The viaLibri website requires cookies to work properly. You can find more information in our Terms of Service and Privacy Policy.

Displayed below are some selected recent viaLibri matches for books published in 1579
2016-10-02 05:17:49
Jan MATAL o METELLUS (Poligny 1510 - 1597 ca.)
1579. Carta geografica tratta dal rarissimo Itinerarium Europae Provinciae edito a Colonia tra il 1579 e il 1588. Conosciuto anche come Itinerarium Orbis Christiani, questo atlante fu pubblicato anonimamente a causa dei problemi politici e religiosi che caratterizzavano il periodo storico, come spesso succedeva all'epoca per sfuggire alle persecuzioni cattoliche contro i protestanti. L'opera fa parte degli atlanti editi dalla cosiddetta scuola Cartografica di Colonia, durata per circa mezzo secolo (1570 - 1620 ca.), e formata principalmente da rifugiati fiamminghi ed olandesi tra i quali spiccano lo stesso Matthaeus Quad e Frans Hogenberg, che ne fu il fondatore. Le mappe sono attribuite alcune a Jan Matal ed altre a Michael von Eitzing. Jan Matal o Metellus, francese di nascita ed attivo a Louvaine ed a Colonia, dove si rifugia proprio per sfuggire alle persecuzioni dei regnanti cattolici e dove muore nel 1597. Fu tra i maggiori cartografi del tempo e, insieme al Quad e al Hogenberg stesso, il principale esponente della scuola coloniese. Alcune delle mappe del Matal sono poi successivamente incluse nelle successive pubblicazioni postume, e recano il testo al verso. Dal punto di vista cartografico le mappe sono una derivazione e sono basate sulle carte pubblicate ad Anversa da Abraham Ortelius, per la prima volta nel 1570; le incisioni delle mappe sono invece attribuite a Frans Hogenberg. La grandissima rarità dell'opera, insieme alla scarsità di informazioni sulle opere "carbonare" edite a Colonia, contribuisce al fascino di questa importante mappa, caposaldo di ogni colle … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-27 13:37:07
Francesco FERRETTI (1523 - 1593)
1579. Elegante piccola carta geografica dell'isola tratta dai 'Dialoghi Notturni del Capitano Francesco Ferretti Cavaglier di S. Stefano' edito ad Ancona da Giovan Battista Ciotti, nel 1604. Si tratta della seconda edizione del celebre isolario del Ferretti (per la prima volta edito nel 1579), che contiene 28 mappe di isole europee incise in rame, e rachiuse dentro una cornice ornamentale di forma rotonda, che conforisce alle carte un'inusuale e particolarissima forma. Questo raro trattato che fornisce nozioni scientifiche e militari, oltre che geografiche e matematiche. La parte geografica costituisce il corpus principale dell'opera, con le 28 mappe raffiguranti le principali isole del Mediterraneo rappresentate con l'inusuale forma circolare, finemente intagliate da Michelangelo Marelli. Le carte derivano da quelle intagliate da Girolamo Porro per l'Isolario di Porcacchi, edito per la prima volta nel 1572. Ogni carta è racchiusa entro una cornice ornamentale, e mostra le linee dei venti. Il titolo, racchiuso nella parte superiore, è molto grande ed è espresso con la formula Ragionevol' Forma et vera postura del' Isola di, seguito dal nome dell'isola. Le mappe sono di piccole dimensioni ma molto accurate. L'opera del Ferretti venne ristampata nel 1608 con il titolo di Arte Militare. Bibliografia: Mortimer 184; Olschki 4539; Cockle 548; Shirley T.FRR - 1a. - Nordenskiold Collection I, p.156 no.73; Dufour/Laguimina p. 85; Ganado 1985 S. 231; Stylianou 81, Navari 33; Zacharakis/Scutari 1499/1003 - 1518/1022; King, Miniature Antique Maps, pp. 62/3. Nice miniature map of the is … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-27 12:54:05
(CARTE D'ANJOU - ORTELIUS). GUYET, Lézin.
S.l.: s.n., 1579 [1584]. Gravure sur cuivre de 47,5 x 36 cm à la cuvette (dimensions de la feuille 55 x 43 cm). Gravure coloriée. Carte en bel état, à bonnes marges; trace de pliure au centre avec texte au dos en latin "Andegavensium ducatus". Première carte spécifiquement consacrée à la province d'Anjou. Elle figure la vallée de la Loire avec la ville d'Angers au centre, les reliefs, les forêts et de très nombreux villages. D'abord publiée en 1573 à Paris, cette carte fut reprise par Ortelius dans son atlas publié à Anvers en 1579, puis dans les éditions ultérieures publiées jusqu'au début du XVIIème siècle. Elle comprend en partie gauche une liste des îles de la Loire. Tirage de l'édition latine du "Théâtre du Monde" d'Ortelius publiée en 1584 à 800 exemplaires (van den Broecke, "Ortelius atlas maps" 2011, Ort 40).
Bookseller: Librairie des Carrés [France, Gennes]
2016-09-27 12:54:05
(CARTE D'ANJOU - ORTELIUS). GUYET, Lézin.
S.l.: s.n., 1579 [1592]. Gravure sur cuivre de 47,5 x 36 cm à la cuvette (dimensions de la feuille 54,5 x 45cm). Gravure coloriée. Carte en bel état, à bonnes marges; trace de pliure au centre avec texte au dos en latin "Andegavensium ducatus". Première carte spécifiquement consacrée à la province d'Anjou. Elle figure la vallée de la Loire avec la ville d'Angers au centre, les reliefs, les forêts et de très nombreux villages. D'abord publiée en 1573 à Paris, cette carte fut reprise par Ortelius dans son atlas publié à Anvers en 1579, et dans les éditions ultérieures publiées jusqu'au début du XVIIème siècle. Elle comprend en partie gauche une liste des îles de la Loire. Tirage de l'édition latine du "Théâtre du Monde" d'Ortelius publiée en 1592 à 525 exemplaires (van den Broecke, "Ortelius atlas maps" 2011, Ort 40).
Bookseller: Librairie des Carrés [France, Gennes]
2016-09-26 14:48:57
ROSSET
1 volume in-8. Plein vélin ivoire à recouvrement, tranches rouges. Reliure de l'époque. 180 x 105 mm. SECONDE ÉDITION RARISSIME DE L"Histoire des amants volages de ce temps" DE FRANÇOIS ROSSET (1579-APRÈS 1630), LÉCRIVAIN FRANÇAIS QUI UNIT LASTRÉE ET LAMADIS. Ce roman, le plus rare de Rosset, est resté inconnu de Brunet qui cite et décrit les autres uvres de cet auteur talentueux. BEST-SELLER DE LANCIEN RÉGIME, l'ouvrage ne cessera d'être réédité sous le nom de Rosset, assorti de nouvelles pièces qui formeront plus de 40 éditions jusqu'en 1757. A partir des faits divers véritables, récents et sanglants, qui forment un théâtre de l'ambition et des passions, ROSSET REPREND UN GENRE EN VOGUE DANS LITALIE DE LA RENAISSANCE, POUR CRÉER UN ROMANESQUE NOIR, VOLONTIERS ÉDIFIANT? QUI SERA LUN DES ANCÊTRES DE LA LITTÉRATURE FANTASTIQUE DU XIXè SIÈCLE. SUPERBE VOLUME ORNÉ DUN ÉLÉGANT TITRE FRONTISPICE, SUIVI DE LA DÉDICACE AU ROI LOUIS XIII ET DE LA TABLE DES XII HISTOIRES. Cette édition est d'une insigne rareté. MAGNIFIQUE EXEMPLAIRE À GRANDES MARGES conservé dans son beau vélin de l'époque à recouvrement provenant de la bibliothèque James Scot avec la date 1625 et Boillaud, date 1673.
Bookseller: Librairie Sourget
2016-09-26 11:55:15
Jan MATAL o METELLUS (Poligny 1510 - 1597 ca.)
