viaLibri Requires Cookies CLICK HERE TO HIDE THIS NOTICE

Recently found by viaLibri....

Della Guerra Troiana
appresso Vincenzo Vaugris al segno d' Erasmo, 1543. In-8° antico (150x100mm), ff. (8), 132, (1), bella legatura settecentesca in pieno marocchino rosso con cornice floreale impressa in oro lungo il perimetro dei piatti. Dorso a 5 nervi con fregi in oro e titolo in oro su tassello. Sguardie decorate a piuma di pavone. Capilettera ornati. Marca tipografica in silografia al verso dell'ultima carta. Foglio del titolo rifoderato. Antica firma di possesso. Cerniere e cuffie restaurate, restauro al margine interno del titolo. Sparse quanto consuete arrossature. Bell'esemplare. Timbro di possesso del celebre bibliofilo e studioso Gustavo Camillo Galletti (Firenze, 1805-ivi, 1868), la cui eccezionale biblioteca fu fra le maggiori costituite da privati nell'Italia dell'800. Assai rara edizione veneziana, una delle prime del Valgrisi, della prima traduzione italiana dell'"Ephemeris Belli Troiani", opera di Pietro Lauro. Fernanda Ascarelli ("La tipografia cinquecentina italiana", Firenze, 1953, p. 70 e 198; Ascarelli-Menato, p. 111) accenna all'attività tipografica del Valgrisi (Vaugris per la precisione, essendo egli un francese trapiantato a Venezia) come concentrata fra il 1539 e il 1572 e discorre brevemente di sue pubblicazioni in associazione con Baldassarre Costantini tra il 1553 e il 1558. Egli era "un francese che aveva stamperia contemporaneamente a Roma e a Venezia: sembra sia stato anche a Mondovì. La sua sottoscrizione era "Ex officina Erasmiana". La presente edizione contiene inoltre il volgarizzamento di altre operette greche e latine ad essa omologhe, di interesse prevalentemente filologico. Esse sono nell'ordine: I) Darete Frigio, "Della rovina di Troia". II) Libanio, "Declamatione". III) Mirsilio Lesbio, "Dell'origine d'Italia, e de'Tirreni". IV) Archiloco, "De tempi". V) Beroso Babilonio, "Dell'antichità". VI) Manetone, "De i Re d'Egitto". VII) Megastene Persiano, "Del giudicio de tempi, & attuali historie de Persiani". VIII) Quinto Fabio Pittore, "Dell'aurea età, e dell'origine di Roma". IX) Gaio Sempronio, "Della divisione d'Italia, & origine di Roma". Ditti di Creta (per la precisione di Cnosso), figura quasi certamente leggendaria, secondo il mito sarebbe stato al seguito di Idomeneo durante la guerra di Troia. Egli è tradizionalemente noto come il presunto autore di una narrazione in lingua fenicia della guerra stessa, da cui deriverebbe un testo in greco di età neroniana, che egli avrebbe voluto sepolto con lui, tradotto in latino nel IV secolo col titolo "Ephemeris Belli Troiani". Sorta di romanzo storico, preceduto da una lettera di certo Lucio Settimo, presunto traduttore, a Q. Aradio, è un'opera prevalentemente di compilazione la cui narrazione si inoltra sino al ritorno di Ulisse in patria, ma, ciò nonostante, di estrema importanza storica, in quanto fu largamente fruito dagli storici bizantini e, in epoca medievale, costituì la fonte quasi unica degli autori del ciclo troiano, che da essa attinsero le leggende omeriche, non essendo allora l'"Iliade" e l'"Odissea" conosciute direttamente. Quasi certamente il compilatore fu uno scrittore di età ellenistica che si compiacque del falso storico dell'attribuzione ad un eroe mitologico. Adams, D-436. S.T.C. Italian Books, p. 215. Graesse, II, 389. Melzi, I, 322. Paitoni I, 314: "Assai bella". Haym, 3, 1. Morgante, 33: "Rarissima". Graesse, II, 389. Manca al Brunet (che, II, 699, accredita come prima versione italiana quella del 1570 del Giolito de' Ferrari). Cfr. Francesco Della Corte in Diz. Bompiani d. opere, III, 33 e Rosbach in Pauly-Wissowa, V, col. 589 e sgg. Cinque copie in biblioteche italiane (alla Nazionale di Firenze, alla Nazionale di Roma, alla Labronica di Livorno (mancante della carta 131), alla Arcivescovile De Leo di Brindisi, all'Universitaria Alessandrina di Roma), una copia al Corpus Christi College di Oxford, una alla British Library, due in biblioteche tedesche, due a Zurigo. Tra i contributi filologici intorno a Ditti, P. Vanini, "Ditti Cretese e Omero", in "Memorie d. Istituto Lombardo", 1981, pp. 161-198. Italiano
      [Bookseller: Libreria Antiquaria Galleria Gilibert]
Last Found On: 2017-10-24           Check availability:      maremagnum.com    

LINK TO THIS PAGE: www.vialibri.net/years/items/23857176/1543-ditti-cretese-della-guerra-troiana

Browse more rare books from the year 1543


      Home     Wants Manager     Library Search     561 Years   Links     Contact      Search Help      Terms of Service     


Copyright © 2017 viaLibri™ Limited. All rights reserved.