viaLibri Requires Cookies CLICK HERE TO HIDE THIS NOTICE

Recently found by viaLibri....

Faux-Pas] Digressions. Jeu complet d'épreuves - BLANCHOT Maurice - 1943. [1274705]
- S.n., s.l. s.d. (1943), 18,5x41cm. - Primo nuova versione del manoscritto autografo di 17 pagine, scritto nel 1935. Manoscritto di scrittura molto denso, pieno esclusi gli ultimi 13 righe di testo stampato, con molte cancellature, correzioni e aggiunte. Dattiloscritto completo con alcune variazioni rispetto al manoscritto e una copia della edizione originale pubblicato nel 1947 e, infine, pubblicato nel 1950 è allegato. Nel 1935, Blanchot ha lavorato per tre anni a Thomas the Obscure (ha completato nel 1940), quando interrompe la sua scrittura "che non stop" per scrivere l'ultima parola, un racconto che descrive come "un tentativo di aggirare un altro libro in corso per superare la interminabile e ottenere una narrazione più lineare, ma dolorosamente complesso, una decisione in silenzio ... ". Nel 1983 Blanchot riferendosi alle motivazioni di questo "testo innocente dove gli assassini presagi di tempo risuonavano futuro", può non dire "come è scritto e come sconosciuti requisito, esso ha la risposta." "Non è stato un testo per la pubblicazione," dice nella postfazione del senno di poi. L'ultima parola sarà infatti pubblicato 12 anni dopo in 550 esemplari della collezione età d'oro (anche se andò in bancarotta, allo stesso tempo, il libro sarà in vendita nel 1950) . Così la prima storia si intende subito l'ultima parola e il rifiuto della sua inaugurazione. "Sicuramente iniziare a scrivere immediatamente per raggiungere alla fine (...), questo significa almeno spero di non fare carriera e trovare il percorso più breve per finire presto." In questa "Apocalypse" Blanchot porta il suo romanzo essendo scritto: Thomas, l'eroe, ed è ironicamente chiamato il nuovo potere in altro modo senza espressa "cosa è successo a lui [che] dicendo: non è successo niente ". Ma se, iniziando con l'ultima parola, Blanchot segna la fine della scrittura, è un fine che rimane inedito. E quando il libro viene finalmente pubblicato, sarà più di un lavoro già notevole: Thomas the Obscure, Amminadàb, gaffe, l'Altissimo, Death Sentence e la quota del fuoco. Pertanto, l'ultima parola non è "rinuncia sia Maestro e Giudice", ma una rinuncia scritta di questa "si invano." Non può più essere "la risoluzione insolita per privare [Lingua] per sostenere (...), vale a dire più di linguaggio", ma, come parte del lavoro, c'è una "parola da dire e non dire. ". Una parola riscritto dallo scrittore divenne trasformata dalla scrittura e dalla guerra. Questa è la versione inaugurale, prima bozza di trenta giovane Blanchot, vi presentiamo qui e C. Bident suo biografo, pensiero "Probabilmente non sapremo mai." Fondazione narrativa, la scrittura di base, molti studiosi hanno studiato l'ultimo uomo ", dolorosamente complicato", come anche l'autore, ma che chiama un paio di pagine "profetici", una riflessione sul linguaggio (e, attraverso di lui, totalitarismo), che segna la seconda parte del secolo. Ora vi presentiamo il manoscritto nel 1935 e fino ad allora sconosciute, differisce notevolmente dalle seguenti due versioni del 1947 e del 1983. Scritte in terza persona (il più tardi saranno loro, homodiégétiques) la storia è molto più lungo. Esso contiene le descrizioni e le cui molte scene tagliate, che verranno rimossi nelle versioni pubblicate: "Il sole bagnata [piazza] una luce di fuoco di grandi specchi, posti ai quattro angoli, essere preso a calci in un labirinto di colori . "" Una nube fu presto elevato al soffitto, nube nera attraversata da piccole chiazze incandescente. "" Sono preoccupato, ha detto. Ho sbagliato lasciare prima questa casa quando torno a casa, circondata da fiaccole sono spente ad una ad una. Cosa trovo adesso? Come vivere senza di I linea guida? Puoi dirmi qualcosa? "" Alcuni bambini, testa annerito carbone, rimosso la sabbia in cui sono stati sepolti, e cercando di raggiungere con piccole pietre bianche che traevano dalla tasca, insultarono nella loro lingua incomprensibile. "" Approfittando della tregua, i cani dal loro buco, come se fossero stati segretamente eccitato da un maestro, si precipitarono alla dormiente tirando loro link. Hanno cercato di destra, sinistra, poi scoprendo sotto le coperte, sono scivolato malamente, prima in piccolo, poi il grosso cane, come un gruppo vizioso di bambini. "" L'ebbrezza di stare insieme avendo perso più giovane