1579. Carta geografica tratta dal rarissimo Itinerarium Europae Provinciae edito a Colonia tra il 1579 e il 1588. Conosciuto anche come Itinerarium Orbis Christiani, questo atlante fu pubblicato anonimamente a causa dei problemi politici e religiosi che caratterizzavano il periodo storico, come spesso succedeva aal'epoca per sfuggire alle persecuzioni cattoliche contro i protestanti. L'opera fa parte degli atlanti editi dalla cosidetta scuola Cartografica di Colonia, durata per circa mezzo secolo (1570 - 1620 ca.), e formata principalmente da rifugiati fiamminghi ed olandesi tra i quali spiccano lo stesso Matthaeus Quad e Frans Hogenberg, che ne fu il fondatore. Le mappe sono attribuite alcune a Jan Matal ed altre a Michael von Eitzing. Jan Matal o Metellus, francese di nascita ed attivo a Louvaine ed a Colonia, dove si rifugia prprio per sfuggire alle persecuzioni dei regnanti cattolici e dove muore nel 1597. Fu tra i maggiori cartografi del tempo e, insieme al Quad e al Hogenberg stesso, il principale esponente della scuola coloniese. Alcune delle mappe del Matal sono poi successivamente incluse nelle successive pubblicazioni postume, e recano il testo al verso. Dal punto di vista cartografico le mappe sono una derivazione e basate sulle carte pubblicate ad Anversa da Abraham Ortelius, per la prima volta nel 1570; le incisioni delle mappe sono invece attribuite a Frans Hogenberg. La grandissima rarità dell'opera, insieme alla scarsità di informazioni sulle opere "carbonare" edite a Colonia, contribuisce al fascino di questa importante mappa, caposaòdo di ogni collezione c … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-20 20:11:29
Manilius (Marcus) - Scaliger (Joseph) :
Lutetiae, apud Marnerum Patissorum typographum Regius, in officina Roberti Stéphani, 1579 ; deux parties avec titre propre reliées en un volume in-8, veau marbré, dos à nerfs décoré et doré avec le chiffre de Mathieu Molé, armes de Mathieu Molé au centre des plats ; (12)-136 pp. , (6) p. , (1) f. blanc ; 292, (12) pp.volume in-8, veau marbré, dos à nerfs décoré et doré avec le chiffre de Mathieu Molé, armes de Mathieu Molé au centre des plats ; (12)-136 pp. , (6) p. , (1) f. blanc ; 292, (12) pp. Première édition donnée par Scaliger, qui a suivi un manuscrit très ancien de l'Abbaye de Gembloux et y a joint de très longs commentaires qui forment la seconde partie ; cette édition est d'ailleurs l'une des plus appréciées et des plus érudites. Exemplaire aux armes de Mathieu Molé, seigneur de Champlâtreux (1584-1656), conseiller au Parlement de Paris en 1606 à 22 ans, puis président d'une chambre des enquêtes, procureur général en 1614, enfin premier Président en 1641. Il joua un grand rôle de conciliateur entre le Parlement et Anne d'Autriche pendant la Fronde, souvent au péril de sa vie ; fervent bibliophile, ses livres passèrent à son troisième fils abbé de Sainte-Croix. (OHR 258, fer 1 pour le plat et 3 pour le dos). Ex-libris gravé du XVIIe : Ex-bibliotheca de Meaux : Etienne de Meaux, seigneur de Châtillon, Marbé, la Douze, premier président au baillage et présidial de Mâcon (ORH 276). Le poème de Manilius est autant astrologique qu'astronomique. On y trouve : liber I, notions de la sphère de la figure de la terre, de la division du ciel et des constellations ; liber II, … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Librairie Ancienne Clagahé [France, Lyon]
2016-09-18 15:20:02
SIMLER Josias; [GOULART Simon, traducteur]:
Paris, Jacques du Puys, 1579.In-12 de [24]-467-[13] pages, pleine basane marron, dos à nerfs, caissons ornés de filets et fleurons dorés, tranches mouchetées, reliure un poil de Saint Bernard frotté, un mors partiellement fendu avec un petit manque de peau au dos. (reliure XVIIe siècle). Hormis les ff. de table rognés un peu court, intérieur très frais. Illustré d'une gravure à pleine page figurant les armoiries des cantons et de leurs alliés avec les 3 Suisses prêtant serment, et 13 gravures sur bois à mi-page représentant les villes de Lucerne, Zürich, Glaris, Zug, Berne, Fribourg, Soleure, Bâle, Schaffhouse, Appenzel, Uri, Schwitz, et Unterwald. Le traité De Republica Helvetiorum libri duo, qui parut quelques jours après la mort (2/7/1576) de Simler, conciliait le droit public confédéral et l'histoire. Il remporta un grand succès et connut de nombreuses rééditions, enrichies par la suite d'illustrations; traduit en allemand, français et hollandais, il constitua jusqu'au XVIIIe siècle un ouvrage de référence sur la structure de l'Etat suisse. La traduction est dûe à Simon Goulart.
Bookseller: ILLIBRAIRIE | Alexandre Illi | Bombadil SA [Switzerland, Genève]
2016-09-18 01:26:35
Abraham ORTELIUS (1528 - 1598)
1579. Carta geografica del territorio veronese per la prima volta edita nel "Theatrum Orbis Terrarum" di Ortelius del 1579. La carta deriva dalla celebre mappa di Bernardo Brugnolo edita da Paolo Forlani nel 1574. Esemplare in meravigliosa coloritura coeva. Anversa Antwerpen M. Van den Broecke "Ortelius Atlas Maps" (2011), n. 120 470 330
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-17 11:33:52
Estienne (Henri) :
A Paris, Mamert Patisson, 1579 ; in-8 ; maroquin vert foncé, dos à nerfs décoré et doré aux petits fers, triple filet sur les plats, large dentelle intérieure, double filet sur les coupes, tranches dorées sur marbrure (Amand) ; (32) dont le titre, l'Epistre au Roy et la Préface, 295, (1) pp. (à,è 8, A - S 8, T 3 absence du dernier feuillet blanc). EDITION ORIGINALE de cet ouvrage qui connut un très grand succès à sa parution. Exemplaire avec l'ex-libris gravé "Ex-musaeo Elz. Pin" qui représente un livre ouvert avec le chiffre EP à gauche et les armes à droite. Cet ouvrage, commandé à Estienne par le Roi Henri III est le troisième consacré par l'auteur à la défense de la langue française, qu'il jugeait supérieure à toutes les autres. Rédigé en trois mois, De la Précellence du langage français faisait partie d'un plus vaste projet, d'où le titre de Project de livre, qui ne fut pas mené à son terme (Renouard, 181 ; "En français dans le texte", 62). Mamert Patisson, qui était le beau-frère par alliance de Henri II Estienne, imprimait dans l'atelier familial, l'ouvrage sort des presses des Estienne. Très bel exemplaire, absolument frais, dans une luxueuse reliure fort bien établie.
Bookseller: Librairie Ancienne Clagahé [France, Lyon]
2016-09-17 08:45:01
Jan MATAL o METELLUS (Poligny 1510 - 1597 ca.)
1579. Carta geografica tratta dal rarissimo Itinerarium Europae Provinciae edito a Colonia tra il 1579 e il 1588. Conosciuto anche come Itinerarium Orbis Christiani, questo atlante fu pubblicato anonimamente a causa dei problemi politici e religiosi che caratterizzavano il periodo storico, come spesso succedeva aal'epoca per sfuggire alle persecuzioni cattoliche contro i protestanti. L'opera fa parte degli atlanti editi dalla cosidetta scuola Cartografica di Colonia, durata per circa mezzo secolo (1570 - 1620 ca.), e formata principalmente da rifugiati fiamminghi ed olandesi tra i quali spiccano lo stesso Matthaeus Quad e Frans Hogenberg, che ne fu il fondatore. Le mappe sono attribuite alcune a Jan Matal ed altre a Michael von Eitzing. Jan Matal o Metellus, francese di nascita ed attivo a Louvaine ed a Colonia, dove si rifugia prprio per sfuggire alle persecuzioni dei regnanti cattolici e dove muore nel 1597. Fu tra i maggiori cartografi del tempo e, insieme al Quad e al Hogenberg stesso, il principale esponente della scuola coloniese. Alcune delle mappe del Matal sono poi successivamente incluse nelle successive pubblicazioni postume, e recano il testo al verso. Dal punto di vista cartografico le mappe sono una derivazione e basate sulle carte pubblicate ad Anversa da Abraham Ortelius, per la prima volta nel 1570; le incisioni delle mappe sono invece attribuite a Frans Hogenberg. La grandissima rarità dell'opera, insieme alla scarsità di informazioni sulle opere "carbonare" edite a Colonia, contribuisce al fascino di questa importante mappa, caposaòdo di ogni collezione c … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-17 08:45:01
Jan MATAL o METELLUS (Poligny 1510 - 1597 ca.)
1579. Carta geografica tratta dal rarissimo Itinerarium Europae Provinciae edito a Colonia tra il 1579 e il 1588. Conosciuto anche come Itinerarium Orbis Christiani, questo atlante fu pubblicato anonimamente a causa dei problemi politici e religiosi che caratterizzavano il periodo storico, come spesso succedeva aal'epoca per sfuggire alle persecuzioni cattoliche contro i protestanti. L'opera fa parte degli atlanti editi dalla cosidetta scuola Cartografica di Colonia, durata per circa mezzo secolo (1570 - 1620 ca.), e formata principalmente da rifugiati fiamminghi ed olandesi tra i quali spiccano lo stesso Matthaeus Quad e Frans Hogenberg, che ne fu il fondatore. Le mappe sono attribuite alcune a Jan Matal ed altre a Michael von Eitzing. Jan Matal o Metellus, francese di nascita ed attivo a Louvaine ed a Colonia, dove si rifugia prprio per sfuggire alle persecuzioni dei regnanti cattolici e dove muore nel 1597. Fu tra i maggiori cartografi del tempo e, insieme al Quad e al Hogenberg stesso, il principale esponente della scuola coloniese. Alcune delle mappe del Matal sono poi successivamente incluse nelle successive pubblicazioni postume, e recano il testo al verso. Dal punto di vista cartografico le mappe sono una derivazione e basate sulle carte pubblicate ad Anversa da Abraham Ortelius, per la prima volta nel 1570; le incisioni delle mappe sono invece attribuite a Frans Hogenberg. La grandissima rarità dell'opera, insieme alla scarsità di informazioni sulle opere "carbonare" edite a Colonia, contribuisce al fascino di questa importante mappa, caposaòdo di ogni collezione c … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-17 08:45:01
Jan MATAL o METELLUS (Poligny 1510 - 1597 ca.)
