viaLibri Requires Cookies CLICK HERE TO HIDE THIS NOTICE

Recently found by viaLibri....

Una Musa - Marcantonio RAIMONDI (Sant'Andrea in Argine - 1515. [1225164]
1515. Bulino, 1516 - 1518 circa. Da un disegno perduto già attribuito a Raffaello. Bellissima prova, impressa su carta vergata coeva priva di filigrana, rifilata alla linea marginale, in ottimo stato di conservazione. I disegni preparatori per questa serie non si sono conservati. L'attribuzione a Raffaello, accolta da Bartsch e Passavant, risale al Vasari che, nella Vita del Raimondi (V, 413) afferma appunto che la serie sia stata incisa su disegno dell'Urbinate. Già Delaborde dubitava dell'attribuzione, pensando invece ad un possibile allievo come Giulio Romano. Frommel, seguendo un'indicazione di Oberhuber, ne attribuisce l'invenzione al Peruzzi, datando la realizzazione al 1524 - 27 circa. Bianchi, riprende Delaborde solo in parte, sostenendo che Giulio Romano abbia disegnato solo le tre virtu teologali, mentre quelle cardinali sarebbero invenzione di Raffaello. La serie però è stilisticamente molto omogenea, e senz'altro riconducibile a un progetto unitario. Se l'attribuzione a Raffaello risulta dubitativa per l'assenza della morbidezza e organicità che caratterizzano le sue figure, l'attribuzione al Peruzzi risulta invece più plausibile: sono infatti diverse le corrispondenze tra alcune figure di questa serie con altre opere firmate dal Peruzzi. La datazione sarebbe riconducibile al 1516 - 1518, a favore della quale depone anche la tecnica esecutiva delle incisioni stesse, con le linee distanziate le une dalle altre a formare incroci semplici che si riscontra in altre opere del Raimondi riferibili allo stesso periodo. Engraving, 1516 - 1518 circa. After a drawing formely attributed to Raphael. Only state. Good example, printed on contemporary laid paper, trimmed to the margins, in very good conditions. The preparatory design, now lost, of the series was assigned to Raphael by Bartsch and Passavant, byfollowing Vasari, and to Giulio Romano by Delaborde. Frommel, following an indication of Oberhuber, attributes the invention to Peruzzi, dating the realization about 1524 - 27. Bianchi, resumes Delaborde in part, arguing that Giulio Romano has only drawn the three theological virtues, while the Cardinals would invention of Raphael. The series, however, is stylistically homogeneous, and certainly due to a single project. If the attribution to Raphael is doubtful for the absence of softness and organic unity that characterize his figures, the attribution to Peruzzi is instead more plausible: they are different correspondences between some of the figures in this series with other works signed by Peruzzi. The dating would be attributable to 1516 - 1518, and it's supported by the engravings technique, with lines spaced from each other to form simple crosses that found in other works of Raimondi referable to the same period. Bartsch 266. 79 128
      [Bookseller: Libreria Antiquarius]
Last Found On: 2016-10-11           Check availability:      maremagnum.com    

LINK TO THIS PAGE: www.vialibri.net/item_pg_i/1225164-1515-marcantonio-raimondi-sant-andrea-una-musa-marcantonio-raimondi-sant-andrea.htm

Browse more rare books from the year 1515


      Home     Wants Manager     Library Search     562 Years   Links     Contact      Search Help      Terms of Service     


Copyright © 2016 viaLibri™ Limited. All rights reserved.