li ha spinti nella propria casa come se avesse cessato di essere loro, e si gettò grida di veglia gli intrusi dalle loro case. "Ma questo manoscritto offre l'esegeta soprattutto dimostrative alcuni passaggi che forniscono chiarimenti sul significato della storia:" Fino a quando non è un modo indifferente per il passato e il futuro. Se si intende estendere un velo su quale approccio, se un collegamento tra, da repulsione reciproca, momenti di tempo separato risulta da qualcosa, qualcosa d'altro non è mostrato, tuttavia, che tale limite. "" Hanno cui nulla è stato proibito di parlare e che conosceva, si comportava come se la loro conoscenza fosse stato a rompere con la lingua. "" Il discepolo su questa ammissione, l'adorazione raddoppiata, si danno colpi che li trasformano in quello che può essere. In un primo momento l'inganno comune, correvano, uno da un mondo animale, l'altra ad un se stesso ribattuta uno schiavo. "" Volevano a ridere senza senso, sta torturando una bugia, ma, non avendo altra via di presentarsi come l'apoteosi, hanno perso di vista il loro reciproco desiderio di morte e beatamente apprezzato l' riposare. "Una chiave di lettura di questi cambiamenti addizione preziose che riflettono cambiamenti reali dell'autore. Se la più importante è, naturalmente, la scelta della prima persona nelle versioni successive, alcune varianti lessicali sono anche molto significativo. Così: «Offro lo spettacolo dei miei vizi" nel manoscritto e dattiloscritto 1935 diventa: "Offro lo spettacolo dei miei errori" nella versione pubblicata della stessa nel 1947 "Questo è un estratto dal discorso. la terza città "diventa" Questo è un estratto del discorso sul terzo allo Stato terzo "; "Un rumore (...) è stato un colpo tutta la città" diventa "è stato un colpo tutte le persone" e "... su un ponte di onomatopea" diventa "... un farneticante gateway." Infine, si tratta di una Blanchot lirica che rivela questa "improvvisa chiamata del linguaggio": "Aveva i capelli appendere queste ampie ali di velluto sono una promessa di trasformazione." "... Quando il sole getta la sua luce splende contro gli specchi ovunque, si fermò sopra la spianata e udì questa voce, privato misteriosamente le vocali e le consonanti, che annuncia la condivisione degli spazi" "Esclamazioni di: la folla è venuto e ha portato chiede un disagio immenso. "" Ha funzionato sul libro e morse i denti, come se avesse fatto insensibile, nonostante l'amarezza di quelle vecchie pagine. ". Col senno di poi Blanchot esitate a commentare, tuttavia, che questo testo prevede la terza volta e si prese cura di rivedere ancora una volta, a 50 anni dalla sua prima release. Tuttavia, porta alcuni pezzi di spiegazioni che rivelano l'importanza di questa piccola storia nella vita e l'opera di uno dei più misteriosi scrittori del ventesimo secolo: "L'ultima parola deve raccontare linea principale, come aventi invece, il naufragio totale, la narrazione in sé non può quindi essere conservato, e impossibile o assurdo, a meno che non dovrebbe pretendere profetico, annunciando un futuro in passato già lì o dicendo che ci sempre quando non c'è niente: o non portare nulla ed evitare l'annientamento che non può sfuggire al suo processo a lungo termine che viene rimasticare e l'eternità. " - [FRENCH VERSION FOLLOWS] Epreuves complètes de Faux-Pas - originellement intitulées Digressions, dont le titre est modifié au crayon - comportant de nombreuses corrections et annotations manuscrites et plusieurs passages supprimés. Petites déchirures sans manques sur certains feuillets et quelques pages cornées. Joint trois feuillets tapuscrits avec placards abondamment corrigés. Document unique témoignant du travail de Maurice Blanchot en vue de la publication en volume de ses meilleures chroniques parues dans le Journal des Débats. Ce faux-pas qui ne devait être qu'une digression dans le parcours du jeune écrivain, deviendra la première étape du plus important travail de critique littéraire du XXeme siècle.
      [Bookseller: Librairie Le Feu Follet]
Last Found On: 2016-11-27           Check availability:      maremagnum.com    

LINK TO THIS PAGE: www.vialibri.net/item_pg_i/1274705-1943-blanchot-maurice-faux-pas-digressions-jeu-complet-preuves-blanchot-maurice.htm

Browse more rare books from the year 1943


      Home     Wants Manager     Library Search     562 Years   Links     Contact      Search Help      Terms of Service     


Copyright © 2016 viaLibri™ Limited. All rights reserved.