1579. Carta geografica tratta dal rarissimo Itinerarium Europae Provinciae edito a Colonia tra il 1579 e il 1588. Conosciuto anche come Itinerarium Orbis Christiani, questo atlante fu pubblicato anonimamente a causa dei problemi politici e religiosi che caratterizzavano il periodo storico, come spesso succedeva aal'epoca per sfuggire alle persecuzioni cattoliche contro i protestanti. L'opera fa parte degli atlanti editi dalla cosidetta scuola Cartografica di Colonia, durata per circa mezzo secolo (1570 - 1620 ca.), e formata principalmente da rifugiati fiamminghi ed olandesi tra i quali spiccano lo stesso Matthaeus Quad e Frans Hogenberg, che ne fu il fondatore. Le mappe sono attribuite alcune a Jan Matal ed altre a Michael von Eitzing. Jan Matal o Metellus, francese di nascita ed attivo a Louvaine ed a Colonia, dove si rifugia prprio per sfuggire alle persecuzioni dei regnanti cattolici e dove muore nel 1597. Fu tra i maggiori cartografi del tempo e, insieme al Quad e al Hogenberg stesso, il principale esponente della scuola coloniese. Alcune delle mappe del Matal sono poi successivamente incluse nelle successive pubblicazioni postume, e recano il testo al verso. Dal punto di vista cartografico le mappe sono una derivazione e basate sulle carte pubblicate ad Anversa da Abraham Ortelius, per la prima volta nel 1570; le incisioni delle mappe sono invece attribuite a Frans Hogenberg. La grandissima rarità dell'opera, insieme alla scarsità di informazioni sulle opere "carbonare" edite a Colonia, contribuisce al fascino di questa importante mappa, caposaòdo di ogni collezione c … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-14 21:50:41
OPERA NUOVA
1579. In 8vo (mm. 137x91), ), legatura recente in carta marmorizzata, pp. (8). Fregio e vignetta in legno al titolo che raffigura una scena di battaglia. Ottima copia.La raccolta comprende una Caccia d'amore, due villanelle e due villanelle alla napoletana.Edizione apparentemente sconosciuta. Un'edizione molto simile, datata Siena 1579 ed aumentata di un &ldquo,enigma molto artifitioso da indovinare&rdquo,, è conosciuta in una sola copia conservata presso la Biblioteca Alessandrina di Roma e censita in Edit 16 (68306) e USTC (801321).
Bookseller: Libreria Govi Alberto
2016-09-13 21:25:52
Francesco FERRETTI (1523 - 1593)
1579. Elegante piccola carta geografica dell'isola tratta dai 'Dialoghi Notturni del Capitano Francesco Ferretti Cavaglier di S. Stefano' edito ad Ancona da Giovan Battista Ciotti, nel 1604. Si tratta della seconda edizione del celebre isolario del Ferretti (per la prima volta edito nel 1579), che contiene 28 mappe di isole europee incise in rame, e rachiuse dentro una cornice ornamentale di forma rotonda, che conforisce alle carte un'inusuale e particolarissima forma. Questo raro trattato che fornisce nozioni scientifiche e militari, oltre che geografiche e matematiche. La parte geografica costituisce il corpus principale dell'opera, con le 28 mappe raffiguranti le principali isole del Mediterraneo rappresentate con l'inusuale forma circolare, finemente intagliate da Michelangelo Marelli. Le carte derivano da quelle intagliate da Girolamo Porro per l'Isolario di Porcacchi, edito per la prima volta nel 1572. Ogni carta è racchiusa entro una cornice ornamentale, e mostra le linee dei venti. Il titolo, racchiuso nella parte superiore, è molto grande ed è espresso con la formula Ragionevol' Forma et vera postura del' Isola di, seguito dal nome dell'isola. Le mappe sono di piccole dimensioni ma molto accurate. L'opera del Ferretti venne ristampata nel 1608 con il titolo di Arte Militare. Bibliografia: Mortimer 184; Olschki 4539; Cockle 548; Shirley T.FRR - 1a. - Nordenskiold Collection I, p.156 no.73; Dufour/Laguimina p. 85; Ganado 1985 S. 231; Stylianou 81, Navari 33; Zacharakis/Scutari 1499/1003 - 1518/1022; King, Miniature Antique Maps, pp. 62/3. Nice miniature map of the is … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-13 19:06:17
Jan MATAL o METELLUS (Poligny 1510 - 1597 ca.)
1579. Carta geografica tratta dal rarissimo Itinerarium Europae Provinciae edito a Colonia tra il 1579 e il 1588. Conosciuto anche come Itinerarium Orbis Christiani, questo atlante fu pubblicato anonimamente a causa dei problemi politici e religiosi che caratterizzavano il periodo storico, come spesso succedeva aal'epoca per sfuggire alle persecuzioni cattoliche contro i protestanti. L'opera fa parte degli atlanti editi dalla cosidetta scuola Cartografica di Colonia, durata per circa mezzo secolo (1570 - 1620 ca.), e formata principalmente da rifugiati fiamminghi ed olandesi tra i quali spiccano lo stesso Matthaeus Quad e Frans Hogenberg, che ne fu il fondatore. Le mappe sono attribuite alcune a Jan Matal ed altre a Michael von Eitzing. Jan Matal o Metellus, francese di nascita ed attivo a Louvaine ed a Colonia, dove si rifugia prprio per sfuggire alle persecuzioni dei regnanti cattolici e dove muore nel 1597. Fu tra i maggiori cartografi del tempo e, insieme al Quad e al Hogenberg stesso, il principale esponente della scuola coloniese. Alcune delle mappe del Matal sono poi successivamente incluse nelle successive pubblicazioni postume, e recano il testo al verso. Dal punto di vista cartografico le mappe sono una derivazione e basate sulle carte pubblicate ad Anversa da Abraham Ortelius, per la prima volta nel 1570; le incisioni delle mappe sono invece attribuite a Frans Hogenberg. La grandissima rarità dell'opera, insieme alla scarsità di informazioni sulle opere "carbonare" edite a Colonia, contribuisce al fascino di questa importante mappa, caposaòdo di ogni collezione c … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-11 13:48:37
Francesco FERRETTI (1523 - 1593)
1579. Elegante piccola carta geografica dell'isola tratta dai 'Dialoghi Notturni del Capitano Francesco Ferretti Cavaglier di S. Stefano' edito ad Ancona da Giovan Battista Ciotti, nel 1604. Si tratta della seconda edizione del celebre isolario del Ferretti (per la prima volta edito nel 1579), che contiene 28 mappe di isole europee incise in rame, e rachiuse dentro una cornice ornamentale di forma rotonda, che conforisce alle carte un'inusuale e particolarissima forma. Questo raro trattato che fornisce nozioni scientifiche e militari, oltre che geografiche e matematiche. La parte geografica costituisce il corpus principale dell'opera, con le 28 mappe raffiguranti le principali isole del Mediterraneo rappresentate con l'inusuale forma circolare, finemente intagliate da Michelangelo Marelli. Le carte derivano da quelle intagliate da Girolamo Porro per l'Isolario di Porcacchi, edito per la prima volta nel 1572. Ogni carta è racchiusa entro una cornice ornamentale, e mostra le linee dei venti. Il titolo, racchiuso nella parte superiore, è molto grande ed è espresso con la formula Ragionevol' Forma et vera postura del' Isola di, seguito dal nome dell'isola. Le mappe sono di piccole dimensioni ma molto accurate. L'opera del Ferretti venne ristampata nel 1608 con il titolo di Arte Militare. Bibliografia: Mortimer 184; Olschki 4539; Cockle 548; Shirley T.FRR - 1a. - Nordenskiold Collection I, p.156 no.73; Dufour/Laguimina p. 85; Ganado 1985 S. 231; Stylianou 81, Navari 33; Zacharakis/Scutari 1499/1003 - 1518/1022; King, Miniature Antique Maps, pp. 62/3. Nice miniature map of the is … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-11 13:48:37
Francesco FERRETTI (1523 - 1593)
1579. Elegante piccola carta geografica dell'isola tratta dai 'Dialoghi Notturni del Capitano Francesco Ferretti Cavaglier di S. Stefano' edito ad Ancona da Giovan Battista Ciotti, nel 1604. Si tratta della seconda edizione del celebre isolario del Ferretti (per la prima volta edito nel 1579), che contiene 28 mappe di isole europee incise in rame, e rachiuse dentro una cornice ornamentale di forma rotonda, che conforisce alle carte un'inusuale e particolarissima forma. Questo raro trattato che fornisce nozioni scientifiche e militari, oltre che geografiche e matematiche. La parte geografica costituisce il corpus principale dell'opera, con le 28 mappe raffiguranti le principali isole del Mediterraneo rappresentate con l'inusuale forma circolare, finemente intagliate da Michelangelo Marelli. Le carte derivano da quelle intagliate da Girolamo Porro per l'Isolario di Porcacchi, edito per la prima volta nel 1572. Ogni carta è racchiusa entro una cornice ornamentale, e mostra le linee dei venti. Il titolo, racchiuso nella parte superiore, è molto grande ed è espresso con la formula Ragionevol' Forma et vera postura del' Isola di, seguito dal nome dell'isola. Le mappe sono di piccole dimensioni ma molto accurate. L'opera del Ferretti venne ristampata nel 1608 con il titolo di Arte Militare. Bibliografia: Mortimer 184; Olschki 4539; Cockle 548; Shirley T.FRR - 1a. - Nordenskiold Collection I, p.156 no.73; Dufour/Laguimina p. 85; Ganado 1985 S. 231; Stylianou 81, Navari 33; Zacharakis/Scutari 1499/1003 - 1518/1022; King, Miniature Antique Maps, pp. 62/3. Nice miniature map of the is … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-11 13:48:37
Francesco FERRETTI (1523 - 1593)
1579. Elegante piccola carta geografica dell'isola tratta dai 'Dialoghi Notturni del Capitano Francesco Ferretti Cavaglier di S. Stefano' edito ad Ancona da Giovan Battista Ciotti, nel 1604. Si tratta della seconda edizione del celebre isolario del Ferretti (per la prima volta edito nel 1579), che contiene 28 mappe di isole europee incise in rame, e rachiuse dentro una cornice ornamentale di forma rotonda, che conforisce alle carte un'inusuale e particolarissima forma. Questo raro trattato che fornisce nozioni scientifiche e militari, oltre che geografiche e matematiche. La parte geografica costituisce il corpus principale dell'opera, con le 28 mappe raffiguranti le principali isole del Mediterraneo rappresentate con l'inusuale forma circolare, finemente intagliate da Michelangelo Marelli. Le carte derivano da quelle intagliate da Girolamo Porro per l'Isolario di Porcacchi, edito per la prima volta nel 1572. Ogni carta è racchiusa entro una cornice ornamentale, e mostra le linee dei venti. Il titolo, racchiuso nella parte superiore, è molto grande ed è espresso con la formula Ragionevol' Forma et vera postura del' Isola di, seguito dal nome dell'isola. Le mappe sono di piccole dimensioni ma molto accurate. L'opera del Ferretti venne ristampata nel 1608 con il titolo di Arte Militare. Bibliografia: Mortimer 184; Olschki 4539; Cockle 548; Shirley T.FRR - 1a. - Nordenskiold Collection I, p.156 no.73; Dufour/Laguimina p. 85; Ganado 1985 S. 231; Stylianou 81, Navari 33; Zacharakis/Scutari 1499/1003 - 1518/1022; King, Miniature Antique Maps, pp. 62/3. Nice miniature map of the is … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-09 20:05:09
Jan MATAL o METELLUS (Poligny 1510 - 1597 ca.)
