3, R2, R3). Secondo volume con rare carte brunite (A2, E, E3, E6, F, F2), minimo leggero alone al margine inferiore ed interno di alcune pagine, la carta F presenta tre aloni più evidenti che tuttavia consentono una normale lettera del testo, dalla carta F2 sono presenti forellini di tarlo nella parte bianca con una esigua perdinta di testo alla carta successiva, l'ultima, che presenta anche una piccola mancanza al margine inferiore. I difetti elencati dettagliatamente non ledono il giudizio complessivo sull'opera, ottima la legatura, ottimo il testo. Opere entrambe molto rare. Socini, Bartolomeo fu Giurista (Siena 1436 - ivi 1507), figlio di Mariano il Vecchio. Fu discepolo a Bologna di A. Tartagni e di A. Barbazza e a Pisa … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Arca Dei Libri
2016-08-28 11:01:27
Jan MATAL o METELLUS (Poligny 1510 - 1597 ca.)
1579. Carta geografica tratta dal rarissimo Itinerarium Europae Provinciae edito a Colonia tra il 1579 e il 1588. Conosciuto anche come Itinerarium Orbis Christiani, questo atlante fu pubblicato anonimamente a causa dei problemi politici e religiosi che caratterizzavano il periodo storico, come spesso succedeva aal'epoca per sfuggire alle persecuzioni cattoliche contro i protestanti. L'opera fa parte degli atlanti editi dalla cosidetta scuola Cartografica di Colonia, durata per circa mezzo secolo (1570 - 1620 ca.), e formata principalmente da rifugiati fiamminghi ed olandesi tra i quali spiccano lo stesso Matthaeus Quad e Frans Hogenberg, che ne fu il fondatore. Le mappe sono attribuite alcune a Jan Matal ed altre a Michael von Eitzing. Jan Matal o Metellus, francese di nascita ed attivo a Louvaine ed a Colonia, dove si rifugia prprio per sfuggire alle persecuzioni dei regnanti cattolici e dove muore nel 1597. Fu tra i maggiori cartografi del tempo e, insieme al Quad e al Hogenberg stesso, il principale esponente della scuola coloniese. Alcune delle mappe del Matal sono poi successivamente incluse nelle successive pubblicazioni postume, e recano il testo al verso. Dal punto di vista cartografico le mappe sono una derivazione e basate sulle carte pubblicate ad Anversa da Abraham Ortelius, per la prima volta nel 1570; le incisioni delle mappe sono invece attribuite a Frans Hogenberg. La grandissima rarità dell'opera, insieme alla scarsità di informazioni sulle opere "carbonare" edite a Colonia, contribuisce al fascino di questa importante mappa, caposaòdo di ogni collezione c … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-27 20:23:07
Jan MATAL o METELLUS (Poligny 1510 - 1597 ca.)
1579. Carta geografica tratta dal rarissimo Itinerarium Europae Provinciae edito a Colonia tra il 1579 e il 1588. Conosciuto anche come Itinerarium Orbis Christiani, questo atlante fu pubblicato anonimamente a causa dei problemi politici e religiosi che caratterizzavano il periodo storico, come spesso succedeva all'epoca per sfuggire alle persecuzioni cattoliche contro i protestanti. L'opera fa parte degli atlanti editi dalla cosidetta scuola Cartografica di Colonia, durata per circa mezzo secolo (1570 - 1620 ca.), e formata principalmente da rifugiati fiamminghi ed olandesi tra i quali spiccano lo stesso Matthaeus Quad e Frans Hogenberg, che ne fu il fondatore. Le mappe sono attribuite alcune a Jan Matal ed altre a Michael von Eitzing. Jan Matal o Metellus, francese di nascita ed attivo a Louvaine ed a Colonia, dove si rifugia prprio per sfuggire alle persecuzioni dei regnanti cattolici e dove muore nel 1597. Fu tra i maggiori cartografi del tempo e, insieme al Quad e al Hogenberg stesso, il principale esponente della scuola coloniese. Alcune delle mappe del Matal sono poi successivamente incluse nelle successive pubblicazioni postume, e recano il testo al verso. Dal punto di vista cartografico le mappe sono una derivazione e basate sulle carte pubblicate ad Anversa da Abraham Ortelius, per la prima volta nel 1570; le incisioni delle mappe sono invece attribuite a Frans Hogenberg. La grandissima rarità dell'opera, insieme alla scarsità di informazioni sulle opere "carbonare" edite a Colonia, contribuisce al fascino di questa importante mappa, caposaldo di ogni collezione c … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-27 20:23:07
Jan MATAL o METELLUS (Poligny 1510 - 1597 ca.)