1579. Carta geografica tratta dal rarissimo Itinerarium Europae Provinciae edito a Colonia tra il 1579 e il 1588. Conosciuto anche come Itinerarium Orbis Christiani, questo atlante fu pubblicato anonimamente a causa dei problemi politici e religiosi che caratterizzavano il periodo storico, come spesso succedeva aal'epoca per sfuggire alle persecuzioni cattoliche contro i protestanti. L'opera fa parte degli atlanti editi dalla cosidetta scuola Cartografica di Colonia, durata per circa mezzo secolo (1570 - 1620 ca.), e formata principalmente da rifugiati fiamminghi ed olandesi tra i quali spiccano lo stesso Matthaeus Quad e Frans Hogenberg, che ne fu il fondatore. Le mappe sono attribuite alcune a Jan Matal ed altre a Michael von Eitzing. Jan Matal o Metellus, francese di nascita ed attivo a Louvaine ed a Colonia, dove si rifugia prprio per sfuggire alle persecuzioni dei regnanti cattolici e dove muore nel 1597. Fu tra i maggiori cartografi del tempo e, insieme al Quad e al Hogenberg stesso, il principale esponente della scuola coloniese. Alcune delle mappe del Matal sono poi successivamente incluse nelle successive pubblicazioni postume, e recano il testo al verso. Dal punto di vista cartografico le mappe sono una derivazione e basate sulle carte pubblicate ad Anversa da Abraham Ortelius, per la prima volta nel 1570; le incisioni delle mappe sono invece attribuite a Frans Hogenberg. La grandissima rarità dell'opera, insieme alla scarsità di informazioni sulle opere "carbonare" edite a Colonia, contribuisce al fascino di questa importante mappa, caposaòdo di ogni collezione c … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-08 05:59:04
Abraham ORTELIUS (1528 - 1598)
1579. Carta della zona di Cremona tratta dal "Theatrum Orbis Terrarum" di Orteliius, edizione con testo francese del 1598. Per la prima volta la carta appare nel 1579 ed è basata sulla carta di Antonio Campi del 1571. Incisione in rame, finemente colorata a mano, in buono sttao di conservazione. "Nice full color example of Ortelius' map of the region centered on Cremona and the Po', with a large inset, from Oretlius's Theatrum Orbis Terrarum, the first modern atlas of the world. Extends to Mantua and Piacenza. Several ornate cartouches. Van Den Broecke notes ""Antonio Campi (1536 - 1591 or later) received a privilege for his map of the surroundings of Cremona in 1571. Ortelius' map is based on a manuscript version of this map, which was published in 1583. The inset of Crema goes back to an unidentified source, published by Forlani in 1570.""" Anversa Antwerpen M. Van den Broecke "Ortelius Atlas Maps" (2011), n. 127 495 355
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-05 18:03:46
Jan MATAL o METELLUS (Poligny 1510 - 1597 ca.)
1579. Carta geografica tratta dal rarissimo Itinerarium Europae Provinciae edito a Colonia tra il 1579 e il 1588. Conosciuto anche come Itinerarium Orbis Christiani, questo atlante fu pubblicato anonimamente a causa dei problemi politici e religiosi che caratterizzavano il periodo storico, come spesso succedeva all'epoca per sfuggire alle persecuzioni cattoliche contro i protestanti. L'opera fa parte degli atlanti editi dalla cosidetta scuola Cartografica di Colonia, durata per circa mezzo secolo (1570 - 1620 ca.), e formata principalmente da rifugiati fiamminghi ed olandesi tra i quali spiccano lo stesso Matthaeus Quad e Frans Hogenberg, che ne fu il fondatore. Le mappe sono attribuite alcune a Jan Matal ed altre a Michael von Eitzing. Jan Matal o Metellus, francese di nascita ed attivo a Louvaine ed a Colonia, dove si rifugia proprio per sfuggire alle persecuzioni dei regnanti cattolici e dove muore nel 1597. Fu tra i maggiori cartografi del tempo e, insieme al Quad e al Hogenberg stesso, il principale esponente della scuola coloniese. Alcune delle mappe del Matal furono poi incluse nelle successive pubblicazioni postume, e recano il testo al verso. Dal punto di vista cartografico le mappe sono una derivazione e basate sulle carte pubblicate ad Anversa da Abraham Ortelius, per la prima volta nel 1570; le incisioni delle mappe sono invece attribuite a Frans Hogenberg. La grandissima rarità dell'opera, insieme alla scarsità di informazioni sulle opere "carbonare" edite a Colonia, contribuisce al fascino di questa importante mappa, caposaòdo di ogni collezione cartografica. … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-09-02 12:57:13
Francesco FERRETTI (1523 - 1593)
1579. Elegante piccola carta geografica dell'isola tratta dai 'Dialoghi Notturni del Capitano Francesco Ferretti Cavaglier di S. Stefano' edito ad Ancona da Giovan Battista Ciotti, nel 1604. Si tratta della seconda edizione del celebre isolario del Ferretti (per la prima volta edito nel 1579), che contiene 28 mappe di isole europee incise in rame, e rachiuse dentro una cornice ornamentale di forma rotonda, che conforisce alle carte un'inusuale e particolarissima forma. Questo raro trattato che fornisce nozioni scientifiche e militari, oltre che geografiche e matematiche. La parte geografica costituisce il corpus principale dell'opera, con le 28 mappe raffiguranti le principali isole del Mediterraneo rappresentate con l'inusuale forma circolare, finemente intagliate da Michelangelo Marelli. Le carte derivano da quelle intagliate da Girolamo Porro per l'Isolario di Porcacchi, edito per la prima volta nel 1572. Ogni carta è racchiusa entro una cornice ornamentale, e mostra le linee dei venti. Il titolo, racchiuso nella parte superiore, è molto grande ed è espresso con la formula Ragionevol' Forma et vera postura del' Isola di, seguito dal nome dell'isola. Le mappe sono di piccole dimensioni ma molto accurate. L'opera del Ferretti venne ristampata nel 1608 con il titolo di Arte Militare. Bibliografia: Mortimer 184; Olschki 4539; Cockle 548; Shirley T.FRR - 1a. - Nordenskiold Collection I, p.156 no.73; Dufour/Laguimina p. 85; Ganado 1985 S. 231; Stylianou 81, Navari 33; Zacharakis/Scutari 1499/1003 - 1518/1022; King, Miniature Antique Maps, pp. 62/3. Nice miniature map of the is … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-31 19:40:24
SOCINI BARTHOLOMAEI
1579. 2 Volumi in unico tomo. Folio 39,5 x 25,5 pp. 133 - 36, legatura settecentesca in piena pergamena con titolo al dorso su tassello (5 millimetrici forellini nella parte finale del dorso ed esigua mancanza al contropiatto posteriore e carta precedente), tagli spruzzati. Frontespizio del primo volume bicromo, marca editoriale in cornice con aquila che becca una roccia e motto Renovabitur ut aquila iuventus tua. Secondo frontespizio in nero con medesima marca editoriale. Testo a due colonne, molti capilettera illustrati. Testo in lingua latina. Leggera macchia di colore marrone al frontespizio del primo volume il quale presenta delle antiche firme di possesso, alcune cancellate. Piccolo e leggero alone al margine inferiore e superiore di qualche carta, rare macchioline e segni di inchiostro sparsi, qualche glossa ai margini, rare carte con brunitura (C3, R2, R3). Secondo volume con rare carte brunite (A2, E, E3, E6, F, F2), minimo leggero alone al margine inferiore ed interno di alcune pagine, la carta F presenta tre aloni più evidenti che tuttavia consentono una normale lettera del testo, dalla carta F2 sono presenti forellini di tarlo nella parte bianca con una esigua perdinta di testo alla carta successiva, l'ultima, che presenta anche una piccola mancanza al margine inferiore. I difetti elencati dettagliatamente non ledono il giudizio complessivo sull'opera, ottima la legatura, ottimo il testo. Opere entrambe molto rare. Socini, Bartolomeo fu Giurista (Siena 1436 - ivi 1507), figlio di Mariano il Vecchio. Fu discepolo a Bologna di A. Tartagni e di A. Barbazza e a Pisa … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Arca Dei Libri
2016-08-28 11:01:27
Jan MATAL o METELLUS (Poligny 1510 - 1597 ca.)
1579. Carta geografica tratta dal rarissimo Itinerarium Europae Provinciae edito a Colonia tra il 1579 e il 1588. Conosciuto anche come Itinerarium Orbis Christiani, questo atlante fu pubblicato anonimamente a causa dei problemi politici e religiosi che caratterizzavano il periodo storico, come spesso succedeva aal'epoca per sfuggire alle persecuzioni cattoliche contro i protestanti. L'opera fa parte degli atlanti editi dalla cosidetta scuola Cartografica di Colonia, durata per circa mezzo secolo (1570 - 1620 ca.), e formata principalmente da rifugiati fiamminghi ed olandesi tra i quali spiccano lo stesso Matthaeus Quad e Frans Hogenberg, che ne fu il fondatore. Le mappe sono attribuite alcune a Jan Matal ed altre a Michael von Eitzing. Jan Matal o Metellus, francese di nascita ed attivo a Louvaine ed a Colonia, dove si rifugia prprio per sfuggire alle persecuzioni dei regnanti cattolici e dove muore nel 1597. Fu tra i maggiori cartografi del tempo e, insieme al Quad e al Hogenberg stesso, il principale esponente della scuola coloniese. Alcune delle mappe del Matal sono poi successivamente incluse nelle successive pubblicazioni postume, e recano il testo al verso. Dal punto di vista cartografico le mappe sono una derivazione e basate sulle carte pubblicate ad Anversa da Abraham Ortelius, per la prima volta nel 1570; le incisioni delle mappe sono invece attribuite a Frans Hogenberg. La grandissima rarità dell'opera, insieme alla scarsità di informazioni sulle opere "carbonare" edite a Colonia, contribuisce al fascino di questa importante mappa, caposaòdo di ogni collezione c … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-27 20:23:07
Jan MATAL o METELLUS (Poligny 1510 - 1597 ca.)
1579. Carta geografica tratta dal rarissimo Itinerarium Europae Provinciae edito a Colonia tra il 1579 e il 1588. Conosciuto anche come Itinerarium Orbis Christiani, questo atlante fu pubblicato anonimamente a causa dei problemi politici e religiosi che caratterizzavano il periodo storico, come spesso succedeva all'epoca per sfuggire alle persecuzioni cattoliche contro i protestanti. L'opera fa parte degli atlanti editi dalla cosidetta scuola Cartografica di Colonia, durata per circa mezzo secolo (1570 - 1620 ca.), e formata principalmente da rifugiati fiamminghi ed olandesi tra i quali spiccano lo stesso Matthaeus Quad e Frans Hogenberg, che ne fu il fondatore. Le mappe sono attribuite alcune a Jan Matal ed altre a Michael von Eitzing. Jan Matal o Metellus, francese di nascita ed attivo a Louvaine ed a Colonia, dove si rifugia prprio per sfuggire alle persecuzioni dei regnanti cattolici e dove muore nel 1597. Fu tra i maggiori cartografi del tempo e, insieme al Quad e al Hogenberg stesso, il principale esponente della scuola coloniese. Alcune delle mappe del Matal sono poi successivamente incluse nelle successive pubblicazioni postume, e recano il testo al verso. Dal punto di vista cartografico le mappe sono una derivazione e basate sulle carte pubblicate ad Anversa da Abraham Ortelius, per la prima volta nel 1570; le incisioni delle mappe sono invece attribuite a Frans Hogenberg. La grandissima rarità dell'opera, insieme alla scarsità di informazioni sulle opere "carbonare" edite a Colonia, contribuisce al fascino di questa importante mappa, caposaldo di ogni collezione c … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-27 20:23:07
Jan MATAL o METELLUS (Poligny 1510 - 1597 ca.)
1579. "Carta geografica tratta dal rarissimo Itinerarium Europae Provinciae edito a Colonia tra il 1579 e il 1588. Conosciuto anche come Itinerarium Orbis Christiani, questo atlante fu pubblicato anonimamente a causa dei problemi politici e religiosi che caratterizzavano il periodo storico, come spesso succedeva aal'epoca per sfuggire alle persecuzioni cattoliche contro i protestanti. L'opera fa parte degli atlanti editi dalla cosidetta scuola Cartografica di Colonia, durata per circa mezzo secolo (1570 - 1620 ca.), e formata principalmente da rifugiati fiamminghi ed olandesi tra i quali spiccano lo stesso Matthaeus Quad e Frans Hogenberg, che ne fu il fondatore. Le mappe sono attribuite alcune a Jan Matal ed altre a Michael von Eitzing. Jan Matal o Metellus, francese di nascita ed attivo a Louvaine ed a Colonia, dove si rifugia prprio per sfuggire alle persecuzioni dei regnanti cattolici e dove muore nel 1597. Fu tra i maggiori cartografi del tempo e, insieme al Quad e al Hogenberg stesso, il principale esponente della scuola coloniese. Alcune delle mappe del Matal sono poi successivamente incluse nelle successive pubblicazioni postume, e recano il testo al verso. Dal punto di vista cartografico le mappe sono una derivazione e basate sulle carte pubblicate ad Anversa da Abraham Ortelius, per la prima volta nel 1570; le incisioni delle mappe sono invece attribuite a Frans Hogenberg. La grandissima rarità dell'opera, insieme alla scarsità di informazioni sulle opere ""carbonare"" edite a Colonia, contribuisce al fascino di questa importante mappa, caposaòdo di ogni collezion … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-27 20:23:07
Jan MATAL o METELLUS (Poligny 1510 - 1597 ca.)
1579. "Carta geografica tratta dal rarissimo Itinerarium Europae Provinciae edito a Colonia tra il 1579 e il 1588. Conosciuto anche come Itinerarium Orbis Christiani, questo atlante fu pubblicato anonimamente a causa dei problemi politici e religiosi che caratterizzavano il periodo storico, come spesso succedeva aal'epoca per sfuggire alle persecuzioni cattoliche contro i protestanti. L'opera fa parte degli atlanti editi dalla cosidetta scuola Cartografica di Colonia, durata per circa mezzo secolo (1570 - 1620 ca.), e formata principalmente da rifugiati fiamminghi ed olandesi tra i quali spiccano lo stesso Matthaeus Quad e Frans Hogenberg, che ne fu il fondatore. Le mappe sono attribuite alcune a Jan Matal ed altre a Michael von Eitzing. Jan Matal o Metellus, francese di nascita ed attivo a Louvaine ed a Colonia, dove si rifugia prprio per sfuggire alle persecuzioni dei regnanti cattolici e dove muore nel 1597. Fu tra i maggiori cartografi del tempo e, insieme al Quad e al Hogenberg stesso, il principale esponente della scuola coloniese. Alcune delle mappe del Matal sono poi successivamente incluse nelle successive pubblicazioni postume, e recano il testo al verso. Dal punto di vista cartografico le mappe sono una derivazione e basate sulle carte pubblicate ad Anversa da Abraham Ortelius, per la prima volta nel 1570; le incisioni delle mappe sono invece attribuite a Frans Hogenberg. La grandissima rarità dell'opera, insieme alla scarsità di informazioni sulle opere ""carbonare"" edite a Colonia, contribuisce al fascino di questa importante mappa, caposaòdo di ogni collezion … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-27 20:23:07
Jan MATAL o METELLUS (Poligny 1510 - 1597 ca.)
1579. "Carta geografica tratta dal rarissimo Itinerarium Europae Provinciae edito a Colonia tra il 1579 e il 1588. Conosciuto anche come Itinerarium Orbis Christiani, questo atlante fu pubblicato anonimamente a causa dei problemi politici e religiosi che caratterizzavano il periodo storico, come spesso succedeva aal'epoca per sfuggire alle persecuzioni cattoliche contro i protestanti. L'opera fa parte degli atlanti editi dalla cosidetta scuola Cartografica di Colonia, durata per circa mezzo secolo (1570 - 1620 ca.), e formata principalmente da rifugiati fiamminghi ed olandesi tra i quali spiccano lo stesso Matthaeus Quad e Frans Hogenberg, che ne fu il fondatore. Le mappe sono attribuite alcune a Jan Matal ed altre a Michael von Eitzing. Jan Matal o Metellus, francese di nascita ed attivo a Louvaine ed a Colonia, dove si rifugia prprio per sfuggire alle persecuzioni dei regnanti cattolici e dove muore nel 1597. Fu tra i maggiori cartografi del tempo e, insieme al Quad e al Hogenberg stesso, il principale esponente della scuola coloniese. Alcune delle mappe del Matal sono poi successivamente incluse nelle successive pubblicazioni postume, e recano il testo al verso. Dal punto di vista cartografico le mappe sono una derivazione e basate sulle carte pubblicate ad Anversa da Abraham Ortelius, per la prima volta nel 1570; le incisioni delle mappe sono invece attribuite a Frans Hogenberg. La grandissima rarità dell'opera, insieme alla scarsità di informazioni sulle opere ""carbonare"" edite a Colonia, contribuisce al fascino di questa importante mappa, caposaòdo di ogni collezion … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-27 20:23:07
Jan MATAL o METELLUS (Poligny 1510 - 1597 ca.)