1579. "Carta geografica tratta dal rarissimo Itinerarium Europae Provinciae edito a Colonia tra il 1579 e il 1588. Conosciuto anche come Itinerarium Orbis Christiani, questo atlante fu pubblicato anonimamente a causa dei problemi politici e religiosi che caratterizzavano il periodo storico, come spesso succedeva aal'epoca per sfuggire alle persecuzioni cattoliche contro i protestanti. L'opera fa parte degli atlanti editi dalla cosidetta scuola Cartografica di Colonia, durata per circa mezzo secolo (1570 - 1620 ca.), e formata principalmente da rifugiati fiamminghi ed olandesi tra i quali spiccano lo stesso Matthaeus Quad e Frans Hogenberg, che ne fu il fondatore. Le mappe sono attribuite alcune a Jan Matal ed altre a Michael von Eitzing. Jan Matal o Metellus, francese di nascita ed attivo a Louvaine ed a Colonia, dove si rifugia prprio per sfuggire alle persecuzioni dei regnanti cattolici e dove muore nel 1597. Fu tra i maggiori cartografi del tempo e, insieme al Quad e al Hogenberg stesso, il principale esponente della scuola coloniese. Alcune delle mappe del Matal sono poi successivamente incluse nelle successive pubblicazioni postume, e recano il testo al verso. Dal punto di vista cartografico le mappe sono una derivazione e basate sulle carte pubblicate ad Anversa da Abraham Ortelius, per la prima volta nel 1570; le incisioni delle mappe sono invece attribuite a Frans Hogenberg. La grandissima rarità dell'opera, insieme alla scarsità di informazioni sulle opere ""carbonare"" edite a Colonia, contribuisce al fascino di questa importante mappa, caposaòdo di ogni collezion … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-27 20:23:07
Jan MATAL o METELLUS (Poligny 1510 - 1597 ca.)
1579. "Carta geografica tratta dal rarissimo Itinerarium Europae Provinciae edito a Colonia tra il 1579 e il 1588. Conosciuto anche come Itinerarium Orbis Christiani, questo atlante fu pubblicato anonimamente a causa dei problemi politici e religiosi che caratterizzavano il periodo storico, come spesso succedeva aal'epoca per sfuggire alle persecuzioni cattoliche contro i protestanti. L'opera fa parte degli atlanti editi dalla cosidetta scuola Cartografica di Colonia, durata per circa mezzo secolo (1570 - 1620 ca.), e formata principalmente da rifugiati fiamminghi ed olandesi tra i quali spiccano lo stesso Matthaeus Quad e Frans Hogenberg, che ne fu il fondatore. Le mappe sono attribuite alcune a Jan Matal ed altre a Michael von Eitzing. Jan Matal o Metellus, francese di nascita ed attivo a Louvaine ed a Colonia, dove si rifugia prprio per sfuggire alle persecuzioni dei regnanti cattolici e dove muore nel 1597. Fu tra i maggiori cartografi del tempo e, insieme al Quad e al Hogenberg stesso, il principale esponente della scuola coloniese. Alcune delle mappe del Matal sono poi successivamente incluse nelle successive pubblicazioni postume, e recano il testo al verso. Dal punto di vista cartografico le mappe sono una derivazione e basate sulle carte pubblicate ad Anversa da Abraham Ortelius, per la prima volta nel 1570; le incisioni delle mappe sono invece attribuite a Frans Hogenberg. La grandissima rarità dell'opera, insieme alla scarsità di informazioni sulle opere ""carbonare"" edite a Colonia, contribuisce al fascino di questa importante mappa, caposaòdo di ogni collezion … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-27 20:23:07
Jan MATAL o METELLUS (Poligny 1510 - 1597 ca.)
1579. "Carta geografica tratta dal rarissimo Itinerarium Europae Provinciae edito a Colonia tra il 1579 e il 1588. Conosciuto anche come Itinerarium Orbis Christiani, questo atlante fu pubblicato anonimamente a causa dei problemi politici e religiosi che caratterizzavano il periodo storico, come spesso succedeva aal'epoca per sfuggire alle persecuzioni cattoliche contro i protestanti. L'opera fa parte degli atlanti editi dalla cosidetta scuola Cartografica di Colonia, durata per circa mezzo secolo (1570 - 1620 ca.), e formata principalmente da rifugiati fiamminghi ed olandesi tra i quali spiccano lo stesso Matthaeus Quad e Frans Hogenberg, che ne fu il fondatore. Le mappe sono attribuite alcune a Jan Matal ed altre a Michael von Eitzing. Jan Matal o Metellus, francese di nascita ed attivo a Louvaine ed a Colonia, dove si rifugia prprio per sfuggire alle persecuzioni dei regnanti cattolici e dove muore nel 1597. Fu tra i maggiori cartografi del tempo e, insieme al Quad e al Hogenberg stesso, il principale esponente della scuola coloniese. Alcune delle mappe del Matal sono poi successivamente incluse nelle successive pubblicazioni postume, e recano il testo al verso. Dal punto di vista cartografico le mappe sono una derivazione e basate sulle carte pubblicate ad Anversa da Abraham Ortelius, per la prima volta nel 1570; le incisioni delle mappe sono invece attribuite a Frans Hogenberg. La grandissima rarità dell'opera, insieme alla scarsità di informazioni sulle opere ""carbonare"" edite a Colonia, contribuisce al fascino di questa importante mappa, caposaòdo di ogni collezion … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
______________________________________________________________________________


      Home     Wants Manager     Library Search     563 Years   Links     Contact      Search Help      Terms of Service      Privacy     


Copyright © 2019 viaLibri™ Limited. All rights reserved.