1579. "Carta geografica tratta dal rarissimo Itinerarium Europae Provinciae edito a Colonia tra il 1579 e il 1588. Conosciuto anche come Itinerarium Orbis Christiani, questo atlante fu pubblicato anonimamente a causa dei problemi politici e religiosi che caratterizzavano il periodo storico, come spesso succedeva aal'epoca per sfuggire alle persecuzioni cattoliche contro i protestanti. L'opera fa parte degli atlanti editi dalla cosidetta scuola Cartografica di Colonia, durata per circa mezzo secolo (1570 - 1620 ca.), e formata principalmente da rifugiati fiamminghi ed olandesi tra i quali spiccano lo stesso Matthaeus Quad e Frans Hogenberg, che ne fu il fondatore. Le mappe sono attribuite alcune a Jan Matal ed altre a Michael von Eitzing. Jan Matal o Metellus, francese di nascita ed attivo a Louvaine ed a Colonia, dove si rifugia prprio per sfuggire alle persecuzioni dei regnanti cattolici e dove muore nel 1597. Fu tra i maggiori cartografi del tempo e, insieme al Quad e al Hogenberg stesso, il principale esponente della scuola coloniese. Alcune delle mappe del Matal sono poi successivamente incluse nelle successive pubblicazioni postume, e recano il testo al verso. Dal punto di vista cartografico le mappe sono una derivazione e basate sulle carte pubblicate ad Anversa da Abraham Ortelius, per la prima volta nel 1570; le incisioni delle mappe sono invece attribuite a Frans Hogenberg. La grandissima rarità dell'opera, insieme alla scarsità di informazioni sulle opere ""carbonare"" edite a Colonia, contribuisce al fascino di questa importante mappa, caposaòdo di ogni collezion … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-27 15:01:09
Prevotius, Claudius.
Lausanne, Francois le Preux, 1579. 8°. Mit einigen Holzschn.-Vignetten bzw. -Initialen. 3 Bll., 188 S., 3 Bll. (das letzte weiß). - Angeb. - Hotman, Antoine. Observationum, quae ad veterem nuptiarum ritum pertinent, liber singularis. Ohne Ort (wohl Genf), J. le Preux, 1585. Mit einigen Holzschn.-Vignetten bzw. -Initialen. 101 S. - Angeb. - Ciacconius, Petrus (Chacon, Pedro). De triclinio, sive, de modo convivandi apud priscos Romanos, & de conviviorum apparatu. Accedit Fulvi Ursini appendix [...]. Ohne Ort, In officina Sanctandreana (d. i. Heidelberg, H. Commelinus), 1590. Mit Holzschn.-Druckermarke u. 4 großen Textholzschnitten. 2 Bll., 192 S., 6 Bll. - Angeb. - Lipsius, Justus. Politicorum sive civilis doctrinae libri sex. Frankfurt a. M., J. Wechel, 1590. Titel in Rot u. Schwarz u. mit Holzschnitt-Druckermarke. Mit einigen Holzschn.-Vignetten bzw. -Initialen. 288 S., Blindgepr. Schweinsldr.-Bd. d. Zt. a. 4 Bünden m. dreiseitigem Rotschnitt. Interessanter Sammelband mit vier Werken aus der Zeit des späten Humanismus, vornehmlich zur Kulturgeschichte der Römerzeit. - Ad 1) Erste Ausgabe. - Titel m. Fehlstellen (ohne Textverlust) u. aufgezogen. Einige alte Unterstreichungen. Wasserrandig u. etw. gebräunt bzw. fleckig. - Ad 2) Laut Titel verfaßt von „N. Hotomano, iurisconsulto et advocato in supremo senatu Parisiensi“. Als Verfasser wird jedoch Antoine Hotman (1525-1596) oder dessen Bruder Francois (1524-1590) angenommen (vgl. Hoefer XXV, 225 u. 234). - Titel mit hs. Vermerk zum Verfasser. Einige alte Unterstreichungen. Etw. gebräunt. - Ad 3) Einer von zwei Heidelberger Dr … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Antiquariat Wolfgang Friebes
2016-08-26 14:00:38
Jan MATAL o METELLUS (Poligny 1510 - 1597 ca.)
1579. "Carta geografica tratta dal rarissimo Itinerarium Europae Provinciae edito a Colonia tra il 1579 e il 1588. Conosciuto anche come Itinerarium Orbis Christiani, questo atlante fu pubblicato anonimamente a causa dei problemi politici e religiosi che caratterizzavano il periodo storico, come spesso succedeva aal'epoca per sfuggire alle persecuzioni cattoliche contro i protestanti. L'opera fa parte degli atlanti editi dalla cosidetta scuola Cartografica di Colonia, durata per circa mezzo secolo (1570 - 1620 ca.), e formata principalmente da rifugiati fiamminghi ed olandesi tra i quali spiccano lo stesso Matthaeus Quad e Frans Hogenberg, che ne fu il fondatore. Le mappe sono attribuite alcune a Jan Matal ed altre a Michael von Eitzing. Jan Matal o Metellus, francese di nascita ed attivo a Louvaine ed a Colonia, dove si rifugia prprio per sfuggire alle persecuzioni dei regnanti cattolici e dove muore nel 1597. Fu tra i maggiori cartografi del tempo e, insieme al Quad e al Hogenberg stesso, il principale esponente della scuola coloniese. Alcune delle mappe del Matal sono poi successivamente incluse nelle successive pubblicazioni postume, e recano il testo al verso. Dal punto di vista cartografico le mappe sono una derivazione e basate sulle carte pubblicate ad Anversa da Abraham Ortelius, per la prima volta nel 1570; le incisioni delle mappe sono invece attribuite a Frans Hogenberg. La grandissima rarità dell'opera, insieme alla scarsità di informazioni sulle opere ""carbonare"" edite a Colonia, contribuisce al fascino di questa importante mappa, caposaòdo di ogni collezion … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-26 11:04:32
CICERONIS.
Apud I. Gryphium, 1579. In - folio antico, cm. 31x21, legatura in tutta pergamena molle, interamente manoscritta con antico corsivo, Bella marca tipografica, pp. n. num. 6 - num. 221 solo al recto, quindi carte 442.Qualche leggero alone sparso e piccole tracce di tarlo al margine esterno di alcune pagine, nell'insieme ottimo esemplare. - (De officiis ('Sui doveri'): Il De officis, che - pare - fu scritto dopo la morte di Cesare, nel 44 a.C., è l'ultima opera filosofica di Cicerone, che la dedicò al figlio Marco, che si trovava ad Atene. L'opera, ispirata ad un lavoro dello stoico Panezio, è divisa in tre libri: il primo tratta di ciò che è onesto, il secondo di ciò che utile, ed il terzo traccia una comparazione tra utile ed onesto. Nell'opera, Cicerone non fornisce profonde spiegazioni con rigore scientifico, ma enuncia una serie di ottimi precetti, indispensabili per fare di un uomo un buon cittadino romano, ligio ai suoi doveri e dunque in grado di vivere nell'ottica della virtus).
Bookseller: Daris S.R.L.
2016-08-26 05:54:30
PROTESTANTISME
de l'imprimerie de Jean Martin, 1579. - de l'imprimerie de Jean Martin., A Reims 1579, in 8 (10,5x16,5cm), (8) 261pp., relié. - Seconda edizione, dopo l'originale del 1577, ma più prezioso perché è aumentata 100p. Rare. Brunet V, 871. Mezza bordeaux Marocco, firmato Lortic coda. Torna a nervi giansenisti con dorato. Nizza copia. Pamphlet particolarmente violenta contro gli organizzatori della strage di San Bartolomeo. Regina Madre ha subito un violento attacco mentre Carlo IX tolti coinvolgimento in qualsiasi omicidio. Il libro invita la nazione, i principi francesi e la Regina d'Inghilterra per fornire la Francia dalla Regina Madre. Gli astrologi previsto che "si rovina la casa che prende patto". Il libro presenta la storia di Saint-Bathelemy ed esibisce paralleli storici, per non parlare di un messaggio politico forte all'indirizzo dei governanti. Hauser. Le fonti della storia di Francia, 2156 Stroelin Cat II, 1140. "Lavoro molto raro, contenente un conto di tutto il male che i protestanti erano le vittime e che ha reso il nostro Francia una Turchia. "Biblioteca Stamp to Arms: Biblioteca Palatina Vindobon sul retro dell'ultima foglia. - [FRENCH VERSION FOLLOWS] Seconde édition, après l'originale de 1577, mais plus précieuse car elle est augmentée de 100p. Rare. Brunet V, 871. Reliure en demi maroquin bordeaux signé Lortic en queue. Dos à nerfs janséniste avec titre doré. Bel exemplaire. Pamphlet particulièrement violent à l'égard des organisateurs du massacre de la Saint-Barthélémy. La reine Mère subit une attaque violente tandis que Charles IX est disculpé d'avoir partic … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Librairie Le Feu Follet
2016-08-24 11:50:54
Jan MATAL o METELLUS (Poligny 1510 - 1597 ca.)
1579. Carta geografica tratta dal rarissimo Itinerarium Europae Provinciae edito a Colonia tra il 1579 e il 1588. Conosciuto anche come Itinerarium Orbis Christiani, questo atlante fu pubblicato anonimamente a causa dei problemi politici e religiosi che caratterizzavano il periodo storico, come spesso succedeva aal'epoca per sfuggire alle persecuzioni cattoliche contro i protestanti. L'opera fa parte degli atlanti editi dalla cosidetta scuola Cartografica di Colonia, durata per circa mezzo secolo (1570 - 1620 ca.), e formata principalmente da rifugiati fiamminghi ed olandesi tra i quali spiccano lo stesso Matthaeus Quad e Frans Hogenberg, che ne fu il fondatore. Le mappe sono attribuite alcune a Jan Matal ed altre a Michael von Eitzing. Jan Matal o Metellus, francese di nascita ed attivo a Louvaine ed a Colonia, dove si rifugia prprio per sfuggire alle persecuzioni dei regnanti cattolici e dove muore nel 1597. Fu tra i maggiori cartografi del tempo e, insieme al Quad e al Hogenberg stesso, il principale esponente della scuola coloniese. Alcune delle mappe del Matal sono poi successivamente incluse nelle successive pubblicazioni postume, e recano il testo al verso. Dal punto di vista cartografico le mappe sono una derivazione e basate sulle carte pubblicate ad Anversa da Abraham Ortelius, per la prima volta nel 1570; le incisioni delle mappe sono invece attribuite a Frans Hogenberg. La grandissima rarità dell'opera, insieme alla scarsità di informazioni sulle opere "carbonare" edite a Colonia, contribuisce al fascino di questa importante mappa, caposaòdo di ogni collezione c … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-21 11:46:47
MANILIUS (Marcus) et SCALIGER (Jospeh - Juste)
Paris, Mamert Patisson à l'enseigne de Robert Estienne, 1579. 2 parties en un volume , (12), 136, (6), (2bl.), 292, (12)pp veau marbré du XVIIIe siècle, avec un double filet d'encadrement doré sur les plats, dos à 5 nerfs orné de fleurs de lys dorés et d'une pièce de titre en maroquin rouge, tranches rouges 1579, 1579, in - 8, 2 parties en un volume , (12), 136, (6), (2bl.), 292, (12)pp, veau marbré du XVIIIe siècle, avec un double filet d'encadrement doré sur les plats, dos à 5 nerfs orné de fleurs de lys dorés et d'une pièce de titre en maroquin rouge, tranches rouges, Première édition de Scaliger du poème didactique, intitulé "Astronomicon" ("les Astronomiques"), du poète romain Marcus Manilius. Composé en hexamètre au siècle d'Auguste, ce long poème sur le cosmos, la fatalité et l'activité poétique présente en 5 livres le système astronomique en vigueur durant l'antiquité. Dans le premier livre, l'auteur décrit l'univers et les constellations qui entourent la terre, dans les second et troisième il traite du calcul du mouvement des constellations ; dans le quatrième il discute de l'influence des signes zodiacales sur les comportements humains, et dans le cinquième, il s'interroge sur la signification des étoiles qui résident en dehors du zodiaque. Bien que Manilius fut édité dés 1473, le texte procurée par Scaliger s'avère être l'un des plus fiables et des plus corrects du XVIe siècle. Il en donnera une seconde édition, en 1600, après avoir retrouvé un manuscrit inédit des "Astronomicon", datable du Xe siècle, à Gemblours dans le Brabant. Nombreuses de ses premières corr … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Librairie Alain Brieux
2016-08-21 10:27:13
PASSERI e CAPRIOLI Bernardino e Aliprando
1579. in - folio (400x280mm), titolo figurato e 49 tavole, numerati da 1 a 50, incisioni in rame all'acquaforte a piena pagina. Bernardino Passeri (1540 - 1590) e Aliprando Caprioli (1540 c. - 1590 c.) furono gli artisti che disegnarono e incisero questa straordinaria serie di episodi della vita di S. Benedtto. Il titolo è racchiuso da bordura formata da 15 vignette inerenti al Santo. Legatura coeva o di poco posteriore in piena pergamena con filettature concentriche in oro e fregi agli angoli. Al centro degli stessi sono dipinte delle armi araldiche (non ancora identificate) racchiuse in ovale in oro e contornate da una banda condivisa ''In lumine Tuo videbimus lumen'' (tratto dai Salmi, 35:10; in epoca più recente divenne il Motto della Columbia University). La serie costituisce un capolavoro dell'incisione del secondo cinquecento italiano ed è estemamente rara. Esemplare magnifico, con ampi margini, completo e perfettamente conservato in bella legatura del tempo.
Bookseller: Libreria Antiquaria Pregliasco
2016-08-20 10:35:57
SCALIGER Joseph & MANILIUS
Apud Mamertum Patissonium, Roberti Stephani (Mamert Patisson, Robert Estienne), 1579. - Apud Mamertum Patissonium, Roberti Stephani (Mamert Patisson, Robert Estienne), Lutetiae (Paris) 1579, in - 8 (10x16cm), (12)136pp. (8); 292pp. (10), 2 parties reliées en un volume. - Prima edizione, rara. Parte impaginazione indipendente composto da testo di Manilio (corsivo), la seconda, che ha il suo frontespizio e l'impaginazione, dai commenti di Scaligero, che sono due volte più a lungo il testo. Questa seconda parte è accompagnata da numerosi diagrammi, tra cui incasso. Marche di stampante su entrambe le pagine titre.Plein di scorrimento del tempo. Dorso liscio con titolo a penna nera. Angolo destro mancano pochi minuti sul coperchio superiore. Open 3 m piatto astronomico inférieur.Les Manilio, poeta lascia astrologo latino confine inizi del I secolo, è un poema didattico di astronomia e astrologia. Il primo libro è una descrizione del cielo, il secondo è dedicato allo zodiaco, la terza insegna come stabilire un oroscopo basato sull'osservazione del cielo, il libro è un'analisi delle quattro nazioni della terra secondo l'influenza astrale, e l'ultimo libro una spiegazione dell'influenza del pianeta a seconda delle loro posizioni. Si noti che per la prima volta nella storia di entrata astrologia appare in questo testo il concetto di "casa" è ancora usato. Commenti e riflessioni sono il primo Saliger esistente su questo articolo. Scaligero, come sappiamo, è stato uno dei principali studiosi del XVI secolo e fu sostituito da Justus Lipsius all'Università di Leiden. Il suo interesse pe … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Librairie Le Feu Follet
2016-08-19 21:16:57
Francesco FERRETTI (1523 - 1593)
1579. Elegante piccola carta geografica dell'isola tratta dai 'Dialoghi Notturni del Capitano Francesco Ferretti Cavaglier di S. Stefano' edito ad Ancona da Giovan Battista Ciotti, nel 1604. Si tratta della seconda edizione del celebre isolario del Ferretti (per la prima volta edito nel 1579), che contiene 28 mappe di isole europee incise in rame, e rachiuse dentro una cornice ornamentale di forma rotonda, che conforisce alle carte un'inusuale e particolarissima forma. Questo raro trattato che fornisce nozioni scientifiche e militari, oltre che geografiche e matematiche. La parte geografica costituisce il corpus principale dell'opera, con le 28 mappe raffiguranti le principali isole del Mediterraneo rappresentate con l'inusuale forma circolare, finemente intagliate da Michelangelo Marelli. Le carte derivano da quelle intagliate da Girolamo Porro per l'Isolario di Porcacchi, edito per la prima volta nel 1572. Ogni carta è racchiusa entro una cornice ornamentale, e mostra le linee dei venti. Il titolo, racchiuso nella parte superiore, è molto grande ed è espresso con la formula Ragionevol' Forma et vera postura del' Isola di, seguito dal nome dell'isola. Le mappe sono di piccole dimensioni ma molto accurate. L'opera del Ferretti venne ristampata nel 1608 con il titolo di Arte Militare. Bibliografia: Mortimer 184; Olschki 4539; Cockle 548; Shirley T.FRR - 1a. - Nordenskiold Collection I, p.156 no.73; Dufour/Laguimina p. 85; Ganado 1985 S. 231; Stylianou 81, Navari 33; Zacharakis/Scutari 1499/1003 - 1518/1022; King, Miniature Antique Maps, pp. 62/3. Nice miniature map of the is … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Libreria Antiquarius
2016-08-11 11:20:27
Toleto Francesco
apud Iuntas 1579 8vo (cm. 21), 45 cc., 8 cc.nn. con num.si capilettera ornati ed alcune ill.ni n.t. (di cui una a piena pagina). Legatura coeva in piena pergamena (ondulazioni, lievi macchie soprattutto al piatto posteriore e risarcimenti marginali). Carte di guardia rinnovate. Restauri ben eseguiti al margine esterno bianco del frontis. e delle prime carte. Nel complesso buon esemplare. Provenienza: collezione Sacchetti (timbretto sbiadito al frontis.). Camerini, 819.
Bookseller: Libreria Antiquaria Ex Libris s.r.l.
2016-08-10 13:41:04
ESTIENNE, Charles and Jean LIEBAULT
Strassburg: Jobin, 1579. Folio (316 x 203 mm). Title printed in red and black and set within woodcut border, one large woodcut portrait and 30 large woodcuts in the text. Contemporary German pigskin over wooden boards, brass clasps and catches. (First gathering including title and preliminaries loose, with creasing and wear at edges, the fifth leaf with lower corner torn away and loss of text in six lines on recto/verso, the sixth leaf lacking lower third of sheet with loss of text, some occasional staining and browning, pencilings by previous owner including some occasional shading of cuts.). FIRST EDITION IN GERMAN. This famous work on agriculture, gardening, cattle raising, hunting, hawking and falconry was first published in Latin as 'Praedium rusticum' (1554) by Charles Estienne. It became best known in its French edition, 'L'agriculture et maison rustique', first published in Paris 1564, translated by Esrtienne's son-in-law, Jean Liébault. There were at least 80 editions by 1850, including translations into English, German, Dutch, Italian and Scandinavian languages. The blocks follow Tobias Stimmer, J. Amman and others and were probably cut by the printer Bernard Jobin himself. There are seven parts: 1. Von dem Feldbau und ordentlicher Anstellung einer Meyerey...; 2. Von Anstellung der Gärten; 3. Vom Lustgarten; 4. Von Wisen und Matten; 5. Von Ackerfeldern...; 6. Vom Weydwerck, Hawung der Wald und Gehölz...; 7. Von der Wolffjagt. Beschrieben vom Herrn Johan von Clamorgan. Despite the obvious defects of this copy, it is a scarce edition: according to auction records … [Click Below for Full Description]
Bookseller: Riverrun Books & Manuscripts
Check availability:
2016-07-07 13:39:00
Lemnius, Levinus:
Leipzig, Vogel für Steinmann 1579.Mit Holzschnitt - Druckermarke auf dem letzten Blatt. 117; 123, 1 w.; 59, 1 w.; 79 Bll. Holzdeckelband d. Zt. mit blindgeprägtem Schweinslederbezug und 1 (von 2) Schließen. VD 16, L 1114 (abweichende Kollation); nicht bei Ackermann (Geh. Wiss.), Duveen, Ferguson, Rosenthal (Bibl. magica). - Seltene, wohl vierte deutsche Ausgabe, das Vorwort 1572 datiert. Kompendium kurioser naturgeschichtlicher Nachrichten und Besonderheiten, über Missgeburten, Trunksucht, über das Schlafen mit offenem Mund, über den Nutzen des Spiegels, Kraft und Wirkung der Gestirne, von Bier, Wein und Branntwein, über die Winde usw. - Einband berieben und bestoßen, mit Schnittstellen auf dem Vorderdeckel, dieser gebrochen, Bezug teilw. gelöst. Gebräunt, fleckig und mit kleinen Randläsuren, Titel mit altem Besitzvermerk, vereinzelt mit zarten Unterstreichungen und kleinen Marginalien. Bücher de
Bookseller: Antiquariat Turszynski
2016-07-04 22:08:44
Münster, Sebastian
Basel, Henricpetri, 1579. Folio. (8) + CLVIII + (2), CCLXI + (3) s. Treskåret vignett på tittelbl. 1 foldet treskåret plansje. 1 helsides tresnitt. Rikt illustrert med tresnitt i teksten. 1 treskåret sluttvignett. Samt. pergamentbd. . . Et meget fint og velholdt eksemplar. Cont. half vellum. Woodcut vignette on title-page. 1 folding woodcut plate. 1 full-page woodcut. Richly illustrated with woodcuts in text. 1 woodcut vignette at end. A very fine and complete copy.
Bookseller: Ruuds Antikvariat [NO]
2016-06-26 10:37:36
Claro Giulio
sumptibus Ioannis Baptistae Ratterij 1579 (al colophon, 1578 apud Haeredes Nicolai Bevilaquae) 8vo (cm. 16,4), 40 cc.nn., 229 cc. (segue) Tractatus quatuor. In quibus omnia accuratissime tractantur quae pertinent ad Testamenta, Donationes, Emphyteuses, & Feuda... ibidem 1578, 4 cc.nn., 133 cc., 17 cc.nn. Testo su due colonne entro cornice. Num.si piccoli capilettera ornati. Legatura coeva in piena pergamena con titolo ms. al ds. (poco leggibile). Residui di lacci di chiusura. Macchia al piatto anteriore e ds. parzialmente scollato. Ottimi e freschi interni. Due rari ed importanti trattati del noto giurista di Alessandria (1525 - 1575). Sapori, I, 676 e 682.
Bookseller: Libreria Antiquaria Ex Libris s.r.l.
2016-06-23 16:14:18
Frischlin, N.
Tübingen Hock 1579 - 8 nn. Bll. Mit 1 Druckermarke. Moderner Pappband. VD 16 F 2922. Strauss S. 148 f. Erste und einzige Ausgabe. Sehr selten. - Höhepunkt des Zwietrachts zwischen Frischlin und seinen Tübinger Universitätskollegen, besonders Martin Crusius. Die Elegie entstand in nur 3 Tagen aus Anlass einer Explosion im Tübinger Schloß, bei der ein Blitz in ein Häuschen am nordwestlichen Ende des Tübinger Schloßes schlug, in welchem ein Pulvervorrat lag. "Dieses Gedicht machte um so mehr böses Blut, da es Frischlin, mit Umgehung der akademischen Censur des Rectors und der Dekane alsbald drucken ließ und dem Herzog widmete. Auch dieser, dem es Andreä ausgelegt zu haben scheint, nahm es nicht günstig auf, und unterdrückte, wie wenigstens Crusius meldet, die noch unvertheilten Exemplare". - Stempel auf Titel. Breitrandiges Exemplar. 2 Außenränder am Kopf kaum sichtbar verstärkt. Gewicht (Gramm): 190 [Attributes: First Edition; Hard Cover]
Bookseller: Müller & Gräff e.K.
Check availability:
2016-06-05 21:11:59
Lemnius, Levinus:
Leipzig, Vogel für Steinmann 1579.. Mit Holzschnitt-Druckermarke auf dem letzten Blatt. 117; 123, 1 w.; 59, 1 w.; 79 Bll. Holzdeckelband d. Zt. mit blindgeprägtem Schweinslederbezug und 1 (von 2) Schließen. VD 16, L 1114 (abweichende Kollation); nicht bei Ackermann (Geh. Wiss.), Duveen, Ferguson, Rosenthal (Bibl. magica). - Seltene, wohl vierte deutsche Ausgabe, das Vorwort 1572 datiert. Kompendium kurioser naturgeschichtlicher Nachrichten und Besonderheiten, über Missgeburten, Trunksucht, über das Schlafen mit offenem Mund, über den Nutzen des Spiegels, Kraft und Wirkung der Gestirne, von Bier, Wein und Branntwein, über die Winde usw. - Einband berieben und bestoßen, mit Schnittstellen auf dem Vorderdeckel, dieser gebrochen, Bezug teilw. gelöst. Gebräunt, fleckig und mit kleinen Randläsuren, Titel mit altem Besitzvermerk, vereinzelt mit zarten Unterstreichungen und kleinen Marginalien.
Bookseller: Antiquariat Turszynski
Check availability:
2016-06-01 18:18:38
NAMUR (Namen / Nameur) Belgien / Belgium:
Altkolorierter Kupferstich v. Frans Hogenberg aus Itinerarium Orbis Christiani, 1579, 14 x 18,5 Meurer, Atlantes Coloniensis, IOC 8, 15. - Extrem seltene Karte aus dem ältesten europäischen Straßenatlas! - Vorliegend die erste Ausgabe vor jeder Numerierung, hier nur oberhalb rechts in Manuskript "15". - Die Karte zeigt die Grafschaft Namur. - Unten rechts Titelkartusche. - Die Karte von unglaublicher Seltenheit, fehlt in fast allen Sammlungen. Extremely rare - missing in almost all collections! [Attributes: First Edition]
Bookseller: Antiquariat Norbert Haas [Bedburg-Hau, Germany]
2016-05-26 10:49:44
WESTFALEN:
Altkolorierter Kupferstich v. Frans Hogenberg aus Itinerarium Orbis Christiani, 1579, 14 x 18,.2 Meurer, Atlantes Coloniensis, IOC 8, 60. - Extrem seltene Karte aus dem ältesten europäischen Straßenatlas! - Vorliegend die erste Ausgabe vor jeder Numerierung, hier nur oberhalb rechts in Manuskript "60". - Zeigt Westfalen. - Unten rechts Titelkartusche. - Die Karte von unglaublicher Seltenheit, fehlt in fast allen Sammlungen. Extremely rare - missing in almost all collections! [Attributes: First Edition]
Bookseller: Antiquariat Norbert Haas [Bedburg-Hau, Germany]
2016-05-26 10:49:44
TRIER:
Altkolorierter Kupferstich v. Frans Hogenberg aus Itinerarium Orbis Christiani, 1579, 14 x 18,4 Meurer, Atlantes Coloniensis, IOC 8, 56; Hellwig, Mittelrhein u. Moselland im Bild alter Karten S. 60, Nr. 19. - Extrem seltene Karte aus dem ältesten europäischen Straßenatlas! - Vorliegend die erste Ausgabe vor jeder Numerierung, hier nur oberhalb rechts in Manuskript "56". - Zeigt Kurtrier. - Unten links Titelkartusche. - Die Karte von unglaublicher Seltenheit, fehlt in fast allen Sammlungen. Extremely rare - missing in almost all collections! [Attributes: First Edition]
Bookseller: Antiquariat Norbert Haas [Bedburg-Hau, Germany]
______________________________________________________________________________


      Home     Wants Manager     Library Search     563 Years   Links     Contact      Search Help      Terms of Service      Privacy     


Copyright © 2019 viaLibri™ Limited. All rights reserved.